UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA. Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA. Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia"

Transcript

1 UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA Master in economia e gestione sanitaria e sociosanitaria Net-MEGS Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia Lavoro di tesi: Dr. Dario CARONZOLO Relatore: Prof. Gianfranco DOMENIGHETTI Lugano, gennaio 2008

2 Indice RIASSUNTO INTRODUZIONE Obiettivi del lavoro di tesi Metodologia adottata Fonti dei dati Rappresentatività dei campioni Definizione degli indicatori Valutazione critica dei consumi Piano della tesi CONFRONTO TRA I DUE SISTEMI Assistenza farmaceutica: sistema svizzero Swissmedic Modalità di registrazione dei farmaci Regime di fornitura dei farmaci Disciplina dei prezzi Processo di revisione dei prezzi Margini alla distribuzione Assistenza farmaceutica: sistema italiano L agenzia Italiana del Farmaco Modalità di registrazione dei farmaci Rimborsabilità dei farmaci e regime di fornitura Il sistema delle Note AIFA Disciplina dei prezzi Margini alla distribuzione Tetto di spesa farmaceutica Differenze e similitudini tra i due sistemi ANALISI DEI CONSUMI PER CLASSE TERAPEUTICA Apparato gastrointestinale e metabolismo Sangue ed organi ematopoietici Apparato cardiovascolare Dermatologici Sistema genito-urinario e ormoni sessuali Antimicrobici generali per uso sistemico Antineoplastici ed immunomodulatori Sistema muscolo-scheletrico Sistema nervoso centrale Apparato respiratorio Organi di senso VISIONE COMPLESSIVA CONCLUSIONI Risultati ottenuti Rivalutazione della metodologia utilizzata Possibili sviluppi della ricerca ALLEGATO 1 - Hit 100 Ticino in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 2 - Hit 100 Svizzera in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 3 - Hit 100 Italia in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 4 - Hit 100 Ticino in ordine di DDDs - anno ALLEGATO 5 - Hit 100 Svizzera in ordine di DDDs - anno ALLEGATO 6 - Hit 100 Italia in ordine di DDDs - anno BIBLIOGRAFIA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO II

3 Indice delle tabelle e delle figure Tab. 1 Svizzera: margini di distribuzione farmaci inclusi nella lista positiva 17 Tab. 2 Italia: margini di distribuzione per i farmaci a carico del SSN. 24 Tab. 3 Spesa percentuale per gruppo terapeutico: confronto Ticino, Svizzera e Italia. 29 Tab. 4 DDDs e costo medio DDD per gruppo terapeutico: confronto Ticino, Svizzera e Italia. 30 Tab. 5 Spesa percentuale farmaci apparato gastrointestinale e metabolismo: confronto tra 31 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 6 DDDs e costo medio per DDD farmaci dell apparato gastrointestinale e metabolismo: 31 confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 7 Consumo di inibitori della pompa protonica in Italia. 32 Tab. 8 Consumo di inibitori della pompa protonica in Ticino. 33 Tab. 9 Consumo di inibitori della pompa protonica in Svizzera. 33 Tab. 10 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Italia. 34 Tab. 11 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Ticino. 35 Tab. 12 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Svizzera. 36 Tab. 13 Spesa percentuale farmaci sangue ed organi ematopoietici: confronto tra Ticino, 38 Svizzera e Italia. Tab. 14 DDDs e costo medio per DDD farmaci sangue ed organi ematopoietici: confronto tra 38 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 15 Dettaglio consumo di antiaggreganti: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 39 Tab. 16 Spesa percentuale farmaci del sistema cardiovascolare: confronto tra Ticino, Svizzera e 41 Italia. Tab. 17 DDDs e costo medio per DDD farmaci del sistema cardiovascolare: confronto tra 42 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 18 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Ticino. 43 Tab. 19 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Svizzera. 43 Tab. 20 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Italia. 44 Tab. 21 Dettaglio del consumo di statine in Ticino. 46 Tab. 22 Dettaglio del consumo di statine in Svizzera. 47 Tab. 23 Dettaglio DDD stabilite dal WHO per le statine. 47 Tab. 24 Dettaglio del consumo di statine in Italia. 48 Tab. 25 Spesa percentuale farmaci dermatologici: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 51 Tab. 26 Spesa percentuale farmaci sistema genito urinario e ormoni sessuali: confronto tra 52 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 27 DDDs e costo medio per DDD farmaci del sistema genito urinario e ormoni sessuali: 52 confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 28 Spesa percentuale antimicrobici per uso sistemico: confronto tra Ticino, Svizzera e 54 Italia. Tab. 29 DDDs e costo medio per DDD antimicrobici per uso sistemico: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 55 III

4 Tab. 30 Spesa percentuale antineoplastici e immunomodulatori: confronto tra Ticino, Svizzera 56 e Italia. Tab. 31 DDDs e costo medio per DDD antineoplastici e immumodulatori: confronto tra Ticino, 57 Svizzera e Italia. Tab. 32 Dettaglio del consumo di immunosoppressori selettivi in Svizzera. 58 Tab. 33 Dettaglio del consumo di immunosoppressori selettivi in Ticino. 59 Tab. 34 Spesa percentuale farmaci sistema muscoloscheletrico: confronto tra Ticino, Svizzera e 60 Italia. Tab. 35 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema muscoloscheletrico: confronto tra 60 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 36 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Italia. 61 Tab. 37 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Svizzera. 62 Tab. 38 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Ticino. 62 Tab. 39 Spesa percentuale farmaci sistema nervoso centrale: confronto tra Ticino, Svizzera e 63 Italia. Tab. 40 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema nervoso centrale: confronto tra Ticino, 64 Svizzera e Italia. Tab. 41 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Italia. 64 Tab. 42 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Ticino. 65 Tab. 43 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Svizzera. 66 Tab. 44 Spesa percentuale farmaci sistema respiratorio: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 68 Tab. 45 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema respiratorio: confronto tra Ticino, 68 Svizzera e Italia. Tab. 46 Spesa percentuale farmaci organi di senso: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 70 Tab. 47 DDDs e costo medio per DDD farmaci organi di senso: confronto tra Ticino, Svizzera 70 e Italia. Tab. 48 DDDs e costo medio DDD per gruppo terapeutico: ranking per DDDs Ticino vs 72 Svizzera e Italia Tab. 49 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Ticino vs Svizzera e 73 Italia Tab. 50 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Svizzera vs Ticino e 73 Italia Tab. 51 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Italia vs Ticino e Svizzera 74 Fig. 1 Prescrizione di antiaggreganti piastrinici: Italia vs Svizzera e Ticino. 2 Fig. 2 Prescrizione statine: Italia vs Svizzera e Ticino. 3 Fig. 3 Comparazione del Ginkgo biloba vs placebo, Outcome a 12 settimane (Birks J, 2007) 67 IV

5 RIASSUNTO In alcune nazioni studi comparativi sull utilizzo delle differenti classi di farmaci vengono realizzati, con cadenza annuale. Essi hanno lo scopo di evidenziare il consumo di farmaci per integrare politiche di indirizzo e di sviluppo dell offerta farmaceutica con azioni mirate a razionalizzare l utilizzo dei farmaci stessi. Tali studi, più semplici da realizzare nei contesti in cui esiste un sistema sanitario nazionale, non sono stati mai realizzati in Svizzera principalmente a causa della frammentazione della raccolta dei dati da parte dei diversi assicuratori malattia, della conseguente assenza di una base dati comune e dall assenza di un organismo federale equivalente del britannico NICE (National Institute of Clinical Excellence) oppure dell italiana AIFA ( Agenzia Nazionale del Farmaco). Il nostro lavoro ha per la prima volta cercato di analizzare il consumo territoriale di farmaci in Svizzera ed in Ticino. Ambedue i contesti sono stati comparati a quello italiano per valutare come le componenti del sistema di assistenza farmaceutica potessero influenzare il consumo di farmaci e se vi fosse una componente legata alla latinità nel consumo del Canton Ticino. In assenza di una base dati complessiva l analisi si è dovuta basare sui consumi dei primi cento farmaci in ordine di fatturato rimborsati da uno dei più grandi assicuratori svizzeri. La scelta, determinata dalla difficoltà di accedere alla base dati completa dell assicuratore, è stata presa considerando che i primi cento farmaci rappresentano circa il 40% della spesa complessiva per medicamenti dell assicuratore in Ticino ed in Svizzera e del SSN in Italia. Ciò ha permesso di avere una prima indicazione, anche se non esaustiva, dei consumi sia in termini di spesa che in termini di dosi per paziente. A dispetto di questi limiti oggettivi, diversi sono i risultati significativi che la nostra ricerca ha evidenziato. Analizzando i dati relativi all anno 2006, emerge innanzitutto un consumo di farmaci nettamente superiore in Ticino sia rispetto alla media svizzera che al consumo in Italia. Per i primi cento farmaci in ordine di fatturato in Ticino si sono spesi, infatti, Fr. per assicurato, con un consumo in termini di dosi di DDDs (Defined Daily Dose per mille abitanti die). Nello stesso periodo in Svizzera si sono spesi Fr. 1

6 con un consumo medio in termini di dosi di DDDs ed in Italia sono stati spesi Fr. con un consumo di DDDs. I fattori determinanti queste macroscopiche differenze sono probabilmente molteplici. Dalla nostra analisi sembra essere certamente importante una diversa attitudine a prescrivere ed utilizzare determinate specialità, ma anche la diversa regolamentazione presente nei due paesi ed il maggiore o minore utilizzo di generici. Abbastanza significativi ed emblematici sono dati sul consumo di antiaggreganti piastrinici. Per questa classe di farmaci in Ticino si spendono 23.3 Fr. per assicurato, in Svizzera 10.3 Fr. ed in Italia 2.5 Fr. In Ticino vengono consumate mediamente DDD ogni mille assicurati die, in Svizzera DDDs ed in Italia DDDs. Il dato ticinese è daterminato da un consumo complessivo superiore ma anche da una differenza in termini qualitativi. In Ticino vengono, infatti, consumate mediamente DDDs di clopidogrel e DDD di acido acetilsalicilico mentre in Svizzera il consumo scende rispettivamente a 6.19 DDDs ed a DDDs ed in Italia vengono utilizzate in media 0.79 DDDs di clopidogrel e DDDs di acido acetilsalicilico. Figura 1. Prescrizione di antiaggreganti piastrinici: Italia vs Svizzera e Ticino. 2

7 Altro dato significativo è quello del consumo di statine. Per questa classe di farmaci in Ticino si spendono 39.4 Fr. per assicurato, in Svizzera 18.5 Fr. ed in Italia 21.2 Fr. In Ticino vengono consumate mediamente DDD ogni mille assicurati die, in Svizzera DDDs ed in Italia DDDs. Figura 2. Prescrizione statine: Italia vs Svizzera e Ticino. Il dato ticinese, anche in questo caso, si differenzia sia da quello svizzero che da quello italiano. Tali differenze sono principalmente dovute al maggior utilizzo di atorvastatina e a un minor consumo di generici. Le differenze tra Svizzera ed Italia in termini di DDDs sono, invece, principalmente dovute al più largo utilizzo di dosaggi maggiori di statine flat price in Svizzera (cioè con un prezzo identico anche per dosaggi maggiori). Il risultato maggiore che la nostra ricerca ha ottenuto è stato quello di evidenziare queste differenze. La metodologia ed i risultati di questa analisi (seppur forzatamente non esaustivi per mancanza d`accesso alle banche dati complete) dovrebbero incentivare gli assicuratori e Santesuisse a valorizzare le loro banche dati in modo tale da poter effettuare confronti esaustivi a livello cantonale e tra la Svizzera ed altri paesi Europei, il che permetterebbe interventi di politica sanitaria miranti a promuovere la prescrizione ed il consumo dei farmaci più efficaci ed efficienti. 3

8 1. INTRODUZIONE 1.1 Obiettivi del lavoro di tesi Esistono in letteratura numerosi studi in cui è stato comparato l utilizzo di alcune classi di farmaci in diversi contesti e/o nazioni. In alcuni paesi, soprattutto in quelli in cui è presente un sistema sanitario nazionale come l Italia, vengono pubblicati, con cadenza annuale, rapporti sul consumo di farmaci. Essi sono utili a comprendere l evoluzione del mercato farmaceutico, ma soprattutto necessari per capire quali politiche vadano adottate per massimizzare l utilità collettiva. La stessa cosa, purtroppo, non accade in Svizzera: l unico rapporto sul mercato dei farmaci in Svizzera, infatti, viene pubblicato da Interpharma, l associazione mantello della grande industria farmaceutica. Esso, più che dare una visione critica, fornisce una serie di cifre utili unicamente per quantificare le dimensioni del mercato farmaceutico e per sottolinearne l importanza per l economia nazionale. Non vengono valutati in maniera dettagliata i consumi delle varie classi di farmaci, non vengono confrontati i consumi nei vari cantoni comparandoli tra di loro, non viene realizzata una valutazione sistematica dell evoluzione del mercato nel corsi degli anni ed una correlazione tra questa evoluzione e l effettiva maggiore o minore incidenza e prevalenza di alcune patologie rispetto ad altre. Anche gli studi pubblicati su riviste scientifiche contribuiscono poco alla conoscenza del mercato dei farmaci in Svizzera: se da una parte esistono studi particolareggiati sul consumo di alcune classi di farmaci come gli antibiotici, dall'altra non è possibile trovare in letteratura alcuno studio che tenti di approfondire l argomento da un punto di vista più ampio comparando l utilizzo di varie classi di farmaci e/o valutando l evoluzione del mercato farmaceutico nel suo insieme. Obiettivo di questo studio è, pertanto, quello di fornire, per la prima volta, una visione di quelli che sono i farmaci più utilizzati in ambito extraospedaliero in Svizzera. Esso vuole, inoltre, evidenziare eventuali differenze nel consumo di alcune molecole o classi di farmaci tra Ticino, Svizzera ed Italia, realizzando anche una valutazione critica circa l appropriatezza dei rispettivi ranking. 4

9 Numerose potrebbero essere le componenti responsabili del diverso utilizzo di farmaci: determinanti socioculturali, differenze nell incidenza epidemiologica di morbidità, vincoli di tipo legislativo, diversità nel sistema di finanziamento della spesa farmaceutica, diversità negli investimenti e nell impatto del marketing delle industrie produttrici, ecc. Il confronto dei consumi, per dare una visione critica di quello che effettivamente è l utilizzo delle varie classi di farmaci, potrebbe servire a spiegare, almeno in parte, la variabilità di prescrizione, di utilizzo e di spesa. 1.2 Metodologia adottata Fonti dei dati La ricerca ha confrontato i dati relativi al mercato per l anno 2006 delle prime cento specialità in ordine di fatturato. Il consumo territoriale di farmaci è stato valutato sia in termini di spesa che in termini di Defined Daily Doses giornaliere per mille abitanti (DDDs). Per quanto riguarda l Italia sono stati utilizzati i dati che si riferiscono all uso territoriale dei medicinali prescritti a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN); per la Svizzera, invece, sono stati utilizzati i dati sui farmaci inclusi sulla lista dei medicamenti, rimborsati da uno dei maggiori assicuratori malattia presenti sul mercato svizzero. I dati sulla prescrizione a carico del SSN sono stati raccolti dall OsMed (Osservatorio nazionale sull impiego dei medicinali), a cura di Federfarma (Federazione nazionale delle farmacie private convenzionate con il SSN) e di Assofarm (Associazione farmacie pubbliche). I dati provenienti dalle varie sedi provinciali sono stati successivamente aggregati a livello regionale e nazionale. Il flusso dei dati delle prescrizioni farmaceutiche a carico del SSN, curato da Federfarma e da Assofarm, presenta un grado di completezza variabile per area geografica e per mese: nel 2006 mediamente la copertura nazionale è stata di oltre il 90%. Per quanto riguarda la Svizzera non esiste, purtroppo, un sistema nazionale di raccolta dei dati sul consumo dei farmaci presenti sulla lista dei medicamenti e, quindi, 5

10 rimborsati dagli assicuratori malattia agli assicurati aventi una copertura assicurativa di base obbligatoria. Come fonte dei dati è stato, pertanto, utilizzato il database di uno dei più importanti gruppi di assicurazione malattia presenti sul mercato svizzero. Il campione di assicurati rappresenta più di un milione di soggetti in tutta la Svizzera (pari a circa il 18% della popolazione) e oltre nel solo cantone Ticino (pari a circa il 25% della popolazione). I dati relativi al consumo di farmaci sono stati anche in questo caso raccolti a livello locale e cantonale e sono stati successivamente aggregati a livello nazionale. Essi rappresentano i consumi di farmaci di utilizzo territoriale rimborsati nel corso dell anno 2006 da parte di questo grande assicuratore Rappresentatività dei campioni I dati italiani si riferiscono al consumo territoriale di farmaci della popolazione totale, mentre i dati svizzeri e ticinesi si riferiscono ad un ampio campione di popolazione. Un analisi statistica della popolazione dei nostri campioni di assicurati è stata effettuata per valutare se i consumi di farmaci, evidenziati nei suddetti campioni, potessero essere considerati rappresentativi dei consumi complessivi della popolazione svizzera e ticinese. Come metro di paragone tra i campioni e la popolazione totale sono state utilizzate le distribuzioni per sesso e per età. Nonostante siano ad oggi disponibili diverse formule di compensazione del rischio più soddisfacenti e rappresentative, l analisi della distribuzione per sesso e per età è stata scelta sia perché questi dati sono più facilmente reperibili rispetto ai dati di rischio, morbidità e comorbidità, sia perché la distribuzione per sesso e per età è alla base dei meccanismi previsti dalla legge svizzera sull assicurazione malattia per il calcolo della compensazione del rischio tra i vari assicuratori (Beck K, 2003; LAMal, art 105). Per effettuare l analisi statistica è stato utilizzato il Prism GraphPad software package (San Diego, CA). I dati sono stati analizzati utilizzando il paired t test non parametrico di Wilcoxon con un intervallo di confidenza del 95%. Dall analisi statistica non sono emerse differenze significative tra i campioni oggetto della nostra analisi ed il totale della popolazione. Se si considera la distribuzione per 6

11 sesso e per età sufficiente a delineare, almeno in linea di massima, il profilo di rischio delle popolazioni oggetto di studio, i campioni oggetto della nostra ricerca possono essere considerati rappresentativi della popolazione complessiva del Canton Ticino e della Svizzera. Analogamente, sia considerando la distribuzione per sesso e per età delle due popolazioni, sia per quello che emerge dai dati OECD e WHO sullo stato di salute della popolazione (Allegato 1), non è stato possibile evidenziare differenze significative tra Svizzera ed Italia Classificazione e analisi dei dati Il confronto è stato realizzato considerando il consumo territoriale di farmaci sia in termini di fatturato che in termini di dosi giornaliere per paziente. Per confrontare l utilizzo dei farmaci in termini di dosi per paziente è stato utilizzato, come raccomandato dal WHO, il sistema /DDD. Ogni specialità è stata identificata con il suo code (Anatomical Therapeutic Chemical classification). E stato in questo modo possibile raggruppare i medicamenti in funzione del principio attivo e della classe farmacologica di appartenenza. Per ogni farmaco identificato tramite il suo code è stata, inoltre, definita una DDD (Defined Daily Dose) utilizzando come fonte dei dati il database del WHO e seguendo le regole determinate dallo stesso WHO per quei farmaci non ancora codificati. I dati di prescrizione delle singole e delle classi di sono stati in questo modo analizzati per spesa lorda in franchi e per quantità in DDD. La DDD rappresenta la dose giornaliera di mantenimento per un individuo adulto di 70 kg quando il farmaco viene utilizzato per la sua indicazione principale. Non sempre è, pertanto, la dose che effettivamente viene o è stata utilizzata nei singoli pazienti, ma è un compromesso utile e necessario per comparare l utilizzo di farmaci in contesti e/o nazioni diverse. Non vengono, infatti, contemplati dal sistema gli utilizzi per indicazioni diverse da quella principale e ancor di meno gli utilizzi off-label, ciononostante, il sistema /DDD è quello che attualmente viene considerato il migliore per studi comparativi in cui vengono valutate le dosi/paziente. 7

12 Utilizzando il database WHO è stato, dunque, possibile il calcolo delle DDDs per ogni principio attivo e per le classi farmacologiche a cui le varie molecole appartengono. In questo modo, eventuali differenze nell utilizzo dei diversi farmaci, sia a livello di principi attivi che per quanto riguarda le classi farmacologiche, sono state evidenziate in funzione delle DDD per mille abitanti die. Il calcolo del totale delle DDD utilizzate (per principio attivo, per categoria terapeutica, ecc.) è stato realizzato sommando le DDD contenute in ogni singola confezione e moltiplicate per il numero di pezzi dispensati. Il numero di DDD calcolate è stato espresso come DDD/1000 abitanti die (DDDs), ovvero come numero medio di dosi di farmaco consumate giornalmente ogni 1000 abitanti. Esprimendo i dati come DDDs, il consumo di un farmaco, di una sostanza, di un sottogruppo e/o di un gruppo terapeutico rappresenta, infatti, il numero totale di giornate di terapia per mille abitanti e/o assicurati Definizione degli indicatori DDD/1000 abitanti die (DDDs): numero medio di dosi di farmaco consumate giornalmente da 1000 abitanti. Il valore è ottenuto nel seguente modo: DDDs Nr totale DDD consumate/365 giorni Nr assicurati 1000 Costo medio DDD: spesa totale in franchi (Fr.) diviso il numero complessivo di dosi consumate; indica mediamente il costo di una giornata di terapia. Costo medio per DDD ( Fr.) Fatturato ( Fr.) per livello Nr totale DDD consumate per livello I dati relativi alla spesa totale ed al fatturato delle specialità commercializzate in Italia sono stati trasformati in franchi tenendo conto del tasso di cambio nominale. Al fine di eliminare gli effetti delle variazioni giornaliere, si è deciso di utilizzare il tasso di cambio medio registrato dall Ufficio Federale di Salute Pubblica (UFSP) tra il 8

13 giugno ed il dicembre 2006 (fonte: stimato in 1.58 franchi (Fr.) per un euro ( ). L utilizzo del tasso di cambio è stato preferito per la comparazione all utilizzo della parità di potere d acquisto (PPA). Come già fatto in studi precedenti (Marty F, 2006), non si è tenuto conto della PPA perché l obiettivo dello studio non è stato quello di confrontare i prezzi dei farmaci rispetto a quelli degli altri beni di consumo in Svizzera ed in Italia, ma piuttosto comparare il costo per DDD nei vari contesti. Spesa percentuale: percentuale di spesa assorbita dal singolo livello rispetto alla spesa farmaceutica territoriale totale; indica l importanza del singolo capitolo di spesa nella composizione della spesa complessiva. Spesa ( Fr.) per livello Spesa % 100 Spesa totale ( Fr.) Valutazione critica dei consumi Per alcune molecole è stata, infine, realizzata una valutazione critica utilizzando come fonte d informazione preferenziale la rivista Prescrire (www.prescrire.org), una rivista francese indipendente che, tra le altre cose, pubblica valutazioni approfondite delle nuove specialità immesse in commercio sottolineandone gli effettivi vantaggi rispetto ai prodotti già in uso. Il punto di vista indipendente è stato utilizzato per valutare se la posizione nella graduatoria d utilizzo, sia in termini di fatturato che in termini DDDs, possano essere più o meno giustificate da un effettiva diversa efficacia terapeutica della molecola in questione rispetto a molecole analoghe appartenenti alla stessa classe farmacologica e/o molecole appartenenti a classi diverse che presentano attività simile. 1.3 Piano della tesi L obiettivo di questa tesi è stato quello di confrontare l utilizzo dei farmaci in contesti che presentano differenze dal punto di vista culturale ma anche per quanto riguarda 9

14 l impianto legislativo ed il sistema organizzativo dell assistenza sanitaria ed in particolare farmaceutica. La prima parte della tesi è stata sviluppata per chiarire quali siano le differenze di sistema che potrebbero essere alla base di un differente utilizzo e consumo di farmaci sia tra Ticino ed Italia che tra Svizzera ed Italia. Nel secondo capitolo il sistema di assistenza farmaceutico svizzero è stato confrontato con quello italiano, evidenziando principalmente le differenze per quanto riguarda i meccanismi alla base delle decisioni di inclusione di un farmaco nella lista delle specialità rimborsate rispettivamente dagli assicuratori malattia per la Svizzera e dal sistema sanitario nazionale per l Italia. È stata posta particolare attenzione ai meccanismi e alla disciplina di formazione del prezzo e di revisione dello stesso dopo che la specialità farmaceutica è stata inclusa nella lista positiva. Sono stati, inoltre, analizzati i differenti processi distributivi presenti nei due paesi, cercando di evidenziare pregi e difetti di sistemi distributivi diversamente organizzati. Infine, sono stati analizzati i sistemi di contenimento della spesa, per capire se essi potessero avere un qualche effetto sulla prescrizione e sul consumo di farmaci. Nel terzo capitolo sono stati analizzati i consumi delle varie classi di farmaci presenti nel nostro campione dei cento farmaci più venduti in ordine di fatturato. È stata in primis fatta una valutazione macroscopica a livello di mercato complessivo evidenziando le differenze nei consumi farmaceutici totali tra Ticino, Svizzera ed Italia. In seguito, le varie classi terapeutiche sono state analizzate singolarmente. Sono state evidenziate le differenze nei consumi sia complessivamente che a livello di singole specialità e principi attivi. Per le molecole e le classi più significative si è cercato di valutare se le differenze in termini di spesa e di consumo giornaliero potessero avere o meno una giustificazione dal punto di vista medico-scientifico, oppure fossero determinate da una diversa attitudine a prescrivere e consumare differenti molecole o classi di molecole, o ancora fossero dovute a diversità dei canali distributivi o delle politiche di marketing o di packaging. 10

15 Nel quarto capitolo è stata fatta una valutazione complessiva di quelle che sono state le principali differenze in termini di consumi per paziente, di spesa e di costo per DDD tra Ticino, Svizzera ed Italia. È stato fatto un rating dei vari gruppi terapeutici in termini di DDDs e sono stati analizzati i consumi dei primi dieci principi attivi per DDDs cercando di confrontare i dati e la posizione nel rating per DDDs con quelli del rating per spesa complessiva per molecola o codice. L attenzione è stata focalizzata sui principali determinati che potrebbero essere stati responsabili delle differenze stesse, cercando di evidenziare quanto essi siano stati importanti a livello di sistema di assistenza farmaceutica, ma anche a livello di singole molecole e di classi di molecole. Nel quinto capitolo è stato, infine, lasciato spazio ad una discussione critica dei risultati ottenuti e dei limiti oggettivi della ricerca realizzata cercando di estrarre ed evidenziare i risultati più significativi e caratteristici del lavoro stesso. 11

16 2. CONFRONTO TRA I DUE SISTEMI 2.1 Assistenza farmaceutica: sistema svizzero Swissmedic Swissmedic è l'autorità centrale svizzera di sorveglianza per gli agenti terapeutici, i medical devices ed i prodotti veterinari. Si tratta di un istituto pubblico dipendente formalmente dal Consiglio Federale, ma autonomo per quanto riguarda l attività di gestione. Creata nel 2002 con la LATer (Legge Federale sugli Agenti Terapeutici), Swissmedic ha il compito di migliorare la regolamentazione e vigilare sulla produzione e distribuzione dei prodotti terapeutici. In qualità di ente di diritto pubblico della Confederazione con sede a Berna esso è autonomo nella sua organizzazione e gestione, benché subordinato al Dipartimento federale dell'interno, e dispone di fondi propri. L istituto si mantiene, infatti, grazie ai compensi ricevuti da parte delle aziende per le procedure di autorizzazione (21%), ad imposte pagate dalle aziende farmaceutiche in funzione del loro volume d affari (51%) e a contributi federali (28%). Il Consiglio federale ha affidato a Swissmedic un mandato pluriennale di prestazione e, inoltre, il Dipartimento federale dell'interno ha concluso con l'istituto un accordo annuale di prestazione. Per tutelare la salute delle persone e degli animali, Swissmedic si assicura che i farmaci e i dispositivi medici siano efficaci e sicuri. La competenze di Swissmedic includono: l'omologazione di farmaci le autorizzazioni di esercizio per la fabbricazione e il commercio all'ingrosso e le ispezioni la sorveglianza del mercato di farmaci e dispositivi medici l attività di farmacovigilanza ed il monitoraggio delle reazioni avverse il controllo del traffico degli stupefacenti gli esami analitici di laboratorio sulla qualità del medicinali l'attività legislativa e normativa. 12

17 2.1.2 Modalità di registrazione dei farmaci Per essere venduti sul mercato svizzero, i prodotti farmaceutici devono essere approvati da Swissmedic. Le aziende che desiderano presentare un autorizzazione al commercio devono avere una sede sul territorio svizzero e devono dimostrare che il proprio prodotto soddisfi i criteri di qualità, sicurezza ed efficacia. L autorizzazione, una volta rilasciata, ha una validità di cinque anni. Dal 2002 esiste, inoltre, una forma di licenza temporanea, che può essere rilasciata per produrre e distribuire farmaci per il trattamento di gravi patologie, nel caso in cui non siano disponibili equivalenti terapeutici, oppure vi siano grandi aspettative di efficacia per un nuovo trattamento. Nel momento in cui si presenta una richiesta, esistono due tipi di procedura: standard e semplificata. Quest ultima può essere utilizzata per richiedere l approvazione di: farmaci che contengono ingredienti conosciuti da tempo; prodotti per medicina complementare; preparazioni realizzate da farmacie ed ospedali per i propri clienti; farmaci per l esercito; e farmaci ritenuti importanti per malattie rare. Esiste, infine, un ulteriore possibilità: farmacisti e medici possono ottenere un autorizzazione ad importare specifici prodotti che non sono, non sono ancora o non sono più commercializzati in Svizzera. Tali prodotti devono essere destinati ad uno specifico paziente e devono essere utilizzati solo per quel paziente nella stessa indicazione registrata nel paese d origine secondo le stesse posologie e modalità Regime di fornitura dei farmaci I farmaci sono classificati da Swissmedic in cinque categorie in funzione di quanto richiesto da criteri di sicurezza per quanto riguarda le necessità di prescrizione e dispensazione (OM, art 23-27). Le farmacie e, in alcuni cantoni, i medici dispensanti hanno il monopolio della vendita dei prodotti di lista A, B e C. I prodotti di lista D possono essere anche venduti in negozi specializzati (drogherie), mentre i prodotti di lista E posso essere venduti anche nei supermercati. I prodotti appartenenti alle liste A e B devono essere, inoltre, prescritti da un medico perché possano essere dispensati. 13

18 Sono attualmente in commercio circa 6500 specialità medicinali. Appartengono alla lista A, con obbligo di prescrizione non ripetibile, circa 750 prodotti (11%) e fanno parte della lista B, con obbligo di prescrizione, circa 2850 (45%) prodotti. I prodotti OTC (lista C), ovvero dispensabili dietro consiglio di farmacista o di un medico dispensante, sono circa 750 (11%). Infine, i prodotti vendibili in drogheria sono circa Quelli in lista D sono circa 1950 (30%) e devono essere dispensati su consiglio, mentre quelli in lista E sono circa 150 (3%) e sono vendibili liberamente Disciplina dei prezzi La disciplina attualmente in uso in Svizzera non prevede una regolamentazione sistematica dei prezzi dei farmaci in commercio. I prezzi degli OTC e dei farmaci non rimborsabili necessitanti di prescrizione sono, infatti, determinati liberamente dai produttori; mentre quelli dei prodotti inclusi nel gruppo dei farmaci rimborsati dagli assicuratori ai pazienti con un assicurazione di base sono, invece, stabiliti dall UFSP. I produttori potrebbero, pertanto, decidere di non richiedere la rimborsabilità dei propri prodotti e sarebbero, in questo caso, liberi di decidere il posizionamento del loro prodotto ma in realtà, nella maggior parte dei casi, i benefici che possono avere dalla rimborsabilità li spingono a negoziare il prezzo. In questo caso, sia l inclusione nella lista positiva delle specialità rimborsate dall assicurazione base, sia la determinazione del prezzo di rimborso sono regolati dall Ufficio Federale di Salute Pubblica. Non sempre l inclusione nella lista positiva determina una rimborsabilità universale. In alcuni casi, infatti, l UFSP può determinare anche delle restrizioni alla prescrivibilità (L) a carico della assicurazione di base. Esse hanno carettere prescrittivo, in alcuni casi determinano quale sia la specializzazione che il medico deve possedere per poter prescrivere un determinato farmaco oppure l indicazione per cui può essere prescritto, in altri impongono delle limitazioni temporali e/o quantitative alla prescrizione. L UFSP regolamenta, inoltre, sia i prezzi corrisposti ai produttori (ex-factory), sia i margini garantiti ai distributori ed i pagamenti per i servizi forniti dai farmacisti. Durante la fase di negoziazione dei prezzi vengono tenuti in considerazione diversi fattori. I principali sono: il prezzo a cui è venduta la specialità in questione in altre nazioni; l efficacia relativa del nuovo farmaco in comparazione con i farmaci già 14

19 presenti sul mercato svizzero; i costi di ricerca e sviluppo sostenuti dall azienda che richiede l inserimento del prodotto nella lista dei medicamenti. Per quanto riguarda il prezzo ex-factory, la regola generalmente seguita è quella che il prezzo di vendita in Svizzera non debba essere superiore alla media di quello praticato in paesi con economie e sistemi sanitari comparabili. Pertanto, nella fase di determinazione del prezzo, in prima istanza vengono considerati i prezzi praticati in Germania, Danimarca, Regno Unito e Olanda. Francia, Italia e Austria vengono considerati paesi sussidiari e vengono inclusi nella valutazione nel caso in cui, in qualcuno dei primi quattro paesi, il farmaco non sia ancora commercializzato oppure nell evenienza che, in una delle prime quattro nazioni, la specialità per cui è richiesta l inclusione nella lista positiva sia venduta ad un prezzo troppo basso o troppo alto. Nel caso in cui esistano già in commercio dei farmaci con attività simile, nella determinazione del prezzo si tiene conto anche dell efficacia relativa. In questi casi, il principio generalmente adottato è che la una nuova specialità, se non è più attiva di quelle già incluse nella lista positiva e presenti in commercio, per essere inclusa nella lista debba essere commercializzata ad un prezzo inferiore rispetto alle specialità di confronto. Nel corso della valutazione di efficacia, i farmaci per cui è stata inoltrata una richiesta di inclusione nella lista dei medicamenti rimborsabili vengono classificati in cinque categorie che dovrebbero rispecchiare il loro livello d innovazione: (a) balzo terapeutico; (b) progresso terapeutico; (c) comporta un risparmio rispetto ai farmaci già in commercio; (d) non apporta nulla e non comporta risparmi; (e) non è appropriato per essere incluso nella lista positiva. Questa classificazione consente di tenere in considerazione i costi di ricerca e sviluppo garantendo, nella fase di determinazione del prezzo, un premio per l innovazione (OAMal, art. 65-3bis; OPAS, art. 34-2) per quei prodotti che in fase di valutazione di efficacia appartengono alle categorie (a) e (b). Il premio consiste, in genere, in un aumento del prezzo dal 10 al 20% rispetto al farmaco già in commercio anche se, nel caso in cui si tratti di farmaci che hanno consentito un balzo terapeutico, non sono fissati limiti al premio per l innovazione. 15

20 Premi ancora più alti possono essere attribuiti a quei farmaci che hanno una prospettiva di mercato limitata come gli orphan drugs Processo di revisione dei prezzi Una volta garantita la rimborsabilità da parte degli assicuratori malattia e, quindi, l inclusione nella lista dei medicamenti, le specialità sono sottoposte ad una rivalutazione programmata del prezzo. La prima rivalutazione avviene ventiquattro mesi dopo l inclusione nella lista delle specialità. Essa ha lo scopo di verificare se il prezzo di entrata è appropriato. Se in seguito alla valutazione viene rilevato che il prezzo è troppo alto, allora l UFSP può deliberare un abbassamento del prezzo del farmaco. In questi casi, se la differenza tra il nuovo ed il vecchio prezzo è superiore al 3% e si valuta che questa differenza ha comportato per l azienda utili superiori a Fr., gli assicuratori malattia possono richiedere un rimborso del surplus direttamente al produttore (OAMal, art. 67). Una seconda valutazione è prevista alla scadenza della copertura brevettuale oppure al massimo 15 anni dopo l inserimento nella lista. Una terza viene effettuata due anni dopo quest ultima. Il prezzo stabilito dopo 15 anni, o meglio ancora alla scadenza del brevetto, viene considerato come prezzo di riferimento, ovvero il prezzo rispetto al quale gli eventuali generici dovranno offrire uno sconto di almeno il 30 % al momento della loro introduzione sul mercato. Nel caso in cui il prezzo del prodotto originale dovesse essere ulteriormente abbassato nel corso della revisione dopo due anni, i generici dovranno, comunque, mantenere un prezzo più basso di almeno il 15 %. Lo stesso meccanismo non è, invece, previsto nel caso in cui sia il produttore del prodotto originale ad abbassare di propria iniziativa il prezzo della specialità. In questo caso i produttori di generici non hanno alcun obbligo di adattare il proprio prezzo a quello del prodotto originale (OAMal, art. 65). Infine, per i medicamenti per i quali sono stati approvate da Swissmedic delle nuove indicazioni e/o un nuovo utilizzo, è prevista una valutazione dopo sette anni dall inclusione nella lista (OAMal, art. 66). 16

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia. Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Il mercato farmaceutico ed i suoi attori Claudio Jommi claudio.jommi@.uniupo.it Agenda: il mercato farmaceutico 1) Alcune definizioni 2) Il trend

Dettagli

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012

LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 LE 5 CATEGORIE DI FARMACI PIÙ PRESCRITTE NEL 2012 I farmaci per il sistema cardiovascolare al primo posto per consumo e spesa pubblica, le statine rimangono la categoria a maggior spesa, mentre gli ACE-inibitori

Dettagli

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dott. Adriano Cristinziano Direttore UOC Farmacia A.O. Ospedali dei Colli - Napoli Premessa Centralità del farmaco

Dettagli

I Farmaci equivalenti in Ospedale: Criticità e prospettive

I Farmaci equivalenti in Ospedale: Criticità e prospettive Congresso Nazionale Assogenerici 2008 Il Farmaco Generico nella Politica sanitaria Nazionale I Farmaci equivalenti in Ospedale: Criticità e prospettive Laura Fabrizio Presidente SIFO Società Italiana di

Dettagli

PASQUALE FREGA Assobiotec

PASQUALE FREGA Assobiotec ITALIAN ORPHAN DRUGS DAY Venerdì 13 febbraio 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) PASQUALE FREGA Assobiotec www.digitalforacademy.com Italian Orphan Drug Day Malattie Rare

Dettagli

L uso dei Farmaci in Italia: Rapporto Nazionale

L uso dei Farmaci in Italia: Rapporto Nazionale L uso dei Farmaci in Italia: Rapporto Nazionale (Periodo Gennaio-Settembre 2014) Luca Pani DG@aifa.gov.it Dichiarazione di trasparenza/interessi* Interessi nell industria farmaceutica NO Attualmente Precedenti

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva

Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Presentazione: Indicatori di appropriatezza prescrittiva Relatore: Luisa Anna Adele Muscolo Data: 24 ottobre 2015, XXXVI SIFO - Catania Dichiarazione di trasparenza/interessi* Le opinioni espresse in questa

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012);

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012); Oggetto: Interventi per il contenimento della spesa farmaceutica ospedaliera e territoriale, dei dispositivi medici, dell assistenza integrativa e protesica. L Assessore riferisce che la Regione Sardegna

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Prot. n. 17642/3 Cagliari, 26 luglio 2007 > Ai Direttori Generali delle ASL della Regione > Al Direttore Generale dell Azienda Ospedaliera Brotzu > Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliero Universitarie

Dettagli

Farmaci. Rapporto Osmed 2013. Spesa complessiva cresciuta del 2,3%. Sale il tetto,... l'ospedaliera sfora ancora: +20,5%. Per la territoriale +0,5%

Farmaci. Rapporto Osmed 2013. Spesa complessiva cresciuta del 2,3%. Sale il tetto,... l'ospedaliera sfora ancora: +20,5%. Per la territoriale +0,5% Pagina 1 di 5 ilfarmacistaonline.it Martedì 14 LUGLIO 2014 Farmaci. Rapporto Osmed 2013. Spesa complessiva cresciuta del 2,3%. Sale il tetto, ma l'ospedaliera sfora ancora: +20,5%. Per la territoriale

Dettagli

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Andrea Pizzini Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Le informazioni presenti in questa monografia hanno rilevante utilità informativa, divulgativa e culturale ma non possono in alcun modo

Dettagli

16/05/2012. La Legge 648/96: una risorsa tutta italiana, da perfezionare e mutare. Carlo Tomino. Roma, 10 Maggio 2012

16/05/2012. La Legge 648/96: una risorsa tutta italiana, da perfezionare e mutare. Carlo Tomino. Roma, 10 Maggio 2012 La Legge 648/96: una risorsa tutta italiana, da perfezionare e mutare. Carlo Tomino Roma, 10 Maggio 2012 1 Dichiarazione di trasparenza/interessi: Carlo Tomino, dirigente Le opinioni espresse in questa

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 la L. 24.11.2003 n. 326. PUBBLICITÀ PRESSO I MEDICI,

Dettagli

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013

Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Metodologia di calcolo del pay-back 5% - 2013 Vista la proroga al 31 dicembre 2013 emanata ai sensi del D.P.C.M. 26 giugno 2013, dei termini previsti all art.9, comma 1, del D.L. 31 dicembre 2007, n.248,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE

ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE Testo trasmesso al Governo dal Comitato di Settore Sanità delle Regioni ATTO DI INDIRIZZO PER IL RINNOVO DELLA CONVENZIONE NAZIONALE CON LE FARMACIE PUBBLICHE E PRIVATE L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO Il

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA

DISPOSIZIONI IN MATERIA SANITARIA FEDERAZIONE ORDINI FARMACISTI ITALIANI Roma, 29/12/2007 Ufficio: DRE/MDT Protocollo: 20060011058/A.G. Oggetto: Legge 296/2006 - Finanziaria 2007 Circolare n. 6911 SS AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI

Dettagli

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CERLiguria_Mod.10_Uso_Compassionevole RICHIESTA DI PARERE AL COMITATO ETICO PER USO TERAPEUTICO DI MEDICINALE SOTTOPOSTO A SPERIMENTAZIONE CLINICA Si applica solo se

Dettagli

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto

Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto FARMACI ONCOLOGICI INNOVATIVI: SCENARIO ATTUALE E LORO VALUTAZIONE Quali strategie per un utilizzo razionale dei farmaci oncologici innovativi? L esperienza della Regione Veneto Roberto Leone Dipartimento

Dettagli

Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29

Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29 Farmaci e Sostenibilita Economica alla luce della L.O.E. Dott. G. Monaco Direttore Responsabile ASLNA1 Centro DSB 29 Rapporto Osmed (pubbl. 05.07.2012) 26.3 miliardi di Mercato farmaceutico complessivo

Dettagli

La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate

La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate D.ssa S. Antonelli Dipartimento Attività farmaceutiche S.C. FARMACIA OSPEDALIERA Presidio Ospedaliero Metropolitano Ospedale Villa Scassi

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE 1-9-2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parti I e II - n. 16 19125 SEZIONE II ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 giugno 2006, n. 445 Protocollo regionale

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia

Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia Organizzazione dell azienda farmacia e farmacoeconomia La regolazione del mercato farmaceutico Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it I soggetti coinvolti nelle politiche del farmaco UE: Ema gran

Dettagli

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17

PARTE I. dei regolamenti regionali. REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 4 PARTE I Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 16 LUGLIO 2007, N. 17 Regolamento per le attività di informazione scientifica sul farmaco, art. 48 commi 21,22,23,24 della l. 24.11.2003 n.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

UN PATTO PER LA FARMACEUTICA

UN PATTO PER LA FARMACEUTICA CONFERENZA DEI PRESIDENTI DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME PREMESSA UN PATTO PER LA FARMACEUTICA A quasi due anni dall accordo Stato Regioni dell 8 agosto 2001, è possibile fare un bilancio dei

Dettagli

n. 17 del 25 Marzo 2013 DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g)

n. 17 del 25 Marzo 2013 DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g) DECRETO n. 27 del 15.03.2013 rif. lettera g) Oggetto: misure di incentivazione della prescrizione di farmaci a brevetto scaduto e dei farmaci biosimilari PREMESSO che: con delibera del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Farmaci Orfani e Malattie Rare

Farmaci Orfani e Malattie Rare ANTONIO ORAZIO GIOVANNI FRANCO Presidente Osservatorio sulle minoranze etniche e religiose e sui rapporti con la Croce Rossa Internazionale e col volontariato Farmaci Orfani e Malattie Rare Roma - 28 settembre

Dettagli

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari

I forfait per caso negli ospedali svizzeri. Informazioni di base per gli operatori sanitari I forfait per caso negli ospedali svizzeri Informazioni di base per gli operatori sanitari Che cos è SwissDRG? SwissDRG (Swiss Diagnosis Related Groups) è il nuovo sistema tariffario per la remunerazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino

L accesso ai nuovi farmaci. Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino L accesso ai nuovi farmaci Alessandro Comandone SC Oncologia Ospedale Gradenigo Torino Le basi del problema ATTUALMENTE I FARMACI ANTITUMORALI DISPONIBILI SONO 112 e con le tecniche di biologia molecolare

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA ALL.1 PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Questo protocollo nasce dall esigenza di rivedere ed uniformare sul territorio dell intera Regione

Dettagli

Innovazione é attrattività

Innovazione é attrattività Innovazione é attrattività Pierluigi Antonelli Chairman IAPG 1 Di cosa parliamo Lo scenario positività aree di miglioramento Il crinale Le misure a breve e a medio termine 2 Le positività Il Valore del

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 PRONTUARIO TERAPEUTICO AZIENDALE A CURA DELLA COMMISSIONE TERAPEUTICA AZIENDALE (C.T.A.) Edizione Anno 2007/2008 i CONTENUTO PREMESSA CARATTERISTICHE GENERALI DEL P.T.A. CRITERI

Dettagli

FARMACISTI Dirig. farmacista a rapp.esclusivo

FARMACISTI Dirig. farmacista a rapp.esclusivo MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] Data di nascita Qualifica BRAZZALE, Giorgia 31-dic-67 FARMACISTI Dirig. farmacista a rapp.esclusivo Amministrazione Azienda Ulss

Dettagli

Le norme esistenti in

Le norme esistenti in La distribuzione domiciliare dei farmaci 40 Data la criticità del prodotto considerato (valore, vita utile, modalità di conservazione, effetti sulla salute, ecc.), la normativa si è sviluppata in maniera

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

Rapporto sulla prescrizione farmaceutica

Rapporto sulla prescrizione farmaceutica Rapporto sulla prescrizione farmaceutica REGIONE LAZIO Anno 2007 Roberto Da Cas (ISS), Massimo Fava (Regione Lazio), Marcello Giuliani (Regione Lazio), Letizia Orzella (ASP), Luigi Pasquale (Consorzio

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Azienda

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI

FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI FARMACI BIOLOGICI E BIOSIMILARI il punto di vista di AMICI Onlus cosa sono i farmaci biosimilari Alla luce delle scadenze brevettuali sono già in commercio, e presto ne arriveranno altri, farmaci biologici

Dettagli

La gestione delle sperimentazioni cliniche

La gestione delle sperimentazioni cliniche La gestione delle sperimentazioni cliniche Dott.ssa Barbara Mosso bmosso@cittadellasalute.to.it LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Che cosa è la sperimentazione clinica? Ogni forma di esperimento pianificato su

Dettagli

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici

Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici DALLA CLINICA ALLA METODOLOGIA PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELLA RICERCA LO STUDIO CLINICO E LE FIGURE PROFESSIONALI Procedure autorizzative rispetto alle tipologie di studi clinici Dr.ssa Elvia

Dettagli

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia?

Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dialoghi in Farmacologia Medica Brescia, 13 Novembre 2007 Riflessioni sulle Statine Verso la personalizzazione della terapia? Dr.ssa Annamaria Indelicato Direttore Sanitario ASL di BRESCIA Euro Andamento

Dettagli

LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI

LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI LE NORMATIVE NAZIONALI ED EUROPEE INERENTI I GAS MEDICINALI ASPETTI LEGISLATIVI IN FUNZIONE DELLE MODIFICHE APPORTATE DAL DLvo 24 aprile 2006 n 219 Prof.ssa Paola Minghetti FACOLTÀ DI FARMACIA GAS DA SOMMINISTRARE

Dettagli

Legge federale sulle professioni mediche universitarie

Legge federale sulle professioni mediche universitarie Decisioni del Consiglio degli Stati del 27.11.2014 Decisioni del Consiglio nazionale del 5.3.2015 Legge federale sulle professioni mediche universitarie (, LPMed) Modifica del 20 marzo 2015 L Assemblea

Dettagli

Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato Speciale di gara Oggetto e quantità della fornitura deve intendersi così modificato:

Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato Speciale di gara Oggetto e quantità della fornitura deve intendersi così modificato: RISPOSTE AI QUESITI FORMULATI DA DIVERSE AZIENDE CONCORRENTI (ex art. 11 del Disciplinare di Gara) E CONSEGUENTE PARZIALE RETTIFICA DEI DOCUMENTI DI GARA Il comma quinto dell articolo 1 del Capitolato

Dettagli

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g)

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) Oggetto: - Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Determinazione AIFA 06.06.2011 Modifica Nota 13 Promozione dell'appropriatezza diagnostica e terapeutica

Dettagli

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone L appropriatezza definisce un intervento sanitario (preventivo, diagnostico, terapeutico, riabilitativo) correlato al bisogno del paziente

Dettagli

2.2.2 Appropriatezza della prescrizione farmaceutica (Accordo regionale artt. 16, 17, 18, 21, 22, 23)

2.2.2 Appropriatezza della prescrizione farmaceutica (Accordo regionale artt. 16, 17, 18, 21, 22, 23) 2.2.2 Appropriatezza della prescrizione farmaceutica (Accordo regionale artt. 16, 17, 18, 21, 22, 23) a) IMPEGNO DELLA ASL-RME L Azienda Sanitaria Locale RME nel suo ruolo istituzionale si impegna a diffondere

Dettagli

OSMED 2013: SCHEDA DI SINTESI

OSMED 2013: SCHEDA DI SINTESI OSMED 2013: SCHEDA DI SINTESI Nel 2013 ogni italiano ha consumato in media 1,7 dosi di farmaci al giorno (1.679 dosi al giorno ogni 1.000 abitanti). Il 70,4% di questi farmaci è stato erogato a carico

Dettagli

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC

Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Accesso ai farmaci innovativi: alternative all AIC Maria Lebboroni Servizio di Farmacia Ospedaliera ULSS 9 Treviso Premessa Sperimentazione clinica Immissione in commercio (AIC) normativa farmacovigilanza

Dettagli

Agenzia Italiana del Farmaco Bando di assegnazione di finanziamento per la Ricerca indipendente sui farmaci Area 3- Farmacovigilanza attiva e studi di valutazione e trasferibilità dei trattamenti farmacologici

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, DI AMMINISTRAZIONE, DELL ORDINAMENTO DEL PERSONALE DELL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO VISTO il decreto-legge 30 settembre 2003 n.269, convertito nella legge 24 novembre 2003

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prescrizione farmaceutica in Umbria. Analisi dei dati relativi al 2011

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prescrizione farmaceutica in Umbria. Analisi dei dati relativi al 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prescrizione farmaceutica in Umbria. Analisi dei dati relativi al 211 Roberto Da Cas (a), Paola Ruggeri (a), Mariangela Rossi (b), Giampaolo Bucaneve (c), Emilio Duca (d),

Dettagli

LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE

LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE LA GESTIONE DELLE FORNITURE DEL FARMACO OSSIGENO IN AMBITO DOMICILIARE E DEI SERVIZI CONNESSI ALL OSSIGENOTERAPIA DOMICILIARE La proposta di Assogastecnici Gruppo Gas Medicinali OTTOBRE 2010 PREMESSA Con

Dettagli

In caso di non esenzione il medico prescrittore procede a biffare la casella della ricetta contrassegnata dalla lettera N Non esente.

In caso di non esenzione il medico prescrittore procede a biffare la casella della ricetta contrassegnata dalla lettera N Non esente. ASSISTENZA FARMACEUTICA TERRITORIALE L erogazione dei farmaci a carico del Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è possibile, su prescrizione medica, attraverso la rete delle farmacie convenzionate con

Dettagli

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Toccati beni e servizi, dispositivi medici, specialistica e riabilitazione,

Dettagli

L USO DEI FARMACI IN ITALIA

L USO DEI FARMACI IN ITALIA MINISTERO DELLA SALUTE Direzione Generale della Valutazione dei Medicinali e della Farmacovigilanza L USO DEI FARMACI IN ITALIA - RAPPORTO - I SEMESTRE 2001 L USO DEI FARMACI IN ITALIA RAPPORTO I SEMESTRE

Dettagli

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica

Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Guida alla corretta applicazione del Decreto 8 maggio 2003 Uso terapeutico di medicinale sottoposto a sperimentazione clinica Approvato dal Comitato Etico nella seduta del 20 luglio 2010 Redatto da: -

Dettagli

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo *

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo * ALLEGATO A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI REQUISITI ASSISTENZIALI DELLA RETE FORMATIVA DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA Ente: ASL Como Struttura

Dettagli

Farmaci di. importazione. parallela? Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei

Farmaci di. importazione. parallela? Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei Ugo Santonastaso Funzionario dell Agenzia italiana del farmaco (Aifa) Intervistiamo ugo Santonastaso, dell agenzia italiana del farmaco, per chiarire il ruolo dei farmaci di importazione parallela di Alessandro

Dettagli

MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP

MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP Centro di Farmacovigilanza e Farmacoepidemiologia, Dpt Medicina Sperimentale, sez. Farmacologia L. Donatelli, Seconda Universitá di Napoli MONITORAGGIO DEGLI EVENTI AVVERSI IN PEDIATRIA: PROGETTO MEAP

Dettagli

Legge federale sulle professioni mediche universitarie

Legge federale sulle professioni mediche universitarie Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Legge federale sulle professioni mediche universitarie (, LPMed) Modifica del 20 marzo 2015 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie

Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie Assistenza Farmaceutica e Livelli Essenziali di Assistenza: il ruolo delle farmacie Cosmofarma, Bologna 9 maggio 2009 Relazione di Annarosa Racca Presidente di Federfarma Premessa In vista dei prossimi

Dettagli

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee

La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Congresso Nazionale SIF Rimini 14 Ottobre 2009 La normativa relativa alle sperimentazioni cliniche spontanee Carlo Tomino - AIFA Uno sguardo alla ricerca clinica nazionale (sui farmaci) Qualche elemento

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

Monitoraggio dell uso dei farmaci sul territorio

Monitoraggio dell uso dei farmaci sul territorio 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo del presente documento è quello di descrivere lo standard tecnico relativo alla definizione delle specifiche tecniche e dei requisiti minimi per la gestione dei

Dettagli

Biosimilari: scelta informata

Biosimilari: scelta informata Executive summary Biosimilari: scelta informata Position paper sui farmaci biotecnologici e biosimilari A cura del Sottogruppo Biosimilari del Gruppo di Lavoro Farmaco Biotech 1. L innovazione farmaceutica

Dettagli

L USO DEGLI ANTIPSICOTICI

L USO DEGLI ANTIPSICOTICI L USO DEGLI ANTIPSICOTICI NELLA REGIONE VENETO Valentina Fantelli Settore Farmaceutico Regionale Mestre - Venezia, 22 ottobre 2014 Area Sanità e Sociale Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Governance

Dettagli

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare

Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare Programma per la Ricerca Sanitaria 2008: attività di Ricerca sulle Malattie Rare (art.12 e 12 bis del D.Lgs. 502/92, come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n.229/99; DL n. 269 del 30/9/2003

Dettagli

24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007

24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007 24 Bollettino Ufficiale n. 31/I-II del 31.7.2007 - Amtsblatt Nr. 31/I-II vom 31.7.2007 [BO31070150693 S020 ] DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 13 luglio 2007, n. 1483 Direttive per l informazione

Dettagli

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it

Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso. Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it Economia e regolazione del farmaco AIC, prezzi e rimborso Claudio Jommi claudio.jommi@pharm.unipmn.it I soggetti coinvolti nelle politiche del farmaco UE: Ema gran parte delle AIC + Direttive / Regolamenti

Dettagli

Italian Biosimilars Group

Italian Biosimilars Group Italian Biosimilars Group gruppo appartenente ad Assogenerici Aderente a I BIOSIMILARI: PARITA DI EFFICACIA E SICUREZZA, MINORI COSTI, MAGGIOR ACCESSO ALLE TERAPIE Le biotecnologie: una rivoluzione, ad

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE DECRETO LEGISLATIVO 6 novembre 2007, n. 200. Attuazione della direttiva 2005/28/CE recante principi e linee guida dettagliate per la buona pratica clinica relativa ai medicinali in fase di sperimentazione

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri)

AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) AIFA - Natalizumab (Tysabri) 21/01/2010 (Livello 2) AIFA Agenzia Italiana Del Farmaco Natalizumab (Tysabri) Comunicato Stampa EMEA FAQ (Domande e Risposte) file:///c /documenti/tysa24.htm [21/01/2010 18.15.06]

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME ON ORPHAN DRUGS TARGETING PATIENTS' ASSOCIATIONS AND FAMILIES OF PATIENTS WITH RARE DISEASES

IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME ON ORPHAN DRUGS TARGETING PATIENTS' ASSOCIATIONS AND FAMILIES OF PATIENTS WITH RARE DISEASES Questionario per la valutazione dei bisogni formativi delle Associazioni di pazienti di malattie rare e loro familiari sui farmaci orfani per il progetto: IMPLEMENTATION AND EVALUATION OF A TRAINING PROGRAMME

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

Le norme comunitarie e nazionali sui generici

Le norme comunitarie e nazionali sui generici RASSEGNA Le norme comunitarie e nazionali sui generici Paola Minghetti, Federica Conforti Andreoni Dipartimento di Scienze farmaceutiche, Facoltà di Scienze del Farmaco, Università degli Studi di Milano

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) Titolo: Decreto-legge recante: Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all equilibrio

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009

Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009 Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009 Siamo lieti di comunicarle le novità introdotte dalla versione di Wingesfar 2009.06c. 1. Comunicazione riassuntiva medicinali stupefacenti prescritti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Aspetti di economia e marketing dei medicinali e medicinali generici - Modulo: Medicinali generici Prof. Andrea Gazzaniga Il punto

Dettagli

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale Allegato I Elenco dei nomi, delle forme farmaceutiche, dei dosaggi di prodotti medicinali, delle vie di somministrazione, dei titolari dell autorizzazione all immissione in commercio negli Stati membri

Dettagli

Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde

Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde Studio delle interazioni tra farmaci nella popolazione pediatrica e negli anziani in politerapia nelle ASL lombarde Dr Giovanni Alberto Fioni Risk Manager ASL Monza e Brianza Conferenza Appropriatezza

Dettagli

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI

L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI TITOLO CONVEGNO DELLA UTIFAR PRESENTAZIONE CONVEGNO UTIFAR Inserisci RICCIONE 2 il APRILE sottotitolo 2011 RICCIONE 2-3 APRILE 2011 1 L EROGAZIONE DEI SERVIZI IN FARMACIA OGGI Il prossimo futuro vede un

Dettagli

PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL. Redazione Verifica Approvazione. Dr.ssa Maria Letizia Tosini Farmacia Aziendale

PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL. Redazione Verifica Approvazione. Dr.ssa Maria Letizia Tosini Farmacia Aziendale PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL 1^ stesura : 2009 Revisione n 1 : dicembre 2012 revisione n 2 : dicembre 2013 Redazione Verifica Approvazione Dr.ssa Mariella Conti Farmacia Territoriale Dr.ssa Stefania

Dettagli

Normative e applicazioni

Normative e applicazioni Prescrizione off-label Normative e applicazioni Achille Patrizio Caputi Maria Rosa Luppino Prescrizione off-label: normative e applicazioni SEEd srl C.so Vigevano, 35 10152 Torino Tel. 011.566.02.58 Fax

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli