Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ"

Transcript

1 Analisi comparativa costi di costruzione CASA ATTIVA ØØØ Il presente articolo ha lo scopo di evidenziare come, attraverso una ottimizzazione e riorganizzazione del modo di costruire tradizionale, sia possibile a sostanziale parità di costo di costruzione, ottenere un forte miglioramento delle qualità energetiche degli edifici tali da diventare essi stessi motori di un aumento della capacità di vendita e quindi dei ricavi del costruttore e della convenienza agli acquirenti. L indagine seguente, nasce dall esperienze maturate da soci e collaboratori de La Casa Attiva Società di ingegneria, nel costruire edifici ad alte prestazioni energetiche, ma soprattutto alloggi secondo il modello brevettato Casa Attiva ØØØ. Lo studio ha definito un Costo di Costruzione di Riferimento Unitario (CCRU Euro/mq), sulla base dei lavori necessari ad ottimizzare energeticamente una nuova costruzione situata in un territorio a rischio sismico e zona climatica D (centro Italia). I prezzi unitari sono stati definiti tenendo conto: delle varie soluzioni adottate; dopo un attenta rilevazione sul mercato locale (TE feb. 12); restando al di sotto dei massimali fissati dallo Stato per l Edilizia Residenziale Pubblica e di quelli correnti per la compravendita d alloggi. IL CCR viene definito come limite al di sotto del quale non è possibile oggi scendere, alla luce dell attuale livello dei prezzi dei materiali, noleggi, mano d opera, mezzi ed attrezzature, oneri per la sicurezza e tenuto conto degli oneri finanziari, acquisizione aree, urbanizzazione e burocratici. Si è proceduto nella logica dell imprenditore puro, che investe il proprio capitale per l esecuzione dei lavori e che procede mediante l utilizzo di imprese e ditte artigiane per la realizzazione delle diverse categorie di lavori. A tal proposito, si vuole evidenziare che un impresa di costruzione che dispone di mezzi, operai e materiali, può perseguire un ulteriore significativo abbattimento dei costi di produzione, rendendo ultravantaggiosa la soluzione de La Casa Attiva. Attraverso il coordinamento di tutti gli intervenuti, viene assicurato il perseguimento dell obiettivo della buona qualità del costruito (che per i miglioramenti della qualità energetica è fondamentale) e dell adeguata remunerazione del capitale di rischio (secondo quanto anche definito del capitolato generale delle opere pubbliche come più avanti quantificato). Per poter ragionevolmente perseguire alcuni obiettivi importanti nella gestione delle applicazioni delle soluzioni di cui al brevetto, sono stati definiti alcuni punti fondamentali che di seguito si elencano: a) definizione di un prezziario a costi unitari sia a misura che a corpo con voci ben specificate riferibili a una specifica categoria dei lavori, corrispondente ad una precisa modalità di misurazione in modo di meglio corrispondere agli usi e consuetudini del settore delle costruzioni anche per la fase contrattuale; ciò consentirà con assoluta precisione, di definire i costi realizzativi di ogni categoria di lavori e poter operare con budget predefiniti per far corrispondere con esattezza l avanzamento dei lavori con l avanzamento dei costi realizzativi ai fini anche della programmazione e gestione della sua attuazione; b) porre in essere un computo metrico estimativo che consenta di legare realmente i preventivi ai prezzi e modalità di misura di largo uso che si utilizzano nei rapporti contrattuali privati tra imprese e ditte artigiane locali e quindi comprensibili da tutti gli operatori, abbandonando la computazione attraverso l utilizzo di prezziari regionali che presentano il limite di una non adeguata organizzazione delle voci di 1

2 prezzo per la infinita parcellizzazione delle stesse che non permettono di procedere con velocità, logica di corrispondenza e chiarezza; c) ottenere, attraverso l utilizzo di prezzi di costruzione unitari delle singole categorie di lavori definiti come al punto a), un chiaro strumento di confronto con il mondo delle imprese e degli artigiani da coinvolgere nel processo costruttivo, al fine di definire rapporti trasparenti, corretti, affidabili ed eticamente inappuntabili; questo per assicurare prezzi ragionevolmente remunerativi, per far corrispondere al prezzo la qualità del costruito, per l attuazione consapevole di tutte le norme sulla sicurezza a tutela della salute ed incolumità dei soggetti coinvolti nonché, nel caso in esame, per assicurare anche un sistema qualità da poter certificare alla luce dell importanza che le caratteristiche dell involucro e le soluzioni energetiche assumono; d) definire costi di costruzione di edifici ed immobili con le soluzioni di cui al brevetto, come limite al di sotto del quale non è possibile scendere, per un riferimento certo nelle conseguenti valutazioni dei prezzi di vendita e favorendo così un vantaggio competitivo, essendo possibile definirli attraverso il confronto con i prezzi di mercato nelle varie fasi del ciclo economico o avendo di fronte le tematiche del social housing, in modo da poter consentire un adattamento alle convenienze espresse dal mercato; e) poter agevolmente definire con i costi di costruzione minimi i prezzi di vendita, potendo accettare a priori un livello di remunerazione del capitale tale da consentire forte competitività rispetto ai prezzi di mercato ed alla vendita di edifici ed immobili a classe energetica superiore che possono assicurare anche vantaggi economici per gli acquirenti. Alla luce di tali assunzioni, per poter definire una precisa caratterizzazione dell offerta generata dall idea imprenditoriale che si presenta in un mercato che vede l offerta stessa creare la domanda, si è proceduto ad una progettazione di un intervento definito in ogni parte in modo da essere assunto come modello su cui costruire concretamente le diverse valutazioni. La valutazione tiene conto quindi dei seguenti elementi: a) si è proceduto alla progettazione esecutiva di un intervento con due corpi di fabbrica per complessivi n 12 alloggi di pezzatura diversa applicando soluzioni costruttive tradizionali di base, tali comunque, da portare gli immobili ad una classificazione energetica di tipo CLASSE C alta definendo attraverso il computo metrico estimativo dell intervento stesso il Costo di Costruzione di Riferimento; b) si è ripetuta l operazione di cui al punto a) per valori della classe energetica di valore diverso, come più avanti evidenziato, prevedendo prima all aumento delle caratteristiche energetiche dell involucro (attraverso l aumento dei quantitativi di materiali idonei) abbinata all impiantistica tradizionale (energia elettrica e gas) e successivamente, con l integrazione del solare termico per l Acqua Calda Sanitaria (ACS); c) si è ripetuta l operazione di cui al punto a) e b) con applicazione della soluzione costruttiva di CASA ATTIVA posta a base dell idea imprenditoriale in modo da permettere un confronto diretto. In ragione dell obiettivo di utilizzare parametri di costo unitari per il confronto dei prezzi, si è assunto come base di confronto la Superficie Commerciale di Vendita (SCV). La SCV che si utilizza localmente in tutte le contrattazioni, è costituita da: superficie utile + superficie di murature, tramezzi, pilastri soglie e stipiti (cioè la superficie lorda) + 50%della superficie lorda garage e fondaci + 25%della superficie di balconi e terrazze. La definizione del Costo di Costruzione finale utilizzato per le valutazioni, è stata eseguita con riferimento alle seguenti voci: 1. costi di produzione edificio (compreso oneri sicurezza); 2

3 2. pagamento oneri di urbanizzazione; 3. spese per progettazione compreso computazione, calcoli strutturali, direzione lavori, coordinatore sicurezza in fase progetto e di cantiere, calcoli termici ed impiantistici in fase progetto e finale con certificazione, calcoli acustici, indagini e relazioni geologiche; 4. spese notarili e di accatastamento; 5. acquisizione area edificabile; 6. oneri finanziari diversi; 7. spese per imprevisti. Con tale elenco di poste di costo, si è definito il Costo di Costruzione di Riferimento (CCR). Il CCR ragguagliato alla SCV, ha permesso di ricavare il Costo di Costruzione di Riferimento Unitario (CCRU). COMPUTO METRICO ESTIMATIVO PER LA DEFINIZIONE DEL CCR Il progetto esecutivo posto in essere per i 12 alloggi di pezzatura diversa è organizzato in due corpi di fabbrica: Corpo C e Corpo B e con tipologia costruttiva tradizionale in linea con due piani fuori terra e piano seminterrato e con classe energetica tipo C alta (definito come valore medio di tutti gli alloggi). Per i due corpi di fabbrica A e B, sono stati condotti due distinti computi metrici estimativi che riuniti permettono di definire un valore di riferimento. I risultati sono stati i seguenti: COSTI Corpo A Corpo B 1. Costi di Produzione , ,00 2. Oneri di Urbanizzazione 6.000, ,00 3. Spese progettazione, D.LL, ecc , ,00 4. Spese Notarili ed Accatastamento 5.000, ,00 5. Acquisizione Area Edificabile , ,00 6. Oneri Finanziari diversi , ,00 7. Spese per imprevisti 2.000, ,00 Costo Costruzione Riferimento (CCR) , ,00 TOTALE CCR ,00 (*) (*)Tale costo riferito alla classe energetica Tipo C alta. Allo stesso modo per la Superficie Commerciale di Vendita: SUPERFICI Corpo A (mq) Corpo B (mq) Superficie Commerciale di Vendita (SCV) 395,22 881,88 TOTALE (SCV) 1277 (*) (*)Arrotondato Si è quindi calcolato il Costo di Costruzione di Riferimento Unitario (CCRU) come CCR/SCV: COSTI CCR (Euro) SCV (mq) CCRU(Euro/mq) Costo Costruzione di Riferimento Unitario (CCRU) , ,00 892,00(*) (*)Tale costo riferito alla classe energetica Tipo C alta A fronte delle stime di cui sopra, si è proceduto anche la definizione di altri due parametri importanti ed esattamente: Superficie Media di Vendita Unità Immobiliare (SMVI); Prezzo di Vendita Singola Unità Immobiliare (PVSI). La Superficie Media di Vendita Unità Immobiliare (SMVI)è stata ricavata come segue: 3

4 SUPERFICI SCV (mq) N alloggi SMVI (mq) Superficie Media di Vendita Unità Immobiliare (SMVI) 1277, ,42 Per il Prezzo di Vendita della Singola Unità Immobiliare (PVSI), in ragione dell assunzione d operare come imprenditore puro, si applica al Costo di Costruzione di Riferimento Unitario CCRU) un aumento del 24%, in linea con il capitolato generale di appalto per le opere pubbliche (art. 32 comma 2 DPR 217/2010) di cui il 10%per utile d impresa e 14%per spese di organizzazione e gestione dei cantieri. In tal modo si determina : PREZZO CCRU (Euro) Incr. % PVSI (Euro/mq) Prezzo di Vendita Singola Unità Immobiliare (PVSI) 892,00 1, ,08 A partire dal CCRU e corrispondente SMVU, è stato possibile attivare un confronto completo tra diverse ipotesi di classi energetiche. Con i valori ricavati si determina anche il Valore di Vendita Medio dell Unità Immobiliare (VVMI) come segue: PREZZO PVSI (Euro/mq) SMVI (mq) VVMI (Euro) Valore Vendita Medio dell Unità Immobiliare (VVMU) 1.106,42 106, ,03 CONFRONTO CLASSI ENERGETICHE Per il confronto degli alloggi organizzati nei due corpi di fabbrica A e B, si è preso a riferimento la valutazione: delle caratteristiche involucro; delle caratteristiche degli impianti (riscaldamento, ACS). La classificazione energetica riguarda sostanzialmente il sistema edificio-impianto e quindi da un lato occorre indagare sulle caratteristiche dell involucro e dall altro sulle caratteristiche dell impianto in particolare riscaldamento, ACS ed energia ausiliaria in quanto assumono valore centrale nel processo di certificazione. Infatti, si può operare entro limiti ampi a partire da un modello tipo casa passiva (mirato più al potenziamento dell involucro e ai modi di sfruttare l irraggiamento del sole), fino al limite opposto di casa attiva (mirato al bilanciamento tra caratteristiche dell involucro ed utilizzo di energia elettrica autoprodotta da fonti rinnovabili per tutte le funzionalità). In campo energetico, per una corretta analisi delle caratteristiche termiche dell involucro, occorre considerare: - caratteristiche del solaio di copertura (inclinato o orizzontale); - caratteristiche delle pareti laterali (muratura,tamponature e pareti composite); - caratteristiche solaio di calpestio (intermedio, verso terra e verso locali non riscaldati); - caratteristiche di finestre (infissi e vetri); - caratteristiche dei ponti termici e livelli di correzione; - integrazione dell edificio rispetto alle caratteristiche geografiche, morfologiche e climatiche; Per il completamento dell analisi occorre poi considerare: - tipologia impianto di riscaldamento; - modalità di produzione di ACS; - modalità di utilizzo dei contributi energetici dati dall energia solare termica per l ACS. Per confrontare tali risultati, sono state poi valutate le caratteristiche energetiche e impiantistiche di CASA ATTIVA. In tale contesto si è prodotto, a partire dalla modalità esecutiva delle costruzioni prima dell obbligo della certificazione energetica, un prospetto di confronto 4

5 con le diverse ipotesi di classe energetica e con il raffronto dei diversi costi come indicato nella tabella. Tabella 1 - Tabella comparativa dei costi di produzione e dei ricavi in relazione alle classi energetiche (CCRU: Costo di Costruzione di Riferimento Unitario; PVU: Prezzo di Vendita Unitario; SMV: Superficie Media di Vendita; VVU: Prezzo di Vendita Unita Si evidenzia che, all aumentare delle caratteristiche termiche dell involucro (aumento delle coibentazioni e riduzione ponti termici), aumenta la qualità della classe energetica con il corrispondete aumento dei costi. L aumento delle classi energetiche pregiate (A alta ed A+), prevede un ulteriore aumento dei costi generati dall impianto solare termico per ACS. A tal proposito, si noti anche come, lavorando solo sull involucro, si può ottenere una classificazione A, indicata come livello medio, in quanto l intervallo di energia primaria è dell ordine di circa 20 kwh/mq anno. Questo consente buone prestazioni, senza integrazione con energia rinnovabili. Di tutta evidenza emerge che la soluzione CASA ATTIVA è la più conveniente sia perché fuori classe e sia per il contenimento del costo, anche minore della classe A+, con la possibilità di detrazione del costo dell impianto fotovoltaico al punto da essere più vantaggioso della soluzione costruttiva per classe B. Si vuole far risaltare, che i prezzi unitari definiti sono comunque tutti al di sotto dei prezzi correnti per la compravendita di alloggi sul mercato e comunque al di sotto dei massimali fissati dallo Stato per l edilizia residenziale pubblica. Per la soluzione CASA ATTIVA caratterizzante il progetto imprenditoriale, i costi relativi alla realizzazione di un impianto fotovoltaico di circa 6 KW (da un minimo di 5 kw ad un massimo di 6 KW a seconda della pezzatura delle unità immobiliari) e quindi facente parte integrante della costruzione è stato considerato nella quantificazione del CCRU. 5

6 A tal proposito si evidenzia che la soluzione di cui al brevetto, entra in una classe energetica superiore di quella proposta dalla normativa (zero consumo di energia primaria da fonti fossili, zero emissioni di gas climalteranti, zero spesa energetica), assumendo come caratteristica termica dell involucro quella definita per la classe energetica di tipo B e quindi consentendo un livello di costo di costruzione dell involucro più contenuto della classe energetica di tipo A o A+. Tale situazione permette di utilizzare i risparmi ottenibili dall involucro, comunque di qualità, per la realizzazione dell impianto fotovoltaico di circa 6 KW per ogni unità immobiliare in modo da permettere la realizzazione di edifici dotati di autoproduzione di Energia Elettrica rinnovabile in quantità tale da soddisfare tutte le modalità d uso (riscaldamento, ACS, cucina, elettrodomestici, illuminazione, altri usi). Si concretizza così il modello di CASA ATTIVA ØØØ, con costi di realizzazione e prezzi di vendita migliori delle altre soluzioni e un fattore sociale da non trascurare, per mantenere il prezzo d accesso all abitazione alla portata dei redditi ordinari e quindi con base di mercato estremamente allargata compreso la maggior capacità di accesso al credito. A tale vantaggio, si somma anche quello assicurato dal soddisfacimento dei fabbisogni di energia annuali per tutte le funzionalità mediante energia autoprodotta. Questo consente l azzeramento della spesa energetica annuale con forte recupero della stessa stimabile mediamente per consumi tipo standard in circa 200,00/mese (valutato sulla spesa media annua data da spesa per energia elettrica più gas naturale) per una famiglia tipo. Non si è voluto di proposito considerare il conto energia per il fotovoltaico, perché per la particolare politica italiana nel settore tale opportunità si esaurirà molto presto e difficilmente sarà rifinanziata come le recenti politiche governative ci evidenziano. In questa sede, è d interesse proprio il fatto che l impianto fotovoltaico venga considerato parte della costruzione, con costi finali di costruzione che già considerano tale incidenza e che permettono il finanziamento dal mercato. Ulteriori vantaggi sono perseguibili anche in riferimento alla diversa tecnologia costruttiva utilizzabile (case in muratura o in legno), alle quali la soluzione del brevetto si adatta pienamente e quindi rende ancora più competitivo il sistema CASA ATTIVA ØØØ. Si segnala infine l importante ulteriore vantaggio che si ottiene nel caso di applicazione dei modelli costruttivi de La Casa Attiva Società di ingegneria, ad interventi di ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente (altra base di mercato estremamente ampia), in quanto l insieme di soluzioni tecniche applicabili al sistema edificio-impianti esistente, consente interventi edilizi meno invasivi, con minore incidenza di demolizioni e sostituzioni impiantistiche accoppiate ad un equilibrato miglioramento delle qualità termiche dell involucro, senza necessità di interventi massivi e conseguenti bassi investimenti in modo da poter concentrare le risorse disponibili su esigenze prioritarie come la riqualificazione anti-sismica. Si è voluto considerare il vantaggio della sopravvenienza di tale risparmio a favore degli acquirenti, per l evidente effetto competitivo e per il valore aggiunto alla qualità energetica dell unità immobiliare e quindi di forte appetibilità dell offerta creata in un mercato che guarderà a tali valori con sempre più attenzione. 6

Efficienza energetica degli immobili

Efficienza energetica degli immobili Efficienza energetica degli immobili Di cosa ci occupiamo? Horus Energia Ambiente s.r.l., specializzata nel campo dell efficienza energetica degli edifici civili ed industriali, offre ai propri clienti

Dettagli

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future

Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Serramenti a risparmio energetico: prospettive future Quanto inquiniamo? U.S.A. ogni persona produce 22 tonnellate di CO2 all anno. anno. EUROPA ogni persona produce 8 tonnellate di CO2 all anno. anno.

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico.

La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. La certificazione energetica degli edifici : strumento innovativo di risparmio energetico. Il CERTIFICATO ENERGETICO : la Direttiva Europea 2002/91/CE del Parlamento e del Consiglio del 16 dicembre 2002

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN)

Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN) Esperienza imprenditoriale di edilizia residenziale ad alta prestazione energetica: Residenza Arcadia Alba (CN) Residenza Arcadia Alba (CN) caratteristiche del fabbricato Edificio di 5-6 piani fuori terra

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA GEOMETRA MONTALTI GIANFRANCO Via Fioravanti n. 21 40129 BOLOGNA Tel. 051 364384 - Fax 051 364384 E-mail: gianfranco.montalti@collegiogeometri.bo.it TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CASTELLALTO

COMUNE DI CASTELLALTO COMUNE DI CASTELLALTO ACCORDI DI URBANISTICA NEGOZIATA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI TRASFORMAZIONE URBANISTICA - ALLEGATO A (BOZZA DEL 18.04.2013) Ufficio Urbanistica via Madonna degli Angeli,

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Palermo 9 marzo 2005 L uso razionale delle risorse energetiche è un tema di crescente rilevanza nelle politiche di sviluppo

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente

AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente KYOTO CLUB AUDIT ENERGETICO SOSTENIBILE Tecniche e procedure per la valorizzazione ambientale del patrimonio edilizio esistente UTEE UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA La qualità energetica del patrimonio

Dettagli

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici

Linee guida per l efficienza energetica degli edifici 2 Linee guida per l efficienza energetica degli edifici n Premessa Le linee guida per l efficienza energetica degli edifici in attuazione del decreto di modifica del D.Lgs. 192 del 2005 sono in corso

Dettagli

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica

AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica San Giovanni in Persiceto, 11 febbraio 2015 AMIANTO Contributi a supporto degli interventi di bonifica RIMOZIONE AMIANTO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Incontro tematico per le aziende di

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Verso una qualità energetica certificata: L esperienza di SACERT Dott. Ing. Paolo Cocchi Coordinatore Regione Emilia Romagna per SACERT Ferrara, 27/09/2007 contatto: 349 / 18 68 488 PROBLEMATICHE ENERGETICHE

Dettagli

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO

REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Allegato parte integrante Allegato A ALLEGATO A REQUISITI MINIMI DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE, CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E RELATIVA METODOLOGIA DI CALCOLO IN PROVINCIA DI TRENTO Pag. 1 di 6 All. 002

Dettagli

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura

Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Programma per l adozione di misure per il risparmio energetico nel settore delle Case di Cura Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso.. VI SORPRENDERETE A FARE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi

Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Il recepimento della Direttiva UE 2010/31 Stato di avanzamento ed indirizzi normativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Recepimento Direttiva 31/2010/UE

Dettagli

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12.

L edificio oggetto di intervento è situato a Pisa, in via San Benedetto n.10/12. Progetto di ricerca Dottorato in Scienze e Tecniche dell Ingegneria Civile dell Università di Pisa su proposta di APES scpa su un campione di edifici di Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di

Dettagli

conto energia termico

conto energia termico conto energia FV FER TO certificati verdi detrazioni fiscali 50% e 65% certificati bianchi o TEE conto energia termico decreto ministeriale 28 dicembre 2012 incentivazione della produzione di energia termica

Dettagli

Costo globale. Il costo globale

Costo globale. Il costo globale Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Costo globale Il costo globale Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Il costo di costruzione è la spesa per la produzione

Dettagli

Chi l ha detto che la qualità costa cara?

Chi l ha detto che la qualità costa cara? Chi l ha detto che la qualità costa cara? al giusto prezzo bella e green Casadieci è il frutto di un lungo e attento studio delle migliori tecniche e materiali che è oggi possibile impiegare nelle costruzioni

Dettagli

Individuazione edificio e unità tipologica

Individuazione edificio e unità tipologica Individuazione edificio e unità tipologica Diagnostica SCHEDA 1 Fotografia e descrizione stato di fatto Fotografia Fotografia Descrizione stato di fatto L edificio è stato costruito nel 1958, è caratterizzato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo a.a. 2007-08 Docente: Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Il costo globale Costo globale Il costo di costruzione è

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a. Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero. Comune di Monteveglio (BO)

Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a. Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero. Comune di Monteveglio (BO) Classe CasaClima GOLD < 10 kwh/m 2 a Nuova Scuola Primaria a 15 classi Edificio a impatto zero Comune di Monteveglio (BO) UBICAZIONE Provincia: Comune: via: Coordinate (lat., long.): Altitudine: Bologna

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

THS: un idea semplice, per un lavoro complesso.

THS: un idea semplice, per un lavoro complesso. THS srl unipersonale via Borgo Vicenza 38, Castelfranco Veneto (TV) telefono 0423 492768 fax 0423 724019 www.thsgroup.it info@thsgroup.it THS: un idea semplice, per un lavoro complesso. Un solo coordinamento,

Dettagli

AMIANTO: LE POSSIBILI SOLUZIONI La fattibilità economica degli interventi

AMIANTO: LE POSSIBILI SOLUZIONI La fattibilità economica degli interventi Bologna, 26 novembre 2014 AMIANTO: LE POSSIBILI SOLUZIONI La fattibilità economica degli interventi Amianto ed energia: il problema e le possibili soluzioni per le aziende Incontro tematico per le aziende

Dettagli

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE

RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE RES RETE EFFICIENZA SOSTENIBILE "I venti dell'innovazione La sfida per l'energia del futuro" Lunedì 21 maggio Centro Congressi Ville Ponti di Varese PERCHE UNA RETE SULLA EFFICIENZA SOSTENIBILE Nasce dalla

Dettagli

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono

1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono 1. Nuovi e già vecchi 2. In classe A si vive meglio 3. L edilizia da riqualificare 4. I vantaggi dei cappotti termici 5. Anche le archistar devono studiare 6. Ecoquartieri? «Tutti in classe A» è una campagna

Dettagli

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it

PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO. www.homesolar.it PROGETTO HOME SOLAR IL SOLE : UN AMICO PER IL RISPARMIO HOME SOLAR Il progetto è un abitazione monofamiliare con superficie pari a 220 m² totalmente ristrutturata, nel periodo 2010-2011, volto ad un risparmio

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

COSTRUIRE L EFFICIENZA ENERGETICA Secondo bando del Fondo Sperimentale per la promozione e l incentivazione dell efficienza energetica in edilizia

COSTRUIRE L EFFICIENZA ENERGETICA Secondo bando del Fondo Sperimentale per la promozione e l incentivazione dell efficienza energetica in edilizia COSTRUIRE L EFFICIENZA ENERGETICA Secondo bando del Fondo Sperimentale per la promozione e l incentivazione dell efficienza energetica in edilizia IL FONDO SPERIMENTALE 1 EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA

Dettagli

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena

Classe A < 8 kwh/m 3 a. Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà. Comune di Novi di Modena Classe A < 8 kwh/m 3 a Nuova Palestra in Via Martiri della Libertà Comune di Novi di Modena UBICAZIONE: Provincia: Comune: Via: Coordinate (lat. Long.): Altitudine: Modena Novi Martiri della Libertà 44

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

Risparmio energetico in edilizia Soluzioni per il risparmio negli edifici esistenti

Risparmio energetico in edilizia Soluzioni per il risparmio negli edifici esistenti Azione 1 RISPARMIARE ENERGIA a) AGIRE SUGLI STILI DI USO AGIRE SUI COMPORTAMENTI PERSONALI E DI GRUPPO b) CONOSCERE LO STATO ENERGETICO DEL PROPRIO EDIFICIO DIAGNOSI ENERGETICA AUDIT Cosa posso fare per

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

Procedimento sintetico di costo

Procedimento sintetico di costo Procedimento sintetico di costo La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del più probabile costo di costruzione di un opera fondata sul confronto dell opera da

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Gennaio 2015 Santa Lucia di Piave, lì 19 gennaio 2015 Oggetto: Finanziaria 2015 NOVITA E CONFERME PER IL 65% ( RISPARMIO ENERGETICO ) E 50 %( RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ) Con la Finanziaria

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE

RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE RICOSTRUZIONE L AQUILA PROGETTO C.A.S.E. E OPERE FONDAZIONE 1 Data di inizio dei lavori: 11 luglio 2009 Entità dell appalto affidato al Gruppo Orceana Wolf Haus ETS: costruzione di 21 edifici a struttura

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA

DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA DIAGNOSI ENERGETICA: IL PRIMO PASSO VERSO L EFFICIENZA Ing. Pascale Virginia studio_ing.pascale@libero.it http://certificazioneenergetica.myblog.it http://impiantifotovoltaici.myblog.it/ http://acustica.myblog.it/

Dettagli

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012

Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro. Roma 2012 Il ruolo del manutentore di impianti: prospettive per il futuro Roma 2012 La situazione del patrimonio edilizio pubblico e privato costituisce uno degli aspetti in cui si misura la distanza che spesso

Dettagli

Dal fotovoltaico rinnovabile alla green economy 22/10/10

Dal fotovoltaico rinnovabile alla green economy 22/10/10 Forum PD Sviluppo sostenibile Incontro tecnico micro e macro generazione fotovoltaica Forum sviluppo sostenibile 1 Produzione industriale di energia rinnovabile: Parchi eolici, parchi fotovoltaici; I limiti

Dettagli

Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria

Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria Cagliari, 23 maggio 2011 Aula Magna Facoltà di Ingegneria Intervento del prof. Giuseppe Desogus Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Architettura Giuseppe Desogus DIRETTIVA EUROPEA 2010/31/CE

Dettagli

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino Analisi preliminare per una proposta di efficientamento energetico Condominio in Torino Analisi preliminare Il condominio è un edificio di medie dimensioni composto da 60 unità abitative distribuite in

Dettagli

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO

PIANO CASA RISPARMIO ENERGETICO Normativa La realizzazione degli ampliamenti/ricostruzioni deve avvenire nel rispetto della normativa statale e regionale in materia sostenibilità energetico/ambientale e di bioedilizia. (art. 3, comma

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio

Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale. di Gabriella De Maio Incentivi fiscali ed efficienza energetica: dalle politiche comunitarie alla regolazione regionale di Gabriella De Maio La strategia energetica europea L UE considera l energia come un fattore essenziale

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300

Certificazione Energetica degli Edifici. Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Certificazione Energetica degli Edifici Anteprima Linee Guida Nazionali Procedure di Certificazione secondo UNI TS 10300 Bozza DM sulle Linee Guida Nazionali LINEE GUIDA NAZIONALI Bozza DM sulle Linee

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE

C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE C O M U N E D I S A L T A R A (Provincia di Pesaro e Urbino) UFFICIO TECNICO COMUNALE INTERVENTI DI POTENZIAMENTO, MESSA IN SICUREZZA ADEGUAMENTO ED EFFICIENTAMENTO ENERGETICO RETE DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100228 Validità:

Dettagli

PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55%

PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55% Circolare informativa n. 07/2013 (disponibile anche sul sito www.guidi-partner.it) A tutti i clienti LORO SEDI PROROGHE: PAGAMENTI IMPOSTE MOD. UNICO 2013 e DETRAZIONI FISCALI 50% E 55% 1) PROROGA VERSAMENTI

Dettagli

Sicurezza e risparmio energetico

Sicurezza e risparmio energetico Sicurezza e risparmio energetico nell'edilizia edilizia residenziale pubblica Anna Maria Pozzo Federcasa Milano, 25 marzo 2010 Il contesto residenziale il settore residenziale vale il 40% dei consumi europei

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

VERONA CONFCOMMERCIO 25 marzo 2010

VERONA CONFCOMMERCIO 25 marzo 2010 VERONA CONFCOMMERCIO 25 marzo 2010 CAPITOLO 01 NORMATIVA NAZIONALE RIASSUNTO REGIONI PERCHE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA? IERI OGGI Molta struttura zero impianti Nessun consumo energetico Molti impianti,

Dettagli

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO

AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO 1 AUTOCONSUMO ELETTRICO: UN NUOVO FUTURO PER IL FOTOVOLTAICO Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Definizione di autoconsumo e vantaggi generali dell autoconsumo. Come riportato

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Diagnosi energetica degli edifici

Diagnosi energetica degli edifici Diagnosi energetica degli edifici Che fare? Consigli preliminari Prima di qualsiasi intervento rivolto a migliorare l edificio si consiglia di compiere una diagnosi completa delle prestazioni energetiche

Dettagli

Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT

Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT 2 Giornata Sull uso razionale dell Energia Negli edifici civili e del terziario Associazione Italiana Economisti dell Energia Verso una qualità energetica certificata degli edifici: l esperienza di SACERT

Dettagli

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA

RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Comune di Brusaporto Provincia di Bergamo RUOLO DEL COMUNE NEL CAMPO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Brusaporto, Ing. Roberto Menga Assessore Urbanistica, Territorio e Protezione Civile Indice Il

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

X Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Oggetto dell'attestato Nuova costruzione X Residenziale Intero edificio X Passaggio di proprietà Non residenziale X Unità immobiliare Locazione Gruppo di unità immobiliari

Dettagli

con detrazione del 36% e quella con detrazione del 55% per interventi volti a intensificare il risparmio

con detrazione del 36% e quella con detrazione del 55% per interventi volti a intensificare il risparmio Capitolo Terzo Confronto tra le due misure agevolative di detrazione del 36% (50%) e del 55% per interventi volti a intensificare il risparmio energetico nei fabbricati Sommario: 1. Nota introduttiva.

Dettagli

TermoCheck A + 5 passi verso la qualità ed il comfort abitativo... risparmiando

TermoCheck A + 5 passi verso la qualità ed il comfort abitativo... risparmiando TermoCheck A + 5 passi verso la qualità ed il comfort abitativo... risparmiando Offerta Progettazione Finanziamento Rilievi Esecuzione TermoCheck A + 1 passo RILIEVI Rilievi in loco e analisi delle esigenze

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica

Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica In collaborazione con: Stumenti per la pianificazione degli interventi di riqualificazione energetica Treviglio 23/10/2013 Amedeo Servi, Ufficio Tecnico Hoval Comitato tecnico scientifico: Che cos è la

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

RENOVATE.DESIGN.BUILD.Easy for you COMPANY PROFILE

RENOVATE.DESIGN.BUILD.Easy for you COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE LA TUA CASA. LA TUA IMMAGINE CI PENSIAMO NOI Proponiamo servizi di ristrutturazione e restauro allinclusive. Ci occupiamo noi di tutti gli aspetti tecnici, organizzativi e burocratici.

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica

CRESCERE. Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi CON EFFICIENZA. Massimo Filippi Matteo Manica CRESCERE CON EFFICIENZA Titoli di Efficienza Energetica ed altri incentivi Massimo Filippi Matteo Manica DM 21 dicembre 2015 Contributi alle PMI per diagnosi energetiche e certificazione ISO 50001 Finalità

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico Evoluzione Energetica La selezione naturale del risparmio energetico PER VIVERE A UN LIVELLO SUPERIORE ESPERTI DI DENTRO E DI FUORI Dalla E alla A: con Energetica Consulting il passaggio alle classi superiori

Dettagli

Perché costruire un edificio ad elevata efficienza energetica? Ing. Valeria Erba

Perché costruire un edificio ad elevata efficienza energetica? Ing. Valeria Erba Perché costruire un edificio ad elevata efficienza energetica? Dal catasto energetico di Regione Lombardia risulta al 28/09/2013 1161 ed. CLASSE A+ 7476 ed. CLASSE A 49803 ed. CLASSE B Malgrado la CLASSE

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

un nuovo modo di abitare.

un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. un nuovo modo di abitare. CasaClima, naturalmente tua. A Grotte Santo Stefano (VT), Via Sardegna n. 9 lena_zajchikova - Fotolia.com Casa tradizionale Casa in CLASSE A+ certificata

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani

Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani Predisposizione di strumenti per il risparmio energetico nella pubblica illuminazione e per lo sviluppo del fotovoltaico nei Comuni Italiani POLITICHE DI RISPARMIO ENERGETICO Progetto di adeguamento e

Dettagli

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI Una serata..energetica ADEGUAMENTO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE SECONDO STANDARD DI RISPARMIO ENERGETICO SU BASE DI INTERVENTI SPECIFICI VOLTI A MIGLIORARE IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO EDIFICIO

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo Area Ambiente bando 2012 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

Finanziare il risparmio energetico e la qualità abitativa: una chiave per il futuro.

Finanziare il risparmio energetico e la qualità abitativa: una chiave per il futuro. Finanziare il risparmio energetico e la qualità abitativa: una chiave per il futuro. A.E.S.S. di Modena Nonantola, 13 maggio 2011 Gian Luca Cazzola Responsabile Servizio Imprese Perché aumentare l efficienza

Dettagli

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI)

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI) MODELLO A Stresa, lì. Prot. N.. Spett.le Sportello Unico Edilizia Privata Comune di Stresa OGGETTO: DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO

Dettagli