Introduzione alla rete Skype

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione alla rete Skype"

Transcript

1 Introduzione alla rete Skype Fulvio RISSO Un sentito ringraziamento a Livio Torrero, che ha fornito parte delle slides di questa raccolta 1

2 Le reti peer to peer (1) Overlay peer-to-peer I peer si organizzano in un overlay L overlay è una rete sulla rete I peer si organizzano creando dei link virtuali fra loro Normalmente nell overlay esistono più copie della stessa risorsa per massimizzarne la raggiungibilità 2

3 Le reti peer to peer (2) Caratteristiche Tutti i nodi sono potenzialmente sia client che server I nodi in quanto tali non hanno le stesse disponibilità di risorse di un server tradizionale (banda ) Alcuni peer hanno connettività limitata (NAT, firewall ) Le reti peer-to-peer sono reti di grandi dimensioni Potenzialmente di dimensioni mondiali 3

4 Reti P2P: operazioni fondamentali Un nodo P2P svolge le seguenti operazioni di base: BOOT: è la fase di ingresso nella infrastruttura P2P Cache preesistenti Configurazione statica Nodi centralizzati di bootstrap LOOKUP RISORSE: come localizzo le risorse su una infrastruttura P2P? SCAMBIO DI DATI (file, VoIP, IM,...): come avviene lo scambio di dati tra due client della rete P2P? 4

5 Classificazione P2P: tecniche di lookup Lookup in infrastrutture P2P Centralizzato Decentralizzato Prime implementazioni di Implementazioni più infrastrutture peer Approccio ancora fortemente simile al client server Basate su nodi fissi Napster Colli di bottiglia => non scalano Single point of failure => infrastruttura fragile evolute Non c è più un nodo di lookup centralizzato Le informazioni di lookup sono distribuite sui nodi Pro: maggiore scalabilità Lookup distribuito e reti gerarchiche Contro: maggiore complessità Se non c è più server centrale, come si trovano le risorse? Non strutturato Non fornisce un controllo stretto sulla topologia della rete peer to peer Non esiste un directory service vero e proprio Uso estensivo del flooding Gnutella, Kazaa Strutturato I peer si organizzano secondo una topologia precisa Esiste un directory service distribuito Ricerche efficienti, ma quanto costa mantenere il directory service? Emule, Bittorrent 5

6 Kazaa: introduzione Kazaa è stato scritto da Niklas Zennstrom e Janus Friis nel

7 Kazaa: overlay gerarchico ON TCP SN TCP SN TCP TCP SN TCP SN TCP ON Basata sul protocollo Fast Track Rete gerarchica a 2 livelli SuperNodi (SN) Nodi Ordinari (ON) Le connessioni tra SN e ON e tra SN e SN sono su TCP Si utilizza HTTP per il download dei dati Tutto il traffico di segnalazione (connessione + lookup) è criptato 7

8 Kazaa: ingresso nella rete 1. Ogni nodo mantiene una cache di SN (SN cache list) Esistono default server se la cache è vuota All inizio un ON prova tutti i SN nella cache con pacchetti UDP ON UDP probe UDP probe SN SN 2. L ON inizia connessioni TCP simultanee con più SN ON TCP connect TCP connect SN SN 3. L ON seleziona un SN e si disconnette dagli altri 8 ON disocnnect SN SN

9 Kazaa: metadata Quindi manda in upload al suo SN metadati circa i file che contiene Manda IP della macchina ON, nomi dei file, metadati sui file stessi I metadati per un file includono: nome file dimensione contenthash che identifica la risorsa (file) ON Metadata SN E come se ogni SN fosse un piccolo server Napster Ogni SN tiene informazioni solo sui suoi ON (non su quelli dei SN vicini) 9

10 Kazaa: neighbor selection Ogni SN manda ai suoi ON una lista con 200 altri SN alla connessione ON Lista SN alternativi SN Queste informazioni sono usate per popolare la SN cache List I SN nella cache list sono quasi tutti nodi vicini al nodo Vicinanza valutata sulla base dell RTT (il 60% dei nodi in cache list RTT<50ms) 10

11 Kazaa: lookup delle risorse(1/2) 1. Ricerca di blocchi di metadati che corrispondono alla parola chiave Gatto? ON Query( Gatto ) SN 2. I SN inoltrano ad altri SN le richieste di lookup Algoritmo non noto, forse dynamic querying o random walk: SN sceglie a caso un vicino e gli passa la richiesta Migliorabile parallelizzando richieste Scelgo SN 3 Rispondo alla query SN Query( Gatto ) SN 1 Query( Gatto ) SN 3 11

12 Kazaa: lookup delle risorse (2/2) 3. Le risposte contengono i metadati relativi al file includendo le informazioni sui peer su cui si trovano Gatto_bianco.txt Gatto_nero.txt ON Answer SN 4. ON sceglie un file e fa una richesta di download con il contenthash del file come parametro (simile a HTTP GET) La connessione per il download è diretta Per incrementare le prestazioni il download è fatto scaricando in parallelo il file a frammenti dall insieme di nodi che lo contengono 5. Se il download fallisce si cerca di nuovo il file direttamente con il contenthash ON Download(chash) SN ON Query(chash) SN 12

13 Kazaa: download con firewall Se il peer richiedente è dietro NAT/firewall, inizia lui il trasfrerimento ON A Se il peer con il file è dietro NAT/firewall, inizia lui il trasferimento Downolad(chash) 1. ON A chiede di iniziare attraverso il SN 2. SN risponde con IP e porta del peer con il file 3. Il peer con il file manda una richiesta a ON A: pin hole sul NAT 4. ON A inizia il download come al solito N A T Downolad(chash) Kazaa peer 1:Downolad_req 2: peer info SN 3:GIVE ON A 1:Downolad(chash) N A T 1:Downolad_req 3:GIVE 2:Downolad(chash) Kazaa peer 13

14 Punti di forza della soluzione Skype Non è necessario avere indirizzi pubblici per fare VoIP I NAT non sono un problema per fare VoIP Non è davvero importante avere IPv6 La qualità del servizio è un prerequisito che si può mettere in discussione La morte della QoS? Non è necessario avere infrastrutture costose per fare VoIP Nessuno aveva pensato alle reti P2P per fare VoIP Ha sdoganato il P2P in ambito aziendale Le tecnologie P2P non sono fatte solo per utenti domestici e per scambiare contenuti illegali 14

15 Le principali innovazioni tecniche La voce può essere trasmessa anche su TCP Tecniche di NAT/Firewall traversal particolamente efficaci Hole punching Triangolazione attraverso relay, senza particolari ricadute sul ritardo endto-end Gestione di una rete P2P non strutturata attraverso una infrastruttura gossip-based Ottima gestione della voce (qualità dei codec, soppressione del rumore, gestione dell eco, etc) Estremamente robusto e pervasivo e la concorrenza è ancora anni indietro 15

16 Skype: struttura logica dell overlay Bootstrap Server Login Server Topologia logica estremamente simile a quella di Kazaa Login Server: nuova entità non necessaria in precedenza SuperNode Client SuperNode SuperNode Client Client Client Client Client Client Client 16

17 Il SuperNodo Skype (1) Sono i normali client Skype Non ci sono indicazioni sul fatto che esistano dei SuperNodi gestiti direttamente da Skype stesso, anche se molto probabili Si diventa supernodi in base alle proprie caratteristiche Un host pubblico, senza restrizioni, con banda di 10Mbps diventa SuperNodo in pochi minuti Analisi dimostrano come un buon supernodo generi circa 5Kbps di traffico aggiuntivo È possibile disabilitare questa funzionalità attraverso opportune configurazioni (es. nel registry) È possibile forzare la scelta di un supernodo attraverso l editing del file shared.xml 17

18 Il SuperNodo Skype (2) Analisi dell andamento temporale dei SN Skype Andamento prevalentemente diurno Indicazione del fatto che coincide con la normale giornata lavorativa Applicazioni P2P classiche: un SN è normalmente attivo per la durata di un download, poi viene spento Spesso il download dura giorni (anche settimane) 18

19 Fase di boot Il client si collega ad uno o più SuperNodi Lista dei supernodi Aggiornata dinamicamente Salvata localmente nel file shared.xml In mancanza della lista o in caso di problemi (SN mancanti, connessione fallita) Si collega ad un insieme di nodi predefiniti (Bootstrap Servers) Protocolli Porte Di preferenza UDP; fallback in TCP Indicata nel file shared.xml Porta nel caso di Bootstrap Server (cablata nell eseguibile) Il Login avviene solamente se il client fa parte dell Overlay 19

20 Fase di Login Necessario contattare il Login Server Primo tentativo: il Login server viene contattato direttamente In caso di failure, la richiesta di login viene inoltrata attraverso l overlay Controllo sull esistenza di una nuova versione di Skype Connessione HTTP verso un server noto Controllo della posizione del client Usato probabilmente un protocollo STUN-like 20

21 Ricerca di un utente Fatta attraverso l overlay Tecnologia GlobalIndex Sorprendentemente, la ricerca di un utente non avviene tramite il Login Server Skype garantisce la replicazione dei dati in modo che un utente sia sempre localizzabile se si è collegato alla rete nelle ultime 72 ore Ricerche con wilcard: risultati diversi da macchine diverse Indice che la ricerca è fatta attraverso un lookup su una rete P2P di tipo non strutturato 21

22 Scambio dati (VoIP) Di preferenza diretto Sicuramente nel caso di host pubblici Spesso anche nel caso di host dietro NAT In caso non sia possibile Triangolazione attraverso un supernodo Traffico completamente criptato SuperNode Client Rete privata Internet Rete privata Client 22

23 Scambio dati (File transfer) Come VoIP Di preferenza diretto Triangolazione in caso non sia possibile Lento, a causa di rate limiters sui supernodi SuperNode Client Rete privata Internet Rete privata Client 23

24 Trasmissione della voce Codec tradizionali Non c è innovazione in questo campo Banda occupata tra 3 16 Kbps (con headers) Non c è soppressione dei silenzi Paradossalmente, un vantaggio La soppressione pone dei problemi nel caso di perdita di pacchetti (è impossibile distinguere al volo tra silenzio e un pacchetto perso) Ottima gestione del ritardo Capacità di estendere un campione vocale e recuperare in un successivo tempo (anche nel caso di silenzio) in modo da ripristinare valori di ritardo accettabile Ottimo ritardo mouth-to-ear confronto ad altri client nelle stesse condizioni Gestione di VoIP su TCP particolarmente innovativa 24

25 Altre funzionalità Conferenza multipla Funziona molto bene Gestita attraverso un server centrale (uno dei client stessi) Non richiede il setup di nodi aggiuntivi (es. MCU) Per inciso, questa soluzione è normalmente più efficiente di una soluzione basata su multicast Instant Messaging Nulla di particolarmente evoluto, ma funzionale Non interoperabile con altre reti E-presence Nulla di particolarmente evoluto, ma funzionale Alcuni problemi di sincronizzazione File Transfer Funziona; spesso con prestazioni scarse Forse un rate limiter di skype stesso nel momento in cui una sessione richiede una triangolazione, da parte del supernodo 25

26 Bloccare Skype su una rete In generale, abbastanza difficile Uso indifferentemente di TCP e UDP, e di qualunque porta (ad es. può camuffarsi da Web server) Fase di Boot Difficile; necessario impedire la creazione dell overlay Il client non deve potersi collegare a nessun SuperNodo Devono essere droppati tutti i pacchetti diretti ai BootstrapServers Basta aggiornare il client di Skype (alla peggio con una chiavetta USB) per avere eventualmente nuovi indirizzi di Bootstrap Fase di Login Impossibile; alla peggio le richieste vengono inoltrate dall overlay Fase di scambio dati Difficile; è tutto cifrato Spesso il traffico è diretto (non è possibile bloccare gli IP dei server) 26

27 Skype non è Open Source... Skype implementa un numero considerevole di tecnologie per impedire di capire come funziona Codice criptato (decrittato a run-time) Struttura del programma (imports, etc) non convenzionale (tool di build custom?) Obfuscation Controlli sulla velocità di esecuzione (per impedire il debugging) Questo cosa significa? che gli autori di Skype vogliono proteggere le loro tecnologie? che nascosto in Skype c è qualcosa di poco pulito? altre idee? 27

28 Le principali problematiche di Skype QoS Non c è modo di garantire la qualità della telefonata nella tratta su Internet L infrastruttura P2P è, globalmente, estremamente robusta, ma il singolo nodo (preso singolarmente) può essere inaffidabile Chiusura di codice e protocolli Protezione della proprietà intellettuale? Estrema difficoltà a riconoscere il traffico e assegnargli opportuni privilegi Aspetti legali Lawful interception Infrastruttura completamente distribuita + chiusura di codice e protocolli È possibile influenzare l overlay, ma non controllarlo completamente Es. pilotare la scelta dei supernodi 28

29 Uso di Skype Utilizzo a livello enterprise : tanti contro e pochi pro Client chiuso (malware?; privacy delle comunicazioni?) Le mie comunicazioni non saranno intercettate e rivendute a terze parti? Difficile da controllare Lawful Interception? Riconoscimento del traffico per QoS opportuno sulla rete enterprise QoS sul tratto nella big Internet Scelta di gateway e supernodi Impossibile definire politiche di routing tra diversi provider VoIP Login server: Skype può conoscere locazione e istante temporale di ogni nostro login Utilizzo a livello personale Non può essere bloccato; può essere scoraggiato attraverso tecnologie equivalenti (o migliori) Può essere una buona soluzione 29

30 Bibliografia Alcuni articoli significativi K. Suh, D. Figueiredo, J. Kurose, and D. Towsley, Characterizing and detecting skype-relayed traffic, in Proceedings of Infocom, S. Baset and H. Schulzrinne, An analysis of the skype peer-topeer internet telephony protocol, in Proceedings of Infocom, S. Guha, N. Daswani and R. Jain. An Experimental Study of the Skype Peer-to-Peer VoIP System, In Proceedings of The 5 th International Workshop on Peer-to-Peer Systems (IPTPS '06), Santa Barbara, CA, February 2006, pp Presentazioni Philippe Biondi, Fabrice Desclaux, Silver Needle in the Skype, BlackHat Europe 2006, The Netherlands, February

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Reti non strutturate: casi di studio Livio.torrero@polito (Livio.torrero@polito.it) 09/2009 Napster: introduzione Livio Torrero - Politecnico di Torino Nato come applicativo

Dettagli

Contesto: Peer to Peer

Contesto: Peer to Peer Contesto: Peer to Peer Un architettura di rete P2P è caratterizzata da: Connessioni dirette tra i suoi componenti. Tutti i nodi sono entità paritarie (peer). Risorse di calcolo, contenuti, applicazioni

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - File Transfer Protocol (FTP) - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Bittorrent (caso di studio) Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Bittorent: concetti base (1/2) La rete Bittorrent si basa su tracker Spesso integrato con

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano FTP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il protocollo FTP 1/2 Attraverso il protocollo FTP (File Transfer Protocol) è possibile trasferire uno o più files di qualsiasi tipo tra due macchine Tale

Dettagli

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi Peer To Peer (P2P) Peer-to-Peer (P2P) File Sharing? Sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Gennaro

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Il routing nelle reti IP

Il routing nelle reti IP Il routing nelle reti IP A.A. 005/006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS

AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS AEMcom Peer2Peer Ubuntu \ Mac OS La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Approfondimento tecnico servizio WDSL

Approfondimento tecnico servizio WDSL Approfondimento tecnico servizio WDSL (aggiornamento del 28/03/2013) Configurazione IP: L'apparato CPE che viene installato presso il cliente funziona in modalità ROUTER, cioè effettua un NAT verso la

Dettagli

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008 Master SIIT 1 luglio 2008 Scaletta 1 Che signica P2P? Vantaggi e svantaggi Obiettivi 2 La prima generazione: Napster e Gnutella Seconda generazione: Superpeer e Kazaa I più usati (per ora): emule e BitTorrent

Dettagli

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network.

VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. VoIP - Voice over Internet Protocol. 1 Introduzione alla Telefonia su Internet Network. La trasmissione di voce in tempo reale su di una rete IP (Internet Protocol), conosciuta anche come Voice over IP

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Antonio Capone, Flaminio Borgonovo e Stefano Paris IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

AEMcom Peer2Peer - Windows

AEMcom Peer2Peer - Windows AEMcom Peer2Peer - Windows La rete di AEMcom raggiunge ormai tutto il territorio della provincia di Cremona, arrivando a coprire anche alcuni comuni dei territori confinanti. AEMcom Peer2Peer nasce come

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

Sistemi distribuiti peer-to-peer

Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemidistribuiti peer-to-peer

Dettagli

Manuale di configurazione CONNECT GW

Manuale di configurazione CONNECT GW Modulo gateway FA00386-IT B A 2 10 Manuale di configurazione CONNECT GW INFORMAZIONI GENERALI Per connettere una o più automazioni al portale CAME Cloud o ad una rete locale dedicata e rendere possibile

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Obiettivi d esame HP ATA Networks

Obiettivi d esame HP ATA Networks Obiettivi d esame HP ATA Networks 1 Spiegare e riconoscere tecnologie di rete e le loro implicazioni per le esigenze del cliente. 1.1 Descrivere il modello OSI. 1.1.1 Identificare ogni livello e descrivere

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Esercitazione 7 Sommario Firewall introduzione e classificazione Firewall a filtraggio di pacchetti Regole Ordine delle regole iptables 2 Introduzione ai firewall Problema: sicurezza di una rete Necessità

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI

LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI VPN: VNC Virtual Network Computing VPN: RETI PRIVATE VIRTUALI LE POSSIBILITA' DI ACCESSO DA REMOTO ALLE RETI DI CALCOLATORI 14 marzo 2006 Fondazione Ordine degli Ingegneri di Milano Corso Venezia Relatore

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti

Il livello delle applicazioni. Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti Il livello delle applicazioni Si trattano qui i servizi proposti agli utenti dalle reti 27/04/2005 2 Perché livelli diversi? Strato applicazioni Protocolli applicativi servizi utente Strato TCP/UDP Interazione

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Ing. Michele Amoretti Distributed Systems Group VI Incontro del GARR 17 Novembre 2005 Sommario - Organizzazioni virtuali - Modelli architetturali P2P - Skype

Dettagli

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente

Introduzione a Windows XP Professional Installazione di Windows XP Professional Configurazione e gestione di account utente Programma Introduzione a Windows XP Professional Esplorazione delle nuove funzionalità e dei miglioramenti Risoluzione dei problemi mediante Guida in linea e supporto tecnico Gruppi di lavoro e domini

Dettagli

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore...

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore... emule Files Sharing for dummies...or nearly... By Dario Maggiari L' autore... Dario Maggiari è laureato in Informatica Applicata all'università di Pisa e frequenta i corsi della Laurea Specialistica in

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 9, firewall. I firewall

Sicurezza nelle applicazioni multimediali: lezione 9, firewall. I firewall I firewall Perché i firewall sono necessari Le reti odierne hanno topologie complesse LAN (local area networks) WAN (wide area networks) Accesso a Internet Le politiche di accesso cambiano a seconda della

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Petra VPN 3.1. Guida Utente

Petra VPN 3.1. Guida Utente Petra VPN 3.1 Guida Utente Petra VPN 3.1: Guida Utente Copyright 1996, 2004 Link s.r.l. (http://www.link.it) Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

NAS 259 Proteggere i dati con la sincronizzazione remota (Rsync)

NAS 259 Proteggere i dati con la sincronizzazione remota (Rsync) NAS 259 Proteggere i dati con la sincronizzazione remota (Rsync) Creare ed eseguire un processo di backup Rsync A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica Lezione n.6 Sistemi P2P: Gnutella Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5 1 Gnutella: il protocollo in breve Messaggi scambiati sulla Overlay Network Messaggi di keep-alive:

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Reti diverse: la soluzione nativa

Reti diverse: la soluzione nativa Reti diverse: la soluzione nativa Quando si deve trasmettere un messaggio attraverso reti diverse, per il mezzo fisico, per il protocollo di accesso o altro, a che livello si colloca la procedura di traduzione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... Marco Marletta WS9, Roma, 15-18.06.2009

Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... Marco Marletta WS9, Roma, 15-18.06.2009 Perché IPv6? IPv6 sta arrivando... IPv4 sta finendo 2 E noi non implementiamo a sufficienza le energie alternative Pensate al termine di IPv4 come al termine del petrolio Lo so, è una similitudine ormai

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Si svolga il compito su questi fogli. Nel caso di domande a risposta aperta, lo spazio lasciato sul foglio

Dettagli

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento

Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine. port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento I protocolli del livello di applicazione Porte Nelle reti di calcolatori, le porte (traduzione impropria del termine port inglese, che in realtà significa porto) sono lo strumento utilizzato per permettere

Dettagli

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione Università degli Studi di isa Lezione n.1 Sistemi 2: 19-2-2007 eer-to-eer Systems and Applications Capitolo 2 Università degli Studi di isa 1 INFORMAZIONI UTILI Orario corso : martedì ore 14.00-16.00 venerdì

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping

QoS e Traffic Shaping. QoS e Traffic Shaping QoS e Traffic Shaping 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come configurare il FRITZ!Box per sfruttare al massimo la banda di Internet, privilegiando tutte quelle applicazioni (o quei dispositivi)

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Skype vizi privati, pubbliche virtù

Skype vizi privati, pubbliche virtù Paolo Giardini Consulente per la sicurezza delle Informazioni Eucip Certified Informatics Professional Skype vizi privati, pubbliche virtù Aperilinux - 25 giugno 2008 Vi ricordate di Kazaa? Nel 2001 Niklas

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23)

P2-11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Autunno 2002 Prof. Roberto De Prisco -11: BOOTP e DHCP (Capitolo 23) Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica Indirizzi IP dinamici 11.2 Un indirizzo IP statico è assegnato ad

Dettagli

Tempo svolgimento della prova: 2ore

Tempo svolgimento della prova: 2ore sempio della prova scritta di Internet Per chi non ha superato la prova N Sull indirizzamento IP vedere anche il file sercizi Indirizzamento IP Uso degli appunti NON consentito Tempo svolgimento della

Dettagli

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

FIREWALL OUTLINE. Introduzione alla sicurezza delle reti. firewall. zona Demilitarizzata

FIREWALL OUTLINE. Introduzione alla sicurezza delle reti. firewall. zona Demilitarizzata FIREWALL OUTLINE Introduzione alla sicurezza delle reti firewall zona Demilitarizzata SICUREZZA DELLE RETI Ambra Molesini ORGANIZZAZIONE DELLA RETE La principale difesa contro gli attacchi ad una rete

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Lezione 8 Il networking. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it

Lezione 8 Il networking. Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Lezione 8 Il networking Mauro Piccolo piccolo@di.unito.it Classificazione delle reti Ampiezza Local Area Network Metropolitan Area Networ Wide Area Network Proprieta' Reti aperte e reti chiuse Topologia

Dettagli

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy

Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Laboratorio del corso Progettazione di Servizi Web e Reti di Calcolatori Politecnico di Torino AA 2014-15 Prof. Antonio Lioy Soluzioni dell esercitazione n. 2 a cura di Giacomo Costantini 19 marzo 2014

Dettagli

INFORMATICA LIVELLO BASE

INFORMATICA LIVELLO BASE INFORMATICA LIVELLO BASE INTRODUZIONE 3 Fase Che cos'è una rete? Quali sono i vantaggi di avere una Rete? I componenti di una Rete Cosa sono gi Gli Hub e gli Switch I Modem e i Router Che cos è un Firewall

Dettagli

Servizi di Messaggistica

Servizi di Messaggistica Servizi di Messaggistica Generalità Messaggistica Introduzione I servizi di messaggistica sono servizi di comunicazione bidirezionale sincroni tra due o più soggetti in rete. Caratteristiche. Sincronismo

Dettagli

Servizi di Sicurezza Informatica. Antivirus Centralizzato per Intranet CEI-Diocesi

Servizi di Sicurezza Informatica. Antivirus Centralizzato per Intranet CEI-Diocesi Servizi di Sicurezza Informatica Antivirus Centralizzato per Intranet CEI-Diocesi Messina, Settembre 2005 Indice degli argomenti 1 Antivirus Centralizzato...3 1.1 Descrizione del servizio...3 1.2 Architettura...4

Dettagli

Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it

Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it Unsolicited Bulk Email (UBE) (spamming) Francesco Gennai IAT - CNR Francesco.Gennai@iat.cnr.it Bologna, 24 novembre 2000 Unsolicited Bulk Email (Spamming) MHS = Message Handling System UA = User Agent

Dettagli

X-PRO PDA GUIDA ALL INSTALLAZIONE ALLA CONFIGURAZIONE EUELIAVOIP

X-PRO PDA GUIDA ALL INSTALLAZIONE ALLA CONFIGURAZIONE EUELIAVOIP X-PRO PDA GUIDA ALL INSTALLAZIONE E ALLA CONFIGURAZIONE EUELIAVOIP X-Pro PDA GUIDA ALLA INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE EUTELIAVOIP pag.2 INDICE SCOPO...3 COSA E X-PRO...3 PRINCIPALI CARATTERISTICHE DI

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

presenta: GUIDA AD ARES (nuova versione) scopri anche tu un nuovo programma per condividere i tuoi file...senza le odiose code.

presenta: GUIDA AD ARES (nuova versione) scopri anche tu un nuovo programma per condividere i tuoi file...senza le odiose code. presenta: GUIDA AD ARES (nuova versione) scopri anche tu un nuovo programma per condividere i tuoi file...senza le odiose code. Guida distribuita sotto licenza: Creative Commons 3.0 (CC-BY-NC-ND) 2011

Dettagli

SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato

SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato SOLUZIONI PER LA TELEASSISTENZA Server Privato Le componenti di UBIQUITY Control Center: client sul PC di teleassistenza Ubiquity Runtime: software da installare sul dispositivo remoto Ubiquity Server

Dettagli