EXPO2015, i Cluster delle filiere agricole Ue, Grecia in bilico Usa, corsa piu lenta da qui all autunno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EXPO2015, i Cluster delle filiere agricole Ue, Grecia in bilico Usa, corsa piu lenta da qui all autunno"

Transcript

1 ANNO VII-28 aprile 2015 EXPO2015, i Cluster delle filiere agricole Ue, Grecia in bilico Usa, corsa piu lenta da qui all autunno Forex, il carry trade favorisce ancora il biglietto verde contro l euro Cacao, l Africa guiderà la ciassifica dei produttori Commodity World Weekly, anno VI 28/04/2015 realizzato in collaborazione con Associazione no profit Arena Media Star Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine Registrazione al Tribunale di Pavia n. 673 del 17/5/2007

2 2 28/4-4/5 EVENTI CHIAVE DELLA PROSSIMA SETTIMANA Mercoledì a cura di Fiorella Bergami USA, pubblicazione PIL del primo trimestre, la misura più ampia di attività economica ed è un indicatore chiave dello stato di salute di un economia. La variazione annualizzata (variazione trimestrale x 4) in percentuale del PIL mostra il tasso di crescita dell economia nel suo complesso. Il consumo è di gran lunga la maggiore componente del PIL degli Stati Uniti ed ha il maggiore impatto su di esso. Su base trimestrale i dati possono essere molto volatili. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per il dollaro USA (USD), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per il dollaro USA USA, annuncio FOMC e tassi di interesse. Le dichiarazioni del Comitato Federal Open Market della Federal Reserve è il principale canale di comunicazione con gli investitori circa la politica monetaria. Si svolge otto volte l anno e comunica il voto della commissione sui tassi d interesse e altre politiche, oltre le condizioni economiche che hanno influenzato il voto. Gli investitori tengono in grande considerazione ogni minima considerazione del FOMC. L aumento dei tassi d interesse è positivo per il dollaro statunitense Australia, annuncio tassi di interesse 9.55 Germania, pubblicazione variazione occupazione Europa, pubblicazione IPC con forti conseguenze sul mercato valutario. Pubblicità Venerdì 3.00 Cina, pubblicazione PMI manifatturiero Inghilterra, pubblicazione PMI Purchasing Managers. L induce Construction Purchasing Manager s Index (PMI) del Chartered Institute of Purchasing and Supply (CIPS) misura il livello di attività dei responsabili degli acquisti nel settore edilizio. Qualsiasi dato superiore al 50 indica un espansione, mentre un dato inferiore indica una contrazione.fornisce un indicazione sullo stato di salute del comparto manifatturiero e sulla crescita della produzione in Gran Bretagna. Gli operatori esaminano con attenzione queste indagini, dal momento che i responsabili degli acquisti di solito hanno un accesso precoce ai dati relativi alle prestazioni dell azienda, che possono diventare un indicatore chiave della prestazione economica nel suo insieme. Dati superiori al previsto devono essere interpretati come positivi/rialzisti per la sterlina britannica (GBP), mentre valori inferiori alle attese sono da interpretarsi in senso negativo/ribassista per la GBP. Giovedì 8.30 Giappone, conferenza stampa BOJ riguardo tassi di interesse, previsioni economiche ed inflazione.

3 EDITORIALE AL VIA L EXPO 2015, TRA GRU PONTEGGI E RUSPE Katia Ferri Melzi d Eril direttore responsabile Per Expo 2015 il conto alla rovescia è partito, ma nonostante il lavoro incessante, giorno e notte, è ormai chiaro che sarà un inaugurazione tra gru, ponteggi e ruspe, anche se coperte dal famoso camouflage che ci è costato (a tutti noi contribuenti) carissmo, vistà l urgenza di produrlo. All Expo ci andremo tutti. E non solo per ammirare l Albero della Vita che troneggia sulla nostra copertina e anche su quella del nostro supplemento Arena, che esce in edizione speciale tutta dedicata all Esposizione Universale, a Leonardo e alla nuova Milano che si apre al turismo di tutto il mondo. Ma riusciremo ad arrivarci? Noi vi consigliamo di raggiungerla in metropolitana con lo zaino a spalla o il trolley a mano (per metterci dentro tutti i gustosi prodotti che si possono comprare), se non volete morire di disperazione sul complesso sistema di strade e parcheggi non finiti, progettati proprio per l evento. Se non ci credete, ecco la situazione che vi aspetta se vi muovete in auto, taxi o pullman. Anche se arrivate in elicottero, un tratto di strada vi tocca lo stesso (a meno di non essere Renzi). E allora ecco cosa vi aspetta. LaA8 Milano-Laghi resta un cantiere, con riduzioni di carreggiata, svincoli ancora chiusi e mezzi al lavoro nelle due direzioni. Stessa sorte per il raccordo A4, dove sono in bella mostra cataste e cumuli di terra. Se sull Autolaghi e sulla Milano-Torino la nuova segnaletica Expo2015 non sembra mancare, neanche un cartello invece vicino ai principali parcheggi, dunque non si sa dove andare a metter giù la macchina e il parcheggio all ex Alfa di Arese, non è ancora del tutto completato. Mentre si preparano i nastri da tagliare, sono ancora da sistemare le colonnine di accesso dove dovrebbero sostare ogni giorno 10mila automobili (al costo di 12,20 euro). Insomma, o ci si prepara a scarpinare per chilometri, oppure a fare code micidiali per raggiungere il gigantesco piazzale incatramato di fresco davanti alle strutture arrugginite dell ex stabilimento Alfa. Altre opere che non sono state terminate sono la Zara-Expo e la Rho-Monza. La prima è in abissale ritardo (la Prefettura ha bloccato i lavori di un azienda in odor di ndrangheta). Il collegamento verso il parcheggio di Cascina Merlata sarà pronto a luglio, a metà del semestre Expo. Dal 20 aprile è stato aperto il nuovo tronco autostradale che collega la sp46 Rho-Monza al raccordo di Baranzate per Rho Fiera. Un intervento che consente il raddoppiamento delle corsie su un tratto di 2 km e mezzo e sostituisce il vecchio trafficatissimo raccordo. Dunque l idea di muoversi in auto, per ora è surreale. Come faranno i pendolari che vanno a lavorare a Milano e quelli che devono consegnare le merci a Expo? L area su cui sorge Expo2015 si trova a nordovest della città, esattamente all incrocio delle autostrade A8/A9 Como-Varese-Milano e A4 Torino-Milano-Venezia. Il cronoprogramma pubblicato sul sito lasciatelo perdere. In queste ore meglio ascoltare Isoradio o Radio 24: oltre ai tratti chiusi d ufficio di notte, si devono affrontare code interminabili e snervanti attese a qualsiasi ora. Che mettono in ginocchio tutta la viabilità dei comuni attorno al sito espositivo. Rho, Pero, Arese, Garbabagnate, Lainate. Dove qualcuno per i prossimi sei mesi, non vuole più abitare: hanno tutti affittato agli studenti che lavorano negli stand. Loro sì che si muovono bene, in bicicletta. COMMODITY WORLD WEEKLY MAGAZINE - ANNO VII - 28 aprile 2015 Settimanale web edito da Katia Ferri Melzi d Eril in collaborazione con l associazione culturale senza scopo di lucro Arena Media Star. www. arenamediastar.com Redazione: Via S. Giovannino Pavia tel Direttore responsabile: Katia Ferri Melzi d Eril. Contributors: Fiorella Bergami, Niccolò Carcano, Fabio Di Mari, Giulia Lopez, Giulia Narisano, Michel Nchare, Flavia Placidi, Margherita Vigo. Supplemento mensile: Arena Media Star Magazine. Tutti i diritti riservati. Tutti i contenuti, gli articoli, i grafici e le previsioni di Commodity World Weekly non costituiscono invito al trading. Nessun compenso è stato pagato per l inserimento di campagne pubblicitarie di onlus e mostre d arte. 3

4 di Niccolò Carcano Grecia, se arriva il default, niente uscita Le tensioni sul raggiungimento di un accordo tra UE e Grecia hanno dominato la scena anche nella scorsa settimana. Sembra farsi largo l ipotesi che la Grecia possa subire un default sul proprio debito, che andrebbe a gravare sul FMI e il Fondo Salva Stati Europeo piuttosto che sugli investitori privati internazionali, senza però arrivare all uscita della Grecia dalla UEM. Si tratta di uno scenario possibile, ma che l Europa e la Germania in particolare vedono come controproducente poiché i debiti vengono scaricati sui creditori invece che sul Paese (pagano altri) e le riforme passano in secondo piano. La a notizia che il Governo ellenico a rafforzato la squadra per i negoziati con la UE con l obiettivo di giungere a un accordo annulla la discesa degli indici azionari. La soluzione dei negoziati UE-Grecia è un palese motivo di preoccupazione per gli investitori. Una volta superato libererà sia forze finanziarie che dell economia reale e quindi favorevoli alla crescita? Gli indicatori di sentiment pubblicati nel corso della settimana in Europa hanno riportato nel complesso un miglioramento, anche se la Francia ha mostrato ancora una volta le deboli attese per un recupero delle produzioni manifatturiere nei prossimi mesi. Nella settimana corrente l appuntamento principale coinvolge la FED la sua riunione. La Yellen aveva già annunciato che ad aprile non sarebbe intervenuta sulla politica monetaria, quindi la riunione e le comunicazioni della FED potrebbero fornire utili indicazioni per discriminare se la tempistica del prossimo graduale rialzo dei tassi: giugno, settembre o dicembre. Nella settimana corrente l appuntamento principale coinvolge la FED con la sua riunione. La Yellen aveva già annunciato che ad aprile non sarebbe intervenuta sulla politica monetaria, quindi la riunione e le comunicazioni potrebbero fornire utili indicazioni per discriminare se la tempistica del prossimo graduale rialzo dei tassi: giugno, settembre o dicembre. In Europa la pubblicazione degli indicatori di sentiment ha fornito un quadro nel complesso positivo anche se mancano quei segnali di accelerazione che tanto attende il Vecchio Continente. Il Quantitative Easing della BCE sta contribuendo al miglioramento della percezione futura, facendo venire meno una variabile d incertezza legata ai mercati finanziari, ma non dimentichiamo che la Grecia costituisce una spada di Damocle importante e soprattutto un potenziale shock che andrebbe rimettere i discussione l effetto virtuoso tra QE e ripresa dei consumi e degli investimenti. 4 di Niccolò Carcano Previsioni Fondi: tutti Ue: gli imprenditori strumenti migliori tedeschi per ottimisti. puntare sull economia Francia: aria di giapponese rallentamento In Germania si ha la pubblicazione degli indici ZEW, che misurano la fiducia degli investitori, evidenziano un miglioramento della percezione della situazione attuale, mentre le attese flettono leggermente nonostante previsioni di miglioramento. L indice sintetico europeo ZEW, segnala un miglioramento delle attese per la congiuntura UEM. La pubblicazione dell Indice IFO tedesco di aprile mostra un ascesa dei giudizi degli imprenditori grazie sia agli stimoli monetari, ma anche alle prospettive di rialzi dei salari che dovrebbero sostenere i consumi interni. Cresce quindi la percezione della situazione attuale, mentre solo le attese subiscono una lieve e inattesa limatura. A proposito di settori produttivi, l industria migliora come anche la manifattura, il comparto delle costruzione rimane debole seppur in ripresa. Il quadro degli indicatori qualitativi di sentiment ci viene fornito dalle indagini Markit PMI. Gli indicatori previsionali relativi al comparto dei servizi di aprile, pur in discesa rimangono al di sopra della soglia dei 50 punti indicando quindi espansione prospettica, ma senza quella convinzione e quella forza che lascerebbero intravvedere un accelerazione della dinamica di questo settore. Il comparto manifatturiero rallenta anch esso; anche in questo caso la situazione prospettica non cambia nel complesso, rispetto a quanto sta avvenendo dalla metà del Gli imprenditori tedeschi rimangono ottimisti perché mantengono attese di espansione (sopra la soglia dei 50 punti) mentre gli imprenditori francesi continuano a vedere all orizzonte più segnali di contrazione che di espansione. Il comparto manifatturiero francese continua quindi a risentire di una maggior vischiosità nell uscita dalla stagnazione. L Italia, pur mancando ad oggi i dati su aprile, sembra riporre più fiduciosa nelle prospettive future di ripresa. La sintesi degli indicatori dell Euro Zona evidenzia una contrazione della spinta espansiva che non dovrebbe precludere al PIL del primo trimestre di raggiungere un risultato positivo dell 1% di crescita tendenziale, che sarebbe pari ad un miglioramento dello 0,5% rispetto al trimestre precedente. Quindi se guardiamo alla dinamica del PIL trimestre su trimestre, quello attuale sarebbe il miglior progresso dal primo trimestre del Tornando all Italia nel corso della scorsa settimana sono stati pubblicati i dati relativi agli ordinativi e al fatturato dell industria riferiti al mese di febbraio. Il fatturato dell industria registra un aumento dello 0,4% m/m rispetto a gennaio, con incrementi sia sul mercato interno (+0,2%), sia su quello estero (+0,6%). In termini tendenziali il fatturato totale diminuisce dello 0,9%, con un calo dell 1,6% sul mercato interno ed un incremento dello 0,8% su quello estero. Per gli ordinativi totali, si registra un incremento congiunturale dello 0,8%, con aumenti sia degli ordinativi interni (+1,2%), sia di quelli esteri (+0,4%). Nel confronto con il mese di febbraio 2014, l indice grezzo degli ordinativi segna un aumento del 2,0%. L incremento più rilevante si registra nella fabbricazione di mezzi di trasporto (+14,4%), mentre la flessione maggiore si osserva nella fabbricazione di prodotti chimici (-6,7%). L Istat ha anche pubblicato le rilevazioni delle vendite al

5 Usa, in calo i consumi dei beni durevoli, rallentamento in vista dettaglio di febbraio che in termini congiunturali. Mostrano ancora una debolezza rispetto al mese precedente mentre se letti in termini tendenziali (anno su anno) rilevano per il terzo mese consecutivo una positività che non si vedeva dal Dopo tanto tempo, la Banca d Italia ha pubblicato l indice previsionale della congiuntura italiana Ita-coin creato sulla base di una serie di indicatori reali e finanziari che in parte replicano quelli del già rodato -coin che tratteggia le dinamiche economiche a livello europeo. In marzo l indicatore Ita-coin elaborato dalla Banca d Italia, che fornisce una stima della variazione trimestrale del PIL depurata dalle oscillazioni di breve periodo, è migliorato, ma continua a segnalare una residua debolezza della dinamica di fondo dell attività economica. Segnali più favorevoli provengono dalle inchieste qualitative, che delineano un quadro di maggior fiducia nei giudizi di imprese e famiglie, soprattutto in termini prospettici. Un impulso alla crescita potrà scaturire dall ampliamento del programma di acquisto di titoli recentemente varato dal Consiglio direttivo della Banca centrale europea. L attività economica beneficerebbe inoltre delle basse quotazioni del greggio: la riduzione della spesa energetica libera risorse che famiglie e imprese possono destinare a consumi e investimenti e potrebbe contribuire a un effetto sul prodotto nell ordine di mezzo punto percentuale in due anni. USA In America si registra ancora una settimana di trapasso con dati macro che non hanno evidenziato particolari segnali positivi. Sul mercato immobiliare le vendite di case esistenti risultano in ripresa mentre sono crollate inaspettatamente quelle di nuove abitazioni. Le richieste di sussidi alla disoccupazione rimangono inchiodate poco sotto il valore totale delle 300 mila unità mettendo quindi in dubbi i potenziali benefici di un nuovo miglioramento degli occupati per il mese di aprile. L indicatore Markit PMI del settore manifatturiero per il mese di aprile ha segnalato una retrocessione a fronte di attese stabili riflettendo negli imprenditori il timore che un dollaro troppo forte possa impattare sull export. Le rilevazione particolarmente positiva degli ordinativi di beni durevoli (+4%) non deve trarre in inganno. Infatti, il dato depurato delle componenti volatili come le spese militari (+17%) e gli ordinativi di aerei (+34%), segna una flessione dello 0,2% m/m e gli ordinativi di macchinari scendono dello 0,5%. Questi ultimi due dati rafforzano l ipotesi che la forza del dollaro e tiepidi mercati esteri non stanno aiutando la manifattura americana. A ciò si deve aggiungere anche la debolezza del petrolio che ha compresso significativamente i nuovi investimenti negli impianti per l estrazione dello shale oil e dello shale gas. Elementi che potrebbero ridurre le aspettative d espansione del PIL americano nel secondo trimestre dell anno. L importante sarà però vedere come la FED sintetizzerà e interpreterà questi dati nella riunione di giovedì e se queste rilevazione la spingeranno ad essere comunque paziente anche senza scriverlo esplicitamente. Il wording paziente è stato volutamente tolto dalla descrizione che la FED fa delle proprie prossime scelte di politica monetaria, Forex, il carry trade euro/usd è ancora a favore del dollaro ma non per questo implica un rialzo immediato poiché il tema di fondo rimane la gradualità nel rialzo dei tassi che per il 2015 dovrebbe mantenersi con elevate probabilità allo 0,25% o al massimo dello 0,5% qualora dovessero emergere nuovi segnali di forza o di surriscaldamento dell inflazione e in particolare dei salari. CINA LaBanca del Popolo ha modificato i requisiti di riserva per le banche vigilate e questo potrebbe aiutare la crescita economica anche a fronte di una rilevazione dell indice PMI manifatturiero che ad aprile si porta al minimo degli ultimi 12 mesi. Questa rilevazione ha spinto la Banca del Popolo a fare l annuncio e che apre la possibilità a futuri interventi espansivi, poiché gli stimoli fiscali d indirizzo già varati tardano a produrre gli effetti sperati di riorientamento della crescita a favore dei consumi interni piuttosto che attendere unicamente lo stimolo dell export. Mercato azionario e valutario La borsa di Atene mette a segno a metà seduta un progresso dell 4,6%. Se guardiamo alla performance della scorsa settimana, nonostante l inconcludenza del summit di Riga, gli investitori avevano sostenuto l indice di Atene che aveva recuperato oltre il 4%. La notizia della continuazione dei negoziati si riverbera positivamente anche sugli altri listini europei che dopo essere giunte a perdere anche l 1% vedono Francoforte in progresso dell 1,6% (nuovi massimi storici) e Milano dell 1,2%. Settimana positiva anche per Wall Street dove però svetta il Nasdaq sostenuto Amazon con +18% e dagli altri colossi internet. In prossimità dei massimi si posiziona lo S&P500, poco sotto il Dow Jones mentre manca ancora poco al Nasdaq per raggiungere i picchi pre-bolla del In ascesa anche il Nikkei anche se rimane sotto i massimi dal 2000 mentre la distanza dal picco del 1989, bolla finanziaria conclamata, è ancora parecchia. Il cambio euro-dollaro si è mosso nella parte alta del range trading e l analisi tecnica intravvede la possibilità di incursioni sino a e alla rottura dei quali si aprirebbero possibilità di ulteriore ascesa. Tale movimento deve però trovare anche altri fondamenti visto che il carry trade tra euro e dollaro rimane a favore del biglietto verde. L analisi dei flussi ha evidenziato che negli ultimi mesi l appetito degli americani per le azioni europee è cresciuto significativamente e questo significa che investimenti diretti o acquisto di ETF determinano anche l acquisto di euro a scapito di dollari. Molti investitori professionali prendono posizioni sull azionario europeo senza coprirsi dal rischio cambio poiché ritengono che il cross non può scendere molto rispetto alle quotazioni medie degli ultimi due mesi. In rafforzamento la sterlina a seguito dell apertura della Banca d Inghilterra circa la possibilità di ritoccare i tassi prima piuttosto che dopo. 5

6 6 Commodity a Expo Milano 2015 Le materie prime agricole regine nell Area dei Cluster Filiere e degustazioni per caffè, riso di Giulia Narisano frutta/verdura, cereali, spezie, cacao Le materie prime agricole sono protagoniste a Expo 2015, l Esposizione Universale che sta per aprire i battenti a Milano Rho, a pochi chilometri dall aeroporto di Malpensa, con tema Feeding the planet, nutrire il pianeta. Di cereali, vetegali, frutta, biodiversità si tratta ovnunque ma sopratttutto nella cosiddetta area dei Cluster. I Cluster sono una delle novità di Expo Milano 2015: per la prima volta i Paesi non vengono raggruppati in padiglioni collettivi secondo criteri geografici, ma secondo identità tematiche e filiere alimentari. In questo modo il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita viene trattato in modo diffuso, rendendo concreto lo spirito di questi spazi che è proprio teso alla condivisione, al dialogo e all interazione. I Cluster sono caratterizzati da aree comuni, che sviluppano attraverso spazi funzionali (mercato, mostra, eventi, degustazioni) la filiera alimentare. Ogni Paese presente ha uno spazio espositivo individuale, dove sviluppa una sua propria interpretazione del tema. CLUSTER DEL RISO paesi appartenenti al cluster: Bangladesh,Cambogia, Sierra Leone, Myanmar, Repubblica Democratica Popolare Laos Un atmosfera della campagna, con i colori e i profumi provenienti dal mondo agreste, accoglie il visitatore all interno del Cluster del Riso con un paesaggio che ricorda una immensa risaia. Come l acqua nelle risaie nasconde e al contempo svela e dà vita, anche il Cluster nasconde dati e curiosità che si svelano, passo dopo passo, al visitatore. Versatile e nutriente, il riso è stato uno dei primi cereali coltivati dall uomo oltre diecimila anni fa, partendo da una specie spontanea cinese. Dalle valli della Cina il riso si è diffuso in tutto il mondo: conoscerne il passato e la miriade di varietà è fondamentale per apprezzarne il contributo all arricchimento della biodiversità. All interno di un percorso tematico, quindi, il visitatore può attraversare le tappe della storia del riso intrecciando i racconti provenienti dai diversi Paesi e approfondendo le innovazioni introdotte nel corso del tempo.grazie a un gioco scenografico di specchi d acqua i padiglioni sono inseriti in un paesaggio agricolo: entrando nel Cluster ci si trova immediatamente immersi in una risaia in miniatura, una mostra a carattere botanico di aree coltivate con diverse tipologie di riso. Nello spazio comune sono presenti dei chioschi per la distribuzione del riso mentre, tra le vasche che mimano le risaie, si svolge un gioco interattivo rivolto a tutti i visitatori. Il posizionamento di schermi a sfioro sull acqua delle vasche fa sì che il paesaggio naturale si fonda con il paesaggio informativo. Infatti, tra i campi e le vasche d acqua, messaggi più o meno nascosti interrogano il visitatore affiorando a pelo d acqua. Leggende, miti, storie, informazioni collegate al mondo risicolo fanno capolino coinvolgendo il visitatore in un avvincente gioco informativo. Il riso è l alimento base per quasi tre miliardi di persone, circa la metà della popolazione mondiale. Essiccato, può essere conservato a lungo ed è una sicurezza perché protegge in caso di carestie. Nelle culture orientali è sinonimo di ricchezza al pari del denaro e dell oro ed è indispensabile per centinaia di milioni di asiatici, africani e latini americani che vivono nelle aree tropicali e subtropicali. Per la popolazione mondiale, in continua crescita, il riso rappresenta dunque la fonte primaria di nutrimento. In più, grazie alla sua adattabilità, può essere in grado di crescere praticamente ovunque e può essere portato in diverse parti del mondo. Tra i paesi partecipanti al cluster del riso, il Bangladesh, dove il riso viene coltivato da tempo immemorabile ed è per questo considerato uno dei centri d origine di questo diffusissimo alimento. Il Bangladesh è quasi autosufficiente nella produzione alimentare ma la situazione è in costante cambiamento a causa della crescita demografica, del restringimento delle aree agricole e dei cambiamenti climatici.nel Padiglione del Bangladesh a Expo Milano 2015 si vuole focalizzare l attenzione sullo sviluppo di metodi di produzione e di tecnologie volte a garantire un adeguato approvvigionamento di cibo. In particolare, il Paese presenta tutte le varietà di riso sviluppate dal Bangladesh Rice Research Institute, per favorire l adattamento ai cambiamenti climatici.i visitatori, tramite convegni, workshop e spettacoli, imparano a conoscere la realtà agricola del Bangladesh e i segreti della produzione del riso. Infine i visitatori possono gustare i prodotti tipici e i numerosi piatti a base di riso caratteristici della cucina bengalese. CLUSTER DEL CACAO paesi appartenenti al cluster: Camerun, Costa d Avorio, Cuba, Gabon, Ghana, Sao Tomé Principe Entrando nel Cluster del Cacao e del Cioccolato, il visitatore ha l impressione di entrare in una giungla. Il concept trae infatti ispirazione dai luoghi in cui il cacao viene coltivato: le piantagioni delle aree tropicali e subtropicali. Le facciate degli edifici sono realizzate in un tessuto leggero e chiaro che si apre lasciando in vista i rivestimenti interni: una metafora della necessità di proteggere un prodotto prezioso e aromatico come il cacao. Il Cluster del Cacao e del Cioccolato accoglie nello spazio comune una serie di pali di diverse altezze e forme, metafora degli alberi sotto i quali il cacao cresce. L atmosfera è quella densa e accogliente di una foresta, dove la luce penetra dalle chiome degli alberi e si diffonde tra i padiglioni. I padiglioni, simili per dimensioni e colori, identificano il Paese Partecipante con la bandiera e il nome in facciata. Disegni, icone e immagini su pannelli raccontano le molte storie possibili sul cacao: dalla coltivazione alla lavorazione, dalla distribuzione al trasporto. Il Cluster è attraversato da un percorso principale che collega l area riservata alla degustazione e al relax all area eventi e a quella dedicata alle performance gastronomiche. L area eventi è formata da lunghe sedute disposte a ventaglio, progettate sia per essere un parterre per il pubblico durante gli spettacoli sia per favorire un uso informale e comunitario dello spazio durante il resto della

7 Biodiversità, la parola chiave del futuro giornata. Uno spazio verde e illuminato ospita panche e tavoli per accogliere i passanti del Decumano o le persone che escono dai padiglioni. Il cacao viene coltivato da millenni da molte popolazioni precolombiane e ha avuto un ruolo centrale nell alimentazione e nella cultura dei Maya e degli Aztechi. Tra le molte preparazioni in cui veniva impiegato dagli Aztechi una era la bevanda amara chiamata xocolātl. Un altra ricetta della tradizione univa le fave di cacao al peperoncino. Usato come cibo, bevanda e moneta, il cacao divenne simbolo di energia, fertilità e vita. Dietro al cioccolato che mangiamo o sorseggiamo c è un minuscolo frutto, quello del cacao. Più di trenta Paesi in via di sviluppo lo producono e per la loro economia rappresenta la principale fonte di guadagno. La Costa d Avorio, uno dei principali produttori mondiali di cacao, partecipa a Expo Milano 2015 all interno del Cluster del Cacao. Al primo posto per la propria capacità produttiva da più di vent anni, la Costa d Avorio fa della sostenibilità il proprio vessillo nella gestione dell industria agroalimentare interna. La Costa d Avorio, illustrerà l utilizzo di innovazioni tecnologiche per il miglioramento della qualità e ai sistemi di produzione sostenibili anche per i sottoprodotti del cacao. Il padiglione della Costa d Avorio è simile a un museo virtuale in cui sono esposte in modo documentale le varie fasi della produzione: dalla coltivazione e mantenimento delle piante, alla raccolta delle cabosse, fino alla trasformazione in alimenti (bevande fredde e calde, pasticceria, confetteria) e prodotti poco conosciuti derivanti da questo ingrediente. Accanto alle qualità nutritive, il visitatore scoprirà tutti i metodi d utilizzo del cacao anche in campo medico e cosmetico. L arredamento è composto anche da oggetti naturali che richiamano l habitat delle piantagioni di cacao. L offerta per i visitatori sarà arricchita dalla proposta di spettacoli di artisti locali, danze e rappresentazioni artistiche, nonché dalla possibilità di degustare assaggi a base di cacao e di suoi derivati. CLUSTER DEL CAFFE Paesi appartenenti al cluster: Burundi, El Salvador, Kenya, Ruanda,Uganda,Yemen, Etiopia,Guatemala, Repubblica Dominicana Il Cluster del Caffè offre un percorso espositivo che accompagna il visitatore dalla terra alla tazzina e che si compone di cinque stazioni: le serre, il trasporto, la tostatura, il bar, la zona incontro. L itinerario inizia già fuori, nello spazio verde allestito con piante di caffè, teatro della splendida mostra fotografica di Sebastião Salgado. Entrando nell area ristoro è possibile degustare questa profumata e gustosa bevanda. Nell area eventi si svolgono incontri, presentazioni, spettacoli. Fra il bar e l area eventi si trova l area mercato in cui è possibile acquistare prodotti del mondo del caffè provenienti dai vari Paesi: un modo per conservare e portare con sé il ricordo dei profumi e dei sapori incontrati.il caffè è oggi una delle bevande più importanti del mondo ed è una fonte di reddito e sviluppo in diversi Paesi, molti dei quali hanno introdotto questa coltura nei loro piani di sviluppo agricolo. La coltivazione, la trasformazione, il commercio, il trasporto e la commercializzazione del caffè danno lavoro a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Nell economia mondiale il caffè è uno dei prodotti primari più importanti, secondo per valore solo al petrolio come fonte di valuta estera per i Paesi produttori.tra i Paesi partecipanti al cluster del caffè, Timor-Leste. Le immense piantagioni di caffè distese all ombra delle foreste tropicali in Africa e in America Centrale hanno ispirato il progetto del Cluster del Caffè. L architettura degli spazi richiama infatti i rami più alti degli alberi all ombra dei quali crescono le piante di caffè, mentre i padiglioni sono una metafora dei loro tronchi. I toni caldi e i colori naturali che caratterizzano l ambiente cambiano in base alla luce che filtra dall esterno attraverso la copertura, influendo sulla percezione dello spazio e dando al visitatore l illusione di trovarsi proprio in una foresta. Il Cluster del Caffè è curato da illycaffè, official coffee partner di EXPO 2015 che porta in questo progetto le conoscenze, l esperienza e le relazioni maturate in oltre ottant anni di storia. Creato in comunione d intenti con l International Coffee Organization (ICO) il padiglione racconta il passato, il presente e il futuro del caffè nelle sue tre dimensioni: il prodotto e il suo percorso dal chicco alla tazzina. CLUSTER DELLA VERDURA E FRUTTA Paesi appartenenti al cluster: Benin, Gambia,Guinea, Guinea Equatoriale, Kyrgyzstan, Repubblica Democratica del Congo, Uzbekistan, Zambia Piccole e grandi piante da frutto che diffondono il loro profumo e invogliano il visitatore a scoprirne l origine, la storia e le leggende. Gli spazi, i prodotti dei Paesi e le strutture architettoniche creano passaggi e giochi di luce e ombra dando al visitatore la sensazione di trovarsi in un bosco coltivato. Negli spazi del Cluster Frutta e Legumi vi sono aree coltivate con piante da frutto di diverse tipologie. Intorno a una piazza centrale, il visitatore può partecipare agli eventi e ammirare gli allestimenti tematici. Sopra la piazza, concepita per unire idealmente i padiglioni, c è una copertura di legno che ricorda una pergola. Al termine della visita ci si può fermare a curiosare ed eventualmente acquistare prodotti nel mercato, che si trova come elemento di unione tra questo Cluster e quello delle spezie. Frutta e Legumi si consumano sin dall antichità: sono talmente radicati nelle culture di tutto il mondo da essere diventati ovunque oggetto di miti, leggende, tradizioni. Gli alberi da frutto iniziarono a essere coltivati nella regione mediterranea dove il clima è favorevole: gli antichi Egizi, i Greci e i Romani conoscevano molteplici varietà di prodotti e nel corso del Medioevo le tecniche e le conoscenze della coltivazione di frutta e legumi vennero perfezionate. Furono i primi coloni a portare in America piante e semi che si diffusero in tutto il continente. I legumi erano principalmente coltivati nell area tra la Mesopotamia e il Mediterraneo, a eccezione della soia e dei fagioli che si coltivavano rispettivamente nell Asia meridionale e cen- 7

LE ATTIVITÀ DEI CLUSTER PER LE SCUOLE

LE ATTIVITÀ DEI CLUSTER PER LE SCUOLE CLUSTER I Cluster sono Padiglioni Collettivi nei quali alcuni Paesi vengono raggruppati secondo identità tematiche e filiere alimentari. I Cluster sono caratterizzati da aree comuni, che sviluppano attraverso

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre

Morning Call 30 OTTOBRE 2015. I temi della settimana. Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. possibile il rialzo a dicembre Morning Call 30 OTTOBRE 2015 I temi della settimana Ancora in primo piano le Banche centrali: dopo la Bce e la Cina. la Fed, possibile il rialzo a dicembre Pil Usa del terzo trimestre in calo all 1,5%

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 7 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Euribor ad 1 mese: andamento I temi del giorno Macro Usa: sotto le attese i nuovi occupati ad agosto a +173mila unità, tasso di disoccupazione al 5,1% Tassi:

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia

L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia Avvocati e notai Lawyers Newsletter Zurigo, gennaio 2013 L immigrazione: un importante fonte di nuove leve per l economia A partire dal 2002 è stata progressivamente introdotta la libera circolazione delle

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015

LA SCUOLA A EXPO MILANO 2015 EXPO Milano 2015 EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 è un Esposizione Universale con caratteristiche inedite e innovative. Non solo una rassegna espositiva, ma anche un evento che intende coinvolgere attivamente

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Euro/dollaro Dopo aver toccato il livello minimo negli ultimi dodici anni, nel secondo trimestre

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

PERCORSO EDUCAZIONE TAPPA 0 : PADIGLIONE ZERO TAPPA 1 : CLUSTER BIO-MEDITERRANEO

PERCORSO EDUCAZIONE TAPPA 0 : PADIGLIONE ZERO TAPPA 1 : CLUSTER BIO-MEDITERRANEO 2 PERCORSO EDUCAZIONE ITINERARIO 0. PADIGLIONE ZERO 1. CLUSTER BIO-MEDITERRANEO 2. CLUSTER CAFFÈ 3. ANGOLA 4. BRASILE 5. BELGIO 6. FAMIGLIA SALESIANA 7. FUTURE FOOD DISTRICT TAPPA 0 : PADIGLIONE ZERO Curato

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005

Morning Call 6 AGOSTO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Morning Call 6 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Ism non manifatturiero: andamento I temi del giorno Macro: negli Usa l Ism dei servizi sopra i 60 punti ai massimi dal 2005 Rendimenti in rialzo, Bund a 10

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 17 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015

Petrolio al massimo del 2015 20 aprile 2015 P al massimo del 2015 20 aprile 2015 La scorsa settimana l indice generale GSCI ER (4,2) è salito fortemente, tornando al massimo da quasi 2 mesi, grazie al forte recupero delle quotazioni petrolifere.

Dettagli

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei rcati Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Performance deludenti per i titoli e le materie prime a più alto rischio dal momento che questa settimana

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed.

Europa: oggi i prezzi alla produzione dell Area euro. Stati Uniti: oggi l occupazione Adp, gli ordini di fabbrica e il Beige Book della Fed. Morning Call 2 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice Dow Jones: andamento I temi del giorno Macro: nella manifattura in calo l Ism (Usa), stabile il Pmi (Area euro) Fmi: il rallentamento della Cina

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore

Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012. Introduzione del redattore 1 Desenzano del Garda, 10 dicembre 2012 Introduzione del redattore Borsaritrade non vuole proporsi come un servizio di analisi finanziaria e di segnali operativi (chi cerca questo dovrebbe rivolgersi alle

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 14 GENNAIO 2016 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 14 GENNAIO 2016 Sotto i riflettori Indice S&P500: andamento I temi del giorno Macro Area euro: calo marcato per la produzione industriale dell Area, a dicembre -0,7% su base mensile Banche

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi ALESSANDRO ROSSO GROUP ALESSANDRO ROSSO GROUP Alessandro Rosso Group nasce nel 2002 da un gruppo di professionisti con oltre trent anni

Dettagli

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato

Morning Call 30 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Morning Call 30 MARZO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa nel Q4 in crescita del 2,2% trimestrale annualizzato Tassi: resta sui

Dettagli

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi

Morning Call 9 OTTOBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Morning Call 9 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Fed: dai verbali la conferma della prudenza della Banca centrale nel rialzo dei tassi Tassi: spread

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012 EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo Maggio 2012 Expo Milano 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Expo Milano 2015 è un evento globale, culturale, educativo e scientifico che riunisce a Milano Paesi,

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice

Numero 7 del 4 febbraio 2013. Edito da Borsari Casa Editrice Numero 7 del 4 febbraio 2013 Edito da Borsari Casa Editrice Disclaimer: l intento di BorsariTrade è quello di analizzare i mercati nei loro movimenti passati e attuali, innanzitutto per capire come cambia

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5 5 MAGGIO 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 L economia italiana va meglio dell atteso. È indispensabile cogliere l opportunità di innalzare il potenziale

Dettagli

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai

Morning Call 31 LUGLIO 2015. I temi della settimana. Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Morning Call 31 LUGLIO 2015 I temi della settimana Ad inizio settimana ancora la Borsa di Shanghai Fmi: senza ristruttura zione del debito greco non partecipa al terzo programma di aiuti Fed: qualche ulteriore

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016 GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI 06 Maggio 2016 PANORAMICA MACRO Principali Lunedì +/- Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì indici / currency 02/05/2016 03/05/2016-04/05/2016-05/05/2016-06/05/2016

Dettagli

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato

Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Morning Call 28 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bonos a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: Pil Usa rivisto al rialzo, nel secondo trimestre al 3,9% annualizzato Tassi: rendimenti

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Newsletter n. 58 Dicembre 2015

Newsletter n. 58 Dicembre 2015 Newsletter n. 58 Dicembre 2015 In evidenza Non sempre il detto poche nuove, buone nuove si dimostra corretto! Questo almeno sembra essere smentito per quanto riguarda il trend di fondo dei mercati futures

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago.

Europa: oggi nessun dato di rilievo. Stati Uniti: oggi l indice dell attività nazionale elaborato dalla Fed di Chicago. Morning Call 24 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di Borsa di Shanghai: andamento I temi del giorno Proseguono le tensioni sui mercati: questa mattina Shanghai segna un -8,7% e il Nikkei segue con

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi Settimanale dei Mercati 26 settem, 2010 Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Si sono mossi al rialzo i mercati azionari nel corso di questa settimana sulla scia

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

SmartHedge Report: Q3 2014

SmartHedge Report: Q3 2014 SmartHedge Report: Q3 2014 Matteo Paganini, Chief Analyst DailyFX How to Analyze and Trade Ranges with Price Action (Title) USD: fine del QE e rafforzamento del dollaro? Entro fine settembre la Federal

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

"Profumo di sogno.! Viaggio nel mondo del caffè SEBASTIÃO SALGADO

Profumo di sogno.! Viaggio nel mondo del caffè SEBASTIÃO SALGADO "Profumo di sogno! Viaggio nel mondo del caffè SEBASTIÃO SALGADO Sebastião Salgado: Profumo di sogno - Viaggio nel mondo del caffè Venezia 6 maggio - 27 settembre 2015 I miei primi ricordi di infanzia

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 10 novembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Dopo il forte rally di giovedì nei mercati azionari statunitensi, le azioni si sono consolidate e sono avanzate leggermente. Un risultato sulle Vendite al dettaglio negli USA peggiore delle attese è stato

Dettagli