Custodire e coltivare il creato per un futuro sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Custodire e coltivare il creato per un futuro sostenibile"

Transcript

1 UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE MONDINSIEME Rivista dell UVISP N 16 DICEMBRE 2013 Custodire e coltivare il creato per un futuro sostenibile

2 UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE L UVISP-Assisi sostiene la crescita di bambini poveri o abbandonati attraverso le adozioni a distanza Il suo futuro dipende da te! Molti bambini nei Paesi più poveri del nostro pianeta vivono ancora in condizioni di estrema povertà ed hanno urgente bisogno del tuo sostegno. Attiva un adozione a distanza tramite l UVISP-Assisi. Adottare un bambino a distanza è un grande gesto d'amore. Permette di migliorare concretamente la vita di un bambino, quella della sua famiglia e della comunità in cui vive. Potrai seguire la crescita del bambino e stringere con lui un bellissimo rapporto di amicizia attraverso le lettere che vi scambierete. È possibile scegliere tra due diverse forme di sostegno: una quota di 26 euro al mese per la rata scolastica e il materiale didattico; una quota di 52 euro al mese per la rata scolastica, il materiale didattico, vitto e alloggio. LE SOMME VERSATE SONO DEDUCIBILI. Rivolgiti con fiducia all UVISP. Vieni a trovarci presso la nostra sede, ubicata a Bastia Umbra (zona industriale ovest settore H); Tel UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE Un aiuto ai più poveri del nostro territorio I In questi ultimi anni è cresciuta la richiesta di aiuto da parte di - Alimenti: dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle e il sabato dalle 10 famiglie bisognose, italiane e straniere, residenti sul nostro alle territorio. L UVISP ha uno Sportello polivalente (aperto tutti - Mobili: tutte le mattine dalle 9.30 alle 12 (o previo appuntamento). i giorni dalle 9 alle 12 tel ) che provvede a - Indumenti: ogni martedì dalle 19 alle e ogni sabato dalle 9 alle distribuire alimenti, vestiario e mobili a persone in particolare Ricordiamo poi che a beneficio degli immigrati si offre un servizio stato di disagio socio-economico. di consulenza e/o assistenza legale con la presenza di un avvocato (il Ecco i giorni e gli orari di questo specifico servizio assolto con grande martedì dalle 19 alle 20). generosità dai volontari della nostra associazione. Va rilevato, infine, che ogni anno vengono organizzati due corsi di lingua italiana guidati da qualificati insegnanti. 2

3 UVISP-ASSISI: il ponte tra Nord e Sud del mondo UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE L UVISP-ASSISI (Unione Volontariato Internazionale per lo Sviluppo e la Pace) è un Organismo non Governativo (ONG) di cooperazione e solidarietà internazionale, sorto nel 1983 per iniziativa di padre Giorgio Roussos (un frate francescano). il UVISP-ASSISI ottiene nel 1987 l idoneità dal LMinistero degli Affari Esteri con D. M. n. 1987/128/4126/3/D e dal 1988 aderisce a Volontari nel mondo UVISP FOCSIV. Il fine dell associazione è quello di collaborare alla costruzione di un mondo migliore. Ispirandosi ai valori di fratellanza e di giustizia, pone al centro del suo impegno solidale l uomo, al di là di ogni appartenenza di razza, ideologia e religione. L associazione è divisa in 6 commissioni, ciascuna con specifiche funzioni: 1. Commissione progetti 2. Commissione adozioni a distanza 3. Commissione immigrati 4. Commissione informazione ed educazione allo sviluppo 5. Commissione formazione ed invio volontari 6. Commissione raccolta fondi Rivista dell UVISP-Assisi Numero 16 Dicembre 2013 Registrazione Tribunale di Perugia N.15 del Direttore: Roldano Boccali Art Director e Grafica: Manuela Marcagnani Hanno collaborato: Franco Barigozzi, Giuseppe Lio, Elisa Santi, P. Vittorio Farronato. Fotografie: Archivio UVISP, Elisa Santi, Franco Barigozzi. Redazione e Amministrazione: c/o sede UVISP Zona industriale ovest settore H Bastia Umbra (PG) Tel. / Fax Stampa: Sito: Bastia Umbra L UVISP realizza progetti nei Paesi del Terzo Mondo, privilegiando tre settori di intervento: istruzione, sanità, creazione di posti di lavoro. L UVISP promuove e gestisce adozioni a distanza di minori in America Latina, Africa e Asia. L UVISP, presso la sua sede di Bastia Umbra, ha uno Sportello polivalente per aiutare i più bisognosi, italiani e stranieri, che risiedono sul territorio. Vengono distribuiti beni di prima necessità (alimenti, mobili, indumenti) e viene fornita anche assistenza legale. Inoltre, vengono organizzati corsi di alfabetizzazione. L UVISP, inoltre, svolge una intensa attività di informazione e educazione allo sviluppo, UVISP attraverso tavole rotonde, eventi culturali e artistici. Al tempo stesso, organizza varie iniziative (spettacoli, pesche di solidarietà, concorsi, manifestazioni varie...) il cui ricavato viene utilizzato dal UVISP per contribuire a finanziare i progetti che la stessa associazione realizza nei Paesi in via di sviluppo. L UVISP ha la sua sede a Bastia Umbra Zona industriale ovest settore H (nei pressi del centro fieristico) Tel. / Fax sito: Da rilevare inoltre che nel luglio 2012 si è costituita, secondo le finalità statutarie dell UVISP-Assisi, una sezione periferica ad Omegna (VB). La filiale, operando nella massima trasparenza e con un piano di lavoro ben definito, si impegna in molteplici attività. Si tratta di un gruppo di volontari operativo nella diocesi di Novara, gruppo che è coordinato e guidato dal Signor Franco Barigozzi e da sua moglie Carla Rita Mastinu. UVISP MONDINSIEME è una rivista realizzata dall UVISP-Assisi (Unione Volontariato Internazionale per lo Sviluppo e la Pace) con il fondamentale contributo di varie attività commerciali. Viene distribuita gratuitamente sul territorio e comunque è possibile richiederla presso la sede dell UVISP. 3

4 UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE Un nuovo progetto promosso da Una panetteria artigiana nella Repubblica Demo La testimonianza di Elisa Santi, responsabile d che ha curato l elaborazione e la realizzazi La stretta collaborazione tra UVISP-ASSISI e OPHDI, associazione locale molto attiva nel territorio, ha dato ancora una volta i suoi frutti: dopo la microimpresa di sartoria per ragazze madri, realizzata anni fa e tutt ora in piena attività, ecco un nuovo microprogetto di sviluppo realizzato con successo a Gombe-Matadi, cittadina situata nella regione del Bas-Congo, all'estremità Sud-Ovest del Paese. Un mondo senza fame è il titolo di questa piccola impresa, promossa da noi e finanziata dalla Caritas italiana. Titolo più che mai appropriato all attività avviata, trattandosi di una panetteria artigianale che, pur essendo una piccola realtà come tutte quelle previste dai microprogetti, contribuisce fortemente alla crescita del contesto in cui è inserita: Gombe- Matadi infatti, per via della sua posizione geografica, dipende strettamente da rifornimenti di ogni genere di beni dai villaggi più centrali e vicini alla capitale, e questo, unitamente alla mancanza di acqua corrente e spesso anche di elettricità, influisce pesantemente sulle condizioni di vita dei suoi abitanti, buona parte dei quali una volta cresciuti abbandonano il villaggio in cerca di maggiori opportunità altrove. Realizzata lo scorso settembre, la panetteria dà lavoro a 6 ragazzi e 3 ragazze di Gombe-Matadi di età compresa tra i 16 e i 25 anni, e rifornendo il villaggio del pane quotidiano a prezzi accessibili offre un beneficio importante all intera cittadinanza. I giovani beneficiari del progetto hanno ricevuto una formazione approfondita e puntuale in ambito non solo tecnico e amministrativo, ma anche umano, in quanto ciò che preme fortemente sia all UVISP-ASSISI che all OPHDI è creare nuove mentalità attive e dinamiche, servirsi del lavoro come mezzo per rendere le persone forti e fiduciose in se stesse, con prospettive ed obiettivi che vadano ben al di là del giorno presente. Per la formazione tecnica è stato selezionato Mr Alphonse Pambu, fornaio esperto e conosciuto nei dintorni per la sua competenza ed affidabilità, della parte amministrativa si è occupato l Abbé Basile Crispin Mvuanga, rappresentante OPHDI e collaboratore per il progetto, che ha anche collaborato con me alla parte umana, ovviando così alla difficoltà della lingua in quanto alcuni dei ragazzi coinvolti non parlano Francese.

5 UVISP-ASSISI e OPHDI le a Gombe-Martadi, cratica del Congo ell ufficio Progetti dell UVISP-ASSISI, one del microprogetto di sviluppo Dopo la bellissima notizia dell approvazione del progetto da parte della Caritas ci siamo mossi immediatamente, informando la controparte locale e dando il via alla fase operativa del progetto, che comprendeva il contatto con le autorità locali e con i fornitori e prestatori d opera coinvolti (aspetto di cui si è egregiamente occupato l Abbé Basile), oltre ai preparativi del mio viaggio nella Repubblica Democratica del Congo, che è servito ad effettuare gli acquisti necessari alla realizzazione del progetto, oltre al monitoraggio dell andamento e la conoscenza diretta della situazione locale e del modo di vivere delle persone. Il progetto si è rivelato soddisfacente e pienamente conforme agli obiettivi sotto tutti gli aspetti. Ho ricevuto un accoglienza a dir poco calorosa da parte di tutti quelli con cui sono entrata in contatto e ho potuto godere di molti momenti conviviali, di dialogo e confronto umano che hanno arricchito molto la mia conoscenza della realtà locale e delle sue possibilità. Calpestare il suolo africano, respirarne l aria, immergersi nella sua realtà così colorata, terribile e meravigliosa, produce un effetto unico, risvegliando un desiderio di appartenenza e di comunione che è parte integrante dell animo umano, ma che spesso viene nascosto dalla gran massa di occupazioni e preoccupazioni individuali quotidiane. Dietro un atteggiamento di rassegnazione, di passività, di indolenza e debolezza mentale, ciascuna delle persone che ho incontrato, conosciuto o semplicemente visto racchiude una grande forza, un energia chiaramente percepibile e che non può rimanere imprigionata a lungo. É proprio questo potenziale che cerchiamo di estrarre e liberare, perché ogni ragazzo, donna, uomo, bambino ne faccia tesoro. Il processo è lungo, faticoso, difficile, ostacolato da interessi ben più grandi, da volontà ben più potenti della nostra. Ma ogni piccola realtà creata, ogni stimolo positivo, ogni persona che si toglie dalla strada per indirizzarla a crearsi un'esistenza dignitosa, ogni buon esempio contribuiscono a quella crescita, a quella consapevolezza che piano piano scardineranno lo stagnante equilibrio esistente. Si inizia dal pane quotidiano e dal lavoro. Si può fare molto altro ancora. Elisa Santi

6

7 I n questi anni l UVISP-Assisi ha realizzato in Africa, America latina e Asia vari progetti: scuole, laboratori, biblioteche, centri di recupero per i ragazzi di strada, ambulatori medici, servizi igienici, piccoli centri di salute periferici. Ha portato a termine importanti progetti di agricoltura, allevamento di animali e riforestazione. Ha organizzato anche microimprese di sartoria per ragazze madri. Per conoscere più da vicino come lavoriamo, puoi contattarci allo o venire a trovarci presso la nostra sede di Bastia Umbra, zona industriale ovest settore H. Nel sito dell UVISP c è una sezione dedicata ai progetti. Contribuisci anche tu alla realizzazione dei progetti dell UVISP iascuno può fornire un aiuto economico, anche piccolo, per contribuire alla realizzazione dei progetti promossi dall UVISP nei CPaesi in via di sviluppo. Se vuoi sostenere questi progetti, puoi effettuare un versamento secondo queste modalità: - BONIFICO / BOLLETTINO POSTALE: UVISP-Assisi zona industriale ovest settore H Bastia Umbra (PG) IBAN: IT 46 O c/c postale BONIFICO BANCARIO: UVISP-Assisi zona industriale ovest settore H Bastia Umbra (PG) - Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona agenzia di Bastia Umbra (PG) - IBAN: IT 94 O c/c bancario DESTINAZIONE DEL 5 PER MILLE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI codice fiscale BENEFICI FISCALI Le offerte sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi Anche tramite il negozio Commercio per solidarietà in via De Gasperi 8 a S. Maria degli Angeli (dove si possono acquistare bellissimi oggetti a prezzi davvero convenienti), si può contribuire alla realizzazione dei progetti nel terzo mondo promossi dall'uvisp-assisi. 7

8 UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE L UVISP e la sua attività di informazione U na specifica commissione UVISP ha il compito di svolgere sul territorio una indispensabile attività di Uinformazione ed educazione allo sviluppo. Per questo motivo vengono promosse TAVOLE ROTONDE su vari argomenti di carattere sociale e viene realizzata la r i v i s t a M O N D I N S I E M E, p e r i o d i c o dell'associazione a distribuzione gratuita. La commissione informazione ed educazione allo sviluppo si preoccupa anche di tenere sempre aggiornato il SITO - - dove sono segnalate le molteplici attività dell'associazione. Vengono altresì organizzate varie attività per raccogliere fondi da destinare ai progetti dell UVISP nei Paesi in via di sviluppo. Ogni anno, nel periodo estivo, l UVISP propone delle PESCHE DI BENEFICENZA in occasione di alcune feste e sagre paesane. Nel 2013 l associazione ha organizzato la seconda edizione del CONCORSO DISEGNO E PITTURA sul tema L ACCOGLIENZA per bambini e ragazzi (con cerimonia di premiazione tenutasi il 18 maggio 2013) e la ventesima edizione del PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE UN SOLO MONDO con le sue due sezioni a tema libero: A) Poesia singola inedita; B) Narrativa per giovani premio Adriana Paulon. La cerimonia di premiazione si è svolta il 27 ottobre 2013 (vedi servizio a pagina 9). Le suddette manifestazioni culturali hanno riscosso particolare successo e naturalmente saranno riproposte anche nel Da segnalare infine che l UVISP ha promosso nel mese di dicembre 2013 un CICLO DI INCONTRI (tre conferenze) sul tema: CUSTODIRE E COLTIVARE IL CREATO PER UN FUTURO SOSTENIBILE. (vedi servizio a pagina 10). Cena di solidarietà all UVISP l 23 novembre 2013, presso la sede dell'uvisp, in un clima di grande fraternità ed amicizia, si è svolta la tradizionale CENA IDI BENEFICENZA. In tanti hanno aderito all'iniziativa promossa dall UVISP, il cui ricavato verrà utilizzato per contribuire alla realizzazione di uno specifico progetto: un allevamento di polli e maiali destinato alle donne della municipalità di Dano, nella regione sud-ovest del Burkina Faso. L associazione ringrazia sentitamente tutti coloro che hanno partecipato. Un particolare ringraziamento anche ai volontari dell associazione che si sono prodigati per il buon esito della serata, al bravissimo cuoco Massimo Felici e alla sua insostituibile aiutante Rosanna Dionigi. 8

9 UVISP A S S I S I UNIONE VOLONTARIATO INTERNAZIONALE PER LO SVILUPPO E LA PACE I Una microimpresa di panetteria a Gombe-Matadi I l progetto, realizzato a Gombe-Matadi, cittadina situata all estremità sudovest della Repubblica Democratica del Congo, prevedeva l avvio di una panetteria artigianale che ha dato a tre ragazze e sei ragazzi disoccupati la possibilità di lavorare e migliorare le proprie condizioni di vita. L UVISP ha costruito un forno in mattoni, attuato la formazione umana, amministrativa e tecnica dei giovani beneficiari e acquistato tutto l occorrente per l attività produttiva e commerciale. Gli abitanti del posto hanno accolto la novità con entusiasmo, intuendone l importanza sotto l aspetto economico ed umano e riconoscendola come un'opportunità concreta di crescita e sviluppo, oltre che una dimostrazione tangibile della vicinanza e dell'impegno di enti che hanno a cuore la situazione dell Africa e degli Africani. I PREMIATI SEZIONE A POESIA SINGOLA INEDITA -1 classificato - Franco Fiorini di Veroli (FR) - Figli del vento ; - 2 classificato - Federica Cosma di Bari - Le tre età ; - 3 classificato - Daniela Gregorini di Ponte Sasso di Fano (PU) - La luce sulla porta ; - 4 classificato - Marco Lamolinara di San Lazzaro di Savena (BO) - La notte sul lago. I finalisti hanno ricevuto premi in denaro e diplomi. SEZIONE B NARRATIVA EDITA PER GIOVANI PREMIO ADRIANA PAULON -1 classificata - Elena Gaiardoni di Sommacampagna (VE) - L'eredità - 2 classificata - Chiara Covino di Cava de' Tirreni (SA) - Born to die Elena e Chiara hanno ricevuto diplomi e pregevoli opere artistiche realizzate dai pittori Carlo Fabio Petrignani e Angelo Dottori.

10 Custodire e coltivare il creato Un ciclo di incontri organizzato dall UVISP La custodia del creato in prospettiva cristiana C onoscere la questione ambientale per agire: questo lo scopo del ciclo di conferenze sulla custodia del creato proposte presso la sede UVISP di Bastia, alla presenza di un folto pubblico. Tre appuntamenti caratterizzati dagli interventi di illustri relatori e con il dott. Giuseppe Lio nella veste di moderatore. Ecco l'articolato programma che è stato predisposto dagli organizzatori: 3 dicembre 2013 (ore 21) - La questione ambientale su scala locale a globale - Dal consumo di suolo ai cambiamenti climatici, la causa antropogenica dei problemi ambientali - relatore: ing. Stefania Proietti; 11 dicembre 2013 (ore 21) - Custodire il creato per un futuro sostenibile - Dalla riflessione teologica all'educazione ambientale con la presentazione del volume Custodire il creato. Teologia, etica e pastorale - relatori: ing. Stefania Proietti; prof. Roberto Leoni (Presidente Fondazione Sorella Natura); 18 dicembre 2013 (ore 21) - Si può fare! Dalla riflessione all'azione - Con la partecipazione dei giovani che seguono il progetto Nuovi Stili di Vita nella Diocesi di Assisi- Nocera Umbra-Gualdo Tadino - relatori: ing. Stefania Proietti, Francesco Fasulo, Roberto Tomassini. Il ciclo di conferenze è stato particolarmente apprezzato. Si è trattato di un'occasione di riflessione, conoscenza e approfondimento, ma anche di discussione e di spunti concreti di azione per costruire un futuro sostenibile a partire dalle nostre mani, alla luce del luminoso magistero di papa Francesco che, a pochi giorni dalla sua elezione, così ci esortava: "Custodiamo Cristo nella nostra vita, per custodire gli altri, per custodire il creato! La vocazione del custodire, però, non riguarda solamente noi cristiani, ha una dimensione che precede e che è semplicemente umana, riguarda tutti. E' il custodire l'intero creato, la bellezza del creato, come ci viene detto nel Libro della Genesi e come ci ha mostrato San Francesco d'assisi: è l'avere rispetto per ogni creatura di Dio e per l'ambiente in cui viviamo..siate custodi dei doni di Dio! (Omelia di San Giuseppe, 19 MARZO 2013) La crisi ambientale - come ha sottolineato Benedetto XVI nel messaggio per la Giornata mondiale della pace del si impone nel nostro presente con tutta la sua drammatica evidenza e forza, colpendo gli Lecosistemi più fragili. Ma la triste esperienza recente della Sardegna distrutta da un ciclone mostra come anche i nostri territori locali possano essere devastati dalla violenza di fenomeni meteorologici sconosciuti sinora alle nostre latitudini, con il carico di sofferenza dovuto alle tante vittime e ai danni economici incalcolabili che avranno ripercussioni sulla vita delle persone per anni ed anni. L evidenza scientifica mostra inequivocabilmente che la mano dell'uomo non è estranea a tale devastazione. Si pensi al problema dei cambiamenti climatici: sono stati raggiunti e superati i livelli record di temperatura del pianeta nel 2011 e 2012, il 9 maggio 2013 è stato raggiunto il picco massimo di concentrazione di CO2 in atmosfera, oltre 400 parti per milione in concentrazione del principale gas che provoca l effetto serra. Solo nel Pliocene erano stati raggiunti livelli di CO2 così elevati e questo si era tradotto in un aumento delle temperature terrestri di circa 3-4 gradi, con un aumento dei livelli del mare di circa 40 metri. Questo dunque lo scenario che ci aspetta se non interveniamo al più presto. Con l inquinamento dovuto al consumo di combustibili fossili e al consumo indiscriminato di risorse stiamo ricreando un clima preistorico in cui le società umane si dovranno confrontare con enormi rischi per la sopravvivenza e che solo attraverso la riduzione delle emissioni di CO2 saremo in grado di evitare queste catastrofiche conseguenze. Dal Quarto Rapporto di Valutazione di IPCC pubblicato nel 2007, uno sforzo collettivo dei migliori esperti mondiali, la cui versione aggiornata (Quinto Rapporto Quadro) è in fase di pubblicazione, emergono dati allarmanti. Nel ventesimo secolo la temperatura media del pianeta è aumentata di C, mentre l innalzamento del livello del mare, dovuto all'espansione termica degli oceani ed allo scioglimento dei ghiacci, ammonta a 17 cm. Il cambiamento climatico sta già provocando un incremento nella frequenza, intensità e durata delle alluvioni, siccità ed ondate di caldo. In Africa, a partire dal 2020, si stima che tra 75 e 250 milioni di persone saranno esposte a carenza di acqua dovuta al cambiamento climatico. Dallo stesso anno in alcuni Paesi dell Africa le produzioni dovute all agricoltura legata alle piogge diminuiranno fino al 50%.

11 per un futuro sostenibile in collaborazione con l ing. Stefania Proietti Chi è Stefania Proietti tefania Proietti è nata ad A s s i s i ( P G ) i l S05/01/1975, dove vive attualmente. Ha conseguito presso l'università di Perugia la Laurea magistrale in Ingegneria Meccanica, un Master II livello in Gestione dei Sistemi Energetici e il Dottorato di ricerca in Ingegneria Industriale. Autrice di oltre 40 pubblicazioni scientifiche ed inventrice di brevetti nel settore energetico, coordinatrice di progetti di ricerca e relatrice a convegni nazionali e internazionali, dal 2007 è professore ad incarico di Economia nel corso di laurea in Ingegneria Industriale dell'università degli Studi di Perugia. Nel 2010 è stata candidata come autore per la redazione del Quinto Rapporto di valutazione sui cambiamenti climatici redatto per le Nazioni Unite dall'ipcc. Nel 2006, 2011 e 2012 ha relazionato per l Università di Perugia sulle tecnologie per la riduzione dei gas serra alle Conferenze delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici. Dal 2012 è Peer Reviewer del Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici. Dal 2012 è stata nominata Coordinatrice delle attività di Capacity Building del progetto SHARE dall'istituto di ricerca EvK2CNR. Attualmente è Carbon Trader Specialist presso la Asian Development Bank, nella task forse che sta elaborando le regole per il nascente mercato delle emissioni di Pechino. Dal 2010 è componente del Gruppo Custodia del Creato della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) e membro della Commissione Problemi Sociali Lavoro della Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino con delega al settore ambiente. Ha coordinato l organizzazione della celebrazione nazionale della 8 Giornata Nazionale della Custodia del Creato indetta dalla CEI, svoltasi ad Assisi e Gubbio (1 settembre 2013). Ha partecipato alla 47 Settimana dei Cattolici Italiani (Torino, settembre 2013) in qualità di segretario dell'assemblea tematica Abitare la città. di Dopo Gli impatti del cambiamento climatico saranno sproporzionatamente violenti per alcune tra le più povere regioni e comunità del mondo. Cosa fare allora? Ci esorta efficacemente Benedetto XVI nella Caritas in Veritate [50] quando afferma: C è spazio per tutti su questa nostra terra: su di essa l intera famiglia umana deve trovare le risorse necessarie per vivere dignitosamente, con l'aiuto della natura stessa, dono di Dio ai suoi figli, e con l impegno del proprio lavoro e della propria inventiva. Dobbiamo però avvertire come dovere gravissimo quello di consegnare la terra alle nuove generazioni in uno stato tale che anch esse possano degnamente abitarla e ulteriormente coltivarla. Come cattolici non possiamo sottrarci da questa responsabilità oggettiva. Per contrastare i cambiamenti climatici sarà necessario limitare l incremento di temperatura globale media a 2,0-2,4 C attraverso azioni di mitigazione, limitando le concentrazioni atmosferiche di CO2 al di sotto di 450 ppm. Ciò richiederà una riduzione annuale delle emissioni globali di circa 50 miliardi di tonnellate di CO2- equivalente. I paesi in via di sviluppo avranno bisogno di un aiuto sostanziale e di sostegno da parte delle nazioni ricche, al fine di attuare i propri piani per la crescita economica a basso contenuto di carbonio, e per l'adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici che sono ormai inevitabili nei prossimi decenni. I paesi ricchi devono inoltre dimostrare che la crescita Low-Carbon è possibile investendo in nuove tecnologie, che dovrebbero essere condivise con i paesi in via di sviluppo. Così come la questione ambientale investe sia il livello globale sia il livello locale, anche le possibili soluzioni passano per quelle che possiamo fare noi, nella vita di tutti i giorni, oltre che per l'azione dei governi. Per affrontare il problema va fatta una attenta analisi, così da poter dare la diagnosi e la cura.

12 20

13 21

14 Primo piano sull AIFO (Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau) Campo Scuola AIFO nazionale a Verbania Il nostro collaboratore UVISP di Omegna, Franco Barigozzi, ha un ruolo di responsabilità come animatore di eventi e di corsi di formazione all interno dell AIFO. Lo spazio che dedichiamo, oltre ad avere un prezioso taglio culturale ed informativo, ci aiuta a riflettere sul ruolo delle nuove tecnologie a sostegno delle campagne di sensibilizzazione e di sostegno ai progetti nel Terzo Mondo Una cinquantina di persone provenienti da dieci senza eredi diretti capaci di poter donare il proprio patrimonio con regioni italiane ha animato il Campo estivo AIFO un atto notarile o in forma privata ad un associazione di (Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau) a volontariato, per un valore stimato di 105 miliardi di euro. Verbania dal 4 all 11 agosto 2013, presenti i vertici Purtroppo il grosso è incamerato dallo Stato per mancanza di lasciti nazionali: un nutrito calendario scandito da testamentari. Tutto quanto ci fa capire come l AIFO non debba relazioni di elevato spessore, da incontri con associazioni locali e trascurare queste forme di raccolta fondi, ma agire per individuare soprattutto da suggestive escursioni in un territorio incantevole potenziali donatori e sensibilizzarli alla sua causa. Il direttore qual è il Lago Maggiore. Non è il caso di relazionare sui temi di nazionale dott. Maurizio Maldini ha tracciato il volto ogni singola giornata, anche perché non ci sarebbe lo spazio dell associazione delineando con dati precisi gli elementi che sufficiente; sicuramente ci sono argomenti che vanno posti nella contraddistinguono le forze dell AIFO e le tipologie di progetti giusta attenzione per le ricadute sulla vita associativa. Merita di avviati. Credo che sia importante indugiare su questi aspetti, perché essere citata la relazione della professoressa Gianna Terzani per un si traggono dei punti fermi sull'identità, sui fini e sulle scelte tema trattato in modo brillante: la comunicazione con le varie operative dell associazione. sfaccettature legate all arte pubblicitaria. Attualmente l AIFO, costituita da una base associativa di 877 soci Essendo la responsabile dell area comunicativa a sostegno operanti in 56 gruppi, è impegnata in 70 progetti che investono 18 dell AIFO (rinnovamento sito, grafica e spot), ha insistito molto su Paesi collocati in tre continenti: Africa, Asia e America Latina. quegli aspetti di cui fare tesoro, perché l associazione deve essere Nello specifico, 43 progetti riguardano la lebbra e la sanità di base, in linea con l evoluzione delle tecniche di comunicazione e dei 21 la riabilitazione e 6 un attività di supporto per un reinserimento sistemi per la raccolta dei fondi. Ha esordito dicendo che la sociale. In sostanza si occupa principalmente della formazione di comunicazione deve essere fatta con qualità e la pubblicità deve personale sanitario per la individuazione della lebbra, della porre al centro non il prodotto, ma la persona in grado di destare prevenzione e della riabilitazione. emozioni con le sue capacità narrative. Le tecnologie digitali Ci sono anche iniziative combinate a sostegno di altri progetti qualificano in modo nuovo il tempo delle persone che, nell attesa di (tubercolosi, Aids, salute delle donne). raggiungere il posto di lavoro fanno uso di internet, si collegano al Dal momento che la povertà predispone alla malattia, molti mondo. Pertanto la rete ha delle potenzialità infinite; il web diventa progetti orientati all autosviluppo economico, si legano alla un alleato prezioso per il terzo settore, perché donare diventa prevenzione delle malattie. Gli investimenti nella riabilitazione semplice ed immediato, consentendo di sostenere con un clic non comprendono solo le persone con disabilità fisica, ma anche piccoli e grandi progetti. La trasparenza, la scelta di un progetto, la mentale: quindi la disabilità viene vista in senso lato. condivisione ed il riconoscimento per quanto offerto, sono aspetti Vi è inoltre una priorità per i gruppi vulnerabili: donne, bambini e che trovano piena collocazione nei siti dove sono illustrate le persone disabili a causa della lebbra, con il ricorso alla iniziative umanitarie da sostenere. Il denaro gira in Rete: 17 milioni riabilitazione su base comunitaria. di persone hanno acquistato su internet negli ultimi tre mesi. Nei progetti c è attenzione ai bambini: su persone seguite, Considerando che in Italia il 75% è connesso, comprendiamo come sono bambini ai quali si vuole garantire un educazione le spese on line nel 2012 siano state di 11 miliardi di euro. inclusiva. Nel mondo abbiamo un miliardo di disabili di cui si è Si sono registrati 4 milioni di donatori che hanno inviato offerte occupato con uno studio attento l OMS (Ordine Mondiale della connettendosi in maggioranza tra le 7 e le 10 del mattino, tutti i Sanità) che ha elaborato un rapporto con un largo contributo giorni. Se si pensa che un milione di progetti circolano in internet, dell AIFO.La nostra associazione è l unica portavoce italiana a questo ci fa capire che anche l AIFO si deve attrezzare per entrare stringere rapporti di collaborazione con l OMS. Un ufficio di 3 in queste nuove dinamiche. Naturalmente rimangono altre forme di persone a Ginevra segue il destino a livello mondiale di tutti i sostegno, più tradizionali, ma non sufficientemente sfruttate, come disabili. Il dottor Enrico Pupulin, in passato presidente nazionale i lasciti testamentari di cui ci ha parlato l avvocato Francesco dell AIFO, è stato per 12 anni direttore di questo ufficio. Baldacci. Questi ha affermato che bisogna far crescere la cultura Infine il relatore Franco Barigozzi ha presentato le sue del lascito (in AIFO se ne raccolgono una decina all anno). significative esperienze frutto di un rapporto continuo ed Per una campagna a favore di questo strumento ci debbono essere appassionato con gli studenti, tra cui un lavoro di economia, etica e dei soci debitamente formati, attenti alle persone e capaci di mondo missionario in collaborazione con l UVISP-Assisi. convincerle a fare una scelta testamentaria. Tra il 2004 ed il 2020, famiglie sono state identificate come possibili soggetti Franco Barigozzi 14

15 La Prof. Gianna Terzani Il Dott. Maurizio Maldini Il Prof. Franco Barigozzi CHE COS È L AIFO - È un organizzazione di cooperazione internazionale che si occupa della prevenzione e cura della lebbra, dell inserimento dei disabili nel tessuto sociale. Fondata nel 1961 a Bologna, si ispira al messaggio ed all opera di Raoul Follereau ( ), giornalista, poeta e scrittore cattolico francese che dedicò la sua vita a scuotere le coscienze delle persone svegliando la loro sensibilità nei confronti dei malati di lebbra e dei poveri. Dotato di un grande carisma con cui infiammare l animo dei giovani, mise il suo talento di grande comunicatore al servizio degli ultimi. Ma denunciò altre forme di lebbra che intaccano lo spirito come l egoismo, l indifferenza, l ingiustizia, il pregiudizio. Egli diceva che c è un solo cielo per tutti; nessuno può essere felice da solo, essere felici è far felici. CHE COS È LA LEBBRA - Considerata la malattia più antica del mondo (il reperto più remoto con segni di lebbra risale al VI secolo A.C. in Egitto due mummie) si diffuse in tutto il mondo con i commerci, le invasioni militari e le migrazioni. Si manifesta con macchie sulla pelle e mancanza di sensibilità causata dal bacillo di Hansen che distrugge i nervi periferici; espone le persone a ferite ed alla conseguente distruzione dei tessuti. Pertanto abbiamo lesioni ed amputazioni dovute ad infezioni. Il contagio avviene per via respiratoria e attraverso continue lesioni della cute. Ha un periodo di incubazione dai 5 ai 20 anni. Circa 10 milioni di persone subiscono le conseguenze fisiche e sociali della malattia. DA CHE COS È CAUSATA - Dalla miseria, sottoalimentazione e sporcizia. COME SI CURA - Dal 1982 con la polichemioterapia (un coktail di 3 farmaci) si guarisce del tutto, ma l'importante è rimuovere le cause, altrimenti la malattia si manifesta nuovamente. Dopo l inizio del trattamento la persona non è più contagiosa e quindi non è più necessario l isolamento. La cura dura da 6 mesi ad un anno. Il fatto che ci siano milioni di casi nel mondo è legato al marchio di infamia che spinge i malati a nascondersi con vergogna. DOVE È DIFFUSA - Ogni anno vengono scoperti circa nuovi casi individuati soprattutto in India, Brasile, Bangladesh, Indonesia, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico, Madagascar, Tanzania. Si tratta di una media di 700 casi al giorno; si stima che altrettanti non siano individuati e rimangano senza cura. I CASI IN ITALIA Nel nostro Paese tra il 1920 e il 1980 sono stati registrati 734 casi di lebbra (di cui 20% per contagio all'estero). Intorno agli anni '30 c'erano focolai nella Liguria di Ponente, in Puglia, in Calabria (lungo la costa ionica), in Sicilia e Sardegna. Vennero quindi istituiti 4 Centri di Riferimento per la diagnosi e la cura della lebbra: a Genova, Gioia del Colle (BA), Messina e Cagliari. Nel 1992 questi centri controllavano circa 231 casi. Dagli anni 90 al 2006 si sono ridotti i nuovi casi (in media 10 all'anno) ma con un'incidenza fino all'80% dovuta all immigrazione. CHE COSA FA L AIFO NEL MONDO - Attualmente presente nel mondo con 83 progetti, si occupa della prevenzione della lebbra e cura dei malati. Circa 5 milioni di euro all anno vengono destinati ai progetti di sviluppo e a tale scopo 110 milioni di euro sono stati investiti complessivamente dal 1961 fino ad oggi. L AIFO porta avanti progetti sanitari riconosciuti dall Organizzazione Mondiale della Sanità, occupandosi della formazione di medici, infermieri dove si avvia l'intervento. Svolge programmi di aiuto per la riabilitazione delle persone guarite dalla lebbra e per un loro reinserimento sociale. Fornisce piccoli prestiti per sostenere iniziative economiche a favore di persone in difficoltà. CHE COSA FA L'AIFO IN ITALIA - Svolge attività di educazione alla mondialità nelle scuole, iniziative per la tutela dei diritti dei disabili, attività di informazione per contribuire all affermazione di una cultura di pace e di giustizia. Celebra la Giornata Mondiale dei Malati di Lebbra l ultima domenica di gennaio. 15

16 La testimonianza di un missionario comboniano che l UVISP ha incontrato e aiutato: Padre Vittorio Farronato autore, oltre a descrivere la realtà ed i bisogni della sua altri membri della Rete associativa per condividere progetti a suo L missione, rivolge un ringraziamento per gli aiuti ricevuti ed sostegno. Ne vennero definiti tre: uno sulla scuola (pagamento un appello perché la scuola continui ad essere una luce di degli stipendi a 42 docenti, già realizzato e concluso) uno speranza. Vogliamo ricordare questo coraggioso missionario, sull agricoltura e l ultimo sulla costruzione di mattoni. perchè nell aprile del 2011 venne a trovarci a Bastia Umbra nella Nelle immagini che seguono documentiamo anche il momento sede dell UVISP dove la sera incontrò molti amici e simpatizzanti delineando loro la situazione dell Africa. Si trattenne con noi ed dell incontro che ci ritrae nei momenti di progettazione. jjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjjj(f.b.) La Comunità Comboniana di Bondo (Repubblica Democratica del Congo) ha accolto per alcuni giorni don Dante responsabile del CUAMM di Padova, don Davide della Caritas di Treviso, e il dott. Mario dell Ospedale di Treviso. Sono venuti a vedere se è viabile un impegno CUAMM per il nuovo piccolo ospedale diocesano di Bondo. Don Dante mi diceva: Siamo presenti in più Paesi dell Africa, dall Angola all Uganda, dalla Sierra Leone al Sud Sudan. Ma non ho mai visto un luogo così abbandonato dallo Stato, così sprovvisto di strutture e amministrazione, come questo territorio. Siamo abituati a situazioni difficili, ma non abbiamo mai visto situazioni così estreme e drammatiche. Don Dante parlava della Sanità, dove il paziente deve pagare per entrare in ospedale, deve pagare ogni aspirina e garza, è totalmente solo a pagare un intervento chirurgico: il 90% dei malati non viene a farsi curare, donne e bambini vivono le loro difficoltà restando nella capanna, e questo spiega l alta mortalità di donne e bambini. Gli Organismi come Medici Senza Frontiere spendono somme enormi per una epidemia di morbillo che tocca certo alcune centinaia di bambini sul territorio, e qualche decina è raggiunta da loro: ma il grosso del dramma sanitario non è neppure visto, quasi che la situazione riguardo al resto fosse normale. Ma noi ora parliamo della Scuola. Cosa abbiamo potuto realizzare, grazie al consistente aiuto da voi prestato? Inizio da una esperienza, quasi fosse una parabola. Quando ero ragazzo, vedevo nella Valsugana coltivazioni di mele. La primavera risveglia le gemme, il sole convince gli alberi a vestirsi di fiori, la valle è un incanto, i contadini ci sperano. Per precauzione, hanno preparato mucchi di rami tratti dal bosco o dalla predente potatura: se una notte arriva una gelata tardiva che brucia le gemme, i gruppi di sorveglianza danno fuoco alle cataste e quel fuoco alza di poco la temperatura della valle, così le coltivazioni di mele sono salve. Il vostro aiuto ha permesso alle scuole di Bambilo di vivere e continuare. In questi anni abbiamo vissuto con fatica il nostro impegno per la Scuola ma il risultato è visibile. Ne parleremo ora insieme. Ma siamo come il contadino che si domanda: se nella prossima gelata mi manca il sussidio, ce la farò? Primo dato positivo: gli scolari delle elementari (6 anni) di Bambilo sono passati da 320 a 380. In sesta hanno terminato in 22 dei quali 17 sono stati promossi agli esami di Stato. Di tutte le scuole del territorio di Bambilo, gli scolari che sono arrivati in sesta elementare sono passati da 82 a 120. In diverse scuole disperse lontano, il numero dei bambini scolarizzati sta aumentando, segno di una maggiore fiducia verso la scuola come strada che apre sul futuro. Secondo dato positivo: sono aumentati gli insegnanti preparati da noi con le scuole serali di recupero, aperte per chi aveva abbandonato gli studi negli anni passati per le troppe difficoltà. Anche quest'anno sono nove giovani, sei per il ciclo corto (D 4) e tre per il ciclo lungo (D 6). 16

17 Da aggiungere: quattro sono i maestri muratori usciti dalla nostra scuola tecnica di Bambilo. In questi anni sono aumentati gli insegnanti diplomati ma pochi di loro hanno ottenuto il salario: le pressioni fatte e i tanti passi compiuti presso le Autorità dello Stato portano qualche frutto: almeno sulla carta sono ufficialmente dichiarati abilitati al salario, di fatto sono pochi quelli che lo ricevono. Le promesse sono tante ma servono per tener buoni gli insegnanti. In un incontro informale di fine anno scolastico ci siamo domandati quali sono le previsioni per l anno che è ripreso a settembre Prima constatazione: siamo stati imbrogliati dalle promesse di salario, e poi il salario dello Stato non è arrivato: umiliazione e stanchezza hanno reso triste il volto di tanti insegnanti. Le scuole secondarie di Bambilo (tecnica - muratura, 4 anni) e di Roa (umanista, 6 anni) registrano un aumento dei giovani che entrano, ma sono estremamente fragili se lo Stato, dopo le promesse ratificate da documento scolastico, non pagherà i professori. Solo Bambilo ha registrato un miglioramento dei risultati scolastici, anche perché abbiamo costruito 7 aule nuove in tre anni, e riparato le due vecchie aule del tempo coloniale (le uniche esistenti per molti anni). Ma solo in prima elementare ci sono i banchi, e mancano tre nuove aule per dare risposta dignitosa al numero dei bambini. Abbiamo fatto le fondazioni per tre nuove aule scolastiche a Roa, ma la maggioranza delle aule resta in paglia e fango, le termiti mangiano il tetto per colazione e i temporali fanno il resto; ogni anno c è da ricominciare. Agli esami statali, solo la sesta elementare di Bambilo ha avuto un buon risultato (merito di un nuovo insegnante giovane venuto da lontano a darci una mano) ma il resto è stato una umiliazione. Troppe carenze (aule, libri, quaderni, lavagne, banchi, maestri scoraggiati) spiegano come i nodi vengano al pettine. Piccola curiosità: con l aiuto dei maestri, i bambini di Bambilo hanno estratto il caolino presso una sorgente, resta cuocerlo con olio di palma e aggiungere sale, poi imbiancare le aule di Bambilo, poi disegnare le carte geografiche, l anatomia, un pò di biologia e zoologia, insomma quei disegni che il libro del maestro contiene ma i bambini sono senza libri. Disegnatore sarà Jean Mabù, un povero di Jahvè che vive solo in una capanna a 50 km dalla missione, un pò povero Lazzaro e un pò bravo artista. Speriamo. Solo il 15 % dei bambini che entrano a scuola arrivano a finire il ciclo elementare. Caso limite: alla scuola del villaggio di Diaswe c erano 120 bambini iscritti in prima (una sola aula, un solo maestro non pagato), e 6 in sesta, dei quali 3 sono stati promossi. Il miglioramento non è vistoso. Avevamo il 60 % dei giovani del nostro territorio che hanno abbandonato i nostri villaggi del Congo inutile. Molti di loro sono andati lontano in foresta a cercare oro. Adesso questo esodo giovanile è rallentato, ci sono più giovani che accettano la sfida di Salvare Bambilo con Bambilo. Soprattutto stimolati dalla scuola per muratori, perché sono i nostri ragazzi che costruiscono le scuole, fanno i ponti in pietra ad arco romano, e ora stanno costruendo la sala parrocchiale che sarà un centro polivalente di incontri e formazione. Tutto funziona adagio e con fatica, ma Bambilo cresce, vuole crescere. Un esempio: il cemento arrivato due settimane fa, portato in bicicletta, veniva dal porto di Bumba sul fiume Congo, trasportato attraverso infami piste di foresta nella stagione delle piogge: un giovane da solo ha trasportato 4 sacchi da 50 kg sulla bicicletta cinese (spesso spinta a mano) percorrendo oltre 400 km. (di solito portano 3 sacchi, se vi pare poco). Poi il vecchio Fiat della missione, rattoppato e risuscitato tante volte, ha fatto il trasporto da Bondo a Bambilo. Davvero, non conosciamo il futuro e sappiamo che voi intendete concludere il ciclo dell'aiuto. Avete ragione, noi possiamo solo dire GRAZIE per il tanto che avete inviato. Vi scrivo da Kisangani dove sono venuto a fare dei controlli sanitari (tutto bene, grazie a Dio). Tornare a Bambilo sarà un altra avventura che richiederà più giorni. A Bambilo non esiste internet e telefono, proverò da qui Kisangani mandarvi delle foto. La tecnologia dei bianchi non è il mio forte, ma ne avete diritto e proverò, corrente elettrica permettendo. Attualmente a Bambilo siamo col nuovo confratello P. Voitek, comboniano polacco, giovane e generoso. Lui quando si dice strada pensa a una strada, quando si dice scuola pensa a una scuola. Vedendo la situazione (generale e) scolastica sbotta: Questa non è una scuola, è una merda. Rispondo: Vedi, il nostro Maestro dice di non spegnere il focherello che ancora fuma, e non tagliare la canna incrinata. Ma l ho detto sottovoce, perché so che ha quasi ragione. Io se penso alla scuola e ai nostri bambini non dormo di notte. Ho detto al Vescovo di Bondo (mons. Ung eyowun): Se vuoi che un missionario muoia, dagli l'incarico della scuola (ma queste parole non sono da riportare agli amici che ci aiutano, è solo uno sfogo che li renderebbe tristi. Da perdonare e lasciare). Comboni diceva che siamo pietre di fondazione che entrano in palude e sembrano perse, ma stiamo mettendo basi su cui domani si alzerà l edificio di una vita degna. Agli insegnanti ho detto: Avete ragione. Ma anche se la notte è lunga, il sole sorgerà. Forse sono le quattro del mattino: non è il momento di mollare. Dai che ce la facciamo. Ho provato a descrivere qualcosa che assomigli a un rapporto, ma soprattutto desidero, desideriamo dirvi il nostro GRAZIE per questi anni, nei quali... le gemme dei meli della Valsugana non sono stati bruciati dalle gelate, e molti hanno potuto gustare i frutti della vostra generosità. Con simpatia e gratitudine, P. Vittorio Farronato 17

18 Francesco ha incontrato Francesco Il 4 ottobre 2013 Papa Bergoglio è venuto ad Assisi per onorare il Cuore del culto cristiano, ove dormono le spoglie di uno dei pochissimi Uomini che, dopo Gesù, ha davvero cambiato il corso della storia La visita di Papa Francesco ad Assisi in occasione della ricorrenza della festività di San Francesco, il Santo di cui egli segue le orme e di cui, da Pontefice, ha voluto prender il nome, è nel ricordo di quanti hanno assistito Lall evento, scorgendovi un occasione per il risveglio della fede. La società è purtroppo inquinata dalla cultura dello scarto, che è opposta alla cultura dell'accoglienza. Le vittime di questa cultura sono le persone più fragili ha detto Papa Bergoglio, in risposta al saluto della Presidente della Regione Umbria Marini. Non abbiate paura di andare incontro a queste persone... Ma si può andare alle periferie solo se si porta la Parola di Dio nel cuore continua il Papa. Parola di Dio e carità verso il prossimo, soprattutto il più debole: il messaggio del Vangelo, filo conduttore della sua visita pastorale. La lunga giornata assisana del Papa è stata scandita da visite programmate, spesso accompagnate da gesti estemporanei come nel suo stile. Ogni tappa segnata da incontri significativi, diversi per modalità e tipologia: una testimonianza simbolica, aperta non solo alle comunità locali, ma anche all intera comunità ecclesiale. Dal toccante abbraccio con ciascuno dei ragazzi disabili dell Istituto Serafico - primo incontro - alla sosta nella Sala della Spoliazione in Vescovado, dove Francesco circa 800 anni or sono abbandonò i suoi abiti iniziando il cammino radicale di fede (un invito alla Chiesa e ad ogni cristiano a spogliarsi dello spirito del mondo, la mondanità e ad uscire verso tutti ha detto Papa Francesco incontrando anche i poveri assistiti dalla Caritas), alla Messa da lui celebrata all aperto nella piazza adiacente alla basilica inferiore di S. Francesco (in cui, nell omelia, ha illustrato il fondamento del suo magistero sociale); al pranzo condiviso con i poveri alla mensa della Caritas. Dalla successiva visita all Eremo delle Carceri - raggiunto con un utilitaria - alla tappa alla Cattedrale di S. Rufino (dove, incontrando le varie realtà della Chiesa diocesana, ha definito i compiti pastorali dei presbiteri: camminare con il popolo, a volte davanti, a volte in mezzo, a volte dietro ) ed a quella alla basilica di Santa Chiara, per l incontro con le monache di clausura (che ha esortato ad avere una grande umanità. Perdonate, sopportatevi. Il monastero non sia un purgatorio, sia una famiglia ) sino alla tappa alla basilica di Santa Maria degli Angeli, nella quale il Papa ha sostato in 18

19 preghiera presso la Porziuncola, prima del festoso incontro nella prima ricordato al Serafico) sia alle piaghe che vanno ascoltate, la piazza antistante, con giovani e famiglie - categoria di persone verso sofferenza dei ragazzi disabili che aveva appena accarezzato nella cui egli, come uomo e come pastore, mostra una particolare sensibilità citata visita al Serafico. L essenza del magistero sociale dell'omelia va - esortandoli a non esser schiavi della cultura del provvisorio che colta nella testimonianza di Francesco, che ancora una volta Bergoglio impedisce di fare passi definitivi come quello del matrimonio e, ci propone: In tutta la vita di S. Francesco l amore per i poveri e nell'occasione, intrattenendoli con arguti consigli utili nella l imitazione di Cristo sono due elementi uniti in modo inscindibile, le quotidianità: il suggerimento alle madri preoccupate perché i propri due facce di una stessa medaglia. Qual è la pace che Francesco ha figli trentenni non si sposano, di non stirare più loro le camicie, accolto e vissuto e ci trasmette? Quella di Cristo, passata attraverso nell'intento di spingerli a prender il volo verso un assunzione di l amore più grande, quello della Croce. La pace francescana non è un responsabilità cosciente del proprio futuro; oppure, nell'intento di sentimento sdolcinato, neppure una specie di armonia panteistica con raccomandare agli sposi a non mettere in crisi il matrimonio, il le energie del cosmo, ma è quella di Cristo. In varie occasioni la conceder loro la possibilità di sbattere i piatti per terra nel litigare per Chiesa ha trattato il tema della pace, in particolare questo Papa che, nel divergenze d'opinione, purché tutto si ricomponga alla fine della suo ancor breve pontificato, si era così già espresso: È un bene che giornata in un abbraccio di pace. La pace: uno dei temi toccati, nel suo supera ogni barriera, perché è un bene di tutta l umanità. Non quello pellegrinaggio assisano, dal Papa che ne ha parlato durante l omelia scontato sentimento di pacifismo da bandiere multicolori nato per della Messa, unico evento del 4 Ottobre 2013 cui ho partecipato e che quieto vivere e paura del peggio da una convivenza tra popoli che si posso descrivere. In una mattina graziata dalla pioggia sotto un cielo ignorano nelle reciproche esigenze e difficoltà. Non quel naturismo costantemente minaccioso, in un atmosfera partecipe della fede dei superficiale ad oltranza, divinizzato, pronto ad esaltare ogni minimo singoli e dell ufficialità dell evento testimoniata dalla presenza delle fenomeno naturale, anteponendolo talvolta come priorità alla più alte cariche istituzionali di governo e regione, a me e ad altri salvaguardia ed alla sicurezza di un essere umano. Ma quella ponderata presenti è parso che il Papa durante la celebrazione avesse custodia del creato che nasce dal sentimento dell'amore totale di Cristo un'espressione intristita, che non possiamo non associare sia al dolore che S. Francesco riesce a trasmettere. Un monito a non sicuramente suscitato nel suo cuore dalla notizia dell immane tragedia strumentalizzare la vera pace con le mode effimere del momento, ed avvenuta il giorno prima nel mare di Lampedusa (la morte di 366 insieme una speranza che trascende limiti e dolori del mondo. migranti, compresi minori, annegati nel percorso di ricerca di un esistenza migliore: Oggi è un giorno di pianto egli aveva poco Giuseppe Lio I luoghi visitati da Papa Bergoglio Basilica di Santa Chiara Assisi stituto Serafico - Non un luogo di sofferenza, ma di Grazia. IChiesa di San Damiano - Dove F r a n c e s c o v i s s e u n a f o r t e esperienza interiore nei primi tempi della sua conversione. Chiesa di S. Maria Maggiore - Dove Francesco rinunciò all'eredità paterna restituendo anche abiti che indossava. Tomba di San Francesco - Dal 1230 custodisce le sue spoglie traslate nella nuova basilica voluta da Gregorio IX. Eremo delle Carceri - Dove la tradizione vuole si recasse Francesco per colloquiare con Dio. Duomo di San Rufino - Dove F r a n c e s c o v i s s e u n a f o r t e esperienza interiore nei primi tempi della sua conversione. Basilica di S. Chiara - Dove F r a n c e s c o f u s e p o l t o provvisoriamente nel Porziuncola, S. Maria degli Angeli - Francesco amò quella piccola chiesa preferendola a tutte le altre Tugurio, Santuario di Rivotorto - Prima dimora di Francesco, dove a fatica si poteva stare seduti o stesi per terra. 19 Eremo delle Carceri Assisi

20 Le piaghe che vanno ascoltate... L emozionante incontro di Papa Francesco con i ragazzi dell'istituto Serafico di Assisi. Nostra intervista alla presidente avv. Francesca Di Maolo Vivere la carità verso il prossimo non per una sorta di dovere sociale, ma partendo dall amore di Dio. Carità che insegna ad andare incontro ad ogni persona, non per profitto ma per amore. L essenza del magistero sociale espresso dalle parole di Papa Francesco - da lui vissuta in prima persona con stile non formale e gesti fuori dagli schemi, e trasmessa a tutti - ha trovato conferma il 4 ottobre 2013, in occasione della sua visita pastorale ad Assisi, nel suo incontro con gli ospiti dell'istituto Serafico, ragazzi pluriminorati che il Papa stesso ha voluto abbracciare, uno per uno, iniziando da loro la sua lunga giornata assisana. Di questi ragazzi parliamo, dell'amore profuso da chi li circonda considerandoli una risorsa e non un problema, nell'istituto che li accoglie, il Serafico: uno dei più apprezzati centri italiani per la riabilitazione, l educazione e l inserimento sociale di bambini, ragazzi, giovani con gravi disabilità fisiche e mentali, ai quali sono offerti, con professionalità ed amore, programmi educativo- riabilitativi personalizzati. Così viene descritto il Serafico odierno da mons. Peri nella sua monografia sul Beato padre Ludovico da Casoria, dinamico frate francescano definito dai contemporanei ciclone di carità, fondatore nel 1871 del convitto dallo stesso voluto in Assisi - la città del Santo apostolo della carità - per accoglienza e riscatto sociale di sordomuti e ciechi (inizialmente 3 sordomuti e 2 ciechi); per decenni, ragazzi che altrimenti avrebbero conosciuto dolorosa emarginazione, sono stati educati ed inseriti nel contesto sociale, molti sordomuti divennero bravi artigiani, molti ciechi apprezzati organisti. Superate nel corso di questi 142 anni traversie di vario genere (eventi bellici, scarsa attenzione sociale, crisi economiche, incomprensioni interne ed esterne), cresciuto nel tempo grazie al supporto di tanti benefattori ed al decisivo apporto innovatore offerto da padre Giovanni Principe - un illuminato successore di padre Ludovico - il Serafico, come già detto, rappresenta un modello di riferimento nel campo della solidarietà, in un'ottica di aggiornamento continuo rivolta a garantire un impegno sempre più adeguato alle esigenze dei tempi. Del passato, del presente, delle prospettive future del Serafico abbiamo parlato con la presidente attuale, la giovane e cordiale avv. Francesca Di Maolo, che ha esposto un quadro aggiornato: programmi in atto, in fieri e progetti in itinere. Ma soprattutto dalle sue parole emerge un valore aggiunto: l'entusiasmo per la realtà ed il contesto in cui svolge le proprie mansioni, da lei vissute non soltanto come un lavoro di responsabilità, ma come un compito più alto, che permea, sublima e dà un senso ad un impegno quotidiano condiviso, il suo e quello di molte persone, i collaboratori. Una missione, che arriva al cuore dell'esperienza umana. Afferma la presidente: Chi lavora qui non lo fa come gesto di mera umanità, ma sa di incontrare Cristo. Alla radice, l amore per i più deboli, in sintonia ideale con S. Francesco, con il fondatore Ludovico da Casoria, con Padre Principe, con Papa Francesco, il quale ci ha consentito di riscoprire il carisma del fondatore: non solo assistere i ragazzi nelle disabilità, ma aiutarli a vivere. Quella che segue è l'intervista con Francesca Di Maolo. Le piaghe che vanno ascoltate : il messaggio di condivisione insito nelle parole di Papa Francesco ci introduce alla visita al Serafico durante la sua giornata ad Assisi il 4 ottobre Vuol parlarne? - È stata una giornata eccezionale. Invitando il Papa (Francesca gli aveva scritto a giugno) non immaginavo che quella presso di noi sarebbe stata la prima tappa del suo pellegrinaggio ad Assisi: un significato simbolico, poiché S. Francesco inizia il suo percorso di fede abbracciando il lebbroso. La mia commozione è stata simile a quella del Papa che ripeteva: Io sono commosso nello stringere a sé ogni ragazzo; per ogni abbraccio era come se si fosse fermato il tempo. Oggi il tempo è tutto loro ha detto il Papa, che ha voluto sentir cantare una bambina; al ragazzino che gli chiedeva di pregare per lui, ha risposto: Prega tu per me ; ad un ragazzino cieco con tenerezza ha detto: Tu vedi già con gli occhi del cuore. Un ragazzo, stringendogli la croce che porta sul petto, non voleva lasciarla. Papa Francesco, come sei bello diceva. Ad una madre che lo ringraziava, ha risposto: Sono io che la ringrazio.. Io oggi ho ricevuto il bacio di Dio. Mi son sentita di dire che abbiamo il privilegio di vivere tra le piaghe di Gesù. Quando Cristo è risorto, era bellissimo ma ha voluto lasciare i segni della Croce, le piaghe, attraverso cui gli Apostoli lo hanno riconosciuto dice il Papa. 20

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013

Animazione alla testimonianza. comunitaria della Carità CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 CORSO DI FORMAZONE DI BASE PER OPERATORI CARITAS 2012-2013 Animazione alla testimonianza comunitaria della Carità Mimmo Iannascoli Resp. Formazione Caritas Diocesi di Caserta Cosa: ciò di cui andremo ad

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ

PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ CARITAS DIOCESANA RIMINI PROGETTI INTERNAZIONALI PER COSTRUIRE SOLIDARIETÀ Ogni progetto deve diventare un percorso di solidarietà. La realizzazione dei progetti è una strada lungo la quale promuovere

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

INCONTRO DI FORMAZIONE NUOVI DIRETTORI DIOCESANI DELLA PASTORALE MISSIONARIA (Centri Missionari Diocesani e Pontificie Opere Missionarie) Roma, 16 18 18 giugno 2009 Dal Vangelo secondo Matteo (28,19-20)

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016

Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016 Centro Familiare CASA della TENEREZZA PROGRAMMA 2015/2016 Il Centro Familiare Casa della Tenerezza e il Giubileo della Misericordia Tematiche del Programma generale 2015-16 (titoli provvisori) Come desidero

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

C è posto per tutti..

C è posto per tutti.. C è posto per tutti.. DALLA CONSAPEVOLEZZA delle disparità e ingiustizie economiche, sociali, culturali, politiche, ecc. generate dal nord del mondo ALLA RESPONSABILITA di un agire in solidarietà con in

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHIESA E CRISI ECONOMICA: PRESTITO DELLA SPERANZA GIAMPIETRO FASANI ECONOMO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA PRESTITO DELLA SPERANZA Il Prestito della Speranza è una iniziativa della Chiesa Cattolica

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Tutti possiamo diventare santi

Tutti possiamo diventare santi ENTIC NQUE IMO 1986 2011 Tutti possiamo diventare santi di Lisetta Fanigliulo, Volontaria VIS Da quando ho conosciuto Don Bosco e mi sono innamorata del suo carisma, del suo progetto, ho preso l impegno

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

(1822) (1843) (1889) (1916)

(1822) (1843) (1889) (1916) Una chiamata per tutti La consapevolezza che il Vangelo è un dono da condividere con il mondo intero e che la missione riguarda tutti, nessuno escluso, è all origine delle Pontificie Opere Missionarie

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco Carissimi amici, Hogar San Francisco sarà da oggi uno strumento per sentirci uniti, un semplice foglio informativo della nostra missione in Venezuela. Perché questo nome? Sostanzialmente perché, con i

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO

SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO SETTIMANA MISSIONARIA CAROVANA PER KOROGOCHO PREMESSA L Associazione M.G.S. SER.MI.G.O. (Iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato con Decreto n. 22 del 28/02/2007) ha lo scopo

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA

Una casa di accoglienza. per le studentesse. di Koupéla AFRICA Una casa di accoglienza per le studentesse di Koupéla AFRICA 1 2 Il PUNTO DI PARTENZA Ha il nome di un fiore, di quelli colorati e profumati che adornano i nostri giardini, la ragazza di 16 anni che bussa

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

Proposte 2016 Il coraggio della misericordia

Proposte 2016 Il coraggio della misericordia Proposte 2016 Il coraggio della misericordia 1 Durante l estate 2015, a Taizé, abbiamo cercato in che modo impegnarci in nuove solidarietà che sono urgenti oggi. In tutto il mondo, nuove difficoltà legate

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015

Progetto Casa Pangea Calcutta. Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Progetto Casa Pangea Calcutta Report semestrale Gennaio-Giugno 2015 Sommario 3 Introduzione 5 Programma di supporto e riabilitazione fisico-mentale 5 Supporto medico 5 Accesso alle agevolazioni statali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile

Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Tecnologia Solidale per la Dignità della Persona Disabile Nell ambito della visita pastorale del Pontificio Consiglio per la Salute della Santa Sede alle persone con disabilità della comunità veronese,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

INTRODUZIONE I. CRITERI E PROMOZIONE VOCAZIONALE

INTRODUZIONE I. CRITERI E PROMOZIONE VOCAZIONALE INTRODUZIONE In una visione di Chiesa come comunione, il carisma di san Daniele Comboni è un dono dello Spirito alle Chiese particolari dove sorgono laici missionari comboniani (LMC). Il movimento laicale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

Quaresima di fraternità Pasqua 2014

Quaresima di fraternità Pasqua 2014 Diocesi di Chiavari Caritas Diocesana Quaresima di fraternità Pasqua 2014 Guardare alla vita con la gioia del Risorto E restituiamo al Signore Dio altissimo e sommo tutti beni e riconosciamo che tutti

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli