Investment Report 026

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investment Report 026"

Transcript

1 Investment Report Giugno 2010 Paese. Kazakhstan. Energia rinnovabile. Energia solare. Materia prima. Caffè. Azione. ENEL. Tasso d interesse. Dollaro australiano. Kazakhstan. Paese. Il Kazakhstan viene definito dai gestori un mercato di frontiera, accezione che indica un sottogruppo dei mercati emergenti che pur dotati di mercati azionari accessibili risultano meno sviluppati rispetto ad altre nazioni. Questo limitato grado di sviluppo, nel caso del Kazakhstan, si manifesta nel numero ridotto di titoli azionari disponibili, soprattutto se ci si concentra sulle azioni quotate a Londra sotto forma di GDR 1. Questi titoli, attualmente sei, sono i componenti dell indice KTX (Kazakh Traded Index) e presentano, pertanto, una grande concentrazione del rischio in pochi titoli. Analizzando i pesi più importanti, però, si capisce perché questo rischio risulti essere accettabile nell ottica di una diversificazione del portafoglio: ENRC (27%), KazMunaiGas (27%), Kazakhmys (24%) e Halyk Savings Bank (15%). Le prime tre società sono importanti produttori di materie prime, quali rame, ferrocromo (importante per la produzione di acciaio inossidabile), petrolio e gas naturale, mentre Halyk The Royal Bank of Scotland plc è un rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V. in alcune giurisdizioni.

2 Investment Report 026 pag. 2/11 appartiene al settore bancario. Questa esposizione alle materie prime industriali ha sicuramente stimolato l interesse degli investitori, ma nel contempo ha mostrato una particolare sensibilità della nazione ai forti cicli economici di questi ultimi anni. L espansione economica ha subito una battuta d arresto nel 2008, in seguito all implosione della domanda mondiale e ha creato diversi problemi per il settore finanziario del Paese, che aveva fatto leva sull ondata di ricchezza giunta dalle esportazioni. Lo Stato ha dovuto intervenire nel settore finanziario, nazionalizzando due delle banche principali del Paese (tra cui l Alliance Bank, già componente dell indice KTX), e ricapitalizzando altre due banche (inclusa Halyk Savings Bank, componente dell indice) attraverso la sottoscrizione di aumenti di capitale che hanno portato il 25% del capitale sociale in mano allo Stato. Il Paese ha subito anche una svalutazione della valuta locale, la Tenge, all inizio del 2009, pari a circa il 18% rispetto al Dollaro USA. La crescita della partecipazione statale nel settore bancario non ha fatto altro che acuire un fenomeno già evidente per le altre principali società; la partecipazione dello Stato è salita al 63% nel caso di KazMunaiGas, al 25% nel caso di Halyk, al 15% per Kazakhmys e all 11,7% nel caso di ENRC 2. Questa posizione dominante dello Stato nell economia del Paese si riflette anche nei rapporti con gli operatori stranieri nel settore degli idrocarburi: dopo l iniziale periodo di sviluppo, sono emersi dei contenziosi con le società straniere, tra cui l italiana ENI, creando le condizioni per la partecipazione nelle operazioni locali di KazMunaiGas. Del resto, questi sono i sintomi della transizione da un mercato di frontiera a un mercato emergente aperto e favorevole allo sviluppo da parte di imprese private, anche straniere. Lasciando a parte le considerazioni di breve termine per quanto riguarda un possibile rallentamento dell attività economica cinese e l influenza dello Stato nelle imprese più importanti, si può ritenere il Paese tra i più promettente per il futuro. La catastrofe di BP nel Golfo di Messico comporterà il ridimensionamento, almeno in alcune zone, dell attività di esplorazione, aumentando naturalmente il valore delle riserve Kazakh. Lo sviluppo dei nuovi giacimenti di idrocarburi dovrebbe determinare un forte aumento delle esportazioni nei prossimi anni, aspetto che creerà le giuste condizioni per un boom non solo delle società come KazMunaiGas, ma anche nel settore bancario. In questo contesto, il fatto che le azioni di Halyk rimangano ancora del 70% inferiori ai massimi storici, segnati nel 2007, dovrebbe offrire un occasione di guadagno interessante. Di tutti i componenti dell indice KTX, però, forse il più interessante è ENRC grazie alla sua politica di sviluppo oltre i confini naturali del suo Paese d origine. La società ha approfittato del periodo della crisi per acquistare diverse miniere in Africa, assumendo delle partecipazioni in Paesi dove le condizioni per gli investitori stranieri risultano spesso meno che ottimali. Questa diversificazione è segno di una crescente maturità nelle strategie societarie, il che potrebbe portare notevoli benefici agli investitori lungimiranti. 1 Global Depositary Receipts un metodo di quotazione di società straniere presso la borsa di Londra. 2 Il controllo dello Stato nei confronti di ENRC è rinforzata dalla partecipazione di Kazakhmys, che controlla il 26% di ENRC. Grafico Kazakhstan ETF KTX Index NL ,53 Euro

3 Investment Report 026 pag. /11 Caffè. Materia prima. L analisi del caffè presentata nell Investment Report numero 12 del 2010 ha evidenziato il grande divario tra produzione e consumi che si è sviluppato in questi ultimi anni, con un deficit complessivo per gli ultimi tre anni pari a 20 milioni di sacchi (ciascun sacco ha un peso di 60 chili). Questa situazione ha portato a una notevole riduzione delle scorte e nella scorsa analisi pubblicata il 22 marzo era stato riportato il livello indicato dalla borsa ICE, che gestisce il future sul caffè arabica a New York, di 2,69 milioni di sacchi. Gli ultimi mesi hanno visto un ulteriore riduzione delle scorte, giunte ora a 2,25 milioni di sacchi (si veda il grafico riportato), in continuo calo sin dai livelli di ottobre 2008 e ormai inferiori del 52% rispetto all epoca. Inoltre, i dati sulle esportazioni mondiali, rilasciati recentemente dall International Coffee Organisation (ICO), hanno indicato un calo dell 8,1% per i primi sette mesi della stagione in corso (ottobre 2009 aprile 2010) rispetto al medesimo periodo di un anno fa. C o n l e q u ot a z i o n i d e l c a f fè che continuavano a sostare vicino ai costi di produzione, appariva evidente che la situazione era insostenibile nel mediolungo termine a causa della mancanza di incentivi ai coltivatori. Recentemente, pare che il mercato si sia accorto dell anomalia tra il mercato in deficit e le quotazioni relativamente basse, causando un forte rialzo, di circa il 20%, nel giro di poche sedute. Dopo questo forte incremento delle quotazioni che, stando a quanto riportato dalla stampa specializzata, è stato innescato dalle preoccupazioni dei trader per la quantità e la qualità dell offerta brasiliana, il mercato potrebbe consolidarsi prima di cercare una nuova direzione. Tuttavia, nel lungo termine, il trend rialzista è molto evidente e indica un supporto intorno a 135. Nonostante questo scenario tecnico e f o n d a m e n t a l e a p p a r e n t e m e n t e molto favorevole a una prosecuzione dell apprezzamento delle quotazioni, vale la pena di focalizzarsi sulle prospettive per la prossima stagione che inizierà il 1 ottobre. Essendo una stagione d abbondanza per il ciclo biennale del raccolto brasiliano, è lecito aspettarsi un aumento dell offerta mondiale; il Brasile conta per il 33% della produzione mondiale. Secondo le ultime previsioni rilasciate dall ICO, la produzione brasiliana dovrebbe aumentare da 39,5 milioni di sacchi per la stagione in corso a milioni nel 2010/11, che, insieme agli aumenti attesi per altri produttori importanti, dovrebbe contribuire a un aumento della produzione mondiale pari a circa il 12%. La produzione mondiale, secondo l ICO, sarà da record e nell ordine di milioni di tonnellate, mentre i consumi dovrebbero aumentare in linea con la tendenza degli ultimi anni, per arrivare a 134 milioni di tonnellate, anch essi da record. Queste previsioni indicano un mercato sostanzialmente in equilibrio, ma senza un margine sufficiente per ricostruire le scorte a livello mondiale, che sono previste nel 24% dei consumi per la fine della stagione attuale; un livello critico se si considera il rapporto del 35% di appena cinque anni fa. Occorre tuttavia segnalare una certa discordanza tra i dati dell ICO e quelli del FAS (Foreign Agricultural Service Servizio di Agricoltura Estera) degli USA, annunciati Grafico Caffè m 5.50m 3.25m 3.00m 2.75m 2.50m 2.25m Benchmark Certificate Caffè MINI Long Caffè MINI Short Caffè NL recentemente. Il FAS prevede una produzione mondiale di quasi 140 milioni di sacchi, con consumi per 131,5 milioni, lasciando il mercato con un surplus notevole che avrebbe l effetto di ridurre le tensioni presenti sul mercato. Va notato, però, che le previsioni attuali sono altamente speculative in quanto la stagione 2010/11 non avrà inizio se non fra tre mesi e quindi è più che probabile che tali stime siano soggette a revisioni. L importante è considerare che i consumi stanno crescendo con un ritmo costante intorno al 2% l anno, il che significa che la produzione dovrà espandersi costantemente per soddisfare questa domanda. Per ottenere questa espansione, il mercato avrà bisogno di prezzi più alti, il che indica una bassa probabilità di assistere al ritorno del mercato orso per il caffè NL NL Strike* 99,2733 Strike* 228,2249 Stop Loss* 107,15 Stop Loss* 210,11 Leva* 2,43 Leva* 2,69 13,66 Euro 0,560 Euro 0,506 Euro

4 Investment Report 026 pag. /11 Dollaro australiano. Tasso d interesse. Si profilano tempi interessanti per il mercato delle valute, dopo la decisione della Cina di abbandonare il cambio fisso contro il Dollaro USA a partire dal 21 giugno. La Banca Centrale cinese ha indicato, però, che un grande apprezzamento della valuta non è negli interessi della Cina, lasciando intravedere un contenuto apprezzamento nel prossimo periodo che ha lo scopo soprattutto di contrastare le forti critiche provenienti dai suoi partner commerciali, in particolare gli Stati Uniti. La domanda per gli investitori con posizioni in valute legate alle commodity, come il Dollaro australiano, è: quale sarà l effetto della decisione cinese sulla crescita economica mondiale e, di conseguenza, sui consumi delle materie prime a cui le loro economie sono strettamente legati? Il consenso tra gli analisti è che la decisione non sarebbe stata presa se non esistesse nelle autorità cinesi la convinzione che la ripresa economica mondiale sia sostenibile. È sostanzialmente per questo motivo che la decisione ha portato un ondata di acquisti sui mercati azionari mondiali, facendo rafforzare ulteriormente le valute come quella australiana. Il Dollaro ha avuto un andamento piuttosto altalenante contro l Euro da quando è stato analizzato l ultima volta (si veda l Investment Report numero 16 del 2010); dopo aver segnato dei nuovi massimi intorno a 1,40 (1 Euro = 1,40 Dollari australiani), ha subito un brusco ritracciamento verso la quota di 1,50, prima di rafforzarsi nuovamente, superando così la soglia di 1,40. I tassi d interesse nel Paese hanno dato un buon incentivo agli investitori nell acquistare obbligazioni denominate in Dollari australiani, grazie ai sei aumenti del Cash Rate, il tasso principale guidato dalla Banca Centrale del Paese, che ormai ha raggiunto il 4,50%. L appetibilità del Dollaro è stata confermata anche dai recenti dati rilasciati dal Ministero delle Finanze giapponese: tra dicembre e aprile, gli investitori giapponesi hanno segnato un aumento netto di 352,5 miliardi di Yen in strumenti finanziari denominati nella valuta australiana. Nello stesso periodo, questo importante gruppo di investitori ha venduto 2,3 mila miliardi di Yen in strumenti finanziari denominati in Euro. La storia più importante per questa valuta, però, rimarrà sempre quella della crescita cinese e, di conseguenza, la crescita mondiale; il brusco ritracciamento di cui si è parlato precedentemente è stato frutto dei dati cinesi che hanno indicato un rallentamento della crescita nel settore manifatturiero nel mese di maggio, combinato ai timori per l effetto contagio dalla crisi nella zona Euro. Per il momento, questi timori sembrano smentiti, ma con il Dollaro australiano sui massimi nei confronti dell Euro, gli investitori dovrebbero valutare il gradiente di rischio supplementare per ottenere, a livello di interessi, qualche punto percentuale di maggior rendimento. Per investire in valute estere, RBS offre un prodotto innovativo: Grafico Dollaro australiano Set Valuta Plus Certificates Dollaro Australiano NL I Valuta Plus Certificates, oltre che come alternativa ad un deposito, possono essere utilizzati strategicamente per investire sull apprezzamento di una valuta estera rispetto all Euro. I Valuta Plus Certificates hanno come riferimento tassi di interesse a breve termine per cui le variazioni dei tassi di interesse, il rischio tipicamente associato alle obbligazioni, incidono solo marginalmente. Variazioni minime dei tassi non impattano sul prezzo denaro-lettera del market maker, ma variazioni sensibili e di carattere eccezionale possono avere un impatto. FONTE RBS Gen 09 Mag Set Gen 10 Mag ,20 Euro

5 Investment Report 026 pag. /11 Eneriga solare. Energia rinnovabile. All inizio dell anno (si veda l Investment Report numero 7 del 2010), il governo tedesco ha indicato l intenzione di ridurre i sussidi disponibili per il settore fotovoltaico in Germania, danneggiando potenzialmente quello che rimane il mercato più importante al mondo per l energia solare. I tagli previsti dopo la recente votazione nel parlamento sono del 16% per i pannelli installati sui tetti delle abitazioni e l 11% per i siti convertiti all energia solare; un provvedimento che, sebbene abbia incontrato una parziale contrarietà nel Bundesrat la Camera dei rappresentanti dei singoli Stati all interno della Federazione dovrebbe passare nel corso delle prossime settimane. Malgrado un taglio dei sussidi rappresenti un fattore negativo per il settore fotovoltaico nell immediato, la ragione per cui è stato proposto è fondamentalmente giusta. Negli ultimi anni, i costi di produzione dei pannelli sono diminuiti del 20 30%, il che significa che i sussidi offrivano un beneficio economico troppo alto agli utilizzatori finali e, in più, ostacolavano la ricerca e lo sviluppo in quanto la vecchia tecnologia risultava già molto redditizia. Nel lungo termine, il settore continuerà Theme Certificate Energia solare NL sicuramente il suo percorso di sviluppo, com è facilmente dimostrato dalla recente decisione di First Solar Inc (12% circa dell indice RBS Solar Energy TR Index) di raddoppiare la capacità del proprio stabilimento a Francoforte. La decisione è stata guidata dal desiderio di soddisfare la domanda proveniente dall Europa con uno stabilimento vicino alla fonte di domanda, dove esiste il beneficio di lavoratori già ben formati nelle tecniche di produzione grazie allo sviluppo del settore negli ultimi anni ,95 Euro ENEL. Azione. Nella recente intervista pubblicata dal settimanale Panorama, l Amministratore Delegato di, Fulvio Conti ha ricordato che l azienda produce già il 12% di elettricità dal nucleare, nelle centrali in Spagna e Slovacchia, e che pur essendo molto elevato il costo per finanziare tali impianti il conto energia al privato potrebbe scendere di quasi un terzo dall impiego di queste centrali in Italia. Considerazioni che vanno contestualizzate in condizioni di ceteris paribus, a parità di altri fattori; tuttavia l iter burocratico e la costruzione di centrali nucleari potrebbero subire ancora molti intoppi, il cui esito appare affatto scontato. Proprio per questo mantiene un elevato impegno nello sviluppo di nuovi progetti e collaborazioni nell ambito delle energie rinnovabili; come il recente accordo con Rushydro, il maggior produttore di energia idroelettrica russo, o la partecipazione di Green Power in Desertec, il progetto fotovoltaico di produzione di energia nelle zone aride del Nord Africa. Sempre in ambito di rinnovabili, occorre segnalare l entrata in funzione in provincia di Sassari di 40 nuove pale eoliche da 1,5 MW, come espansione a 84 MW della potenza complessiva dell impianto di Green Power. Esplorando i dati di a livello fondamentale, a fronte di una crescita dei ricavi del 20% e dei margini del 16%, il risultato netto, a 1,050 miliardi, ha mostrato una contrazione del 45% rispetto al primo trimestre del 2009; in leggero MINI Long MINI Short NL NL NL NL NL NL NL NL aumento l indebitamento finanziario netto che ha quasi raggiunto i 52 miliardi di Euro. L andamento delle quotazioni si presenta da tempo inserito in un ampio canale laterale che vede i primi argini a 3,50 e 4,25 Euro; all interno di questi livelli l operatività predilige un atteggiamento di trading range, l eventuale fuoriuscita direzionale potrà acquistare consistenza mediante conferma dell attraversamento di 3,15 e 4,40 Euro. Strike* 2,85 2,09 1,54 Strike* 4,65 4,68 5,04 5,74 6,49 Stop Loss* 3,06 2,24 1,65 Stop Loss* 4,32 4,35 4,68 5,33 6,03 Leva* 4,51 2,32 1,72 Leva* 3,57 3,46 2,59 1,73 1,28 0,075 Euro 0,172 Euro 0,234 Euro 0,107 Euro 0,110 Euro 0,145 Euro 0,244 Euro 0,331 Euro * Valori indicativi registrati al

6 Messaggio pubblicitario La soluzione è semplice: obbligazioni Royal 5%. 5% fisso per dieci anni. Le obbligazioni Royal ti danno la trasparenza che stai cercando. Attraverso la tua banca di fiducia, puoi acquistarle e rivenderle quando vuoi, anche prima della scadenza, perchè sono quotate in continuo in Borsa Italiana (mercato MOT) con liquidità esposta da Banca Akros (Gruppo BPM). La tassazione è al 12,5%. L investimento minimo è di soli Euro. Scopri sul nostro sito Internet l intera gamma delle obbligazioni Royal, differenti per rendimento, durata e pagamento delle cedole. L emittente è RBS N.V. (rating S&P A+, Moodys A2). Periodicità cedole Ammontare cedole lorde Codice ROYAL 5% semestrale 5% fisso annuo NL ROYAL 8% STEEPENER semestrale 8% fissa annua per i primi due anni e per i rimanenti 8 anni 3 volte il differenziale, se positivo, tra il tasso swap 10 anni ed il tasso swap 2 anni, con cedola minima garantita del 3% NL Per la documentazione delle Obbligazioni Royal: Per maggiori informazioni: Numero Verde Il trattamento fiscale dipende dalla situazione individuale di ciascun cliente e può essere soggetto a modifiche in futuro. In relazione alle US Persons possono essere applicabili leggi USA. Tutte le suddette informazioni devono essere necessariamente integrate con quelle messe a disposizione dall intermediario in base alla normativa di volta in volta applicabile. PRIMA DELLA NEGOZIAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL BASE PROSPECTUS relating to notes approvato da AFM in data , IN PARTICOLARE PER I FATTORI DI RISCHIO, ED I PERTINENTI FINAL TERMS, nonché le SCHEDE PRODOTTO in particolare per I RENDIMENTI MEDI ANNUI GARANTITI. Il rendimento lordo del BTP 4% è 3,92% (dati al ). The Royal Bank of Scotland plc è un rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V.

7 Investment Report 026 pag. /11 Nuove emissioni. Obbligazioni Royal 5% Royal 8% Steepener Royal Operazione 10% Royal Four% Royal Variabile Max 6% Royal 5% Flex Royal Combinazione Perfetta Royal Protezione Royal Ripresa Royal 4% Royal 6 anni Variabile Royal 5,5% Inflazione Royal 8%-Euribor Royal Sicurezza Royal Tasso Crescente Royal 220 Royal EONIA 165 Royal Welcome Royal Italia 10% Royal 7 anni Royal Fisso-Variabile Royal 5 anni Royal 5.50% Royal Variabile Royal 3 anni Royal 70/100 NUOVE NL NL NL XS NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Benchmark Certificate su Indici AEX Bovespa BUX CAC 40 Index CECEEUR Index DAX DJ EuroStoxx 50 DJ Industrial Average Index EGX 30 Index FTSE 100 FTSE/ASE 20 Hang Seng Hang Seng China Enterprise Ibex 35 KTX Kazakh Traded Mexican Bolsa (IPC) MSCI Taiwan Nikkei 225 NYSE Arca Airline RDX (EU) S&P 500 S&P Australian Stock Exchange SMI Tel Aviv 25 NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL

8 Investment Report 026 pag. 8/11 Benchmark Certificate su Materie Prime Alluminio Argento Cacao Caffè Cotone Frumento Gas Naturale Granoturco Nickel Oro Palladio Piombo Platino Rame Succo d arancia WTI Zinc Zucchero NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Quanto Certificate su Indici Nikkei 225 RBS India ADR/GDR S&P 500 NL NL NL Quanto Certificate su Materie Prime Argento Oro Palladio Platino NL NL NL NL Mini Long su Indici DAX DAX Dow Jones Industrial Euro Stoxx 50 Euro Stoxx 50 Euro Stoxx 50 Nasdaq 100 Nikkei 225 S&P 500 SMI SMI NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Strike iniziale* Stop Loss iniziale*

9 Investment Report 026 pag. 9/11 Mini Short su Indici DJ Industrial Av Euro Stoxx 50 Euro Stoxx 50 Nasdaq 100 Nikkei 225 Nikkei 225 RDX RDX Russian Dep S&P 500 NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Strike iniziale* Stop Loss iniziale* Mini Long su Azioni Italiane BMPS BMPS BPM Fiat Finmeccanica Intesa Sanpaolo Mediaset Mediobanca Saipem STM Tenaris SA Tenaris SA Tiscali Ubi Banca NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Strike iniziale* 0,8 0,7 2,5 7,3 7 1,85 3,7 4,8 21 5, ,1 5,5 1,65 1,63 1,62 1,6 1,5 Stop Loss iniziale* 0,86 0,75 2,68 7,82 7,49 1,95 3,96 5,14 22,47 5,89 12,84 11,77 0,11 5,89 1,74 1,72 1,71 1,68 1,58

10 Investment Report 026 pag. 10/11 Mini Short su Azioni Italiane Banco Popolare Banco Popolare BMPS BMPS BPM BPM SpA SpA ENI ENI ENI Fiat Fiat Generali Assicurazioni Generali Assicurazioni Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo Mediaset Mediobanca STM STM Telecom Italia Tenaris SA NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL NL Strike iniziale* 5,5 6,2 1,2 1,42 4,5 5,5 4,65 5, ,2 20,4 11,3 11, ,78 3,25 3, ,7 1,1 18,5 2,2 2,3 2,5 Stop Loss iniziale* 5,11 5,76 1,11 1,32 4,18 5,11 4,32 4, ,19 19,38 10,5 10,78 16,74 19,53 2,64 3,08 3,23 7,44 8,37 8,37 9,02 1,04 17,2 2,09 2,18 2,37 * I valori indicativi sono riferiti alle rispettive date di emissione.

11 La presente newsletter non è distribuibile negli Stati Uniti o a soggetti statunitensi, né in Olanda o a soggetti olandesi, né a soggetti privati nel Regno Unito. La presente newsletter è preparata da The Royal Bank of Scotland N.V. ( RBS N.V. ) con meri scopi informativi e di marketing. Sebbene le informazioni contenute nella presente newsletter siano ottenute da fonti ritenute attendibili, non viene espressa alcuna dichiarazione relativamente all accuratezza o completezza di tali informazioni; né RBS N.V., né The Royal Bank of Scotland plc ( RBS ) possono essere ritenute responsabili né possono assumersi responsabilità alcuna sulle conseguenze finanziarie, fiscali o di altra natura che potrebbero derivare dall utilizzazione di tali informazioni. Nulla del contenuto della presente newsletter deve essere inteso come ricerca in materia di investimenti, né una raccomandazione o un suggerimento, implicito o esplicito, rispetto ad una strategia di investimento avente ad oggetto gli strumenti finanziari trattati o emittenti strumenti finanziari, né una sollecitazione o offerta, consulenza in materia di investimenti, legale, fiscale e di altra natura. Un offerta o invito all offerta, sollecitazione o raccomandazione a perfezionare un operazione può essere fatta solo sulla base del documento di offerta o, dove previsto, di un prospetto, che, per quanto attiene a strumenti finanziari emessi da RBS N.V. e/o RBS, si può ottenere gratuitamente scaricandolo dal sito it/markets oppure richiedendolo presso la sede RBS N.V. in via Turati 9 a Milano; per maggiori informazioni chiamare il Numero Verde , inviare un fax al o scrivere una a Le chiamate al Numero Verde possono essere registrate. L acquisto di strumenti finanziari sottopone a determinati rischi, inclusi quello di mercato, di credito e di liquidità. Gli investitori dovranno accertarsi di aver compreso tutti i rischi, inclusi il rischio di mercato, il rischio di credito ed il rischio di liquidità, prima di prendere la decisione di investimento. Gli investitori dovrebbero ugualmente attentamente considerare se gli strumenti finanziari sono a loro adatti alla luce della loro esperienza, obiettivi, posizione finanziaria e altre circostanze. Per ogni dubbio, si consiglia di ricorrere ad un parere professionale di un consulente indipendente prima di prendere la decisione di investimento. Né RBS N.V., né RBS si riterranno obbligate rispetto al destinatario ad aggiornare o correggere una qualsivoglia informazione. Nessun atto o omissione di RBS N.V. o di RBS, né di alcuno dei loro direttori, funzionari, impiegati o agenti relativamente alle informazioni contenute nel presente documento costituiranno, o saranno ritenuti costituire, una dichiarazione, garanzia o impegno di RBS N.V. o di RBS o di qualsivoglia persona succitata. Qualsiasi prezzo o analisi indicati sono stati preparati sulla base di presupposti e parametri che riflettono il giudizio di RBS N.V. o di RBS o selezione in buona fede; non viene quindi rilasciata alcuna garanzia relativamente all accuratezza, completezza o ragionevolezza di qualsiasi quotazione o analisi. Qualsivoglia persona che acquisti successivamente gli strumenti finanziari indicati nel presente documento dovrà basarsi sui termini del relativo prospetto definitivo; solo sulla base di tale documento si potranno effettuare sottoscrizioni degli strumenti finanziari e, in caso di contrasto tra quanto illustrato nella presente newsletter e le disposizioni contenute nel relativo prospetto, prevarrà il contenuto di quest ultimo. Senza pregiudizio alcuno della responsabilità legale per i propri obblighi informativi, RBS N.V. e RBS declinano ogni responsabilità per qualsivoglia costo, perdita o pretesa derivante da o in relazione all investimento nei prodotti qui descritti. Nella strutturazione, emissione e vendita di strumenti finanziari e relativamente a qualsiasi altra operazione ad essi connessa o altro obbligo qui indicato, né RBS N.V., né RBS agiscono in qualsivoglia forma come fiduciaria o consulente. Né RBS N.V., né RBS fanno alcuna dichiarazione e non dà alcun consiglio relativamente a qualsivoglia questione fiscale, legale o contabile in qualsiasi giurisdizione applicabile. Il presente documento non è destinato alla distribuzione o all utilizzo da qualsivoglia persona o ente in qualsivoglia giurisdizione o Paese in cui tale distribuzione, o utilizzo, possa essere contrario alle leggi o normative locali. Le informazioni contenute nel presente documento sono proprietà di RBS N.V. e/o di RBS e le stesse sono fornite su richiesta di destinatari selezionati e non potranno essere fornite (in tutto o in parte) o altrimenti distribuite a qualsiasi altra parte senza previo consenso scritto di RBS N.V. e/o RBS. Gli strumenti finanziari descritti nel presente documento sono strumenti di investimento che a scadenza rimborsano un ammontare che riflette le variazioni del sottostante. Ove gli strumenti finanziari vengano negoziati sul mercato prima della scadenza occorre, altresì, considerare le commissioni di negoziazione e lo spread denaro-lettera. L importo delle commissioni di negoziazione, determinate dall intermediario finanziario utilizzato, incide sul ritorno totale dell investimento; anche in caso di performance positive del sottostante la performance degli strumenti finanziari potrebbe essere negativa. Il rischio di questi strumenti è assimilabile a quello di un investimento nel sottostante, salve le peculiarità degli stessi strumenti descritte nel presente documento. Gli strumenti finanziari espongono l investitore al rischio di perdere l intero capitale investito. Il valore dell investimento durante la vita degli strumenti finanziari può fluttuare come qualsiasi altro strumento finanziario. I rendimenti passati non sono garantiti e non sono indicativi di quelli futuri. RBS N.V. non è un intermediario registrato né ai sensi dello US Securities Exchange Act del 1934, come modificato ( 1934 Act ), né ai sensi delle leggi applicabili negli Stati Uniti. Inoltre, RBS N.V. non è un consulente di investimento registrato né ai sensi dello US Investment Advisres Act del 1940, come modificato ( Adviser Act e, insieme al 1934 Act, Acts ), né ai sensi delle leggi applicabili negli Stati Uniti. Conseguentemente, in assenza di una specifica esenzione in forza degli Acts, qualunque attività di intermediazione o consulenza svolta da RBS N.V., inclusi (non esaustivamente) i prodotti ed i servizi qui descritti, non devono essere intesi come rivolti a soggetti statunitensi. Né il presente documento, né alcuna sua copia possono essere trasmessi o portati negli Stati Uniti o ad un soggetto statunitense. RBS N.V. è autorizzata da De Nederlandsche Bank ed è assoggettata alla regolamentazione della Financial Services Authority per quanto riguarda le norme di condotta per l attività svolta nel Regno Unito. Il contenuto di questo documento non è stato rivisto da alcuna autorità di controllo nei Paesi di distribuzione. Per ogni dubbio circa il contenuto, si consiglia di ricorrere al parere di un consulente professionale indipendente. The Royal Bank of Scotland Group plc. è autorizzata dalla, ed è assoggettata alla regolamentazione della, Financial Services Authority nel Regno Unito. The Royal Bank of Scotland plc (RBS) è un rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V. in alcune giurisdizioni e The Royal Bank of Scotland N.V. è una subsidiary undertaking di The Royal Bank of Scotland Group plc. Conflitto di interessi. L Emittente degli strumenti finanziari e agente di calcolo dei medesimi è/sono RBS N.V. e/o RBS; RBS N.V. e/o RBS hanno sviluppato i criteri per la selezione dei componenti di alcuni indici sottostanti, nonchè la loro metodologia di calcolo, ed è responsabile degli stessi. RBS N.V. e/o RBS e/o le loro affiliate, collegate, nonché dipendenti o clienti potrebbero avere interesse in strumenti finanziari del tipo descritto nel presente documento e/o in strumenti finanziari collegati. Tali interessi possono comprendere la negoziazione, il possesso di tali strumenti, l attività di market maker in relazione agli stessi e potrebbero includere la fornitura di servizi bancari, di credito e altri servizi finanziari a qualsivoglia società o emittente degli strumenti finanziari indicati nel presente documento. Alla luce delle circostanze sopra evidenziate RBS N.V. e/o RBS e/o le loro affiliate e collegate potrebbero avere posizioni in conflitto di interessi rispetto alla posizione assunta dall investitore. Le informazioni contenute nella presente newsletter, ivi comprese quelle sui rischi, sul trattamento fiscale e sul dettaglio dei costi relativi agli strumenti finanziari, devono essere necessariamente integrate con quelle, a cui si rinvia, messe a disposizione dall intermediario in base alla normativa applicabile, oltre che con quelle reperibili, con anche maggior grado di dettaglio, nel Prospetto di Base/Base Prospectus e nelle pertinenti Condizioni Definitive/Final Terms. Per quanto attiene in particolare ai rischi riconducibili a questi strumenti, si rinvia alla sezione Fattori di Rischio del Prospetto di Base e alla sezione Risk Factors del Base Prospectus, dove sono riprodotti i rischi generali connessi agli strumenti finanziari ed i rischi specifici degli strumenti finanziari oggetto della presente newsletter. The Royal Bank of Scotland plc/the Royal Bank of Scotland N.V. Tutti i diritti sono riservati, salvo diversa autorizzazione esplicita. È vietata la riproduzione in qualsiasi forma, parziale o totale, del contenuto della presente newsletter senza il nostro preventivo consenso scritto, tranne che per il solo utilizzo personale. Il presente documento contiene numerosi marchi registrati che appartengono a The Royal Bank of Scotland Group plc e ad altre società del Gruppo RBS. Questi marchi registrati comprendono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, il logo The Royal Bank of Scotland, The Royal Bank of Scotland e RBS. In caso di dubbi su ciò che è considerato un marchio registrato di The Royal Bank of Scotland Group plc o di un membro del Gruppo RBS, vi preghiamo di contattarci per chiarimenti presso la sede legale di The Royal Bank of Scotland plc. Iscritta al Registro delle Imprese in Scozia n Sede legale: 36 St Andrew Square, Edinburgh EH2 2YB. PRIMA DELLA ADESIONE/NEGOZIAZIONE LEGGERE ATTENTAMENTE IL PROSPETTO DI BASE/BASE PROSPECTUS E LE PERTINENTI CONDIZIONI DEFINITIVE/FINAL TERMS. Per saperne di più: visita il sito invia una a o chiama il Numero Verde The Royal Bank of Scotland plc è un rappresentante autorizzato di The Royal Bank of Scotland N.V. in alcune giurisdizioni.

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

ETFS Commodity Securities Limited

ETFS Commodity Securities Limited ETFS Commodity Securities Limited (Costituita e registrata in Jersey ai sensi della Companies (Jersey) Law 1991 (e successivi emendamenti) con numero di registrazione 90959. Sottoposta alla regolamentazione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING

NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING Integrazione Webank-WeTrade NOTE OPERATIVE PER IL NUOVO TRADING La fusione tra Webank e WeTrade, avvenuta lo scorso 18 dicembre, ha comportato alcune novità nella tua operatività di trading. Te li riassumiamo

Dettagli

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online!

Da oggi i Certificates si sottoscrivono anche online! un All interno intervista esclusiva a Pietro Poletto di Borsa Italiana 44 GENNAIO 12 GENNAIO 12 CERTIFICATES BNP PARIBAS Investire con un click Innovative soluzioni di investimento per cogliere le opportunità

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli