Programma di lavoro dell EFFAT Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma di lavoro dell EFFAT 2015-2019. Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola"

Transcript

1 Programma di lavoro dell EFFAT Insieme per un lavoro dignitoso e una giusta retribuzione dai campi alla tavola 4 Congresso dell EFFAT novembre 2014

2 Prefazione Negli ultimi anni l Europa è stata travolta dalla più lunga e difficile crisi finanziaria ed economica del dopoguerra e dai suoi disastrosi effetti sulle condizioni di vita e di lavoro dei cittadini europei. Tale situazione è stata in primis causata dalle banche, le quali hanno sperperato i soldi dei propri clienti giocando male con i loro risparmi e, nonostante i copiosi aiuti economici ricevuti in questi anni, hanno negato alle aziende il credito necessario per garantirne la sopravvivenza. In tutto ciò, i lavoratori hanno altresì dovuto subire le drastiche conseguenze delle politiche deregolatorie e neoliberiste di questi anni. Lo stesso Meccanismo Europeo di stabilità (MES) ha aiutato principalmente banche ed investitori, senza rappresentare un aiuto vero per le persone che soffrono realmente la crisi. Sebbene infatti sia stato presentato come una grande operazione di solidarietà tra gli stati membri, lo stesso ha diviso l Europa più che mai, imponendo una politica basata sul risparmio e l austerità, fattori che nel momento della crisi bloccano la crescita aggravandone gli effetti negativi. Abbiamo bisogno di una politica europea determinata a chiudere i paradisi fiscali e a introdurre un imposta sulle transazioni finanziarie, una politica che provveda all istituzione di un organo supervisore di controllo e vigilanza e che si impegni a regolare il settore bancario e finanziario con determinazione e fermezza. Il movimento sindacale europeo è a favore di una politica di grandi investimenti, che stimolino la crescita sostenibile e creino posti di lavoro di qualità. A tal proposito sono state presentate concrete proposte che hanno definito precisi piani di investimento e le modalità di finanziamento degli stessi. La crisi ha portato anche ad un ulteriore segmentazione del mercato del lavoro europeo e a una diffusione del lavoro precario, con il risultato che sempre più spesso lavoratori impiegati nello stesso luogo di lavoro e che svolgono le stesse mansioni, ricevono stipendi e godono di diritti assai diversi. Parallelamente alla creazione di nuove forme di occupazione, emergono infatti nuove forme di discriminazione sul posto di lavoro. Non accettiamo che ci siano imprenditori che scappino dalle proprie responsabilità attraverso la creazione di società fittizie, l utilizzo di falsi autonomi o il ricorso al subappalto che spesso garantisce vantaggi competitivi grazie al dumping sociale. Non vogliamo un mercato del lavoro europeo nel quale coloro che traggono i maggiori benefici risultano essere i più scaltri nel trovare la soluzione più ingegnosa ed elegante per aggirare le leggi e le disposizione contenute nei contratti collettivi. 2

3 Per noi, ciò che conta, è il luogo nel quale una persona lavora, non da dove proviene, se è uomo o donna, rumeno o olandese, bianco o nero. Questa rappresenterà anche nei prossimi anni una delle nostre principali sfide politiche. Con il programma di lavoro contenuto in questo documento, vogliamo presentare, alla luce delle numerose sfide che ci attendono ed anche in considerazione delle limitate risorse finanziarie ed umane di cui dispone l'effat, ciò che consideriamo come una priorità politica assoluta: ovvero la creazione di un Europa che offra a tutti i suoi cittadini un futuro con condizioni di vita e lavoro dignitose. Harald Wiedenhofer Bruxelles, marzo 2014 Segretario generale 3

4 I. Introduzione 4

5 I Introduzione 1. Nel 2009, il 3 Congresso dell EFFAT (Congresso di Berlino) ha adottato una direzione strategica precisa ed ha definito una priorità politica chiara per la nostra organizzazione: la lotta al lavoro precario. Compito del 4 Congresso dell EFFAT sarà quello di decidere le priorità per il periodo , tenendo in considerazione le nuove sfide politiche che ci troviamo ad affrontare, in particolare nel segno della crisi economica e sociale. 2. L EFFAT concentrerà il proprio lavoro su quattro obbiettivi base: - la difesa e il miglioramento dei diritti dei lavoratori e dei sindacati e del diritto alla rappresentanza e/o alla partecipazione; - il mantenimento dell occupazione e la creazione di posti di lavoro migliori; - il miglioramento delle condizioni di vita e la prevenzione del dumping sociale; - il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro. 3. Per raggiungere questi obbiettivi, l Art.1 paragrafo 1 dello statuto dell EFFAT definisce, tra gli altri, i seguenti compiti: - la protezione e il rafforzamento della pace e della democrazia; - il rafforzamento della dimensione sociale; - la protezione dei diritti umani e del diritto fondamentale all organizzazione e alla partecipazione sindacale; - la promozione di un occupazione scelta liberamente e produttiva per tutti; - l abolizione di qualsiasi forma di discriminazione verso i lavoratori legata al sesso, origine etnica, religione, ideologia, disabilità, età o orientamento sessuale; - il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro; - la protezione e il sostegno dell ambiente; - la promozione di uno sviluppo economico, sociale ed ecologico sostenibile nei settori dell agricoltura, dell alimentazione e del turismo; - la garanzia degli stessi diritti, parità di condizioni e parità di trattamento per gli uomini e le donne; - il rafforzamento della partecipazione delle donne negli organismi decisionali dei sindacati a qualsiasi livello; - il miglioramento delle prospettive future per i giovani; 5

6 - la creazione di un economia più democratica; - il supporto attivo delle organizzazioni affiliate nell Europa centrale, orientale e meridionale; - il supporto al processo di collaborazione economica e sociale tra l Unione Europea e gli stati che si affacciano sulla riva meridionale del Mar Mediterraneo; - il supporto a favore dell ampliamento dell Unione Europea verso altri stati democratici; 4. Per l effettiva attuazione degli obiettivi e delle mansioni menzionate, l EFFAT deve assumere in particolare quattro funzioni (due orientate verso l interno e due verso l esterno ). L EFFAT ha verso l interno, ovvero nei confronti delle sue organizzazioni affiliate: - una funzione di servizio, nelle quali rientrano le informazioni e la consulenza per le organizzazioni affiliate, l assistenza ai comitati aziendali europei e lo scambio di esperienze a livello europeo; - una funzione di coordinamento in caso di ristrutturazioni aziendali, durante la contrattazione collettiva, in caso di lotta sindacale, nella lotta al dumping sociale e al lavoro nero e precario in tutti i settori dell EFFAT, nelle attività dei CAE (Comitati Aziendali Europei), ecc. L EFFAT ha verso l esterno - una funzione di rappresentanza nei confronti delle istituzioni europee, delle organizzazioni industriali e datoriali europee e del management europeo delle aziende; - una funzione di negoziazione per il dialogo sociale o in occasione dell istituzione di comitati aziendali europei; - una funzione organizzativa per la gestione di mobilitazioni efficaci per promuovere specifiche rivendicazioni nei confronti delle istituzioni europee e delle organizzazioni datoriali europee di settore. I destinatari del nostro lavoro sono: - le istituzioni europee, in particolare la Commissione e il Parlamento europeo; - le organizzazioni industriali e datoriali europee che operano nei nostri settori di competenza; - il management europeo delle aziende transnazionali. In tale contesto particolare importanza riveste il dialogo sociale europeo e le trattative/negoziazioni con i datori di lavoro. 6

7 II. Aree di lavoro e priorità 7

8 II Aree di lavoro e priorità Durante il prossimo mandato ( ), l EFFAT si concentrerà soprattutto sulle seguenti priorità, iniziative e progetti: 1. Adesione di nuovi iscritti Progressi sociali concreti sono possibili solamente con sindacati forti. La forza dei sindacati dipende dall alto numero di iscritti presenti nelle aziende (aspetto quantitativo), ma altresì dalla capacità di quest ultimi di lottare per conseguire posti di lavoro dignitosi (aspetto qualitativo). Considerando la perdita di molti iscritti verificatasi nel corso degli ultimi anni in diverse organizzazioni affiliate all EFFAT, il coinvolgimento di nuovi lavoratori è diventata pertanto una delle priorità principali del nostro lavoro. Per questo, è da considerarsi come una questione di assoluta urgenza l organizzazione e la sindacalizzazione dei lavoratori giovani, delle donne e di coloro che risultano impiegati nelle numerose forme di lavoro precario che si stanno tutt oggi diffondendo. A tal proposito, l EFFAT supporterà in modo attivo tutte le iniziative delle sue organizzazioni affiliate volte a reclutare nuovi membri, in particolare perseguendo le seguenti iniziative: - utilizzo degli eventi organizzati dall EFFAT per lo scambio di informazioni e buone pratiche nell organizzazione di nuovi membri; - promozione di progetti bilaterali sul proselitismo sindacale e il mentoring ; - verifica della possibilità di promuovere l iscrizione di nuovi lavoratori in particolari aziende/industrie attraverso progetti; - sostegno solidale verso i militanti che a causa della loro attività sindacale sono minacciati da sanzioni da parte dei datori di lavoro; - lotta alle liste nere, con cui i datori di lavoro bandiscono e discriminano i rappresentanti sindacali; - utilizzo dei comitati aziendali europei per favorire l adesione di nuovi iscritti; - ulteriore implementazione e continuazione della campagna iniziata nel 2014 dalle associazioni sindacali europee per la sindacalizzazione dei giovani lavoratori; - proseguimento del supporto alle organizzazioni affiliate nell Europa sud-orientale nell ambito dei progetti sullo sviluppo della sindacalizzazione; - utilizzo dei passaporti delle competenze per aumentare la sindacalizzazione nel settore agricolo e in quello dell ospitalità; - promozione dello scambio di esperienze tra le organizzazioni affiliate in merito alla sindacalizzazione dei coltivatori diretti, soprattutto dell Europa centrale e orientale e dell Europa sud-orientale; - impegno congiunto con la UITA affinchè tutti i sindacati siano membri di entrambe le Federazioni. 8

9 2. Mantenimento dell occupazione e creazione di posti di lavoro dignitosi Non soltanto abbiamo bisogno di maggiore occupazione, ma anche di posti di lavoro migliori e dignitosi. Per questo è necessaria una politica industriale europea sostenibile che crei le condizioni strutturali per una politica imprenditoriale di successo ed una buona contrattazione collettiva. La sfida maggiore è costituita dalla crescente espansione di rapporti di lavoro precari a causa della segmentazione del mercato del lavoro europeo. Per questo motivo, l EFFAT ha adottato durante il Congresso di Berlino del 2009, una Carta contro il lavoro precario e ha fatto della sua implementazione una priorità chiave del proprio lavoro. La lotta contro il lavoro precario rimarrà naturalmente una delle principali sfide anche durante gli anni a venire. Il lavoro è da considerarsi precario quando lo stesso non é stato scelto liberamente dall individuo e quando non garantisce un occupazione stabile, uno stipendio degno e i diritti e le prospettive del lavoro a tempo indeterminato. EFFAT non persegue l'obiettivo di ottenere nel breve e medio termine l'eliminazione di tutte le forme di lavoro atipico, ma bensì quello di migliorare le condizioni lavorative dei tanti che si trovano oggi in occupazioni precarie. In alcune circostanze, i lavoratori preferiscono forme più flessibili di occupazione, per esempio per conciliare meglio la famiglia e la vita privata con la vita professionale; è chiaro però, che tali forme di lavoro debbano essere anch esse regolate da un preciso quadro di accordi collettivi. In merito a ciò, l azione dell EFFAT si concentra su tre fronti: - la difesa del lavoratore precario; - la limitazione di forme contrattuali precarie, la loro regolamentazione secondo la legge e i contratti collettivi, e la parificazione di tali forme atipiche di occupazione con altre occupazioni più stabili; - la concreta prevenzione dell abuso del precariato. EFFAT e le sue organizzazioni affiliate si impegneranno sui seguenti compiti: - continuare ad implementare la Carta contro il lavoro precario adottata durante il congresso di Berlino, i 10 punti chiave dell EFFAT per la lotta contro il lavoro precario e altresì la Guida dell EFFAT sull impiego di lavoratori tramite agenzia interinale ; - realizzare le rivendicazioni congiunte in materia di negoziazione collettiva, al fine di perseguire la lotta al lavoro precario e proteggere i lavoratori interessati (tenendo in considerazione gli esempi positivi già esistenti); - definire linee guida per la lotta al lavoro precario ad uso delle organizzazioni affiliate all EFFAT e dei comitati aziendali; - organizzare/sindacalizzare i lavoratori precari; - garantire l iscrizione sindacale e il supporto ai lavoratori migranti nei paesi d accoglienza, oltre che il mutuo riconoscimento all appartenenza sindacale; - continuare la stretta collaborazione con le altre federazioni sindacali europee. 9

10 Azioni per ridurre il lavoro precario: - assicurare l effettiva attuazione nelle aziende del principio fondamentale del pari trattamento; - lottare contro l utilizzo improprio della libera circolazione dei lavoratori e (della direttiva riguardante) la libera prestazione di servizi; - richiedere e promuovere la revisione urgente della direttiva europea sul distacco dei lavoratori; - promuovere la piena parificazione sociale ed economica dei lavoratori migranti, nonchè la loro integrazione nella società e nei sindacati; - stabilire criteri chiari sulla responsabilità nella catena di subappalti, stabilendo i limiti nell assegnazione degli stessi; - promuovere iniziative legislative europee volte a combattere il dumping sociale e la concorrenza sleale; - lottare contro le agenzie di lavoro interinale che operano illegalmente e promuovere l introduzione di un procedimento di certificazione delle stesse; - migliorare l'efficienza dei servizi di ispezione sul luogo di lavoro per una migliore implementazione delle vigenti norme nazionali ed europee in materia di lavoro; La Commissione Europea deve: - assicurare la realizzazione di statistiche attendibili sullo sviluppo di nuove (atipiche) forme di occupazione sul mercato del lavoro europeo; - proporre la revisione della direttiva europea sul distacco dei lavoratori; - proporre l adozione di una direttiva europea per combattere il dumping sociale e la concorrenza sleale; L'implementazione di una politica industriale europea che, soprattutto per le piccole e medie aziende di produzione, garantisca la ripresa sostenibile delle attività economiche, deve essere accompagnata da misure di sostegno alla creazione di posti di lavoro di qualità, in particolare attraverso: - la promozione delle competenze, delle qualifiche e della formazione dei lavoratori; in questo senso va considerata come un prerequisito fondamentale la creazione di posti di lavoro di qualità, mentre l occupazione precaria è invece controproducente; - la promozione della ricerca, dello sviluppo e dell utilizzo industriale di risorse rinnovabili, senza tuttavia mettere a rischio la distribuzione globale, regionale o locale di alimenti sicuri, a buon mercato e di qualità; - la valutazione sistematica d impatto sulle iniziative presentate dalla Commissione europea, analizzando le possibili conseguenze sociali delle stesse su lavoratori e occupazione; 10

11 Tale politica industriale deve inoltre fondarsi su: - l ulteriore implementazione delle raccomandazioni del Gruppo di alto livello Agrofood che promuovono lo sviluppo sostenibile nel settore agricolo ed alimentare; - la promozione di una politica alimentare europea salutare; - l applicazione di aliquote fiscali uniformi in tutta Europa per imprese e società, la cancellazione delle imposte sui prodotti alimentari e l'introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie accompagnata da una seria lotta all'evasione fiscale e da strategie di pianificazione fiscale per le imprese; - la promozione di prodotti alimentari innovativi realizzati in modo sostenibile. Le nuove tecnologie come le nanotecnologie e le biotecnologie devono essere utilizzate solo quando un'indipendente valutazione del rischio e una ricerca approfondita garantiscano la completa sicurezza per i lavoratori e i consumatori. La fiducia di quest'ultimi nell'industria alimentare è essenziale per la sicurezza dei posti di lavoro; - l implementazione di una normativa che limiti il potere di acquisto dei dettaglianti e favorisca la creazione di rapporti commerciali più equi nella catena della fornitura alimentare (B2B, business-to-business); - l aggiudicazione di appalti pubblici e sovvenzioni solamente per quelle aziende che rispettano gli standard sociali e la contrattazione collettiva, assicurando il rimborso dei finanziamenti ricevuti in caso di violazioni della normativa sul lavoro. Al di là della propspettiva europea, EFFAT ritiene che una crescita globale sostenibile che abbia come obiettivo quello di garantire il benessere delle persone e soprattutto di quelle più povere, come, ad esempio, i piccoli agricoltori nei paesi emergenti e in via di sviluppo, debba basarsi su giusti ed equi rapporti commerciali internazionali; il che implica: - accordi commerciali internazionali ed accordi di partenariato con l UE che contengono clausole che prevedono il rispetto degli standard internazionali sociali ed ambientali; - un parternariato trans-atlantico che rispetta gli standard sociali europei e la cultura alimentare dei consumatori europei, senza invalidare le esistenti normative europee e nazionali rimpiazzandole con arbitrati informali e non legali; La cessazione delle negoziazioni del TTIP. Non dovranno svolgersi nuovi negoziati fino a quando non saranno recepite le istanze e le esigenze poste dai Sindacati. L' EFFAT, congiuntamente alla Ces, lavorerà per raggiungere tale obiettivo; - la cooperazione con le ONG e la mobilitazione dei consumatori nella lotta contro lo sfruttamento dei lavoratori, al fine di spingere le imprese a rispettare normative ed accordi nazionali ed internazionali; - continuazione del progetto dell EFFAT per la promozione della sostenibilità nel settore del cacao, al fine di rafforzare ulteriormente la lotta al lavoro minorile e promuovere il lavoro dei sindacati e il miglioramento delle condizioni di lavoro e di impiego nella catena di distribuzione del cacao; 11

12 - un accordo sugli standard mondiali di sicurezza alimentare che preveda controlli per monitorarne la sua coerente applicazione; - l introduzione di etichette di sostenibilità e denominazione di origine, controllate da organismi pubblici di vigilanza; - il supporto all UITA per la conclusione di contratti globali con le società transnazionali (STN). Una politica industriale europea sostenibile è possibile solamente con l ampliamento e il rafforzamento del dialogo sociale a livello nazionale ed europeo. Il dialogo sociale settoriale deve contribuire a raggiungere una vera coesione sociale che è essenziale per ricostruire la fiducia dei lavoratori e dei cittadini nel futuro dell'europa. 12

13 3. Favorire la formazione dei lavoratori Al giorno d oggi una formazione qualificata rappresenta un presupposto essenziale per la ricerca di un posto di lavoro. Allo stesso modo, i lavoratori altamente specializzati e competenti sono la risorsa più importante per garantire una strategia aziendale di successo per quanto riguarda innovazione e qualità. In molti settori dell EFFAT, tuttavia, manca la forza lavoro qualificata, perché spesso le aziende non offrono nè la necessaria formazione iniziale, nè quella continua. Inoltre, i posti di lavoro nel settore agricolo, alimentare e ricettivo, risultano spesso non sufficientemente attraenti per i lavoratori. In tale contesto vi è poi da considerare che il dilagare di forme precarie di lavoro risulta anch esso contro producente, in quanto non garantisce la formazione dei lavoratori. Dopo tutto, quale datore di lavoro sarebbe pronto ad investire in un lavoratore che in poche settimane o in alcuni mesi non lavorerà più per lui? Per raggiungere l obbiettivo di Lisbona (2000), ovvero quello di rendere l Unione europea l economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo [ ]... con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, sono indispensabili l impegno teso al miglioramento delle qualifiche e posti di lavoro più attraenti che offrano opportunità di sviluppo professionale. L EFFAT in particolare cercherà di raggiungere i seguenti obbiettivi e di implementare le seguenti misure: - attuazione delle raccomandazioni provenienti dal progetto sulle qualifiche nel settore alimentare (2013), in particolare riguardo alla promozione e al miglioramento della qualità della formazione iniziale e contuinua e dell occupabilità dei lavoratori (con attenzione particolare su quelli più giovani e più anziani); - identificazione di esempi di contrattazione collettiva e di buone pratiche di formazione iniziale e apprendimento permanente; - adozione dei passaporti delle competenze attraverso il dialogo sociale nel settore dell agricoltura e dell ospitalità; - nell ambito del dialogo sociale nel settore alimentare, l identificazione delle qualifiche e delle competenze che saranno richieste ai lavoratori in anni; - esecuzione di progetti per il miglioramento delle capacità occupazionali dei lavoratori precari; - sviluppo di profili professionali europei nel settore agricolo e nel turismo; - un maggior utilizzo dei periodi di inattività (es. in caso di occupazioni stagionali o brevi) da dedicare alla formazione; - utilizzo dei Comitati Aziendali Europei (CAE) per la promozione dell istruzione e della formazione occupazionale, in particolare per i giovani disoccupati; - esecuzione di un progetto sulle occupazioni logoranti insieme alla Federazione Europea dei Lavoratori Edili e del Legno (FETBB). 13

14 4. Miglioramento della sicurezza e della salute sul posto di lavoro La salute rappresenta il bene più importante e prezioso per i lavoratori. È stato fatto tanto, ma i settori dell EFFAT sono ancora esposti ad alti rischi per la salute. A causa della crescente pressione lavorativa dovuta ad una concorrenza sfrenata, non solo le norme che garantiscono la prevenzione spesso non vengono rispettate, ma altresìvrischi psicho-sociali come lo stress da lavoro correlato aumentano in modo allarmante: un numero crescente di lavoratori soffre infatti di stress, senza che ci sia ancora nelle aziende la giusta sensibilità e il know-how necessario per poter affrontare tali patologie. E però importante sottolineare come la formazione mirata ad aumentare la gestione dello stress non possa rappresentare comunque la giusta risposta rispetto alla crescente pressione lavorativa. L EFFAT continuerà a portare avanti i progetti in corso e si concentrerà su quanto segue: - lotta contro i disturbi muscolo-scheletrici in tutti i settori dell EFFAT; - protezione dei lavoratori dalle sostanze biologiche pericolose; - una maggior informazione in merito ai possibili rischi per la salute (valutazione dei rischi) derivanti dall impiego di nuove tecnologie come le nanotecnologie e le sostanze utilizzate nel trattamento degli alimenti (ad esempio il diacetile); - promozione dell accordo quadro siglato dalle Parti Sociali europee sullo stress lavorocorrelato; - iniziative per la gestione dello stress sul posto di lavoro nel dialogo sociale e nei Comitati Aziendali Europei (CAE); - incorporazione degli standard di sicurezza sociali e industriali nella PAC (Politica Agricola Comune); - scambio di comprovate buone pratiche per la lotta alle molestie e al mobbing sul posto di lavoro; - scambio di buone e verificate pratiche per la difesa della salute nel settore della carne; - continuazione della cooperazione con l Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul Lavoro (OSHA) di Bilbao. 14

15 5. Coperazione e coordinazione nella contrattazione collettiva Il mercato interno comune, la moneta unica in 18 stati membri, il crescente controllo esercitato sulla contrattazione e sugli accordi nazionali da parte del management aziendale europeo delle aziende trans-nazionali e da parte delle associazioni industriali europee ed organizzazioni datoriali come FoodDrinkEurope, rendono cruciale la necessità di una maggior cooperazione e coordinazione tra le organizzazioni sindacali membre, nonostante la contrattazione collettiva e continui ad essere regolata ad un livello prettamente nazionale. La cooperazione in materia di contrattazione collettiva e la politica perseguita dall EFFAT a livello europeo, al momento, segue tre obbiettivi principali: - la difesa dell autonomia delle parti nella contrattazione collettiva e il rafforzamento dei sistemi nazionali di contrattazione collettiva (in particolare nelle zone del centro ed est Europa e del sud est europeo); è necessario garantire che tutti i lavoratori siano coperti dal contratto collettivo. - Il miglioramento delle condizioni lavorative e di vita attraverso lo scambio e la diffusione di buone pratiche nella contrattazione collettiva (per esempio in materia di sicurezza sul lavoro, di rafforzamento del sistema dei diritti, di pari opportunità, di lotta al lavoro precario, di consolidamento del lavoro a tempo indeterminato, di incremento dell occupazione, di istruzione e formazione continua, di prevenzione dell outsourcing), ivi comprese le esperienze di welfare contrattuale che, in alcuni paesi, hanno dato vita a sistemi di assistenza sanitaria, di previdenza integrativa e di sostegno al reddito molto qualificanti; - la prevenzione del dumping sociale e della pratica spesso adottata dai datori di lavoro di mettere in concorrenza gli uni contro gli altri i lavoratori. Per raggiungere tale obiettivo sono necessari accordi tra di noi e lo sviluppo di un approccio congiunto alla contrattazione collettiva, oltre che il supporto reciproco in caso di azioni sindacali come gli scioperi. Purtroppo, la collaborazione sulla contrattazione collettiva delle organizzazioni affiliate negli anni passati non si è sviluppata in modo molto rapido. L EFFAT nei prossimi anni si concentrerà sulle seguenti misure: - attuazione delle priorità comuni relative alla contrattazione collettiva in tema di regolazione del lavoro precario e di prevenzione dell outsourcing; - verifica e sviluppo continuo del sistema per il doppio monitoraggio ( two way reporting ) della contrattazione collettiva; - ulteriore sviluppo della collaborazione con la federazione IndustriALL; - promozione della collaborazione per quanto attiene alla contrattazione collettiva nelle aziende trans-nazionali; - mantenimento ed attuazione del codice di condotta industriale dell EFFAT in caso di ristrutturazioni transfrontaliere; 15

16 - organizzazione di azioni di solidarietà transfrontaliera in caso di controversie sindacali; - sviluppo continuo della cooperazione riguardo alla contrattazione collettiva in particolare nei settori della carne e caseario; - sviluppo di proposte comuni per la promozione e il miglioramento della qualità della formazione iniziale e continua e dell apprendimento permanente; - creazione di un quadro giuridico europeo per la contrattazione transnazionale nelle aziende multinazionali. 16

17 6. Parità di genere La parità tra uomini e donne è un diritto fondamentale e uno dei principi fondatori dell'unione Europea. Tale principio è stato fissato nei tratratti UE sin dal 1957 insieme al diritto alla stessa retribuzione per lo stesso lavoro. In oltre cinquant'anni, l'europa ha compiuto dei passi avanti importanti nella parità di genere, per esempio approvando legislazioni importanti in materia di pari retribuzione, parità di diritti sul posto di lavoro e congedo di maternità. La realtà mostra tuttavia che: - solo il 63 per cento di tutte le donne hanno accesso al mercato del lavoro, mentre per gli uomini si tratta invece del 75 per cento; - il 32 per cento delle donne lavora in regime part-time, rispetto all'otto per cento degli uomini; - sebbene le donne siano spesso in possesso di titoli di studio superiori a quelli conseguiti dagli uomini, esse in media guadagnano meno e solo di rado ottengono mansioni dirigenziali; - le donne guadagnano in media il 16 per cento in meno rispetto agli uomini; - solo il 16 per cento dei membri dei consigli d'amministrazione delle maggiori imprese europee è costituito da donne; - le pensioni delle donne nella media UE sono del 39 per cento inferiori a quelle degli uomini, il "divario pensionistico legato al sesso" comporta per le donne un maggiore rischio di povertà nella terza età. Le donne sono state colpite in modo particolarmente duro dalla crisi economica e finanziaria e dai programmi di austeritá, oltre ad aver patito fortemente lo smantellamento dei servizi pubblici essenziali e l aumento della precarietà nei rapporti di lavoro Il raggiungimento della parità di genere in Europa rimane tuttora una grossa sfida per tutti gli attori operanti sia a livello nazionale che internazionale. La stessa rappresenta una grande responsabilità per tutti, uomini e donne. La partecipazione paritaria delle donne e degli uomini rappresenta un elemento fondamentale della democrazia sul posto di lavoro e nella società e contribuisce a migliorare la competitività e il benessere in Europa. I sindacati devono occuparsi maggiormente degli interessi delle donne, anche per migliorare l attrattività del mondo sindacale rispetto alle lavoratrici. EFFAT a tal fine: - sosterrà l'abbattimento delle differenze salariali tra uomini e donne nei settori nei quali la nostra organizzazione opera; - sosterrà la ratifica della convenzione OIL n. 189 sul lavoro dignitoso per i lavoratori domestici, rafforzerà l'organizzazione sindacale e incentiverà lo sviluppo delle relazioni industriali per i lavoratori domestici; 17

18 - supporterà l'adozione della direttiva riguardante il miglioramento dell equilibrio di genere fra gli amministratori senza incarichi esecutivi delle società quotate in Borsa; - continuerà a promuovere in tutte le attività dell EFFAT l inclusione degli aspetti relativi alle pari opportunità e alla dimensione di genere, in particolare nel dialogo sociale, nei comitati aziendali europei e nel lavoro portato avanti nei diversi settori; - promuoverà ulteriormente l'attuazione degli obiettivi della politica paritaria dell EFFAT e del piano per la parità di genere; - continuerà a promuovere la partecipazione equilibrata di uomini e donne negli organi decisionali dei sindacati; - continuerà a raccogliere e divulgare informazioni sulle pratiche di successo adottate dalle organizzazioni membre nel campo della parità di genere; - terrà regolarmente riunioni del comitato delle donne ed eventi sui temi riguardanti la parità di genere; - rafforzerà la collaborazione con i comitati delle donne della CES e delle altre federazioni sindacali europee. 18

19 7. Lavoro per i giovani Secondo il Comitato dei Giovani dell EFFAT la disoccupazione giovanile è la più grande sfida che l Europa deve affrontare attualmente (gli ultimi dati emessi dall Eurostat parlano di una disoccupazione giovanile pari al 23,6% in Europa). Tutte le nazioni europee hanno cifre riguardo alla disoccupazione giovanile che sono di due o tre volte superiori rispetto a quelle dei lavoratori più anziani. Ulteriori aspetti comuni tra i diversi settori sono una scarsa programmazione del turnover e la mancanza di politiche del lavoro attive per investire nei lavoratori più giovani che necessitano di formazione e competenze. Per molti giovani che si affacciano sul mercato del lavoro, un occupazione dignotosa e un salario equo rimangono fuori portata e le poche opportunità di impiego si concentrano per lo più in lavori precari, come tirocini, contratti di somministrazione o contratti a zero ore. L organizzazione dei giovani lavoratori rappresenta pertanto una priorità per assicurare loro un lavoro dignitoso e di qualità. Per questi motivi il Comitato dei Giovani dell EFFAT si impegna per le seguenti priorità lavorative per il periodo : - scambio di buone pratiche e sviluppo della capacità dei sindacati di organizzare in modo migliore i lavoratori più giovani; - incoraggiare i sindacati affinchè non solo assumano giovani e attirino giovani militanti, ma altresì affinchè permettano loro di partecipare attivamente agli organismi decisionali delle organizzazioni sindacali e nel lavoro quotidiano delle stesse (piuttosto che solamente in quello specifico per i giovani); - promuovere il rispetto del dialogo sociale e mantenere il diritto alla contrattazione collettiva (specialmente nelle nazioni in cui i sindacati sono sotto crescente pressione); - inserire nell agenda di tutti i dialoghi sociali di ogni settore l occupazione giovanile, includendola altresì nell attività dei CAE; - garantire all interno dei contratti collettivi la presenza di disposizioni che riflettono i bisogni dei giovani lavoratori; - promuovere campagne a favore del diritto dei giovani ad un lavoro dignitoso ed a un salario equo; - porre fine a ogni forma di lavoro precario, incluso quei tirocini attraverso i quali i giovani vengono sfruttati; - fare pressioni alle istituzioni europee affinchè si promuova la coesione sociale, così che la mobilità dei giovani all interno dell Unione Europea sia una scelta e non più una necessità per trovare lavoro altrove; - lottare per un accesso paritario alla formazione continua per i giovani lavoratori, un fattore chiave per garantire migliori prospettive occupazionali e per tutelare il futuro dell Europa; - cooperare con altre federazioni europee di sindacati per campagne comuni ed eventi, dato che la maggior parte delle questioni che affrontano i lavoratori più giovani nell Europa di oggi trascendono i confini nazionali e settoriali. 19

20 8. Rafforzare l azione delle organizzazioni affiliate all EFFAT nelle aziende trans-nazionali Sempre più spesso, decisioni che hanno un impatto significativo sui nostri iscritti impiegati all interno di gruppi transnazionali vengono prese a livello europeo (se non addirittura globale) piuttosto che a livello nazionale. Pertanto, per l'effat e le sue organizzazioni affiliate è indispensabile giocare un ruolo più influente al livello più alto, dove tali decisioni vengono prese. Per conseguire questo obiettivo in modo efficace, dobbiamo quindi consolidare la nostra identità di sindacato europeo, promuovendo la cooperazione, il pari trattamento e la solidarietà transfrontaliera. Le principali sfide che ci troviamo ad affrontare nelle aziende transnazionali (ATN) sono: - La perdita di posti di lavoro dovuta principalmente a grandi ristrutturazioni aziendali e alle delocalizzazioni: molte sono le ATN che in questi anni hanno fortemente ridotto i propri organici, razionalizzando la produzione e le funzioni di back office. - Il lavoro precario e l aumento esponenziale del lavoro povero : fenomeni dovuti anche alla finanziarizzazione e all'ascesa incontrollata dello shareholder value ( valore solo- per gli azionisti ) come indirizzo strategico prioritario. - Disparità di trattamento e dumping sociale: esistono oggi disparità inaccettabili in materia di condizioni di impiego e di lavoro tra lavoratori della stessa azienda trasnazionale. - Insufficienza di risorse allocate per garantire la salute e la sicurezza (SeS) sul luogo di lavoro. - Attacchi mirati ai lavoratori e ai diritti sindacali, in particolare verso rappresentanti dei lavoratori e rappresentanti sindacali. Garantire una cooperazione sindacale più forte nelle ATN Le priorità dell'effat in questo campo sono dunque le seguenti: - rafforzare il coordinamento sindacale nelle ATN; - mantenere o, qualora necessario, creare sistemi/gruppi di allarme rapido (Early warning networks) a livello aziendale; - promuovere la solidarietà e il mutuo supporto in caso di azioni industriali e delocalizzazione della produzione e dei servizi; - definire strategie sindacali comuni e organizzare azioni di lotta congiunte; - rafforzare il coordinamento delle organizzazioni affiliate all EFFAT in caso di azioni sindacali e iniziative di lotta nelle aziende transnazionali. Tali iniziative dovranno essere assunte in stretto raccordo con i Sindacati nazionali di categoria ed i componenti del Cae, laddove esistenti. - continuare a implementare il Codice di condotta industriale dell'effat ; - rafforzare la cooperazione delle organizzazioni affiliate sui contratti collettivi nelle ATN; 20

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO

AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO AZIONI A SOSTEGNO DELLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE TRA FAMIGLIA E LAVORO PREMESSO: - che occorre una azione sinergica, a tutti i livelli, tra le iniziative legislative, le politiche sociali e quelle contrattuali

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

ICARUS Good Practices

ICARUS Good Practices ICARUS Good Practices Lista delle cose che possiamo fare per rendere più efficaci gli interventi sindacali sui comitati aziendali europei. Azioni possibili dei rappresentanti del CAE 1 Stabilire e mantenere

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition

Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Carta internazionale dei valori sociali fondamentali di JCDecaux 2013 Edition Sommario I. INTRODUZIONE 4 II. SCOPO DELLA CARTA 4 III. AMBITO DI APPLICAZIONE 5 IV. IMPEGNI 6 4.1. Diritto alla contrattazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013

Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 Piano triennale delle azioni positive per attuare parità e pari opportunità tra uomini e donne 2011 2013 - Direzione centrale personale e organizzazione - Sommario 1. Premessa... 3 2. I presupposti del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

Pag. (Articoli estratti)... 175

Pag. (Articoli estratti)... 175 Normativa 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947 ed entrata in vigore l 1-1-1948 (Articoli

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Presidente della Commissione europea, José

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Il contesto di riferimento: Europa 2020 crescita intelligente investimenti efficaci

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl Grazie a tutti Voi per essere qui dalle fabbriche del Legno, del Cemento, dei materiali

Dettagli

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL

CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL CODICE ETICO di FORTES Impresa Sociale SRL SOMMARIO PREMESSA: PERCHÉ UN CODICE ETICO 1. I VALORI DI RIFERIMENTO A. Responsabilità di rendere conto dell impatto delle nostre attività sulla società, ambiente,

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Progetto DiversaMente

Progetto DiversaMente Progetto DiversaMente Pillole formative sul Diversity Management Aprile 2014 1 Cosa si intende per Diversity Management? Il D.M. è una filosofia di gestione delle risorse umane che si concretizza in strumenti,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE

UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE UGUAGLIANZA DI GENERE, SOLIDARIETÀ, AZIONE Attività del gruppo GUE/NGL nella commissione per i diritti delle donne e l uguaglianza di genere del Parlamento europeo Uguaglianza di genere, solidarietà, azione

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli