Il 12,5 per cento degli italiani con più di 65 anni che vivono in coppia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il 12,5 per cento degli italiani con più di 65 anni che vivono in coppia"

Transcript

1 RISPARMIO DIRITTI PREVIDENZA CONSUMI L ALTRA FACCIA DEL WELFARE ALL ITALIANA Con tre figli a carico si rischia la povertà Il 12,5 per cento degli italiani con più di 65 anni che vivono in coppia sono relativamente poveri, come il 12,6 per cento di quelli che vivono da soli. Secondo le statistiche si considera relativamente povero il nucleo familiare di due membri che non spende più di 970 euro al mese. Una brutta notizia per i più anziani? Assolutamente no, anzi. Contro tutti i luoghi comuni,chi è più avanti d età in genere sta economicamente meglio dei propri figli e nipoti, come dimostra la tabella che pubblichiamo in questa pagina. La situazione più grave è quella delle famiglie con tre o più figli a carico: nel 30 per cento dei casi possono essere considerate povere (cioè non riescono a spendere più di euro al mese).tra queste, il INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA (2006) Percentuali di famiglie povere per nucleo familiare COMPOSIZIONE FAMIGLIA POVERTÀ Arriva a fine mese con molte difficoltà È stato in arretrato con le bollette Persona sola con 65 anni e più 12,6% 15,1% 5,5% Coppia con 65 anni e più 12,5% 11,1% 3,4% Famiglie con 1 figlio minore a carico 10,3% 15,4% 12,1% Famiglie con 2 figli minori a carico 17,2% 19,2% 15,1% Famiglie con 3 figli minori a carico 30,2% 20,4% 26,6% Estrapolazioni Ufficio Studi CGIA Mestre su dati ISTAT 26 per cento sono in arretrato nel pagamento delle bollette (solo 3,4 per cento gli ultrasessantacinquenni nelle stesse condizioni) e a una su dieci è capitato persino di non avere i soldi per comprarsi il cibo (una su 25 tra gli ultrasessantacinquenni).ma anche moglie e marito con due figli a carico sono fortemente rappresentati tra i due milioni e 600mila nuclei familiari italiani considerati poveri: il 17,2 per cento. Quando si parla di riforma dello Stato sociale e della previdenza, sarebbe meglio tenere ben presenti queste cifre. Troppi soldi vengono dirottati sul sistema pensionistico e non ne restano per una politica di sostegno alla famiglia giovane. È vero, ci sono moltissimi bamboccioni che preferiscono il tepore della famiglia d origine piuttosto che le sfide della vita,magari da affrontare con qualche sacrificio,ma c è anche quest altro lato della medaglia.la durissima linea di difesa dei sindacati e dell estrema sinistra sull età pensionabile renderà difficile la vecchiaia dei giovani che incominciano oggi a lavorare e che dovrebbero andare in pensione tra una quarantina d anni: il loro assegno, ammettono praticamente tutti gli economisti, sarà misero. Lo scenario è realistico, ma questa politica miope sta già provocando oggi seri danni, come dimostrano i dati che abbiamo illustrato: siamo di fronte a un emergenza sociale. In evidenza VACANZE Una casa in affitto: mare o montagna? 2 Il contratto 2 I costi dello sci 4 A TAVOLA Ristoranti con menu a chilometri zero 6 LIBRI Il romanzo nel cassetto si pubblica su Internet 8 ASSISTENZA La badante si trova: ecco chi ci aiuta 10 I contributi 10 Sportello aperto 12 IMMOBILI Questioni di casa 13 DIRITTI Testamento olografo, patrimonio al sicuro 14 L avvocato 16 ARTIGIANI Il panettone tiene, il cioccolato vola 17 SOLIDARIETÀ C è chi garantisce anche la donazione 18 FINANZA Risparmio gestito 20 A CURA DI 2C EDIZIONI 1

2 V A C A N Z E V A C A N Z E La casa d inverno: montagna, PASSATE LE FESTE, ARRIVA IL TEMPO DELLE SETTIMANE BIANCHE E DEI PERIODI DA TRASCORRERE FUORI CITTÀ, MAGARI IN UN CLIMA PIÙ MITE. OLTRE ALL HOTEL SI PUÒ SCEGLIERE L AFFITTO S e d inverno la montagna è la meta che continua ad andare per la maggiore, non manca chi decide di svernare al mare, in particolare lungo le coste della Liguria. Ecco allora che, invece del soggiorno in una struttura alberghiera,si può pensare ad affittare un appartamento per l intera o per la consueta settimana bianca, o ancora per un mese o persino per un solo week end (si veda il box). UN OCCHIATA AL MERCATO In montagna, per effetto delle scarse nevicate, negli ultimi anni le locazioni hanno conosciuto una battuta d arresto; tuttavia, il calo non è stato così significativo, dal momento che gli italiani che scelgono di recarsi sui monti come vacanza principale, rappresentano ancora poco meno del 30% del totale e,a proposito,riporta il recente Rapporto curato da Ubh (la holding che controlla i network in franchising Professionecasa, Grimaldi e Rexfin), Il mercato delle locazioni,dopo le buone performance dell estate, sembra dare segnali positivi per la invernale, soprattutto nella fascia medio - alta. In particolare, Alessandro Ghisolfi, responsabile dell Ufficio Studi di Ubh, spiega come, nonostante VALLE D AOSTA LOMBARDIA ma anche al mare tutto, prevalga ancora la formula contrattuale dell affitto che copre tutta la sciistica, cioè da fine novembre fino ad aprile, anche perché in questo modo è possibile risparmiare il 10-20% sul canone richiesto per una sola settimana. Secondo le consuete indagini di monitoraggio CANONI DI LOCAZIONE SETTIMANALI PER UN BILOCALE DI 4 POSTI LETTO Alta Alta Bassa ANTAGNOD CHAMPOLUC BRUSSON COURMAYEUR LA THUILE MORGEX SAINT VINCENT VALTOURNENCHE CERVINIA Bassa BORMIO MADESIMO CAMPODOLCINO APRICA condotte oltre che da Ubh anche da altri operatori,come Gabetti e Tecnocasa, in cima alle preferenze restano Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige,Valle d Aosta e Veneto,mentre i pochi che scelgono l estero preferiscono l Austria, la Francia e la Svizzera. Guardando ai costi, fra le località più a caro prezzo PIEMONTE Alta Bassa BARDONECCHIA CESANA CLAVIERE SAN SICARIO SAUXE D OULX SESTRIERE TRENTINO ALTO ADIGE Alta Bassa CANAZEI CAVALESE FOLGARIA MOENA M. DI CAMPIGLIO Elaborazione su dati Gabetti, Tecnocasa e Ubh si confermano Courmayeur e Madonna di Campiglio: il canone da corrispondere tenendo come riferimento un bilocale con quattro posti letto,va da un minimo di 500 euro in bassa a un massimo, rispettivamente, di e 850 euro in alta. Tuttavia, va detto che quest anno, secondo le cifre di Gabetti e Ubh, ancora sulla scia delle Olimpiadi invernali del 2006, una buona performance registra anche il Sestriere, dove l affitto parte dai 400 per arrivare in alta a quota 900 euro. Se invece si considera l andamento del mercato immobiliare, per il quale la domanda vive un rallentamento, in vetta alla classifica si conferma Madonna di Campiglio, dove, se l appartamento è sito in centro o vicino agli impianti si arriva a quota 11mila euro al metro quadro, mentre per Courmayeur si parte da 7mila fino a circa 10mila al mq. In particolare,guido Lodigiani,responsabile dell Ufficio studi di Gabetti, sottolinea come l effetto della crisi dei mutui americani abbia avuto una ricaduta negativa, soprattutto nelle realtà meno prestigiose:«le case acquistate 5-6 anni fa con un mutuo del 100% e per importi inferiori ai 100mila euro, vengono rimesse sul mercato in quanto sempre più di frequente l acquirente non riesce più a pagare la rata del mutuo diventata troppo onerosa». Un fenomeno, questo, che provoca un aumento dell offerta, mentre le compravendite si riducono.infine,in diverse località, si registra un calo delle quotazioni, come per esempio a Cervinia che, segnala Fabiana Megliola, alla guida dell Ufficio studi di Tecnocasa, ha perso appeal rispetto alle zone di Ayas-Champoluc, Ayas-Antagnod e Gressoney St.Jean il cui valore è in rialzo:qui,in centro,un alloggio signorile nuovo può sfiorare, rispettivamente i 6.500, 5mila e 7mila euro al mq (con un incremento dell 8 % in media). Per chi invece intenda affittare al mare e beneficiare del clima mite, nonostante si tratti di una scelta ancora di nicchia, si scende decisamente di prezzo. «Il mio consiglio per risparmiare, nel caso in cui si pensi di sfruttare l appartamento a Natale e d estate,è di stipulare un contratto annuale. conclude Ghisolfi di Ubh Così,per esempio, tenendo presente i costi medi, se a Rapallo,per un mese d estate si pagano intorno ai euro, a Loano e ad Alassio intorno ai 2mila euro,è possibile risparmiare fino a pagare dai 900 ai mille euro circa». Chiara Conti I TRE TIPI DI CONTRATTO TURISTICO Per evitare che una vacanza si trasformi in un incubo, quando ci si accorda con il locatore, è bene fare attenzione al tipo di contratto di affitto turistico che si sceglie. Da Confedilizia, la Confederazione italiana che riunisce le Associazioni territoriali dei proprietari di casa, il primo suggerimento è di non fidarsi di un accordo solo verbale in quanto, affinché il contratto si perfezioni, occorre la redazione dell intesa per iscritto. Tre le fattispecie in base alla durata del periodo di soggiorno. LA FORMULA WEEK END. Può 1essere stipulato per il più breve periodo di locazione, vale a dire, per un fine settimana o alcuni giorni. In questa formula turistica, il canone comprende ogni onere accessorio e le utenze (luce, acqua, gas), tuttavia non va confusa con altre attività simili - come quella di affittacamere o il Bed e breakfast - e, a proposito, il contratto deve prevedere che l alloggio non include: le pulizie e il cambio biancheria da bagno e da letto; pasti e bevande; sorveglianza e custodia dell appartamento. 2 LA FORMULA PER BREVI VACANZE. È adatto ai soggiorni da giorni fino a un mese. Il testo del contratto deve riportare le clausole relative a disdetta, spese accessorie e uso di spazi come cantina, autorimessa o posto macchina. Il canone va corrisposto al momento della sottoscrizione. In particolare, a carico del conduttore, sono le spese di pulizia e le utenze per le quali si sceglie, in genere, un conteggio a forfait. Tuttavia, nel caso in cui queste voci non risultassero dal contratto, è consigliabile provvedere alla lettura dei contatori. LA FORMULA VILLEGGIATURA. 3È quella per affitti che superano il mese. Clausole dettagliate regolano le modalità di pagamento del canone, la sua rivalutazione e il deposito cauzionale. Il pagamento può essere effettuato a rate mensili, ma se non si superano i 2-3 mesi, è meglio il pagamento in un unica soluzione al momento della firma del contratto. Le spese di pulizia e le utenze sono interamente a carico dell inquilino. Spese di riscaldamento Queste, se si tratta di una casa in montagna, possono essere elevate. La proprietà, del resto, per evitare danni da gelo alle tubature, ha l esigenza di prevedere che venga garantita una temperatura minima,non solo nei fine settimana ma anche durante la settimana, sia se si tratta di un impianto individuale che centralizzato. In quest ultimo caso è bene accorpare le spese di riscaldamento nel canone; per affitti stagionali l inquilino dovrà farsi carico delle rate di preventivo previste dalla gestione condominiale (salvo consuntivo). Nel caso di riscaldamento individuale o centrale a contabilizzazione individuale, è bene pattuire un costo da determinarsi in seguito a lettura di contatore. Custodia dell immobile Il conduttore ha l obbligo di custodia dell immobile ed è responsabile di tutti gli eventuali danni che si verificano. Pertanto, per tutelarsi, all atto della stipula del contratto, le parti dovrebbero predisporre un verbale di consegna dell appartamento in cui vengano descritti luoghi e mobili (se possibile accompagnato da foto), in modo da effettuare una verifica di conformità al momento della restituzione. Animali Nel contratto è sempre bene specificare anche l autorizzazione (o il divieto) all ingresso di animali domestici nell alloggio locato. 2 3

3 V A C A N Z E V A C A N Z E Riparte la dello sci che quest anno è più cara PER GLI SPORT INVERNALI ARRIVARE FISICAMENTE PRONTI È IMPORTANTE, MA ANCHE INFORMARSI SU LEGGI E COSTI. I PREZZI DELLE RISALITE IN MOLTE LOCALITÀ DI PUNTA SONO AUMENTATI D opo il periodo delle festività natalizie, tradizionale momento di esordio delle vacanze sulla neve, comincia la delle settimane bianche, un appuntamento a cui LE TARIFFE DEGLI SKYPASS I prezzi per il periodo di alta Località 1 giorno 6 giorni BORMIO BRUNICO-PLAN DE CORONES CERVINIA CORTINA COURMAYEUR FOLGARIDA-VAL DI SOLE ,5 LIVIGNO 34,5 170,5 M. DI CAMPIGLIO SESTRIERE TARVISIO VAL GARDENA sempre meno italiani sembrano rinunciare. Le valli imbiancate, i pianori che la neve trasforma in impressionanti distese d alta quota, i boschi di conifere decorate da arabeschi di ghiaccio, sono la location ideale per praticare un po di quello sport che non sempre la vita di città consente di fare: dallo sci di discesa a quello di fondo, dal trekking allo scialpinismo, ma anche, nei Palazzetti dello sport, il pattinaggio su ghiaccio. GLI ASPETTI DA VALUTARE Si tratta di un appuntamento al quale occorre arrivare preparati sia fisicamente (con allenamenti per farsi il fiato, ginnastica presciistica, ecc.), sia sotto il profilo della conoscenza delle normative che regolano le varie attività, e soprattutto consapevoli delle spese che si andranno ad affrontare. Un insieme di aspetti che influiscono e perciò vanno tenuti presenti un po per tutte quante le specialità sportive. Certo, lo sci-alpinismo e quello di discesa non possono essere improvvisati: è meglio affidarsi alle guide alpine o ai maestri di sci. Lo sci di fondo, invece, è un avventura alla portata di tutti anche se qualche lezione può essere utile per accostarsi ad alcune tecniche: al passo alternato, al passo di pattinaggio, alle modalità di discesa sugli sci più stretti. Il fondo presenta poi almeno due vantaggi: dal punto di vista fisico, rappresenta un ottima occasione per migliorare il fiato e la resistenza e pertanto rimettere in moto l apparato cardiocircolatorio. In secondo luogo, dal punto di vista del portafoglio, è sicuramente molto meno caro dello sci alpino. Se nel secondo caso, infatti, una buona attrezzatura completa, difficilmente costa sotto i 600 euro, lo sci di fondo presenta costi pari all incirca alla metà. C è comunque sempre la possibilità di noleggiare l attrezzatura direttamente in prossimità degli impianti, con costi che si aggirano intorno ai 10 euro al giorno per lo sci nordico, mentre superano i 20 per l attrezzatura da discesa, anche più complessa tecnicamente. Dopo mesi di vita sedentaria, sarebbe necessario presentarsi alla settimana bianca se non avendo fatto una vera e propria preparazione presciistica, almeno con alle spalle 2 o 3 settimane in cui si sia fatta un po di ciclette o qualche seduta in piscina e se non proprio corsa, almeno qualche lunga marcia. Queste attività permettono infatti di 1) Non mettere in pericolo gli altri sciatori, in particolare quelli che sono meno preparati. 2) Rispettare sempre la delimitazione della pista e la segnaletica. Sui binari si deve seguire il senso di marcia e la direzione indicata. 3) Se la pista è battuta a più binari, lo sciatore deve utilizzare la pista di destra. Nel caso di gruppi, procedere sempre in fila sulla pista di destra. 4) Lo sciatore che precede non è tenuto a dare pista, tuttavia deve lasciare il passo al fondista più veloce ogni volta che ritenga di poterlo fare senza pericolo. Il sorpasso può essere fatto sia a destra che a sinistra, avvertendo a voce lo arrivare all appuntamento sugli sci con meno fatica da fare nei primi giorni e consentono di apprezzare maggiormente le giornate in montagna. Su entrambi i tipi di sci bisogna sempre ricordarsi di non strafare e di ri- LE REGOLE PER IL FONDISTA sciatore che precede. 5) La sosta deve essere effettuata fuori dai binari; in caso di caduta lo sciatore deve spostarsi fuori dalla traccia prima possibile. 6) La velocità va adattata alle proprie capacità tecniche, alle condizioni della neve, del tempo, della visibilità e dell affollamento sulla pista. 7) In caso di incrocio, entrambi gli sciatori devono portarsi sulla propria destra; sui pendii occorre dare la precedenza allo sciatore che scende. La traccia non deve essere rovinata, camminando senza attrezzatura, con sci da discesa, con slitte o con altri mezzi. spettare i propri limiti fisici, poiché statisticamente gli incidenti sono più frequenti a fine giornata, sia per la ridotta visibilità ma soprattutto per la sopraggiunta maggior stanchezza. È bene sapere al riguardo che molte stazioni sciistiche permettono, aggiungendo 2 euro o poco più al costo dello skypass, di sottoscrivere una polizza assicurativa che copre gli infortuni, il mancato utilizzo dello skypass stesso e anche la responsabilità civile. Per quanto riguarda la normativa, va detto che alla fine del 2003 è stata approvata la legge 363 in materia di sicurezza degli sport invernali da discesa e da fondo. Le principali prescrizioni, facendo salvo l obbligo dell'utilizzo del casco per i ragazzi sotto i quattordici anni, prevedono che gli sciatori debbano tenere una condotta sicura in relazione alle caratteristiche della pista e alla situazione ambientale, la moderazione nella velocità e, per quanto riguarda soprattutto lo sci alpino, che lo sciatore a monte debba mantenere una direzione che gli consenta di evitare collisioni o interferenze con lo sciatore a valle. Per apprezzare gli sport di montagna, quelli che una trasmissione Rai definiva tutti i colori del bianco, non occorre essere degli Alberto Tomba o dei Silvio Fauner, ciascuno può goderne secondo le proprie possibilità, senza dimenticare il rispetto per l ambiente che lo sta ospitando. Marco De Ciuceis 4 5

4 A T A V O L A A T A V O L A Dal produttore al consumatore con i locali a chilometro zero LANCIATI IN VENETO I RISTORANTI CHE SERVONO SOLTANTO I PRODOTTI DELLA ZONA E CONSENTONO DI VALORIZZARE L ENOGASTRONOMIA E DI PROTEGGERE L AMBIENTE ABBATTENDO I COSTI DEI TRASPORTI In alto, nella foto: Fabio Legnaro, titolare dell Antica trattoria Ballotta, uno dei locali veneti che propongono menu a chilometro zero L a rete di locali a chilometro zero è una idea da buongustai, da paladini dell ambiente e da attenti risparmiatori. A lanciare il sasso è stata la Coldiretti Veneto circa un anno fa. Il ragionamento è tanto semplice quanto facile da attuare: quando in un locale sono serviti solo prodotti della zona, ne guadagnano tutti. Il cliente può apprezzare la cucina tipica del territorio ed essere certo della qualità e della provenienza del cibo. È un affare pure per l ambiente, visto che si riduce il viavai di camion, aerei e navi che viaggiano per il mondo per portarci in tavola una portata esotica e contribuiscono alle emissioni di gas serra. E anche l economia nazionale ne può trarre beneficio, visto che circa un terzo dei costi del nostro sistema agroalimentare è imputabile ai servizi di trasporto e logistica, voci che incidono sul fatturato delle imprese di produzione per oltre il 30 per cento. Insomma, per dirla con il presidente di Coldiretti Veneto, Giorgio Piazza, «si tratta di una scelta imprenditoriale che, mentre valorizza il patrimonio enogastronomico regionale riduce l impatto ambientale perché i prodotti non devono fare lunghi percorsi per giungere al consumatore finale». Ad oggi sono tredici i ristoranti che espongono il marchio dell organizzazione agricola. Il primo locale ad essere certificato è stato l osteria Vitanova di Padova, che ha festeggiato con grana padano a km 29 e a km 43, formaggio asiago a km 47, olio d oliva a km 28 e con vini dei colli Euganei (27 km) e il Bianco fior di Maserà.Anche al ristorante Boccadoro di Noventa Padovana si trovano menu a km zero. Scorrendo la lista, si scopre che l olio d oliva del Garda usato per i crostini fa un viaggio di 123 chilometri e la gallina di Polverara per le pol- pettine ne fa solo sedici. Le stesse indicazioni si ritrovano per le combinazioni di più ingredienti: i ravioli di patata dolce di Anguillara (47 km) con cuore di Asiago (94 km), per esempio, superano di poco il risotto di zucca di Sottomarina con i funghi di Crocetta di Montello, che in totale fanno 130 chilometri. Ma l iniziativa di Coldiretti non significa solo ristoranti.tra i locali che possono vantare il marchio adesivo c è anche la gelateria Zeno di Verona, oppure lo snack-bar GingerAle di Treviso. E l organizzazione sta cercando di portare l idea del a chilometro zero anche fuori dal circuito dei locali. Dopo aver raccolto 25mila firme, ha presentato una proposta di legge regionale per chiedere che si riservi il meglio della produzione locale a mense pubbliche, asili nido, scuole materne, ospedali e residenze per anziani. Un iniziativa che sembra sia stata accolta con favore e che potrebbe quindi portare risultati concreti a breve. Nell attesa, ci sono comuni padovani, come Galliera Veneta e Tombolo, che hanno deciso di favorire nei propri bandi per l affidamento del servizio di fornitura pasti delle mense scolastiche chi offre alimenti garantiti all origine e legati al territorio. Un passo simile a quello fatto dalle scuole materne di Porto Viro e Rosolina, nel rovigiano, dove i bambini mangiano riso biologico dell azienda agricola Fratelli Marangon. Coldiretti ha provato a quantificare i benefici ambientali che potrebbero arrivare da abitudini di questo tipo. Secondo un suo studio, consumando prodotti locali e di e facendo attenzione agli imballaggi, una famiglia può risparmiare fino a mille chili di anidride carbonica l anno. Qualche esempio: per trasportare a Roma un chilo di ciliegie dall Argentina in aereo per una distanza di 12mila chilometri si liberano 16,2 chili di anidride carbonica, mentre per un chilo di pesche dal Sudafrica se ne emettono 13,2 chili e ogni chilo d uva dal Cile ne costa all aria altri 17,4 chili. I locali a chilometro zero per adesso sono realtà solo in Veneto, anche se Coldiretti ha già ricevuto richieste di certificazione da Toscana e Piemonte. Un altra possibilità di acquistare alimenti che non producono inquinanti da trasporto c è a Taranto, dove in pieno centro è attivo un farmers market stabile gestito da agricoltori che offrono solo prodotti delle proprie aziende. Marco Ratti UN TOUR PER BUONGUSTAI IN VENETO Ecco la lista di tutti i locali dove poter mangiare e bere prodotti tipici e di Locale Indirizzo Telefono Gelateria Zeno Verona, Piazza San Zeno Locanda Cipriani Torcello (VE), piazza S. Fosca Osteria Vitanova Padova, via Pietro D'Abano Ristorante Al Monte Rosolina (RO), via Venezia Ristorante Al Ponte Lusia (RO), via Bertola Ristorante Antica Trattoria Ballotta Torreglia (PD), via Carromatto Ristorante Boccadoro Noventa Padovana (PD), via Resistenza Ristorante Casa Coste Collalto di Susegana (TV), via Morgante Ristorante Di...Vino Villatora di Saonara (PD), via Cavalieri di Vittorio Veneto Ristorante e delizie Teatro dei Sapori Castelfranco V. (TV), via Garibaldi Ristorante La Tana dei Golosi* Casale sul Sile (TV), via V. Veneto Ristorante Perbacco Scorzè (VE), via Moglianese Ristorante Pizzeria Lido 18 Jesolo (VE), piazza Torino Snack Bar GingerAle Treviso, via Fiumicelli Taverna Nane della Giulia* Padova, via S. Sofia, *In attesa di certificazione LA CARTA È SEMPRE VARIABILE Al ristorante Antica trattoria Ballotta di Torreglia, a una quindicina di chilometri da Padova, il menu cambia ogni una o due settimane. Una scelta obbligata, visto che il titolare, Fabio Legnaro, vuole offrire ai clienti solo prodotti di della zona. Tanto che lo stesso proprietario ha pure una piccola azienda agricola che rifornisce il locale, tra l'altro, con piselli tipici dei colli Euganei, mele delsi, zucchine, zucche, uva, cachi, fichi, giuggiole, indivia riccia e albicocche. Oltre ad alcuni animali da cortile, come la gallina padovana, la gallina di polverara, conigli, oche padovane e torresani (piccioni molto giovani). La trattoria può ospitare fino a 140 persone e la produzione propria non basta per coprire il fabbisogno. «Comunque assicura Legnaro con i contadini e i piccoli imprenditori della zona riusciamo ad avere tutto». Il titolare predilige i prodotti di Torreglia, poi cerca nel padovano quel che manca. In ogni caso, di uscire dal Veneto non se ne parla (la pietanza più esotica è il radicchio di Treviso). Una cucina sana, quindi, e con menu a chilometro zero, come ha certificato Coldiretti. E neppure troppo costosa per il cliente. Ci vuole maggiore attenzione nella preparazione dei piatti spiega Legnaro ma poi risparmiamo ordinando i prodotti nelle vicinanze. Un esempio. Antipasto di insalata di gallina padovana con indivia e uvetta, raviolo aperto con ragù bianco di gallina padovana come primo, seguito da spezzatino di gallina padovana con polenta bianca e gialla, biscotti della credenza e vino bianco e rosso dei colli Euganei e moscato Fior d'arancio per accompagnare il dolce. Il tutto a 32 euro. Il menu è sempre aggiornato sul sito 6 7

5 L I B R I L I B R I ogli e fogli scritti a penna o a matita. Carta con correzioni e cancellature e risme di pagine uscite dalla stampante dopo ore passate davanti al computer. Il nostro manoscritto, preparato con penna e calamaio o frutto di un paziente digitare sulla tastiera, è intriso di emozioni, ricordi, pensieri ed è il risultato di mesi e a volte di anni di lavoro. Pertanto, sarebbe un peccato lasciarlo diventare un romanzo nel cassetto e non provare nemmeno a pubblicarlo. Da internet alla proposta agli editori, ci sono vari modi per vedere realizzato il sogno di pubblicare i nostri scritti, alcuni molto economici. Non resta che metterci del coraggio. UN DIARIO QUOTIDIANO CON IL BLOG Oltre alla pubblicazione su carta esiste un altro modo per trasmettere idee e racconti a tanti lettori: basta avere un pc collegato a internet. La rete offre infatti la possibilità di vedere pubblicati i propri pensieri, al solo costo della connessione. Possiamo, per esempio, aprire un blog, I SITI WEB DA CONSULTARE I nuovi media ci vengono in aiuto: il sito è il più diffuso nel mondo del self-publishing, l auto pubblicazione. Basta collegarsi,scegliere la tipologia di rilegatura,l impostazione delle pagine, la quantità desiderata e caricare le pagine pronte sul proprio pc. detto anche web-log, che significa appunto traccia sulla rete. Un blog è una sorta di diario di viaggio online molto semplice da costruire in cui, oltre ai testi, si possono aggiungere fotografie e disegni. Per saperne di più basta un clic sull enciclopedia libera CON L AIUTO CHE ARRIVA DAI NUOVI MEDIA OTTENERE LA PUBBLICAZIONE DEL ROMANZO ELABORATO DA TANTO TEMPO MA TENUTO NEL CASSETTO DIVENTA PIÙ FACILE E PURE MENO COSTOSO Internet offre nuove opportunità anche agli autori di manoscritti F Ad esempio,far stampare su Lulu,100 copie di un libro grande 6 cm per 9,con copertina rigida, della lunghezza di 100 pagine, costa circa 570 euro. O far pubblicare a colori, sempre sullo stesso sito, un libro di fumetti di 88 pagine, in 100 copie,con rilegatura cucita a stella può costare sui 1253 euro.il sito permette di ottenere un wikipedia, all indirizzo: log oppure su io/blog/index.htm. E per diventare dei blogger, proprietari di blog, non può mancare l approdo su ex.html oppure su codice librario Isbn-international standard book number, numero standard internazionale per i libri, che potrebbe facilitare l inserimento del volume nelle librerie online e tradizionali (per l Italia il servizio costa 89, 95 euro). Sono poi possibili anche le spedizioni delle copie. Su Lulu si può anche acquistare libri di altri autori I CORSI DI SCRITTURA CREATIVA Scrivere è un arte da Il costo è di 50 euro a serata. Per informazioni: tel. apprendere a tutte le età e sono molti i corsi di ; l è La se- scrittura in tutta Italia che cercano di insegnarla. de è in Via dell Arco Mirelli, 36. A Milano il laboratorio di scrittura creativa Le parole e i sensi, in Via Piol- Omero, si legge sul sito A Roma c è la scuola ti De Bianchi, propone vari momenti formativi. la prima scuola di scrittu- Dal 1988 La scrittrice e giornalista Lia Levi I laboratori coordinati da ra creativa in Italia. interverrà al corso di Napoli Giampaolo Spinato permettono di sperimentare anche i linguag- su livelli, per esempio il primo per l area La didattica è organizzata gi della scrittura per la radio. Il 26 gennaio è una delle date previste per i semivano in Largo Berchet 4, Mura Gianicolen- narrativa costa 300 euro. Le aule si tronari. Ogni incontro costa 109 euro (iva si. Per informazioni si può chiamare lo esclusa). Per informazioni l è e il sito è L indirizzo della sede è e scrivere alla lospinato.it. Via Sprovieri Roma. A Napoli, il corso Linea scritta. Laboratorio di scrittura creativa dedica momenrario Tomasi di Lampedusa, in Vicolo del- Anche a Palermo, presso il Parco Letteti di discussione e apprendimento sui capolavori della letteratura fra l 800 e il 900. ci di Oblomov organizza laboratori e perla Neve, l associazione culturale Gli ami- Il 30 di gennaio è previsto l incontro su corsi di scrittura per principianti e non. Ritratto di signora di Henry James e su Per informazioni e iscrizioni: Beatrice Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen, Agnello, Mario Valentini, condotto da Francesco Costa e Lia Levi. e sempre più scrittori noti scelgono questa via innovativa per pubblicare e vendere i loro testi:tra tutti l ottantenne Roberto Vacca, docente universitario, conduttore Rai, ex dirigente d azienda che dopo aver pubblicato con Mondadori, Bompiani, Fabbri e Rizzoli, ha deciso di ripubblicare e vendere su Lulu, Greggio e pericoloso CHE COSA LEGGERE PER PERFEZIONARE LA TECNICA Come scrivere un romanzo di successo e soprattutto come riuscire a far pubblicare il proprio manoscritto? Sono molti i libri che trattano questi temi. Jack London, l autore di Zanna Bianca, più di un secolo fa ha lasciato ai suoi lettori molti consigli sempre attuali. L editore Minimum Fax ha infatti radunato pezzi tratti dal romanzo Martin Eden e anche lettere, articoli, appunti di London nel tascabile: Pronto soccorso per scrittori esordienti, curato da Marina Crassi (costo 8 euro). Un altro volume è Voglio fare lo scrittore edito da Terre di Mezzo a cura di Davide Musso (12 euro), che raduna 10 interviste a professionisti di nella versione inglese Crude and Evil. Ma gli scrittori esordienti puntano pure sui metodi tradizionali, cercando di farsi pubblicare l opera da case editrici. Molti i consigli su Prima però di sottoporre il manoscritto al giudizio degli editori,spesso gli autori lo registrano alla Siae, la Socie- tà italiani autori e editori (www.siae.it), operazione che costa circa 110 euro, per i non associati Siae. Tornando alle spedizione alle case editrici, se inviamo a 20 editori lo scritto,avremo la spesa dei pacchi lettera o delle raccomandate,circa 50 o 60 euro di posta. Mettiamo poi in conto alcuni mesi di attesa per ottenere una risposta.nel caso di esiti positivi, secondo un esperto, il piccolo editore può proporre al potenziale autore un contratto in cui lo scrittore si impegna a comprare un certo numero di copie a prezzo scontato. Ad esempio per un tascabile potrebbe chiedere l acquisto di copie a un prezzo totale di euro. L editore dovrebbe poi impegnarsi nel lavoro di editing, di correzione di bozze,a fornire un adeguata distribuzione nelle librerie e a occuparsi di come il libro verrà proposto. Nel contratto viene prevista anche la percentuale sul venduto che per gli esordienti, non supera di solito il 10 % rispetto al prezzo di copertina. Sergio De Marchi Uno dei siti web più usati anche da autori famosi per il selfpublishing, è che pensa anche alle spedizioni case editrici piccole e grandi che selezionano i manoscritti. Se invece si ha poca familiarità con il pc, viene in aiuto Word Pocket. Molto più di una macchina da scrivere di Raffaella Rossini, edito da Apogeo (7,5 euro). Si legge sulla presentazione: Adatto per chi ha poca dimestichezza con il computer e vuole imparare a usare un programma di videoscrittura, ma utile anche per chi da tempo utilizza il software ma non ne conosce ancora tutte le specifiche funzioni. E per sconfiggere ogni dubbio grammaticale c è: Parlare e scrivere senza errori di Sabrina Carollo, edito da Giunti Demetra (5,90 euro). 8 9

6 A S S I S T E N Z A LE ASSOCIAZIONI, GLI SPORTELLI APERTI DALLE PROVINCE E DAI COMUNI, LE AGENZIE INTERINALI, I CONGEDI PARENTALI: SONO IN AUMENTO I CANALI PER ACCUDIRE GLI ANZIANI Non c è solo il passaparola, ecco come trovare una badante I l sistema più diffuso resta il passaparola: un parente, un amico che magari ne ha avuto bisogno per accudire il genitore anziano. Altrimenti si chiede un po' in giro, si va nei luoghi dove di solito si radunano, una piazza, la stazione, si paga l'uomo che le controlla e poi si spera nella fortuna. Anche per trovare una badante, insomma, bisogna spesso fare i conti con il caporalato, con tutti i rischi che questo comporta. Ma non ci sono altri sistemi? Pur in notevole ritardo rispetto all'esplosione del fenomeno (sono circa due milioni le badanti in Italia, molte delle quali in nero ), qualcosa si sta muovendo. Ne abbiamo parlato con Pina Brustolin, responsabile di Acli-Colf. «Gli enti locali si stanno lentamente organizzando, favorendo l'incontro fra la domanda e l'offerta attraverso i Centri per l'impiego, o delegando ad associazioni presenti sul territorio come noi». Sempre grazie a questa collaborazione si stanno diffondendo in alcune città (Aosta, Bergamo, Brescia, Milano,Venezia,Trieste, Pompei) gli Sportelli Badanti che, oltre ad aiutare chi cerca una badante, forniscono informazioni sulle normative da rispettare per metterle in regola. «Un punto fondamentale è proprio questo: chi viene da noi spesso non ha la più pallida idea di come deve comportarsi con una badante. C'è il contratto nazionale (scaricabile dal sito che regola per esempio il periodo di prova,la paga minima,le ferie, il preavviso. Ma al momento dell'assunzione è fondamentale stipulare anche un contratto individuale per stabilire le mansioni che la badante dovrà svolgere e la paga stabilita. I contratti danno sicurezza sia alle badanti, che in questo modo possono andare in questura per rinnovare il permesso di soggiorno, sia alle famiglie dove lavorano, che LA SCADENZA PER IL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI Entro il 10 gennaio 2008 va effettuato il versamento dei contributi dovuti da parte dei datori di lavoro domestico per i collaboratori familiari. Il contributo si riferisce al quarto trimestre del La determinazione del contributo da versare avviene in base all'orario di lavoro: inferiore o superiore alle 24 ore settimanali; nel caso in cui il lavoratore non superi le 24 ore settimanali, il contributo orario viene commisurato a tre diverse fasce di retribuzione, mentre, se supera questo orario, il contributo per tutte le ore retribuite è fisso. Il pagamento dei contributi va fatto tramite i bollettini di conto corrente postale forniti direttamente dall'inps. Nell'ipotesi in cui il lavoratore presti la sua attività presso più datori di lavoro, ognuno di essi dovrà provvedere al versamento dei contributi di sua competenza, in quanto non è CLUB3

7 A S S I S T E N Z A possibile che un solo datore di lavoro versi i contributi anche per conto di altri. L'Inps consente dal proprio sito internet (www.inps.it) il versamento dei contributi online tramite il pagamento con Poste italiane. Per accedere a questa operazione è necessario essersi registrati in precedenza sul sito di Poste Italiane (www.poste.it). A.F. Cresce il numero delle collaboratrici domestiche che pensano di tornare nel loro Paese d origine dopo qualche anno, o di trovare un lavoro meno faticoso L allarme è stato lanciato da una ricerca dell Iref, l istituto di ricerche educative e formative delle Acli, che ha intervistato mille badanti di 66 diverse nazionalità: a differenza di quanto accadeva qualche anno fa, le colf non sono più disposte a rimanere a lungo in Italia. Il 75% medita di ritornare presto nel Paese d origine. Il loro progetto è ben preciso: lavorare duro per qualche anno, mettere un bel po di soldi da parte e poi tornare a casa dove, nel 62% dei casi, hanno lasciato marito e figli. Le badanti, quando arrivano in Italia, sono in genere quarantenni e solo il 38% di esse sono finora riuscite a ricongiungersi con il resto della famiglia. Il 72% delle colf, quindi, invia regolarmente una quota più o meno consistente dello stipendio ITALIA, UN SOGNO A TEMPO DETERMINATO alla famiglia, in attesa di ritornare a casa o di cambiare lavoro. Sempre più spesso, infatti, dopo due o tre anni di permanenza in Italia, le badanti che non riescono a tornare in patria tentano di cambiare, almeno in parte, lavoro cercando qualcuno che offra loro un servizio a ore o che abbia bisogno di una baby sitter. Poche, nonostante il 60% dichiari di trovarsi bene in famiglia, riescono a resistere a lungo ai turni massacranti a cui sono sottoposte, soprattutto quelle che vivono con l anziano che assistono: 59 ore in media alla settimana, per uno stipendio di 880 euro al mese, vitto e alloggio compresi. Sta progressivamente scomparendo la colf per eccellenza, proveniente dalle Filippine. Le badanti straniere provengono dall Europa dell Est (31%), dalle repubbliche dell ex Urss (29%) e dall Asia (14%). Ma la tendenza più interessante è l aumento di badanti uomini, ormai giunti al 16% del totale. hanno maggiori garanzie dalla possibilità che la badante improvvisamente vada via.ai nostri sportelli ogni giorno vediamo persone disperate perché la badante ha deciso da un giorno all'altro di ritornare nel Paese d'origine». Anche il settore delle agenzie interinali sta muovendo i primi timidi passi. Una delle più importanti, Manpower, a giugno ha lanciato il Progetto Badanti, reclutando immigrate straniere che, dopo aver seguito un corso di formazione gratuito, sono state inserite nelle famiglie per assistere disabili e anziani. E infine ci sono le cooperative sociali presenti un po' in tutta Italia,che offrono questo tipo di servizi a prezzi più o meno contenuti, ma con il vantaggio della flessibilità. Supporto personale, per esempio (www.supportopersonale.it), attiva a Milano da 3 anni, offre un ventaglio di possibilità molto ampio: si va da un abbonamento con canone mensile forfetario che prevede 1 intervento al giorno da due ore dal lunedì al venerdì, con un costo di 474 euro, a un abbonamento che prevede una presenza sette giorni su sette, comprese le notti, spendendo 1040 euro. Gli eventuali costi maggiori rispetto all'assunzione diretta possono essere assorbiti dal risparmio fiscale, dal momento che è possibile detrarre dalle imposte il 19% come spese di assistenza specifica. Alle badanti sempre più spesso viene richiesto non solo di far compagnia all'anziano, di preparargli da mangiare e di provvedere alla sua igiene personale, ma anche di possedere competenze infermieristiche più o meno specifiche. «Invece capita sovente che un anziano si ritrovi in casa una persona che parla un italiano stentato e che non ha la minima idea sul regime alimentare più adatto per lui, aggiunge Brustolin. Da qui l'importanza della formazione. Il ministro per la Famiglia Rosy Bindi ha annunciato un piano nazionale per le badanti che prevede lo stanziamento di un fondo di 97 milioni di euro. Soldi che dovrebbero essere dirottati agli enti locali per organizzare iniziative di formazione: l'italiano prima di tutto, ma anche corsi di educazione civica e soprattutto corsi per garantire un'adeguata preparazione infiermieristica a chi spesso si trova ad accudire,24 ore su 24, una persona non autosufficiente. Ma dal momento che la tendenza, per i prossimi anni, a fronte di un ulteriore incremento della domanda di servizi di assistenza, do- 11

8 A S S I S T E N Z A I M M O B I L I vrebbe andare verso una riduzione del numero di badanti straniere, il ministero intende incentivare il cosiddetto welfare fatto in casa : l'idea è di trovare per i familiari che assistono in prima persona un anziano una qualche forma di riconoscimento fiscale e previdenziale. «La possibilità, prevista dalla Finanziaria, di usare i congedi parentali non solo per accudire i figli, ma anche i genitori, va in questa direzione», aggiunge Brustolin. «Ma molto resta da fare, soprattutto nella formazione. Se si investisse di più in questo campo e si trovassero forme di lavoro più flessibili, penso che molte italiane troverebbero di nuovo appetibile questo tipo di occupazione». Eugenio Arcidiacono S LA PENSIONE DELLA COLF ROMENA Per avere diritto alla pensione in Italia, con le leggi attualmente in vigore, è necessario avere 60 anni di età. Per i contributi, se la pensione viene liquidata con il sistema contributivo, è necessario avere almeno 5 anni di contribuzione effettiva versata. In seguito all'ingresso della Romania nell'unione europea sono state emanate disposizioni che dovrebbero permettere il cumulo dei contributi versati in Italia e in Romania; tuttavia questa materia deve essere ancora meglio approfondita e chiarita. PERIODO IRREGOLARE E PAGAMENTO DEL TFR Il trattamento di fine rapporto si riferisce a un rapporto lavorativo che è terminato. Dal tenore della richiesta, si deduce che la badante è stata regolarizzata dal 1 maggio 2007; quindi per il periodo precedente il rapporto non era regolare e quindi non venivano versati i contributi, che comportano tutte le garanzie: tredicesima, tfr, ecc.). Di conseguenza, per il periodo dal 23/8/2004 al 30/4/2007, non è dovuto il Tfr, che dovrà invece essere corrisposto dal 1 maggio 2007 fino al momento in cui avverrà la cessazione del rapporto di lavoro regolare. Sportello aperto P COME SGOMBRARE LA CASA OCCUPATA Siamo d accordo. L azione di reintegro del possesso a mezzo dell articolo 703 del codice di procedura civile e seguenti (che va esercitata entro un anno dalla spoliazione) ha il vantaggio di non prevedere, a differenza dell azione petitoria ex 948 c.c., la dimostrazione della proprietà del bene (non a caso, talvolta viene esercitata da qualcuno che non ne è titolare contro il titolare stesso, rifacendosi all articolo 1170 del codice civile, con conseguenze che secondo il senso comune possono essere aberranti). Il giudice, assunte informazioni sommarie, può procedere anche senza la convocazione della controparte se tale convocazione potrebbe pregiudicare l attuazione del provvedimento (art. 669-sexies c.p.c.). Il reclamo non sospende il provvedimento, salvo decisione del giudice. È possibile anche avviare l azione di risarcimento del danno per il mancato godimento del bene nel periodo intercorrente tra l avvenuto spoglio o molestia e la ricostituzione della situazione possessoria. G.D. - Firenze L articolo 26, comma 5 della legge n. 10/1991 stabilisce che per le innovazioni relative all adozione di sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione del calore e per il conseguente riparto degli oneri di riscaldamento in base al consumo effettivamente registrato, l assemblea di condominio decide a maggioranza, in deroga agli articoli 1120 e 1136 del codice civile. Pertanto, essendo l impianto del condominio centralizzato, per la modifica delle tabelle riguardanti i millesimi calore occorre la decisione a maggioranza dei millesimi di proprietà del supercondominio (secondo una tesi minoritaria, anche la maggioranza dei partecipanti all assemblea). Restano intoccate le tabelle di proprietà, che riguardano le spese di manutenzione straordinaria dell impianto. Se tale maggioranza non si raggiunge, niente da fare. La tesi del risarcimento, di per sé, non sta in piedi. LE SPESE PER LA TERRAZZA Questioni di Casa VOI DOMANDATE - GLI ESPERTI RISPONDONO Il contributo va versato mediante bonifico sul c/c c/o Banco Desio Ag.42 di Milano ABI CAB intestato a 2C Edizioni. Allegare al quesito questo modulo e copia del bonifico e spedire in busta chiusa a: Gli esperti di Club3 C/o 2C Edizioni, Via Albani 21, Milano. Club3 fornisce ai lettori anche un servizio di consulenza da parte dei suoi esperti. Le domande e le risposte di interesse generale potranno essere pubblicate, per gli altri quesiti la risposta sarà privata. Chi desidera usufruire di questa opportunità deve utilizzare il modulo qui a fianco versando un contributo spese di 25,82 Euro. Nome e Cognome Via (o piazza) Cap Provincia Gli esperti di Club3 rispondono ad ogni domanda di carattere economico, finanziario, fiscale, normativo e previdenziale purché sia esposta in forma breve e non si tratti di un quesito multiplo. Gli esperti di Club3 si riservano di non dare seguito a quesiti ritenuti impropri, a loro insindacabile giudizio, rimborsando il contributo spese al lettore. Città Telefono Per informazioni su questo servizio si può telefonare ogni mercoledì dalle 14 alle 15 al numero I COSTI DIVERSI DEL RISCALDAMENTO Se ci si rifà al codice civile (art. 1126) e alla giurisprudenza, i due terzi vanno ripartiti in base al valore millesimale non delle zone coperte, ma delle proprietà coperte (non contando se solo per una stanza o per più stanze). Si tratta di una disposizione che talora ha dei risultati incongrui (per esempio quando un lastrico al primo piano copre un solo appartamento), per cui talvolta ci si rifà invece all articolo 1125 del codice (suddivisione per metà). Non esistono purtroppo certezze, a causa della scarsa chiarezza dell articolo A cura di Silvio Rezzonico 12 13

9 D I R I T T I D I R I T T I Il patrimonio è messo al sicuro ricorrendo al testamento olografo COMPILANDO L ATTO DI PROPRIO PUGNO SI RISPARMIANO LE SPESE PER L ASSISTENZA LEGALE, MA SI RISCHIA CHE VENGA PERSO O MANOMESSO. PER LA SUA EFFICACIA VA PUBBLICATO PRESSO UNO STUDIO NOTARILE LA CAPACITÀ DI TESTARE Il testamento può essere validamente redatto soltanto da chi era capace di agire, intendere e volere al momento della sua scrittura, quindi bisogna aver compiuto la maggiore età e/o non essere interdetto o incapace. In caso contrario l atto è annullabile da chiunque abbia interesse, oltre che per incapacità di disporre per testamento (articolo 591 Codice civile), anche in caso di vizi della volontà ossia in presenza di errore, violenza o dolo (articolo 624 c.c.) e per vizi formali non determinanti P (arti. 606, 2 comma c.c.). L azione per fare valere l annullabilità può essere esperita entro 5 anni dal giorno in cui si è avuta notizia del vizio. La nullità, invece, è prevista nei casi di vizi gravi di forma, vale a dire di fronte a vizi che facciano dubitare er evitare che altri possano disporre dei beni accumulati in una vita, come il truffatore Gianni Schicchi (narrato da Dante nel Canto XXX dell Inferno) che dettò testamento falsificando le sue sembianze, occorre non solo predisporne uno, ma anche custodirlo in modo che possa spiegare correttamente i propri effetti dopo la morte. Questo atto ha una funzione politica e sociale, ossia è uno strumento con cui ogni persona ha la possibilità di ordinare, per il tempo in cui sarà passata ad altra vita,il proprio patrimonio.essendo l ultima volontà di un soggetto, il legislatore ha previsto delle formalità necessarie per garantirne l attendibilità. Il testatore, innazittutto, ha delle limitazioni nella disposizione del patrimonio; in particolare, può liberamente assegnare solo una parte dello stesso, la cosiddetta quota disponibile in quanto la legge riserva ai legittimari (cioè coniuge e figli e, in assenza di questi ultimi, gli ascendenti legittimi), una quota dell asse ereditario, anche contro la volontà dello stesso testatore. Inoltre, non può trasmettere i diritti indisponibili (quei diritti che non possono essere ceduti ad altri e ai quali il titolare non può rinunciare), come quelli della personalità, i crediti di natura personale (per es. gli alimenti) ecc. Entro tali limiti, il testatore è libero di disporre dei propri beni. Il contenuto tipico del testamento è di natura patrimoniale, ma può averne anche uno non patrimoniale: per esempio, nell atto si può disporre della destinazione della propria salma, nominare l esecutore testamentario. Si possono, quindi, inserire disposizioni varie a condizione che non siano illecite, ossia contrarie alla legge, all ordine pubblico e al buon costume. sull autenticità e sulla provenienza dell atto, e quindi, nel caso di specie, nella mancanza di autografia o sottoscrizione. Tuttavia, se il testamento nullo viene eseguito da chi conosceva la causa della nullità, la nullità viene sanata. Il testamento, è dunque, un atto unilaterale, revocabile, personale e soprattutto formale,nel senso che,affinché possa produrre i suoi effetti giuridici, deve essere redatto in una delle forme previste dalla legge. Il rigore formale è un elemento necessario per garantire la personalità, cioè l attribuzione dello stesso atto. In particolare il testamento olografo è un atto scritto per intero, datato e sottoscritto di mano dal testatore. Olografo, infatti, deriva dal greco e significa tutto scritto,appunto tutto scritto a mano. I REQUISITI PER LA VALIDITÀ Affinché sia considerato efficace e valido deve essere redatto rispettando i seguenti requisiti formali: Scrittura e autografia Il testamento va stilato integralmente di pugno dal testatore con la sua abituale grafia. Non è richiesto che la scrittura sia leggibile e regolare, occorre solo che il testo sia decifrabile per accertare e risalire alla volontà dell'autore. Di conseguenza non è valido il testamento battuto a macchina o al computer; se il de cuius (o testatore) si è fatto aiutare da un altra persona che ne abbia sostenuto e guidato la mano nella redazione; o se è stato scritto a mano da un altra persona e poi firmato dal testatore. Quindi, non può disporre per testamento olografo chi non possa scrivere, come per esempio, analfabeti, ciechi, privi di braccia ecc. La data Deve contenere l indicazione precisa di giorno, mese e anno;sono ammesse anche formule equipollenti,per es. Pasqua 2008, purché vi sia certezza in merito al giorno della redazione dell atto. La data, infatti, ha funzione primaria in quanto colloca temporalmente il testamento per accertare sia la capacità del testatore, sia l eventuale priorità di un testamento rispetto a un altro. La data può essere apposta in ogni parte dell atto (anche sulla busta che lo contiene), in quanto la legge non specifica se debba precedere o seguire le disposizioni. Invece, l omessa o incompleta indicazione comporta l annullabilità del testamento, che può essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse entro 5 anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie. Essendo un requisito richiesto ai fini della validità del testamento, non può essere desunto da altri elementi e non può essere indicato in modo impossibile. La non veridicità non è di per sé motivo invalidante del testamento, ma può portare alla nullità dell atto se si dimostra, ad esempio, che il testatore non era capace o che la scheda testamentaria non aveva data anteriore a un testamento successivo, o si risolva altra questione connessa al tempo della redazione dell atto (in tal senso va l articolo 602, 3 comma del Codice civile). In caso di indicazione erronea, dovuta per es. ad errore materiale, anche se si concreta in una data impossibile, non voluta però come tale, può essere rettificata dal giudice secondo elementi intrinseci alla scheda testamentaria, rispettando il requisito dell autografia dell atto. PRO E CONTRO A CONFRONTO Il vantaggio di questo tipo di scrittura sta nella semplicità della sua redazione, in quanto il testatore può redigerlo da solo, anche usando una semplice lettera, senza assistenza legalenotarile e quindi senza spese. Atto che, pertanto, può essere scritto in qualsiasi momento in modo immediato, libero e segreto. Però questi aspetti positivi hanno anche una ricaduta negativa, in quanto la redazione del testamento, senza l aiuto di un tecnico, può comportare che il de cuius possa commettere errori di natura sostanziale e formale, che possono determinare l annullabilità/nullità dello stesso. Infatti, se l atto non viene consegnato a una persona che ne garantisca la veridicità, per esempio il notaio, c è il rischio che il testamento venga distrutto, occultato, smarrito, sottratto o falsificato da chiunque abbia interesse a ricevere l eredità. Quindi sarebbe meglio, una volta predisposto il testamento, conservarlo in un luogo sicuro, come in cassaforte, presso una persona di fiducia o il notaio. Quest ultimo, in presenza del testatore e di due testimoni, redigerà verbale di consegna. Questa procedura non vincola il testatore, che in qualsiasi momento può riprendersi il documento o scriverne un altro annullando il precedente. In ogni caso, il legislatore ha previsto che per avere piena validità, chiunque possegga un testamento olografo si deve recare davanti a un notaio per la pubblicazione, anche se non è previsto un termine per il deposito né una sanzione. La sottoscrizione Da questo requisito discende l autenticità e paternità dell atto. È preferibile apporla alla fine del testo, anche nel caso in cui il testamento sia redatto su più fogli, purché gli stessi siano collegati materialmente, per esempio 14 15

10 D I R I T T I A R T I G I A N I V LA NORMA DI RIFERIMENTO In base all articolo 602 del Codice civile, il testamento olografo scritto per intero, datato e sottoscritto dal testatore. La firma va posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta con nome e cognome, è comunque valida quando designa con certezza la persona del testatore. La data deve contenere l indicazione di giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa solamente quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data fra più testamenti o di altra questione da decidersi sulla base del tempo del testamento. TESTAMENTO E DONAZIONE AI FIGLI spillati, e le disposizioni siano collegate logicamente e sostanzialmente. La legge riconosce validità alla sottoscrizione anche se fatta senza l indicazione del nome e del cognome, purché sia designata con certezza la persona del testatore. Ne consegue, per esempio, che può essere considerato valido il testamento sottoscritto con l indicazione di un pseudonimo (come può essere un nome d arte) o l indicazione di un rapporto di parentela (per es. nonno). In ogni caso, a scanso di equivoci, è consigliabile firmare con proprio nome e cognome, in quanto la mancata sottoscrizione o la sua irregolarità comporta la nullità dell atto. PER REVOCARE LE DISPOSIZIONI Il testamento può essere revocato o modificato in qualsiasi momento, anche con la semplice stesura di un nuovo E. O. Nel nostro ordinamento la disposizione dei beni post mortem avviene con il testamento; nel caso in cui manchi questa manifestazione di volontà, si applicano le norme della successione legittima che indicano gli eredi beneficiari e le relative quote. Se però disponesse dei propri beni per testamento, dovrebbe comunque rispettare la quota legittimaria, ossia una parte dell eredità che la legge riserva a coniuge, figli e genitori. Nel suo caso specifico la quota riservata a sua moglie sarebbe 1/3 del patrimonio, mentre ai suoi figli spetterebbe la metà del patrimonio, divisa in parti uguali; nel caso in cui sua moglie le premorisse, ai suoi figli sarebbe riservata la quota dei 2/3, da dividersi in parti uguali tra tutti i figli. Nel caso in cui nel testamento non fossero rispettate queste quote i legittimari lesi potrebbero agire con l azione in riduzione per conseguire le quote negate. Nel caso in cui non disponesse dei propri beni con testamento, al coniuge superstite spetterebbe 1/3 dell eredità e i restanti 2/3 spetterebbero ai suoi figli; se invece, sua moglie le premorisse succederebbero i suoi figli in parti uguali. Ma non è tutto per lei: avendo fatto in vita delle donazioni ai figli, al momento della sua morte gli eredi dovranno conferire alla massa ereditaria ciò che hanno ricevuto per donazione, un operazione che prende il nome di collazione, preordinata alla formazione della massa ereditaria da dividere. L obiettivo è di garantire nei reciproci rapporti tra coeredi, l equilibrio e la parità di trattamento, ed evitare un alterazione nel rapporto di valore fra le quote. Le donazioni ricevute in vita dell erede non possono ledere la quota di riserva di eventuali altri legittimari. Avendo lei donato denaro ai due dei suoi figli e ad uno l immobile ocorrerà, per le somme, effettuare la collazione per verificare se sono stati lesi i diritti dei legittimari. In ogni caso moglie e figli risulteranno coeredi della villa, eccetto il piano donato a suo figlio. Avv. Valeria Caputo testamento, che espressamente abolisce quello precedente oppure lo revoca tacitamente in quanto il nuovo contiene disposizioni del tutto o in parte incompatibili con quelle del vecchio testamento. Senza contare che, a riprova del carattere personale, può essere revocato anche con la semplice distruzione dell atto nel caso il testatore non dovesse più essere d accordo con il suo contenuto. Valeria Caputo A cura di Diritto&Famiglia L avvocato Nei dolci è il trionfo del cioccolato stabili il panettone e il pandoro L ANALISI DI CONFARTIGIANATO SU 800 PASTICCIERI RILEVA CHE LA VENDITA DI SPECIALITÀ NATALIZIE HA UN NORMALE ANDAMENTO MENTRE QUELLA DEI PRODOTTI A BASE DI CACAO REGISTRA UN RIALZO DELL 8% N atale è passato ma panettone e pandoro sono ormai consuetudine sulle tavole di molte famiglie. Ma anche quest anno sarà il cioccolato a troneggiare in banchetti e carrelli delle spesa degli italiani. Secondo le rilevazioni di Confartigianato, condotte su un campione di 800 pasticcieri artigiani in tutta Italia, le vendite di panettoni, pandori e delle specialità tipiche delle diverse regioni italiane fanno registrare un andamento simile a quello dello scorso anno. Tra i prodotti preferiti figurano i dolci al cioccolato i cui consumi quest anno dovrebbero raggiungere il valore di 60 milioni di euro, con un balzo rilevante rispetto al periodo di Natale del 2006, vale a dire nella misura dell 8%. Il boom dei consumi di cioccolato è testimoniato anche dall aumento delle cioccolaterie. In Italia sono rappresentate da una nicchia produttiva di 356 laboratori specializzati esclusivamente nella lavorazione del cacao e nella produzione di prelibatezze al cioccolato e che, dal 2001 al 2007, sono cresciuti del 35 per cento. Le regioni che presentano la maggiore presenza di cioccolaterie sono la Campania (che ne conta 73), il Piemonte (50 laboratori) e la Lombardia (27). Invece, risultano in linea con lo scorso anno i consumi di panettoni e pandoro: i pasticcieri artigiani prevedono di venderne 120mila quintali per un valore di 240 milioni di euro. Per le specialità tipiche delle varie zone d Italia i consumi dovrebbero attestarsi sui 50mila quintali per un valore di circa 70 milioni di euro. In Italia le pasticcerie artigiane sono circa 20mila con 54mila addetti e rappresentano il 76,6% del totale delle aziende che operano nel settore dolciario. Ma come riconoscere i veri panettoni e pandori artigianali e tradizionali? Innanzitutto occhio alla forma (a fungo, con la cupola che deborda dall involucro di carta per i panettoni, a tronco di cono con sezione a stella ottagonale per i pandori), alla crosta (screpolata per il panettone, assente nel pandoro), al colore (deciso ma non bruciacchiato per il panettone, giallo per il pandoro), al sapore (tipico privo di retrogusto e note acide per il panettone, delicato e quello caratteristico di burro e vaniglia per il pandoro). Inoltre, sono obbligatorie la lievitazione uniforme e la distribuzione omogenea di uvette e canditi nel panettone e la morbidezza e l assenza di difetti in entrambe le specialità. Per distinguere i prodotti artigianali, bisogna fare attenzione anche all etichetta con gli ingredienti. Panettone e pandoro devono contenere: farina, uova, zucchero, burro, uva sultanina, frutta candita, lievito naturale, aromi naturali. In aggiunta, sono consentiti miele, vaniglia, cioccolato. Il torrone deve contenere miele, zucchero, acqua, uova, aromi naturali, mandorle, nocciole. Si possono poi aggiungere frutta secca, cioccolato, cialda. Per il cioccolato gli ingredienti devono essere: pasta di cacao (composta solo da burro di cacao e cacao in polvere), zucchero, latte in polvere, aromatizzanti naturali. Chi poi vuole assaggiare le specialità delle varie regioni ha solo l imbarazzo della scelta: dallo strüdel del Trentino al pandolce della Liguria e a tante altre squisitezze. Silvia Ortoncelli I dolci artigianali si differenziano per tanti aspetti: per la forma, la cottura e in particolare gli ingredienti della tradizione 16 17

11 S O L I D A R I E T À S O L I D A R I E T À Il controllore che impedisce di trasformare la bontà in affare SI CHIAMA ISTITUTO ITALIANO DELLA DONAZIONE: È L ASSOCIAZIONE CHE VERIFICA L OPERATO DELLE ORGANIZZAZIONI NO PROFIT PERCHÉ I SOLDI CHE VERSIAMO IN BENEFICENZA SIANO SPESI BENE N QUELLE CHE HANNO IL BOLLINO DI QUALITÀ Le 25 associazioni no profit certificate dall'istituto italiano per la donazione egli Stati Uniti si era già affermata da tempo e stava prendendo piede in Francia e Inghilterra. Quando si fa una donazione è tutta questione di fiducia: prima di dare soldi a un organizzazione si vuole sapere chi sono i beneficiari ed essere sicuri che quel denaro sarà speso bene. Un esigenza legittima quanto diffusa, anche perché, come recita un vecchio motto andreottiano, a pensar male si fa peccato,ma spesso ci si azzecca. E quindi? E quindi da un paio d anni anche in Italia, in ritardo rispetto a Stati Uniti e altri Paesi europei, c è chi si occupa proprio di certificare la bontà delle organizzazioni no profit.si chiama Istituto italiano della donazione (Iid), associazione senza fine di lucro costituita nel 2004 e operativa dalla metà del 2005 per volontà di Sodalitas, Forum permanente del terzo settore e Summit della solidarietà. «Abbiamo deciso di iniziare questa attività - spiega il consigliere delegato Organizzazione Sito internet Telefono A.la.t.Ha Amici dei bambini Amicus onlus Amref Italia Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma Associazione italiana per la lotta al neuroblastoma Associazione italiana per la ricerca sul cancro Auser Auser Lombardia Centro italiano aiuti all'infanzia Comocuore onlus Cosv Esagramma Fondazione Asphi onlus Fondazione faro Fondazione piemontese per la ricerca sul cancro Fratelli dell'uomo Intersos L'Impronta Lvia Mani Tese Movimento Africa ' Pimedit onlus Reach Italia Ucodep Franco Vannini - perché i donatori,che in Italia rappresentano un terzo della cittadinanza, vogliono avere la garanzia che i loro soldi vadano a buon fine e siano utilizzati in modo efficiente». L Istituto si occupa di gestire la Carta della donazione - il primo codice etico di autoregolamentazione per la raccolta e l utilizzo dei fondi nel no profit, pubblicato nel e di verificare che i comportamenti delle organizzazioni siano in linea con i principi contenuti. L associazione è finanziata dalla fondazione Cariplo e dalla compagnia di San Paolo e registra tra i soci sostenitori la fondazione Vodafone Italia e la fondazione Umanamente.Attualmente le organizzazioni no profit certificate con il marchio Donare con fiducia sono venticinque (vedi tabella) e quelle in lista d attesa una ventina. L iter da seguire è descritto così da Vannini:«Le organizzazioni chiedono Il consigliere delegato dell Iid Franco Vannini di poter aderire all Istituto e noi iniziamo con la verifica di documenti, statuto e bilancio». In seguito, prosegue il consigliere,«andiamo a vedere che i 49 principi individuati siano rispettati». Si parte con un autovalutazione degli stessi richiedenti, seguita da una sorta di ispezione da parte di uno specialista di certificazione che verifica che tutto sia in regola e poi scrive una relazione. Questi elementi passano quindi a un comitato tecnico - un team di nove persone composto da professionisti - che redige un parere per il consiglio direttivo dell Istituto, che a sua volta decide se concedere o meno il marchio.anche nel caso di esito positivo, l organizzazione riceverà un indicazione sulle aree su cui è auspicabile che ci siano miglioramenti.tutti i controlli sono ripetuti ogni anno. Ma che cosa controlla, nel dettaglio, l Istituto? Vannini riassume così: «Verifichiamo il sistema di governance, il resoconto delle raccolte fondi, il sistema contabile-amministrativo e di controllo, la gestione del personale, compresi i volontari, e lo stato di attuazione dei progetti».a differenza delle certificazioni di bilancio svolte da diverse società di revisione,dunque, l Istituto fa una verifica soprattutto sulla qualità. «E lo facciamo sempre - sottolinea il consigliere delegato - chiedendo documenti ufficiali». Nonostante tutto questo lavoro, secondo Vannini «è auspicabile che le organizzazioni che si occupano di progetti che portano a costruire qualcosa o di servizi continuativi nel tempo abbiano anche una certificazione di qualità più specifica della nostra». Un ultimo aspetto valutato prima di concedere il marchio,tra gli altri,è che l informazione sia sempre la più completa e trasparente possibile. In altre parole,chi darà del denaro a una di queste organizzazioni potrà sapere facilmente quanti sono stati i soldi raccolti in un dato periodo e come sono stati spesi. Marco Ratti LA GENEROSITÀ PUÒ ALLEGGERIRE LE TASSE Fare una donazione può portare benefici fiscali, ma bisogna capire bene chi è il beneficiario e come si consegna il denaro. «Il primo problema - spiega Gianpaolo Concari, commercialista e componente del comitato tecnico dell Istituto italiano della donazione - è che in Italia non esiste un elenco pubblico delle Onlus». Da questo punto di vista, è possibile informarsi solo per alcuni enti, come le Organizzazioni non governative riconosciute, che sono elencate nel sito Internet del ministero degli Affari esteri (www.cooperazioneallosviluppo.est eri.it). In generale, si possono avere dei benefici quando la donazione è a favore di: Onlus vere e proprie, come associazioni, fondazioni o comitati che operano in determinati settori; Onlus di diritto, quali associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali e provinciali, Ong, cooperative sociali; organizzazioni parzialmente Onlus, tra le quali enti ecclesiastici e associazioni di promozione sociale. Un altra accortezza per non perdere i vantaggi è quella di fare donazioni tracciabili : vanno bene, quindi, versamenti su conti correnti postali o bancari, con carte di credito, bonifici bancari o assegni circolari non trasferibili; no, invece, a versamenti in contanti, anche se accompagnati da regolare ricevuta. Sulle modalità di iscrizione della donazione nella dichiarazione dei redditi, i privati cittadini possono scegliere tra due alternative. La prima, conveniente per chi ha redditi medio-alti, è quella di portare in deduzione donazioni di importo non superiore al 10% del reddito imponibile, con un massimo di 70 mila euro, come previsto dalle norme conosciute come più dai meno versi (articolo 14 del decreto legge 35 del 2005). In questo caso, le tasse sono calcolate su una somma di denaro inferiore e quindi il beneficio è tanto più alto quanto maggiore è l aliquota a cui si è soggetti. A chi ha redditi più bassi, invece, conviene scegliere la detrazione d imposta del 19% per donazioni fino al 2% del reddito imponibile, per importi non superiori a 2.065,83 euro (articolo 15 del Testo unico delle imposte sui redditi del 1986 e successive modifiche). In questo modo, il beneficio è solo del 19% e quindi conviene a chi è soggetto ad aliquote più basse

12 F I N A N Z A PERCHÉ IL GIAPPONE HA DELUSO Agennaio ho acquistato il fondo Sanpaolo Obiettivo Giappone, perché avevo letto che il Sol Levante era uno dei Paesi favoriti nel Ora sto perdendo oltre l 8% nonostante abbia scelto la classe coperta dal rischio di cambio. Quali sono le ragioni? Giuditta (mail) Il fondo ha risentito dell andamento negativo della Borsa giapponese nell ultimo anno. Le motivazioni sono prevalentemente economiche: la crescita ha deluso le attese e l uscita dalla deflazione è stata più lunga del previsto. In più ora il rallentamento americano potrebbe colpire anche il Sol Levante perché gli Stati Uniti sono uno dei principali mercati di sbocco per le merci nipponiche. Inoltre, il possibile rafforzamento dello yen potrebbe influire in negativo sugli utili aziendali. In questa situazione, la Banca centrale nipponica ha deciso di lasciare i tassi invariati a livelli molto bassi, ma la fase di normalizzazione, dicono i gestori, è solo rimandata e il prossimo anno potrebbero esserci nuove strette. Sul fronte delle valutazioni azionarie, i fund manager sono divisi tra chi considera i titoli giapponesi poco attraenti e chi li considera sottovalutati. È un fatto però che gli investitori domestici rimangano cauti sulle azioni, mentre gli esteri stanno perdendo la pazienza dopo le scarne performance del listino dall inizio del Per quanto riguarda la valutazione del fondo, Morningstar attribuisce 5 stelle, collocandolo tra i migliori prodotti per rischio/rendimento all interno degli Azionari Giappone. Un contributo positivo è venuto dalle performance, che hanno beneficiato della copertura del rischio valutario. MEGLIO L INDIA O LA CINA? Ho una discreta disponibilità di liquidità e vorrei investirla in India o in Cina attraverso un fondo comune. Quali dei due Paesi offre le migliori prospettive e come posso scegliere il comparto? Marco - Pavia Entrambe le Borse hanno corso molto da inizio anno e sono in una fase di rialzo che dura da 5 anni. I due Paesi sono accomunati anche da una forte espansione economica. In Cina, secondo gli analisti, le autorità monetarie continueranno ad aumentare i tassi per contenere l inflazione, ma pochi credono in un drastico rallentamento dell economia. In India, il problema del caro-vita è meno accentuato, mentre preoccupa la proposta governativa di porre un freno all afflusso di capitali esteri. Sul fronte delle valutazioni, i titoli appaiono piuttosto cari, perciò potrebbero risentire di più della volatilità delle Borse in seguito alla crisi dei mutui americani di bassa qualità. I due mercati sono sostanzialmente alternativi ed è difficile dire quale offra le migliori prospettive. Per la scelta dei fondi, è bene considerare quelli che presentano il miglior rapporto tra rischio e rendimento. IL VALORE DEI TITOLI D ORO Vorrei investire su un Etf specializzato sull oro. Ho consultato il sito di Borsa italiana per vedere quali fondi erano quotati nel segmento EtfPlus e ne ho trovati tre, l Etfs Gold, l Etfs Physical gold e Lyxor Gold bullion securities. Quali sono le differenze? Michele - Roma Parlando di strumenti indicizzati alle materie prime è più corretto chiamarli Exchange traded commodities, perché si tratta di titoli emessi da una società veicolo a fronte dell investimento diretto dell emittente in risorse naturali o in contratti derivati su di esse. Analogamente ai più noti Exchange traded fund (Etf), il loro andamento è legato al sottostante, ma a differenza di questi ultimi non replicano un indice di titoli azionari o obbligazionari. Gli Etc sull oro sono di due tipi: l Etfs Physical gold e il Lyxor Gold bullion securities replicano l oro fisico e il sottostante è detenuto in forma di lingotti, mentre l Etfs Gold ha come sottostante i derivati sull oro, ossia riflette i prezzi dei future negoziati presso il Comex (la Borsa delle materie prime di New York). Secondo alcuni studi, gli Etc che replicano il metallo fisico permettono di non incorrere nei problemi di quelli che si basano sui derivati. Questi ultimi, infatti, presentano alcuni limiti che si scelgano scadenze lunghe o corte. Nel primo caso, ci si scontra con l illiquidità del contratto future e non si è legati ai movimenti di breve per cui, anche in caso di forte guadagno dell oro, non è detto che disinvestendo si ottenga lo stesso ritorno. Con la scadenza breve esiste, invece, una forte incertezza per le potenziali perdite legate al rinnovo dei contratti a scadenza. Risparmio gestito di Sara Silano Morningstar, società indipendente, è leader mondiale nell analisi e valutazione del risparmio gestito. Morningstar e i suoi dipendenti non forniscono alcun tipo di consulenza, né su investimenti né su specifici fondi. 20

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli