La spesa per le prestazioni specialistiche: la compartecipazione e gli aspetti critici. Aldo Rosano, Barbara Giordani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La spesa per le prestazioni specialistiche: la compartecipazione e gli aspetti critici. Aldo Rosano, Barbara Giordani"

Transcript

1 La spesa per le prestazioni specialistiche: la compartecipazione e gli aspetti critici Aldo Rosano, Barbara Giordani

2 TEMI DI DISCUSSIONE La spesa out of pocket: quanto paga il cittadino di tasca propria? Profili di inappropriatezza prescrittiva: il caso delle prescrizioni di risonanza magnetica nucleare La compartecipazione alla spesa: l effetto perverso dell introduzione del superticket

3 LA SPESA OUT OF POCKET: DEFINIZIONE E QUANTIFICAZIONE Out of Pocket espressione traducibile in di tasca propria. Vengono considerate tutte le spese per prestazioni sanitarie completamente a carico della persona o della famiglia (non sono incluse le spese assicurative pagate direttamente dai privati). In Italia la spesa sanitaria privata è pari al 23,7% della spesa totale (OCSE, 2008) e solo il 13,7% è coperto da fondi integrativi e il 3,3% da assicurazioni private. In Italia, si stima che la spesa Out-of-Pocket sia intorno ai 30mld di euro anno.

4 Indagine ISTAT Multiscopo 2005

5 LE VISITE SPECIALISTICHE Visite specialistiche per tipo di pagamento Differenze percentuali dai valori nazionali medi di spesa out of pocket Il 57% delle viste specialistiche è finanziato interamente dalla famiglia La Regione Lazio si discosta dal valore nazionale per circa il 2% Indagine ISTAT Multiscopo 2005

6 LE VISITE OUT OF POCKET PER SPECIALITÀ Le visite che più interamente sono a carico delle famiglie sono quelle odontoiatriche (92%), ostetrico-ginecologiche (65%), dietologiche (57%), dermatologiche (53%) oculistiche (51%). Indagine ISTAT Multiscopo 2005

7 GLI ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI Ultimo esame del sangue per tipo di pagamento Ultimo esame specialistico per tipo di pagamento Il 7% dell ultimo esame del sangue è a totale pagamento Il 21% dell ultimo esame specialistico è a totale pagamento Indagine ISTAT Multiscopo 2005

8 Rischio di avere un esame specialistico a pagamento Nella Regione Lazio si registra il rischio d Italia più elevato di essere utente interamente pagante per gli esami specialistici. Indagine ISTAT Multiscopo 2005

9 La spesa out of pocket Il 55% degli assistiti paga da se le visite specialistiche e accertamenti diagnostici, sia per aggirare le lunghe liste d attesa, sia perché i ticket sono oramai così alti da spingere verso un privato sempre più conveniente (Rapporto OASI 2012) In Italia più di 3 milioni di italiani nel 2010 hanno avuto problemi economici a causa delle spese sanitarie, e oltre 2,5 mln hanno dovuto rinunciare a visite, analisi o cure odontoiatriche (CEIS Tor Vergata su dati ISTAT) Nel 2009, per effetto della crisi la spesa sanitaria privata out of pocket delle famiglie si è ridotta del 7,6%, più della media dei consumi (-6,8%) (ISTAT consumi della famiglie).

10 La spesa out of pocket e il rischio di povertà In media le famiglie italiane spendono /anno per spese socio-sanitarie, i consumi nel 2009 si sono ridotti del 7,6%. Circa 300 mila famiglie si sono impoverite a causa delle spese sostenute, mentre 670 mila hanno sostenuto spese catastrofiche.

11 La spesa out of pocket e il rischio di povertà Sono le spese per cure odontoiatriche e quelle per l assistenza agli anziani quelle più catastrofiche, ma anche farmaceutica e specialista hanno rilievo, in particolare per le famiglie povere.

12 Conclusioni La presenza di servizi a pagamento funziona da campanello di allarme di situazioni di non gradimento/non accesso dei servizi del S.S.N. da parte della popolazione. Oltre la metà delle famiglie paga di tasca propria visite specialistiche e accertamenti diagnostici Le spese out of pocket per problemi sanitari è uno dei principali fattori di impoverimento delle famiglie. Nel Lazio la spesa out of pocket è più rilevante che nelle altre regioni

13 LA RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Profili di inappropriatezza prescrittiva

14 Appropriatezza la cosa giusta al soggetto giusto al momento giusto da parte dell operatore giusto nella struttura giusta nel modo giusto

15 RMN La domanda indotta dall offerta In Italia il numero di apparecchiature RMN è il doppio rispetto alla Francia e quattro volte in più dell Australia [1]. La quantità di esami attualmente realizzati sono influenzati significativamente dalla presenza delle apparecchiature e dalle prescrizioni di prestazioni inappropriate [2]. [1] Hailey, DM, Marshall, D and Topfer, LA. An international comparision of the distribution and diffusion of magnetic resonance imaging (MRI) by field strenght. 9th Annual Meeting of ISTAHC, Sorrento, May 23.26, 1993; Abstracts: p 224. [2] Pesaresi F. Risonanza magnetica Nucleare: diffusione ed attività. Tendenze Nuove n.2/2007. Il Mulino.

16 La dotazione di RMN in Italia Fonte dati: ISTAT Health for All 2009 Monitoraggio LEA: L analisi dei dati rilevati per alcune grandi apparecchiature evidenzia nel periodo un aumento della disponibilità media nazionale, in particolare per quanto attiene il Tomografo a Risonanza Magnetica - che passa da 19,4 a 22 apparecchiature per di abitanti

17 Numero di apparecchi RMN nel mondo N. di apparecchi RMN per mln di residenti o x ic e M l e Isra g a ry n u H ile h C ia n v e S lo d n la o P lia stra u A m o g d in K d ite n U lic b u p e R c h ze C lic b u p e R v a k S lo c e n F ra ia n E sto a a d a n C g a l rtu o P y e rk T u d n a la Z e w e N s d n rla e th e N d n la Ire rg u o b m x e L u n mark e D stria u A d n la F in a re o K ly Ita c e e re G d n la e Ic s te S ta d ite n U a n p Ja Fonte dati: OECD Health data

18 N. prestazioni di Risonanza Magnetica Nucleare per 100 residenti in Italia. Anno 2010

19 Le prestazioni di Risonanza Magnetica Nucleare nella Regione Lazio Dal 2001 al 2010 il numero di prestazioni di RMN sono più che raddoppiate.

20 Analisi geografica del tasso di ricorso alla diagnostica per immagini Il tasso più basso si registra nella ASL di Rieti (ma il dato potrebbe essere distorto poiché si tratta di una ASL di confine) mentre è sorprendentemente elevato per la Asl RMG.

21

22 Distribuzione delle prestazioni RMN per prescrittore. Anni Tipo prescrittore N. prestazioni % MMG/PLS/Guardia medica/guardia turistica 522, Specialista di struttura Pubblica 136, SUMAI 6, Altro Prescrittore (INPS,INAIL,Polizia,Senato...) Soggetti Assicurati da istituzioni 13 0 Nel 79% dei casi la risonanza viene prescritta dal Medico di Medicina Generale, dal Pediatra di Libera Scelta o dalla Guardia Medica/turistica, mentre solo per il 20% le RMN vengono prescritte da uno specialista.

23 Criteri di inappropriatezza Non conforme alle Linee Guida Problema clinico assente o vago Già diagnosi con precedente esame Patologia di interesse di altro distretto anatomico Patologia non valutabile tramite RMN Paziente incompatibile con RM: non effettua l esame Ministero della Salute. Progetto Mattoni SSN. Misura dell Appropriatezza. Analisi appropriatezza clinica. Documento per la misura dell appropriatezza delle prestazioni di specialistica ambulatoriale.

24 Quante sono le prestazioni di RMN inappropriate? Dati preliminari (circa indagini) di uno studio in corso nella regione Lazio 19% colonna lombosacrale addome superiore arti inferiori encefalo 30% colonna cervicale addome inferiore Oltre il 30% delle indagini condotte su colonna cervicale e addome ha dato esito negativo.

25 RMN appropriatezza prescrittiva Cosa si intende per appropriatezza prescrittiva: RMN no esame per prima investigazione RMN prescritta da specialista RMN deve avere citato il quesito diagnostico

26 Azioni intraprese per ridurre l inappropriatezza prescrittiva e diagnostica Linee guida nazionali per la diagnostica per immagini (conferenza stato-regioni 2004) Progetto Mattoni: misura dell appropriatezza delle prestazioni di specialistica ambulatoriale (2007) Il Piano Nazionale Gestione Liste d Attesa Misure circa l appropriatezza della assistenza specialistica ambulatoriale Ministero della salute, 2012

27 La diagnostica per immagini. Linee guida nazionali di riferimento. Conferenza stato regioni 28/10/2004 L accresciuta offerta di prestazioni di diagnostica per immagini ha comportato negli anni una crescita della domanda non sempre del tutto giustificata, che ha contribuito in maniera significativa all incremento delle liste di attesa; Le linee guida si prefiggono l obiettivo di migliorare e incrementare i contatti tra il medico curante e lo specialista in diagnostica per immagini, nell ottica della ottimizzazione dei percorsi diagnostici e quindi di una migliore utilizzazione delle risorse con rilevante beneficio sia per la salute individuale, sia per i costi sostenuti dal SSN; Gli esami radiologici inappropriatamente richiesti ed eseguiti, sono ritenuti tali, in quanto: non aggiungono valore al sospetto diagnostico del clinico, né lo correggono; non sono utili a modificare la gestione clinica del paziente. La prescrizione inappropriata di indagini comporta uno spreco di risorse già limitate, l allungamento dei tempi di attesa e, quando eseguiti con radiazioni ionizzanti, ad un assenza di beneficio rispetto al danno che l esposizione a radiazioni potrebbe causare alla persona.

28 Progetto Mattoni Prestazioni specialistiche ambulatoriali quattro classi di priorità d attesa: classe U (urgente) prestazioni garantite entro 72 ore; classe B (breve) per prestazioni garantite entro 10 giorni; classe D (differibile) tra 11 e 30 giorni per le visite specialistiche e tra 11 e 60 giorni per le prestazioni strumentali; classe P (programmata) oltre 30 giorni per le visite specialistiche/oltre 60 giorni per gli esami strumentali e, comunque, in entrambi i casi entro 180 giorni.

29 Il Piano Nazionale Gestione Liste d Attesa d Il monitoraggio dei tempi di attesa delle prestazioni ambulatoriali, in modalità ex post, viene effettuato attraverso il flusso informativo ex art. 50 della legge 326/2003 che, nell aggiornamento del comma 5 del decreto del Ministero dell Economia e Finanze del 18 marzo 2008, è stato implementato delle informazioni necessarie al suddetto monitoraggio. I dati raccolti sono relativi alle prestazioni specificate nel PNGLA erogate presso le strutture indicate nei programmi attuativi aziendali. Il monitoraggio dei tempi di attesa delle prestazioni ambulatoriali, in modalità ex ante, si basa su una rilevazione, effettuata in un periodo indice, stabilito a livello nazionale, dei dati sui tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali specificate nel PNGLA In particolare per l anno 2011 il monitoraggio verrà effettuato su un gruppo di prestazioni tra cui le RMN cervello e tronco encefalico Sono tenute alla rilevazione tutte le strutture pubbliche e private accreditate che erogano prestazioni per conto e a carico del SSN. Il periodo indice è rappresentato dalla prima settimana dei mesi di aprile e ottobre di ciascun anno. Il monitoraggio ex ante si dovrà effettuare solo per il primo accesso e per le classi di priorità B e D. [B= entro 10 gg; D= entro 30 gg (visite) entro 60 gg (prestazioni strumentali) ]

30 Il Piano Nazionale Gestione Liste d Attesa d Tempi di attesa registrati nel Lazio. SIAS 2011 Totale RMN N Mean Median Min Max P25 P75 23 RMN Cervello e tronco encefalico RMN Pelvi, prostata e vescica RMN Muscoloscheletrica RMN Colonna vertebrale I tempi variano in relazione al tipo di struttura erogatrice: Classificati: 32 gg, Privati accreditati : 36 gg, AO: 55 gg, Policlinici: 100 gg

31 Misura circa l appropriatezza l della assistenza specialistica ambulatoriale Ministero della salute, 2012 Il provvedimento introduce misure per favorire l appropriatezza dell assistenza specialistica ambulatoriale. In particolare le Regioni dovranno attivare programmi di verifica sistematica dell appropriatezza prescrittiva ed erogativa dell assistenza specialistica ambulatoriale, attraverso il controllo delle prestazioni prescritte ed erogate a pazienti con specifiche condizioni cliniche e, comunque, di almeno il 5% delle prestazioni prescritte, effettuando cioè un controllo sulle ricette. Si prevede l obbligo del medico prescrittore di indicare nella ricetta il quesito o il sospetto diagnostico che motiva la prescrizione, pena la inutilizzabilità della ricetta stessa.

32 L esempio della Toscana Nel 2012 l'asl di Firenze ha eseguito circa tac e risonanze magnetiche, per un costo complessivo che si aggira intorno ai 6 milioni di euro. L'obiettivo è di ridurre del 60% le tac e le risonanze inappropriate. Questo comporterebbe un risparmio di 3 milioni di euro. I principali partner della Regione nel raggiungimento dell'obiettivo sono i medici di famiglia, ai quali maggiormente i pazienti si rivolgono per ottenere le richieste e potersi sottoporre agli esami. Attraverso un azione concertata che prevede un percorso formativo si mira a raggiungere l obiettivo previsto di riduzione entro tempi certi (Delibera N 1235 del DGR 754/2012, allegato B)

33 RMN appropriatezza prescrittiva Quanto costa l inappropriatezza nella Regione Lazio: 83 mln di euro (dato 2010) 30% 25 mln di euro Per arrivare a ridurre il numero di prestazioni inappropriate è necessaria una forte azione di governo dell offerta della regione con il coinvolgimento attivo dei medici prescrittori, senza un percorso condiviso ogni tentativo di cambiamento reale delle politiche sanitarie è destinato al fallimento.

34 Conclusioni RMN e appropriatezza prescrittiva Non esiste feed-back possibile se ingresso/bisogno nel sistema ed uscita/outcome dal sistema non condividono, per gli stessi fenomeni, classificazione e misure. Il comportamento professionale, privato di un confronto continuo, ha superato la quota di variabilità positiva per la crescita del sistema, costringendo il management ad attivare misure di contenimento per l inappropriatezza correlata. (Progetto Mattoni, 2007) Le prescrizioni inappropriate sono figlie soprattutto della medicina difensiva. Ovvero sono esami prescritti da professionisti che per tutelarsi, da eventuali beghe legali, considerando i contenziosi in continuo aumento, preferiscono far fare ulteriori accertamenti (V. Boscherini FIMMG).

35 LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA L effetto perverso dell introduzione del superticket

36 LA COMPARTECIPAZIONE Compartecipazione per branca, in percentuale. Anno % 20% Farmaceutica Specialistica Pronto Soccorso 79% Ogni cittadino italiano nel 2012 ha speso 149 euro di ticket per complessivi 4,4 mld di euro. (circa il 4% della spesa sanitaria pubblica). Il 79% di tale somma è destinata ai ticket per l assistenza specialistica, il 20% ai farmaci e l 1% ai ticket pagati per il pronto soccorso (codici bianchi)

37 LA COMPARTECIPAZIONE Lo scopo della compartecipazione è quello di evitare l'uso inappropriato delle prestazioni sanitarie. Con la Legge 145/2001 il ticket diventa una leva utilizzata anche per la copertura dei disavanzi sanitari. La legge 111/2011 introduce il cosiddetto superticket, un contributo aggiuntivo di 10 euro su tutte le prestazioni specialistiche. Le regioni hanno poi regolate diversamente l adozione di questo contributo.

38 LA COMPARTECIPAZIONE Il superticket è stato introdotto in tutte le regioni tranne VA, Bolzano, Trento, Sardegna con diverse modalità: No Mod_importo Mod_importo No Mod_reddito Pieno Liguria Lazio Basilicata Calabria Lazio hanno introdotto 10 euro a ricetta Pieno Mod_reddito Mod_reddito Mod_reddito Mod_reddito FVG Molise e Campania pensano a rimodulazioni Pieno Pieno Pieno Emilia Romagna, Umbria, Toscana, Marche e Veneto hanno modulato in relazione al reddito No Pieno Pieno Pieno Lombardia e Piemonte in base al tipo di esami (contributo proporzionale al valore della prestazioni) Pieno Pieno

39 LA COMPARTECIPAZIONE: UN ANALISI CRITICA La scelta di gravare la popolazione di una parte del costo dei servizi sanitari genera effetti rilevanti sotto il profilo dell'equità, gravando maggiormente sui soggetti a basso reddito disponibile (tale anche per le condizioni di salute) generando barriere all'accesso dei servizi sanitari. Lo studio Rand Health Insurance (USA 1975) dimostrò che le compartecipazioni riducono il ricorso ai servizi sanitari ma in maniera indiscriminata rispetto all'appropriatezza. L aumento della compartecipazione, con la riduzione dell'uso dei farmaci ai quali è seguito un aumento dell'ospedalizzazione evitabile (Balkhrisnan, 2001). Il copayment rappresenta una fonte di contenimento della spesa sanitaria, ma con effetti di breve periodo, considerando che driver più forti sono l'invecchiamento della popolazione, l'innovazione tecnologica e le terapie farmacologiche di ultima generazione.

40 LA COMPARTECIPAZIONE

41 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket nel Lazio

42 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket nel Lazio trend somma valori ticket 1 semestre 2011 e % 140% Pubblico Privato variazione percentuale 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% PIEMONTE LOMBARDIA VENETO EMILIA-ROMAGNA TOSCANA MARCHE LAZIO CAMPANIA SICILIA

43 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket nel Lazio N. di prestazioni, degli importi tariffari e dei ticket: confronto I semestre 2011 e I semestre 2012 per comparto. Comparto / anno N. prestazioni Tariffe Ticket Superticket Pubblico - I sem Pubblico - I sem Privato - I sem Privato - I sem

44 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket I dati rilevano un effetto scoraggiamento dei non esenti verso prestazioni a carico del SSR e un aumento del ricorso all assistenza privata Un quarto della spesa verrà coperta dalle compartecipazioni a carico dei cittadini Mentre la riduzione delle prestazioni acquistate dai produttori privati rappresenta per il SSN un effettivo risparmio la diminuzione di prestazioni nel pubblico non lo è in quanto, almeno nel breve-medio periodo i costi fissi rimangono costanti e diminuiscono solo i costi variabili che però per il settore della specialistica sono scarsi. Ciò significa che l effetto globale dell aumento dei ticket in alcuni casi potrebbe aver comportato un non sostanziale aumento degli introiti di compartecipazione e una stabilità dei costi di produzione dei servizi pubblici, determinando, in questo modo, una situazione non così favorevole per i bilanci aziendali come invece si era sperato. (Cislaghi, 2012)

45 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket Aumentano le prestazioni out of pocket Per le prestazioni con valore tariffario fino a circa 50 euro è meno costoso rivolgersi agli erogatori privati Molte prestazioni di specialistica ambulatoriale escono implicitamente dai LEA per tutti gli assistiti non esenti Il regime delle esenzioni è stato modulato per evitare effetti negativi in termini di equità, con l obiettivo ulteriore di contenere la domanda meno appropriata. La pluralità di criteri adottati finiscono per produrre disparità di trattamento tra le regioni e meccanismi odiosi (si pensi all effetto scalino per la presenza di un unico scaglione di reddito per le esenzioni in base al reddito) (N. Dirindin)

46 LA COMPARTECIPAZIONE: L impatto del superticket in Toscana 10 euro vincolati all ISEE Con tutti i limiti dell ISEE come strumento per la misura del reddito familiare fiscale Conseguenze - 5 mln di visite specialistiche, esami di laboratorio e accertamenti radiologici nel 2012 La ASL di Firenze (circa 1/3 degli assistiti regionali) ha deciso di indirizzare tramite CUP aziendale pazienti non-esenti con ricetta rossa verso strutture private che adottino tariffe calmierate concordate con la ASL. Afferma Enrico Rossi (presidente della Regione Toscana): vanno create assicurazioni mutualistiche per diagnostica e specialistica, ormai la rete del privato sociale offre prestazioni a prezzi concorrenziali con il servizio sanitario nazionale per chi non è esentato dal ticket. Mentre ospedali e medicina del territorio devono rimanere pubblici, questo è un principio irrinunciabile

47 LA COMPARTECIPAZIONE: UN ANALISI CRITICA La realtà di oggi vede i ticket sui farmaci aumentati del 40 per cento, più di un cittadino su due che paga di tasca propria visite ed esami per evitare le file della sanità pubblica e perché, tra ticket e superticket, spesso il privato costa meno. Il caro ticket pesa sulle tasche degli italiani per circa 5 miliardi di euro, tra compartecipazione della spesa sui farmaci e per visite specialistiche ed esami diagnostici. A questa cifra dal primo gennaio 2014 si dovranno aggiungere altri due miliardi di euro per effetto dell ultima manovra Tremonti dell estate 2011 (DL 98/2011), se non ci saranno interventi correttivi, ora più che mai difficili, vista la situazione economica e politica. E necessario pensare a una rimodulazione della compartecipazione, che altrimenti rischia di mettere in discussione il sistema universalistico della copertura sanitaria.

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

La dimensione del fenomeno in Italia

La dimensione del fenomeno in Italia Convegno Insieme si può? Medici e cittadini a confronto sulle liste di attesa Roma 22 maggio 2012 La dimensione del fenomeno in Italia Dr. Fulvio Moirano Agenas - Agenzia Nazionale Servizi Sanitari Regionali

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS

OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS OPZIONI DI WELFARE E INTEGRAZIONE DELLE POLITICHE LE EVIDENZE DELL VIII RAPPORTO CEIS Il contesto economico-finanziario La crisi economica che si è palesata nel 211, e da cui certamente nel momento in

Dettagli

IL PREZZO DELLA SALUTE

IL PREZZO DELLA SALUTE IL PREZZO DELLA SALUTE Il superbalzello sulle prestazioni sanitarie, applicato in modo differente da ogni Regione, ha fatto lievitare i costi per il cittadino. La stangata del superticket 10 PREZZI BALLERINI

Dettagli

PIANO REGIONALE PER IL GOVERNO DELLE LISTE DI ATTESA

PIANO REGIONALE PER IL GOVERNO DELLE LISTE DI ATTESA PIANO REGIONALE PER IL GOVERNO DELLE LISTE DI ATTESA PIANO REGIONALE DI GOVERNO DELLE LISTE DI ATTESA (2013 2015) (Ai sensi del Decreto 314 del 5 luglio 2013. Adozione P.O. 2013-2015 Azione 14.3.5 ) Indice

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti;

atteso che non esiste ad oggi un accordo tra le parti che definisca modalità di intervento e di rapporti; PROTOCOLLO D INTESA TRA : LA REGIONE TOSCANA LE AZIENDE SANITARIE E LE OO.SS. DEI MEDICI CONVENZIONATI: MEDICINA GENERALE/ PEDIATRIA DI LIBERA SCELTA / SPECIALISTICA AMBULATORIALE E DEI MEDICI SPECIALISTI

Dettagli

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella

Alessandro Battistella. Alessandro Battistella Diversi sistemi di accesso ai servizi sanitari regionali: ripercussioni rispetto ai LEA, al passaggio al sistema privato e alla copertura del bisogno sanitario 2015 Le differenze tra SSR Le regioni si

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità La realtà del medico Le realtà prospettiche in sanità VENETO Popolazione 4,928 milioni (31 lug 2014) MMG: 3.442 Media pazienti per MMG: 1.240 Fonte Ministero della Salute 2011 INDAGINE FIMMG 2014 MMG:

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono

Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono Ciascuna ricetta medica a lettura ottica deve riportare, scritti in modo chiaro e leggibile tutti i dati previsti. Quelli sottolineati sono obbligatori: -cognome, nome dell assistito o iniziali, dove prescritto

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 4 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Assicurazione e Management dei Rischi in Sanità Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Francesco Longo Carlo De Pietro francesco.longo@unibocconi.it carlo.depietro@unibocconi.it

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III 2 Rapporto Nazionale sull utilizzo

Dettagli

SOS. Per curarci spendiamo sempre più

SOS. Per curarci spendiamo sempre più SOS Non mi curo perché non posso La nostra indagine sulla spesa sanitaria delle famiglie: quanto spendono, quali difficoltà hanno e a che cosa sono costrette a rinunciare. Troppe quelle che non possono

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013

Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013 Appropriatezza prescrittiva e responsabilità medico - legale Cosenza 04/05 dicembre 2013 Direttore U.O.C., D.ssa Luciana Florio Area Farmaceutica Territoriale - Distretto Tirreno Nasce da una serie di

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Programma degli interventi per la definizione del Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa per il triennio 2010-2012

Programma degli interventi per la definizione del Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa per il triennio 2010-2012 Allegato alla Delib.G.R. n. 20/3 del 26.4.2011 Programma degli interventi per la definizione del Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa per il triennio 2010-2012 Premessa In base alle attività

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Tempi di attesa nei siti web delle

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Il ticket per le prestazioni specialsitiche ambulatoriali Principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 31 dicembre 2009

Il ticket per le prestazioni specialsitiche ambulatoriali Principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 31 dicembre 2009 Il ticket per le prestazioni specialsitiche ambulatoriali Principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 31 dicembre 2009 Isabella Morandi I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI Il D.Lgs.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

CONTENUTI 3.1. Fase di preparazione dei file... 3.2. Fase d inserimento dei dati 3.3. Fase di restituzione dei dati

CONTENUTI 3.1. Fase di preparazione dei file... 3.2. Fase d inserimento dei dati 3.3. Fase di restituzione dei dati Linee guida per il monitoraggio nazionale sui tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali erogate in attività libero-professionale intramuraria ed intramuraria allargata Pag. 1 CONTENUTI Presentazione.

Dettagli

Ecografia Addominale

Ecografia Addominale AGENZIA REGIONALE DELLA SANITÀ PROGRAMMA LISTE DI ATTESA A R S Sistema di accesso alle prestazioni di specialistica ambulatoriale organizzato per priorità clinica Ecografia Addominale SETTEMBRE 2008 PREMESSA

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti

La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE IL PARADOSSO Vantiamo un SSN che l Organizzazione Mondiale

Dettagli

PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA AL 1 APRILE 2015

PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA AL 1 APRILE 2015 PROSPETTO DEI TICKET IN VIGORE IN LOMBARDIA AL 1 APRILE 2015 INDICE 1. Il ticket per assistenza farmaceutica a. ESENZIONI parziali totali 2. Ticket per prestazioni in PRONTO SOCCORSO 3. Ticket per prestazioni

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Update in Endocrinologia Clinica

Update in Endocrinologia Clinica 12 Congresso Nazionale AME 6th Joint Meeting with AACE Update in Endocrinologia Clinica Simposi Gestionali: ESENZIONI PER PATOLOGIA ENDOCRINA Normativa generale Flora Cesario Endocrinologia e Malattie

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

IL PARADOSSO. La SALUTE non ha prezzo, I NOSTRI DIRITTI IL DILEMMA. 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012

IL PARADOSSO. La SALUTE non ha prezzo, I NOSTRI DIRITTI IL DILEMMA. 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 7 a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 17 febbraio 2012 IL PARADOSSO La SALUTE non ha prezzo, ma la SANITÀ costa a tutti Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE Vantiamo un SSN che l Organizzazione Mondiale

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

Struttura del SSN. Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni. Caratteristiche quantitative del SSN

Struttura del SSN. Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni. Caratteristiche quantitative del SSN Struttura del SSN Caratteristiche del SSN Storia del SSN Principali attori del sistema SSN e loro funzioni livello centrale, livello regionale livello locale Caratteristiche quantitative del SSN Dati strutturali

Dettagli

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Medicina della Donazione Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015

DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 DELIBERAZIONE N X / 4153 Seduta del 08/10/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI CRISTINA CAPPELLINI GIOVANNI

Dettagli

LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA

LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA PIANO PROVINCIALE PER LA RIDUZIONE DEI TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE LE AZIONI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI FERRARA L Azienda Ospedaliero Universitaria di

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale.

Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale. Il Servizio sanitario nazionale: quale sistema, quale governance, quali prospettive per il bisogno e la risposta assistenziale Davide Croce A che punto siamo? 2015: -4 miliardi? La spending review nella

Dettagli

Il prezzo della salute

Il prezzo della salute prestazioni AMBULATORIALI COSTI IN LIBERTÀ Le regioni sono libere di fissare le tariffe delle prestazioni, alle quali le strutture sanitarie devono attenersi. SPESA A CARICO A livello nazionale esiste

Dettagli

Griglia di osservazione Livello 1 - Azienda Sanitaria

Griglia di osservazione Livello 1 - Azienda Sanitaria Griglia di osservazione Livello 1 - Azienda Sanitaria Azienda Sanitaria:.. Data:..... Rev. 6 - Aprile 2008 AUDIT CIVICO L Audit civico prevede la trattazione di tre componenti dell azione delle aziende

Dettagli

I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria

I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria I regimi di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria Dott.ssa Cinzia Griggio Unità Amministrativa Sovradistrettuale Coordinamento Direttori di Distretto Ulss 6 5 marzo 2011 Quanti tipi di esenzioni?

Dettagli

Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell assistenza sanitaria

Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell assistenza sanitaria Gli Indicatori di Salute e di Performance del Sistema Sanitario in Italia Istituto Superiore di Sanità Roma, 14-15 giugno 2004 Progetto SINDIS Monitoraggio della spesa sanitaria e del finanziamento dell

Dettagli

Linee Guida Cure Domiciliari AIL

Linee Guida Cure Domiciliari AIL Linee Guida Cure Domiciliari AIL In data 21 Novembre 2008, l AIL ha realizzato il Convegno nazionale Cure Domiciliari in Ematologia: una sfida del terzo millennio,a Roma presso la sala Spazio Novecento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 28/15 del 27.6.2006 Piano Regionale di contenimento dei tempi e delle liste di attesa per il triennio 2006-2008, di cui all art. 1, comma 280 della Legge 23/12/2005 n. 266,

Dettagli

n. 79 del 24 Novembre 2014 DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s)

n. 79 del 24 Novembre 2014 DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s) DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s) Oggetto: Rimodulazione delle misure regionali di compartecipazione alla spesa sanitaria.. PREMESSO che: a) con delibera del Consiglio dei Ministri in data

Dettagli

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r)

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) Oggetto: - Determinazione delle tariffe per le prestazioni di pronto soccorso non seguito da ricovero e di trasporti con ambulanza ed elisoccorso (flusso G)

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO

ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO ACCORDO FINALIZZATO ALL ABBATTIMENTO DELLE LISTE D ATTESA PERSONALE DEL COMPARTO - Visto l Accordo sulle prestazioni aggiuntive sottoscritto in data 26.01.2012 ed approvato dalla Giunta Regionale con deliberazione

Dettagli

Prot. SUMAI 07/Seg/2013 Benevento, 06/02/2013 PROPOSTA PER LA FORMULAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER LA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER L ANNO 2013

Prot. SUMAI 07/Seg/2013 Benevento, 06/02/2013 PROPOSTA PER LA FORMULAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER LA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER L ANNO 2013 Prot. SUMAI 07/Seg/2013 Benevento, 06/02/2013 PROPOSTA PER LA FORMULAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER LA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER L ANNO 2013 Implementazione delle priorità per le visite specialistiche

Dettagli

Dr. Alfiero Zamponi, MMG

Dr. Alfiero Zamponi, MMG LA PRIORIZZAZIONE DELLA RISONANZA MAGNETICA NELLO STUDIO DELLA SPALLA, DEL GINOCCHIO E DEL RACHIDE LOMBOSACRALE Ospedale di Bibbiena, sabato 21 aprile 2012 Dr. Alfiero Zamponi, MMG Perché siamo qui? Perché

Dettagli

Oggetto: Deliberazione Giunta Regionale del 5 maggio 2009 n. 247 Partecipazione alla spesa sanitaria ticket.

Oggetto: Deliberazione Giunta Regionale del 5 maggio 2009 n. 247 Partecipazione alla spesa sanitaria ticket. Regione Calabria Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Il Dirigente Generale Prot. n. Ai Direttori Generali e Commissari Straordinari Aziende Sanitarie ed Ospedaliere Al Presidente Fondazione

Dettagli

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket.

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Area d'interesse: Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Data pubblicazione: giovedì

Dettagli

Attività specialistica ambulatoriale

Attività specialistica ambulatoriale Attività specialistica ambulatoriale Programma straordinario contenimento tempi di attesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali di cui alla DGR 1735/2014 e Circ. 21/2014 Riduzione delle liste

Dettagli

LE CLASSI DI PRIORITA' COME STRUMENTO DI GOVERNO DELLA DOMANDA. RM DEL RACHIDE, SPALLA E GINOCCHIA: CONFRONTO CON I CLINICI

LE CLASSI DI PRIORITA' COME STRUMENTO DI GOVERNO DELLA DOMANDA. RM DEL RACHIDE, SPALLA E GINOCCHIA: CONFRONTO CON I CLINICI LE CLASSI DI PRIORITA' COME STRUMENTO DI GOVERNO DELLA DOMANDA. RM DEL RACHIDE, SPALLA E GINOCCHIA: CONFRONTO CON I CLINICI Arezzo, Auditorium Pieraccini Ospedale San Donato, 14 Gennaio 2012 RUOLO ED ASPETTATIVE

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano

Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano 1 Assicurazione privata in un Servizio Sanitario Nazionale tipo Beveridge: Il caso italiano CARLO DE PIETRO carlo.depietro@supsi.ch CALASS - Lausanne, 4 settembre 2011 INDICE Il peso dell assicurazione

Dettagli

Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa

Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa Assistenza Specialistica Ambulatoriale: Governo dei Tempi d Attesa 26 Gennaio 2015 Politiche di Governo dei Tempi d Attesa Prestazioni oggetto di monitoraggio (1) Il monitoraggio dei tempi di attesa delle

Dettagli

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate Intervista a 1 e 2 Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate nel cancro al colon retto Abstract Il Cancro Colon Rettale (CCR) rappresenta uno dei tumori più diffusi e aggressivi. I nuovi farmaci

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 -

Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - Soluzioni per lo sviluppo dell attività Libero Professionale e convenzionamento con i Fondi Sanitari integrativi - 2014 - La crescente attenzione delle Direzione Aziendali verso lo sviluppo dell Attività

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

La valutazione dell appropriatezza in ambito ambulatoriale. Roma 28 marzo 2007 Progetto Mattoni SSN Appropriatezza prestazioni sanitarie

La valutazione dell appropriatezza in ambito ambulatoriale. Roma 28 marzo 2007 Progetto Mattoni SSN Appropriatezza prestazioni sanitarie La valutazione dell appropriatezza in ambito ambulatoriale Roma 28 marzo 2007 Progetto Mattoni SSN Appropriatezza prestazioni sanitarie Tendiamo a dare per scontato l esistente livello di erogazione di

Dettagli

ASL 3 Genovese-Dip. Cure Primarie _ S.C. Cure Primarie _ L. Bistolfi

ASL 3 Genovese-Dip. Cure Primarie _ S.C. Cure Primarie _ L. Bistolfi Governare i tempi di attesa e le priorità in Sanità : i codici di priorità per le prestazioni ambulatoriali in ASL 3 ASL 3 Genovese-Dip. Cure Primarie _ S.C. Cure Primarie _ L. Bistolfi I PERCHE DELLE

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

Farmaci e visite specialistiche. Farmaci e visite specialistiche

Farmaci e visite specialistiche. Farmaci e visite specialistiche Farmaci e visite specialistiche Farmaci e visite specialistiche Dal 29 agosto 2011 in Emilia Romagna Patronato INCA CGIL 1 Con la legge n. 111/2011 il Governo ha tagliato 834 milioni di euro annui dal

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket Risorse 2012: I fondi destinati al finanziamento del Ssr sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l'assistenza distrettuale,

Dettagli

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei

S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione Umana - Banca del Seme e degli Ovociti Responsabile: Dott. Francesco Tomei TAVOLA ROTONDA La Tutela delle coppie infertili ed il SSN. Roma, 5 giugno 2014, Sala Aldo Moro Palazzo Montecitorio Francesco Tomei Direttore Centro PMA _ Azienda Ospedaliera Pordenone Componente del Gruppo

Dettagli

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Relatore: Luisa Anna Adele Muscolo Data: 24 ottobre 2015, XXXVI SIFO - Catania Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi

La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive. G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi La Psicologia in Lombardia: cornice normativa, attività e prospettive G. De Isabella, U. Mazza, R. Telleschi Psicologia psicoterapia Piano Socio Sanitario Regionale (PSSR) 2002-2004 Psicologia Psichiatria

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

1. ANALISI DEL CONTESTO

1. ANALISI DEL CONTESTO allegato n. 1 alla deliberazione n. 13 del 28/01/2015. ASL di Lodi Dipartimento Cure Primarie PIANO AZIENDALE ATTUATIVO PER IL GOVERNO DELLE LISTE DI ATTESA dell ASL di LODI PIANO 2015 1. ANALISI DEL CONTESTO

Dettagli

Quale futuro per le risorse in sanità? Quale futuro dopo i tagli? Roma, giugno 2012 Carla Collicelli

Quale futuro per le risorse in sanità? Quale futuro dopo i tagli? Roma, giugno 2012 Carla Collicelli Quale futuro per le risorse in sanità? Quale futuro dopo i tagli? Roma, giugno 2012 Un settore imponente 113 miliardi di euro di spesa pubblica (7,3% Pil) 31 miliardi di euro di spesa privata (in totale

Dettagli

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre

tipologie: 1 Ogni prestazione ha una tariffa omnicomprensiva e predeterminata. Ne esistono, normativamente, tre La procreazione medicalmente assistita nei Livelli essenziali di assistenza per garantire prestazioni uniformi e trasparenti nel servizio sanitario nazionale a cura dell avv. Maria Paola Costantini (referente

Dettagli

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare

MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT. WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare MATTONE INTERNAZIONALE PROJECT WORKSHOP Coopera'on between Member States for the implementa'on of the Direc've on cross border healthcare Bruxelles, 26 Febbraio 2013 Ing. Paolo Di Loreto Representative

Dettagli

Ricetta Farmaceutica Dematerializzata. 18/11/2014 ASL Milano1

Ricetta Farmaceutica Dematerializzata. 18/11/2014 ASL Milano1 Ricetta Farmaceutica Dematerializzata 18/11/2014 ASL Milano1 Inquadramento Normativo D.L. 269/2003 Art. 50 Comma 5-bis Disposizioni in materia di monitoraggio della spesa nel settore sanitario e di appropriatezza

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI

ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI ALLEGATI GRAFICI E TABELLARI I dati sono aggiornati a settembre 2014. 50 miliardi di euro 130 Le previsioni di spesa sanitaria pubblica 125 120 DEF NA DEF DEF 2012 NA DEF 2012 115 NA DEF 2013 Def 2014

Dettagli

Regolamento aziendale Gestione agende Cup. (Specialistica ambulatoriale)

Regolamento aziendale Gestione agende Cup. (Specialistica ambulatoriale) Regolamento aziendale Gestione agende Cup (Specialistica ambulatoriale) SOMMARIO Art. 1 Premessa... 3 Art. 2 Obiettivi... 3 Art. 3 Livelli di Responsabilità... 4 Art. 4 Modalità operative... 5 Art. 5 Accesso

Dettagli

DOMANDA PER L'ASSISTENZA SANITARIA TRANSFRONTALIERA

DOMANDA PER L'ASSISTENZA SANITARIA TRANSFRONTALIERA DOMANDA PER L'ASSISTENZA SANITARIA TRANSFRONTALIERA ai sensi del Dlgs. n. 38 del 28.02.2014 di recepimento della Direttiva europea 2011/24/UE Azienda U.S.L. ROMA B Al Direttore del Distretto Via CAP ROMA

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli