Lavori in quota. Ponteggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavori in quota. Ponteggi"

Transcript

1 Ponteggi

2 Ponteggi (art. 122 D.Lgs. 81/08) Nei lavori in quota devono essere adottate, seguendo lo sviluppo dei lavori stessi, adeguate impalcature o ponteggi o idonee opere provvisionali o comunque precauzioni atte ad eliminare i pericoli di caduta di persone e di cose conformemente al punto 2, 3.1, 3.2 e 3.3 dell Allegato XVIII (Viabilità nei cantieri, ponteggi e trasporto dei materiali). D.Lgs. 81/08, Titolo IV: Sezione IV : Ponteggi e impalcature in legname. Sezione V : Ponteggi Fissi. All. XVIII : Ponteggi : in Legname (2.1), in altro materiale (2.2). Castelli per elevatori (3.1), Impalcati e parapetti dei castelli (3.2), Montaggio degli elevatori (3.3).

3 (Titolo IV, Sezione V, art. 131 D.Lgs. 81/08) Possono essere autorizzati alla costruzione ed all'impiego ponteggi aventi interasse qualsiasi tra i montanti della stessa fila a condizione che i risultati adeguatamente verificati delle prove di carico condotte su prototipi significativi degli schemi funzionali garantiscano la sussistenza dei gradi di sicurezza previsti dalle norme di buona tecnica (UNI EN 12811; Parte 1: Requisiti prestazionali e progettazione strutturale, Parte 3: Prove di carico). L autorizzazione è soggetta a rinnovo ogni dieci anni per verificare l adeguatezza del ponteggio all evoluzione del progresso tecnico.

4 (Titolo IV, Sezione V, art. 131 D.Lgs. 81/08) Chiunque intende impiegare ponteggi deve farsi rilasciare dal fabbricante copia della autorizzazione e delle istruzioni e schemi elencati al comma 1, lettere d), e), f) e g) dell'articolo 132. Il Ministero del lavoro e della previdenza sociale si avvale anche dell ISPESL per il controllo delle caratteristiche tecniche dei ponteggi dichiarate dal titolare dell autorizzazione, attraverso controlli a campione presso le sedi di produzione.

5 (Titolo IV, Sezione V, art. 131 D.Lgs. 81/08) Autorizzazione Ministeriale Libretto Ponteggio Il ponteggio all acquisto deve essere provvisto di autorizzazione all impiego del Ministero del Lavoro e di Relazione Tecnica

6 (Titolo IV, Sezione V, art. 132 D.Lgs. 81/08) Relazione Tecnica La relazione di cui all'articolo 131 deve contenere: a) descrizione degli elementi che costituiscono il ponteggio, loro dimensioni con le tolleranze ammissibili e schema dell'insieme; b) caratteristiche di resistenza dei materiali impiegati e coefficienti di sicurezza adottati per i singoli materiali; c) indicazione delle prove di carico, a cui sono stati sottoposti i vari elementi; d) calcolo del ponteggio secondo varie condizioni di impiego; e) istruzioni per le prove di carico del ponteggio; f) istruzioni per il montaggio, impiego e smontaggio del ponteggio; g) schemi-tipo di ponteggio con l'indicazione dei massimi ammessi di sovraccarico, di altezza dei ponteggi e di larghezza degli impalcati per i quali non sussiste l'obbligo del calcolo per ogni singola applicazione.

7 (Titolo IV, Sezione V, art. 133 D.Lgs. 81/08) Progetto I ponteggi di altezza superiore a 20 metri e quelli per i quali nella relazione di calcolo non sono disponibili le specifiche configurazioni strutturali utilizzate con i relativi schemi di impiego, nonché le altre opere provvisionali, costituite da elementi metallici o non, oppure di notevole importanza e complessitàin rapporto alle loro dimensioni ed ai sovraccarichi, devono essere eretti in base ad un PROGETTO comprendente: a) calcolo di resistenza e stabilità eseguito secondo le istruzioni approvate nell'autorizzazione ministeriale; b) disegno esecutivo.

8 (Titolo IV, Sezione V, art. 133 D.Lgs. 81/08) Dal progetto, che deve essere firmato da un ingegnere o architetto abilitato a norma di legge all'esercizio della professione, deve risultare quanto occorre per definire il ponteggio nei riguardi dei carichi, delle sollecitazioni e dell'esecuzione. Copia dell'autorizzazione ministeriale di cui all'articolo 131 e copia del progetto e dei disegni esecutivi devono essere tenute ed esibite, a richiesta degli organi di vigilanza, nei cantieri in cui vengono usati i ponteggi e le opere provvisionali di cui sopra.

9 Ponteggi Fissi (Disegni esecutivo del ponteggio)

10 (Titolo IV, Sezione V, art. 134 D.Lgs. 81/08) Documentazione Nei cantieri in cui vengono usati ponteggi deve essere tenuta ed esibita, a richiesta degli organi di vigilanza, copia della documentazione di cui al comma 6 dell'articolo 131 (autorizzazione, istruzioni e schemi comma 1, lettere d), e), f) e g) dell'articolo 132) e copia del piano di montaggio, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.), in caso di lavori in quota, i cui contenuti sono riportati nell Allegato XXII del D.Lgs. 81/08. Le eventuali modifiche al ponteggio, che devono essere subito riportate sul disegno, devono restare nell'ambito dello schema-tipo che ha giustificato l'esenzione dall'obbligo del calcolo.

11 (Allegato XXII D.Lgs. 81/08) Contenuti minimi del Pi.M.U.S. 1. Dati identificativi del luogo di lavoro; 2. Identificazione del datore di lavoro che procederà alle operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio del ponteggio; 3. Identificazione della squadra di lavoratori, compreso il preposto, addetti alle operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio del ponteggio; 4. Identificazione del ponteggio; 5. Disegno esecutivo del ponteggio dal quale risultino: generalità e firma del progettista, sovraccarichi massimi per metro quadro d impalcato, indicazione degli appoggi e degli ancoraggi (quando non sussiste l obbligo del calcolo sono sufficienti le generalità e la firma della persona competente che redige il Pi.M.U.S.); 6. Progetto del ponteggio, quando previsto; 7. Indicazioni generali per le operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio del ponteggio ("piano di applicazione generalizzata"): 7.1. planimetria delle zone destinate allo stoccaggio e al montaggio del ponteggio, evidenziando, inoltre: delimitazione, viabilità, segnaletica, ecc.,

12 (Allegato XXII D.Lgs. 81/08) 7.2. modalità di verifica e controllo del piano di appoggio del ponteggio (portata della superficie, omogeneità, ripartizione del carico, elementi di appoggio, ecc.), 7.3. modalità di tracciamento del ponteggio, impostazione della prima campata, controllo della verticalità, livello/bolla del primo impalcato, distanza tra ponteggio (filo impalcato di servizio) e opera servita, ecc., 7.4. descrizione dei DPI utilizzati nelle operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio del ponteggio e loro modalità di uso, con esplicito riferimento all'eventuale sistema di arresto caduta utilizzato ed ai relativi punti di ancoraggio, 7.5. descrizione delle attrezzature adoperate nelle operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio del ponteggio e loro modalità di installazione ed uso, 7.6. misure di sicurezza da adottare in presenza, nelle vicinanze del ponteggio, di linee elettriche aeree nude in tensione, di cui all articolo 117,

13 (Allegato XXII D.Lgs. 81/08) 7.7. tipo e modalità di realizzazione degli ancoraggi; misure di sicurezza da adottare in caso di cambiamento delle condizioni meteorologiche (neve, vento, ghiaccio, pioggia) pregiudizievoli alla sicurezza del ponteggio e dei lavoratori; misure di sicurezza da adottare contro la caduta di materiali e oggetti; 8. Illustrazione delle modalitàdi montaggio, trasformazione e smontaggio, riportando le necessarie sequenze passo dopo passo, nonché descrizione delle regole puntuali/specifiche da applicare durante le suddette operazioni di montaggio e/o trasformazione e/o smontaggio ( istruzioni e progetti particolareggiati ), con l ausilio di elaborati esplicativi contenenti le corrette istruzioni, privilegiando gli elaborati grafici costituiti da schemi, disegni e foto; 9. Descrizione delle regole da applicare durante l uso del ponteggio; 10. Indicazioni delle verifiche da effettuare sul ponteggio prima del montaggio e durante l uso (vedasi ad es. Allegato XIX).

14 (Titolo IV, Sezione V, art. 135 D.Lgs. 81/08) Marchio del Fabbricante Gli elementi dei ponteggi devono portare impressi, a rilievo o ad incisione, e comunque in modo visibile ed indelebile il marchio del fabbricante. marchio del fabbricante

15 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) Montaggio e Smontaggio 1. Nei lavori in quota il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano di montaggio, uso e smontaggio (Pi.M.U.S.), in funzione della complessità del ponteggio scelto, con la valutazione delle condizioni di sicurezza realizzate attraverso l adozione degli specifici sistemi utilizzati nella particolare realizzazione e in ciascuna fase di lavoro prevista. Tale piano può assumere la forma di un piano di applicazione generalizzata integrato da istruzioni e progetti particolareggiati per gli schemi speciali costituenti il ponteggio, ed è messo a disposizione del preposto addetto alla sorveglianza e dei lavoratori interessati.

16 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) 2. Nel serraggio di più aste concorrenti in un nodo i giunti devono essere collocati strettamente l uno vicino all altro. 3.Per ogni piano di ponte devono essere applicati due correnti, di cui uno può fare parte del parapetto.

17 (Parapetti, Titolo IV, Sezione IV, art. 126 D.Lgs. 81/08) Gli impalcati e ponti di servizio, le passerelle, le andatoie, che siano posti ad un'altezza maggiore di 2 metri, devono essere provvisti su tutti i lati verso il vuoto di robusto parapetto e in buono stato di conservazione.

18 (Allegato XVIII, p.to 2.1, D.Lgs. 81/08) Il parapetto di cui all articolo 126 della Sezione IV è costituito da uno o più correnti paralleli all'intavolato, il cui margine superiore sia posto a non meno di 1 metro dal piano di calpestio, e di tavola fermapiede alta non meno di 20 centimetri, messa di costa e poggiante sul piano di calpestio. Correnti e tavola fermapiede non devono lasciare una luce, in senso verticale, maggiore di 60 centimetri. Sia i correnti che la tavola fermapiede devono essere applicati dalla parte interna dei montanti. E' considerata equivalente al parapetto definito ai commi precedenti, qualsiasi protezione, realizzante condizioni di sicurezza contro la caduta verso i lati aperti non inferiori a quelle presentate dal parapetto stesso.

19 (Allegato XVIII, p.to 2.1, D.Lgs. 81/08) Parapetto regolare per ponteggi in legno

20 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) 4.Il datore di lavoro assicura che: a) lo scivolamento degli elementi di appoggio di un ponteggio è impedito tramite fissaggio su una superficie di appoggio, o con un dispositivo antiscivolo, oppure con qualsiasi altra soluzione di efficacia equivalente; b) i piani di posa dei predetti elementi di appoggio hanno una capacità portante sufficiente; Basetta fissa Basetta regolabile

21 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08) Al punto dell Allegato XVIII al D.Lgs. 81/08 viene ulteriormente specificato: L'estremitàinferiore del montante deve essere sostenuta dalla piastra di base, di adeguate dimensioni, corredata da elementi di ripartizione del carico trasmesso dai montanti aventi dimensioni e caratteristiche adeguate ai carichi da trasmettere ed alla consistenza dei piani di posa. La piastra deve avere un dispositivo di collegamento col montante atto a regolare il centraggio del carico su di essa.

22 Ponteggi Fissi (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08)

23 Ponteggi Fissi (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08)

24 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) c) il ponteggio è stabile;

25 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) e) le dimensioni, la forma e la disposizione degli impalcatidi un ponteggio sono idonee alla natura del lavoro da eseguire, adeguate ai carichi da sopportare e tali da consentire un'esecuzione dei lavori e una circolazione sicure; a tal proposito l art. 124 del D.Lgs. 81/08 dispone: 1. Sopra i ponti di servizio e sulle impalcature in genere è vietato qualsiasi deposito, eccettuato quello temporaneo dei materiali ed attrezzi necessari ai lavori. 2. Il peso dei materiali e delle persone deve essere sempre inferiore a quello che è consentito dalla resistenza strutturale del ponteggio; lo spazio occupato dai materiali deve consentire i movimenti e le manovre necessarie per l'andamento del lavoro.

26 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) Usare elementi di impalcato adeguati ai carichi da sopportare. (Il produttore certifica le caratteristiche del prodotto.) E vietato l uso di pannelli per casseforme come elementi di impalcato Nell Allegato XVIII, del D.Lgs. 81/08 al p.to 2.1 relativo ai Ponteggi in legname per gli intavolati si prescrive:

27 (Allegato XVIII p.to D.Lgs. 81/08) Le tavole costituenti il piano di calpestio di ponti, passerelle, andatoie ed impalcati di servizio devono avere le fibre con andamento parallelo all'asse, spessore adeguato al carico da sopportare ed in ogni caso non minore di 4 centimetri, e larghezza non minore di 20 centimetri. Le tavole stesse non devono avere nodi passanti che riducano più del dieci per cento la sezione di resistenza. Le tavole non devono presentare parti a sbalzo e devono poggiare almeno su tre traversi, le loro estremità devono essere sovrapposte, in corrispondenza sempre di un traverso, per non meno di 40 centimetri. Le tavole devono essere assicurate contro gli spostamenti e ben accostate tra loro e all'opera in costruzione; è tuttavia consentito un distacco dalla muratura non superiore a 20 centimetri soltanto per la esecuzione di lavori in finitura. Le tavole esterne devono essere a contatto dei montanti.

28 Ponteggi Fissi (Allegato XVIII p.to D.Lgs. 81/08)

29 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) f) il montaggio degli impalcati dei ponteggi ètale da impedirelo spostamento degli elementi componenti durante l'uso, nonché la presenza di spazi vuoti pericolosi fra gli elementi che costituiscono gli impalcati e i dispositivi verticali di protezione collettiva contro le cadute. NO

30 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) 5. Il datore di lavoro provvede ad evidenziare le parti di ponteggio non pronte per l'uso, in particolare durante le operazioni di montaggio, smontaggio o trasformazione, mediante segnaletica di avvertimento di pericolo generico e delimitandole con elementi materiali che impediscono l'accesso alla zona di pericolo, ai sensi del titolo V. 6. Il datore di lavoro assicura che i ponteggi siano montati, smontati o trasformati sotto la diretta sorveglianza di un preposto, a regola d arte e conformemente al Pi.M.U.S., ad opera di lavoratori che hanno ricevuto una formazione adeguata e mirata alle operazioni previste.

31 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) 7. La formazione di cui al comma 6 ha carattere teorico-pratico e deve riguardare: a) la comprensione del piano di montaggio, smontaggio o trasformazione del ponteggio; b) la sicurezza durante le operazioni di montaggio, smontaggio o trasformazione del ponteggio con riferimento alla legislazione vigente; c) le misure di prevenzione dei rischi di caduta di persone o di oggetti; d) le misure di sicurezza in caso di cambiamento delle condizioni meteorologiche pregiudizievoli alla sicurezza del ponteggio; e) le condizioni di carico ammissibile; f) qualsiasi altro rischio che le suddette operazioni di montaggio, smontaggio o trasformazione possono comportare.

32 (Titolo IV, Sezione V, art. 136 D.Lgs. 81/08) 8. I soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità dei corsi sono riportati nell Allegato XXI. PONTEGGI 28 ore ALLEGATO XXI Modulo giuridico - normativo (4 ore): Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni; Analisi dei rischi; Norme di buona tecnica e di buone prassi; Statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme nei cantieri (2 ore). Titolo IV, capo II limitatamente ai "" e Titolo IV, capo I "Cantieri (2 ore).

33 (Allegato XXI - D.Lgs. 81/08) Modulo tecnico (10 ore): Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (Pi.M.U.S.), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto (4 ore). DPI anticaduta: uso, caratteristiche tecniche, manutenzione; durata e conservazione (2 ore). Ancoraggi: tipologie e tecniche (2 ore). Verifiche di sicurezza: primo impianto, periodiche e straordinarie (2 ore).

34 (Allegato XXI - D.Lgs. 81/08) Modulo pratico (14 ore): Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a tubi e giunti (PTG) 4 ore. Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a telai prefabbricati (PTP) 4 ore. Montaggio-smontaggio-trasformazione di ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (PMTP) 4 ore. Elementi di gestione prima emergenza - salvataggio (2 ore). I datori di lavoro provvederanno a far effettuare ai lavoratori formati con il corso di formazione teorico-pratico un corso di aggiornamento ogni quattro anni. L aggiornamento ha durata minima di 4 ore di cui 3 ore di contenuti tecnico pratici.

35 (Titolo IV, Sezione V, art. 137 D.Lgs. 81/08) Manutenzione e revisione Il preposto, ad intervalli periodici o dopo violente perturbazioni atmosferiche o prolungata interruzione di lavoro deve assicurarsi della verticalità dei montanti, del giusto serraggio dei giunti, della efficienza degli ancoraggi e dei controventi, curando l'eventuale sostituzione o il rinforzo di elementi inefficienti. I vari elementi metallici devono essere difesi dagli agenti nocivi esterni con idonei sistemi di protezione.

36 (Titolo IV, Sezione V, art. 138 D.Lgs. 81/08) Le tavole che costituiscono l'impalcato devono essere fissate in modo che non possano scivolare sui traversi metallici. E consentito un distacco delle tavole del piano di calpestio dalla muratura non superiore a 20 centimetri. < 20 cm. > 20 cm doppio parapetto

37 (Titolo IV, Sezione V, art. 138 D.Lgs. 81/08) Tavola metallica non compatibile con i telai per l impossibilitàdi posizionare i fermi. Rientranza edificio priva di ponteggio

38 (Titolo IV, Sezione V, art. 138 D.Lgs. 81/08) E fatto divieto di gettare dall'alto gli elementi del ponteggio. E fatto divieto di salire e scendere lungo i montanti. Non utilizzare scale a compasso per raggiungere il piano

39 (Titolo IV, Sezione IV, art. 125 D.Lgs. 81/08) L'altezza dei montanti deve superare di almeno metri 1,20l'ultimo impalcato; dalla parte interna dei montanti devono essere applicati correnti e tavola fermapiede a protezione esclusivamente dei lavoratori che operano sull ultimo impalcato. Tavola fermapiede

40 (Titolo IV, Sezione IV, art. 125 D.Lgs. 81/08) Il ponteggio deve essere efficacemente ancorato alla costruzione almeno in corrispondenza ad ogni due piani di ponteggio e ad ogni due montanti, con disposizione di ancoraggi a rombo o di pari efficacia (Ponteggi in legname). L ancoraggio dei ponteggi prefabbricati deve essere eseguito seguendo le indicazioni riportate nella relazione tecnica del costruttore.

41 Ponteggi Fissi (Ancoraggi)

42 (Ancoraggi) Ancoraggio rinforzato a Piastra ed a occhiello

43 (Ancoraggi) SI NO

44 Ponteggi Fissi (Ancoraggi)

45 Ponteggi Fissi (Ancoraggi)

46 (Ancoraggi) Ponteggio privo di ancoraggi

47 (Titolo IV, Sezione IV, art. 127 D.Lgs. 81/08) Ponti a sbalzo Gli impalcati e ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza, costruito come il ponte, a distanza non superiore a m. 2,50. La costruzione del sottoponte può essere omessaper i ponti sospesi, per le torri di carico, per i ponti a sbalzo e quando vengano eseguiti lavori di manutenzionee di riparazionedi durata non superiore a cinque giorni. ponte sotto ponte

48 (Titolo IV, Sezione V, art. 138 D.Lgs. 81/08) Norme particolari Per i ponteggi fissi valgono, in quanto applicabili, le disposizioni relative ai ponteggi in legno. Sono ammesse deroghe alle disposizioni precedenti purchè: a) L'altezza dei montanti superi di almeno 1 metro l'ultimo impalcato o il piano di gronda; b) L altezza del parapetto sia non inferiore a 95 cm rispetto al piano di calpestio; c) L altezza del fermapiede sia non inferiore a 15 cm rispetto al piano di calpestio;

49 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Castelli per elevatori) I castelli collegati ai ponteggi e costruiti per le operazioni di sollevamento e discesa dei materiali mediante elevatori, devono avere i montanti controventati per ogni due piani di ponteggio. I montanti che portano l'apparecchio di sollevamento devono essere costituiti, a seconda dell'altezza e del carico massimo da sollevare, da più elementi collegati fra loro e con giunzioni sfalsate, poggianti sui corrispondenti elementi sottostanti. I castelli devono essere progettati ai sensi dell articolo 133 ed ancoratialla costruzione ad ogni piano di ponteggio.

50 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Castelli per elevatori) Ancorati ogni piano di ponteggio controventati per ogni due piani di ponteggio

51 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Impalcature e parapetti dei castelli) Gli impalcati dei castelli devono risultare sufficientemente ampi e muniti, sui lati verso il vuoto, di parapetto e tavola fermapiede normali. Per il passaggio della benna o del secchione può essere lasciato un varco purché in corrispondenza di esso sia applicato un fermapiede alto non meno di 30 centimetri. Il varco deve essere ridotto allo stretto necessario e delimitato da robusti e rigidi sostegni laterali, dei quali quello opposto alla posizione del tiro deve essere assicurato superiormente ad elementi fissi dell'impalcatura. Dal lato interno dei sostegni di cui sopra, all'altezza di m 1,20 e nel senso normale all'apertura, devono essere applicati due staffoni in ferro sporgenti almeno cm 20, da servire per appoggio e riparo del lavoratore. Gli intavolati dei singoli ripiani devono essere formati con tavoloni di spessore non inferiore a cm 5 che devono poggiare su traversi aventi sezione ed interasse dimensionati in relazione al carico massimo previsto per ciascuno dei ripiani medesimi.

52 Ponteggi Fissi (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Impalcature e parapetti dei castelli)

53 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Montaggio degli elevatori) I montanti delle impalcature, quando gli apparecchi di sollevamento vengono fissati direttamente ad essi, devono essere rafforzati e controventati in modo da ottenere una solidità adeguata alle maggiori sollecitazioni a cui sono sottoposti. Nei ponti metallici i montanti, su cui sono applicati direttamente gli elevatori, devono essere di numero ampiamente sufficiente ed in ogni caso non minore di due. I bracci girevoli portanti le carrucole ed eventualmente gli argani degli elevatori devono essere assicurati ai montanti mediante staffe con bulloni a vite muniti di dado e controdado; analogamente deve essere provveduto per le carrucole di rinvio delle funi ai piedi dei montanti quando gli argani sono installati a terra.

54 (Allegato XVIII - D.Lgs. 81/08 Montaggio degli elevatori) Gli argani installati a terra, oltre ad essere saldamente ancorati, devono essere disposti in modo che la fune si svolga dalla parte inferiore del tamburo. Il manovratore degli argani "a bandiera" fissati a montanti di impalcature, quando non possano essere applicati parapetti sui lati e sulla fronte del posto di manovra, deve indossare la cintura di sicurezza. La protezione di cui al precedente punto deve essere applicata anche per il lavoratore addetto al ricevimento dei carichi sulle normali impalcature.

55 Ponteggi Fissi Esempi di montaggio in sicurezza

56 Il rischio di cadute nel montaggio smontaggio trasformazione deiponteggi La caduta dall alto è un rischio grave per la salute, capace cioè di procurare morte o lesioni di carattere permanente, che il lavoratore non è in grado di percepire tempestivamente prima del verificarsi dell evento. L esposizione al rischio di caduta dall alto deve essere protetta da adeguate misure di prevenzione e di protezione in ogni istante dell attività lavorativa. Il tempo di esposizione a tale rischio dovrebbe essere uguale a zero.

57 Ponteggi Fissi Il rischio di cadute nel montaggio smontaggio trasformazione dei ponteggi

58 Il rischio di cadute nel montaggio smontaggio trasformazione dei ponteggi La velocità di 2 m/s è quella che normalmente mantiene un uomo indaffarato. Come si vede, dallo schema 1, l area interessata dalla caduta si estende fino ai 3 m. dal bordo da dove questa ha inizio. Alcuni studi, svolti prevalentemente su paracadutisti, hanno accertato che la massima accelerazione che il corpo umano può subire senzache si verifichino lesioni interne è di circa 15 g per tempi brevi, dove g è l accelerazione di gravità(9,81 m/s²). Se la caduta si verifica a testa in giù tale limite si abbassa a 4-6 g. Se il lavoratore ha una massa di 80 kg, la sollecitazione massima che può sopportare è di 1200 dan (80 kg x 15 x 9,81 m/s² = N). Questo valore è quindi assunto come limite di sicurezza fisiologico. Dallo schema 2, si rileva che già dalla quota di 1 m, senza dissipatore, si raggiungono sollecitazioni di 1200 dan.

59 Esempi di montaggio in sicurezza E necessario dare priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale. Il montaggio del ponteggio utilizzando le misure di protezione collettiva è il più semplice e consiste nella presenza di un piano di lavoro completo di tutti gli elementi di impalcati, a tutti i piani del ponteggio sia in fase di montaggio che di smontaggio e trasformazione in modo da consentire al lavoratore di accedere, uscire, posizionarsi, transitare sui piani di lavoro in modo autonomo senza l aiuto di altri lavoratori.

60 Ponteggi Fissi Squadra montatori

61 Sequenza di montaggio Ponteggi con sponde strutturali permanenti Montaggio del primo impalcato da terra Montaggio del secondo ordine dei telai prefabbricati

62 Sequenza di montaggio Montaggio dei parapetti Montaggio degli intavolati

63 Sequenza di montaggio Ponteggi con parapetto rimovibile non avente funzione strutturale Montaggio dei parapetti provvisori

64 Sequenza di montaggio Montaggio del piano di calpestio

65 Sequenza di montaggio Montaggio dei telai prefabbricati Montaggio dei correnti parapetto

66 Sequenza di montaggio Montaggio degli impalcati Smontaggio dei parapetti provvisori

67 Sequenza di montaggio Posa dal basso dei parapetti provvisori per l allestimento della stilata superiore

68 Sequenza di montaggio Ponteggi montati con l uso di sistema anticaduta Questo metodo prevede, durante le fasi di montaggio, trasformazione e smontaggio, l uso continuo del sistema anticaduta con una esposizione al rischio di caduta limitata al solo campo di allestimento ed è utilizzabile solo qualora non sia possibile usufruire delle protezioni collettive. MODALITA DI MONTAGGIO LINEA VITA E SUO UTILIZZO Prima di accedere al piano superiore impalcato montare la linea vita. La linea di ancoraggio deve essere usata dal numero massimo di persone previsto nel libretto della stessa. La linea vita deve essere montata dal piano inferiore a quello di allestimento prima che il lavoratore vi acceda, in modo da permettere l aggancio immediato del lavoratore che esce dalla botola.

69 Sequenza di montaggio Per l ancoraggio della linea di sicurezza si può utilizzare una fettuccia di ancoraggio ed effettuare una legatura a strozzo in modo che la fettuccia non scivoli lungo il montante. Se il punto di ancoraggio èeffettuato lungo un montante, conformato in modo da ostacolare la discesa dell ancoraggio, passare semplicemente la fettuccia intorno al montante.

70 Sequenza di montaggio In alternativa alla fettuccia utilizzare pinze di ancoraggio. Le pinze devono essere sempre libere di posizionarsi nel senso della tensione della linea vita. Collegare i due moschettoni posti alle estremità della linea vita ai due ancoraggi a fettuccia. Montare la linea vita prima della posa degli impalcati o del completamento del montaggio degli stessi, per lasciare all operatore un agevole spazio di manovra. Mettere in tensione la linea vita tramite tensionatore manuale. Verificare la necessità di dotare la linea vita di un dispositivo assorbitore di energia UNI EN 355 allo scopo di limitare la sollecitazione degli ancoraggi a 600 da N.

71 Sequenza di montaggio Per essere utilizzabile la linea vita deve essere posizionata all interno dei montanti dell impalcato in modo da consentire al cordino di assecondare, seguendoli, i movimenti dell operatore. Se la linea vita deve essere interrotta(ancoraggi intermedi, ostacoli architettonici o costituiti da elementi di ponteggio) si deve adottare un cordino a Y o due cordini collegati al dissipatore di energia in modo che il lavoratore possa superare le interruzioni senza mai essere sganciato dalla linea vita.

72 Sequenza di montaggio Operando dal piano di campagna mettere in opera gli ancoraggi del ponteggio, se previsti. Operando dal basso posare i telai, i traversi e il piano di calpestio del I impalcato. Dal 1 piano l operatore si trova ad una quota di circa 2 m e pertanto non necessita di alcuna protezione obbligatoria contro le cadute. Pertanto procede, sempre operando dal basso, ad allestire il 2 piano di calpestio. Accedere al piano superiore dell impalcato e non appena si è in posizione utile per raggiungere con le mani la linea di ancoraggio, agganciare a questa il moschettone del dispositivo di trattenuta.

73 Sequenza di montaggio Di seguito vengono proposte alcune tecniche di montaggio dei ponteggi con l utilizzo dei sistemi anticaduta; tali esempi risultano puramente indicativi e didattici al fine di consentire un corretto approccio alle problematiche derivanti da tale metodologia. L adozione di tali procedure inoltre comporta dei rischi aggiuntivi rispetto a quella con misure di protezione collettiva in quanto: 1. la possibile caduta dell operatore, determina una sollecitazione sul ponteggio che non rientra più nelle previsioni di calcolo di cui alla sua Autorizzazione Ministeriale; 2. il personale utilizzante l imbracatura di sicurezza dovràessere adeguatamente addestrato, in quanto trattasi di D.P.I. di 3ª categoria (salvavita).

74 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio I a ipotesi Impiego di una linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio

75 Sequenza di montaggio Ma P + 4 m. < F+D+H+A e pertanto l operatore si schianta a terra. Uno dei punti critici con l utilizzo della linea vita flessibile è quando si opera dal II piano in quanto il tirante d aria può non essere sufficiente ad evitare l impatto del lavoratore al suolo; infatti con una altezza del ponteggio pari a 4 m si riscontrano le seguenti condizioni:

76 Sequenza di montaggio Questa soluzione, allo stato attuale delle conoscenze, non è praticabile in quanto: P+4m = 4,9m F+H+D+A = 1,5+1,75+1,5+F = 4,75+F F presenta valori notevolmente superiori a 0,15 m (vedi tabella 1). Tabella (1) esemplificativa della freccia che si forma con diverse lunghezze della linea vita ed ai carichi applicati. *Nota: in una prova pratica, con un peso di 75 kg con lunghezza della caduta di 2 m, si è osservato che l assorbitore di energia si èesteso per circa 20 cm a fronte di un possibile allungamento totale previsto dal costruttore di 1,75 m

77 Sequenza di montaggio II a ipotesi IL PROBLEMA E QUELLO DI DIMINUIRE IL PIU POSSIBILE LA DISTANZA DI CADUTA IN MODO DA RIDURRE L IMPATTO DELL OPERATORE CON L IMBRAGO, L EFFETTO PENDOLO, GLI SFORZI INDOTTI SULLA STRUTTURA DELL IMPALCATO E SUGLI ANCORAGGI. II a ipotesi Impiego di linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio con lunghezza ridotta Si può adottare linee vita con lunghezze ridotte per diminuire la freccia, ma si pone il problema della scarsa mobilità dell operatore e la frequente operazione di spostamento della linea vita con conseguente aggancio e sgancio dell imbracatura.

78 Sequenza di montaggio III a ipotesi Impiego di linea vita ancorata ai montanti a 2 metri dal livello del piano di calpestio Gli ancoraggi della line vita dovranno essere posti ad una altezza, indipendentemente dal piano di calpestio, tale da diminuire lo spazio di caduta ed evitare l impatto dell operatore a terra. Per esempio, allestire una linea vita flessibile ancorata ad un livello più elevato rispetto al piano di calpestio utilizzando dei prolungamenti dei montanti, un cordino di lunghezza ridotta con assorbitore di energia. Questa soluzione appare praticabile ma presenta difficoltà di determinazione del punto di ancoraggio sicuro rispetto al prolungamento.

79 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio III a ipotesi

80 Considerando: Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio III a ipotesi l altezza della linea vita èposta a 2 m dal piano di calpestio; una lunghezza della linea vita di 14,4 m; dalla tabella (1) la freccia risulta essere di 3,20 m; La caduta libera risulta essere di 3,05 m I piedi dell operatore si verranno a trovare ad una altezza di: E-[ (C²+D²)-A] + F = 94 cm da terra. Nota: si è presupposto che la caduta non comporti lo srotolamento dell assorbitore del cordino in quanto la linea vita risulta essere già sollecitata e quindi già con una certa freccia all inizio della caduta. Tale condizione comporta già un rallentamento della velocità di caduta e la conseguente diminuzione della forza d impatto finale.

81 Sequenza di montaggio IV a ipotesi Impiego di linea vita in acciaio ancorata ai montanti a 2 metri dal livello del piano di calpestio la linea vita è posizionata come la precedente ma con freccia molto ridotta (per esempio utilizzando una fune d acciaio con freccia di 80 cm). Il cordino deve essere il più corto possibile e non si utilizza il dissipatore di energia se la caduta ècontenuta al massimo a 60 cm. L accesso dell operatore al piano presenterà un rischio residuo di caduta fino a che l operatore non si sarà agganciato alla linea vita. Sarà sempre importante verificare gli sforzi a cui sono soggetti gli ancoraggi.

82 Sequenza di montaggio V a ipotesi Impiego di linee vita flessibile fissata ai montanti dei telai esterni del ponteggio

83 Sequenza di montaggio V a ipotesi Posizionare ed ancorare la linea vita nella parte alta dei montanti delle stilate allo scopo di ridurre al minimo lo spazio di caduta. Sarà necessario prevedere adeguati rinforzi alla base della stilata. Valgono le considerazioni delle ipotesi II e III. Presenta l inconveniente che necessita di due punti di accesso (quindi due scale e due botole per piano) al fine di poter installare le stilate di estremità previo aggancio alla struttura del ponteggio o all ancoraggio dello stesso a livello dell impalcato. (vedi ipotesi I escluso la freccia F). Dopo aver posato le stilate di estremità l operatore deve cambiare il cordino ed adottare quello da 0,55 m. Caduta libera 3,05 m sempre che non entri in funzione l assorbitore (vedi ipotesi III ) Rischio residuo: se l operatore cade dalla testata dell impalcato, durante la posa delle stilate di estremità, la caduta libera saràdi 4,75 m e pertanto impatteràcol suolo per 75 cm.

84 Sequenza di montaggio VI a ipotesi Utilizzo di un dissipatore retrattile orizzontale La procedura rimane quella di operare dal basso posizionando il dissipatore sull impalcato del piano da montare ed ancorarlo ad un montante. Il dissipatore deve essere libero di allinearsi lungo la linea di forza. Quindi uscire dalla botola e agganciarsi immediatamente. Nella posizione piùsfavorevole, quando cioèl operatore si trova a montare la stilata successiva (circa 1,80 m) si avrà:

85 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio VI a ipotesi

86 Sequenza di montaggio VI a ipotesi Qualora si renda necessario diminuire ulteriormente la distanza di caduta libera si applicano, per lo stesso operatore, due dissipatori alle estremità del ponte e si collegano entrambi all imbraco. In questo caso si riduce anche l effetto pendolo. La soluzione però appare poco pratica in quanto si determina un ingombro ai movimenti dell operatore. Il dissipatore deve essere revisionato annualmente e dopo ogni caduta.

87 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio VII a ipotesi

88 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio VII a ipotesi

89 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio Effetto pendolo

90 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio

91 Ponteggi Fissi Sequenza di montaggio - Conclusioni

92 Ponteggi Ponti su ruote a torre Il ponte su ruote a torre è un ponteggio mobile, costituito da tubi metallici e tavole (elementi prefabbricati), che dispone di una stabilità propria. Presenta uno o più impalcati collocati a quote differenti denominati ponti e sottoponti. L accesso ai vari piani di lavoro (ponti) avviene dall interno per mezzo di scale a mano. E usato prevalentemente per lavori di manutenzione e finitura all interno degli ambienti.

93 Ponteggi Ponti su ruote a torre (art. 140 D.Lgs. 81/08) 1. Devono avere una base ampia in modo da resistere, con largo margine di sicurezza, ai carichi e alle sollecitazioni cui possono essere sottoposti durante gli spostamenti o per colpi di vento in modo che non possano essere ribaltati. 2. Il piano di scorrimentodelle ruote deve risultare livellato; il carico del ponte sul terreno deve essere opportunamente ripartito con tavoloni o altro mezzo equivalente. 3. Le ruote del ponte in opera devono essere saldamente bloccate con cunei dalle due parti o sistemi equivalenti. In ogni caso dispositivi appropriati devono impedire lo spostamento involontario dei ponti su ruote durante l esecuzione dei lavori.

94 Ponteggi Ponti su ruote a torre (art. 140 D.Lgs. 81/08) 4. I ponti su ruote devono essere ancoratialla costruzione almeno ogni due piani; èammessa deroga a tale obbligo per i ponti su ruote a torre conformi all ALLEGATO XXIII. 5. La verticalitàdei ponti su ruote deve essere controllata con livello o con pendolino. 6. I ponti, esclusi quelli usati nei lavori per le linee elettriche di contatto, non devono essere spostati quando su di essi si trovano lavoratori o carichi.

95 Ponteggi Ponti su ruote a torre (Allegato XXIII D.Lgs. 81/08) 1. E' ammessa deroga per i ponti su ruote a torre alle seguenti condizioni: il ponte su ruote a torre sia costruito conformemente alla norma tecnica UNI EN 1004; il costruttore fornisca la certificazione del superamento delle prove di rigidezza, di cui all'appendice A della norma tecnica citata, emessa da un laboratorio ufficiale; l'altezza del ponte su ruote non superi 12 m se utilizzato all'interno (assenza di vento) e 8 m se utilizzato all'esterno(presenza di vento); per i ponti su ruote utilizzati all'esterno degli edifici sia realizzato, ove possibile, un fissaggio all'edificio o altra struttura; per il montaggio, uso e smontaggio del ponte su ruote siano seguite le istruzioni indicate dal costruttore in un apposito manuale redatto in accordo alla norma tecnica UNI EN L'attrezzatura di cui al punto 1 è riconosciuta ed ammessa se legalmente fabbricata o commercializzata in altro Paese membro dell'unione europea o nei Paesi aderenti all'accordo sullo spazio economico europeo, in modo da garantire un livello di sicurezza equivalente a quello garantito sulla base delle disposizioni, specifiche tecniche e standard previsti dalla normativa italiana in materia.

96 Ponteggi Ponti su ruote a torre -Precauzioni Il piano di scorrimento delle ruote deve essere compatto e livellato; il carico del ponte sul terreno deve essere opportunamente ripartito con tavoloni o altro mezzo equivalente. Le torri possono essere spostate solo manualmente e solo su superfici compatte lisce e prive di ostacoli. Nel corso dello spostamento, non deve essere superata la normale velocità di cammino; Le ruote con i freni, di cui sono dotate, siano bloccate. E comunque sempre consigliabile mettere sempre in opera anche cunei che impediscano il movimento del ponte per colpi di vento o altro in modo che non possa essere ribaltato.

97 Ponteggi Ponti su ruote a torre -Precauzioni Piani di lavoro e passaggio continui con coefficiente non minore di 4 rispetto alla rottura ben ancorati ai correnti di appoggio, protetti con parapetti normali e fermapiede alto cm. 20. Sono ammesse botole di passaggio purché richiudibili con coperchio praticabile; Non installare sul ponte apparecchi di sollevamento a meno che ciò non sia espressamente previsto in fase di progettazione; Non effettuare spostamenti con persone o materiali instabili sul ponte. Non accedere al piano di lavoro arrampicandosi sulla struttura esterna del ponte, ma utilizzando solo scale a mano poste all interno del castello;

98 Ponteggi Ponti su ruote a torre -Precauzioni

99 Ponteggi Ponti su ruote a torre -Precauzioni

100 Ponteggi Ponti su ruote a torre -Precauzioni Dispositivo (livella o pendolo) alla base del ponteggio per il controllo della orizzontalità della base; I ponti su ruote possono essere montate e smontate solo da persone che hanno dimestichezza con le istruzioni di montaggio e uso; Non devono essere usati componenti danneggiati. Verificare il buono stato degli elementi, degli incastri, dei collegamenti, di eventuali snodi; Impiegare solo componenti originali secondo quanto indicato dal costruttore. Ancoraggi ogni due paini

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO 1 Montante: tubo verticale atto a sopportare tutti i carichi agenti sul ponteggio. 2 Traverso: elemento in direzione ortogonale alla facciata

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta

FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA. I Lavori in Quota. Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta FORMAZIONE COORDINATORI SICUREZZA I Lavori in Quota Elaborato Utilizzato per Corso AGGIORNAMENTO COORDINATORI (40 ore) 2011 Seravezza Querceta Rischio cadute dall alto Normative Nazionali e Regionali (su

Dettagli

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131

Il marchio CE sulla scala non è garanzia di conformità alla norma UNI EN 131 ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA Requisiti minimi di sicurezza e salute per l uso delle attrezzature di lavoro per l esecuzione di lavori temporanei in quota 1. Definizioni Lavoro in quota: attività

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

I PONTEGGI I PONTEGGI

I PONTEGGI I PONTEGGI I PONTEGGI DISCIPLINATI DAL DPR 164/56, E DALLE CIRC. n 149 del 22/11/1985 E 21467 del 18/04/1986 PONTE ART. 27 DPR 164/56 SOTTOPONTE Gli impalcati e ponti di servizio devono avere un sottoponte di sicurezza,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza

Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (PIMUS), autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto Ancoraggi e Verifiche di Sicurezza Comitato Paritetico Territoriale Prevenzione Infortuni, Igiene di Lavoro della Provincia di Caserta CORSO PER LAVORATORI ADDETTI E PREPOSTI AL MONTAGGIO/SMONTAGGIO/TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI Piano di montaggio,

Dettagli

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003

Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 Cadute dall alto Il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235 pubblicato su G.U. del 27 agosto 2003 ATTUA la direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ...

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ... Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA...... COMMITTENTE... INDIRIZZO CANTIERE... TIPO di INTERVENTO...

Dettagli

Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08

Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08 Ordine degli Ingegneri di Trento Corso aggiornamento Coordinatori per la sicurezza cantieri Chiarimenti e novità applicative del Titolo IV del D.Lgs.81/08.81/08 dott. Mirko Mazzurana La prevenzione dei

Dettagli

Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore

Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore Pimus Allegati Verifiche Corso Formativo 2010 dott. Marco Pecoraro Argomenti trattati: Il ruolo del Coordinatore 1. Pi.M.U.S.; 2. Gli ancoraggi; 3. I D.P.I.; 4. Le verifiche; 5. La formazione dei lavoratori.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Claudio Modena. Dipartimento di Costruzioni e Trasporti. Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009

Claudio Modena. Dipartimento di Costruzioni e Trasporti. Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009 Università degli Studi d Padova Programma Forum di Prevenzione Incendi 2009 Comitato tecnico scientifico: Fabio Carapezza Guttuso, Gioacchino Giomi, Maurizio Stocchi L INCENDIO NEI CANTIERI DI RESTAURO:

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE I PONTEGGI I PONTEGGI FISSI DLGS 81/2008 (aggiornato al Dlgs 106/2009) - artt. 122-140, All. XVIII, XIX, XXII TU - Art. 122. Nei lavori che sono eseguiti ad un'altezza superiore

Dettagli

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5;

Vista la legge 1 marzo 2002, n. 39, ed in particolare l'articolo 1, commi 1, 3 e 5; Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa ai requisiti minimi di sicurezza e di salute per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli

Dettagli

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI

NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI NORME DI LEGGE E DI BUONA TECNICA LEGATE ALL UTILIZZO DI PARAPETTI E RETI ANTICADUTA CORSO AGGIORNAMENTO COORDINATORI Per. Ind. Michele Luongo - C.P.T. LUCCA INTRODUZIONE Nelle costruzioni vengono utilizzate

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco

Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Regione Lombardia Sanità Linea Guida per l utilizzo di scale portatili nei cantieri temporanei e mobili Le scale portatili - D.L.vo 81/08 Per. Ind. Roberto Aondio A.S.L. di Lecco Riferimenti normativi

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE.

D.M. 27-3-1998. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE. D.M. 27-3-1998 Riconoscimento di conformità alle vigenti norme di un sistema di sicurezza anticaduta montato su una scala fissa metallica ad un montante. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 maggio 1998, n. 102.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B2

Università per Stranieri di Siena Livello B2 Unità 9 Lavorare in sicurezza: il ponteggio CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulle regole da seguire per montare ponteggi sicuri e stabili nei cantieri edili e prevenire

Dettagli

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi.

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. - VENEZIA - Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. 1. planimetria delle zone destinate allo stoccaggio e al montaggio dei ponteggi. Le opere provvisionali

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Allegato V Dlgs 81/2008

Allegato V Dlgs 81/2008 Allegato V Dlgs 81/2008 REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO, O MESSE

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario.

CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO UNA CADUTA. Anche da una piccola altezza una caduta può avere conseguenze drammatiche!! È volontario. Sistemi anticaduta CHE COSA E UNA CADUTA? UN SALTO È volontario UNA CADUTA È involontaria E quindi è ammortizzato E quindi non è ammortizzata Buon assorbimento d energia IMPATTO DEBOLE Minimo assorbimento

Dettagli

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

UNA CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI U CHECK LIST PER LA CUREZZA NEI CANTIERI EDILI LE CONDERAZIONI ESPOSTE SO FRUTTO ESCLUVO DEL PENERO 1DEGLI AUTORI E N HAN CARATTERE IN ALCUN MODO IMPEGTIVO PER L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DI APPARTENENZA.

Dettagli

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (PiMUS) Proposta operativa per la redazione e la gestione Luca Mangiapane Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio E. Le

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94)

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) ID. Commessa Localizzazione cantiere Impresa esecutrice incaricata del montaggio/trasformazione

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. rev. 1 Aprile 2006 Via Bismantova 7 42100 Reggio Emilia tel. 0522 293003

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio Viale XXV Aprile n. 29 19038 - Sarzana (SP) Telefono 0187.622198 - Fax 0187.627172 e-mail: info@studioql.it Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio OGGETTO: Ristrutturazione ed ampliamento di

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

LINEA GUIDA. Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI

LINEA GUIDA. Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI LINEA GUIDA Per l esecuzione di lavori temporanei in quota con l impiego di sistemi di accesso e posizionamento mediante ponteggi metallici fissi di facciata Montaggio, smontaggio, trasformazione PONTEGGI

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (DPI) - CINTURE DI SICUREZZA Sommario 1. Premessa 2. Definizione 3. Fonti normative 4. Caratteristiche e requisiti 5. Adempimenti amministrativi 6. Sanzioni 7. Illustrazioni

Dettagli

LA SICUREZZA DEI PONTEGGI lavori in quota e sulle coperture

LA SICUREZZA DEI PONTEGGI lavori in quota e sulle coperture LA SICUREZZA DEI PONTEGGI lavori in quota e sulle coperture R. Sicilia Decreto 5 settembre 2012 QUESITI CIRCOLARI MINISTERIALI SENTENZE DI CASSAZIONE LAVORI SULLE COPERTURE SICUREZZA PRATICA E MISURE DI

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA

La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto. ing. PASTA NICOLA La scelta delle attrezzature nella gestione del rischio di caduta dall alto ing. PASTA NICOLA Quale approccio alla gestione del rischio di caduta dall alto alto D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - Art. 15 Le misure

Dettagli

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota ALLEGATO XXI Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota Soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10

ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 2774 del 22/09/09 pag. 1/10 ISTRUZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E

Dettagli

NORMATIVA SUI PONTEGGI FISSI. Si riportano ESCLUSIVAMENTE gli articoli che riguardano i ponteggi fissi

NORMATIVA SUI PONTEGGI FISSI. Si riportano ESCLUSIVAMENTE gli articoli che riguardano i ponteggi fissi NORMATIVA SUI PONTEGGI FISSI Si riportano ESCLUSIVAMENTE gli articoli che riguardano i ponteggi fissi D.P.R. 7 Gennaio 1956 n.164 D.P.R. 27 Aprile 1955 n.547 DECRETO MINISTERIALE 2 SETTEMBRE 1968 CIRCOLARE

Dettagli

LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi

LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro Prevenzione e vigilanza per sicurezza del lavoro nei cantieri edili LAVORI SULLE COPERTURE Utilizzo di parapetti provvisori e ponteggi Settimo Torinese

Dettagli

ing. Domenico Mannelli PIMUS PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO

ing. Domenico Mannelli PIMUS PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO ing. Domenico Mannelli PIMUS PIANO DI MONTAGGIO USO E tipi di ponteggi Ponteggi mobili Ponteggi autosollevanti Ponteggi fissi in legno o metallici 2/79 Ponteggi mobili Non assimilabili a ponteggi fissi

Dettagli

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota.

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota. REGOLAMENTO SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI A LAVORI IN QUOTA. Schema di Regolamento su soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione Regionale del Lavoro di Vigilanza "10.000 Cantieri" PERIODO DAL AL RIEPILOGO VIOLAZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA D.P.R..04.55, n. 54 4 8 10 18 1

Dettagli

ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza

ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza ISPESL ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Dipartimento Tecnologie di Sicurezza PER L ESECUZIONE DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO

Dettagli

Il ponteggio Allround Layher Libretto di montaggio e utilizzo. Il sistema universale per la realizzazione di qualsiasi tipologia di ponteggio

Il ponteggio Allround Layher Libretto di montaggio e utilizzo. Il sistema universale per la realizzazione di qualsiasi tipologia di ponteggio Il ponteggio Allround Layher Libretto di montaggio e utilizzo Il sistema universale per la realizzazione di qualsiasi tipologia di ponteggio In acciaio zincato a caldo Sistema di Qualità Aziendale certificato

Dettagli

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni.

Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Arezzo, 23 settembre 2011 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nei lavori in quota nelle costruzioni. Analisi delle novità legislative. Esperienze e modalità di applicazione. ATLAS è azienda

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO TI

TORRE MOBILE DA LAVORO TI TORRE MOBILE DA LAVORO TI ISTRUZIONI PER L USO, IL MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro Linee Guida per la redazione delle istruzioni per il montaggio, l impiego e lo smontaggio delle attrezzature provvisionali: casseforme, impalcature di sostegno ed attrezzature correlate Direzione Sanità

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio ( ai sensi del D.lgs 81/08 ) Lavori di : manutenzione straordinaria relativi al prospetto del Condominio denominato Santa Caterina sito in Reggio Calabria

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2

AT-100 DISPOSITIVO DI ANCORAGGIO A NORMA UNI EN 795 A2 A NORMA UNI EN 795 A2 Uso e manutenzione Dichiarazione di conformità Relazione di calcolo degli elementi di fissaggio Istruzioni di montaggio Anticaduta Mistral Srl Corso Marconi 25-10125 TORINO tel: 011.6509102

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI

GESTIONE IN SICUREZZA: USO DI SCALE A MANO E PORTATILI SIC26 Pag. 1/6 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA. Sezione I CAMPO DI APPLICAZIONE

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA. Sezione I CAMPO DI APPLICAZIONE CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA Sezione I CAMPO DI APPLICAZIONE Articolo 105 Attività soggette 1. Le norme del presente Capo si applicano

Dettagli

LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI

LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI COORDINAMENTOTECNICO INTERREGIONALE DELLA PREVENZIONE NEI LUOGHI DI LAVORO LAVORI SU COPERTURE CON SISTEMI TEMPORANEI DI PROTEZIONE DEI BORDI Introduzione Scopo del presente documento è fornire indicazioni

Dettagli

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15

MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 MINISTERO LAVORO circolare 19 marzo 1980, n. 15 Prevenzione infortunistica: attrezzature per getto di calcestruzzo con tecnologia a tunnel. Si rende noto che la Pretura di Roma - Sezione IX penale - ha

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

Istruzioni e norme d uso dei ponteggi su ruote POKER POKER-HD

Istruzioni e norme d uso dei ponteggi su ruote POKER POKER-HD Istruzioni e norme d uso dei ponteggi su ruote POKER POKER-HD Avvertenze obbligatorie per il montaggio, l uso, gli spostamenti e lo smontaggio del ponte su ruote Questo libretto deve sempre accompagnare

Dettagli

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA

I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE COLLETTIVA PER MONTARE I PREFABBRICATI IN SICUREZZA l di Luca Rossi ricercatore Dipartimento Tecnologie di Sicurezza- ex ISPESL Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA

MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Regione del Veneto DIREZIONE PER LA PREVENZIONE Azienda U.L.S.S. 15 Alta Padovana Regione del Veneto MANUALE OPERATIVO PER CHI LAVORA IN ALTEZZA Piano Regionale Amianto del Veneto IO NON CI CASCO Manuale

Dettagli

Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA. www.ciprianobortolato.it. www.ciprianobortolato.it HOME HOME

Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA. www.ciprianobortolato.it. www.ciprianobortolato.it HOME HOME 1 Gestione del rischio di caduta LAVORO IN QUOTA 2 Identificazione dei pericoli STRUTTURE O IMPIANTI CHE DEVONO ESSERE COSTRUITI O INSTALLATI, DEMOLITI O SMANTELLATI, ISPEZIONATI, TESTATI, MANTENUTI, RIPARATI

Dettagli

Aspetti di vigilanza in edilizia

Aspetti di vigilanza in edilizia Aspetti di vigilanza in edilizia Ing. Claudia Aldini Resp. U.O. Vig. Tecnica - Direzione Territoriale del Lavoro di Reggio Emilia Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero dell'autore

Dettagli

Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626 05/09/2006. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626 05/09/2006. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Coordinamento Unità Operative Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASS Regione FVG Approvate dal Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626/94

Dettagli

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini

Linee Vita. Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010. M.EN.S. Engineering. Dott. Ing. Corrado Giromini M.EN.S. Engineering Dott. Ing. Corrado Giromini Sistemi Anticaduta dall Alto Linee Vita Progettazione ed Posa in Opera D.Lgs.81/08 e s.m.i. L.R.5/2010 M.EN.S. Engineering Sommario Normativa D.Lgs.81/08

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO

RISCHIO CADUTA DALL ALTO MICHELE SANGINISI RISCHIO CADUTA DALL ALTO DAI PONTEGGI METALLICI FISSI @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on line: filodiretto con gli autori le

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA.

LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA. LISTA DI CONTROLLO PER I CANTIERI EDILI, AI FINI DELLA VALUTAZIONE DELLE NORME DI SICUREZZA APPLICATE, REDATTO A CURA DI ANCE AQUILA. Guida di riferimento per Datori di lavoro e Responsabili di cantiere.

Dettagli

Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626 05/09/2006. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626 05/09/2006. Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Coordinamento Unità Operative Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro ASS Regione FVG Approvate dal Comitato regionale di coordinamento art. 27 D.Lgs. 626/94

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI

Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI Mercoledì,, 4 marzo 2008 CNA Lucca Sala riunioni CORSO DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER ADDETTI AL MONTAGGIO, SMONTAGGIO ED USO DEI TRABATTELLI DPR 626/94 giuridicamente definito NORME D USOD USO e non

Dettagli

DISPOSITIVI ANTICADUTA

DISPOSITIVI ANTICADUTA I DPI presentati dalla SOCIM SpA su questo catalogo sono in grado, se utilizzati correttamente, di risolvere la totalità dei problemi derivanti dai lavori in zone pericolose a grande altezza, entro cavità,

Dettagli