!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!"

Transcript

1 ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!!

2 $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3 4!#1/*!!,))+)5*)!#!'''''''''''''''''''''''''6 4, 7''''''''''''''''''''6 4& '''''''''''''''''''''''- 4( ) ''''''''''8 44 '''''''''''''''''''''''''''''''''9 4- '''''''''''''''''''''''''''''''''9 43 ''''''''''''''''''''''''''''''''''9 48 '''''''''''''''''9 49 ''''''''''''''''''''''''''''''''''''': -!#1/*!!!/),/#2*11)+!''''''''''''''''''': 3 /##/+/#/ '''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''&6 8!!*/!!/$!#!$#/++/*''''''''''''''''''''''''''''&6 9!!*/!!.*!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''& :!!*/!!/)*1!$!#//!)11)!'''''''''''''''''& 6 #$$/#)/+)1/*!!#/#!'''''''''''''''''''''''''&!!*/!$''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''&& & #!$#!+!*)+!!$#/)!))+!*#!1/*!#./**!!+/#1/*'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''&( ( /!*)1/*!#!)+ /#1/*!!* /#1/*!'''''&- ( ; '''''''''''''''''''''''''''''''&3,''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''&3 ;'''''''''''''''''''''''''&3 '''''''''''''''''''&3 (& ;''''''''''''''''''''&3,''''''''''''''''''''''''''''&3 ''''''''''''''''''''''''''''''''&8 4 +/# )*<$$)/''''''''''''''''''''''''''''''''&8 &

3 1. PREMESSA ================; $#!======= ==================, $#! ======= ; =========, =========; ======= ; $/ $ $/ &8 > :3 9A69B 9A69, =+ % (

4 & ( : ; 7 C E E; C 7 @C E$E ; & * C 4

5 2. ATI IENTIFICATIVI ELL IMPRESA ESECUTRICE # # * *$ ) 7 # #$$ ) * ========= +======== $====== ============ "======= ====== "======= ====== =============!!!!!! $====== !!!!!!! ============= ============= ============= ============= ============= ============= -

6 3. SPECIFICHE MANSIONI, INERENTI LA SICUREZZA, SVOLTE IN CANTIERE E GESTIONE ELLE EMERGENZE ) ============= # $, ; 7 $ $ 7; + ; G H $ $ ;I ============= $,,, # ; E #;, * ; $ ; 3

7 ; 7 ; E ;E ; //#/ $<</ 9 #, ; ; 7% % % ; %, / 9 / E $? ;, 8

8 ============= $ ; $/ ; % ; - #, ; ; 7%,, * ;I, / % &''() E,; ; ;IE, 7, 9

9 ; ; 7, */* /#)*///#!J/#,!))/$#/*)/ //#/$/<))/ #/)))2/$!#)/#* *)!#!!+/*//!#+#!!!2!*)#!2/!% o ; //#/ $<</ 9 o #, ; ; 7% % o % ; % o, / 9 o / E o $? o o, o ;, * / *!*/ J/#,!))/!#+1/ *)*!*/$/<))/ #/)))2/$!#)/# **)!#!!+/*//!#+#!!!2!*)#!2/!% :

10 o ; - o #, ; ; 7%,, o * ;I, o 4. ESCRIZIONE ELL ATTIVITÀ I CANTIERE 4.1 escrizione di massima dell edificio e generalità **+,-, B B ====,,B=== &-'..' K L '..' ======== K L,&, / 12&'1-, 7 M; $/ % & ( 4 6

11 /' '. E E 7 >E > ) > ; ; ;; $ ;, > 7 % ',+.-'. C ; E C C

12 ; CE C C ; ; ;, ;;.'+.- lc ; ; &

13 ; opo l uso ; # E ;% Comando: Attenzione inizio operazioni Verbale: VIA Gestuale: Le due braccia sono aperte in senso orizzontale, le palme delle mani rivolte in avanti. Comando: Alt interruzione fine del movimento Verbale: ALT Gestuale: Il braccio destro è teso verso l'alto, con la palma della mano destra rivolta in avanti. Comando: Fine delle operazioni Verbale: FERMA Gestuale: Le due mani sono giunte all'altezza del petto. Comando: Sollevare Verbale: SOLLEVA Gestuale: Il braccio destro, teso verso l'alto, con la palma della mano destra rivolta in avanti, descrive lentamente un cerchio. (

14 Comando: Abbassare Verbale: ABBASSA Gestuale: Il braccio destro teso verso il basso, con la palma della mano destra rivolta verso il corpo, descrive lentamente un cerchio. Comando: istanza verticale Verbale: MISURA ELLA ISTANZA Gestuale: Le mani indicano la distanza. Comando: istanza orizzontale Verbale: MISURA ELLA ISTANZA Gestuale: Le mani indicano la distanza. Comando: Avanzare Verbale: AVANTI Gestuale: Entrambe le braccia sono ripiegate, le palme delle mani rivolte all'indietro; gli avanbracci compiono mivimenti lenti in direzione del corpo Comando: Retrocedere Verbale: INIETRO Gestuale: Entrambe le braccia piegate, le palme delle mani rivolte in avanti; gli avambracci compiono movimenti lenti che si allontanano dal corpo. Comando: A destra Verbale: A ESTRA Gestuale: Il braccio destro, teso più o meno lungo l'orizzontale, con la palma della mano destra rivolta verso il basso, compie piccoli movimenti lenti nella direzione. Comando: A sinistra Verbale: A SINISTRA Gestuale: Il braccio sinistro, teso più o meno in orizzontale, con la palma della mano sinistra rivolta verso il basso, compie piccoli movimenti lenti nella direzione. Comando: Pericolo alt o arresto di emergenza Verbale: ATTENZIONE Gestuale: Entrambe le braccia tese verso l'alto; le palme delle mani rivolte in avanti. ',-&( '. E % 4

15 E 7 >E > K ; L 4.2 Approntamento del cantiere e tracciamento, B==================, B ; M, 7 42 $ E 7 ; % ; / ;, 7E G,H -.'55 ; G8 H B ; $ $/, ; ; ), M '15 ; G8 H E 7 E,, -

16 ,&' ; G8 H 7 E! 7 ; 7, 7 7 B, ;! 2,&.,5 ; G8 H 7 7, '5 ; G8 H ; ', ) 7 *; E 3

17 E,, 7 E, E, M,, ; ; M ; ) M J ; 7 ; M, ; J, ;, E ; ; ; * ; M ;,,! ; $ ;E & 4.3 Trasporto e operazioni preliminari allo scarico dei manufatti 7 G4& H 2 7 8

18 E E ;I,,, J, ;? > J M ; B G9!;H E ) E $, E ; $ ;E & 4.4 Scarico e montaggio dei pilastri K L $ ;E & 4.5 Scarico e montaggio delle travi K L $ ;E & 4.6 Scarico e montaggio dei solai K L $ ;E & 4.7 Scarico e montaggio dei pannelli di tamponamento K L 9

19 $ ;E & 4.8 Montaggio della copertura K L $ ;E & 5. ESCRIZIONE ELLE MOALITA ORGANIZZATIVE E B E!, E?; ;, ; 2;,% *',, * &'' &'' *' )" *' ) *' ) *' )) *' *' :" *' ;&-<.'= : *1 :) *' :> *' ) ; 7 :

20 6. ORARIO I LAVORO N+ N% / E % 7 E C * 7. ELENCO ELLE OPERE PROVVISIONALI -.'55 ; G4& H B ; $$/, ; ; ), M '15 ; G4& H E 7E,,,&' ; G4& H 7 E! 7 ; 7, 7 7 B, ;! &6

21 2,&.,5 ; G4& H 7 7, '5 ; G4& H ; 8. ELENCO ELLE > 7 O96 $ 7OOOOOO F) 9. ELENCO ELLE SOSTANZE PERICOLOSE UTILIZZATE *B, 1. RAPPORTO I VALUTAZIONE EL RUMORE!, %:-A&663 B $;I &

22 @, 11. ELENCO EI PI &&

23 PI Consegnato al lavoratore Presenza in cantiere ) = = ; = 2 = /;; ; = /? = = 7 = 12. MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE IN RELAZIONE AI RISCHI CONNESSI ALLE LAVORAZIONI ; % &&', ' ', '-&' &'5 &',' -',.( -', &-' -', '1 Investimento Investimento Investimento Investimento Scivolamento Scivolamento Ribaltamento autogrù Ribaltamento autogrù Punture, tagli, abrasioni Punture, tagli, abrasioni Punture, tagli, abrasioni Punture, tagli, abrasioni Caduta dall alto (solo se il bicchiere è particolarmente profondo) Movimentazione manuale dei carichi. Movimentazione manuale dei carichi. Caduta di materiale dall'alto (solo se il bicchiere è particolarmente profondo) Caduta di materiale dall'alto Rottura della fune di sollevamento o sganciamento accidentale del carico. Schiacciamento. Urti e colpi. Caduta dall'alto Instabilità del materiale (solo se si effettua stoccaggio). Caduta di materiale dall'alto Rottura della fune di sollevamento o sganciamento accidentale del carico. Schiacciamento. Urti e colpi. Caduta dall'alto Instabilità del materiale (solo se si effettua stoccaggio). &(

24 -', - -', &'.' -', &,&,, &'.' Movimentazione Investimento Investimento Investimento manuale dei carichi. Ribaltamento autogrù Ribaltamento autogrù Ribaltamento autogrù Caduta dall'alto Punture, tagli, abrasioni Movimentazione manuale dei carichi. Punture, tagli, abrasioni Movimentazione manuale dei carichi. Punture, tagli, abrasioni Movimentazione manuale dei carichi. Caduta di materiale dall'alto Caduta di materiale dall'alto Caduta di materiale dall'alto Rottura della fune di Rottura della fune di Rottura della fune di sollevamento o sollevamento o sollevamento o sganciamento sganciamento sganciamento accidentale del accidentale del accidentale del carico. carico. carico. Schiacciamento. Urti e colpi. Schiacciamento. Urti e colpi. Schiacciamento. Urti e colpi. Caduta dall'alto Caduta dall'alto Caduta dall'alto Instabilità del materiale (solo se si effettua stoccaggio). Instabilità del materiale (solo se si effettua stoccaggio). Instabilità del materiale (solo se si effettua stoccaggio). Scivolamento Punture, tagli, abrasioni E ; % Rischio Investimento Scivolamento Punture, tagli, abrasioni Ribaltamento autogrù Misure di sicurezza a carico dell impresa Verificare che siano predisposti adeguati percorsi pedonali e di circolazione per i mezzi con relativa segnaletica. Segnalare la zona interessata all operazione. Verificare che i percorsi pedonali interni al cantiere, ovvero sulla copertura e sugli impalcati, siano mantenuti sgombri da attrezzature, materiali, macerie o altro capace di ostacolare il cammino degli operatori. Fornire adeguate scarpe antinfortunistiche. Fornire guanti e scarpe antinfortunische Verificare che la macchina appoggi su base solida e piana. Sono vietati i rialzi instabili. Misure di sicurezza a carico dei lavoratori Tenersi a distanza di sicurezza dai mezzi operativi in movimento. Prestare attenzione alle segnalazioni acustiche o luminose ed alla segnaletica di sicurezza. Indossare adeguate scarpe antinfortunistiche. Gli operatori devono operare indossando le scarpe antinfortunistiche ed i guanti. Non spostare la macchina dalla posizione stabilita. Movimentazione manuale dei carichi. Impartire tempestivamente agli addetti le necessarie informazioni per la corretta movimentazione di carichi pesanti o ingombranti. Rispettare le istruzioni ricevute per un esatta e corretta posizione da assumere nella movimentazione dei carichi. Per carichi pesanti o ingombranti la massa va movimentata con l intervento di più persone al fine di ripartire e diminuire lo sforzo. &4

25 Rischio Folgorazione Caduta di materiale dall'alto Rottura della fune di sollevamento o sganciamento accidentale del carico. Instabilità del materiale Misure di sicurezza a carico dell impresa isporre la rimozione di linee elettriche e fornire attrezzatura in condizioni idonee ovvero impartire precise disposizioni circa le distanze da mantenere. Fornire il casco protettivo. Impartire istruzioni particolari sulla sequenza delle operazioni. Vietare la presenza di persone ai lati del carico movimentato. Verificare il sistema d attacco degli elementi. Verificare le condizioni dei ganci e dei dispositivi contro lo sganciamento accidentale. Verificare frequentemente le condizioni della fune di sollevamento e di quelle di imbracatura. Scegliere zone di deposito possibilmente appartate e disporre sistemi di blocco dei materiali posati. Impartire disposizioni per i bloccaggi. Misure di sicurezza a carico dei lavoratori E vietato l'avvicinarsi del carico in posizione di massima oscillazione a meno di metri 5 di distanza dal conduttore più prossimo. I cavi elettrici delle attrezzature devono essere mantenuti in buono stato e si deve provvedere alla loro sostituzione qualora si deteriorino. Indossare il casco protettivo. Tenersi distanti dall elemento durante la sua movimentazione. Imbracare gli elementi come da disposizioni ricevute. Provvedere al bloccaggio dei materiali come da istruzioni ricevute. Caduta dall'alto Fornire scale portatili con le estremità antisdrucciolevoli. Verificare l efficienza del dispositivo che impedisce l apertura della scala oltre il limite di sicurezza. Fornire l'antinfortunistica per il posizionamento sugli elementi orizzontali. Fornire la cintura di sicurezza per ancorarsi agli elementi di impalcato. Posizionare le scale in modo sicuro su base stabile e piana. Non usare le scale semplici come piani di lavoro senza aver adottato idonei vincoli. Imbracarsi. 13. OCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA FORMAZIONE E INFORMAZIONE ) ; ;E &-

26 13.1 Informazione sui rischi generali, ; B #$$ E 7% All assunzione B % P ;, P/ P* P# P#; In occasione di eventuali modifiche aziendali B % P ;, P/ In occasione di entrata in vigore di nuove normative B % P* 13.2 Informazione e formazione sui rischi specifici ; % (',5(', (',5(',5. Informazione e formazione all assunzione,, E #$$ > &3

27 @ E,#$$ E ; ; +, ;,$ > ;; ;, ;, $ Informazione e formazione continua ;E; E,, 14. LAVORI AFFIATI IN SUBAPPALTO Non ci sono lavorazioni affidate in subappalto. ALLEGATI 1) ichiarazione del atore di lavoro & ( 7 4 #$$ - #$$ # : ;$ 6; $ & &8

28 allegato 1 3'5'1' =====================E7 <!) ===== ===========$===== PREMESSO ;=============; $#!========= ======== & ;, $#! ======= ; ==========, ( ;=========;======= ICHIARA 1) Che tutte le attrezzature utilizzate in cantiere per il montaggio degli elementi prefabbricati sono idonee e rispondenti ai requisiti di legge. 2) Che tutto il personale addetto è stato formato e informato secondo quanto indicato nel POS. 3) Che sono stati consegnati i PI come da schede allegate a tutto il personale addetto e che lo stesso è stato formato e informato sul loro corretto utilizzo. In fede &9

SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE

SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE SEGNALETICA GENERALE PREVISTA NEL CANTIERE Cartelli di divieto Trasmettono un messaggio che vieta determinati atti, comportamenti o azioni che possano essere rischiosi. Il segnale è di forma rotonda, pittogramma

Dettagli

Schede di sicurezza delle lavorazioni

Schede di sicurezza delle lavorazioni Pagina 108 PROGETTO DI VALORIZZAZIONE E RECUPERO DELLA REGGIA DI VENARIA REALE E DEL BORGO CASTELLO DELLA MANDRIA Viale Carlo Emanuele II Venaria Reale Attuazione Decreto Legislativo 81/2008 D.Lgs. 106/2009

Dettagli

Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Regione Toscana AZIENDA SANITARIA LOCALE. N. 12 VERSILIA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A cura di: Mario Gragnani; Ugo Pera; Lido Moriconi; Andrea Pieroni; Andrea Vecci. Regione Toscana AZIENDA SANITARIA

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO ALLEGATO I PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO In conformità all art. 100 del Decreto Legislativo 9 Aprile 2008 n. 81 e s.m.i. ALLEGATO I PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE UFFICI SEDE DELL INVALSI Indirizzo cantiere:

Dettagli

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Allegato A: INDICE SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Recinzione con tubi, pannelli o rete...3 Recinzione con cavalletti mobili o bande colorate...4 Attrezzature e macchine, carico e scarico dal mezzo

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

Mezzo utilizzato: autogrù

Mezzo utilizzato: autogrù Procedure per la movimentazione delle billette nelle fasi di scarico dai mezzi di trasporto e per l alimentazione delle linee di forgiatura/stampaggio. La lavorazione riferita alla movimentazione dei fasci

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA FISICA DEI LAVORATORI Valutazione del rischio R = 2 x 2 = 4 S. 01 CATEGORIA: INSTALLAZIONE DEL CANTIERE OPERAZIONE: Installazione di impianto di terra e contro le scariche atmosferiche per il ponteggio ATTREZZATURE: Compressore,

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA

I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA I SEGNALI GESTUALI GUIDA PRATICA per lavoratori La formazione vincente. Il CFRM, Centro Formazione e Ricerca Macchine del Gruppo Merlo, è la prima struttura in Italia ed una delle prime in Europa specializzata

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA

ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE GENERALI PER LAVORARE IN SICUREZZA IN TALI ATTIVITA ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI INTERVENTI DI: ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI NEI LAVORI IN ALTEZZA RISCHI CADUTE DALL ALTO NEI LAVORI DI COSTRUZIONE, MANUTENZIONE, MODIFICA STRUTTURE TRADIZIONALI

Dettagli

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno

Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Sicurezza realizzabile Lista di controllo Elementi prefabbricati in legno Imbracatura, stoccaggio e trasporto Nella vostra azienda si lavora in condizioni di sicurezza con gli elementi prefabbricati in

Dettagli

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE

ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE ALLEGATO G LINEE GUIDA PER LA POSA DI SEGNALETICA DI SICUREZZA IN CANTIERE La segnaletica di sicurezza e di salute sul luogo di lavoro è normata dal D.Lgs. 493/96 ed ha lo specifico compito di attirare

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di Bellizzi Provincia di Salerno FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Decreto Legislativo 81/08 OGGETTO: COMMITTENTE: Comune di Bellizzi Data, Il Coordinatore per la Sicurezza Il Committente (Il Responsabile

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

Progettare la demolizione

Progettare la demolizione Progettare la demolizione Bologna 24 Ottobre 2014 Docente: Michela Arezzini Consulente sicurezza nei luoghi di lavoro Perché progettare le demolizioni SICUREZZA AMBIENTE COSTI La pianificazione della sicurezza

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza 1/59 1/5 Normativa Cos è la segnaletica di sicurezza? La norma di riferimento è il D. Lgs 81/08 TITOLO V - SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 2/59 2/5 Cos è la segnaletica

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO

CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO CONDUZIONE DI POMPE PER CALCESTRUZZO DURATA IL CORSO SPECIFICO PER L UTILIZZO DI POMPE PER CALCESTRUZZO HA UNA DURATA COMPLESSIVA DI 16 ORE ORGANIZZATE IN TRE MODULI: MODULO DI BASE (4 ORE) E MODULO TECNICO

Dettagli

Lista di controllo Gru a ponte e a portale

Lista di controllo Gru a ponte e a portale Sicurezza realizzabile Lista di controllo Gru a ponte e a portale Potete affermare di lavorare in condizioni di sicurezza con le gru a ponte e a portale? Nell industria e nell artigianato le gru sono il

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91)

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) Comune di Triggiano Provincia di Ba FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: OPERE DI SALVAGUARDIA IDRAULICA NELL'AREA URBANA

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Processo Costruzione di edifici e di opere di ingegneria civile/industriale Sequenza

Dettagli

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA

LA SEGNALETICA DI SICUREZZA DOSSIER AMBIENTE SUPPLEMENTO AL N. 42 - giugno 1998 LA SEGNALETICA DI SICUREZZA informazioni di base ai sensi del decreto legislativo n. 493 /96 Distribuzione gratuita, per gentile concessione dell ISPESL

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in

Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in lì Piano di Coordinamento per interferenza tra gru a torre Cantiere sito in Impresa.. Impresa.. In sede di predisposizione e organizzazione del cantiere in oggetto la relativa vicinanza dei fabbricati

Dettagli

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22

Lavori in quota. Lavori in quota. frareg.com 1/22 Lavori in quota 1/22 D.Lgs 81/08 e s.m.i., art. 111 1. Il datore di lavoro, nei casi in cui i lavori temporanei in quota non possono essere eseguiti in condizioni di sicurezza e in condizioni ergonomiche

Dettagli

EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA LAVORAZIONE DEL METALLO O DEL LEGNO

EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA LAVORAZIONE DEL METALLO O DEL LEGNO PERFORAZIONE O PUNTURA (STABBING OR PUNCTURE) EFFETTI PRODOTTI DA ELEMENTI DELLA ATTREZZATURA, ANCHE FISSI, O MATERIALI LAVORATI, PROVVISTI DI PUNTE, ANCHE TAGLIENTI (TIPO COLTELLO...) UTENSILI PER LA

Dettagli

LA SICUREZZA in COPERTURA

LA SICUREZZA in COPERTURA INCONTRI TECNICI Progettazione, tecniche e materiali 08 giugno 2011 LA SICUREZZA in COPERTURA INQUADRAMENTO NORMATIVO Relatori: Ing. Cosimo Chines Ing. Stefano Camoni In collaborazione con Studio Tecnico

Dettagli

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa

Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa Direzione Provinciale del Lavoro Lucca Le condizioni di rischio più frequenti nei cantieri edili Giovedì 10 Giugno 2010 Lucca, Palazzo Ducale - sala Maria Luisa CADUTE dall alto La causa principale dei

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO

PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO PALESTRA SCUOLA PRIMARIA STRADIVARI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO BONIFICA AMIANTO E MIGLIORAMENTO SISMICO PROGETTO ESECUTIVO FASCICOLO INFORMATIVO DELL'OPERA Responsabile del Procedimento: Arch.

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 3 2. FASCICOLO

INDICE 1. PREMESSA 3 2. FASCICOLO INDICE 1. PREMESSA 3 Individuazione e descrizione dell opera 4 Le Imprese esecutrici 5 Rischi e misure preventive delle attività di manutenzione 6 l organizzazione del lavoro per le imprese e i lavoratori

Dettagli

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici

Consolidamento e manutenzione dei solai in laterocemento zona bagni al piano terra e primo, mediante inserimento di nuovi profilati metallici CAPITOLO I 1.1 - DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA Il progetto riguarda i lavori di adeguamento/miglioramento sismico controllato della scuola primaria Colombo nell'ambito del piano per la messa in sicurezza

Dettagli

Sanitari riparazione Punture, tagli, abrasioni. Lesioni dorso lombari. Tipologia dei lavori: Tipo di intervento: Rischi individuati:

Sanitari riparazione Punture, tagli, abrasioni. Lesioni dorso lombari. Tipologia dei lavori: Tipo di intervento: Rischi individuati: M Misure preventive e protettive Tipologia dei lavori: Tipo di intervento: Rischi individuati: Sanitari riparazione Punture, tagli, abrasioni. Lesioni dorso lombari. Punti critici Misure preventive e protettive

Dettagli

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA

Piano di Sicurezza e Coordinamento relativo al cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) SCHEDE DI SICUREZZA cantiere sito nel comune di MILAZZO (MESSINA) DOCUMENTO ELABORATO AI SENSI DELL ART. 100 DEL D. LGS. 81/2008 COORDINATO CON IL D. LGS. 3 AGOSTO 2009, N 106 E CON I CONTENUTI MINIMI PREVISTI ALL'ALLEGATO

Dettagli

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08

Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 Segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza Titolo V D. Lgs. 81/08 La norma di riferimento è il Titolo V del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 2 Cos è la segnaletica

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Venerdì 16 Marzo 2007 Presentazione della ricerca Posa in opera dei solai - procedure di sicurezza condivise (in collaborazione con AUSL 22 Bussolengo

Dettagli

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI

LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI LA MOVIMENTAZIONE E LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI a cura di Marialuisa Diodato SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

INDICE. COMUNE di IGLESIAS

INDICE. COMUNE di IGLESIAS LAVORI ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI TERMICI NELLE SCUOLE MEDIE 1/2/3 VIA ISONZO e VIA 2 GIUGNO, Novembre 2014 Pagina 1 12 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 SCHEDA I - DESCRIZIONE DELLO OPERA ED INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE

FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE Comune di ROCCABRUNA Provincia di CN FASCICOLO DELLA MANUTENZIONE (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91) OGGETTO: LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE TRAMITE PAVIMENTAZIONE AREE DELLE BORGATE COMUNALI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

Le Macchine di cantiere

Le Macchine di cantiere Cosa fare, cosa evitare Le Macchine di cantiere A.S.L.E ChièA A.S.L.E L A.S.L.E., Associazione per la Sicurezza dei Lavoratori in Edilizia, nasce da un accordo fra organizzazioni sindacali ed associazioni

Dettagli

Mentre in passato con il termine "segnaletica" (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un

Mentre in passato con il termine segnaletica (cartelli segnaletici e contrassegni), attualmente, include tutte le forme di trasmissione di un ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info La segnaletica nei cantieri i SIGNIFICATO DELL'ESPRESSIONE "SEGNALETICA" Mentre in passato con il termine "segnaletica" venivano compresi solamente i segnali

Dettagli

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica

Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica 1. Dispositivi di Protezione Individuale 2. Segnaletica di Sicurezza Rev. 2 ottobre 2009 Dispositivi di Protezione Individuale e Segnaletica slide 1

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Allegato A: SCHEDE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI D.Lgs. 81/08 aggiornato al D.Lgs. 106/09. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI, AMBIENTE, EDIL. RES. PUBBL, SPORT DIVISIONE SERVIZI TECNICI ED EDILIZIA PER I SERVIZI CULTURALI SOCIALI COMMERCIALI SETTORE MANUTENZIONE STRAORDINARIA GENERICA

Dettagli

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA

PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA REGIONE MARCHE PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER INTERVENTI IN EDILIZIA a cura del Gruppo Tecnico Regionale Edilizia 1 LINEE GUIDA PER GLI INTERVENTI DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI IN EDILIZIA PREMESSA Gli infortuni

Dettagli

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio

Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Gru a torre: installazione, montaggio e smontaggio Introduzione Principio Di norma, quando si sceglie l ubicazione di una gru a torre bisogna fare in modo che la movimentazione dei carichi sul cantiere

Dettagli

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza

Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Allegato G Schede segnaletica di sicurezza Schede SEGNALETICA 1 Segnaletica di sicurezza In cantiere dovrà essere posizionata la segnaletica di sicurezza, conforme al D. Lgs. 81/08. Quando nei luoghi di

Dettagli

Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE

Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE Allegato 4 DOCUMENTAZIONE PRESENTE IN CANTIERE Una copia dei seguenti documenti deve sempre essere presente in cantiere. DOCUMENTO Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) Piano Operativo di Sicurezza

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015

CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA. Scheda S015 OPERE PROVVISIONALI Revisione: Effettuata da: CANTIERE: PORTO DI MOLFETTA Scheda S015 Installazione impianto elettrico di cantiere comprensivo della rete di distribuzione nel caso di collegamento della

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com

tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com Sinergo Spa - via Ca Bembo 152-30030 - Maerne di Martellago - Venezia - Italy tel 041.3642511 - fax 041.640481 - sinergospa.com - info@sinergospa.com oggetto PROGETTO ESECUTIVO AMMODERNAMENTO IMPIANTO

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

LAVORO SULLE COPERTURE

LAVORO SULLE COPERTURE 1 LAVORO SULLE COPERTURE UNI EN 8088 2 Lavori inerenti le coperture dei fabbricati (definizioni) [UNI 8088] Tipi di coperture [UNI 8088] MANTO DI COPERTURA Per manto di copertura si intende l insieme degli

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

Trave Reticolare SER

Trave Reticolare SER REV 03-5/5/2015 Trave Reticolare SER Premessa: PER IL TRASPORTO, LO SCARICO, L ACCATASTAMENTO IN CANTIERE, LA MOVIMENTAZIONE, LA POSA ED IL COMPLETAMENTO IN OPERA DELLE TRAVI PREFABBRICATE RETICOLARI MISTE

Dettagli

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie

SCHEDA II-1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie Tipologia dei lavori: INTERVENTI DI CONTROLLO E REVISIONE CODICE SCHEDA C 01 DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDA E CALDA. VERIFICA FUNZIONAMENTO TERMINALI E RUBINETTI, VERIFICA DEGLI SCARICHI, VERIFICA DELLE TUBAZIONI

Dettagli

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA

GSQ CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA IMPRESE MASSA CARRARA GSQ CON LA COLLABORAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE SICUREZZA & QUALITA CORSO DI ABILITAZIONE PER ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI INTRODUZIONE La movimentazione

Dettagli

PSC: ALLEGATO A3 ANALISI DELLE LAVORAZIONI. INTERVENTO DI SISTEMAZIONE MORFOLOGICA DELLE SPIAGGE DI GORETTE Progetto Esecutivo 1 Stralcio 1

PSC: ALLEGATO A3 ANALISI DELLE LAVORAZIONI. INTERVENTO DI SISTEMAZIONE MORFOLOGICA DELLE SPIAGGE DI GORETTE Progetto Esecutivo 1 Stralcio 1 DESCRIZIONE DELLA LAVORAZIONE: 1 ALLESTIMENTO DEL CANTIERE SEQUENZA ATTREZZATURE E RISCHI PER LA SICUREZZA TI DI OCEDURE E APESTAMENTI OPERATIVA MACCHINE OCCORRENTI FISICA DEI LAVORATORI ESCRIZIONE = di

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO)

L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni XXIII, 25 - Rivoli (TO) AREA EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI DI EDILIZIA SCOLASTICA L.S. Darwin - I.T.C. Romero Viale Papa Giovanni III, 25 - Rivoli (TO) INTERVENTI DI COMPLETAMENTO DI ADEGUAMENTO NORMATIVO

Dettagli

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013

VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI. 6 aprile 2013. VADEMECUM_sicurezza_volontari.doc Rev. del 26/03/2013 6 aprile 2013 VADEMECUM PER LA SICUREZZA DEI VOLONTARI a cura di: Provincia di Torino - Servizio Pianificazione Risorse Idriche e Legambiente Piemonte e Valle d Aosta Ogni sito di intervento presenta differenti

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza La sicurezza degli operatori La Sicurezza dal latino sine cura (senza preoccupazione) può essere definita come la "conoscenza che l'evoluzione di un sistema

Dettagli

Esecuzione: Lavorazioni diverse con l utilizzo di cestello montato...42 su braccio telescopico...42 Esecuzione: Calcestruzzo confezionato a mano...

Esecuzione: Lavorazioni diverse con l utilizzo di cestello montato...42 su braccio telescopico...42 Esecuzione: Calcestruzzo confezionato a mano... Sommario MODALITA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI...5 VALUTAZIONE DEI RISCHI...8 SCHEDE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI...10 Esecuzione: Bonifica del terreno, estirpazione della vegetazione...10 con macchine operatrici...10

Dettagli

ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA

ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA ALLEGATO MONTAGGIO PREFABBRICATI ALLEGATO PIANO DELLA SICUREZZA Istruzioni per le operazioni di trasporto degli elementi prefabbricati Il trasporto degli elementi prefabbricati deve essere effettuato con

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L ABITARE (A.R.C.A.) NORD SALENTO PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

Dettagli

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Movimentazione in sicurezza delle GRU. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Movimentazione in sicurezza delle GRU Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LE REGOLE DEL BUON GRUISTA La gestione dell operatività dell apparecchio di sollevamento è

Dettagli

IL PREPOSTO DI CANTIERE

IL PREPOSTO DI CANTIERE kiker IL PREPOSTO DI CANTIERE Ruolo e responsabilità Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE LA CORTE DI CASSAZIONE GLI ORIENTAMENTI DELLA SUPREMA CORTE Con sentenza Cass. Pen.

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA 05/03-AT4a - DIEGARO VIA SAN CRISTOFORO PROGETTO PRELIMINARE Prime indicazioni per la stesura del piano della sicurezza Descrizione sommaria delle fasi

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**)

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**) Idoneità tecnico professionale ai sensi dell Allegato XVII al D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e documenti da consegnare al committente o al responsabile dei lavori SOGGETTI OBBLIGATI esecutrici affidatarie che

Dettagli

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni

COMUNE DI CIVATE. Progetto per la riqualificazione ed adeguamento Palestra comunale di via A. Longoni CERTIFICATO N.07089 ORGANISMO DI PROGETTAZIONE Committente COMUNE DI CIVATE Tipo di elaborato: Fascicolo Tecnico Progetto: Palestra comunale Commessa: E15047 Località: via A. Longoni CIVATE (LC) N Documento:

Dettagli

elaborato b) INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI DOCUMENTI INERENTI LA SICUREZZA

elaborato b) INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI DOCUMENTI INERENTI LA SICUREZZA elaborato b) INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI DOCUMENTI INERENTI LA SICUREZZA [art. 279 comma 1 lettera b) D.P.R. n. 207 del 5 ottobre 2010] indicazioni e disposizioni per la stesura dei documenti

Dettagli

Impianti di Frantumazione

Impianti di Frantumazione Impianti di Frantumazione Tipologie degli impianti Per la frantumazione di materiale proveniente da demolizione vengono impiegati due tipi di impianti : - Impianti fissi - Impianti mobili Tipologie degli

Dettagli

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI

FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU MOBILI (attuazione art. 73, comma 5, del D.lgs 81/08 correttivo D.lgs 106/09 e Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2012) DURATA: 14 ORE COSTI:

Dettagli

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA

SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SCHEDA 14 ELEVATORE A BANDIERA SOMMARIO 1. DESCRIZIONE 2. ELEMENTI COSTITUENTI 2.1 PARANCO 2.2 FUNE 2.3 GANCIO 2.4 QUADRO ELETTRICO E PULSANTIERA 2.5 STRUTTURA DI SUPPORTO 3. DISPOSITIVI DI SICUREZZA

Dettagli