START HAEU AHUE HAEU AHUE - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "START HAEU AHUE HAEU AHUE - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;"

Transcript

1 START F E - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;

2 PROPRIETE EXCL USI VE DES ~ A R CHIVES HISTORIQUES DE L 'UNI ONE UROPEENNE. TOUS LES DROI TS DE REPRODUCTION E T D'EXPL OI TATI ONLE UR S ONT STRICTEMENT RESER VES. E) CCL USIVE PROPERTY OF TI-IE HJSTORICAL ARCHIVES OF THE EUROPEAN UNI Olv. ALL THE RlGHTS REGARDING THE USE AND REPR ODUCTION OF - THESE DOCUMENTS ARE S TRlCTL Y RESERVED..-

3 ARCHIVES HISTORIQUES DE L'UNION EUROPEENNE FONDS CODE: DOSSIER: * * * * * * * * * *** FMM-SO noooooso DATE: 15/06/ /07/1972 TITLE : Préparation du Sommet des Neuf à Paris

4 DIllJt\'IOJr a RELATI ce nulli D RES j et I LM r elaucme ' OODOaiqu.. ex\'rifti'm d. 1& CCWltJrJ*u U dan. l'op11qu. S..., ,lu. 00\lJ' '1I a1n... OD.. pu r-.rqu.r un or oonald'rabl. d.. r6un1on. d" ' ud. yl.an\ pr401 r l.. _ ", l. 0011'_...U.. l. d.. la oonf ' ndo. au ~. 1. :I" r l z pr4wa pwr 1. aoi. li' 00\ 0'0" prooha1ll. ~ t.u. 'la\ 101 4e 41. 0\& qui OD' _ 11-. u i n 4. ITGUP" fora4. p 11' '. repr4.entatlv 4.. aill.mz u.n1yanl\a1r 4. 1& pree, d. 1. "bu. ln... OMml nu 7 - conoaman' aplclt1qu_lil' la da.a1na do.. r alauol18 'oonomqu.. en'r1wr C.,..n,' ' larpa. cm conaid.!'ti, etf.'. qua 1. s-a., 4evraH pouyol r fou.mlr t re au:tna, 1' 000& d.. aiea 'UDir l ld... U i'., l a aolldar1".. l. ea..lnaut', Dl z wia-l-vla l ' ez1' r l-.r, ' lule P&M. n l.. ~ probu t opuona el '. venir. J. ' p ' r e ""n. n..n. l. OII&1ne.. ralauona R't'rleur.., l. SCIalle' placa u.d coratuta.t. tao""" cl' tvolu:t1od l. portall:'., d.cm 1. riu,6na&.ent:.,.u on' tal re in'amaucmal, l... or po l U lqua - a1 nal fiu''o l qu., ed oa qu.1 conoern. noi _ VIi 1_ J apon - 4. l' trt-e-orieni, 1& oont'roa:iauon a... o 1.. prq. ea Y'Ol. cl. 4.1'... lop~t De ocmat1t uent qa. 1 a~l.. 1 p lu.. t rappadl../ 2

5 - 2 - Pa r al11.-ra, 1''' n cl.. arand entl". politico ' oollgalqu.., projet ar l'an 2Q(X). p.mn d. tojsllar oan. i n ~potb'... :1. n4l.,nbauoa. d. pol 4a, DO,*-en1 ' ooncatqua, at cl ' b an u. oa c1ada l.. "lauoi1ii lmerna'u Ollal... doa:' l a C~ n.u ".. Di s.tevralt J. one et "Jl t-ur ooapt Carta1nea te o. JIlpotlL... nde!j,ì pou.r..ocapt'., par es_pl., an. cl1a1au:u 4e 1& pam PII J._ '\at...oru. 01. O ~ 21- )0 f. d. l'açfpt _..l, alon la part d. la C~u:U io D1s d.ena1t oror"... euylrcm ~ ~ da o~.ro. aon4tal pou:n n t 4eYmir 'riba."ta1re 4. ee 4am1U'...bla. Saaa YCNloi r.'&'y_"'...r.:1an8.1.. tonu.1auona ohittr6.. ~J e1 Japoa,. 1& Chin., d. }'U S.S., ato., 11 oonvieni, oaped1ant. li' l ' re d. l'lçortanoa l ' m l u1. i on en OO1ln, " an' do qua 1.. tranatonlau ona, l b au ' oo'll.oa1 qv... et 1.. ~D&I"ea\ t ~COol.' l ona pol1tiqu auxquall al la domaera 11 na p«ri'eai 'incitar la Cowun. ut ' nou.vall. l rwlt Ol"Oar.. eol1i1ari" tnt.ma et -.nema.t.... Ura aur pl ed - d'. l. SOlDi_' d, ' octob - un a40&d1 appropri' cl. r epriaent a U on ha.o &'n. et.s.. D'cooiatlcm 'rlh.-n. 4. l ' u t ' riwr. C'..1 t out parilculur_ent o.;l. mi. r u peot ~ rau l 'obj.t d" _ d. p111. 1'ftDtI.. a otul U', au l bl en danti la paru. oonunctal. d. la C. T.. E. ' larp. qu 'ejj, Gnnd..:eret acn.11 O. qui O l. rgh.s. la C t. ' 1ar(1., on 1.t., un. 4ou.' 1. m luuon I lime rech.rob.1 ' or pntn U on. \ de.1:abl 11..Uon aa 1D da l'm..bl.t. l ' rope ooald.mt&le - l tra n 1.. ac:thldou d l. D6pola't10M d ' u ao ol attor., d'un. part, et; l e lario_c't.1. l'ud1 cm Ioonca1qu 1..an't.alre, d.'aut r. part. -.t 4...ni. d.. 1I011dar U ' l n1:emau od&1. (Oroa.p. d.. DiI, m, CI"UC, 0:0.,.'o.).../ )

6 - ) - 1Aa pr'oocu. ~'ldmi l.. plu a rquant.. d.. 1nt_n""". aus: 8011aqu.. liilsq'ilal. _.. aul. " ponalent. DO"-"'. A I' la "'o_h' e 4'f1n1r h a.,..,.te,ro~l"" et o'u... e,011 t,l qua ~1qu. _,ft...,.pia. OD. oina ld41:ri4uau.'. ~CI'l_..t. et de priol a. r l.. M7-- at. oa.4ree lm'\ltl1 tlomael. p.rwlttaa.... _.al' Ittloao. eo' 1& polulq'l1 n1... rlwi"e la C ".. 1:1:1:,.0'---' 4aDe l. J.-.1na, o- eoalqul ( CI pai'1:1cn.u. r, aveo l.. O. S.A. t l. Japon.t la Ch1ae. l' "...roplen. 1.. pa,ji; ed,,"01 4nelopp.eo\ - oa PVD). J l 4erl_\ 4 ' g tam, l ua laponant d. 4onDe!' tull "l''''... a.. qu.le11cm11 ~. 4.. Nh' aao.. t.portam.. JIO'U...- a tt-.1cn :1& 111 ea plao. t '1m ~ U 01\61at" l nt.n-.u onal ne'bi, un noa,y -.u, -romy,l- 4. Dfc"ocl a U ona '~qu t ~.ro l.1.. (tarlt air.. et pua-tarlfure., acrtool to.), la COIlt ' nnoa pr4conl.'. eul' l a "cu1.1' fl ooop45rauol1 tlii lu'opl. CI qui oonceme }"volutlon int araat lona!. l lctuli. d. 1i bl e. d' l nt. re. ct l on. pol l tt,y, '.ux II }...17 d. l1cn" Ila roroe d t l a t orau.1at l on d..c~ l nt.l- La premi''' ~ ~,. par }'habltud. l oonat d'rer l e. on4e OQlllli. 'Unt a biuri." en ara.d-ia. ne.bl.. IfocraP"qu. plu O\l 1I01»a oaraourl... par d. a~ t. prit're'iel. In "'t're eon'taire, ca.a.rot al. ou d' i UY 'l...en'\., J 'aid. 'oonw.iqu.. pou.rra1" oonvea1i onnell_ed'\ oarao" rl r oe"., par UD U. ""10&1.

7 , la dtu...rl '\ ce p&rt. do. 1& oonall1trauon qua 1& DOpaCI- '\rau _ d. l a rloh... e'\ l a oi'giaaana., IlOt_en\ 11"108.. l '1n'..u.d.. ' oha.ni, et.. 11l'Y..Unaa:::l. prh '. ~ 1. pro4ucuon,,co! l polarl 1" c ' re. poca" aodo, Wl à6l1.ph'n t on. l J1du~.ri&118,... hai.piolro....o-j..,.lopp'. la l1w..l18a U cm 1:&1re.,, :1u. u e a nw-e eroi.nn'., :1au o.lui li.. po l U l qu 'oonca1qu.. u. eaid l*a1.~". or.! o0d8\1\lleral't l e aotwr Wl 4' l opp.eo\ ;1...bl.t d... eon... ~ pou.ral '\ caraot~ n..r o. ". tcdano. par UJl ax. boriecm'al.. ~t L' i m en ee, l.. _tre l.. RJl,\-..1uo../ r eprie ent '. 1Ù" r1eu.re.., e1 la oonoert.uoi1 r1anii I. ' c.a1n 0n4- DOta.-. Glt par la ooneeptlcm d.. prif.reno... n U _' ed tayw.r il PYD, P&J' 1.& DO'Uon de dnu. li. 'U ne" ap401au.s - 'U.eD' centrai prf8u86 d:u. qau licm4:\a1n tntematto_l ea 00\1" ~ ' labon.uon U'.- l ' d ii... ","l ow. e t.t par l " roat on d. pnr'r-ao.. l r..v.n,. p401&1.., t cematn. pnconteet l e re-plao..m t par 4.. &ft'allc_.u. l....t '. l d. JNbl1que, t.tanoe 'teolm1que, accorda.onaa: d.. atabu t..uoll et reval. rtaau on et.. t_m.. 4. l " cban, oonoertatton ed "'t 're 4. produott on, approv t. t on D..ent et cl' t~ OOIDerolal.,,er ' urba' l ona ~_ carac"re.0cl &1., r4c1onal. era f onc U on,.. parucul1er, J De ' ou.t. 'vlj..,o., un. l1b4rau..u on ulurleure Je. 'ohanlh, volre... pwr d ' auo\llte. l 'objeout,.. ' erae d. 1"11 II1flaUon d. drou. de douan. peut qve pr'olpli er la oonoeri a ' l on l et Il.. pdt'reno.. i.rtfair ne i.. ntveauz appropr l... o. _ j e" la tendano_ oon.l.'ut l auribu.er un rcle aohu.r not_ant.. la d olauon et oonoeria\1on m ' re O.S. A.., C~" N l.l " ' luci. et Ja pon rlnneu l. un oon.enn. 'teaj.u. e eet&ila "rtbaant une prioriu.. la M olauon.t cono.nau oa entre C. E. l. ei t..t...r!jl,l J) ' ol l 8p4oulaUODa au. _ j et Il.. teacl.... de co n'\ao' OR nlcool a'loft l.. pla ppropri'.,4oat 11. era q\l..u on pl llll ba.a.../ 5

8 -,- " _ eont._ 4. o.. ooni.o'h.t ~l'ooi.\1ona DO~eD1 ateo 1.. U.S. A. OD 01t. ~ p&n l ma.u er la torsalau on d. proposl - tiona..ti la ocmaol14auod dee \alano. ollan, l. DOnt ret OUT. ed' oapl1aaa. l"t.u ' un.,.,..... l. toi.cuple. 't: ocmi r81. q obuc...'. d. pariu ""n ar-n-i. 1. (..._Naa~.~ Udan~ l la (010 la 0011 U o' 'MUtai... ~ la."'~1l1u ~. (OIlOU_..,\.. q.n..."'1...01>41.1).., fono U OIl e l " vol u:u OD.. " ' OODc.1qu.. liodd1a l... la,..\10 d..!roti. '\l nc'. p401&1lk iou1 ed tell&b'\ OOlIpt... beeolna à PVD, l'" 4' un ' qu111br. 'ad. 1.. t&al 1i "" ~«rolal " l accordar &U PVD, dane l'orp.a.1aaucm 4.. IllU'Cb4. acrtool.. 1IOnd.1&\lS.. d.ana 1.. ln"..u..._,. " ~n nspeout.t dane l'aot,ivit' d.. ~1'1'.ultlnatlonal... A o.t atl.,. DA,.ol1l1ar1\' aon4\a1re aoci'q.' cl. l' urop. parati po. tul.r la Ofta \1on ".1i. pnoon1n' 4 ' u?'onu uroplen d. coop'rau on aob'" tair l a.u".' d.!oc l f t ~.ul\ln,tl on,l 1 ati. aont... ~. quant.. la qua.u Oft 4. _YOir q'u.11 t l ' p pl.u.r d. l.,. l n:1' perto.1ado. d. IltanOftYre. d. l wr tenuano. 1' t.ra "'«1qae liur l " vo lu U cm 4.. rel.uon. 4oonoslqu. " tlnanal.re. 1n".1'11&Uonal, d. l..r.t,., wr l a ooncu.rreno, U ber U.i" ' obancae, e'\o. Au "jet l, eon. on t.u r eleyer al paru ouu. r l e ~ e 4. " ranapareno. ~ e. r l.. coma.ratal... " d. ooncurrenc. ooncel'dl.jlt oe 9..,._. l l1quel oona'\!"u. pou.r '\ad" 1111 C'J"&Ild -.roh' Y1..-.l-1'1. J.uquel OlI.1o U e y1ncer l e a ou.y.en" d. U WraU"UoD d 'ohanc" e" d 1n" U en" l con..11 " on 4a.'anhllJ.re INr.tu ri. l.. att10a0" pclui' M "ar d.. bou.leyen_ct. 4.. urcll'e /6

9 , L' lyol ttu o 6oontalqv.. a..j&ii" 1eDdano. à.'uolp ar,..l 'apri. la _Jor1'\' op1n1ona uprljm.., pro,eo\1omi.... " J. la no Uon d.. prlt ' naol tariw,.., 11 con.,1-." l '' plr..cllir d&v&iltae- l 1& f oia wr l a ona'uon d, ' enae bl. l a..iua1.r l a b ba"'\lliient coneurrcn,\1.1., pcnyul't faire t aoe l '. boliuon d.n '-rrl'r.. ~.ro1&l,. t wr 1.. OonNqu.. soci.l.. i riponal.. " la 11W rallauoil uli. ri...,.... 'a.mdcu. t.. U. S.l., la C. E lar&1_.t l. &apon, 4"UMI.... pa.rtacer.. l'&... w r Wl. pam a port&n\. li&1"chfa MDo11aas J...,.,..l a.t. ' m t m.1r. Ar.. " Cl lneo. pu bl...:i. f.vori r 01". 'YQl aun a11l11! qu. ' 1m.carot... c t.t. la parto 11.. P'VD danl l" oonolll. aond.l.1e.tu W J I ' da 1& Chini, vn. Opin1 OD l a t ' r ant. J.4tlnU 01 ~b l. C~. Jl" tant "Id An i, Ai c...n1.,. n1 nl)-. I l a laci"!s ' un ~ n'.., pae o, lnt 1'1 '1.le o on.~upd I t qvi.,.ct OODa'\l'\llra lui &vec l. a olna 4'lnt l n GUon,.. u'ble d.. l en.n... "w 'i al aouha1tant UDI b&lado. o..ercl a l. en. ~ l l1bn. Ceci POrll l orotre I h pou r rai ent.'.' t n. er l a paru. 1& plu iapor'tani. J. b..oina chinot. hh4an't ali c~e ra. ln~.rnat lonal, aai. a vec une aol n4re propen. l on d. c. ~. t par rap po r~ l l ' U 1.1., 5: pl'ollqu,yo i r l't. pa n auo ;;1. p-anot.. l J'l11t alla U on. lnja8~ r1.11 pajab l q MI pro.:1u1 t a fabrlq1l'. pu- o.. dend' r 1n, un. ' volll\ l on 1a,ortUl't. :LaD. l a oontrontau cm m'\re ~a l nju.trtal 1. '. -' ~ r4.1 ~. dane 1.. probl... ~ '. pp rov1. 1 onn t U'r la c.. evra p h.r ri... aent w r c. probl, na1.amleni eri a. qui oonc.m. l.. n ou.ro ' n.re;fitgu... A 1M -.Jet: 'aci'\ d. ' un t.c\wr N eeau. I 4au l'nol uuon 4ea reja 1 U1'r1-.u-e1 no~1 la C~t' 'larp probu " '. 1W1ilnaUOlìal...'i' l nauvllul. wl..., en par Uov.llar la qu U on li. lavoir olala au...re 1. e,..,.. e'bje1 plvi qu.. W\lj.' ;i. pollilqu. u1.'r1mlr1 ~ 1'aire l n t'~ la p;roo..w,au o p41 roll'ra.../7

10 - 7 - Le probu 4. la jau.laeano. _.art. DOIl opu_le, 4. 1& part... PVD oontl~ \aritairu 'Urti d... prit.r-.o..... au... (<bo rau cu...lap..t.. 1& _._ra\1on d.. a ponauoroa RI' l ' GlI l 'au'tre tat _.bn., la al.r 4. r4par11 \1on a40p". pwr _ ~~.). &1ul qa. d. l... 11&1" OOYOM &la pj'odllu. oç1oo1.. t raur ' 'cal_t U '.YOqD.'... qui ~. l. ~ej'o. f\.-ou...'. _ bi._ dr hoqu' l 'ld""" 1& C 1:. 'larp. I.""Ul p...l. lo cu- ",.l oppaea' d..... a"'eo l ' DOt-.',... w.1,. de l 'holuucm ed ooan.., d. 1& J_l.-noe d.. MJ"O!'IIe 'traditloaa.l, 4. l'oppoat an1" d' espl orar ~. DGUyall.. yol.. d. "datent." ayeg l ' 1& cwol e1cm pr1 l o" 4. la 2~ aaaa10n dii. CtInX:CII Gl'f.,. tre 'AD. a_.. Jl&Dq1le 1"'.1'2.:' d. l_..u.~.ldt. Wl rou'bl. OOIrI'U'UlIile &II 1n da l 'ain eoo1au.'. end"na &1ul qao l t.. oorlulqa_ 0oס 1 > lo _ d'une reoonnaiemdoa 4ti la riall" ~NJI'\&1re bl-.' PG'la..r.. onte aplorau_. PIU" &111.,.., 1.. o'ntaol 'bi. OOlltlU cm.' _ai ''l' 'voqu'. I l.. l lai'l.. l I ' upa n al OZl cb& ~ro. po.'" par \11\. o_pl_entari" 11111"'. C," uportaudnii " ap.o'l..., la-.nqll. d. OOllP6tlbl l U' 're "cl" DOMerai.l.., 1& "parre d aridi".". D' MlctlDll ajou:\an'. d, aii I...,... qq.. 1& plapa" d.. t taire. no\_em. atea l U. R.S.S Dfpoien\ ID dehon Il. 1& po11uqu. o~erol&1e olaaal qu u..j.t a laqu.el1. OD pwt. JlU' OOl'\ll~_t... 4 " e1'. l 1. jat. dm 1.r jan.,le1' qui dnrai\ aarqu.,. 1& ai..... O_Y1"a d. 1& po11~ 1q1l' ~.ro1al. o-.m. uni Yi~... ~.1. l' cbadpra MaROOUP " 0-' Uat 4. cho u qua l..-et ne clmld.e 4'. "'Uorer 1. ooa:\_.../8

11 _ C_ en' orpm...r.tti_o...' la ooafrcm\auod., la Dlpo1aU " re la C. _. ' 1ar'&1'. t: l.. cll tt'rc\ a ln'.rloou,... e\ parloll&1" T Lo8 _.,..<lrm l"'u "' 'lonall...' la 1Uft1~11.? '..\-od ~t1n1r nna 1ienl 4. '-'-UOD _, pouuq... "...,...,...leuo... _ alqu.. uuri pal...., T 'foll" qullqu.-.v.n.. J... qu UOllII pllli agl'or".. qui l 'OD... euj.' ciea. rimatla..'10ft aotualle- OD 41. aa1 OD -' oall. cl. eatolr. '11 oodtl ennl ~ DOD 4. orlar U.D. tora- p.-.rt d i ocmtac\ Gl'''' la C et 01 ~.... _ ti qa..uona 4' l au ri' ~.., ta.1re 1'0"".' 4. oodfnm: tlo1l (_...\ape oa &..., oarao"rll'" un,.1 t paj" l'up...1od -pejmaed\ j oln1 aaoh1a l 17 tor a clabal 'tndalu :U o ou.alop. - ). Un " 1 t olula...,,1' l.yaii~ 4a palu... fal' qua 1.. ""a-lln1. _,,_ ocmau t 'ilei" UD l n' erl OCl11\ r u.nlqua polilr tou.\ U 'r.. w J"" contrcmtat l OD, alo... qlll 1& C 'NU'" ed 1&a.t qu..,.ua n'. paa Il. ~p4 ' It JlU' es_pla, pour 1& ~t.,, aa1. l l t a" tre. pl"i. laol_c\ nl l'on\ Pu pcn.r 1....'tl~re. oc.au DaUta1ree. OD N1\. per al11 era' oana1u t bree ~A' pl'll. ~'loed'...i' tra &u j.".1. 1& oriaucm J. UD "1 -fona-.,\ OQ\.. aoida &vad\ n'loot ati=- priw. au. in l1u. al'l'! poilj' 1973 WT l. p1.&.n ut'ricr --'t par a111-.n. DCO'"..tou.ri. 4e perp1u1u. La ori. \a1u.u OD l '1J>11Y1~UU 4a La c.r n.rp.../9

12 C. cl. 'upll.qua, \t'. autna, par l. t.u; qua 1 ' oanl da pr l.. a 4'01. 1ona AIl H1n a l'l.taaoa ~'\alr CN pl u- t e, l a reprlaen ti re 4. oa "0&D1 _.. oc.plue, _ t'ouu oo d...u.' n11 awh10u e1.. oc.pttmo.. l N1U ". U ona 4U". n '.., paa..oore ~pui" _~' au. poln'\. A. quel nlve.u 1& Cc.a1a.ton lnt.rv1 en t-ella? Le. oaa oh l. pri.idea' en o!iarp Cone. n t r..., 1. po rt. ~paro l t o-.s où la Cc.a1a1 ftj'a1t pourrau }''''". licmt-lla ~ pl l"_8dt " par\ach '7 Y.-t -l1.... ofl l'tua ou. } ' &II\ " _et d ',..t, O\l l'lul wln l ' aut re' t ou.r.. rol., pou.rra1ent Itra oonal d4na oc:-. ln1arlocu\wn P&J"11ouU'r. _' pretrul1cs dam oonfrol1\auonll bu.t_ liilt 18ponan'..., t ne.wl1o&"..t I l paralt ~1 qra l a cont. t 1. paraot're d. p. ca d illa tal t'onm rwtt."t. pow- }'l na'tad\ ccore un C&l'&ot 'ra enu.,...oa, U bl a, oapeco1aa1i. 4 '''" ai.u.z prfol a' par l. BOIDI'. ~pt. tenu...1 d ' ob6ano Cart..ln t l ~r on1 plua qua d ' p :,,... yooauojl ' 'h... Maool..., MD. un 1'.:I.. nrvalllano. panaanaz2'"'., O~. oa poar rah l're. &II ooa.tl"&1re, la oa., par pl e, pau' la ~rauoq...u 6r e pol1'\1qu. 'oonaa1qw.. e'\ acn:''\.a1re. or. t au.ua1\-11 "re aanna qua la C : lnu't' P'll e oon.o114er d. pb. _ plua _ aol14ari'".,.od au"o~le. Peu.'\- t t.r e vau jra1t-l1 m.1iwl d.-,rl.r, pour l'ld.11tant, 11. Cae1" COI1t a o'\,..". ~ l'aurl'ba' de p.raanen'-., d. ' ed prio1 r l.. aodal AP"I avol r 41eou\' lie. 1raDJ... op1,1clg8 e1, ' ch'. no pouuq... 6conool.'l1" ",Uri... ( l ooqu _....h D' 1 l...,c... aocll'rer 1m aooord. au. ae1n... l ' 6Yol uu OD. no",,-_' d. la pouuque &&rlool., _"t alre,.io. de la Ce-mav.U ). rane o.rta1nell _ U6rM e'..1h-y1.1. o.r '\a1u craa1e ena.'bl, l. l'ro'bl.... "fonall- afl redlhl l'l ~p lu. par l 'w.teno. aou.tad1. 4. Qroupea a.1 )aoo (Orovpe d.. DiI poqr 1M. t rairea 8on41,airee, Croup. a~ pour oell G~.ra l.1,.' 0. ), ~.o.p'lbl.. d" 'ra ~anal~../10

13 ~ Le probu ~. probabl \ aveg _In. a l utgence pou.r l. J a peml "P"_eII'" dan. l.. ~ t onaaa 6oODClII.1qu 1 alore qv. vt..-.l-rt. cl.. ~ l..o!!1 un. pl u 1't'aD1. ooord.1nau on d. la rep...'tauon. u\u1,.,.. d. la c. t. paurra1" d.w -ur _tt 'ci.1on, lu. ur.-a". paru auliv. un. oamun. p. rpl z1" paraf'\ IIltou rer la qu U on 4...voir qu 11...' U'r.. wra1..t. " ' o.''b.r. ou. 1. ' rait _ ~1. "ce. m W... alon qu. lun oona ' t c iu. ltl. ai.t.r Wl' 1. falt e l. oarao"re ~ h1.que, eu..t bten 4.u.,c1nt 1. w. 'oono-lque n ~erolal era' pou't.lqu." elitre Cc 'rl.ellu" COl..cOJ, alu'. para1 l a al' ent e al t avwr d ' 'tn. tona i. d.. l a C~nall t. '.. t.ratt er ayeg c W' Pro de 11. t I '\out. ali reocnma i aunt l. COIi.C Il. veu.l oi r prften4re le IIMant e t.r - ca..e 101..rl o ~t...r,o lb1, poar..r\aln...t.t're Adolfo CQIl1II, f

14 GRUPPO DI STUDIO SUL V3RTI CE EUROPEO (Riunione de l 13 aprile 1972 ) 181 i s t itu t o a f far i interna ziona li B 8, vt e t e m...zz l n ~ O ".. a t.l C'a b '., In t. ffarl.a ",. RELAZI ONI E RESpOnSAB I LITA' ESTERNE DELLA CO}W NI TA ' (Pr ima parte : rapporti economi c i i nter nazi onali con Usa. Giappone, es t e Terzo r tondo ) 1} La forte e s pansi one de l Pnl nel peri odo che va da l 1958 a l 1970 ha portato con s é una r edistri buzione globa le di pot enza economica. Nel l ' area occi dent a l e. i l Pnl del l t Europa dei Se i è triplicat o, mentre il Pnl degl i Us a, pr i ma potenza economica mond iale. ne l lo stesso per iodo di t Gmpo è soltanto raddoppiato. Ancor a più spe t t acol osa l ' e s pans i one economica del Gi appone, che, su per a to i l Pnl della Germani a occi dental e, è diventato l a seconda potenza economi ca de l l ' area occidentale e l a t erza po t enza economi c a mondial e. In altri ter min i, nel l ' area occ i dental e l a suprema z i a del l ' economia de gli Usa, assoluta ne l 1950, poco a poco s i è deteriorata e t se ne l l ' economia s tat uniten s e è ancora l a prima del mondo, essa è tall onata da quel la del l ' Europa dei Di eci e da quel la del Giappone. La tendenza è confer ma t a da l l ' ev oluzi one del la parte dei "tre gr and i " ne l commerc io mondiale. Nel set tore dell e esportazioni, l a part e degl i Usa rispe t t o al totale del le espo~ta z ion i mondiali (escl u s o i l commercio de i paesi soc i a l i s t i ) è passata da una med i a de l 23% ne l per iodo a l 18, 4% nel Par a ll el~ e n t e, la parte de l l a Cee

15 - 2 - è s a l ita del 18, 4% al 19,2%, mentre l a parte de l Gi appone è sal ita. ancor più rapidament e, dal 3,3% ne l 1958 a11 ' 8, 2% ne l D'altro c anto, la r edis t r i buz i one i n atto i nt eres sa anche l ' ar ea dei paesi socia l isti. L' Urss, pur costituendo l a seconda potenza economi ca mondial e, non è più in gr ado di r i vendicare una pos izione di supremazi a ne l l 'area s oc ial i s ta. Infatti i l r api do emergere del l a Ci na - pur con tutti i l i mi t i posti da un Pnl ancora r elativament e modesto - ha determi nato un ' a l ttr na t i va di amp io r e spi ro ( s i a sul pi ano politico ~ h e economi co ) che investe peraltro, oltre a l l ' area dei paes i soc i al i s t i, l ' i nt era area asiat i c a e l 'int er o arco dei pa e s i in via di svi l uppo. Se cons i der i amo la probabi le evol u zi one del Pnl dei "c i nque gr andi ll nel per iodo , 2 da r itener e che la redistri buzi one globale i n a t to s i acc entùi nei prossimi t r ent 'anni. Appare probabi le un f orte sviluppo de l l 'area asiat ica, imper niato s ul la potenza produt tiva del la Ci na e del Giappone. No t evol e dovrebbe risultare i l r i dim ensionamento de l la potenza economi c a amer i c ana (natural mente i n t ermini r elat i vi ) il cu i Pnl, dal 40% mondiale, dovrebbe scendere nel 2000 a l live l l o del 27-30% c i r ca. Ci dovrebbe e s sere un r idimens i onament o de! l ' i ~ c ide n z a del Pnl d e l l ' ~urop a a Dieci, compensato tut tavia dal l ' impor t anza c he r i vestirà nel co mmercio internazionale. I nf atti, ol t r e i l 50% del c ommercio mondiale dovrebbe f ar ca po ad es s a. Questa r edi s t r i buzione global e di po t enza economìa ap r e un peri odo di acc entuata concorren ~ a e quindi di l ot t e economi -

16 - 3 - che e commer c i a l i f r a i paesi i ndustrial i zzati de l mondo ccc i dent al e. Le i mpl icazion i di quest e l ot t e s ono mol to i mport ant i per i l futur o as se t t o del mondo. Gl i Usa, consapevol i di t al e rìmescol amento, con la cr isi ap er ta i l 15 agosto 197 1, t endono ad i mpor r e su posizi oni di for za (data l a carenza di uni t à del l 'Europa e l e i nc er t e zze del Giappone) l e propr i e s~ l uzioni, anc he a r i schi o di eniuder s i i n un per i col oso isol a zionismo. L' Eur opa v i ene cos i pos t a di fronte a l rude gi oco americano ma anche all e sue r e sponsabili t à. Ogni ul t er iore e s i t azi one, ogni ul ter i ore rit ardo, non è più gius t ifica t o spec i e per quanto r i guarda il varo del l 'unione economi c a e monetar ia, l a c ostruzione dell a comuni tà polit i c a, e l a s ua c ol l oc azione nel con t esto dell ' economia mondiale. Al Ver t i c e de l l ' Europa a Diec i s i di scuteranno appunto l e r el azion i economiche e s ter ne de l la Comunità sul lo s f ondo che abbi amo appena de l i neato. 2) Gl i Us a cos t itui scono di Gr an l unga il pr i mo part ner commer c ial e del la Cee. Ne l 1970 l e i mportazi oni Cee provenienti dagl i Usa hanno r aggiunt o 9 mi l i ar di di dol l ari (par i al 21, 1% de l l e i mpor t azioni t otali dell ' Eur opa dei Se i dai paesi t erzi) e l e sue espor tazi oni sul mer c at o amer i cano hanno raggi unt o 6, 6 mi l i ar di di dol l ari (par i a l 15,3% del l e espor t azioni gl oba l i del la Comun i ~. La bi l anc i a commerc i al e è tradizi o nal ment e favorevole agl i Usa per un ammon tare medi o annuo di 2 mi l i ardi di dol lari. Gl i Usa vendono a i Sei s opr a ttut to pr~ do t t i industrial i. Tut tavi a, l a Cee cos t i t u i sce per gl i Usò i l più impor t ante merca t o del mondo p~ r l a vendita di prodotti agr icol i ( 1,5 mi l i ardi di dol lari ne l 1970 ). La Cee i nvec e e-

17 - 4 - ~ po r t a quasi e sclusivamente prodo t t i industri ali ( sopratbjtt o prodott i s i derurgici, macchi nar i, aut o, c alzatur e, art i coli di ùbbigl i ament o ). Si deve i noltre t enere conto dei rapidi svi luppi degli i nves t i menti di r e t t i amer icani ne l la Cee. Questi i nvestimenti, pari al 1,9 mi l i ar di di dol lari ne l 195 8, sono passati a 13 mi l i ardi di dol lari ne l Nel 1968 l e soc iet à amer i cane situate ne l l a Comunità raggi ungevan o l a c i f r a d i 14 miliardi d i dol l ari d i vendit e, pari i 2, 5 volte il val ore delle esportazioni americane t ot ali nel l a Comuni t à. Nel 1970 hanno t r a sf erit o neg l i Usa c i r ca un mi l i ar do di dol lari di u t i li pr ovenienti dai l or o i nves timenti di r etti nella Comunità. Gl i i nve s t i ment i diretti dell e campa gni e di or igine comunitaria negl i Usa, i nvece, sono stati s empre r elati vament e modesti, r aggiungendo solt anto un t er zo degl i i nve s timenti americani ne l Mer cato comune. HOl1os tante que s t e r ealtà di filt t o, vi è una diffus a opinione americana che l a Cee s i a un ' ent i t à liinward-looki ng" e protezi onista. Tale opi nione, c he talvolta appare gius tifi cata e tal vo l t a no, i nve s t e t re settor i, que l l o agric ol o, qu el l o degl i accordi preferenzi a l i e quello degl i ost acol i non t a r i ffar i. Nel set t ore agr i colo, Washingt on sotidl i ne a che l a messa i n funzione del la politica agr icola comune ha determina t o una diminuzione del le impor t azioni comunitar i e di prodotti soggetti a pre l i evo. I nfat t i, l e e s por t a zi oni Usa di pr odotti ag r icol i colpi t e da prel ievo sono passate, ne l periodo , da 525 a 451 mili oni di dol lari, r eg ist rando una con tra zi one de l 14%. Washington, i noltre, àenuncia l'acc en tuar si

18 - 5 - della concor r enza sui mer cat i i nt er na zi ona l i e l a perdita di posizi oni sui pr opr i t r adizional i mercat i di sbocco (Giappone, Formosa, ec c. ) i n seguito al la aggress i va pol i t ica di e s portazi one persegu i ta dal l a Cee. che, per smaltir e l e propri ~ eccedenze, s i avval e dell 'u so i ndiscrimina t o de l l e r e s t ituzioni al l 'es por t a zione. Al l e cri t iche degl i che, nel Usa Br uxe l l es r isponde f ac endo os servar e peri od o , l e e s por t a zioni Usa verso la Cee s ono aument a t e del 25, 5%. Ci r ca i l 40% del l e i mportazi oni c~ muni tar ie di prodot t i agricoli pr ovenien t i dagl i Usa ( in s p~ c i e l e i mpor t azi oni di soja ) ent r ano nel l a Cee in f r anchi gi a. Bruxel les, inoltre, sot t ol inea che l e critic he Usa non t engono suf f icientement e con t o de i probl emi soc i a l i c he l' agricolt ura europea cerca di superare e c he con gl i accor di del 24 mar zo scors o sono state varat e l e pr i me rif orme s t r ut tur a l i che ne l l ungo t er mine, dando u n ~ s ol uzione a i probl emi soc i a l i, do vrebbcro por r e un t ermi ne al pr otezioni smo. Ci rca gli accor di commer c iali pref erenziali gl i Usa s ot tolineano che tal i accor di viol ano l a Car t a de l Gatt (comportando l ' abbandono del la r egol a f ondamental e de l l a "non discrimi nazion e "), per pe t uano r el az i oni di t ipo col on i a l e ( a l f i ne di assi cur ar e sbocchi esc l usi vi ai manuf a t t i della Cec, gr a zie a l l e conces s ioni di pre f erenze i nverse), determinano una di s torsione nel commer c i o mondi a l e (che, speci e ne l set t or e a gr ìcolo, danneggia gl i int er e ssi eco nomici de i paes i non part ec i panti a t ali accordi ). A t a l i cr i t i c he l a Comuni t à rispon de f ac2ndo osservare, f ra l'al t r o, che, pr est o o tardi, t ali acc or di sono desti nati a sfociare i n f or me assoc iat i ve vere e

19 - 6 - propri e, conformi al le r egol e del Gatt, che l a Cee non ha mai perseguito una pol itica del iberata per assicurarsi una zona d ' influenza ; che i modesti vant aggi concessi ai Sama sono gi~ sti f icati dal f a t t o che t a l i paes i sono fra i più poveri del mondo; che i Sama r es t ano l i beri di r i dur re i l or o dazi nei conf r ont i del l e i mport azioni pr oveni enti dagli Usa e da al t r i paesi non facenti part e del l a CCCi che i l commercio estero de gl i Usa s i è svi luppato favo r evol mente nei paesi in ques t i one, malgrado l e r elazioni pr ef erenzi al i del l a Cee. Gl i Usa, per a! tre, di f ronte al l e prospettive che l a Comunità al l argata s t i p~ l i un ' al tra decina di accor di prefer enzial i, ha nno già protes tato ufficialmente. Per quanto poi r iguar da gli os tacol i non t ar if f ar i - che sa r anno a l centro de l prossimo nego ziato multi laterale i n sede Gatt prev i s to per il 1973 ( Ni xon Round ) - gl i Us a ne i con f ront i del l 'Europa sott olineano che l e commesse s tatal i vengon o spes so assegnat e a i pr oduttor i l ocali seguendo dell e pr~ c edure ammi ni s t r at i ve che di fatt o esc l udono ogni possibi l i t à di concor renza del le i mpr es e americane; che le tasse di ci rc~ l azione di alcuni paesi eur opei, gravando maggi orment e sul l e aut o ad alta c i l indrata, rendono vani gli sforzi di penetrazi one commercial e de i produttori americani ; che l ' aument o degli aggius t ament i f i scal i alla f r ontiera ( i n s eguito a l l a ado zione dell 'Iv a) costituisce un os t acolo "i l l ec i t o" ag l i scambi int ernazional i j che l ' accordo concluso dal l a Francia, dal l a Ger mania occ i de nt al e e dal Regno Unito (accordo apert o a l l ' ade s i one deg l i a l t r i paesi eur ope i ) sul l ' i s pe zione degli e l ement i elet t r onici, pe r f avor i r ne l a recipr oca ac-

20 - 7 - ccttazione ne l l 'area europea, compor ter à una per dita secca per l e vendite amer icane ; che l e r e s trizion i su una seri e d i al t r i prodo t ti (ad es. specialità f ar maceu t i che ) l imita l a penetrazione c om~erc ia le americana. A t a l i r i l i ev i l ' Eur opa, a SUA vo l t a, fa osservar e che in t ema d i valutazione doganal e gl i Usa co n t inuano ad uti lizzar e i l s i s t ema del l 'Arncrican Sel l ing Pric e (ASp) per i prodotti chimici (nonostant e l a definizione de l Pr otoco l l o di Ginevr a concorda to nel Ke nnedy Ro und ) e metodi c he pr ovocano un aumento d ~ i dazi di impor tazione per i prodotti ( c i r c a ) del la cosi dde t t a "Fi na l Li s t ll I nol t r e, po i c hé gli Us a non seguono l a Nomenc l a t ur a di Bruxe l l e s, chi e s por t a nel mercato statunit ens e deve f ronteggiar e uno s tat o di i ncerte zza t al ora i nsost eni bile non potendo s ap er e con prec i sione, in ant ici po, qual i da zi dovranno e s ser e pagati. Gl i Usa, i nol t r e, appl i can0 l lantidumping Act del 1921 invec 2 de l codi ce i n t er nazionale c onc ordato a Ginevra ne l Kennedy Round, ed impongono, in modo aut oma t i c o, dazi co mpensat i v i. L lk~eri can Buy Act de l 1953 f avori s c e po i nettamente i pr odu! t ori amer icani ed anche in t ema d i s t anda r ds di s i curezza l e r egolamentazioni Usa hanno spesso un c ontenuto discriminator i o. 3 } I l l i vello degli scambi C ~ 2-G i appone è so rpr endentemen t e mode sto. Solo il 2% del comme r cio comuni t ar io r i guarda i l Gi appone, e sol o i l 6% d i qu el l o nipponico rigu arda l a Ccc. Le r el azioni Cee-Giappone s ono da qualche t empo discuss e nel l ' ambi t o de i negoziati per conc l uder e un accor do co mme r c ial e. La poss ibi l i tà di un Ievoluzione dei r apporti economi c i con i l

21 - 8 - Gi appone è, t u t t avi a, con t ras t ata dagli i ndustri a l i europei, i quali t emono i l r i f l us so dei prodqt t i gi appones i dal mercat o americano e sembr ano decisi a r inunc i are a l la conqui s t a del mer cat o giapponese. Questi t imor i sono esagerat i. L ' a c co~ do che Bruxe l l e s i nt ende concludere con i l Giappone mira i n fat ti ad o t tener e l ' abol i zi one de i contingent i gi appones i, a r imuovere l e f ormal i t à ammi ni stra t ive al l ' i mpor t a zione. i nc l ~ s i gl i os t acol i i n ma t er i a di brevet t i, model l i, ec c. Bruxel l es, i noltr e, pr evede l 'inser i ment o di una clausola di sal vaguardi a per consent i rc, i n c as o di nece s s i t à, di f ar f ront e a l l e per turbazi oni de l mercat o. La compet iti v i t à del Gi appone s i basa tuttavia sul l ' adoz i one di t ecnol ogie avanzat e anzi c hè s ~ l mito dei ba s s i salar i. Indubbiament e gl i oper a t or i gi apponesi sono pi ù audac i, f r u i sco no dcl l ' appogg io total e d01 l or o apparat o governat i vo c di un s istema cr edi t i zio pi ù f unzi ona10. ~la l e carenze non mancano. I giappones i, ad e sempi o, sono r oco pr atic i di marke t ing t an t o che i l or o maggior i succ es si co~merc ial i ne i mer cat i mondiali sono da a t t r i bui r s i ad agent i s t r ani er i. I n r eal tà una c erta c o ope r az i ~n e con i l Giappon e è indi s pensabile sui mercati i n t erna z i onali speci e per quant o r i guar da i t es sil i i prodot t i s i derurgici i n cui eur ope i e giapponc s i sono concor rent i per l e espor t a zi oni verso gli Usa ed al t r i merca t i. Inoltre i l mer c a t o gi appones e of f re de l l e ot t i me possibi l i tà per l a v cn ~ di t a di f~~e n to, miner ali, cd una vasta gamma di prodot t i a tecnologia avanzat a. Le po c h ~ i mpre se europee che sono riusc ì t e a pene t r are nel merca t o gi apponese r egi strano a l t i prof i t ti c 0spans i one cr escente.

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004

Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord. Castiglione delle Stiviere, 22 e 23 m aggio 2004 Sem inario di studio organizzato dall AI MMF- Zona Nord 5LOHYD]LRQHHFRQIURQWRVXOOHSUDVVLGHJOL8IILFLJLXGL]LDULLQUHOD]LRQH DGDOFXQLQRGLFULWLFLGHOGLULWWRHGHOODSURFHGXUDFLYLOHPLQRULOH Castiglione delle Stiviere,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.

67$7872 3URYLQFLDGL0LODQR. (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11. 67$7872 '(/&2081(', &86$120,/$1,12 3URYLQFLDGL0LODQR (ar t. 6 del D.Lgs. 18.8.2000, n. 267) Appr ovat o con deliber azione di Consiglio comunale n. 64 del 30.11.1999 Modif icat o con deliber azioni di

Dettagli

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI

GLI SPECIALISTI NELLA PROTEZIONE CONTRO FULMINI E SOVRATENSIONI I PIONIERI NELLA PROTEZIONE UN AMPIA GAMMA DI SOLUZIONI SOLUZIONI INTEGRALI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI E LE Cirprotec PROTEZIONE ESTERNA Gli specialisti nella Protezione contro Fulmini e Sovratensioni Gamma completa di sis temi per la pr otezione esterna contro i fulmini: Parafulmini

Dettagli

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI!

LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO, SCEGLI LA TUA BASE SCATENA LA TUA FANTASIA CONQUISTA TANTI NUOVI CLIENTI! Le ALL ITALIANA CREA LA TUA ALL ITALIANA Decidi di essere oriin le, cre tivo e diverso d i tuoi concorrenti : Cre le tue person lissime cup c kes ll it li n, LE IRRESISTIBILI DOLCI TENTAZIONI DEL MOMENTO,

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it

Matematica classe quinta. Incontro del 15 ottobre 2010. Annarita Monaco. annarita.monaco@tin.it 1 Matematica classe quinta Incontro del 15 ottobre 2010 Annarita Monaco annarita.monaco@tin.it,qglfh,qwurgx]lrqh/dfodvvhtxlqwd«txdolfdudwwhulvwlfkh3ulpdsduwh,vlvwhplglqxphud]lrqh/hsursulhwjghoohrshud]lrql

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m

Ca ta l o go dei pro d o t t i. Spl i n e I m pla n t Syste m Per ul teriori info r ma zioni sui nostri Prodotti, sui nostri pro g rammi pro fessi o nali e sul n ost ro p ro g ra m ma di Co n t i n u i ng Ed u cation, co n ta t ta te ci : Zimmer De n tal I tal y

Dettagli

I nit ial Public Of f ering")

I nit ial Public Of f ering) L' I PO (dall' inglese "I" I nit ial Public Of f ering") è l' of f ert a pubblica iniziale di sot t oscrizione e/ o di vendit a (OPS, OPV o OPVS) di t it oli di una societ à che per la prima volt a viene

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q

PROCEDURA OPERATIVA PO 7. 3 G estione del progetto Formativo C o p i a n C o n s e g n a t a / u p lo a d A : C N C q Pag. 1/7 Indice 1.Scopo e campo di applicazione... 2 2.Responsabilità... 2 3. Modalità operative... 2 3.1 Pianificazione della progettazione e dello sviluppo... 2 3.2 Elementi in ingresso alla progettazione

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI

RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI RAI FICTION: RAINVENTARAI IL NUOVO RACCONTO PER IL WEB INCONTRA L ARCHIVIO DELLE TECHE RAI Le serie web incontrano l archivio delle Teche Rai attr aver so la cr eatività dei giovani talenti e le tecnologie

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA

CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA CODICI ALLARME CALDAIA HERMANN EURA Quali sono le anomalie che possono riguardare la caldaia Hermann Eura e i codici di allarme che identificano i guasti. Un'utile guida per risalire ai guasti tecnici

Dettagli

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services)

ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor Services) Sala Toscanini Palazzo delle Stelline Milano 19 aprile ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Semplicità, innovazione e risparmio nella gestione dell assistenza domiciliare: il caso Domiphone (a cura di Accor

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG

Z>,n zorrr Reg. Gen. IL CAPO AREA AA.GG Piazza Toselli n. 1-96010 Buccheri (SR) Tel. 0931880359 - Fax 0931880559 DETERMINA DEL CAPO AREA AFFARI GENERATI DETERMINAN,/UóDEL Z>,n zorrr Reg. Gen. Oggetto: Liquidazione fatîure a ll'associazio ne

Dettagli

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366

Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO s.r.l. +39(011) 785380 / +39(011) 785366 Sezione 1. IDENTIFICA ZIONE DEL PRODOT TO E DELL A ZIENDA Codice del prodotto MEC-POL FO 500 S Nome del prodo tto Ossido di terra rara Nome del produ ttore: Numero telefonico d emergenza GARIGLIO CLA UDIO

Dettagli

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I.

6 fl. . di non aver subito condanne penali;. di assicurare la propria presènza a tutti gli incontri collegati alla realizzazione del P.I. FOn,l Éù.TTBUTTURQLI \àd, ia) EUROPEI 2047-2015.ÙMPETENZÉ PER LO SVILUPP (r e, - r{btenll P B L' APPNEN IMENTO {FC ) l-c.'sawétvlllll" ISTITUTO COMPRENSIVO "G. SAIVEMIM" 74122 TARANTO. VIA GREGORIO VII,

Dettagli

机 构 代 表 团 和 经 贸 代 表 团 出 访

机 构 代 表 团 和 经 贸 代 表 团 出 访 STU D IO BO C CI & PAR T NE R S M I SS I ON E I S T IT U ZI O NA LE E D E CO N OM IC A DI SI ST E MA IN CI N A - SH A NG HA I E NAN C HI N O 01 / 06 / 20 1 0 06 / 0 6/ 2 01 0 ST T UDIO B OCCI & PART NE

Dettagli

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i "Candlest icks"

Corriere tributario. Le Or igini. Come possono appar ir e i Candlest icks 1/8 Vi pr esent iamo un br eve lavor o int r odut t ivo alla conoscenza della t ecnica dei char t s con le candele giapponesi ed una veloce car r ellat a di f igur e e f or mazioni più comuni e signif

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli

IL PIANETA TERRA. IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli IL PIANETA TERRA IL RETICOLATO TERRESTRE POLI: sono i punti di intersezione tra l asse terrestre e la superficie terrestre. s i pia i paralleli all a r e a su. EQUATORE: piano perpendic lare all i rotazione,

Dettagli

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l.

LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. LA TRASFORMATA DISCRETA DI FOURIER l. t " : SULUPPO PER VIA GRAFICA n mpionamento del segnale analogico x(t) produce una sequenza xsgts) il cui spettro nel dominio della frequ enza è periodico, sicché

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA

ARCHITETTI JUNIOR PROVA PRATICA ARCHTETT JUNOR PROVA PRATCA TEMA 1 Stesura grafica di una planimetria catastale Avete ricevuto via fax, da un vostro cliente, la planimetria catastale allegata, riguardante una unità immobiliare residenziale.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren.

Invece n da stu paes, come sempre, ston i solt casen, il centro è sempre pulito ed in periferia stie na latren. Cari lettori Oggi della pulizia del nostro paese vi voglio parlare, che per come funziona, troppo cara ce la fanno pagare. Pe quanda solt co senec ne fasce pagà de rummat, Putignan er a iess nu paes, splendente

Dettagli

Evola. Evolution in Logistics.

Evola. Evolution in Logistics. Evola. Evolution in Logistics. Viaggiamo nel tempo per farvi arrivare bene. Siamo a vostra disposizione ed operiamo per voi dal 1993, inizialmente specializzati nel mercato italiano e successivamente come

Dettagli

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco

Va, pensiero Chorus of Hebrew Slaves from Verdi s Nabucco a, pensiero Chorus of Hebre Slaves from erdi s Nabuo a, pensiero, sull ali dorate; a, ti posa sui livi, sui olli, Ove olezzano tepide e molli L aure doli del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003 - CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI I) Introduzione sul nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO

P.B.L.S. La Vener abile Ar ciconf r at er nit a. di Miser icor dia di SARTEANO La Vener abile Ar ciconf r at er nit a di Miser icor dia di SARTEANO a cur a del Coor dinament o delle Cent r ali Oper at ive della Regione Toscana pr opone il manuale di: P.B.L.S. 1 3%/6 Pediat r ic Basic

Dettagli

Collettori solari termici

Collettori solari termici Collettori solari termici 1 VELUX Collettori solari. Quello che cerchi. massima durabilità, facile installazione Estetica e integrazione A fferenza degli altri collettori solari termici presenti sul mercato,

Dettagli

o 1 09 162682 279 2 riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica

o 1 09 162682 279 2 riconosciuta senza f i ni d i lucro, promuove, organizza, discipl ina e diffonde, senza f i n i di lucro, la pratica ~ l STATUTO Associazione Sportiva Dilettantistica SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA o 1 09 162682 279 2 11111 11111111111 111 11111111111 11 (in forma abbreviata A.S,D. SHARDAN TAEKWONDO SINISCOLA) Art. l -

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio

La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento #2 Il passaggio al nuovo modello di bilancio FORMAZIONE CONTINUA IL PASSAGGIO ALLA NUOVA CONTABILITÀ ARMONIZZATA gli adempimenti da porre in essere per applicare il D. Lgs. 118/2011 La conversione dei capitoli secondo il nuovo piano dei conti Documento

Dettagli

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio

Regolamento per la concessione del marchio. Parco nazionale del Vesuvio Regolamento per la concessione del marchio del Parco nazionale del Vesuvio Delibera del Consiglio direttivo 26 maggio 1998, n. 54 Ai sensi del D.P.R. 5 giugno 1995, istitutivo del Parco nazionale del Vesuvio,

Dettagli

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova

Genova, 26 febbraio 2014. Commissione di Garanzia - Roma. Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma. Prefetto di Genova CG t FY-#tsL ry F[OERAZt0NEtfÀilAr{ATRASP0fii' Wrh-rsFoRîr Genova, 26 febbraio 2014 Commissione di Garanzia - Roma Osservatorio sui conflitti sindacali - Roma Prefetto di Genova Direzione ATP EsercizioSr!

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

a M a r o n n a c a c c u m p a g n a!

a M a r o n n a c a c c u m p a g n a! a M a r o n n a c a c c u m p a g n a! I l s a l o t t o d e l l U n i t a l s i N a p o l i #acacciadisorrisi La foto vincitrice del Premio Social WIZARDD 205 LIKE INSTAGRAMM N. 7 Setembre 2014 HA VINTO

Dettagli

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

Pubblica. Inchiesta. Progett PROGETTO. Protezione contro i fulmini C. 994 30-06-2008 81-10; V... IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO N O R M A I T A L I A N A C E I Data Scadenza C. 994 30-06-2008 Data zione 2008- Classificazione 81-10; V... Titolo Protezione contro i fulmi Title n IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO PROGETTO 1 Progett

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA

T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA T&T S.P.A. sede operativa e amministrativa TOR-MEC VERSIONE NON COMPLETA. Versione integrale disponibile solo su richiesta. CAPITOLATO DI FORNITURA Rif. Norma UNI EN ISO 9001:2008 - Rev. 01 del 22/12/2011

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009

Vincenzo Balzani. Ravenna, 25 set t embr e 2009 Vincenzo Balzani Dipar t iment o di Chimica Giacomo Ciamician Facolt à di Scienze, Univer sit à di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Ravenna, 25 set t embr e 2009 Fot o scat t at a dalla sonda Cassini-

Dettagli

Letture progressive per la prima

Letture progressive per la prima Letture progressive per la prima Alunno/a ------------ Classe --- ORDINE DI PRESENTAZIONE DELLE LETTERE O I A U - E M R S L F P T - N B V - Z D CA CO CU Q CE CI GA GO GU GE GI H CHE CHI GHE GHI SCHE SCHI

Dettagli

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE

SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE Allegato B SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE DISCIPLINA GENERALE TARIFFARIO PER L'UTILIZZO DEGLI SPAZI E DELLE STRUTTURE DEL SETTORE CULTURA in VIGORE dal 01 gennaio 2013 DISCIPLINA GENERALE DISPOSIZIONI PARTICOLARI

Dettagli

Medical devices -------

Medical devices ------- Master in discipline regolatorie Medical devices ------- 1 a edizione Presentazione Il mercato dei dispositivi medici risulta sempre piu complesso e richiede alle aziende che operano nel settore di possedere

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er.

Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co. Pr ef er. Graduatoria di Istituto I Fascia Personale Docente Scuola Primaria ORIC80400X Data Produzione Graduatoria Definitiva: 23/09/2014 Co Tipo d. Incl. Po Posto Tip o Ris sto Cognome Nome Data Nascita Prov.

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

BANCHE. di Pierluigi Ciocca

BANCHE. di Pierluigi Ciocca BANCHE Ma le banche non danno «incentivi»...* di Pierluigi Ciocca Questo scritto illustra in breve un convincimento. Mentre perma ne la questione economica meridionale, non esiste una questione fi nanziaria

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE

SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE SULLE CORRISPONDENZE FRA SUPERFICIE DELLA VARIETÁ DI SEGRE di M. VILLA. e L. MURACCHINI (a Bologna) 1. - Nelle nostre ricerche sull'applicabilita proiettiva delle trasformazioni puntuali fra piani, abbiamo

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2

EHB IFF IU FF P P I 9.1 9.2 EHB IFF IU FF P P EI OG ENO SSISCHES H O C H SC H UL IN T ITUT FUR BERUFSBILDUNG INSTITUI FEOERAL DES HAUTES ETUOES EN FORMATION PROFESSIONNELLE tsf ttut0 UNIVERSITARIO FEDERALE PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Presentazione nuovo Annuario statistico ticinese e nuovo sito Internet U stat

Presentazione nuovo Annuario statistico ticinese e nuovo sito Internet U stat Laura Sadis,D irettrice D FE D ania Poretti Suckow,U stat Sheila Paganetti,U stat 1 Struttura della presentazione Intervento della Direttrice del DFE, on. Laura Sadis Nuova strategia di diffusione dell

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

la logica interna dell economia della conoscenza differisce da quella dell i n d u-

la logica interna dell economia della conoscenza differisce da quella dell i n d u- La crescente import a n z a dei beni immateriali nei mercati finanziari di Marc Luyckx Ghisi Idee per l Europa la logica interna dell economia della conoscenza differisce da quella dell i n d u- stria

Dettagli

VITO PERBONI. "Formazione Formatorí

VITO PERBONI. Formazione Formatorí {BC CONSULTING FORI,IAZIOÀlE E COACHING Specìel isti del mondo,{ssicuretivo ATTESTATO DI FORMAZIONE ABC CONSULTING FORT4AZTONT E CoAcHING rilascia a VITO PERBONI il presente attestato comprovante il conseguimento

Dettagli

ENCICLOPEDIA ITALIANA

ENCICLOPEDIA ITALIANA ENCICLOPEDIA ITALIANA DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI PVBBLICATA SO~rTO LALTO PATRONATO DI S M IL RE DITALIA ISTITVTO GIOVANNI TRECCANI MCMXXXI - IX ICf) { Il ~ ~ CRISI - CRISI ECONOMICHE ~ ch e sign ifica

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli