Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro. Provincia di Mantova. Rapporto a cura di:"

Transcript

1 Osservatorio del Mercato del Lavoro della Provincia di Mantova Analisi delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro Provincia di Mantova Rapporto a cura di: Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di Pubblica Utilità Sede operativa: Università degli Studi di Milano Bicocca Milano, Novembre 2011

2 Autori: Mario Mezzanzanica, Direttore Scientifico del CRISP e Professore presso l'università degli Studi di Milano Bicocca Claudia Graziani, Ricercatrice CRISP Gloria Ronzoni, Ricercatrice CRISP Alessia Bonizzoni, Ricercatrice CRISP Hanno collaborato inoltre per il trattamento ed elaborazione dati: Matteo Fontana e Nicolò Vegetti - Ricercatori CRISP 1

3 Indice Quadro di sintesi... 3 Introduzione generale alle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro... 6 Analisi dell ultimo contratto prima dell apertura dell ultima DID... 9 Analisi del primo contratto successivo all apertura dell ultima DID Analisi della Filiera dei Contratti Prima e dopo la DID: evidenze contrattuali

4 Quadro di sintesi In questo rapporto viene descritto l andamento delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro presentate dai soggetti della Provincia di Mantova. L obiettivo è incrociare i dati delle DID con i dati delle Comunicazioni Obbligatorie, aggiornati al III Trimestre 2011, per studiare le condizioni pre e post DID. Complessivamente nel periodo osservato le Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro presentate ai Centri per l Impiego della provincia di Mantova, ammontano a oltre 32 mila unità. Dal 2008 al 2010 le DID sono aumentate complessivamente del 12%, con una quota leggermente più alta di dichiarazioni nel Andando a porre l attenzione sui rapporti avvenuti prima delle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità si nota che degli oltre 55 mila rapporti associati a circa 23 mila soggetti, il 96% risulta chiuso prima della DID, mentre il restante 4% risulta ancora aperto. Il numero di rapporti medi per persona, calcolato al netto degli avviamenti giornalieri (che rappresentano il 9% del totale dei rapporti), risulta pari a 2,2. Concentrando l attenzione sull ultimo contratto prima della DID si nota che, su un totale di soggetti, il 49% presenta Dichiarazione di Immediata Disponibilità entro una settimana dalla chiusura del contratto, il 19% a meno di un mese e il restante 32% a più di un mese. Dall osservazione delle tipologie di contratto per i vari settori economici è risultato che, se per i settori dell Agricoltura e del Commercio e Servizi, la percentuale più alta è relativa a contratti a Tempo Determinato (rispettivamente 80% e 43%), per le Costruzioni e l Industria in senso stretto la quota più rilevante è relativa ai contratti a Tempo Indeterminato (rispettivamente 54% e 41%). L analisi dei contratti considerati nei vari settori ha presentato, per quanto riguarda l Agricoltura, una quota del 98% nella divisione delle Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi ; la qualifica alla quale è assegnata la quota più alta, risulta essere il Personale non qualificato dell'agricoltura con il 65% (v.di Tabella 1 e 5). Per quanto riguarda il settore del Commercio e dei Servizi, la quota maggiore è relativa alla divisione del Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) ; in particolare, analizzando le qualifiche, il maggior numero di contratti è relativo agli Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi (12%) (v.di Tabella 2 e 6). L Industria in senso stretto divide il 32% del totale tra la divisione della Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) e la Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia. La qualifica con quota percentuale più elevata è risultata essere, con l 8%, quella degli Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento (v.di Tabella 4 e 7). 3

5 Le Costruzioni presentano una quota percentuale pari al 55% per la divisione dei Lavori di costruzione specializzati, con il 30% dei contratti relativi alla qualifica degli Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture edili (v.di Tabella 3 e 8). Lo stesso percorso è stato fatto per quanto riguarda i rapporti avviati dopo la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro. Il totale dei rapporti avvenuti dopo la DID risulta pari a unità, con una percentuale del 72% di rapporti già chiusi e il 28% di rapporti ancora aperti. I rapporti medi per persona sono pari a 2, con l esclusione dall analisi degli avviamenti giornalieri, per un totale di oltre 20 mila persone. Replicando i passaggi precedenti e focalizzando in particolar modo l attenzione sul primo rapporto dopo la Dichiarazione di Immediata Disponibilità, è risultato evidente che su oltre 20 mila soggetti, il 23% è stato avviato a meno di un mese dalla DID, il 42% a meno di sei mesi e il restante 35% a più di sei mesi dalla DID. Osservando le varie tipologie contrattuali si è osservato che in tutti i settori la tipologia contrattuale con quota percentuale maggiore è relativa ai contratti a Tempo Determinato; in particolare per l Agricoltura i contratti a Tempo Determinato rappresentano il 91% del totale, per il Commercio e Servizi il 52% e per l Industria in senso stretto e le Costruzioni rispettivamente il 37% e il 53% del totale. La divisione che presenta una quota percentuale più elevata nel settore Agricoltura risulta essere, con il 98%, quella relativa alle Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi. La qualifica con quota percentuale maggiore è relativa al Personale non qualificato dell'agricoltura (v.di Tabella 9 e 13). Il Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) e le Attività dei servizi di ristorazione risultano le divisioni con quota percentuale maggiore per il settore del Commercio e Servizi, in particolare, per quanto riguarda le qualifiche professionali, il 12% del totale è relativo agli Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi (v.di Tabella 10 e 14). L Industria in senso stretto presenta una quota del 17% sul totale, per la divisione Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature), mentre per quanto riguarda la qualifica professionale la quota maggiore è relativa agli Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento (v.di Tabella 12 e 15). Infine, per il settore delle Costruzioni, il 64% del totale è relativo alla divisione dei Lavori di costruzione specializzati e la qualifica con quota percentuale maggiore è Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture edili (v.di Tabella 11 e 16). Una volta analizzati nel dettaglio i rapporti prima e dopo la dichiarazione di immediata disponibilità, si sono analizzate le carriere lavorative dei soggetti analizzando le dieci filiere più significative. 4

6 Complessivamente si osserva che il 40% dei soggetti non ha avuto più di quattro rapporti nella sua carriera e che il 12% del totale ha avuto un solo contratto a Tempo Indeterminato ed il 5% ha avuto due rapporti con contratto a Tempo Indeterminato (v.di Tabella 17). Analizzando nel dettaglio le filiere dei contratti prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro osserviamo che il 29% dei soggetti ha avuto un solo contratto a Tempo Indeterminato ed il 10% ha avuto un contratto a Tempo Determinato (v.di Tabella 18). Per quanto riguarda invece le filiere dopo la DID, si osserva che il 21% dei soggetti ha avuto un solo contratto a Tempo Determinato ed il 13% un solo contratto a Tempo Indeterminato (v.di Tabella 19). In conclusione è risultato di interesse osservare il passaggio dall ultimo rapporto prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro al primo rapporto dopo di essa, andando a concentrare in particolar modo l attenzione sulla tipologia contrattuale, con l obiettivo di analizzare il miglioramento o peggioramento della condizione lavorativa del soggetto (v.di Tabella 20). Il 62% dei soggetti sono stati avviati con contratto a Tempo Determinato prima e dopo la DID, mentre coloro che prima della DID avevano un contratto a Tempo Indeterminato e lo mantengono sono il 29%. Il 17% dei soggetti passa da un rapporto a Tempo Determinato all Indeterminato; viceversa, coloro che passano da un Indeterminato ad un Determinato rappresentano il 52%. Si rileva quindi una maggiore tendenza verso contratti flessibili a discapito di contratti permanenti. Complessivamente coloro che permangono in tipologie flessibili presentano una quota dell 80%, quota decisamente inferiore per coloro che si mantengono in tipologie permanenti (33%). Infine risulta significativa la quota di coloro che passano dal permanente al flessibile (67%). 5

7 Introduzione generale alle Dichiarazioni di Immediata Disponibilità al lavoro L analisi delle dichiarazioni di immediata disponibilità al lavoro depositate presso i Centri per l Impiego della provincia di Mantova si riferiscono, a Novembre 2011, ad un totale di soggetti, il 52% dei quali è rappresentato da uomini e il restante 48% da donne. Per quanto riguarda la cittadinanza coloro che hanno dichiarato immediata disponibilità al lavoro sono italiani per una quota del 69% (oltre 22 mila soggetti); gli stranieri arrivano a oltre iscritti, e le percentuali maggiori riguardano soggetti provenienti dal Marocco con il 6% degli iscritti totali, dalla Romania con il 4%, dall India con il 3%, e con una quota del 2% rispettivamente Albania, Ucraina e Bangladesh. Figura 1 - Persone che hanno dichiarato immediata disponibilità al lavoro per Cittadinanza La quota maggiore di soggetti che hanno presentato dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro negli ultimi anni è presente nel CPI di Mantova (39%), seguito dal CPI di Castiglione delle Stiviere (26%), dal CPI di Suzzara (16%) e, entrambi con il 10%, i CPI di Ostiglia e di Viadana. 6

8 Figura 2 - Persone che hanno dichiarato immediata disponibilità al lavoro per Centro per l Impiego L 89% dei soggetti che ha dichiarato immediata disponibilità al lavoro ha presentato, nella sua carriera, una sola dichiarazione, il 9% ne ha avute due e il 2% più di due. Dall andamento del totale dei soggetti in DID si nota come la numerosità maggiore sia stata registrata nell anno 2009 con oltre 11 mila soggetti, con un calo nel 2010 di quasi unità; il totale dei soggetti che ha presentato dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro, secondo i dati aggiornati al III Trimestre 2011, è pari a oltre 4 mila unità. Figura 3 - Persone che hanno dichiarato immediata disponibilità al lavoro per Anno 1 Il totale dei rapporti aperti prima dell ultima dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro risulta pari a , che interessano soggetti; il 96% dei contratti risulta chiuso prima della DID ed il restante 4% è aperto o con chiusura futura. Il numero di rapporti medi per persona è pari a 2,42, e scende a 2,20 1 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

9 rapporti per persona se non si considerano nell analisi gli avviamenti giornalieri, che rappresentano il 9% del totale dei rapporti. Il 49% dei rapporti analizzati viene invece aperto dopo l ultima dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. Di questi rapporti, il 72% risulta chiuso, mentre il 28% risulta ancora aperto. Analizzando i rapporti medi per persona, per un totale di soggetti coinvolti, si contano in media 3 rapporti per persona. I rapporti medi scendono a 2 se si eliminano dall analisi gli avviamenti giornalieri che, anche in questo caso, rappresentano l 8% dei rapporti totali. 8

10 Analisi dell ultimo contratto prima dell apertura dell ultima DID Il totale dei soggetti avviati prima dell ultima dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro risulta, a Novembre 2011, pari a Escludendo dal totale gli avviamenti giornalieri e analizzando le quote relative alla data di chiusura dei contratti si osserva che il 73% dei contratti viene correttamente chiuso prima dell apertura della DID, mentre ben il 27% dei contratti risulta ancora aperto dopo la DID. Andando ad analizzare il tempo che intercorre tra la data di fine rapporto e la data di apertura dell ultima dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro si osserva l andamento presentato in Figura. Figura 4 - Tempo d attesa prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro dopo l ultimo rapporto chiuso 2 Il 49% dei soggetti effettua la dichiarazione di immediata disponibilità entro la prima settimana dopo la chiusura del contratto, il 19% a meno di un mese, il 20% a meno di 6 mesi dalla chiusura del contratto e il 12% dei soggetti effettua la DID a più di 6 mesi di distanza dalla chiusura dell ultimo contratto. Analizzando le tipologie contrattuali dei soggetti presi in analisi si osserva che il 42% risultava con contratti a Tempo Indeterminato, il 36% a Tempo Determinato, il 13% riguarda i contratti di Somministrazione e il restante 9% si distribuisce tra Apprendistato, Lavoro a Progetto e Altre Comunicazioni. Per quanto riguarda i settori economici, la maggior parte dei soggetti appartiene al Commercio e Servizi, con un valore percentuale del 47%, segue l Industria in senso stretto con il 33%, le Costruzioni con il 7%, ed infine il settore Agricoltura con il 4%. 2 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

11 Per quanto riguarda il settore del Commercio e Servizi, il 43% dei soggetti risultava avviato con contratto a Tempo Determinato, il 42% con contratto a Tempo Indeterminato, il 5% con contratto di Somministrazione, mentre l 8% si divideva tra Apprendistato e Lavoro a Progetto. Figura 5 - Tipologie di contratto prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro3 - Commercio e Servizi Il settore dell Industria in senso stretto presenta una percentuale del 41% per il contratto a Tempo Indeterminato, il 28% per contratti a Tempo Determinato, il 24% per contratti di Somministrazione ed il 5% per il contratto di Apprendistato. 3 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

12 Figura 6 - Tipologie di contratto prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro - Industria in senso stretto Le Costruzioni presentano una quota percentuale significativa, pari al 54%, per i contratti a Tempo Indeterminato; segue con il 31% il Tempo Determinato e con il 10% l Apprendistato. Figura 7 - Tipologie di contratto prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro Costruzioni 11

13 Infine, per quanto riguarda il settore Agricoltura, l 80% dei soggetti risultava con contratto a Tempo Determinato, il 16% con contratto a Tempo Indeterminato ed il 2% con contratto di Somministrazione. Figura 8 - Tipologie di contratto prima della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro Agricoltura Sempre considerando i settori economici, sono state identificate le prime dieci qualifiche professionali più coinvolte nei rapporti precedenti alla DID. La qualifica con una percentuale maggiore per l Agricoltura è relativa al Personale non qualificato dell'agricoltura che rappresenta il 65% del totale; le prime dieci qualifiche rappresentano il 91% del totale, mentre le altre qualifiche presentano il restante 9%. Tabella 1 - Qualifiche dell ultimo rapporto prima della DID 4 - Agricoltura Qualifica Qualifica Ultimo Rapporto Personale non qualificato dell'agricoltura 65% Agricoltori e operai agricoli specializzati 9% Allevatori e operai specializzati della zootecnia 4% Conduttori di macchine agricole 4% Personale non qualificato addetto alle foreste, alla cure degli animali, alla pesca ed alla caccia Personale non qualificato addetto a servizi di pulizia, igienici, di lavanderia ed assimilati 2% 3% 4 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

14 Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 1% Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi 1% Artigiani ed operai specializzati delle lavorazioni alimentari 1% Operai addetti a macchine confezionatrici di prodotti industriali 1% ALTRE QUALIFICHE 9% La qualifica con percentuale maggiore per il settore del Commercio e dei Servizi è relativa agli Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi che rappresenta il 12% del totale; le prime dieci qualifiche rappresentano il 65% del totale. Tabella 2 - Qualifiche dell ultimo rapporto prima della DID Commercio e servizi Qualifica Qualifica Ultimo Rapporto Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi 12% Esercenti ed addetti alle vendite al minuto 11% Personale non qualificato addetto a servizi di pulizia, igienici, di lavanderia ed assimilati 9% Personale ausiliario di magazzino, dello spostamento merci, delle comunicazioni ed assimilati Conduttori di veicoli a motore e a trazione animale 5% Insegnanti 5% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 5% Artigiani ed operai specializzati addetti alla pulizia ed all'igiene degli edifici 4% Professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati 4% Professori di scuola secondaria, post-secondaria ed assimilati 3% ALTRE QUALIFICHE 35% 6% Le prime dieci professioni rappresentano l 81% del totale e la qualifica con più soggetti è Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture edili (30%). 13

15 Tabella 3 - Qualifiche dell ultimo rapporto prima della DID Costruzioni Qualifica Qualifica Ultimo Rapporto Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture edili 30% Personale non qualificato delle costruzioni ed assimilati 17% Artigiani ed operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni 14% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 4% Artigiani e operai specializzati dell'installazione e della manutenzione di attrezzature elettriche ed elettroniche Tecnici delle scienze ingegneristiche 3% Tecnici dell'amministrazione e dell'organizzazione 3% Meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (esclusi gli addetti alle linee di montaggio industriale) Artigiani ed operai specializzati addetti alla pitturazione ed alla pulizia degli esterni degli edifici ed assimilati Conduttori di veicoli a motore e a trazione animale 2% ALTRE QUALIFICHE 19% 3% 3% 2% Infine nell Industria in senso stretto le prime dieci professioni rappresentano il 45% del totale e la qualifica con più soggetti è Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento (8%). Tabella 4 - Qualifiche dell ultimo rapporto prima della DID Industria in senso stretto Qualifica Qualifica Ultimo Rapporto Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento 8% Fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori di carpenteria metallica ed assimilati 6% Operai addetti a macchinari dell'industria tessile e delle confezioni ed assimilati 6% Operai addetti a macchine automatiche e semiautomatiche per lavorazioni metalliche e per prodotti minerali Operai addetti all'assemblaggio di prodotti industriali 4% Meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (esclusi gli addetti alle linee di montaggio industriale) Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 3% Conduttori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli 3% Personale ausiliario di magazzino, dello spostamento merci, delle comunicazioni ed assimilati 3% Artigiani ed operai specializzati delle lavorazioni alimentari 2% ALTRE QUALIFICHE 55% 5% 4% 14

16 Una volta focalizzata l attenzione sulle qualifiche professionali, si portano in primo piano le divisioni ovvero viene dato maggiore dettaglio ai settori economici. Le Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi rappresenta il 98% del totale delle divisioni legate all Agricoltura, il restante 2% è rappresentato dal gruppo della Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali. Tabella 5 - Divisioni dell ultimo rapporto prima della DID Agricoltura Divisione Divisione Ultimo Rapporto Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi 98% Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali 2% Pesca e acquacoltura 0% ALTRE DIVISIONI 0% Il 12% dei soggetti appartiene alla divisione Commercio al dettaglio, segue con l 11% la divisione Attività dei servizi di ristorazione e con il 10% l Istruzione. Tabella 6 - Divisioni dell ultimo rapporto prima della DID Commercio e servizi Divisione Divisione Ultimo Rapporto Commercio al dettaglio (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) 12% Attività dei servizi di ristorazione 11% Istruzione 10% Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico 9% Commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) 8% Attività di servizi per edifici e paesaggio 7% Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte 5% Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese 5% Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti 4% Alloggio 3% ALTRE DIVISIONI 28% Per quanto riguarda il settore dell Industria in senso stretto, le quote percentuali maggiori appartengono alla divisione Fabbricazione di prodotti in metallo (16%) e Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia (16%). L insieme delle prime dieci divisioni costituisce l 85% del settore industriale. 15

17 Tabella 7 - Divisioni dell ultimo rapporto prima della DID Industria in senso stretto Divisione Divisione Ultimo Rapporto Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 16% Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli in pelle e pelliccia 16% Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 11% Industrie alimentari 11% Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca 9% Industrie tessili 7% Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche 5% Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 4% Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi i mobili,null); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche ALTRE DIVISIONI 15% 3% 3% Infine, nel settore delle Costruzioni, le quote percentuali maggiori appartengono alla divisione Lavori di costruzione specializzati (55%), Costruzione di edifici (37%) a cui segue con l 8% Ingegneria civile. Tabella 8 - Divisioni dell ultimo rapporto prima della DID Costruzioni Divisione Divisione Ultimo Rapporto Lavori di costruzione specializzati 55% Costruzione di edifici 37% Ingegneria civile 8% ALTRE DIVISIONI 0% 16

18 Analisi del primo contratto successivo all apertura dell ultima DID Seguendo lo stesso percorso si possono analizzare nel dettaglio i primi contratti aperti dopo la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. I soggetti avviati dopo l ultima dichiarazione sono pari a unità, esclusi dal totale gli avviamenti giornalieri. Andando ad analizzare il tempo che intercorre tra la data della dichiarazione di immediata disponibilità e la data di apertura del primo contratto dopo di essa si osserva il seguente andamento. Figura 9 - Tempo d attesa prima del rapporto successivo alla dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. 5 Per il 42% dei soggetti l apertura di un rapporto avviene a meno di un mese della dichiarazione di immediata disponibilità, il 23% a meno di un mese, il 20% a meno di un anno dalla DID ed infine il 15% dei soggetti avvia un rapporto a più di un anno dalla dichiarazione. Il 49% dei soggetti viene avviato mediante il Tempo Determinato, seguono con il 20% i contratti a Tempo Indeterminato; il 19% riguarda i contratti di Somministrazione ed il restante 12% si distribuisce tra Apprendistato, Lavoro a Progetto e Altre Comunicazioni. La maggior parte dei soggetti viene avviato nel settore del Commercio e Servizi (58%), l Industria in senso stretto presenta una quota del 27%, seguono con il 6% le Costruzioni e con il 5% l Agricoltura. 5 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

19 Il settore del Commercio e Servizi presenta il 52% di soggetti avviati mediante contratto a Tempo Determinato, il 25% con contratto a Tempo Indeterminato, il 7% con contratto di Somministrazione; il restante 15% si divide tra Apprendistato, Altre Comunicazioni e Lavoro a Progetto. Figura 10 - Tipologie di contratto del rapporto dopo la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro6 - Commercio e Servizi Per l Industria in senso stretto il 39% del totale dei soggetti risulta avviato con contratto di Somministrazione, il 37% con contratti a Tempo Determinato, il 15% a Tempo Indeterminato e il restante 8% si distribuisce tra Apprendistato, Altre Comunicazioni e Lavoro a Progetto. Figura 11 - Tipologie di contratto del rapporto dopo la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro Industria in senso stretto 6 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

20 Il 53% dei soggetti per il settore delle Costruzioni viene avviato mediante contratti a Tempo Determinato, il 27% con contratti a Tempo Indeterminato, il 9% con Apprendistato, il 6% con contratti di Somministrazione ed il restante 3% con Lavoro a progetto e Altre Comunicazioni. Figura 12 - Tipologie di contratto del rapporto dopo la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro Costruzioni L Agricoltura presenta una percentuale molto alta per quanto riguarda i soggetti avviati mediante contratti a Tempo Determinato (91% del totale). Figura 13 - Tipologie di contratto del rapporto dopo la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro Agricoltura 19

21 Considerando separatamente i settori economici sono state identificate le prime dieci qualifiche professionali più coinvolte nell apertura del primo rapporto successivo alla DID. Analizzando il settore dell Agricoltura si può notare che il 69% dei soggetti viene avviato nella qualifica Personale non qualificato dall agricoltura. Tabella 9 - Qualifiche del primo rapporto successivo alla DID Agricoltura 7 Qualifica Soggetti Avviati Personale non qualificato dell'agricoltura 69% Agricoltori e operai agricoli specializzati 10% Conduttori di macchine agricole 3% Personale non qualificato addetto alle foreste, alla cure degli animali, alla pesca ed alla caccia Allevatori e operai specializzati della zootecnia 2% Operai addetti a macchine confezionatrici di prodotti industriali 2% Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi 1% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 1% Personale non qualificato addetto a servizi di pulizia, igienici, di lavanderia ed assimilati Conduttori di veicoli a motore e a trazione animale 1% ALTRE QUALIFICHE 7% 2% 1% Per quanto riguarda invece il Commercio e Servizi, gli Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi raggiungono la quota più alta con il 12% del totale. Tabella 10 - Qualifiche del primo rapporto successivo alla DID Commercio e servizi Qualifica Soggetti Avviati Esercenti ed addetti alla ristorazione ed ai pubblici esercizi 12% Esercenti ed addetti alle vendite al minuto 11% Personale non qualificato addetto a servizi di pulizia, igienici, di lavanderia ed assimilati Personale ausiliario di magazzino, dello spostamento merci, delle comunicazioni ed assimilati 7% 6% 7 I valori relativi all anno 2011 sono aggiornati sino al III Trimestre

22 Artigiani ed operai specializzati addetti alla pulizia ed all'igiene degli edifici 5% Professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati 5% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 5% Conduttori di veicoli a motore e a trazione animale 5% Insegnanti 5% Professori di scuola secondaria, post-secondaria ed assimilati 3% ALTRE QUALIFICHE 36% Per quanto riguarda le Costruzioni gli Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture edili raggiungono la quota più alta con il 6% del totale. Tabella 11 - Qualifiche del primo rapporto successivo alla DID Costruzioni Qualifica Soggetti Avviati Artigiani ed operai specializzati addetti alle costruzioni e al mantenimento di strutture 6% edili Artigiani ed operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni 4% Personale non qualificato delle costruzioni ed assimilati 3% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 1% Tecnici delle scienze ingegneristiche 1% Artigiani ed operai specializzati addetti alla pitturazione ed alla pulizia degli esterni degli 1% edifici ed assimilati Conduttori di macchine per movimento terra, di macchine di sollevamento e di maneggio 1% dei materiali Fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori di carpenteria metallica ed assimilati 1% Meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili 1% (esclusi gli addetti alle linee di montaggio industriale) Conduttori di veicoli a motore e a trazione animale 0% ALTRE QUALIFICHE 82% Le prime dieci qualifiche per l Industria in senso stretto rappresentano la metà del totale; la qualifica con quota maggiore e pari al 7% sono Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento. 21

23 Tabella 12 - Qualifiche del primo rapporto successivo alla DID Industria in senso stretto Qualifica Soggetti Avviati Artigiani ed operai specializzati del tessile e dell'abbigliamento 7% Conduttori di impianti per la trasformazione e lavorazione a caldo dei metalli 5% Fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori di carpenteria metallica ed assimilati 5% Operai addetti all'assemblaggio di prodotti industriali 5% Personale ausiliario di magazzino, dello spostamento merci, delle comunicazioni ed assimilati Operai addetti a macchine automatiche e semiautomatiche per lavorazioni metalliche e per prodotti minerali Meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (esclusi gli addetti alle linee di montaggio industriale) Operai addetti a macchinari dell'industria tessile e delle confezioni ed assimilati 4% Personale di segreteria ed operatori su macchine di ufficio 4% Personale non qualificato delle attività industriali ed assimilati 4% ALTRE QUALIFICHE 53% 4% 4% 4% Andando ad analizzare le divisioni nelle quali risultano avviati i soggetti dopo la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro osserviamo le seguenti distribuzioni per settore: il 98% degli avviati nel settore agricolo risulta impiegato nella divisione delle Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi, e il restante 2% nella Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali così come succedeva per l ultimo rapporto prima della DID. Tabella 13 - Divisioni del primo rapporto dopo la DID Agricoltura Divisione Soggetti Avviati Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi 98% Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali 2% ALTRE DIVISIONI 0% Nel settore del Commercio e dei Servizi, le quote maggiori sono distribuite nel Commercio al dettaglio (12%) e nelle Attività dei servizi di ristorazione (12%). Il 72% del totale si distribuisce tra le prime dieci divisioni. 22

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE A.U.L.S.S.12 VENEZIANA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Febbraio 2014 Direttore: Giancarlo Magarotto Responsabile linea lavoro sicurezza e antiinfortunistica Pier Maria Jagher Dirigenti medici Maria Vincenza

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE 1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE Il lavoro interinale (o in affitto che dir si voglia) è un contratto atipico che permette alle imprese di utilizzare per un periodo di tempo prestabilito (quindi temporaneo)

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici

I G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti Pubblici Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Il sistema di classificazione dei progetti nel CUP Classificazione CPV a parte M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali

4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali 4. La dinamica occupazionale e il ricorso agli ammortizzatori sociali di Maurizio Gambuzza e Maurizio Rasera * La conclusione del 2011 ha portato con sé molte delusioni. La sua prima metà aveva fatto sperare

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012

METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 CONTRATTO METALMECCANICO ARTIGIANATO DIVISORE ORARIO 173 MESE 09.2012 IMPIEGATI OPERAI LIV. QUALIFICA RETRIBUZIONE INDENNITA' TOTALE TOTALE mensile mensile TABELLARE INT. PROV. MESE ORA orario 01.01.02

Dettagli

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO

Cronache DAI CENTRI PER L IMPIEGO NUMERO 9-2º anno di crisi DAI CENTRI PER L IMPIEGO Supplemento a Cronache da Palazzo Cisterna. Autorizzazione del Tribunale di Torino n. 1788 del 29.3.1966 - Poste Italiane. Spedizione in a.p. Cronache

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto:

PREMESSA. Il nuovo sistema classificatorio del personale è volto: PREMESSA La riforma del sistema di classificazione del personale civile del Ministero della difesa è stata realizzata in applicazione del CCNL 2006/2009. Nel quadro di adeguamento delle competenze e delle

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO

RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO reusing&recycling RIUTILIZZO E RICICLO DEI RIFIUTI SOLIDI: UNA NUOVA OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO Mo. Re. & Mo. Re. per una governance innovativa della gestione dei rifiuti. Programma LIFE08 ENV/IT/437 Azione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011

COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA. Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 COSTRUTTIVA LA FESTA DELL EDILIZIA Il controllo dei PART - TIME Perugia 08/09/2011 Le novità del rinnovo CCNL industria Ieri Ieri L art. 78 del CCNL industria siglato il 18/06/2008 già prevedeva i limiti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI

ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI ISTRUZIONI PER INDIVIDUAZIONE DEL CORSO A CUI ISCRIVERE I LAVORATORI Per individuare correttamente il tipo di corso a cui iscrivere i propri lavoratori occorre applicare quanto stabilito dall Accordo Stato

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

TESSILE E MODA ARTIGIANATO

TESSILE E MODA ARTIGIANATO TABELLA A - CALZATURIERI - TESSILI - STUDI DI DISEGNI TESSILI AGGIORNAMENTI ccnl: Agosto 2014 ccril: aprile 2000 prossimo aumento aprile 2015 IMPIEGATI 6 LIVELLO ex prima categoria 5 LIVELLO ex seconda

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009

TABELLA DI RACCORDO TRA ATECOFIN 2004 E ATECO 2007 a sei cifre, decorrenza 1 gennaio 2009 01.11.1p 01.11.10 Coltivazione di cereali (escluso il riso) 01.11.1p 01.12.00 Coltivazione di riso 01.11.2 01.11.20 Coltivazione di semi oleosi 01.11.3 01.13.30 Coltivazione di barbabietola da zucchero

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società

- La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società Registro Imprese - La denuncia di inizio, di modifica e di cessazione dell attività delle società - I trasferimenti di sede da altra provincia Come descrivere l attività Sintetica, chiara e concreta SI

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Industria metalmeccanica

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Industria metalmeccanica Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Industria metalmeccanica Declaratorie contrattuali e profili Art. 4 - Classificazione dei lavoratori I lavoratori sono inquadrati in una classificazione unica articolata

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli