Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo Vademecum

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo Vademecum"

Transcript

1 Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo Vademecum Obiettivo I lavoratori conoscono e rispettano le nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo. Formatori Responsabili di progetto, responsabili del montaggio, capi montatori, capi squadra, addetti alla sicurezza Durata 10 minuti circa per ogni regola Dove Sul cantiere

2 Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo Regola 1 Rispettare il piano di montaggio. Regola 2 Utilizzare i punti di ancoraggio. Regola 3 Imbracare correttamente i carichi. Regola 4 Scaricare e stoccare i componenti in maniera sicura. Regola 5 Utilizzare i DPI. Regola 6 Utilizzare attrezzature di lavoro idonee. Regola 7 Stabilizzare i componenti. Regola 8 Per i lavori in quota usare una protezione collettiva. Regola 9 Creare luoghi di lavoro e accessi sicuri. Nove semplici regole per la tua incolumità

3 Fondamenti di legge Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 6.1: «Il datore di lavoro provvede affi nché tutti i lavoratori occupati nella sua azienda, compresi quelli provenienti da un altra azienda, siano informati sui pericoli cui sono esposti nell esercizio della loro attività e siano istruiti riguardo ai provvedimenti per prevenirli. Tale informazione e tale istruzione devono essere fornite al momento dell entrata in servizio e ogni qualvolta subentri una modifi ca essenziale delle condizioni di lavoro; se necessario, esse devono essere ripetute». Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 6.4: «L informazione e l istruzione devono svolgersi durante il tempo di lavoro e non possono essere a carico del lavoratore». Documentazione La direttiva CFSL 6508 concernente il ricorso ai medici del lavoro e agli altri specialisti della sicurezza sul lavoro prescrive un piano di sicurezza aziendale e la documentazione della formazione impartita dai lavoratori. È importante documentare le istruzioni compilando la scheda allegata «Registro delle istruzioni». Questa contiene tutti i dati necessari.

4 Il datore di lavoro è responsabile della sicurezza sul lavoro. Pertanto, fai in modo che tutti i dipendenti della vostra impresa siano istruiti con questo vademecum. Fissare le priorità giuste Istruire i lavoratori Tutti i diretti interessati sanno per esperienza personale che quello del montaggio di elementi in calcestruzzo è un lavoro impegnativo e pericoloso. Tra gli addetti continuano a registrarsi infortuni mortali dovuti a cadute o a schiacciamento causato da componenti pesanti. Nemmeno i professionisti più esperti sono immuni dagli infortuni. Anch essi devono avere sempre bene in mente le norme di sicurezza più importanti. Chi rispetta e fa rispettare le «regole vitali» in modo coerente contribuisce a prevenire gli infortuni e a evitare sofferenze. L importante è dire STOP ai lavori in caso di pericolo e riprendere le attività solo dopo aver provveduto a eliminare i pericoli. I superiori, sia che abbiano il ruolo di responsabili di progetto, responsabili del montaggio, capi montatori, caposquadra o addetti alla sicurezza, sono i portavoce più credibili delle regole di sicurezza e quindi anche le persone meglio indicate per far conoscere le «regole vitali». Con questo vademecum è possibile organizzare una mini-lezione per ogni regola, se possibile direttamente sul luogo di lavoro. Consigliamo di seguire i «Suggerimenti per l uso» riportati in questa cartellina. Le «Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo» sono illustrate anche in un opuscolo (codice Suva i). Le «Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo» sono state elaborate dalla Suva in collaborazione con la Società Svizzera Impresari Costruttori (SSIC), Betonsuisse e il sindacato Unia. Questo è in linea con l organizzazione paritetica della Suva. La Suva sostiene i datori di lavoro e i lavoratori nel promuovere la sicurezza sul lavoro. Con la «Visione 250 vite» intende salvare 250 vite nell arco di dieci anni in tutti i settori professionali.

5 Il modello Suva I quattro pilastri della Suva La Suva è più che un assicurazione perché coniuga prevenzione, assicurazione e riabilitazione. La Suva è gestita dalle parti sociali: i rappresentanti dei datori di lavoro, dei lavoratori e della Confederazione siedono nel Consiglio di amministrazione. Questa composizione paritetica permette di trovare soluzioni condivise ed efficaci. Gli utili della Suva ritornano agli assicurati sotto forma di riduzioni di premio. La Suva si autofinanzia e non gode di sussidi. Suva Sicurezza sul lavoro, Settore costruzioni Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel Ordinazioni Fax Tel Titolo Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo Riproduzione autorizzata, salvo a fini commerciali, con citazione della fonte. Prima edizione: ottobre 2014 Codice i

6 Suggerimenti per l uso Informazioni per i superiori Come utilizzare il vademecum Il formatore deve fare in modo che tutti i dipendenti sotto la sua guida siano istruiti entro un determinato periodo di tempo. Bisogna tener conto anche dei lavoratori interinali. Impartisci ogni regola singolarmente, ad es. una volta alla settimana. Ogni lezione dovrebbe durare non più di 10 minuti e dovrebbe tenersi, idealmente, in un luogo adeguato del cantiere. Preparare le «lezioni» Informa i dipendenti in anticipo sulle minilezioni (argomento, luogo, data e orario). In questo modo possono prepararsi all evento. Numero ideale di partecipanti: da 3 a 12 persone. Nella fase di preparazione devi saper formulare con parole proprie e semplici le regole e come vengono applicate. Tieni conto anche dei lavoratori stranieri. Verifi ca in anticipo che ci sia a disposizione un numero suffi ciente di opuscoli «Nove regole vitali per il montaggio di elementi in calcestruzzo» da consegnare ai lavoratori (codice i). Impartire le regole Per ogni regola di sicurezza c è un apposita scheda, la cui parte frontale può essere usata come manifestino. Ti suggeriamo di esporla dopo ogni lezione (ad es. all albo). Sul retro sono riportate varie informazioni per il responsabile della formazione. È importante prendere sul serio eventuali obiezioni da parte dei lavoratori e cercare insieme soluzioni concrete. Documenta le lezioni nelle schede dal titolo «Registro delle istruzioni». Verificare il rispetto delle regole Il superiore è sempre un modello cui ispirarsi, quindi rispetta sempre le regole di sicurezza perché solo in questo modo risulterai credibile. Dai il giusto riconoscimento a chi si comporta correttamente. Una parola di elogio è motivante ed è più effi cace di una punizione. Intervieni in caso di comportamento contrario alle norme. Stabilisci le priorità, controllando durante la settimana il rispetto delle regole precedentemente illustrate. Documenta i controlli avvenuti nelle apposite schede «Registro delle istruzioni». Se ti accorgi che una regola non viene rispettata, cerca di capire perché: parla con le persone che non la rispettano e chiedi loro il perché del loro comportamento; affronta ogni domanda e obiezione e cerca di dare una spiegazione. Ripeti le istruzioni, se necessario. Se tutto questo è inutile, segnala il nome del «trasgressore» al superiore in modo che adotti misure sanzionatorie (monito scritto o verbale, trasferimento, licenziamento in casi estremi). Ulteriori supporti informativi Opuscolo «Formazione e addestramento in azienda Fondamenti per la sicurezza sul lavoro», codice Suva i Opuscolo «Regole chiare per tutti. Come formulare e applicare nelle PMI regole chiare in materia di sicurezza e comportamento», codice Suva i Opuscolo «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?», consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro, codice Suva i Per gli infortuni tipici nel tuo settore vedi: Informazioni utili relative al settore dei montaggi:

7 Regola 1 Ci atteniamo al piano di montaggio i/Regola 1

8 Regola 1 Ci atteniamo al piano di montaggio. Lavoratore: inizio il lavoro solo dopo aver discusso il piano di montaggio con il mio superiore. Superiore: faccio in modo che il piano di montaggio sia disponibile per tempo e ne discuto con i dipendenti prima di iniziare i lavori. Chiarisco eventuali dubbi con il responsabile del progetto. Consigli Nuovi procedimenti tecnici nel settore dei montaggi riducono i tempi di edificazione, ma generano pressione sulle tempistiche. La sistematica preparazione del lavoro assume dunque un importanza sempre maggiore. Il rispetto del piano di montaggio e l impiego di attrezzature di lavoro adeguate sono fattori decisivi per la sicurezza. Preparazione del lavoro 1. Pianificazione esecutiva Defi nire nei piani di costruzione e di fabbricazione i mezzi ausiliari, i punti di collegamento e i punti di ancoraggio. 2. Premontaggio Prevedere il premontaggio in offi cina oppure in cantiere al fi ne di rendere lo svolgimento del lavoro rapido e sicuro. 3. Attrezzature di lavoro Le attrezzature di lavoro devono essere idonee all opera e messe a disposizione per tempo. Le attrezzature più importanti sono: apparecchi e mezzi di sollevamento piattaforme di lavoro elevabili ponteggi di lavoro e protezioni laterali reti di sicurezza 4. Svolgimento dei lavori Trasporti pianifi cati in base all avanzamento lavori. Assicurarsi che durante lo stoccaggio e il montaggio dei componenti non si verifi chino situazioni di instabilità. ( Regole 4 e 7) Assicurarsi che nessuno possa cadere durante i lavori in quota. Situazione reale sul cantiere Si è tenuto conto dell ambiente circostante e delle condizioni? (Linee elettriche, meteo ecc.) Tutti i lavoratori (anche gli interinali e i subappaltatori) sono stati istruiti circa le procedure pianifi cate? Sono a conoscenza delle misure di sicurezza previste e delle modalità di lavoro? Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: Le direttive contenute nel piano di montaggio vengono rispettate. Eventuali carenze o irregolarità vengono subito eliminate o segnalate. Dire anche quali sono le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di dubbi o diffi coltà. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i Opuscolo «Dispositivi di protezione individuale anticaduta», codice Suva i 1 Un piano di montaggio comprensibile è fondamentale in fase di preparazione dei lavori. 2 Se necessario rappresentare procedure critiche con mezzi semplici. 3 Discutere all interno del team lo svolgimento dei lavori.

9 Registro delle istruzioni Regola 1: ci atteniamo al piano di montaggio. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 1

10 Regola 2 Utilizziamo i punti di ancoraggio per imbracare e montare i componenti in tutta sicurezza i/Regola 2

11 Regola 2 Utilizziamo i punti di ancoraggio per imbracare e montare i componenti in tutta sicurezza. Lavoratore: so con precisione dove sono ubicati i punti di ancoraggio. Nel dubbio chiedo sempre al mio superiore. Superiore: mi adopero affinché i progettisti provvedano a munire i componenti di adeguati punti di ancoraggio. Consigli È necessario garantire già nella fase di progettazione e fabbricazione che i carichi vengano trasportati e posizionati in maniera sicura. I punti di aggancio e gli accessori di imbracatura devono essere idonei alla merce trasportata. Esempio: per agganciare orizzontalmente dei componenti asimmetrici sono necessari tiranti regolabili oppure punti di ancoraggio presaldati. Dimensionamento e costruzione Nei componenti asimmetrici si è tenuto conto del loro baricentro? Sono state considerate le forze supplementari che si producono a causa dell angolo formato dai tiranti con il punto di ancoraggio? È stato approntato un apparecchio di sollevamento (gru) di portata suffi ciente con altezza gancio idonea per il montaggio? Altezza gancio insuffi ciente = ampio angolo dei tiranti forze maggiori! I punti di ancoraggio sono stati adattati agli accessori d imbracatura previsti? (Foro in funzione della dimensione del grillo o del gancio ecc.). In caso di più di due punti di ancoraggio per componente: sono state considerate le diverse casistiche di carico sia per il componente che per i tiranti? (sgravio di un tirante ecc.) Accessori di imbracatura Gli accessori di imbracatura sono stati correttamente dimensionati al componente e alle forze supplementari risultanti dall angolo dei tiranti? Mezzi ausiliari Quali mezzi ausiliari possono essere impiegati per ridurre i rischi? (Ad es. bilancini) Situazione reale sul cantiere In che modo si possono movimentare gli elementi diffi cilmente imbracabili? ( Mezzi ausiliari speciali) In considerazione della situazione gli addetti all imbracatura dei carichi sono stati istruiti? Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: Vengono utilizzati punti di ancoraggio idonei. Vengono utilizzati accessori di imbracatura idonei. Dire anche quali sono le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà o dubbi. Maggiori informazioni Guida destinata al settore delle costruzioni edili: Imbracatura di carichi, codice Suva i Guida destinata al settore delle costruzioni edili: Scegliere gli accessori di imbracatura adatti, codice Suva i 1 Montare i punti di ancoraggio nelle posizioni predefinite. 2 Imbracare correttamente i carichi asimmetrici. 3 A seconda delle situazioni utilizzare dei bilancini.

12 Registro delle istruzioni Regola 2: utilizziamo i punti di ancoraggio per imbracare e montare i componenti in tutta sicurezza. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 2

13 Regola 3 Imbrachiamo i carichi in maniera sicura i/Regola 3

14 Regola 3 Imbrachiamo i carichi in maniera sicura. Lavoratore: imbraco i carichi solo se sono stato istruito a dovere. Superiore: mi accerto che i carichi vengano imbracati solo da lavoratori istruiti. Mi assicuro che vengano impiegati esclusivamente accessori di imbracatura omologati e contrassegnati. Consigli È necessario garantire già nella fase di progettazione e fabbricazione che i carichi vengano trasportati e poi posizionati sul luogo di destinazione in maniera sicura. I punti di aggancio dei carichi e gli accessori di imbracatura devono essere idonei alla merce da movimentare. Esempio: per imbracare orizzontalmente i componenti sono necessari tiranti regolabili. Accessori di imbracatura È disponibile un numero suffi ciente di idonei accessori di imbracatura per l impiego previsto? (Bilancini, catene, funi metalliche, cinghie, brache ecc.) Sono disponibili sagole guida e se necessario possono essere fi ssate in punti idonei? Imbracatura dei carichi È noto il peso dei componenti? Nei componenti asimmetrici sono stati determinati il baricentro o i punti di imbracatura? Sono note posizione e portata dei punti di ancoraggio sui componenti? L imbracatore è stato istruito opportunamente e conosce i segnali per comunicare con il gruista? Sollevamento La comunicazione tra gruista e imbracatore è garantita in qualsiasi momento? (Idealmente si dovrebbe comunicare via radio e a vista) L area di movimentazione del carico (in aria) è libera da ostacoli? (Defi nire le aree di lavoro) Sganciare i carichi La comunicazione con il gruista è garantita anche nel punto di arrivo del carico? Situazione reale sul cantiere Sono disponibili mezzi ausiliari o costruzioni speciali per poter movimentare componenti altrimenti diffi cili da imbracare? Considerata la situazione, si è provveduto a impartire le dovute istruzioni? Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: I carichi vengono correttamente imbracati e sganciati. Le gru sono manovrate esclusivamente da personale munito di apposita patente. Dire anche quali sono le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà o dubbi. Maggiori informazioni Guida destinata al settore delle costruzioni edili: Imbracatura di carichi, codice Suva i Guida destinata al settore delle costruzioni edili: Scegliere gli accessori di imbracatura adatti, codice Suva i 1 Nessuna improvvisazione: per ogni situazione la corretta tecnica di imbracatura. 2 Gruista, imbracatore e montatore formano un team di professionisti. 3 Utilizzare accessori di imbracatura con una sufficiente riserva di portata.

15 Registro delle istruzioni Regola 3: imbrachiamo i carichi in maniera sicura. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 3

16 Regola 4 Operiamo in modo sicuro nella zona di scarico e deposito i/Regola 4

17 Regola 4 Operiamo in modo sicuro nella zona di scarico e deposito. Lavoratore: durante le operazioni di parcheggio dell autocarro, di scarico e stoccaggio faccio attenzione a non rimanere schiacciato o a non cadere. Superiore: preparo i siti di stoccaggio e organizzo appoggi corretti e i mezzi di stabilizzazione più adeguati. Adotto tutte le misure per evitare che i componenti possano cadere o scivolare. Consigli Troppo spesso gli addetti ai lavori vengono investiti, schiacciati, colpiti dalla caduta di componenti oppure cadono da piattaforme di carico o mentre agganciano o sganciano componenti. I carichi devono essere stoccati in maniera tale da poter essere agganciati in tutta sicurezza. Consegna e accesso degli autocarri Ottimizzare e coordinare con il cantiere la sequenza delle operazioni di carico e trasporto. Separare i percorsi delle persone da quelli dei mezzi/delle macchine mediante transenne. Utilizzare mezzi ausiliari idonei (cavalletti ecc.). Area di scarico Defi nire con la direzione dei lavori l area di scarico degli autocarri. Stabilire delle fi nestre temporali fi sse di consegna. Durante le manovre dell autocarro evitare l area di pericolo (rischio investimento o schiacciamento). Aggancio del carico a bordo dell autocarro A partire da un altezza di caduta pari a 2 m adottare misure anticaduta. Usando accessori di imbracatura lunghi che vengono lasciati sul componente dopo il carico in fabbrica, si evita di arrampicarsi pericolosamente sul cantiere. Deposito Verifi care se il fondo è stabile. Una base di appoggio piana per i componenti riduce il pericolo di ribaltamento. Mettere in sicurezza i componenti per evitarne la caduta o lo scivolamento. Adattare l altezza di stoccaggio ai componenti e alla situazione. Situazione reale sul cantiere Si conoscono le dimensioni e i pesi dei componenti che saranno consegnati? Sono disponibili i mezzi ausiliari per mettere in sicurezza i componenti in deposito? Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: Il piano di trasporto e stoccaggio è noto. I componenti sono stati messi in sicurezza per evitarne la caduta. Dire anche quali sono le sanzioni previste. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà o dubbi. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i Guida destinata al settore principale delle costruzioni edili: Imbracatura di carichi, codice Suva i Guida destinata al settore principale delle costruzioni edili: Scegliere gli accessori di imbracatura adatti, codice Suva i 1 Separare i percorsi delle persone da quelli dei mezzi/delle macchine. 2 In caso di aggancio e sgancio da oltre 2 m di altezza, utilizzare mezzi ausiliari, accessori di imbracatura lunghi oppure DPI anticaduta. 3 Mettere in sicurezza i componenti per evitare la caduta o lo scivolamento.

18 Registro delle istruzioni Regola 4: operiamo in modo sicuro nella zona di scarico e deposito. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 4

19 Regola 5 Utilizziamo i dispositivi di protezione individuale i/Regola 5

20 Regola 5 Utilizziamo i dispositivi di protezione individuale. Lavoratore: sul lavoro utilizzo sempre i dispositivi di protezione individuale. Superiore: mi assicuro che tutti i lavoratori utilizzino i dispositivi di protezione individuale prescritti. Ovviamente, questo vale anche per me. Consigli Il luogo di lavoro (edilizia, genio civile e costruzioni stradali ecc.), gli strumenti di lavoro (mola troncatrice, saldatrice, apparecchio di sollevamento ecc.) e i materiali utilizzati (materiali per l edilizia, sostanze chimiche, veleni ecc.) sono determinanti per decidere quali dispositivi di protezione individuale (DPI) bisogna utilizzare. Spesso sono necessari più DPI contemporaneamente per proteggersi in maniera corretta. Tutti i lavoratori hanno il diritto di disporre di DPI. Devono essere istruiti sull utilizzo dei DPI e devono poter cambiare i dispositivi difettosi o inutilizzabili. DPI principali Indumenti da lavoro idonei alle condizioni atmosferiche, casco di protezione, calzature di sicurezza, guanti e occhiali di protezione, dispositivi di protezione dell udito, DPI anticaduta (vedi anche il vademecum «Otto regole vitali per chi lavora con i DPI anticaduta», codice Suva i). Il superiore come esempio Essere il primo a dare il buon esempio, indossando sempre il casco di protezione e gli altri DPI. Perché i DPI? Molti infortuni si potrebbero evitare se i DPI venissero usati sistematicamente. Consegna e utilizzo dei DPI Tutti i lavoratori hanno il diritto di avere i necessari DPI. Tutti i lavoratori sono obbligati a usare i DPI durante le attività che lo richiedono. Condizioni dei DPI I DPI devono essere controllati secondo le indicazioni del produttore e, in caso di danneggiamento, sostituiti. Situazione reale sul cantiere Sono disponibili tutti i DPI necessari? Tutti i lavoratori dispongono in loco dei necessari DPI? Tutti i DPI sono in buono stato? I lavoratori usano sempre i DPI? Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: I DPI vengono sempre usati. I DPI sono integri. Persona di riferimento I DPI difettosi, usurati o sporchi devono essere immediatamente sostituiti. Dire a chi rivolgersi in questi casi. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i Opuscolo «Dispositivi di protezione individuale anticaduta», codice Suva i 1 Casco con cinturino sottogola e indumenti ad alta visibilità. 2 Calzatura di sicurezza con puntale in acciaio. 3 Occhiali di protezione e dispositivi per la protezione dell udito.

21 Registro delle istruzioni Regola 5: utilizziamo i dispositivi di protezione individuale. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 5

22 Regola 6 Impieghiamo solo attrezzature di lavoro adatte allo scopo e le utilizziamo correttamente i/Regola 6

23 Regola 6 Impieghiamo solo attrezzature di lavoro adatte allo scopo e le utilizziamo correttamente. Lavoratore: sono in grado di utilizzare correttamente i macchinari e gli utensili e conosco le istruzioni di sicurezza. In caso contrario pretendo di essere istruito. Superiore: provvedo a procurare le attrezzature di lavoro e verifico che i lavoratori siano in grado di utilizzarle correttamente. Consigli Le attrezzature di lavoro comprendono tutti gli apparecchi e gli attrezzi necessari all esecuzione dei lavori. Ne fanno parte gli utensili, le macchine (ad es. gru, piattaforme di lavoro elevabili), veicoli, strutture provvisorie (ponteggi, reti di sicurezza, coperture, parapetti ecc.) e i dispositivi di protezione individuale. No alle improvvisazioni Le attrezzature di lavoro necessarie per ogni attività devono essere messe a disposizione per tempo. Solo così è possibile evitare pericolose improvvisazioni. Manovrare/utilizzare attrezzature I lavoratori devono essere istruiti sul corretto impiego e sul controllo visivo delle attrezzature di lavoro, oppure, all occorrenza, essere appositamente formati: Gru/apparecchi di sollevamento: - formazione patente Piattaforme elevabili: - formazione Ponteggi mobili su ruote: - istruzione Ponteggi per facciate: - istruzione DPI - istruzione Sollevare e portare: - istruzione Situazione reale sul cantiere Ci sono luoghi di lavoro dove non si è ancora provato a utilizzare la protezione collettiva? Chiedere ai presenti e cercare insieme una soluzione. Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: Idoneità delle attrezzature di lavoro Stato delle attrezzature di lavoro Impiego delle attrezzature di lavoro Dire anche quali sono le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà con le attrezzature di lavoro. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i Opuscolo «Dispositivi di protezione individuale anticaduta», codice Suva i Manutenzione Le attrezzature di lavoro difettose non devono essere più impiegate. 1 Mettere a disposizione per ogni tipo di lavoro l attrezzatura ottimale e più sicura. 2 Lavoro di montaggio con vano scala: efficiente, sicuro ed ergonomico. 3 Ponteggi mobili su ruote: tenere il passo con gli sviluppi della tecnica e utilizzare sempre prodotti moderni e sicuri.

24 Registro delle istruzioni Regola 6: impieghiamo solo attrezzature di lavoro adatte allo scopo e le utilizziamo correttamente. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 6

25 Regola 7 Durante il montaggio mettiamo in sicurezza contro il ribaltamento i componenti già posizionati i/Regola 7

26 Regola 7 Durante il montaggio mettiamo in sicurezza contro il ribaltamento i componenti già posizionati. Lavoratore: non stacco mai un componente dal gancio della gru fino a quando non è stabilizzato e fissato in maniera sicura. Superiore: istruisco i lavoratori e faccio in modo che il piano di montaggio venga attuato in condizioni di sicurezza. Consigli Nel montaggio di strutture in carpenteria e di elementi prefabbricati si lavora a ritmi molto sostenuti. Le condizioni di montaggio e la messa in sicurezza dei singoli componenti sono molto importanti. Prima di sganciare gli accessori di imbracatura, i componenti devono essere messi in sicurezza per evitare che scivolino o si ribaltino. A tale scopo si possono utilizzare puntelli, piastre di base di forma adeguata o si può sfruttare il collegamento a componenti già messi in sicurezza, ecc. Le condizioni di montaggio devono essere monitorate continuamente dall impresa esecutrice dei lavori. Non sempre le direttive degli ingegneri progettisti sono chiare. Comunicazione La comunicazione tra gruista e personale di montaggio deve essere sempre garantita. È necessario capire e farsi comprendere (sia acusticamente che linguisticamente)! Attenersi alle direttive, anche sotto pressione Rispettare le procedure di montaggio come prescritto da progetto e chiedere in caso di problemi o dubbi. Se possibile, eseguire il montaggio partendo da un nucleo stabile o, se manca, crearlo. Collegare saldamente il componente successivo a elementi già assicurati. Montare e fi ssare i puntelli come da progetto. Fondazioni con plinti a bicchiere: fi ssaggio provvisorio con cunei come da progetto - no alle improvvisazioni! Vento e condizioni atmosferiche In caso di stabilizzazione temporanea (puntelli, funi metalliche ecc.) prevedere sempre l azione di forze d urto (ad es. il gruista urta con un componente contro un pilastro già posizionato). Considerare la forza del vento secondo le norme vigenti! Situazione reale sul cantiere Ci sono situazioni di montaggio critiche per stabilità? Chiedere ai presenti e cercare insieme una soluzione. Controllo Fare presente che si verifi cheranno i seguenti punti: La sequenza di montaggio è stata discussa e rispettata. È garantita la comunicazione tra gruista e personale di montaggio. I componenti vengono assicurati prima di essere staccati dal mezzo di sollevamento. Sono state prese in considerazione le forze del vento e le forze d urto. Dire anche quali sono le sanzioni previste. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà o dubbi. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i 1 Piastra di base correttamente messa in sicurezza mediante 4 ancoraggi. 2 Montaggio di puntelli. 3 Cautela in presenza di appoggi temporanei: evitare il ribaltamento di travi!

27 Registro delle istruzioni Regola 7: durante il montaggio mettiamo in sicurezza contro il ribaltamento i componenti già posizionati. Istruzioni Istruzioni impartite da: Lavoratori istruiti: Data Cognome, nome Firma Rispetto della regola Data Controllato da Osservazioni, misure i/Registro delle istruzioni Regola 7

28 Regola 8 Ci proteggiamo dalle cadute con i sistemi di protezione collettiva i/Regola 8

29 Regola 8 Ci proteggiamo dalle cadute con i sistemi di protezione collettiva. Lavoratore: inizio i lavori solo dopo che sono stati montati i ponteggi, le reti e le protezioni laterali. Superiore: prima di iniziare mi accerto che la protezione collettiva sia adeguata allo stato di avanzamento dei lavori. Consigli Le misure di protezione collettiva come le reti di sicurezza o le protezioni laterali servono, contrariamente alle misure individuali, alla tutela di più persone e consentono di lavorare in sicurezza e con efficienza. Solo, se per motivi tecnici, non è possibile attuare misure di protezione collettiva anticaduta è permesso lavorare con i DPI anticaduta. Solo chi ha ricevuto un apposita formazione può lavorare con i DPI anticaduta. Preparazione dei lavori Sono state adottate tutte le possibili misure di protezione collettiva? - Ponteggi di lavoro - Reti di sicurezza - Protezioni laterali I lavoratori sono tutti suffi cientemente formati per effettuare il controllo visivo dei dispositivi di protezione collettiva? Strumenti di lavoro alternativi È possibile impiegare attrezzature ausiliare, ad esempio piattaforme di lavoro elevabili? Solamente quando risulta impossibile impiegare tali mezzi è consentito lavorare con i DPI anticaduta. Ci sono suffi cienti persone formate per lavorare con i DPI anticaduta? In questo caso è consentito lavorare con i DPI anticaduta? Ricorso a specialisti Per il montaggio dei ponteggi di lavoro e delle reti di sicurezza rivolgersi, se possibile, a ditte specializzate. Situazione reale sul cantiere Ci sono posti di lavoro dove è ancora possibile installare i dispositivi di protezione collettiva? Chiedere ai presenti e cercare insieme una soluzione. Controllo Fare presente che si verifi cherà il seguente punto: In presenza di altezze di caduta superiori a 3 m non si lavora mai senza misure di sicurezza. Dire anche quali sono le sanzioni previste in caso di mancato rispetto delle regole. Persona di riferimento Dire ai lavoratori a chi devono rivolgersi in caso di diffi - coltà o dubbi. Maggiori informazioni Ordinanza sui lavori di costruzione (OLCostr), codice Suva 1796.i Opuscolo «Dispositivi di protezione individuale anticaduta», codice Suva i 1 Predisporre per prima cosa i dispositivi di protezione collettiva (ad esempio montare le reti di sicurezza). 2 Preassemblare la protezione laterale. 3 Privilegiare una piattaforma elevabile ai DPI anticaduta.

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum

Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum Obiettivo I lavoratori e i superiori conoscono e rispettano le dieci regole vitali per i costruttori in legno. Formatori Capi squadra, capi gruppo,

Dettagli

Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum

Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum Dieci regole vitali per i costruttori in legno Vademecum Obiettivo I lavoratori e i superiori conoscono e rispettano le dieci regole vitali per i costruttori in legno. Formatori Capi squadra, capi gruppo,

Dettagli

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate e le rispettano sistematicamente.

Dettagli

Sette regole vitali per gli autotrasportatori Vademecum

Sette regole vitali per gli autotrasportatori Vademecum Sette regole vitali per gli autotrasportatori Vademecum Ogni regola va spiegata singolarmente, sul luogo di lavoro per i titolari di azienda e i superiori Fondamenti di legge Ordinanza sulla prevenzione

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate La vita e la salute delle persone hanno la massima priorità. Per noi lavoratori e superiori questo significa che: Rispettiamo sempre le regole di sicurezza.

Dettagli

Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo. Pubblicazione 13044.i

Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo. Pubblicazione 13044.i Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo Pubblicazione 13044.i Operaio edile travolto da un elemento di calcestruzzo Choc sul cantiere di una casa plurifamiliare: Cédric P. (23)* perde la

Dettagli

BENVENUTI. Nicola Bagnovini, responsabile UCSL e Vicedirettore SSIC TI Luca Maspoli, istruttore corsi sicurezza sul lavoro c/o CFP SSIC TI Gordola

BENVENUTI. Nicola Bagnovini, responsabile UCSL e Vicedirettore SSIC TI Luca Maspoli, istruttore corsi sicurezza sul lavoro c/o CFP SSIC TI Gordola Aggiornamento 2014 Preposti alla sicurezza BENVENUTI Programma 16.00 Statistica, Servizio RSI (intervista a 2 infortunati) e Ruolo del capocantiere Relatori: 9 regole vitali per chi lavora sulle vie di

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili

Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Sicurezza realizzabile Lista di controllo Piattaforme di lavoro elevabili Nella vostra azienda le piattaforme di lavoro elevabili vengono usate in condizioni di sicurezza? Le piattaforme di lavoro elevabili

Dettagli

Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini

Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini Ecco le novità Sicurezza sul lavoro per gli spazzacamini L Ordinanza concernente la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali nei lavori da spazzacamino, risalente al 1963, è stata abrogata

Dettagli

Nove regole vitali per l utilizzo di carrelli elevatori

Nove regole vitali per l utilizzo di carrelli elevatori Nove regole vitali per l utilizzo di carrelli elevatori La vita e la salute delle persone hanno la massima priorità! Per noi lavoratori questo significa che: Rispettiamo sempre le regole di sicurezza.

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Tutela della salute Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 58 51 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419

Dettagli

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Come evitare danni a edifici e persone Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Sommario 1 Introduzione 3 2 Provvedimenti architettonici 4 3 Installazioni permanenti

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

Vani ascensore: come lavorare in sicurezza

Vani ascensore: come lavorare in sicurezza Vani ascensore: come lavorare in sicurezza Sommario 1 Rischi 4 1.1 Il vano ascensore visto dagli esperti del settore edile 4 1.2 Il vano ascensore visto dagli installatori 5 2 Pianificazione, coordinamento

Dettagli

Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo. Sicurezza sul lavoro

Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo. Sicurezza sul lavoro Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo Sicurezza e protezione della salute nei lavori in sotterraneo Non possiamo sempre affidarci a Santa Barbara, la patrona dei minatori. Per ottenere

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro

Linee Guida. Direzione Sanità Pubblica Settore Prevenzione sanitaria negli ambienti di vita e di lavoro Linee Guida per la redazione delle istruzioni per il montaggio, l impiego e lo smontaggio delle attrezzature provvisionali: casseforme, impalcature di sostegno ed attrezzature correlate Direzione Sanità

Dettagli

Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti. Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti

Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti. Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti Macchine conformi alle norme di sicurezza: consigli per l acquisti Informativa breve per i datori di lavoro, i capi azienda e gli acquirenti 1 Acquisto di macchine o impianti nuovi 1 Esempio di una dichiarazione

Dettagli

Lista controllo Gru di cantiere

Lista controllo Gru di cantiere Lista controllo Gru di cantiere Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru di cantiere? Trasportare carichi con una gru può essere molto pericoloso per le persone che si trovano

Dettagli

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti

Come evitare danni a edifici e persone. Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Come evitare danni a edifici e persone Installazioni per la pulizia e la manutenzione di finestre, facciate e tetti Sommario 1 Introduzione 3 2 Provvedimenti architettonici 4 3 Installazioni permanenti

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

Le scale portatili possono essere molto pericolose. Consigli utili per la vostra sicurezza

Le scale portatili possono essere molto pericolose. Consigli utili per la vostra sicurezza Le scale portatili possono essere molto pericolose Consigli utili per la vostra sicurezza Le scale portatili sono molto diffuse e vengono utilizzate nei luoghi più disparati, sia sul lavoro che nel tempo

Dettagli

Settembre 2014, sommario dell invio

Settembre 2014, sommario dell invio Bellinzona, settembre 2014 Alle imprese di costruzione e agli enti attivi nel settore dell edilizia principale del Cantone Ticino a.c.a. dei Preposti alla sicurezza sul lavoro Settembre 2014, sommario

Dettagli

Dispositivi di protezione individuale anticaduta

Dispositivi di protezione individuale anticaduta Dispositivi di protezione individuale anticaduta Sommario 1 Principi di sicurezza 3 2 Dissipazione dell energia cinetica 4 3 Dispositivi di protezione individuale (DPI) anticaduta 5 3.1 Imbracature anticaduta

Dettagli

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Reti di sicurezza. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Reti di sicurezza Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia

Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia Sicurezza - Uso delle forche di sollevamento in edilizia Sollevamento in quota di carichi su pallet all interno dei cantieri temporanei e mobili La presente guida per chiarire e analizzare i requisiti

Dettagli

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione e gestione di una specifica parte di PSC. Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Redazione e gestione di una specifica parte di PSC Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 2014 PSC? POS 2 PSC una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell opera da realizzare ed

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA

Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA Ente Scuola Edile Taranto LAVORI IN QUOTA LAVORI IN QUOTA Attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. (art.107

Dettagli

Sistemi di protezione individuale dalle cadute

Sistemi di protezione individuale dalle cadute Sistemi di protezione individuale dalle cadute Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli

Dettagli

DEFINIZIONE di D.P.I.

DEFINIZIONE di D.P.I. DEFINIZIONE di Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante

Dettagli

Per vivere serve coraggio

Per vivere serve coraggio Per vivere serve coraggio «Il successo non è mai definitivo, così come non lo sono le sconfitte. Ciò che conta è il coraggio di andare avanti.» La Suva è al vostro fianco Molti lavoratori sono esposti

Dettagli

Lista controllo macchine edili

Lista controllo macchine edili Lista controllo macchine edili L uso di macchinario azionabile da «chiunque» è spesso la causa di infortuni. Questi infortuni accadono perché: gli operatori non sono sufficientemente qualificati; il macchinario

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere

Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato. Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Piena visibilità, anche con il filtro antiparticolato Soluzioni tecniche per prevenire gli infortuni con le macchine di cantiere Spesso succede che le macchine di cantiere debbano essere dotate a posteriori

Dettagli

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8

Lavori in quota. Introduzione. Definizione di lavoro in quota. scheda 03 1/8 03 Lavori in quota Introduzione I lavori in quota possono esporre i lavoratori a rischi particolarmente gravi per la loro salute e sicurezza. Ci riferiamo in particolare ai rischi di caduta dall alto che

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture ATTI Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture Venerdì 24 giugno In partnership con Seminario La sicurezza nella manutenzione degli impianti fotovoltaici su coperture

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello) PERCORSI VERTICALI Scheda: P005 Rev: 06/06/2009 10.48.00 Pagina 1/5 PIATTAFORMA DI LAVORO MOBILE ELEVABILE (piattaforma elevabile) e PONTE MOBILE SVILUPPABILE SU CARRO AD AZIONAMENTO MOTORIZZATO (cestello)

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda

L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda L organizzazione della sicurezza un compito di primaria importanza per ogni azienda Compito del superiore è quello di organizzare l azienda in modo da garantire la sicurezza e la tutela della salute. In

Dettagli

Formazione e addestramento in azienda Fondamenti per la sicurezza sul lavoro

Formazione e addestramento in azienda Fondamenti per la sicurezza sul lavoro Formazione e addestramento in azienda Fondamenti per la sicurezza sul lavoro La sicurezza e la tutela della salute sul posto di lavoro richiedono conoscenze e abilità specifiche. L addestramento e la formazione

Dettagli

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili

Parapetti provvisori. Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Parapetti provvisori Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO

I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO Federico Genovesi Pierfrancesco Miniati I FONDAMENTALI DI UN CORRETTO IMPIANTO DI ANCORAGGIO I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale,

Dettagli

Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto

Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto Attrezzature di lavoro: la sicurezza parte dall acquisto Opuscolo informativo sull acquisto, la modifica e l adattamento di macchine nuove e usate e di altre attrezzature di lavoro Di cosa bisogna tener

Dettagli

IL PIANO FORMATIVO DETTAGLIATO DEL CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA DI LAVORO AEREA (PLE)

IL PIANO FORMATIVO DETTAGLIATO DEL CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA DI LAVORO AEREA (PLE) IL PIANO FORMATIVO DETTAGLIATO DEL CORSO DI ABILITAZIONE ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA DI LAVORO AEREA (PLE) MODULO FORMATIVO 1 TEORIA SULLA NORMATIVA In questo primo modulo didattico l allievo deve comprendere

Dettagli

Formazione di gruisti addetti alla manovra di autogrù e gru a torre

Formazione di gruisti addetti alla manovra di autogrù e gru a torre Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Direttiva CFSL N. 6510 Formazione

Dettagli

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti

5. SCALE RISCHI PER LA SICUREZZA DEL LAVORATORE. Punto di verifica Interventi di prevenzione e protezione Fonti 01. Esistono scale fisse a gradini 01.01. Le scale che presentano dislivelli pericolosi dispongono di parapetti sui lati aperti 01.02. I parapetti sono di tipo normale. Per lavori edili o di manutenzione

Dettagli

Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern

Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern Divisione sicurezza sul lavoro Settore industria e artigianato Suva Fluhmattstr. 1 Postfach 4358 6002 Luzern Telefon 041 419 51 11 Telefax 041 419 58 28 Postkonto 60-700-6 www.suva.ch suva Ceste per il

Dettagli

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi:

Per l utilizzo corretto della Piattaforma di Lavoro Elevabile sono stati considerati i seguenti riferimenti normativi: Nel lavoro temporaneo in quota il datore di lavoro deve scegliere l attrezzatura in funzione delle caratteristiche del luogo, dell ambiente, della tipologia di attività da svolgere, della durata, della

Dettagli

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi

Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi Se la scala vuoi usare, incomincia a pensare! Quaderno per gli allievi In Svizzera l uso delle scale portatili causa ogni anno circa 6000 infortuni: le vittime sono lavoratori di tutte le professioni,

Dettagli

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso

Scale a pioli. Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio. Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Scale a pioli Layher Istruzioni di montaggio e d uso Sistema di qualità aziendale certificato in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2000 dal TÜV-CERT Scale a pioli Più possibilità. Il Sistema di Ponteggio.

Dettagli

TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità FAD - Formazione a Distanza

TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità FAD - Formazione a Distanza Corso di aggiornamento destinato al Coordinatore per la progettazione ed al Coordinatore per l esecuzione dei lavori Titolo I e Titolo IV del D.Lgs 81/2008 - A001 TEMATICA: Salute e sicurezza in modalità

Dettagli

NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI

NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI NUOVO DECRETO REGIONE LOMBARDIA N. 6551 DEL 08/07/2014 LINEE GUIDA USO DELLE PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI - Settore: Sicurezza e Salute sul Lavoro - Normativa di Settore collegata: D.Lgs. 81/2008 e

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 la figura del

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

QUOTA Prevenzione e protezione

QUOTA Prevenzione e protezione Esecuzione di lavori temporanei in QUOTA Prevenzione e protezione Introduzione I lavori in quota (lavori effettuati ad altezza superiore ai 2 metri rispetto al piano stabile) rappresentano la fonte più

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota.

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota. REGOLAMENTO SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI A LAVORI IN QUOTA. Schema di Regolamento su soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti

Dettagli

LAVORA IN SICUREZZA!!!

LAVORA IN SICUREZZA!!! Assessorato dell igiene e sanita e dell assistenza sociale SPRESAL Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro NON FARE IL POLLO......NON LASCIARCI LE PENNE LAVORA IN SICUREZZA!!! Azione

Dettagli

Ing. Luigi Gallo RISCHIO MONTAGGIO E SMONTAGGIO DI ELEMENTI PREFABBRICATI

Ing. Luigi Gallo RISCHIO MONTAGGIO E SMONTAGGIO DI ELEMENTI PREFABBRICATI Ing. Luigi Gallo RISCHIO MONTAGGIO E SMONTAGGIO DI ELEMENTI PREFABBRICATI Filosofia della Direttiva 92/57/CEE Cantieri Spesso, tra coloro che apprezzano la Direttiva Cantieri, essa viene definita come

Dettagli

Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita?

Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita? Collaborazione con aziende terze: la cooperazione è garantita? Lavorare contemporaneamente, successivamente, insieme, ma mai uno contro l altro. Perché la mancanza di coordinamento causa inter ruzioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 72S: DIECI REGOLE VITALI PER LA SICUREZZA DEGLI ELETTRICISTI

CIRCOLARE N. 72S: DIECI REGOLE VITALI PER LA SICUREZZA DEGLI ELETTRICISTI CIRCOLARE N. 72S: DIECI REGOLE VITALI PER LA SICUREZZA DEGLI ELETTRICISTI Gentile Cliente, Spesso i tecnici che si occupano del montaggio, della manutenzione e della riparazione di impianti elettrici tendono

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO?

COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? COPERTURE: LUOGHI DI LAVORO? FASE DI LAVORO: MANUTENZIONE IMPIANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI EDIFICI e COPERTURE ELEMENTI CONDIZIONANTI OBIETTIVO MANUTENZIONI IN SICUREZZA ELABORATO TECNICO

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

Cassaforma ad elementi per solai Dokadek 30. Il sistema manuale senza travi che si monta e si smonta velocemente.

Cassaforma ad elementi per solai Dokadek 30. Il sistema manuale senza travi che si monta e si smonta velocemente. www.doka.com Cassaforma ad elementi per solai. Il sistema manuale senza travi che si monta e si smonta velocemente. Cassaforma ad elementi per solai Sicuramente più veloce: con o senza testa a caduta.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute

Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Sistemi di ancoraggio permanenti per dispositivi di protezione individuale contro le cadute Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota della Regione

Dettagli

CATALOGO CORSI PER I LAVORATORI CHE UTILIZZANO ATTREZZATURE DI LAVORO PER LE QUALI E RICHIESTA LA FORMAZIONE SPECIFICA

CATALOGO CORSI PER I LAVORATORI CHE UTILIZZANO ATTREZZATURE DI LAVORO PER LE QUALI E RICHIESTA LA FORMAZIONE SPECIFICA CORSI PER I LAVORATORI CHE UTILIZZANO ATTREZZATURE DI LAVORO PER LE QUALI E RICHIESTA LA FORMAZIONE SPECIFICA APA Confartigianato Imprese Milano e Monza e Brianza Istituto Luigi Gatti PROPOSTA FORMATIVA

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona

Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona Ente Autonomo Fiere di Verona Viale del Lavoro 8, Verona DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI(DUVRI) E INFORMATIVA IN MERITO AI RISCHI SPECIFICI PER LE FASI DI ALLESTIMENTO E DISALLESTIMENTO

Dettagli

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota

ALLEGATO XXI. Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota ALLEGATO XXI Accordo Stato, regioni e province autonome sui corsi di formazione per lavoratori addetti a lavori in quota Soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per

Dettagli

Formazione e addestramento in azienda. Fondamenti per la sicurezza sul lavoro

Formazione e addestramento in azienda. Fondamenti per la sicurezza sul lavoro Formazione e addestramento in azienda Fondamenti per la sicurezza sul lavoro La sicurezza e la tutela della salute sul posto di lavoro richiedono conoscenze e abilità specifiche. L addestramento e la formazione

Dettagli

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA

ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA Istruzioni per le operazioni di trasporto degli elementi prefabbricati Il trasporto degli elementi prefabbricati deve essere effettuato con

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI

CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI CFRM 2010 - IT CFRM CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI La formazione vincente. CFRM CENTRO FORMAZIONE E RICERCA MACCHINE Una formazione adeguata è fondamentale per realizzare una prevenzione effi cace.

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza sul lavoro Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni

Dettagli

Descrizione Copertura:

Descrizione Copertura: Soluzioni Progettuali Scheda: SP09 Rev: 09/07/2009 9.47.00 Pagina 1/8 Descrizione Copertura: STATO DI FATTO COPERTURA CON PIANTA AD L E PADIGLIONE Nuova Esistente Praticabile Non Praticabile Si tratta

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

La raccolta dei rifiuti: come rendere facile un lavoro difficile. Linee guida per i comuni e le ditte responsabili della raccolta dei rifiuti

La raccolta dei rifiuti: come rendere facile un lavoro difficile. Linee guida per i comuni e le ditte responsabili della raccolta dei rifiuti La raccolta dei rifiuti: come rendere facile un lavoro difficile Linee guida per i comuni e le ditte responsabili della raccolta dei rifiuti Siete responsabili della raccolta dei rifiuti nel vostro comune?

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva

Piano delle misure. Progetto: Casa modello (2011) per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Piano delle misure per il piano per la sicurezza integrale - Fase esecutiva Progetto: Casa modello (2011) Committente: Cooperativa Immobiliare Campo Sereno, 9999 Briantea Edizione del 11. aprile 2011 Versione

Dettagli