GUIDA emethods: Metodi elettronici per il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA emethods: Metodi elettronici per il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini"

Transcript

1 GUIDA emethods: Metodi elettronici per il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini

2 Guida originale in lingua inglese: Thematic guide emethods for Public Engagement Autori: Ann Machintosh - ITC Napier University Stephen Coleman - OLL Oxford University Mansur Lalljee - Jesus College Oxford University Coordinamento tecnico: Francesca Romana Strinati Progetto Grafico: Francesco Botteri Testo tradotto ed adattato da Ancitel con la collaborazione della Dott.ssa Nicoletta Merli. Le Guide ADL di Ancitel sono soggette alle condizioni stabilite dalla licenza Creative Commons Attribuzione - non commerciale - non opere derivate 2.5 (http://www.creativecommons.org/licenses/by-ncnd/2.5/deed.it). Copyright Ancitel SpA 2006

3 INDICE Introduzione... 5 CAPITOLO PRIMO: Introduzione... 7 CAPITOLO SECONDO: I concetti chiave Il tipo di partecipazione Le fasi nel processo decisionale I soggetti interessati Il target di riferimento Le regole per il coinvolgimento L accessibilità e l utilizzo La durata Le problematiche concernenti la tecnologia Alcune considerazioni sulla valutazione CAPITOLO TERZO: Gli strumenti elettronici e le loro caratteristiche I tipi di strumenti elettronici Gli strumenti elettronici specifici CAPITOLO QUARTO: La guida ai metodi elettronici: interazioni fra strumenti elettronici e dimensioni chiave I webcasts I FAQ I blogs I sondaggi rapidi Le indagini La chat room La simulazione interattiva sottoforma di gioco dei processi decisionali Il forum di discussione Le guide di Ancitel 3

4 4.9 L e-panel La petizione elettronica Le indagini elettroniche deliberative La comunità virtuale I sistemi di avviso: avviso tramite e RSS feed CAPITOLO QUINTO: E-Methods: quadro di sintesi CAPITOLO SESTO: Lo strumento di auto-valutazione per il coinvolgimento elettronico Lo strumento elettronico Le domande Il quadro di auto-valutazione dell applicazione dei metodi elettronici... 44

5 INTRODUZIONE Le lungaggini e le complessità burocratiche dei processi amministrativi generano scontento e sfiducia nei cittadini utenti. Molto spesso, anziché semplificare complicano la vita e tutto ciò non aiuta a creare un clima di fiducia nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni e delle Istituzioni che le governano. L avvento delle nuove tecnologie digitali può aiutare a rimediare questa situazione migliorando sensibilmente la quantità, la qualità e la tempestività dei servizi erogati. Sapendo quanto ogni buon Amministratore abbia a cuore la soddisfazione dei propri concittadini, ritengo che questa esigenza possa rappresentare un decisivo fattore propulsivo per avviare la Pubblica Amministrazione verso un percorso di rapida modernizzazione, utilizzando le nuove tecnologie per cambiare e migliorare il rapporto tra il cittadino ed i diversi livelli di governo presenti sul territorio. Naturalmente, si tratta di avviare processi complessi che comportano un notevole mutamento delle procedure e dell organizzazione dei servizi, ma si tratta di una scelta necessaria soprattutto per le Pubbliche Amministrazione Locali, il primo e vero front-office tra cittadino e la Pubblica Amministrazione. Infatti la loro presenza diffusa sul territorio, vicino alle esigenze ed alle attese dei cittadini che nei loro territori vive e lavora, le rende più sensibili ai loro bisogni ed alla loro eventuale insoddisfazione. Per questo, sono le più interessate a migliorare la loro efficienza, adeguando la qualità dei servizi offerti ai cittadini ed alle imprese, alle peculiarità della comunità e del territorio, migliorando la competitività del loro sistema territoriale attraverso nuove opportunità di crescita e sviluppo. L applicazione delle nuove tecnologie, consente non solo di migliorare l offerta di servizi ma anche di favorire una maggiore partecipazione dei cittadini alla vita ed alle scelte della Pubblica Amministrazione, tramite internet potrebbero accedere direttamente ai suoi uffici, e verificare o seguire le pratiche che li riguardano, fare solleciti o proporre suggerimenti. Questa opportunità consente di utilizzare le nuove tecnologie come uno strumento di democrazia diretta, permettendo ai cittadini di interloquire con la Pubblica Amministrazione, non più come spettatori utenti ma come attori attenti e partecipi alle scelte che li riguardano. In questo modo, il cittadino avrà sicuramente maggiori possibilità di verificare ed influenzare l azione della Pubblica Amministrazione che a sua volta avrà l opportunità di un maggior coinvolgimento e responsabilizzazione del cittadino rispetto alle scelte da fare per dare soluzione ai problemi ed alle attese del suo Comune, grande o piccolo che sia. La guida, ha il pregio evitando eccessivi dettagli di natura tecnologica, di illustrare i percorsi, i modelli e le metodologie che gli Enti Locali possono applicare per promuovere la partecipazioni dei cittadini. La guida illustra infatti i principali strumenti già disponibili su Internet, alcuni Le guide di Ancitel 5

6 dei quali abbastanza sofisticati, per attuare una politica di eparticipation. Vengono analizzate le metodologie di coinvolgimento, in un ottica che integra in un unico sistema gli aspetti tecnologici, organizzativi ed economici, con quelli prettamente politici, suggerendo anche modelli di graduale implementazione che consentano di avviare i nuovi processi, senza stravolgere completamente l attuale assetto dell Amministrazione ne il suo rapporto con il cittadino. L e-methods presentati in questo documento hanno un valore scientifico. Sono stati realizzati da due noti accademici dell Unione Europea, specializzati nei temi della Società dell Informazione, mettendo a fattore comune le loro esperienze maturate in due Università del Regno Unito: Oxford e Napier University. La prof.ssa Ann Macintosh, dirige il Teledemocracy Centre dell Università di Napier, ed è anche la principale responsabile accademica della rete di eccellenza europea DEMO-net (the democracy network) supportata da ELANET, cui l Italia partecipa in modo importante. DEMO-net, nell ambito del Programma IST dell Unione Europea, ha varato un iniziativa di ricerca ed innovazione in epartecipation, che si propone di integrare, entro il 2007, tutte le esperienze ed i modelli in uso nei diversi paesi. I contenuti di questa guida sono un valido punto di partenza in questa direzione. Antonio Cossu Amministratore Delegato ncitel S.p.A. 6 Le guide di Ancitel

7 CAPITOLO PRIMO Introduzione Lo scopo della presente guida è quello di aiutare le autorità locali ad identificare i metodi elettronici più adatti per il coinvolgimento e la partecipazione dei cittadini nelle tematiche pubbliche. Le ragioni di questo documento sono ben note: C è una sensazione diffusa di allontanamento da parte dei cittadini nei processi politici formali, come votare, unirsi ai partiti e seguire le vicende politiche e questo allontanamento riflette anche una crisi nella fiducia nelle azioni dei governi e nella loro efficacia (ad esempio vi è la sensazione, da parte dei cittadini, nella propria incapacità di influenzare gli affari pubblici). C è una mentalità molto diffusa che Internet e le altre tecnologie digitali possano essere utilizzate per ampliare e approfondire il processo democratico, rendendolo maggiormente trasparente, completo e accessibile. La presente guida si propone di identificare e definire i metodi elettronici appropriati per il coinvolgimento dei cittadini nella partecipazione pubblica, opposta al concetto di mero utilizzo di strumenti tecnologici per il coinvolgimento pubblico da parte dei cittadini. La guida presenta dei metodi piuttosto che degli strumenti, in quanto lo scopo è quello di sfatare il mito che i supporti tecnologici hardware e software da soli possano risolvere i problemi connessi alla democrazia. Le tecnologie sono prodotti culturali e funzionano o falliscono solo all interno di contesti politici, economici e organizzativi. Gli strumenti elettronici suggeriscono che ci sono delle applicazioni tecniche che possono riformulare o superare contesti politici, economici ed organizzativi. I metodi elettronici riconoscono che il coinvolgimento elettronico comporta una serie di pratiche, tecniche e tecnologie che non forniscono soluzioni intrinseche, ma queste devono essere integrate in un contesto più ampio di relazioni tra governo e cittadini. Nella valutazione dei processi di coinvolgimento elettronico, lo scopo non dovrebbe essere quello di creare uno mero strumento elettronico, ma le metodologie di coinvolgimento devono svilupparsi integrando vari elementi quali politico, economico, organizzativo e tecnologico. La distinzione tra coinvolgimento dei cittadini e coinvolgimento con i cittadini è ugualmente importante. Lo spirito della democrazia si fonda dal basso. La democrazia non deve essere intesa come un regalo che i governi fanno ai cittadini. I progetti di coinvolgimento elettronico non funzioneranno mai se intesi come meri strumenti di arricchimento dell agenda pubblica. Il coinvolgimento attraverso metodi elettronici non deve essere valutato in termini di capacità da parte delle amministrazioni di catturare l attenzione dei cittadini; se mai è l opposto: bisogna chiedersi come i metodi elettronici di partecipazione e di coinvolgimento siano in grado di consentire ai cittadini di catturare l attenzione dei rappresentanti eletti e degli amministratori pubblici. L obiettivo principale del coinvolgimento elettronico Le guide di Ancitel 7

8 è collaborativo, basato sul concetto di collaborazione con i cittadini piuttosto che di utilizzo del cittadino per fini politici o semplicemente per scambi di comunicazione. L OECD (2001) ha proposto un modello basato su tre stadi riguardante la capacità dei governi di rafforzare le loro relazioni con i cittadini: L informazione: si tratta di una relazione a senso unico, in cui il governo produce e divulga informazioni per essere utilizzate dai cittadini. Tale relazione riguarda sia l accesso passivo all informazione su domanda dei cittadini sia un metodo attivo di misurazione, da parte dei governi, della loro capacità di divulgare informazioni ai cittadini. Alcuni esempi possono essere l accesso agli atti ufficiali pubblici, le gazzette ufficiali e i siti web governativi. La consultazione: si tratta di una relazione su due binari dove i cittadini hanno un ruolo attivo nel fornire un feedback ai governi. Tale relazione è basata sullo strumento del sondaggio di opinione dei cittadini per ottenere informazioni utili. Alcuni esempi possono essere i sondaggi pubblici e i commenti su bozze di legge. La partecipazione attiva: si tratta di una relazione attiva tra cittadini e governi, dove i cittadini sono attivamente coinvolti nei processi decisionali. Ciò significa riconoscere ai cittadini un ruolo attivo nella proposta di politiche e nel coinvolgimento nei dibattiti sebbene la decisione finale e la definizione di linee politiche resta di competenza dei governi. Un esempio può essere la partecipazione ed il coinvolgimento di gruppi locali nei processi decisionali o nelle istanze pubbliche. Per metodi elettronici si intende l uso dell ICT a supporto di tre aspetti, in particolare la fornitura di informazioni on-line (e-enabling), la consultazione elettronica e la partecipazione elettronica (si veda Fig. 1). La fornitura di informazioni efficaci è vista come un pre-requisito sia per la consultazione che per la partecipazione elettroniche 1. 1) OECD (2001) Engaging Citizens in Policy Making: Information, Consultation and Public Participation, Paris OECD 8 Le guide di Ancitel

9 Fig. 1 - I diversi modi per il coinvolgimento e la partecipazione elettronica 1. e-enabling Reaching & informing a wider community 2. e-consulting 3. e-participation More considered contribution Opportunity for partnership Un secondo rapporto 2 dell OECD sottolinea che gli obiettivi strategici del coinvolgimento e della partecipazione elettronica riguardano: il coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto così da ottenere maggiori contributi; la partecipazione ed il coinvolgimento attraverso l utilizzo di varie tecnologie in grado di cogliere le diverse modalità e tecniche comunicative dei cittadini; l ottenimento di informazioni rilevanti in una configurazione accessibile e comprensibile per il pubblico, così da ottenere contributi basati su una maggiore informazione; il coinvolgimento di un pubblico sempre più vasto, in grado di fornire contributi più approfonditi e sostenere dibattiti aperti. I suddetti obiettivi di coinvolgimento e partecipazione elettronici vengono raggiunti grazie al supporto di differenti strumenti tecnici unitamente allo sviluppo di metodologie logiche, che devono essere presenti in ogni guida di metodi elettronici (e- Methods). L obiettivo di questo rapporto è quello di suggerire una serie di metodi appropriati per specifici contesti. Poiché tale rapporto è indirizzato principalmente a dirigenti ed amministratori pubblici i metodi vengono discussi e presentati dal loro punto di vista; ciò non significa che sia l unica prospettiva, ma risulta ugualmente importante tenere conto e valutare i metodi anche dal punto di vista del valore apportato ai cittadini sia come singoli individui sia come specifici gruppi socio-demografici all interno della popolazione. L approccio al metodo elettronico (e-method), presentato in questo rapporto, per 2) OECD (2004) Promises and Problems of E-emocracy; challenger of online citizens angagement, Paris: OECD Le guide di Ancitel 9

10 il coinvolgimento e la partecipazione da parte dei cittadini, è stato sviluppato dagli autori attraverso un lavoro di ricerca e di consultazione dei progetti attuati in questo campo. Il rapporto nasce dalla necessità di definire un modello applicativo a partire dall analisi dei casi esistenti 3, tenendo conto dei vari metodi per la partecipazione ed il coinvolgimento elettronico e dei vari strumenti di supporto 4. La seconda sezione del rapporto presenta gli elementi chiave per redigere un modello di e-method, la terza mostra i differenti strumenti elettronici, la quarta unisce invece i due aspetti suggerendo metodi appropriati per specifici contesti, fornendo una guida e-methods, la quinta mostra una panoramica delle differenti metodologie dove è possibile vedere anche l utilizzo dei diversi strumenti elettronici di supporto; infine la sesta si propone di presentare uno strumento per l auto-valutazione della partecipazione elettronica, che può essere utilizzato dalle amministrazioni locali per descrivere quali metodi di coinvolgimento e partecipazione elettronica vengono utilizzati e per evidenziare eventuali mancanze all interno dell agenda. 3) Macintosh, A. Characterizing E-Participation in policy-making. Proceedings of the Thirty-Seventh Annual Hawaii Conference on System Sciences (HICSS-37). Big Island, Hawaii ) Coleman, S. and Gotze, J. Bowling together: Online Public Engagement in Policy Deliberation. London: Hansard Society, 2001, available at Whyte, A., Smith, E., Alberts, I., Macintosh, A. Continuing the Dialogue on Radioactive Waste Management: Engaging Young Scotland Innovatively. Scottish Executive Central Research Unit, Le guide di Ancitel

11 CAPITOLO SECONDO I concetti chiave Gli strumenti elettronici non sono elementi isolati, ma devono essere scelti ed utilizzati in relazione agli specifici obiettivi che si vogliono raggiungere, all interno di un iniziativa, volta alla partecipazione e al coinvolgimento dei cittadini. Gli strumenti sono funzionali all iniziativa che deve tener conto degli attori coinvolti, degli obiettivi politici che si vogliono raggiungere e delle risorse disponibili. I concetti chiave presentati in questa sezione hanno lo scopo di fornire un valido supporto alle autorità locali nella scelta di appropriati approcci alla partecipazione e al coinvolgimento. In generale essi si basano su nove dimensioni che posizionano ed inseriscono il coinvolgimento elettronico (e-engagement) in specifici contesti. 2.1 Il tipo di partecipazione Questa dimensione chiave prende in considerazione a quale livello o a quale obiettivo strategico deve essere utilizzato il metodo di partecipazione elettronica per il coinvolgimento dei cittadini. La suddetta dimensione prende in considerazione gli aspetti di fornitura di informazioni on-line (e-enabling), di consultazione elettronica e di partecipazione elettronica e considera quanto le risposte date dai partecipanti possano avere un influenza sull intero processo decisionale. 2.2 Le fasi nel processo decisionale Il metodo per la partecipazione elettronica utilizzato varia a seconda se si tratta della fornitura di un servizio o di una policy. Inoltre il metodo utilizzato varia a seconda di dove si colloca il coinvolgimento elettronico nel ciclo di vita del servizio o della strategia politica. Per quanto riguarda la definizione di linee politiche, i cittadini potrebbero dare un maggiore supporto, attraverso un coinvolgimento ed una partecipazione, all inizio del processo. I metodi di coinvolgimento elettronico che mirano alla definizione di una bozza strategica si basano su questionari di alto livello dove si richiede, da parte dei cittadini, la capacità di capire documenti tecnici e legali. Per questo motivo, le risorse impiegate per rendere sempre più chiara l informazione ed accessibile al target, sono elevate. Si può considerare il processo decisionale composto da cinque livelli (si veda figura 2). Tali livelli sono: 1 La definizione della lista delle attività da svolgere: stabilire le necessità per la creazione di linee politiche o per cambiamenti strategici e definire il tipo di problemi da risolvere. Le guide di Ancitel 11

12 2 L analisi: definire in maniera chiara le sfide e le opportunità, in base alla definizione delle priorità, così da produrre una bozza relativa alle linee strategiche. Questo può includere: l acquisizione della conoscenza attraverso molteplici canali che riguardano i cittadini e i gruppi sociali, capire il contesto, e sviluppare una gamma di opinioni. 3 La creazione di una linea politica (policy): garantire un buon documento di lavoro. Questo comporta una serie di processi: consultazione formale, analisi dei rischi, studi pilota e la definizione di un piano di sviluppo. 4 L implementazione della linea politica: questo passaggio comprende lo sviluppo di legislazioni, regole, guide e la consegna di un piano strategico. 5 Il monitoraggio della linea politica: questo passaggio finale comprende la valutazione e la revisione della linea politica applicata, le indicazioni significative emerse della ricerca e il punto di vista degli utilizzatori. A questo punto c è la possibilità di ritornare al primo livello. Fig. 2 - I livelli per la creazione di una linea politica Establishing a need for the policy Defining challenges and opportunities Ensuring a good workable policy document Agenda setting Analysis Policy creation Ensuring continuous feedback over time Monitoring Implementation Anche per l identificazione e fornitura di servizi è possibile considerare una metodologia basata su quattro livelli: 1 Il bisogno del servizio: definire, attraverso la raccolta di informazioni, di quale nuovo servizio si necessita e chi lo necessita. Tale procedura porta allo sviluppo di un business case relativo al servizio e aiuta a definire e determinare meglio le priorità. 2 La descrizione del servizio: comprendere in maniera precisa i bisogni relativi al servizio da parte degli utenti e assicurasi che il servizio sia loro funzionale. Tale procedura risulterà utile sia per definire meglio le specificità del servizio sia per facilitare ulteriori apporti necessari. 3 L implementazione del servizio: sviluppare e garantire il servizio attraverso vari canali. 4 Il monitoraggio del servizio: raccogliere i feedback ed eventuali suggerimenti relativi al servizio specifico. A questo punto è possibile ritornare al primo livello. 12 Le guide di Ancitel

13 2.3 I soggetti interessati Il presente paragrafo si rivolge al personale che si occupa di strutturare e condurre metodi di coinvolgimento e partecipazione elettronica, con particolare attenzione ai decisori politici e agli esperti interessati (ministri, governatori, analisti, sviluppatori di servizi etc..). Il suddetto gruppo è destinato a crescere e ad ampliarsi data la natura sociotecnica del processo di partecipazione elettronica. Risulta importante tenere conto di questo aspetto poiché le competenze possono trovarsi anche all esterno di enti governativi. Diventa fondamentale capire se l applicazione tecnologica riguarda puramente uno sviluppo interno o se invece si basa su uno sviluppo collaborativo, con agenzie esterne e se commercialmente accessibile ai sistemi esistenti.. I soggetti a disposizione ed i costi di implementazione di un processo di partecipazione elettronica (promozione, analisi, feedback e valutazione) sono fattori importanti per definire un metodo preciso di coinvolgimento elettronico (e-engagement). All inizio i costi relativi all implementazione di nuovi metodi elettronici saranno piuttosto elevati in quanto richiedono l impiego di molteplici risorse e il valore aggiunto sarà dato dal livello e dalla qualità dal risultato ottenuto dal processo di coinvolgimento e partecipazione. Il ritorno dell investimento sarà efficace solo se i nuovi metodi di partecipazione elettronica vengono inseriti all interno del processo di partecipazione e coinvolgimento attuato dall organizzazione. 2.4 Il target di riferimento Il target può essere un gruppo appartenente ad un area geografica ben precisa oppure un gruppo accomunato da un unico interesse per una specifica tematica. Diventa fondamentale tener conto delle caratteristiche demografiche e delle capacità tecniche e comunicative del target di riferimento. Ciò significa considerare le caratteristiche e la capacità di accesso alle tecnologie del target di riferimento. Inoltre la tipologia e la dimensione del pubblico coinvolto sono fattori importanti per la definizione di un metodo di partecipazione e coinvolgimento elettronico appropriato. 2.5 Le regole per il coinvolgimento e la partecipazione Affinché il processo di coinvolgimento e partecipazione elettronica sia chiaro e trasparente è necessario seguire alcune regole guida. In particolare è fondamentale considerare aspetti quali: la protezione dei dati, la registrazione, i sistemi di moderazione e, in caso di minori, la sicurezza per questi ultimi. La protezione dei dati consiste nel fatto che i dati personali devono venire utilizzati solo per i fini specificati. Le guide di Ancitel 13

14 Ogni processo di partecipazione elettronica dovrebbe seguire una normativa relativa alla privacy così da assicurarsi che i partecipanti sappiano in che modo utilizzare le varie informazioni personali e come avere accesso ad esse. Risulta essere una procedura normale consultare un elenco per nome dell utente o per nome dell organizzazione; tuttavia bisognerebbe giustificare qualsiasi procedura di registrazione oltre a quella relativa ai dati demografici necessari per associare le risposte date al target di riferimento. Le regole di protezione dei dati sono meno rigide quando i dati non prevedono un identificazione diretta degli utenti: esempi di questa tipologia di dati sono disponibili al sito dell OECD: Per quanto concerne invece i dibattiti sui fori è importante definire chiaramente quali argomenti possono o non possono essere discussi. Le Condizioni d uso richiedono una normativa legale e le informazioni che si ottengono dai dibattiti devono essere chiare e visibili da tutti. Inoltre si necessita anche di un moderatore del forum; i dibattiti on-line possono essere monitorati all inizio della discussione oppure alla fine. Pre-monitoraggio: tutte le risposte date dai partecipanti vengono esaminate prima di apparire on-line così da garantirne la sicurezza. Il rischio può essere quello che i partecipanti si sentano scoraggiati nel dare i propri contributi in quanto questi ultimi non sono visibili immediatamente. Il vantaggio risulta essere invece un maggior controllo sul dibattito on-line. Post-monitoraggio: le risposte date dai partecipanti vengono esaminate in un lasso di tempo preciso (24 ore). Il rischio è che i partecipanti utilizzino un linguaggio scorretto e che il loro messaggio venga letto dagli altri utenti prima di essere rimosso. Il vantaggio è invece quello che i partecipanti al forum possono vedere immediatamente il loro contributo on-line. Per ulteriori informazioni concernenti la tematica del monitoraggio si rimanda al testo di Gilly Salmon: E-Moderating: the key to teaching and learning on-line. Per quanto concerne invece la sicurezza dei minori alla partecipazione ai forum si consiglia di visitare i seguenti siti: L accessibilità e l utilizzo Prima di iniziare una procedura di coinvolgimento e partecipazione on-line bisognerebbe considerare i vincoli tecnici. L iniziativa di accesso al web: Content Accessibility Guidelines (www.w3.org/wai) fornisce una lista di punti chiave e di avvertenze che i responsabili per il contenuto delle pagine web dovrebbero tener conto. Nella definizione di un processo di coinvolgimento elettronico bisogna tenere anche conto delle competenze tecniche e della localizzazione del target di riferimento. 14 Le guide di Ancitel

15 2.7 La durata La maggior parte delle linee guida sottolinea l importanza di considerare il periodo, in termini di tempo, del processo di coinvolgimento on-line. Diventa fondamentale osservare in che momento il target si connette e per quanto tempo. Se il coinvolgimento e la partecipazione on-line riguardano un argomento complesso potrebbe risultare necessario permettere ai partecipanti di collegarsi in un secondo momento e proseguire dal punto in cui hanno lasciato. Tale servizio dipenderà molto dal livello di registrazione in corso. 2.8 Le problematiche concernenti la tecnologia La disponibilità di tecnologia sia software che hardware è un tema fondamentale. La maggioranza dei programmi di e-methods dovrebbe poter funzionare sia su PC che su Apple Macs. Le interfacce per gli utenti dovrebbero essere garantite dai web browser standard: MS Internet explorer o Nescape; si rende necessario inoltre stabilire il limite di lettura delle versioni precedenti, per esempio è possibile che un organizzazione decida che il sistema possa leggere solo la versione 5 e successive. Inoltre risulta necessario definire le risoluzioni minime dello schermo; per esempio può essere utilizzata la risoluzione 800x600. Le tecnologie quali Macromedia Shockwave Flash, Adobe PDF o altre tecnologie potrebbero essere richieste. Infine, dovrebbe essere presa in considerazione anche la banda larga attraverso la quale l audience ha accesso. Nelle aree in cui la banda larga non è accessibile bisogna tener conto della durata di collegamento on-line da parte degli utenti. 2.9 Alcune considerazioni sulla valutazione L influenza e l efficacia dei metodi on-line dovrebbe essere comparata con i metodi esistenti di successo di coinvolgimento e partecipazione non elettronici. Nel caso specifico di metodi elettronici bisogna tener conto di alcuni aspetti aggiuntivi: Una valutazione tecnica: in che modo l ICT ha un impatto sui risultati prodotti dai metodi di coinvolgimento e partecipazione on-line. Una valutazione sociale: è bene chiedersi fino a che punto le caratteristiche sociali e qualitative del pubblico coinvolto nel processo di partecipazione elettronica possano influire sui risultati. Questa sezione della guida non analizza in profondità i vari metodi di valutazione, ma piuttosto suggerisce alcune tecniche per la valutazione delle applicazioni tecnologiche nei processi di coinvolgimento elettronico. Le guide di Ancitel 15

16

17 CAPITOLO TERZO Gli strumenti elettronici e le loro caratteristiche 3.1 I tipi di strumenti elettronici Qui di seguito vengono presentati i 13 tipi di strumenti elettronici che sono stati usati nei processi di e-democracy. Il diverso grado e la loro messa in funzione permette agli utenti di accedere a reali informazioni fornite dal detentore, formulare opinioni che derivano dallo scambio di pareri, presentare le proprie opinioni sia privatamente che pubblicamente ad uno specifico interlocutore, promuovere un proprio argomento e diventarne il portavoce. Gli strumenti elettronici si posizionano su uno spettro che va dal consenso elettronico, attraverso la condivisione delle informazioni, alla partecipazione elettronica. La Guida presenta un taglio informativo, senza essere troppo teorico, concernente i maggiori metodi di e-democracy attualmente in uso. Il rapporto prende in esame gli strumenti elettronici ed i metodi che supportano direttamente la partecipazione dei cittadini nei processi di policy piuttosto che strumenti e metodi a supporto delle discussioni di gruppo. Puntare su quest ultima strategia avrebbe occupato troppo tempo a discapito del raggiungimento dell obiettivo principale del presente lavoro. Ad esempio si è scelto di non includere e analizzare lo strumento relativo alla creazione di mailing list anche se esse vengono utilizzate, da tempo, come mezzo di scambio di idee ed informazioni tra gruppi di utenti. Anche gli strumenti ed i metodi di management, da tempo utilizzati, per la gestione dei clienti non sono stati oggetto di esame della presente Guida. Non sono stati presi in considerazione ad esempio alcuni meccanismi di feedback in uso presso le Amministrazioni locali, come ad esempio feedback on-line di approvazione o dissenso inviati direttamente al Gestore del Servizio. Non sono stati menzionati anche i diversi canali digitali per la fornitura di strumenti elettronici, ma l attenzione si è focalizzata sull uso degli strumenti basati sul web. Non sono stati inclusi i messaggi SMS quali strumenti di brevi commenti su varie tematiche e problematiche. 3.2 Gli strumenti elettronici specifici Qui di seguito verrà fornita una descrizione dei singoli strumenti elettronici di e-democracy 1. I webcast: presentazioni tenute in diretta via Internet. Essi sono simili alle trasmissioni televisive, ma non necessitano di un canale televisivo apposito; permettono di vedere ed ascoltare in tempo reale eventi come Le guide di Ancitel 17

18 dibattiti e generalmente non sono interattivi. Vi è tuttavia la possibilità, per alcuni spettatori, di interagire tramite con domande specifiche o di commentare gli atti di un congresso. I webcast possono essere archiviati per venire così visionati in un secondo tempo. Tali webcast possono venir archiviati seguendo un sistema ad indice che permetta agli utilizzatori di navigare con più facilità. 2. Le domande più frequenti (FAQ Frequently Asked and Question): esso consiste in una serie di domande e risposte che possono essere ricercate con l aiuto di parole chiave o inserendo un affermazione o una domanda nella lingua d uso e ciò permette di trovare le risposte maggiormente attinenti alla domande poste dall utente. Queste domande frequenti (FAQ) sono un modo di presentare reali informazioni seguendo la metodologia che raggruppa le domande e le risposte. Un ulteriore sistema di navigazione può essere rappresentato dalla creazione di sotto-gruppi logici quando ci si trova davanti a lunghe liste di domande e risposte. Essi si sviluppano generalmente tramite diversi gruppi di report relativi a domande precedentemente poste su un argomento specifico. Il sistema di domanda e risposta non è però sufficiente per comunicare la rilevanza di un problema complesso. 3. I blogs: pagine web frequentemente modificate simili ad un diario. Il software necessario per usare un blog è reperibile gratuitamente su Internet. Tali sistemi di weblog possono essere scaricati, memorizzati o salvati su supporti esterni. Alcuni siti di weblog gratuiti contengono messaggi pubblicitari. Il software è abbastanza facile da usare e per operare non richiede conoscenze specialistiche di linguaggi web. I blog scritti da consulenti, funzionari statali, comunità e che presentano le esperienze di questi ultimi possono essere di aiuto ad altri, in un ottica di ampliamento delle prospettive. Essi in oltre possono fornire esempi personali di come specifiche linee politiche o mancanza di queste ultime possano influenzare la vita dei cittadini. Vi è la possibilità di aggiungere dei commenti su un blog, ma la pagina rimane comunque focalizzata sul punto di vista dell autore. Gli autori (bloggers) sono tenuti ad aggiornare i loro blog regolarmente e a volte giornalmente. Ciò implica un grande impegno da parte loro affinché i lettori ritornino sul weblog.ore di punta; 4 I sondaggi rapidi: indagini istantanee via web. Essi permettono di selezionare un parere, fra una lista di alternative, in risposta ad una semplice domanda. Ad esempio si può chiedere ai partecipanti se concordano o meno con un asserzione, valutare il loro livello di soddisfazione in rapporto ad un servizio o selezionare una priorità. Una volta che una risposta è stata data, i risultati dell indagine vengono di solito mostrati in base ad un sistema statistico. 18 Le guide di Ancitel

19 Guida alle politiche ed alla pratica dell etransport Le informazioni personali o demografiche dei partecipanti non vengono richieste e dunque un partecipante può rispondere più volte. A causa di questo fattore i sondaggi rapidi devono essere considerati strumenti elettronici di scarso peso, volti più a procurare divertimento che a contribuire ad un dibattito politico di una certa rilevanza. Il software per l attuazione dei sondaggi rapidi è gratuito ed è ottenibile tramite Internet, anche se può contenere messaggi pubblicitari. I risultati dei sondaggi possono essere archiviati ed utilizzati dagli utenti in un secondo tempo. 5. Le indagini: questionari sul web auto-gestiti. Il sito web presenta un elenco di domande a cui gli utenti rispondono e replicano on-line. Esse vengono utilizzate per ricercare pareri, comportamenti ed esperienze dei partecipanti sia tramite un approccio guidato che tramite un invito aperto a rispondere. Di solito vengono implementati con una serie di domande a risposta chiusa, generalmente con categorie di risposte ordinate ed alcune domande aperte. La metodologia dell indagine sul web presenta un approccio strutturato basato su una serie di risposte organizzate su opzioni predefinite non divulgabili ad altri partecipanti eccetto per rilevazioni statistiche. Le indagini, attraverso siti web, vengono utilizzate per l elaborazione di tabulati in base alle domande, istruzioni istantanee per ciascuna domanda, casellari per risposte alternative che offrono un ampia lista di risposte e persino modelli alternativi da cui scegliere. Alcuni software di indagine on-line possono offrire elementi supplementari ai partecipanti come ad esempio una progress bar che indica il grado di avanzamento, da parte dei partecipanti, nelle risposte date all indagine ed un servizio di salvataggio dei dati così da poter riprendere e completare l indagine in momenti successivi. Nonostante i costi iniziali elevati, questa metodologia elettronica ha il vantaggio di poter essere adattata ed estesa ad un vasto numero di persone che richiedono risposte a molteplici quesiti. I vantaggi del suddetto metodo sono quelli di poter raccogliere dati quantificabili, facili da analizzare e comprendere, inoltre richiedono pochissimo dispendio di tempo ed abilità da parte degli utilizzatori. Le risposte possono venire automaticamente trasferite su un database così da poter condurre ulteriori analisi e report. Trattandosi però per la maggior parte di domande e risposte chiuse, esse non permettono ai partecipanti di potersi esprimere pienamente o di allargare i loro punti di vista. Dall altro canto le risposte aperte sono difficili da codificare in maniera sistematica. Per ulteriori informazioni relative alla metodologia basata sulle indagini si consiglia di consultare il testo di Don Dillman Mail and Internet Surveys-The Tailored Design Method. Le guide di Ancitel 19

20 6. Le Chat Room: spazio virtuale, in cui in tempo reale, è possibile conversare. Da un punto di vista tecnico si tratta di una semplice comunicazione tra due o più PC ed una volta che il contatto è iniziato qualsiasi utente può inserire delle informazioni e il nuovo testo appare sullo schermo dell altro. La chat room piace perché permette agli utenti di interagire liberamente. Essa può essere considerata come una discussione on-line dove i partecipanti inviano messaggi ad altri in uno spazio condiviso generalmente per un ora o più. Ogni partecipante può vedere le risposte di tutti gli altri e queste spesso si sovrappongono. Questo elemento differenzia le chat room dai forum di discussione dove la discussione viene organizzata tramite un approccio più strutturato basato su filoni. Bisogna tener conto di questa importante differenza se vi è la necessità di ricavare dalla discussione analisi maggiormente dettagliate. Inoltre, sebbene le chat room siano basate tipicamente sul testo scritto è possibile introdurre altri supporti quali video ed audio. In un contesto complesso le chat room offrono l opportunità di raggruppare le domande e le risposte tra esperti o personale amministrativo e partecipanti ed anche l opportunità di interagire alla pari nei gruppi. In tal modo le chat room offrono ai partecipanti la possibilità di considerare altre prospettive. In particolare per i giovani vi è l opportunità di parlare con coloro che detengono poteri decisionali in tempi pre-accordati. Tutto ciò può essere visto come un modo per accrescere la trasparenza nei processi decisionali in quanto le domande e le opinioni possono essere scambiate direttamente. La chat è limitata nel tempo. Uno degli inconvenienti da superare è che la chat room è per certi versi difficile da organizzare; la tempestività deve essere una regola per tutti e tutti devono essere consapevoli dell opportunità che viene loro concessa. Le chat room hanno talvolta un moderatore necessario per facilitare l interazione all interno del gruppo e per controllare eventuali comportamenti dispersivi. Inoltre un moderatore si rende sempre necessario quando all interno delle chat vi partecipano i minori sotto i 16 anni. 7. La simulazione interattiva sottoforma di gioco dei processi decisionali Essa permette agli utenti di interagire tramite animazioni che descrivono, illustrano o simulano gli aspetti rilevanti di un problema. Di solito gli aspetti competitivi vengono strutturati come nei quiz. Il contenuto, il livello di difficoltà ed i tipi di interfaccia dipendono dal tipo di pubblico. Diventa necessario considerare l aspetto complessivo dell immagine data all interazione che deve essere visivamente attraente e coinvolgente e nello stesso tempo realistica ed informativa, particolarmente importante nei processi di coinvolgimento elettronici. Le informazioni possono essere fornite tramite una simulazione basata sul tipo domanda e risposta simile al modello di FAQ. All utente viene fornita una rappresentazione grafica di un posto o di una situazione e varie scelte che, quando selezionate, cambiano in qualche modo la rappresentazione così da simulare l effetto di una un processo decisionale reale. Le simulazioni decisionali interattive sono progettate più per i singoli che per i 20 Le guide di Ancitel

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente 1. INFORMAZIONI GENERALI Che soggetto/progetto culturale sono? Archivio Biblioteca Museo Istituzione che gestisce il patrimonio diffuso sul territorio Istituzione per la gestione e la tutela Centro per

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015

Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Città di Termini Imerese Provincia di Palermo Piano Strategico Territoriale Termini Imerese 2015 Documento Definitivo Piano di Comunicazione e struttura di monitoraggio - art. 9, lett. f) e g) - Termini

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

Caratteristiche del prodotto

Caratteristiche del prodotto Caratteristiche del prodotto Assima Change Management Suite Assima Change Management Suite (ACMS) è la soluzione per guidare l adozione di nuovi processi e sistemi all interno delle aziende. ACMS presenta

Dettagli

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi.

BOZZA 2.1. 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI. Introduzione. Obiettivi. BOZZA 2.1 7 Febbraio 2008 LA CARTA DI LONDRA PER LA VISUALIZZAZIONE DIGITALE DEI BENI CULTURALI Introduzione Obiettivi Principi Principio 1: Implementazione Principio 2: Scopi e metodi Principio 3: Fonti

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.)

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 INSEGNANTE: Teresa Bruno CLASSE: 2 a sez. A Operatore Elettrico SETTORE: Industria e Artigianato

Dettagli

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica.

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Gratuita, ricca di contenuti e in italiano, la WebTv risponde alla domanda di contenuti multimediali dei navigatori

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare Basic Standard Suite WEB organizzare collaborazione Memorizzare Comunicare CONDIVISIONE QuALSIASI Contatto fidelizzare Dovunque Gestione ricerca Attività File è la soluzione software di nuova concezione

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI D USO

TERMINI E CONDIZIONI D USO TERMINI E CONDIZIONI D USO Il Sito Web NUOVACIAM comprende numerose pagine Web gestite da NUOVACIAM - Caltanissetta. Il Sito Web NUOVACIAM viene offerto all utente a condizione che l utente accetti senza

Dettagli

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Paolo Ferrario Nelle organizzazioni di servizio si tengono con frequenza incontri di lavoro, seminari di formazione, riunioni

Dettagli

Informativa sulla privacy

Informativa sulla privacy Informativa sulla privacy Kelly Services, Inc. e le sue affiliate ("Kelly Services" o "Kelly") rispettano la vostra privacy e riconoscono i vostri diritti relativi ai dati personali che acquisisce da voi,

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Termini e condizioni d utilizzo

Termini e condizioni d utilizzo Termini e condizioni d utilizzo Condizioni di utilizzo dei servizi del sito www.bioops.it 1. Regole Generali e definizioni Utilizzando i servizi informativi connessi al sito www.bioops.it (qui di seguito

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE

CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE CONF/PLE(2009)CODE1 CODICE DI BUONE PRASSI PER LA PARTECIPAZIONE CIVILE NEL PROCESSO DECISIONALE Adottato dalla Conferenza delle OING nel corso della riunione del 1 Ottobre 2009 Indice I. Introduzione

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende MICROSOFT BUSINESS DESKTOP MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale

Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Guida al corso Addetti delle amministrazioni locali del settore ambientale Pagina 1 di 8 Indice 1. Gli obiettivi del corso...3 2. I contenuti del corso...3 3. Il percorso didattico...4 3.1 Studio individuale...4

Dettagli

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE MISSION Sapere per decidere, conoscere per orientare le scelte, informarsi per agire in modo corretto. In ogni settore, oggi è più che mai è necessario

Dettagli

MODULI FUNZIONALI E CARATTERISTICHE TECNICHE

MODULI FUNZIONALI E CARATTERISTICHE TECNICHE Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni CMS PUBBLIWEB Versione doc: 3.09 Data Versione: 20 giugno 2013 Descr. modifiche: Motivazioni : Revisione: Aggiunta caratteristiche

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

KPMG e-learning Solution La nostra offerta

KPMG e-learning Solution La nostra offerta KPMG e-learning Solution La nostra offerta BUSINESS PERFORMANCE SERVICES Aprile 2011 ADVISORY Agenda 1. Introduzione Il ruolo della tecnologia nella formazione Le opportunità offerte dall e-learning 2.

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni

Modello di lezione con la LIM Wireless e Salute. Due classi quarte (4ISB e 4ISD) studenti di 17-18 anni SCHEDA PROGETTO LIM Dati dell istituzione scolastica Codice VETF04000T Denominazione I.T.I.S. CARLO ZUCCANTE Indirizzo TF45 - PROGETTO ABACUS -INFORMATICA Titolo di progetto Classi coinvolte Docenti conduttori

Dettagli

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy

SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy SPORTLANDIA TRADATE Cookie Policy Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all atto della loro iscrizione sono limitati all indirizzo e-mail e sono obbligatori

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione

PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione PUA (Politica d Uso Accettabile e Sicura della rete) Introduzione e processo di revisione ( Questa versione (bozza iniziale) della PUA è stata creata da una Commissione, incaricata dal Dirigente Scolastico,

Dettagli

SHADOW E-CABINET. non solo ombra nuove idee e proposte. il popolo web di Parma elegge i propri rappresentanti

SHADOW E-CABINET. non solo ombra nuove idee e proposte. il popolo web di Parma elegge i propri rappresentanti SHADOW E-CABINET non solo ombra nuove idee e proposte. il popolo web di Parma elegge i propri rappresentanti Progetto di E-DEMOCRACY a cura di ing. Andrea Marsiletti il presente documento costituisce una

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

Lezione del 27 febbraio 2006

Lezione del 27 febbraio 2006 Lezione del 27 febbraio 2006 Docente: Volpato Roberta Responsabile di segreteria: Carla Croveri Temi trattati: Evoluzioni della fad Tipologie di materiali presenti in rete per la creazione di contenuti

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

CAPO I: OGGETTO ED AMMONTARE DELL'APPALTO, DESCRIZIONE, STRUTTURA E REQUISITI DEL PRODOTTO Art. 1 Oggetto dell appalto Oggetto del presente appalto è la realizzazione della Intranet dell Amministrazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Focus sui cittadini: una partecipazione ampia per politiche e servizi migliori

Focus sui cittadini: una partecipazione ampia per politiche e servizi migliori Focus on Citizens: Public Engagement for Better Policy and Services Summary in Italian Focus sui cittadini: una partecipazione ampia per politiche e servizi migliori Sintesi in italiano L importanza di

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

Crea la tua lista a prova di antispam

Crea la tua lista a prova di antispam EMAIL MARKETING GURU 12 Crea la tua lista a prova di antispam 5 idee per raccogliere email nel rispetto delle leggi Cosa c è nell ebook? La costruzione delle liste è alla base di ogni attività di email

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI

PARTE 1 PRINCIPI FONDAMENTALI Ai sensi delle recenti normative in materia di navigazione web e privacy, a decorrere dal 1 gennaio 2014, Pazzo per il Mare.it si è dotato di un regolamento che prevede i Termini e le Condizioni per l

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE 2014

CORSI DI FORMAZIONE 2014 CORSI DI FORMAZIONE 2014 Gentile utente, Con grande piacere presento il nuovo catalogo per la formazione d impresa, periodo 2014, strumento indispensabile per pianificare gli interventi formativi delle

Dettagli

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente

Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Comunità virtuale IRDAT fvg Guida utente Community_IRDATfvg_ManualeUtente_Vers._1.1 1 INDICE 2. La Comunità virtuale IRDAT fvg...3 3. I servizi della Comunità...3 4. La struttura della Comunità...4 5.

Dettagli

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti

Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti allegato alla deliberazione n.04/070 del Consiglio Direttivo n.04/2008 del 28 maggio 2008 Oggetto: Comparazione costi - benefici tra modalità alternative di diffusione delle acquisizioni dei progetti Il

Dettagli

Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com

Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com In questa pagina si descrivono le modalità di gestione dell informativa privacy del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli

Dettagli

GUIDA LINKEDIN. Introduzione all uso di LinkedIn per i business

GUIDA LINKEDIN. Introduzione all uso di LinkedIn per i business GUIDA LINKEDIN Introduzione all uso di LinkedIn per i business INDICE DELLA GUIDA Introduzione LinkedIn in numeri Il profilo e la sua importanza Perchè serve alle aziende Differenze tra pagina e profilo

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

PRIVACY POLICY. BlackRock si impegna a:

PRIVACY POLICY. BlackRock si impegna a: PRIVACY POLICY BlackRock riconosce l importanza di proteggere le Vostre informazioni personali e di natura finanziaria nel momento in cui visitate i nostri siti internet (di seguito, il Sito o i Siti ).

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015)

CITTÀ DI AVIGLIANO. (approvate con deliberazione di Giunta comunale n. 17 del 28 febbraio 2015) CITTÀ DI AVIGLIANO LINEE GUIDA E POLICY PER L UTILIZZO DEI CANALI SOCIAL MEDIA DA PARTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO E PER LA GESTIONE DEI CONTENUTI ISTITUZIONALI SUL WEB (approvate con deliberazione di Giunta

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 PRESENTAZIONE INIZIATIVA DI FORMAZIONE TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO FA1-AA-PRE-TRASPARENZA-SCUOLE-1.0 VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/23-10-2013

Dettagli

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti

Modalità e luogo del trattamento dei Dati raccolti Privacy Policy di www.studioilgranello.it Questa Applicazione raccoglie alcuni Dati Personali dei propri Utenti. Titolare del Trattamento dei Dati STUDIO IL GRANELLO s.c.s. - Via S.Prospero, 24-42015 Correggio

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

CHE TIPO DI TURISTA SEI?

CHE TIPO DI TURISTA SEI? CHE TIPO DI TURISTA SEI? POLICY PER LA PRIVACY Il Promotore è l Ente Nazionale Croato per il Turismo (CNTB). L applicazione nella quale avete effettuato l accesso è gestita da, o per conto di, l Ente Nazionale

Dettagli

L APPETITO VIEN LAVORANDO

L APPETITO VIEN LAVORANDO b PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) L APPETITO VIEN LAVORANDO

Dettagli

Utilizzo dei social network nei comuni italiani di medie e grandi dimensioni

Utilizzo dei social network nei comuni italiani di medie e grandi dimensioni Comuni 2.0 Utilizzo dei social network nei comuni italiani di medie e grandi dimensioni Reggio Emilia Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Comuni 2.0 Utilizzo dei social network nei comuni

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione

Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione dr. Francesco Giannelli Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione + 39 080 2146 216 t + 39 366 2674 675 m + 39 389 0564 076 m + 39 080 2140 256 f f.giannelli@itrade.it

Dettagli

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea

Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELLA RICERCA Il Sesto programma quadro di ricerca dell Unione europea Quesiti più frequenti Cos è il programma quadro (PQ) di ricerca dell Unione europea? Il PQ

Dettagli

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione

Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione Gli strumenti volontari e le politiche ambientali di seconda generazione APAT Ing. Rocco Ielasi Responsabile Servizio Interdip. Certificazioni Ambientali Le motivazioni del cambiamento L esigenza di introdurre

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

STEFANO TEANI Via Corte Capanni, 31-55100 Lucca Cod. Fisc TNESFN94A03E715S www.stefanoteani.it - info@stefanoteani.it

STEFANO TEANI Via Corte Capanni, 31-55100 Lucca Cod. Fisc TNESFN94A03E715S www.stefanoteani.it - info@stefanoteani.it Privacy Policy per i visitatori del sito www.stefanoteani.it La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito attualmente reperibile all indirizzo www.stefanoteani.it

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli