il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia"

Transcript

1 il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 Comitato paritetico territoriale di Brescia e provincia per l edilizia - via Garzetta, Brescia GRU - ARGANI VERIFICHE OBBLIGATORIE NUOVE PROCEDURE IL PATENTINO PER GRUISTI DOMANDE DAL CANTIERE Anno 4 - n 2 - Novembre 2012

2 SOMMARIO Verifiche, denunce e controlli gru Pag La formazione dei gruisti Pag. 6 DOMANDE DEL CANTIERE Pag. 8 Tel.: fax: Tel.: fax: il Cantiere Sicuro REDAZIONE: Via Garzetta, Brescia Tel fax direttore responsabile: Pandocchi Obizio comitato di redazione: Archetti Giorgio, Dalè Enrico, Pandocchi Obizio Stampa Poligrafica Bresciana Brescia Registrazione del tribunale di Brescia n 37 del 9/7/2009 Direttore: Pandocchi Obizio Tecnici Baronchelli Oliviero Depellegrin Nicolò Favalli Giambattista Ferraresi Giovanni Tanfoglio Enzo Zanini Germano Amministrazione Farina Maria Rosa Segreteria: Cervati Elisa ASSISTENZA CONTINUA AI LAVORATORI ED ALLE IMPRESE 1. Si fa presente che le ispezioni effettuate dagli organismi preposti alla vigilanza in materia di sicurezza sul lavoro (ASL e Ispettorato del Lavoro), sono principalmente rivolte al controllo della corretta applicazione delle norme antinfortunistiche ed alla verifica dell effettuazione di un adeguata informazione e formazione delle maestranze sui rischi presenti nelle lavorazioni. 2. Pertanto si ricorda che tutte le imprese iscritte alla C.A.P.E. possono usufruire gratuitamente dell assistenza del Comitato Paritetico sia per la verifica preventiva e continuativa delle condizioni antinfortunistiche dei cantieri, sia per l informazione e la formazione delle maestranze. 3. Per qualsiasi richiesta di consulenza, di verifica in cantiere, o di formazione del personale, le imprese ed i lavoratori possono telefonare alla segreteria del Comitato in orario di lavoro al n dal lunedi al venerdi dalle ore 8.00 alle ore e dalle ore alle ore LE NUOVE PROCEDURE PER LE VERIFICHE OBBLIGATORIE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Le denunce di prima messa in esercizio, di verifica e di corretta installazione delle gru. Le gru edili con portata superiore ai 200 kg vengono considerate dalla normativa tecnica attrezzature comportanti rischi particolari,e pertanto vengono sottoposte ad un regime speciale di controlli, da parte di tecnici competenti, sia in fase di installazione che di utilizzo. L art. 71 del Testo Unico per la Sicurezza (D.Lgs. 81/08), infatti, in relazione alle attrezzature elencate nell Allegato VII, tra cui appunto le gru, oltre a bracci telescopici, ponti mobili, etc, prevede che: il Datore di lavoro, provvede affinché: a) le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione siano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni montaggio in un nuovo cantiere o in una nuova località di impianto, al fine di assicurarne l installazione corretta e il buon funzionamento; b) le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dare origine a situazioni pericolose siano sottoposte: 1. ad interventi di controllo periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili dai codici di buona prassi; 2. ad interventi di controllo straordinari al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza, ogni volta che intervengano eventi eccezionali che possano avere conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza delle attrezzature di lavoro, quali riparazioni trasformazioni, incidenti, fenomeni naturali o periodi prolungati di inattività. I risultati dei controlli di cui al comma 8 art.71 devono essere riportati per iscritto e, almeno quelli relativi agli ultimi tre anni, devono essere conservati e tenuti a disposizione degli organi di vigilanza. Per le attrezzature (come le gru a torre, argani con portata superiore a 200 Kg., etc ) installate nei cantieri temporanei e mobili il documento attestante l esecuzione dell ultimo controllo con esito positivo deve essere sempre presente sul luogo di lavoro. il datore di lavoro sottopone le attrezzature di lavoro riportate in ALLEGATO VII a verifiche periodiche volte a valutarne l effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo allegato. La prima di tali verifiche è effettuata dall ISPESL(ora I.N.A.I.L.) che vi provvede nel termine di 60 giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il datore di lavoro può avvalersi delle ASL e di soggetti pubblici o privati abilitati. Le successive verifiche sono effettuate dai soggetti di cui al precedente periodo (dalla ASL e da soggetti pubblici o privati abilitati), che vi provvedono nel termine di 30 giorni dalla richiesta, decorso inutilmente il quale il datore di lavoro può avvalersi di soggetti pubblici o privati abilitati. NOTA BENE Per l effettuazione delle verifiche, le ASL e l ISPESL (ora I.N.A.I.L.) possono avvalersi del supporto di soggetti pubblici o privati abilitati. I soggetti privati abilitati acquistano la qualifica di incaricati di pubblico servizio e rispondono direttamente alla struttura pubblica titolare della funzione. A CHI INVIARE LE DENUNCE PER LE VERIFICHE DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DENUNCIA PRIMA MESSA IN ESERCIZIO, IMMATRICOLAZIONE PRIMA VERIFICA PERIODICA DICHIARAZIONE DI INSTALLAZIONE INSTALLAZIONE RADIOCOMANDO VERIFICA PERIODICA SUCCESSIVA ALLA PRIMA Per assicurare un puntuale servizio di verifiche, il Ministero del Lavoro, con il D.Lgs. 11 Aprile 2011, ha individuato le modalità di effettuazione delle stesse, ed ha stabilito i criteri per l identificazione dei soggetti privati abilitati all esecuzione delle verifiche periodiche suddette. ENTE COMPETENTE I.N.A.I.L. (ex I.P.E.S.L.) I.N.A.I.L. (ex I.P.E.S.L.) Pertanto sono disponibili, presso ciascuna sede ASL ed I.N.A.I.L., e, a livello nazionale presso il Ministero del Lavoro, gli Elenchi dei soggetti abilitati tra i quali i Datori di lavoro possono scegliere quello cui affidare la verifica del macchinario. 03

3 Quindi, i Datori di lavoro, contestualmente alla dichiarazione di prima messa in esercizio, o corretta installazione, o richiesta di prima verifica, o verifica periodica, dovranno indicare il nominativo del soggetto privato abilitato, NOTA BENE La struttura di una gru è soggetta a cicli di carico che determinano fenomeni di fatica strutturale e snervamento dell acciaio. Nella struttura della gru si manifestano piccole lesioni (CRICCHE) che nel tempo si propagano e possono portare al collasso struttura della gru. Il nuovo Decreto Ministeriale 11 Aprile 2011 (entrato in vigore il 23 Maggio 2012) ha reso obbligatoria per le gru che superano i 20 anni di età l INDAGINE inserito nell elenco dell ente pubblico di riferimento, di cui intendono avvalersi nel caso in cui A.S.L. o I.N.A.I.L. non dovessero intervenire nei tempi previsti per effettuare la verifica necessaria. DENUNCIA DI MESSA IN SERVIZIO/IMMATRICOLAZIONE * Invio, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, da parte del Datore di Lavoro, all I.N.A.I.L., territorialmente competente (ex I.S.P.E.S.L.), del modulo Denuncia di messa in servizio/immatricolazione * all acquisto di una nuova gru. RICHIESTA PRIMA VERIFICA PERIODICA * Invio, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, da parte del Datore di Lavoro, all I.N.A.I.L., territorialmente competente (ex I.S.P.E.S.L.), 60 giorni prima della scadenza del modulo Richiesta prima verifica periodica, compilato con l indicazione del soggetto privato abilitato, iscritto nell elenco I.N.A.I.L., di cui intende avvalersi nel caso in cui l ente pubblico non intervenisse. I.N.A.I.L. effettua la verifica entro 60 giorni con proprio personale o demandando l attività al soggetto privato abilitato indicato dal Datore di Lavoro nel modulo inviato. Trascorsi inutilmente i 60 giorni previsti, il Datore di Lavoro dovrà, per effettuare la verifica, dare incarico direttamente ad uno dei soggetti privati abilitati nella Regione in cui si trova l attrezzatura da sottoporre a immatricolazione/verifica, tra quelli iscritti nell elenco Nazionale. *alla scadenza del periodo previsto dall All.VII D.Lgs. 81/08 per la PRIMA delle verifiche periodiche. INSTALLAZIONE GRU A TORRE EDILIZIA * Invio, tramite procedura informatica, da parte del Datore di Lavoro alla A.S.L. territorialmente competente, del modulo Installazione gru a torre edilizia. * ogni qual volta la gru venga installata in un cantiere. RICHIESTA DI VERIFICA PERIODICA * Invio, tramite procedura informadica, da parte del Datore di Lavoro, alla A.S.L. territorialmente competente, 30 giorni prima della scadenza del modulo Installazione gru a torre edilizia, compilato con l indicazione del soggetto privato abilitato, iscritto nell elenco A.S.L., di cui intende avvalersi nel caso in cui l ente pubblico non intervenisse. A.S.L. effettua la verifica entro 30 giorni con proprio personale o demandando l attività al soggetto privato abilitato indicato dal Datore di Lavoro nel modulo inviato. Trascorsi inutilmente i 30 giorni previsti, il Datore di Lavoro dovrà, per effettuare la verifica, dare incarico direttamente ad uno dei soggetti privati abilitati nella Regione in cui si trova l attrezzatura da sottoporre a immatricolazione/verifica, tra quelli iscritti nell elenco Nazionale. * Contestualmente all installazione della gru, se già trascorso il periodo previsto dall All.VII D.Lgs. 81/08, oppure alla scadenza del suddetto periodo. SUPPLEMENTARE, cioè una verifica strutturale per individuare eventuali difetti o anomalie e a stabilire la vita residua. L indagine supplementare dovrà essere esibita dal Datore di Lavoro al funzionario ASL / ARPA, oppure al soggetto privato abilitato, addetto alla verifica periodica. Quando la gru raggiunge i 20 anni di vita, quindi, il Datore di Lavoro DEVE obbligatoriamente fare eseguire dall Ingegnere Esperto l INDAGINE SUPPLEMENTARE ALLEGATO VII La periodicità con la quale le diverse attrezzature devono essere sottoposte a verifica da parte degli enti preposti è stata specificata dal Testo Unico per la sicurezza (D.Lgs. 81/08) nell allegato VII, di cui segue un estratto relativo alle attrezzature di interesse per il settore edile Attrezzatura Scale aeree ad inclinazione variabile Ponti mobili sviluppabili su carro ad azionamento motorizzato Ponti mobili sviluppabili su carro a sviluppo verticale e azionati a mano Ponti sospesi e relativi argani Carrelli semoventi a braccio telescopico Piattaforme di lavoro auto sollevanti su colonne Ascensori e montacarichi da cantiere con cabina/piattaforma guidata verticalmente Apparecchi di sollevamento materiali con portata superiore a 200 Kg. non azionati a mano, di tipo mobile o trasferibile, con modalità di utilizzo riscontrabili in settori di impiego quali costruzioni, siderurgico, portuale, estrattivo. mano, di tipo mobile o trasferibile, con modalità di utilizzo regolare e anno di fabbricazione non antecedente 10 anni mano, di tipo mobile o trasferibile, con modalità di utilizzo regolare e anno di fabbricazione antecedente 10 anni mano, di tipo fisso, con modalità di utilizzo riscontrabili in settori di impiego quali costruzioni, siderurgico, portuale, estrattivo e con anno di fabbricazione antecedente 10 anni Apparecchi di sollevamento materiali con portata superiore a 200 Kg, non azionati a mano, di tipo fisso, con modalità di utilizzo riscontrabili in settori di impiego quali costruzioni, siderurgico, portuale, estrattivo e con anno di fabbricazione non antecedente 10 anni mano, di tipo fisso, con modalità di utilizzo regolare e anno di fabbricazione antecedente 10 anni mano, di tipo fisso, con modalità di utilizzo regolare e anno di fabbricazione non antecedente 10 anni Procedura per la richiesta all I.N.A.I.L. di messa in servizio/immatricolazione, richiesta prima verifica periodica 1) Accedere al sito internet e cliccare sulla dicitura sicurezza sul lavoro sul lato sinistro della home page ; 2) Cliccare su verifica impianti ed attrezzature sul lato sinistro dello schermo; 3) Scorrere la pagina fino alla dicitura elenco delle sedi INAIL interessate per reperire l indirizzo cui spedire via raccomandata il modulo di interesse (per le Provincie di Brescia, Cremona e Mantova l indirizzo di riferimento è: Brescia, Via Cefalonia ) cliccare quindi sulla dicitura La modulistica ; Intervento/periodicità Verifica triennale 4) Scorrere le pagina fino ad arrivare alla sezione di interesse ( Sollevamento ); 5) Una volta identificato il modello necessario il Datore di lavoro dovrà stamparlo, compilarlo in ogni sua parte ed inviarlo, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, alla sede I.N.A.I.L. competente per territorio; 6) Nel caso di richiesta prima verifica periodica il Datore di lavoro dovrà inoltre specificare il nominativo del soggetto abilitato nella Regione di riferimento (dall elenco rinvenibile nella medesima pagina internet), di cui intende avvalersi nel caso in cui l ente pubblico preposto non ottemperi a quanto richiesto

4 Procedura on line per la denuncia di corretta installazione gru e contestuale richiesta di verifica periodica alla A.S.L. di Brescia 1) Accedere al sito internet e posizionare il cursore nella sezione enti e imprese nella parte centrale della schermata. 2) Cliccare sulla dicitura salute nei luoghi di lavoro dalla tendina comparsa; 3) Selezionare dal menù, sulla sinistra della pagina, sicurezza del lavoro ed impiantistica ; 4) Selezionare dal menù, sulla sinistra della pagina, Apparecchi di sollevamento richieste on line e modulistica! ; 5) Scorrere la pagina e Selezionare il link Installazione gru a torre edilizia *; * qualora il file non si aprisse correttamente è possibile che sia necessario aggiornare il programma adobe acrobat reader sul computer in uso (programma scaricabile gratuitamente dalla rete). 6) Compilare tutti i campi con i dati dell impresa, del cantiere e dell organo di sollevamento direttamente a computer; 7) Se necessario* richiedere la verifica periodica annuale indicando il soggetto privato abilitato tra quelli indicati nell elenco che compare nella schermata; *il Datore di lavoro sottopone le attrezzature di lavoro riportate nell ALLEGATO VII a verifiche periodiche volte a valutarne l effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo allegato (es.: apparecchi di sollevamento materiali con portata superiore a 200 Kg, non azionati a mano, di tipo mobile o trasferibili, con modalità di utilizzo riscontrabili in settori di impiego quali: costruzioni, siderurgico, portuale, estrattivo: verifica annuale ) (art. 71 D.Lgs. 81/08) 8) La procedura si conclude con l invio telematico del documento all A.S.L.( invia all ASL ): una copia di conferma della ricevuta verrà inviata all impresa via mail all indirizzo elettronico indicato nel modulo. La formazione dei gruisti Il PATENTINO per i conduttori di gru Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, il Datore di lavoro provvede affinché: a) l uso dell attrezzatura sia riservato ai lavoratori allo scopo incaricati e che abbiano ricevuto una formazione adeguata e specifica (art. 71 D.Lgs.81/08). L Accordo Stato Regioni, del 22 febbraio 2012, ha individuato le attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione, i soggetti formatori, la durata ed i requisiti minimi di validità della formazione necessaria per l utilizzo, tra le altre macchine, delle gru edili. Oltre alle abilitazioni già previste per Legge (patente di guida, etc )le attrezzature per le quali è ora richiesta una specifica abilitazione sono: 1. Piattaforme di lavoro mobili elevabili; 2. Gru a torre; 3. Gru mobile; 4. Gru per autocarro; 5. Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo; 6. Carrelli semoventi con braccio telescopico; 7. Carrelli industriali semoventi; 8. Carrelli/sollevatori/Elevatori semoventi telescopici rotativi; 9. Trattori agricoli o forestali; 10. Macchine movimento terra; 11. Pompa per calcestruzzo. DURATA DEL CORSO In relazione alle gru da cantiere l accordo prevede un corso, valido sia per le macchine a rotazione in alto che in basso, della durata di 16 ore, composto da un modulo normativo, un modulo tecnico ed un modulo pratico, nel quale concretamente, attraverso esercitazioni e prove di abilità, viene svolto l addestramento dell operatore. OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO L abilitazione deve essere rinnovata entro 5 anni dalla data di rilascio dell attestato, con la partecipazione ad un corso di aggiornamento obbligatorio, della durata di 4 ore, di cui almeno 3 ore relative agli argomenti dei moduli pratici. RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE PREGRESSA Una disciplina particolare viene inoltre riservata a coloro che, prima dell entrata in vigore dell Accordo Stato Regioni (22/02/2013) abbiano già partecipato a corsi di formazione per l uso delle attrezzature: TIPOLOGIA DI CORSO FREQUENTATO Corso di formazione della durata complessiva non inferiore a quella prevista (16 ore) composta da modulo teorico, modulo pratico e verifica di aggiornamento Corso composto di modulo teorico, modulo pratico e verifica finale dell apprendimento, di durata inferiore alle 16 ore Corsi di qualsiasi durata non completati da verifica finale di apprendimento INTEGRAZIONE NECESSARIA Nessuna integrazione richiesta Modulo di aggiornamento (4 ore) e verifica finale dell apprendimento entro 24 mesi dall entrata in vigore (entro il 22/02/2015) Modulo di aggiornamento (4 ore) e verifica finale dell apprendimento entro 24 mesi dall entrata in vigore (entro il 22/02/2015) NORMA TRANSITORIA E stata inoltre prevista una norma transitoria in base alla quale: I lavoratori che alla data di entrata in vigore del presente accordo (22/02/2013), sono incaricati dell uso delle attrezzature devono effettuare i corsi entro 24 mesi dall entrata in vigore del presente accordo (pertanto entro il 22/02/2015). DOVE VENGONO SVOLTI I CORSI DI ADDESTRAMENTO? La Scuola Edile Bresciana eroga gratuitamente i corsi di formazione ed addestramento all utilizzo delle macchine da cantiere per tutti i lavoratori delle imprese edili, iscritte alla Cassa Edile di Brescia Per le iscrizioni si rimanda al sito internet www. scuolaedilebresciana.it E PREVISTO UN PATENTINO ANCHE PER I MONTATORI DI GRU? NO. Il montaggio di una gru, sia essa del tipo automontante o a rotazione superiore è un operazione complessa e delicata, nella quale devono essere tenute in considerazione innumerevoli variabili: la tipologia del terreno, la vicinanza ad uno scavo, la presenza di vani sotterranei etc. La normativa richiede che tale operazione venga realizzata da un SOGGETTO COMPETENTE, in grado di valutare correttamente tutti gli aspetti necessari ad una corretta installazione. A questo soggetto competono tutte le responsabilità conseguenti ad eventuali errori commessi

5 1 LE DOMANDE DAL CANTIERE Le risposte ai quesiti tecnici rivolti dalle imprese al Comitato Paritetico Territoriale 1 - DOMANDA La gru deve sempre essere lasciata libera di ruotare in fase di riposo? 1 - RISPOSTA SEMPRE Al termine del ciclo di lavoro l addetto deve assicurarsi di aver rilasciato il freno di rotazione (nei modelli con freno azionabile manualmente), priva di carichi vincolati al gancio, con il carrello arretrato verso la torre ed il bozzello alzato verso il braccio. 2 - DOMANDA E consentito il tiro obliquo dei carichi? 2 - RISPOSTA MAI Il gruista deve sempre assicurarsi che il gancio sia in linea verticale con il carrello della gru, che il carico sia ben imbracato e svincolato da qualsiasi costrizione (inchiodato al suolo, attaccato al terreno ghiacciato, incastrato tra altri carichi), prima di effettuare qualsiasi sollevamento. 3 - DOMANDA Gli accessori di sollevamento (forche, ceste, cassoni) privi del marchio CE e della targhetta di identificazione del fabbricante, possono essere utilizzati? 3 - RISPOSTA MAI Il marchio CE e la targhetta con tutti i dati dell accessorio (portata, peso, omologazione ) devono essere sempre presenti sull accessorio stesso, ben visibili e con tutti i dati leggibili dall utilizzatore. ATTENZIONE in fase di acquisto: controllate la presenza della targhetta di identificazione sulla struttura dell accessorio di sollevamento e fatevi consegnare il libretto dello stesso! 4 - DOMANDA La mia gru ha più di 20 anni di vita, devo sottoporla a verifiche aggiuntive? 4 - RISPOSTA SI Il nuovo Decreto Ministeriale 11 Aprile 2011 (entrato in vigore il 23 Maggio 2012) ha reso obbligatoria per le gru che superano i 20 anni di età l INDAGINE SUPPLEMENTARE, eseguita da Ingegnere esperto,cioè una verifica strutturale per individuare eventuali difetti o anomalie e a stabilire la vita residua. Tutte le imprese, ed i lavoratori che volessero far pervenire le proprie domande a Il Cantiere Sicuro, possono rivolgersi direttamente agli uffici del Comitato Paritetico Territoriale, dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle e dalle alle 17.00, al numero di telefono , oppure inviando le stesse al numero di fax

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 D.U.V.R.I. Sicurezza nei lavori edili da eseguire

Dettagli

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA Bologna, 12/05/2011 CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA VERIFICA ATTREZZATURE DI LAVORO La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D.M. 11/04/2011 fornisce ai Datori di Lavoro alcuni chiarimenti su

Dettagli

ATTREZZATURE MACCHINE

ATTREZZATURE MACCHINE ATTREZZATURE MACCHINE Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012, pubblicato in G.U. il 12 marzo 2012, concernente l individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifi ca

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

L Accordo entra in vigore dopo 12 mesi dalla pubblicazione e quindi a partire dal 12/03/2013.

L Accordo entra in vigore dopo 12 mesi dalla pubblicazione e quindi a partire dal 12/03/2013. Conferenza Stato Regioni Province autonome: atto n. 53 del 22 febbraio 202, pubblicato nel Supplemento ordinario n. 47 alla Gazzetta Ufficiale n. 60 del 2/03/202. L Accordo entra in vigore dopo 2 mesi

Dettagli

FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012

FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012 FORMAZIONE ATTREZZATURE IN RIFERIMENTO ALL ACCORDO STATO REGIONI 22/02/2012 In attuazione del D.Lgs. 81/08, è stato approvato l Accordo Stato-Regioni,, in merito alla formazione dei lavoratori che impiegano

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche. L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO: Controlli e Verifiche L entrata in vigore del D.Lgs. 81/08 ha comportato una parziale Revisione della normativa in tema di controlli e verifiche degli apparecchi di sollevamento

Dettagli

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Indicazioni procedurali ed operative Settore Ricerca, Sviluppo e Tutela nel Lavoro 1 Esercizio delle attrezzature

Dettagli

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL)..

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL).. Modalità di possibile invio: - E-mail Servizio Impiantistico : impiantistica@aslvallecamonicasebino.it - Fax Servizio Impiantistico n. 0364.540332 - Raccomandata A.R. Spett. le A. S. L. di VallecamonicaSebino

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (8 10 12 ore) MODULO TECNICO (ore) 4h 8h 4h (minimo) 5 anni. 6h 10h 4h (minimo) 5 anni

PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (8 10 12 ore) MODULO TECNICO (ore) 4h 8h 4h (minimo) 5 anni. 6h 10h 4h (minimo) 5 anni Chiunque alla data di entrata in vigore dell Accordo Stato-Regioni (12/03/2013) utilizzi una delle attrezzature di seguito riportate, dovrà effettuare appositi corsi abilitativi aventi durata e contenuti

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Obblighi formativi. Accordo Stato Regioni n. 53 del 22/02/2011 in attuazione art. 73 c. 5 D.Lgs. 81/08

Obblighi formativi. Accordo Stato Regioni n. 53 del 22/02/2011 in attuazione art. 73 c. 5 D.Lgs. 81/08 Obblighi formativi Accordo Stato Regioni n. 53 del 22/02/2011 in attuazione art. 73 c. 5 D.Lgs. 81/08 La Conferenza Stato Regioni del 22 febbraio 2012 ha approvato un nuovo accordo che individua le attrezzature

Dettagli

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO

AMBIENTE ECOLOGIA SICUREZZA & MEDICINA DEL LAVORO CARRELLI ELEVATORI CIRCOLARE N 26 - OTTOBRE 2010 CARRELLI ELEVATORI I carrelli elevatori si utilizzano ormai in quasi tutte le aziende ma... sono ancora troppi gli infortuni anche mortali e sono ancora

Dettagli

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a CONTROLLI E VERIFICHE DI A.S. A SECONDO IL D.lgs. 81/08 Dott. Ing. Mauro Meistro Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli

Dettagli

Soggetti formatori e loro requisiti

Soggetti formatori e loro requisiti ACCORDO 22/02/2012 DOMANDE FREQUENTI 3 Abilitazione e aggiornamento Nel nuovo accordo sono stati introdotti il concetto di Abilitazione e Aggiornamento. L abilitazione si ottiene dopo aver superato il

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012

Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012 Accordo Stato-Regioni del 22 Febbraio 2012 individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, modalità per il riconoscimento di tale abilitazione,

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

Oggi, 12 marzo 2013, entra in vigore l Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012. Riferimenti normativi

Oggi, 12 marzo 2013, entra in vigore l Accordo Stato Regioni del 22 febbraio 2012. Riferimenti normativi Data 12 Marzo 2013 Protocollo: 93/13/GG/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Formazione attrezzature. CIRCOLARE N. 18 - A tutte le strutture

Dettagli

Circolare IM.TECH N. 10/2012

Circolare IM.TECH N. 10/2012 Circolare IM.TECH N. 10/2012 18 APRILE 2012 Settore: SALUTE E SICUREZZA Oggetto: ACCORDO STATO REGIONI IN MERITO ALLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI CHE IMPIEGANO ATTREZZATURE DI LAVORO PER LE QUALI È RICHIESTA

Dettagli

EXPOTRAINING 2014 Fiera Milano City, 2 ottobre 2014

EXPOTRAINING 2014 Fiera Milano City, 2 ottobre 2014 EXPOTRAINING 2014 Fiera Milano City, 2 ottobre 2014 L IMPORTANZA DELLA CORRETTA FORMAZIONE ALL USO IN SICUREZZA DEI MEZZI DI SOLLEVAMENTO AEREO Relatore: Avv. Lorenzo Perino Segretario IPAF Italia Il ruolo

Dettagli

Comitato di Coordinamento della provincia di Verona SPISAL ULSS 20, 21, 22, DTL, INAIL, INPS, VVFF, ARPAV

Comitato di Coordinamento della provincia di Verona SPISAL ULSS 20, 21, 22, DTL, INAIL, INPS, VVFF, ARPAV Comitato di Coordinamento della provincia di Verona SPISAL ULSS 20, 21, 22, DTL, INAIL, INPS, VVFF, ARPAV Seminario provinciale LE NUOVE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE D.M 11 APRILE 2011 VENERDÌ

Dettagli

Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza

Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza Nuove norme e buone prassi nel sollevamento carichi e sollevamento persone: Il punto di vista degli organi di vigilanza Maria Rosaria Libone Dipartimento di Prevenzione Azienda USL 12 Viareggio Lucca,

Dettagli

FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER LE ATTREZZATURE DI LAVORO Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012

FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER LE ATTREZZATURE DI LAVORO Accordo Conferenza Stato Regioni del 22/02/2012 FORMAZIONE ALLA SICUREZZA PER LE ATTREZZATURE DI LAVORO Accordo Conferenza Stato Regioni SEMINARIO FEDERLAZIO DEL 01/02/2013 Tecnico della prevenzione Dott. SORDILLI MAURIZIO Servizio Pre.S.A.L. - A.S.L.

Dettagli

Il D.M. 11 APRILE 2011

Il D.M. 11 APRILE 2011 Il D.M. 11 APRILE 2011 VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO CIRCOLARE MLPS n 11 del 25/05/2012 CIRCOLARE MLPS n 23 del 13/08/2012 CIRCOLARE INAIL prot. n. 2484 del 22/05/2012 i Sommario Premessa...

Dettagli

4. Formazione macchinari

4. Formazione macchinari . Formazione macchinari operatori macchine movimento terra per la formazione dell operatore di macchine movimento terra (escavatori e miniescavatori, pale e minipale, terne, dozer, grader, dumper, rulli

Dettagli

QUANDO ACCETTARE I LAVORATORI ED I PREPOSTI IN CANTIERE. Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 studio@zedprogetti.

QUANDO ACCETTARE I LAVORATORI ED I PREPOSTI IN CANTIERE. Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 studio@zedprogetti. QUANDO ACCETTARE I LAVORATORI ED I PREPOSTI IN CANTIERE Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 studio@zedprogetti.it NOTE INFORMATIVE - 20/05/2012 I RIFERIMENTI NORMATIVI Ai sensi

Dettagli

TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO TABELLA DEGLI ADEMPIMENTI CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo del 20/02/2012 Da Pubblicare in GU In vigore 12 mesi dopo la pubblicazione

Dettagli

BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO - MANTOVA - MILANO (LODI e MONZA BRIANZA) - PAVIA - SONDRIO - VARESE

BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO - MANTOVA - MILANO (LODI e MONZA BRIANZA) - PAVIA - SONDRIO - VARESE Coordinamento Regionale dei Comitati Paritetici Territoriali per la prevenzione degli infortuni, l'igiene e l'ambiente di lavoro nell'edilizia della Lombardia BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 03 I LUOGHI DI LAVORO Comitato paritetico territoriale

Dettagli

PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (8 10 ore) MODULO TECNICO MODULO PRATICO. 2012.10-FORMAZIONE-ATTREZZATURE Pagina 1 di 6

PIATTAFORME DI LAVORO MOBILI ELEVABILI (8 10 ore) MODULO TECNICO MODULO PRATICO. 2012.10-FORMAZIONE-ATTREZZATURE Pagina 1 di 6 q Studio Associato Dott. Francesco D Angelo & Ing. Peter D Angelo Sede legale : Via Marconi, 41/a 31020 Carità di Villorba (TV) P.IVA: 04338690268 tel.: 0422/609679 fax: 0422/610085 Sede operativa e centro

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

SERENISSIMA SERVIZI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Catalogo Offerta Formativa

SERENISSIMA SERVIZI SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO. Catalogo Offerta Formativa SERENISSIMA SERVIZI Catalogo Offerta Formativa INDICE CORSI ANTINCENDIO FORMAZIONE PER ADDETTI ALLE EMERGENZE DI ATTIVITÀ A RISCHIO INCENDIO BASSO AGGIORNAMENTO FORMAZIONE PER ADDETTI ALLE EMERGENZE DI

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza Formazione e sicurezza 1 RSPP ASPP Lavoratori e Preposti addetti al Montaggio / Smontaggio/ Trasformazione di Ponteggi Addetti Primo Soccorso Prevenzione incendi RLS Accordo Stato-Regioni 26 gennaio 2006

Dettagli

LA RICHIESTA DI COLLABORAZIONE AGLI ENTI BILATERALI

LA RICHIESTA DI COLLABORAZIONE AGLI ENTI BILATERALI SINTESI FORMAZIONE ACCORDI STATO REGIONI LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI LA FORMAZIONE DEI PREPOSTI LA FORMAZIONE DEI DIRIGENTI LA FORMAZIONE DEI DATORI DI LAVORO - RSPP ACCORDI STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE

Dettagli

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini LE GRU A TORRE 1 GLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Con il termine generico gru si descrive l insieme delle apparecchiature di sollevamento che per mezzo di un braccio permettono una dislocazione dell oggetto

Dettagli

Accordo Stato Regioni sulla formazione richiesta per l abilitazione degli operatori all uso delle attrezzature di cui all art 73 comma 5 D.lgs 81/08.

Accordo Stato Regioni sulla formazione richiesta per l abilitazione degli operatori all uso delle attrezzature di cui all art 73 comma 5 D.lgs 81/08. Accordo Stato Regioni sulla formazione richiesta per l abilitazione degli operatori all uso delle attrezzature di cui all art 73 comma 5 D.lgs 81/08. FASE Formazione Teorica già effettuata e (1) Formazione

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all.

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. XII PSC Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100-101 e allegato XV QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese Cantieri

Dettagli

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Progetto assistenza alle imprese USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Pag. 1 di 12 Legislazione Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione

Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione Attrezzature di lavoro e abilitazione degli operatori: contenuti e modalità della specifica formazione Incontro informativo Milano, 28 febbraio 2013 Assimpredil Ance Via San Maurilio 21 Indice interventi:

Dettagli

Corsi Disponibili DENOMINAZIONE. 4 ambienti sospetti di inquinamento o confinati 2 Corso di formazione per addetto primo soccorso aziende gruppo A 16

Corsi Disponibili DENOMINAZIONE. 4 ambienti sospetti di inquinamento o confinati 2 Corso di formazione per addetto primo soccorso aziende gruppo A 16 1 Corso di formazione per addestramento addetto per la sicurezza nelle attività in ambienti sospetti di inquinamento o confinati 2 Corso di formazione per addetto primo soccorso aziende gruppo A 3 Corso

Dettagli

FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI OPERATORI DI MACCHINE L OBBLIGO DI LEGGE DIVENTA OPPORTUNITA

FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI OPERATORI DI MACCHINE L OBBLIGO DI LEGGE DIVENTA OPPORTUNITA FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI OPERATORI DI MACCHINE L OBBLIGO DI LEGGE DIVENTA OPPORTUNITA Napoli, 2 marzo 2013 1 Nuovo Decreto per la Formazione di Operatori di Macchine Accordo del 22.02.12 su GU 12.03.12

Dettagli

Vademecum per il datore di lavoro: figure professionali soggette a formazione obbligatoria per legge ai sensi del D.Lgs.81/08

Vademecum per il datore di lavoro: figure professionali soggette a formazione obbligatoria per legge ai sensi del D.Lgs.81/08 Vademecum per il datore di lavoro: figure professionali soggette a formazione obbligatoria per legge ai sensi del D.Lgs.81/08 Chi è il lavoratore? Il lavoratore è quella persona che, indipendentemente

Dettagli

Formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro: D.Lgs. 81/08: Nuovo Accordo Stato Regioni del 12 marzo 2012

Formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro: D.Lgs. 81/08: Nuovo Accordo Stato Regioni del 12 marzo 2012 Formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro: D.Lgs. 81/08: Nuovo Accordo Stato Regioni del 12 marzo 2012 E stato pubblicato sul supplemento ordinario n. 47 alla Gazzetta Ufficiale n. 60 del

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

PROFILI FORMATIVI ORE ORE ORE. Addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE)

PROFILI FORMATIVI ORE ORE ORE. Addetto alla conduzione di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) SCUOLA 2 S.r.l. FORMAZIONE OPERATORI MACCHINE DI POTENZA Uffici: Piazzale Cavour 15-2027 Montecchio Emilia Cell:39/850077 - e.mail:info@scuola2.com SOGGETTO FORMATORE autorizzato a livello provinciale

Dettagli

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica (SSIA) Dipartimento di Sanità Pubblica Via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia www.ausl.re.it Chi siamo Il SSIA (Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica)

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA > SGS - SERTEC SETTORE FORMAZIONE FORMAZIONE SULLA SICUREZZA FIGURE PROFESSIONALI SOGGETTE A FORMAZIONE OBBLIGATORIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 E S.M.I. Introduzione Il seguente documento offre un indicazione

Dettagli

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti:

Nella fattispecie, le figure richieste dal D.Lgs 81, che richiedono una nomina e una formazione specifica, sono le seguenti: Obblighi formativi e aggiornamenti periodici ai sensi del D.Lgs 81/08 s.m.i. Molto spesso ci sentiamo dire: i corsi sulla sicurezza sono obbligatori? Hanno una scadenza? Dopo quanto tempo devono essere

Dettagli

OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI VARI SOGGETTI DELLA SICUREZZA SOGGETTI RIFERIMENTO NORMATIVO AGGIORNAMENTI SANZIONI

OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI VARI SOGGETTI DELLA SICUREZZA SOGGETTI RIFERIMENTO NORMATIVO AGGIORNAMENTI SANZIONI Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, approvato con il D.Lgs.9 aprile 2008, n. 81, modifico con D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106 OBBLIGHI DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI VARI

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE

SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE NOME. COGNOME.. INDICE PREMESSA... 3 ANAGRAFICA LAVORATORE... 3 SEZIONE SCHEDE FORMATIVE... 4 APPENDICE 1

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE

SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE SICUREZZA SUL LAVORO LAVORO LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE LIBRETTO FORMATIVO DEL LAVORATORE NOME. COGNOME.. INDICE PREMESSA... 3 ANAGRAFICA LAVORATORE... 3 SEZIONE SCHEDE FORMATIVE... 4 APPENDICE 1

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA Presentazione docente Dott. Ing. Michele Toni, amministratore unico di E.C.S. S.r.l. Europe Certification Service, via Solferino, 7 46100- Mantova www: ECS-CERTIFICATION.COM

Dettagli

DA EFFETTUARE ENTRO 90 GG DALL APERTURA DELL ATTIVITA MEDIO RISCHIO 10 ORE BASSO RISCHIO 6 ORE MODULO A 28 NON E RICHIESTO / MODULO B ATECO 1

DA EFFETTUARE ENTRO 90 GG DALL APERTURA DELL ATTIVITA MEDIO RISCHIO 10 ORE BASSO RISCHIO 6 ORE MODULO A 28 NON E RICHIESTO / MODULO B ATECO 1 FIGURA DEL S.P.P. CORSO DI FORMAZIONE R.S.P.P. DATORE DI LAVORO R.S.P.P. NON DATORE DI LAVORO A.S.P.P. ADDETTO ANTINCENDIO ADDETTO PRIMO SOCCORSO ORE FORMATIVE ALTO RISCHIO 48 ORE MEDIO RISCHIO 32 ORE

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA secondo il D.Lgs n.81/2008 - Sicurezza Lavoro e l accordo Stato-Regione del 22/02/2012

OFFERTA FORMATIVA secondo il D.Lgs n.81/2008 - Sicurezza Lavoro e l accordo Stato-Regione del 22/02/2012 secondo il D.Lgs n.1/200 - Sicurezza Lavoro FORMAZIONE E INFORMAZIONE LAVORATORI Corso di formazione e informazione RISCHIO BASSO Corso di formazione e informazione RISCHIO MEDIO 12 Corso di formazione

Dettagli

INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011

INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011 L impiego sicuro delle attrezzature. Gli obblighi formativi determinati dall Accordo Stato-Regioni Dr.ssa Manuela Peruzzi SPISAL ULSS 20 VERONA INFORTUNI DENUNCIATI IN AGRICOLTURA dal 2002 al 2011 Fonte:

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 31 ottobre 2013 A) CONSIGLIO REGIONALE C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Giovedì 31 ottobre 2013 A) CONSIGLIO REGIONALE C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Anno XLIII N. 269 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia,

Dettagli

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

Obblighi in materia di Sicurezza e Salute sul Lavoro

Obblighi in materia di Sicurezza e Salute sul Lavoro Normativa di riferimento: - D.Lgs 81/2008 - D.Lgs 106/2009 (integra il D.Lgs 81/2008) - Accordi della Conferenza Permanente Stato Regioni - Riferimenti a Codice Civile e Codice Penale - Sentenze della

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE

CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE CATALOGO FORMATIVO VALIDO PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE DI AZIENDE LEGISLATIVI I corsi di formazione risultano conformi (per contenuti e durata) a quanto previsto dal D.Lgs 81/2008 (e s.m.i.)

Dettagli

Durata complessiva del corso (h) Durata corso (h) Durata esame (h) Descrizione corso

Durata complessiva del corso (h) Durata corso (h) Durata esame (h) Descrizione corso Descrizione corso Durata corso (h) Durata esame (h) Durata complessiva del corso (h) AULA FAD Corso per lavoratori (formazione base + specialistica) ai sensi del ASR 21/12/2011 formazione generale 4 4

Dettagli

LISTINO PREZZI al PUBBLICO per realizzazione di CORSI DI FORMAZIONE ATTREZZATURE di LAVORO rif. Accordo Stato Regioni feb. 2012

LISTINO PREZZI al PUBBLICO per realizzazione di CORSI DI FORMAZIONE ATTREZZATURE di LAVORO rif. Accordo Stato Regioni feb. 2012 LISTINO PREZZI al PUBBLICO per realizzazione di CORSI DI FORMAZIONE ATTREZZATURE di LAVORO rif. Accordo Stato Regioni feb. 2012 presso GAVARINI LOCAZIONI (Sedi di PSG, Arezzo, Città di castello) Tipo di

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Conferenza Stato Regioni atti del 22 febbraio 2012

Conferenza Stato Regioni atti del 22 febbraio 2012 Conferenza Stato Regioni atti del 22 febbraio 2012 PER LE QUALI E RICHIESTA UNA SPECIFICA ABILITAZIONE DEGLI OPERATORI (articolo 73, comma 5 del D.Lgs n 81/2008) Le attrezzature di lavoro per le quali

Dettagli

I moduli pratici dei corsi di formazione per gli addetti alla conduzione dei trattori agricoli

I moduli pratici dei corsi di formazione per gli addetti alla conduzione dei trattori agricoli I moduli pratici dei corsi di formazione per gli addetti alla conduzione dei trattori agricoli Leonardo Vita INAIL Dipartimento Tecnologie di Sicurezza Tarquinia (VT) 18 giugno 2014 Obblighi del datore

Dettagli

Gru ed apparecchi di sollevamento

Gru ed apparecchi di sollevamento Il Decreto Ministeriale 12/09/1959 è attualmente in vigore e stabilisce che alcune macchine tra cui: -le scale aeree ad inclinazione variabile -i ponti mobili sviluppabili su carro -i ponti sospesi muniti

Dettagli

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori

L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Rovigo 23 giugno 20914 Sicurezza nei cantieri: Novità in tema di sicurezza cantieri L uso in sicurezza delle PLE e l importanza della formazione degli operatori Mauro Potrich e Francesco Maria Spini Comitato

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi

INDIVIDUAZIONE DELLE ATTREZZATURE E DURATA minima dei corsi Pagina1 Verbania 10/12/2012 Prot. 0068 Spett.le Imprese Consulenti Associazioni datoriali di categoria Associazioni sindacali di categoria OGGETTO: La formazione per l abilitazione specifica degli operatori

Dettagli

Guida Operativa Formazione

Guida Operativa Formazione Guida Operativa Formazione (ing. Lucia Ercolani ) In data 25 luglio 2012 la Conferenza Stato Regioni ha emanato delle Linee Interpretative sugli accordi del 21 dicembre 2011 in merito alla formazione dei

Dettagli

Repertorio atti n. 53/CSR del 22 febbraio 2012

Repertorio atti n. 53/CSR del 22 febbraio 2012 Accordo ai sensi dell articolo 4 del decreto legislative 28 agosto 1997, n. 281 tra il Governo, Ie Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente l individuazione delle attrezzature di

Dettagli

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA

Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA Progetto MICS Abilitazioni Macchine Giornata Nazionale di Formazione Formatori MACCHINE MOVIMENTO TERRA in collaborazione con ASCOMAC / CANTIERMACCHINE FEDERUNACOMA / COMAMOTER Milano 10 Luglio 2012 Sede

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

ORDINE INGEGNERI BAT - S.P.E.S.A.L. ASL BT

ORDINE INGEGNERI BAT - S.P.E.S.A.L. ASL BT ORDINE INGEGNERI BAT - S.P.E.S.A.L. ASL BT ACCORDO STATO-REGIONE DEL 21/12/2011 FORMAZIONE DEGLI RSPP DATORI DI LAVORO, DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI ACCORDO STATO-REGIONE DEL 22/02/2012

Dettagli

Dr. Luigi Ferrara Vice Presidente A.N.CO.R.S Segretario Ente Bilaterale Nazionale del Mediterraneo

Dr. Luigi Ferrara Vice Presidente A.N.CO.R.S Segretario Ente Bilaterale Nazionale del Mediterraneo Formazione per i Datori di Lavoro che svolgono i compiti di RSSP, per i Lavoratori, per i Dirigenti e Preposti e per i Lavoratori che utilizzano particolari attrezzature : che cosa cambia dopo gli accordi

Dettagli

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 1 DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO ARGOMENTO PAG. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 QUALIFICAZIONE DOCENTI 04 FORMAZIONE

Dettagli

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento;

minidumper e pale caricatrici con massa operativa minore o uguale a 4500 kg eventualmente corredati di accessori per il sollevamento; FAQ INAIL Settore edilizia 1. Cosa deve contenere la Descrizione complessiva del progetto? Deve contenere la descrizione degli interventi (massimo tre) per cui si richiede il finanziamento in funzione

Dettagli

ADEMPIMENTI IMPRESA EDILE D.LGS. 81/2008

ADEMPIMENTI IMPRESA EDILE D.LGS. 81/2008 ADEMPIMENTI IMPRESA EDILE D.LGS. 1/200 1 NOMINA RSPP - Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione In tutte le imprese deve essere nominato il RSPP che può essere una di queste figure: : REQUISITI Datore

Dettagli

ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT

ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT TARIFFE (0) PER LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO DI CUI ALL ALLEGATO VII DEL DECRETO LEGISLATIVO n. 81/2008 Tabella n. 1A Attrezzature di lavoro del gruppo

Dettagli

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011

Seminario Tecnico Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera. Sabato 7 Maggio 2011 Maber Costruzioni srl Seminario Tecnico co Sistemi di Sollevamento a Pignone-Cremagliera Sabato 7 Maggio 2011 Scuola Edile di Reggio Emilia Maber Costruzioni srl Azienda italiana specializzata nella progettazione

Dettagli

STUDIO COMUNICAZIONE SICUREZZA AMBIENTE. Via del campanile, 2 06034 Foligno (PG) Tel.: 0742.350.843 - Fax: 0742.350.844 E-Mail: info@sapforma.

STUDIO COMUNICAZIONE SICUREZZA AMBIENTE. Via del campanile, 2 06034 Foligno (PG) Tel.: 0742.350.843 - Fax: 0742.350.844 E-Mail: info@sapforma. STUDIO CORSO PER RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Rappresentanti dei lavoratori eletti dai lavoratori. 32 ore AGGIORNAMENTO CORSO PER RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Rappresentanti

Dettagli

SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA?

SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA? SEI SICURO CHE I TUOI CARRELLISTI SIANO IN REGOLA? Nel 2013 è entrata in vigore una nuova norma che impone al datore di lavoro di provvedere alla formazione degli operatori carrellisti secondo specifiche

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 168/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 18 del mese di febbraio dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

RI-RI RIFORMATI E RIPARTI

RI-RI RIFORMATI E RIPARTI CIRCOLARE N. 01/2015 L Aquila 11 Giugno 2015 Spett.li Imprese iscritte alla Cassa Edile di L Aquila Studi di consulenza del lavoro Parti Sociali Territoriali LORO SEDI RI-RI RIFORMATI E RIPARTI CORSI SPERIMENTALI

Dettagli

PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009)

PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009) REGIONE LOMBARDIA DG Sanità UO Governo della prevenzione PROCEDURE DI VERIFICA DI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO (approvate dal Gruppo di lavoro regionale nella riunione del 3/11/2009) PREMESSA Il D. Lgs.

Dettagli

Seminario: Sicurezza delle PLE

Seminario: Sicurezza delle PLE Seminario: Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche L'importanza della manutenzione P t t d M P t i h P TWG IPAF R Q lità Si CTE S A Presentato da: Mauro Potrich -

Dettagli

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE Convegno 02/10/2015 GIS Piacenza. LA MANUTENZIONE E L AGGIORNAMENTO DEI REQUISITI DI SICUREZZA INDICAZIONI NORMATIVE E OBBLIGHI GIURIDICI. IL RUOLO DELL OFFICINA QUALIFICATA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE

Dettagli

Prima Formazione e Aggiornamento in materia di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Durata Aggiornamento Riferimento normativo Area tematica (ore)

Prima Formazione e Aggiornamento in materia di Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro Durata Aggiornamento Riferimento normativo Area tematica (ore) Rischio Basso Datore di Lavoro Rischio Basso Rischio Medio Datore di Lavoro Rischio Medio Rischio Alto Datore di Lavoro Rischio Alto 32 SI 10 ogni 5 anni 4 14 ogni 5 anni RSPP/ASPP Modulo A 28 NO RSPP/ASPP

Dettagli

ACCORDO STATO REGIONI PER PERCORSI FORMATIVI CONFORMI

ACCORDO STATO REGIONI PER PERCORSI FORMATIVI CONFORMI FORMAZIONE RSPP DATORE DI LAVORO 32 ore 4 RSPP D.L esenti dalla formazione e nominati prima del 31/12/2006 RSPP D.L che hanno frequentato un corso conforme al D.M 16/01/1997, D.Lgs 626/94 e D.Lgs 81/08

Dettagli

Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo

Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo Addestramento D.P.I. per la discesa nel vano trasformatore Addetti alla conduzione di carrelli elevatori industriali semoventi con conducente a bordo con Azienda Addetti alla manutenzione di estintori

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli