IL PALAZZO NELLA STORIA: DOV ERA, DOV È

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PALAZZO NELLA STORIA: DOV ERA, DOV È"

Transcript

1

2 IL PALAZZO NELLA STORIA: DOV ERA, DOV È Palazzo Clerici si trova al numero civico 5 di via Clerici. Di fronte ed esso attualmente si trovano gli uffici della Banca Intesa, realizzati nel 1954 su progetto di Gian Antonio Bernasconi, Annibale Fiocchi e Mercello Nizzoli. Prima dell avvento dei Clerici la via era chiamata Prestino dei Bossi e faceva parte della zona di Porta Nuova, l attuale porta Comasina. La parrocchia di appartenenza è quella di San Tommaso in Terra Amara, nell attuale via Broletto. IL PALAZZO NELLA STORIA: I PROPRIETARI La famiglia Clerici ( ) I Clerici erano una famiglia di mercanti provenienti da Domaso, sulle sponde del Lario, attestati dalle fonti già a partire dalla seconda metà del Quattrocento. Pier Antonio, e soprattutto il figlio Giorgio I, detto Giorgione ( ) diedero il via all ascesa dei Clerici un secolo più tardi: sebbene ancora di condizione piuttosto rurale un documento del 1574 li indica come nobili. Tra Cinquecento e Seicento il commercio della seta coi paesi tedeschi, unito al traffico bancario, procurarono rapidamente grandi ricchezze ai Clerici, che iniziarono a reinvestire gli utili acquistando proprietà e terreni a Milano e in provincia. Il 6 maggio 1635 Giorgio I acquistò una casa da nobile nella parrocchia di San Tommaso in Terra Amara da Giovan Battista Visconti: in questo modo i Clerici poterono confermare il loro prestigio e il rango elevato che avevano raggiunto di fronte a tutta la comunità. Ormai stabilitisi definitivamente a Milano, arricchiti grazie ai loro fiorenti traffici e alla loro capacità di gestire gli affari, i Clerici divennero marchesi nel 1667, quando Piero Antonio, primogenito di Giorgione acquistò il feudo di Cavenago, nel lodigiano. Piero Antonio inoltre ottenne la facoltà di trasmettere il titolo di Marchese anche ai nipoti, figli del fratello Carlo ( ), l unico della famiglia che ebbe discendenza. Proprio Carlo, mentre i fratelli si distinsero per le loro imprese militari 1, venne destinato alla carriera giuridica: nel 1676 divenne Reggente del Supremo Consiglio d Italia a Madrid, la più alta carica a cui un lombardo potesse aspirare. Carlo quindi estese i possessi sugli edifici del Prestino de Bossi, creando il nucleo principale di quello che sarà l attuale palazzo Clerici. Erede del patrimonio dei Clerici fu Giorgio II ( ), figlio di Carlo, che, come il padre, intraprese la carriera giuridica dopo aver conseguito la laurea presso il Collegio Borromeo di Pavia. Giovane estremamente ambizioso e deciso a consolidare il prestigio da così poco tempo raggiunto dalla sua famiglia, dapprima si imparentò con una delle più antiche e prestigiose famiglie milanesi sposando Caterina Pallavicino, poi divenne Magistrato Ordinario dello Stato di Milano nel La sua rapida ascesa sociale, sebbene il padre non 1 Ricordiamo Francesco, capitano dei corazzieri del re Spagna, gran mecenate, al pari del padre e del fratello Pietro Antonio favorì grandemente l Ospedale Maggiore di Milano dove si conservano, nella nuova sede museale, i ritratti di diversi membri di questo casato. 2

3 volle mai aiutarlo o favorirlo in alcun modo, proseguì nel 1684 quando venne eletto Senatore 2 di Milano e quindi Reggente del Supremo Consiglio d Italia a Madrid nel 1686, carica a cui ambiva da quasi dieci anni. Il passaggio dalla dominazione spagnola a quella austriaca non portò conseguenze alla posizione occupata da Giorgio II: creditore dello stato di ingenti somme di denaro, nonché sotto la protezione del principe Eugenio di Savoia, Governatore di Milano tra il 1706 e il 1715, riottenne la reintegrazione tra i nobili milanesi già nel A Giorgio si deve la costruzione della sontuosa villa a Cadenabbia sul lago di Como, conosciuta in tutto il mondo come villa Carlotta. L immenso patrimonio dei Clerici nel 1722 finì in mano al giovanissimo Antonio Giorgio ( ), dopo la morte del nonno Carlo Francesco 3 e del padre Carlo Giorgio, avvenuta durante l assedio di Belgrado al fianco di Eugenio di Savoia. Antonio Giorgio poteva disporre di una rendita annua di lire netta, era favorito dal potentissimo principe Eugenio di Savoia (disposto, come dicono le fonti, a favorirlo in tutto ) e entrò in contatto con la monarchia asburgica e il partito filo-imperiale dopo il matrimonio con la nobile Fulvia Visconti 4. Da queste premesse bisogna ricordare che Antonio Giorgio, uomo di grandi ambizioni nonché deciso scialacquatore delle sostanze ereditate, nel giro di pochi decenni riuscì a dilapidare in imprese sia pubbliche che private il suo immenso patrimonio. Dapprima fondò nel 1744 a proprie spese un reggimento lombardo destinato alla difesa delle piazzeforti locali, durante un periodo, quello della Guerra di Successione Austriaca, estremamente delicato per gli Asburgo. Maria Teresa d Austria tenne in grande considerazione Giorgio Antonio, tanto che il suo reggimento venne impiegato anche nella Guerra dei Sette Anni e lui stesso divenne ambasciatore dell imperatrice presso la Santa Sede per la morte di Benedetto XIV. In quest occasione tutta Europa si stupì del folle lusso con cui Giorgio Clerici allestì la sua ambasciata, testimoniata da libri, stampe e quadri. Queste spese, unite a quelle per la sistemazione (comprese le decorazioni ad affresco del Tiepolo) e il mantenimento del suo palazzo milanese, per sfarzo paragonabile ad una vera e propria reggia, fecero rapidamente esaurire le sue finanze, tanto da dover chiedere dei prestiti, ovviamente concessi, al Senato di Milano. Dopo la morte di Antonio Giorgio il palazzo venne dato in affitto all Arciduca Ferdinando d Austria e qui si insediò la corte in attesa del rifacimento di Palazzo Ducale da parte del Piermarini. 2 Il Senato di Milano era la magistratura fondamentale dello Stato, con un potere quasi pari a quello del governatore e a quello del Consiglio d Italia di Madrid. 3 Carlo Francesco nacque dal secondo matrimonio di Giorgio II con Giovanna Ferrero dei Principi di Masserano. 4 Figlia del Generale Annibale e cugina della prima moglie di Pietro Verri. Un altra famiglia a cui Pier Antonio sarà legato fu quella dei Trivulzio dal momento che sua madre, Maria Archinto, dopo la morte del marito Carlo Giorgio Clerici, si risposò con Antonio Tolomeo Gallio Trivulzio. I Clerici avevano quindi intrecciato legami con le più importanti e potenti famiglie milanesi dell epoca. 3

4 Pier Antonio Clerici di Domaso (1489-?) Giorgio I ( ) + Angiola Porro Don Carlo ( ) + Eufemia Bonetti Don Giorgio II ( ) + Caterina Trivulzio Don Carlo Francesco ( ) + Giovanna Ferrero Fieschi Don Carlo Giorgio ( ) + Donna Maria Archinto Don Antonio Giorgio ( ) + Fulvia Visconti 4

5 La Corte Austriaca ( ) L affitto del palazzo fu stipulato tra Claudia Clerici, figlia di Antonio Giorgio, che sposò il Marchese Biglia Conte di Saronno, e tre ministri incaricati dal Conte Firmian. Arciduca e Arciduchessa occuparono le sale del piano nobile, insieme al loro vasto seguito di cortigiani e camerieri. La Corte risedette nel palazzo fino al 1778, quando venne restituito ai Clerici, anche se per poco tempo. La Corte d Appello ( ) Come avvenne anche per il Palazzo Bolagnos Visconti, suddiviso in diversi appartamenti durante tutto l Ottocento, anche Palazzo Clerici nel XVIII secolo subì modifiche molto rilevanti, che portarono allo smontaggio e al reinserimento, spesso definitivo, di nuove parti del palazzo. Nel 1815 l ultimo discendente dei Clerici alienò l edificio allo Stato, che lo destinò a diventare la sede della Corte d Appello. Gli interventi più drastici riguardarono il piano terra, dove nessuna stanza venne risparmiata. Alcune sale principali del piano superiore, come la galleria del Tiepolo, mantennero la loro funzione di rappresentanza, mentre altre vennero modificate ( ad esempio la sala da ballo venne trasformata in archivio). Frequente era la suddivisione delle stanze più ampie in ambienti di minore grandezza, come avvenne per la galleria degli stucchi, divisa in due parti. L ISPI 5 ( dal 1940 ad oggi) Nel 1940 il palazzo venne acquistati dall ISPI, l Istituto per gli Studi di Politica estera, e ne divenne la sede ufficiale. Il presidente dell Istituto, l Onorevole Alberto Pirelli, affidò il compito di ideare un progetto di risistemazione dell edificio all ingegnere Giuseppe Dotto. Il progetto di restauro venne subito presentato, come era solito, a Mussolini in persona, che diede la sua approvazione. Dotto ripristinò in gran parte l assetto del palazzo prima delle modifiche ottocentesche, in particolar modo eliminò la stanze che erano state derivate dal portico del cortile d onore, le costruzioni aggiunte nel secondo cortile e le pareti che suddividevano le stanze in più parti, riportandole al loro splendore originario. Le decorazioni delle sale del primo piano furono interamente rinnovate, ad esempio i lambris 6, eseguiti con intonaco imitante pannelli mistilinei barocchi; vennero riposti serramenti su imitazione di quelli antichi e riposizionati i camini. I lavori finirono proprio durante la guerra, che provocò diversi danni all edificio in seguito ai bombardamenti su Milano dell 8 agosto A tal proposito Gino Chierici, funzionario della Soprintendenza incaricato di controllare i lavori, prese diversi provvedimenti per cercare di tutelare il più possibile il monumento in caso di attacco. Il restauro del palazzo in seguito ai danneggiamenti provocati dalla guerra avvenne solamente negli anni 50, quando Dotto elaborò un progetto per la 5 Per la storia dell ISPI vedi il volume su Palazzo Clerici, pag Sono alti zoccoli di legno o altro materiale, fissati alle pareti per proteggere dall umidità. 5

6 ricostruzione del cortile Nord e la risistemazione della galleria del Tiepolo e del gabinetto degli specchi. Anche negli anni 60 e 70 i lavori proseguirono con l Architetto Luigi Gorgoni de Mogar e negli anni 80 sotto la direzione della Soprintendenza con Fulvio Nardis. Recentemente l Istituto ha intrapreso una nuova serie di interventi mirati soprattutto alla conservazione degli ambienti nel rispetto delle preesistenze e supportati da indagini conoscitive storiche e tecniche. 6

7 LE STANZE DEL PIANO NOBILE 7 Lo Scalone Lo scalone d onore è collocato a destra del cortile d onore 8 e immette direttamente nella sala da ballo del piano nobile. Come in tutti i palazzi e ville dell epoca lo scalone ha una funzione fortemente simbolica: essendo il primo spazio interno a cui si accedeva visitando il palazzo doveva dare un senso di grandezza e monumentalità di livello pari a quello della famiglia che vi abitava. Il materiale impiegato è il granito, usato per i gradini, le balaustre e - unico tra i palazzi milanesi - le statue femminili vestite all orientale negli angoli della scala. L effetto scenografico dello scalone è accentuato dal riflesso della luce, che cambia angolazione durante la giornata, provenente sia dall ampia apertura sul cortile, sia dalle finestre. Sebbene non siamo venuti a conoscenza del nome dell architetto del palazzo, possiamo notare alcune analogie con lo scalone della villa, sempre proprietà dei Clerici, a Niguarda, comunemente attribuita a Francesco Croce 9 e ipotizzare un suo intervento anche nel palazzo milanese. Lo schema compositivo dello scalone della villa infatti ricalca fedelmente quello del palazzo, nelle quattro rampe e nelle figure antropomorfe agli angoli. La volta dello scalone è riccamente decorata da un affresco di Bortoloni 10, che rappresenta un apoteosi. All interno di una cornice in stucco scenograficamente interrotta nella parte inferiore per dare spazio al dipinto, Minerva accompagna verso il cielo Giorgio II Clerici, bisnonno di Antonio Giorgio, artefice dell ascesa economica e sociale della famiglia. L ampio spazio del cielo è popolato da altre 7 Non abbiamo testimonianze sull aspetto del palazzo quando era proprietà dei Visconti. Le descrizioni durante il possesso dei Clerici sono tratte da un inventario redatto nel 1771 in occasione del passaggio al Duca Ferdinando. Per i restauri successivi si fa riferimento ai progetti stilati dagli architetti responsabili dei lavori. 8 La pianta del palazzo è estremamente articolata: gli spazi dell'edificio sono distribuiti attorno a diversi cortili, alcuni "da parata", altri di servizio. L'androne d'ingresso, arretrato rispetto alla facciata per agevolare il passaggio delle carrozze, è prospetticamente collegato con il cortile d'onore e con il giardino, chiamato anche "Cortile della Cavallerizza" per la sua destinazione agli spettacoli equestri. I lati maggiori del cortile d'onore sono percorsi da un portico con volte a crociera alternata a strette volte a botte su colonne binate di ordine dorico. 9 Francesco Croce (Milano ) fu tra i principali esponenti del barocchetto lombardo, stile derivato dal rococò ma più semplificato e alleggerito. Molte delle sue opere manifestano un gusto di transizione tra rococò e neoclassicismo. Oltre a importanti palazzi milanesi (come l attuale palazzo Sormani) e ville di delizia nella provincia, Croce svolse un ruolo di primo piano come architetto della fabbrica del Duomo, costruendo sul tiburio la guglia principale. 10 Mattia Bortoloni ( ) era originario di Rovigo, si formò a Venezia e fu attivo tra Lombardia e Piemonte. A Milano affiancò a Tiepolo negli affreschi dei Palazzi Casati Dugnani e Clerici (1740), per poi proseguire da solo la decorazione di quest ultimo dopo la definitiva partenza di Giovan Battista da Milano. Pittore brillante e di dichiarata ascendenza tiepolesca, diede il meglio di sé nelle pitture di carattere profano, dove interpretava in modo ironico e disincantato, con colori lievi e brillanti, temi storici, mitologici e allegorici. 7

8 figure scorciate di sotto in su, come putti e vittorie alate che completano la scena. La Sala da Ballo La sala da ballo, luogo di rappresentanza per eccellenza, sede dei ricevimenti e delle feste della famiglia Clerici, è il primo ambiente a cui si accede salendo al piano nobile. La sua grandezza (il salone ha l altezza di due piani), emblema del prestigio raggiunto dai proprietari del palazzo, rispecchia un modello molto diffuso a Milano in quel periodo 11. I lati lunghi sono traforati da finestre, da una parte riguardanti il cortile d onore, dall altra la strada; in origine le finestre erano corredate da coretti non praticabili. I lati corti invece erano occupati da cantorie ricoperte da stucchi e sostenute da mensole in pietra per i musici, che vi accedevano da scale segrete. La grande volta era dipinta a chiaroscuro con motivo a fogliame. La sala da ballo venne pesantemente rimaneggiata nell Ottocento, quando in questo spazio si trasferì dapprima la sede del Tribunale di Terza Istanza, poi l Archivio generale. Il progetto di risistemazione, realizzato nel 1873 dopo un crollo parziale del soffitto, prevedeva la suddivisione del vasto ambiente in due piani con tavolati di mattoni: il primo piano era adibito ad uffici, il secondo, provvisto di una controsoffittatura in luogo della volta, era circondato da più livelli di scaffali per il deposito dei documenti. La sistemazione dei balconi e delle decorazioni così come le vediamo adesso sono il frutto di un doppio restauro: il primo di Giuseppe Dotti tra le due guerre e il secondo di Luigi Gorgoni de Mogar nel Attualmente la balconata è continua e le pareti, così come il soffitto, sono decorate da stucchi bianchi e dorati dalle figurazioni fitomorfe. La Galleria degli Stucchi (Anticamera Ortona) 12 Questa sala collegava il salone da ballo con l appartamento del Marchese. Avendo una funzione principalmente di transito, la galleria non presentava ( e non presenta) arredamenti o decorazioni particolari: in origine il pavimento era in mattoni, le pareti erano spoglie e il soffitto era impreziosito da una finta volta decorata con stucchi e tre grandi lampadari. Durante l inserimento della Corte d Appello lo spazio della sala venne adibito a biblioteca, con l inserimento di più livelli di scaffali con logge di legno. La Galleria dei Quadri (Anticamera del Tiepolo) Questa sala conteneva la collezione di tele del Marchese Giorgio Clerici. Le opere presenti in questo ambiente ai tempi di Giorgio Clerici erano 110 e comprendevano tele e tavole soprattutto di scuola lombarda e veneta. Il nucleo più consistente di opere risale al Seicento: in un inventario del 1736 sono 11 Confronta questa sala con la sala da ballo di palazzo Bolagnos Visconti. 12 Le sale sono indicate con il nome dato nell inventario del La dominazione attuale è inserita tra parentesi. 8

9 elencati originali e copie di Vermiglio, Morazzone, Camillo e Giulio Cesare Procaccini, Cerano, Daniele Crespi, Montalto, Storer, Nuvolone, alcuni dei grandi artisti protagonisti della Milano di Federico Borromeo. Tra le opere dei bolognesi possiamo citare quelle di Guido Reni; tra i fiamminghi Rubens e Van Dyck. Nell inventario del 1738 sono annoverati 90 dipinti; tutta la collezione dei Clerici andò perduta dopo la vendita del palazzo alla Corte d Appello. Il pavimento era in cotto, la finta volta presentava uno sfondato prospettico incorniciato da stucco dorato. L affresco della volta, estremamente sciupato e appesantito da ridipinture, è stato attribuito dalla studiosa Simonetta Coppa a Bortoloni. La scena rappresentata è di difficile lettura: si può ipotizzare che il personaggio principale sulla destra, una figura femminile coronata sotto un baldacchino, sia Maria Teresa d Austria. Se l ipotesi è corretta la scena raffigurerebbe l allegoria del buon governo della sovrana d Austria. Questa galleria nell Ottocento venne suddivisa in due parti da un muro per separare gli avvocati della Corte d Appello dagli applicati. Galleria degli Intagli (Galleria del Tiepolo) Questo ambiente è uno dei pochi rimasto praticamente immutato nel corso dei secoli e le sue decorazioni, l affresco, le boiserie 13 e gli arazzi, si sono conservati nel loro splendore originario. Nel 1740 Antonio Giorgio Clerici commissionò a Giovan Battista Tiepolo la decorazione ad affresco della volta della galleria. Nonostante le proporzioni dilatate della sala, lunga ventidue metri e larga poco più di cinque, l artista veneziano riuscì ad impaginare in modo grandioso e magniloquente lo spazio, creando un insieme perfettamente equilibrato di personaggi, animali e finte architetture. In un cielo striato di nubi bianche e rosate si staglia al centro il carro del sole trainato da quattro cavalli bianchi, circondato da diverse divinità olimpiche, quali Mercurio, Venere e Saturno, riconoscibili dai loro attributi. Nei personaggi raffigurati sul finto cornicione Tiepolo diede sfogo alla sua incomparabile fantasia creativa: inserì infatti sui lati brevi l allegoria delle arti (con il suo autoritratto vicino alla personificazione) e divinità marine e fluviali; sui lati lunghi invece rappresentò le allegorie delle quattro parti del mondo allora conosciute (Europa, Asia, Africa e America con i loro animali - simbolo, rispettivamente il cavallo, l'elefante, il cammello e il coccodrillo), secondo uno schema che poi riproporrà a Wüzburg nella sala imperiale e nello scalone del Vescovado. L'affresco può essere interpretato come una celebrazione di Antonio Giorgio che nel 1739, anno precedente alla realizzazione dell'opera, aveva ottenuto l'aggregazione al patriziato milanese oppure come l'esaltazione del suo mecenatismo (si ricordino la presenza dell'allegoria delle arti insieme ad Apollo e Mercurio, patrono delle scienze). Un'altra ipotesi accosterebbe il carro di Apollo all'ascesa del sole dell'austria ad illuminare il mondo (Maria Teresa era salita al trono imperiale nello stesso 1740). 13 Rivestimenti in legno. 9

10 Gli stucchi dorati delle cornici si fondono con le boiserie intervallate dagli arazzi, creando un collegamento tra lo spazio architettonico reale e quello fittizio degli affreschi, di grande effetto scenografico. Dopo la decorazione del soffitto Antonio Giorgio si occupò del riempimento delle pareti. Le pareti sono completamente rivestite da una fitta sequenza di incorniciature, stipiti, porte, specchiere, scuretti, magistralmente disposti a formare un complesso decorativo unitario ed omogeneo. Corre lungo il perimetro della galleria, interrompendosi solo in corrispondenza delle porte e delle portefinestra, una zoccolatura di riquadri dipinti oro su bianco con scene di vita militare. Le scene rappresentate sono disposte in sequenza storica e lo stile risente della moda orientaleggiante, diffusa verso la metà del Settecento, delle maioliche e delle ceramiche alla cinese prodotte in Lombardia. Ancora più spettacolari sono i rilievi dorati che ricoprono indistintamente tutti i componenti dell arredo, secondo l adesione a modelli internazionali che troviamo anche in altri palazzi milanesi del terzo e quarto decennio del Settecento. La peculiarità di questi rilievi consiste nel fatto che essi non hanno unicamente valenza decorativa, ma mettono in scena - dai battenti delle portefinestra che si affacciano sul Cortile d onore fino alle sovrapporte delle specchiere - una storia vera e propria, la Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso, scelta probabilmente per esaltare le glorie militari del casato. Vennero infatti riprodotti in modo puntuale le illustrazioni all opera tassiana pubblicate a Venezia nel 1745 da Giovan Battista Piazzetta 14. Poiché il numero delle boiserie supera le venti tavole concepite dal Piazzetta, ad un certo punto si inseriscono raffigurazioni indipendenti da quel modello, che tradiscono un inventiva meno brillante. Gli intagli sono attribuiti dai critici a Giuseppe Cavanna, artefice di alcuni dei migliori arredi barocchetti che, verso la metà del XVIII secolo, rinnovarono gli interni delle più prestigiose dimore milanesi, diffondendo la versione più raffinata del rococò internazionale, derivato da Versailles. Altro elemento interessante è quello degli specchi, che moltiplicano e dilatano i punti di vista, secondo il prezioso gusto rocaille, diffuso a Milano in questo periodo. Molto probabilmente tra il 1740 e il 1750 Antonio Giorgio non possedeva gli arazzi che ancora oggi riempiono le pareti tra le decorazioni lignee del Cavanna. La crescita di prestigio sociale corrisponde anche ad un desiderio di ostentazione esteriore: possiamo ipotizzare che Antonio Giorgio abbia voluto posizionare gli arazzi nella sala più prestigiosa del palazzo per emulare le tappezzerie che aveva ammirato a Vienna da Maria Teresa, oppure secondo la nuova voga di esporre pareti istoriate come nel Regio Ducal Palazzo di Milano. 14 Giovan Battista Piazzetta (Venezia ) fu un pittore molto importante nella cultura veneziana settecentesca: maestro nella pittura religiosa,divenne fonte inesauribile di temi plastici e grafici anche attraverso la sua opera di insegnamento accademico e di illustratore per l editore veneziano Albrizzi. La critica moderna gli ha restituito la posizione di testa nella corrente decorativa tardo barocca, che poi trovò il suo maggiore esito poetico in Tiepolo. 10

11 Gli arazzi 15, di tessitura brussellese su cartoni francesi di stile classico barocco che riprendevano modelli del pieno Rinascimento italiano (come gli arazzi di Raffaello e Giulio Romano nelle Stanze Vaticane a Roma), non furono creati appositamente per il palazzo Clerici ma erano stati tessuti nel Essi furono posti entro le cornici dorate nella galleria verso la seconda metà del XVIII secolo: vengono infatti menzionati in tutti gli inventari redatti tra il 1770 e il I documenti ci indicano che nella galleria erano presenti sei pezzi, quattro grandi e due piccoli. Attualmente i panni sono cinque e non sei: nel 1918 infatti gli arazzi furono spostati a Roma e rientrarono a Milano privi di un arazzo piccolo, purtroppo mai stato fotografato. Le storie narrate sono quelle di Mosè, come è anche specificato dalle didascalie in latino nelle bordure superiori di ogni arazzo. Le trame sono di lana e seta, gli orditi sono molto fini e i colori brillanti e intensi, grazie anche al recente restauro del Le bordure sono costituite da girali d acanto su fondo arancio con festoni e ghirlande floreali. Nelle parte inferiore di ogni arazzo sono ben leggibili le firme dell arazziere (Ian Leyniers, ) e le marche Brabante - Bruxelles, proprie della città di origine. In ordine narrativo troviamo: Mosè al pozzo disseta le greggi delle figlie di Jetro 16, Mosè con Aronne davanti al faraone trasforma le verghe in serpenti 17, Passaggio del Mar Rosso 18, Battaglia contro gli Amaleciti 19. Il quinto arazzo, di dimensioni minori, sebbene sia indicato come Moyses Historia e sebbene la tessitura riveli una provenienza simile a quella degli altri quattro pezzi, è stato riconosciuto come la storia del battesimo di Clodoveo, proveniente da un altra serie di arazzi. Il ciclo con le storie di Mosè comprendeva in totale otto panni; i quattro non esposti nella sala del Tiepolo erano comunque di proprietà di Antonio Giorgio ed erano esposti in una sala attigua. Attualmente, dopo diversi passaggi di proprietà, sono conservati nel Virginia Museum of Fine Art di Richmond. La mobilia, forse proveniente da botteghe viennesi, venne concepita in funzione delle coerenza decorativa della sala, come è evidente nelle consoles, dagli ornati ricorrenti anche negli infissi, oppure nei divani, i cui profili degli schienali seguono di pari passo l'andamento curvilineo delle sovrastanti specchiere. Durante l insediamento dei Granduchi d Austria la galleria degli intagli divenne la sala delle udienze: per questo motivo al suo interno venne aggiunto un 15 Ai tempi di Antonio Giorgio si pensava che i cartoni preparatori fossero stati eseguiti da Rubens. 16 Esodo, 2, Esodo, 7, Esodo 14, Esodo 17,

12 baldacchino in velluto rosso. L ambiente era inoltre utilizzato dai duchi come sala da pranzo, sia in estate che in inverno. Fortunatamente il trasferimento del palazzo della Corte d Appello, al contrario di molti altri ambienti come già ricordato, non apportò alcun danno alla sala, che veniva utilizzata come aula di riunione plenaria. Sala Grande (Sala degli Specchi) Questa sala e la successiva fanno parte dei così detti Appartamenti di parata 20, non abitati e comunicanti con l appartamento della Marchesa. La sala degli specchi era una delle più fastose del palazzo perché destinata ai ricevimenti ufficiali. In questo ambiente era esposto il ritratto della Marchesa al di sotto di un baldacchino di velluto cremisi con una cornice dorata, che poteva essere montato anche nella sala successiva. Nella muratura rimangono inglobate antiche colonne in granito, poiché nel Seicento l ambiente non era chiuso ma costituiva una loggia aperta sul giardino. L arredo ligneo, di cui non conosciamo l autore, fu probabilmente messo a punto nel 1755 da Antonio Giorgio. I trofei militari con la sigla MC, identificabile con Maresciallo Clerici più che con Marchese Clerici, sono riferibili ai trionfi che Antonio Giorgio aveva da poco ottenuto in guerra. Lo stile è più pacato rispetto agli intagli del Cavanna nella sala del Tiepolo, elemento che conferma la datazione di poco posteriore e lascia intuire il prossimo rinnovamento neoclassico. La volta è decorata ad affresco, sicuramente ridipinto, che rappresenta Giove e Ganimede 21 al centro con le divinità olimpiche Saturno e Nettuno ai lati. Questo ambiente divenne la camera da letto del Duca e dell Arciduchessa d Austria tra il 1771 e il e venne utilizzato come sala di riunione della Terza Istanza dal Tribunale della Corte d Appello, senza subire modifiche. Sala (Anticamera della Sala degli Specchi) La sala era strettamente collegata a quella precedente; le sue decorazioni, al contrario di adesso, erano corrispondenti a quelle della sala degli specchi. La volta è decorata con un affresco in gran parte ridipinto di scarsa rilevanza artistica. 20 Nell inventario sono descritti sei appartamenti privati, detti quarti. La Marchesa occupava gli spazi a nord del Cortile d Onore, il Marchese quelli a Sud ed entrambe erano collegati con gli spazi di rappresentanza. Le altre stanze erano per i componenti della famiglia, gli ospiti, la servitù. 21 Giove, invaghitosi del giovane Ganimede, dopo essersi trasformato in un aquila lo rapì e lo portò sull'olimpo, dove divenne il suo coppiere. 22 Il Duca d Austria occupò l ala nord del cortile d onore come residenza, mentre la Duchessa abitò nell appartamento a sud. 12

13 Giovan Battista Tiepolo Giovan Battista Tiepolo nacque nel 1696 a Venezia. Sebbene la sua famiglia fosse estranea al mondo dell arte (il padre era armaiolo) già nel 1710 risulta essere allievo di uno degli artisti veneziani più affermati dell epoca, Gregorio Lazzarini. La sua formazione si costituì sullo studio di opere dei grandi maestri del passato e proprio uno dei suoi primi incarichi fu quello di realizzare copie grafiche di opere del Cinquecento ( come Tintoretto, Veronese, Bassano, Tiziano e Salviati). Questa esperienza fu estremamente decisiva per la sua formazione, dal momento che gli permise di acquisire le strutture compositive e gli elementi figurativi derivati dai modelli del Cinquecento, che spesso rielaborò e adattò alle proprie esigenze lungo tutta la sua carriera. Un altra caratteristica del giovane Tiepolo fu la grande capacità di adattamento del linguaggio pittorico alle diverse committenze: fin da giovane quindi si dimostrò un artista estremamente eclettico e versatile. La sua attività di frescante iniziò nel 1716 con l Assunta della chiesa parrocchiale di Biadene e con la decorazione del salone del primo piano della villa che l editore Giovan Battista Baglioni possedeva in provincia di Padova. L impostazione di questi primi affreschi rispecchia quella del Tiepolo della maturità: la superficie pittorica investe completamente la parete, sfondandone lo spazio che diventa infinito. Nel 1724 iniziò lo stretto rapporto di Giovan Battista con l architetto Domenico Rossi, destinato a protrarsi fino al terzo decennio. Molto probabilmente grazie alla vicinanza col Rossi e con il suo stretto collaboratore Dorigny, Tiepolo abbandonò definitivamente le atmosfere cupe e tenebrose delle tele del primo periodo per dedicarsi completamente ai colori brillanti, ai toni chiari e alla luminosità solare caratteristiche del suo stile. Esempio di questa evoluzione è la decorazione del soffitto del piano nobile del palazzo Sandi, appena ricostruito del Rossi. Lo schema compositivo è quello della grande decorazione barocca: al centro divinità olimpiche e figure allegoriche finalizzate all esaltazione del committente, ai lati sul cornicione quattro episodi mitologici che completano la figurazione. I colori chiari e le ombre colorate, che danno grande vivacità alla composizione, sono derivate direttamente dall accesa cromia di Paolo Veronese. Altre opere importanti tra gli anni 20 e 30 furono gli affreschi del Duomo e del Palazzo Patriarcale a Udine ( in cui introduce l uso, tipicamente veronesiano, dei colori complementari) e dieci grandi tele con storie romane che decoravano palazzo Dolfin a Venezia ( ora divise tra i musei di San Pietroburgo, Vienna e New York). All inizio degli anni trenta venne chiamato a Milano 23, dove affrescò dapprima cinque soffitti a palazzo Archinto (distrutti nel 1943) e in seguito le storie di Scipione a palazzo Casati (anche questi assai danneggiati). Negli anni successivi Tiepolo accettò diverse commissioni sia sacre che profane in molte città dell Italia settentrionale: Bergamo (cappella Colleoni, 1732), Vicenza (villa del conte Loschi, 1734), ancora Milano (Basilica di S. Ambrogio, 1737) e Venezia (chiesa del Gesù, ). 23 A proposito leggi il saggio di Simonetta Coppa Giambattista Tiepolo a Milano: i palazzi Archinto, Casati e Clerici. 13

14 Nel 1740 Tiepolo ritornò per l ultima volta a Milano per decorare il soffitto del palazzo del Marchese Giorgio Clerici con uno scenografico trionfo del carro del sole, con uno schema compositive che riutilizzò in altre sue opere. Dopo l ascesa al trono di Maria Teresa d Austria, nello stesso 1740, Milano divenne uno dei centri principali del rinnovamento illuminista, che favoriva tematiche più realiste e non poteva più accettare le forme trionfanti e rococò di Tiepolo. Per lo stesso motivo Tiepolo non lavorò mai nella Francia dei Lumi. Il quinto decennio vide Gian Battista impegnato ancora a Venezia, Vicenza e Dresda, dove entrò per la prima volta in contatto con la pittura francese. Dal 1750 Giovan Battista si trasferì con i figli GianDomenico e Lorenzo a Wüzburg, dove rimase per circa tre anni al servizio del principe vescovo Carl Philippe von Greiffenklau, decorandone la sontuosa residenza costruita dall architetto Neumann. Tiepolo trascorse infine gli ultimi anni della sua vita a Madrid al servizio di Carlo III, affrescando ( ) in Palazzo Reale allegorie, trionfi e glorie nel suo stile magniloquente. Qui morì nel

15 PALAZZO CLERICI: IL PIANO NOBILE NEL ) Sala da Ballo 2) Galleria degli stucchi 3) Galleria dei quadri 4) Galleria degli intagli 5) Sala grande 6) Sala 15

16 16

17 PALAZZO CLERICI: IL PIANO NOBILE DURANTE L INSEDIAMENTO DELLA CORTE IMPERIALE ( ) 1) Gran Salone con ringhiera per la sinfonia o atrio 2) Prima anticamera dell Arciduchessa 3) Seconda anticamera dell Arciduchessa 4) Sala da pranzo e di udienza pubblica 5) Camera da letto per l Arciduca e l Arciduchessa 6) Stanza d udienza dell Arciduchessa 17

18 18

19 PALAZZO CLERICI: IL PIANO NOBILE TRASFORMATO IN CORTE D APPELLO ( ) 19

20 PALAZZO CLERICI OGGI 1) Sala da Ballo (Luigi Gorgoni de Mogar, 1966) 2) Anticamera Ortona 3) Anticamera del Tiepolo 4) Galleria del Tiepolo 5) Sala degli specchi 6) Anticamera sala degli specchi, sala della moquette. 20

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé.

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Situato nel cuore della capitale italiana della moda e del design, lo showroom si affaccia sulla strada con due

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Virginia Hill. Copertina rivista Sovrana, 1927 Italia (da:

Virginia Hill. Copertina rivista Sovrana, 1927 Italia (da: Piante e fiori nella moda italiana, dagli anni Venti agli anni Ottanta Virginia Hill Il tema piante e fiori nella moda, per molti, potrebbe sembrare scontato. Spesso è stata fatta un associazione che vede

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima

Poco tempo dopo la sua costituzione, promossa dalle Generali nel 1890, l Anonima Boccasile e altri 110 L ANONImA GrANDINE NEGLI ANNI trenta Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: manifesto con disegno di Ballerio (1935); calendario murale e manifesto con illustrazione di

Dettagli

LO SPAZIO NELL ARTE. Tra realtà e illusione

LO SPAZIO NELL ARTE. Tra realtà e illusione LO SPAZIO NELL ARTE Tra realtà e illusione Lo studio di sistemi di rappresentazione dello spazio è stato uno dei temi di ricerca più importanti delle arti figurative e un problema molto sentito dagli artisti,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G.

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G. 1. La scuola adotta un monumento www.lascuolaadottaunmonumento.it a cura della Fondazione Napoli Novantanove www.napolinovantanove.org dal 1 maggio al 2 giugno gli alunni degli istitui scolastici che aderiscono

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015

OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 OGGETTI VINTAGE E DA COLLEZIONE - LIBRI AUTOGRAFATI ASTA DEL 21 APRILE 2015 NUMERO LOTTO N 1 DESCRIZIONE E Frullatore da cucina Quick Batter Omre di Monza Prodotto tra gli anni '60 e '70. Spina originale.

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco

PROMOSSI ALLA GLORIA. Curtatone, non lontano dalla stazione Termini, ospite il pastore di origine svizzera Herman Parli, Francesco Pagina 1 di 5 Francesco Toppi 1928-2014 di Eliseo Cardarelli PROMOSSI ALLA GLORIA Francesco Toppi 1928 2014 Il pastore Francesco Toppi era nato a Roma il 1 gennaio del 1928, da Gioacchino e Gina Gorietti,

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli