Dov era l ombra. Alla fine di giugno 2004, il Comune ARBORICOLTURA IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dov era l ombra. Alla fine di giugno 2004, il Comune ARBORICOLTURA IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU)"

Transcript

1 IL CEDRO MONUMENTALE DI BARGA (LU) Come la vecchia quercia di pascoliana memoria, anche un cedro più che centenario e in condizioni precarie è stato abbattuto dopo una serie di indagini fisico-chimiche che ne hanno verificato stabilità, condizioni del terreno e stato sanitario. Tecniche d indagine che hanno rappresentato un modello virtuoso di approccio diagnostico estrapolabile ad altre situazioni analoghe Testo e foto di Cristina Nali e Giacomo Lorenzini, Università di Pisa, Centro interdipartimentale E. Avanzi, Alessandro Pestalozza, libero professionista Sopra, Il cedro del Libano di Barga nel 2004 e, a fianco, la piazza come appare oggi dopo il suo abbattimento.. Dov era l ombra Alla fine di giugno 2004, il Comune di Barga (LU) richiese un parere urgente sulle condizioni di un esemplare secolare di cedro del Libano (Cedrus libani A. Richard) presente nella piazza del Fosso, in luogo aperto al pubblico e destinato anche ad attività di parco-giochi per bambini. In tempi rapidi è stato predisposto un protocollo convenzionale tra l Università di Pisa e il Comune stesso. Ecco, in sintesi, il programma delle attività previste: realizzazione di indagini fitopatologiche finalizzate all individuazione di fenomeni degenerativi in atto su foglie, fusto, rami e radici; analisi chimiche di terreno e foglie per individuare macro e microelementi e specie potenzialmente tossiche; analisi secondo il protocollo internazionale VTA (Visual tree assessment); indagini strumentali resistografiche e tomografico-soniche su tronco e branche principali e attribuzione del soggetto a una delle classi di rischio fitostatico standard. Il contesto operativo L esemplare in studio costituiva un individuo di ineguagliabile interesse storicoculturale. Per la sua mole (altezza intorno a 22 m, circonferenza a petto d uomo di 6 m), età (impianto nel 1823), collocazione (subito fuori dalla cinta muraria, in uno stupendo scenario, ben fruito da sempre dal pubblico di ogni età), per il suo significato storico (è citato da Pascoli) e affettivo (generazioni di barghigiani vi hanno sostato sotto) rappresentava un unicum, inserito tra gli alberi monumentali di eccezionale significato. Va sottolineato come testi bibliografici (9, 10) segnalino, per lui, rispettivamente buone condizioni vegetative e buono stato fitosanitario. Il soggetto è pure presente nel sito del Corpo forestale dello Stato dedicato agli alberi monumenta- 53 ACER 2/2008

2 Sopra, carie su branca in quota: si noti lo sviluppo di una piantina di alloro nella cavità. A destra dall alto in basso, frammento di radice scortecciato con in evidenza il micelio riferibile al fungo Armillaria; stereomicrofotografia di un particolare della corteccia di cui sopra con relativa immagine al microscopio elettronico a scansione (SEM). li d Italia (http://www.corpoforestale.it/foreste&forestale/ricerca&progetti/alberi_m/tosca na.htm). La pianta sovrastava, imponente, una vasta area ora adibita a parcheggio a fianco del Bastione del Fosso. La posizione elevata, sopra un parterre cui si accede per un ampia scalinata, la rendeva ancora più importante per forma e dimensioni. La chioma, molto espansa, si allargava nelle tre dimensioni, ricoprendo un area di 400 m 2 circa. Colpiva la peculiare orizzontalità delle branche tipica della specie, ma molto accentuata in questo esemplare. Non risultano, in passato, indagini sanitarie ad hoc, almeno in epoca recente. Si sa però, a livello di dominio pubblico, che da diversi anni le condizioni generali dell albero si erano aggravate con deperimento generale, perdita di foglie, arresto di fruttificazione. L ultimo dato era confermato da alcune testimonianze che segnalavano come l antica pratica della raccolta dei coni per trarne decorazioni natalizie si fosse interrotta da tempo. Le indagini condotte Sulla base della convenzione stipulata con il Comune, l albero è stato sottoposto a una serie di esami che ne hanno analizzato approfonditamente le diverse parti, evidenziando una situazione seriamente compromessa. Condizioni generali La pianta presentava un fusto centrale e una ventina di branche primarie. Le condizioni complessive erano assai critiche ed evidenziavano grave sofferenza e debolezza: gran parte dei rami erano disseccati e l aspetto generale era caratterizzato da scarsità di vegetazione. Colpiva l eccezionale trasparenza, causata da uno stato di seccume molto accentuato. Gli aghi manifestavano uno spiccato processo di microfillia (riduzione delle normali dimensioni), con una lunghezza all incirca dimezzata rispetto al normale e prevalevano quelli clorotici e con apice necrotico. Tronco e branche Nelle porzioni basali del tronco erano presenti cordonature e ferite cicatrizzate. Era anche visibile, nel settore Nord-Ovest, un processo cariogeno, evidenziato da legno dalla colorazione brunastra e conformazioni a frattura cubica, tipiche della carie bruna. Si è riscontrata, inoltre, la presenza di formiche del genere Camponotus, colonizzatrici di tessuti legnosi in disgregazione. Anche il fusto manifestava anomalie, con ampie bombature longitudinali, inclusioni di corteccia e costolature. Nella zona apicale si notava un profondo taglio (circa cm) eseguito, probabilmente, in seguito a un evento traumatico (fulmini o temporali); così il cimale è stato abbassato di almeno 5-6 m. Al di sotto si osservava una striscia da decorticazione, poi cicatrizzata, dovuta verosimilmente a un fulmine. In una cavità di tessuto legnoso in via di degradazione si era insediata una giovane pianta di alloro. Apparato radicale Lo scavo di due trincee, rispettivamente in direzione Nord e Sud, ha messo a nudo regioni significative dell apparato radicale, a partire dall inserzione sul fusto. Le porzioni corticali delle radici a livello del colletto presentavano vistosi fenomeni di marcescenza umida, erano facilmente distaccabili ed emanavano un penetrante (ma non sgradevole) odore di fungo fresco. Si evidenziavano caratteristiche placche miceliali di colore bianco-crema, feltroso-fibrose, che si insinuavano tra gli elementi del mantello corticale e il cilindro centrale. Indagini allo stereomicroscopio e al microscopio elettronico a scansione (Sem) hanno confermato la natura micelica del feltro. Sono questi i tipici segni di un serio attacco da parte di Armillaria (sin. Armillariella). Al momento i tassonomi individuano una decina di specie comprese in tale genere, peraltro simili per comportamento patogenetico (11) ma, in assenza dei caratteristici corpi fruttiferi (la cosiddetta buona famigliola o chiodini, commestibile e di buona qualità), non si può procedere all ulteriore classificazione; comunque, in quest area, la dominante è Armillaria mellea (Vahl.) Quel. (1, 7). Si tratta di una crittogama agaricacea (basiodiomicete) cosmopolita e polifaga, nota per la capacità di aggredire molte specie di piante arboree, alle quali provoca marciume radicale fibroso a lento sviluppo. Le conseguenze a livello dell apparato vegetativo sono serie: sofferenza generale, sviluppo stentato, clorosi fogliare, filloptosi, appassimento e avvizzimento irreversibile. La sindrome cronica si aggrava in periodi di stress, come la prolungata carenza idrica (2). Visual tree assessment (VTA) e indagini strumentali La presenza di carie alla base del fusto e le condizioni generali critiche del soggetto hanno reso necessarie indagini strumentali per quantificare e mappare eventuali zone interne cave o degenerate. Sondaggi con tomografo sonico (Arbotom ) e dendrodensimetro (Resistograph ) sono stati condotti a diversi livelli. In particolare, si è operato con tomografia sonica computerizzata della sezione del tronco a 85 cm e a 2,4 m di altezza, nonché con indagini dendropenetrometriche di profili significativi ACER 2/

3 Sopra, esecuzione di tomografia sonica computerizzata della sezione del tronco a circa 85 cm di altezza. A destra, indagini dendropenetrometriche delle radici, eseguite nelle aree affette da marciume, e che hanno evidenziato una frazione con resistenza minima all avanzamento compresa tra 20 e 30%. alla prima tomografia, di profili del tronco a una quota di 15 m e delle radici principali. La tomografia più bassa indicava una zona degenerata piuttosto ampia nella parte centrale dell albero. I quadranti Nord-Ovest e Nord-Est (1 = Nord) erano contraddistinti da un ampia fascia di legno sano (> cm); quelli Sud-Est e Sud-Ovest evidenziavano fasce di legno sano più esigue. In ogni caso il rapporto di sicurezza t/r di 0,2-0,3 veniva mantenuto (6).0 I quadranti meridionali manifestavano zone solo apparentemente anomale; in realtà il valore di discontinuità dei tessuti era fortemente influenzato dalla presenza di profonde costolature nel legno. La seconda tomografia è stata effettuata a 240 cm da terra, su una sezione con un diametro di 2 m. Risultava immediatamente evidente che larghissima parte della sezione portante era sana, pur denotandosi la presenza di un processo cariogeno che si allargava verso l apparato radicale e si rastremava verso l alto. Con una piattaforma aerea si sono condotte indagini resistografiche in quota, verificando una sezione portante dell albero, sempre entro i livelli di sicurezza. Di particolare interesse apparivano i risultati dei sondaggi resistografici relativi ai profili radicali eseguiti nelle aree visibilmente affette da marciume: la frazione con resistenza minima all avanzamento, che lo strumento classifica come decayed (degradato), oscillava, infatti, dal 20 al 30%. TABELLA 1 - CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DEL TERRENO ANALIZZATO Campioni Reazione del terreno (ph) Conducibilità (µs) N totale ( ) Sostanza organica (%) P (Olsen)(ppm) Csc (meq/100 g) Argilla (%) Limo (%) Sabbia (%) 1 7,05 57,8 1,35 2,973 16,3 13,7 5,44 16,14 78,42 2 7,58 95,3 1,74 3,341 12,9 14,5 4,44 12,99 82,57 Analisi del terreno Eseguendo le trincee per l ispezione radicale, si sono raccolti sei campioni di terreno da sottoporre ad analisi agronomiche, i cui risultati sono riportati in tabella 1 (campioni numerati da 1 a 3, prelevati a Nord, e da 4 a 6, a Sud). Va segnalata la notevole compattezza del suolo e la presenza di materiali di risulta (calcinacci, pezzi metallici). Il ph oscillava tra neutro e sub-alcalino e la conducibilità (cioè la salinità) era bassa; l azoto totale e il fosforo (P Olsen) rientravano nella normalità; la capacità di scambio cationico (Csc) era piuttosto bassa, indice di scarsa presenza di colloidi organici e minerali; la tessitura era tendenzialmente sabbiosa. Non si segnalano devianze dal riferimento standard degne di nota, a parte un dato relativo al contenuto in magnesio piuttosto basso (media di 1234 ppm, cioè mg/kg, a partire da un campo di variabilità che spazia da 875 a 2703 ppm). Si consideri che Markert (5) indica in mg/kg il campo di variabilità naturale del magnesio nei suoli non contaminati. Quanto al contenuto in piombo, si segnala che il dato medio ottenuto (43 ppm, frutto di una media tra valori che oscillano nel range di variabilità ppm) non appariva di particolare rilevanza fitotossicologica, seppur significativamente superiore a quello che universalmente viene considerato un dato di riferimento, vale a dire 2-20 ppm. Si ricorda che la tabella 1 3 7,53 72,2 1,08 2,189 12,6 12,4 6,24 13,75 80,01 4 7,66 99,2 0,67 1,671 14,1 13,0 5,29 16,44 78,27 5 7,87 77,3 1,10 2,304 11,7 12,6 4,43 16,65 78,92 6 7,39 56,8 0,86 2,123 3,7 12,2 18,34 8,55 73,11 dell allegato 5 del D.L. 152/2006 del 3/4/2006 riporta, come valore accettabile nel suolo per siti da bonificare e da destinare a uso verde pubblico, privato e residenziale, la soglia di 100 mg/kg (cioè 100 ppm) di piombo. Del resto, non si fatica a comprendere come sia pressoché impossibile individuare un dato di riferimento per la presenza di elementi minerali in un terreno non inquinato. Sempre Markert (5) indica in 0,1-200 mg/kg il campo di variabilità naturale dei suoli non contaminati. Si conclude che il dato analitico relativo al tenore in piombo del terreno su cui insiste il cedro del Libano non riveste particolare significato in termini fitotossicologici ed ambientali. Anamnesi ecologica Si sono studiate le caratteristiche climatiche (piovosità e temperatura) della stazione negli ultimi sei anni, in confronto con la serie storica. Si segnala solo l eccezionale eccesso termico dell estate 2003, coniugato a una costante riduzione della piovosità nel periodo novembre 2002-ottobre Nessun altro elemento appare degno di nota e non vi è motivo di ritenere che le pur ripetute anomalie termiche (al ribasso) delle estati 1999, 2000 e 2002 abbiano avuto un ruolo nel fenomeno in questione. Dendrocronologia Come noto, attraverso le misure densitometriche dei tessuti effettuabili con il microperforatore Resistograph, è possibile evidenziare, oltre alle diminuzioni di densità dovute a cavità o carie, le differenze tra legno primaverile ed estivo, in pratica le cosiddette crescite annuali. Diventa, quindi, possibile lo studio delle cinetiche di accrescimento dell albero. In questo caso è stato agevole contarle e misurarle a partire dal Si nota un andamento discendente in tutto il periodo, chiaro segno di debolezza. In particolare, si evidenzia un ulteriore diminuzione dal Analisi fogliari Campioni di foglie verdi raccolti da diversi rami il 3 agosto 2004 sono stati sciacquati con acqua distillata, seccati in stufa a 80 C sino 55 ACER 2/2008

4 TOMOGRAMMA SONICO DELLA SEZIONE DI TRONCO A 85 CM DI ALTEZZA 100 PROFILI RESISTOGRAFICI DELLE VARIE SEZIONI ESPLORATE cm Sano (25%) Intermedio (32%) Degradato (20%) Corteccia (22%) cm 500 Sano (44%) Degradato (36%) Corteccia (20%) TOMOGRAMMA SONICO DELLA SEZIONE DI TRONCO A 2,4 M DI ALTEZZA 1000 N.B.: i settori colorati in rosso sono caratterizzati da bassa resistenza alla penetrazione, e quindi sono degradati. Entrambi i profili resistografici si riferiscono a porzioni di radice a livello del colletto con direzione sud cm a peso costante, macinati finemente, mineralizzati con acido nitrico concentrato e acqua ossigenata in rapporto 6:1 a 280 C e 55 bar in forno a microonde e quindi sottoposti ad analisi con spettrometro ICP-MS (Inductively Coupled Plasma-Mass Spectometer) Perkin- ElmerSciex6100 (http://www.nd.edu/~icpmslab). I risultati sono riportati nella tabella 2. Obiettivo dell indagine era verificare l eventuale presenza in eccesso di elementi potenzialmente fitotossici e, contestualmente, la carenza di specie minerali indispensabili. I dati analitici vengono confrontati con quelli relativi alla cosiddetta reference plant (4). In sintesi, i campioni fogliari lavati, e quindi privati del deposito superficiale, mostravano un elevata presenza di alluminio e piombo e una significativa carenza di calcio, potassio, manganese e magnesio. Nel primo caso, si cm Sopra, i sensori 1 sono in direzione Nord. La scala colorimetrica sulla destra indica la velocità (m/s) di propagazione del suono nel legno; valori bassi (indicati in rosso) denotano la presenza di aree degradate. Il tracciato circolare interno alle sezioni indica lo spessore minimo integro TABELLA 2 - CONCENTRAZIONE DI ELEMENTI MINERALI NEI CAMPIONI DI FOGLIE DELL ESEMPLARE DI CEDRO DI BARGA, CONFRONTATA CON I DATI RELATIVI ALLA COSIDDETTA REFERENCE PLANT (4) Concentrazioni nelle foglie lavate Elementi minerali Cedro di Barga Reference plant (ppm; media ± d.s.) (ppm) Ag 0,04 ± 0,015 0,20 Al 622 ± 38,2 80 As 0,07 ± 0,025 0,10 Ba 12 ± 8,3 40 Be 0,021 ± 0,1590 0,001 Ca 2462 ± 43, Cd 0,05 ± 0,025 0,05 Co 0,3 ± 0,01 0,2 Cr 1,7 ± 0,46 1,5 Cs 0,1 ± 0,01 0,2 Cu 10 ± 0,6 10 Fe 225 ± 27,8 150 Ga 0,1 ± 0,02 0,1 K 2347 ± 23, Li 0,4 ± 0,04 0,2 Mg 893 ± 9, Mn 136 ± 1,6 200 Na 273 ± 21,6 150 Ni 5,5 ± 0,40 1,5 Pb 3 ± 0,3 1 Rb 4 ± 0,1 50 Sr 13 ± 0,9 50 Tl 0,40 ± 0,599 0,05 V 0,6 ± 0,09 0,5 Zn 44 ± 2,1 50 N.B.: sono indicati i valori medi e le relative deviazioni standard (d.s.), noto descrittore della variabilità delle replicazioni rispetto al valore medio. ACER 2/

5 tende a escludere un ruolo fitotossico diretto, ma si ritiene che si tratti di indicazione di una contaminazione ambientale di fondo, eventualmente corresponsabile di stati patologici sostenuti da altri agenti. In particolare, il piombo è stato per lunghi anni rilasciato in grande quantità dagli scarichi veicolari (motori endotermici alimentati a benzina super). Ora che l impiego di additivi al piombo è bandito anche in Italia, le fonti ambientali dell elemento sono drasticamente calate, ma è noto come ancora a lungo assisteremo alla risospensione e alla rimessa in circolo di particelle depositatesi al suolo nel tempo. Ciò significa che ambienti inquinati da piombo continueranno a doversi confrontare col problema. Diverso è il caso dell accertata carenza nelle foglie di elementi importanti per la nutrizione minerale della pianta (calcio, potassio, manganese e magnesio). Evidenti disturbi nell assimilazione radicale creavano squilibri che si ripercuotevano sulla composizione elementare, pur in presenza di dotazioni normali nel substrato. Cartolina risalente al 1925 che illustra la allora denominata piazza Vittorio Emanuele: sullo sfondo il maestoso cedro del Libano. VALUTAZIONI DENDROCRONOLOGICHE DEL TRONCO Crescite annuali (mm 10-2 ) Anno Conclusioni Lo studio è stato condotto con rilevante dispendio di mezzi e risorse umane, attingendo, in tempi brevissimi, alle competenze e alle tecnologie più aggiornate, dalla microscopia elettronica a scansione, alle indagini di spettrometria di massa al plasma, dalla tomografia sonica computerizzata alla dendrocronologia. Senza dubbio l esemplare era afflitto da un gravissimo processo di deperimento. Ulteriori sopralluoghi condotti nell autunno 2004 non hanno evidenziato segni di ripresa; la situazione era irreversibile. Il fenomeno appariva avere origini remote, considerando i risultati delle valutazioni dendrocronologiche. Le cause del problema erano da ricercarsi in un complesso di fattori; in accordo con Manion (3), è lecito immaginare una concatenazione di eventi ostili, una sorta di spirale, nella quale hanno svolto un ruolo elementi predisponenti (compattamento del suolo, scarsa fertilità, senescenza fisiologica, anche se la specie è nota per la sua longevità) e contribuenti (siccità ed elevate temperature estive, inquinamento atmosferico, come testimoniato dalla presenza di significativi livelli di piombo nelle foglie), insieme a quelli effettivamente determinanti (marciume da Armillaria, vero responsabile della fitopatia). Quindi, in breve, si trattava di un classico marciume radicale da Armillaria che, verosimilmente, ha tratto profitto da una serie di elementi collaterali avversi alla pianta. Tale situazione non è eccezionale e trova ampio riscontro nella letteratura di settore (8). Non si conoscono specifiche raccomandazioni nel caso di queste infezioni, se non quella, peraltro scontata, di mantenere gli alberi in adeguate condizioni di vigore, una strategia preventiva. Non sembravano sussistere al momento seri pericoli di crollo o di schianto della pianta in toto, in quanto i fenomeni cariogeni non avevano ancora compromesso i parametri di stabilità convenzionali. L analisi VTA portava alla collocazione dell esemplare nella classe di rischio fitostatico C, la cui declaratoria recita così: Soggetti con significativi difetti di forma e/o strutturali verificati strumentalmente; il rischio è rappresentato da un ulteriore aggravamento nel breve periodo delle anomalie riscontrate, con il passaggio a una classe di rischio più elevata. Si rende necessario un controllo visivo e strumentale con cadenza annuale. Era, però, evidente che un enorme massa di legno secco, costituito da rami morti, si era accumulata anche a quote elevate e poteva cadere in qualsiasi momento. Pertanto, si è suggerito di mantenere il sito inaccessibile al pubblico e di compiere ispezioni visive a cadenza almeno settimanale, per la rimozione del materiale pericolante. Purtroppo, la diagnosi infausta ha indotto il Comune di Barga all abbattimento dell esemplare, nell ambito di un progetto integrato di riqualificazione dell area basato sul reimpianto di questa specie, previa estirpazione del materiale infetto e bonifica fitosanitaria. L immagine della piazza è ora completamente modificata, ma anche gli alberi hanno una loro fine. Si ringraziano il Comune di Barga che ha finanziato le attività sperimentali e il prof. Paolo Emilio Tomei, dell Università di Pisa, che ha segnalato il caso e partecipato ai primi sopralluoghi. Bibliografia 1) GOIDANICH G., Manuale di Patologia Vegetale. Vol. II. Edagricole, Bologna. 2) INTINI M., PANCONESI A., PARRINI A., Malattie delle alberature in ambiente urbano. CNR, Firenze. 3) MANION P.D., Tree disease concepts. Prentice-Hall, Englewodd Cliffs. 4) MARKERT B., Establishing of reference plant for inorganic characterization of different plant species by chemical fingerprinting. Water, Air, & Soil Pollution, 64: ) MARKERT B., Presence and significance of naturally occurring chemical elements of the periodic system in the plant organism and consequences for future inves tigations on inorganic environmental chemistry. Ecosystems Vegetatio, 103: ) MATTECK C., BRELOER H., La stabilità degli alberi. Il Verde Editoriale, Milano. 7) MORIONDO F., Patologia forestale. Utet, Torino. 8) PIRONE P., Diseases & pests of ornamental plants. Wiley, New York. 9) POLI R. ET AL. (a cura di), Catalogo degli alberi monumentali dell Italia Centrale. Vol. I. La Toscana. Orto Botanico di Lucca, Lucca. 10) TOMEI P.E. ET. AL., Memorie. In: atti Società Toscana Scienze Naturali, Serie B, 93: Pisa. 11) WARGO P.M., SHAW C.G., Plant Disease. 69: Abstract Where the shade was Results of analyses made on the monumental cedar of Lebanon of Barga (Lucca District, Tuscany) are discussed. After a series of physico-chemical and biological investigations with the use of new technologies based on the characterization of wood defects by means of high tech instruments (sonic tomographs), this ancient and in poor conditions tree has been fellen. Root decay due to Armillaria infection was the principal cause of disorders. 57 ACER 2/2008

6 Seguire i contorni è una questione di precisione. Un terreno ricco di bordi e piante può essere un problema durante il taglio. Non per la Z-Trak Diesel 997 a 31 CV. Con una velocità di ben 19 km/h e un motore diesel da 3 cilindri con raffreddamento a liquido e iniezione diretta, verranno abbattuti i tempi di lavoro anche con ampie superfici. È possibile scegliere tra l apparato falciante in acciaio stampato 7-Iron II da 152 cm o da 183 cm. Se dovete raggiungere zone di taglio al di sotto di arbusti e recinzioni e risolvere il problema delle rifiniture, Z-Trak 997 John Deere è la soluzione perfetta. John Deere Credit, soluzioni finanziare per ogni stagione. La scelta più conveniente. John Deere Italiana, Via G. Di Vittorio, 1, VIGNATE, Tel. (02) L affidabilità è la nostra forza C I CRF

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO

GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, PROTEZIONE CIVILE E TURISMO Settore Servizi alle Imprese Agricole GUIDA ALL INTERPRETAZIONE AGRONOMICA DELL ANALISI CHIMICA DEL SUOLO Laboratorio Regionale Analisi Terreni e Produzioni

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE

L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE L INTERPRETAZIONE DELLE ANALISI DEL TERRENO PER MIGLIORARE LA CONCIMAZIONE Dr.Agr. Paolo Bortolami ARPAV Settore per la Prevenzione e la Comunicazione Ambientale Servizio valutazioni ambientali e degli

Dettagli

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA Prof. Agr. Fabrizio Cinelli Docente di Strutture Verdi e Paesaggio Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni Civili Largo L. Lazzarino

Dettagli

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI)

S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) MINERAL PET S.M.M. Srl Galleria Strasburgo, 3-20122 Milano (MI) Esame elaborato per: F. G. Via XX,11 - Mil Tipo Animale Età Peso Gatto - Europeo Nome Jingle 1 Sesso Maschio 4.3 Altezza 0 Informazioni Generali

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

La valutazione della stabilità degli alberi

La valutazione della stabilità degli alberi La valutazione della stabilità degli alberi Qualsiasi costruzione meccanica è leggera quanto possibile e salda quanto necessario quando subisce un carico equilibrato, cioè quando tutti i punti della sua

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

La determinazione del ph

La determinazione del ph La determinazione del ph Claudio Marzadori, Claudio Ciavatta Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali (DiSTA) Università di Bologna Bologna 31/03/2011 La revisione dei metodi ufficiali di analisi

Dettagli

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno.

I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. I funghi hanno la funzione di decomporre le sostanze morte e così consentono alla sostanza organica di mettersi in circolo nel terreno. L eccesso di piogge (forze lunari) in presenza di calore, aumenta

Dettagli

Perché è importante l analisi del terreno?

Perché è importante l analisi del terreno? Perché è importante l analisi del terreno? Indice 1. Terreno e piante, uniti per la vita 2. Le proprietà fisiche del terreno 3. La composizione chimica del terreno 4. L analisi del terreno 1. Terreno e

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 Committente: Comune di Camposanto Via F. Baracca n 11 Camposanto (Modena) Dott. Agr. Riccardo

Dettagli

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione

Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Le indagini e i servizi di ARPA Veneto per la razionalizzazione della fertilizzazione Paolo Giandon ARPAV - Servizio Suoli Riferimenti normativi Relazione fra pratiche agricole, in particolare fertilizzazione,

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione

Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione Valutazione delle condizioni vegetative, fitosanitarie e strutturali dell esemplare di Faggio, Fagus sylvatica, radicato all interno di Parco Porta Spinola, nel Comune di Mariano Comense (CO) Estratto

Dettagli

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati

4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati 4 Analisi del suolo e interpretazione dei risultati DBC 2009 19 Preparazione dei campioni Parametro da analizzare (elemento nutritivo o caratteristica del suolo) Mezzo / metodo d estrazione Rapporto tra

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità

Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Le analisi chimiche del suolo: uno strumento indispensabile per un agricoltura di qualità Emanuela Tarabbia Le analisi agrochimiche del suolo hanno acquisito, in particolare negli ultimi anni, un valore

Dettagli

RELAZIONE FITOSTATICA

RELAZIONE FITOSTATICA COMUNE DI ALFEDENA INDAGINE FITOSTATICA SU UN ESEMPLARE ARBOREO MONUMENTALE FEBBRAIO 2013 RELAZIONE FITOSTATICA Dott. For. Dora CIMINI Dott. For. Roberto MARTINIS (Studio Planta) Dott. For. Andrea RETTORI

Dettagli

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia La tomografia Il tomografo FAKOPP 3D sfrutta le proprietà della diffusione del suono nel legno per produrre una fotografia dell interno dei tronchi, un immagine che riporta le parti di legno sano, le cavità

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze della Terra - Sez. di Mineralogia, Petrologia e Geofisica Progetto finalizzato alla diffusione di iniziative di sviluppo sostenibile a livello

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale

FISIOLOGIA VEGETALE. Il suolo e la nutrizione minerale FISIOLOGIA VEGETALE Il suolo e la nutrizione minerale Il suolo è costituito da una frazione inorganica e da una frazione organica frazione inorganica è preponderante e deriva dalla frammentazione della

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Zona B: Piazza della Vittoria Si informa che ai sensi del DLgs 30 giugno 2003, n. 196 e succ. mod., che le informazioni contenute in questo documento e negli allegati sono da

Dettagli

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA Cupressus 13485 Via Vittorio Emanuele D 47,75 sempervirens DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO Pianta filata ad inclinazione elevata

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS:

LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: S.r.l. LOCALIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DELLE FUGHE GAS: evoluzioni e relative strumentazioni ing. Walter Brand HANS BRAND srl - Milano Fasi dell ispezione della rete secondo le linee guida ATIG Programmazione

Dettagli

Verbale di campionamento del suolo

Verbale di campionamento del suolo V. Allegati Regione Campania Assessorato all Agricoltura Verbale di campionamento del suolo Comune codice ISTAT Coordinate geografiche: UTM-Est Sigla identificazione del campione codice rilevatore codice

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto

Metodi di campionamento per l'analisi del terreno già investito a vigneto LA CONCIMAZIONE DI PRODUZIONE Per quanto riguarda i vigneti che sono già impiantati, è importante che il viticoltore proceda ad una razionalizzazione degli interventi fertilizzanti. Di norma, infatti,

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose

Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Caratterizzazione chimico fisica delle biomasse legnose Rossana Cerioni SIBE Srl Spin-Off dell Università Politecnica delle Marche BIOENERGY - Verona, 4 febbraio 2010 COMPONENTI DELLA BIOMASSA SOLIDA Aspetti

Dettagli

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia Progetto 133.11 dagu - Comune Della Spezia Spett.le COMUNE DELLA SPEZIA Dipartimento II Servizi Tecnici e Opere Pubbliche Progettazione e Manutenzione Aree Verdi Alla cortese attenzione di: Agr. Andrea

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

4.5.5 Risultati analisi XRPD

4.5.5 Risultati analisi XRPD 4.5.5 Risultati analisi XRPD CAMPIONE N.11 Campione abbastanza massivo, di colore biancastro-verde pallido, costituito da cristalli da aciculari a fibrosi, tendenzialmente isorientati. - XRPD: diopside

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO

PROGETTO ORIF: OSSIGENAZIONE E RISPARMIO IDRICO P.S.R. 2007-2013 MISURA 124 Dgr n. 745 del 15/03/2010 PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo, alimentare e

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI Comune di Forli AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO OPERE DI URBANIZZAZIONE VERDE E ARREDO URBANO CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI CONOSCERE SIGNIFICA CENSIRE

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali

Cinzia Perrino. Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali Cinzia Perrino Composizione chimica del particolato atmosferico in aree industriali CONSIGLIO NAZIONALE delle RICERCHE ISTITUTO sull INQUINAMENTO ATMOSFERICO Area della Ricerca RM1 Montelibretti (Roma)

Dettagli

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA.

Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Direzione Agricoltura LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DEL SUOLO SU SUPERFICI AGRICOLE DESTINATE AD IMPIANTI FOTOVOLTAICI A TERRA. Introduzione La realizzazione di campi fotovoltaici sul suolo agrario sta

Dettagli

Analisi di stabilità alberi con metodo V.T.A.

Analisi di stabilità alberi con metodo V.T.A. Cenni teorici VTA Le indagini sono state effettuate mediante utilizzo della tecnica V.T.A. (Visual Tree Assessment). Fine ultimo dell indagine è stabilire il grado di pericolosità degli alberi presi in

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO)

MICRODOCHIUM NIVALIS TYPHULA INCARNATA LAETISARIA FUCIFORMIS (FILO ROSSO) MICRODOCHIUM NIVALIS Dopo un prolungato periodo di condizioni atmosferiche fredde e umide si possono formare macchie circolari depresse di circa 5 cm. O inferiori che cambiano rapidamente di colore dal

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee 12.9.2001 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 242/17 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 28 agosto 2001 che stabilisce i criteri per l'assegnazione di un marchio comunitario di qualità ecologica

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura

Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura 1 Regione Siciliana Assessorato Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Interventi

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

M4 /Linea Lorenteggio - Linate. Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde

M4 /Linea Lorenteggio - Linate. Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde M4 /Linea Lorenteggio - Linate Commissione consiliare Mobilità - Ambiente - Arredo Urbano - Verde 21 maggio 2015 2 Il progetto La Linea M4 della metropolitana di Milano collega direttamente il centro della

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA

REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA REGIONE LAZIO DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE VAIOLATURA DELLE DRUPACEE O SHARKA La sharka o vaiolatura delle drupacee è una grave malattia provocata da un virus, Plum

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini

Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Concimazione post-raccolta di frutteto e vigneto: un investimento per la qualità dei frutti e dei vini Scegliere concimi di elevata qualità ed efficienza La concimazione del vigneto e del frutteto riveste

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

Bijoux - LE MERAVIGLIE. Relazione tecnico-diagnostica

Bijoux - LE MERAVIGLIE. Relazione tecnico-diagnostica Bijoux - LE MERAVIGLIE via Della Pescara, 18 - I-06124 - Perugia V I A Telefono: - 392 6179537 PIANO TERRA Prove in situ per il monitoraggio periodico dell umidità a seguito dell installazione di tecnologia

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI 1) Operaio Specializzato Prezzo a ora 22,54 2) Operaio Qualificato Prezzo a ora 20,43 3) Autocarro con gru ruotante con braccio articolato MTT 26000 kg

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli