Morri. Chi erano, dov erano e cosa hanno fatto. per meglio comprendere. chi sono, dove sono e cosa fanno. raccolta di informazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Morri. Chi erano, dov erano e cosa hanno fatto. per meglio comprendere. chi sono, dove sono e cosa fanno. raccolta di informazioni"

Transcript

1 Morri Chi erano, dov erano e cosa hanno fatto per meglio comprendere chi sono, dove sono e cosa fanno raccolta di informazioni a cura e collaborazione di tutti gli iscritti ai gruppi: Morri in the World e MORRI riminesi referenti: Giuseppe Morri e Loris Morri

2 Compongono l opera i capitoli: Morri parte I Notizie relative al ramo nobile del casato. Morri parte II Notizie relative ai Morri che si sono resi famosi con la loro opera. Morri parte III Questa terza parte è dedicata alla attuale comunità dei Morri e comunque a tutti i Morri presenti nella memoria dei contemporanei. Indicazioni sulla provenienza di molte delle informazioni ed ulteriori approfondimenti delle stesse si trovano nel capitolo denominato riferimenti al quale spesso si rimanda proprio dal testo stesso. Molte notizie ritenute utili a completare, approfondire, contestualizzare e commentare sono inserite in un capitolo denominato "appendici". Frequenti i rimandi dal testo stesso. Tutti i capitoli attendono la partecipazione di chiunque sia interessato a precisare, approfondire, arricchire, completare e aggiornare la conoscenza di questo casato. 2

3 Morri parte I Notizie relative al ramo nobile del casato. 3

4 [prefazione] La pratica della genealogia ha radici molto profonde. La Bibbia, ad esempio, contiene le genealogie dei patriarchi e dei re d Israele e anche i sacerdoti tenevano una genealogia per garantire il sacerdozio concesso solo ai figli di Levi. Gli ebrei non erano i soli a registrare le genealogie, troviamo tracce di questa pratica tra gli antichi egizi, i greci e i romani: I romani usavano identificare le persone con tria nomina:(tre nomi) che rappresentano il praenomen (il nome), la gens (il nome della famiglia allargata o clan), ed il cognomen (il soprannome), ( es: Caio Giulio Cesare, Caio era il Praenomen, Giulio il nome gentilizio, cioè l'identificatore della familia o meglio Clan di appartenenza e Cesare era il cognomen cioè l'identificativo della persona all'interno della Gens Giulia.) Con la caduta dell'impero romano le influenze barbariche portarono ad un quasi completo abbandono dei tria nomina, tranne che per pochissime famiglie patrizie e si ritornò all'uso del semplice nome dell'ambito famigliare spessissimo ispirato al nome di santi della religione cristiana. Verso la fine del XI secolo le influenze delle popolazioni barbariche portarono ad affiancare al semplice nome, almeno per le famiglie più abbienti, il nome del padre o della madre nella forma genitiva (de, di), come era in uso presso le popolazioni barbare dove l'identificativo per eccellenza era il nome del padre o della madre con un suffisso patronimico o matronimico. Pensiamo ai britannici terminanti per -son come Johnson, alle popolazioni nordiche con i vari cognomi terminanti per -sen o -son come Johanssen o Petterson o quelli dei popoli slavi terminanti per -vic, -ig o -cic come Ivancic o Petrovic o per i popoli di ceppo russo terminanti per -ov, a volte scritto off, come Stefanov, tutti suffissi che stanno per figlio di. Con l'avvento del cristianesimo, sopraggiungono nuovi nomi ad aggiungersi a quelli pagani, con le invasioni barbariche altri ancora e la scelta è piuttosto vasta, non è difficile trovare il modo per distinguere un Deogratias da un Adelpertus. È però nel secolo XI che la possibilità di formare combinazioni incomincia a scarseggiare: la popolazione cresce e i nomi che girano incominciano a ripetersi, diventa sempre più difficile distinguere un individuo da un altro. Incomincia a consolidarsi in Europa il sistema dei cognomi. In Italia, i cognomi sono prima appannaggio delle famiglie ricche, ma nel 1200 a Venezia e nel secolo seguente in altre aree, anche se con qualche resistenza e ritardo, l'uso si estende agli strati meno abbienti della popolazione. Però, è solo con il Concilio di Trento ( ) che si fa obbligo ai parroci di tenere un registro dei battesimi con nome e cognome, per evitare matrimoni tra consanguinei. Il soprannome, o secondo nome, diventa ereditario. Dovunque? Qualcuno dice che fino a poco più di un secolo fa, c'erano ancora famiglie, in luoghi sperduti, che non avevano cognome "codificato" ed è certo, ad esempio, che è solo nel 1934 che in Turchia, il fondatore e primo presidente della Repubblica Turca, Mustafa Kemal Atatürk, introduce l'adozione di regolari cognomi di famiglia come in uso nel mondo occidentale. Con tali premesse è facile comprendere come le principali fonti della genealogia successoria siano: 1) gli archivi di araldica 2) gli Archivi Ecclesiastici, istituiti nel 1564 in seguito al Concilio di Trento: i cosiddetti Status animarum: certificanti i battesimi, le cresime, i matrimoni, i defunti e, appunto, lo stato delle anime; 3) l'anagrafe dello Stato Civile istituita nel 1861 con l'unità d'italia, certificanti le nascite, i matrimoni, le morti e la composizione del nucleo familiare; 4) gli Archivi di Stato che trattengono documenti relativi a censimenti (anche fiscali), catasti (denuncie di beni), atti notarili, atti giudiziari, liste di leva e ruoli matricolari; e, più recentemente 5) il Catasto dei beni immobili; 6) le Camere di Commercio per le società e le attività commerciali; 7) il P.R.A. Pubblico Registro Automobilistico per gli autoveicoli; 8) il R.I.D. Registro Imbarcazioni da Diporto per i natanti; 9) le liste elettorali. 4

5 Queste considerazioni rendono comprensibile come oggi sia veramente difficile risalire ai propri avi e solamente gli eredi di casati illustri che hanno lasciato ampie testimonianze nei secoli riescono ad individuare le proprie origini. Origini intese come ceppo famigliare essendo veramente straordinario poter risalire all'esatta genealogia di ciascuno; si pensi infatti alle innumerevoli discendenze per rami collaterali sparsi peraltro per innumerevoli vie e siti appena l'uomo moderno ha stabilito nuove vie e nuovi mezzi di comunicazione. Iniziamo la nostra ricerca, ovviamente avvalendoci del mezzo oggi più comune: la rete internet ed impariamo da che la diffusione del cognome Morri in Italia è di circa 1000 unità disperse in Emilia Romagna (dove si trova il nucleo più consistente), Marche, Lombardia, Toscana, Liguria, Piemonte, Campania, Veneto, Abruzzo, Umbria, Sicilia, Friuli V.G., Trentino A.A. e Sardegna. Mettendo pure in realistico conto che tali dati non siano affatto completi ed aggiornati, servono però a dare un idea della distribuzione dei Morri sul territorio nazionale. Svariate ricerche sono alla base di questo lavoro e all interno del testo stesso sono spesso citate le fonti. In alcuni casi, ritenuti più significativi, sono stati riportati stralci dei testi consultati in una parte denominata riferimenti cui si fa rimando dal testo con la dicitura [riferimenti x]. Questa parte raccoglie anche informazioni su personaggi ed eventi storici relativi agli argomenti trattati. E sembrato opportuno approntata anche una sezione denominata appendici cui si fa rimando dal testo con la dicitura [appendici x]. Questa parte è, in modo particolare, dedicata agli approfondimenti dei temi trattati contestualizzandoli ora storicamente, ora geograficamente o culturalmente ancorché politicamente. Molto lontani dalla presunzione di esattezza, ci scusiamo fin d ora per le eventuali imprecisioni assicurando il lettore che la nostra ricerca continua. Testimoniamo tutto il gradimento ad ogni iniziativa alla scoperta dei Morri di tutti i tempi e in tutti i luoghi proponendoci a riferimento per ogni suggerimento, consiglio, proposta, precisazione e quant altro ritenuto opportuno. Giuseppe Morri Loris Morri 5

6 6

7 7

8 Il casato dei Morri risale al XIV secolo; le sue origini si devono ricercare in Piemonte e più esattamente nella allora Contea di Savoia. Andiamo dunque indietro negli anni, anzi nei secoli, per dare uno sguardo a com era l Europa del tempo e per meglio comprendere il contesto in cui si sviluppò questa familia nova. Si potrà avere così modo di meglio comprendere da quali luoghi, nel contesto di quali situazioni storiche e attraverso quali eventi abbia tratto le origini e si sia sviluppato questo casato. Nell Europa, in particolare nella sua parte occidentale, in quel tardo medioevo si iniziano ad avere segnali di rinascita agricola, commerciale e culturale, con l'affermarsi, a partire dall'xi secolo, di realtà comunali ricche di fermenti, soprattutto nelle Fiandre e nell'italia centro-settentrionale e con lo sviluppo delle Repubbliche marinare italiane. Mentre il Sacro Romano Impero continua la sua frammentazione in una serie di feudi italiani e tedeschi, sempre meno legati al potere dell'imperatore, alcuni comuni si trasformano in importanti città-stato (come Milano, Venezia e Firenze) e contemporaneamente si iniziano a formare i primi stati nazionali (quali Francia, Inghilterra e Spagna). In tale contesto, la contea di Savoia fu un antico stato, sorto con Umberto Biancamano ( ), considerato il capostipite della dinastia sabauda in quanto primo personaggio storico definito Conte, in un documento del 1003, dal vescovo Oddone di Belley. Infatti, al disgregarsi del regno di Borgogna, (1032) Umberto Biancamano si schierò dalla parte dell'imperatore Corrado II il Salico (re di Germania) che lo investì dei titoli di conte della Savoia, ottenendone in premio il permesso di utilizzare l'aquila imperiale tedesca nel proprio stemma, e conte di Moriana in Val d'isère. Questa regione si snoda lungo la valle dell'arc, da Montmelian, sopra Chambéry, sino al Moncenisio, tra le rive del lago del Bourget (dove fu creato il mausoleo di famiglia nell'abbazia di Altacomba), il lago Lemano e il corso del Rodano. La geografia della contea, nell uso normalmente detta di Savoia, era, nel complesso, assai vaga e mutevole seguendo le alterne fortune di frequenti scaramucce di confine, ma comprendeva per lo più territori nell'attuale Francia, nei dipartimenti di Savoia e Alta Savoia. Il nucleo principale della Contea si estendeva nell'area intorno a Chambéry, città che adempiva il ruolo di capitale. In Italia, la Contea trovava sviluppo nelle aree montane del Piemonte occidentale, specie nella Valle di Susa e nella Val Chisone, attorno alla città di Pinerolo. Ben 19 conti di Savoia si susseguirono al governo di quelle popolazioni attraverso alterne fortune, fin quando l Imperatore Sigismondo elevò, nel 1416, la contea a ducato e designò Amedeo VIII Duca di Savoia. Tra i Conti di Savoia si possono ricordare: Amedeo III di Savoia, invitato dal papa Callisto II, suo parente, partecipò alla seconda crociata ( ) e fondò l Abbazia di Altacomba dove per secoli verranno sepolti i Savoia. 8

9 Amedeo VI ( ), detto il Conte Verde, valoroso conte la cui fama valicò i confini italiani, fu nelle guerre in Oriente, combattendo Bulgari e Turchi per conto del cugino Giovanni V Paleologo (caduto nelle mani nemiche e liberato), per cui riconquisterà Gallipoli, in seguito rivendicherà anche il trono dell'impero bizantino. Combatté anche per l'antipapa Clemente VII, tra l'altro, savoiardo. E insieme alle truppe di Bernabò Visconti, capitanate da Tommaso Pascalis, fece guerra alle compagnie di ventura inglesi che devastavano città e campagne. Rinomato in tutta Europa per il suo valore e per la sua saggezza, Amedeo VI funse anche da arbitro nelle contese delle guerre di allora: decisivo fu il suo intervento nella Guerra di Chioggia tra Genova e Venezia. Accorso in aiuto del re Luigi II d'angiò di Napoli, morì di peste e venne sepolto nell'abbazia di Altacomba. Vale forse la pena ricordare come, nel frattempo, le popolazioni fossero state spaventosamente falcidiate dalla peste bubbonica (detta anche peste nera del ) Cuneo fu flagellata dalla lebbra e dalla peste anche nel 1400 fino alla primavera del 1403 portate dai viaggiatori che in gran numero e disordinatamente arrivarono a Roma per il giubileo spontaneo (non indetto dall allora Papa Bonifacio IX) detto dei penitenti bianchi. Statua di Amedeo VI in Piazza Palazzo di Città a Torino. Si tratta di un monumento eretto in memoria della spedizione in Oriente del Conte verde. Da ricordare che fu proprio il Conte Verde ad annettere Cuneo al contado di Savoia e Moriana e Aosta. In quel tempo a Cuneo, una forte parte della popolazione era guelfa e favoriva gli Angiò. L avversa parte ghibellina si appoggiava di volta in volta ai Visconti, ai Saluzzo o ai Savoia stessi. Durante queste lotte Cuneo passò dalla dominazione angioina a quella sabauda, saluzzese e viscontea per tornare poi ancora sotto gli Angiò e in infine, nel 1380, definitivamente ai Savoia. Furono proprio i Savoia che, dopo la definitiva sottomissione del luogo, decisero di combattere aspramente la partialitas: come veniva appunto definita allora la lotta tra le due fazioni guelfa e ghibellina. Il 18 giugno 1407, con grande solennità e alla presenza delle autorità in Cuneo, venne redatto un nuovo capitolo statutario che aboliva le parti guelfa e ghibellina con tanto di severissime pene per i trasgressori. Il provvedimento ebbe successo e per oltre un cinquantennio la partialitas parve sopita tra la popolazione. In un simile contesto politico, che favorì anche la rinascita economica e demografica, si posero le basi per l ascesa di nuove famiglie di recente immigrazione attirate sia dalla rinascita economica della zona grazie alla strada del sale che conduceva a Nizza, sia dalle possibilità offerte dalla nuova amministrazione sabauda. 9

10 Un cronista del tempo, dottore in legge, protagonista di una carriera di primo piano in seno all amministrazione di Cuneo, tal Giovanni Francesco Rebaccini, nella sua Cronica loci Cunei la piu antica storia di Cuneo da cui son tratte queste informazioni, ne elenca un buon numero tra cui spiccano i Dal Pozzo da Alessandria e i Morri da Castelnovetto, protagonisti nonché perenni avversari nella vita cittadina. Per meglio tratteggiare l atmosfera socio-politico-culturale dell epoca, si riporta un episodio forse curioso: al Conte Verde successe suo figlio: Amedeo VII di Savoia, detto poi il Conte Rosso, che era in lite da lungo tempo e con fasi alterne con Gian Galeazzo Visconti. Tra i due si giunse infine alla pace per consentire alla figlia Valentina Visconti di attraversare le terre del Conte Rosso, cosa che avvenne il 1 luglio 1388, per giungere in Francia e fidanzarsi col fratello del Re Carlo VI. Il Conte Rosso morirà poi a soli 32 anni per una caduta da cavallo durante la caccia al cinghiale. Pare che il Conte si fosse ferito e fosse stato poi vittima del tetano. In cronaca si legge come il medico ed il farmacista sospettati di omicidio volontario fossero stati barbaramente torturati. Figlio di Amedeo VII di Savoia, detto "il Conte Rosso", e di Bona di Berry, fu Amedeo VIII di Savoia, detto il Pacifico (Chambéry, 4 settembre 1383 Thonon-les-Bains, 6 gennaio 1451), fu Conte fino al 1416 e poi Duca di Savoia, Principe di Piemonte e Conte d'aosta, Ginevra, Moriana e Nizza fino al Dal 1439 al 1449 fu antipapa, con il nome di Felice V; ma già nel 1434 si era ritirato a vita monastica, fondando l'ordine Militare di San Maurizio, che si trasformò poi in Ordine Mauriziano. Stemma dell'antipapa Felice V. Si noti lo scudo simbolo dei Savoia apposto sullo stemma papale Tenendo conto di tale contesto storico, ritornando a quanto di più specifico interessa la nostra ricerca: ci sono precise tracce in araldica ed è dall autorevole testo Il Manno che si può apprendere: [appendice 1] A Cuneo, oriundi da Valenza Po, i Morri (de) Peyre furono conti di Castelmagno Erano prima detti Dei Dini, da Enrico Dini e v è notizia che seppellirono in S.Francesco a Cuneo. 10

11 Chiesa di S.Francesco in Cuneo di recente restaurata. Vedi fotogallery: Dal Dizionario Geografico Storico-Statistico-Commerciale degli stati di S.M. il Re di Sardegna a cura di Goffredo Casalis si evince che in quelle terre esistevano località denominate Morozzo, Moriondo, Morano e Mora in un territorio, come precedentemente descritto, detto contea di Moriana dei Conti Savoia. Non ci si deve stupire se, cinque o sei secoli addietro, nell identificare qualcuno si sia fatto ricorso alla località di provenienza piuttosto che a un casato e che un prima detto dei Dini sia diventato poi de Morri. Si deve considerare che rientri nella logica evolutiva dei nomi l introduzione dei Morra, Morozzo, Moretta e dei Morri tra le famiglie provenienti da una zona chiamata Moriana e dintorni. Ora, considerando Enrico Dini il capostipite, vediamo come seconda generazione Guglielmo Morri (II) In quel periodo i Morri dovevano già essere un casato di notevole prestigio; abbiamo notizia di un suo testamento del 1356 e delle sue nozze con Paola Visconti dei Signori di Milano. Ricordiamo dei Visconti: Sulle rive del lago Maggiore si trova una cittadina, oggi comune, Massimo Visconti; da lì provenivano i Visconti. La dinastia si fa solitamente risalire a Ottone ( ). Furono signori di Milano e nel tempo ebbero a dividersi in molti rami, per dire quanto sia incerta l esatta genealogia della Paola Visconti andata in sposa a Guglielmo Morri; ricordiamo Galeazzo I ( ), Luchino ( ), Giovanni ( ), Galeazzo II ( ) L ultimo dei Visconti moriva il 13 agosto 1447 lasciando solo femmine e con varie vicissitudini, il 22 marzo 1450, prendeva il potere in Milano Francesco Sforza con investitura imperiale del gennaio del Alla morte, 8 marzo 1466, gli succederà il figlio Galeazzo Maria. Il 26 dicembre 1476 Gian Galeazzo ha solo sette anni e tra gli intrighi di corte si farà strada Ludovico il Moro. Questa parte politica dell Italia del tempo si schierava tra i ghibellini a favore dell Imperatore. Di tutto questo non era certo d accordo il re di Francia Carlo VIII che Tutto ciò per lasciar intendere come fossero politicamente difficili quei tempi. 11

12 In una mappa politica in lingua tedesca La Savoyische Lande al termine del XIV secolo a Guglielmo succede Giacomo Morri (III) Sposò la biellese Beatrice Gromis Intanto in quegli anni: Nasceva in Polonia Nicolò Copernico ( ) che scriverà quel capolavoro astronomico riguardante l eliocentricità ed il rifiuto del geocentrismo Aristotelico-Tolemaico; opera dal carattere radicalmente innovativo rispetto alle esistenti dottrine cosmologiche e astronomiche sulle quali si basava l immagine cristiana dell universo. Un grande anatomista del tempo, Manfredi, descrive per primo le ovaie della donna; ma c è molto scetticismo nell ambiente medico e naturalmente arrivano gli anatemi da parte delle autorità ecclesiastiche. Dell intuizione di Manfredi non se ne parlerà più per quattro secoli. il ventre della donna è solo un ricettacolo del seme dell uomo. questa è sempre stata la concezione e questa resterà per altre centinaia di anni. In campo artistico; sono questi gli anni che vedono l opera al culmine della loro arte di Antonello Da Messina, il Ghirlandaio, Luca Signorelli, Van De Goes, Bellini, il Pollaiolo, il Mantegna e Bosch. 12

13 A Giacomo successe Guglielmo Morri (IV) di lui si sa essere originario di Castelnovetto, presso Pavia, ma in diocesi di Vercelli e per certo fu in Cuneo prima del Ebbe il privilegio di alzare l arma del comune. Avvenne il 23 settembre 1474 con patenti di Jolanda ottenute il 28 settembre ( si tratta di Jolanda o Violante di Valois, figlia del Re di Francia Carlo VII e sorella del futuro Re Luigi XI) [riferimenti 1] Intanto: La capitale del Ducato di Savoia è Chambery ed è probabilmente da una delle sale di questo palazzo: castello dei Duca di Savoia a Chambery che la principessa Jolanda (principessa Jolanda o Violante di Francia, duchessa di Savoia, quartogenita del Re di Francia Carlo VII e di Maria d'angiò, sposa di Amedeo IX di Savoia detto il Beato [riferimenti 2], dal consorte nominata reggente nel 1469), concesse le patenti, il 28 settembre 1473, a Guglielmo Morri, probabilmente in linea con l esigenza politica di rafforzare la stabilità del Ducato da poco costituito con la nomina di nuovi e strategici feudatari e vassalli. Si noti come attraverso la val Grana passasse, all epoca, una via, seppur secondaria, per i pellegrini diretti a San Juan de Compostela in Spagna e Roma come tuttora testimoniato da affreschi di Giovanni Batoneri di Cherasco sulla volta della nuova cappella, eretta nel 1514, del santuario di San Magno. Dal matrimonio con Agnesina Giustiniani nacquero Antonio e Ruffino. 13

14 Ruffino de Morri sposò Maddalena Lovera (figlia di Giovannino (Zannino)Lovera,morto nel 1478), da cui avrà due figli: Filiberto e Carlo e una figlia:maria che andrà in sposa ad Aleramo Provana di Faule Di lui, nel Dizionario Geografico Storico-Statistico-Commerciale degli stati di S.M. il Re di Sardegna a cura di Goffredo Casalis si può leggere a pag. 790: [riferimenti 3] si elencano tra i cuneesi che si distinsero nella milizia, o sostennero cariche luminose: Ruffino de Morri generale di finanze sotto il Duca di Savoja Amedeo IX Nel 1468 per volere di Jolanda di Francia, venne costruito il Naviglio di Ivrea, un canale irriguo destinato a rifornire di acqua le risaie del vercellese e che, essendo in origine navigabile, permetteva il collegamento tra Ivrea e Vercelli. Ruffino fu dunque benemerito per la grandiosa opera del naviglio d Ivrea e amministratore generale delle finanze a partire dal 1471 sotto il Duca di Savoia Amedeo IX Fin dagli inizi ebbe una rapida e brillante carriera: fu viceclavaro in Cuneo e prese l appalto della gabella del sale di Nizza; fu poi tesoriere a Barcellonette.. Ruffino Morri, fedelissimo di Jolanda, su cui aveva grande influenza, fu fautore della parte piemontese della corte, avversa a quella francese, cosa che gli valse i favori della diplomazia sforzesca. Nonostante l impressionante curriculum, Ruffino rimase legato a Cuneo; vi prese la residenza assieme al fratello Antonio. Anche il fratello Antonio emerse come personaggio di rilievo in grado di condizionare abilmente l attività del consiglio comunale. Certamente, nell ascesa dei Morri, ebbe anche un considerevole peso il legame familiare con i Lovera. In quegli anni: 1478: è l anno in cui inizia ad operare il famigerato Tribunale dell Inquisizione. E sufficiente la diffamazione per voce pubblica; basta l infamia di sodomia, quella di adulterio, avere una crisi isterica o un attacco di epilessia, oppure basta possedere un libro contro la fede o più semplicemente il Vecchio Testamento. Possedere il Cantico dei cantici era considerato una lussuria. Ludovico il Moro si riconcilia con la reggente del piccolo Gian Galeazzo Sforza di 10 anni Bona di Savoia e prende il potere nel 1480 proclamandosi signore e Duca di Milano.Sarà cacciato da Luigi XII con l invasione francese del 1499 lasciando Milano al periodo della sua decadenza. Il territorio verrà alternativamente spartito tra le arroganti potenze europee fino all unità d Italia. I Savoia, parenti sia dei regnanti di Francia che d Austria, si alleeranno ora con gli uni ora con gli altri nel tentativo di impossessarsi di Milano e della Lombardia. Quasi sempre sceglieranno la parte sbagliata; anche nella successiva prima guerra mondiale, per non parlare della seconda. In Piemonte viene costruito il 1 Traforo Alpino del Viso, lungo 75 metri Botticelli dipinge la primavera per Lorenzo di Pierfrancesco de Medici e insieme al Perugino affresca la Cappella Sistina ai tempi di Sisto IV della Rovere; la volta ( ) e la parete del Giudizio Universale ( ) saranno poi opera di Michelangelo. Leonardo, a Firenze, al convento di San Donato a 14

15 Scoperto lavora all adorazione dei Magi e successivamente alla corte di Ludovico il Moro dipinge la Vergine delle Rocce e scrive il suo codice Trivulziano. Il Poliziano affresca le Stanze Medicee. Il Pollaiolo, a Roma è alle prese con la tomba di Sisto IV nelle Grotte Vaticane e, successivamente, con la statua di Innocenzo VIII. In Russia il regno di Ivan III il Grande raggiunge l apice. Ivan III sposa (1462) la principessa bizantina Zoe Paleologa, discendente dell ultimo imperatore di Bisanzio e sosterrà che Mosca è diventata la Terza Roma e lui erede legittimo degli imperatori. Ivan III è il primo a dotarsi del titolo di Czar, traduzione russa di Caesar, e dell aquila bicipite che diventa simbolo dello stato. In questo periodo molti architetti italiani sono chiamati a Mosca per abbellire il Cremlino. A Venezia, nel 1485, la prima istituzione sanitaria del genere in Europa: il Magistrato alla Sanità. A Baghdad esisteva già un Policlinico fin dal 832. Dal padre Guglielmo ereditò Antonio Morri (V) Di lui si sa che nel 1474 era Vicario di Savigliano, di Boves e di Fossano nel Fu tesoriere generale di Savoia nel Sposò una nobile cuneese:agnesina Corvi. Dal matrimonio nacquero: Giorgio Guglielmo Beatrice che sposerà il conte Ludovico San Martino di Strambino Francesco canonico a Vercelli Seconda sposerà Francesco Alciati (dote, 8 febbraio 1490) Ruffino Carlo capitano Alessandro Eusebio capitano della società di S.Giorgio di Chieri (1530) dal matrimonio con Beatrice di Ceva nasceranno: Caterina sposerà Raffaele Brizio Anna sposerà Francesco Brizio Ruffino sposerà Marta Germanio e sarà anche lui capitano. Dall unione: Gianfrancesco alfiere Eusebio capitano. Sposerà Nicoletta Minio. Dall unione: Ruffino capitano. Sposerà Vittoria Amedea Rofredi. Com è noto, dopo la metà del XV secolo il ducato di Savoia precipitò in una lunga stagione di debolezza e di crescente subordinazione alla monarchia francese. Anche sul piano locale, nelle diverse località piemontesi, alla crisi del governo ducale, corrispose un accrescersi della conflittualità e dell insicurezza. Questo accadde anche in Cuneo dal 1477 al Dopo schermaglie per condizionare la nomina del podestà, l incendio appiccato ad un tetto dei Morri in località Grumera nel marzo del 1473, diede l inizio a quell ostilità poi dichiarata tra i Morri, fiancheggiati dai Lovera, e i Dal Pozzo fiancheggiati in consiglio comunale proprio dal cronista precedentemente citato: Giovanni Francesco Rebaccini. Nel 1477, in seguito all ennesimo scontro in consiglio comunale, la contesa fra le due parti si inasprì tanto che i partigiani di Giorgino Dal Pozzo corsero Cuneo in armi al grido Pozo! Pozo! a cui gli avversari replicavano con Morro! Morro! : così testualmente riporta il Rebaccini. (1) L uso della violenza pare sia stato molto limitato e quasi monopolio della sola pars dei Dal Pozzo. Se i Morri e i Lovera erano di salda fede guelfa, non risulta che gli avversari abbiano mai assunto lo schieramento opposto. I Morri e i Dal Pozzo furono infatti entrambi fedeli della duchessa Jolanda prima e di Filiberto e Carlo I poi. 15

16 Gli scontri tra la pars Morra e pars Puthei (Dal Pozzo) sono quindi da imputarsi al coagularsi di interessi privatistici intorno a due homines novi piuttosto che a legami con la tradizione guelfa e ghibellina e, se è pur vero che negli anni successivi, col riaffermarsi del vicium parcialitatis ( ) saranno i Lovera a rappresentare più squisitamente la fazione guelfa, sicuramente và registrato come di pregnante attualità la conflittualità fra l aristocrazia consiliare e un robusto nucleo di famiglie popolari che chiedevano una maggior partecipazione al massimo organo di governo locale. Di queste famiglie si fecero portavoce i Morri. (1) Non stupiscano le terminazioni dei nomi difformi da come fin qua descritti. In quell epoca la lingua parlata non è ancora un italiano come noi oggi lo conosciamo, ma una lingua che si và formando e che risente ancora di forti influenze latine (vedi per es: le declinazioni dei nomi) e delle più recenti influenze barbariche. Erede di Antonio fu Giorgio Morri (VI) Si sa che fu giudice delle cause civili in Chieri. Sposò Antonia Bolleria di Centallo. Ebbero un sol figlio: Giuseppe che erediterà. Giorgio ebbe anche un figlio naturale: Cesare che sposerà Antonia Beccaria. L unione non darà figli, ma Cesare riconoscerà il figlio Giorgio (omonimo del nonno) naturale. Giorgio, legittimato, sarà governatore di Cherasco (2 agosto1589; patenti 20,252); sergente maggiore di Cuneo (6 agosto 1593, patenti 24,57 v) e consorte di Gabriella (?). Nascerà dall unione: Bartolomea che sarà sposa ad Andrea Ferrero di Castiglione. Proprio in quegli anni accadeva che: Cristoforo Colombo [riferimenti 4] Aveva raccolto tante informazioni che sembravano rendere possibile raggiungere il Cipangu (Giappone) partendo dalla sponda dell Atlantico navigando verso occidente (1492). A quel tempo le sue informazioni erano combattute e dominate con e dalla tradizione biblica cristiana, dove sia la scienza che l osservazione non avevano nessuna importanza. Il mondo era quello di Noè, diviso in tre parti, con il cielo come un coperchio. Amen! Curiosità: Colombo, al ritorno dai viaggi, fra le altre cose, portò con se in Europa dei grani di mais che gli inglesi coltiveranno come mangime per tacchini (turkey) anch essi provenienti dal nuovo mondo. In seguito si darà per questo al mais quello strano nome: grano-turco. Sarà invece importante osservare che, nella tradizionale suddivisione della storia d Europa,si fa risalire proprio alla scoperta dell America la fine del medioevo e l inizio del periodo umanistico-rinascimentale dell era moderna. In ambito religioso sono i tempi di Martin Lutero, Calvino e della riforma protestante con lo scisma fra la chiesa Cattolica e quella Protestante e della controriforma e del Concilio di Trento ( ) La Francia avvia i preparativi per la spedizione in Italia e per l Italia inizia l età delle invasioni straniere. Nel 1494 Carlo VIII di Francia scenderà in Italia travolgendo tutto il sistema di alleanze della pace di Lodi In Spagna il cardinale Torquemada perseguita, espelle, inquisisce e manda al rogo eretici, ebrei, mussulmani e tanti ignoranti che di chiesa e di teologia non sanno nulla. Il 3 marzo 1491 Isabella e Ferdinando (il Re cattolico) firmano il decreto di espulsione dalla Spagna di tutti gli ebrei. 16

17 A Firenze l 8 aprile 1492 muore Lorenzo il Magnifico. Gli succederà il figlio Piero che dovrà governare una città sobillata dal frate Girolamo Savonarola, mentre suo fratello Giovanni si avvia a diventare il futuro Papa Leone X. A Roma il 25 luglio 1492 muore Papa Innocenzo VIII e l 11 agosto gli succede Alessandro VI forse più noto come Rodrigo Borgia Poi alla settima generazione fu Giuseppe Morri (VII) I riferimenti che si hanno di lui sono il suo testamento datato 4 marzo 1557 e la dote, 2 luglio 1539, della moglie Anna Love. Avranno due figli: Prospero che erediterà ed Alfonso Ogni casato sappiamo avere stemma, blasone e insegne gentilizie. Quali furono quelli dei Morri? Ritengo molto interessante un immagine dallo Stemmario Fotografico del Museo Civico di Casale Monferrato: Si tratta della foto degli stemmi dei Gran Cancellieri di Savoia disposti secondo lo schema di seguito riportato. All interno di ogni riquadro sono trascritte le notizie riportate. Si osservino bene il testo e le immagini riportati nel terzo riquadro della prima riga e nel secondo della seconda riga per notare un tal Pierre Morro, ma ancor più interessante sarà constatare l analogia dello stemma riportato con quello che sarà poi descritto essere dei Morri Richard de Chambery 1150 Jean de Menthon 1288 Pierre Morro 1323 stemma simile a quello dei Morri Jean de Meyria Giorgio Soleri 1340 e 1348 Jean de Bavays (?) 1349 Jacques de Bruisèe 1380 stemma simile a quello dei Bruiset Guiscard de Tevel 1385 Gerard d'estrès Pierre Morro 1363 e 1378 stemma simile a quello dei Morri Jean de Conflans 1391 e 1396 Hugues de Lucinge 1399 Anthoine de Challant 1402 Guillaume de Challant 1407 Guillaume Marchand 1409 Guiscard Marchand 1413 Jean de Beaufort 1435 Remigio Canalis 1440 Pierre Marchand 1444 Guillaume de Bolomieu 1445 Jacques de la Tour 1452 Giacomo di Valperga 1455 Guglielmo di Sandigliano 1458 Antonio di Romagnano

18 Jean de Compeys 1463 Jean de St. Michel 1467 Humbert de Chevrier 1469 Jean de Clopper 1472 Pierre de St. Michel 1480 Anthoine de Campion 1483 Amedeo di Romagnano 1496 Gabriele di Laude (?) 1523 Gerolamo Aiassa 1525 Giovanni Tommaso Langosco 1560 Ottaviano Cacherano 1575 Louis Millet 1582 Domenico Belli 1599 Francesco Provana 1602 Giangiacom o Piscina 1624 Carlo Filippo Morozzo 1652 Giovanbatti sta Buschetti 1662 Janus de Bellegarde 1687 Girolamo Gubernatis 1713 Giovanni Cristoforo Zoppi 1730 Carlo Francesco Ferrero d'ormea 1742 Carlo Luigi Caissotti 1768 Giuseppe Ignazio Corti 1789 </FONT< td> 18

19 19

20 Inoltre v e testimonianza in Feudi e nobiltà negli stati dei Savoia: materiali, spunti, spigolature bibliografiche per una storia di Gustavo Mola di Nomaglio edito: Lanzo Torinese 2006 Ove si narra come Giuseppe Morri, che per vedere riconosciuti i propri privilegi, presentasse al consegnamento del 23 luglio 1580 [riferimenti 5], delle concessioni ottenute da parte di Carlo il Buono [riferimenti 6] Mentre sul Vivant si legge: data: Consegnamento del 23 luglio 1580 Luogo: Consegnante: Qualifica: Arma: Privilegio: Conferma: Esito: Note: Cuneo MORRI Giuseppe, Francesco e Gio. Antonio, Alessandro, Carlo Ruffino, Ettore, Antonio Reynero, Gio. Anto Alessandro Ruffino, Ettore Ruffino (Gio. Antonio, Alessandro, Carlo Ruffino, Ettore, Gio Anto Alessandro Ruffino ed Ettore Ruffino non compaiono di persona) Messere Testimone: Messere Ludovico Farina, Messere Pietro Ruata, Messere Oddone Miglia hanno due armi: - Un leone con suo color d'oro in campo verde con romboidi di detti due colori, cioè un leone di color d'oro in campo verde con rombi osia quadretti a mandorle di detti due colori; ciascuno di essi è tutto verde o tutto di color d'oro; - Una Croce rossa in campo bianco. Privilegio concesso dai Predecessori di S.A. alli furono Ruffino e Antonio Morri, avi di tutti i comparenti, dato in Moncalieri il 25 ottobre 1474, sottosegnato Besson, confermati dal Duca Carlo il 6 aprile 1557, sottoscritto e sigillato Vuillet, confermati da S.A. in Vercelli il 1 luglio 555, sottoscritta Fabri. Sì Sì ricompare il 10 agosto1580 Manno: de MORRI PEYRE: Inquartato: al primo e quarto, rombeggiato d'oro e di verde, col capo del secondo, carico di un leone del primo, illeopardito; al secondo e terzo, di Vercelli, cioè d'argento alla croce di rosso - sostegni: affrontati, a destra, la figura d'ercole. impugnante con ambo le mani una clava, nascente e col motto: MIHI ADIUTOR DOMINUS; a sinistra, il grifone nascente e col motto: GENIO OPTIMO SACRUM 20

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO

LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO LA SITUAZIONE POLITICA NEL BASSO MEDIOEVO 1. POTERI UNIVERSALI Il medioevo cristiano riconosce dal punto di vista politico due somme autorità, il cui potere è di diritto universale, vale a dire un potere

Dettagli

PROFESSORI DELLO STAT

PROFESSORI DELLO STAT PROFESSORI STABILI ORDINARI > Giuliani p. Matteo, ofm Dottorato in Scienze dell Educazione con indirizzo catechetica Catechetica e Didattica della religione Responsabile del Servizio Formazione Permanente

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti

CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale 100 METRI MASTER F SERIE - RISULTATI. Clas. Cors. Pett. Atleta Anno Cat. Società Prestazione Punti CDS Allievi su pista - 2^ prova regionale CDS Master Organizzazione: Trionfo Ligure - Genova RISULTATI 100 METRI MASTER F Serie Unica VILLA GENTILE - 18 Maggio 2013 Ora Inizio: 16:26 - Vento: +0.4 1 4

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo

BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI. Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo BREVE INTRODUZIONE ALLA STORIA E ALLA CULTURA TIROLESI Grazie a Everton Altmayer e al Circolo Trentino di São Paulo Traduzione e integrazioni : Daiana Boller Stemma del Tirolo storico (Tirol-Südtirol-Trentino)

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI

PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI PERSONALE DOCENTE SCUOLA PRIMARIA - POSTI SOSTEGNO MINORATI PSICOFISICI Giovedì 28 agosto 2014: inizio operazioni ore 10,00 PROV. 1 CISCO EMANUELA 02/02/1982 VI 2 RONCAGLIA FRANCESCA 06/03/1983 VI 3 PAGLIAMINUTA

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI

PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI PROCEDIMENTI RELATIVI AI REATI PREVISTI DALL ARTICOLO 96 DELLA COSTITUZIONE TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE... 3 TRASMISSIONE DI DECRETI DI ARCHIVIAZIONE PARZIALE... 5 DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Coordinatore Settore Civile Tel.081.223.9787 Torre A - 24 piano

Coordinatore Settore Civile Tel.081.223.9787 Torre A - 24 piano CANCELLERIE DEL SETTORE CIVILE DELLA CORTE DI APPELLO DI NAPOLI ( CENTRO DIREZIONALE) Coordinatore Settore Civile Tel.081.223.9787 Torre A - 24 piano 1^ sezione civile Tribunale Acque Pubbliche Sezione

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI

LISTE REGIONALI LISTE PROVINCIALI LISTE REGIONALI SEZ. 1 SEZ. 2 SEZ.3 SEZ.4 SEZ. 5 SEZ. 6 SEZ. 7 SEZ. 8 SEZ. 9 SEZ. 10 SEZ. 11 SEZ. 12 SEZ. 13 TOTALE LISTA N. 1 CANCELLERI Giovanni Carlo 72 103 104 106 70 53 90 91 59 86 77 89 96 1096 LISTA

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli