Concorso Scuole a.s SCHEDA INFORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Concorso Scuole a.s. 2008-2009 SCHEDA INFORMATIVA"

Transcript

1 Concorso Scuole a.s SCHEDA INFORMATIVA Premessa La seconda edizione del concorso d idee Città in Movimento ha per oggetto l individuazione e la promozione delle buone azioni quotidiane e dei comportamenti più corretti da adottare fuori e dentro i mezzi di trasporto pubblico, compreso il contrasto all evasione tariffaria. Gli argomenti proposti nel concorso 2009 si intrecciano con il rispetto per l ambiente e la limitatezza delle risorse, temi cari ad Agenzia Mobilità e già oggetto dei laboratori educativi in corso sul territorio provinciale da ottobre Le classi che aderiranno al concorso potranno dare libero sfogo alla fantasia con prodotti comunicativi (slogan, disegni, foto, video) che attraverso un lavoro collettivo coordinato dai rispettivi insegnanti possano efficacemente promuovere la responsabilità civica verso l utilizzo del trasporto pubblico da parte di tutta la collettività. I temi Il concorso ha come oggetto la realizzazione di un prodotto comunicativo che sensibilizzi la cittadinanza al migliore utilizzo dei mezzi pubblici, trattando in particolare gli aspetti dell evasione tariffaria, dei costi del trasporto pubblico e del comportamento da tenere a bordo. E io pago! Il problema dell evasione L evasione tariffaria è causata da chi utilizza i mezzi pubblici senza essere in regolare possesso di biglietto o abbonamento. Essa costituisce un serio problema perché i ricavi delle vendite di biglietti ed abbonamenti sono una voce fondamentale e indispensabile per far fronte ai notevoli costi del servizio di trasporto pubblico. Proviamo a pensare a quanti elementi concorrono per garantire al cittadino il diritto alla mobilità locale mediante il TPL (servizio di trasporto pubblico):i mezzi (cioè gli autobus); il carburante; la manutenzione dei mezzi; la pianificazione (quindi personale e strumentazioni) di linee, fermate, orari; il personale, ovvero autisti, ingegneri, meccanici, addetti alle pulizie, addetti alle vendite, verificatori di titoli di viaggio (i controllori!), e ancora molto altro. E importante sapere che il costo del biglietto o dell abbonamento pagato dal singolo cittadino non basta a coprire tutti questi costi, che quindi vengono coperti dagli enti pubblici locali. Di certo l evasione tariffaria è un problema complesso, come dimostrano queste pagine tratte dal giornalino Moby news, realizzato dagli studenti modenesi e pubblicato nell aprile 2007 a Modena da AMO ATCM. Scheda informativa Pag.1

2 Per prima cosa vorremmo sottolineare che, nonostante il nostro ruolo istituzionale, anche noi ragazzi del comitato, come voi prendiamo l autobus o la corriera tutte le mattine, anche noi ci rendiamo contro che certe volte non è proprio come viaggiare in limousine, ma proprio per questo capiamo quanto sia importante pagare il biglietto. Se tutti pagassero, infatti, il servizio potrebbe crescere e migliorare, in caso contrario sarà sempre più difficile per l azienda offrire un servizio adeguato. In secondo luogo crediamo che il non pagare il biglietto non possa essere considerata in alcun caso una forma di protesta costruttiva, diciamo che la scarsa qualità dei servizi è più che altro una scusa per risparmiare i soldi e spenderli in modo migliore, quante volte è capitato infatti di vedere anche sui modernissimi autobus argentati gente che sale e non paga il biglietto? Cerchiamo almeno di essere onesti. Pensandoci bene usufruire di un servizio senza pagarlo è un furto, è mancanza di rispetto sia per chi si impegna affinché esso sia funzionale e fruibile, sia nei confronti di chi onestamente paga. Per concludere vi chiediamo di riflettere un momento su cosa succederebbe se il Comune decidesse di smettere di offrire questo servizio, chi abita a Modena sarebbe costretto a muoversi in bici o in motorino indipendentemente da pioggia o neve, chi abita fuori dipenderebbe totalmente dai proprio genitori, non solo per andare e tornare da scuola, ma anche per vedere gli amici che magari abitano in un altra frazione. Secondo noi sarebbe più conveniente e corretto per tutti se ogni utente pagasse il servizio che utilizza. Scheda informativa Pag.2

3 Scheda informativa Pag.3

4 I costi. Trasporto pubblico o privato? E una percezione comune che il biglietto dell autobus costa troppo, ma inesatta. Per dimostrare che questa percezione è errata basterebbe sommare tutte le voci di costo sopra elencate e ci si renderebbe facilmente conto che i conti non tornano. Pensiamo, di contro, a quanto costa mantenere un auto: un minimo di e una media di euro all anno, senza contare il costo del garage e del parcheggio (fonte: Guido Viale, Vita e morte dell automobile, Bollati Boringhieri 2007). Ma c è dell altro. Le cosiddette esternalità del trasporto privato, ovvero quei costi che non gravano direttamente sul proprietario del veicolo privato (come il carburante, il bollo, l assicurazione, la manutenzione, etc.), ma ricadono all esterno, sulla collettività. Si tratta degli impatti che lo smodato uso dell automobile causa: il consumo di energia; l inquinamento atmosferico e acustico; l emissione di gas serra; l aumento della congestione stradale; il calo della sicurezza stradale. Questi impatti ambientali hanno anche importanti conseguenze sanitarie. Studi recenti dell Organizzazione Mondiale della Sanità indicano le concentrazioni di inquinanti a cui si è esposti attualmente nella Pianura padana - nell ipotesi che persistano per l intero arco della vita - causano in media un accorciamento della vita di circa 9 mesi, se confrontate alle aspettative di vita medie di ciascun italiano. Se i costi per riparare questi gravi danni ambientali e sociali fossero pagati esclusivamente dai proprietari di veicoli privati, quando dovrebbe costare un auto, un pieno di benzina, un bollo, un assicurazione?! COSTI ESTERNI SU STRADA Incidenti 10% Rumore 14% Congestione 51% Inq. Atmosferico 19% Gas serra 6% Fonte: Costi ambientali e sociali della mobilità in Italia V rapporto Amici della Terra 2003 Per dare un idea della situazione vediamo l aspetto degli incidenti stradali, mediante questi significativi dati ACI-ISTAT. Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per i giovani di anni. In Italia nel 2007 hanno provocato morti e feriti, con un costo sociale di 30 miliardi di (il 2% del PIL). Scheda informativa Pag.4

5 Viaggiare sicuri? Sì, usando il bus in modo corretto! (testi tratti dal materiale del progetto Educhiamoci promosso da Asstra, Viaggiare sicuri è una delle grandi preoccupazioni di chi deve spostarsi in macchina; esiste infatti un rapporto diretto tra il numero di vittime e feriti sulle strade e il numero di spostamenti effettuati in automobile. Le statistiche dicono che, in media, viaggiare con il trasporto pubblico è da 5 a 10 volte più sicuro, e infatti uno degli obiettivi per il miglioramento della sicurezza stradale è quello di spostare l utenza, cioè le persone che viaggiano spesso in macchina, dai sistemi di trasporto a più elevato rischio a quelli a rischio minore, cioè dal sistema di trasporto individuale (le proprie auto) a quello collettivo (i mezzi pubblici). Oltre al problema della sicurezza verrebbe a risolversi anche il problema degli ingorghi e del traffico, perché ci sarebbero molte meno automobili in circolazione, i mezzi pubblici potrebbero usare le loro corsie preferenziali e noi vedremo diminuire gli incidenti e aumentare la nostra sicurezza. Se è possibile viaggiare sicuri, si può viaggiare anche da soli e quindi dal punto di vista educativo si verifica la possibilità di realizzare una piccola crescita correlata al gesto autonomo e responsabile. Il mezzo pubblico rappresenta un punto di equilibrio molto interessante fra le legittime esigenze di autonomia e indipendenza, rappresentate dai ragazzini, e quelle di sicurezza. Inoltre occorre considerare anche la liberazione di una parte del tempo dedicato alla movimentazione diretta dei figli, da parte delle famiglie. Andare a scuola in bus (bus di linea o scuolabus) offre a bambini e ragazzini occasioni di divertimento e socializzazione, di confronto con gli altri e rappresenta un ottimo ambiente per imparare le regole di comportamento e senso civico. Infatti, oltre che imparare ad utilizzare il servizio di trasporto pubblico, timbrare il biglietto, usare le porte giuste, si può apprendere ad essere educati con i compagni, a non danneggiare le cose di tutti. Per viaggiare in modo sicuro e corretto a bordo dei mezzi pubblici basta rispettare alcune regole: Reggersi agli appositi sostegni Non sporgersi dai finestrini Non disturbare il conducente inutilmente mentre guida, ma rivolgersi a lui in caso di bisogno: è la nostra guida! Cedere il posto agli invalidi, alle donne in gravidanza o alle persone con difficoltà Non spingere Togliere lo zaino dalle spalle e tenerlo in mano, non buttarlo a terra, potrebbe far inciampare le persone o impedire il passaggio Il regolamento di bordo Per utilizzare il bus nel modo più corretto è importante conoscere il regolamento di bordo in vigore sui mezzi Tram Servizi (gestore principale); questo potrebbe fornire ulteriori spunti per i lavori d presentare al concorso. Il regolamento è consultabile sul sito e nelle pagine seguenti. Scheda informativa Pag.5

6 REGOLAMENTO PER L ORDINE E LA SICUREZZA A BORDO DEI MEZZI Tram Servizi Per una maggiore sicurezza durante il viaggio e per una migliore qualità del servizio offerto, nel rispetto dei diritti di tutti i passeggeri e delle leggi in vigore (D.P.R. 735/80, delibera della Regione Emillia Romagna 5811/94, Legge Regionale 30/98), occorre osservare quanto segue: Non fumare a bordo. Non trasportare animali, ad eccezione di: cani accompagnatori di non vedenti, cui è consentito il trasporto gratuito, purché siano muniti di museruola e tenuti al guinzaglio; cani o altri piccoli animali portati in braccio o tenuti al guinzaglio, purché siano muniti di museruola o collocati in appositi contenitori per il trasporto. Per questi animali deve essere pagato il biglietto. Non viaggiare a torso nudo o in costume da bagno. Non danneggiare e insudiciare i veicoli, pena il risarcimento del danno e l interruzione del viaggio senza diritto di rimborso. Non gettare oggetti dai veicoli. Non salire in vettura indossando pattini a rotelle e simili. Non salire in vettura con il passeggino per bambini aperto. Non svolgere attività di vendita o di raccolta fondi a qualunque titolo. Non distrarre il personale addetto alla guida, impedendo oppure ostacolando in qualsiasi modo l esercizio delle sue funzioni. L offesa al personale viaggiante, a causa o nell esercizio delle sue funzioni, costituisce un reato penalmente perseguibile. Servirsi degli appositi sostegni. Lasciare liberi i posti a sedere riservati agli anziani e portatori di handicap, in presenza degli aventi diritto. Segnalare la volontà di scendere dalla vettura e prepararsi in tempo per la discesa, che potrà avvenire esclusivamente in corrispondenza dell area di fermata. Vigilare sulla sicurezza e sull incolumità propria e delle persone o degli animali sotto la propria custodia. Attenersi alle avvertenze, inviti e disposizioni del personale TRAM, per quanto concerne la regolarità, l ordine e la sicurezza del trasporto. NORME GENERALI 1. Titoli di viaggio I passeggeri devono salire a bordo muniti di regolare biglietto (acquistato presso le rivendite a terra) e procedere prontamente alla convalida dello stesso. Se le condizioni del traffico lo consentono, il biglietto potrà essere venduto anche dall autista, pagando la maggiorazione di prezzo prevista. Il mancato possesso di un regolare titolo di viaggio, comporta l applicazione delle sanzioni pecuniarie previste dalla normativa vigente. 2. Trasporto di bambini accompagnati I bambini di altezza superiore ad un metro sono soggetti a pagamento del biglietto; due bambini di altezza inferiore al metro pagano un solo biglietto. Scheda informativa Pag.6

7 3. Accompagnatori di persone portatrici di handicap L accompagnatore di persone portatrici di handicap non autosufficienti, con diritto di accompagno documentato, non è soggetto al pagamento del biglietto. 4. Trasporto bagagli Il trasporto bagagli e colli accompagnati è gratuito se in possesso delle seguenti caratteristiche: peso non superiore a Kg. 10; dimensione non superiore a cm 50 x 30 x 25. Fino a n. 2 bagagli o colli che singolarmente superano le caratteristiche di cui sopra, devono pagarsi un biglietto corrispondente alla tariffa di viaggio, salvo i casi in cui il titolo di viaggio dia diritto al trasporto gratuito del bagaglio. I bagagli di dimensioni superiori a quelle citate possono essere trasportati previo pagamento del biglietto e comunque devono rientrare nel limite massimo di cm. 40 x 60 x 80. Ogni passeggero può portare con sé non più di due bagagli, i quali non possono occupare posti a sedere. Il gestore non è responsabile per furti, manomissioni, dispersioni, deterioramento o perdita degli oggetti trasportati. 5. Borseggio in vettura In caso di borseggio a bordo, di cui si rilevi la flagranza, il passeggero deve informare il conducente. Questi provvederà a chiudere le porte ed a informare via radio il centro operativo TRAM per l invio sul posto delle forze di pubblica sicurezza. In caso di borseggio con assenza di flagranza, la corsa non può essere interrotta. 6. Oggetti smarriti Gli oggetti rinvenuti a bordo possono essere consegnati al conducente e verranno custoditi dall azienda per 15 giorni. Alla scadenza di questo periodo gli oggetti non richiesti dai legittimi proprietari verranno trasmessi all Ufficio Oggetti Smarriti del Comune di Rimini. 7. Comportamento del personale TRAM Il personale TRAM è disponibile per rispondere con cortesia a qualsiasi legittima richiesta dei passeggeri, ed eventualmente, a trasmettere le dovute segnalazioni all ufficio di competenza. Al personale aziendale compete la sorveglianza del rispetto delle norme sopra citate; in caso di continuate inosservanze, a tutto il personale compete il richiamare ed eventualmente allontanare dalla vettura i trasgressori, senza diritto di alcun rimborso. Nel caso questa operazione pregiudichi la regolarità del servizio avviserà il centro operativo, il quale provvederà ad inviare gli agenti accertatori (Addetti Movimento e Traffico e Verificatori Titoli di Viaggio), i quali allontaneranno chiunque arrechi disturbo agli altri viaggiatori o rifiuti di ottemperare alle prescrizioni d ordine e di sicurezza del servizio. Tutto il personale è tenuto a rendersi identificabile attraverso la tessera di servizio, che dovrà essere portata in maniera visibile durante lo svolgimento del servizio. 8. Informazioni, suggerimenti e reclami Per le informazioni si può fare riferimento al personale aziendale in servizio, oppure direttamente agli uffici TRAM. I reclami e le segnalazioni sul servizio possono essere presentati per iscritto o comunicati telefonicamente a: AGENZIA TRAM, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa Rimini - Tel. 0541/ Fax. 0541/ L Agenzia Tram si impegna a rispondere ai reclami scritti entro 30 giorni. Scheda informativa Pag.7

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI Le presenti CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO si applicano ai servizi di trasporto di concessione Ministeriale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO AMMISSIONE AL SERVIZIO 1. Gli utenti del servizio di trasporto gestito da ATAF&Li-nea, per usufruire del servizio stesso, sono tenuti, ai sensi dell art. 25 della L.R.

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.

Comune di Brenzone PROVINCIA DI VERONA. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03. REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 30.03.2012) Art. 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare e fissare

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Il cliente che non si trova al punto di partenza 10 minuti prima del orario stabilito non vengono aspettati dall autobus. I Passeggeri che pagano andata e ritorno hanno il

Dettagli

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane Condizioni Generali per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici La Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, alla luce del forte legame esistente

Dettagli

REGOLAMENTO DI VETTURA

REGOLAMENTO DI VETTURA REGOLAMENTO DI VETTURA Indice: ART. 1: LE INFORMAZIONI ART.2: LA SALITA, IL VIAGGIO, LA DISCESA PER SALIRE DURANTE IL VIAGGIO PER SCENDERE ART. 3: DOCUMENTI DI VIAGGIO E VERIFICA NORME SPECIFICHE PER GLI

Dettagli

AEROPORTO FVG COLLEGAMENTI

AEROPORTO FVG COLLEGAMENTI 2015 estate AEROPORTO FVG COLLEGAMENTI Orario in vigore dal 12 giugno al 12 settembre A.P.T. SpA Orario ESTATE TE 2015 in vigore dal 12 giugno al 12 settembre 2015 - pag. 63 Azienda Provinciale Trasporti

Dettagli

Articolo 1 Norme generali

Articolo 1 Norme generali REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO PUBBLICO URBANO INDICE Articolo 1 Norme generali Articolo 2 Posti riservati agli invalidi e portatori di handicap Articolo 3 Occupazione posti a sedere Articolo 4 Documenti

Dettagli

COMUNE DI USTICA Provincia di Palermo DISCIPLINARE CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO

COMUNE DI USTICA Provincia di Palermo DISCIPLINARE CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO COMUNE DI USTICA Provincia di Palermo DISCIPLINARE CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale nr. 23 del 09.05.2011 1 CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Gli utenti dei

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Orari invernali 2013-2014. Orari invernali 2013-2014. dal 9 settembre 2013 al 7 giugno 2014. forlì. Linee Suburbane ed Extraurbane

Orari invernali 2013-2014. Orari invernali 2013-2014. dal 9 settembre 2013 al 7 giugno 2014. forlì. Linee Suburbane ed Extraurbane Orari invernali 2013-2014 Orari invernali 2013-2014 dal 9 settembre 2013 al 7 giugno 2014 ORARIO AUTObus forlì Linee Suburbane ed Extraurbane FC Notizie utili e norme di viaggio Orari alle fermate Nelle

Dettagli

Regolamento servizio di trasporto scolastico

Regolamento servizio di trasporto scolastico COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona Regolamento servizio di trasporto scolastico Approvato con deliberazione C.C. n. 14 del 4.5.2007 Indice: Art. 1 Finalità e criteri generali Art. 2 Organizzazione

Dettagli

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE CHE COSA È IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente stradale consente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO URBANO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO URBANO Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO URBANO Approvato con deliberazione di C.C. n. 62 del 5/5/2000 S O M M A R I O ARTICOLO 1 - NORME GENERALI... 1 ARTICOLO 2 -

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO. Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 26/06/2008 INDICE ART. 1 OGGETTO ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA DI GESTIONE ART. 4 AREA DI UTENZA ART.

Dettagli

ORARIO AUTOBUS FORLÌ E CESENA ORARI INVERNALI 2014-2015. Linee Suburbane ed Extraurbane ORARI INVERNALI 2014-2015

ORARIO AUTOBUS FORLÌ E CESENA ORARI INVERNALI 2014-2015. Linee Suburbane ed Extraurbane ORARI INVERNALI 2014-2015 ORARI INVERNALI 2014-2015 ORARI INVERNALI 2014-2015 dall 8 settembre 2014 al 6 giugno 2015 FC ORARIO AUTOBUS FORLÌ E CESENA Linee Suburbane ed Extraurbane Notizie utili e norme di viaggio ORARI ALLE FERMATE

Dettagli

CONDIZIONI DI VIAGGIO

CONDIZIONI DI VIAGGIO CONDIZIONI DI VIAGGIO Mod. MOV_15 Indice di Modifica 5 Data 01/09/13 Norma rif. PM0035 DISPOSIZIONI GENERALI A.T.I. Trasporti Interurbani S.p.A. trasporta i passeggeri ed i bagagli sulle autolinee esercitate

Dettagli

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 15. Muoversi nel territorio. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 15 Muoversi nel territorio CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sui servizi relativi al trasporto urbano parole relative all uso dei trasporti urbani ed agli

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO

CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO LE CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Le condizioni di viaggio individuano le regole alle quali devono attenersi i passeggeri che usufruiscono del servizio di trasporto pubblico

Dettagli

- SETA S.p.A. - REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE

- SETA S.p.A. - REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE - SETA S.p.A. - REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE Art. 1 AMMISSIONE AL SERVIZIO Per usufruire del servizio di trasporto pubblico locale ( TPL ), i viaggiatori devono

Dettagli

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Mobilità sostenibile» LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA DELLA MOBILITÀ GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il tema della mobilità sostenibile può essere visto da un particolare punto di vista cioè

Dettagli

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS

DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS DIRITTI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO CON AUTOBUS Dal 1 marzo 2013 è in vigore il Regolamento (UE) n. 181/2011, che stabilisce i diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus, prevedendo,

Dettagli

TUV - Trasporti Urbani Varese s.r.l.

TUV - Trasporti Urbani Varese s.r.l. LE CONDIZIONI GENERALI DI VIAGGIO Le condizioni di viaggio individuano le regole alle quali devono attenersi i passeggeri che usufruiscono del servizio di trasporto pubblico di linea erogato da TUV- Trasporti

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI

MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Scheda tecnica MOBILITÀ SOSTENIBILE APPLICATA AI DIPENDENTI COMUNALI Redazione a cura di Contesto Oramai in molte realtà urbane è diventato difficoltoso riuscire a percorrere il tragitto che separa la

Dettagli

CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'USO DEI PARCHEGGI NON CUSTODITI

CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'USO DEI PARCHEGGI NON CUSTODITI CITTA' di GARDONE VAL TROMPIA (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'USO DEI PARCHEGGI NON CUSTODITI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 27/06/2013 esecutiva il 05/08/2013

Dettagli

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI SENORBI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 29.05.2003 1 INDICE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO.. Pag. 3 ART. 2 BENEFICIARI

Dettagli

NORMATIVA TITOLI DI VIAGGIO

NORMATIVA TITOLI DI VIAGGIO NORMATIVA TITOLI DI VIAGGIO DOCUMENTI DI VIAGGIO I titoli di viaggio BRUSUTTI SRL sono così raggruppati: biglietti - di corsa semplice; - di andata e ritorno; esenzioni Sono esenti dal pagamento della

Dettagli

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno

ORARI 2011. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Collegamento di linea Porto S. Stefano. Isola di Giannutri e ritorno. Isola del Giglio e ritorno Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola di Giannutri e ritorno ORARI 2011 Collegamento di linea Porto S. Stefano Isola del Giglio e ritorno MAREGIGLIO Compagnia di Navigazione Via Umberto 1, 22 58013

Dettagli

COMUNE di PADERNO D'ADDA

COMUNE di PADERNO D'ADDA COMUNE di PADERNO D'ADDA c.a.p. 23877 PROVINCIA DI LECCO Allegato A File: RegolparcheggioTAMBORINI\2013 REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO COMUNALE DI PALAZZO TAMBORINI Approvato con delibera C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO COMUNALE n. 7 REGOLAMENTO COMUNALE PER IL TRASPORTO SCOLASTICO SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO ART 1. OGGETTO 1. La presente normativa definisce le modalità di erogazione del servizio di trasporto

Dettagli

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze

ALLEGATO 1. al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze ALLEGATO 1 al Regolamento del servizio Car Sharing Firenze Condizioni assicurative Penali per inadempienze e indennità amministrative Prenotazioni oltre 3 giorni - Tariffe - Rimborsi In vigore dal 14 marzo

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Norme di viaggio per i passeggeri

Norme di viaggio per i passeggeri Norme di viaggio per i passeggeri Condizioni di fornitura dei servizi di trasporto di passeggeri, bagagli a mano e altri bagagli sui treni Aeroexpress. 1. Disposizioni generali 1. Le presenti Norme sono

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Azienda Trasporti Collettivi e Mobilità S.p.A. *** REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE *** Art.

Azienda Trasporti Collettivi e Mobilità S.p.A. *** REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE *** Art. Azienda Trasporti Collettivi e Mobilità S.p.A. *** REGOLAMENTO DELLE CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO DI PERSONE E COSE *** Art. 1 AMMISSIONE AL SERVIZIO I viaggiatori devono munirsi di valido titolo di

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 LUSERNA SAN GIOVANNI Il monitoraggio degli spostamenti casa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

Guida didattica. Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni

Guida didattica. Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni Progetto di comunicazione multimediale per l educazione alla mobilità sostenibile rivolto ai ragazzi dagli 8 ai 10 anni Guida didattica In questo numero si parla di: sicurezza La guida vuole essere uno

Dettagli

Condizioni Generali di trasporto

Condizioni Generali di trasporto Condizioni Generali di trasporto Le seguenti condizioni generali di trasporto sono un estratto della carta dei servizi adottata dalla BONELLI BUS e sono valide per tutti i servizi di autolinea resi dalla

Dettagli

Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO

Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO Comitato Genitori I.C.F. con il patrocinio del comune di Fontanafredda PEDIBUS REGOLAMENTO Articolo 1. PRINCIPI GENERALI Il Pedibus rappresenta un alternativa sicura, divertente ed ecologica al trasporto

Dettagli

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone

della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone Ufficio, esecutore Ufficio Educazione Ai genitori degli Alunni Ns. riferimento e data della Scuola. Prot. del Via.. 20010VITTUONE P.C. Al Dirigente Scolastico di 20010 Vittuone PROGETTI: Andiamo a scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C.

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. Il servizio è offerto al pubblico ex art. 1336 codice civile alle seguenti condizioni: ART. 1. La sosta

Dettagli

BIP & BOP TI DANNO UNA MANO PER UNA CITTA PIU CONSAPEVOLE

BIP & BOP TI DANNO UNA MANO PER UNA CITTA PIU CONSAPEVOLE BIP & BOP TI DANNO UNA MANO PER UNA CITTA PIU CONSAPEVOLE Comune di Prato e Cap insieme per il 4 appuntamento sulla mobilità, forse il più importante. Dopo aver ripercorso alcune fasi già attuate del progetto

Dettagli

Condizioni Generali di Viaggio

Condizioni Generali di Viaggio Condizioni Generali di Viaggio PREMESSA Le presenti Condizioni di Viaggio disciplinano il servizio di trasporto passeggeri su gomma in ambito nazionale ed internazionale effettuato dalla Calanda Viaggi

Dettagli

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli:

INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI. Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: INFORMATIVA ALL'UTENZA RIMOZIONE VEICOLI Si comunica che a partire dal giorno 17 settembre 2013 i veicoli: parcheggiati al di fuori degli appositi stalli indicati dalla segnaletica o parcheggiati in aree

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI COMUNE DI COMUNE DI LASTEBASSE PEDEMONTE VALDASTICO GESTIONE ASSOCIATA DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI IN CONVENZIONE approvata con deliberazioni del Consiglio comunale di Lastebasse n. 5 del

Dettagli

TARIFFA N.39/18/TRENTO

TARIFFA N.39/18/TRENTO TARIFFA N.39/18/TRENTO La presente tariffa è valida per la determinazione dei prezzi di trasporto per viaggi di corsa semplice e andata e ritorno nell area provinciale di Trento. KM. 39/18/TN 1^ CL. TARIFFA

Dettagli

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO

TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO TUTTE LE INDICAZIONI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO UN SINISTRO GUIDA PRATICA DIALOGO SIAMO AL TUO FIANCO SEMPRE SOPRATTUTTO NEI MOMENTI DIFFICILI Sulla strada è importante essere prudenti, rispettare con

Dettagli

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice

Perché finanziare una mobilità urbana alternativa. Eleonora Pieralice Perché finanziare una mobilità urbana alternativa Eleonora Pieralice Mobilità urbana sostenibile: lo squilibrio modale Il sistema dei trasporti italiano è dominato dalla crescita della domanda di mobilità

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

1. Vettura, uso e custodia del veicolo

1. Vettura, uso e custodia del veicolo Il presente contratto di noleggio con guida autonoma rispetta quanto consigliato dall'associazione degli operatori per gli autonoleggi delle Seychelles. Firmando il presente contratto, il cliente conferma

Dettagli

ViviFacile. sul trasporto pubblico locale della città di Roma. Roma, 24 ottobre 2011

ViviFacile. sul trasporto pubblico locale della città di Roma. Roma, 24 ottobre 2011 ViviFacile Modalità di adesione al servizio di informazioni sul trasporto pubblico locale della città di Roma Roma, 24 ottobre 2011 Atac - L azienda Atac è l azienda di gestione del trasporto pubblico

Dettagli

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile

Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Piedibus, piccoli passi per una città più sostenibile Gianluigi Trento I Piedibus di Bassano SSL-ERATE ESPERIENZE E PERCORSI DI SOSTENIBILITA URBANA Bassano del Grappa 29/04/2014 Che cosa è un Piedibus

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA

COMUNE DI PANTELLERIA COMUNE DI PANTELLERIA Provincia Regionale di Trapani SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO URBANO REGOLAMENTO DI ESERCIZIO CAPO I GENERALITA' Art. 1 - Disposizioni di carattere generale L'esercizio del servizio

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DITTA G. A. M. di Giorgi Giovannino e C. S.a.s.

CARTA DEI SERVIZI DITTA G. A. M. di Giorgi Giovannino e C. S.a.s. DITTA G. A. M. CARTA DEI SERVIZI di Giorgi Giovannino e C. S.a.s. SEDE LEGALE Via dei Ciliegi 5 47833 Morciano di Romagna ( Rn ) SEDE OPERATIVA Via dei Ciliegi 5 47833 Morciano di Romagna ( Rn ) Via Brenta

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009

Trasporti pubblici. Indagine sulla soddisfazione degli utenti. Anno 2009 Trasporti pubblici Indagine sulla soddisfazione degli utenti Anno 2009 a cura di Mirko Dancelli Osservatorio del Nord Ovest, Università di Torino 115 SOMMARIO 2.1. Se dovesse esprimere il Suo livello di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO

REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 09.04.2013 Pagina 1 SOMMARIO ART. 1 OGGETTO 3 ART. 2 MODALITA DI ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO 3 ART. 3 UTENTI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l uso degli automezzi PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l uso degli automezzi Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l uso e la gestione degli autoveicoli a disposizione della Provincia di Lecce. Art. 2 Parco

Dettagli

regolamento di vettura

regolamento di vettura regolamento azienda SEDE DIREZIONALE E OPERATIVA 33100 UDINE - Via del Partidor, 13 - tel. 0432.60.81.11 - fax 0432.60.27.77 telefono 800 915303 chiamata gratuita www.saf.ud.it e-mail: info@saf.ud.it UNITÀ

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R I L T R A S P O R T O S C O L A S T I C O Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 09/07/2007 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Entusiasmo? «Sicuri verso l indipendenza.»

Entusiasmo? «Sicuri verso l indipendenza.» Entusiasmo? «Sicuri verso l indipendenza.» Helvetia Assicurazione gioventù. Per tutti i minori di 25. Qualsiasi sia il suo progetto, noi siamo al suo fianco. La Sua Assicurazione svizzera. 1/8 Helvetia

Dettagli

ANEK LINES Condizioni Generali

ANEK LINES Condizioni Generali ANEK LINES Condizioni Generali Condizioni di trasporto I Passeggeri, i Loro bagagli ed i veicoli sono trasportati in conformità alle seguenti direttive : a) Convenzione Internazionale di Atene del 1974

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Anno 2014-2015

CARTA DEI SERVIZI. Anno 2014-2015 CARTA DEI SERVIZI Anno 2014-2015 La Carta dei servizi è il documento con cui la DICARLOBUS srl assume per iscritto e rende noto ai cittadini/utenti l impegno al miglioramento costante della qualità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO NON CUSTODITO Aeroporto Internazionale Katowice di Pyrzowice

REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO NON CUSTODITO Aeroporto Internazionale Katowice di Pyrzowice REGOLAMENTO PER L USO DEL PARCHEGGIO NON CUSTODITO Aeroporto Internazionale Katowice di Pyrzowice 1 L area di parcheggio è parte integrante dell'aeroporto Internazionale di Katowice in Pyrzowice 42-625

Dettagli

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI PAESE Provincia di Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 del 20 aprile 2009 In vigore dal 7 giugno 2009

Dettagli

Carta dei Servizi VENETO. Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO

Carta dei Servizi VENETO. Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO VENETO Padova Servizio extraurbano rovigo Servizio extraurbano rovigo Servizio urbano VERSIONE INTEGRALE ESTRATTO Servizio Extraurbano di Padova DATI Km percorsi 13.141.764 Autobus 268 Età media del parco

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO PEDIBUS

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO PEDIBUS REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO PEDIBUS Allegato delibera C.C. n. 24 del 31.07.2015 1 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO PEDIBUS Art.1 Oggetto del servizio 1. I presenti criteri definiscono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO

SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO Indicazioni generali riguardanti il servizio di trasporto della scuola infanzia primaria e secondaria di primo grado. Il servizio di trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera del Consiglio Comunale del 10/07/2006 n. 15/41098 1 INDICE ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 3 ART.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Customer Satisfaction

CARTA DEI SERVIZI Customer Satisfaction CARTA DEI SERVIZI Customer Satisfaction COPIA CONTROLLATA Soggetta ad aggiornamento NUMERO REV DATA COPIA NON CONTROLLATA Non soggetta ad aggiornamento CONSEGNATA A: REDATTO DA (RSQ): APPROVATO DA (DIR):

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE

COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE COMUNE DI BORGO SAN LORENZO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO CORSE SCOLASTICHE (Approvato con deliberazione C.C. n. 41 del 03.05.2007) 1 Art. 1 Oggetto del

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. I. I Principi Fondamentali

CARTA DEI SERVIZI. I. I Principi Fondamentali CARTA DEI SERVIZI La Navigazione Libera Del Golfo S.r.l. (di seguito, la Compagnia di navigazione ) adotta la presente Carta dei Servizi e attribuisce alla stessa valore vincolante nei confronti dell utenza.

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL

CONVENZIONE CGIL - UNIPOL CONVENZIONE CGIL - UNIPOL IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare la vita? È quello che ogni Iscritto

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI

ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI ParcheggiTrenitalia.it TERMINI E CONDIZIONI 1. ParcheggiTrenitalia.it è solamente un agenzia di prenotazioni e di conseguenza ogni responsabilità, anche legali, per tutti i veicoli ricadono sul parcheggio,

Dettagli

Sistemi di ritenuta per trasporto di bambini in auto M. Bellelli Assistente scelto polizia municipale Unione Terre d Argine (Carpi MO)

Sistemi di ritenuta per trasporto di bambini in auto M. Bellelli Assistente scelto polizia municipale Unione Terre d Argine (Carpi MO) Sistemi di ritenuta per trasporto di bambini in auto M. Bellelli Assistente scelto polizia municipale Unione Terre d Argine (Carpi MO) Risulta dalle statistiche degli incidenti stradali che l 80% dei bambini

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.p.A Via Sant Euplio, 168 95125 - Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ACCESSO, CIRCOLAZIONE E SOSTA DEI VEICOLI ALL INTERNO DEL PARCHEGGIO FONTANAROSSA 1.

Dettagli

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI

COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI COMUNE DI SPILIMBERGO (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTI SCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n. 87 del 30.09.2010 * * * * * ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U

REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U REGOLAMENTO UTILIZZO CAR SHARING FIAT Likes U Il presente regolamento definisce le modalità d uso del servizio di car sharing gratuito di FIAT Likes U. ADESIONE AL SERVIZIO E PRENOTAZIONE Il servizio di

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI INTRODUZIONE La carta dei servizi è un documento che le aziende operanti nel settore dei servizi di trasporto pubblico sono tenute ad adottare in attuazione dell art. 2, comma 2 della Legge 11/07/1995

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011

COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO. DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 COMUNE DI NETTUNO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO DEI PARCHEGGI PUBBLICI A PAGAMENTO DELIBERA DI ADOZIONE n.12 C.C. del 24 aprile 2011 AGGIORNAMENTO Delibera n.9 C.C. del 12 marzo 2012 RACCOLTA STATUTI E

Dettagli