Alcune osservazioni circa il rischio della responsabilità sanitaria. La conformazione e il trasferimento all assicuratore.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune osservazioni circa il rischio della responsabilità sanitaria. La conformazione e il trasferimento all assicuratore."

Transcript

1 Alcune osservazioni circa il rischio della responsabilità sanitaria. La conformazione e il trasferimento all assicuratore. 1) Premessa Il primo contesto in cui la forma dei discorsi giuridici (svolti nell ambito di Amaris) rileva è quella delle scelte di politica del diritto. In questo contesto va rammentato che il nostro sistema giuridico non presenta alcun indice di tipo legislativo e pertanto un ruolo essenziale nella conformazione del rischio di responsabilità viene svolto dalla giurisprudenza. Dalle analisi che abbiamo compiuto sulle decisioni giurisprudenziali abbiamo tratto l esistenza di trend interpretativi sovente sottotraccia rispetto alle categorie giuridiche impiegate (responsabilità contrattuale, extracontrattuale etc.) e alle formule impiegate non sempre definiti. Su questo aspetto torneremo in seguito. Non si può, inoltre, trascurare che in questo sistema definito come sottosistema transtipico si stanno tipizzando forme di responsabilità diversificate (responsabilità dell oncologo, del chirurgo, etc.). Si consideri che in un sistema di common law, come quello inglese, ci si preoccupa di intervenire in via legislativa in riferimento alla revisione delle tabelle di calcolo del risarcimento danni e in riferimento ad un sistema di indennizzo dei danni. Pertanto riteniamo che sussistano le premesse per ritenere che il sistema ideale sia quello misto nel quale si fissino con legge dello stato le regole relative ai soggetti imputabili (medici e struttura) alla rivalsa, nonché agli obblighi informativi e relative agli standard assicurativi. In tal ultima direzione è indubbio che uno strumento operativo molto utile poteva essere quello rappresentato dal contratto collettivo dei medici dirigenti del 4 novembre 2005 a. a Si riporta il testo dell articolo 21 c.c.n.l. 4 novembre Le aziende garantiscono una adeguata copertura assicurativa della responsabilità civile di tutti i dirigenti della presente area, ivi compreso le spese di giudizio ai sensi dell articolo 25 CCNL dell 8 giugno 2000 per le eventuali conseguenze derivanti da azioni giudiziarie di terzi, relativamente alla loro attività, ivi compresa la libera professione intramuraria, senza diritto di rivalsa, salvo le ipotesi di dolo o colpa grave. 2. Le aziende ed enti provvedono alla copertura degli oneri di cui al comma 1 con le risorse destinate a tal fine nei bilanci, incrementate con la trattenuta nella misura pro capite di euro 26 mensili (già previsti dall articolo 24, comma terzo, del CCNL dell 8 giugno 2000) ad un massimo di euro 50, posta a carico di ciascun dirigente per la copertura di ulteriori rischi non coperti dalla polizza generale. La trattenuta decorre dall entrata in vigore della polizza con la quale viene estesa al dirigente la copertura assicurativa citata. 3. Le aziende ed enti informano i soggetti di cui all articolo 10 del CCNL 8 giugno 2000 di quanto stabilito ai sensi del comma 2 1

2 L articolo 21 di tale contratto che non è stato attuato detta interessanti spunti operativi in tema di responsabilità. Nello specifico, il primo comma dell articolo 21 prevede espressamente il requisito dell adeguatezza per la copertura di responsabilità civile di tutti i dirigenti della presente area. Si può ragionevolmente supporre che l adeguatezza riguardi sia i rispettivi ruoli ricoperti da ogni singolo professionista, sia la specificità del rischio sanitario della singola struttura sanitaria presa in esame in vista delle particolari attività che verranno poste in essere da questa. b Ci si rende conto che il riferimento all adeguatezza in un contratto collettivo che ha connotati unitari potrebbe far pensare ad una adeguatezza uniforme e uguale per tutti. In realtà si richiede che la copertura sia adeguata garantendo il medico dalla responsabilità ed è difficile ipotizzare che ciò possa accadere se non si valuta la specificità delle singole situazioni. c 4. Sono fatte salve le eventuali iniziative regionali per la copertura assicurativa attuate anche sulla base delle risultanze della Commissione istituita ex articolo 5. Le aziende attivano sistemi o strutture per la gestione del rischio anche tramite sistemi di valutazione o certificazione della qualità volti a fornire strumenti organizzativi e tecnici adeguati per una corretta valutazione delle modalità di lavoro da parte dei professionisti nell ottica di diminuire le possibilità di errore e, quindi, di responsabilità professionale nonché di ridurre la complessiva sinistrosità delle strutture sanitarie, consentendo anche un più agevole confronto con il mercato assicurativo. Al fine di favorire tali processi le aziende ed enti informano le organizzazioni sindacali di cui all articolo 9 del CCNL dell 8 giugno Sono disapplicati i commi da 1 a 4 dell articolo 24 del CCNL 8 giugno 2000 b Ogni struttura sanitaria offre infatti ai propri assistiti un range di prestazioni differenti rispetto a quelle offerte altrove e soprattutto le strutture e le funzioni sollecitano in modo diverso l attività del dirigente e la relativa responsabilità. Occorrerebbe procedere alla definizione del testo di polizze assicurative tenendo in debita considerazione quelli che sono gli aspetti caratterizzanti le realtà sanitarie a tutela delle quali si stipula la polizza mediante un analisi specifica di tutte le attività esercitate dalla struttura, della propria organizzazione interna, della tipologia e delle caratteristiche dei macchinari utilizzati. c In via prettamente ricostruttiva si rammenta anche il disposto del quinto comma del predetto articolo che aveva previsto l introduzione di sistemi o strutture per la gestione del rischio anche tramite sistemi di valutazione o certificazione della qualità L importanza di tale disposizione è dovuta alla presa di coscienza che l errore, proprio in ragione della peculiarità dell attività medica, è da concepirsi come elemento ineliminabile ed insito nell attività stessa; tuttavia lo strumento della clinical governance è, ad oggi, uno strumento necessario ai fini della riduzione della componente di rischiosità della struttura. L errore è definibile come l incongruenza relativa all esecuzione dell atto o alla procedura medica, in assenza di difetto di pianificazione. Tuttavia utilizzando strumenti di valutazione e certificazione della qualità dei processi eseguiti all interno delle strutture nelle quali il professionista svolge la propria attività, è possibile diminuire le ipotesi di errore e, di conseguenza, limitare il verificarsi di situazioni che provocherebbero danni ai pazienti, con conseguente ed imprescindibile azione risarcitoria a carico delle unità sanitarie. La possibilità offerta dalle tecniche di gestione del rischio, che riverberano i loro effetti, in primis, sulla definizione dell ammontare della componente di rischiosità propria della struttura sanitaria, riflettono effetti positivi anche sui possibili rapporti con le compagnie di assicurazione. L adozione di tali tecniche si presta, infatti, ad essere garanzia nei confronti della compagine assicurativa: l aver previsto (e correlativamente 2

3 Sin qui, le osservazioni in merito agli aspetti virtuosi dell art. 21 del Contratto collettivo. Purtroppo, si deve però constatare, come tale disciplina non abbia avuto, sino ad ora, un effettiva applicazione. Tra le possibili ragioni reputiamo che la mancata stimolazione da parte delle amministrazioni rispetto all applicazione del contratto abbia avuto un certo peso senza trascurare che il testo non prevede rimedi contrattuali in caso di inadempimento dell art ) Modelli giurisprudenziali di responsabilità del medico e della struttura sanitaria Si muove rammentando che la responsabilità civile degli esercenti della professione medica ha subito una trasformazione radicale nella seconda metà del ventesimo secolo. Questa trasformazione è avvenuta in tutti i sistemi occidentali, con qualche varietà d accenti, ma con esiti sostanzialmente uguali. Inizialmente, ossia sino alla prima metà del ventesimo secolo, il medico non era mai responsabile salvo casi estremi e per ciò isolati nemmeno erano responsabili le strutture sanitarie, sempre eccettuati i casi estremi. Nella seconda metà del ventesimo secolo, invece, si è seguita una traiettoria evolutiva che ha condotto le strutture sanitarie, pubbliche o private, ad essere responsabili nei confronti dei pazienti per tutti gli errori spiegherò poi quale significato voglio dare alla parola errore che abbiano arrecato danno alla salute dei pazienti. Nei sistemi di common law e in particolare in quelli inglesi questa traiettoria è visibile in modo molto nitido. Nei sistemi di civil law, come il nostro, il percorso ( d ) è, in buona sostanza, uguale ma il nitore del percorso appare oscurato da certe formule della nostra dottrina e giurisprudenza le quali sogliono distinguere a seconda dei casi tra responsabilità eliminato) alcune componenti del rischio a cui può essere esposta la struttura è infatti motivo che incide, ad evidenza, su una miglior definizione del rapporto s/p della struttura assunta in riferimento. d Le sue dimensioni incidono anche sul piano definitorio. E ben nota l osservazione per cui è preferibile parlare di responsabilità medica piuttosto che di responsabilità del medico, in quanto il nostro è un sistema composito, dove non si tiene più conto solo del rapporto diretto medico-paziente, bensì del complesso dei rapporti che, oltre a quello di tipo personale, si istituiscono nel momento in cui un soggetto è destinatario di prestazioni mediche di ogni tipo, diagnostiche, preventive, ospedaliere, terapeutiche, chirurgiche, estetiche, assistenziali, ecc. (così ALPA, La responsabilità medica, in Resp. civ. e prev., 1999, 315). 3

4 contrattuale ed extra-contrattuale, tra colpa e colpa grave e tra problemi tecnici di speciale difficoltà e problemi tecnici da attività di routine. Se si osserva il diritto vivente, quale emerge dall esperienza giurisprudenziale, si deve dire che queste formule e queste distinzioni sono caratterizzate da una speciale vacuità nel senso che il risultato non cambia e quindi è indifferente che la responsabilità venga imputata all esercente una professione sanitaria a titolo di responsabilità contrattuale o a titolo di responsabilità extra-contrattuale. E ben nota sia la prevalenza dell orientamento giurisprudenziale per cui la natura della responsabilità della struttura sia contrattuale sia la constatazione, per cui, tale orientamento evidenzi, al di là dell apparente unitarietà, posizioni diversificate. L orientamento che, invece, giunge ad affermare la natura extracontrattuale della responsabilità della struttura ha, sovente, come referente lo schema dell art c.c. La diversità dei risultati interpretativi non pare, del resto, corrispondere ad una diversità di impiego delle rispettive discipline della responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. In tale traiettoria della soluzione al quesito ricordo, tra l altro, che il procedimento interpretativo concluso in chiave di responsabilità extracontrattuale del medico contempla, sovente, regole proprie della responsabilità professionale di tipo contrattuale (la dicotomia tra obbligazione di mezzi e obbligazione di risultati, i criteri di diligenza professionale e l applicazione della disciplina contenuta nell art. 2236). Nemmeno rileva che l operatore sanitario abbia dovuto affrontare problemi tecnici di speciale difficoltà oppure di routine avendo la nostra giurisprudenza provveduto, in buona sostanza, a cancellare l art dal Codice Civile ( e ). e E sufficiente scorrere i repertori della giurisprudenza in materia per accorgersi della rarità di un applicazione dell art c.c. senza trascurare come si tenda a valutare, in modo assiduo, la colpa lieve. E ben noto come la limitazione di responsabilità prevista dall art c.c. (nell ottica giurisprudenziale) non atterrebbe ad ogni forma di colpa, ma solo alla voce specifica dell imperizia. (In altri termini, nel caso di danni causati per negligenza o imprudenza, il medico risponderà in ogni caso). Quanto all onere probatorio, si ritiene che incomba sul professionista invocante l art c.c. provare che la prestazione implicava la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, mentre al paziente danneggiato spetta provare quali siano state le modalità di esecuzione ritenute inidonee. Il paziente, se ritiene che l intervento fosse di facile o routinaria esecuzione, ha l onere di dimostrarlo, mentre il medico, per andare esente da responsabilità, ha l onere di provare che l insuccesso dell operazione non è dipeso da un difetto di diligenza propria. Cfr. fra le sentenze più recenti: Cass. 6 novembre 1993 n , in Giust. civ. Mass., 1993; Cass. 11 aprile 1995 n. 4152, in Riv. it.. med. legale, 1997, 1073; Cass. 30 maggio 1996 n. 5005, in Giust. civ. Mass., 1996; Cass. 15 gennaio 1997 n. 364, in Giur. it., 1998, 37; Cass. 18 novembre 1997 n , in Giust. civ. Mass., 1997, 2206; Cass. 4 febbraio 1998 n. 1127, in Giur. it., 1998, 1800; Cass. 22 gennaio 1999 n. 589, cit.; Cass. 19 maggio 1999 n. 4852, in Danno e resp., 1999, 1104; in Resp. civ. e prev., 1999, 995. Al di là delle critiche (nell ottica dottrinale) a tali costruzioni giova evidenziare l osservazione per cui le categorie impiegabili (prudenza, perizia, negligenza) pur essendo ontologicamente distinte si palesino 4

5 Ciò che rileva in realtà è che l operatore sanitario abbia agito in conformità con le tecniche praticate e accettate dalla professione medica o dalla specifica sezione della professione. Al di là delle formule impiegate si ravvisa nella giurisprudenza un concetto unitario di diligenza che finisce per rendere meno marcata la caratteristica tipica dell obbligazione del medico come obbligazione di mezzi e non di risultato. Qualora queste prassi e queste tecniche non siano state seguite e da tale scostamento a volte negligente a volte occasionale è conseguito un danno alla salute del paziente allora si è di fronte a quello che ho chiamato un errore medico. L accertamento in fatto del ricorrere di una tale eventualità è solo formalmente l attività di un giudice o di un giurisperito. Sicché ogni volta che un errore medico sia riconosciuto che ricorra in fatto la struttura sanitaria è responsabile nei confronti del paziente danneggiato. Infatti tale struttura è responsabile per tutte le condotte del suo personale. Non ha importanza che l errore sia imputabile a soggetti individuali oppure all attività di una equipe in seno alla quale un errore è stato compiuto ma è impossibile ricostruire la specifica condotta individuale che ha causato l errore. La scelta di policy consiste nel canalizzare i costi degli errori medici sulle strutture sanitarie anziché lasciarle a carico dei pazienti e si traduce in una responsabilità diretta della struttura. Tale scelta di policy, assume poi, precisi connotati sia nella tendenza ad estendere la responsabilità anche a latitudini non direttamente connesse con l attività terapeutica vera e propria sia nella tendenza diretta ad isolare la responsabilità per difetto di organizzazione della struttura. 3.1 Il contesto assicurativo Va sottolineato come nella nostra analisi quelle formule e distinzioni giuridiche impiegate dalla giurisprudenza diventano rilevanti nel contesto assicurativo. Se si considera che i contratti praticati sul mercato sono costruiti sul danno senza un riferimento del tutto diretto e specifico alle tipologie di responsabilità ci si rende conto interdipendenti il che non renderebbe agevole individuare a quali delle categorie ascrivere la condotta (v. BONIFACIO, Riflessioni concettuali e pratiche sull applicazione dell art c.c., in FINESCHI (cur.), La responsabilità medica in ambito civile. Attualità e prospettive, Milano, 1988, 254). 5

6 che anche in questo caso il gemello assicurativo finisce per seguire l altro gemello senza una pregressa ed esaustiva conoscenza della situazione da cui originerà il debito da responsabilità da indennizzare ( f ). E indubbio che l oggetto della garanzia assicurativa sia la responsabilità nei confronti del paziente il che conduce a prescindere dalla natura contrattuale o extracontrattuale di tale responsabilità( g ). Tuttavia sovente il linguaggio delle polizze restituisce una sorta di differenza tra responsabilità contrattuale ed extra-contrattuale. Ad esempio il riferimento nel contratto alle obbligazioni volontariamente assunte oppure all involontarietà del danno. In realtà occorre intendersi circa gli effetti di tali distinzioni. Si tratta di rischio che andrebbe solamente tipizzato. Se non lo si fa nel contratto di assicurazione (e si dovrebbe farlo indipendentemente dal titolo) occorrerebbe evidenziare la necessità di lavorare più sulla tipizzazione del rischio che sul titolo a cui ascrivere la responsabilità nonché sulla condotta e sull errore medico. In tale direzione, è consueto, nelle condizioni di contratto il riferimento al carattere «accidentale» del fatto che dà origine al danno stesso. Potrebbe sembrare una precisazione di scarsa utilità se si considera l effettiva natura che assume l errore medico dianzi evidenziato. Se l oggetto della garanzia è la responsabilità nei confronti del paziente si dovrebbe anche prescindere dalla distinzione tra colpa e colpa grave( h ). Ma il vero problema pare essere di indole più generale. Si tratta di domandarsi quali gradi di difficoltà possa evidenziare una tipizzazione del rischio che muova da formule giurisprudenziali non del tutto definite( i ). f L ascrivere una serie di inefficienze alla nozione di carenza organizzativa è, comunque, un tratto comune alle esperienze giuridiche di altri ordinamenti. Cfr. in tale direzione, A. GAMBARO, La responsabilità medica, cit., p. 32. V., in generale, A.D. CANDIAN, Responsabilità civile e assicurazione, Egea, Milano, g Cfr. ANTONIAZZI, Riflessi assicurativi della responsabilità sanitaria, in Assic., 1984, I, p. 48; POLOTTI DI ZUMAGLIA, Responsabilità Civile del primario ospedaliero e riflessi assicurativi, in questa Rivista, 1988, p h Cfr. LEGA, L assicurazione della responsabilità civile del medico chirurgo con particolare riguardo all art c.c., in Assic., 1976, I, p. 47; POLOTTI DI ZUMAGLIA, Il primario ospedaliero e l assicurazione della sua responsabilità civile, in questa Rivista, 1990, p i Al di là delle specifiche situazioni che possono allontanare il gemello civilistico della responsabilità da quello assicurativo è indubbio che la discussa questione circa l azione diretta nei confronti del medico risenta dei modelli interpretativi dianzi evocati. 6

7 3.2 Natura Long Tail dei sinistri derivanti da responsabilità della struttura sanitaria La peculiarità dei tratti distintivi la responsabilità civile sanitaria si riverbera, oltre che nelle considerazioni espresse in precedenza anche e soprattutto con riferimento alle specifiche modalità di accadimento di un sinistro in ambito sanitario. In ragione della caratterizzazione dell ars medica, infatti, le modalità di verificazione e di manifestazione di un potenziale evento lesivo per la salute del paziente possono presentare un periodo di sospensione temporale che separa l evento causativo dal suo concreto manifestarsi. Tale possibilità, che, come tale non può assumere carattere generale ed essere ritenuta valida per tutte le tipologie di sinistri, viene ad essere generalmente identificata dalla dottrina prevalente come Long tail j. In tale contesto appare pertanto evidente, in un ottica ricostruttiva dei profili operativi dell azione dell esercente l ars medica, della difficoltà di ricondurre l evento dannoso al soggetto agente, laddove, come affermato, il lasso temporale che potrebbe intercorrere fra evento causativo e manifestazione del danno in quanto tale potrebbe essere concretamente ampio. L elemento di maggior criticità, infatti, risiede nella possibilità che a seguito dell evento dannoso possano intervenire, prima del manifestarsi del danno, ulteriori elementi eteronomi che in via indiretta, e con una portata autonoma rispetto all evento fonte possano incidere sul soggetto. In tale contesto è pertanto evidente come nei sinistri il cui verificarsi interviene solo dopo un perdurante lasso temporale assume un ruolo di fondamentale importanza l analisi dei profili di responsabilità e, segnatamente, sull accertamento del nesso di causalità che leghi azione ed evento. Tale constatazione è infatti necessaria e funzionale per evidenziare la concreta difficoltà di far rientrare sotto copertura assicurativa tali tipologie di sinistri. Il carattere long tail del sinistro ci riporta quindi alla delicata scelta in materia assicurativa circa l operatività della garanzia o meglio circa l efficacia della garanzia sotto il profilo temporale. Ciò che i francesi, anche nella attuale formulazione dell art. 124 code des assurances, definiscono garanties dans le temp. j (In tal senso vedi A.D. CANDIAN, Riflessioni sul rischio e responsabilità nella struttura sanitaria, in Diritto ed economia dell assicurazione, XX, p. 20; vedi anche TASSONE, Evoluzione del rischi di responsabilità civile e suoi riflessi sull assicurazione degli operatori sanitari, in Diritto ed economia dell assicurazione, 1995, pp. 876 ss). 7

8 E noto come nel panorama assicurativo si siano cercate tecniche volte a fronteggiare proprio quei casi in cui le conseguenze dannose del sinistro si manifestano dopo il suo accadimento. La garanzia, a seconda dell opzione che si intenda perseguire, può quindi esplicarsi a) o in riferimento ai danni verificatisi nel periodo di validità del contratto; b) o in riferimento alle comunicazioni delle pretese risarcitorie del danneggiato recuperando così in garanzia anche quei fatti accaduti prima della decorrenza del periodo di efficacia stabilito nel contratto. E noto come in quest ultimo caso si parli quindi in quest ultimo caso di clausole claims made. L utilizzo di questa clausola di derivazione anglosassone clausola a richiesta fatta presenta profili di una certa consistenza proprio nell ambito della responsabilità di tipo sanitario anche se la formulazione della clausola può evidenziare problematiche di tutela per l assicurato. Ma la clausola in sé cioè la soluzione è di per sé lecita come stabilito dalla recente sentenza della Cassazione. Pertanto nell ambito dell analisi giuridica di Amaris si vuole evidenziare che un disfavore generico verso tale prassi per assicurare il rischio in questione non pare motivato ma proverebbe la copertura assicurativa in questione di uno strumento appropriato. La clausole di tipo claims made, di matrice nord americana, è finalizzata a garantire la responsabilità civile per le richieste di risarcimento che giungano dopo la perfezione del contratto indipendentemente dal momento in cui si sia verificato il fatto o l evento dannoso k La claims made ha la finalità di introdurre un criterio di determinazione della garanzia nel tempo distinto da quello identificato come loss occurence adottato dalla maggior parte dei paesi europei l. Segnatamente, in Francia dopo la promulgazione della loi Kouchner avvenuta il 4 marzo 2002, si è introdotto il sistema dell obbligatorietà della r.c. medica attribuendo quindi al danneggiato, in caso di sinistro, azione diretta nei confronti dell assicuratore: in tale eventualità la clausola claims made non sarebbe però opponibile al danneggiato, avendo la medesima valenza di eccezione contrattuale. k In tal senso vedi A.D. CANDIAN, Responsabilità civile e assicurazione, 1993, p. 306; vedi anche SHILLING, in Dell accettazione del claims made sul mercato continental europeo dell assicurazione r.c., in Seminario sulle clausole claims made svoltosi a Colonia il novembre l Al momento il sistema loss occurence è adottato in Germania e in Portogallo, mentre Spagna, Gran Bretagna e Francia adottano il sistema claims made. 8

9 Un argomento che si pone decisamente a vantaggio della claims made è l estensione della copertura assicurativa agli eventi accaduti prima della decorrenza della garanzia stessa. Lo svantaggio più evidente della clausola in esame consiste invece nel fatto che si attua una esclusione di copertura per gli eventi di danno per cui si sia fatta una richiesta dopo il periodo di validità della garanzia. In tal modo, l assicurato, per assicurarsi un adeguata copertura assicurativa, sarà costretto a continuare ad assicurarsi anche dopo la cessazione dell attività da lui precedentemente svolta e per cui aveva stipulato l assicurazione. Quanto al profilo della corretta formulazione delle clausole Claims made nell ambito di una copertura assicurativa della struttura sanitaria, ritengo che possa essere utile effettivamente prevedere una clausola espressamente dedicata alle Claims made con relativa rubrica all interno del regolamento. Un utile suggerimento ci potrebbe anzi venire dal legislatore francese a cui mi sono già riferito. Infatti si potrebbe utilizzare la locuzione garanzia nel tempo, anziché il termine claims made che se per gli operatori ha un significato del tutto evidente, agli assicurati talvolta può rimanere oscuro. Al contrario riferendosi espressamente alla durata della garanzia nel tempo anche soggetti non esperti sarebbero in grado di comprendere esattamente la portata della clausola stessa. Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti e invio cordiali saluti. Prof. Aurelio Donato Candian 9

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO COPERTURA ASSICURATIVA IN CASO DI COLPA GRAVE QUESITO (posto in data 22 settembre 2009) La nostra Azienda ci ha comunicato che a partire dal 29/09/09 non avremo più la copertura assicurativa,

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari.

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari. Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari Bologna 2014 Le novità normative art. 3, primo comma, legge n. 189/2012

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FERRIGNO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FERRIGNO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3290 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FERRIGNO Disposizioni in materia di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO?

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? Varese, lì 16 novembre 2012 Aula Magna Università dell Insubria Avv. Cesare Q. Fiore Via Spartaco, 23 20135 Milano Diritti riservati DECRETO BALDUZZI -Il Decreto Legge

Dettagli

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE

1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE A.- POLIZZA R.C. PROFESSIONALE 1) SULL OPERATIVITA IN PRIMO O SECONDO RISCHIO DELLE DUE POLIZZE. La polizza Assicuratrice Milanese spa regolamenta il profilo in esame all art. 16 n. 2 delle condizioni

Dettagli

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE Coperture assicurative (art. 24 CCNL 1998/01 art. 21 CCNL 2002/05) Copertura assicurativa e tutela legale (art. 16

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

favore degli iscritti www.marsh.it

favore degli iscritti www.marsh.it L assicurazione della Colpa Grave a favore degli iscritti www.marsh.it 1 Premessa Che cos è la colpa grave? E una grave negligenza, imprudenza, imperizia o una grave inosservanza di leggi e regolamenti

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA: IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO NEL MERCATO ASSICURATIVO

L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA: IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO NEL MERCATO ASSICURATIVO L ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE DEL MEDICO E DELLA STRUTTURA SANITARIA: IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO NEL MERCATO ASSICURATIVO ROMA 13 SETTEMBRE 2013 Relatore: dott. Danilo Ariagno Le cause

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014

BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 BOLLETTINO SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA CARDIACA MAGGIO 2014 PREFAZIONE DI GIAN PIERO PICCOLI ALL ARTI- COLO DI Mauro Galbusera, Luca Peschiera di ARENABROKER Abbiamo analizzato in numerosi articoli apparsi

Dettagli

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Il Decreto Balduzzi - L. 8 novembre 2012 n.189 Art. 3 1 L'esercente

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012

La nascita indesiderata. Reggio Calabria 2012 La nascita indesiderata Reggio Calabria 2012 La giurisprudenza sulla nascita indesiderata Cass. 12195 /1998 Principi generali Il danno va considerato causato dall illecito (art. 1223 c.c.) quando pur non

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Rc professionale, obbligo di copertura anche per collaboratori e praticanti

Rc professionale, obbligo di copertura anche per collaboratori e praticanti Rc professionale, obbligo di copertura anche per collaboratori e praticanti (Guida al Diritto) di Filippo Martini La sesta puntata dell'analisi della riforma forense (testo approvato alla Camera il 31

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni Numero 01040/2015 e data 01/04/2015 R E P U B

Dettagli

LE COPERTURE ASSICURATIVE

LE COPERTURE ASSICURATIVE LE COPERTURE ASSICURATIVE Dott. Attilio Steffano a.steffano@assimedici.it COME PERSONALIZZARE LA POLIZZA IDENTIFICAZIONE DELLE COMPAGNIE DISPOSTE AD ASSUMERE IL RISCHIO CONOSCERE LA DISPONIBILITA DELLA

Dettagli

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO M. Cucci*, A. Migliorini*, E. Caracciolo**, O. Campari* *Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell Università

Dettagli

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.

La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex. La fine della tutela reale nei licenziamenti: una storia ancora tutta da scrivere. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com La Corte Costituzionale, nell ormai lontano 1965, fu chiamata a pronunciarsi

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

L assicurazione per la responsabilita civile professionale

L assicurazione per la responsabilita civile professionale . L assicurazione per la responsabilita civile professionale MOVIMENTO FORENSE Sezione di Brescia 6 Novembre 2015 dalle 14.30 alle 17.30 CISL DI BRESCIA Brescia, Via Altipiano d Asiago 3 15 October 2015

Dettagli

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI FONTI DELLA RESPONSABILITA La normativa vigente in materia 2 I fondamenti concettuali

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Roma, 12 novembre 2009

Roma, 12 novembre 2009 Roma, 12 novembre 2009 Decreto 14 luglio 2009. Requisiti minimi per le polizze assicurative a tutela dei soggetti partecipanti alle sperimentazioni cliniche dei medicinali Il punto di vista del Comitato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA SCOPO DEL MIO INTERVENTO Con questo intervento vorrei riuscire a fornirvi dei facili strumenti interpretativi per gestire correttamente gli eventi sinistrosi di qualsiasi natura che possono verificarsi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII INTRODUZIONE 1. Responsabilità professionale... 1 2. Responsabilità medica e diritto alla salute... 3 3. La responsabilità medica oggi... 6

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 26 febbraio 2015 NUMERO AFFARE 00241/2015

Consiglio di Stato Sezione Consultiva per gli Atti Normativi Adunanza di Sezione del 26 febbraio 2015 NUMERO AFFARE 00241/2015 SENTENZE IN SANITÀ CONSIGLIO DI STATO CONSIGLIO DI STATO parere n. 1040 del 1 aprile 2015 ASSICURAZIONI. CONSIGLIO DI STATO DÀ PARERE FAVOREVOLE AL DPR BALDUZZI Il Consiglio di Stato ha dato parere favorevole

Dettagli

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C.

CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE. Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. CIVILE AVVOCATO E PROCURATORE Corte di Cassazione Sez. I civ. 4 Marzo 2013, n 5297 (Pres. C. Carnevale; Rel. M.R. Cultrera) Avvocato e procuratore Avvocato Liquidazione dell onorario Cumulo di domanda

Dettagli

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I PROFILO STORICO-COMPARATISTICO 1. Premessa.... 1 2. L assicurazione a sinistro seguito nelle ordinanze e negli statuti dei secoli XV, XVI e XVII: la presunzione di conoscenza

Dettagli

FABRIZIO PIRAINO ADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE

FABRIZIO PIRAINO ADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE FABRIZIO PIRAINO ADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE JOVENE EDITORE NAPOLI 2011 INDICE Prefazione... p. XI CAPITOLO PRIMO L EMERSIONE, LA NATURA E IL FONDAMENTO DELL ADEMPIMENTO IN NATURA 01. La

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 750 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato PANIZ Introduzione dell articolo 283-bis e modifica all articolo 286 del codice delle assicurazioni

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute La proposta sulla Responsabilità Professionale per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute MARZO 2012 Premessa La responsabilità professionale è diventata negli ultimi anni una questione molto rilevante

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

13/06/13 BANCA DATI CNI

13/06/13 BANCA DATI CNI 13/06/13 BANCA DATI CNI Stampa bancadati@cni-online.it Rif. DV10968 Documento Fonte Tipo Documento 30/07/2012 CIRCOLARE - XVIII SESSIONE CNI CIRCOLARE Numero 104 Data 30/07/2012 Riferimento PROT. CNI N.

Dettagli

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione Seppur brevemente, bisognerà delineare i principi vigenti nell'ambito della responsabilità medica soffermandosi sulla distinzione esistente nella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen.

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Lucio Romano Finalità del DdL Contrattualismo Alleanza di cura Ania. Dossier

Dettagli

Le responsabilità professionali

Le responsabilità professionali Le responsabilità professionali Bologna, 20 maggio 2011 ALESSANDRA DE PALMA Direttore U.O. di Medicina Legale e Gestione del Rischio Azienda U.S.L. di MODENA Collaboratore Direzione Generale Sanità e Politiche

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione...

INDICE SOMMARIO. Prefazione... INDICE SOMMARIO Prefazione... XIII CAPITOLO 1 ASSICURAZIONE E RESPONSABILITÀ: INTERA- ZIONE E PREGIUDIZI 1. Assicurazione e sicurezza... 1 2. La società delle tutele e la garanzia assicurativa... 6 3.

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 In tema di Responsabilità, occorre distinguere quelle relative: Alla Struttura Sanitaria; Al Medico Dipendente del SSN; Al Medico che svolge attività

Dettagli

I Soggetti responsabili.

I Soggetti responsabili. I Soggetti responsabili. Scorrendo l articolato, prima relativo al D.Lgs. n. 626/1994 ed ora al D.Lgs. n. 81/2008, risulta come alla chiara esposizione delle responsabilità di legge (D.Lgs. n. 81/2008

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Alessandro Raffo. Avvocato

Alessandro Raffo. Avvocato Roma, 8 ottobre 2014 Spettabile UGL INTESA FUNZIONE PUBBLICA AREA DEL CONTENZIOSO Via Bartolomeo Eustachio, 22 00161 ROMA Alla c.a. della Responsabile, avv. Claudia Ratti OGGETTO: PARERE PRO VERITATE SULLA

Dettagli

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE

TESTO UNIFICATO ADOTTATO COME TESTO BASE Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario (seguito esame C. 259 Fucci, C. 262 Fucci, C. 1324 Calabrò, C. 1312 Grillo, C. 1581 Vargiu, C. 1902 Monchiero, C. 1769 Miotto,

Dettagli

professionale, in quanto consiste nell esercizio di un attività professionale di carattere intellettuale.

professionale, in quanto consiste nell esercizio di un attività professionale di carattere intellettuale. CASSAZIONE CIVILE, SEZ. III, SENTENZA 1 FEBBRAIO 2011, N. 2334, in tema di responsabilità medica. A Cura di Roberto Conte Sommario: 1. Nozioni introduttive sulla responsabilità medica. 2. La diligenza

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Responsabilità sanitaria e assicurazioni: criticità e proposte Dario Focarelli Direttore Generale, ANIA Convegno «La responsabilità sanitaria: problemi e prospettive» Roma 20 marzo 2015 Agenda I messaggi

Dettagli

per le organizzazioni di volontariato

per le organizzazioni di volontariato Le per le organizzazioni di volontariato A cura del Dott. Emidio Valeri Broker assicurativo e Consulente del C.S.V. di Teramo Prima Edizione maggio 2004 Seconda Edizione maggio 2013 Terza Edizione giugno

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Premessa L INAIL, con una nota, in risposta ad un quesito dell Ordine dei Consulenti del lavoro (prot. n. 60010 del

Dettagli

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile

Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Annaclara Viola Prestazioni sanitarie e responsabilità civile Ogni comportamento illecito riceve dal nostro ordinamento un particolare trattamento sanzionatorio che trova nella responsabilità civile l

Dettagli