b. Studio sull alimentazione tradizionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "b. Studio sull alimentazione tradizionale"

Transcript

1 STUDIO E PROPOSTE PROGETTUALI FINALIZZATE ALLO SVILUPPO RURALE INTEGRATO DEI TERRITORI DEI COMUNI LEADER DELLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN b. Studio sull alimentazione tradizionale ANALISI DELLE IMPRESE E TURISTICHE FINALIZZATA A PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE NELL OTTICA DI UNO SVILUPPO SOSTENIBILE INTEGRATO DEL TERRITORIO. Luglio 2004 STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 1

2 I CONSUMI ALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE La contrazione della quota di spesa destinata ai consumi alimentari, la destrutturazione del pasto, l aumento dei consumi alimentari fuori casa, la perdita di importanza del pranzo come pasto principale della giornata, il calo delle occasioni di consumo di prodotti simbolo della dieta mediterranea (ortaggi, frutta, olio di oliva), l aumento del tasso di obesità, sono solo alcuni dei segni tangibili del cambiamento degli stili alimentari degli italiani. Un cambiamento che nel corso degli ultimi anni ha subito una forte accelerazione e che nel futuro prossimo si accentuerà ancor di più. A tutto ciò fa, tuttavia, da contraltare la volontà di riscoprire cibi dal valore salutistico e con un forte contenuto di tipicità e tradizione. I consumi alimentari domestici Cala la quota del budget che le famiglie italiane destinano ai consumi alimentari; in trenta anni la percentuale di questa sul totale è divenuta meno della metà, dal 34% al 15%, con una contrazione media annua pari ad un punto percentuale. Inoltre il trend di coloro che negli ultimi otto anni ha pranzato in casa, è stato costantemente in calo, con uno scalino di ben 2,5 punti percentuali tra il 1996 e il I mutamenti tuttavia non riguardano esclusivamente aspetti quantitativi ma anche qualitativi, non solo si modificano i consumi ma anche i comportamenti. Si riducono la spesa e le occasioni di consumo per alcuni prodotti chiave della dieta mediterranea, olio (-6%), frutta (-6%), carne (-10%) e la pasta viene mangiata almeno una volta al giorno da un numero decrescente di persone (dal 91,2% dieci anni fa all 88,3% di oggi), così come la frutta che in dieci anni ha perso dieci punti percentuali. I consumi alimentari extradomestici I consumi alimentari fuori casa vanno assumendo un ruolo crescente nell ambito della domanda di prodotti alimentari e delle relative occasioni di consumo. Dieci anni fa la ripartizione della spesa delle famiglie tra consumo alimentare in casa e fuori casa era rispettivamente del 74,2% e del 25,8%, oggi, le quote si attestano sul 69,1% e sul 30,9%. Nel decennio appena trascorso i consumi alimentari fuori casa hanno fatto registrare un incremento del 31% a fronte di un +2% appena del consumo nel canale domestico. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 2

3 Questi dati danno immediatamente conto della profonda trasformazione che ha attraversato gli stili alimentari degli italiani e che trovano ulteriore conferma nel diverso equilibrio in cui si posizionano pranzo e cena. Appena otto anni fa il pasto principale della giornata era il pranzo per il 78,2% degli italiani, la cena per il 17,3%. Oggi le percentuali si aggirano rispettivamente intorno al 72% e 20%. Notevoli differenze si riscontrano anche sul piano geografico, ad esempio l Italia nord occidentale e centrale sono le zone in cui la cena ha maggiore rilevanza (rispettivamente 30,7% e 24,5%). Il luogo in cui si consuma il pasto segnala il consolidamento delle trasformazioni delle abitudini alimentari dei cittadini negli ultimi anni. La percentuale di persone con tre anni e più che consuma il pasto in mensa o sul posto di lavoro rimane pressoché stabile (11,6% nel 1997 e 12,8% oggi), mentre cresce quella che si reca al ristorante, trattoria o in un bar (3,2 % nello scorso decennio contro il 5,1% di oggi). La destrutturazione del pasto Secondo un indagine Fipe-Cirm è emerso che oramai solo un cliente su tre consuma, a pranzo, un pasto completo e uno su due a cena. Il pasto all italiana (composto da almeno tre portate) sembra ormai una scelta destinata alle occasioni speciali/eventi. Per il 37,5% dei ristoratori intervistati è diminuito il consumo dei pasti completi serviti in un normale giorno di attività. Il valore medio di questa flessione è pari al 22%. Stessa sorte tocca anche alla cena, fatto senza dubbio nuovo. La riduzione del consumo di pasti completi è evidente per il 53% degli interpellati e la diminuzione si aggira in media intorno al 51%. Sui tavoli dei ristoranti prevalgono decisamente primi e secondi abbinati ad un antipasto. Meno richiesti i dessert e bassa è la percentuale di chi sceglie un contorno. La tipicità Al processo di destrutturazione dei pasti fa da contraltare un altro importante fenomeno: l alimentazione che si afferma come esperienza cognitiva ed emozionale. La ricerca della qualità e della tradizione è una tendenza in continua crescita. Secondo una ricerca Fipe-Cirm la tradizione a tavola è un valore da riscoprire per il 96% degli italiani. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 3

4 Per i tre quarti del campione (73%) i piatti tipici sono migliori degli altri perché più buoni e gustosi per il 53% e più genuini e sicuri per il 39%. Un popolo di buongustai, quello italiano, ma anche molto critico a tavola: tipicità significa infatti, e soprattutto, due cose, a pari merito di importanza con il 38%: che la ricetta sia tradizionale di una certa zona o regione, e che le procedure seguite per realizzarla rispettino la tradizione. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 4

5 A conferma della riscoperta della tipicità, otto intervistati su dieci (78% al Nord, 84% al Centro e 80% al Sud) giudicano importante, nella scelta del ristorante, l offerta di prodotti e piatti tipici. La globalizzazione, almeno a tavola, non piace agli italiani STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 5

6 I CONSUMI ALIMENTARI: analisi dei settori Euro, siccità, gelate, alluvioni, tagli della produzione agricola nazionale, speculazioni, rincari nella stragrande maggioranza delle volte ingiustificati dei prezzi dei prodotti agro-alimentari, sono costati salati agli italiani. In ventidue mesi, da quando è entrata in vigore la moneta unica, ogni famiglia ha speso in più euro per la spesa alimentare, in pratica 77 euro in più al mese rispetto a quanto si spendeva fino al Quindi, ogni italiano ha speso in più 594 euro, in pratica 27 euro al mese. Un aumento medio che, però, si è andato accentuando negli ultimi sei mesi, con vere e proprie impennate dei prezzi. A sottolinearlo è la Cia- Confederazione italiana agricoltori che ha condotto uno studio relativo agli acquisti degli alimentari. Gli incrementi si riscontrano in tutta la filiera agro-alimentare, ma non sono equamente distribuiti tra i vari soggetti della catena alimentare. All origine troviamo, infatti, aumenti, dovuti soprattutto agli effetti causati dalle avverse condizioni metereologiche (specialmente la persistente siccità dell estate scorsa che ha provocato danni ingenti alle coltivazioni), che si sono mantenuti in linea con il tasso d inflazione programmato, eccezion fatta per alcune produzioni ortofrutticole. Aumenti che, tuttavia, si sono moltiplicati negli altri passaggi (anche sei-sette) sino al consumo finale. Nel 2002 la spesa alimentare in Italia è stata pari a 116 miliardi di euro, 468 euro per ogni famiglia al mese e 168 euro per ogni cittadino al mese. Cifre che - segnala la Cia - sono destinate a crescere proprio per effetto dei rincari registrati soprattutto nell ultimo semestre del La spinta maggiore è venuta dai prodotti ortofrutticoli, i cui acquisti incidono per il 18,1 per cento nella spesa alimentare degli italiani. I rincari sono stati abbastanza articolati e hanno contraddistinto un po tutte le coltivazioni. I consumatori si sono trovati davanti aumenti medi del 15 per cento, con punte per alcuni prodotti che hanno superato abbondantemente il 50 per cento (è il caso delle zucchine, dei fagiolini, dei pomodori, del radicchio,delle albicocche, delle pesche). Sta di fatto che, anche a causa di questi incrementi, gli italiani hanno diminuito i consumi di frutta e verdura (tra il 10 e il 12 per cento nei primi dieci mesi del 2003). Nonostante ciò, la spesa quotidiana ha subito un aumento in termini monetari. Secondo i dati della Cia elaborati su indagini Istat, ogni cittadino consuma all anno 218,5 kg di ortaggi, 140,8 kg di frutta e 43,2 di patate. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 6

7 E risultata analoga, ma con spinte diverse e certamente meno accentuate, la tendenza registrata per tutti gli altri prodotti agro-alimentare. Nel settore della carne gli aumenti sono stati poco al di sopra del tasso d inflazione, mentre per pane, pasta, latte e formaggi gli incrementi hanno oscillato dal 5 all 8 per cento. Lievi rincari si sono avuti anche per l olio extravergine d oliva e per il vino. I consumi di questi prodotti sono cresciuti nel corso del 2002 e del Un aumento del 2,6 per cento si è avuto per il pane e per tutti i prodotti derivati dai cereali, dell 1,7 per cento per latte e formaggi, dell 1,2 per cento per le uova. Un leggerissimo incremento (0,3 per cento) si è registrato per la carne bovina che, comunque, ha mostrato segni di ripresa dopo il tracollo degli acquisti causato dalla vicenda della mucca pazza. La Cia rimarca, inoltre, che la spesa per la carne da parte degli italiani incide del 21,9 per cento negli acquisti alimentari, per il pane e i trasformati di cerali del 17,0 per cento, per i prodotti lattiero-caseari e per le uova del 13,6 per cento, per oli e grassi vegetali del 4,7 per cento e per il vino e le bevande alcoliche del 4,6 per cento. Un quadro del genere mette in evidenza la necessità di affrontare il problema dei prezzi dei prodotti alimentari, in particolare quelli dell ortofrutta, in maniera chiara e definitiva. E indispensabile sviluppare il confronto che si è aperto tra governo e parti sociali in modo da poter discutere la questione in tutti suoi aspetti. Ma non basta. Per contrastare i rincari occorre anche un concreto dialogo tra tutta la filiera agro-alimentare per arrivare ad una completa trasparenza e garantire, così, i consumatori che troppe volte si trovano frastornati sia dagli aumenti che da una informazione confusa e parziale. Per la Cia, dunque, l attuale sistema non va e deve essere riformato. Spesa alimentare in Italia nel 2002 Gli italiani spendono 116 miliardi di euro l anno Ogni famiglia spende 468 euro al mese Ogni italiano spende 167 euro al mese STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 7

8 I consumi alimentari in Italia nel 2002 (kg pro-capite) Cereali e derivati 122,6 Riso 5,5 Patate 43,2 Ortaggi 218,5 Frutta fresca e agrumi 140,8 Carni bovine 22,7 Carni suine 37,9 Latte 59,6 Formaggi 19,7 Vino 48,5 Oli e grassi vegetali 25,9 Zucchero (equivalente di zucchero 24,2 bianco) Elaborazioni Cia-Confederazione italiana agricoltori su dati Istat Così gli italiani nel 2002 hanno ripartito la spesa alimentare Carne 21,9% Pane e trasformati di cereali 17,0% Lattiero-caseari e uova 13,6% Ortaggi e patate 11,5% Pesce 7,1% Zucchero e dolci 6,2% Frutta 6,6% Acqua minerale e bevande 5,1% Oli e grassi vegetali 4,7% Vino e bevande alcoliche 4,6% Caffè, tè e cacao 1,4% Altri alimentari (spezie, prodotti per l infanzia, ecc.) 0,3% Elaborazioni Cia-Confederazione italiana agricoltori su dati Istat STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 8

9 AGRICOLTURA E TURISMO: IL TERRITORIO COME ELEMENTO UNIFICANTE Il forte radicamento del fenomeno turistico con il contesto ambientale in cui si manifesta è riscontrabile non solo nelle conseguenze che ne scaturiscono sotto il profilo della sostenibilità in tutte le sue varie declinazioni, ma anche nello stretto legame che si instaura tra turismo e ambito rurale, in modo particolare laddove la fruizione turistica è finalizzata alla (ri)scoperta della cultura e delle tradizioni dei luoghi di origine dei prodotti enogastronomici. Sul fronte della domanda turistica, le potenzialità della connessione fra turismo ed agricoltura locale sono peraltro confermate da una crescita di interesse molto sostenuta negli ultimi anni, sia da parte dei connazionali che degli stranieri, per tipologie di turismo alternativo. Si tratta di turismi orientati alla riscoperta della natura, della ruralità, delle radici e delle tradizioni legate al territorio, seguiti da molteplici tipologie di fruizione rurale (in particolare agriturismo), che affondano le proprie origini nella spiccata e manifesta vocazione a valorizzare il ricchissimo patrimonio culturale nazionale delle tradizioni locali e regionali che animano il mondo della produzione alimentare. Tra le tendenze emergenti sul fronte della domanda turistica, infatti, si assiste al crescente fenomeno per cui il consumatore, animato da una sempre maggiore sensibilità alle questioni ambientali, nonché dal desiderio di vacanze salutistiche, a contatto con la natura e a misura d'uomo, cerca di ampliare i propri orizzonti di esperienza vissuta anche con l'esplorazione culturale mirata alla scoperta delle produzioni caratteristiche di un certo territorio. E' in quest'ottica che il tipico prodotto gastronomico assume un ruolo essenziale, permettendo al consumatore di scoprire e di recuperare il legame naturale che sempre è esistito tra un alimento e il suo territorio di origine. Si vengono così a riaffermare i valori storico-culturali legati a queste due realtà, con l'apprezzamento dei prodotti non solo quali beni di semplice fruizione privata, bensì quali significativi elementi di un comune patrimonio di tradizioni da evocare: il territorio viene promosso e apprezzato attraverso i suoi prodotti. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 9

10 L'appagamento di queste esigenze viene pertanto a costituire l'obiettivo principale delle strategie di promozione agroalimentare e di turismo enogastronomico in quanto è proprio su questo ordine di motivazioni che è possibile innestare un complesso di attività delle cui ricadute potranno beneficiare più destinatari - dai produttori agli operatori, dai consumatori in genere agli stessi residenti - nel pieno rispetto del territorio, delle sue valenze e degli ambienti di origine. Sul versante agricolo, a ciò corrisponde un importante ampliamento del ruolo delle produzioni locali, soprattutto con riferimento a quelle tipiche e di qualità, in termini di visibilità, immagine, promozione e conseguente incremento della commercializzazione, che sta progressivamente investendo tutto il mondo delle produzioni agroalimentari del nostro Paese. In questo contesto, due sono le parole-chiave in grado di esprimere il file rouge alla base della connessione turismo-agricoltura ed in grado quindi di riassumere le sinergie attivabili in tutte le proprie valenze: STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 10

11 territorio, inteso in senso lato di "terroir", quale insieme delle risorse locali e dei "segni" distintivi dei luoghi di produzione; tipicità, nell'accezione strettamente correlata al recupero della cultura e dell'identità locale dei luoghi di produzione e dei relativi prodotti tipici, ovvero dei prodotti enogastronomici legati alle tradizioni locali. I fattori critici su cui poggia il successo crescente di queste forme di consumo, sia in campo agricolo che turistico, e che trovano diretta corrispondenza nelle esigenze emergenti manifestate dalla domanda annoverano: il fatto che l'elemento centrale dell'offerta enogastronomica è rappresentato dai prodotti di qualità, certificati e resi riconoscibili da adeguate denominazioni che li legano inscindibilmente con il territorio di produzione: tutto ciò si sposa perfettamente con la recente ricerca della qualità nell ottica della sicurezza alimentare; l'enfasi posta sulla dimensione del "piacere" legata alla visita in ambito rurale e di ricerca di convivialità e risvolti edonistici, nonché di "arricchimento interiore" nell'ambito dell esperienza turistica; il contesto di fruizione -rurale, incontaminato, paesaggisticamente gratificante ben si coniuga con la forte domanda di ecocompatibilità e radicamento territoriale cui si è fatto cenno; la dimensione della "accoglienza" e della compartecipazione alla vita del luogo -dalla cantina alla struttura agrituristica- è essenziale per enfatizzare l'instaurarsi di un rapporto diretto con il produttore e, in generale, con la comunità locale, in grado di appagare il desiderio di "condivisione autentica" avvertito dalla domanda. Il raccordo tra turismo e agricoltura è riscontrabile con sempre maggiore frequenza anche sotto il profilo del marketing e delle iniziative di comunicazione e promozione, indipendentemente da quale dei due comparti esse prendano origine: a titolo di esempio, si possono citare la partecipazione sempre più massiccia alla BIT (Borsa del Turismo di Milano) di operatori, spazi ed avvenimenti mirati del comparto turismo rurale ed enogastronomia e, per contro, alla manifestazione Vinitaly di Verona (esposizione vitivinicola d eccellenza) di eventi tipici del comparto turistico, così come, di riflesso, gli importanti echi turistici del Salone del Gusto (manifestazione che fa capo a Slow Food) a Torino. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 11

12 Anche la stampa turistica, sia nazionale che straniera, dedica sempre maggiore attenzione al mondo delle produzioni agroalimentari tipiche e di qualità connesse al mondo del turismo enogastronomico: tale riscontro è particolarmente evidente sul fronte delle guide turistiche, che descrivono ed affrontano gli aspetti enogastronomici dei luoghi trattati con un approccio di tipo culturale e promozionale. Da tale trend non restano esclusi neppure il mondo della produzione cinematografica e, più in generale, quello della programmazione televisiva. L'eco di notorietà che si trasmette da un comparto all'altro (alberghi, vettori di trasporto, grande distribuzione, industria alimentare tradizionale, ristorazione, etc.) e si propaga attraverso gli strumenti mediatici (editoria, televisione, radio, comunità virtuali su internet, eventi e fiere dedicati, etc.) non può che contribuire a decretare il successo di questo approccio innovativo alla valorizzazione delle produzioni tipiche e tradizionali, che trovano nelle differenziazioni regionali e territoriali il loro punto di forza. Importanza degli elementi di richiamo turistico per i Tour Operator L offerta turistica rurale La conformità tra consumo e produzione di turismo rurale ed enogastronomico legato alle produzioni tipiche, ovvero l incontro tra le aspettative della domanda e la reale disponibilità dell offerta, possono essere considerati solo in funzione della generale offerta turistica rurale e della sintonia di interessi tra operatori pubblici e privati, sintonia che deve risultare dal rispetto di tre particolari fattori: 1. il prodotto enogastronomico ed agro-alimentare è di importanza fondamentale sia per quanto riguarda il mantenimento della qualità della produzione e delle affermate e rinomate STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 12

13 caratteristiche, sia per quanto ad esso si attiene in termini di immagine e di richiamo alla gradevolezza, alla raffinatezza e alla soddisfazione del gusto; più nello specifico va detto che l'attrattiva di un prodotto agricolo in senso turistico può discendere solo dal fatto che esso sia spiccatamente identificabile, dove l'identificabilità dichiarata del prodotto è la strategia commerciale vincente per i produttori di piccola e media dimensione che si collocano entro nicchie particolari di mercato; 2. l ambiente di produzione di un prodotto tipico è invece importante per tutto ciò che concerne la trasmissione delle consuetudini tipiche ad esso legate, mantenendo intatte quelle tradizioni contadine proprie di ogni stagione, dove la genuina originalità dell ambiente di produzione agricola, oltre a costituire, spesso, un naturale corollario alle aspettative del turista e alle sue attese di immagine nei confronti del binomio prodotto-produttore, può costituire un veicolo di incentivazione per altri comparti, sia turistici (culturale, agrituristico, gastronomico, etc.) sia di altra destinazione (artigianale, per altri prodotti agro-alimentari, etc.); 3. il territorio, in tale contesto, ma anche in quello di destinazione, costituisce un fattore insostituibile dell offerta enogastronomica poiché con esso ci si riferisce, nei confronti dei consumi turistici, a tutto quanto è fruibile delle sue bellezze naturali e dei valori culturali e storici dei suoi spazi umanizzati. In questo quadro, la finalità principale consiste nel favorire il processo di identificazione del prodotto tipico con il territorio di provenienza, in modo tale da risultare parti indivisibili di un'unica realtà dotata di uniformità di immagine, in grado di tutelare la specificità del prodotto e simultaneamente valorizzarne l ambito di produzione. Alla luce di tali trend evolutivi, la programmazione della valorizzazione turistica di un'area agricola poggia sulla realizzazione di sistemi di offerta integrati e radicati sul territorio, al fine, da un lato, di limitare gli impatti negativi in termini di capacità di carico e sfruttamento eccessivo delle risorse e, dall altro, di massimizzare le ricadute positive a livello locale, anche sotto il profilo della distribuzione equa dei benefici e della garanzia di quegli aspetti di sicurezza (tracciabilità) alimentare in precedenza citati. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 13

14 IL RUOLO DEI PRODOTTI TIPICI E DI QUALITÀ PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO Nella definizione del ruolo dei prodotti tipici si fanno spesso avanti due ottiche di approccio nettamente distinte, non solo da un punto di vista economico ma altresì culturale e sociale. Da un lato i limiti che inficiano le strategie orientate esclusivamente alla crescita (delle produzioni, dei mercati, dei flussi turistici, ) e che vedono nelle aree rurali solamente dei contenitori. Dall altro le potenzialità, ma al contempo le criticità, di uno scenario sostenibile, che porta in primo piano gli elementi di valore dei territori e le esigenze insite ad una tutela e consolidamento del legame che intercorre tra il settore agricolo e il settore turistico. Ragionare attorno a questi argomenti in una logica più finalizzata richiede di avviare una seria riflessione sul ruolo delle produzioni tipiche e tradizionali congiuntamente ad offerte turistiche coerenti (come ad esempio le Strade e i percorsi enogastronomici), quali strumenti di valorizzazione delle aree rurali. È appunto il riferimento al valore a sottendere una logica qualitativa e non esclusivamente quantitativa, una attenzione peculiare alla multifunzionalità dell agricoltura, in una prospettiva produttiva, sociale ed ambientale. Ciò consente di portare in primo piano la qualificazione del settore agricolo e delle produzioni tipiche non in modo asettico, ma con riferimento alle condizioni per migliorare la qualità della vita nelle aree rurali, andando ad incidere in maniera efficace sull economia e sulle specificità sociali, culturali, ambientali delle stesse, in una prospettiva etica e non solo commerciale, sostenibile e non solo di breve periodo. Si tratta di potenzialità la cui importanza e crucialità è di assoluta evidenza, ma la cui realizzazione passa attraverso l instaurazione di un effettivo circolo virtuoso tra tutte le componenti richiamate, che implica una visione strategica delle opportunità di sviluppo dei territori interessati, ovvero della messa in atto di effettivi ed efficaci strumenti competitivi. E possibile identificare alcuni concetti chiave che possono costituire in concreto gli elementi su cui riflettere in prospettiva futura, nella definizione di strategie di sistema, in un contesto di collaborazione tra pubblico e privato: il tema della qualità, quale strumento ormai imprescindibile di garanzia nei confronti del consumatore e di competitività, che deve svilupparsi almeno su tre livelli in una logica di integrazione tra agricoltura e turismo: la qualità dei prodotti, dell accoglienza e del contesto territoriale; STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 14

15 la competitività, che sempre più passa attraverso la capacità di sviluppare iniziative di effettiva partenership tra settore pubblico e privato, con una forte attenzione agli aspetti sia gestionali sia di governance del territorio; il riferimento fondamentale al territorio, come valore e non solo come contenitore, dove le specificità rivestono il ruolo di identità, patrimonio di una intera comunità nelle sue diverse componenti (istituzionali, economiche, extraeconomiche); l assoluta necessità di un approccio a tutte le tematiche emerse, e soprattutto alle loro intersezioni, in un contesto di attivazione di efficienti reti relazionali sia tra i diversi soggetti di ciascun gruppo di attori locali, sia fra i diversi livelli di riferimento istituzionali ed operativi; il ruolo delle diverse forme di offerta di turismo enogastronomico (ad esempio le Strade del Vino e dei Sapori), si delinea come funzionale alle esigenze di sviluppo evidenziate, solo a condizione che si operi il passaggio da una logica esclusivamente promozionale ad una economico-gestionale. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 15

16 LE IMPRESE NELLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN L analisi del contesto L indagine presso gli imprenditori della Comunità Montana Grand Combin è stata preceduta da un approfondimento delle caratteristiche del tessuto economico della zona con particolare riferimento ai connotati espressi dalla Regione. Ciò ha consentito di procedere alla definizione del quadro economico di riferimento su cui l analisi ha insistito. Nella Comunità Montana Grand Combin alla data di gennaio 2004 risultano attive presso il Registro delle Imprese della Valle d Aosta 528 imprese [Allegato A, Tab. 1]. Analizzando la tipologia di forma giuridica ben 412 imprese si configurano come ditte individuali, 84 società di persone, 19 società di capitali e 13 altre forme [Allegato A, Tab. 1]. Il confronto con il dato regionale evidenzia la presenza nella Grand Combin di un valore cospicuo di ditte individuali (78,0% contro il 64,7% della Valle d Aosta) a testimonianza di una struttura imprenditoriale assai parcellizzata e che pertanto non può contare su mezzi e risorse ingenti [Allegato A, Tab. 2]. Il dettaglio relativo alla situazione dei singoli comuni ha messo in luce in quali località tale aspetto raggiunge livelli considerevoli: per Allein, Bionaz, Doues, Oyace e Roisan la ditta individuale è la forma giuridica quasi esclusiva (sono i comuni con il dato percentuale superiore a quello medio della Comunità Montana) [Allegato A, Tab. 3]. In relazione agli obiettivi ascritti allo studio l analisi si è concentrata su quei settori più o meno legati alla promozione dell alimentazione tradizionale ed in particolare alla valorizzazione dei prodotti tipici. Delle 528 imprese attive nella Comunità Montana Grand Combin 244 sono aziende agricole, 60 turistiche e 47 commerciali [Allegato A, Tab. 4]. Quasi un impresa su due svolge nella Grand Combin l attività agricola raggiungendo un peso percentuale (46,2%) più che doppio rispetto al dato regionale (20,1%); per contro la presenza di aziende commerciali nella zona di riferimento è decisamente inferiore (8,9%) alla media della Valle d Aosta (20,1%) [Allegato A, Tab. 5]. Il settore turistico è l unico ad esprimere livelli di sviluppo in linea con i valori dell intera regione (11,4% contro 11,2%) [Allegato A, Tab. 5]. Il peso dei settori assume all interno della struttura imprenditoriale configurazioni diverse in relazione ai singoli comuni. L agricoltura rappresenta per alcune località il settore trainante: ad Allein, Bionaz, Doues, Ollomont e Oyace il peso percentuale delle aziende del settore primario supera il dato medio della Comunità Montana [Allegato A, Tab. 6]. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 16

17 Anche il settore turistico presenta gradi di evoluzione differenti in corrispondenza del comune di riferimento evidenziando situazioni in alcuni casi diametralmente opposte: le aziende turistiche a S.Oyen rappresentano il 41,7% mentre ad Allein solo il 2,8%. Nello specifico sono 5 i comuni della Grand Combin in cui il peso percentuale delle imprese turistiche supera il valore regionale (Bionaz, Etroubles, Ollomont, S.Oyen e S. Rhemy en Bosses) [Allegato A, Tab. 6]. Gli obiettivi e gli strumenti dell indagine In questa fase dello studio si è proceduto ad indagare il tessuto imprenditoriale presente nel territorio della Comunità Montana Grand Combin con particolare riferimento a quelle attività coinvolgibili in strategie di promozione e valorizzazione delle produzioni tipiche. La raccolta delle informazioni è avvenuta utilizzando appositi questionari strutturati in funzione di un analisi del fenomeno in profondità al fine di acquisire informazioni il più possibile di natura qualitativa (Allegato B ). Definizione del campione da intervistare I criteri adottati per la determinazione dei profili delle imprese intervistate sono riconducibili ai principi della territorialità, della settorialità e della significatività. In primo luogo ci si è preoccupati di raggiungere ognuno degli 11 comuni indagati ed in seconda battuta di prendere in considerazione tutte le forme di impresa espresse da queste zone riconducibili alla filiera agri-turistica, ossia inserite nei settori dell agricoltura, del turismo e del commercio. In tal senso le imprese coinvolte all interno dei settori sopra citati hanno fatto riferimento a 2 tipologie: - le imprese operanti sul mercato in maniera professionale, ossia risultanti attive presso il Registro delle Imprese; - gli hobbisti, ossia facenti riferimento ad attività di integrazione al reddito. Data l esiguità dell universo sottoposto ad analisi e la necessità di raccogliere informazioni di natura qualitativa il campione delle imprese attive e degli hobbisti da intervistare è stato infine definito selezionando i soggetti ritenuti più significativi e congrui rispetto agli obiettivi dello studio. La selezione è avvenuta ricorrendo all ausilio dei sindaci dei comuni e degli attori locali STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 17

18 segnalati dalla Comunità Montana la cui conoscenza del territorio ha consentito di rispondere con affidabilità al criterio adottato. Occorre inoltre aggiungere che al novero degli intervistati hanno partecipato coloro che si sono resi disponibili alla collaborazione. In linea con quanto fin qui esposto sono stati gli attori locali ad effettuare le interviste messe in previsione. Complessivamente le interviste realizzate sono state 103 secondo la seguente articolazione (figura a): Figura a. Tipologia di soggetti intervistati COMUNI AZIENDE ATTIVE HOBBISTI TOTALE ALLEIN BIONAZ DOUES ETROUBLES GIGNOD OLLOMONT OYACE ROISAN SAINT OYEN SAINT RHEMY EN BOSSES VALPELLINE Totale Analisi delle interviste La struttura del questionario, tenute conto delle differenze presenti in corrispondenza delle tipologie in precedenza rilevate, si è posto come obiettivo la definizione dell impostazione imprenditoriale e delle modalità di azione delle imprese di queste zone. In particolare le aree di indagine individuate fanno riferimento a specifici ambiti della gestione aziendale che concorrono alla determinazione del successo imprenditoriale; tali aree, illustrate di seguito, sono diventate lo strumento di analisi e di rilevazione delle criticità e delle debolezze attinenti le aziende della zona. A. Dati anagrafici STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 18

19 B. La clientela di riferimento C. Il mercato D. I prodotti/servizi E. Le strategie di vendita F. La cooperazione G. Gli obiettivi futuri Ciò ha consentito di rilevare la propensione delle aziende della Comunità alla valorizzazione dei prodotti del territorio in un ottica di sistema nonché l orientamento delle stesse verso ipotesi di sviluppo locale. A. Dati anagrafici In questa sezione sono stati descritti brevemente i connotati formali delle aziende intervistate funzionali alla corretta comprensione e contestualizzazione delle informazioni in seguito raccolte. Il campione è risultato essere costituito da piccole imprese, sottoforma di ditte individuali o società di persone (Fig. b). Figura b. Forma giuridica delle aziende intervistate FORMA GIURIDICA NUMERO % Ditta individuale 58 76,3% Società di persone 15 19,7% Società di capitali 3 3,9% TOTALE ,0% Anche per ciò che riguarda le attività hobbistiche le dimensioni sono naturalmente limitate ad un componente. I settori di appartenenza delle attività indagate sono in generale riconducibili ai principali ambiti produttivi funzionali allo studio, ossia agricoltura, turismo e commercio (Fig. c). Nello specifico la composizione del campione rispecchia l effettiva distribuzione percentuale dei diversi settori a livello di economia locale, cosi come in precedenza illustrato nella disamina dei dati statistici. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 19

20 Figura c. Settore di appartenenza delle aziende intervistate COMUNI agricoltura commercio turismo industria TOTALE ALLEIN BIONAZ DOUES ETROUBLES GIGNOD OLLOMONT OYACE ROISAN SAINT OYEN SAINT RHEMY EN BOSSES VALPELLINE Totale L agricoltura ricopre pertanto il ruolo di attività prevalente rappresentata principalmente dalla: zootecnia e dal lattiero-caseario. L offerta turistica è stata presa in considerazione sia dal punto di vista della ricezione (albergo/ostello), sia della somministrazione (bar/ristorante). Nel commercio l attenzione è stata rivolta alla commercializzazione dei generi alimentari e dei manufatti artigianali (figura d). Figura d. Le attività svolte dalle aziende intervistate. AGRICOLTURA SETTORI ATTIVITA SPECIFICHE Allevamento Lattiero casearia Carni Salumi TURISMO Albergo Ristorante Bar Ostello COMMERCIO Vendita prodotti alimentari Vendita prodotti artigianali STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 20

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti

IL PROGETTO PArC. Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti IL PROGETTO PArC Premessa I principi ispiratori: campagna-città andata e ritorno L idea Il modello Target Comunicazione Soggetti coinvolti PREMESSA L incontro tra produttori e consumatori sta acquisendo

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 a cura di: Bologna, INDICE 2 IL CAMPIONE DELLA «COOPERAZIONE AVANZATA» pag. 4 «COOPERAZIONE AVANZATA»: IL FATTURATO pag. 8 «COOPERAZIONE AVANZATA»:

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola

Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Alimentazione e stili di vita. L azione educativa della Scuola Prof. Alessandro Vienna Roma, 20.02.13 La Scuola come volàno per l Educazione alla Salute e al Benessere La scorretta alimentazione è stata

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

Le produzioni agroalimentari

Le produzioni agroalimentari Le produzioni agroalimentari I prodotti agroalimentari rappresentano, ad Orune come negli altri comuni delle zone interne, un fiore all occhiello fra le produzioni locali nonché, un valido contributo alla

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA

LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA LA FRUIZIONE E LA SODDISFAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELLA CULTURA LOCALE OLIOLIVA FESTA DELL OLIO NUOVO IMPERIA Gennaio 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: UNIONCAMERE

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 2 Il posizionamento dell industria agroalimentare abruzzese Le produzioni agroalimentari abruzzesi 3 Il CRESA, Centro regionale di studi e ricerche economico-sociali

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA

CAPITOLATO TECNICO PREMESSA RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA PER PER L IDEAZIONE DI UN IMMAGINE COORDINATA E PER LA REALIZZAZIONE DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E PROMOZIONE PIEMONTE AGRIQUALITA PREMESSA CAPITOLATO

Dettagli

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83

parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 parco locale di interesse sovracomunale art.34 legge regionale n. 86/83 delibera della Giunta Regionale n. 5/21784 del 23 Aprile 1992 la gestione armonica del territorio in funzione della sua salvaguardia

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014

Guida MICHELIN Italia 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 Guida MICHELIN Italia 2014 Contatto stampa 02 3395 3609 Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle La nuova edizione della guida MICHELIN Italia raccoglie

Dettagli

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE

PIANO DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO TERRITORIALE DELLA SILA GRANDE PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE IV APPROCCIO LEADER Gruppo di Azione Locale della SILA Via Guido Rossa, 24 87050 Spezzano Piccolo (CS) www.galsila.com - info@silasviluppo.com PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4:

SCHEDA PROGETTUALE. Le terroir rural pour un tourisme durable. Asse 3: misura 313 Asse 4: SCHEDA PROGETTUALE Titolo del progetto Le terroir rural pour un tourisme durable Tipologia progettuale Modalità di attuazione Misure di riferimento Beneficia ri Descrizione qualitativa del progetto Aziende

Dettagli

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE:

LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE: MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI LE FILIERE AGROALIMENTARI TRA : L ANALISI QUANTITATIVA DEL SISTEMA

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale;

visto il regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale; REGIONE PIEMONTE BU11 15/03/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 21 febbraio 2012, n. 42-3473 Obiettivo cooperazione territoriale europea 2007-2013 - Programma Operativo di cooperazione transfrontaliera

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Strettamente riservato e confidenziale Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Progetto FICO Illustrazione del Progetto 1 Introduzione Il fondo PAI Il fondo PAI, Parchi Agroalimentari Italiani, gestito da

Dettagli

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio

Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Professionalità, consapevolezza e accoglienza: fattori strategici per lo sviluppo del turismo nel Lazio Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con ATLAZIO Agenzia Regionale

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi

Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi 1 Il marketing nelle PMI agroalimentari piemontesi Un indagine sui comportamenti e sulle attese, per attuare soluzioni vincenti Torino, 9 novembre 2004 3 OBIETTIVI DELLA RICERCA Rilevare: 1 la sensibilità

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione.

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. Nelle linee guida per l Educazione Alimentare nella Scuola Italiana del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e grazie

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana

Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Schema di Certificazione della Ristorazione Tipica Italiana Categoria: Romana Documenti dello Schema Rev. 02 Committente: FIPE CONFCOMMERCIO Piazza G. C. Belli, 2 00153 ROMA Tel. 06/588.10.12 Fax 06/581.86.82

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati

Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati La nuova qualità nel settore delle carni Approcci di marketing per la valorizzazione della carne e dei suoi derivati Roberta Moruzzo Dipartimento di Produzioni Animali, Università di Pisa robemoru@vet.unipi.it

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione

2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione 2.5 Imprese, creatività e internazionalizzazione La creatività è uno dei principali driver della competitività del nostro sistema produttivo. Le imprese che investono in creatività e nelle capacità individuali

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Tufino 2) Titolo del progetto: GARANZIAMBIENTE 3) Settore ed area di intervento del

Dettagli

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006

FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI. Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 FOTO DI GRUPPO CON BILANCIO: LE PERFORMANCE DELLE IMPRESE VERONESI Prof. Bettina Campedelli Università degli Studi di Verona Triennio 2004-2006 IL COMPARTO INDUSTRIALE E COMMERCIALE: Pagina 1. LA COMPOSIZIONE

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario

Frutta Snack. Sintesi dei risultati del Monitoraggio Focus Group e Indagine con Questionario Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Università di Bologna Facoltà di Psicologia In collaborazione con: Università LUMSA

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA DIREZIONE ATTIVITA AMMINISTRATIVA SERVIZIO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA FORMAZIONE SULL ORGANIZZAZIONE INTERNA Report finali

Dettagli

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione)

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Giovanni B. Montironi 7.09.1998 Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Su iniziativa della Amministrazione

Dettagli

L Italia dei Libri 2011-2013

L Italia dei Libri 2011-2013 L Italia dei Libri 2011-2013 Indagine condotta mensilmente sul panel consumer Nielsen Dott.ssa Rossana Rummo, Direttore Generale per le biblioteche, gli istituti culturali ed il diritto d autore 1 Che

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA La fotografia La rilevanza del comparto L elevata vocazione produttiva del territorio nazionale ed il consolidarsi di tradizioni colturali hanno consentito

Dettagli

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi

Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Considerazioni sulla Competitività e sui sistemi produttivi Premessa In sede di programmazione degli obiettivi specifici dei sistemi produttivi occorre focalizzarsi sulla creazione di un sistema locale

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA: introduzione La ricerca nasce da una proposta condivisa con il Dipartimento Agricoltura,

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che

PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA. Premesso che PROTOCOLLO DI INTESA TRA I COMUNI DI BALESTRATE, ALCAMO, CASTELLAMMARE DEL GOLFO, CALATAFIMI SEGESTA Premesso che la Sezione Operativa Assistenza Tecnica n 84 di Alcamo si è fatta promotrice di un Progetto

Dettagli

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE

PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE Rappresentanza italiana PIÙ TURISMO PER LO SVILUPPO, PIÙ SOSTEGNO AL TURISMO SOCIALE La ricorrenza del 50 anniversario dell O.I.T.S. (Organizzazione Internazionale del Turismo Sociale), ex B.I.T.S., ci

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco

Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco AVVISO PUBBLICO PER DICHIARAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA Rete dei Ristoratori a tutela della Antiche Varietà Colturali del Parco Premesse Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Stili di vita e condizioni di salute

Stili di vita e condizioni di salute SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settori Sanità e previdenza - Famiglia e società Stili di vita e condizioni di salute Indagine Multiscopo sulle famiglie Aspetti della

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010

Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010 Le strade del Made in Italy: quale futuro? IX FORUM DEL COMITATO LEONARDO Campidoglio, 20 ottobre 2010 FOCUS SETTORE AGROALIMENTARE a cura di Giandomenico Auricchio Presidente Federalimentare IL SETTORE

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24%

Spese alimentari. pane e cereali 15% dolci e drogheria 14% carni 24% Come e quanto si spende sotto la Mole Aumentano le spese necessarie e diminuiscono quelle accessorie: abitazione e trasporti assorbono oltre la metà delle spese non alimentari, mentre tengono le spese

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton

Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Marketing delle imprese turistiche Lezione 5 prof. Simoni michele.simoni@uniparthenope.it Ricevimento: venerdì ore 12:00 via Acton Gli strumenti del marketing turistico e territoriale L attività di marketing

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli