DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI"

Transcript

1 Settore Politiche del Lavoro e Formazione Professionale Sezione Politiche Formative PERCORSI DI QUALIFICA PROFESSIONALE PER ADOLESCENTI IN PROVINCIA DI VARESE DESCRIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI - - Marzo

2 INDICE PRESENTAZIONE 1 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI 2 ENTI GESTORI DI CORSI DI QUALIFICA PROFESSIONALE PER ADOLESCENTI 7 LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE 8 ACCONCIATURA ESTETICA Acconciatore femminile e maschile 9 Estetista 10 AGRICOLTURA Operatore in floro-orto-frutticoltura, vivaismo, giardinaggio 11 ARTIGIANATO ARTISTICO Addetto alla lavorazione dei metalli in arte orafa 12 CORSI PER DISABILI Addetto ai servizi distributivi e alla ristorazione collettiva 13 Formazione al lavoro allievi disabili (flad) IAL Saronno 14 Formazione al lavoro allievi disabili (flad) CFPIL Varese 15 Formazione al lavoro allievi disabili (flad) Comune di Saronno 16 Formazione al lavoro allievi disabili: addetti ai servizi mensa e pulizia 17 Formazione al lavoro allievi disabili: lavorazioni artigianali 18 ELETTRICITA ELETTRONICA Installatore manutentore di impianti elettrici in bassa tensione (Elettricista) 19 Montatore riparatore elettrico 20 DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Addetto alle vendite 21 GRAFICA FOTOGRAFIA CARTOTECNICA Operatore cartotecnico e legatore 22 Operatore del digital imaging 23 Operatore di prestampa 24 Stampatore offset 25

3 INDUSTRIA ABBIGLIAMENTO PELLI Operatore d abbigliamento 26 INDUSTRIE ALBERGHIERA E RISTORAZIONE Aiuto cuoco 27 Operatore sala bar 28 INDUSTRIA ALIMENTARE Panificatore pasticcere 29 INFORMATICA Operatore informatico di supporto 30 LAVORI D UFFICIO Addetto ai servizi d impresa: indirizzo segreteria 32 Addetto ai servizi di segreteria e alla gestione degli acquisti e delle vendite 33 LEGNO MOBILI ARREDAMENTO Addetto alle lavorazioni di falegnameria 34 MECCANICA METALLURGIA Costruttore montatore di gruppi meccanici 35 Operatore addetto alla lavorazione di occhiali e lenti oftalmiche 36 Operatore alle macchine utensili 38 Installatore manutentore di impianti termoidraulici (Idraulico) 39 Manutentore riparatore di autoveicoli 40 Montatore manutentore meccanico 41

4 1 PRESENTAZIONE La presente pubblicazione raccoglie le descrizioni sintetiche dei profili professionali in uscita dai percorsi di qualifica destinati ad adolescenti attivati nell ambito del sistema della Formazione Professionale in provincia di Varese. La prima edizione pubblicata nel mese di gennaio 2003 presentava lo stralcio delle sole schede delle figure professionali redatte dal gruppo di lavoro Orientamento giovani disabili nel mese di aprile 2002, nell ambito dell ampio manuale a supporto per l orientamento di adolescenti disabili, anch esso disponibile sul sito provinciale. Questa nuova raccolta è stata integrata con le attività corsuali che sono state inserite nel corso dell anno formativo 2002/2003. Le qualifiche rilasciate dai Centri di Formazione Professionali che hanno attivato percorsi pluriennali destinati ad adolescenti sono raggruppate in base alla classificazione dei settori messa a punto a livello nazionale dall Isfol ed attualmente utilizzata anche per le attività di Fondo Sociale Europeo. Tale classificazione viene riportata nelle pagine seguenti, nella sua articolazione a 4 cifre (settore e sub-settore), in quanto presenta elementi di differenza rispetto alle definizioni settoriali adottate in regione Lombardia per i piani provinciali sino all anno formativo 2001/2002. Per gli operatori interessati è altresì disponibile sul sito provinciale della Formazione Professionale (>>Documentazione>>Studi e ricerche) il file prodotto dall Isfol contenente il raffronto con le codifiche Istat delle attività economiche. Per i percorsi di Formazione al Lavoro Allievi Disabili, si è ritenuto opportuna una descrizione per Ente attuatore, stante la specificità di ogni contesto operativo. Nell ambito dei percorsi di qualifica professionale per adolescenti (principlamente biennali, ma prossimamente destinati a divenire triennali a seguito della recente approvazione della riforma del sistema scolastico-formativo) la Provincia di Varese è impegnata sin dall anno 2000 a definire modalità attuative che prevedano l aggiunta al percorso curriculare di moduli che consentano agli utenti di fruire di attività di recupero / approfondimento anche a livello individuale o di piccoli gruppi. Tale sperimentazione, coordinata da uno specifico gruppo di lavoro che si avvale della collaborazione del prof. Dario Nicoli, ha preso concretamente avvio a partire dall anno formativo 2001/2002 e, per il 2003/2004, prevede la realizzazione (mediamente) di annualità di ore, di cui 100 dedicate alle predette azioni di sostegno. Varese, 27 marzo 2003 L Assessore al Lavoro e alla Formazione Professionale Andrea Pellicini

5 2 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI (*) Settore / Sub-settore DESCRIZIONE 00 CORSI PER DISABILI ED ADOLESCENTI IN SVANTAGGIO 01 AGRICOLTURA 01 CONDUZIONE, AMMINISTRAZIONE, COMMERCIALIZZAZIONE 02 ZOOTECNICA 03 COLTIVAZIONE, IRRIGAZIONE, CONCIMAZIONE, FITOPATOLOGIA 04 COLTURE CEREALICOLE 05 COLTURE FORAGGERE, ERBACEE, ARBOREE 06 COLTURE FORESTALI 07 FLORICOLTURA, GIARDINAGGIO, MANUTENZIONE VERDE PUBBLICO 08 FRUTTICOLTURA 09 ORTICOLTURA 10 OLIVICOLTURA 11 VITICOLTURA, ENOLOGIA 12 COLTURE PROTETTE 13 COLTIVAZIONI PURIME, COLTIVAZIONE E ALLEVAMENTO 14 MECCANIZZAZIONE AGRICOLA E FORESTALE 15 AGRITURISMO 16 VARIE 02 PESCA E ACQUACOLTURA 01 PESCA E ACQUACOLTURA 03 INDUSTRIA ESTRATTIVA 01 INDUSTRIA ESTRATTIVA 04 MINERALI NON METALLIFERI 01 LAVORAZIONE MARMO 02 CERAMICA INDUSTRIALE 05 MECCANICA METALLURGIA 01 INGEGNERIZZAZIONE 02 DISEGNO MECCANICO 03 MACCHINE UTENSILI 04 MACCHINE A CONTROLLO AUTOMATICO, ROBOTICA 05 LAVORAZIONE AL BANCO 06 IMPIANTISTICA, TUBISTICA, TERMOIDRAULICA 07 CARPENTERIA, SALDATURA 08 CONTROLLI E MANUTENZIONE 09 MOTORISTI, CARROZZIERI 10 QUALIFICHE DI BASE E RIQUALIFICHE 11 CANTIERISTICA NAVALE 12 MACCHINE A VAPORE 13 ENERGETICA 14 VARIE (*) N.B.: In corsivo i codici introdotti a livello provinciale per esigenze di ricerca/selezione dal sistema informativo della Formazione Professionale della Provincia di Varese

6 3 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI (*) Settore / Sub-settore DESCRIZIONE 06 ELETTRICITA' ELETTRONICA 07 CHIMICA 08 EDILIZIA 01 ELETTRICITA' ELETTRONICA GENERALE 02 IMPIANTISTICA, RIPARATORI MANUTENTORI ELETTRICI 03 ELETTROMECCANICA 04 APPLICAZIONI ELETTRONICHE 05 RADIO TV, TELEMATICA, TELECOMUNICAZIONI 06 ELETTRAUTO 07 SISTEMI HARDWARE 08 VARIE 01 CHIMICA ANALITICA 02 CHIMICA INDUSTRIALE E BIOLOGICA 01 RILEVAZIONE, DISEGNO, PROGETTAZIONE 02 CONDUZIONE TECNICO AMMINISTRATIVA E CANTIERI 03 MURATORI, SCALPELLINI 04 CARPENTERIA 05 VERNICIATURA 06 MANUTENZIONE, RECUPERO EDILIZIO 07 VARIE 09 LEGNO MOBILI ARREDAMENTO 10 TRASPORTI 01 CONDUZIONE AZIENDALE 02 FALEGNAMERIA EBANISTERIA 03 MOBILI 04 ARREDAMENTO 05 TAPPEZZERIA 06 VARIE 01 SERVIZI DI SPEDIZIONE E TRASPORTO 02 TRASPORTI TERRESTRI 03 TRASPORTI NAVALI 04 VARIE 11 GRAFICA FOTOGRAFIA CARTOTECNICA 01 POLIGRAFIA 02 FOTOGRAFIA, OTTICA 03 PRODUZIONE CARTA, CARTOTECNICA 04 EDITORIA

7 4 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI (*) Settore / Sub-settore DESCRIZIONE 12 ARTIGIANATO ARTISTICO 01 LAVORAZIONE METALLI 02 LAVORAZIONE MARMO, PIETRA, CERAMICA 03 LAVORAZIONE LEGNO 04 LAVORAZIONE PAGLIA, VIMINI 05 OREFICERIA, ARGENTERIA, GIOELLERIA 06 LAVORAZIONE TESSUTI, RICAMO 07 LAVORAZIONE VETRO 08 LAVORAZIONE STRUMENTI MUSICALI 09 DECORAZIONE, MOSAICO, DORATURA 10 MANUTENZIONE E RESTAURO 11 VARIE 13 INDUSTRIA ALIMENTARE 01 LAVORAZIONE PRODOTTI AGRICOLI 02 LAVORAZIONE PRODOTTI LATTIERO CASEARI 03 LAVORAZIONE CONSERVE ALIMENTARI 04 LAVORAZIONE PRODOTTI DOLCIARI, LAVORAZIONE PASTARIA 05 LAVORAZIONE CARNI 06 VARIE 14 INDUSTRIA TESSILE 01 TESSITURA, FILATURA, TINTORIA 15 INDUSTRIA ABBIGLIAMENTO PELLI 01 STILISMO, MODELLISMO, INDOSSATORI 02 CONFEZIONE TESSUTI 03 MAGLIERIA 04 PELLICCERIA, (PELLETTERIA) 05 CALZATURE, PELLETTERIA 06 VARIE 16 ACCONCIATURA ESTETICA 17 TURISMO 01 ACCONCIATURA FEMMINILE 02 ACCONCIATURA MASCHILE 03 ESTETICA, MASSAGGIO 04 MANICURE PEDICURE 05 VARIE 01 AGENZIE E UFFICI TURISTICI 02 ACCOMPAGNATORI, ANIMATORI 03 VARIE

8 5 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI (*) Settore / Sub-settore DESCRIZIONE 18 SPETTACOLO SPORT E MASS MEDIA 01 ATTIVITA' ARTISTICHE 02 OPERATORI MASS MEDIA 03 ATTIVITA' SPORTIVE E LUDICHE 04 VARIE 19 LAVORI D'UFFICIO 01 CONDUZIONE AZIENDALE 02 CONDUZIONE AMMINISTRATIVA COMMERCIALE 03 GESTIONE COMMERCIALE, GESTIONE MAGAZZINO 04 GESTIONE AMMINISTRAZIONE PERSONALE 05 SEGRETERIA ADDETTI UFFICI 06 OFFICE AUTOMATION 07 QUALITA' PROCESSO PRODUTTIVO 08 LINGUE ESTERE 09 COMUNICAZIONE 10 SICUREZZA AZIENDALE 11 VARIE 20 COOPERAZIONE 01 CONDUZIONE COOPERATIVE 21 INDUSTRIE ALBERGHIERA E RISTORAZIONE 01 AMMINISTRAZIONE 02 RICEZIONE 03 SALA E BAR 04 CUCINA E RISTORAZIONE 05 SERVIZI 06 VARIE 22 CREDITO E ASSICURAZIONI 01 CREDITO E ASSICURAZIONI 23 ATTIVITA' PROMOZIONALI E PUBBLICITA' 01 MARKETING 02 FIERE E CONGRESSI 03 GRAFICA PUBBLICITARIA 04 VETRINISTA 05 VARIE 24 DISTRIBUZIONE COMMERCIALE 01 ABILITAZIONE COMMERCIALE 02 AGENTI, RAPPRESENTANTI 03 PUNTI VENDITA 04 VARIE

9 6 CODIFICHE ISFOL DEI SETTORI FORMATIVI (*) Settore / Sub-settore DESCRIZIONE 25 ECOLOGIA E AMBIENTE 01 IMPATTO E PROTEZIONE AMBIENTALE 02 RISORSE NATURALI 03 DEPURATORI, SMALTIMENTO RIFIUTI 04 VARIE 26 INFORMATICA 01 INFORMATICA GENERALE E DI BASE, INTRODUZIONE ALL'INFORMATICA 02 INFORMATICA E ORGANIZZAZIONE 03 AREE TECNOLOGICHE E APPLICAZIONE 04 ANALISTI PROGRAMMATORI, SISTEMISTI 05 OPERATORI GENERICI 06 RETI LOCALI E GEOGRAFICHE 07 SISTEMI MULTIMEDIALI 08 VARIE 27 BENI CULTURALI 01 PROTEZIONE, RESTAURO, MANUTENZIONE 02 VARIE 28 SERVIZI SOCIO EDUCATIVI 01 SERVIZI SOCIALI E SANITARI 02 SERVIZI EDUCATIVI 03 SERVIZI SANITARI 90 VARIE (Per la Provincia di Varese riferito ai corsi Polivalenti plurisettoriali) 99 VARIE 99 ATTIVITA' DI ORIENTAMENTO E SERVIZIO

10 7 ENTI GESTORI DI PERCORSI DI QUALIFICA PROFESSIONALE PER ADOLESCENTI Agenzia Formativa della Provincia di Varese C.F.P. di GALLARATE Via Ferrario, GALLARATE Via Stragliati, GALLARATE C.F.P. di LUINO Via Rimembranze, LUINO C.F.P. di TRADATE Via Aldo Moro, TRADATE C.F.P. di VARESE Piazza Giovine Italia, 6/A VARESE Via Monte Generoso, 71/A VARESE Centro di Formazione Professionale ed Inserimento Lavorativo (C.F.P.I.L.) Via Monte Generoso, VARESE Ass.ne C.I.O.F.S. F.P. Lombardia- CASTELLANZA Via Ferrari, CASTELLANZA Sedi staccate: Via Manzoni, CLIVIO Piazza Libertà, VARESE A.C.O.F. Ass.ne Cluturale Olga Fiorini Via Varzi, BUSTO Arsizio Ass.ne "La Nostra Famiglia" CASTIGLIONE OL. Via Monte Cimone, Castiglione O. A.S.LA.M Ass.ne Scuole Alto Milanese Via San Francesco 2 S. Macario SAMARATE "Centro di Valle" Comunità Montana Valceresio Via Mazzini, BISUSCHIO C.F.P. Comune di BESOZZO Via Mazzini, BESOZZO C.F.P. "Padre Monti" - SARONNO Via Legnani, SARONNO Comune di SARONNO Servizi formativi per disabili Via Volta, SARONNO E.N.A.I.P. C.s.f. di BUSTO ARSIZIO Viale Stelvio, E.N.A.I.P. C.s.f. di VARESE Via Uberti, VARESE IAL LOMBARDIA - SARONNO Via C. Marx, SARONNO Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel Tel fax Tel fax Tel Tel Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax Tel fax

11 8 LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVI MODELLI NEL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nel mese di giugno 2002 la Regione Lombardia, anticipando la definizione della Riforma del sistema scolastico formativo (solo recentemente approvata e non ancora pienamente applicata in attesa dei decreti attuativi e soprattutto della attribuzione delle necessarie risorse finanziarie), ha sottoscritto un protocollo d intesa con il Ministero dell Istruzione e con quello del Lavoro e delle Politiche Sociali. Tale accordo ha consentito di avviare una sperimentazione di percorsi triennali di qualifica professionale accessibili direttamente anche da parte dei quattrodicenni, tenuti invece alla frequenza del primo anno di scuola media superiore in base alla Legge 9/1999, ora abrogata dalla predetta riforma. In base a tale protocollo d intesa, per l anno formativo 2002/2003 sono state finanziate 35 prime annualita di percorsi triennali, di cui, in Provincia di Varese: Operatore Meccanico (IAL di Saronno ed ASLAM di Samarate, in collaborazione con l Agenzia Formativa della Provincia di Varese, sede di Gallarate) Operatore Poligrafico (Padre Monti di Saronno) Addetto alle lavorazioni artigianali (Associazione La Nostra Famiglia di Castiglione Olona) Operatore meccanico occhialeria (Agenzia Formativa della Provincia di Varese, sede di Tradate). Per i primi tre percorsi, sono poi previsti in uscita specifici profili professionali tradizionali già descritti nella prima edizione della presente pubblicazione (Operatore alle macchine utensili e Manutentore Riparatore di autoveicoli; Operatore di pre-stampa e Operatore cartotecnico e legatore; Formazione al lavoro allievi disabili: lavorazioni artigianali). Il corso di Tradate rappresenta invece una novità nel panorama formativo lombardo, nata da sollecitazioni di Associazioni di categoria ed aziende del settore dell occhialeria. Maggiori informazioni sulla sperimentazione sono disponibili sul sito realizzato dalla Associazione temporanea di scopo tra Enti di formazione appositamente costituita per la gestione di tale iniziativa (www.spof.it).

12 9 SETTORE: ACCONCIATURA ESTETICA ACCONCIATORE FEMMINILE E MASCHILE L acconciatore femminile e maschile è una figura in grado di eseguire correttamente i vari tipi di piega, colorazione, colpi di sole, permanente, stiratura, decolorazione con i prodotti adeguati, tagli di base maschili e femminili, rispettando anche le norma igieniche e di sicurezza legate al prodotto. - Predisporre il posto do lavoro in funzione dei trattamenti da effettuare nel rispetto delle norme igieniche e di sicurezza - Conoscere e utilizzare correttamente i diversi prodotti legati al trattamento delle diverse tipologie di capelli e le tecniche di massaggio e lavaggio del cuoio capelluto - Conoscere ed eseguire correttamente i vari tipi di piega, colorazione, colpi di sole, permanente, stiratura, decolorazione - Conoscere ed eseguire correttamente i tagli base maschili e femminili (taglio classico all italiana, carrè, scalato, sfilato e unisex) - Compilare le schede clienti in base ai trattamenti effettuati - Conoscere e utilizzare correttamente le principali forme fisico-chimiche dei preparati di cosmetica. L acconciatore femminile e maschile trova collocazione nei saloni di acconciatura anche presso studi televisivi, riprese set, sfilate e manifestazioni. Il corso ha una durata biennale, suddivisa in quattro cicli di frequenza diurna per un monteore complessivo medio di ore. Nell ambito del corso sono previsti periodi di formazione in azienda (stage) di almeno 300 ore che offrono agli allievi l opportunità di entrare in contatto con il mondo del lavoro e di accrescere la propria professionalità. Inoltre sono contemplate attività di recupero ed approfondimenti specifici in base alle esigenze degli allievi. Il corso per Acconciatore femminile e maschile è attivato presso il seguente Centro di Formazione Professionale della provincia di Varese: Agenzia Formativa della Provincia di Varese C.F.P. di Varese

13 10 SETTORE: ACCONCIATURA ESTETICA ESTETISTA L estetista è una figura in grado di eseguire i principali trattamenti estetici sul corpo e sul viso nel rispetto delle norme igieniche e di sicurezza. - Predisporre la cabina per i trattamenti da effettuare nel rispetto delle norme igieniche e di sicurezza - Conoscere e applicare i diversi trattamenti per la pulizia del viso di base e specifici (decongestionante, tonificante, in) e utilizzare nel rispetto delle norme di sicurezza la strumentazione adeguata - Eseguire su qualsiasi tipo di viso il trucco da giorno e da sera - Conoscere ed applicare in autonomia le diverse tecniche di massaggio del viso e di estetica corpo - Conoscere ed eseguire le diverse modalità di epilazione - Conoscere ed eseguire il trattamento estetico delle mani e dei piedi - Compilare la scheda clienti relativa ai trattamenti viso e corpo - Acquisire conoscenze fondamentali di anatomia, dermatologia, patologie cutanee e dei principali quadri patologici legati ad allergie dermatologiche - Conoscere e utilizzare correttamente le principali forme fisico-chimiche dei preparati di cosmetica L estetista trova collocazione nei saloni di bellezza, trucchi, teatro, studi televisivi, fiere, manifestazioni, centri termali, palestre, set cinema e saloni di acconciatura. Il corso ha una durata biennale, suddivisa in quattro cicli di frequenza diurna per un monteore complessivo medio di ore. Nell ambito del corso sono previsti periodi di formazione in azienda (stage) di almeno 300 ore che offrono agli allievi l opportunità di entrare in contatto con il mondo del lavoro e di accrescere la propria professionalità. Inoltre sono contemplate attività di recupero ed approfondimenti specifici in base alle esigenze degli allievi. Il corso per Estetista è attivato presso il seguente Centro di Formazione Professionale della provincia di Varese: Agenzia Formativa della Provincia di Varese C.F.P. di Varese

14 11 SETTORE: AGRICOLTURA OPERATORE IN FLORO-ORTO-FRUTTICOLTURA, VIVAISMO, GIARDINAGGIO L operatore in floro-orto-frutticoltura, vivaismo e giardinaggio è una figura professionale in grado di riconoscere le principali piante. Sa coltivarle e provvedere alla loro manutenzione (tagli, potature, disinfestazione, ecc.). Utilizza appropriatamente utensili, attrezzature e macchine agricole, nel rispetto delle vigenti norme antinfortunistiche. - Riconoscere i principali sistemi di coltivazione in cultura protetta o in serra - Riconoscere e gestire i sistemi e le apparecchiature per la coltivazione in ambiente protetto - Conoscere e applicare i principali sistemi di moltiplicazione e di allevamento e le tecniche di forzatura - Conoscere le principali avversità delle coltivazioni - Applicare le norme di buon uso e di manutenzione ordinaria delle macchine, delle attrezzature e degli strumenti utilizzati per la floricoltura e il giardinaggio. - Riconoscere le principali specie coltivate e spontanee; conoscere il ciclo biologico delle principali colture (ornamenti e non) ed eseguire l impianto (in campo, in vaso e in substrati particolari); effettuare la manutenzione del verde (curandone la crescita nelle fasi di allevamento e di produzione) - Conoscere le relazioni tra il ritmo climatico e quello vegetativo e gestire gli interventi colturali in base alle fasi fenologiche; riconoscere uno stato di equilibrio o di squilibrio ecologico - Conoscere le tecniche per effettuare trattamenti fitosanitari con presidi chimici; conoscere e applicare le tecniche tradizionali di fertilizzazione. - Conoscere e applicare i principi delle coltivazioni biologiche e biodinamiche. L operatore in floro-orto-frutticoltura, vivaismo e giardinaggio trova collocazione nei Garden come addetto al garden center, nei vivai come operaio addetto alla produzione e nelle aziende di giardinaggio; anche come lavoratore autonomo. Il corso ha una durata biennale, suddivisa in quattro cicli di frequenza diurna per un monteore complessivo medio di ore. Nell ambito del corso sono previsti periodi di formazione in azienda (stage) di almeno 300 ore che offrono agli allievi l opportunità di entrare in contatto con il mondo del lavoro e di accrescere la propria professionalità. Inoltre sono contemplate attività di recupero ed approfondimenti specifici in base alle esigenze degli allievi. Il corso per Operatore in floro-orto-frutticoltura, vivaismo e giardinaggio è attivato presso il seguente Centro di Formazione Professionale della provincia di Varese: Agenzia Formativa della Provincia di Varese C.F.P. di Varese

15 12 SETTORE: ARTIGIANATO ARTISTICO ADDETTO ALLA LAVORAZIONE DEI METALLI IN ARTE ORAFA L Addetto alla lavorazione dei metalli in arte orafa è una figura in grado di realizzare manualmente su propria iniziativa o disegno, oggetti d oreficeria di media difficoltà. - Leggere, realizzare e interpretare il disegno tecnico - Applicare le norme di buon uso e di manutenzione ordinaria relative a: materiali, macchinari, strumenti, attrezzature e tecniche di laboratorio orafo - Ideare, trasformare, elaborare e realizzare oggetti d oreficeria in esemplare unico o di serie - Valutare e correggere: controllare l oggetto finito, rilevare eventuali difetti degli oggetti realizzati e apportare le dovute correzioni. L Addetto alla lavorazione dei metalli in arte orafa trova collocazione in aziende e in laboratori artigianali orafe o in reparti di grandi aziende che lavorano anche metalli preziosi Il corso ha una durata biennale, suddivisa in quattro cicli di frequenza diurna per un monteore complessivo medio di ore. Nell ambito del corso sono previsti periodi di formazione in azienda (stage) di almeno 300 ore che offrono agli allievi l opportunità di entrare in contatto con il mondo del lavoro e di accrescere la propria professionalità. Inoltre sono contemplate attività di recupero ed approfondimenti specifici in base alle esigenze degli allievi. Il corso per Addetto alla lavorazioni di metalli nell arte orafa è attivato presso il seguente Centro di Formazione Professionale della provincia di Varese: Agenzia Formativa della Provincia di Varese C.F.P. di Gallarate

16 13 SETTORE: CORSI PER DISABILI ADDETTO AI SERVIZI DISTRIBUTIVI E ALLA RISTORAZIONE COLLETTIVA La figura professionale in oggetto è un operatore polivalente che verrà impiegata nella grande e media distribuzione, a diretto contatto con il caporeparto o il titolare dell esercizio; inoltre potrà essere impiegato nella ristorazione collettiva con compiti di ausilio. La figura agisce a livello prevalentemente operativo. Il processo produttivo nel quale è inserito si articola nelle seguenti fasi: - approvvigionare e stoccare i prodotti e le materie prime - effettuare la preparazione di base degli alimenti - eseguire la pulizia e il riordino degli ambienti e attrezzature di lavoro - predisporre e riordinare ambienti ed arredi di distribuzione e di servizio Abilità lavorative e capacità personali - Caricare e scaricare merci - Stoccare merci in magazzino - Distribuire i prodotti nel punto vendita - Pulire e riordinare ambienti - Effettuare operazioni di prima preparazione di sostanze alimentari - Ingredienti e materie prime (cucina) - Pulire apparecchiature di lavoro Questa figura polivalente potrà essere impiegata presso supermercati e la grande distribuzione, presso centri di ristorazione collettiva (aziende, scuole, mense), cooperative sociali di servizi, case di riposo e strutture di servizi, magazzini di grosse aziende. Il corso ha durata biennale, suddivisa in quattro cicli di frequenza diurna con una media di 27 ore settimanali per un totale annuo di 900 ore. La scelta multisettoriale e la polivalenza delle prestazioni è funzionale allo sviluppo delle autonomie e alla crescita personale degli allievi in difficoltà: pertanto sono previsti importanti interventi su tecniche di comunicazione e di relazione. E previsto un tirocinio in aziende e strutture di 200 ore per il I anno e di 400 ore per il II anno. Il corso è attivato presso: E.N.A.I.P. Lombardia C.S.F. di BUSTO ARSIZIO

17 14 SETTORE: CORSI PER DISABILI FORMAZIONE AL LAVORO ALLIEVI DISABILI (FLAD) Con il corso, l'allievo disabile acquisirà reali e specifiche capacità professionali, che favoriranno l'integrazione lavorativa, nella logica dell'inserimento lavorativo mirato, in riferimento alla legge 68/99. La figura professionale individuata è il risultato di un percorso centrato inizialmente sullo sviluppo delle autonomie individuali e sociali e delle competenze personali, che trovano nella successiva esperienza diretta del tirocinio l'identificazione di quelle mansioni e di quei compiti attribuibili ad ogni corsista, utili all'inserimento lavorativo e spendibili nei diversi settori produttivi. Abilità lavorative e capacità personali - Incremento delle capacità di autonomia personale e sociale - Interiorizzazione di modelli comportamentali utili all'integrazione sociale e lavorativa - Riconoscimento della propria identità e del ruolo sociale nei contesti praticati - Acquisizione di conoscenze e competenze inerenti il mondo del lavoro - Capacità di adattamento alle regole che stanno alla base dell'organizzazione del mondo del lavoro - Capacità di utilizzo di utilizzo delle risorse che l'ambiente offre (uso del denaro, mezzi e servizi pubblici...) - Sviluppo della manualità fino-motoria e di semplici attività lavorative di tipo manuale - Capacità di instaurare una corretta comunicazione e relazione all'interno del gruppo di lavoro - Apprendere specifiche mansioni lavorative in reparti produttivi Tutte le tipologie di aziende soggette al collocamento in riferimento alla legge 68/99, gli Enti pubblici e le cooperative del privato sociale. Il Corso ha una durata quadriennale (8 cicli) di frequenza diurna (4 ore giornaliere). Primo e secondo anno: sviluppo e potenziamento delle autonomie sociali ed individuali,sviluppo delle abilità professionali (tutto il percorso di formazione teorica e pratica viene svolto presso il CFP) Terzo anno: nella prima parte dell'anno si approfondisce la conoscenza del mondo del lavoro e si potenziano le abilità professionali; da febbraio inizia il percorso di tirocinio. Quarto anno: ad esclusione di frequenti momenti di valutazione e sostegno dell'esperienza, tutto il percorso formativo viene svolto in azienda attraverso il tirocinio. Il Corso FLAD intende comunque collocarsi all'interno del più generale progetto di vita di ogni singolo disabile, il percorso formativo infatti prevede una flessibilità in entrata ed uscita al fine di rispondere alle esigenze di ogni corsista. Il Corso FLAD è attivato presso: I.A.L. Lombardia - SARONNO

18 15 SETTORE: CORSI PER DISABILI FORMAZIONE AL LAVORO ALLIEVI DISABILI (FLAD) Il Corso è finalizzato al conseguimento di una preparazione professionale e personale per allievi disabili che hanno assolto l'obbligo scolastico necessaria all'inserimento in un'attività lavorativa, attraverso l'acquisizione di un semplice profilo professionale e la promozione di un ruolo attivo e integrato nel contesto lavorativo e sociale. Abilità lavorative e capacità personali - Capacità di orientarsi nel tragitto abitazione - CFPIL - Capacità di gestire il proprio spazio di laboratorio - Capacità di rispettare gli orari scolastici - Capacità di eseguire lavori ripetitivi - Capacità di gestione autonoma di lavori che implicano l'utilizzo di informazioni e risoluzioni semplici - Capacità di comunicare con gli educatori in ordine al proprio operato - Capacità di rispettare i compagni di lavoro - Capacità di mantenere un comportamento adeguato nell'intervallo e nei contesti extra-lavorativi (mensa, viaggio,..) - Capacità di discriminare tra i propri comportamenti disadattivi e adattivi Ambiti lavorativi Il corso FLAD permette agli utenti un'uscita verso: - "Progetto Complessivo di Intervento" - Inserimenti socio-assistenziale in ambito lavorativo che prevedono per quegli utenti che non hanno raggiunto abilità professionali sufficienti ma che, possedendo buone capacità relazionali, adattive e di comunicazione, possono usufruire di risorse sociali e ambientali per un'autorealizzazione in ambito lavorativo - Cooperative Sociali (Tipo A) - Cooperative Sociali (Tipo B) Percorso Formativo Il Corso ha una durata di massimo 4 anni, per un monte ore complessivo di 3.600/4.800 ore di frequenza diurna ed è attivato presso: Agenzia Formativa della Provincia di Varese Centro di Formazione Professionale ed Inserimento Lavorativo (C.F.P.I.L.) - VARESE

19 16 SETTORE: CORSI PER DISABILI FORMAZIONE AL LAVORO ALLIEVI DISABILI (FLAD) Questo corso, destinato a persone disabili, permette l acquisizione di abilità lavorative e competenze sociali tali da favorire il raggiungimento del ruolo di lavoratore attraverso percorsi di formazione professionale. Abilità lavorative e capacità personali - Capacità di orientarsi nel tragitto abitazione CFP e nel comune di residenza - Capacità di rispettare gli orari scolastici e le regole di gruppo - Capacità di apprendere ed eseguire in autonomia semplici lavoro ripetitivi - Capacità di rispettare l organizzazione lavorativa e le regole delle cooperative sede di stage - Capacità di comunicare con gli educatori in ordine al proprio operato - Capacità di comunicare con i compagni di stage nelle cooperative - Capacità di riconoscere e rispettare l ordine gerarchico nelle cooperative sede di stage - Capacità di rispettare i compagni a scuola - Capacità di rispettare i colleghi durante lo stage formativi Il corso Flad permette agli utenti in uscita: - Presa in carico da parte del Nucleo Inserimento Lavorativi - Inserimenti di integrazione socio-lavorativa (Coop.tipo A; Coop.tipo B) Il corso FLAD ha durata massima di 4 anni, per ore complessivo per un monte ore complessivo di ore di frequenza diurna. Le qualifiche professionali in uscita sono: AUSILIARIO di CUCINA AUSILIARIO ADDETTO alla PULIZIA degli AMBIENTI ADDETTO a MANUTENZIONE VERDE e STRUTTURE ADDETTO all'assemblaggio COMPONENTI Il corso di formazione allievi disabili è attivato presso: Comune di SARONNO Servizi Formativi per Disabili

20 17 SETTORE: CORSI PER DISABILI FORMAZIONE AL LAVORO ALLIEVI DISABILI: ADDETTI AI SERVIZI MENSA E PULIZIA Figura di supporto nello svolgimento guidato di semplici operazioni inerenti l attività di cucina e di manutenzione del verde. Abilità lavorative e capacità personali - Capacità di eseguire operazioni elementari all interno di compiti semplici inerenti la cucina e la manutenzione del verde in un contesto guidato - Conoscenza, cura ed uso corretto di alcuni attrezzi e materiali di lavoro - Riconoscimento del pericolo - Riconoscimento dell errore - Consapevolezza nel fare e nel finalizzare: attenzione-concentrazione, memoria, tenuta e costanza lavorativa, precisione-accuratezza, impegno - Capacità di muoversi all interno di ambienti conosciuti - Capacità di collaborare - Capacità di autonomie in ordine alla cura e alla gestione della propria persona - Capacità di interagire adeguatamente con il contesto Il corso permette un uscita verso: Cooperative Sociali di Tipo A Cooperative Sociali di Tipo B Il Corso ha una durata di due anni, per un monte ore complessivo di 2.370, di cui 60 di stage. Il Corso FLAD: Addetti ai servizi mensa e pulizie è attivato presso: Ass.ne La Nostra Famiglia CASTIGLIONE OLONA

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative :

Attualmente concorrono al Consorzio le seguenti Cooperative : Il Consorzio Servizi Plus, è una società di outsourcing, operante da oltre 10 anni nel settore dei servizi facchinaggio, trasporti e pulizia, con lo scopo precipuo di associare in forma consortile tutte

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale LISTINO PREZZI Servizio Singolo Pettinata 5-7.00 Piega Taglio Masch.x lavaggio/sh.speciale 2,00 Fiala ai minerali x lavaggio 5,00 Fiala x caduta 5,00 Cachet Masch.con elastina Masch.con cheratina Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli