LINATE FLASH. City Airport M A D O N N A D I L O R E T O P R E G A P E R T U T T I N O I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINATE FLASH. City Airport M A D O N N A D I L O R E T O P R E G A P E R T U T T I N O I"

Transcript

1 LINATE FLASH City Airport 70 COMMENTI E FATTI DI VITA AEROPORTUALE Direzione e Redazione: Cappellanìa Aeroporto 'E. Forlanini' Milano-Linate Tel. 02 / Fax 02/ Internet-Sito: http: // www. uli. it / aerocappellalinate uli. it. Conto Corrente Postale: Direttore Responsabile: Don Giovanni Tremolada Autorizzazione Trib. di Milano n. 220 del 4 Aprile 1992 Spedizione in abb. post. - Art. 2 - Comma 20/c Legge 662/96 - Filiale di Varese Stampa: 'Grafica P. Luigi Monti', srl - Saronno (VA) n Novembre 2003 M A D O N N A D I L O R E T O P R E G A P E R T U T T I N O I Perchè la Madonna di Loreto è la Patrona degli aviatori? Perchè, secondo una pia tradizione, la casetta di Nazaret è stata trasportata in volo dagli angeli a Loreto nel 1492, per cui il Papa Benedetto XV, nel 1920 ha proclamato la Madonna di Loreto Patrona di coloro che volano e che operano per il volo. (copertina: il celebre Santuario di Loreto e la tipica Madonna nera, avvolta nel tradizionale manto, festeggiata dalle Frecce Tricolori, nel giorno della festa, che si celebra ogni anno il 10 dicembre). 1

2 'Rosarium Virginis Mariae' Giovanni Paolo II Il volto della Madonna Addolorata, copia in cotto, dello scultore Francesco Messina, posto sul balcone di casa del Cappellano, davanti al quale ogni sera recita il S. Rosario per i bisogni della Comunità aeroportuale. Concludiamo la presentazione della Lettera Apostolica di Giovanni Paolo II, intitolata 'Rosarium Virginis Mariae', pubblicata il 26 ottobre 2002, con la quale ha indetto l'anno del Rosario, con d ecorrenza dall'ottobre 2002 all'ottobre Dopo aver presentato nel n. 67 di Linate Flash l'introduzione e la Conclusione della Lettera Apostolica, nel n. 68 il 1 cap., nel n. 69 il 2 cap., ora presentiamo il 3 e ultimo cap., dal titolo :'Per me vivere è Cristo'. Il Rosario via di assimilazione a Cristo (n. 26) Una delle critiche rivolte al S. Rosario è che è una preghiera ripetitiva e quindi arida e noiosa. Bisogna invece considerarlo nella logica dell'amore, che non si stanca mai di esprimere con le stesse parole gli stessi sentimenti. Un esempio evangelico si trova nel dialogo di Gesù con Pietro, al quale per ben tre volte rivolge la stessa domanda e ottiene sempre la medesima risposta. Naturalmente nella recita delle Ave Maria, l'atto di amore è rivolto, attraverso Maria, a Gesù, il quale ci assimila gradualmente a Lui. Il metodo ( n.n ) Per pregare bene il Rosario occorre un metodo. Questo avviene anche nella Liturgia, dove i Sacramenti e i sacramentali sono strutturati con una serie di riti che chiamano in causa le diverse dimensioni della persona. Anche la preghiera orientale rispetta delle norme precise. Così il Rosario non è fine a sè stesso, ma è un metodo per contemplare, come del resto la corona non è un amuleto o un oggetto magico, ma semplicemente un mezzo per favorire la preghiera. Il Papa dà quindi alcuni suggerimenti per pregare bene il S. Rosario L'enunciazione del mistero (n. 29) La prima regola è l'enunciazione del mistero, accompagnata da una icona, cioè da un quadro da contemplare, che richiami l'attenzione sul fatto evangelico. Da quel fatto si può spaziare poi su tutto il vangelo. L'ascolto della Parola di Dio (n. 30) L'enunciazione del mistero deve essere seguita dalla proclamazione di un passo biblico corrispondente. La Parola di Dio non è come la parola umana e va ascoltata con la certezza che è Parola di Dio, pronunciata per l'oggi e 'per me'. Enunciando il mistero, non si tratta di riportare alla memoria un'informzione, ma di lasciar 'parlare' Dio. Il silenzio (n. 31) E' la norma che viene maggiormente disattesa per via della fretta, ma è indispensabile. L'ascolto e la meditazione si nutrono di silenzio. Dopo l'enunciazione del mistero e la proclamazione della Parola, alla stregua della Liturgia, è opportuno che ci sia una breve pausa prima di iniziare la preghiera vocale. Il 'Padre nostro' (n. 32) Gesù in ciascuno dei suoi misteri ci porta sempre al Padre, in rapporto al quale ci rende figli e fratelli. Il richiamo del Padre nostro fa sì che la preghiera del Rosario diventi anche preghiera e esperienza ecclesiale. 2 Le dieci 'Ave Maria' (n. 33) Le dieci Ave Maria, ripetute sistematicamente, fanno del Rosario una preghiera essenzialmente mariana, ma nello stesso tempo una preghiera essenzialmente cristologica, perchè è proprio nell'ave Maria che si esprime il mistero dell'incarnazione. Il baricentro dell'ave Maria, quasi cerniera tra la prima e la econda parte, è il nome di Gesù. E' lodevole l'uso, diceva già Paolo VI, di aggiungere alla parola Gesù di ogni Ave Maria, la menzione del mistero. Es. '...e benedetto il frutto del seno tuo Gesù: che muore in croce, o che risorge da morte, ecc.' L'ave Maria diventa così una professione di fede e nello stesso tempo si giustifica la supplica della seconda parte dell'ave Maria, rivolta alla Madonna in quanto Madre di Dio. Il 'Gloria' (n. 34) Il Gloria è il culmine della contemplazione Da Maria a Cristo, da Cristo al Padre, dal Padre alla SS. Trinità. Qualche volta, per dare maggior risalto al Mistero Trinitario, il Gloria potrebbe essere cantato. La giaculatoria finale (n. 35) Dopo il Gloria si è soliti recitare una giaculatoria, che può variare da luogo a luogo, ma che dovrebbe essere una preghiera volta ad ottenere i frutti specifici della meditazione di quel mistero. La 'corona' (36) La corona serve per il conteggio delle Ave Maria, ma ha anche alcuni significati simbolici. E' anzitutto orientata verso la Croce, cioè a Cristo. Indica il cammino della contemplazione e della perfezione cristiana ed esprime anche la comunione che ci lega a Cristo e fra di noi. Avvio e chiusa (37) Il Rosario può essere introdotto in diversi modi, con il versetto del Salmo 69 o con il Credo, che richiama la finalità principale del Rosario. Si conclude con la preghiera per il Papa, che richiama il senso ecclesiale e con la Salve Regina o con le Litanie, per esaltare Maria, nostra Madre. La distribuzione nel tempo (38) La distribuzione nella settimana dei 20 misteri potrebbe ssere questa: lunedì e sabato: misteri gaudiosi. Giovedì: misteri luminosi. Martedì e venerdì: misteri dolorosi. Mercoledì e domenica: misteri gloriosi.

3 'Ecclesia: de Eucharistia' Giovanni Paolo II Il Tabernacolo della Cappella di Linate, davanti al quale molti aeroportuali, lavoratori e passeggeri, sostano quotidianamente in preghiera, mostrando il loro stupore e la loro gioia di trovare Gesù anche in un aeroporto. Il 17 aprile 2003, Giovedì Santo, durante la Messa in Coena Domini, Giovanni Paolo II ha firmato la sua 14a Lettera Enciclica, sul tema dell'eucaristia. La Lettera è rivolta principalmente ai sacerdoti, ma anche a tutta la Chiesa, perchè l'e. costituisce il 'cuore' della Chiesa e il 'mistero della fede' per eccellenza. Essa è composta da una introduzione, da sei capitoletti e da una conclusione. Dopo aver presentato i primi due capitoli, ora presentiamo il terzo e il quarto. Cap. 3 : L'apostolicità dell'eucaristia e della Chiesa (26-33) Cap. 4 : l'eucaristia e la Comunione ecclesiale (n ) Vale per l'eucaristia quello che il Credo afferma per la Chiesa: essa è 'una, santa, cattolica e apostolica'. La Chiesa è apostolica perchè è stata e rimane costruita sul 'fondamento degli apostoli', testimoni scelti e mandati in missione da Cristo stesso. Così a fondamento dell'eucaristia ci sono gli stessi apostoli ai quali Gesù ha affidato il Sacramento, tramandato da loro e dai loro successori fino a noi (26-28). Il Concilio Vaticano II insegna che 'solo il Sacerdote ministeriale compie il Sacrificio eucaristico 'in persona Christi'. L'assemblea necessita assolutamente di un sacerdote ordinato che la presieda, per essere una vera assemblea eucaristica. La comunità non è però in grado di darsi da sola il ministro ordinato. Questi è un dono che essa riceve attraverso la successione apostolica (29). Un problema particolare riguarda il rapporto tra Chiesa ed Eucaristia nell'ambito ecumenico. Per evitare confusioni e per amore di verità i fedeli cattolici dovranno astenersi dal partecipare alla comunione distribuita nelle Comunità non pienamente unite alla Chiesa Cattolica. Similmente non si può pensare di sostituire la Santa Messa domenicale con celebrazioni ecumeniche della Parola o con incontri di preghiera in comune con cristiani appartenenti alle suddette Comunità ecclesiali, oppure con la partecipazione al loro servizio liturgico. Tali celebrazioni e incontri, in se stessi lodevoli in circostanze opportune, non possono sostituire la S. Messa (30). Se l'eucaristia è centro e vertice della vita della Chiesa, parimenti lo è del ministero sacerdotale. Il Sacrificio Eucaristico è il centro e la radice di tutta la vita del presbitero. L'Eucaristia quotidiana, anche quando è celebrata senza la partecipazione dei fedeli, è sempre un atto di Cristo e della Chiesa. Dal Sacrificio eucaristico il sacerdote trarrà l'energia per vincere il pericolo della dispersione e per affrontare i diversi compiti pastorali. L'importanza e la centralità del sacerdote fanno capire anche l'importanza e la centralità della pastorale delle Vocazioni sacerdotali (31). Quando per la scarsità dei sacerdoti, i laici vengono deputati a reggere una parrocchia, lo fanno lodevolmente in forza del sacerdozio comune, ma sappiano che non è possibile che si formi una Comunità cristiana, se non avendo come radice e come cardine la celebrazione della sacra Eucaristia (32-33). L'E. è il Sacramento per eccellenza della comunione con Dio Trinità e con la Chiesa. Per questo è opportuno coltivare nell'animo il costante desiderio del Sacramento eucaristico. Da qui è nata nei secoli la pratica della comunione spirituale, al di fuori della Messa (34). L'E. dovrà essere sempre celebrata nella comunione, che sarà invisibile (con Dio-Trinità) e visibile (con la dottrina degli apostoli, i sacramenti e la gerarchia) (35). La comunione invisibile suppone la vita di grazia. Perciò 'Chi è consapevole d'aver commesso un peccato grave, deve ricevere il Sacramento della Riconciliazione, prima di accedere al Sacramento dell'eucaristia (36). L'E. e la Penitenza sono due Sacramenti strettamente legati (37). La comunione ecclesiale è anche visibile e l'e. esige di essere celebrata in un contesto di integrità dei legami anche esterni di comunione (38). Ci deve essere comunione con il Vescovo e con il Romano Pontefice (39). L'E. crea comunione ed educa alla comunione (40). La Messa domenicale è il luogo privilegiato dove la comunione è costantemente annunciata e coltivata. Partecipare alla Messa è un obbligo, a meno che ci sia un impedimento grave (41). La custodia e la promozione della comunione è un impegno di ogni fedele e dei Pastori della Chiesa (42). L'E. è il supremo Sacramento dell'unità del Popolo di Dio. Per questo bisogna pregare lo Spirito Santo perchè tutti diventino 'un solo corpo e un solo spirito' (43). In una prospettiva ecumenica, si dovrà tenere presente che non è possibile concelebrare la stessa liturgia eucaristica con i fratelli separati, sino a che non sia ristabilita l'integrità dei vincoli di comunione (44). E' invece possibile, in circostanze speciali, amministrare l'eucaristia a singole persone appartenenti a Chiese e comunità ecclesiali non in piena comunione con la Chiesa cattolica. I Ministri cattolici possono amministrare i Sacramenti dell'eucaristia, della Penitenza e dell'unzione degli infermi ad altri cristiani non cattolici e reciprocamente i Cattolici, in determinati casi e per particolari circostanze, possono ricevere i detti Sacramenti dai Ministri di quelle Chiese in cui essi sono ritenuti validi (46). (Continua) 3

4 'Mi sarete testimoni' Tettamanzi card. Dionigi L'8 settembre scorso, festa della nascita della Madonna e festa patronale del Duomo di Milano, l'arcivescovo, card. Dionigi Tettamanzi ha consegnato ufficialmente alla Diocesi il nuovo 'Percorso pastorale diocesano', intitolato: 'Mi sarete testimoni'. L'Arcivescovo, nella sua prima Lettera pastorale alla Diocesi, va subito al sodo, al cuore del problema, al fondamento della casa, cioè della Chiesa diocesana che intende costruire, e il fondamento è dato dalla sua 'vocazione missionaria'. 'La Chiesa esiste per evangelizzare'. L'Arcivescovo invita pertanto tutte le realtà diocesane, incominciando dalle parrocchie, ma senza escludere altre comunità sui generis come la comunità aeroportuale, a superare gli angusti confini del 'parochialismo', per aprirsi a tutte le realtà e a tutte le persone, per annunciare loro la buona novella di Gesù Cristo e del Suo Regno. Le difficoltà sono tante e di ogni tipo, ma mille difficoltà non fanno un dubbio che biosogna ripartire con convinzione, con coraggio e con fiducia, perchè il Signore è con noi, e 'se il Signore è con noi, chi potrà essere contro di noi?' Presenteremo la Lettera pastorale su Linate Flash, incominciando dal prossimo numero e per un triennio. Questa volta riproduciamo soltanto i tre punti salienti dell'omilìa dell'8 settembre, che indicano i tre ambiti preferenziali nei quali agire da subito, che sono: la Messa domenicale, la richiesta dei Sacramenti e la vita quotidiana nella società. 4 1) La Messa, nonostante il vistoso abbandono da parte della maggioranza di coloro che anagraficamente sono cristiani, vede pur sempre rilevante il numero di coloro che, ogni domenica, vi partecipano. E questo è già, di per se stesso, un segno missionario nelle nostre città e nei nostri paesi! Ma perché il segno sia ancora più eloquente ed efficace per Servire una cerchia Cristosempre più vasta di persone, ci sono traguardi che ci interpellano. Il primo è di assicurare un alta qualità celebrativa dell Eucaristia, così che il rito introduca veramente a sperimentare la presenza di Dio e sprigioni la sua piena espressività con un esistenza eucaristica, che nell amore operoso e servizievole diventa obbedienza al comando di Gesù «Fate questo in memoria di me». Altro traguardo è di far crescere la coscienza della grazia e del compito missionari propri dell Eucaristia: questa, infatti, inserisce nel tessuto settimanale delle più abituali relazioni tra le persone un insopprimibile slancio a essere testimoni di Cristo e del suo Vangelo. Infine, si tratta di andare coraggiosamente contro corrente per vivere la domenica nella sua novità cristiana, come giorno della fede e della carità nel segno di una ritrovata fraternità, condivisione, servizio, autentica festa. 2) Un altra grande sfida per l evangelizzazione viene dalla richiesta che si continua a fare alla Chiesa, anche da parte di credenti che non praticano o di ricomincianti o di Servire indifferenti la Chiesa di che ricevere è in Milano i Sacramenti. Spesso ci si trova di fronte a un miscuglio di religiosità e di rispetto di appuntamenti tradizionali in occasione della nascita, della fanciullezza, dello sposarsi, eccetera. Soprattutto qui, la Chiesa è chiamata a essere fedele al suo Signore e a seguirne lo stile: deve essere in ogni caso accogliente con tutti, ma sempre e solo nella verità, ossia con una celebrazione dei Sacramenti che sia inserita in un contesto vivo di annuncio del Vangelo, di risposta di fede e di vita cristiana. Come l evangelizzazione, nella sua interezza e unità, è sempre inscindibilmente annuncio del Vangelo di Gesù, celebrazione del Sacramento, esistenza vissuta nella carità (cfr. Matteo 28, 19-20), così la fede è sempre inscindibilmente fede professata-celebrata-vissuta, che fa del credente un discepolo che accoglie la Parola, un commensale che si ciba del Pane della vita, un servo che rivive nella sua esistenza l amore stesso di Cristo Signore. È davvero urgente che la Chiesa, nella sua pastorale, educhi con amore paziente e coraggioso a questa unità di Parola-Sacramento-vita, di cui deve essere profondamente segnata l esistenza cristiana. Così facendo, nella fedeltà a Cristo e all autentico significato dei Sacramenti, la Chiesa può vedersi costretta a rifiutare i Sacramenti perché, in alcune situazioni personali, mancano le dovute condizioni per una loro celebrazione nella verità. Ma, allora, il rifiuto dice vero amore, amore intessuto di tristezza, di speranza e di rinnovato impegno. 3) La terza sfida missionaria riguarda la vita quotidiana nella società. La consegna «Mi sarete testimoni» non vale solo per la vita all interno della comunità ecclesiale; vale anche per la vita dentro la società. Qui di fatto, oggi, l essere cristiani e il vivere da cristiani Servire sono la società messi a più dura prova, in particolare per il diffuso atteggiamento di una dissociazione o/e contraddizione tra la fede, professata-celebrata-vissuta nella comunità ecclesiale, e la vita quotidiana, condotta in famiglia, al lavoro, a scuola, durante il tempo libero e nel divertimento, nei rapporti economici, sociali e politici. La fede, invece, esige umile e coraggiosa coerenza, perché il cristiano sia sale e luce a immagine di Cristo, vero sale della terra e vera luce del mondo. In particolare dai laici, la fede esige l impegno a far crescere la qualità umana della società.

5 'Pensiero alla morte' Papa Paolo VI La ricorrenza del 2 Novembre e di tutto il mese di Novembre, dedicati al ricordo e al culto dei Morti, mi hanno suggerito l'idea di proporre alla riflessione comune, pensieri di alto profilo ascetico, provenienti da un grande Papa, Paolo VI, di cui quest'anno abbiamo ricordato il 40 della sua elezione al Pontificato e il 25 della sua morte. Io ho anche una ragione personale per fare questo, perchè considero Paolo VI il Padre del mio sacerdozio, avendomi ordinato il 21 giugno 1958, quando era Cardinale Arcivescovo di Milano. Sappiamo che presto sarà proclamato Beato e poi Santo, perchè lo era veramente. Nelle poche volte che l'ho incontrato personalmente mi ha sempre lasciato l'impressione di un uomo eccezionale e di un cristiano autentico. Di lui conservo una immaginetta, recante sul recto il busto di San Carlo Borromeo e sul retro la frase, stilata da lui per me nell'incontro avuto alla vigilia della mia Ordinazione: ' Magnificat anima mea Dominum!' GBattista Montini, Arcivescovo. 27 maggio Quella espressione mi ha guidato nei miei 45 anni di Sacerdozio e formerà il mio Testamento spirituale prima di partire da questa terra per raggiungerlo in cielo. ''... Fisso lo sguardo verso il mistero della morte, e di ciò che la segue, nel lume di Cristo, che solo la rischiara; e perciò con umile e serena fiducia. Avverto la verità, che per me si è sempre riflessa sulla vita presente da questo mistero, e benedico il vincitore della morte per averne fugate le tenebre e svelata la luce. Dinanzi perciò alla morte, al totale e definitivo distacco dalla vita presente, sento il dovere di celebrare il dono, la fortuna, la bellezza, il destino di questa stessa fugace esistenza. Signore, Ti ringrazio che mi hai chiamato alla vita, ed ancor più che, facendomi cristiano, mi hai rigenerato e destinato alla pienezza della vita... Ora che la giornata tramonta e tutto finisce e si scioglie di questa stupenda e drammatica scena temporale e terrena, come ancora ringraziare Te, o Signore, dopo quello della vita naturale, del dono, anche superiore, della fede e della grazia, in cui alla fine unicamente si rifugia il mio essere superstite? Come celebrare degnamente la tua bontà, o Signore, per essere io stato inserito, appena entrato in questo mondo, nel mondo ineffabile della Chiesa Cattolica? Come per aver avuto il gaudio e la missione di servire le anime, i fratelli, i giovani, i poveri, il popolo di Dio e d'aver avuto l'immeritato onore d'essere Ministro della Santa Chiesa, a Roma specialmente, accanto al Papa, poi a Milano, come Arcivescovo, sulla cattedra per me troppo alta e venerabilissima dei Santi Ambrogio e Carlo, e finalmente su questa suprema e formidabile e santissima di San Pietro? In aeternum Domini misericordias cantabo!' (Dal Testamento di Papa Paolo VI ). '... Prego pertanto il Signore che mi dia grazia di fare della mia prossima morte dono d'amore alla Chiesa. Potrei dire che sempre l'ho amata; fu il suo amore che mi trasse fuori dal mio gretto e selvatico egoismo e mi avviò al suo servizio; e che per essa, non per altro, mi pare d'aver vissuto. Ma vorrei che la Chiesa lo sapesse; e che io avessi la forza di dirglielo, come una confidenza del cuore, che solo all'estremo momento della vita si ha il coraggio di fare. Vorrei finalmente comprenderla tutta nella sua storia, nel suo disegno divino, nel suo destino finale, nella sua complessa, totale e unitaria composizione, nella sua umana e imperfetta consistenza, nelle sue sciagure e nelle sue sofferenze, nelle debolezze e nelle miserie di tanti suoi figli, nei suoi aspetti meno simpatici, e nel suo sforzo perenne di fedeltà, di perfezione e di carità. Corpo mistico di Cristo. Vorrei abbracciarla, salutarla, amarla, in ogni essere che la compone, in ogni Vescovo e Sacerdote che la assiste e la guida, in ogni anima che la vive e la illustra: benedirla. Anche perchè non la lascio, non esco da lei, ma più e meglio con essa mi unisco e mi confondo: la morte è un progresso nella Comunione dei Santi... La pace sia con voi. E alla Chiesa, a cui tutto devo e che fu mia, che dirò? Le benedizioni di Dio siano sopra di te; abbi coscienza della tua natura e della tua missione; abbi il senso dei bisogni veri e profondi dell'umanità; e cammina povera, cioè libera, forte e d amorosa verso Cristo'. (Da 'Pensiero alla morte' di Paolo VI ) 5

6 Alcuni Gruppi Aeroportuali che hanno partecipato alla 'Minimissionenatalizia 2002' TEMPO DI MINIMISSIONE Il Natale si avvicina e più ancora il Tempo di Avvento che lo prepara e che inizierà domenica 16 novembre. In questo Tempo sacro si svolgerà anche la 3a edizione della 'Minimissionenatalizia 2003' per tutta la Comunità aeroportuale.che COSA E' Gli Amici di O.K.Team Personale della Sala VIP CHE COSA E' E' un invito rivolto a tutti gli aeroportuali di Linate, lavoratori e passeggeri, a partecipare in gruppo, ad una S. Messa nella Cappella, per prepararsi al S. Natale e per ricordare i Defunti del Reparto o dell'ufficio. CHI E' INVITATO Tutti coloro che si sentono di esprimere liberamente e comunitariamente la loro fede. E' buona cosa invitare anche i parenti degli aeroportuali defunti. QUANDO Nel giorno e nell'ora più comoda per gli aeroportuali (di mattina, di sera, di giorno, di notte...). Il Cappellano è sempre a disposizione. TEMA DI RIFLESSIONE Personale del Taboga Il tema di riflessione comunitaria sarà la 'MISSIONARIETA'', in sintonìa con il tema del Percorso Pastorale della Diocesi di Mi. E LA BENEDIZIONE NATALIZIA? Personale della Sala Radar La 'MMN 2003' sostituisce, migliorandola, la tradizionale Benedizione dei Reparti e degli Uffici, che non viene però abolita, ma solo differita e distribuita lungo il corso dell'anno. Chi volesse incontrare il Cappellano in qualsiasi giorno dell'anno, per una conversazione e per una benedizione, lo trova sempre a disposizione. Basta telefonare al N

7 TEMA DELLA MISSIONE 'Mi sarete testimoni' Queste parole di Gesù Risorto sono la consegna solenne agli Apostoli, e quindi alla Chiesa e ai credenti, del 'mandato missionario': 'Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura'. La Minimissione 2002 è una occasione per rivisitare la Cappella e per apprezzare le opere d'arte che la ornano IL 'CASO SERIO' DELLA CHIESA Il 'caso serio' della Chiesa è l'evangelizzazione e la trasmissione della fede. La Chiesa esiste per evangelizzare. L'evangelizzazione è il 'caso serio' della Chiesa perchè senza Vangelo e senza fede non c'è salvezza. QUANDO EVANGELIZZARE L'interno della Cappella Adorazione nel Tempo di Avvento Adesso! Il nostro è un tempo di crisi per la fede, ma è anche un tempo di grazia, un 'tempo favorevole' perchè i l Signore è con noi. CHI EVANGELIZZARE Tutti e ciascuno! Dalla famiglia, all'ufficio, al compagno di lavoro, al passeggero, all'amico, ecc. Si tratta di dire a tutti, con la parola e con l'esempio che c'è la possibilità di vivere bene e di salvarsi in Cristo Gesù e nella Chiesa. La scultura ecumenica COME EVANGELIZZARE Uniti! Al Cappellano e a quelli che condividono la fede cristiana, per una testimonianza non solo personale, ma anche comunitaria. Il Sacrario per le Vittime L'ICONA DELLA MISSIONE Maria! Da contemplare nel suo mettersi in viaggio verso la montagna per recarsi dalla parente Elisabetta. Il viaggio della Madonna è un viaggio 'missionario ' perchè porta in seno Gesù, che intende donare alla cugina Elisabetta in un servizio di carità. L'artistico Presepe nell'atrio 7

8 Nascere e morire oggi NASCITE I coniugi FACCHETTI E CIPOLLA annunciano con gioia la nascita di ALESSIA. I coniugi RITA CHIODINI e PORTULANO ALESSANDRO (Finanza), annunciano con gioia la nascita di LORENZO. I coniugi GIULIANA VIGORITO (SEA Lost and found) e GIUSEPPE NOCERINI annunciano con gioia la nascita di SIMONA MARIA. I coniugi PAMELA GAROFALO (Giochi Preziosi) e LO NOCE COSIMO annunciano con gioia la nascita di ALICE. I coniugi VIVIANA e FRANCESCO MONTINGELLI (SEA-Edilizia), con FEDERI- CO, annunciano con gioia la nascita di DAVIDE. MATRIMONI 'Chi non rinasce dall'acqua e dallo Spirito, non può entrare nel Regno di Dio'. (Gv. 2, 5) il 25 maggio 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na BIASIUCCI MIRELLA con il Sig. MARINELLI GIUSEPPE (Guardia di Finanza). La cerimonia si è svolta nella chiesa di Maria Santissima Annunziata in Dragoni (CE). Il 25 giugno 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na ZARDONI CINZIA con il Sig. SOMMA MICHELE (Guardia di Finanza). La cerimonia si è svolta nella chiesa di Trucazzano (MI). Il 30 giugno 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na CARDONE LUISA con il Sig. MARRONE FELICE (Guardia di Finanza). La cerimonia si è svolta nella chiesa di S. Castrese Marano (NA). Il 3 luglio 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na FIORINI LORELLA con il Sig. SEPE FABRIZIO (Guardia di Finanza). La cerimonia si è svolta nella chiesa di Calvagese della Riviera (BS). Il 9 agosto 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na GALLORO GRAZIELLA con il Sig. MARTINO NICOLA (Maresciallo della Guardia di Finanza). La cerimonia si è svolta presso la chiesa di Maria Santissima Annunziata in San Nicola da Crissa (VV). Il 20 settembre 2003 si sono uniti in matrimonio i Sigg. ROBERTA e ALBINO CHIERA (A.T.A.). La cerimonia si è svolta nella chiesa di Pantigliate. Il 27 settembre 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na KOIRINE PIERI e FRANCESCO SCHIATTARELLA (Bar-Ristorante A.T.A.). La cerimonia si è svolta nella chiesa di Linate (paese). L'11 ottobre 2003 si sono uniti in matrimonio la Sig.na FEDERICA POMPILI con il Sig. BRUNO ESPOSTI (Dir.e Banca Pop. di Lodi di Linate). La cerimonia si è svolta nella chiesa parrocchiale di Maria Ausiliatrice a Lodi. PARTECIPAZIONE A LUTTI 'I due saranno una sola carne. L'uomo dunque non separi ciò che Dio ha unito'. (Mc. 10, 8) 'Io sono la resurrezione e la vita. Chi crede in Me, anche se muore, vivrà'. (Gv. 11, 25) La Comunità di Linate partecipa al lutto: della Sig.na BRUNA CAMMISA (Ex Sabena), per la morte del padre LUIGI (anni 80). del Sig. CATALANO GIUSEPPE (ex Polizia) per la morte della moglie ASSUNTA (49 a.!). Il 24 settembre alcune rappresentanti della Sala VIP e dell'ufficio Lost and Found hanno partecipato ad una S. Messa di suffragio per FIDIA ROSITA, nell'anniversario della scomprasa, e per altre ex colleghe mancate in questi ultimi anni. della Fam. HURLE, per la morte di GIOVANNI BATTISTA (ex Cat. SEA al Piazzale, 65 anni, pensionato nel 1997). Il 27 settembre gli ex colleghi hanno fatto celebrare una S. Messa di suffragio nella Cappella, alla quale hanno partecipato anche i familiari. della Sig.ra ROSA LOMBARDO (SEA-Infrastrutture), per la morte del fratello GIUSEPPE (67 anni). dei Sigg. MARIA e FRANCESCO FLORIO (Pensionato SEA), per la morte della mamma LUIGIA (95 anni!). del Sig. ZAGOMER MASSIMO (Sea-Termodinamici), per la morte della mamma (a. 82). del Sig. ROMANO DOMENICO (Controllore di volo), per la morte del padre DOMENICO (anni 67). del Sig. CAGNOLO MARIO (SEA-OCIV), per la morte del fratello COSIMO (anni 52). della Sig.ra FAENZA ANNAMARIA (ENAC), per la morte della mamma TERESA (a.96!) della Fam. FRIGOLI per la morte del Sig. EDOARDO (Ex SEA - Pensionato a. 57) 8

9 Il 9 ottobre 2003, giovedì sera, è mancato improvvisamente il Sig. CIAMBELLA ENZO, di anni 37. Lascia la mamma Sig. ra Maria Antonietta e una sorella Sig.na Antonella. Mentre si apprestava a smontare dal lavoro, è stato colto da improvviso malore che l'ha portato alla morte. Era entrato nella SEA nel 1988 e attualmente lavorava come Fattorino nel Settore Handling. Era conosciuto e benvoluto da tutti per la sua semplicità e bontà. I funerali si sono svolti nella chiesa della Madonna Regina a Pioltello, presieduti dal Cappellano e partecipati da numerosi ex colleghi. Nella ricorrenza mensile della scomparsa, domenica 16 novembre, sarà celebrata una S. Messa di suffragio nella Cappella dell'aeroporto. Cari ammalati Miei Cari ammalati: vi scrivo dal Santuario della Madonna Addolorata di Rho (MI), dove sto attendendo ai S. Esercizi spirituali annuali, presso la Casa dei Padri Oblati. Inutile dire che vi ho ricordati singolarmente alla Madonna, prova ne sia la cartolina che vi ho inviato. Gli ammalati 'nel corpo e nello spirito' della Comunità aeroportuale di cui io sono a conoscenza sono una quarantina, quasi tutti lavoratori, per i quali riservo ogni giorno un ricordo nella S. Messa e la recita di un S. Rosario. Da un pò di tempo a questa parte devo però includere fra gli ammalati della Comunità anche parecchi passeggeri che incontro quasi quotidianamente nella Cappella, i quali vengono dalle varie città del Sud d'italia a Milano per una visita medica specialistica, per un intervento chirurgico o per dei controlli periodici. Sono bambini, giovani, adulti, anziani che passano nella Cappella per impetrare dal Signore e dalla Madonna la grazia della guarigione. Spesso, incontrando il Cappellano, ne approfittano per confessarsi e comunicarsi e per raccomandargli di pregare per il loro caso. Parecchi lasciano anche scritto nel 'Libro delle dediche' della Cappella il segno del loro passaggio con una sofferta supplica o con il ringraziamento perchè le cose sono andate a buon fine. Quello della malattia è un passaggio obbligato per tutti, è un tunnel che tutti, o prima o poi, dobbiamo attraversare, per purificarci e avvicinarci di più al Signore. Ciò che ci conforta è la certezza che il Signore, la Madonna e San Giuseppe sono con noi anche e soprattutto nei momenti della sofferenza e ci assistono come un papà e una mamma. La malattia non è mai un castigo, ma solo una prova, una verifica della nostra fede e del nostro amore per il Signore. Augurando a tutti e a ciascuno tanta salute, serenità e fede, saluto cordialmente e benedico, insieme alla Madonna Addolorata. Vostro Don Giovanni TRE NOVITA' EDITORIALI DELLA CAPPELLA Come era stato preannunciato nel numero precedente di Linate Flash, per le Feste Patronali della Cappella di dicembre (8-10 dicembre) saranno pronte tre importanti Novità Editorliali della Cappella: * 'La Cappella e la Comunità del volo di Linate'. Fascicolo di 16 pagine, in formato quadrato originale (15x15), con tutte le foto a colori delle opere d'arte della Cappella e di alcune sue attività pastorali. Il fascicolo vuol essere il 'biglietto da visita' della Cappella per tutti gli aeroportuali, lavoratori e passeggeri. Lo si può trovare nell'atrio della Cappella o presso il Cappellano. PARTECIPAZIONE A LUTTI 'Il Volo del gabbiano nel 2004'. Calendario della Cappella, con una attenzione particolare alle feste * liturgiche e alle varie ricorrenze e manifestazioni della Comunità aeroportuale. Le foto giganti, rigorosamente a colori, sono incentrate sulle opere d'arte della Cappella e sulla ricorrenza del 45 di Sacerdozio del Cappellano. Un Calendario che non deve mancare in ogni ufficio dell'aeroporto. * 'La Parola che vola'. Libro che raccoglie le omelìe tenute dal Cappellano nella Cappella, nell'anno liturgico B ( ). E' il 3 volume, che completa l'opera, essendo già stati pubblicati i primi Madonna due, riguardanti Addolorata gli di Anni Rholiturgici A e C ( e ). 9

10 S A C R A R I O OTTOBRE PER NON DIMENTICARE Il monumento alle Vittime nel 'Bosco dei faggi' La S. Messa in S. Maria delle Grazie Sono già trascorsi due anni dalla tragedia di Linate, nella quale persero la vita 118 persone, un evento che neanche la medicina del tempo riesce a fare dimenticare. Difatti la commemorazione del secondo anniversario, organizzata dal Comitato dei Familiari e da vari Enti, è avvenuta puntualmente, con due riferimenti: uno religioso e uno laico. La parte religiosa è stata incentrata nella S. Messa che l'arcivescovo di Milano, card. Dionigi Tettamanzi, ha celebrato al mattino nella Basilica di S. Maria delle Grazie per i Familiari delle Vittime e nella S. Messa che il Cappellano dell'aeroporto ha celebrato a Linate per la Comunità aeroportuale. La S. Messa del Card. Tettamanzi è stata il primo incontro ufficiale con i Familiari delle Vittime, perchè l'incontro ufficioso era evvenuto un anno fà, il 29 settembre 2002, giorno del suo ingresso a Milano come Arcivescovo, quando, in occasione della inaugurazione del Sacrario della Cappella, aveva inviato alla Comunità una lunga lettera autografa di partecipazione. Le parole dell'arcivescovo nell'omelìa della Messa e nell'incontro successivo con i Fami liari sono state di grande conforto e speranza per tutti. Toccante è stato soprattutto l'incontro dell'arcivescovo con Pasquale Padovano, unico superstite della tragedia, e con i suoi familiari. Anche il Cappellano, nella S. Messa celebrata a Linate alle ore 13, ha assicurato gli aeroportuali, lavoratori e passeggeri, che la memoria delle Vittime non verrà mai meno nella Cappella, non solo perchè cristallizzata nell'opera d'arte del Sacrario, ma soprattutto perchè sostenuta dalla preghiera mensile dei Familiari e da quella quotidiana dei visitatori della Cappella. La commemorazione civile della tragedia è avvenuta nel pomeriggio dell'8 ottobre, nel 'Bosco dei faggi' presso il Parco Forlanini, dove sono state deposte corone di fiori e tenuti discorsi da parte delle varie autorità italiane e scandinave presenti. Il 1 ottobre è ripreso anche il Processo per la strage di Linate, che dovrebbe concludersi tra qualche mese. L'inizio del processo è stato caratterizzato da un sit-in pacifico di alcuni Familiari delle Vittime davanti al Tribunale per raccomandare di 'non dimenticare'. Ma del processo parleremo alla fine. La fam. Padovano con il Cardinale I Medici curanti con il Cardinale COME STA PASQUALE PADOVANO? Dopo la seconda degenza di un mese e mezzo all'ospedale di Niguarda nei mesi di luglio e agosto, per un intervento ai piedi (il 24!) e per studiare una dieta giusta che permetta l'essicazione delle ferite, Pasquale è tornato a casa, anzi è andato a trovare la sua mamma e i suoi parenti per qualche giorno a Bisceglie. Appena ritornato a Milano, ha dovuto però fare ancora dei day-hospital a Niguarda, sempre per regolare la dieta, perchè Pasquale metabolizza, cioè consuma il cibo il doppio del normale. Attualmente la situazione generale è abbastanza stabile e confortevole, ma il punto delicato rimane sempre quello delle ferite alla testa e alle gambe da essicare. Per fortuna Pasquale mangia, dorme la notte, esce qualche volta di casa e ha il morale abbastanza alto. La moglie Teresa e la figlia Anna lo seguono sempre, notte e giorno, con cura e con amore, dando una testimonianza meravigliosa di attaccamento alla famiglia e di fede. Dopo aver ricevuto la benedizione del Papa nel maggio scorso, Pasquale e i familiari hanno ricevuto anche quella dell'arcivescovo di Milano, card. Dionigi Tettamanzi, nell'incontro dell'8 ottobre scorso, nella Basilica di Santa Maria delle Grazie. La Comunità aeroportuale e il Cappellano sono sempre vicini a Pasquale e alla famiglia con la preghiera e con il sostegno morale. 10

11 'LA SPERANZA NON DELUDE' - OMELIA DELL'ARCIVESCOVO Ci scusiamo di non poter riportare per intero la bellissima omelìa dell'arcivescovo card. Dionigi Tettamanzi in occasione della S. Messa per le Vittime di Linate, nel 2 anniversario della tragedia. Avvertiamo però che è possibile trovare il testo integrale nell'atrio della Cappella, oppure nel Sito Internet: 1. Carissimi, con commozione sincera e profonda, ci troviamo raccolti a celebrare l Eucaristia nel ricordo delle persone che, due anni fa, hanno perso la vita nel terribile incidente avvenuto nell aeroporto di Linate: un ricordo, questo, che per noi credenti si fa preghiera silenziosa e ardente... La sofferenza che vi accomuna suona, ancora una volta, come un unico e corale appello affinché non si ripetano e vengano impediti, in futuro, eventuali negligenze, errori, mancanza delle necessarie condizioni di sicurezza che possano provocare simili tragedie... In questo momento, sento il bisogno di manifestarvi, nella forma più semplice, più umana e più sincera, la mia vicinanza e, insieme, di testimoniarvi la presenza, attraverso la mia persona e la mia preghiera, di tutta la Chiesa ambrosiana... Sì, ho detto all inizio di questa celebrazione eucaristica che sono ancora forti in noi il turbamento e la tristezza della separazione. Ma ora la Parola di Dio vuole giungere al cuore di ciascuno di noi per farvi risuonare una grande promessa, forse umanamente insperabile e incredibile. È la promessa di un esistenza immortale che dà l effettiva possibilità di ricongiungersi con i propri cari defunti E ora desidero, con voi, ascoltare la Parola di Dio. È una parola veramente nuova rispetto a tutte le altre parole umane, perché è parola di vita e di salvezza e, per questo, è parola che apre alla speranza e al coraggio, nonostante tutto. È l apostolo Paolo che, nella lettera ai cristiani di Roma, afferma categoricamente: «La speranza non delude perché l amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato» (Romani 5, 5). È la fede, questo grande dono che il Signore ci offre, a darci la certezza assoluta che la nostra speranza di potere incontrare di nuovo i nostri cari il giorno della risurrezione non è affatto un sogno, un utopia, un illusione pietosa. No, è una realtà che scaturisce dall amore di Dio: un amore che è fedele per sempre; un amore paterno che si china sul dolore dell uomo e lo consola; soprattutto, un amore che dà la vita anche quando tutto sembra portare a dire che l ultima parola spetta alla morte. Sì, questo può sembrare. Ma qui sta tutta la sfida della fede: l ultima parola non è della morte, ma è del Dio Vivente!... L evangelista Giovanni vuole farci riascoltare una parola detta da Gesù nel suo colloquio notturno con Nicodemo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna» (Giovanni 3, 16). Sì, il Figlio eterno di Dio si è fatto uomo, ha assunto la nostra carne umana, ha camminato sulle nostre strade, ha sperimentato gli affetti e le speranze degli uomini, la sofferenza e il distacco provocato dalla morte, è rimasto turbato e ha pianto davanti alla tomba dell amico Lazzaro. Egli stesso si è consegnato, liberamente e per amore, al mistero della morte. Ma proprio in forza di questa consegna è divenuto, nella potenza di Dio, principio di vita e primogenito di tutti coloro che risorgono... Non posso però nascondere che la fede, soprattutto nelle situazioni umanamente più oscure e pesanti, conosce anche il momento della crisi, del dubbio e persino del rifiuto. Per questo, prego il Signore. Sia lui, con tutto il suo amore, a trovare i modi e i tempi per farci sentire la sua vicinanza e il suo sostegno. Sia lui a donarci la grazia e la forza di riprendere a credere e a sperare So che tra poco andrete al Bosco dei faggi, dove sono stati piantati, nel marzo scorso, centodiciotto alberi in memoria di tutte le vittime della tragedia. È questo un segno della memoria, ma ancor più è un bellissimo segno della vita che cresce e che continua. Vorrei proporre un altro simbolo ancora più eloquente e decisivo: quello di piantare nel cuore un albero di vita in memoria dei propri cari. Nella realtà, ciò significa che ogni gesto di carità da noi compiuto rappresenta come una nuova foglia verde di quest albero. Come sempre, è l amore a far sbocciare la vita... Affidiamo, ora, questi nostri carissimi fratelli al cuore paterno di Dio e per loro innalziamo la preghiera di suffragio. Affidiamoli anche al cuore materno di Maria. Lei, la madre addolorata che ai piedi della croce ha visto morire il figlio senza mai perdere la speranza di riaverlo vivo nella gioia della Pasqua di risurrezione, ci doni di partecipare alla sua fede e al suo coraggio. Così sia. + Dionigi card. Tettamanzi Arcivescovo di Milano LA MADONNA DI LORETO A FONDO PISTA Il 28 giugno scorso, una rappresentanza dei Familiari delle Vittime della tragedia di Linate, si è recata a Venezia, su invito del Direttore dell'aeroporto, Ing. Aristide Bonato, per rendere omaggio al simulacro della Madonna di Loreto, Patrona degli aviatori, posta a fondo pista dello stesso aeroporto, come ad invocare protezione sui decolli e sugli atterraggi degli aerei. Una bella iniziativa che meriterebbe di essere riprodotta anche negli altri aeroporti. I Familiari hanno deposto fiori davanti alla Madonnina e hanno sostato a lungo in preghiera, guidata dal Cappellano dell'aeroporto Don Angelo Munaretto. I partecipanti hanno poi avuto modo di visitare alcuni monumenti della città, trascorrendo così una giornata serena. L'aeroporto Marco Polo di Venezia ha da poco tempo anche un locale adibito a Cappella all'interno dell'aerostazione, che verrà arredato nei prossimi mesi. Con la Cappella dovrebbe essere preparato anche un ufficio dove il Cappellano potrà ricevere gli aeroportuali. La Cappella e l'ufficio del Cappellano sono le strutture minime indispensabili per poter assicurare una assistenza pastorale ai lavoratori e ai passeggeri di un aeroporto L'aeroporto di Venezia è l'ottavo aeroporto italiano che può beneficiare di un Cappellano e di una Cappella, insieme a Roma, Milano-Malpensa, Milano-Linate, Orio al Serio, Genova, Torino e Palermo. Aero.to di Venezia - La Madonnina 11

12 I Santi Patroni di Linate Gli Amici d GLI ADDETTI DELL'UFFICIO POSTALE DI LINATE, IL 29 SETTEMBRE, FESTA DELL'ARCANGELO SAN GABRIELE, PATRONO DEI POSTALI, HANNO RICEVUTO LA BENEDIZIONE DEL SIGNORE DA PARTE DEL CAPPELLANO TRE NUOVI PATRONI PER LA COMUNITA' DI LINATE S. Giuseppe Lavoratore Beato P. Luigi Monti Domenica 9 novembre 2003, è stato proclamato Beato il Servo di Dio P. Luigi Maria Monti, nato a Bovisio (MI) il 24 luglio 1825 e morto a Saronno, in provincia di Varese, ma in Diocesi di Milano, il 1 ottobre P. Monti è un 1 Religioso Laico, che ha fondato la Congregazione dei Figli dell'immacolata Concezione per l'assistenza dei malati e degli orfani e per l'educazione della gioventù. La sua è stata una vita semplice, comune, ha fatto il falegname e l'infermiere, ma è stata caratterizzata da un grande amore per il Signore, per la Madonna e per i più bisognosi. E' un Beato che non mette soggezione, ma che invita tutti ad avvicinarsi e a chiedere senza timore. Nel corso del secondo Millennio il piccolo seme della Congregazione gettato da P. Monti si è sviluppato in un modo prodigioso, diventando un albero frondoso che ha esteso i suoi rami in tutto il mondo. Numerosi sono i Religiosi, sacerdoti e laici, chiamati comunemente 'frati' (fratelli) che animano le altrettante numerose opere religiose e assistenziali sparse nei cinque Continenti. E' per via di queste opere, due in particolare, che il Cappellano e la Comunità di Linate hanno conosciuto P. Luigi Monti e la sua opera. Anzitutto per via delle Adozioni a distanza nel Cameroun e in particolare con il 'Foyer P. Monti' di Ebolowa, fondato da un Padre Concezionista, P. Sergio Janeselli, con il quale siamo in costante relazione. E poi per via di Linate Flash, che viene stampato nella Tipografia di Saronno, dove si trova la Casa Madre dell'istituto e dove nella Cripta della chiesa riposano le spoglie del Beato P. Monti. In occasione della Beatificazione, la Comunità di Linate e il suo Cappellano intendono rallegrarsi con tutto il Personale dell'istituto e in particolare con quello della Comunità di Saronno e ringraziarlo per il servizio che rendono alla Comunità. Daniele Comboni nasce a Limone sul Lago di Garda il e muore a Khartum, in Sudan, il , a soli 50 anni. Viene sepolto nel giardino della Missione, ma nel 1885 la Missione viene assalita e saccheggiata, la tomba è profanata e le ossa disperse. Daniele Comboni diventa così una sola cosa con la sua Africa. E' stato proclamato Santo da Giovanni Paolo II il 5 ottobre E' stato un innamorato dell'africa, o meglio degli Africani, che chiamava la sua 'Nigrizia'. Una delle sue idee guida nella Missione è stata quella di 'salvare l'africa con l'africa', cioè facendo in modo che gli stessi Africani fossero i protagonisti della loro liberazione ed evangelizzazione. In questa ottica rientrano anche le nostre 'Adozioni a distanza', che hanno come principio, non di estrapolare i bambini dal loro habitat naturale, ma di aiutarli a vincere le loro battaglie fisiche, economiche, morali e religiose, lasciandoli nel loro ambiente. Per questo eleggiamo San Daniele Comboni Patrono della Comunità di Linate, sia per la sua passione missionaria, sia per l'opera delle Adozioni a distanza. Madre Teresa di Calcutta nasce in Albania nel 1910 e muore a Calcutta nel Vengono celebrati per lei i funerali di Stato e sono un trionfo. E' stata beatificata da Giovanni Paolo II il 19 ottobre La sua vocazione è stata quella di aiutare i più poveri fra i poveri, senza badare alla loro origine, alla loro condizione, alla loro religione. Per lei ogni povero era l'immagine di Gesù da servire e da amare. Per questo l'abbiamo proclamata Patrona degli Amici Clochards, dei quali la Comunità di Linate si occupa da tempo. 12

13 Linate for Europe Il Cappellano WEB DELLE CAPPELLANIE AEROPORTUALI EUROPEE IDEATO E GESTITO DAL CAPPELLANO DI VARSAVIA (Polonia) 8 AUGURI EMINENZA 8 Convegno Internazionale dei Cappellani Cattolici e dei Collaboratori laici Maggio 2005 ROMA 1 Abbiamo appreso con gradita sorpresa e con somma gioia che il Papa Giovanni Paolo II ha annoverato tra i nuovi Cardinali di Santa Romana Chiesa, anche Sua Ecc. Mons. Fumio Hamao, Presidente del Pontificio Consiglio Vaticano della Pastorale dei Migranti e degli Itineranti, di cui è parte integrante la pastorale degli aeroporti. Come è noto Mons. Hamao è l'unico rappresentante dell'estremo Oriente nella Curia Romana a capo di un Dicastero. Cittadino giapponese, nato a Tokyo nel 1930, Vescovo di Yokohama dal 1979 al 1998, quando il Papa gli ha assegnato a Roma l'alta responsabilità di presiedere il dicastero, che promuove in tutto il mondo cattolico la cura pastorale per ogni forma di mobilità umana, compresa l'aviazione civile. Egli è membro anche della Congregazione per l'evangelizzazione dei Popoli, del Pontificio Consiglio 'Cor Unum' e del Comitato Pontificio per i Congressi Eucaristici Internazionali. La Comunità aeroportuale di Linate, unitamente al suo Cappellano, sono lieti di porgere al nuovo Porporato gli auguri più sinceri e cordiali per la sua persona e per il suo lavoro, auguri che accompagnano con la preghiera. ll 5 Convegno Europeo dei Cappellani Cattolici e dei Collaboratori laici Buon Avvento e Buon Natale Il 16 novembre 2003 inizierà il Tempo liturgico dell'avvento in preparazione al S. Natale. L'Avvento è un tempo di grazia e di impegno per rinnovare e testimoniare la fede in Gesù Cristo, Figlio di Dio che si fa Uomo per salvarci. Nel Tempo di Avvento si svolgerà anche la 'Minimissione natalizia 2003 (vedi pag. 6-7). Maggio 2006 WROCLAW (Polonia) Nel periodo natalizio sarà possibile visitare l'artistico 'Presepe mobile' allestito nell'atrio della Cappella. Si invitano tutti gli aeroportuali a preparare piccoli Presepi anche nei vari reparti e uffici come segno e testimonianza di fede. 13

14 Vita della Cappella Il Cronista Bruxelles: sede della Comunità europea Un incantevole paesaggio di mare 14 ADOZIONI A DISTANZA PARZIALI (*) E DI GRUPPI CAV-EAV-METEO Amm.vi (2) CAV Torre di Controllo CID Operatori C.R.A.V. (Sala T.D.P.) Controllori di Volo (Sala Radar) Duty Free Shop Fabrizi Luciano (*) Familiari Vittime Linate 2001 Finesso Roselvy (*) Guardia di Finanza Marchetti - Recrosio (*) O.K. Copy Italia (1) O.K. Copy Italia (2) O.K. Team Petrelli Jole (*) Polli Renata (*) Raffaghello - Andena (*) Sacco Alessandro-Marilena (*) S.E.A. Club S.E.A. Uff. Cont. Clienti S.E.A. - OCIV - Segreterìa S.E.A. Uff. Fornitori S.E.A. Lost and Found S.E.A. Serv. Imp. Elettrici S.E.A. Termomeccanici Seani per il 45 del Capp.no (2) SOGIL Operatori (*) Soldà Casari Luisa (*) Vigili aeroportuali CAPODANNO 2003 'DIRITTO, VIA DELLA PACE' Nel 1967, Paolo VI, il Papa delle grandi intuizioni, ha istituito la 'Giornata mondiale della pace', da celebrarsi ogni anno a Capodanno. Quella che celebreremo il 1 gennaio 2004 sarà la 36a G.M.d.P. Giovanni Paolo II, dal 1979, compresa la prossima del 2004, ne avrà celebrate 25. Ogni Giornata annuale sviluppa un tema particolare e quello del 2004 recita così: 'Diritto internazionale, via della pace'. La scelta del tema è motivata certamente dagli avvenimenti mondiali di quest'anno, soprattutto dalla guerra USA-IRAQ che ha rivelato una fragilità degli Organismi internazionali, come l'onu, che avrebbe dovuto gestire autorevolmente la faccenda e non lasciarla nelle mani degli Stati Uniti e della Gran Bretagna. Giovanni Paolo II nel suo Messaggio ribadisce la necessità e l'urgenza di ripristinare questi Organismi, perchè senza un Diritto internazionale forte e deciso non si va da nessuna parte e non si potranno evitare certamente le guerre. Il Papa è convinto, e l'ha ribadito in tutti gli incontri internazionali con personalità di governo, che 'l'umanità si trova davanti a una sfida cruciale: se non riuscirà a dotarsi di istituzioni realmente efficaci per scongiurare il flagello della guerra, il rischio è che il diritto della forza prevalga sulla forza del diritto'. La G. M. d. P. si svolgerà in un clima di riflessione e di preghiera in tutte le Chiese del mondo, con la consapevolezza che 'se il Signore non costruisce la casa, invano faticano i costruttori', cioè, se non è il Signore a illuminare le menti e a riscaldare i cuori, gli uomini da soli non sono capaci di vivere in pace. E' quello che faremo anche noi a Linate, soprattutto durante le S. Messe festive, quando invocheremo anche la Madonna, Regina della pace, di cui conserviamo 1 una pregevole 2 opera d'arte. VACANZE ALTERNATIVE ANCHE A LINATE Un modo alternativo di fare vacanza può essere quello di liberare la fantasia e di riandare ai ricordi e alle immagini di montagna, di mare, di città e di Paesi, viste in tempi andati. Oppure seguire con interesse qualche trasmissione televisiva, come 'Turisti o Velisti per caso', o 'Alle porte del Kilimangiaro', o 'Geo', o altre. Quante cose si imparano viaggiando anche solo virtualmente con la televisione o con Internet, con vero relax e godimento interiore. Oppure mi riposo scorrendo le cartoline che i vacanzieri aeroportuali hanno mandato anche quest'anno al Cappellano da ogni parte d'italia e del mondo. Desidero ringraziare tutti coloro che hanno avuto il gentil pensiero, assicurandoli che ho celebrato una S. Messa secondo le loro intenzioni. Io ho preferito trascorrere le vacanze a Milano, dividendomi tra l'aeroporto e la casa. L'aerostazione era sempre zeppa di passeggeri e la Cappella ben frequentata, per cui non si potevano abbandonare. A casa, su un piccolo balcone, ho ricavato un grazioso eremo, con un pò di verde, di fiori e di tranquillità. Chi si accontenta gode! Mi sono riposato leggendo, scrivendo e pregando. Quando sentivo il caldo e l'afa, pensavo a Pasquale Padovano immobile in un letto a Niguarda e mi passava subito. Quando 1 vedevo in TV le 2immagini delle spiagge affollate di bagnanti spensierati, pensavo ai molti giovani e non giovani 'Volontari' in Enti e Istituzioni di solidarietà, oppure 'reclusi' liberamente nelle Case dello spirito, a riflettere e a pregare. Quanto bene sommerso c'è anche in estate! Quanti modi alternativi di fare vacanza! Chi potrebbe dire qual'è il migliore? Chi ritornando al quotidiano si sente stanco, vuoto, nervoso, vuol dire che ha sciupato la vacanza. Chi invece si sente più sereno, più motivato, più pronto a riprendere, vuol dire che l'ha indovinata.

15 Le preziose corone servite per l'incoronazione del 10 dicembre 1985 I FRUTTI DELL'ANNO DEL SANTO ROSARIO NELLA COMUNITA' DI LINATE Il 7 ottobre 2003 si è concluso l'anno del S. Rosario, che il Papa aveva indetto il 6 ottobre 2002, come appendice dell'anno del Giubileo del 2000, per onorare e ringraziare in particolare la Madonna. A chiusura avvenuta, è lecito chiedersi come è trascorso e quali sono stati i frutti a livello ecclesiale, comunitario e personale. Premesso che i frutti spirituali non sono misurabili con i nostri metri umani, possiamo essere certi che l'anno Mariano è stato un Anno di grazia, non tanto per quello che abbiamo fatto noi, ma per quello che il Signore e la Madonna hanno fatto per noi. La Chiesa quest'anno è diventata certamente più bella, più santa, più mariana, più cristiana. Ma chiediamoci anche quali frutti l'anno del S. Rosario ha prodotto per noi, per me personalmente e nella Comunità di Linate. Per me è stato un anno in cui ho imparato a pregare 'bene' il Santo Rosario. L'ho sempre ritenuto una pratica importante, ma dopo la lettura della Lettera Apostolica di Giovanni Paolo II 'Rosarium Virginis Mariae', che è stata presentata anche su Linate Flash, ho scoperto valori sottesi che non sospettavo. Ho scoperto che il Rosario è una vera preghiera completa: mariana, cristologica, trinitaria, biblica, evangelica, ecclesiale, comunitaria, personale. Per questo mi sono impegnato nella recita quotidiana completa, come esigenza della mia devozione alla Madonna e come dovere del mio ministero pastorale. Credo comunque che dei frutti ci sono stati anche per la Comunità di Linate. Nella predicazione ho insistito tanto nel raccomandare la recita del S. Rosario soprattutto alle famiglie, citando lo slogan del Papa: 'Famiglia che prega unita, vive unita'. L'ho raccomandato tanto anche nell'amministrazione del Sacramento della Penitenza e negli incontri personali. Ho notato però la difficoltà per molti ad introdurre la recita del Rosario se non erano stati abituati fin da piccoli e la difficoltà di ritenere il S. Rosaio una preghiera ripetitiva e molto distraente. Abbiamo introdotto poi la recita del S. Rosario come preparazione alle S. Messe festive e feriali, cosa che faremo anche in futuro. Abbiamo diffuso migliaia di coroncine del S. Rosario ai visitatori della Cappella. Anche il Cappellano, in occasione del suo 45 di sacerdozio ha distribuito 800 corone del Rosario misssionario, con i colori dei 5 continenti. Abbiamo poi completato i misteri del Rosario esposti sulle pareti della Cappella, con l'aggiunta dei '5 misteri luminosi', opera che inaugureremo ufficialmente il prossimo 8 dicembre, festa patronale della Cappella, alla presenza degli artisti Benedetta e Alberto Ceppi. Si poteva fare certamente di più, ma sappiamo che il Signore e la Madonna non guardano al 'quanto', ma al 'come' e hanno visto che quel poco che abbiamo fatto l'abbiamo fatto con il cuore. I ' 5 Misteri luminosi', aggiunti ai 15 'gaudiosi, dolorosi e gloriosi', posti sulle pareti laterali della Cappella di Linate, a completamento dell'opera del Santo Rosario ADOZIONI A DISTANZA DI SINGOLI E DI FAMIGLIE Ala e Enrico Antonietta, Felice e Alessia Allione Sig.ra Amina Arienti Valeria e Fam. Aroldi Sig. Giovanni Azzetti Fam. e Borchia Matilde (2) Baldan Stefano Balsamo Moreno Bastini M. Teresa e Salvatore Bermani F. - Radice C. Borrelli Antonella Botti Fausta e Spotti Emilio Brescianini Angelo Carcasci Matteo Carugati Lazzari Renata Casetta Rosella e Vincenzo Cedrati Daniela, Marco e Aurora Clerici Chiara e Francesco Conforto Galli Dr. Cristina Cristiani Carlo Decio Bartolomeo De Bellis-Carra Elena Di Tizio Lucia e Ferdinando Di Tomaso Nadia, Antonio e Luca Ditta D. E. Impianti Divicari Silvia e Daniela Fabrello Antonio Felisi Nuccia e Franco Fella Lina Florio Francesco Fruner Nadia e Silvano Galbiati Martino Gallizioli Maria e Lina Gardella Ermanno-Gardella Pina Gibertoni Massimiliano Guaraldi Giuseppe Macchi Don Nando e Gisella Maggiore Anna e Pietro Maino Erminio, Stefania, Silvia (4) Mandato Angelina e Donato Menduni Lionello Mary Muggiani Renata Notaro Rocco e Fusari Laura Omenetto Elvira e Emilio Paggiaro Daniele Pirotta Gian Pietro Recchia Francesco Rochira Luciana Rocchitelli Vincenzo Rossi Valeria, Andrea e Leonardo Sacco Angelo - Sacco Elena (2) Santangelo Gabriella e Pietro Soldati Renato-Lehnus Laura(2) Tassi Sig.na Giovanna Tassi Marinella - Fantuz Claudio Toso Romeo Tremolada Don Giovanni Tremolada Laura e Silvia Villa Giuliana e Fam. Vincenzi Maria e Lorenzo Volpato Bruno Zanolli Ivo Mario 15

16 Tra SEA e dintorni Il Cronista Una hostess in attenta lettura di L. F. L'ingresso dell'aeroporto di Malpensa 16 FESTE PATRONALI IN ONORE DELLA MADONNA DI LORETO 8 DICEMBRE 2003 (per la Comunità) 10 DICEMBRE 2003 (per i Pensionati) programma: ore 11 S. MESSA SOLENNE Esterni Carugati Lazzari Renata, Cavalleri Don Angelo, Colombo Piera, Delli Carri Maria e Michele, Di Tomaso Nadia e Antonio, Facchini Mauro e Dina, Giacchi Filippo, Grimaldi Paolo, Maggioni Silvano, Mastromauro Riccardo, Tassi Giovanna, Pensionati Bastini Salvatore, Brescianini Angelo, Buratti Gianni Luigi, Casari Soldà Luisa, Di Tullio Donato, Dossi Domenico, Ienaro Roberto, Pinzuti Giovanni, Pozzi Carlo, Pratesi Gian Franco, Rossi Francesco, Squintani Mario, Taddei Carlo, Trombini Luigia, Interni Guardia di Finanza, Marchini Giuseppe, Nava Luciano, Toso Romeo, Tambellli Dr. Mario ERAN 300 ERAN GIOVANI E FORTI No, non sono i 300 della battaglia di Pirro, che erano giovani e forti e... sono morti! Si tratta invece dei 300 Amici di Linate Flash che anche quest'anno hanno mandato il loro fedele sostegno all'informatore, per cui il bilancio, ancora una volta, si è chiuso alla pari. Tutti sanno oramai che il costo complessivo dei quattro numeri annuali di L. F. è di 5000 E (circa dieci milioni di lire!) ed è coperto unicamente da questi 300 Amici. A dire il vero potrebbero essere un pò di più di 300, dato che parecchi ricevono da anni il Giornale e non hanno mai compiuto un gesto di sostegno! Speriamo nel nuovo anno! La più bella ricompensa comunque è che L. F. è gradito e letto da tutti, anche perchè è l'unico informatore di Linate. Vengono stampate 3000 copie ogni volta, di cui 2000 vengono distribuite manualmente in aeroporto e 1000 vengono spedite per posta in Italia e all'estero. Qualcuno ha suggerito di stamparne 5000 invece di 3000, per favorire i Passeggeri, molti dei quali si mostrano curiosamente interessati alla vita della Cappella, ma le casse non lo permettono. Anche le spese di incellofanatura e postali non sono indifferenti e incidono notevolmente sulla spesa complessiva. Per questo abbiamo dovuto rivedere un pò l'indirizzario per fare qualche taglio. In ogni caso, sono orgoglioso dei 300 Amici, li ringrazio infinitamente e li benedico di cuore. Don Giovanni Prospetto degli Amici di Linate Flash dal al Esterni 149 Pensionati 119 Interni 43 Tot. 311 P NOTIZIE E CURIOSITA' IN BREVE er tre giorni c onsecutivi la televisione e la stampa nazionali hanno strombazzato come scoop la notizia dei licenziamenti dei 18 dipendenti della SEA resisi colpevoli, insieme ad altri 11, dei furti dei bagagli a Malpensa, nell'agosto La SEA ha inteso così difendere la onorabilità dei lavoratori, l'immagine della Società e nello stesso tempo tranquillizzare i passeggeri che si aspettavano un provvedimento deciso. Ora purtroppo rimangono i drammi personali e familiari degli interessati, per l'umiliazione subìta e per la perdita del posto di lavoro. D'altra parte bisogna essere anche realisti e dire con il proverbio che: 'chi è causa del suo mal, pianga se stesso'! Meglio pensarci prima che piangere dopo! Speriamo che la lezione serva per tutti e per sempre. N el mese di settembre è stato rinnovato il Sito Internet della Cappella di Linate, che dispone di ben 18 pagine con testi e foto che illustrano le varie attività. Ora anche Linate Flash può essere letto in Internet, come del resto tutte le omelìe del Cappellano tenute nella Cappella negli Anni liturgici A e C. Il Sito viene visitato da circa 300 persone ogni mese, alcune delle quali mandano delle di gradita sorpresa e di apprezzamento. L'ultima voce aggiunta riguarda l'attualità, che riporterà ogni trimestre i programmi delle varie manifestazioni e feste della Cappella e della Comunità.

17 Attività artistica al Centro Estivo Un clochard in aerostazione a Linate NOTIZIE E CURIOSITA' IN BREVE Pare che gli aeroporti di Linate e Malpensa abbiano trovato finalmente il loro equilibrio quanto ai passeggeri. Linate si è assestato sui passeggeri giornalieri, con un picco di il 3 ottobre 2003, mentre Malpensa si è assestato sui giornalieri, con un picco di il 17 agosto Venerdì, 5 settembre 2003 ha concluso l'attività il Centro Estivo della SEA per i figli dei Dipendenti, dai 6 ai 12 anni, dopo tre mesi di intensa attività. Il Centro Estivo, che dura da parecchi anni, è una provvidenza per i genitori lavoratori. E' doveroso un grazie alla SEA e ai giovani assistenti dei ragazzi. NOTIZIE E CURIOSITA' IN BREVE Il 31 agosto 2003, sono terminati puntualmente i lavori straordinari all'ata, l'aeroporto privato di Linate e il 1 settembre sono ripresi regolarmente i voli. I lavori sono consistiti nel rifacimento del Piazzale aerei, della rete fognaria, dei raccordi con il Forlanini, della segnaletica, che ora dovrebbe garantire maggior sicurezza. In settembre sono iniziati i lavori di restauro della Torre di controllo di Linate Dopo tanti progetti per una nuova Torre, l'enav ha deciso di ringiovanire quella vecchia all'interno e all'esterno, fra la perplessità dei Controllori di Volo che ritengono la decisione una soluzione di ripiego non pienamente soddisfacente. Il Gruppo di O. K. TEAM, al termine della S. Messa in onore del Nome di Maria, partecipata per propiziare la protezione della Madonna sulla ripresa dell'attività lavorativa, lo scorso 12 settembre. Il Nome 'Maria' secondo San Bernardo, significa 'Stella del mare'. Ora, poichè il Gruppo di O. K. TEAM ha come logo e simbolo una 'Nave', la Madonna è stata proclamata celeste 'Patrona' di O. K. TEAM. D'ora innanzi verrà invocata così: ' O Maria, Stella del mare e di O. K. Team, prega per noi'! E' toccato quindi al capitano della 'Nave', cioè al leader di O. K. Team, il Sig. Balsamo Maurizio, leggere, fra la commozione dei presenti, la riflessione e la preghiera di San Bernardo alla Madonna, conclusa con la benedizione del Cappellano. I parenti del Cappellano che il 14 settembre scorso si sono riuniti nella Cappella di Linate per ricordare, onorare e suffragare la memoria dei Religiosi e delle Religiose del Parentado, e in particolare di una zia, Suor Agnese Arienti, Salesiana, amata da tutti e mancata nel 2000 all'età di 82 anni. Il Cappellano ha poi ricordato con loro anche il suo 45 di Sacerdozio. FERRAGOSTO 2003 CON 138 CLOCHARDS Alcuni erano già pronti in aerostazione alle 7 del mattino e non trovando a quell'ora il Cappellano, si erano preoccupati e si domandavano: ci sarà oggi la festa? Alle la Cappella era già zeppa come mai nel corso dell'anno. Hanno recitato il S. Rosario cantando a pieni polmoni l'ave Maria di Lourdes. Alle 11 la S. Messa solenne con l'omilìa del Cappellano: 'I poveri sono i prediletti del Signore, della Madonna e della Chiesa. Del Signore, il quale 'da ricco che era si è fatto povero per arricchire noi della sua povertà'. Gesù è nato povero, è vissuto povero ed è morto povero. I poveri sono i prediletti della Madonna perchè la Mamma ha sempre un occhio di riguardo verso i figli più bisognosi. Sono anche i prediletti della Chiesa, la quale si professa e vuole essere la Chiesa dei poveri'. Al termine della S. Messa, il Cappellano li avverte: 'Ora andremo al Ristorante per consumare il pranzo di ferragosto, che non avrà nulla da invidiare a quello che Berlusconi consumerà nella sua villa in Sardegna'. Applausi! La sorpresa c'è stata però all'uscita dalla Cappella, quando i Clochards si sono improvvisamente moltiplicati, da 50 a 138! Presieduta dal pastore, si è quindi snodata la processione laica diretta al Ristorante, con gente che cercava di sorpassare per paura di arrivare in ritardo e di rimanere esclusa. Il Personale del Ristorante Onama ha fatto miracoli triplicando i pasti e il servizio. Il Cappellano ha ringraziato lo Shef e le Inservienti omaggiando loro il 'gabbiano'. Dopo aver dato ai Clochards la 'paghetta' e una coroncina del S. Rosario, che alcuni si sono messi subito al collo, nel salutarli, il Cappellano ha dato loro l'arrivederci a Natale, aggiungendo scherzosamente: 'nella speranza che qualcuno si dimentichi di venire'! 17

18 Linate chiama Cameroun Il Missionario ADOZIONI A DISTANZA OBIETTIVO Aiutare un bambino povero e handicappato, mantenendolo nel suo ambiente. CONSISTENZA Nel fatto che una persona singola, una famiglia, un Gruppo aeroportuale, si fà carico delle necessità di un bambino/a in grave stato di bisogno, versando una quota fissa annuale per il suo mantenimento, le cure mediche e la sua istruzione. DURATA L'ideale sarebbe portare il bambino/a adottato, fino al compimento degli studi (14 anni). CONTRIBUTO La somma annuale stabilita dal 'Foyer Handicappees'- PO Ebolowa (Cameroun), è di s 258/00 (Adozione intera), o di s129/00 (Adozione parziale), da versare alla Cappella in una sola volta, o anche a rate, entro il 31 luglio di ogni anno. CARI GENITORI ADOTTIVI DI LINATE I bambini camerunesi del Foyer di Ebolowa durante una pausa scolastica, posano per i Genitori adottivi di Linate e con il loro sorriso semplice e spontaneo sembrano dire: Grazie amici! Vi vogliamo bene! Cari Genitori Adottivi di Linate: le vacanze estive sono trascorse da tempo anche per i 'nostri' bambini camerunesi, i quali, ai primi di settembre sono rientrati al Foyer di Ebolowa per iniziare il nuovo anno scolastico. Come già sapete, sono tutti bambini che hanno qualche handicap: mentale, o vocale, o visivo, o motorio. Quest'anno, essendo i bambini più numerosi del solito, abbiamo dovuto aumentare gli Insegnanti, con un notevole aggravio economico. Al Foyer c'è un clima sereno perchè i bambini mangiano, dormono, giocano, studiano e pregano... anche per i loro Genitori adottivi. Stanno già preparando i biglietti augurali per Natale, che vi manderanno più avanti e sono in attesa curiosa del dono natalizio che riceveranno a nome vostro a Natale. Sento il bisogno di ringraziarvi, a nome dei bambini, dei loro genitori e del Personale insegnante, per quello che avete fatto nell'anno trascorso, sicuro che anche in questo nuovo anno ci sarete vicini. Grazie al vostro sostegno annuale (s = L ), abbiamo potuto migliorare tante cose al Foyer e assistere meglio i bambini, sia logisticamente, che fisicamente e spiritualmente. Il Signore vi benedica, insieme a Don Giovanni e a tutta la bella Comunità di Linate. Anche se le Feste natalizie sono ancora un pò lontane, vi anticipo gli auguri più sinceri e cordiali. Vostro P. Sergio Janeselli BILANCIO DELLE ADOZIONI NEL * Dal al sono state raccolte per le 'Adozioni a distanza' totali e parziali s (pari a L ) * Al sono stati trasmessi a P. Janeselli mediante Bonifici, la somma di s (pari a L ) (per le quote e per il regalo natalizio 2003) * Le spese vive (per la Banca, le Poste, la cancelleria, ecc.), sono state di s (pari a L ) * al rimangono in Cassa, s (pari a L ). N. B. Ai Genitori adottivi è stata inviata una lettera specifica con i dettagli del caso. RIFLESSIONE DEL CAPPELLANO Miei cari: Vorrei ricavare un pensiero dal 'Messaggio' del Papa per la Giornata Missionaria Mondiale che si è celebrata domenica 19 ottobre. Il Messaggio potrebbe essere intitolato: 'Il Rosario e la missione'. Il Rosario, secondo la definizione di Giovanni Paolo II, è 'la contemplazione del Volto di Cristo con gli occhi di Maria'. Ciò significa che, più meditiamo il S. Rosario e più i lineamenti di Gesù si imprimono anche in noi, e così diventiamo 'santi'. Più diventiamo santi, e più sentiamo il bisogno di comunicare anche agli altri quello che sperimentiamo noi, e cosi' diventiamo 'missionari'. 'Santità e missione - dice il Papa - sono due aspetti inscindibili della vocazione di ogni battezzato'. 'Continuiamo pertanto - conclude Giovanni Paolo II - a recitare il S. Rosario e diventeremo degli autentici missionari'. Vostro Don Giovanni 18

19 Dove volano i Gabbiani' Il Pensionato PROGRAMMA Duomo di Monza Ore Ritrovo in Cappella CARI PENSIONATI, VI INVITO! Miei Cari: si avvicinano le Feste patronali della Cappella in onore della Madonna di Loreto, feste che noi celebriamo in due tempi: la festa popolare l'8 dicembre, insieme alla Madonna Immacolata e la festa liturgica il 10 dicembre, che essendo giornata lavorativa per la Pensionati aeroportuali Comunità, è stata dedicata ai Pensionati aeroportuali, che ritornano a Linate per onorare la Madonna, per incontrare i vecchi colleghi e amici e, quest'anno, per partecipare alla gioia del Cappellano che celebra i 45 anni di Ordinazione sacerdotale. La festa dei Pensionati si divide in due parti: la mattinata è occupata dalla S. Messa per onorare la Madonna, per suffragare i colleghi defunti e per chiedere grazie per tutti i pensionati viventi. Il pomeriggio viene dedicato alla cultura e allo svago. Ogni anno visitiamo qualche monumento artistico della città o dell'hinterland. Quest'anno sarà un pomerigio super perchè andremo a visitare la città di Monza, capitale della Brianza, nei suoi monumenti religiosi e civili: il Duomo, con la Cappella della Regina Teodolinda, la Corona ferrea, il Museo e l'arengario. Faremo una sosta anche al famoso Autodromo di Monza, dove probabilmente potremo ripercorrere la pista di gara, osservando da vicino le varie strutture. Concluderemo la giornata nel Ristorante dell'autodromo, per il rinfresco e lo scambio di auguri. Sarà una giornata indimenticabile e speriamo anche piena di sole. Alcune norme pratiche: - Questo scritto vale come invito personale per tutti i Pensionati - Si può venire accompagnati dalla moglie, o dal marito, o da un amico (vorrà dire che si farà una offerta libera per la persona che non è pensionata aeroportuale). - Sarà un pò difficile parcheggiare la macchina, ma con un pò di pazienza e di buona volontà ci riuscirete. - L'appuntamento è in Cappella per le 10.45, mentre nel pomeriggio il pulman partirà per Monza alle in punto, dal Piazzale antistante la Mensa aziendale della SEA. Corona ferrea Ore Partenza per Monza Autodromo Ore Ritorno a Linate Ristorante PER FINIRE IN ALLEGRIA Alcuni ricordi simpatici del passaggio di Francesco Totti, grande calciatore romanista, barzellettista e ambasciatore dell'unicef, a Linate, nel mese di agosto. L'incontro con il Poliziotto: - Nome? - Cognome? - Nato? - Francesco. - Totti - Sì! Il calciatore era insieme al nipotino, il quale a un certo punto gli dice: - Zio, guarda, un aereo decolla! - E Totti brusco: Ma che cosa dici, gli aerei so' de ferro! Con Totti c'era anche la fidanzata, la quale gli dice: - Francè, ma lo sapevi che col Concorde, in quattro ore da Parigi stavi a New York? - E Totti: Sè... Mo' volava! Totti chiama l'ufficio informazioni della SEA - Senta, vorrei prenotà 'na telefonata...' - Bene, deve solo comporre il numero 10 sulla tastiera. Totti dopo un attimo di pausa: - E come faccio? I tasti sur telefono mio arivano a 9!!! Totti è assediato dai giornalisti. Uno gli chiede: - Lei ha mai letto un libro? - Sì, leggetti Rin Tin Tin! - Lessi, lo riprende il giornalista - No no, mo 'o ricordo bene, nun era Lessi, era proprio Rin Tin Tin 19

20 CAPPELLA SANTUARIO MADONNA DI LORETO Celebrazioni e Servizi 1 novembre - sabato Festa di TUTTI I SANTI - Ore 11 S. Messa Chi visita la Cappella può lucrare l'indulgenza plenaria applicabile a un defunto, alle solite condizioni. Durante l'ottava, chi visita un cimitero e prega almeno mentalmente per i Defunti, può acquistare l'indulgenza plenaria. Possibilità di Confessioni. 2 novembre - domenica Commemorazione di TUTTI I FEDELI DEFUNTI - Possibilità di Confessioni Ore 11 S. Messa 9 novembre - domenica N. S. GESÙ' CRISTO, RE DELL'UNIVERSO Ore 11 S. Messa 16 novembre - domenica PRIMA DI AVVENTO, in preparazione al S. Natale. Ore 11 S. Messa Ogni giovedì di Avvento, in Cappella, dalle 14 alle 16: esposizione e adorazione silenziosa del Santissimo Sacramento. Ore S. Messa 30 novembre - domenica TERZA DOMENICA DI AVVENTO - Ricordo delle Vittime e dei Defunti aeroportuali Ore 11 S. Messa 7 dicembre - domenica QUARTA DOMENICA DI AVVENTO - SANT'AMBROGIO Patrono della Città e della Diocesi di Milano - Nell'atrio della Cappella: esposizione del Presepe. Ore 11 S. Messa Giornata della Riconciliazione in preparazione alla Festa Patronale 8 dicembre - lunedì MADONNA IMMACOLATA e Festa popolare della MADONNA DI LORETO Ore 11 S. Messa - Indulgenza plenaria a chi visita la Cappella, alle solite condizioni. Inizia la 'MINIMISSIONENATALIZIA 2003' (Tel. Cappella 2510) 10 dicembre - mercoledì MADONNA DI LORETO - (Festa liturgica) - Festa patronale di Linate - Raduno sociale dei Pensionati aeroportuali Ore 11 S. Messa - Pomeriggio culturale, con la visita dei Monumenti di Monza (MI). 21 dicembre - domenica DIVINA MATERNITÀ DELLA BEATA VERGINE MARIA Al termine della Santa Messa delle 11, il Cappellano imparte la Benedizione natalizia ufficiale a tutto l'aeroporto. 24 dicembre - mercoledì Vigilia del S. Natale - Giornata della Riconciliazione - Ore Veglia, seguita dalla S. Messa di mezzanotte, accompagnata dal Quartetto sinfonico 'Soli Deo gloria' 25 dicembre - giovedì SANTO NATALE DEL SIGNORE - Ore 11 S. Messa con la partecipazione degli Amici Clochards. Seguirà il pranzo natalizio 26 dicembre - venerdì SANTO STEFANO - Ore 11 S. Messa 28 dicembre - domenica OTTAVA DI NATALE - Ricordo delle Vittime e dei Defunti aeroportuali - Ore 11 S. Messa 31 dicembre - mercoledì SAN SILVESTRO - Ore S. Messa prefestiva di ringraziamento 1 gennaio - giovedì CAPODANNO - Giornata della pace: 'Diritto internazionale: via della pace' - Ore 11 S. Messa S.S. Messe Prefestiva ore Domenica e festivi ore 11 Lunedì, Martedì e Mercoledì ore 13 Giovedì, Venerdì ore Confessioni Prima e dopo le S.S. Messe o nelle ore di ufficio del Cappellano Catechesi In preparazione alla Cresima o al Matrimonio: da concordare con il Cappellano Adorazione Cappellano 20 Giovedì ore 14-16, in Avvento, Quaresima e Tempo pasquale Presente in aeroporto: tutti i giorni Presente in ufficio: nelle ore attorno alla Messa Per comunicazioni urgenti: Segreterìa telefonica Fax Internet: - uli. it. Conto Corrente Postale:

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON PAPA FRANCESCO. Rosario Cagliari 22 settembre 2013. Il Rosario e i giovani

IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON PAPA FRANCESCO. Rosario Cagliari 22 settembre 2013. Il Rosario e i giovani Destinatari del sussidio: Giovani IN PREGHIERA VERSO L INCONTRO CON Rosario Si mantiene lo schema del Rosario e dopo la proclamazione di ogni mistero si legge una riflessione tratta dalle parole di Papa

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli