Procedura Direzione Strategica. Accertamento dell idoneità psico-fisica dei dipendenti dell Azienda USL della Valle d Aosta. Stato delle revisioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Procedura Direzione Strategica. Accertamento dell idoneità psico-fisica dei dipendenti dell Azienda USL della Valle d Aosta. Stato delle revisioni"

Transcript

1 Pagina 1 di 8 Indice rev. Data Par. n Pag. n Stato delle revisioni Sintesi della modifica 0 12/06/09 Prima emissione Redazione Vd. gruppo di lavoro in calce 1. Oggetto e scopo La presente procedura ha lo scopo di definire le modalità di accertamento della idoneità psicofisica dei lavoratori dipendenti (come definito al capitolo 6 della presente procedura) dell AUSL della da parte delle competenti strutture aziendali. 2. Campo di applicazione La procedura si applica a tutti i lavoratori (successivamente (AUSL VdA) 3. Responsabilità Le responsabilità specifiche sono dettagliate all interno della procedura, al cap.6. La verifica dell attuazione è demandata alla SC Servizio Prevenzione e Protezione, al medico competente e alla SC Personale. 4. Documenti di riferimento D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico della Sicurezza Legge 300/70. L. 20 maggio 1970, n Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento. CCNL Integrativo Comparto Sanità 1998/2001 Decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196 Codice in materia di protezione dei dati personali 5. Definizioni Lavoratori dipendenti: lavoratori dell AUSL VdA, così come individuati all art.2 del D.Lgs. 81/2008 (compresi, quindi, gli operatori con contratto atipico, gli studenti dei corsi di laurea e dei corsi professionali sanitari nel periodo del tirocinio ed il personale distaccato e comandato da altri Enti). File Procedura idoneità dipendenti rev0.doc Redazione SPP: Dott.ssa A. Mombelloni Dott. Perria DSO: Dott.ssa R. Ippolito SC Personale: Dott. E. Formento Dojot Dott.ssa M. Carlin UCPS: Dott ssa L. Plati SC Medicina Legale. Dott. M. Castelli SPRESAL: Ing. A. Roffin Data applicazione 24 agosto 2009 Verifica Ufficio Qualità: Dott.ssa G. Vuillermin Copia Controllata Approvazione : Dott.ssa C.S. Riccardi

2 Pagina 2 di 8 Sorveglianza sanitaria: insieme delle attività effettuate e degli esami disposti dal medico competente aziendale per valutare l idoneità dei lavoratori alla mansione specifica. SPRESAL: Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, Organo di Vigilanza territorialmente competente per l attuazione delle norme in materia di sicurezza e salute sul lavoro. SPP: Servizio Prevenzione e Protezione dell Azienda USL, ai sensi della sezione III del D.Lgs. 81/2008 (art. 31 e segg.). Medico competente: medico in possesso di specifiche competenze e percorso formativo in materia di medicina del lavoro. Mansione: equivale al contenuto proprio della prestazione Profilo: equivale alla definizione dell oggetto della prestazione (infermiere, collaboratore amministrativo, tecnico ecc.). Commissione medica: commissione istituita ai sensi di apposita Delibera e attivata dallo SPRE- SAL per le valutazioni di cui al c. 9 dell art. 41 D.Lgs. 81/2008 (ricorso avverso il giudizio del medico competente). Collegio medico-legale: commissione istituita presso S.C. Medicina Legale, preposta agli accertamenti di cui all art. 5 L. 300/70 e all art. 6 CCNL integrativo 1998/2001 (mutamento di profilo per inidoneità psico-fisica). Datore di lavoro: soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l'assetto dell'organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell'organizzazione stessa o dell'unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Protocollo sanitario: ai sensi dell art.41 si intende l insieme di accertamenti ed esami disposti sui lavoratori dal medico competente nell ambito della sorveglianza sanitaria, al fine di valutarne l idoneità alla mansione, in funzione dei rischi a cui sono esposti. 6. Contenuto 6.1 Premessa Il combinato disposto degli articoli e 42 del decreto legislativo 09 aprile 2008 n. 81, demanda al medico competente l accertamento dell idoneità psico-fisica del lavoratore rispetto alla mansione specifica. Tale accertamento risponde ad un interesse del lavoratore, essendo diretto ad accertarne il grado di compatibilità con la mansione svolta, in relazione ai rischi lavorativi cui è esposto. La sorveglianza sanitaria comprende: a) visite mediche preventive intese a constatare l'assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore è destinato, al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica; b) visite mediche periodiche per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica. c) visite mediche su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell'attività lavorativa svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;

3 Pagina 3 di 8 d) visite mediche in occasione del cambio della mansione, onde verificare l'idoneità alla mansione specifica; e) visite mediche alla cessazione del rapporto di lavoro, nei casi previsti dalla normativa vigente. A seguito del suddetto accertamento, in base a quanto stabilito dall art. 41 del decreto 81/2008, il medico competente può esprimere un giudizio di: 1. idoneità; 2. idoneità parziale, temporanea o permanente con prescrizioni o limitazioni; 3. inidoneità temporanea; 4. inidoneità permanente. Trasferimento delle competenze del datore di lavoro Gli obblighi di vigilare affinché i lavoratori non siano adibiti alla mansione per cui è prevista la sorveglianza sanitaria senza il prescritto giudizio di idoneità (art. 18 comma 1 lettera c e lettera b del D.Lgs. n. 81) vengono delegati al RESPONSABILE DI AREA di appartenenza del lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria. Le funzioni di datore di lavoro previste dall art. 5 c. 3 della legge 300/70 (attivazione delle procedure per l individuazione di un nuovo profilo nel caso di inidoneità fisica del lavoratore al proprio profilo professionale) sono delegate al DIRIGENTE DELLA S.C. PERSONALE tramite l attivazione del Collegio Medico-legale. Conservazione della documentazione sanitaria Secondo quanto disposto dall art. 25 comma 1 lettera c, il medico competente concorda con il datore di lavoro di conservare la documentazione sanitaria dei lavoratori sottoposti a sorveglianza presso il SPP su supporto informatico e cartaceo e con la garanzia della tutela della privacy. Invio dei giudizi di idoneità I giudizi formulati dal medico competente (idoneità, idoneità parziale, temporanea o permanente con prescrizioni o limitazioni, inidoneità temporanea, inidoneità permanente) in quanto contenenti dati sensibili, vengono inviati al destinatario in busta chiusa su cui è apposta la scritta riservata personale. 6.2 Gestione della sorveglianza sanitaria Il S.P.P., a seguito degli esiti della valutazione dei rischi, individua le mansioni per le quali è prevista, in base alla vigente normativa, la valutazione dell idoneità da parte del medico competente. In funzione dei rischi specifici delle mansioni, viene, quindi, definito un protocollo sanitario, sulla base del quale il medico competente procede nella valutazione dell idoneità alla mansione dei lavoratori esposti a rischi per la salute. Il medico competente, sulla base delle risultanze degli accertamenti eseguiti, esprime uno dei seguenti giudizi relativi alla mansione specifica:

4 Pagina 4 di 8 a) IDONEITÀ Il giudizio di idoneità alla mansione, nei casi di visita preventiva (prima visita) viene trasmesso dal SPP al: Direttore della Struttura di appartenenza del dipendente Direttore dell Area di appartenenza del dipendente Successivamente alla prima visita, per tutte le visite periodiche successive il cui esito sia un giudizio di idoneità, questo viene trasmesso dal SPP al: Direttore della Struttura di appartenenza del dipendente Avverso il suddetto giudizio, è ammesso ricorso da parte del lavoratore, entro il termine di 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio stesso, alla Struttura Complessa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPRESAL), che attiva immediatamente l apposita Commissione Medica. La Commissione Medica al termine della valutazione, trasmette l esito allo SPRESAL, che a sua volta lo inoltra: al dipendente al medico competente presso il SPP al datore di lavoro (Direttore Generale) Il Direttore Generale trasmette il giudizio al Responsabile di Area di competenza. Nel caso la commissione medica non confermi il giudizio di idoneità alla mansione espresso dal medico competente, il Responsabile di Area attiva le procedure di cui ai punti b o c. N.B. Il lavoratore, in attesa dell esito del ricorso e fino alla comunicazione dello stesso, è tenuto a prestare servizio nella struttura di appartenenza. b) IDONEITÀ PARZIALE, TEMPORANEA O PERMANENTE CON PRESCRIZIONI O LIMI- TAZIONI Il medico competente evidenzia nel giudizio quanto segue: IDONEO CON LA SEGUENTE PRESCRIZIONE/LIMITAZIONE (specificando la prescrizione/limitazione). Nel caso del giudizio di idoneità temporanea con prescrizioni, deve indicare un termine di durata. Il giudizio deve essere trasmesso immediatamente a: Coordinatore (per personale del Comparto) Direttore della struttura di appartenenza del dipendente Direttore dell Area di appartenenza del dipendente

5 Pagina 5 di 8 I Direttori di Struttura, in qualità di dirigenti, ed i Coordinatori infermieristici e tecnici, in qualità di preposti, provvedono alla emanazione di direttive relative alla applicazione delle prescrizioni e alla vigilanza sull attuazione delle stesse. Nel caso di giudizio di idoneità temporanea con prescrizioni e/o limitazioni, alla scadenza del termine indicato, il Medico Competente sottopone a visita il lavoratore per una rivalutazione della sua idoneità. Avverso il suddetto giudizio, è ammesso ricorso da parte del lavoratore, entro il termine di 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio stesso, alla Struttura Complessa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPRESAL), che attiva immediatamente l apposita Commissione Medica. La Commissione Medica al termine della valutazione, trasmette l esito allo SPRESAL, che a sua volta lo inoltra: al dipendente al medico competente presso il SPP al datore di lavoro (Direttore Generale) Il Direttore Generale trasmette il giudizio al Responsabile di Area di competenza. Il Responsabile di Area attiva le procedure previste al presente punto o al punto c). N.B. Il lavoratore, in attesa dell esito del ricorso, e fino alla comunicazione dello stesso, è tenuto a prestare servizio nella struttura di appartenenza. c) INIDONEITÀ TEMPORANEA O PERMANENTE ALLA MANSIONE Nel caso di patologie correlate a rischi professionali che compromettano in modo temporaneo o permanente l idoneità alla mansione, il medico competente evidenzia nel giudizio quanto segue: INIDONEITA TEMPORANEA (INDICARE IL PERIODO) O PERMANEN- TE DEL DIPENDENTE ALLO SVOLGIMENTO DELLA MANSIONE DI (specificare la mansione del dipendente). Nel giudizio il medico competente, sentiti gli uffici competenti (Coordinamento delle professioni sanitarie, Direttori di Area, etc.).fornisce dei criteri da utilizzare per individuare la nuova mansione cui il lavoratore può essere destinato temporaneamente o a tempo indeterminato, Il giudizio deve essere immediatamente comunicato a: Coordinatore (per personale del Comparto) Direttore della Struttura di appartenenza Dirigente SC Personale Direttore dell Area di appartenenza del dipendente Il Direttore di Area, in qualità di datore di lavoro delegato, contatta il medico competente, il responsabile dell ufficio di coordinamento professioni sanitarie/tecniche/amministrative (per il personale del comparto), eventualmente direttori di Area, per individuare congiuntamente la mansione cui il dipendente può essere adibito in modo temporaneo o permanente, in relazione al suo stato di salute; la nuova mansione può essere individuata anche in aree diverse da quelle di appartenenza.

6 Pagina 6 di 8 Il dirigente della SC personale nelle more dell espletamento della procedura di scelta, in attesa della comunicazione di nuova collocazione dà disposizioni affinché l assenza del lavoratore, che non deve in alcun modo svolgere la mansione per cui è stato dichiarato inidoneo, sia considerata giustificata e, quindi, retribuita. Il Direttore di Area comunica la nuova collocazione del dipendente a: Dirigente della SC Personale Direttore della nuova struttura Coordinatore della nuova struttura Medico competente Avverso il suddetto giudizio, è ammesso ricorso da parte del lavoratore, entro il termine di 30 giorni dalla data di comunicazione del giudizio stesso, alla Struttura Complessa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPRESAL), che attiva immediatamente l apposita Commissione Medica. La Commissione Medica, al termine della valutazione, trasmette l esito allo SPRESAL, che a sua volta lo inoltra: al dipendente al medico competente presso il SPP al datore di lavoro (Direttore Generale) Il Direttore Generale trasmette l esito al Responsabile di Area di competenza. Il Responsabile di Area attiva le procedure previste al presente punto o a quelli precedenti. N.B. Il lavoratore, in attesa dell esito del ricorso e fino alla comunicazione dello stesso, è tenuto a prestare servizio nella struttura individuata, sulla base dei criteri forniti dal Medico Competente. Nel caso di giudizio di inidoneità temporanea, alla scadenza del termine indicato il lavoratore verrà sottoposto a visita da parte del medico competente per una rivalutazione della sua idoneità alla mansione cui era inizialmente addetto. 6.3 Controlli per cambio di profilo (ex articolo 5, comma 3, legge 300/1970 e art.6 CCNL integrativo 1998/01) In alcuni casi il lavoratore, per motivi di salute personale non correlati ai rischi professionali, non è in grado di svolgere l attività corrispondente al profilo; di seguito si riporta l iter previsto per la gestione di tali situazioni. Il Direttore di S.C., venuto a conoscenza dei problemi di un dipendente nell espletamento dell attività propria del profilo, tali da far ritenere che sussistano gli estremi di cui all art. 5 della legge 300/70 e all art. 6 CCNL integrativo 1998/01 (idoneità fisica del lavoratore), invia segnalazione al Medico Competente dettagliando le problematiche individuate. Analoga richiesta può essere inoltrata al Medico Competente da parte del lavoratore, che segnala di non essere in grado di svolgere l attività caratteristica del profilo. Il Medico Competente qualora, all esito degli accertamenti svolti, ritenga che le problematiche segnalate si riconducano ai rischi lavorativi propri della mansione, attua

7 Pagina 7 di 8 tutte le procedure previste nell ambito della sorveglianza sanitaria (di cui ai punti precedenti). Il Medico Competente qualora ritenga che le stesse problematiche non siano correlate ai rischi professionali: - non esprime giudizi di competenza; - richiede al Dirigente della S.C. Personale l attivazione del Collegio Medico-Legale per la valutazione dell idoneità al profilo di appartenenza, - invia copia della richiesta per conoscenza al Direttore di Area ed all interessato; - invita, inoltre, il lavoratore a recarsi dal medico di base per la valutazione della patologia e la relativa giustificazione dell assenza, se necessaria. Nelle more della formulazione del giudizio da parte del Collegio Medico, il Medico Competente ha, comunque, facoltà di indicare un eventuale non idoneità temporanea del dipendente. Il Dirigente della S.C. Personale, in quanto persona delegata dal DDL, - attiva il Collegio medico-legale di cui all art. 5 della Legge 300/70 e all art. 6 CCNL integrativo 1998/01. Il Collegio medico-legale: - esprime un giudizio di idoneità/inidoneità al profilo, temporaneo o permanente - fornisce indicazioni relativamente al nuovo profilo a cui destinare il lavoratore - nel caso in cui pervenga alla determinazione dell inidoneità del dipendente a tutte le attività lavorative, riporta chiaramente nel giudizio la frase non idoneo a proficuo lavoro. - invia il giudizio: - al Dirigente della SC Personale - all interessato Il Dirigente della S.C. Personale convoca, nel più breve tempo tecnicamente possibile, un gruppo di lavoro composto da: - Direttori di Area - Il Responsabile del competente Ufficio di Coordinamento delle Professioni Sanitarie/tecniche/ amministrative al fine di individuare congiuntamente la sede presso cui il dipendente può essere collocato in modo temporaneo (in tal caso indica il periodo) o a tempo indeterminato, in relazione al suo stato di salute, avvalendosi, se necessario, della figura del medico competente. Il Direttore dell area di appartenenza del dipendente trasmette gli esiti della valutazione, al Dirigente della S.C. Personale, che dispone per la nuova destinazione del lavoratore. Il Dirigente della SC Personale comunica la nuova destinazione: al al Direttore della S.C. di provenienza al Direttore della S.C. di destinazione al SPP per la modifica del profilo di rischio e del protocollo sanitario Il medico Competente sottopone il dipendente a visita di idoneità per cambio mansione.

8 Pagina 8 di 8 N.B. Nelle more dell espletamento della procedura di scelta, l assenza del lavoratore è considerata giustificata e, quindi, retribuita. Il lavoratore è tenuto a prestare servizio nella struttura di nuova destinazione. Nel caso di inidoneità temporanea, al termine del periodo indicato, la SC Personale attiva il Collegio medico-legale per la rivalutazione dell idoneità del lavoratore al profilo di appartenenza. Avverso il giudizio del Collegio medico-legale, è ammesso ricorso da parte del lavoratore presso la Magistratura Ordinaria. In ogni circostanza deve essere garantito dai soggetti interessati il massimo rispetto delle disposizioni in materia di riservatezza dei dati personali, ai sensi della normativa vigente in materia.

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta.

La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Dott.ssa T. Vai Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro - ASL Milano La sorveglianza sanitaria: cosa dice la norma, cosa succede nella applicazione concreta. Assemblea Regionale RLS FILCAMS Milano

Dettagli

Lavoratore. Datore di lavoro. Dirigente. Preposto

Lavoratore. Datore di lavoro. Dirigente. Preposto Lavoratore persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un'attività lavorativa nell'ambito dell'organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione,

Dettagli

D. LGS 81/2008. Sorveglianza sanitaria

D. LGS 81/2008. Sorveglianza sanitaria D. LGS 81/2008 LA PREVENZIONE SANITARIA IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Sorveglianza sanitaria Nelle aziende ove i fattori di rischio lo richiedano, viene nominato il cosiddetto medico competente che effettua

Dettagli

D. Lgs. 81 del

D. Lgs. 81 del Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO D. Lgs. 81 del 9.4.2008 TITOLO I - Sezione V SORVEGLIANZA SANITARIA TUTELA

Dettagli

(aggiornato al decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106)

(aggiornato al decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106) DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile

Dettagli

Modalità operative di attuazione della sorveglianza sanitaria

Modalità operative di attuazione della sorveglianza sanitaria CONSORZIO ALTA FORMAZIONE E SICUREZZA Via Fratelli Rosselli n.29-67051 Avezzano (Aq) - InfoLine: 0863.1940336 Web: www.afes.it - Email: info@afes.it Modalità operative di attuazione della sorveglianza

Dettagli

Compiti e responsabilità del Medico Competente

Compiti e responsabilità del Medico Competente Compiti e responsabilità del Medico Competente Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Medicina del Lavoro Prof. Francesco Mocci sommario Breve storia del m.c. nella nostra Azienda Ruolo e

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE

IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE Prof. Antonella Basso Dipartimento Interdisciplinare di Medicina Sezione di Medicina del Lavoro E. C. Vigliani Università degli Studi di Bari Datore di lavoro Responsabile

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008

CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 CORSO DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AI SENSI DEL D. LGS. N 81/2008 Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006 Modulo A4 Sorveglianza Sanitaria in collaborazione

Dettagli

Procedura per la trattazione dei ricorsi avverso al giudizio del medico competente ai sensi dell art. 41 comma 9 del D.Lgs 81/2008 (s.m.i.

Procedura per la trattazione dei ricorsi avverso al giudizio del medico competente ai sensi dell art. 41 comma 9 del D.Lgs 81/2008 (s.m.i. ASL DI BERGAMO PROCEDURA POPSAL011/0 Pag. 1/6 PROCEDURA OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE RELATIVA ALLA PG26A Indice 1- SCOPO...2 2- CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3- RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4- RESPONSABILITA...2

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA

LA SORVEGLIANZA SANITARIA LA SORVEGLIANZA SANITARIA Legenda Le modifiche sono scritte in rosso con sfondo giallo D.lgs. 81/08 e s.m.i. Con un * vengono segnalate le sanzioni amministrative Con due ** vengono segnalate le sanzioni

Dettagli

LAVORATORE... sesso M F LUOGO E DATA DI NASCITA... Domicilio (Comune e Prov.)... Via... Tel... Medico curante Dott... Via... Tel...

LAVORATORE... sesso M F LUOGO E DATA DI NASCITA... Domicilio (Comune e Prov.)... Via... Tel... Medico curante Dott... Via... Tel... CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO ALLEGATO 3A CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO LAVORATORE... sesso M F LUOGO E DATA DI NASCITA... Codice fiscale Domicilio (Comune e Prov.)... Via... Tel... Medico curante

Dettagli

Avendo più di 65 anni d'età posso essere esonerato dai turni di guardia notturni?

Avendo più di 65 anni d'età posso essere esonerato dai turni di guardia notturni? 1 OGGETTO ETÀ ED ESONERO DAI TURNI DI GUARDIA NOTTURNA QUESITO (posto in data 4 dicembre 2015) Avendo più di 65 anni d'età posso essere esonerato dai turni di guardia notturni? RISPOSTA (inviata in data

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI DEFINIZIONE DELLE MODALITA OPERATIVE DA ADOTTARE PER:

LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI DEFINIZIONE DELLE MODALITA OPERATIVE DA ADOTTARE PER: LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI DEFINIZIONE DELLE MODALITA OPERATIVE DA ADOTTARE PER: Visite dei lavoratori ai sensi dell art.41 del D.LGS 81/2008 Visite dei lavoratori ai sensi dell art. 85 del D.LGS 230/1995

Dettagli

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013

Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze maggio 2013 Corso di aggiornamento Coordinatori per la sicurezza nei cantieri Regione Toscana Firenze 2-32 3 maggio 2013 Analisi dei dati statistici sugli infortuni nel settore delle costruzioni La medicina del lavoro

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL LAVORATORE E LE MANSIONI DI PORTALETTERE

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL LAVORATORE E LE MANSIONI DI PORTALETTERE Pag. 1 di 8 Edizione n. 01 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da RUO/RI RUO/RI

Dettagli

IL MEDICO COMPETENTE NEL D.LGS.81/2008 OBBLIGHI E STRUMENTI

IL MEDICO COMPETENTE NEL D.LGS.81/2008 OBBLIGHI E STRUMENTI IL MEDICO COMPETENTE NEL D.LGS.81/2008 OBBLIGHI E STRUMENTI dott. Terenzio Cassina Febbraio 2011 Piano Formativo ECM 2011 primo semestre Siamo portati a sognare sistemi talmente perfetti che nessuno avrebbe

Dettagli

ALLEGATO 3A CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO

ALLEGATO 3A CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO ALLEGATO 3A CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO LAVORATORE.sesso M F LUOGO E DATA DI NASCITA... Codice fiscale Domicilio (Comune e Prov.). Via Tel.. Medico curante Dott... Via Tel. Datore di lavoro.. Attività

Dettagli

La presente cartella sanitaria e di rischio è costituita da n... pagine.

La presente cartella sanitaria e di rischio è costituita da n... pagine. Allegato 3A Cartella sanitaria e di rischio LAVORATORE... sesso [_] M [_] F LUOGO E DATA DI NASCITA... Codice fiscale [_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_][_] Domicilio (Comune e Prov.)... Via...

Dettagli

La sorveglianza sanitaria nel nuovo Testo Unico

La sorveglianza sanitaria nel nuovo Testo Unico La sorveglianza sanitaria nel nuovo Testo Unico A.O. G Salvini Ospedale di Garbagnate M.se. Unità Operativa Ospedaliera di Medicina del Lavoro Responsabile: Dott.G. Tangredi Medico Competente - Definizione

Dettagli

La cassetta degli attrezzi del RLS: 2- il ruolo del RLS nella sorveglianza sanitaria

La cassetta degli attrezzi del RLS: 2- il ruolo del RLS nella sorveglianza sanitaria La cassetta degli attrezzi del RLS: 2- il ruolo del RLS nella sorveglianza sanitaria Dove la collochiamo nel processo di prevenzione? Valutazione dei rischi Verifica e riprogettazione Pianificazione delle

Dettagli

IL ricorso al giudizio di idoneità dal punto di vista di un medico competente

IL ricorso al giudizio di idoneità dal punto di vista di un medico competente IL ricorso al giudizio di idoneità dal punto di vista di un medico competente Giovanni Guglielmi Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana U.O Medicina Preventiva del Lavoro (Dir.: Prof. Alfonso Cristaudo)

Dettagli

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno

MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte MOZIONE ai sensi dell articolo 18, comma 4, dello Statuto e dell articolo 102 del Regolamento interno trattazione in Aula trattazione in Commissione OGGETTO:

Dettagli

Il punto di vista del Medico Competente

Il punto di vista del Medico Competente Le patologie muscoloscheletriche nella grande distribuzione organizzata Convegno ATS Milano - 20 aprile 2016 - Milano via Statuto 5 Il punto di vista del Medico Competente Dott.ssa Adriana Tironi Medico

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA ATTO DIRIGENZIALE DI NOMINA

PROVINCIA DI SAVONA ATTO DIRIGENZIALE DI NOMINA PROVINCIA DI SAVONA ATTO DIRIGENZIALE DI NOMINA CLASSIFICA 006.001.001 FASCICOLO 1/2013 OGGETTO: NOMINA DEL MEDICO COMPETENTE AI SENSI DELL'ARTICOLO 18, COMMA 1, LETTERA A), DEL DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE

Dettagli

Sorveglianza Sanitaria

Sorveglianza Sanitaria Sorveglianza Sanitaria Art. 41 1. La sorveglianza sanitaria è effettuata dal medico competente: a) nei casi previsti dalla normativa vigente, dalle indicazioni fornite dalla Commissione consultiva di cui

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI C P R P D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO PER LA SICUREZZA MEDICO COMPETENTE TITOLI REQUISITI NOMINA MODALITA DI ESERCIZIO OBBLIGHI COMPITI Ai sensi dell art. 2, comma 2, lett. h) del D.Lgs. 81/08 (TESTO UNICO

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL LAVORATORE E LE MANSIONI DI PORTALETTERE

PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL LAVORATORE E LE MANSIONI DI PORTALETTERE Pag. 1 di 7 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE CERTIFICAZIONI MEDICHE ATTESTANTI UN INCOMPATIBILITÀ TRA LO STATO DI SALUTE DEL Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da SP/RU RUO/RI RUO/RI SP/RU RUO/RI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO MINISTERO DELLA DIFESA Segretariato Generale della Difesa/DNA! CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO MEDICO COMPETENTE D.Lgs. 81/08 Art 2

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO PER IL SERVIZIO DI MEDICO COMPETENTE (M.C.) E SORVEGLIANZA SANITARIA AI SENSI DEL D.LGS. DEL 9/04/2008 N.81 IL PRESIDENTE DELL ISTUTO A.F.A.M. CONSERVATORIO DI MUSICA

Dettagli

Sorveglianza sanitaria obbligatoria

Sorveglianza sanitaria obbligatoria Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Sorveglianza sanitaria a scuola 5.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Sorveglianza

Dettagli

Se il lavoratore oppone problemi di salute sul mutamento di mansioni c è l obbligo di vista medica

Se il lavoratore oppone problemi di salute sul mutamento di mansioni c è l obbligo di vista medica Se il lavoratore oppone problemi di salute sul mutamento di mansioni c è l obbligo di vista medica Autore: Graziotto Fulvio In: Diritto del lavoro Nei casi in cui il lavoratore oppone rifiuto al mutamento

Dettagli

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI MEDICO COMPETENTE PER

CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI MEDICO COMPETENTE PER CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELL INCARICO DI MEDICO COMPETENTE PER L ESERCIZIO DI SORVEGLIANZA SANITARIA Presso l Accademia di Francia a Roma Villa Medici TRA L Accademia di Francia a Roma Villa Medici,

Dettagli

Sorveglianza sanitaria

Sorveglianza sanitaria Sorveglianza sanitaria Gli accertamenti sanitari: quando devono essere effettuati chi deve essere sottoposto a tali accertamenti cosa sono e a cosa servono quale medico li effettua Compiti del medico competente

Dettagli

L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO L ATTIVITÀ DEL MEDICO COMPETENTE ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO AMBITI OPERATIVI Art.25 del D.Lgs.81/08 COLLABORAZIONE E

Dettagli

IL MEDICO COMPETENTE AZIENDALE

IL MEDICO COMPETENTE AZIENDALE Seminario di approfondimento per RLS FIOM CGIL Brescia, 28 novembre 2014 A cura del Servizio Ambiente e Sicurezza della FIOM-CGIL di Brescia LA TUTELA DELLA SALUTE DEI LAVORATORI E DELLE LAVORATRICI IL

Dettagli

Procedura. Direzione Strategica. Gestione degli infortuni biologici dei lavoratori dell Azienda USL Valle d Aosta Pag. 1 di 9. Stato delle revisioni

Procedura. Direzione Strategica. Gestione degli infortuni biologici dei lavoratori dell Azienda USL Valle d Aosta Pag. 1 di 9. Stato delle revisioni dell Azienda USL Valle d Aosta Pag. 1 di 9 Stato delle revisioni Indice rev. Data Par n Pag n Sintesi della modifica 0 28/11/2011 Prima emissione Redazione A.Mombelloni M.Tumiati 1. Oggetto e scopo La

Dettagli

Gli obblighi e le opportunità della sorveglianza sanitaria

Gli obblighi e le opportunità della sorveglianza sanitaria Gli obblighi e le opportunità della sorveglianza sanitaria Art. 25 obblighi del medico competente Collabora alla valutazione dei rischi (c.1 l. a)** Programma ed effettua la sorveglianza sanitaria (c.1

Dettagli

AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 SEZIONE CORSI

AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 SEZIONE CORSI Prot: AS 02/2017 del 26 gennaio 2017 AMBIENTE E SICUREZZA -TARIFFARIO ANNO 2017 CORSI RSPP RISCHIO BASSO 16 ORE SEZIONE CORSI Euro 218,00 Euro 270,00 RISCHIO ALTO 48 ORE Euro 490,00 Euro 610,00 AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO COMUNE DI PIANEZZA CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO DETERMINA N. 50 DEL 12 febbraio 2016 SETTORE AFFARI GENERALI OGGETTO: VISITA MEDICA ORTOPEDICA PRESCRITTA DAL MEDICO COMPETENTE PER DIPENDENTE COMUNALE.

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 438 DEL 29/11/2016

DETERMINAZIONE N. 438 DEL 29/11/2016 COMUNE DI ZANICA Cap. 24050 (Provincia di Bergamo) C.F. e P.IVA: 00325260164 Posta Elettronica Certificata PEC comune.zanica@pec.regione.lombardia.it REGISTRO DI SETTORE N. 38 DEL 29/11/2016 SETTORE: SERVIZIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Europa Unita

LICEO SCIENTIFICO STATALE Europa Unita Prot. n. 1198/C14 Porto Torres, 20/04/2011 Codice identificativo gara n 2170760 Impegno n Registro contratti CONVENZIONE PER Conferimento dell incarico per lo svolgimento dei compiti e delle funzioni di

Dettagli

COMUNE DI TRAVERSETOLO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI TRAVERSETOLO PROVINCIA DI PARMA COMUNE DI TRAVERSETOLO PROVINCIA DI PARMA!"#$%& '((!"#$%& )) * ) ++ ((,* - ). +!"## $ %% % & '( #) "*+",+!"##- % ''%'% &(&&-.&''% (!"##/!"#,0 %1 '%, #2+"3+!"##- *,"+"2+!"## 4,"+"2+!"##-5((%' %(%(&..%!"##0

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2017-179 del 02/03/2017 Oggetto Direzione Amministrativa.

Dettagli

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici Sicurezza sul lavoro Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici PREFAZIONE La normativa che regola l igiene e la sicurezza sul lavoro è oggettivamente

Dettagli

Il ricorso avverso il giudizio del medico competente nell ASL VCO

Il ricorso avverso il giudizio del medico competente nell ASL VCO CAMPAGNA EUROPEA PER LA SICUREZZA PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: UN PERCORSO PER CONOSCERE CHI FA PREVENZIONE NEL TERRITORIO NOVARESE Il ricorso avverso

Dettagli

COMUNE DI PARMA SETTORE SVILUPPO ORGANIZZATIVO DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA

COMUNE DI PARMA SETTORE SVILUPPO ORGANIZZATIVO DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA COMUNE DI PARMA SETTORE SVILUPPO ORGANIZZATIVO DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA Approvata con delibera di Giunta Comunale n. 354 del 29.10.2014 1 INDICE Art. 1 Principi Generali Art. 2 Tipologie di mobilità

Dettagli

LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI E ALLA PREVENZIONE IN EDILIZIA

LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI E ALLA PREVENZIONE IN EDILIZIA LA COLLABORAZIONE DEL MEDICO COMPETENTE ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI E ALLA PREVENZIONE IN EDILIZIA 1 Decreto Legislativo n. 81/ 08 Art. 39 Svolgimento dell'attività di medico competente 1. L'attività di

Dettagli

La sorveglianza sanitaria ed il controllo medico nella nuova normativa

La sorveglianza sanitaria ed il controllo medico nella nuova normativa CNR-SPP La sorveglianza sanitaria ed il controllo medico nella nuova normativa Roberto Moccaldi Responsabile Medicina del Lavoro e Radioprotezione Medica Presidente Associazione Italiana Radioprotezione

Dettagli

Città di Avezzano. (L Aquila)

Città di Avezzano. (L Aquila) Avezzano, lì 15.12.2014 Prot. n. 0005746/14 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO EX ART. 125 COMMA 11 D. LGS. N. 163/2006 PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE ALLA GARA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Gestione dei ricorsi avverso il giudizio del M.C. Esperienze del S.P.S.A.L.

Gestione dei ricorsi avverso il giudizio del M.C. Esperienze del S.P.S.A.L. IDONEITA LAVORATIVE NEGLI OPERATORI SANITARI Gestione dei ricorsi avverso il giudizio del M.C. Esperienze del S.P.S.A.L. Milano, 4 dicembre 2013 Intervento a cura di: Bolognino Galli Giorgio, Elena Andreina,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA Documento allegato come parte integrante e sostanziale alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 138 del 10 dicembre 09 REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA DIREZIONE

Dettagli

Bando - Affidamento dell'incarico professionale di "Medico competente" dell' Accademia di Belle Arti "Mario Sironi" di Sassari.

Bando - Affidamento dell'incarico professionale di Medico competente dell' Accademia di Belle Arti Mario Sironi di Sassari. Ministero dell'istruzione. dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Prot. n. {( ~...zj Sassari, 1 6 FEB 2016 Bando - Affidamento dell'incarico professionale di "Medico competente"

Dettagli

LA SORVEGLIANZA SANITARIA. A cura di: Danilo Monarca

LA SORVEGLIANZA SANITARIA. A cura di: Danilo Monarca CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 LA SORVEGLIANZA SANITARIA A cura di: Danilo Monarca La sorveglianza

Dettagli

4.1.2 Gli infortuni sul lavoro

4.1.2 Gli infortuni sul lavoro 4.1.1 L attività di vigilanza e controllo Nel 2014 sono stati realizzati complessivamente 1969 controlli (audit, analisi documentale, ispezione). Le 1969 verifiche hanno sortito il controllo effettivo

Dettagli

Gli strumenti informativi del medico competente

Gli strumenti informativi del medico competente Seminario di formazione per RLS Gli strumenti informativi del medico competente Dr. Davide Ferrari SPSAL Azienda USL Modena Modena, 3 dicembre 2014 GIUDIZIO DI IDONEITA Art. 41 D.Lgs.81/08 Comma 6 Sulla

Dettagli

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario

Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario P29 Attività del servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Responsabile processo: Dirigente Capo Servizio di vigilanza sul sistema socio sanitario Strutture interessate: Servizio di vigilanza sul

Dettagli

C O M U N E D I C H I A V A R I

C O M U N E D I C H I A V A R I AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L ESPLETAMENTO DI PROCEDURA NEGOZIATA OGGETTO: CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DI MEDICO COMPETENTE PREVISTE DALL ART.

Dettagli

Prot. 889 / FP Fermo, 09/02/2016

Prot. 889 / FP Fermo, 09/02/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO UGO BETTI Via Ponchielli, 9 63900 Fermo Tel. 0734 / 228768 215546 216562 Fax 0734 / 223316 C.F. 90055080445 Cod. Mecc. APIC840006 sito web www.iscbettifermo.gov.it e-mail apic840006@istruzione.it

Dettagli

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Corso di In-formazione per lavoratori All interno dell I.N.G.V. Osservatorio Vesuviano 15-Giuno-2016 Riferimenti Normativi Articolo 2 - Definizioni Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per

Dettagli

PER IL MEDICO COMPETENTE: OBBLIGO D ISCRIZIONE NELL ELENCO PRESSO IL MINISTERO DELLA SALUTE ENTRO IL 15 NOVEMBRE 2008

PER IL MEDICO COMPETENTE: OBBLIGO D ISCRIZIONE NELL ELENCO PRESSO IL MINISTERO DELLA SALUTE ENTRO IL 15 NOVEMBRE 2008 PER IL MEDICO COMPETENTE: OBBLIGO D ISCRIZIONE NELL ELENCO PRESSO IL MINISTERO DELLA SALUTE ENTRO IL 15 NOVEMBRE 2008 ELENCO DEI MEDICI COMPETENTI I MEDICI IN POSSESSO DEI TITOLI E DEI REQUISITI PER SVOLGERE

Dettagli

COMUNE DI RIPARBELLA

COMUNE DI RIPARBELLA COMUNE DI RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 18 Giugno 2013 Verbale n. 1 COPIA OGGETTO: Articolo 1, comma 557, Legge 30 Dicembre 2004 n. 311 ed articolo

Dettagli

Accertamenti sanitari di assenza di alcoldipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico

Accertamenti sanitari di assenza di alcoldipendenza. dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico Accertamenti sanitari di assenza di alcoldipendenza dott.ssa Edi Casagrande Servizio aziendale medicina del lavoro - Sezione ispettorato medico Alcol e lavoro Normativa L. 125, 30.03.2001 Legge quadro

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 60 del 27/05/2015 Oggetto: AFFIDAMENTO DELL'INCARICO PROFESSIONALE PER ACCERTAMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (emanato con D.R. n. 699-2016, prot. n. 15950 I/13 del 30.05.2016) I termini relativi a persone che, nel presente

Dettagli

Azione Pegaso 2015. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Sorveglianza sanitaria a scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza SORVEGLIANZA SANITARIA DS e sorveglianza sanitaria 1 2 3 4 5 6 7 8 Individua i rischi che comportano

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITÀ INTERNA

REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITÀ INTERNA COMUNE DI VALBREMBO (PROVINCIA DI BERGAMO) REGOLAMENTO RECANTE I CRITERI PER LE PROCEDURE DI MOBILITÀ INTERNA INDICE Capo I -Principi Art. 1 -Finalità e ambito soggettivo di applicazione Capo II Definizione

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB AUSLBATUNO.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB AUSLBATUNO.IT REGOLAMENTO Istituzione del Servizio di Sorveglianza Sanitaria Aziendale e Radioprotezione Medica ASL BAT Premesso che questa Azienda, è obbligata alla tutela della salute dei lavoratori nei luoghi di

Dettagli

Il Decreto Legislativo n 81

Il Decreto Legislativo n 81 Il Decreto Legislativo 9.04.2008 n 81 Essendo il centro sportivo anche un luogo ove agiscono dei lavoratori, devono essere applicate anche le normative contenute nel D. Lgs. 81/2008 a salvaguardia della

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna

Città di Minerbio Provincia di Bologna Città di Minerbio Provincia di Bologna 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 50 del 01/03/2011 Oggetto: AFFIDAMENTO DELL'INCARICO PROFESSIONALE PER ACCERTAMENTI

Dettagli

Sorveglianza Sanitaria e Medico Competente

Sorveglianza Sanitaria e Medico Competente Sorveglianza Sanitaria e Medico Competente IL MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D. Lgs. 81/08 in possesso Titolo di CORSO uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora

Dettagli

IL MEDICO COMPETENTE E LA SORVEGLIANZA SANITARIA. 14.43.52 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/59

IL MEDICO COMPETENTE E LA SORVEGLIANZA SANITARIA. 14.43.52 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/59 IL MEDICO COMPETENTE E LA SORVEGLIANZA SANITARIA 14.43.52 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/59 IL MEDICO COMPETENTE Il medico competente, disciplinato dagli ex art. 16-17 D. Lgs. 626/1994, è

Dettagli

CONVENZIONE PER. conferimento dell incarico per lo svolgimento dei compiti e delle funzioni di medico competente (D.Lgs n 81/2008)

CONVENZIONE PER. conferimento dell incarico per lo svolgimento dei compiti e delle funzioni di medico competente (D.Lgs n 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO BASSO P.zza Sacro Cuore n. 16 07100 SASSARI Tel. 079/241380 2590051 fax 079/2590213 e-mail ssic850002@istruzione.it pec ssic850002@pec.istruzione.it codice fiscale 92128490908

Dettagli

- la formazione di che trattasi avviene in sede ospedaliera, ovvero in altre strutture del S.S.N. ed istituzioni private accreditate;

- la formazione di che trattasi avviene in sede ospedaliera, ovvero in altre strutture del S.S.N. ed istituzioni private accreditate; REGIONE PIEMONTE BU22 31/05/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 27 aprile 2012, n. 64-3774 Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Regione Autonoma Valle d'aosta e l'universita' degli Studi

Dettagli

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca

Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Sezione di Milano Bicocca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Corsi di formazione anno 2009 in collaborazione con: Istituto Superiore di Formazione alla Prevenzione 30 NOVEMBRE 2009 Aula (da definire)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GENTILE GABRIELLA Indirizzo VIALE MANZONI 20 Telefono 03213703689 Fax 03213703644 E-mail gentile.gabriella@comune.novara.it

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.C. RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO S.C. RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000985 del 17/06/2016 - Atti U.O. Risorse Umane Oggetto:RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO PER INABILITA ASSOLUTA E PERMANENTE A QUALSIASI ATTIVITA'

Dettagli

Il Testo Unico 81/08 e il protocollo sanitario: dalla redazione alla gestione.

Il Testo Unico 81/08 e il protocollo sanitario: dalla redazione alla gestione. IL T. U. 81/08 E LE RISORSE UMANE LE IDONEITÀ DIFFICILI: IL RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE E DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DILAVORO (SPSAL) DELLE ASL Il Testo Unico 81/08 e il protocollo

Dettagli

DATORE DI LAVORO. Art. 2 comma 1 lett. b)

DATORE DI LAVORO. Art. 2 comma 1 lett. b) DATORE DI LAVORO Art. 2 comma 1 lett. b) Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l assetto dell organizzazione nel cui ambito il lavoratore

Dettagli

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Operatore Tecnico cat. B Operatore Radio sensi della L. 56/87. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Operatore Tecnico cat. B Operatore Radio sensi della L. 56/87. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 933/AV1 DEL 12/09/2017 Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Operatore Tecnico cat. B Operatore Radio sensi della L. 56/87. IL DIRETTORE DELLA

Dettagli

CONVENZIONE TRA. LA PROVINCIA DI CHIETI Settore 4 Formazione Professionale Politiche attive del Lavoro Servizio SILUS Legge 68/99

CONVENZIONE TRA. LA PROVINCIA DI CHIETI Settore 4 Formazione Professionale Politiche attive del Lavoro Servizio SILUS Legge 68/99 Direzione Regionale dell Abruzzo CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI CHIETI Settore 4 Formazione Professionale Politiche attive del Lavoro Servizio SILUS Legge 68/99 E L AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE

Dettagli

Titolo: SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE CARONNO PERTUSELLA METANO srl Unipersonale

Titolo: SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE CARONNO PERTUSELLA METANO srl Unipersonale Pagina: i Titolo: CARONNO PERTUSELLA METANO srl Unipersonale Rev. Data Descrizione Approvato - 31/03/16 Prima emissione Presidente Consiglio di Amministrazione File: CPM02 rev.-.doc Pagina: ii INDICE FRONTESPIZIO

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA 2 SETTORE PIANIFICAZIONE GESTIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO C O P I A Determinazione n. 64 del 21/04/2008 Oggetto: IMPEGNO DI SPESA PER L'AFFIDAMENTO DELL'INCARICO

Dettagli

PERSONALE DICHIARATO INIDONEO ALLA SUA FUNZIONE PER MOTIVI DI SALUTE. LEGGE FINANZIARIA 2008 e CCNI del 25 GIUGNO 2008 SCHEDE DI LETTURA

PERSONALE DICHIARATO INIDONEO ALLA SUA FUNZIONE PER MOTIVI DI SALUTE. LEGGE FINANZIARIA 2008 e CCNI del 25 GIUGNO 2008 SCHEDE DI LETTURA PERSONALE DICHIARATO INIDONEO ALLA SUA FUNZIONE PER MOTIVI DI SALUTE LEGGE FINANZIARIA 2008 e CCNI del 25 GIUGNO 2008 SCHEDE DI LETTURA La legge finanziaria 2008 L art. 3, comma 127, della legge 24 dicembre

Dettagli

ALCOL STUPEFACENTI E LAVORO: IL PUNTO DI VISTA DEL SERVIZIO PSAL

ALCOL STUPEFACENTI E LAVORO: IL PUNTO DI VISTA DEL SERVIZIO PSAL ALCOL STUPEFACENTI E LAVORO: IL PUNTO DI VISTA DEL SERVIZIO PSAL Milano, 27 novembre 2012 ALCOL E LAVORO Diversi riferimenti: Legge 30 marzo 2001, n 125- legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro Registro generale n. 4599 del 2012 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro Servizio Lavoro Oggetto APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1175/AV1 DEL 22/11/2016

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1175/AV1 DEL 22/11/2016 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1175/AV1 DEL 22/11/2016 Oggetto: Inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro - Dipendente C.P.S. Infermiere - B.C. matr. 24298 Risoluzione

Dettagli

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi

ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi ARPAE Agenzia regionale per la prevenzione, l'ambiente e l energia dell'emilia - Romagna * * * Atti amministrativi Determinazione dirigenziale n. DET-2017-164 del 27/02/2017 Oggetto Direzione Amministrativa.

Dettagli

Il Direttore Amministrativo

Il Direttore Amministrativo Area Risorse Umane Ufficio Organizzazione, Programmazione e Mobilità Decreto Dirigenziale n. 1187 anno 2011 prot. n. 71477 Avviso di mobilità interna Il Direttore Amministrativo - VISTI i vigenti Contratti

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Gestione della cartella clinica del donatore di sangue ed emocomponenti REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA Gestione della cartella clinica del donatore di sangue ed emocomponenti REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE Dott. Gino Bernuzzi, Dirigente Medico Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale APPROVAZIONE Dott. Alessandro Formentini Dirigente Medico.

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale N Del 29/03/2011

Deliberazione del Direttore Generale N Del 29/03/2011 Deliberazione del Direttore Generale N. 037 Del 29/03/2011 Il giorno 29/03/2011 alle ore 10.00 nella sede Aziendale di via San Giovanni del Cantone 23, il sottoscritto Dott. Giuseppe Caroli, Direttore

Dettagli

Comune di Ome Provincia di Brescia

Comune di Ome Provincia di Brescia Comune di Ome Provincia di Brescia COMUNE DI OME Comune di Ome U Protocollo N.0001254/2017 del 10/02/2017 Pagina 1 di 7 Pagina 2 di 7 Pagina 3 di 7 Pagina 4 di 7 Il/la sottoscritto/a nato/a il a ( ) C.F.

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA PG N 21908 Titolazione: del 25/06/2014 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.D. 692 del 07/07/2014 DIREZIONE GENERALE GESTIONE E SVILUPPO DEL PERSONALE E DELL'ORGANIZZAZIONE Dirigente: GIUBBANI Dr.ssa Battistina

Dettagli

La sorveglianza sanitaria. Ruolo e compiti del medico competente

La sorveglianza sanitaria. Ruolo e compiti del medico competente La sorveglianza sanitaria Ruolo e compiti del medico competente La sorveglianza sanitaria nel D.Lgs. 81/08 - definizione «sorveglianza sanitaria»: insieme degli atti medici, finalizzati alla tutela dello

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO S.C. RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO S.C. RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0000518 del 18/04/2016 - Atti U.O. Risorse Umane Oggetto: RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO PER INABILITA ASSOLUTA E PERMANENTE A QUALSIASI

Dettagli

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO

SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE STRESS LAVORO-CORRELATO AZIENDA C.F./P.IVA INDIRIZZO COMUNE Tel. e-mail SETTORE ATTIVITA ASSETTO ORGANIZZATIVO NOMINATIVO E-MAIL TELEFONO DATORE DI LAVORO come da D.Lgs 81/08

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO AI SENSI DEL D.M. 140/ ART. 5 DURATA: 15 ORE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO AI SENSI DEL D.M. 140/ ART. 5 DURATA: 15 ORE Agenzia Formativa Accreditata Codice Anagrafico Operatore n B317 Certificato di Accreditamento n 1073/001 Via Giovanni Borello, 1/A - 14100 ASTI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

Dettagli

Datore di lavoro. Dirigente

Datore di lavoro. Dirigente Datore di lavoro Dirigente Medico competente RSPP Incaricati soccorso RLS Incaricato antincendio Preposto Lavoratore DATORE DI LAVORO CHI E : soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore

Dettagli

Prevenzione: figure e compiti

Prevenzione: figure e compiti D.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 (integrato con il D.Lgs 106/09) TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Obblighi e funzioni dei Datori di lavoro, Dirigenti e Preposti Dott. Gianluca Sotis Servizio Prevenzione

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 75 DEL Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale

DETERMINAZIONE N. 75 DEL Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale Direzione Generale DETERMINAZIONE N. 75 DEL 30.08.2013 Oggetto: Delega alla Dott. Paolo Loddo di funzioni ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Il Direttore Generale lo statuto dell Ente Foreste della Sardegna;

Dettagli