BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte"

Transcript

1 BANCA PRIVATA Investment Horizonte Pubblicazione finanziaria di Maerki Baumann & Co. AG MAGGIO 2011 Disordini nel mondo arabo: quali conseguenze per l economia mondiale? Gentili clienti, 1. - il 2011 è iniziato con toni gradevoli. I dati economici sono stati positivi e già a metà febbraio i mercati azionari avevano raggiunto i rendimenti da noi previsti del 5-10 %; dopodiché, a seguito delle vicissitudini in Nord Africa e della tragedia in Giappone, hanno perso terreno. Per il resto, il 2011 presenta un quadro eterogeneo: se da un lato la congiuntura negli USA e nei Paesi emergenti inizialmente resterà favorevole, dall altro grava la minaccia di tutta una serie di altri pericoli. La situazione in Giappone, i disordini nei Paesi arabi e l andamento del prezzo del petrolio nonché il rallentamento della crescita economica nel secondo semestre potrebbero ripercuotersi negativamente sui mercati dei capitali. Lo stesso vale per l incipiente inflazione, soprattutto nei Paesi emergenti. Con l augurio di una piacevole lettura. Dott. Andreas Homberger Chief Investment Officer L avvio del nuovo anno si presentava estremamente promettente. Azioni e materie prime avevano evidenziato un netto incremento fino al manifestarsi dei tumulti nei Paesi arabi e al verificarsi del terremoto in Giappone. Per contro, le obbligazioni di Stato avevano messo a segno rendimenti lievemente negativi e sul fronte delle valute si è potuto osservare un indebolimento del franco. Dopo lo tsunami in Giappone, il clima finanziario ha subito un giro di boa e gli utili realizzati sono stati in parte già ceduti. Dell andamento positivo delineatosi dall ultimo mese di agosto occorre ringraziare soprattutto la politica monetaria di grande espansione perseguita delle banche d emissione occidentali, prima tra tutte quella statunitense. Finora, la strategia volta a stimolare la fiducia dei consumatori attraverso quotazioni azionarie più elevate si è confermata vincente, tuttavia questo effetto generato artificialmente non potrà durare molto a lungo. I livelli minimi record a cui si trovano i tassi d interesse sono la prova lampante della preoccupazione che affligge costantemente le banche centrali, inoltre l attuale situazione economica conferma purtroppo detti timori. In Gran Bretagna, Portogallo e Giappone, già nel 4 trimestre del 2010 la crescita economica è volta al negativo. I tassi d inflazione sono saliti sensibilmente ovunque nel mondo e in alcuni Paesi emergenti hanno raggiunto quote preoccupanti, ponendo le banche centrali di fronte a un vero e proprio dilemma. Benché gran parte dell inflazione sia da addurre ai crescenti prezzi dei generi alimentari e dell energia, dopo la Banca centrale europea, anche altri istituti d emissione si vedranno presto costretti ad alzare i tassi d interesse, senza contare che le finanze pubbliche di molti Paesi sono motivo di notevole apprensione. Un grande pericolo per l economia mondiale giunge dai disordini nel mondo arabo. Il continuo aumento delle quotazioni del greggio frena sensibilmente l economia mondiale e, nella peggiore delle ipotesi, potrebbe persino provocare una nuova recessione. Alla luce di quanto sopra, la nostra strategia d investimento rimane complessivamente improntata alla prudenza. La nostra quota azionaria si riconferma neutra prediligendo l Europa e la Gran Bretagna rispetto agli Stati Uniti. Per quanto riguarda i Paesi emergenti, continuiamo a puntare sulla ed ora anche sulla Cina. Sul fronte obbligazionario conserviamo una sovraponderazione di titoli societari e ad elevata remunerazione. Nel comparto delle materie prime abbiamo deciso di accrescere la quota di oro, quale bene rifugio in caso di crisi nonché protezione dall inflazione. Infine, tra le valute, prediligiamo l euro e la sterlina britannica. Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 1

2 Panoramica dei mercati Esame retrospettivo Nel 1 trimestre, dati economici favorevoli e una stagione in rassegna migliore del previsto hanno conferito nuovo slancio ai mercati azionari. Tuttavia, dopo le crescenti tensioni nel mondo arabo, in particolare in Libia, e a seguito della tragica situazione in Giappone, l incertezza è nuovamente tornata a dominare i mercati finanziari. Azioni Su scala internazionale, nel 1 trimestre, sulla base del MSCI World, le azioni hanno segnato un aumento del 4.9 %. Degni di particolare nota gli indici italiano FTSE MIB e spagnolo IBEX 35, che si sono distinti con un recupero rispettivamente del 7.7 % e del 7.9 %. Anche Euro Stoxx 50, CAC 40, DAX, SMI e S&P 500 hanno totalizzato percentuali di crescita rispettivamente del 4.5 %, 4.9 %, 1.8 %, 0.1% e del 5.9 %. L FTSE 100 ha invece registrato un calo dell 1.3 %. Influenzato dal forte terremoto e dal conseguente tsunami, nel 1 trimestre il Nikkei 225 ha perso il 3.8 %, evidenziando nella sola giornata del 15 marzo 2011 un crollo del 10.6 %. Sempre nel 1 trimestre, i mercati azionari dei Paesi emergenti hanno tenuto il passo di quelli di alcuni Paesi industrializzati: gli indici facenti capo al MSCI Emerging Markets segnalano un aumento dell 1.9 %. Obbligazioni Nell eurozona, il nuovo declassamento della Grecia ha dato adito a discussioni, facendo balzare verso l alto i rendimenti dei titoli di Stato. Il pacchetto di misure di salvataggio del Fondo Monetario Internazionale (FMI) e dei Paesi dell eurozona ha calmato le acque solo provvisoriamente. Ancora una volta le obbligazioni societarie e ad elevata remunerazione hanno approfittato dei ridotti premi di rischio, come si può vedere dal grafico sottostante. Le obbligazioni statunitensi hanno realizzato un aumento del 3.8 % e quelle europee del 4.6 %. Valute Dopo che il franco svizzero è stato per mesi oggetto di pressioni rivalutative, nelle ultime settimane la maggior parte delle monete estere si è rafforzata, euro compreso, il quale, nonostante i perdurare dei problemi d indebitamento di alcune nazioni periferiche, ha potuto progredire rispetto al franco. Inoltre, le nascenti fantasie sui tassi d interesse nell eurozona hanno contribuito a conferire una relativa forza alla valuta europea. Nel 1 trimestre 2011 la sterlina britannica si è rincarata dell 1.0 % rispetto al franco e del 3.0 % rispetto al dollaro USA, mentre si è indebolita del 3.1 % rispetto all euro. Materie prime Anche nel 1 trimestre 2011, nonostante una breve correzione a metà marzo, l ampio indice CRB (Commodity Research Bureau) ha segnato un netto progresso. Principale propulsore di questo andamento è stato Azioni Performance S&P % Euro Stoxx % FTSE % SMI 0.09 % Nikkei % MSCI Emerging Markets 1.94 % Obbligazioni Performance Titoli di Stato CH % Titoli di Stato UE % Titoli di Stato UK % Titoli di Stato USA % Titoli di Stato Norvegia % USA Agg 0.29 % Titoli ad alto rendimento USA 3.79 % Europa Agg % Titoli ad alto rendimento Europa 4.57 % Titoli dei Paesi emergenti in valuta locale 1.32 % Materie prime/metalli preziosi Performance Oro 1.23 % Argento % Rame % Petrolio % Frumento % Indice delle materie prime (CRB) 8.00 % Valute Performance CHF/EUR -3.95% CHF/USD 1.98 % CHF/GBP % NOK/CHF 3.44 % EUR/USD 6.16 % NOK/EUR -0.62% USD/JPY 2.02 % AUD/USD 1.25 % Fonte: Bloomberg; periodo dal al Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 2

3 il petrolio a seguito dei tumulti nei Paesi arabi (+16.8 %). Tra i metalli industriali, rame e stagno avevano toccato valori record prima che subentrasse la correzione di marzo. Nel comparto delle materie prime l attenzione si è spostata sui prezzi del bestiame; i prezzi dei cereali aumentati lo scorso anno ora si ripercuotono infatti su questo segmento «a valle». Il chiaro incremento del prezzo del cacao è da ricondursi al perdurare delle frizioni politiche nel principale Paese d esportazione, la Costa d Avorio. Nel settore dei metalli preziosi, l argento ha proseguito il suo volo verticale, mentre le quotazioni dell oro sono rimaste per tutto il trimestre pressoché immutate. Investimenti alternativi Nel 1 trimestre i prezzi globali degli immobili hanno riconfermato la loro performance positiva, mettendo a segno un aumento del 2.6 %. Nel medesimo periodo, gli hedge fund hanno evidenziato una crescita dello 0.4 %. Prospettive Economia globale La crescita economica degli scorsi mesi ha nuovamente smentito gli economisti più pessimisti. L inverno è stato infatti caratterizzato da un chiaro miglioramento dei dati congiunturali di Stati Uniti e della zona dell euro, tanto che alcuni addetti ai lavori si sono visti costretti a correggere sensibilmente verso l alto i loro pronostici. Per una serie di Paesi emergenti, l andamento economico si è delineato talmente positivo che le corrispettive banche centrali hanno dovuto intraprendere massicci interventi frenanti tesi a contrastare l insorgere di timori inflazionistici. Il nuovo pacchetto di misure d incentivazione fiscale statunitense ha generato effetti particolarmente favorevoli. Con un volume di 500 miliardi di dollari USA per l anno in corso, esso ha nuovamente prodotto a breve termine un notevole incremento della domanda che, unito al crescente reddito disponibile delle economie private e alla contrazione dell onere fiscale per le aziende, incoraggia la crescita americana. Di conseguenza, gli indici di sentimento di ditte e consumatori hanno evidenziato una marcata schiarita e le prime cifre congiunturali in termini reali mostrano che nel breve termine non è previsto un rallentamento. Nonostante l incremento delle entrate pubbliche, a seguito dell enorme pacchetto fiscale, ci attendiamo un estensione del disavanzo pubblico americano dal 9 % del reddito nazionale dello scorso anno al 10 % nell anno corrente. Crescita economica prevista (in %) per il 2011 e il Prevista 2011 Prevista 2012 *secondo parità del potere d acquisto Inflazione prevista (in %) per il 2011 e il Fonte: Wellershoff & Partners USA Eurozona Germania Francia Italia Spagna Gran Bretagna Svizzera Giappone Cina Brasile India Mondo* USA Eurozona Germania Francia Italia Spagna Gran Bretagna Svizzera Giappone Cina Brasile India Mondo* Prevista 2011 Prevista 2012 *secondo parità del potere d acquisto Fonte: Wellershoff & Partners Una valutazione ancora più positiva la merita la situazione congiunturale di Eurolandia. Mentre i Paesi che entrano in linea di conto quali destinatari degli interventi di sostegno di UE e FMI si trovano, come previsto, in una situazione ancora critica, la crescita nel resto della zona dell euro si mostra vigorosa, stabile e autoportante. In prima linea, la Germania funge da locomotiva della congiuntura anche per gli impulsi positivi che offre ai Paesi limitrofi. Si deduce quindi che l Europa, nonostante il consolidamento fiscale, può crescere. Il disavanzo pubblico medio della zona dell euro, pari al 6.5 % del reddito pubblico nel 2010, dovrebbe quindi ridursi al 4.5 % nel corso di quest anno. Indiscutibilmente critica appare la situazione economica del Giappone. Se già nell ultimo trimestre dello scorso anno il Paese del sol levante aveva evidenziato un evoluzione negativa, ora, nonostante tutte le Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 3

4 Panoramica dei mercati insicurezze riguardo alle ripercussioni economiche dei recenti tragici avvenimenti, dobbiamo considerare che il Paese è al centro di una recessione. L asserzione generalmente formulata dagli economisti, secondo cui la ricostruzione porta inevitabilmente a un aumento della domanda e quindi a una crescita, ci pare poco calzante nelle circostanze attuali. Anche le condizioni fiscali del Giappone sono motivo d apprensione: basti dire che già prima del terremoto, dello tsunami e della catastrofe nucleare, il bisogno di consolidamento tributario era maggiore di quello della Grecia antecedente alla crisi finanziaria. L unica via d uscita a parer nostro consiste nella possibilità che la banca d emissione giapponese copra il fabbisogno finanziario attraverso l acquisto di titoli pubblici. Necessità di consolidamento fiscale in % del PIL 10 8 cosiddetti tassi core dell inflazione iniziano a distanziarsi dai livelli minimi. Motivo per cui la Banca centrale europea ha cominciato ad alzare i tassi guida. Urgente necessità d intervento l avrebbero soprattutto gli inglesi, il cui rincaro basato sull indice dei prezzi al consumo quest anno supererà largamente il 4 %. Poiché nel Regno Unito la situazione fiscale si presenta solo marginalmente migliore rispetto agli Stati Uniti, non si capisce come la politica monetaria possa combattere l inflazione, senza contemporaneamente impedire il finanziamento del debito pubblico. Complessivamente queste riflessioni depongono a favore di tassi di crescita positivi ancora per qualche mese per l economia mondiale. Nel contempo, tuttavia, gli interessi dovrebbero continuare a salire e sussiste pertanto il pericolo che dai problemi fiscali delle nazioni anglosassoni e del Giappone scaturisca una seconda vera e propria crisi finanziaria Eurozona Gran Bretagna USA Grecia 09 Giappone Fonte: OCSE, Wellershoff & Partners Le ripercussioni economiche immediate della crisi giapponese dovrebbero rimanere contenute. A medio termine si acuisce tuttavia la posizione contromercato del bilancio fiscale del Giappone. Anche negli USA sorgono dei dubbi sulla finanziabilità del debito pubblico. Va fatto presente che negli ultimi anni, unitamente ai cinesi, i giapponesi sono stati i principali investitori in titoli pubblici statunitensi. La banca d emissione americana sembra quindi invitata per lo meno a proseguire il suo programma di acquisto in blocco di titoli di Stato se non addirittura ad estenderlo. In che misura le banche di emissione internazionali possano riuscire a realizzare dette misure d appoggio dipende essenzialmente dall andamento dell inflazione. Finché non sussiste alcun problema d inflazione, è più probabile che le banche di emissione si concentrino sulla crisi finanziaria. Purtroppo, però, i sintomi d inflazione si fanno sempre più frequenti, tanto che negli ultimi mesi, in pressoché tutte le nazioni industrializzate, i dati relativi al rincaro hanno superato nettamente le previsioni di mercato. Azioni Attualmente i mercati azionari forniscono un duplice quadro fondamentale. Le valutazioni a lungo termine permangono elevate e, con un valore di circa 23, ora il cosiddetto rapporto corso-utile di Shiller si situa quasi il 50 % sopra la media storica (di circa 16). Occorre tuttavia tener presente che la media degli utili degli ultimi dieci anni è stata abbassata dalle due ultime grandi recessioni e dal conseguente elevato regresso degli utili aziendali, il che si riflette completamente nei dati attuali. Per contro, sul breve periodo, con rapporti corso-utile pari a 13-16, le valutazioni si presentano decisamente favorevoli. Gli interessi a livelli minimi continuano a stimolare sensibilmente i mercati azionari e i dati fondamentali delle aziende appaiono mediamente ancora molto positive. Il sopraggiungere dell inflazione per il momento non rappresenta un pericolo per le aziende, in quanto si sta mettendo in moto la spirale prezzi-salari. Attualmente, alcuni indicatori tecnici evidenziano un forte ottimismo e un mercato sovracquistato. In un ottica storica, questi indicatori preannunciano invece una correzione che, dopo la spettacolare performance degli ultimi mesi, sarebbe sana e necessaria. Dal nostro punto di vista appare sorprendente il fatto che i mercati azionari, nonostante i dati congiunturali mediocri, i tumulti nel mondo arabo e la rapida ascesa delle quotazioni del greggio, si mostrino tanto robusti. Complessivamente ci troviamo sempre in un rally generato dall elevata liquidità e non in un vero e proprio mercato rialzista. Dal grafico risulta chiaro che tutti i mercati bull in passato hanno sempre avuto inizio con rapporti corso-utile inferiori a 10. Se da un lato parte della crescita inflazionistica è da addurre all aumento dei prezzi dell energia e dei generi alimentari, dall altro anche i Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 4

5 Raffronto tra il rapporto corso-utile a lungo termine e quello attuale Rapporto corso-utile di Shiller (sulla base degli utili medi degli ultimi 10 anni) Rapporto corso-utile attuale Fonte: Robert Shiller A livello di mercati prediligiamo sempre l Europa e la Gran Bretagna, assegnando una ponderazione neutra agli Stati Uniti. Anche considerando i tassi di crescita più lenti rispetto agli USA, le valutazioni appaiono più interessanti, senza contare che l Europa approfitta in misura maggiore della rapida espansione dei Paesi emergenti. I tassi di rendimento azionario in Europa risultano infatti di oltre 1.5 punti percentuali superiori a quelli statunitensi e il rapporto tra il prezzo e il valore contabile è di circa il 40 % inferiore. A fronte della debole performance in termini relativi e dei deflussi di denaro di rapido guadagno, le azioni dei Paesi emergenti sono ancora allettanti. Dal canto nostro continuiamo a favorire la ; oltre alla bassa valutazione, le azioni russe appaiono degne di particolare interesse soprattutto nei periodi di aumenti dei prezzi dell energia (cfr. anche Consigli d investimento). Nonostante i recenti recuperi delle quotazioni, il potenziale è ben lungi dall essere esaurito. Oltre alla, la Cina attira sempre più la nostra attenzione. La politica monetaria e le misure fiscali intraprese per arginare gli aumenti dei prezzi degli immobili e l inflazione stanno mostrando i loro effetti e la moneta cinese nel frattempo si sta rivalutando più rapidamente che in passato. L ultimo programma quinquennale, che prevede di ridurre la crescita di circa il 7 % l anno e di incrementare i consumi, sta procedendo nella giusta direzione. Con un rapporto corso-utile pari a e un rendimento azionario lievemente superiore al 2 %, questo mercato gode ora di un interessante valutazione. Per i Paesi emergenti in genere s invita ancora alla prudenza. Non tutti hanno infatti già adottato le misure necessarie per lenire i problemi d inflazione e attualmente i fondi azionari delle nazioni emergenti evidenziano esodi di capitale. Nei prossimi mesi il vento dovrebbe soffiare nuovamente a favore delle nazioni in via di sviluppo, in quanto le misure avviate mostreranno i primi risultati e anche i Paesi industrializzati saranno confrontati ad una crescente inflazione. Obbligazioni Le banche centrali di Svizzera, USA, Giappone e Gran Bretagna, nonostante l inflazione in aumento, finora non hanno alzato i tassi d interesse. Riteniamo che nel mese di maggio la Bank of England aumenterà i tassi dello 0.25 % o dello 0.5 %. La Banca centrale europea, in occasione della riunione di aprile, ha elevato i tassi guida dello 0.25 % all 1.25 %. La banca d emissione statunitense, per contro, anche nel secondo trimestre perseguirà l attuale politica di tasso zero: in questo modo, i saggi a breve in termini reali permangono chiaramente negativi, il che, sul corto periodo, funge da stimolo sensibile per l economia mondiale, mentre risulta chiaro che su un arco temporale più prolungato s imporrà un chiaro aumento dei tassi reali, per raggiungere un equilibrio teso a durare nel tempo. Anche a lungo termine, gli interessi appaiono sempre troppo bassi. Come punto di partenza si può paragonare la crescita economica in termini nominali ai rendimenti delle obbligazioni pubbliche. Da un punto di vista economico, il rendimento dei titoli di Stato deve corrispondere almeno all espansione nominale dell economia. Il grafico riportato qui sotto mostra i dati relativi alla crescita (rappresentati quali valori affidabili per i tassi di crescita) e i rendimenti attuali. Appare chiaro che i rendimenti negli USA sono troppo bassi di circa l 1 %, mentre in Europa il differenziale è approssimativamente dello %. In Svizzera, per contro, la redditività a lunga scadenza è più o meno corretta, mentre a breve risulta chiaramente troppo esigua. Anche in questo caso salta all occhio che la politica dei saggi bassi promossa dalle banche centrali non può essere sostenuta all infinito. Un ulteriore pressione sui rendimenti dei titoli pubblici statunitensi è generata dall assenza del Giappone sul fronte degli acquirenti. Si consideri che lo scorso anno il Giappone aveva acquistato ben il 25 % delle obbligazioni statali statunitensi di nuova emissione. Tassi attuali e valori ideali a raffronto Livello dei tassi in % USA Valori d equilibrio Gran Bretagna Europa Tassi attuali a 1 anno Svizzera Tassi attuali a 10 anni Fonte: Bloomberg, Maerki Baumann & Co. AG Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 5

6 Panoramica dei mercati Dopo che i premi di rischio per i titoli societari e le obbligazioni ad elevata remunerazione si sono ridotti, entrambi i segmenti vantano una valutazione abbastanza alta. Tuttavia, finché la politica dei tassi bassi delle banche centrali perdura e l economia mondiale non mostra tendenze recessive, i premi di rischio permangono bassi tanto da far apparire conveniente un investimento. Si escludono comunque elevati utili di capitale. Per quanto riguarda le obbligazioni dei Paesi emergenti, l atteggiamento delle corrispettive banche d emissione riveste un ruolo fondamentale. A fronte della rapida salita inflazionistica, da un lato dovrebbero crescere gli interessi, dall altro rivalutarsi le monete. Un aumento dei saggi si ripercuoterebbe però negativamente sui rendimenti obbligazionari, mentre una rivalutazione monetaria avrebbe effetti positivi. Presumiamo che la maggior parte di queste nazioni consentirà una rivalutazione monetaria moderata e si manterrà prudente con i tassi d interesse. Consideriamo pertanto sempre interessanti le obbligazioni dei Paesi emergenti. In presenza di un aumento dell inflazione, le cosiddette obbligazioni indicizzate all inflazione costituiscono una valida alternativa: il profitto è infatti superiore a quello delle obbligazioni analoghe di tipo classico allorché l inflazione risulti più elevata di quanto previsto attualmente dal mercato. I tassi di rincaro pronosticati dal mercato per i prossimi cinque anni si aggirano intorno al 2.2 % (Germania) e al 2.9 % (Gran Bretagna). Non escludiamo tuttavia un inflazione superiore. Valute Per le principali valute, il quadro si presenta analogo a quello del trimestre precedente. Il franco svizzero risulta sempre chiaramente sopravvalutato, anche se da inizio anno, rispetto all euro e alla sterlina, ha perso un po di terreno. La moneta elvetica continua a fungere da moneta rifugio e gode della costante domanda dall estero. Suggeriamo ancora di non garantire posizioni in euro, sterline, corone norvegesi o valute dei Paesi emergenti contro il franco. L andamento del corso di cambio euro-dollaro dipende in larga misura dalla politica monetaria. In vista dell aumento dei saggi in Europa e dell assenza del Giappone quale acquirente di obbligazioni statali statunitensi, gli USA faranno ampio ricorso alla stampa di banconote. Motivo per cui il dollaro dovrebbe rimanere tendenzialmente debole. Il Giappone è in grado di finanziare le spese pubbliche supplementari necessarie solo attraverso l emissione di nuovo denaro. Il che avrebbe l effetto collaterale auspicato di indebolire lo yen, sostenendo in tal modo le esportazioni. Suggeriamo una posizione che approfitti della svalutazione dello yen rispetto all euro e al franco. La sterlina britannica e la corona norvegese ci sembrano interessanti. La sterlina è chiaramente sottovalutata e i dati economici veramente deboli uniti a tassi d inflazione elevati non sono sufficienti a giustificare una sottovalutazione di tale entità sul medio termine. Inoltre, il rafforzamento dei tassi previsto per il mese di maggio potrebbe conferire nuovo slancio alla moneta britannica. I crescenti prezzi dell energia depongono infine a favore della corona norvegese. Le monete dei Paesi emergenti rimangono interessanti e vi sono timidi segnali che fanno supporre che le banche centrali in Asia autorizzeranno una rivalutazione controllata delle monete. Materie prime Negli ultimi mesi i prezzi delle materie prime sono cresciuti sensibilmente su vasta scala. Mentre per il petrolio sono stati determinanti dapprima la crescente eccedenza della domanda e in seguito i disordini nel mondo arabo, i capovolgimenti meteorologici e le conseguenti perdite di raccolto sono responsabili del marcato rincaro dei prezzi delle materie prime agricole. Sul fronte dei metalli industriali, la domanda da parte della Cina si è rivelata sorprendentemente robusta. Per le materie prime sussiste un grosso rischio derivante dal raffreddamento della congiuntura cinese, soprattutto a causa del regresso dell attività edile. Già oggi la Cina totalizza circa il % della domanda di metalli base. Un indebolimento della crescita cinese comporterebbe una netta compressione della domanda con corrispettiva correzione delle quotazioni, per questo al momento sconsigliamo di investire nei metalli suddetti. Nell anno in corso, la domanda di greggio aumenterà a circa 700 milioni di barili (pari a circa 2 milioni di barili al giorno). L esubero sul fronte della domanda manterrà più alto il prezzo medio del greggio rispetto al Tuttavia, la recente impennata è da ricollegarsi ai disordini nei Paesi arabi. Allorché la situazione dovesse tranquillizzarsi, si potrà osservare una correzione a un livello fondamentale giustificato di dollari USA al barile. A seguito delle riserve produttive ancora disponibili nei Paesi dell OPEC, una quotazione più elevata non si giustificherebbe con l attuale situazione. Inoltre, il mercato si trova al termine di una situazione di contango (quotazioni a termine superiori ai prezzi attuali), così che gli investitori finanziari dovranno sopportare delle perdite in termini di rollover. Il forte innalzamento dei prezzi delle materie prime agricole ci ha consentito di realizzare utili nei portafogli dei nostri clienti. Riteniamo che quest anno sarà caratterizzato da una situazione meteorologica più costante rispetto al 2010, inoltre l offerta reagisce con particolare vigore alla maggiorazione delle quotazioni, tanto che anche in questo Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 6

7 caso si può prevedere un rilassamento della situazione. A medio termine, le materie agricole permangono tuttavia interessanti a fronte dello sviluppo demografico e dell aumento dei redditi nei Paesi emergenti. Suggeriamo di rientrare dopo che si sarà verificata una correzione. Il panorama dei metalli preziosi è caratterizzato dall insorgere dell inflazione e dell insicurezza geopolitica, entrambi fattori positivi, soprattutto per l oro. Consigliamo pertanto di conservare le posizioni attuali ed eventualmente di contemplare la possibilità di rafforzarle nelle fasi di debolezza. Dopo l impennata fulminea delle quotazioni suggeriamo agli investitori in argento di realizzare i profitti. Situazione geopolitica L attenzione geopolitica attualmente si concentra sul mondo arabo. Alle proteste in Tunisia, Egitto e Libia si sono aggiunte nel frattempo quelle di Paesi quali lo Yemen, Bahrain e la Siria. Presso i maggiori produttori di greggio, ossia in Arabia saudita e in Iran, la situazione sinora sembra invece tranquilla. Attraverso il Bahrain si sta invece surriscaldando il conflitto tra sunniti (Arabia saudita, monarchia locale del Bahrain) e sciiti (Iran), che mira tra l altro a rafforzare l influenza politica dell Iran. Oltre ai problemi politici e umanitari, questi disordini mettono a grave rischio soprattutto il prezzo del greggio e di conseguenza la crescita dell economia mondiale. Anche per quanto riguarda le obbligazioni rimaniamo fedeli alla strategia adottata sinora. Nonostante l aumento degli interessi, i titoli di Stato sono molto cari e i tassi continueranno a salire. Conserviamo per il momento la nostra sovraponderazione in titoli societari e ad elevata remunerazione, benché nel frattempo i premi di rischio non siano più tanto contenuti. Anche la nostra strategia valutaria permane immutata. Nonostante la correzione, il franco è sempre oltremodo sopravvalutato. Non dovrebbe più essere necessario garantire posizioni contro l euro. Sia l euro sia il dollaro USA sono infatti due monete problematiche. Prevediamo invece che la coppia valutaria si muoverà entro un margine compreso tra 1.30 e La sterlina britannica e alcune monete dei Paesi emergenti appaiono chiaramente sottovalutate e a medio termine vantano una certa attrattiva. Per le materie prime abbiamo apportato alcune modifiche alla nostra strategia. A fronte della momentanea insicurezza nonché dell insorgere dell inflazione abbiamo rafforzato i nostri impegni in oro. Inoltre abbiamo venduto la nostra posizione in materie prime agricole, in quanto dopo la ripida ascesa, presto o tardi ci si deve aspettare una correzione. Nei confronti dei metalli industriali ci comportiamo tendenzialmente con prudenza e per quanto riguarda il greggio riteniamo che prossimamente il prezzo verrà determinato dalle turbolenze che affliggono il mondo arabo. Un ulteriore repentino aumento delle quotazioni petrolifere frenerebbe rovinosamente l espansione economica e porterebbe a una rapida salita dei tassi d inflazione. Una regola d oro suggerisce che ogni 10 dollari d aumento del prezzo del greggio, la crescita economica rallenta dello %. Non si esclude pertanto un sensibile raffreddamento della congiuntura con un incremento delle quotazioni sopra i 150 dollari USA al barile. Si aggiunga inoltre che le conseguenze della catastrofe naturale in Giappone a medio termine graveranno altresì sull economia internazionale. Complessivamente, per ora, i premi di rischio permangono elevati. Strategia d investimento Per il momento, con una quota azionaria neutra, la nostra strategia d investimento permane molto conservativa. La catastrofe nucleare in Giappone, i disordini politici nei Paesi arabi e la chiara avanzata dei mercati azionari e delle materie prime da inizio anno ci dissuadono dall aumentare ulteriormente la nostra percentuale di azioni. Redazione: Dott. Andreas Homberger Dott. Alexander Ising Alessandro Pezzani Dott. Klaus Wellershoff, Wellershoff & Partners Investment Horizonte Maerki Baumann & Co. AG 7

8 Consigli d investimento In linea di principio possiamo asserire che la reagisce con un certo ritardo agli sviluppi economici mondiali e che il mercato azionario russo dipende in larga misura dai prezzi delle materie prime. La ripresa economica in questo Paese è stata quindi procrastinata. Dal 4 trimestre 2010 questo mercato si è nuovamente ripreso evidenziando un espansione superiore alla media rispetto agli altri Paesi emergenti. Con l attuale rapporto corso-utile di circa 9, la vanta una chiara differenza valutativa rispetto all indice MSCI Emerging Markets (rapporto corso-utile di circa 14). Valutazione della a raffronto con gli altri mercati azionari Rapporto corso-utile per i prossimi 12 mesi 15x 14x India Giappone Polonia 13x Asia emergente 12x USA Cina 11x Israele Mondo Sudafrica Repubblica ceca Europa 10x Egitto 9x Turchia Ungheria Brasile 8x (senza materie prime) Emirati arabi uniti 7x 6x 5x 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% 50% Crescita degli utili prevista per il 2011 Fonte: Goldman Sachs A fronte del basso livello di indebitamento, il governo russo ha la possibilità di ridurre le imposte e quindi di stimolare l economia attraverso il mercato interno. Inoltre, in vista di numerosi eventi di spicco, quali i giochi olimpici invernali del 2014 a Sotschi e la coppa del mondo di calcio nel 2018, si prevedono investimenti nell infrastruttura del Paese. L ampliamento di strade, stadi, mezzi di trasporto pubblici, ecc., nonché il consolidamento dell offerta turistica saranno maggiormente sotto i riflettori, motivo per cui ci si aspetta un espansione di lunga durata. Nel 2010 la performance del mercato azionario russo è stata caratterizzata principalmente dal settore industriale e non, come si potrebbe pensare, dal settore energetico. La situazione è mutata unicamente a seguito dell aumento del prezzo del greggio. Infatti, poiché a fronte dei disordini nei Paesi arabi le quotazioni petrolifere potrebbero continuare a rafforzarsi, consigliamo un fondo passivo sul DJ RusIndex Titans 10. Questo indice (con una ponderazione del 74 % nel settore petrolifero/del gas naturale) riflette l evoluzione dei 10 maggiori titoli azionari russi con la più elevata quota di liquidità, negoziati sul London Stock Exchange. Lyxor ETF (DJ RusIndex Titans 10) Valore: Costi (total expense ratio): 0.65 % Performance (stato: ) Anno corrente: 16.9 % 1 anno: 33.7 % 3 anni: -6.0 % Importante avvertenza giuridica: la presente pubblicazione vanta uno scopo puramente informativo e non vuole essere né un invito né un offerta o, laddove non indicato espressamente in altro modo, un suggerimento ad acquistare o a vendere strumenti finanziari o ad effettuare altre transazioni. La presente pubblicazione non è il risultato di un analisi finanziaria. Le «direttive per la salvaguardia dell indipendenza dell analisi finanziaria» dell Associazione svizzera dei banchieri non vi trovano applicazione alcuna. La presente pubblicazione contiene dati e informazioni provenienti da fonti reputate affidabili da Maerki Baumann & Co. AG. Benché Maerki Baumann & Co. AG abbia prestato la massima attenzione affinché le informazioni qui contenute, al momento in cui sono state raccolte, fossero corrette, essa non può, esplicitamente o implicitamente, fornire garanzie in merito alla correttezza, all affidabilità o alla completezza delle stesse. Eventuali punti di vista espressi in queste pagine riflettono esclusivamente quelli di Maerki Baumann & Co. AG al momento della pubblicazione (con riserva di modifiche). Maerki Baumann & Co. AG declina pertanto ogni responsabilità per il contenuto della presente pubblicazione e soprattutto non risponde in caso di perdite o danni di qualunque natura, incluse le conseguenze dirette o indirette, derivanti dalle informazioni qui contenute e/o dai rischi insiti nei mercati finanziari. Gli investitori devono essere consapevoli del fatto che la performance degli investimenti non può essere desunta dall andamento passato delle quotazioni, ossia che il valore dell investimento può crescere come pure ridursi. Inoltre, gli investimenti in valute estere sottostanno alle oscillazioni dei corsi di cambio. I dati qui presentati sono stati nel limite del possibile già utilizzati prima della loro pubblicazione da Maerki Baumann & Co. AG e dai suoi organi o collaboratori. Inoltre, detti organi o collaboratori hanno o hanno avuto un rapporto di qualunque tipo con le aziende menzionate nella presente pubblicazione. BANCA PRIVATA Zurigo Dreikönigstrasse 6 Telefono Lugano Contrada di Sassello 2 Telefono

INVESTMENT HORIZONTE. Svanito lo slancio del 1 trimestre. Luglio 2012 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co.

INVESTMENT HORIZONTE. Svanito lo slancio del 1 trimestre. Luglio 2012 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. BANCA PRIVATA INVESTMENT HORIZONTE Luglio 2012 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. AG Svanito lo slancio del 1 trimestre Cari clienti, dopo l apertura fulminea nel 1 trimestre,

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

INVESTMENT HORIZONTE. Cosa aspettarsi dopo il rally di inizio anno? Aprile 2012 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co.

INVESTMENT HORIZONTE. Cosa aspettarsi dopo il rally di inizio anno? Aprile 2012 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. BANCA PRIVATA INVESTMENT HORIZONTE Aprile 212 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. AG Cosa aspettarsi dopo il rally di inizio anno? Cari clienti, l anno borsistico 212 ha segnato

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte

BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte BANCA PRIVATA Investment Horizonte Pubblicazione finanziaria di Maerki Baumann & Co. AG Settembre 211 La crisi debitoria scuote i mercati Gentili clienti, 1. - dopo i toni gradevoli con cui si è inaugurato

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Aprile - giugno 2015 Euro/dollaro Dopo aver toccato il livello minimo negli ultimi dodici anni, nel secondo trimestre

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio

2014/2015: Retrospettiva e prospettive future. Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio 2014/2015: Retrospettiva e prospettive future Risparmio in titoli per conti Risparmio 3 e di libero passaggio Retrospettiva 2014 La comunicazione relativa a una riduzione solo graduale degli acquisti di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti:

La situazione dell investitore è chiaramente scomoda e occorre muoversi su due fronti: Analisti e strategisti di mercato amano interpretare le dinamiche dei mercati azionari in termini di fasi orso, fasi toro, cercando una chiave interpretativa dei mercati, a dimostrazione che i prezzi non

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte

BANCA PRIVATA. Investment. Horizonte BANCA PRIVATA Investment Horizonte Pubblicazione trimestrale di carattere finanziario di Maerki Baumann & Co. AG dicembre 2011 2012: il quinto anno della crisi finanziaria e debitoria 1. - Gentili clienti,

Dettagli

Solida redditività operativa Maggior utile netto

Solida redditività operativa Maggior utile netto Esercizio 2009 Fa stato il testo orale Solida redditività operativa Maggior utile netto Relazione di Beat Grossenbacher, responsabile Finanze e Servizi, in occasione della conferenza stampa annuale del

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

Democrazia e volontà di risparmio. Aprile 2013 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. AG

Democrazia e volontà di risparmio. Aprile 2013 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. AG BANCA PRIVATA Investment Horizonte Aprile 2013 Pubblicazione finanziaria trimestrale di Maerki Baumann & Co. AG Democrazia e volontà di risparmio Alle dodici e cinque del 1 gennaio i partiti avversari

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y

LYXOR UCITS ETF IBOXX $ TREASURIES 1-3Y Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi. Introdurrò in questo report un

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

I Differenziali di rendimento

I Differenziali di rendimento I Differenziali di rendimento continuano ad orientare il mercato FX 14 Febbraio 2011 Durante la scorsa settimana abbiamo avuto un attività di trading favorevole sul Dollaro USA in quanto i differenziali

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Visita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Rialzo dei mercato azionari durante questa settimana grazie ai dati migliori delle attese provenienti dalla Cina che hanno ridato

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere

Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere www.dominosolutions.it - info@dominosolutions.it Investire nel Petrolio: I fondamentali che il trader deve conoscere 02 Luglio 2012 Il petrolio greggio è uno dei prodotti più utilizzati e richiesti nel

Dettagli

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio?

I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? I rendimenti USA sono in salita Cosa significa per il tuo portafoglio? 14 marzo, 2011 Dovrebbe essere sufficiente dire che il più grande fondo obbligazionario mondiale, Pimco, ha deciso di uscire dal mercato

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

EUROPA, PETROLIO, GRECIA RUSSIA &C. E IL 2015?

EUROPA, PETROLIO, GRECIA RUSSIA &C. E IL 2015? EUROPA, PETROLIO, GRECIA RUSSIA &C. E IL 2015? 2 Cosa ci dice l Analisi Integrata...pag. 4 In sintesi...pag. 7 Focus sul FTSE MIB...pag.8 Note...pag. 9 3 EUROPA, PETROLIO, GRECIA, RUSSIA & C. : COSA ATTENDERSI

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Snam e i mercati finanziari

Snam e i mercati finanziari Snam e i mercati finanziari Nel corso del 2012 i mercati finanziari europei hanno registrato rialzi generalizzati, sebbene in un contesto di elevata volatilità. Nella prima parte dell anno le quotazioni

Dettagli