b. Studio sull alimentazione tradizionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "b. Studio sull alimentazione tradizionale"

Transcript

1 STUDIO E PROPOSTE PROGETTUALI FINALIZZATE ALLO SVILUPPO RURALE INTEGRATO DEI TERRITORI DEI COMUNI LEADER DELLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN b. Studio sull alimentazione tradizionale ANALISI DELLE IMPRESE E TURISTICHE FINALIZZATA A PROGETTI DI VALORIZZAZIONE DELL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE NELL OTTICA DI UNO SVILUPPO SOSTENIBILE INTEGRATO DEL TERRITORIO. Luglio 2004 STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 1

2 I CONSUMI ALIMENTARI TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE La contrazione della quota di spesa destinata ai consumi alimentari, la destrutturazione del pasto, l aumento dei consumi alimentari fuori casa, la perdita di importanza del pranzo come pasto principale della giornata, il calo delle occasioni di consumo di prodotti simbolo della dieta mediterranea (ortaggi, frutta, olio di oliva), l aumento del tasso di obesità, sono solo alcuni dei segni tangibili del cambiamento degli stili alimentari degli italiani. Un cambiamento che nel corso degli ultimi anni ha subito una forte accelerazione e che nel futuro prossimo si accentuerà ancor di più. A tutto ciò fa, tuttavia, da contraltare la volontà di riscoprire cibi dal valore salutistico e con un forte contenuto di tipicità e tradizione. I consumi alimentari domestici Cala la quota del budget che le famiglie italiane destinano ai consumi alimentari; in trenta anni la percentuale di questa sul totale è divenuta meno della metà, dal 34% al 15%, con una contrazione media annua pari ad un punto percentuale. Inoltre il trend di coloro che negli ultimi otto anni ha pranzato in casa, è stato costantemente in calo, con uno scalino di ben 2,5 punti percentuali tra il 1996 e il I mutamenti tuttavia non riguardano esclusivamente aspetti quantitativi ma anche qualitativi, non solo si modificano i consumi ma anche i comportamenti. Si riducono la spesa e le occasioni di consumo per alcuni prodotti chiave della dieta mediterranea, olio (-6%), frutta (-6%), carne (-10%) e la pasta viene mangiata almeno una volta al giorno da un numero decrescente di persone (dal 91,2% dieci anni fa all 88,3% di oggi), così come la frutta che in dieci anni ha perso dieci punti percentuali. I consumi alimentari extradomestici I consumi alimentari fuori casa vanno assumendo un ruolo crescente nell ambito della domanda di prodotti alimentari e delle relative occasioni di consumo. Dieci anni fa la ripartizione della spesa delle famiglie tra consumo alimentare in casa e fuori casa era rispettivamente del 74,2% e del 25,8%, oggi, le quote si attestano sul 69,1% e sul 30,9%. Nel decennio appena trascorso i consumi alimentari fuori casa hanno fatto registrare un incremento del 31% a fronte di un +2% appena del consumo nel canale domestico. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 2

3 Questi dati danno immediatamente conto della profonda trasformazione che ha attraversato gli stili alimentari degli italiani e che trovano ulteriore conferma nel diverso equilibrio in cui si posizionano pranzo e cena. Appena otto anni fa il pasto principale della giornata era il pranzo per il 78,2% degli italiani, la cena per il 17,3%. Oggi le percentuali si aggirano rispettivamente intorno al 72% e 20%. Notevoli differenze si riscontrano anche sul piano geografico, ad esempio l Italia nord occidentale e centrale sono le zone in cui la cena ha maggiore rilevanza (rispettivamente 30,7% e 24,5%). Il luogo in cui si consuma il pasto segnala il consolidamento delle trasformazioni delle abitudini alimentari dei cittadini negli ultimi anni. La percentuale di persone con tre anni e più che consuma il pasto in mensa o sul posto di lavoro rimane pressoché stabile (11,6% nel 1997 e 12,8% oggi), mentre cresce quella che si reca al ristorante, trattoria o in un bar (3,2 % nello scorso decennio contro il 5,1% di oggi). La destrutturazione del pasto Secondo un indagine Fipe-Cirm è emerso che oramai solo un cliente su tre consuma, a pranzo, un pasto completo e uno su due a cena. Il pasto all italiana (composto da almeno tre portate) sembra ormai una scelta destinata alle occasioni speciali/eventi. Per il 37,5% dei ristoratori intervistati è diminuito il consumo dei pasti completi serviti in un normale giorno di attività. Il valore medio di questa flessione è pari al 22%. Stessa sorte tocca anche alla cena, fatto senza dubbio nuovo. La riduzione del consumo di pasti completi è evidente per il 53% degli interpellati e la diminuzione si aggira in media intorno al 51%. Sui tavoli dei ristoranti prevalgono decisamente primi e secondi abbinati ad un antipasto. Meno richiesti i dessert e bassa è la percentuale di chi sceglie un contorno. La tipicità Al processo di destrutturazione dei pasti fa da contraltare un altro importante fenomeno: l alimentazione che si afferma come esperienza cognitiva ed emozionale. La ricerca della qualità e della tradizione è una tendenza in continua crescita. Secondo una ricerca Fipe-Cirm la tradizione a tavola è un valore da riscoprire per il 96% degli italiani. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 3

4 Per i tre quarti del campione (73%) i piatti tipici sono migliori degli altri perché più buoni e gustosi per il 53% e più genuini e sicuri per il 39%. Un popolo di buongustai, quello italiano, ma anche molto critico a tavola: tipicità significa infatti, e soprattutto, due cose, a pari merito di importanza con il 38%: che la ricetta sia tradizionale di una certa zona o regione, e che le procedure seguite per realizzarla rispettino la tradizione. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 4

5 A conferma della riscoperta della tipicità, otto intervistati su dieci (78% al Nord, 84% al Centro e 80% al Sud) giudicano importante, nella scelta del ristorante, l offerta di prodotti e piatti tipici. La globalizzazione, almeno a tavola, non piace agli italiani STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 5

6 I CONSUMI ALIMENTARI: analisi dei settori Euro, siccità, gelate, alluvioni, tagli della produzione agricola nazionale, speculazioni, rincari nella stragrande maggioranza delle volte ingiustificati dei prezzi dei prodotti agro-alimentari, sono costati salati agli italiani. In ventidue mesi, da quando è entrata in vigore la moneta unica, ogni famiglia ha speso in più euro per la spesa alimentare, in pratica 77 euro in più al mese rispetto a quanto si spendeva fino al Quindi, ogni italiano ha speso in più 594 euro, in pratica 27 euro al mese. Un aumento medio che, però, si è andato accentuando negli ultimi sei mesi, con vere e proprie impennate dei prezzi. A sottolinearlo è la Cia- Confederazione italiana agricoltori che ha condotto uno studio relativo agli acquisti degli alimentari. Gli incrementi si riscontrano in tutta la filiera agro-alimentare, ma non sono equamente distribuiti tra i vari soggetti della catena alimentare. All origine troviamo, infatti, aumenti, dovuti soprattutto agli effetti causati dalle avverse condizioni metereologiche (specialmente la persistente siccità dell estate scorsa che ha provocato danni ingenti alle coltivazioni), che si sono mantenuti in linea con il tasso d inflazione programmato, eccezion fatta per alcune produzioni ortofrutticole. Aumenti che, tuttavia, si sono moltiplicati negli altri passaggi (anche sei-sette) sino al consumo finale. Nel 2002 la spesa alimentare in Italia è stata pari a 116 miliardi di euro, 468 euro per ogni famiglia al mese e 168 euro per ogni cittadino al mese. Cifre che - segnala la Cia - sono destinate a crescere proprio per effetto dei rincari registrati soprattutto nell ultimo semestre del La spinta maggiore è venuta dai prodotti ortofrutticoli, i cui acquisti incidono per il 18,1 per cento nella spesa alimentare degli italiani. I rincari sono stati abbastanza articolati e hanno contraddistinto un po tutte le coltivazioni. I consumatori si sono trovati davanti aumenti medi del 15 per cento, con punte per alcuni prodotti che hanno superato abbondantemente il 50 per cento (è il caso delle zucchine, dei fagiolini, dei pomodori, del radicchio,delle albicocche, delle pesche). Sta di fatto che, anche a causa di questi incrementi, gli italiani hanno diminuito i consumi di frutta e verdura (tra il 10 e il 12 per cento nei primi dieci mesi del 2003). Nonostante ciò, la spesa quotidiana ha subito un aumento in termini monetari. Secondo i dati della Cia elaborati su indagini Istat, ogni cittadino consuma all anno 218,5 kg di ortaggi, 140,8 kg di frutta e 43,2 di patate. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 6

7 E risultata analoga, ma con spinte diverse e certamente meno accentuate, la tendenza registrata per tutti gli altri prodotti agro-alimentare. Nel settore della carne gli aumenti sono stati poco al di sopra del tasso d inflazione, mentre per pane, pasta, latte e formaggi gli incrementi hanno oscillato dal 5 all 8 per cento. Lievi rincari si sono avuti anche per l olio extravergine d oliva e per il vino. I consumi di questi prodotti sono cresciuti nel corso del 2002 e del Un aumento del 2,6 per cento si è avuto per il pane e per tutti i prodotti derivati dai cereali, dell 1,7 per cento per latte e formaggi, dell 1,2 per cento per le uova. Un leggerissimo incremento (0,3 per cento) si è registrato per la carne bovina che, comunque, ha mostrato segni di ripresa dopo il tracollo degli acquisti causato dalla vicenda della mucca pazza. La Cia rimarca, inoltre, che la spesa per la carne da parte degli italiani incide del 21,9 per cento negli acquisti alimentari, per il pane e i trasformati di cerali del 17,0 per cento, per i prodotti lattiero-caseari e per le uova del 13,6 per cento, per oli e grassi vegetali del 4,7 per cento e per il vino e le bevande alcoliche del 4,6 per cento. Un quadro del genere mette in evidenza la necessità di affrontare il problema dei prezzi dei prodotti alimentari, in particolare quelli dell ortofrutta, in maniera chiara e definitiva. E indispensabile sviluppare il confronto che si è aperto tra governo e parti sociali in modo da poter discutere la questione in tutti suoi aspetti. Ma non basta. Per contrastare i rincari occorre anche un concreto dialogo tra tutta la filiera agro-alimentare per arrivare ad una completa trasparenza e garantire, così, i consumatori che troppe volte si trovano frastornati sia dagli aumenti che da una informazione confusa e parziale. Per la Cia, dunque, l attuale sistema non va e deve essere riformato. Spesa alimentare in Italia nel 2002 Gli italiani spendono 116 miliardi di euro l anno Ogni famiglia spende 468 euro al mese Ogni italiano spende 167 euro al mese STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 7

8 I consumi alimentari in Italia nel 2002 (kg pro-capite) Cereali e derivati 122,6 Riso 5,5 Patate 43,2 Ortaggi 218,5 Frutta fresca e agrumi 140,8 Carni bovine 22,7 Carni suine 37,9 Latte 59,6 Formaggi 19,7 Vino 48,5 Oli e grassi vegetali 25,9 Zucchero (equivalente di zucchero 24,2 bianco) Elaborazioni Cia-Confederazione italiana agricoltori su dati Istat Così gli italiani nel 2002 hanno ripartito la spesa alimentare Carne 21,9% Pane e trasformati di cereali 17,0% Lattiero-caseari e uova 13,6% Ortaggi e patate 11,5% Pesce 7,1% Zucchero e dolci 6,2% Frutta 6,6% Acqua minerale e bevande 5,1% Oli e grassi vegetali 4,7% Vino e bevande alcoliche 4,6% Caffè, tè e cacao 1,4% Altri alimentari (spezie, prodotti per l infanzia, ecc.) 0,3% Elaborazioni Cia-Confederazione italiana agricoltori su dati Istat STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 8

9 AGRICOLTURA E TURISMO: IL TERRITORIO COME ELEMENTO UNIFICANTE Il forte radicamento del fenomeno turistico con il contesto ambientale in cui si manifesta è riscontrabile non solo nelle conseguenze che ne scaturiscono sotto il profilo della sostenibilità in tutte le sue varie declinazioni, ma anche nello stretto legame che si instaura tra turismo e ambito rurale, in modo particolare laddove la fruizione turistica è finalizzata alla (ri)scoperta della cultura e delle tradizioni dei luoghi di origine dei prodotti enogastronomici. Sul fronte della domanda turistica, le potenzialità della connessione fra turismo ed agricoltura locale sono peraltro confermate da una crescita di interesse molto sostenuta negli ultimi anni, sia da parte dei connazionali che degli stranieri, per tipologie di turismo alternativo. Si tratta di turismi orientati alla riscoperta della natura, della ruralità, delle radici e delle tradizioni legate al territorio, seguiti da molteplici tipologie di fruizione rurale (in particolare agriturismo), che affondano le proprie origini nella spiccata e manifesta vocazione a valorizzare il ricchissimo patrimonio culturale nazionale delle tradizioni locali e regionali che animano il mondo della produzione alimentare. Tra le tendenze emergenti sul fronte della domanda turistica, infatti, si assiste al crescente fenomeno per cui il consumatore, animato da una sempre maggiore sensibilità alle questioni ambientali, nonché dal desiderio di vacanze salutistiche, a contatto con la natura e a misura d'uomo, cerca di ampliare i propri orizzonti di esperienza vissuta anche con l'esplorazione culturale mirata alla scoperta delle produzioni caratteristiche di un certo territorio. E' in quest'ottica che il tipico prodotto gastronomico assume un ruolo essenziale, permettendo al consumatore di scoprire e di recuperare il legame naturale che sempre è esistito tra un alimento e il suo territorio di origine. Si vengono così a riaffermare i valori storico-culturali legati a queste due realtà, con l'apprezzamento dei prodotti non solo quali beni di semplice fruizione privata, bensì quali significativi elementi di un comune patrimonio di tradizioni da evocare: il territorio viene promosso e apprezzato attraverso i suoi prodotti. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 9

10 L'appagamento di queste esigenze viene pertanto a costituire l'obiettivo principale delle strategie di promozione agroalimentare e di turismo enogastronomico in quanto è proprio su questo ordine di motivazioni che è possibile innestare un complesso di attività delle cui ricadute potranno beneficiare più destinatari - dai produttori agli operatori, dai consumatori in genere agli stessi residenti - nel pieno rispetto del territorio, delle sue valenze e degli ambienti di origine. Sul versante agricolo, a ciò corrisponde un importante ampliamento del ruolo delle produzioni locali, soprattutto con riferimento a quelle tipiche e di qualità, in termini di visibilità, immagine, promozione e conseguente incremento della commercializzazione, che sta progressivamente investendo tutto il mondo delle produzioni agroalimentari del nostro Paese. In questo contesto, due sono le parole-chiave in grado di esprimere il file rouge alla base della connessione turismo-agricoltura ed in grado quindi di riassumere le sinergie attivabili in tutte le proprie valenze: STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 10

11 territorio, inteso in senso lato di "terroir", quale insieme delle risorse locali e dei "segni" distintivi dei luoghi di produzione; tipicità, nell'accezione strettamente correlata al recupero della cultura e dell'identità locale dei luoghi di produzione e dei relativi prodotti tipici, ovvero dei prodotti enogastronomici legati alle tradizioni locali. I fattori critici su cui poggia il successo crescente di queste forme di consumo, sia in campo agricolo che turistico, e che trovano diretta corrispondenza nelle esigenze emergenti manifestate dalla domanda annoverano: il fatto che l'elemento centrale dell'offerta enogastronomica è rappresentato dai prodotti di qualità, certificati e resi riconoscibili da adeguate denominazioni che li legano inscindibilmente con il territorio di produzione: tutto ciò si sposa perfettamente con la recente ricerca della qualità nell ottica della sicurezza alimentare; l'enfasi posta sulla dimensione del "piacere" legata alla visita in ambito rurale e di ricerca di convivialità e risvolti edonistici, nonché di "arricchimento interiore" nell'ambito dell esperienza turistica; il contesto di fruizione -rurale, incontaminato, paesaggisticamente gratificante ben si coniuga con la forte domanda di ecocompatibilità e radicamento territoriale cui si è fatto cenno; la dimensione della "accoglienza" e della compartecipazione alla vita del luogo -dalla cantina alla struttura agrituristica- è essenziale per enfatizzare l'instaurarsi di un rapporto diretto con il produttore e, in generale, con la comunità locale, in grado di appagare il desiderio di "condivisione autentica" avvertito dalla domanda. Il raccordo tra turismo e agricoltura è riscontrabile con sempre maggiore frequenza anche sotto il profilo del marketing e delle iniziative di comunicazione e promozione, indipendentemente da quale dei due comparti esse prendano origine: a titolo di esempio, si possono citare la partecipazione sempre più massiccia alla BIT (Borsa del Turismo di Milano) di operatori, spazi ed avvenimenti mirati del comparto turismo rurale ed enogastronomia e, per contro, alla manifestazione Vinitaly di Verona (esposizione vitivinicola d eccellenza) di eventi tipici del comparto turistico, così come, di riflesso, gli importanti echi turistici del Salone del Gusto (manifestazione che fa capo a Slow Food) a Torino. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 11

12 Anche la stampa turistica, sia nazionale che straniera, dedica sempre maggiore attenzione al mondo delle produzioni agroalimentari tipiche e di qualità connesse al mondo del turismo enogastronomico: tale riscontro è particolarmente evidente sul fronte delle guide turistiche, che descrivono ed affrontano gli aspetti enogastronomici dei luoghi trattati con un approccio di tipo culturale e promozionale. Da tale trend non restano esclusi neppure il mondo della produzione cinematografica e, più in generale, quello della programmazione televisiva. L'eco di notorietà che si trasmette da un comparto all'altro (alberghi, vettori di trasporto, grande distribuzione, industria alimentare tradizionale, ristorazione, etc.) e si propaga attraverso gli strumenti mediatici (editoria, televisione, radio, comunità virtuali su internet, eventi e fiere dedicati, etc.) non può che contribuire a decretare il successo di questo approccio innovativo alla valorizzazione delle produzioni tipiche e tradizionali, che trovano nelle differenziazioni regionali e territoriali il loro punto di forza. Importanza degli elementi di richiamo turistico per i Tour Operator L offerta turistica rurale La conformità tra consumo e produzione di turismo rurale ed enogastronomico legato alle produzioni tipiche, ovvero l incontro tra le aspettative della domanda e la reale disponibilità dell offerta, possono essere considerati solo in funzione della generale offerta turistica rurale e della sintonia di interessi tra operatori pubblici e privati, sintonia che deve risultare dal rispetto di tre particolari fattori: 1. il prodotto enogastronomico ed agro-alimentare è di importanza fondamentale sia per quanto riguarda il mantenimento della qualità della produzione e delle affermate e rinomate STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 12

13 caratteristiche, sia per quanto ad esso si attiene in termini di immagine e di richiamo alla gradevolezza, alla raffinatezza e alla soddisfazione del gusto; più nello specifico va detto che l'attrattiva di un prodotto agricolo in senso turistico può discendere solo dal fatto che esso sia spiccatamente identificabile, dove l'identificabilità dichiarata del prodotto è la strategia commerciale vincente per i produttori di piccola e media dimensione che si collocano entro nicchie particolari di mercato; 2. l ambiente di produzione di un prodotto tipico è invece importante per tutto ciò che concerne la trasmissione delle consuetudini tipiche ad esso legate, mantenendo intatte quelle tradizioni contadine proprie di ogni stagione, dove la genuina originalità dell ambiente di produzione agricola, oltre a costituire, spesso, un naturale corollario alle aspettative del turista e alle sue attese di immagine nei confronti del binomio prodotto-produttore, può costituire un veicolo di incentivazione per altri comparti, sia turistici (culturale, agrituristico, gastronomico, etc.) sia di altra destinazione (artigianale, per altri prodotti agro-alimentari, etc.); 3. il territorio, in tale contesto, ma anche in quello di destinazione, costituisce un fattore insostituibile dell offerta enogastronomica poiché con esso ci si riferisce, nei confronti dei consumi turistici, a tutto quanto è fruibile delle sue bellezze naturali e dei valori culturali e storici dei suoi spazi umanizzati. In questo quadro, la finalità principale consiste nel favorire il processo di identificazione del prodotto tipico con il territorio di provenienza, in modo tale da risultare parti indivisibili di un'unica realtà dotata di uniformità di immagine, in grado di tutelare la specificità del prodotto e simultaneamente valorizzarne l ambito di produzione. Alla luce di tali trend evolutivi, la programmazione della valorizzazione turistica di un'area agricola poggia sulla realizzazione di sistemi di offerta integrati e radicati sul territorio, al fine, da un lato, di limitare gli impatti negativi in termini di capacità di carico e sfruttamento eccessivo delle risorse e, dall altro, di massimizzare le ricadute positive a livello locale, anche sotto il profilo della distribuzione equa dei benefici e della garanzia di quegli aspetti di sicurezza (tracciabilità) alimentare in precedenza citati. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 13

14 IL RUOLO DEI PRODOTTI TIPICI E DI QUALITÀ PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO Nella definizione del ruolo dei prodotti tipici si fanno spesso avanti due ottiche di approccio nettamente distinte, non solo da un punto di vista economico ma altresì culturale e sociale. Da un lato i limiti che inficiano le strategie orientate esclusivamente alla crescita (delle produzioni, dei mercati, dei flussi turistici, ) e che vedono nelle aree rurali solamente dei contenitori. Dall altro le potenzialità, ma al contempo le criticità, di uno scenario sostenibile, che porta in primo piano gli elementi di valore dei territori e le esigenze insite ad una tutela e consolidamento del legame che intercorre tra il settore agricolo e il settore turistico. Ragionare attorno a questi argomenti in una logica più finalizzata richiede di avviare una seria riflessione sul ruolo delle produzioni tipiche e tradizionali congiuntamente ad offerte turistiche coerenti (come ad esempio le Strade e i percorsi enogastronomici), quali strumenti di valorizzazione delle aree rurali. È appunto il riferimento al valore a sottendere una logica qualitativa e non esclusivamente quantitativa, una attenzione peculiare alla multifunzionalità dell agricoltura, in una prospettiva produttiva, sociale ed ambientale. Ciò consente di portare in primo piano la qualificazione del settore agricolo e delle produzioni tipiche non in modo asettico, ma con riferimento alle condizioni per migliorare la qualità della vita nelle aree rurali, andando ad incidere in maniera efficace sull economia e sulle specificità sociali, culturali, ambientali delle stesse, in una prospettiva etica e non solo commerciale, sostenibile e non solo di breve periodo. Si tratta di potenzialità la cui importanza e crucialità è di assoluta evidenza, ma la cui realizzazione passa attraverso l instaurazione di un effettivo circolo virtuoso tra tutte le componenti richiamate, che implica una visione strategica delle opportunità di sviluppo dei territori interessati, ovvero della messa in atto di effettivi ed efficaci strumenti competitivi. E possibile identificare alcuni concetti chiave che possono costituire in concreto gli elementi su cui riflettere in prospettiva futura, nella definizione di strategie di sistema, in un contesto di collaborazione tra pubblico e privato: il tema della qualità, quale strumento ormai imprescindibile di garanzia nei confronti del consumatore e di competitività, che deve svilupparsi almeno su tre livelli in una logica di integrazione tra agricoltura e turismo: la qualità dei prodotti, dell accoglienza e del contesto territoriale; STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 14

15 la competitività, che sempre più passa attraverso la capacità di sviluppare iniziative di effettiva partenership tra settore pubblico e privato, con una forte attenzione agli aspetti sia gestionali sia di governance del territorio; il riferimento fondamentale al territorio, come valore e non solo come contenitore, dove le specificità rivestono il ruolo di identità, patrimonio di una intera comunità nelle sue diverse componenti (istituzionali, economiche, extraeconomiche); l assoluta necessità di un approccio a tutte le tematiche emerse, e soprattutto alle loro intersezioni, in un contesto di attivazione di efficienti reti relazionali sia tra i diversi soggetti di ciascun gruppo di attori locali, sia fra i diversi livelli di riferimento istituzionali ed operativi; il ruolo delle diverse forme di offerta di turismo enogastronomico (ad esempio le Strade del Vino e dei Sapori), si delinea come funzionale alle esigenze di sviluppo evidenziate, solo a condizione che si operi il passaggio da una logica esclusivamente promozionale ad una economico-gestionale. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 15

16 LE IMPRESE NELLA COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN L analisi del contesto L indagine presso gli imprenditori della Comunità Montana Grand Combin è stata preceduta da un approfondimento delle caratteristiche del tessuto economico della zona con particolare riferimento ai connotati espressi dalla Regione. Ciò ha consentito di procedere alla definizione del quadro economico di riferimento su cui l analisi ha insistito. Nella Comunità Montana Grand Combin alla data di gennaio 2004 risultano attive presso il Registro delle Imprese della Valle d Aosta 528 imprese [Allegato A, Tab. 1]. Analizzando la tipologia di forma giuridica ben 412 imprese si configurano come ditte individuali, 84 società di persone, 19 società di capitali e 13 altre forme [Allegato A, Tab. 1]. Il confronto con il dato regionale evidenzia la presenza nella Grand Combin di un valore cospicuo di ditte individuali (78,0% contro il 64,7% della Valle d Aosta) a testimonianza di una struttura imprenditoriale assai parcellizzata e che pertanto non può contare su mezzi e risorse ingenti [Allegato A, Tab. 2]. Il dettaglio relativo alla situazione dei singoli comuni ha messo in luce in quali località tale aspetto raggiunge livelli considerevoli: per Allein, Bionaz, Doues, Oyace e Roisan la ditta individuale è la forma giuridica quasi esclusiva (sono i comuni con il dato percentuale superiore a quello medio della Comunità Montana) [Allegato A, Tab. 3]. In relazione agli obiettivi ascritti allo studio l analisi si è concentrata su quei settori più o meno legati alla promozione dell alimentazione tradizionale ed in particolare alla valorizzazione dei prodotti tipici. Delle 528 imprese attive nella Comunità Montana Grand Combin 244 sono aziende agricole, 60 turistiche e 47 commerciali [Allegato A, Tab. 4]. Quasi un impresa su due svolge nella Grand Combin l attività agricola raggiungendo un peso percentuale (46,2%) più che doppio rispetto al dato regionale (20,1%); per contro la presenza di aziende commerciali nella zona di riferimento è decisamente inferiore (8,9%) alla media della Valle d Aosta (20,1%) [Allegato A, Tab. 5]. Il settore turistico è l unico ad esprimere livelli di sviluppo in linea con i valori dell intera regione (11,4% contro 11,2%) [Allegato A, Tab. 5]. Il peso dei settori assume all interno della struttura imprenditoriale configurazioni diverse in relazione ai singoli comuni. L agricoltura rappresenta per alcune località il settore trainante: ad Allein, Bionaz, Doues, Ollomont e Oyace il peso percentuale delle aziende del settore primario supera il dato medio della Comunità Montana [Allegato A, Tab. 6]. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 16

17 Anche il settore turistico presenta gradi di evoluzione differenti in corrispondenza del comune di riferimento evidenziando situazioni in alcuni casi diametralmente opposte: le aziende turistiche a S.Oyen rappresentano il 41,7% mentre ad Allein solo il 2,8%. Nello specifico sono 5 i comuni della Grand Combin in cui il peso percentuale delle imprese turistiche supera il valore regionale (Bionaz, Etroubles, Ollomont, S.Oyen e S. Rhemy en Bosses) [Allegato A, Tab. 6]. Gli obiettivi e gli strumenti dell indagine In questa fase dello studio si è proceduto ad indagare il tessuto imprenditoriale presente nel territorio della Comunità Montana Grand Combin con particolare riferimento a quelle attività coinvolgibili in strategie di promozione e valorizzazione delle produzioni tipiche. La raccolta delle informazioni è avvenuta utilizzando appositi questionari strutturati in funzione di un analisi del fenomeno in profondità al fine di acquisire informazioni il più possibile di natura qualitativa (Allegato B ). Definizione del campione da intervistare I criteri adottati per la determinazione dei profili delle imprese intervistate sono riconducibili ai principi della territorialità, della settorialità e della significatività. In primo luogo ci si è preoccupati di raggiungere ognuno degli 11 comuni indagati ed in seconda battuta di prendere in considerazione tutte le forme di impresa espresse da queste zone riconducibili alla filiera agri-turistica, ossia inserite nei settori dell agricoltura, del turismo e del commercio. In tal senso le imprese coinvolte all interno dei settori sopra citati hanno fatto riferimento a 2 tipologie: - le imprese operanti sul mercato in maniera professionale, ossia risultanti attive presso il Registro delle Imprese; - gli hobbisti, ossia facenti riferimento ad attività di integrazione al reddito. Data l esiguità dell universo sottoposto ad analisi e la necessità di raccogliere informazioni di natura qualitativa il campione delle imprese attive e degli hobbisti da intervistare è stato infine definito selezionando i soggetti ritenuti più significativi e congrui rispetto agli obiettivi dello studio. La selezione è avvenuta ricorrendo all ausilio dei sindaci dei comuni e degli attori locali STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 17

18 segnalati dalla Comunità Montana la cui conoscenza del territorio ha consentito di rispondere con affidabilità al criterio adottato. Occorre inoltre aggiungere che al novero degli intervistati hanno partecipato coloro che si sono resi disponibili alla collaborazione. In linea con quanto fin qui esposto sono stati gli attori locali ad effettuare le interviste messe in previsione. Complessivamente le interviste realizzate sono state 103 secondo la seguente articolazione (figura a): Figura a. Tipologia di soggetti intervistati COMUNI AZIENDE ATTIVE HOBBISTI TOTALE ALLEIN BIONAZ DOUES ETROUBLES GIGNOD OLLOMONT OYACE ROISAN SAINT OYEN SAINT RHEMY EN BOSSES VALPELLINE Totale Analisi delle interviste La struttura del questionario, tenute conto delle differenze presenti in corrispondenza delle tipologie in precedenza rilevate, si è posto come obiettivo la definizione dell impostazione imprenditoriale e delle modalità di azione delle imprese di queste zone. In particolare le aree di indagine individuate fanno riferimento a specifici ambiti della gestione aziendale che concorrono alla determinazione del successo imprenditoriale; tali aree, illustrate di seguito, sono diventate lo strumento di analisi e di rilevazione delle criticità e delle debolezze attinenti le aziende della zona. A. Dati anagrafici STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 18

19 B. La clientela di riferimento C. Il mercato D. I prodotti/servizi E. Le strategie di vendita F. La cooperazione G. Gli obiettivi futuri Ciò ha consentito di rilevare la propensione delle aziende della Comunità alla valorizzazione dei prodotti del territorio in un ottica di sistema nonché l orientamento delle stesse verso ipotesi di sviluppo locale. A. Dati anagrafici In questa sezione sono stati descritti brevemente i connotati formali delle aziende intervistate funzionali alla corretta comprensione e contestualizzazione delle informazioni in seguito raccolte. Il campione è risultato essere costituito da piccole imprese, sottoforma di ditte individuali o società di persone (Fig. b). Figura b. Forma giuridica delle aziende intervistate FORMA GIURIDICA NUMERO % Ditta individuale 58 76,3% Società di persone 15 19,7% Società di capitali 3 3,9% TOTALE ,0% Anche per ciò che riguarda le attività hobbistiche le dimensioni sono naturalmente limitate ad un componente. I settori di appartenenza delle attività indagate sono in generale riconducibili ai principali ambiti produttivi funzionali allo studio, ossia agricoltura, turismo e commercio (Fig. c). Nello specifico la composizione del campione rispecchia l effettiva distribuzione percentuale dei diversi settori a livello di economia locale, cosi come in precedenza illustrato nella disamina dei dati statistici. STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 19

20 Figura c. Settore di appartenenza delle aziende intervistate COMUNI agricoltura commercio turismo industria TOTALE ALLEIN BIONAZ DOUES ETROUBLES GIGNOD OLLOMONT OYACE ROISAN SAINT OYEN SAINT RHEMY EN BOSSES VALPELLINE Totale L agricoltura ricopre pertanto il ruolo di attività prevalente rappresentata principalmente dalla: zootecnia e dal lattiero-caseario. L offerta turistica è stata presa in considerazione sia dal punto di vista della ricezione (albergo/ostello), sia della somministrazione (bar/ristorante). Nel commercio l attenzione è stata rivolta alla commercializzazione dei generi alimentari e dei manufatti artigianali (figura d). Figura d. Le attività svolte dalle aziende intervistate. AGRICOLTURA SETTORI ATTIVITA SPECIFICHE Allevamento Lattiero casearia Carni Salumi TURISMO Albergo Ristorante Bar Ostello COMMERCIO Vendita prodotti alimentari Vendita prodotti artigianali STUDIO SULL ALIMENTAZIONE TRADIZIONALE 20

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA

GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA GIUSEPPE VADALÀ: ALIMENTI E AMBIENTE, COME GARANTIRNE LA SICUREZZA a cura di ANNA MARIA CIUFFA Giuseppe Vadalà, responsabile della Divisione Sicurezza Agroalimentare e Agroambientale del Corpo forestale

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia PREFAZIONE Questa pubblicazione nasce da una duplice esigenza: da un lato proseguire, aggiornandolo, il percorso intrapreso qualche anno fa con la realizzazione di uno studio finalizzato a conoscere i

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli