Programma di lavoro dell EFFAT Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di lavoro dell EFFAT 2015-2019. Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola"

Transcript

1 Programma di lavoro dell EFFAT Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola 4 Congresso dell EFFAT novembre 2014

2 Prefazione Negli ultimi anni l Europa è stata travolta dalla più lunga e difficile crisi finanziaria ed economica del dopoguerra e dai suoi disastrosi effetti sulle condizioni di vita e di lavoro dei cittadini europei. Tale situazione è stata in primis causata dalle banche, le quali hanno sperperato i soldi dei propri clienti giocando male con i loro risparmi e, nonostante i copiosi aiuti economici ricevuti in questi anni, hanno negato alle aziende il credito necessario per garantirne la sopravvivenza. In tutto ciò, i lavoratori hanno altresì dovuto subire le drastiche conseguenze delle politiche deregolatorie e neoliberiste di questi anni. Lo stesso Meccanismo Europeo di stabilità (MES) ha aiutato principalmente banche ed investitori, senza rappresentare un aiuto vero per le persone che soffrono realmente la crisi. Sebbene infatti sia stato presentato come una grande operazione di solidarietà tra gli stati membri, lo stesso ha diviso l Europa più che mai, imponendo una politica basata sul risparmio e l austerità, fattori che nel momento della crisi bloccano la crescita aggravandone gli effetti negativi. Abbiamo bisogno di una politica europea determinata a chiudere i paradisi fiscali e a introdurre un imposta sulle transazioni finanziarie, una politica che provveda all istituzione di un organo supervisore di controllo e vigilanza e che si impegni a regolare il settore bancario e finanziario con determinazione e fermezza. Il movimento sindacale europeo è a favore di una politica di grandi investimenti, che stimolino la crescita sostenibile e creino posti di lavoro di qualità. A tal proposito sono state presentate concrete proposte che hanno definito precisi piani di investimento e le modalità di finanziamento degli stessi. La crisi ha portato anche ad un ulteriore segmentazione del mercato del lavoro europeo e a una diffusione del lavoro precario, con il risultato che sempre più spesso lavoratori impiegati nello stesso luogo di lavoro e che svolgono le stesse mansioni, ricevono stipendi e godono di diritti assai diversi. Parallelamente alla creazione di nuove forme di occupazione, emergono infatti nuove forme di discriminazione sul posto di lavoro. Non accettiamo che ci siano imprenditori che scappino dalle proprie responsabilità attraverso la creazione di società fittizie, l utilizzo di falsi autonomi o il ricorso al subappalto che spesso garantisce vantaggi competitivi grazie al dumping sociale. Non vogliamo un mercato del lavoro europeo nel quale coloro che traggono i maggiori benefici risultano essere i più scaltri nel trovare la soluzione più ingegnosa ed elegante per aggirare le leggi e le disposizione contenute nei contratti collettivi. 2

3 Per noi, ciò che conta, è il luogo nel quale una persona lavora, non da dove proviene, se è uomo o donna, rumeno o olandese, bianco o nero. Questa rappresenterà anche nei prossimi anni una delle nostre principali sfide politiche. Con il programma di lavoro contenuto in questo documento, vogliamo presentare, alla luce delle numerose sfide che ci attendono ed anche in considerazione delle limitate risorse finanziarie ed umane di cui dispone l'effat, ciò che consideriamo come una priorità politica assoluta: ovvero la creazione di un Europa che offra a tutti i suoi cittadini un futuro con condizioni di vita e lavoro dignitose. Harald Wiedenhofer Bruxelles, marzo 2014 Segretario generale 3

4 I. Introduzione 4

5 I Introduzione 1. Nel 2009, il 3 Congresso dell EFFAT (Congresso di Berlino) ha adottato una direzione strategica precisa ed ha definito una priorità politica chiara per la nostra organizzazione: la lotta al lavoro precario. Compito del 4 Congresso dell EFFAT sarà quello di decidere le priorità per il periodo , tenendo in considerazione le nuove sfide politiche che ci troviamo ad affrontare, in particolare nel segno della crisi economica e sociale. 2. L EFFAT concentrerà il proprio lavoro su quattro obbiettivi base: - la difesa e il miglioramento dei diritti dei lavoratori e dei sindacati e del diritto alla rappresentanza e/o alla partecipazione; - il mantenimento dell occupazione e la creazione di posti di lavoro migliori; - il miglioramento delle condizioni di vita e la prevenzione del dumping sociale; - il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro. 3. Per raggiungere questi obbiettivi, l Art.1 paragrafo 1 dello statuto dell EFFAT definisce, tra gli altri, i seguenti compiti: - la protezione e il rafforzamento della pace e della democrazia; - il rafforzamento della dimensione sociale; - la protezione dei diritti umani e del diritto fondamentale all organizzazione e alla partecipazione sindacale; - la promozione di un occupazione scelta liberamente e produttiva per tutti; - l abolizione di qualsiasi forma di discriminazione verso i lavoratori legata al sesso, origine etnica, religione, ideologia, disabilità, età o orientamento sessuale; - il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro; - la protezione e il sostegno dell ambiente; - la promozione di uno sviluppo economico, sociale ed ecologico sostenibile nei settori dell agricoltura, dell alimentazione e del turismo; - la garanzia degli stessi diritti, parità di condizioni e parità di trattamento per gli uomini e le donne; - il rafforzamento della partecipazione delle donne negli organismi decisionali dei sindacati a qualsiasi livello; - il miglioramento delle prospettive future per i giovani; 5

6 - la creazione di un economia più democratica; - il supporto attivo delle organizzazioni affiliate nell Europa centrale, orientale e meridionale; - il supporto al processo di collaborazione economica e sociale tra l Unione Europea e gli stati che si affacciano sulla riva meridionale del Mar Mediterraneo; - il supporto a favore dell ampliamento dell Unione Europea verso altri stati democratici; 4. Per l effettiva attuazione degli obiettivi e delle mansioni menzionate, l EFFAT deve assumere in particolare quattro funzioni (due orientate verso l interno e due verso l esterno ). L EFFAT ha verso l interno, ovvero nei confronti delle sue organizzazioni affiliate: - una funzione di servizio, nelle quali rientrano le informazioni e la consulenza per le organizzazioni affiliate, l assistenza ai comitati aziendali europei e lo scambio di esperienze a livello europeo; - una funzione di coordinamento in caso di ristrutturazioni aziendali, durante la contrattazione collettiva, in caso di lotta sindacale, nella lotta al dumping sociale e al lavoro nero e precario in tutti i settori dell EFFAT, nelle attività dei CAE (Comitati Aziendali Europei), ecc. L EFFAT ha verso l esterno - una funzione di rappresentanza nei confronti delle istituzioni europee, delle organizzazioni industriali e datoriali europee e del management europeo delle aziende; - una funzione di negoziazione per il dialogo sociale o in occasione dell istituzione di comitati aziendali europei; - una funzione organizzativa per la gestione di mobilitazioni efficaci per promuovere specifiche rivendicazioni nei confronti delle istituzioni europee e delle organizzazioni datoriali europee di settore. I destinatari del nostro lavoro sono: - le istituzioni europee, in particolare la Commissione e il Parlamento europeo; - le organizzazioni industriali e datoriali europee che operano nei nostri settori di competenza; - il management europeo delle aziende transnazionali. In tale contesto particolare importanza riveste il dialogo sociale europeo e le trattative/negoziazioni con i datori di lavoro. 6

7 II. Aree di lavoro e priorità 7

8 II Aree di lavoro e priorità Durante il prossimo mandato ( ), l EFFAT si concentrerà soprattutto sulle seguenti priorità, iniziative e progetti: 1. Adesione di nuovi iscritti Progressi sociali concreti sono possibili solamente con sindacati forti. La forza dei sindacati dipende dall alto numero di iscritti presenti nelle aziende (aspetto quantitativo), ma altresì dalla capacità di quest ultimi di lottare per conseguire posti di lavoro dignitosi (aspetto qualitativo). Considerando la perdita di molti iscritti verificatasi nel corso degli ultimi anni in diverse organizzazioni affiliate all EFFAT, il coinvolgimento di nuovi lavoratori è diventata pertanto una delle priorità principali del nostro lavoro. Per questo, è da considerarsi come una questione di assoluta urgenza l organizzazione e la sindacalizzazione dei lavoratori giovani, delle donne e di coloro che risultano impiegati nelle numerose forme di lavoro precario che si stanno tutt oggi diffondendo. A tal proposito, l EFFAT supporterà in modo attivo tutte le iniziative delle sue organizzazioni affiliate volte a reclutare nuovi membri, in particolare perseguendo le seguenti iniziative: - utilizzo degli eventi organizzati dall EFFAT per lo scambio di informazioni e buone pratiche nell organizzazione di nuovi membri; - promozione di progetti bilaterali sul proselitismo sindacale e il mentoring ; - verifica della possibilità di promuovere l iscrizione di nuovi lavoratori in particolari aziende/industrie attraverso progetti; - sostegno solidale verso i militanti che a causa della loro attività sindacale sono minacciati da sanzioni da parte dei datori di lavoro; - lotta alle liste nere, con cui i datori di lavoro bandiscono e discriminano i rappresentanti sindacali; - utilizzo dei comitati aziendali europei per favorire l adesione di nuovi iscritti; - ulteriore implementazione e continuazione della campagna iniziata nel 2014 dalle associazioni sindacali europee per la sindacalizzazione dei giovani lavoratori; - proseguimento del supporto alle organizzazioni affiliate nell Europa sud-orientale nell ambito dei progetti sullo sviluppo della sindacalizzazione; - utilizzo dei passaporti delle competenze per aumentare la sindacalizzazione nel settore agricolo e in quello dell ospitalità; - promozione dello scambio di esperienze tra le organizzazioni affiliate in merito alla sindacalizzazione dei coltivatori diretti, soprattutto dell Europa centrale e orientale e dell Europa sud-orientale; - impegno congiunto con la UITA affinchè tutti i sindacati siano membri di entrambe le Federazioni. 8

9 2. Mantenimento dell occupazione e creazione di posti di lavoro dignitosi Non soltanto abbiamo bisogno di maggiore occupazione, ma anche di posti di lavoro migliori e dignitosi. Per questo è necessaria una politica industriale europea sostenibile che crei le condizioni strutturali per una politica imprenditoriale di successo ed una buona contrattazione collettiva. La sfida maggiore è costituita dalla crescente espansione di rapporti di lavoro precari a causa della segmentazione del mercato del lavoro europeo. Per questo motivo, l EFFAT ha adottato durante il Congresso di Berlino del 2009, una Carta contro il lavoro precario e ha fatto della sua implementazione una priorità chiave del proprio lavoro. La lotta contro il lavoro precario rimarrà naturalmente una delle principali sfide anche durante gli anni a venire. Il lavoro è da considerarsi precario quando lo stesso non é stato scelto liberamente dall individuo e quando non garantisce un occupazione stabile, uno stipendio degno e i diritti e le prospettive del lavoro a tempo indeterminato. EFFAT non persegue l'obiettivo di ottenere nel breve e medio termine l'eliminazione di tutte le forme di lavoro atipico, ma bensì quello di migliorare le condizioni lavorative dei tanti che si trovano oggi in occupazioni precarie. In alcune circostanze, i lavoratori preferiscono forme più flessibili di occupazione, per esempio per conciliare meglio la famiglia e la vita privata con la vita professionale; è chiaro però, che tali forme di lavoro debbano essere anch esse regolate da un preciso quadro di accordi collettivi. In merito a ciò, l azione dell EFFAT si concentra su tre fronti: - la difesa del lavoratore precario; - la limitazione di forme contrattuali precarie, la loro regolamentazione secondo la legge e i contratti collettivi, e la parificazione di tali forme atipiche di occupazione con altre occupazioni più stabili; - la concreta prevenzione dell abuso del precariato. EFFAT e le sue organizzazioni affiliate si impegneranno sui seguenti compiti: - continuare ad implementare la Carta contro il lavoro precario adottata durante il congresso di Berlino, i 10 punti chiave dell EFFAT per la lotta contro il lavoro precario e altresì la Guida dell EFFAT sull impiego di lavoratori tramite agenzia interinale ; - realizzare le rivendicazioni congiunte in materia di negoziazione collettiva, al fine di perseguire la lotta al lavoro precario e proteggere i lavoratori interessati (tenendo in considerazione gli esempi positivi già esistenti); - definire linee guida per la lotta al lavoro precario ad uso delle organizzazioni affiliate all EFFAT e dei comitati aziendali; - organizzare/sindacalizzare i lavoratori precari; - garantire l iscrizione sindacale e il supporto ai lavoratori migranti nei paesi d accoglienza, oltre che il mutuo riconoscimento all appartenenza sindacale; - continuare la stretta collaborazione con le altre federazioni sindacali europee. 9

10 Azioni per ridurre il lavoro precario: - assicurare l effettiva attuazione nelle aziende del principio fondamentale del pari trattamento; - lottare contro l utilizzo improprio della libera circolazione dei lavoratori e (della direttiva riguardante) la libera prestazione di servizi; - richiedere e promuovere la revisione urgente della direttiva europea sul distacco dei lavoratori; - promuovere la piena parificazione sociale ed economica dei lavoratori migranti, nonchè la loro integrazione nella società e nei sindacati; - stabilire criteri chiari sulla responsabilità nella catena di subappalti, stabilendo i limiti nell assegnazione degli stessi; - promuovere iniziative legislative europee volte a combattere il dumping sociale e la concorrenza sleale; - lottare contro le agenzie di lavoro interinale che operano illegalmente e promuovere l introduzione di un procedimento di certificazione delle stesse; - migliorare l'efficienza dei servizi di ispezione sul luogo di lavoro per una migliore implementazione delle vigenti norme nazionali ed europee in materia di lavoro; La Commissione Europea deve: - assicurare la realizzazione di statistiche attendibili sullo sviluppo di nuove (atipiche) forme di occupazione sul mercato del lavoro europeo; - proporre la revisione della direttiva europea sul distacco dei lavoratori; - proporre l adozione di una direttiva europea per combattere il dumping sociale e la concorrenza sleale; L'implementazione di una politica industriale europea che, soprattutto per le piccole e medie aziende di produzione, garantisca la ripresa sostenibile delle attività economiche, deve essere accompagnata da misure di sostegno alla creazione di posti di lavoro di qualità, in particolare attraverso: - la promozione delle competenze, delle qualifiche e della formazione dei lavoratori; in questo senso va considerata come un prerequisito fondamentale la creazione di posti di lavoro di qualità, mentre l occupazione precaria è invece controproducente; - la promozione della ricerca, dello sviluppo e dell utilizzo industriale di risorse rinnovabili, senza tuttavia mettere a rischio la distribuzione globale, regionale o locale di alimenti sicuri, a buon mercato e di qualità; - la valutazione sistematica d impatto sulle iniziative presentate dalla Commissione europea, analizzando le possibili conseguenze sociali delle stesse su lavoratori e occupazione; 10

11 Tale politica industriale deve inoltre fondarsi su: - l ulteriore implementazione delle raccomandazioni del Gruppo di alto livello Agrofood che promuovono lo sviluppo sostenibile nel settore agricolo ed alimentare; - la promozione di una politica alimentare europea salutare; - l applicazione di aliquote fiscali uniformi in tutta Europa per imprese e società, la cancellazione delle imposte sui prodotti alimentari e l'introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie accompagnata da una seria lotta all'evasione fiscale e da strategie di pianificazione fiscale per le imprese; - la promozione di prodotti alimentari innovativi realizzati in modo sostenibile. Le nuove tecnologie come le nanotecnologie e le biotecnologie devono essere utilizzate solo quando un'indipendente valutazione del rischio e una ricerca approfondita garantiscano la completa sicurezza per i lavoratori e i consumatori. La fiducia di quest'ultimi nell'industria alimentare è essenziale per la sicurezza dei posti di lavoro; - l implementazione di una normativa che limiti il potere di acquisto dei dettaglianti e favorisca la creazione di rapporti commerciali più equi nella catena della fornitura alimentare (B2B, business-to-business); - l aggiudicazione di appalti pubblici e sovvenzioni solamente per quelle aziende che rispettano gli standard sociali e la contrattazione collettiva, assicurando il rimborso dei finanziamenti ricevuti in caso di violazioni della normativa sul lavoro. Al di là della propspettiva europea, EFFAT ritiene che una crescita globale sostenibile che abbia come obiettivo quello di garantire il benessere delle persone e soprattutto di quelle più povere, come, ad esempio, i piccoli agricoltori nei paesi emergenti e in via di sviluppo, debba basarsi su giusti ed equi rapporti commerciali internazionali; il che implica: - accordi commerciali internazionali ed accordi di partenariato con l UE che contengono clausole che prevedono il rispetto degli standard internazionali sociali ed ambientali; - un parternariato trans-atlantico che rispetta gli standard sociali europei e la cultura alimentare dei consumatori europei, senza invalidare le esistenti normative europee e nazionali rimpiazzandole con arbitrati informali e non legali; La cessazione delle negoziazioni del TTIP. Non dovranno svolgersi nuovi negoziati fino a quando non saranno recepite le istanze e le esigenze poste dai Sindacati. L' EFFAT, congiuntamente alla Ces, lavorerà per raggiungere tale obiettivo; - la cooperazione con le ONG e la mobilitazione dei consumatori nella lotta contro lo sfruttamento dei lavoratori, al fine di spingere le imprese a rispettare normative ed accordi nazionali ed internazionali; - continuazione del progetto dell EFFAT per la promozione della sostenibilità nel settore del cacao, al fine di rafforzare ulteriormente la lotta al lavoro minorile e promuovere il lavoro dei sindacati e il miglioramento delle condizioni di lavoro e di impiego nella catena di distribuzione del cacao; 11

12 - un accordo sugli standard mondiali di sicurezza alimentare che preveda controlli per monitorarne la sua coerente applicazione; - l introduzione di etichette di sostenibilità e denominazione di origine, controllate da organismi pubblici di vigilanza; - il supporto all UITA per la conclusione di contratti globali con le società transnazionali (STN). Una politica industriale europea sostenibile è possibile solamente con l ampliamento e il rafforzamento del dialogo sociale a livello nazionale ed europeo. Il dialogo sociale settoriale deve contribuire a raggiungere una vera coesione sociale che è essenziale per ricostruire la fiducia dei lavoratori e dei cittadini nel futuro dell'europa. 12

13 3. Favorire la formazione dei lavoratori Al giorno d oggi una formazione qualificata rappresenta un presupposto essenziale per la ricerca di un posto di lavoro. Allo stesso modo, i lavoratori altamente specializzati e competenti sono la risorsa più importante per garantire una strategia aziendale di successo per quanto riguarda innovazione e qualità. In molti settori dell EFFAT, tuttavia, manca la forza lavoro qualificata, perché spesso le aziende non offrono nè la necessaria formazione iniziale, nè quella continua. Inoltre, i posti di lavoro nel settore agricolo, alimentare e ricettivo, risultano spesso non sufficientemente attraenti per i lavoratori. In tale contesto vi è poi da considerare che il dilagare di forme precarie di lavoro risulta anch esso contro producente, in quanto non garantisce la formazione dei lavoratori. Dopo tutto, quale datore di lavoro sarebbe pronto ad investire in un lavoratore che in poche settimane o in alcuni mesi non lavorerà più per lui? Per raggiungere l obbiettivo di Lisbona (2000), ovvero quello di rendere l Unione europea l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo [ ]... con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, sono indispensabili l impegno teso al miglioramento delle qualifiche e posti di lavoro più attraenti che offrano opportunità di sviluppo professionale. L EFFAT in particolare cercherà di raggiungere i seguenti obbiettivi e di implementare le seguenti misure: - attuazione delle raccomandazioni provenienti dal progetto sulle qualifiche nel settore alimentare (2013), in particolare riguardo alla promozione e al miglioramento della qualità della formazione iniziale e contuinua e dell occupabilità dei lavoratori (con attenzione particolare su quelli più giovani e più anziani); - identificazione di esempi di contrattazione collettiva e di buone pratiche di formazione iniziale e apprendimento permanente; - adozione dei passaporti delle competenze attraverso il dialogo sociale nel settore dell agricoltura e dell ospitalità; - nell ambito del dialogo sociale nel settore alimentare, l identificazione delle qualifiche e delle competenze che saranno richieste ai lavoratori in anni; - esecuzione di progetti per il miglioramento delle capacità occupazionali dei lavoratori precari; - sviluppo di profili professionali europei nel settore agricolo e nel turismo; - un maggior utilizzo dei periodi di inattività (es. in caso di occupazioni stagionali o brevi) da dedicare alla formazione; - utilizzo dei Comitati Aziendali Europei (CAE) per la promozione dell istruzione e della formazione occupazionale, in particolare per i giovani disoccupati; - esecuzione di un progetto sulle occupazioni logoranti insieme alla Federazione Europea dei Lavoratori Edili e del Legno (FETBB). 13

14 4. Miglioramento della sicurezza e della salute sul posto di lavoro La salute rappresenta il bene più importante e prezioso per i lavoratori. È stato fatto tanto, ma i settori dell EFFAT sono ancora esposti ad alti rischi per la salute. A causa della crescente pressione lavorativa dovuta ad una concorrenza sfrenata, non solo le norme che garantiscono la prevenzione spesso non vengono rispettate, ma altresìvrischi psicho-sociali come lo stress da lavoro correlato aumentano in modo allarmante: un numero crescente di lavoratori soffre infatti di stress, senza che ci sia ancora nelle aziende la giusta sensibilità e il know-how necessario per poter affrontare tali patologie. E però importante sottolineare come la formazione mirata ad aumentare la gestione dello stress non possa rappresentare comunque la giusta risposta rispetto alla crescente pressione lavorativa. L EFFAT continuerà a portare avanti i progetti in corso e si concentrerà su quanto segue: - lotta contro i disturbi muscolo-scheletrici in tutti i settori dell EFFAT; - protezione dei lavoratori dalle sostanze biologiche pericolose; - una maggior informazione in merito ai possibili rischi per la salute (valutazione dei rischi) derivanti dall impiego di nuove tecnologie come le nanotecnologie e le sostanze utilizzate nel trattamento degli alimenti (ad esempio il diacetile); - promozione dell accordo quadro siglato dalle Parti Sociali europee sullo stress lavorocorrelato; - iniziative per la gestione dello stress sul posto di lavoro nel dialogo sociale e nei Comitati Aziendali Europei (CAE); - incorporazione degli standard di sicurezza sociali e industriali nella PAC (Politica Agricola Comune); - scambio di comprovate buone pratiche per la lotta alle molestie e al mobbing sul posto di lavoro; - scambio di buone e verificate pratiche per la difesa della salute nel settore della carne; - continuazione della cooperazione con l Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul Lavoro (OSHA) di Bilbao. 14

15 5. Coperazione e coordinazione nella contrattazione collettiva Il mercato interno comune, la moneta unica in 18 stati membri, il crescente controllo esercitato sulla contrattazione e sugli accordi nazionali da parte del management aziendale europeo delle aziende trans-nazionali e da parte delle associazioni industriali europee ed organizzazioni datoriali come FoodDrinkEurope, rendono cruciale la necessità di una maggior cooperazione e coordinazione tra le organizzazioni sindacali membre, nonostante la contrattazione collettiva e continui ad essere regolata ad un livello prettamente nazionale. La cooperazione in materia di contrattazione collettiva e la politica perseguita dall EFFAT a livello europeo, al momento, segue tre obbiettivi principali: - la difesa dell autonomia delle parti nella contrattazione collettiva e il rafforzamento dei sistemi nazionali di contrattazione collettiva (in particolare nelle zone del centro ed est Europa e del sud est europeo); è necessario garantire che tutti i lavoratori siano coperti dal contratto collettivo. - Il miglioramento delle condizioni lavorative e di vita attraverso lo scambio e la diffusione di buone pratiche nella contrattazione collettiva (per esempio in materia di sicurezza sul lavoro, di rafforzamento del sistema dei diritti, di pari opportunità, di lotta al lavoro precario, di consolidamento del lavoro a tempo indeterminato, di incremento dell occupazione, di istruzione e formazione continua, di prevenzione dell outsourcing), ivi comprese le esperienze di welfare contrattuale che, in alcuni paesi, hanno dato vita a sistemi di assistenza sanitaria, di previdenza integrativa e di sostegno al reddito molto qualificanti; - la prevenzione del dumping sociale e della pratica spesso adottata dai datori di lavoro di mettere in concorrenza gli uni contro gli altri i lavoratori. Per raggiungere tale obiettivo sono necessari accordi tra di noi e lo sviluppo di un approccio congiunto alla contrattazione collettiva, oltre che il supporto reciproco in caso di azioni sindacali come gli scioperi. Purtroppo, la collaborazione sulla contrattazione collettiva delle organizzazioni affiliate negli anni passati non si è sviluppata in modo molto rapido. L EFFAT nei prossimi anni si concentrerà sulle seguenti misure: - attuazione delle priorità comuni relative alla contrattazione collettiva in tema di regolazione del lavoro precario e di prevenzione dell outsourcing; - verifica e sviluppo continuo del sistema per il doppio monitoraggio ( two way reporting ) della contrattazione collettiva; - ulteriore sviluppo della collaborazione con la federazione IndustriALL; - promozione della collaborazione per quanto attiene alla contrattazione collettiva nelle aziende trans-nazionali; - mantenimento ed attuazione del codice di condotta industriale dell EFFAT in caso di ristrutturazioni transfrontaliere; 15

16 - organizzazione di azioni di solidarietà transfrontaliera in caso di controversie sindacali; - sviluppo continuo della cooperazione riguardo alla contrattazione collettiva in particolare nei settori della carne e caseario; - sviluppo di proposte comuni per la promozione e il miglioramento della qualità della formazione iniziale e continua e dell apprendimento permanente; - creazione di un quadro giuridico europeo per la contrattazione transnazionale nelle aziende multinazionali. 16

17 6. Parità di genere La parità tra uomini e donne è un diritto fondamentale e uno dei principi fondatori dell'unione Europea. Tale principio è stato fissato nei tratratti UE sin dal 1957 insieme al diritto alla stessa retribuzione per lo stesso lavoro. In oltre cinquant'anni, l'europa ha compiuto dei passi avanti importanti nella parità di genere, per esempio approvando legislazioni importanti in materia di pari retribuzione, parità di diritti sul posto di lavoro e congedo di maternità. La realtà mostra tuttavia che: - solo il 63 per cento di tutte le donne hanno accesso al mercato del lavoro, mentre per gli uomini si tratta invece del 75 per cento; - il 32 per cento delle donne lavora in regime part-time, rispetto all'otto per cento degli uomini; - sebbene le donne siano spesso in possesso di titoli di studio superiori a quelli conseguiti dagli uomini, esse in media guadagnano meno e solo di rado ottengono mansioni dirigenziali; - le donne guadagnano in media il 16 per cento in meno rispetto agli uomini; - solo il 16 per cento dei membri dei consigli d'amministrazione delle maggiori imprese europee è costituito da donne; - le pensioni delle donne nella media UE sono del 39 per cento inferiori a quelle degli uomini, il "divario pensionistico legato al sesso" comporta per le donne un maggiore rischio di povertà nella terza età. Le donne sono state colpite in modo particolarmente duro dalla crisi economica e finanziaria e dai programmi di austeritá, oltre ad aver patito fortemente lo smantellamento dei servizi pubblici essenziali e l aumento della precarietà nei rapporti di lavoro Il raggiungimento della parità di genere in Europa rimane tuttora una grossa sfida per tutti gli attori operanti sia a livello nazionale che internazionale. La stessa rappresenta una grande responsabilità per tutti, uomini e donne. La partecipazione paritaria delle donne e degli uomini rappresenta un elemento fondamentale della democrazia sul posto di lavoro e nella società e contribuisce a migliorare la competitività e il benessere in Europa. I sindacati devono occuparsi maggiormente degli interessi delle donne, anche per migliorare l attrattività del mondo sindacale rispetto alle lavoratrici. EFFAT a tal fine: - sosterrà l'abbattimento delle differenze salariali tra uomini e donne nei settori nei quali la nostra organizzazione opera; - sosterrà la ratifica della convenzione OIL n. 189 sul lavoro dignitoso per i lavoratori domestici, rafforzerà l'organizzazione sindacale e incentiverà lo sviluppo delle relazioni industriali per i lavoratori domestici; 17

18 - supporterà l'adozione della direttiva riguardante il miglioramento dell equilibrio di genere fra gli amministratori senza incarichi esecutivi delle società quotate in Borsa; - continuerà a promuovere in tutte le attività dell EFFAT l inclusione degli aspetti relativi alle pari opportunità e alla dimensione di genere, in particolare nel dialogo sociale, nei comitati aziendali europei e nel lavoro portato avanti nei diversi settori; - promuoverà ulteriormente l'attuazione degli obiettivi della politica paritaria dell EFFAT e del piano per la parità di genere; - continuerà a promuovere la partecipazione equilibrata di uomini e donne negli organi decisionali dei sindacati; - continuerà a raccogliere e divulgare informazioni sulle pratiche di successo adottate dalle organizzazioni membre nel campo della parità di genere; - terrà regolarmente riunioni del comitato delle donne ed eventi sui temi riguardanti la parità di genere; - rafforzerà la collaborazione con i comitati delle donne della CES e delle altre federazioni sindacali europee. 18

19 7. Lavoro per i giovani Secondo il Comitato dei Giovani dell EFFAT la disoccupazione giovanile è la più grande sfida che l Europa deve affrontare attualmente (gli ultimi dati emessi dall Eurostat parlano di una disoccupazione giovanile pari al 23,6% in Europa). Tutte le nazioni europee hanno cifre riguardo alla disoccupazione giovanile che sono di due o tre volte superiori rispetto a quelle dei lavoratori più anziani. Ulteriori aspetti comuni tra i diversi settori sono una scarsa programmazione del turnover e la mancanza di politiche del lavoro attive per investire nei lavoratori più giovani che necessitano di formazione e competenze. Per molti giovani che si affacciano sul mercato del lavoro, un occupazione dignotosa e un salario equo rimangono fuori portata e le poche opportunità di impiego si concentrano per lo più in lavori precari, come tirocini, contratti di somministrazione o contratti a zero ore. L organizzazione dei giovani lavoratori rappresenta pertanto una priorità per assicurare loro un lavoro dignitoso e di qualità. Per questi motivi il Comitato dei Giovani dell EFFAT si impegna per le seguenti priorità lavorative per il periodo : - scambio di buone pratiche e sviluppo della capacità dei sindacati di organizzare in modo migliore i lavoratori più giovani; - incoraggiare i sindacati affinchè non solo assumano giovani e attirino giovani militanti, ma altresì affinchè permettano loro di partecipare attivamente agli organismi decisionali delle organizzazioni sindacali e nel lavoro quotidiano delle stesse (piuttosto che solamente in quello specifico per i giovani); - promuovere il rispetto del dialogo sociale e mantenere il diritto alla contrattazione collettiva (specialmente nelle nazioni in cui i sindacati sono sotto crescente pressione); - inserire nell agenda di tutti i dialoghi sociali di ogni settore l occupazione giovanile, includendola altresì nell attività dei CAE; - garantire all interno dei contratti collettivi la presenza di disposizioni che riflettono i bisogni dei giovani lavoratori; - promuovere campagne a favore del diritto dei giovani ad un lavoro dignitoso ed a un salario equo; - porre fine a ogni forma di lavoro precario, incluso quei tirocini attraverso i quali i giovani vengono sfruttati; - fare pressioni alle istituzioni europee affinchè si promuova la coesione sociale, così che la mobilità dei giovani all interno dell Unione Europea sia una scelta e non più una necessità per trovare lavoro altrove; - lottare per un accesso paritario alla formazione continua per i giovani lavoratori, un fattore chiave per garantire migliori prospettive occupazionali e per tutelare il futuro dell Europa; - cooperare con altre federazioni europee di sindacati per campagne comuni ed eventi, dato che la maggior parte delle questioni che affrontano i lavoratori più giovani nell Europa di oggi trascendono i confini nazionali e settoriali. 19

20 8. Rafforzare l azione delle organizzazioni affiliate all EFFAT nelle aziende trans-nazionali Sempre più spesso, decisioni che hanno un impatto significativo sui nostri iscritti impiegati all interno di gruppi transnazionali vengono prese a livello europeo (se non addirittura globale) piuttosto che a livello nazionale. Pertanto, per l'effat e le sue organizzazioni affiliate è indispensabile giocare un ruolo più influente al livello più alto, dove tali decisioni vengono prese. Per conseguire questo obiettivo in modo efficace, dobbiamo quindi consolidare la nostra identità di sindacato europeo, promuovendo la cooperazione, il pari trattamento e la solidarietà transfrontaliera. Le principali sfide che ci troviamo ad affrontare nelle aziende transnazionali (ATN) sono: - La perdita di posti di lavoro dovuta principalmente a grandi ristrutturazioni aziendali e alle delocalizzazioni: molte sono le ATN che in questi anni hanno fortemente ridotto i propri organici, razionalizzando la produzione e le funzioni di back office. - Il lavoro precario e l aumento esponenziale del lavoro povero : fenomeni dovuti anche alla finanziarizzazione e all'ascesa incontrollata dello shareholder value ( valore solo- per gli azionisti ) come indirizzo strategico prioritario. - Disparità di trattamento e dumping sociale: esistono oggi disparità inaccettabili in materia di condizioni di impiego e di lavoro tra lavoratori della stessa azienda trasnazionale. - Insufficienza di risorse allocate per garantire la salute e la sicurezza (SeS) sul luogo di lavoro. - Attacchi mirati ai lavoratori e ai diritti sindacali, in particolare verso rappresentanti dei lavoratori e rappresentanti sindacali. Garantire una cooperazione sindacale più forte nelle ATN Le priorità dell'effat in questo campo sono dunque le seguenti: - rafforzare il coordinamento sindacale nelle ATN; - mantenere o, qualora necessario, creare sistemi/gruppi di allarme rapido (Early warning networks) a livello aziendale; - promuovere la solidarietà e il mutuo supporto in caso di azioni industriali e delocalizzazione della produzione e dei servizi; - definire strategie sindacali comuni e organizzare azioni di lotta congiunte; - rafforzare il coordinamento delle organizzazioni affiliate all EFFAT in caso di azioni sindacali e iniziative di lotta nelle aziende transnazionali. Tali iniziative dovranno essere assunte in stretto raccordo con i Sindacati nazionali di categoria ed i componenti del Cae, laddove esistenti. - continuare a implementare il Codice di condotta industriale dell'effat ; - rafforzare la cooperazione delle organizzazioni affiliate sui contratti collettivi nelle ATN; 20

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Dichiarazione dei diritti dell uomo

Dichiarazione dei diritti dell uomo Dichiarazione dei diritti dell uomo Politica dei diritti sul posto di lavoro Per noi è importante il rapporto che abbiamo con i nostri dipendenti. Il successo della nostra azienda dipende da ogni singolo

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Febbraio 2011 Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Sintesi e Raccomandazioni Per il testo integrale del rapporto si rimanda a: www.epsu.org/a/7431 A cura di Jane Lethbridge, PSIRU

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro

Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Non discriminazione e pari opportunità sul posto di lavoro Quale evoluzione nelle aziende europee? II edizione - Dicembre 2010 Autori: Sara Faglia Federico Pezzolato Kristina Svanteson INDICE Principali

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE

AZIONE per UN TURISMO EUROPEO PIÚ SOSTENIBILE Si ringrazia il governo italiano (Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo) per avere fornito la versione italiana di questo rapporto. AZIONE

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

IL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI NELLE IMPRESE DI LAVORO ASSOCIATO

IL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI NELLE IMPRESE DI LAVORO ASSOCIATO IL COINVOLGIMENTO DEI LAVORATORI NELLE IMPRESE DI LAVORO ASSOCIATO Informazione, consulenza e partecipazione nelle cooperative di lavoro associato, cooperative sociali ed altri tipi di cooperative di proprietà

Dettagli