START HAEU AHUE HAEU AHUE - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "START HAEU AHUE HAEU AHUE - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;"

Transcript

1 START F E - _M--. for:'o.-\si.'\1 ~ IICROflL\ 1 SER\la:,;

2 PROPRIETE EXCL USI VE DES ~ A R CHIVES HISTORIQUES DE L 'UNI ONE UROPEENNE. TOUS LES DROI TS DE REPRODUCTION E T D'EXPL OI TATI ONLE UR S ONT STRICTEMENT RESER VES. E) CCL USIVE PROPERTY OF TI-IE HJSTORICAL ARCHIVES OF THE EUROPEAN UNI Olv. ALL THE RlGHTS REGARDING THE USE AND REPR ODUCTION OF - THESE DOCUMENTS ARE S TRlCTL Y RESERVED..-

3 ARCHIVES HISTORIQUES DE L'UNION EUROPEENNE FONDS CODE: DOSSIER: * * * * * * * * * *** FMM-SO noooooso DATE: 15/06/ /07/1972 TITLE : Préparation du Sommet des Neuf à Paris

4 DIllJt\'IOJr a RELATI ce nulli D RES j et I LM r elaucme ' OODOaiqu.. ex\'rifti'm d. 1& CCWltJrJ*u U dan. l'op11qu. S..., ,lu. 00\lJ' '1I a1n... OD.. pu r-.rqu.r un or oonald'rabl. d.. r6un1on. d" ' ud. yl.an\ pr401 r l.. _ ", l. 0011'_...U.. l. d.. la oonf ' ndo. au ~. 1. :I" r l z pr4wa pwr 1. aoi. li' 00\ 0'0" prooha1ll. ~ t.u. 'la\ 101 4e 41. 0\& qui OD' _ 11-. u i n 4. ITGUP" fora4. p 11' '. repr4.entatlv 4.. aill.mz u.n1yanl\a1r 4. 1& pree, d. 1. "bu. ln... OMml nu 7 - conoaman' aplclt1qu_lil' la da.a1na do.. r alauol18 'oonomqu.. en'r1wr C.,..n,' ' larpa. cm conaid.!'ti, etf.'. qua 1. s-a., 4evraH pouyol r fou.mlr t re au:tna, 1' 000& d.. aiea 'UDir l ld... U i'., l a aolldar1".. l. ea..lnaut', Dl z wia-l-vla l ' ez1' r l-.r, ' lule P&M. n l.. ~ probu t opuona el '. venir. J. ' p ' r e ""n. n..n. l. OII&1ne.. ralauona R't'rleur.., l. SCIalle' placa u.d coratuta.t. tao""" cl' tvolu:t1od l. portall:'., d.cm 1. riu,6na&.ent:.,.u on' tal re in'amaucmal, l... or po l U lqua - a1 nal fiu''o l qu., ed oa qu.1 conoern. noi _ VIi 1_ J apon - 4. l' trt-e-orieni, 1& oont'roa:iauon a... o 1.. prq. ea Y'Ol. cl. 4.1'... lop~t De ocmat1t uent qa. 1 a~l.. 1 p lu.. t rappadl../ 2

5 - 2 - Pa r al11.-ra, 1''' n cl.. arand entl". politico ' oollgalqu.., projet ar l'an 2Q(X). p.mn d. tojsllar oan. i n ~potb'... :1. n4l.,nbauoa. d. pol 4a, DO,*-en1 ' ooncatqua, at cl ' b an u. oa c1ada l.. "lauoi1ii lmerna'u Ollal... doa:' l a C~ n.u ".. Di s.tevralt J. one et "Jl t-ur ooapt Carta1nea te o. JIlpotlL... nde!j,ì pou.r..ocapt'., par es_pl., an. cl1a1au:u 4e 1& pam PII J._ '\at...oru. 01. O ~ 21- )0 f. d. l'açfpt _..l, alon la part d. la C~u:U io D1s d.ena1t oror"... euylrcm ~ ~ da o~.ro. aon4tal pou:n n t 4eYmir 'riba."ta1re 4. ee 4am1U'...bla. Saaa YCNloi r.'&'y_"'...r.:1an8.1.. tonu.1auona ohittr6.. ~J e1 Japoa,. 1& Chin., d. }'U S.S., ato., 11 oonvieni, oaped1ant. li' l ' re d. l'lçortanoa l ' m l u1. i on en OO1ln, " an' do qua 1.. tranatonlau ona, l b au ' oo'll.oa1 qv... et 1.. ~D&I"ea\ t ~COol.' l ona pol1tiqu auxquall al la domaera 11 na p«ri'eai 'incitar la Cowun. ut ' nou.vall. l rwlt Ol"Oar.. eol1i1ari" tnt.ma et -.nema.t.... Ura aur pl ed - d'. l. SOlDi_' d, ' octob - un a40&d1 appropri' cl. r epriaent a U on ha.o &'n. et.s.. D'cooiatlcm 'rlh.-n. 4. l ' u t ' riwr. C'..1 t out parilculur_ent o.;l. mi. r u peot ~ rau l 'obj.t d" _ d. p111. 1'ftDtI.. a otul U', au l bl en danti la paru. oonunctal. d. la C. T.. E. ' larp. qu 'ejj, Gnnd..:eret acn.11 O. qui O l. rgh.s. la C t. ' 1ar(1., on 1.t., un. 4ou.' 1. m luuon I lime rech.rob.1 ' or pntn U on. \ de.1:abl 11..Uon aa 1D da l'm..bl.t. l ' rope ooald.mt&le - l tra n 1.. ac:thldou d l. D6pola't10M d ' u ao ol attor., d'un. part, et; l e lario_c't.1. l'ud1 cm Ioonca1qu 1..an't.alre, d.'aut r. part. -.t 4...ni. d.. 1I011dar U ' l n1:emau od&1. (Oroa.p. d.. DiI, m, CI"UC, 0:0.,.'o.).../ )

6 - ) - 1Aa pr'oocu. ~'ldmi l.. plu a rquant.. d.. 1nt_n""". aus: 8011aqu.. liilsq'ilal. _.. aul. " ponalent. DO"-"'. A I' la "'o_h' e 4'f1n1r h a.,..,.te,ro~l"" et o'u... e,011 t,l qua ~1qu. _,ft...,.pia. OD. oina ld41:ri4uau.'. ~CI'l_..t. et de priol a. r l.. M7-- at. oa.4ree lm'\ltl1 tlomael. p.rwlttaa.... _.al' Ittloao. eo' 1& polulq'l1 n1... rlwi"e la C ".. 1:1:1:,.0'---' 4aDe l. J.-.1na, o- eoalqul ( CI pai'1:1cn.u. r, aveo l.. O. S.A. t l. Japon.t la Ch1ae. l' "...roplen. 1.. pa,ji; ed,,"01 4nelopp.eo\ - oa PVD). J l 4erl_\ 4 ' g tam, l ua laponant d. 4onDe!' tull "l''''... a.. qu.le11cm11 ~. 4.. Nh' aao.. t.portam.. JIO'U...- a tt-.1cn :1& 111 ea plao. t '1m ~ U 01\61at" l nt.n-.u onal ne'bi, un noa,y -.u, -romy,l- 4. Dfc"ocl a U ona '~qu t ~.ro l.1.. (tarlt air.. et pua-tarlfure., acrtool to.), la COIlt ' nnoa pr4conl.'. eul' l a "cu1.1' fl ooop45rauol1 tlii lu'opl. CI qui oonceme }"volutlon int araat lona!. l lctuli. d. 1i bl e. d' l nt. re. ct l on. pol l tt,y, '.ux II }...17 d. l1cn" Ila roroe d t l a t orau.1at l on d..c~ l nt.l- La premi''' ~ ~,. par }'habltud. l oonat d'rer l e. on4e OQlllli. 'Unt a biuri." en ara.d-ia. ne.bl.. IfocraP"qu. plu O\l 1I01»a oaraourl... par d. a~ t. prit're'iel. In "'t're eon'taire, ca.a.rot al. ou d' i UY 'l...en'\., J 'aid. 'oonw.iqu.. pou.rra1" oonvea1i onnell_ed'\ oarao" rl r oe"., par UD U. ""10&1.

7 , la dtu...rl '\ ce p&rt. do. 1& oonall1trauon qua 1& DOpaCI- '\rau _ d. l a rloh... e'\ l a oi'giaaana., IlOt_en\ 11"108.. l '1n'..u.d.. ' oha.ni, et.. 11l'Y..Unaa:::l. prh '. ~ 1. pro4ucuon,,co! l polarl 1" c ' re. poca" aodo, Wl à6l1.ph'n t on. l J1du~.ri&118,... hai.piolro....o-j..,.lopp'. la l1w..l18a U cm 1:&1re.,, :1u. u e a nw-e eroi.nn'., :1au o.lui li.. po l U l qu 'oonca1qu.. u. eaid l*a1.~". or.! o0d8\1\lleral't l e aotwr Wl 4' l opp.eo\ ;1...bl.t d... eon... ~ pou.ral '\ caraot~ n..r o. ". tcdano. par UJl ax. boriecm'al.. ~t L' i m en ee, l.. _tre l.. RJl,\-..1uo../ r eprie ent '. 1Ù" r1eu.re.., e1 la oonoert.uoi1 r1anii I. ' c.a1n 0n4- DOta.-. Glt par la ooneeptlcm d.. prif.reno... n U _' ed tayw.r il PYD, P&J' 1.& DO'Uon de dnu. li. 'U ne" ap401au.s - 'U.eD' centrai prf8u86 d:u. qau licm4:\a1n tntematto_l ea 00\1" ~ ' labon.uon U'.- l ' d ii... ","l ow. e t.t par l " roat on d. pnr'r-ao.. l r..v.n,. p401&1.., t cematn. pnconteet l e re-plao..m t par 4.. &ft'allc_.u. l....t '. l d. JNbl1que, t.tanoe 'teolm1que, accorda.onaa: d.. atabu t..uoll et reval. rtaau on et.. t_m.. 4. l " cban, oonoertatton ed "'t 're 4. produott on, approv t. t on D..ent et cl' t~ OOIDerolal.,,er ' urba' l ona ~_ carac"re.0cl &1., r4c1onal. era f onc U on,.. parucul1er, J De ' ou.t. 'vlj..,o., un. l1b4rau..u on ulurleure Je. 'ohanlh, volre... pwr d ' auo\llte. l 'objeout,.. ' erae d. 1"11 II1flaUon d. drou. de douan. peut qve pr'olpli er la oonoeri a ' l on l et Il.. pdt'reno.. i.rtfair ne i.. ntveauz appropr l... o. _ j e" la tendano_ oon.l.'ut l auribu.er un rcle aohu.r not_ant.. la d olauon et oonoeria\1on m ' re O.S. A.., C~" N l.l " ' luci. et Ja pon rlnneu l. un oon.enn. 'teaj.u. e eet&ila "rtbaant une prioriu.. la M olauon.t cono.nau oa entre C. E. l. ei t..t...r!jl,l J) ' ol l 8p4oulaUODa au. _ j et Il.. teacl.... de co n'\ao' OR nlcool a'loft l.. pla ppropri'.,4oat 11. era q\l..u on pl llll ba.a.../ 5

8 -,- " _ eont._ 4. o.. ooni.o'h.t ~l'ooi.\1ona DO~eD1 ateo 1.. U.S. A. OD 01t. ~ p&n l ma.u er la torsalau on d. proposl - tiona..ti la ocmaol14auod dee \alano. ollan, l. DOnt ret OUT. ed' oapl1aaa. l"t.u ' un.,.,..... l. toi.cuple. 't: ocmi r81. q obuc...'. d. pariu ""n ar-n-i. 1. (..._Naa~.~ Udan~ l la (010 la 0011 U o' 'MUtai... ~ la."'~1l1u ~. (OIlOU_..,\.. q.n..."'1...01>41.1).., fono U OIl e l " vol u:u OD.. " ' OODc.1qu.. liodd1a l... la,..\10 d..!roti. '\l nc'. p401&1lk iou1 ed tell&b'\ OOlIpt... beeolna à PVD, l'" 4' un ' qu111br. 'ad. 1.. t&al 1i "" ~«rolal " l accordar &U PVD, dane l'orp.a.1aaucm 4.. IllU'Cb4. acrtool.. 1IOnd.1&\lS.. d.ana 1.. ln"..u..._,. " ~n nspeout.t dane l'aot,ivit' d.. ~1'1'.ultlnatlonal... A o.t atl.,. DA,.ol1l1ar1\' aon4\a1re aoci'q.' cl. l' urop. parati po. tul.r la Ofta \1on ".1i. pnoon1n' 4 ' u?'onu uroplen d. coop'rau on aob'" tair l a.u".' d.!oc l f t ~.ul\ln,tl on,l 1 ati. aont... ~. quant.. la qua.u Oft 4. _YOir q'u.11 t l ' p pl.u.r d. l.,. l n:1' perto.1ado. d. IltanOftYre. d. l wr tenuano. 1' t.ra "'«1qae liur l " vo lu U cm 4.. rel.uon. 4oonoslqu. " tlnanal.re. 1n".1'11&Uonal, d. l..r.t,., wr l a ooncu.rreno, U ber U.i" ' obancae, e'\o. Au "jet l, eon. on t.u r eleyer al paru ouu. r l e ~ e 4. " ranapareno. ~ e. r l.. coma.ratal... " d. ooncurrenc. ooncel'dl.jlt oe 9..,._. l l1quel oona'\!"u. pou.r '\ad" 1111 C'J"&Ild -.roh' Y1..-.l-1'1. J.uquel OlI.1o U e y1ncer l e a ou.y.en" d. U WraU"UoD d 'ohanc" e" d 1n" U en" l con..11 " on 4a.'anhllJ.re INr.tu ri. l.. att10a0" pclui' M "ar d.. bou.leyen_ct. 4.. urcll'e /6

9 , L' lyol ttu o 6oontalqv.. a..j&ii" 1eDdano. à.'uolp ar,..l 'apri. la _Jor1'\' op1n1ona uprljm.., pro,eo\1omi.... " J. la no Uon d.. prlt ' naol tariw,.., 11 con.,1-." l '' plr..cllir d&v&iltae- l 1& f oia wr l a ona'uon d, ' enae bl. l a..iua1.r l a b ba"'\lliient coneurrcn,\1.1., pcnyul't faire t aoe l '. boliuon d.n '-rrl'r.. ~.ro1&l,. t wr 1.. OonNqu.. soci.l.. i riponal.. " la 11W rallauoil uli. ri...,.... 'a.mdcu. t.. U. S.l., la C. E lar&1_.t l. &apon, 4"UMI.... pa.rtacer.. l'&... w r Wl. pam a port&n\. li&1"chfa MDo11aas J...,.,..l a.t. ' m t m.1r. Ar.. " Cl lneo. pu bl...:i. f.vori r 01". 'YQl aun a11l11! qu. ' 1m.carot... c t.t. la parto 11.. P'VD danl l" oonolll. aond.l.1e.tu W J I ' da 1& Chini, vn. Opin1 OD l a t ' r ant. J.4tlnU 01 ~b l. C~. Jl" tant "Id An i, Ai c...n1.,. n1 nl)-. I l a laci"!s ' un ~ n'.., pae o, lnt 1'1 '1.le o on.~upd I t qvi.,.ct OODa'\l'\llra lui &vec l. a olna 4'lnt l n GUon,.. u'ble d.. l en.n... "w 'i al aouha1tant UDI b&lado. o..ercl a l. en. ~ l l1bn. Ceci POrll l orotre I h pou r rai ent.'.' t n. er l a paru. 1& plu iapor'tani. J. b..oina chinot. hh4an't ali c~e ra. ln~.rnat lonal, aai. a vec une aol n4re propen. l on d. c. ~. t par rap po r~ l l ' U 1.1., 5: pl'ollqu,yo i r l't. pa n auo ;;1. p-anot.. l J'l11t alla U on. lnja8~ r1.11 pajab l q MI pro.:1u1 t a fabrlq1l'. pu- o.. dend' r 1n, un. ' volll\ l on 1a,ortUl't. :LaD. l a oontrontau cm m'\re ~a l nju.trtal 1. '. -' ~ r4.1 ~. dane 1.. probl... ~ '. pp rov1. 1 onn t U'r la c.. evra p h.r ri... aent w r c. probl, na1.amleni eri a. qui oonc.m. l.. n ou.ro ' n.re;fitgu... A 1M -.Jet: 'aci'\ d. ' un t.c\wr N eeau. I 4au l'nol uuon 4ea reja 1 U1'r1-.u-e1 no~1 la C~t' 'larp probu " '. 1W1ilnaUOlìal...'i' l nauvllul. wl..., en par Uov.llar la qu U on li. lavoir olala au...re 1. e,..,.. e'bje1 plvi qu.. W\lj.' ;i. pollilqu. u1.'r1mlr1 ~ 1'aire l n t'~ la p;roo..w,au o p41 roll'ra.../7

10 - 7 - Le probu 4. la jau.laeano. _.art. DOIl opu_le, 4. 1& part... PVD oontl~ \aritairu 'Urti d... prit.r-.o..... au... (<bo rau cu...lap..t.. 1& _._ra\1on d.. a ponauoroa RI' l ' GlI l 'au'tre tat _.bn., la al.r 4. r4par11 \1on a40p". pwr _ ~~.). &1ul qa. d. l... 11&1" OOYOM &la pj'odllu. oç1oo1.. t raur ' 'cal_t U '.YOqD.'... qui ~. l. ~ej'o. f\.-ou...'. _ bi._ dr hoqu' l 'ld""" 1& C 1:. 'larp. I.""Ul p...l. lo cu- ",.l oppaea' d..... a"'eo l ' DOt-.',... w.1,. de l 'holuucm ed ooan.., d. 1& J_l.-noe d.. MJ"O!'IIe 'traditloaa.l, 4. l'oppoat an1" d' espl orar ~. DGUyall.. yol.. d. "datent." ayeg l ' 1& cwol e1cm pr1 l o" 4. la 2~ aaaa10n dii. CtInX:CII Gl'f.,. tre 'AD. a_.. Jl&Dq1le 1"'.1'2.:' d. l_..u.~.ldt. Wl rou'bl. OOIrI'U'UlIile &II 1n da l 'ain eoo1au.'. end"na &1ul qao l t.. oorlulqa_ 0oס 1 > lo _ d'une reoonnaiemdoa 4ti la riall" ~NJI'\&1re bl-.' PG'la..r.. onte aplorau_. PIU" &111.,.., 1.. o'ntaol 'bi. OOlltlU cm.' _ai ''l' 'voqu'. I l.. l lai'l.. l I ' upa n al OZl cb& ~ro. po.'" par \11\. o_pl_entari" 11111"'. C," uportaudnii " ap.o'l..., la-.nqll. d. OOllP6tlbl l U' 're "cl" DOMerai.l.., 1& "parre d aridi".". D' MlctlDll ajou:\an'. d, aii I...,... qq.. 1& plapa" d.. t taire. no\_em. atea l U. R.S.S Dfpoien\ ID dehon Il. 1& po11uqu. o~erol&1e olaaal qu u..j.t a laqu.el1. OD pwt. JlU' OOl'\ll~_t... 4 " e1'. l 1. jat. dm 1.r jan.,le1' qui dnrai\ aarqu.,. 1& ai..... O_Y1"a d. 1& po11~ 1q1l' ~.ro1al. o-.m. uni Yi~... ~.1. l' cbadpra MaROOUP " 0-' Uat 4. cho u qua l..-et ne clmld.e 4'. "'Uorer 1. ooa:\_.../8

11 _ C_ en' orpm...r.tti_o...' la ooafrcm\auod., la Dlpo1aU " re la C. _. ' 1ar'&1'. t: l.. cll tt'rc\ a ln'.rloou,... e\ parloll&1" T Lo8 _.,..<lrm l"'u "' 'lonall...' la 1Uft1~11.? '..\-od ~t1n1r nna 1ienl 4. '-'-UOD _, pouuq... "...,...,...leuo... _ alqu.. uuri pal...., T 'foll" qullqu.-.v.n.. J... qu UOllII pllli agl'or".. qui l 'OD... euj.' ciea. rimatla..'10ft aotualle- OD 41. aa1 OD -' oall. cl. eatolr. '11 oodtl ennl ~ DOD 4. orlar U.D. tora- p.-.rt d i ocmtac\ Gl'''' la C et 01 ~.... _ ti qa..uona 4' l au ri' ~.., ta.1re 1'0"".' 4. oodfnm: tlo1l (_...\ape oa &..., oarao"rll'" un,.1 t paj" l'up...1od -pejmaed\ j oln1 aaoh1a l 17 tor a clabal 'tndalu :U o ou.alop. - ). Un " 1 t olula...,,1' l.yaii~ 4a palu... fal' qua 1.. ""a-lln1. _,,_ ocmau t 'ilei" UD l n' erl OCl11\ r u.nlqua polilr tou.\ U 'r.. w J"" contrcmtat l OD, alo... qlll 1& C 'NU'" ed 1&a.t qu..,.ua n'. paa Il. ~p4 ' It JlU' es_pla, pour 1& ~t.,, aa1. l l t a" tre. pl"i. laol_c\ nl l'on\ Pu pcn.r 1....'tl~re. oc.au DaUta1ree. OD N1\. per al11 era' oana1u t bree ~A' pl'll. ~'loed'...i' tra &u j.".1. 1& oriaucm J. UD "1 -fona-.,\ OQ\.. aoida &vad\ n'loot ati=- priw. au. in l1u. al'l'! poilj' 1973 WT l. p1.&.n ut'ricr --'t par a111-.n. DCO'"..tou.ri. 4e perp1u1u. La ori. \a1u.u OD l '1J>11Y1~UU 4a La c.r n.rp.../9

12 C. cl. 'upll.qua, \t'. autna, par l. t.u; qua 1 ' oanl da pr l.. a 4'01. 1ona AIl H1n a l'l.taaoa ~'\alr CN pl u- t e, l a reprlaen ti re 4. oa "0&D1 _.. oc.plue, _ t'ouu oo d...u.' n11 awh10u e1.. oc.pttmo.. l N1U ". U ona 4U". n '.., paa..oore ~pui" _~' au. poln'\. A. quel nlve.u 1& Cc.a1a.ton lnt.rv1 en t-ella? Le. oaa oh l. pri.idea' en o!iarp Cone. n t r..., 1. po rt. ~paro l t o-.s où la Cc.a1a1 ftj'a1t pourrau }''''". licmt-lla ~ pl l"_8dt " par\ach '7 Y.-t -l1.... ofl l'tua ou. } ' &II\ " _et d ',..t, O\l l'lul wln l ' aut re' t ou.r.. rol., pou.rra1ent Itra oonal d4na oc:-. ln1arlocu\wn P&J"11ouU'r. _' pretrul1cs dam oonfrol1\auonll bu.t_ liilt 18ponan'..., t ne.wl1o&"..t I l paralt ~1 qra l a cont. t 1. paraot're d. p. ca d illa tal t'onm rwtt."t. pow- }'l na'tad\ ccore un C&l'&ot 'ra enu.,...oa, U bl a, oapeco1aa1i. 4 '''" ai.u.z prfol a' par l. BOIDI'. ~pt. tenu...1 d ' ob6ano Cart..ln t l ~r on1 plua qua d ' p :,,... yooauojl ' 'h... Maool..., MD. un 1'.:I.. nrvalllano. panaanaz2'"'., O~. oa poar rah l're. &II ooa.tl"&1re, la oa., par pl e, pau' la ~rauoq...u 6r e pol1'\1qu. 'oonaa1qw.. e'\ acn:''\.a1re. or. t au.ua1\-11 "re aanna qua la C : lnu't' P'll e oon.o114er d. pb. _ plua _ aol14ari'".,.od au"o~le. Peu.'\- t t.r e vau jra1t-l1 m.1iwl d.-,rl.r, pour l'ld.11tant, 11. Cae1" COI1t a o'\,..". ~ l'aurl'ba' de p.raanen'-., d. ' ed prio1 r l.. aodal AP"I avol r 41eou\' lie. 1raDJ... op1,1clg8 e1, ' ch'. no pouuq... 6conool.'l1" ",Uri... ( l ooqu _....h D' 1 l...,c... aocll'rer 1m aooord. au. ae1n... l ' 6Yol uu OD. no",,-_' d. la pouuque &&rlool., _"t alre,.io. de la Ce-mav.U ). rane o.rta1nell _ U6rM e'..1h-y1.1. o.r '\a1u craa1e ena.'bl, l. l'ro'bl.... "fonall- afl redlhl l'l ~p lu. par l 'w.teno. aou.tad1. 4. Qroupea a.1 )aoo (Orovpe d.. DiI poqr 1M. t rairea 8on41,airee, Croup. a~ pour oell G~.ra l.1,.' 0. ), ~.o.p'lbl.. d" 'ra ~anal~../10

13 ~ Le probu ~. probabl \ aveg _In. a l utgence pou.r l. J a peml "P"_eII'" dan. l.. ~ t onaaa 6oODClII.1qu 1 alore qv. vt..-.l-rt. cl.. ~ l..o!!1 un. pl u 1't'aD1. ooord.1nau on d. la rep...'tauon. u\u1,.,.. d. la c. t. paurra1" d.w -ur _tt 'ci.1on, lu. ur.-a". paru auliv. un. oamun. p. rpl z1" paraf'\ IIltou rer la qu U on 4...voir qu 11...' U'r.. wra1..t. " ' o.''b.r. ou. 1. ' rait _ ~1. "ce. m W... alon qu. lun oona ' t c iu. ltl. ai.t.r Wl' 1. falt e l. oarao"re ~ h1.que, eu..t bten 4.u.,c1nt 1. w. 'oono-lque n ~erolal era' pou't.lqu." elitre Cc 'rl.ellu" COl..cOJ, alu'. para1 l a al' ent e al t avwr d ' 'tn. tona i. d.. l a C~nall t. '.. t.ratt er ayeg c W' Pro de 11. t I '\out. ali reocnma i aunt l. COIi.C Il. veu.l oi r prften4re le IIMant e t.r - ca..e 101..rl o ~t...r,o lb1, poar..r\aln...t.t're Adolfo CQIl1II, f

14 GRUPPO DI STUDIO SUL V3RTI CE EUROPEO (Riunione de l 13 aprile 1972 ) 181 i s t itu t o a f far i interna ziona li B 8, vt e t e m...zz l n ~ O ".. a t.l C'a b '., In t. ffarl.a ",. RELAZI ONI E RESpOnSAB I LITA' ESTERNE DELLA CO}W NI TA ' (Pr ima parte : rapporti economi c i i nter nazi onali con Usa. Giappone, es t e Terzo r tondo ) 1} La forte e s pansi one de l Pnl nel peri odo che va da l 1958 a l 1970 ha portato con s é una r edistri buzione globa le di pot enza economica. Nel l ' area occi dent a l e. i l Pnl del l t Europa dei Se i è triplicat o, mentre il Pnl degl i Us a, pr i ma potenza economica mond iale. ne l lo stesso per iodo di t Gmpo è soltanto raddoppiato. Ancor a più spe t t acol osa l ' e s pans i one economica del Gi appone, che, su per a to i l Pnl della Germani a occi dental e, è diventato l a seconda potenza economi ca de l l ' area occidentale e l a t erza po t enza economi c a mondial e. In altri ter min i, nel l ' area occ i dental e l a suprema z i a del l ' economia de gli Usa, assoluta ne l 1950, poco a poco s i è deteriorata e t se ne l l ' economia s tat uniten s e è ancora l a prima del mondo, essa è tall onata da quel la del l ' Europa dei Di eci e da quel la del Giappone. La tendenza è confer ma t a da l l ' ev oluzi one del la parte dei "tre gr and i " ne l commerc io mondiale. Nel set tore dell e esportazioni, l a part e degl i Usa rispe t t o al totale del le espo~ta z ion i mondiali (escl u s o i l commercio de i paesi soc i a l i s t i ) è passata da una med i a de l 23% ne l per iodo a l 18, 4% nel Par a ll el~ e n t e, la parte de l l a Cee

15 - 2 - è s a l ita del 18, 4% al 19,2%, mentre l a parte de l Gi appone è sal ita. ancor più rapidament e, dal 3,3% ne l 1958 a11 ' 8, 2% ne l D'altro c anto, la r edis t r i buz i one i n atto i nt eres sa anche l ' ar ea dei paesi socia l isti. L' Urss, pur costituendo l a seconda potenza economi ca mondial e, non è più in gr ado di r i vendicare una pos izione di supremazi a ne l l 'area s oc ial i s ta. Infatti i l r api do emergere del l a Ci na - pur con tutti i l i mi t i posti da un Pnl ancora r elativament e modesto - ha determi nato un ' a l ttr na t i va di amp io r e spi ro ( s i a sul pi ano politico ~ h e economi co ) che investe peraltro, oltre a l l ' area dei paes i soc i al i s t i, l ' i nt era area asiat i c a e l 'int er o arco dei pa e s i in via di svi l uppo. Se cons i der i amo la probabi le evol u zi one del Pnl dei "c i nque gr andi ll nel per iodo , 2 da r itener e che la redistri buzi one globale i n a t to s i acc entùi nei prossimi t r ent 'anni. Appare probabi le un f orte sviluppo de l l 'area asiat ica, imper niato s ul la potenza produt tiva del la Ci na e del Giappone. No t evol e dovrebbe risultare i l r i dim ensionamento de l la potenza economi c a amer i c ana (natural mente i n t ermini r elat i vi ) il cu i Pnl, dal 40% mondiale, dovrebbe scendere nel 2000 a l live l l o del 27-30% c i r ca. Ci dovrebbe e s sere un r idimens i onament o de! l ' i ~ c ide n z a del Pnl d e l l ' ~urop a a Dieci, compensato tut tavia dal l ' impor t anza c he r i vestirà nel co mmercio internazionale. I nf atti, ol t r e i l 50% del c ommercio mondiale dovrebbe f ar ca po ad es s a. Questa r edi s t r i buzione global e di po t enza economìa ap r e un peri odo di acc entuata concorren ~ a e quindi di l ot t e economi -

16 - 3 - che e commer c i a l i f r a i paesi i ndustrial i zzati de l mondo ccc i dent al e. Le i mpl icazion i di quest e l ot t e s ono mol to i mport ant i per i l futur o as se t t o del mondo. Gl i Usa, consapevol i di t al e rìmescol amento, con la cr isi ap er ta i l 15 agosto 197 1, t endono ad i mpor r e su posizi oni di for za (data l a carenza di uni t à del l 'Europa e l e i nc er t e zze del Giappone) l e propr i e s~ l uzioni, anc he a r i schi o di eniuder s i i n un per i col oso isol a zionismo. L' Eur opa v i ene cos i pos t a di fronte a l rude gi oco americano ma anche all e sue r e sponsabili t à. Ogni ul t er iore e s i t azi one, ogni ul ter i ore rit ardo, non è più gius t ifica t o spec i e per quanto r i guarda il varo del l 'unione economi c a e monetar ia, l a c ostruzione dell a comuni tà polit i c a, e l a s ua c ol l oc azione nel con t esto dell ' economia mondiale. Al Ver t i c e de l l ' Europa a Diec i s i di scuteranno appunto l e r el azion i economiche e s ter ne de l la Comunità sul lo s f ondo che abbi amo appena de l i neato. 2) Gl i Us a cos t itui scono di Gr an l unga il pr i mo part ner commer c ial e del la Cee. Ne l 1970 l e i mportazi oni Cee provenienti dagl i Usa hanno r aggiunt o 9 mi l i ar di di dol l ari (par i al 21, 1% de l l e i mpor t azioni t otali dell ' Eur opa dei Se i dai paesi t erzi) e l e sue espor tazi oni sul mer c at o amer i cano hanno raggi unt o 6, 6 mi l i ar di di dol l ari (par i a l 15,3% del l e espor t azioni gl oba l i del la Comun i ~. La bi l anc i a commerc i al e è tradizi o nal ment e favorevole agl i Usa per un ammon tare medi o annuo di 2 mi l i ardi di dol lari. Gl i Usa vendono a i Sei s opr a ttut to pr~ do t t i industrial i. Tut tavi a, l a Cee cos t i t u i sce per gl i Usò i l più impor t ante merca t o del mondo p~ r l a vendita di prodotti agr icol i ( 1,5 mi l i ardi di dol lari ne l 1970 ). La Cee i nvec e e-

17 - 4 - ~ po r t a quasi e sclusivamente prodo t t i industri ali ( sopratbjtt o prodott i s i derurgici, macchi nar i, aut o, c alzatur e, art i coli di ùbbigl i ament o ). Si deve i noltre t enere conto dei rapidi svi luppi degli i nves t i menti di r e t t i amer icani ne l la Cee. Questi i nvestimenti, pari al 1,9 mi l i ar di di dol lari ne l 195 8, sono passati a 13 mi l i ardi di dol lari ne l Nel 1968 l e soc iet à amer i cane situate ne l l a Comunità raggi ungevan o l a c i f r a d i 14 miliardi d i dol l ari d i vendit e, pari i 2, 5 volte il val ore delle esportazioni americane t ot ali nel l a Comuni t à. Nel 1970 hanno t r a sf erit o neg l i Usa c i r ca un mi l i ar do di dol lari di u t i li pr ovenienti dai l or o i nves timenti di r etti nella Comunità. Gl i i nve s t i ment i diretti dell e campa gni e di or igine comunitaria negl i Usa, i nvece, sono stati s empre r elati vament e modesti, r aggiungendo solt anto un t er zo degl i i nve s timenti americani ne l Mer cato comune. HOl1os tante que s t e r ealtà di filt t o, vi è una diffus a opinione americana che l a Cee s i a un ' ent i t à liinward-looki ng" e protezi onista. Tale opi nione, c he talvolta appare gius tifi cata e tal vo l t a no, i nve s t e t re settor i, que l l o agric ol o, qu el l o degl i accordi preferenzi a l i e quello degl i ost acol i non t a r i ffar i. Nel set t ore agr i colo, Washingt on sotidl i ne a che l a messa i n funzione del la politica agr icola comune ha determina t o una diminuzione del le impor t azioni comunitar i e di prodotti soggetti a pre l i evo. I nfat t i, l e e s por t a zi oni Usa di pr odotti ag r icol i colpi t e da prel ievo sono passate, ne l periodo , da 525 a 451 mili oni di dol lari, r eg ist rando una con tra zi one de l 14%. Washington, i noltre, àenuncia l'acc en tuar si

18 - 5 - della concor r enza sui mer cat i i nt er na zi ona l i e l a perdita di posizi oni sui pr opr i t r adizional i mercat i di sbocco (Giappone, Formosa, ec c. ) i n seguito al la aggress i va pol i t ica di e s portazi one persegu i ta dal l a Cee. che, per smaltir e l e propri ~ eccedenze, s i avval e dell 'u so i ndiscrimina t o de l l e r e s t ituzioni al l 'es por t a zione. Al l e cri t iche degl i che, nel Usa Br uxe l l es r isponde f ac endo os servar e peri od o , l e e s por t a zioni Usa verso la Cee s ono aument a t e del 25, 5%. Ci r ca i l 40% del l e i mportazi oni c~ muni tar ie di prodot t i agricoli pr ovenien t i dagl i Usa ( in s p~ c i e l e i mpor t azi oni di soja ) ent r ano nel l a Cee in f r anchi gi a. Bruxel les, inoltre, sot t ol inea che l e critic he Usa non t engono suf f icientement e con t o de i probl emi soc i a l i c he l' agricolt ura europea cerca di superare e c he con gl i accor di del 24 mar zo scors o sono state varat e l e pr i me rif orme s t r ut tur a l i che ne l l ungo t er mine, dando u n ~ s ol uzione a i probl emi soc i a l i, do vrebbcro por r e un t ermi ne al pr otezioni smo. Ci rca gli accor di commer c iali pref erenziali gl i Usa s ot tolineano che tal i accor di viol ano l a Car t a de l Gatt (comportando l ' abbandono del la r egol a f ondamental e de l l a "non discrimi nazion e "), per pe t uano r el az i oni di t ipo col on i a l e ( a l f i ne di assi cur ar e sbocchi esc l usi vi ai manuf a t t i della Cec, gr a zie a l l e conces s ioni di pre f erenze i nverse), determinano una di s torsione nel commer c i o mondi a l e (che, speci e ne l set t or e a gr ìcolo, danneggia gl i int er e ssi eco nomici de i paes i non part ec i panti a t ali accordi ). A t a l i cr i t i c he l a Comuni t à rispon de f ac2ndo osservare, f ra l'al t r o, che, pr est o o tardi, t ali acc or di sono desti nati a sfociare i n f or me assoc iat i ve vere e

19 - 6 - propri e, conformi al le r egol e del Gatt, che l a Cee non ha mai perseguito una pol itica del iberata per assicurarsi una zona d ' influenza ; che i modesti vant aggi concessi ai Sama sono gi~ sti f icati dal f a t t o che t a l i paes i sono fra i più poveri del mondo; che i Sama r es t ano l i beri di r i dur re i l or o dazi nei conf r ont i del l e i mport azioni pr oveni enti dagli Usa e da al t r i paesi non facenti part e del l a CCCi che i l commercio estero de gl i Usa s i è svi luppato favo r evol mente nei paesi in ques t i one, malgrado l e r elazioni pr ef erenzi al i del l a Cee. Gl i Usa, per a! tre, di f ronte al l e prospettive che l a Comunità al l argata s t i p~ l i un ' al tra decina di accor di prefer enzial i, ha nno già protes tato ufficialmente. Per quanto poi r iguar da gli os tacol i non t ar if f ar i - che sa r anno a l centro de l prossimo nego ziato multi laterale i n sede Gatt prev i s to per il 1973 ( Ni xon Round ) - gl i Us a ne i con f ront i del l 'Europa sott olineano che l e commesse s tatal i vengon o spes so assegnat e a i pr oduttor i l ocali seguendo dell e pr~ c edure ammi ni s t r at i ve che di fatt o esc l udono ogni possibi l i t à di concor renza del le i mpr es e americane; che le tasse di ci rc~ l azione di alcuni paesi eur opei, gravando maggi orment e sul l e aut o ad alta c i l indrata, rendono vani gli sforzi di penetrazi one commercial e de i produttori americani ; che l ' aument o degli aggius t ament i f i scal i alla f r ontiera ( i n s eguito a l l a ado zione dell 'Iv a) costituisce un os t acolo "i l l ec i t o" ag l i scambi int ernazional i j che l ' accordo concluso dal l a Francia, dal l a Ger mania occ i de nt al e e dal Regno Unito (accordo apert o a l l ' ade s i one deg l i a l t r i paesi eur ope i ) sul l ' i s pe zione degli e l ement i elet t r onici, pe r f avor i r ne l a recipr oca ac-

20 - 7 - ccttazione ne l l 'area europea, compor ter à una per dita secca per l e vendite amer icane ; che l e r e s trizion i su una seri e d i al t r i prodo t ti (ad es. specialità f ar maceu t i che ) l imita l a penetrazione c om~erc ia le americana. A t a l i r i l i ev i l ' Eur opa, a SUA vo l t a, fa osservar e che in t ema d i valutazione doganal e gl i Usa co n t inuano ad uti lizzar e i l s i s t ema del l 'Arncrican Sel l ing Pric e (ASp) per i prodotti chimici (nonostant e l a definizione de l Pr otoco l l o di Ginevr a concorda to nel Ke nnedy Ro und ) e metodi c he pr ovocano un aumento d ~ i dazi di impor tazione per i prodotti ( c i r c a ) del la cosi dde t t a "Fi na l Li s t ll I nol t r e, po i c hé gli Us a non seguono l a Nomenc l a t ur a di Bruxe l l e s, chi e s por t a nel mercato statunit ens e deve f ronteggiar e uno s tat o di i ncerte zza t al ora i nsost eni bile non potendo s ap er e con prec i sione, in ant ici po, qual i da zi dovranno e s ser e pagati. Gl i Usa, i nol t r e, appl i can0 l lantidumping Act del 1921 invec 2 de l codi ce i n t er nazionale c onc ordato a Ginevra ne l Kennedy Round, ed impongono, in modo aut oma t i c o, dazi co mpensat i v i. L lk~eri can Buy Act de l 1953 f avori s c e po i nettamente i pr odu! t ori amer icani ed anche in t ema d i s t anda r ds di s i curezza l e r egolamentazioni Usa hanno spesso un c ontenuto discriminator i o. 3 } I l l i vello degli scambi C ~ 2-G i appone è so rpr endentemen t e mode sto. Solo il 2% del comme r cio comuni t ar io r i guarda i l Gi appone, e sol o i l 6% d i qu el l o nipponico rigu arda l a Ccc. Le r el azioni Cee-Giappone s ono da qualche t empo discuss e nel l ' ambi t o de i negoziati per conc l uder e un accor do co mme r c ial e. La poss ibi l i tà di un Ievoluzione dei r apporti economi c i con i l

21 - 8 - Gi appone è, t u t t avi a, con t ras t ata dagli i ndustri a l i europei, i quali t emono i l r i f l us so dei prodqt t i gi appones i dal mercat o americano e sembr ano decisi a r inunc i are a l la conqui s t a del mer cat o giapponese. Questi t imor i sono esagerat i. L ' a c co~ do che Bruxe l l e s i nt ende concludere con i l Giappone mira i n fat ti ad o t tener e l ' abol i zi one de i contingent i gi appones i, a r imuovere l e f ormal i t à ammi ni stra t ive al l ' i mpor t a zione. i nc l ~ s i gl i os t acol i i n ma t er i a di brevet t i, model l i, ec c. Bruxel l es, i noltr e, pr evede l 'inser i ment o di una clausola di sal vaguardi a per consent i rc, i n c as o di nece s s i t à, di f ar f ront e a l l e per turbazi oni de l mercat o. La compet iti v i t à del Gi appone s i basa tuttavia sul l ' adoz i one di t ecnol ogie avanzat e anzi c hè s ~ l mito dei ba s s i salar i. Indubbiament e gl i oper a t or i gi apponesi sono pi ù audac i, f r u i sco no dcl l ' appogg io total e d01 l or o apparat o governat i vo c di un s istema cr edi t i zio pi ù f unzi ona10. ~la l e carenze non mancano. I giappones i, ad e sempi o, sono r oco pr atic i di marke t ing t an t o che i l or o maggior i succ es si co~merc ial i ne i mer cat i mondiali sono da a t t r i bui r s i ad agent i s t r ani er i. I n r eal tà una c erta c o ope r az i ~n e con i l Giappon e è indi s pensabile sui mercati i n t erna z i onali speci e per quant o r i guar da i t es sil i i prodot t i s i derurgici i n cui eur ope i e giapponc s i sono concor rent i per l e espor t a zi oni verso gli Usa ed al t r i merca t i. Inoltre i l mer c a t o gi appones e of f re de l l e ot t i me possibi l i tà per l a v cn ~ di t a di f~~e n to, miner ali, cd una vasta gamma di prodot t i a tecnologia avanzat a. Le po c h ~ i mpre se europee che sono riusc ì t e a pene t r are nel merca t o gi apponese r egi strano a l t i prof i t ti c 0spans i one cr escente.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

P a r m a e P i a c e n z a

P a r m a e P i a c e n z a F o n d i t o r e E p o c a S e d e f o n d e r i a N o t e A l e s s i B IB L IO G R A F IA : S c a r a b e l l i Z u n t i ; E n r i c o D a l l ' O l i o. La campana grossa della torre della piazza,

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti:

Come si vede dalla figura precedente i campi da inserire sono i seguenti: REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Finanze e Credito Servizio Informatica Servizio Agevolazioni nelle Operazioni creditizie di garanzia Manuale per la compilazione

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.08/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Piano esecutivo annuale

Dettagli

I Trasduttori NTC o TERMISTORI

I Trasduttori NTC o TERMISTORI I Trasduttori NTC o TERMISTORI I termistori NTC sono sensori realizzati mediante semiconduttori costruiti con ossidi di metalli(ferro, cobalto e nichel) opportunamente drogati. Nel termistore NTC la resistenza

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003.

$OOHJDWRQ. Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. $OOHJDWRQ Modulo di adesione e Inform ativa ex. D. Lgs. 196/ 2003. Io Sottoscritto nato il sesso M F codice fiscale in qualità di della Società intendo aderire con effetto dalle ore 00 del al program

Dettagli

ppunti ed esercizi del corso di I nf orm a tica B I ng eg neria M ecca nica, P ia cenza I nf orm a tica C I ng eg neria dei T ra sporti, P ia cenza lg eb ra di B ool, b locch i f unziona li, ta b ella

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA ' DIRITTO SOCIETARIO varie SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PERDITA DELLA MUTUALITA PREVA LENTE BILANCIO STRAORDINARIO RIACQUI SIZIONE DELLE CONDIZIO NI DI PREVALE NZA PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP.

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO LL.PP. PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: dgr 193/2013 "Approvaz ione programma "Energia ef f i c i e n t e - piano per promuovere e sos t enere l ' e f f i c i e n z a energe t i c a del l

Dettagli

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica

Rassegna Stampa. Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Rassegna Stampa Romeo: il nuovo network per la ricerca in radioterapia oncologica Roma, Marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Videoconferenza e medicina: nasce Romeo, network per la ricerca in radioterapia oncologica

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.09/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Contributi a fondo

Dettagli

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile LITE MOT IVE: SMART URBAN MOBILITY ( versione in Progress - richiedere aggiornamenti ) 0 1 07 2012 A B S T R A C T I l P r o g r e s s o è u s c i t o d a i b

Dettagli

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono.

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono. BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK testo e regia Dino Arru con Dino e Raffaele Arru musiche Bruno Pochettino scenografie Raffaele Arru disegno luci Marco Zicca collaborazione allestimento Stefano Dell

Dettagli

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7.

Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. Par t e Second a. La d omand a di d r oghe nel t er r i t or i o pr ovi nci al e e a M odena d al 19 7 5 al 19 9 7. I ndi ce: 1. Pr emesse met odol ogi che - Def i ni zi oni e concet t i - Un quad r o

Dettagli

SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N.

SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N. SCI CLUB VOLVERA BIKE A.S.D. Polizza N. 109497922 Nota informativa al Contraente Rami danni - Non Auto La presente Nota Informativa ha lo scopo di fornire al Contraente (persona fisica o giuridica che

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia

Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia Gli istitut i superiori A cur a del gruppo di lavoro dell I s tituto T ecnico S tatale per Geometri N. Tartaglia di Brescia I l segmento degli istituti superiori deve neces s ar iamente tener conto delle

Dettagli

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni

VBA. Il Visual Basic for Application. Funz ioni VBA Il Visual Basic for Application Le funz ioni Le procedure Funz ioni µ E pos s ibile (e cons igliato) s comporre un problema i n sotto- problemi e combinar e poi assieme le s oluz i oni per ottenere

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA. Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA. Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.01/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Programma di riqualificazione

Dettagli

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE)

IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) IL METODO PERT ( PROGRAM EVALUATION AND REVIEW TECHNIQUE) I l met odo PERT (PROGRAM EVALUATI ON AND REVI EW TECHNI QUE) ed alt r e t ecniche come il CPM hanno por t at o all analisi e alla soluzione di

Dettagli

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR &2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR Con il com pleta m en to dei la vori a l Ba cin o di ca ren a ggio n. 3, s i con clu de la

Dettagli

D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.

D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art. D.P.C.M. 16-0 4-1 9 9 9, n. 215 - Decr et o taglia decibel S ommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Allegato A, S ommar io Preambolo Art. 1. - Campo di applicaz ione

Dettagli

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE

Sportello Unico Immigrazione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE Sportello Unico Immigraione NORMATI VA I N MATERI A DI I MMI GRAZI ONE 38172&(175$/('(//$/(**(%266,),1,( &+(1(66812 675$1,(5262**,251,,1,7$/,$6(1=$815(*2/$5( &2175$772',/$9252('81$//2**,2$'(*8$72 '/JV1

Dettagli

Light & Dream Spring 2015

Light & Dream Spring 2015 Light & Dream Spring 2015 Sommario San Valentino pag. 4 Carnevale pag. 6 Festa della Donna pag. 8 Cari amici e amiche, Dopo un lungo inverno la primavera è ormai alle porte. Abbiamo tutti voglia di sole,

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA

COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA COMUNE DI SANT ANGELO DI BROLO PROVINCIA DI MESSINA C.A.P. 98060 C.F. 00108980830 Reg. N del DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : CONTROLLI INTERNI DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. ATTO

Dettagli

PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI

PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI PER L UNIFICAZIONE DEL DIRITTO IN EUROPA: IL CODICE EUROPEO DEI CONTRATTI Giu sep pe GANDOLFI SOMMARIO: I. Ta be lle di mar cia adot te per l e la bo ra zio ne del pro - get to e ruo lo del Co de Na po

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE

LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE LO STRUMENTO VINCENTE PER LA TUA ATTIVITÀ COMMERCIALE Vorresti... Avere i mezzi promozionali della Grande Distribuzione? Oggi si può, entrando a far parte di un grande circuito Aumentare la visibilità

Dettagli

IL LAZIO. Lazio kmq 1.719.131,4688 AAPP n. 76-14,9%

IL LAZIO. Lazio kmq 1.719.131,4688 AAPP n. 76-14,9% IL LAZIO Count:104 Minimum:0,185 Maximum:30174,696 Sum:256143,579 Mean:2462,919029 Standard Deviation:5182,531259 Lazio kmq 1.719.131,4688 AAPP n. 76-14,9% Dimensione media AP 2.450,6 ha ds 5.173,07 ha

Dettagli

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica.

Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. Determinazione della s alinità dell acqua potabile attraverso la mis ur a della conducibilità elettr ica. La s ituaz ione dell acqua potabile nel distretto di Batticaloa in S ri Lanka è molto pr ecar ia

Dettagli

elmeg ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no

elmeg ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no elme ICT Istru zio ni per l'uso Ita lia no Dichiarazione di conformità e rcatura CE Ques to dis po si ti vo è con for me al la di ret ti va co mu ni ta ria R&TTE 5/1999/CE:»Di ret ti va 1999/5/CE del Par

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Fo glio d in stal la zio ne

Fo glio d in stal la zio ne Fo glio d in stal la zio ne Ma nua le n 18682 Rev. - Questo apparecchio è studiato per funzionare con impianti elettrici da 12Vcc con Negativo a massa. Prima di installarlo controllare la tensione della

Dettagli

S U L L A V I A D E L L A S E L C E

S U L L A V I A D E L L A S E L C E S U L L A V I A D E L L A S E L C E Dopo aver fatto la c o n osc e n z a d e l l esp era n to, il ca l amaio per l a pa c e s i avvicina a l l a c os id d etta l i n - gua fra n c a ( l a l i n gua utilizzata

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso.

Convenzione INPS-SIAE - Legge 23 dicembre 2000, n.388, art.79, comma 2, per lo scambio dei dati e per l attività di lotta al sommerso. Cir colar e 11-6 -2 0 0 2 n.109 - Convenz ione I NP S - S I AE P r eambolo, Convenzione, P r eambolo Dir ezione Centr ale Vigilanza s ulle Entr ate ed Economia S ommer s a R oma, 11 Giugno 2002 OGGETTO:

Dettagli

IL / LA SOTTOSCRITTO / A. C ogn om e.. N ome.. n at o a i l... c.f... r esiden t e in... vi a/ p i azza... n. C ell. E- mai l... E- mai l (P EC)..

IL / LA SOTTOSCRITTO / A. C ogn om e.. N ome.. n at o a i l... c.f... r esiden t e in... vi a/ p i azza... n. C ell. E- mai l... E- mai l (P EC).. Allo sportello Unico di Edilizia Allo sportello Suap Comune di Calcinaia Provincia di PISA PRATICA EDILIZIA / ANNO (spazio riservato all ufficio Edilizia Privata) SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

Dettagli

I numeri del pubblico impiego

I numeri del pubblico impiego I numeri del pubblico impiego! "$#%'&()*)+-, Fonte: elaborazione Dipartimento della Funzione Pubblica su dati OCSE/PUMA22 I numeri del pubbl i co i mpi ego Occu pazione nel settore pubblico in alcuni paes

Dettagli

New Politics: FONDAZIONE PER UNA NUOVA FORMA DI POLITICA

New Politics: FONDAZIONE PER UNA NUOVA FORMA DI POLITICA I n i z i a t i v a R I F O R M A DA L B A S S O New Politics: FONDAZIONE PER UNA NUOVA FORMA DI POLITICA S i t ra tta d i u n a Fondazione finalizzata a produrre una Cultura determinante per realizzare

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO ANNO 2016

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO ANNO 2016 CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO ANNO 2016 A tutti i tirocinanti dottori commercialisti ed esperti contabili Macerata, giovedì 21 gennaio 2016. Lunedì 15 febbraio 2015 inizierà a u a dell A.Fo.P

Dettagli

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD

Punt o di par t enza : ORFDOLWj7RSSDGHO&DSUDUR. Punt o di ar r ivo : $EED]LDGL60LFKHOH. Lunghezza del per cor so : NPFLUFD 68//(3,67('(,%5,*$17, /,7,1(5$5,2ƒSHUFRUVR L it iner ar io descr it t o è uno dei t ant i possibili che at t r aver sano il 0RQWH 9XOWXUH, e r isult a par t icolar ment e int er essant e per ché consent

Dettagli

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative - brochure - i n i z i a t i v a r i f o r m a d a l b a sso.blogspot.it - i n i z i at i

Dettagli

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011)

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) 1. Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o di altri documenti per operazioni inesistenti (art. 2, commi 1 e 2, Dlgs 74/2000)

Dettagli

ATTO AZIENDALE. ASLOristano. Direzione generale DIPARTIMENTI, STRUTTURE, FUNZIONI ATTO AZIENDALE PARTE SECONDA 1

ATTO AZIENDALE. ASLOristano. Direzione generale DIPARTIMENTI, STRUTTURE, FUNZIONI ATTO AZIENDALE PARTE SECONDA 1 ATTO AZIENDALE PARTE SECONDA DIPARTIMENTI, STRUTTURE, FUNZIONI ASLOristano Direzione generale 2012 ATTO AZIENDALE PARTE SECONDA 1 Atto Aziendale Parte seconda Dipartimenti, Strutture, Funzioni Sommario

Dettagli

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Carlo Bald assi (Ud in e, 1 9 5 1 ) d o p o la la u r ea in Scien ze Po lit ich e a ll Un iver sit à d i Mila n o (1 1 0 / 1 1 0 ), h a svilu p p a t

Dettagli

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45 Tariffa R.C.A. Valida dal Salvo modifiche che verranno comunicate almeno 60 giorni prima della loro applicazione Tutti gli importi sono in Euro e non comprendono le imposte RCA (12,50%) e il contributo

Dettagli

Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E

Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E Domenica, 26 agosto 2012 LA VERA RELIGIO N E Ge n e s i 4:3-7- Avvenne, dopo qualche tempo, che Caino fece un offerta di frutti della terra al Signore. Abele offrì anch egli dei primogeniti del suo gregge

Dettagli

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Ma nua le N 12110 Rev. B spa Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero.

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 24 ottobre 2011

Dettagli

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI

Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI Osservatorio del Mercato del Lavoro RAPPORTO SUL FUTURO DELLA FORMAZIONE NELLA PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA - TRANI 1 Indice generale A n a li si di c o n t e s t o p a g. 3 L off e rt a d i f or m a z

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio

Casa della salute Progetto per la medicina del territorio Casa della salute Progetto per la medicina del territorio CASA DELLA SALUTE PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO CASA DELLA SALUTE 1 PROGETTO PER LA MEDICINA DEL TERRITORIO 2 S E Z I O N E 1 P R E ME

Dettagli

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE

ESTENSIMETRO O STRAIN GAUGE ez I trasduttori di forza e di pressione La misura di una forza o di una pressione si ric onduc e aa misura di una deformazione. E queo c he succ ede nee bianc e c he permettono di misurare a forza peso

Dettagli

Cantiere Navale di La Spezia

Cantiere Navale di La Spezia GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT-001460 Cantiere Navale di La Spezia DICHIARAZIONE AMBIENTALE Anno 2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 EMAS (Eco Management and Audit

Dettagli

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011

RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 RENDICONTO ESERCIZIO FINANZIARIO 2011 ENTRATE E SPESE CORRENTI 2011 ENTRATE CORRENTI ACCERTAMENTI SPESE CORRENTI IMPEGNI Tit.1' Entrate tributarie 5.800.712,82 Tit.2' Entrate da trasferimenti 1.146.937,18

Dettagli

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain Società del Quartetto - Amici della Musica di Vicenza Scrivi che ti canto - Vicenza 00/05 Sez 1 - II remio Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola rimaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insenante:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

OGGETTO: MOZIONE PER LA TRASMISSIONE IN DIRETTA STREAMING DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE.

OGGETTO: MOZIONE PER LA TRASMISSIONE IN DIRETTA STREAMING DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Al sig. Sindaco del Comune di Padenghe sul Garda OGGETTO: MOZIONE PER LA TRASMISSIONE IN DIRETTA STREAMING DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE. I sottoscritti Roberta Gandelli, Noemi Bonapace e Monica

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO Modulo Versione Modulo Base di Linea Dichiarativi 02.25.05 Modulo Base 01.82.01 Dichiarazione USP/2005 04.01.03 Delega Unica F24 02.11.04 Modello F23 02.11.04

Dettagli

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2.

Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice. Preambolo. Art. 1. Art. 2. Decr et o 07-0 8-1 9 9 8 - Nor me di attuazione del REA I ndice, Preambolo, Art.1, Art.2, ALLEGATO A, I ndice Preambolo Art. 1. Art. 2. Allegato A P r eambolo I L DIRETTORE GENERALE DEL COMMERCI O, ASSICURAZ

Dettagli

Con l acronimo HACCP si definisce il sistema principe per la valutazione dei rischi in un processo produttivo: Hazard = Pericolo Analysis = Analisi

Con l acronimo HACCP si definisce il sistema principe per la valutazione dei rischi in un processo produttivo: Hazard = Pericolo Analysis = Analisi ARA Umbria Informazione&Zootecnia: Procedure di sicurezza alimentare: HACCP ARA UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Procedure di sicurezza alimentare: HACCP Con l acronimo HACCP si definisce il sistema principe

Dettagli

ISCRIZIONE NORMATIVA PROCEDURE ASSEGNAZIONE CLASSE BOLOGNA

ISCRIZIONE NORMATIVA PROCEDURE ASSEGNAZIONE CLASSE BOLOGNA SPAZIO DEDICATO ISCRIZIONE NORMATIVA PROCEDURE ASSEGNAZIONE CLASSE BOLOGNA MODULI PLURILINGUE ANNOTAZIONI 1. x x x Non c'è sezione iscrizione. 2. x x x x x 3. x x x x Solo link MIUR, non c è circolare

Dettagli

elmeg T444 Istru zio ni per l'uso Ita lia no

elmeg T444 Istru zio ni per l'uso Ita lia no elmeg T444 Istru zio ni per l'uso Ita lia no Dichiarazione di conformità e marcatura CE Questo dispositivo è conforme alla direttiva comunitaria R&TTE 5/1999/CE:»Direttiva 1999/5/CE del Parlamento europeo

Dettagli

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale

48(67,21$5,26$1,7$5,2. Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale 48(67,21$5,26$1,7$5,2 Cognom e e nom e dell Assicurato Data di nascita Codice fiscale DI CHI ARAZI ONI DELL ASSI CURATO RELATI VE ALLE SUE PRECEDENTI ED ATTUALI CONDIZIONI SANI TARIE 1 STATO DI SALUTE

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

CON FIDO ALLA SCOPERTA DELLE CANTINE APERTE IN TOSCANA NEW S ( HTTP:/ / W WW. VAN ITY P E TS. IT/ C ATE G O RY / N E WS / )

CON FIDO ALLA SCOPERTA DELLE CANTINE APERTE IN TOSCANA NEW S ( HTTP:/ / W WW. VAN ITY P E TS. IT/ C ATE G O RY / N E WS / ) 1 di 10 19/05/2014 11.33 (https://twitter.com (https://www.facebook.com (http://instagram.com (http://www.pinterest.com C E R C A /VANITYPETS) /vanitypets.it) /vanitypets) /vanitypets98 /boards/) (http://www.vanitypets.it/)

Dettagli

Il buon funzionamento del team di lavoro

Il buon funzionamento del team di lavoro Team Building 21-22 s e t t e m b r e 20 10 Valori emergenti Lavoro di squadra Leadership situazionale Comunicazione trasparente, solidale, interattiva, sintetica Costruzione di rapporti WIN - WIN Il buon

Dettagli