Dov era l ombra. Alla fine di giugno 2004, il Comune ARBORICOLTURA IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dov era l ombra. Alla fine di giugno 2004, il Comune ARBORICOLTURA IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU)"

Transcript

1 IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU) Come la vecchia quercia di pascoliana memoria, anche un cedro più che centenario e in condizioni precarie è stato abbattuto dopo una serie di indagini fisico-chimiche che ne hanno verificato stabilità, condizioni del terreno e stato sanitario. Tecniche d indagine che hanno rappresentato un modello virtuoso di approccio diagnostico estrapolabile ad altre situazioni analoghe Testo e foto di Cristina Nali e Giacomo Lorenzini, Università di Pisa, Centro interdipartimentale E. Avanzi, Alessandro Pestalozza, libero professionista Sopra, Il cedro del Libano di Barga nel 2004 e, a fianco, la piazza come appare oggi dopo il suo abbattimento.. Dov era l ombra Alla fine di giugno 2004, il Comune di Barga (LU) richiese un parere urgente sulle condizioni di un esemplare secolare di cedro del Libano (Cedrus libani A. Richard) presente nella piazza del Fosso, in luogo aperto al pubblico e destinato anche ad attività di parco-giochi per bambini. In tempi rapidi è stato predisposto un protocollo convenzionale tra l Università di Pisa e il Comune stesso. Ecco, in sintesi, il programma delle attività previste: realizzazione di indagini fitopatologiche finalizzate all individuazione di fenomeni degenerativi in atto su foglie, fusto, rami e radici; analisi chimiche di terreno e foglie per individuare macro e microelementi e specie potenzialmente tossiche; analisi secondo il protocollo internazionale VTA (Visual tree assessment); indagini strumentali resistografiche e tomografico-soniche su tronco e branche principali e attribuzione del soggetto a una delle classi di rischio fitostatico standard. Il contesto operativo L esemplare in studio costituiva un individuo di ineguagliabile interesse storicoculturale. Per la sua mole (altezza intorno a 22 m, circonferenza a petto d uomo di 6 m), età (impianto nel 1823), collocazione (subito fuori dalla cinta muraria, in uno stupendo scenario, ben fruito da sempre dal pubblico di ogni età), per il suo significato storico (è citato da Pascoli) e affettivo (generazioni di barghigiani vi hanno sostato sotto) rappresentava un unicum, inserito tra gli alberi monumentali di eccezionale significato. Va sottolineato come testi bibliografici (9, 10) segnalino, per lui, rispettivamente buone condizioni vegetative e buono stato fitosanitario. Il soggetto è pure presente nel sito del Corpo forestale dello Stato dedicato agli alberi monumenta- 53 ACER 2/2008

2 Sopra, carie su branca in quota: si noti lo sviluppo di una piantina di alloro nella cavità. A destra dall alto in basso, frammento di radice scortecciato con in evidenza il micelio riferibile al fungo Armillaria; stereomicrofotografia di un particolare della corteccia di cui sopra con relativa immagine al microscopio elettronico a scansione (SEM). li d Italia (http://www.corpoforestale.it/foreste&forestale/ricerca&progetti/alberi_m/tosca na.htm). La pianta sovrastava, imponente, una vasta area ora adibita a parcheggio a fianco del Bastione del Fosso. La posizione elevata, sopra un parterre cui si accede per un ampia scalinata, la rendeva ancora più importante per forma e dimensioni. La chioma, molto espansa, si allargava nelle tre dimensioni, ricoprendo un area di 400 m 2 circa. Colpiva la peculiare orizzontalità delle branche tipica della specie, ma molto accentuata in questo esemplare. Non risultano, in passato, indagini sanitarie ad hoc, almeno in epoca recente. Si sa però, a livello di dominio pubblico, che da diversi anni le condizioni generali dell albero si erano aggravate con deperimento generale, perdita di foglie, arresto di fruttificazione. L ultimo dato era confermato da alcune testimonianze che segnalavano come l antica pratica della raccolta dei coni per trarne decorazioni natalizie si fosse interrotta da tempo. Le indagini condotte Sulla base della convenzione stipulata con il Comune, l albero è stato sottoposto a una serie di esami che ne hanno analizzato approfonditamente le diverse parti, evidenziando una situazione seriamente compromessa. Condizioni generali La pianta presentava un fusto centrale e una ventina di branche primarie. Le condizioni complessive erano assai critiche ed evidenziavano grave sofferenza e debolezza: gran parte dei rami erano disseccati e l aspetto generale era caratterizzato da scarsità di vegetazione. Colpiva l eccezionale trasparenza, causata da uno stato di seccume molto accentuato. Gli aghi manifestavano uno spiccato processo di microfillia (riduzione delle normali dimensioni), con una lunghezza all incirca dimezzata rispetto al normale e prevalevano quelli clorotici e con apice necrotico. Tronco e branche Nelle porzioni basali del tronco erano presenti cordonature e ferite cicatrizzate. Era anche visibile, nel settore Nord-Ovest, un processo cariogeno, evidenziato da legno dalla colorazione brunastra e conformazioni a frattura cubica, tipiche della carie bruna. Si è riscontrata, inoltre, la presenza di formiche del genere Camponotus, colonizzatrici di tessuti legnosi in disgregazione. Anche il fusto manifestava anomalie, con ampie bombature longitudinali, inclusioni di corteccia e costolature. Nella zona apicale si notava un profondo taglio (circa cm) eseguito, probabilmente, in seguito a un evento traumatico (fulmini o temporali); così il cimale è stato abbassato di almeno 5-6 m. Al di sotto si osservava una striscia da decorticazione, poi cicatrizzata, dovuta verosimilmente a un fulmine. In una cavità di tessuto legnoso in via di degradazione si era insediata una giovane pianta di alloro. Apparato radicale Lo scavo di due trincee, rispettivamente in direzione Nord e Sud, ha messo a nudo regioni significative dell apparato radicale, a partire dall inserzione sul fusto. Le porzioni corticali delle radici a livello del colletto presentavano vistosi fenomeni di marcescenza umida, erano facilmente distaccabili ed emanavano un penetrante (ma non sgradevole) odore di fungo fresco. Si evidenziavano caratteristiche placche miceliali di colore bianco-crema, feltroso-fibrose, che si insinuavano tra gli elementi del mantello corticale e il cilindro centrale. Indagini allo stereomicroscopio e al microscopio elettronico a scansione (Sem) hanno confermato la natura micelica del feltro. Sono questi i tipici segni di un serio attacco da parte di Armillaria (sin. Armillariella). Al momento i tassonomi individuano una decina di specie comprese in tale genere, peraltro simili per comportamento patogenetico (11) ma, in assenza dei caratteristici corpi fruttiferi (la cosiddetta buona famigliola o chiodini, commestibile e di buona qualità), non si può procedere all ulteriore classificazione; comunque, in quest area, la dominante è Armillaria mellea (Vahl.) Quel. (1, 7). Si tratta di una crittogama agaricacea (basiodiomicete) cosmopolita e polifaga, nota per la capacità di aggredire molte specie di piante arboree, alle quali provoca marciume radicale fibroso a lento sviluppo. Le conseguenze a livello dell apparato vegetativo sono serie: sofferenza generale, sviluppo stentato, clorosi fogliare, filloptosi, appassimento e avvizzimento irreversibile. La sindrome cronica si aggrava in periodi di stress, come la prolungata carenza idrica (2). Visual tree assessment (VTA) e indagini strumentali La presenza di carie alla base del fusto e le condizioni generali critiche del soggetto hanno reso necessarie indagini strumentali per quantificare e mappare eventuali zone interne cave o degenerate. Sondaggi con tomografo sonico (Arbotom ) e dendrodensimetro (Resistograph ) sono stati condotti a diversi livelli. In particolare, si è operato con tomografia sonica computerizzata della sezione del tronco a 85 cm e a 2,4 m di altezza, nonché con indagini dendropenetrometriche di profili significativi ACER 2/

3 Sopra, esecuzione di tomografia sonica computerizzata della sezione del tronco a circa 85 cm di altezza. A destra, indagini dendropenetrometriche delle radici, eseguite nelle aree affette da marciume, e che hanno evidenziato una frazione con resistenza minima all avanzamento compresa tra 20 e 30%. alla prima tomografia, di profili del tronco a una quota di 15 m e delle radici principali. La tomografia più bassa indicava una zona degenerata piuttosto ampia nella parte centrale dell albero. I quadranti Nord-Ovest e Nord-Est (1 = Nord) erano contraddistinti da un ampia fascia di legno sano (> cm); quelli Sud-Est e Sud-Ovest evidenziavano fasce di legno sano più esigue. In ogni caso il rapporto di sicurezza t/r di 0,2-0,3 veniva mantenuto (6).0 I quadranti meridionali manifestavano zone solo apparentemente anomale; in realtà il valore di discontinuità dei tessuti era fortemente influenzato dalla presenza di profonde costolature nel legno. La seconda tomografia è stata effettuata a 240 cm da terra, su una sezione con un diametro di 2 m. Risultava immediatamente evidente che larghissima parte della sezione portante era sana, pur denotandosi la presenza di un processo cariogeno che si allargava verso l apparato radicale e si rastremava verso l alto. Con una piattaforma aerea si sono condotte indagini resistografiche in quota, verificando una sezione portante dell albero, sempre entro i livelli di sicurezza. Di particolare interesse apparivano i risultati dei sondaggi resistografici relativi ai profili radicali eseguiti nelle aree visibilmente affette da marciume: la frazione con resistenza minima all avanzamento, che lo strumento classifica come decayed (degradato), oscillava, infatti, dal 20 al 30%. TABELLA 1 - CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DEL TERRENO ANALIZZATO Campioni Reazione del terreno (ph) Conducibilità (µs) N totale ( ) Sostanza organica (%) P (Olsen)(ppm) Csc (meq/100 g) Argilla (%) Limo (%) Sabbia (%) 1 7,05 57,8 1,35 2,973 16,3 13,7 5,44 16,14 78,42 2 7,58 95,3 1,74 3,341 12,9 14,5 4,44 12,99 82,57 Analisi del terreno Eseguendo le trincee per l ispezione radicale, si sono raccolti sei campioni di terreno da sottoporre ad analisi agronomiche, i cui risultati sono riportati in tabella 1 (campioni numerati da 1 a 3, prelevati a Nord, e da 4 a 6, a Sud). Va segnalata la notevole compattezza del suolo e la presenza di materiali di risulta (calcinacci, pezzi metallici). Il ph oscillava tra neutro e sub-alcalino e la conducibilità (cioè la salinità) era bassa; l azoto totale e il fosforo (P Olsen) rientravano nella normalità; la capacità di scambio cationico (Csc) era piuttosto bassa, indice di scarsa presenza di colloidi organici e minerali; la tessitura era tendenzialmente sabbiosa. Non si segnalano devianze dal riferimento standard degne di nota, a parte un dato relativo al contenuto in magnesio piuttosto basso (media di 1234 ppm, cioè mg/kg, a partire da un campo di variabilità che spazia da 875 a 2703 ppm). Si consideri che Markert (5) indica in mg/kg il campo di variabilità naturale del magnesio nei suoli non contaminati. Quanto al contenuto in piombo, si segnala che il dato medio ottenuto (43 ppm, frutto di una media tra valori che oscillano nel range di variabilità ppm) non appariva di particolare rilevanza fitotossicologica, seppur significativamente superiore a quello che universalmente viene considerato un dato di riferimento, vale a dire 2-20 ppm. Si ricorda che la tabella 1 3 7,53 72,2 1,08 2,189 12,6 12,4 6,24 13,75 80,01 4 7,66 99,2 0,67 1,671 14,1 13,0 5,29 16,44 78,27 5 7,87 77,3 1,10 2,304 11,7 12,6 4,43 16,65 78,92 6 7,39 56,8 0,86 2,123 3,7 12,2 18,34 8,55 73,11 dell allegato 5 del D.L. 152/2006 del 3/4/2006 riporta, come valore accettabile nel suolo per siti da bonificare e da destinare a uso verde pubblico, privato e residenziale, la soglia di 100 mg/kg (cioè 100 ppm) di piombo. Del resto, non si fatica a comprendere come sia pressoché impossibile individuare un dato di riferimento per la presenza di elementi minerali in un terreno non inquinato. Sempre Markert (5) indica in 0,1-200 mg/kg il campo di variabilità naturale dei suoli non contaminati. Si conclude che il dato analitico relativo al tenore in piombo del terreno su cui insiste il cedro del Libano non riveste particolare significato in termini fitotossicologici ed ambientali. Anamnesi ecologica Si sono studiate le caratteristiche climatiche (piovosità e temperatura) della stazione negli ultimi sei anni, in confronto con la serie storica. Si segnala solo l eccezionale eccesso termico dell estate 2003, coniugato a una costante riduzione della piovosità nel periodo novembre 2002-ottobre Nessun altro elemento appare degno di nota e non vi è motivo di ritenere che le pur ripetute anomalie termiche (al ribasso) delle estati 1999, 2000 e 2002 abbiano avuto un ruolo nel fenomeno in questione. Dendrocronologia Come noto, attraverso le misure densitometriche dei tessuti effettuabili con il microperforatore Resistograph, è possibile evidenziare, oltre alle diminuzioni di densità dovute a cavità o carie, le differenze tra legno primaverile ed estivo, in pratica le cosiddette crescite annuali. Diventa, quindi, possibile lo studio delle cinetiche di accrescimento dell albero. In questo caso è stato agevole contarle e misurarle a partire dal Si nota un andamento discendente in tutto il periodo, chiaro segno di debolezza. In particolare, si evidenzia un ulteriore diminuzione dal Analisi fogliari Campioni di foglie verdi raccolti da diversi rami il 3 agosto 2004 sono stati sciacquati con acqua distillata, seccati in stufa a 80 C sino 55 ACER 2/2008

4 TOMOGRAMMA SONICO DELLA SEZIONE DI TRONCO A 85 CM DI ALTEZZA 100 PROFILI RESISTOGRAFICI DELLE VARIE SEZIONI ESPLORATE cm Sano (25%) Intermedio (32%) Degradato (20%) Corteccia (22%) cm 500 Sano (44%) Degradato (36%) Corteccia (20%) TOMOGRAMMA SONICO DELLA SEZIONE DI TRONCO A 2,4 M DI ALTEZZA 1000 N.B.: i settori colorati in rosso sono caratterizzati da bassa resistenza alla penetrazione, e quindi sono degradati. Entrambi i profili resistografici si riferiscono a porzioni di radice a livello del colletto con direzione sud cm a peso costante, macinati finemente, mineralizzati con acido nitrico concentrato e acqua ossigenata in rapporto 6:1 a 280 C e 55 bar in forno a microonde e quindi sottoposti ad analisi con spettrometro ICP-MS (Inductively Coupled Plasma-Mass Spectometer) Perkin- ElmerSciex6100 (http://www.nd.edu/~icpmslab). I risultati sono riportati nella tabella 2. Obiettivo dell indagine era verificare l eventuale presenza in eccesso di elementi potenzialmente fitotossici e, contestualmente, la carenza di specie minerali indispensabili. I dati analitici vengono confrontati con quelli relativi alla cosiddetta reference plant (4). In sintesi, i campioni fogliari lavati, e quindi privati del deposito superficiale, mostravano un elevata presenza di alluminio e piombo e una significativa carenza di calcio, potassio, manganese e magnesio. Nel primo caso, si cm Sopra, i sensori 1 sono in direzione Nord. La scala colorimetrica sulla destra indica la velocità (m/s) di propagazione del suono nel legno; valori bassi (indicati in rosso) denotano la presenza di aree degradate. Il tracciato circolare interno alle sezioni indica lo spessore minimo integro TABELLA 2 - CONCENTRAZIONE DI ELEMENTI MINERALI NEI CAMPIONI DI FOGLIE DELL ESEMPLARE DI CEDRO DI BARGA, CONFRONTATA CON I DATI RELATIVI ALLA COSIDDETTA REFERENCE PLANT (4) Concentrazioni nelle foglie lavate Elementi minerali Cedro di Barga Reference plant (ppm; media ± d.s.) (ppm) Ag 0,04 ± 0,015 0,20 Al 622 ± 38,2 80 As 0,07 ± 0,025 0,10 Ba 12 ± 8,3 40 Be 0,021 ± 0,1590 0,001 Ca 2462 ± 43, Cd 0,05 ± 0,025 0,05 Co 0,3 ± 0,01 0,2 Cr 1,7 ± 0,46 1,5 Cs 0,1 ± 0,01 0,2 Cu 10 ± 0,6 10 Fe 225 ± 27,8 150 Ga 0,1 ± 0,02 0,1 K 2347 ± 23, Li 0,4 ± 0,04 0,2 Mg 893 ± 9, Mn 136 ± 1,6 200 Na 273 ± 21,6 150 Ni 5,5 ± 0,40 1,5 Pb 3 ± 0,3 1 Rb 4 ± 0,1 50 Sr 13 ± 0,9 50 Tl 0,40 ± 0,599 0,05 V 0,6 ± 0,09 0,5 Zn 44 ± 2,1 50 N.B.: sono indicati i valori medi e le relative deviazioni standard (d.s.), noto descrittore della variabilità delle replicazioni rispetto al valore medio. ACER 2/

5 tende a escludere un ruolo fitotossico diretto, ma si ritiene che si tratti di indicazione di una contaminazione ambientale di fondo, eventualmente corresponsabile di stati patologici sostenuti da altri agenti. In particolare, il piombo è stato per lunghi anni rilasciato in grande quantità dagli scarichi veicolari (motori endotermici alimentati a benzina super). Ora che l impiego di additivi al piombo è bandito anche in Italia, le fonti ambientali dell elemento sono drasticamente calate, ma è noto come ancora a lungo assisteremo alla risospensione e alla rimessa in circolo di particelle depositatesi al suolo nel tempo. Ciò significa che ambienti inquinati da piombo continueranno a doversi confrontare col problema. Diverso è il caso dell accertata carenza nelle foglie di elementi importanti per la nutrizione minerale della pianta (calcio, potassio, manganese e magnesio). Evidenti disturbi nell assimilazione radicale creavano squilibri che si ripercuotevano sulla composizione elementare, pur in presenza di dotazioni normali nel substrato. Cartolina risalente al 1925 che illustra la allora denominata piazza Vittorio Emanuele: sullo sfondo il maestoso cedro del Libano. VALUTAZIONI DENDROCRONOLOGICHE DEL TRONCO Crescite annuali (mm 10-2 ) Anno Conclusioni Lo studio è stato condotto con rilevante dispendio di mezzi e risorse umane, attingendo, in tempi brevissimi, alle competenze e alle tecnologie più aggiornate, dalla microscopia elettronica a scansione, alle indagini di spettrometria di massa al plasma, dalla tomografia sonica computerizzata alla dendrocronologia. Senza dubbio l esemplare era afflitto da un gravissimo processo di deperimento. Ulteriori sopralluoghi condotti nell autunno 2004 non hanno evidenziato segni di ripresa; la situazione era irreversibile. Il fenomeno appariva avere origini remote, considerando i risultati delle valutazioni dendrocronologiche. Le cause del problema erano da ricercarsi in un complesso di fattori; in accordo con Manion (3), è lecito immaginare una concatenazione di eventi ostili, una sorta di spirale, nella quale hanno svolto un ruolo elementi predisponenti (compattamento del suolo, scarsa fertilità, senescenza fisiologica, anche se la specie è nota per la sua longevità) e contribuenti (siccità ed elevate temperature estive, inquinamento atmosferico, come testimoniato dalla presenza di significativi livelli di piombo nelle foglie), insieme a quelli effettivamente determinanti (marciume da Armillaria, vero responsabile della fitopatia). Quindi, in breve, si trattava di un classico marciume radicale da Armillaria che, verosimilmente, ha tratto profitto da una serie di elementi collaterali avversi alla pianta. Tale situazione non è eccezionale e trova ampio riscontro nella letteratura di settore (8). Non si conoscono specifiche raccomandazioni nel caso di queste infezioni, se non quella, peraltro scontata, di mantenere gli alberi in adeguate condizioni di vigore, una strategia preventiva. Non sembravano sussistere al momento seri pericoli di crollo o di schianto della pianta in toto, in quanto i fenomeni cariogeni non avevano ancora compromesso i parametri di stabilità convenzionali. L analisi VTA portava alla collocazione dell esemplare nella classe di rischio fitostatico C, la cui declaratoria recita così: Soggetti con significativi difetti di forma e/o strutturali verificati strumentalmente; il rischio è rappresentato da un ulteriore aggravamento nel breve periodo delle anomalie riscontrate, con il passaggio a una classe di rischio più elevata. Si rende necessario un controllo visivo e strumentale con cadenza annuale. Era, però, evidente che un enorme massa di legno secco, costituito da rami morti, si era accumulata anche a quote elevate e poteva cadere in qualsiasi momento. Pertanto, si è suggerito di mantenere il sito inaccessibile al pubblico e di compiere ispezioni visive a cadenza almeno settimanale, per la rimozione del materiale pericolante. Purtroppo, la diagnosi infausta ha indotto il Comune di Barga all abbattimento dell esemplare, nell ambito di un progetto integrato di riqualificazione dell area basato sul reimpianto di questa specie, previa estirpazione del materiale infetto e bonifica fitosanitaria. L immagine della piazza è ora completamente modificata, ma anche gli alberi hanno una loro fine. Si ringraziano il Comune di Barga che ha finanziato le attività sperimentali e il prof. Paolo Emilio Tomei, dell Università di Pisa, che ha segnalato il caso e partecipato ai primi sopralluoghi. Bibliografia 1) GOIDANICH G., Manuale di Patologia Vegetale. Vol. II. Edagricole, Bologna. 2) INTINI M., PANCONESI A., PARRINI A., Malattie delle alberature in ambiente urbano. CNR, Firenze. 3) MANION P.D., Tree disease concepts. Prentice-Hall, Englewodd Cliffs. 4) MARKERT B., Establishing of reference plant for inorganic characterization of different plant species by chemical fingerprinting. Water, Air, & Soil Pollution, 64: ) MARKERT B., Presence and significance of naturally occurring chemical elements of the periodic system in the plant organism and consequences for future inves tigations on inorganic environmental chemistry. Ecosystems Vegetatio, 103: ) MATTECK C., BRELOER H., La stabilità degli alberi. Il Verde Editoriale, Milano. 7) MORIONDO F., Patologia forestale. Utet, Torino. 8) PIRONE P., Diseases & pests of ornamental plants. Wiley, New York. 9) POLI R. ET AL. (a cura di), Catalogo degli alberi monumentali dell Italia Centrale. Vol. I. La Toscana. Orto Botanico di Lucca, Lucca. 10) TOMEI P.E. ET. AL., Memorie. In: atti Società Toscana Scienze Naturali, Serie B, 93: Pisa. 11) WARGO P.M., SHAW C.G., Plant Disease. 69: Abstract Where the shade was Results of analyses made on the monumental cedar of Lebanon of Barga (Lucca District, Tuscany) are discussed. After a series of physico-chemical and biological investigations with the use of new technologies based on the characterization of wood defects by means of high tech instruments (sonic tomographs), this ancient and in poor conditions tree has been fellen. Root decay due to Armillaria infection was the principal cause of disorders. 57 ACER 2/2008

6 Seguire i contorni è una questione di precisione. Un terreno ricco di bordi e piante può essere un problema durante il taglio. Non per la Z-Trak Diesel 997 a 31 CV. Con una velocità di ben 19 km/h e un motore diesel da 3 cilindri con raffreddamento a liquido e iniezione diretta, verranno abbattuti i tempi di lavoro anche con ampie superfici. È possibile scegliere tra l apparato falciante in acciaio stampato 7-Iron II da 152 cm o da 183 cm. Se dovete raggiungere zone di taglio al di sotto di arbusti e recinzioni e risolvere il problema delle rifiniture, Z-Trak 997 John Deere è la soluzione perfetta. John Deere Credit, soluzioni finanziare per ogni stagione. La scelta più conveniente. John Deere Italiana, Via G. Di Vittorio, 1, VIGNATE, Tel. (02) L affidabilità è la nostra forza C I CRF

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli