Corso di formazione teorica per operatori addetti alla conduzione di gru per edilizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di formazione teorica per operatori addetti alla conduzione di gru per edilizia"

Transcript

1 O.M.V. Officine Meccaniche VICARIO S.p.A Gattico (No) - Italia - Via Piola, 4 Direzione - Gru e betoniere Rivendita attrezzatura Officina riparazioni vicariogru.com Corso di formazione teorica per operatori addetti alla conduzione di gru per edilizia Ufficio di Progettazione delle Officine Meccaniche VICARIO S.p.A. GATTICO (NO)

2 Indice 1 Prefazione al corso 1.1 La norma di riferimento per l addestramento degli operatori 1.1 la norma di riferimento per la costruzione delle macchine 2 La gru a torre per edilizia 2.1 Introduzione 2.2 Tipologie 2.3 Le fasi di vita di una gru per edilizia: da cantiere a cantiere 3 Tecnologia delle gru a torre 3.1 Componenti principali e nomenclatura 3.2 Gli organi di movimento fondamentali nelle gru a torre. 3.3 Le funi 3.4 Gli argani 3.5 I meccanismi di rotazione 3.6 I meccanismi di montaggio oleodinamico 3.7 Dispositivi rilevanti ai fini della sicurezza 4 Installazione e utilizzo della gru 4.1 La scelta dell ubicazione 4.2 Le reazioni sugli stabilizzatori 4.3 Le basi di appoggio 4.4 Le fondazioni 4.5 Le condizioni ambientali ammesse 4.6 La capacità di carico della gru 4.7 Le forze agenti sulla gru 4.8 La stabilità al ribaltamento 4.9 Messa in servizio e fuori servizio della gru 4.10 Criteri di conduzione 4.11 Segnali gestuali 4.12 Gli usi non consentiti 4.13 Verifiche e manutenzione 5 Accessori di sollevamento 5.1 Definizione 5.2 Tipologie, caratteristiche e uso delle brache 5.3 Cassoni, benne e forche 5.4 Manutenzione ordinaria degli accessori di sollevamento 6 Conservazione e compilazione della documentazione a corredo della gru 2

3 1 PREFAZIONE AL CORSO 1.1 LA NORMA DI RIFERIMENTO PER L ADDESTRAMENTO DEGLI OPERATORI Si ritiene che il riferimento migliore per avviare un corso di addestramento per operatori di gru per edilizia sia la norma specifica che l UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) ha pubblicato, recependo la Norma ISO (Organizzazione di Standardizzazione Internazionale) 9926/1. Di questa norma specifica riportiamo fedelmente i punti introduttivi (*): Punto 2: Generale La conduzione degli apparecchi di sollevamento deve tenere conto della sicurezza delle persone e dei beni situati nel loro campo d azione. Gli apparecchi di sollevamento sono spesso macchine di considerevole valore e occupano una posizione chiave nel processo del lavoro. Gli operatori devono perciò essere attentamente selezionati e devono ricevere un addestramento di base da esperti specializzati. E anche essenziale che le persone che fanno parte della squadra di movimentazione (sovrintendenti, segnalatori, imbracatori) ricevano un appropriato addestramento. Punto 3: Attitudini e conoscenze Gli operatori devono avere almeno 18 anni. Devono essere riconosciuti idonei dal punto di vista medico a esercitare la professione. Si deve tenere conto dei seguenti aspetti: a) Fisico - vista e udito; - mancanza di vertigini quando si opera ad una certa altezza; - assenza di disturbi e infermità inabilitanti; - assenza di disturbi dovuti a droga o alcool. b) Psicologico - comportamento sotto stati di tensione; - equilibrio mentale; - senso di responsabilità. Possono essere eseguite delle prove per determinare l attitudine degli addestrandi (abilità manuale, buon senso, autocontrollo, calma,accuratezza, coordinamento dei movimenti e riflessi). Gli addestrandi devono essere in grado di capire e leggere la lingua nella quale sono scritti i documenti e le targhe di informazione degli apparecchi di sollevamento. ( ) 3

4 Punto 4: Obiettivi dell addestramento Gli obbiettivi dell addestramento sono: a) fornire la completa conoscenza delle regole applicabili agli apparecchi di sollevamento e al loro ambiente per mettere gli apparecchi in servizio, fuori servizio ed utilizzarli in tutta sicurezza; b) fornire la conoscenza dei segnali a mano, comunicazioni radio, attrezzature e tecnica per movimentazione carichi, sufficiente affinché l operatore: - esegua le operazioni efficacemente e senza pericolo per sé e per gli altri; - sia in grado di effettuare operazioni normali e di emergenza; c) fornire la conoscenza tecnica degli apparecchi di sollevamento, delle loro caratteristiche e dei diagrammi di carico, dei meccanismi e dei dispositivi di sicurezza, sufficienti per: - guidare diversi apparecchi di sollevamento dello stesso tipo; - fare uso ottimale delle loro caratteristiche; - identificare i difetti; - compiere controlli giornalieri; - sapere come usare la documentazione; d) acquisizione dell abilità di guida relativa a: - combinazione e precisione dei movimenti; - valutazione dei carichi e delle distanze; - uso ottimale dei dispositivi di comando e della strumentazione nelle cabine (o postazioni mobili) di guida. La norma prosegue indicando la procedura e il contenuto dell'addestramento teorico e pratico. Nello specifico, per gli operatori di gru a torre, é disponibile la norma UNI-ISO (**). (*) Norma: UNI-ISO Dicembre Apparecchi di sollevamento - Addestramento degli operatori Generalità (**) Norma: UNI-ISO Novembre Apparecchi di sollevamento - Addestramento degli operatori Gru a torre Le norme sono acquistabili presso: UNI - Via Sannio, Milano - Tel Internet: 4

5 1.2 LE NORME DI RIFERIMENTO PER LA COSTRUZIONE DELLE MACCHINE La costruzione delle macchine è regolata da direttive comunitarie, leggi e decreti nazionali e da norme di buona tecnica, ad esempio EN CEI UNI DIN - ISO FEM, ecc. Le direttive comunitarie, le leggi e i decreti hanno valore cogente, quindi la loro applicazione è obbligatoria. Le norme di buona tecnica sono invece volontarie, tuttavia sono di grande significato perché rappresentano lo stato della tecnica e la loro adozione dà la presunzione di una buona esecuzione. Le norme di buona tecnica diventano obbligatorie quando sono imposte da direttive comunitarie, leggi o decreti. Tra queste, ad esempio, hanno valore obbligatorio in Italia le norme CEI, che riguardano gli impianti elettrici, in quanto imposte dalla legislazione nazionale. La legislazione fondamentale che in Italia disciplina la costruzione e l immissione sul mercato delle gru per edilizia, con i relativi accessori e componenti di sicurezza, è il D.P.R. n. 459 del 24 luglio 1996 che recepisce la direttiva CEE 98/37(aggiornata dalla direttiva 2006/42/CE a partire dal 29 dic. 2009), meglio conosciuta come Direttiva Macchine, e riguarda non solo le gru ma molti altri macchinari. Questo decreto obbliga il fabbricante a costruire e immettere sul mercato solo macchine che rispettano i criteri minimi di sicurezza previsti nella direttiva. Nello stesso tempo gli conferisce la facoltà di stabilire o concordare con l utilizzatore l uso consentito della macchina e di scegliere quali norme di buona tecnica adottare per la costruzione. Nel rispetto della legislazione citata, oggi la fornitura di una gru per edilizia deve comprendere: - la macchina completa di ogni sua parte funzionante secondo l uso previsto o concordato; - la dichiarazione CE; - il manuale di istruzioni redatto nella lingua originale e in quella dell utilizzatore; - il registro di controllo o le istruzioni per la sua preparazione e compilazione; - il manuale dei ricambi; - le istruzioni e i documenti per gli adempimenti di legge: denuncia, verifiche trimestrali e periodiche, ecc. 5

6 Diritti e doveri dell utilizzatore derivanti dalla direttiva Macchine Nei confronti del fabbricante e della macchina l utilizzatore ha i seguenti diritti: - di utilizzare la macchina per gli usi previsti o concordati; - di effettuare l utilizzo in sicurezza secondo la normativa vigente; - di ricevere adeguate informazioni ed assistenza. e i seguenti doveri: - effettuare l uso secondo le istruzioni ricevute; - effettuare la manutenzione nei modi e tempi prescritti; - impiegare personale idoneo secondo le indicazioni; - adempiere agli obblighi di legge. Resta inteso che sia i macchinari, sia la documentazione e le istruzioni fornite a corredo dal fabbricante rispecchiano lo stato della tecnica al momento della commercializzazione e non possono essere considerati inadeguati o carenti, solo perché successivamente aggiornati in base a nuove tecnologie ed esperienze. 6

7 2 LA GRU A TORRE PER EDILIZIA 2.1 INTRODUZIONE In molti ambiti dell'attività lavorativa umana si ha l esigenza di sollevare e spostare carichi. La possibilità di effettuare questi operazioni in modo rapido e sicuro è vitale in un cantiere edile, dove è necessario trasportare i materiali da costruzione sul luogo dove avviene la messa in opera. Allo scopo si impiegano le gru a torre per edilizia, specifici apparecchi di sollevamento che effettuano la movimentazione del carico tramite i movimenti tipici di sollevamento, traslazione, rotazione e, quando serve, scorrimento su binario. In abbinamento alla gru, quando non è possibile agganciare direttamente il carico, vengono utilizzati degli accessori di sollevamento quali catene, brache, benne, ceste, forche, ecc., che si interpongono tra il carico e l organo di presa della macchina. 2.2 TIPOLOGIE La norma UNI ISO 4306/1 definisce, in generale, un apparecchio di sollevamento come: Apparecchio a funzionamento discontinuo destinato a sollevare e movimentare, nello spazio, carichi sospesi mediante gancio o altri organi di presa. La gru a torre per edilizia rientrano in questa categoria e nello specifico vengono individuate secondo la norma UNI ISO 4306/3 con la seguente definizione: "Gru a braccio orientabile, in cui il braccio stesso è montato sulla parte superiore di una torre verticale. Questo apparecchio semovente deve essere equipaggiato con meccanismi che permettano il sollevamento e la discesa dei carichi sospesi e la movimentazione di tali carichi sia con variazione di sbraccio dei carichi sia per un movimento di traslazione, rotazione o scorrimento di tutto l apparecchio.... Nella loro storia le gru a torre si sono molto evolute fino a raggiungere oggi una certa complessità e la suddivisione sostanziale in due categorie: - gru a torre per edilizia con rotazione alta e montaggio ad elementi, comunemente definite come City cranes ; - gru a torre per edilizia con rotazione bassa e montaggio automatizzato, comunemente definite come Gru automontanti. Altre tipologie, costituite essenzialmente da combinazioni di quelle sopra indicate, sono tuttora presenti sui cantieri, tuttavia la loro produzione è oggi marginale, pertanto, in questa breve trattazione, non saranno considerate. 7

8 Esistono tra queste tipologie di gru a torre delle chiare differenze, costruttive e funzionali. Le City Cranes generalmente hanno sbracci e portate maggiori, possono raggiungere notevoli altezze, hanno una torre fissa e un braccio girevole con meccanismo di rotazione alla sommità della torre. Per il montaggio e la messa in servizio richiedono l impiego di mezzi ausiliari di sollevamento per l assemblaggio degli elementi. Alcune di queste sono dotate di meccanismi propri per il successivo montaggio di elementi di sopralzo della torre. Le Gru automontanti solitamente hanno sbracci minori e altezza limitata, ma hanno il vantaggio di possedere un sistema di montaggio "automatizzato", con cilindri oleodinamici o taglie a funi e non richiedono l impiego di apparecchi ausiliari. Le gru con montaggio automatizzato oggi costruite hanno tutte il meccanismo di rotazione alla base della torre. Nelle foto sopra sono mostrate quattro tipi di gru a torre: - gru a torre ad elementi con rotazione alta e sistema di tiranti e puntoni per il sostentamento del braccio (foto A); - gru a torre ad elementi Flat Top caratterizzata, rispetto alla precedente, dall assenza del sistema di tiranti e puntoni per il sostentamento del braccio (foto B); - gru automontante idraulica con rotazione in basso (foto C); - gru automontante a funi con rotazione in basso (foto D). 8

9 2.3 LE FASI DI VITA DI UNA GRU PER EDILIZIA: DA CANTIERE A CANTIERE La vita di una gru é costituita dalla somma di vari cicli, che corrispondono ai vari cantieri dove la gru è impiegata. Ognuno di questi cicli é caratterizzato dalle seguenti fasi tipiche: - scelta del modello e del luogo di installazione; - consegna, montaggio e messa in marcia; - utilizzo; - manutenzione; - obblighi di legge; - smontaggio e trasferimento. Esaminiamo ora brevemente ognuna di queste fasi per sottolineare gli aspetti più importanti: a) Scelta del modello e luogo di installazione Aspetti importanti: - Lo sbraccio e l altezza della macchina devono soddisfare le esigenze del cantiere senza lasciare zone scoperte, né creare interferenze con le altre attrezzature e rischi per le persone. - Le portate devono essere adeguate all entità dei carichi che si prevede di movimentare e le prestazioni devono rendere redditizio l impiego. - Il luogo d'installazione deve essere previsto sia nel progetto di cantiere, sia nel piano di sicurezza, per coordinare la presenza della gru con la disposizione dei fabbricati, delle altre attrezzature, delle vie di accesso, delle zone di presa e di posa dei carichi, ecc. Conclusioni: Una scelta oculata e un buon progetto del cantiere consentono di scegliere la macchina più adatta e di collocarla nella migliore posizione. Queste condizioni sono alla base della sicurezza nel successivo utilizzo. b) Consegna, montaggio e messa in marcia Aspetti importanti: - La consegna e il montaggio devono avvenire con mezzi idonei nei luoghi e nei tempi stabiliti. 9

10 - Il cantiere deve essere preparato per queste fasi in modo da non creare rischi per gli altri operatori presenti. - Il personale incaricato deve essere qualificato per queste operazioni e deve agire secondo le leggi e le norme vigenti, a completamento delle quali valgono le prescrizioni dei manuali di istruzione dei macchinari impiegati. - Per alcuni apparecchi il montaggio rappresenta un occasione unica per eseguire un ispezione delle strutture e degli organi di giunzione. - Tutte le operazioni di montaggio e taratura devono essere completate e verificate prima di affidare la gru all operatore per la messa in marcia. Conclusioni: La consegna, il montaggio e la messa in marcia sono momenti fondamentali: la corretta effettuazione di queste operazioni influisce in maniera determinante sulla futura funzionalità, durata e sicurezza della gru. c) Utilizzo Aspetti importanti: - L uso della macchina è riservato a personale addestrato che possa garantire la padronanza del mezzo (Scopo di questo corso è quello di contribuire all addestramento). - L operatore deve avere piena cognizione delle capacità della gru e del suo stato di carico, con particolare attenzione ai carichi limite. - I dispositivi di sicurezza devono essere mantenuti in efficienza e ben tarati. - Le condizioni ambientali devono essere adeguate. - Non é ammessa l interferenza della struttura della gru con ostacoli fissi e mobili. In caso di interferenza con le funi di un altro apparecchio, deve essere previsto un coordinamento tra gli utilizzatori. - Devono essere applicate le leggi e le norme vigenti, a completamento delle quali valgono le prescrizioni del manuale di istruzioni. Conclusioni: E evidente che l utilizzo della gru è lo scopo per il quale é effettuata l installazione. Durante questa fase bisogna chiedere alla gru solo quello che la gru può dare, segnalando immediatamente eventuali anomalie di funzionamento. 10

11 d) Manutenzione Aspetti importanti: - La gru deve essere sempre tenuta in buono stato di efficienza, taratura e manutenzione e devono essere effettuate le verifiche previste dal costruttore. - La manutenzione ordinaria e straordinaria deve essere ben programmata. - La manutenzione, soprattutto quella straordinaria deve essere affidata a personale qualificato. Conclusioni: Prevenire le avarie per usura delle parti, mantenere i meccanismi in buono stato di pulizia e di lubrificazione, verificare le tarature, verificare lo stato della protezione contro la corrosione, ecc... migliora la durata della macchina, riduce i costi dovuti al malfunzionamento e alle riparazioni, contribuendo in forma essenziale a mantenere elevato il grado di sicurezza. e) Verifiche di legge Aspetti importanti: - La prima installazione deve essere denunciata all I.S.P.E.S.L. - Decorso un anno dalla prima installazione della gru deve essere richiesta all Autorità di Sorveglianza (ASL, ARPA, ecc.) la verifica periodica annuale. - Ogni spostamento deve essere comunicato all I.S.P.E.S.L. durante il primo anno e in seguito all Autorità di Sorveglianza. - Devono essere ripetute le procedure finalizzate alla marcatura CE in caso di modifiche non previste dal costruttore. - Trimestralmente deve essere effettuata la verifica delle funi e delle catene e registrata sul registro di controllo. - Deve essere compilato il registro di controllo in tutte le sue parti. Conclusioni: Il diligente adempimento degli obblighi di legge mette al sicuro l utente dalle sanzioni e, nello stesso tempo, costituisce un valido stimolo a prendersi cura della macchina. f) Smontaggio e trasferimento Con lo smontaggio della gru e il trasferimento in un altro cantiere inizia un nuovo ciclo di vita della macchina e si riparte dalle considerazioni esposte al punto (a) 11

12 3 TECNOLOGIA DELLE GRU A TORRE PER EDILIZIA 3.1 COMPONENTI PRINCIPALI E NOMENCLATURA. A titolo di esempio riportiamo lo schema e la nomenclatura degli elementi principali di due tipi di gru per edilizia. Gru a torre con rotazione alta: Gru automontante idraulica con rotazione in basso: tirante del braccio braccio puntone braccio tirante controtorre cilindro braccio carrello di traslazione organo di presa torre cilindro torre puntoni torre argano sollevamento contrappeso basamento stabilizzatori argano traslazione rotazione motoriduttore rotazione ralla centralina idraulica 12

13 3.2 GLI ORGANI DI MOVIMENTO FONDAMENTALI NELLE GRU A TORRE. Fondamentali per il funzionamento degli apparecchi di sollevamento sono: - le funi che producono il movimento del gancio, del carrello ed eventualmente delle strutture durante il montaggio; - gli argani, con i relativi motori, che muovono le funi; - i meccanismi di rotazione e scorrimento; - i meccanismi di montaggio oleodinamici o meccanici, che usano rispettivamente l olio idraulico come componente che trasmette il movimento, oppure le funi. 3.3 LE FUNI. Compito delle funi è trasmettere gli sforzi di trazione necessari per realizzare i movimenti di sollevamento e traslazione del carico. In pratica una fune metallica é una macchina poiché é composta da un assieme di parti che trasmettono movimento, forza ed energia. Caratteristiche. Le funi più utilizzare sono costituite da un anima Anima trefolo centrale attorno alla quale si avvolgono i trefoli. Anima Il trefolo è realizzato avvolgendo dei fili metallici ad Trefolo elica attorno ad un filo centrale, detta anima del trefolo, realizzando uno o più strati sovrapposti. L'anima della fune, così come quella del trefolo, può essere tessile (yuta, canapa o sintetica), o metallica. In quest'ultimo caso contribuisce ad aumentare la resistenza della fune, ma penalizza la flessibilità. Una prima classificazione delle funi può essere fatta in base al senso di avvolgimento dei trefoli e dei fili elementari attorno alla rispettiva anima. L avvolgimento può essere destro (avvolgimento Z) o sinistro (avvolgimento S). Combinando gli avvolgimenti si possono realizzare funi crociate e parallele. Fune crociata. Il senso di avvolgimento dei fili attorno all'anima nei trefoli e dei trefoli attorno all'anima della fune è discorde (più utilizzato Z/S). Vantaggi: mantiene la "compattezza". Svantaggi: Minore flessibilità, minore resistenza all'usura. 13

14 Fune parallela: Il senso di avvolgimento dei fili attorno all'anima nei trefoli e dei trefoli attorno all'anima della fune è concorde (più utilizzato Z/Z). Vantaggi: maggiore flessibilità, maggiore resistenza all'usura. Svantaggi: tende a svolgersi Una particolare combinazione dei sensi di avvolgimento dà origine alla fune antigiro, dove i trefoli sono avvolti su più strati con senso discorde da strato a strato. Questa fune è molto apprezzata nel sollevamento a grandi altezze perché mantiene fissa la direzione del bozzello mobile. La designazione di base delle funi viene fatta indicando nell'ordine: caratteristiche dei trefoli (numero, numero fili elementari, formazione del trefolo); la tipologia dell'anima centrale (anima metallica, tessile); la classe di resistenza della fune espressa in N/mm 2 l'aspetto dei fili (zincati o lucidi); il tipo di cablatura (crociata o parallela); le eventuali caratteristiche antigiratorie; ed infine: diametro nominale; carico di rottura. Normalmente le funi sono dotate alle loro estremità di opportuni attacchi per l'ancoraggio dei carichi da sollevare o per l'attacco alla struttura della macchina. La realizzazione di questi attacchi è molto delicata per l'efficienza e la sicurezza e deve essere fatta a regola d'arte ed essere controllata periodicamente. Nella figura sotto riportiamo alcuni dei sistemi d'ancoraggio più comuni evidenziando le esecuzioni non corrette. 14

15 Percorso delle funi di sollevamento e traslazione. Per trasmettere il moto dal tamburo al carico o al carrello le funi seguono determinati percorsi lungo la struttura della gru, dove sono alloggiate le pulegge di rinvio con i relativi ripari e guidafune. Poiché i percorsi sono diversi per ogni tipo di gru, è sempre opportuno consultare il manuale d'uso e manutenzione della macchina. Le estremità delle funi sono collegate alle strutture e ai tamburi con opportuni ancoraggi. Quando la fune di sollevamento e del tipo antigiro è bene che l ancoraggio della fune alla struttura del braccio sia realizzata con un capofisso girevole, per evitare di accumulare sulla fune torsioni che questa non può sopportare senza produrre la tipica infiascatura. Gli schemi che seguono mostrano possibili percorsi per la fune di sollevamento (Fig. A) e per le funi di traslazione (Fig. B) di una gru automontante con gli argani di sollevamento e traslazione in basso. Fig. A Fig. B Mentre gli schemi che seguono mostrano i possibili percorsi delle funi di sollevamento (Fig. C) e traslazione (Fig. D) di una gru a torre ad elementi con gli argani sul braccio. Fig. C Fig. D Per la sicurezza e la durata delle funi è importante: - verificare la lubrificazione e lo stato di usura delle funi e delle pulegge; - verificare il regolare passaggio nelle pulegge e l idoneità dei ripari e dei guidafune; - verificare gli ancoraggi sulla struttura e sul tamburo; - verificare il corretto stato di tensione della fune di traslazione del carrello; - verificare la scorrevolezza del capofisso girevole per le funi antigiro. 15

16 Criteri di manutenzione e sostituzione delle funi Per le funi seguire la norma ISO 4309 del novembre 2006, che prevede i criteri di cura, manutenzione, installazione e sostituzione. Ad esempio, per le funi maggiormente utilizzate sulle gru, la sostituzione deve avvenire almeno nei seguenti casi: quando, considerando il tratto più usurato, il numero di fili rotti visibili all'esterno della fune supera il numero limite seguente: (correlato anche al numero dei fili esterni che formano la fune secondo tab. 1 UNI-ISO 4309) - per le funi non antigirevoli del carrello e degli eventuali tiranti: a) non più di 5 o 6 fili rotti in un tratto di fune pari a 6 volte il diametro della fune; b) non più di 10, 11 o 13 fili rotti in un tratto di fune pari a 30 volte il diametro; - per la fune antigirevole di sollevamento e degli eventuali tiranti; a) non più di 2 fili rotti in un tratto di fune pari a 6 volte il diametro della fune; b) non più di 4 fili rotti in un tratto di fune pari a 30 volte il diametro della fune. in caso di rottura di un singolo trefolo; in caso di riduzione del 3% del diametro nominale delle funi antigirevoli e del 10% delle funi normali, dovuta a deterioramento dell'anima interna; in caso di riduzione del 7% del diametro nominale per abrasione dei fili esterni; in caso di corrosione interna o esterna, in caso di pieghe permanenti, torsioni, ammaccature, ondulazioni, infiascature, ecc ; in caso di allentamento o distorsione dell'anima o dei trefoli; in caso di allentamento dei fili; in caso di locale aumento di diametro o di appiattimento della fune; in caso di danneggiamento dovuto al calore o ad arco elettrico; quando la fune presenta contemporaneamente, anche se in misura lieve, più di uno dei difetti precedenti. Le funi di ricambio devono avere le caratteristiche previste dal manuale di istruzioni e devono essere corredate di certificato del fabbricante. Il serraggio dei morsetti degli ancoraggi deve essere controllato dopo poche ore d'impiego della gru, e, in seguito, almeno ogni tre mesi. Durante lo svolgimento da rotolo o da bobina la fune non deve subire torsioni, perciò è bene sempre posare a terra l'estremità della fune e far ruotare il rotolo, oppure sostenere la bobina mediante due cavalletti e srotolare la fune lasciando la bobina libera di ruotare. I tiranti in fune devono essere sostituiti seguendo gli stessi criteri ed essere corredati di certificato del fabbricante. 16

17 3.4 GLI ARGANI Gli argani sono gli organi meccanici che trasformano l energia elettrica in energia meccanica e la trasmettono alle funi di comando dei vari movimenti. Trovano impiego nel sollevamento del carico, nella traslazione del carrello e nei sistemi di montaggio di quelle macchine che non adottano sistemi oleodinamici. I principali componenti di un argano sono: Riduttore Tamburo motore autofrenante; riduttore; Motore Finecorsa tamburo; Telaio telaio e supporti; funi; Contagiri dispositivi di sicurezza; gruppo elettrico di comando del motore. Microinterruttori Esempio schematico di argano di sollevamento e/o montaggio Cosi funzionano i vari componenti: Motore e freno Oggi sulle gru per edilizia si utilizzano quasi esclusivamente motori elettrici, che trasformano l energia elettrica in lavoro meccanico. Normalmente si tratta di motori autofrenanti asincroni trifasi in corrente alternata e, più raramente, di motori asincroni monofasi e motori in corrente continua. Questi motori sono detti autofrenanti poiché sull albero del motore è calettato un freno elettromeccanico che, per effetto di molle precaricate, blocca la rotazione dell albero al cessare del passaggio di corrente nell elettromagnete di cui il freno è dotato per l apertura. Riduttore Trasferisce il moto dal motore al tamburo, mediante un sistema di riduzione ad ingranaggi con il rapporto di trasmissione necessario per ottenere un adeguata velocità di rotazione del tamburo. Nello stesso tempo il riduttore fa da moltiplicatore della coppia motrice consentendo di imprimere alla fune la forza necessaria per compiere il lavoro richiesto. 17

18 Tamburo Il tamburo è l'organo meccanico sul quale la fune si avvolge in uno o più strati. Per ottimizzare la disposizione del primo strato di fune si ricorre ad una scanalatura elicoidale sul mantello del tamburo. La regolare disposizione del primo strato migliora anche la disposizione dei successivi strati di fune. Dispositivi di sicurezza Il funzionamento dell argano è normalmente controllato da dispositivi di sicurezza che arrestano il movimento prima dell instaurarsi di situazioni di sovraccarico o malfunzionamento. Svolgono questa funzione, ad esempio, i finecorsa di salita e discesa, i limitatori di carico e di momento, i sensori d'avvolgimento della fune, i sensori e i limitatori di velocità, ecc. Gruppo elettrico di comando del motore E costituito dall insieme dei componenti elettrici e/o elettronici che alimentano e controllano l avviamento, la marcia e l arresto del motore e il funzionamento del freno. Oggi sono molto diffusi i sistemi di controllo con inverter che consentono di ottenere una variazione continua della velocità, senza sovracorrenti e senza oscillazioni delle strutture, utilizzando un motore con un solo avvolgimento. Per la sicurezza e la durata degli argani è importante: - verificare periodicamente l olio lubrificante del riduttore; - verificare l usura dei dischi, la taratura e il regolare funzionamento del freno; - verificare il corretto funzionamento dei finecorsa e dei limitatori; - fare verificare periodicamente da personale specializzato la taratura del sistema di controllo elettrico del motore e del freno; - verificare l assenza di giochi nel riduttore, tra riduttore e tamburo e tra albero del motore e disco freno; - utilizzare i comandi in modo da evitare sovrasollecitazioni. 18

19 3.5 I MECCANISMI DI ROTAZIONE. Lo spostamento angolare del carico (rotazione) avviene mediante la rotazione del braccio della gru, con il quale ruotano gli eventuali tiranti e il contrappeso e, nelle gru con rotazione bassa, anche la torre. I componenti fondamentali per la realizzazione del movimento di rotazione sono: motore autofrenante con sistema di sblocco del freno; riduttore con pignone; cuscinetto con dentatura (ralla); dispositivi di sicurezza (finecorsa di rotazione); gruppo elettrico di comando del motore. Riduttore Motore Finecorsa Sblocco freno Pignone Ralla Esempio schematico di un meccanismo di rotazione con un motoriduttore e ralla con dentatura interna Cosi funzionano i vari componenti: Motore autofrenante con sistema di sblocco del freno Normalmente oggi si utilizzano dei motori ad una velocità controllati da inverter. Il sistema di sblocco del freno del motore è indispensabile per mettere la gru fuori servizio e permettere la libera rotazione del braccio in caso di vento forte. Riduttore con pignone Trasferisce il moto dal motore alla ralla, mediante un sistema di riduzione ad ingranaggi con il rapporto di trasmissione necessario per ottenere un adeguata velocità di rotazione della gru. 19

20 Cuscinetto dentato (ralla) E' l organo fondamentale del sistema di rotazione. Normalmente è un cuscinetto ad uno o due giri di sfere, più raramente a rulli. E' dotato d'ingrassatori delle piste di rotolamento delle sfere. Dispositivi di sicurezza Normalmente il meccanismo di rotazione è dotato solo di finecorsa di rotazione destra e sinistra per impedire l eccessiva torsione dei cavi elettrici che passano al centro della ralla. I finecorsa possono non essere presenti se la gru è dotata di collettore elettrico centrale. Gruppo elettrico di comando del motore E costituito dall insieme dei componenti elettrici e/o elettronici che alimentano e controllano l avviamento, la marcia e l arresto del motore e il funzionamento del freno. Oggi sono molto diffusi i sistemi di controllo ad inverter che consentono di ottenere una variazione continua della velocità, senza sovracorrenti e senza oscillazioni delle strutture, utilizzando un motore con un solo avvolgimento. Fino a poco tempo fa, e ancora oggi sulle gru molto grandi, è impiegato un sistema di rallentamento a correnti parassite. Per la sicurezza e la durata del meccanismo è importante: - mantenere lubrificate le sfere e la dentatura della ralla; - verificare periodicamente l olio lubrificante del riduttore; - verificare il gioco della ralla e dell'intero meccanismo e il serraggio dei bulloni; - verificare la taratura e il regolare funzionamento del freno e del dispositivo di sblocco, nonché l usura del disco freno; - verificare il corretto funzionamento dei finecorsa e l usura delle spazzole del collettore, se presente; - fare verificare periodicamente da personale specializzato la taratura del sistema di controllo elettrico del motore e del freno; - utilizzare i comandi di rotazione in modo da evitare oscillazioni del carico e sovrasollecitazioni 20

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo)

LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) MACCHINA NUMERO DI FABBRICA LIBRETTO VERIFICHE GRU A PONTE E MACCHINE DI SOLLEVAMENTO (Registro di controllo) Costruttore/Mandatario: CIOFETTI SOLLEVAMENTO INDUSTRIALE SRL S. S. Tiberina Nord, 26/T - 06134

Dettagli

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss

NEAR MISS. Condizione sbagliata Comportamento sbagliato Near miss NEAR MISS Si definisce near miss o quasi infortunio qualsiasi evento, correlato al lavoro, che avrebbe potuto causare un infortunio o danno alla salute (malattia) o morte ma, solo per puro caso, non lo

Dettagli

Gru Serie CT - CTT City - CTT Manutenzione Generale 1 MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DELLA MACCHINA 1.1 GENERALITA 1.2 REQUISITI PER LA MANUTENZIONE DELLA GRU 1.3 PRECAUZIONI DI SICUREZZA 1.4 GRUPPI SOGGETTI

Dettagli

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere»

«Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» 1 Settore Ricerca, Certificazione e Verifica «Gli apparecchi di sollevamento utilizzati in cantiere» L Aquila 06 Febbraio 2015 Ing. Raffaele Iovene Ing. Roberta Vasile 2 PRINCIPALI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

"Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo."

Frequenze e modalità di esecuzione dei controlli e della manutenzione. L'importanza del registro di controllo. Venerdì 02 ottobre 2015 - ore 14,00 GIS PIACENZA CONVEGNO La manutenzione e l aggiornamento dei requisiti di sicurezza: Indicazioni normative e obblighi giuridici. "Frequenze e modalità di esecuzione dei

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Edificio 03 Scuola elementare Barbusi Quadro sinottico delle attività Mese di Giugno Anno 2015

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

GRU I tipi di macchine da cantiere più diffuse sono quelle per il sollevamento ed il trasporto dei carichi. I principali tipi di macchine per il sollevamento sono le gru che a seconda della loro strutturazione

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO

D.Lgs. 81/08 TITOLO III CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E RISCHIO ELETTRICO Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali.

SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali. Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Dipartimento Tecnologie di Sicurezza SEMINARIO Macchine e attrezzature di lavoro: i controlli del datore di lavoro sugli apparecchi di sollevamento materiali

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA

APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO IN EDILIZIA set. 08 - Tipologie di gru - Componenti costituenti la gru - Dispositivi di sicurezza - Circuiti di comando - Tipologie di protezioni - Dispositivi per accedere alla

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75

ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75 1. Gruppi utente Mansione Operatore Personale specializzato ISTRUZIONI PER L'USO (Traduzione) Argano a fune Tipo 4202.0,5 4585.0,5 4585.0,75 Uso, controllo visivo Montaggio, smontaggio, riparazione, manutenzione

Dettagli

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE

GUIDA OPERATORE CARRELLO INDUSTRIALE SEMOVENTE GUIDA PRATICA DI SICUREZZA PER OPERATORI ADIBITI ALLA GUIDA DEI CARRELLI ELEVATORI INDUSTRIALI SEMOVENTI NORME PER LA GESTIONE DEI CARRELLI PREMESSA Il presente opuscolo ha lo scopo di indicare ai carrellisti

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in lì Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in Impresa.. Impresa.. In sede di predisposizione e organizzazione del cantiere in oggetto la relativa vicinanza dei fabbricati

Dettagli

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI (attuazione art. 73, comma 5, del D.lgs 81/08 correttivo D.lgs 106/09 e Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012) DURATA: 14 ORE COSTI:

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO MANUALE DI INSTALLAZIONE MANUTENZIONE ED USO. INDICE: AVVERTENZE GENERALI PER LA SICUREZZA...PAG. 2 INSTALLAZIONE GUIDE VERTICALI...PAG. 2 INSTALLAZIONE GRUPPO MOLLE...PAG. 2 INSTALLAZIONE CON VELETTA

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE LIMITATORE DI CARICO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO A FUNE

MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE LIMITATORE DI CARICO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO A FUNE ARTICOLI STAMPATI S.n.c. di Michelon Giuliano & C. MANUALE DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE LIMITATORE DI CARICO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO A FUNE 1 entile Cliente, La ringraziamo per aver scelto

Dettagli

PK 600 TK / PK 800 TK

PK 600 TK / PK 800 TK PK 600 TK / PK 800 TK BEN IN ALTO CON LE GRU DI MONTAGGIO PALFINGER IL MASSIMO PER ALTEZZA DI LAVORO E VELOCITA La PK 600 TK, per le sue rapide sequenze di movimento e per la sensibilità di controllo,

Dettagli

FAS Funi e accessori per sollevamento S.p.A.

FAS Funi e accessori per sollevamento S.p.A. FAS Funi e accessori per sollevamento S.p.A. Corso di formazione. Modulo TC- 02 FUNI DI ACCIAIO PER GRU Verifiche ed Analisi dei punti critici. 1 Manutenzione, controllo e sostituzione. i La legge. La

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg

04J-2 SK04J-2 SK04J-2. POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP P ALA COMPATTA. PESO OPERATIVO 1.550 kg. CARICO OPERATIVO 390 kg SK 04J-2 P ALA COMPATTA POTENZA NETTA SAE J1349 15,5 kw - 20,8 HP PESO OPERATIVO 1.550 kg CARICO OPERATIVO 390 kg P ALA C O M PAT TA PRESTAZIONI IN SICUREZZA Manutenzione La manutenzione ed i controlli

Dettagli

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott.

I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. I rischi infortunistici alla luce del D. Lgs.. 81/08 e del metodo standardizzato per la valutazione dei rischi. Dott. Ermanno Sarti Infortunio L'infortunio è l'evento occorso al lavoratore per causa violenta

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie

INDICE. Assessorato turismo, sport, commercio e trasporti Infrastrutture funiviarie INDICE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI IMPIANTI A FUNE... 2 1.1 Definizione di impianto a fune... 2 1.2 Tipologie di impianto... 3 1.3 Funzionamento degli impianti a fune... 6 1.4 Normativa per la costruzione

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T.

BOX A3 TEST 3 20-07-2012. REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. BOX A3 TEST 3 20-07-2012 REV. DATA Verifica ed Approvazione R.T. INDICE 1 - PREMESSA...Pag. 3 2 - BOX A3 TEST PER ASCENSORI IDRAULICI...Pag. 3 2.1 FUNZIONAMENTO GENERALE...Pag. 3 2.2 MODALITA DI ESECUZIONE

Dettagli

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo.

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. www.meyle.com Chi ha subito questo danno, dovrebbe al più presto possibile procurarsi dei pezzi di ricambio rinforzati. Supporti idraulici

Dettagli

ITALIANO BEAN. Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE

ITALIANO BEAN. Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE ITALIANO BEAN Barriera stradale MANUALE PER L'UTENTE BEAN - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione del prodotto... 3 1.2 Caratteristiche tecniche... 3 1.3 Descrizione del

Dettagli

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558

Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 Indice Pagina: Parte 2: Istruzioni per il montaggio cl. 558 1. Parti componenti della fornitura.................... 3 2. Montaggio................................. 4 2.1 Trasporto..................................

Dettagli

Seminario: Sicurezza delle PLE

Seminario: Sicurezza delle PLE Seminario: Sicurezza delle PLE Importanza della manutenzione e delle verifiche periodiche L'importanza della manutenzione P t t d M P t i h P TWG IPAF R Q lità Si CTE S A Presentato da: Mauro Potrich -

Dettagli

Scheda 3. Scopo dell operazione

Scheda 3. Scopo dell operazione Scheda 3 Operazione: Macchina: PASSAGGIO AL FINITORE FINITORE preparazione Scopo dell operazione Il finitore (figura 1) è la macchina che trasforma il nastro o top in stoppino per alimentare la macchina

Dettagli

MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva

MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva MS Nuova frontiera della sicurezza attiva e passiva Arpionismo meccanico di blocco positivo per carichi sospesi modello MS by Siguren, con funzioni di controllo e messa in sicurezza della movimentazione

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

Quadri elettrici e norme di riferimento

Quadri elettrici e norme di riferimento Quadri elettrici e norme di riferimento Nella realizzazione di un impianto di sicurezza, un attenzione particolare va posta al quadro elettrico, al quale fa capo l alimentazione dell impianto stesso. Innanzitutto,

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Gru a ponte e gru a bandiera: indice Riferimenti normativi Elementi dell apparecchio Dispositivi di sicurezza Installazione Segnaletica Utilizzo dell apparecchio

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO

IDENTIFICAZIONE PRODOTTO FS 08 1S E un sollevatore manuale uso gancio per operatori professionali del settore ferroviario. Consente il sollevamento di attrezzature ferroviarie dopo essere stato assemblato nei 3 moduli che lo compongono

Dettagli

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME

SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME SOLO I CARRELLI TOYOTA CON SAS SANNO COME www.toyota-forklifts.it ABBATTERE I COSTI I carrelli elevatori Toyota equipaggiati con il sistema SAS utilizzano una tecnologia intelligente per ridurre sia i

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI

SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO IL PATENTINO ovvero L ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE SPECIALI Presentazione dell Accordo Stato-Regioni 22/02/2012 INTRODUZIONE TITOLO III D.Lgs. 81/08

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER

PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER PC GRU COMPATTE LA FORZA COMPATTA DI PALFINGER IDEALE PER L INSTALLAZIONE SU VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI Azionamento della rotazione Ingranaggio a vite senza fine leggero e di facile manutenzione che consente

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo

La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno. Arch. Ferdinando Izzo La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno La sicurezza nella realizzazione di costruzioni in legno Arch. Ferdinando Izzo Caratteristiche delle costruzioni prefabbricate in legno In merito

Dettagli

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa.

Piattaforma. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 0442 539100 Fax +39 0442 88790 mbighellini@hinowa.it - www.hinowa. HINOWA SPA Via Fontana - 37054 NOGARA - VERONA (ITALY) Tel. +39 044 53900 Fax +39 044 88790 . CARATTERISTICHE PRINCIPALI E UNICHE. PESO La LightLift 47 è la più leggera piattaforma aeree della sua categoria.

Dettagli

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 D 5b. 1. Park -1993 5a. 2. Park -1993 6a. Park -1999 F G H 3. Park -1993 7. I I 4. Park -1993 8. 6b. Park 2000- J 9. 13. 10. 14. X Z Y W 11. V 15. Denna produkt, eller delar

Dettagli

PK 36002. Performance IL FORTE TALENTO UNIVERSALE

PK 36002. Performance IL FORTE TALENTO UNIVERSALE PK 36002 Performance IL FORTE TALENTO UNIVERSALE UNA PERFETTA MACCHINA DA LAVORO CON UNA CINEMATICA ATTENTAMENTE STUDIATA La PK 36002 Performance si caratterizza per la sua enorme forza di sollevamento

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge

Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge SERVIZIO PREVENZIONE E RISCHIO TECNOLOGICO Verifiche Periodiche di Ascensori e Montacarichi D.P.R. 162/99 Linee Guida per gli adempimenti di Legge a cura del Servizio Prevenzione e Rischio Tecnologico

Dettagli

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions CARRIER 2365 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Trasportatore Yanmar, prestazioni ottimali su ogni tipo di terreno. Caratteristiche principali > Dimensioni compatte : Larghezza globale ridotta a

Dettagli

Frizione Elettronica Syncro Drive

Frizione Elettronica Syncro Drive Manuale Utente Frizione Elettronica Syncro Drive 932 www.guidosimplex.it Gentile Cliente, grazie per aver acquistato un dispositivo Guidosimplex. Come tutti i nostri prodotti, questo dispositivo, è stato

Dettagli

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE INDICE 2 LETTERA ALLA CONSEGNA INFORMAZIONI GENERALI Identificazione della macchina Dati del costruttore Servizio assistenza tecnica Garanzia

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT

Ventilatori a canale. Istruzioni di installazione. per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase I212/06/02/1 IT Ventilatori a canale Gruppo articoli 1.60 Istruzioni di installazione per ventilatori a canale nelle esecuzioni con motore monofase e trifase Conservare con cura per l utilizzo futuro! I212/06/02/1 IT

Dettagli

PK 29002. Performance POWER LINK PLUS LA RIVOLUZIONE NELL'IMPIEGO DELLE GRU!

PK 29002. Performance POWER LINK PLUS LA RIVOLUZIONE NELL'IMPIEGO DELLE GRU! PK 29002 Performance POWER LINK PLUS LA RIVOLUZIONE NELL'IMPIEGO DELLE GRU! CON PK 29002 SI RIESCE VENIRE A CAPO ANCHE DEI LAVORI PIÙ DIFFICILI GRAZIE A POWER LINK PLUS La PK 29002 Performance si caratterizza

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO COD.

PROGRAMMA DEL CORSO COD. PROGRAMMA DEL CORSO COD. 5.3 LE GRU MOBILI CORSO BASE PIU CORSO AGGIUNTIVO (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 73 Allegato VI Accordo Stato Regioni del 22/02/2012) Durata del corso Date e orari del corso

Dettagli

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione.

La stesura della revisione della norma uni. REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto tra vecchia e nuova versione. INGEGNERIA CIVILE a cura di Ing. G. Andreani Ing. S. Bonomi Ing. R. Fioramonti Ing. G. Nalli commissione Ascensori e scale mobili visto da: Ing. M. Domenicucci REVISIONE DELLA NORMA UNI 10411-1 Confronto

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI

CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI CIRCUITI OLEODINAMICI ELEMENTARI Un esame sistematico dei circuiti completi, anche se limitato a pochi tipi di macchine e di attrezzature, sarebbe estremamente complesso e vasto. Il raggiungimento del

Dettagli

Manuale Tecnico. KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE

Manuale Tecnico. KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE Tecnica di costruzione e montaggio di Portoni Sezionali Industriali motorizzati, con scorrimento SL, HL, VL, senza molle di torsione di bilanciamento.

Dettagli

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED

Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED Manuale d Uso e Manutenzione Scala Telescopica 4+4 COD. ABUNIALURED O ABUNIALURED TELESCOPICA 4+4 CONFORME A: D.LGS. 81/08 ART. 113 EDIZIONE SETTEMBRE 2014 R1 1 MANUALE D USO E MANUTENZIONE Il presente

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

Manuale di istruzioni Sega a muro EX

Manuale di istruzioni Sega a muro EX Manuale di istruzioni Sega a muro EX Indice 005 10989048 it / 10.05.2010 Congratulazioni! Con TYROLIT Hydrostress avete scelto un apparecchio di sperimentata efficacia costruito secondo standard tecnologici

Dettagli

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano

Apparecchi di sollevamento. Ing. Paolo Magliano Apparecchi di sollevamento Ing. Paolo Magliano Gru a torre Definizione La gru a torre è un apparecchio di sollevamento azionato da un proprio motore e costituito da una torre verticale munita nella parte

Dettagli

MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI. MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136

MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI. MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136 MANUALE D USO VENTILATORI CENTRIFUGHI MA.PI Sas PADERNO DUGNANO (MI) Via F.lli DI Dio, 12 Tel. 02/9106940 Fax 02/91084136 AVVERTENZE TECNICHE DI SICUREZZA SULL' ASSISTENZA MANUTENTIVA Questo Manuale d'uso

Dettagli

Serie PC. Leggere e compatte da una a quattro

Serie PC. Leggere e compatte da una a quattro Serie PC Lifetime excellence Leggere e compatte da una a quattro t/m AFFIDABILI, MANEGGEVOLI, con vera potenza PALFINGER 1 lifetime excellence Le gru di carico Palfinger convincono per le prestazioni superiori

Dettagli

GDX 20 E. Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione. Dimensioni. Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo

GDX 20 E. Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione. Dimensioni. Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo GDX 20 E Piattaforma completamente idraulica Lunghezza : 5.530 mm 350 rotazione Dimensioni Lunghezza macchina: Altezza macchina: Larghezza macchina: Passo minimo del veicolo 5.530 mm 2.970 mm 2.240 mm

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli