UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA. Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA. Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia"

Transcript

1 UNIVERSITA DELLA SVIZZERA ITALIANA Master in economia e gestione sanitaria e sociosanitaria Net-MEGS Valutazione dell utilizzo dei farmaci: confronto e differenze tra Ticino, Svizzera e Italia Lavoro di tesi: Dr. Dario CARONZOLO Relatore: Prof. Gianfranco DOMENIGHETTI Lugano, gennaio 2008

2 Indice RIASSUNTO INTRODUZIONE Obiettivi del lavoro di tesi Metodologia adottata Fonti dei dati Rappresentatività dei campioni Definizione degli indicatori Valutazione critica dei consumi Piano della tesi CONFRONTO TRA I DUE SISTEMI Assistenza farmaceutica: sistema svizzero Swissmedic Modalità di registrazione dei farmaci Regime di fornitura dei farmaci Disciplina dei prezzi Processo di revisione dei prezzi Margini alla distribuzione Assistenza farmaceutica: sistema italiano L agenzia Italiana del Farmaco Modalità di registrazione dei farmaci Rimborsabilità dei farmaci e regime di fornitura Il sistema delle Note AIFA Disciplina dei prezzi Margini alla distribuzione Tetto di spesa farmaceutica Differenze e similitudini tra i due sistemi ANALISI DEI CONSUMI PER CLASSE TERAPEUTICA Apparato gastrointestinale e metabolismo Sangue ed organi ematopoietici Apparato cardiovascolare Dermatologici Sistema genito-urinario e ormoni sessuali Antimicrobici generali per uso sistemico Antineoplastici ed immunomodulatori Sistema muscolo-scheletrico Sistema nervoso centrale Apparato respiratorio Organi di senso VISIONE COMPLESSIVA CONCLUSIONI Risultati ottenuti Rivalutazione della metodologia utilizzata Possibili sviluppi della ricerca ALLEGATO 1 - Hit 100 Ticino in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 2 - Hit 100 Svizzera in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 3 - Hit 100 Italia in ordine di fatturato - anno ALLEGATO 4 - Hit 100 Ticino in ordine di DDDs - anno ALLEGATO 5 - Hit 100 Svizzera in ordine di DDDs - anno ALLEGATO 6 - Hit 100 Italia in ordine di DDDs - anno BIBLIOGRAFIA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO II

3 Indice delle tabelle e delle figure Tab. 1 Svizzera: margini di distribuzione farmaci inclusi nella lista positiva 17 Tab. 2 Italia: margini di distribuzione per i farmaci a carico del SSN. 24 Tab. 3 Spesa percentuale per gruppo terapeutico: confronto Ticino, Svizzera e Italia. 29 Tab. 4 DDDs e costo medio DDD per gruppo terapeutico: confronto Ticino, Svizzera e Italia. 30 Tab. 5 Spesa percentuale farmaci apparato gastrointestinale e metabolismo: confronto tra 31 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 6 DDDs e costo medio per DDD farmaci dell apparato gastrointestinale e metabolismo: 31 confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 7 Consumo di inibitori della pompa protonica in Italia. 32 Tab. 8 Consumo di inibitori della pompa protonica in Ticino. 33 Tab. 9 Consumo di inibitori della pompa protonica in Svizzera. 33 Tab. 10 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Italia. 34 Tab. 11 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Ticino. 35 Tab. 12 Dettaglio del consumo di inibitori della pompa protonica in Svizzera. 36 Tab. 13 Spesa percentuale farmaci sangue ed organi ematopoietici: confronto tra Ticino, 38 Svizzera e Italia. Tab. 14 DDDs e costo medio per DDD farmaci sangue ed organi ematopoietici: confronto tra 38 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 15 Dettaglio consumo di antiaggreganti: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 39 Tab. 16 Spesa percentuale farmaci del sistema cardiovascolare: confronto tra Ticino, Svizzera e 41 Italia. Tab. 17 DDDs e costo medio per DDD farmaci del sistema cardiovascolare: confronto tra 42 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 18 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Ticino. 43 Tab. 19 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Svizzera. 43 Tab. 20 Consumo di farmaci che modificano il profilo lipidico in Italia. 44 Tab. 21 Dettaglio del consumo di statine in Ticino. 46 Tab. 22 Dettaglio del consumo di statine in Svizzera. 47 Tab. 23 Dettaglio DDD stabilite dal WHO per le statine. 47 Tab. 24 Dettaglio del consumo di statine in Italia. 48 Tab. 25 Spesa percentuale farmaci dermatologici: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 51 Tab. 26 Spesa percentuale farmaci sistema genito urinario e ormoni sessuali: confronto tra 52 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 27 DDDs e costo medio per DDD farmaci del sistema genito urinario e ormoni sessuali: 52 confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 28 Spesa percentuale antimicrobici per uso sistemico: confronto tra Ticino, Svizzera e 54 Italia. Tab. 29 DDDs e costo medio per DDD antimicrobici per uso sistemico: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 55 III

4 Tab. 30 Spesa percentuale antineoplastici e immunomodulatori: confronto tra Ticino, Svizzera 56 e Italia. Tab. 31 DDDs e costo medio per DDD antineoplastici e immumodulatori: confronto tra Ticino, 57 Svizzera e Italia. Tab. 32 Dettaglio del consumo di immunosoppressori selettivi in Svizzera. 58 Tab. 33 Dettaglio del consumo di immunosoppressori selettivi in Ticino. 59 Tab. 34 Spesa percentuale farmaci sistema muscoloscheletrico: confronto tra Ticino, Svizzera e 60 Italia. Tab. 35 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema muscoloscheletrico: confronto tra 60 Ticino, Svizzera e Italia. Tab. 36 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Italia. 61 Tab. 37 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Svizzera. 62 Tab. 38 Dettaglio del consumo di bifosfonati in Ticino. 62 Tab. 39 Spesa percentuale farmaci sistema nervoso centrale: confronto tra Ticino, Svizzera e 63 Italia. Tab. 40 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema nervoso centrale: confronto tra Ticino, 64 Svizzera e Italia. Tab. 41 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Italia. 64 Tab. 42 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Ticino. 65 Tab. 43 Dettaglio del consumo di antidepressivi in Svizzera. 66 Tab. 44 Spesa percentuale farmaci sistema respiratorio: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 68 Tab. 45 DDDs e costo medio per DDD farmaci sistema respiratorio: confronto tra Ticino, 68 Svizzera e Italia. Tab. 46 Spesa percentuale farmaci organi di senso: confronto tra Ticino, Svizzera e Italia. 70 Tab. 47 DDDs e costo medio per DDD farmaci organi di senso: confronto tra Ticino, Svizzera 70 e Italia. Tab. 48 DDDs e costo medio DDD per gruppo terapeutico: ranking per DDDs Ticino vs 72 Svizzera e Italia Tab. 49 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Ticino vs Svizzera e 73 Italia Tab. 50 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Svizzera vs Ticino e 73 Italia Tab. 51 I dieci principi attivi più consumati in ordine di DDDs: Ranking Italia vs Ticino e Svizzera 74 Fig. 1 Prescrizione di antiaggreganti piastrinici: Italia vs Svizzera e Ticino. 2 Fig. 2 Prescrizione statine: Italia vs Svizzera e Ticino. 3 Fig. 3 Comparazione del Ginkgo biloba vs placebo, Outcome a 12 settimane (Birks J, 2007) 67 IV

5 RIASSUNTO In alcune nazioni studi comparativi sull utilizzo delle differenti classi di farmaci vengono realizzati, con cadenza annuale. Essi hanno lo scopo di evidenziare il consumo di farmaci per integrare politiche di indirizzo e di sviluppo dell offerta farmaceutica con azioni mirate a razionalizzare l utilizzo dei farmaci stessi. Tali studi, più semplici da realizzare nei contesti in cui esiste un sistema sanitario nazionale, non sono stati mai realizzati in Svizzera principalmente a causa della frammentazione della raccolta dei dati da parte dei diversi assicuratori malattia, della conseguente assenza di una base dati comune e dall assenza di un organismo federale equivalente del britannico NICE (National Institute of Clinical Excellence) oppure dell italiana AIFA ( Agenzia Nazionale del Farmaco). Il nostro lavoro ha per la prima volta cercato di analizzare il consumo territoriale di farmaci in Svizzera ed in Ticino. Ambedue i contesti sono stati comparati a quello italiano per valutare come le componenti del sistema di assistenza farmaceutica potessero influenzare il consumo di farmaci e se vi fosse una componente legata alla latinità nel consumo del Canton Ticino. In assenza di una base dati complessiva l analisi si è dovuta basare sui consumi dei primi cento farmaci in ordine di fatturato rimborsati da uno dei più grandi assicuratori svizzeri. La scelta, determinata dalla difficoltà di accedere alla base dati completa dell assicuratore, è stata presa considerando che i primi cento farmaci rappresentano circa il 40% della spesa complessiva per medicamenti dell assicuratore in Ticino ed in Svizzera e del SSN in Italia. Ciò ha permesso di avere una prima indicazione, anche se non esaustiva, dei consumi sia in termini di spesa che in termini di dosi per paziente. A dispetto di questi limiti oggettivi, diversi sono i risultati significativi che la nostra ricerca ha evidenziato. Analizzando i dati relativi all anno 2006, emerge innanzitutto un consumo di farmaci nettamente superiore in Ticino sia rispetto alla media svizzera che al consumo in Italia. Per i primi cento farmaci in ordine di fatturato in Ticino si sono spesi, infatti, Fr. per assicurato, con un consumo in termini di dosi di DDDs (Defined Daily Dose per mille abitanti die). Nello stesso periodo in Svizzera si sono spesi Fr. 1

6 con un consumo medio in termini di dosi di DDDs ed in Italia sono stati spesi Fr. con un consumo di DDDs. I fattori determinanti queste macroscopiche differenze sono probabilmente molteplici. Dalla nostra analisi sembra essere certamente importante una diversa attitudine a prescrivere ed utilizzare determinate specialità, ma anche la diversa regolamentazione presente nei due paesi ed il maggiore o minore utilizzo di generici. Abbastanza significativi ed emblematici sono dati sul consumo di antiaggreganti piastrinici. Per questa classe di farmaci in Ticino si spendono 23.3 Fr. per assicurato, in Svizzera 10.3 Fr. ed in Italia 2.5 Fr. In Ticino vengono consumate mediamente DDD ogni mille assicurati die, in Svizzera DDDs ed in Italia DDDs. Il dato ticinese è daterminato da un consumo complessivo superiore ma anche da una differenza in termini qualitativi. In Ticino vengono, infatti, consumate mediamente DDDs di clopidogrel e DDD di acido acetilsalicilico mentre in Svizzera il consumo scende rispettivamente a 6.19 DDDs ed a DDDs ed in Italia vengono utilizzate in media 0.79 DDDs di clopidogrel e DDDs di acido acetilsalicilico. Figura 1. Prescrizione di antiaggreganti piastrinici: Italia vs Svizzera e Ticino. 2

7 Altro dato significativo è quello del consumo di statine. Per questa classe di farmaci in Ticino si spendono 39.4 Fr. per assicurato, in Svizzera 18.5 Fr. ed in Italia 21.2 Fr. In Ticino vengono consumate mediamente DDD ogni mille assicurati die, in Svizzera DDDs ed in Italia DDDs. Figura 2. Prescrizione statine: Italia vs Svizzera e Ticino. Il dato ticinese, anche in questo caso, si differenzia sia da quello svizzero che da quello italiano. Tali differenze sono principalmente dovute al maggior utilizzo di atorvastatina e a un minor consumo di generici. Le differenze tra Svizzera ed Italia in termini di DDDs sono, invece, principalmente dovute al più largo utilizzo di dosaggi maggiori di statine flat price in Svizzera (cioè con un prezzo identico anche per dosaggi maggiori). Il risultato maggiore che la nostra ricerca ha ottenuto è stato quello di evidenziare queste differenze. La metodologia ed i risultati di questa analisi (seppur forzatamente non esaustivi per mancanza d`accesso alle banche dati complete) dovrebbero incentivare gli assicuratori e Santesuisse a valorizzare le loro banche dati in modo tale da poter effettuare confronti esaustivi a livello cantonale e tra la Svizzera ed altri paesi Europei, il che permetterebbe interventi di politica sanitaria miranti a promuovere la prescrizione ed il consumo dei farmaci più efficaci ed efficienti. 3

8 1. INTRODUZIONE 1.1 Obiettivi del lavoro di tesi Esistono in letteratura numerosi studi in cui è stato comparato l utilizzo di alcune classi di farmaci in diversi contesti e/o nazioni. In alcuni paesi, soprattutto in quelli in cui è presente un sistema sanitario nazionale come l Italia, vengono pubblicati, con cadenza annuale, rapporti sul consumo di farmaci. Essi sono utili a comprendere l evoluzione del mercato farmaceutico, ma soprattutto necessari per capire quali politiche vadano adottate per massimizzare l utilità collettiva. La stessa cosa, purtroppo, non accade in Svizzera: l unico rapporto sul mercato dei farmaci in Svizzera, infatti, viene pubblicato da Interpharma, l associazione mantello della grande industria farmaceutica. Esso, più che dare una visione critica, fornisce una serie di cifre utili unicamente per quantificare le dimensioni del mercato farmaceutico e per sottolinearne l importanza per l economia nazionale. Non vengono valutati in maniera dettagliata i consumi delle varie classi di farmaci, non vengono confrontati i consumi nei vari cantoni comparandoli tra di loro, non viene realizzata una valutazione sistematica dell evoluzione del mercato nel corsi degli anni ed una correlazione tra questa evoluzione e l effettiva maggiore o minore incidenza e prevalenza di alcune patologie rispetto ad altre. Anche gli studi pubblicati su riviste scientifiche contribuiscono poco alla conoscenza del mercato dei farmaci in Svizzera: se da una parte esistono studi particolareggiati sul consumo di alcune classi di farmaci come gli antibiotici, dall'altra non è possibile trovare in letteratura alcuno studio che tenti di approfondire l argomento da un punto di vista più ampio comparando l utilizzo di varie classi di farmaci e/o valutando l evoluzione del mercato farmaceutico nel suo insieme. Obiettivo di questo studio è, pertanto, quello di fornire, per la prima volta, una visione di quelli che sono i farmaci più utilizzati in ambito extraospedaliero in Svizzera. Esso vuole, inoltre, evidenziare eventuali differenze nel consumo di alcune molecole o classi di farmaci tra Ticino, Svizzera ed Italia, realizzando anche una valutazione critica circa l appropriatezza dei rispettivi ranking. 4

9 Numerose potrebbero essere le componenti responsabili del diverso utilizzo di farmaci: determinanti socioculturali, differenze nell incidenza epidemiologica di morbidità, vincoli di tipo legislativo, diversità nel sistema di finanziamento della spesa farmaceutica, diversità negli investimenti e nell impatto del marketing delle industrie produttrici, ecc. Il confronto dei consumi, per dare una visione critica di quello che effettivamente è l utilizzo delle varie classi di farmaci, potrebbe servire a spiegare, almeno in parte, la variabilità di prescrizione, di utilizzo e di spesa. 1.2 Metodologia adottata Fonti dei dati La ricerca ha confrontato i dati relativi al mercato per l anno 2006 delle prime cento specialità in ordine di fatturato. Il consumo territoriale di farmaci è stato valutato sia in termini di spesa che in termini di Defined Daily Doses giornaliere per mille abitanti (DDDs). Per quanto riguarda l Italia sono stati utilizzati i dati che si riferiscono all uso territoriale dei medicinali prescritti a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN); per la Svizzera, invece, sono stati utilizzati i dati sui farmaci inclusi sulla lista dei medicamenti, rimborsati da uno dei maggiori assicuratori malattia presenti sul mercato svizzero. I dati sulla prescrizione a carico del SSN sono stati raccolti dall OsMed (Osservatorio nazionale sull impiego dei medicinali), a cura di Federfarma (Federazione nazionale delle farmacie private convenzionate con il SSN) e di Assofarm (Associazione farmacie pubbliche). I dati provenienti dalle varie sedi provinciali sono stati successivamente aggregati a livello regionale e nazionale. Il flusso dei dati delle prescrizioni farmaceutiche a carico del SSN, curato da Federfarma e da Assofarm, presenta un grado di completezza variabile per area geografica e per mese: nel 2006 mediamente la copertura nazionale è stata di oltre il 90%. Per quanto riguarda la Svizzera non esiste, purtroppo, un sistema nazionale di raccolta dei dati sul consumo dei farmaci presenti sulla lista dei medicamenti e, quindi, 5

10 rimborsati dagli assicuratori malattia agli assicurati aventi una copertura assicurativa di base obbligatoria. Come fonte dei dati è stato, pertanto, utilizzato il database di uno dei più importanti gruppi di assicurazione malattia presenti sul mercato svizzero. Il campione di assicurati rappresenta più di un milione di soggetti in tutta la Svizzera (pari a circa il 18% della popolazione) e oltre nel solo cantone Ticino (pari a circa il 25% della popolazione). I dati relativi al consumo di farmaci sono stati anche in questo caso raccolti a livello locale e cantonale e sono stati successivamente aggregati a livello nazionale. Essi rappresentano i consumi di farmaci di utilizzo territoriale rimborsati nel corso dell anno 2006 da parte di questo grande assicuratore Rappresentatività dei campioni I dati italiani si riferiscono al consumo territoriale di farmaci della popolazione totale, mentre i dati svizzeri e ticinesi si riferiscono ad un ampio campione di popolazione. Un analisi statistica della popolazione dei nostri campioni di assicurati è stata effettuata per valutare se i consumi di farmaci, evidenziati nei suddetti campioni, potessero essere considerati rappresentativi dei consumi complessivi della popolazione svizzera e ticinese. Come metro di paragone tra i campioni e la popolazione totale sono state utilizzate le distribuzioni per sesso e per età. Nonostante siano ad oggi disponibili diverse formule di compensazione del rischio più soddisfacenti e rappresentative, l analisi della distribuzione per sesso e per età è stata scelta sia perché questi dati sono più facilmente reperibili rispetto ai dati di rischio, morbidità e comorbidità, sia perché la distribuzione per sesso e per età è alla base dei meccanismi previsti dalla legge svizzera sull assicurazione malattia per il calcolo della compensazione del rischio tra i vari assicuratori (Beck K, 2003; LAMal, art 105). Per effettuare l analisi statistica è stato utilizzato il Prism GraphPad software package (San Diego, CA). I dati sono stati analizzati utilizzando il paired t test non parametrico di Wilcoxon con un intervallo di confidenza del 95%. Dall analisi statistica non sono emerse differenze significative tra i campioni oggetto della nostra analisi ed il totale della popolazione. Se si considera la distribuzione per 6

11 sesso e per età sufficiente a delineare, almeno in linea di massima, il profilo di rischio delle popolazioni oggetto di studio, i campioni oggetto della nostra ricerca possono essere considerati rappresentativi della popolazione complessiva del Canton Ticino e della Svizzera. Analogamente, sia considerando la distribuzione per sesso e per età delle due popolazioni, sia per quello che emerge dai dati OECD e WHO sullo stato di salute della popolazione (Allegato 1), non è stato possibile evidenziare differenze significative tra Svizzera ed Italia Classificazione e analisi dei dati Il confronto è stato realizzato considerando il consumo territoriale di farmaci sia in termini di fatturato che in termini di dosi giornaliere per paziente. Per confrontare l utilizzo dei farmaci in termini di dosi per paziente è stato utilizzato, come raccomandato dal WHO, il sistema /DDD. Ogni specialità è stata identificata con il suo code (Anatomical Therapeutic Chemical classification). E stato in questo modo possibile raggruppare i medicamenti in funzione del principio attivo e della classe farmacologica di appartenenza. Per ogni farmaco identificato tramite il suo code è stata, inoltre, definita una DDD (Defined Daily Dose) utilizzando come fonte dei dati il database del WHO e seguendo le regole determinate dallo stesso WHO per quei farmaci non ancora codificati. I dati di prescrizione delle singole e delle classi di sono stati in questo modo analizzati per spesa lorda in franchi e per quantità in DDD. La DDD rappresenta la dose giornaliera di mantenimento per un individuo adulto di 70 kg quando il farmaco viene utilizzato per la sua indicazione principale. Non sempre è, pertanto, la dose che effettivamente viene o è stata utilizzata nei singoli pazienti, ma è un compromesso utile e necessario per comparare l utilizzo di farmaci in contesti e/o nazioni diverse. Non vengono, infatti, contemplati dal sistema gli utilizzi per indicazioni diverse da quella principale e ancor di meno gli utilizzi off-label, ciononostante, il sistema /DDD è quello che attualmente viene considerato il migliore per studi comparativi in cui vengono valutate le dosi/paziente. 7

12 Utilizzando il database WHO è stato, dunque, possibile il calcolo delle DDDs per ogni principio attivo e per le classi farmacologiche a cui le varie molecole appartengono. In questo modo, eventuali differenze nell utilizzo dei diversi farmaci, sia a livello di principi attivi che per quanto riguarda le classi farmacologiche, sono state evidenziate in funzione delle DDD per mille abitanti die. Il calcolo del totale delle DDD utilizzate (per principio attivo, per categoria terapeutica, ecc.) è stato realizzato sommando le DDD contenute in ogni singola confezione e moltiplicate per il numero di pezzi dispensati. Il numero di DDD calcolate è stato espresso come DDD/1000 abitanti die (DDDs), ovvero come numero medio di dosi di farmaco consumate giornalmente ogni 1000 abitanti. Esprimendo i dati come DDDs, il consumo di un farmaco, di una sostanza, di un sottogruppo e/o di un gruppo terapeutico rappresenta, infatti, il numero totale di giornate di terapia per mille abitanti e/o assicurati Definizione degli indicatori DDD/1000 abitanti die (DDDs): numero medio di dosi di farmaco consumate giornalmente da 1000 abitanti. Il valore è ottenuto nel seguente modo: DDDs Nr totale DDD consumate/365 giorni Nr assicurati 1000 Costo medio DDD: spesa totale in franchi (Fr.) diviso il numero complessivo di dosi consumate; indica mediamente il costo di una giornata di terapia. Costo medio per DDD ( Fr.) Fatturato ( Fr.) per livello Nr totale DDD consumate per livello I dati relativi alla spesa totale ed al fatturato delle specialità commercializzate in Italia sono stati trasformati in franchi tenendo conto del tasso di cambio nominale. Al fine di eliminare gli effetti delle variazioni giornaliere, si è deciso di utilizzare il tasso di cambio medio registrato dall Ufficio Federale di Salute Pubblica (UFSP) tra il 8

13 giugno ed il dicembre 2006 (fonte: stimato in 1.58 franchi (Fr.) per un euro ( ). L utilizzo del tasso di cambio è stato preferito per la comparazione all utilizzo della parità di potere d acquisto (PPA). Come già fatto in studi precedenti (Marty F, 2006), non si è tenuto conto della PPA perché l obiettivo dello studio non è stato quello di confrontare i prezzi dei farmaci rispetto a quelli degli altri beni di consumo in Svizzera ed in Italia, ma piuttosto comparare il costo per DDD nei vari contesti. Spesa percentuale: percentuale di spesa assorbita dal singolo livello rispetto alla spesa farmaceutica territoriale totale; indica l importanza del singolo capitolo di spesa nella composizione della spesa complessiva. Spesa ( Fr.) per livello Spesa % 100 Spesa totale ( Fr.) Valutazione critica dei consumi Per alcune molecole è stata, infine, realizzata una valutazione critica utilizzando come fonte d informazione preferenziale la rivista Prescrire (www.prescrire.org), una rivista francese indipendente che, tra le altre cose, pubblica valutazioni approfondite delle nuove specialità immesse in commercio sottolineandone gli effettivi vantaggi rispetto ai prodotti già in uso. Il punto di vista indipendente è stato utilizzato per valutare se la posizione nella graduatoria d utilizzo, sia in termini di fatturato che in termini DDDs, possano essere più o meno giustificate da un effettiva diversa efficacia terapeutica della molecola in questione rispetto a molecole analoghe appartenenti alla stessa classe farmacologica e/o molecole appartenenti a classi diverse che presentano attività simile. 1.3 Piano della tesi L obiettivo di questa tesi è stato quello di confrontare l utilizzo dei farmaci in contesti che presentano differenze dal punto di vista culturale ma anche per quanto riguarda 9

14 l impianto legislativo ed il sistema organizzativo dell assistenza sanitaria ed in particolare farmaceutica. La prima parte della tesi è stata sviluppata per chiarire quali siano le differenze di sistema che potrebbero essere alla base di un differente utilizzo e consumo di farmaci sia tra Ticino ed Italia che tra Svizzera ed Italia. Nel secondo capitolo il sistema di assistenza farmaceutico svizzero è stato confrontato con quello italiano, evidenziando principalmente le differenze per quanto riguarda i meccanismi alla base delle decisioni di inclusione di un farmaco nella lista delle specialità rimborsate rispettivamente dagli assicuratori malattia per la Svizzera e dal sistema sanitario nazionale per l Italia. È stata posta particolare attenzione ai meccanismi e alla disciplina di formazione del prezzo e di revisione dello stesso dopo che la specialità farmaceutica è stata inclusa nella lista positiva. Sono stati, inoltre, analizzati i differenti processi distributivi presenti nei due paesi, cercando di evidenziare pregi e difetti di sistemi distributivi diversamente organizzati. Infine, sono stati analizzati i sistemi di contenimento della spesa, per capire se essi potessero avere un qualche effetto sulla prescrizione e sul consumo di farmaci. Nel terzo capitolo sono stati analizzati i consumi delle varie classi di farmaci presenti nel nostro campione dei cento farmaci più venduti in ordine di fatturato. È stata in primis fatta una valutazione macroscopica a livello di mercato complessivo evidenziando le differenze nei consumi farmaceutici totali tra Ticino, Svizzera ed Italia. In seguito, le varie classi terapeutiche sono state analizzate singolarmente. Sono state evidenziate le differenze nei consumi sia complessivamente che a livello di singole specialità e principi attivi. Per le molecole e le classi più significative si è cercato di valutare se le differenze in termini di spesa e di consumo giornaliero potessero avere o meno una giustificazione dal punto di vista medico-scientifico, oppure fossero determinate da una diversa attitudine a prescrivere e consumare differenti molecole o classi di molecole, o ancora fossero dovute a diversità dei canali distributivi o delle politiche di marketing o di packaging. 10

15 Nel quarto capitolo è stata fatta una valutazione complessiva di quelle che sono state le principali differenze in termini di consumi per paziente, di spesa e di costo per DDD tra Ticino, Svizzera ed Italia. È stato fatto un rating dei vari gruppi terapeutici in termini di DDDs e sono stati analizzati i consumi dei primi dieci principi attivi per DDDs cercando di confrontare i dati e la posizione nel rating per DDDs con quelli del rating per spesa complessiva per molecola o codice. L attenzione è stata focalizzata sui principali determinati che potrebbero essere stati responsabili delle differenze stesse, cercando di evidenziare quanto essi siano stati importanti a livello di sistema di assistenza farmaceutica, ma anche a livello di singole molecole e di classi di molecole. Nel quinto capitolo è stato, infine, lasciato spazio ad una discussione critica dei risultati ottenuti e dei limiti oggettivi della ricerca realizzata cercando di estrarre ed evidenziare i risultati più significativi e caratteristici del lavoro stesso. 11

16 2. CONFRONTO TRA I DUE SISTEMI 2.1 Assistenza farmaceutica: sistema svizzero Swissmedic Swissmedic è l'autorità centrale svizzera di sorveglianza per gli agenti terapeutici, i medical devices ed i prodotti veterinari. Si tratta di un istituto pubblico dipendente formalmente dal Consiglio Federale, ma autonomo per quanto riguarda l attività di gestione. Creata nel 2002 con la LATer (Legge Federale sugli Agenti Terapeutici), Swissmedic ha il compito di migliorare la regolamentazione e vigilare sulla produzione e distribuzione dei prodotti terapeutici. In qualità di ente di diritto pubblico della Confederazione con sede a Berna esso è autonomo nella sua organizzazione e gestione, benché subordinato al Dipartimento federale dell'interno, e dispone di fondi propri. L istituto si mantiene, infatti, grazie ai compensi ricevuti da parte delle aziende per le procedure di autorizzazione (21%), ad imposte pagate dalle aziende farmaceutiche in funzione del loro volume d affari (51%) e a contributi federali (28%). Il Consiglio federale ha affidato a Swissmedic un mandato pluriennale di prestazione e, inoltre, il Dipartimento federale dell'interno ha concluso con l'istituto un accordo annuale di prestazione. Per tutelare la salute delle persone e degli animali, Swissmedic si assicura che i farmaci e i dispositivi medici siano efficaci e sicuri. La competenze di Swissmedic includono: l'omologazione di farmaci le autorizzazioni di esercizio per la fabbricazione e il commercio all'ingrosso e le ispezioni la sorveglianza del mercato di farmaci e dispositivi medici l attività di farmacovigilanza ed il monitoraggio delle reazioni avverse il controllo del traffico degli stupefacenti gli esami analitici di laboratorio sulla qualità del medicinali l'attività legislativa e normativa. 12

17 2.1.2 Modalità di registrazione dei farmaci Per essere venduti sul mercato svizzero, i prodotti farmaceutici devono essere approvati da Swissmedic. Le aziende che desiderano presentare un autorizzazione al commercio devono avere una sede sul territorio svizzero e devono dimostrare che il proprio prodotto soddisfi i criteri di qualità, sicurezza ed efficacia. L autorizzazione, una volta rilasciata, ha una validità di cinque anni. Dal 2002 esiste, inoltre, una forma di licenza temporanea, che può essere rilasciata per produrre e distribuire farmaci per il trattamento di gravi patologie, nel caso in cui non siano disponibili equivalenti terapeutici, oppure vi siano grandi aspettative di efficacia per un nuovo trattamento. Nel momento in cui si presenta una richiesta, esistono due tipi di procedura: standard e semplificata. Quest ultima può essere utilizzata per richiedere l approvazione di: farmaci che contengono ingredienti conosciuti da tempo; prodotti per medicina complementare; preparazioni realizzate da farmacie ed ospedali per i propri clienti; farmaci per l esercito; e farmaci ritenuti importanti per malattie rare. Esiste, infine, un ulteriore possibilità: farmacisti e medici possono ottenere un autorizzazione ad importare specifici prodotti che non sono, non sono ancora o non sono più commercializzati in Svizzera. Tali prodotti devono essere destinati ad uno specifico paziente e devono essere utilizzati solo per quel paziente nella stessa indicazione registrata nel paese d origine secondo le stesse posologie e modalità Regime di fornitura dei farmaci I farmaci sono classificati da Swissmedic in cinque categorie in funzione di quanto richiesto da criteri di sicurezza per quanto riguarda le necessità di prescrizione e dispensazione (OM, art 23-27). Le farmacie e, in alcuni cantoni, i medici dispensanti hanno il monopolio della vendita dei prodotti di lista A, B e C. I prodotti di lista D possono essere anche venduti in negozi specializzati (drogherie), mentre i prodotti di lista E posso essere venduti anche nei supermercati. I prodotti appartenenti alle liste A e B devono essere, inoltre, prescritti da un medico perché possano essere dispensati. 13

18 Sono attualmente in commercio circa 6500 specialità medicinali. Appartengono alla lista A, con obbligo di prescrizione non ripetibile, circa 750 prodotti (11%) e fanno parte della lista B, con obbligo di prescrizione, circa 2850 (45%) prodotti. I prodotti OTC (lista C), ovvero dispensabili dietro consiglio di farmacista o di un medico dispensante, sono circa 750 (11%). Infine, i prodotti vendibili in drogheria sono circa Quelli in lista D sono circa 1950 (30%) e devono essere dispensati su consiglio, mentre quelli in lista E sono circa 150 (3%) e sono vendibili liberamente Disciplina dei prezzi La disciplina attualmente in uso in Svizzera non prevede una regolamentazione sistematica dei prezzi dei farmaci in commercio. I prezzi degli OTC e dei farmaci non rimborsabili necessitanti di prescrizione sono, infatti, determinati liberamente dai produttori; mentre quelli dei prodotti inclusi nel gruppo dei farmaci rimborsati dagli assicuratori ai pazienti con un assicurazione di base sono, invece, stabiliti dall UFSP. I produttori potrebbero, pertanto, decidere di non richiedere la rimborsabilità dei propri prodotti e sarebbero, in questo caso, liberi di decidere il posizionamento del loro prodotto ma in realtà, nella maggior parte dei casi, i benefici che possono avere dalla rimborsabilità li spingono a negoziare il prezzo. In questo caso, sia l inclusione nella lista positiva delle specialità rimborsate dall assicurazione base, sia la determinazione del prezzo di rimborso sono regolati dall Ufficio Federale di Salute Pubblica. Non sempre l inclusione nella lista positiva determina una rimborsabilità universale. In alcuni casi, infatti, l UFSP può determinare anche delle restrizioni alla prescrivibilità (L) a carico della assicurazione di base. Esse hanno carettere prescrittivo, in alcuni casi determinano quale sia la specializzazione che il medico deve possedere per poter prescrivere un determinato farmaco oppure l indicazione per cui può essere prescritto, in altri impongono delle limitazioni temporali e/o quantitative alla prescrizione. L UFSP regolamenta, inoltre, sia i prezzi corrisposti ai produttori (ex-factory), sia i margini garantiti ai distributori ed i pagamenti per i servizi forniti dai farmacisti. Durante la fase di negoziazione dei prezzi vengono tenuti in considerazione diversi fattori. I principali sono: il prezzo a cui è venduta la specialità in questione in altre nazioni; l efficacia relativa del nuovo farmaco in comparazione con i farmaci già 14

19 presenti sul mercato svizzero; i costi di ricerca e sviluppo sostenuti dall azienda che richiede l inserimento del prodotto nella lista dei medicamenti. Per quanto riguarda il prezzo ex-factory, la regola generalmente seguita è quella che il prezzo di vendita in Svizzera non debba essere superiore alla media di quello praticato in paesi con economie e sistemi sanitari comparabili. Pertanto, nella fase di determinazione del prezzo, in prima istanza vengono considerati i prezzi praticati in Germania, Danimarca, Regno Unito e Olanda. Francia, Italia e Austria vengono considerati paesi sussidiari e vengono inclusi nella valutazione nel caso in cui, in qualcuno dei primi quattro paesi, il farmaco non sia ancora commercializzato oppure nell evenienza che, in una delle prime quattro nazioni, la specialità per cui è richiesta l inclusione nella lista positiva sia venduta ad un prezzo troppo basso o troppo alto. Nel caso in cui esistano già in commercio dei farmaci con attività simile, nella determinazione del prezzo si tiene conto anche dell efficacia relativa. In questi casi, il principio generalmente adottato è che la una nuova specialità, se non è più attiva di quelle già incluse nella lista positiva e presenti in commercio, per essere inclusa nella lista debba essere commercializzata ad un prezzo inferiore rispetto alle specialità di confronto. Nel corso della valutazione di efficacia, i farmaci per cui è stata inoltrata una richiesta di inclusione nella lista dei medicamenti rimborsabili vengono classificati in cinque categorie che dovrebbero rispecchiare il loro livello d innovazione: (a) balzo terapeutico; (b) progresso terapeutico; (c) comporta un risparmio rispetto ai farmaci già in commercio; (d) non apporta nulla e non comporta risparmi; (e) non è appropriato per essere incluso nella lista positiva. Questa classificazione consente di tenere in considerazione i costi di ricerca e sviluppo garantendo, nella fase di determinazione del prezzo, un premio per l innovazione (OAMal, art. 65-3bis; OPAS, art. 34-2) per quei prodotti che in fase di valutazione di efficacia appartengono alle categorie (a) e (b). Il premio consiste, in genere, in un aumento del prezzo dal 10 al 20% rispetto al farmaco già in commercio anche se, nel caso in cui si tratti di farmaci che hanno consentito un balzo terapeutico, non sono fissati limiti al premio per l innovazione. 15

20 Premi ancora più alti possono essere attribuiti a quei farmaci che hanno una prospettiva di mercato limitata come gli orphan drugs Processo di revisione dei prezzi Una volta garantita la rimborsabilità da parte degli assicuratori malattia e, quindi, l inclusione nella lista dei medicamenti, le specialità sono sottoposte ad una rivalutazione programmata del prezzo. La prima rivalutazione avviene ventiquattro mesi dopo l inclusione nella lista delle specialità. Essa ha lo scopo di verificare se il prezzo di entrata è appropriato. Se in seguito alla valutazione viene rilevato che il prezzo è troppo alto, allora l UFSP può deliberare un abbassamento del prezzo del farmaco. In questi casi, se la differenza tra il nuovo ed il vecchio prezzo è superiore al 3% e si valuta che questa differenza ha comportato per l azienda utili superiori a Fr., gli assicuratori malattia possono richiedere un rimborso del surplus direttamente al produttore (OAMal, art. 67). Una seconda valutazione è prevista alla scadenza della copertura brevettuale oppure al massimo 15 anni dopo l inserimento nella lista. Una terza viene effettuata due anni dopo quest ultima. Il prezzo stabilito dopo 15 anni, o meglio ancora alla scadenza del brevetto, viene considerato come prezzo di riferimento, ovvero il prezzo rispetto al quale gli eventuali generici dovranno offrire uno sconto di almeno il 30 % al momento della loro introduzione sul mercato. Nel caso in cui il prezzo del prodotto originale dovesse essere ulteriormente abbassato nel corso della revisione dopo due anni, i generici dovranno, comunque, mantenere un prezzo più basso di almeno il 15 %. Lo stesso meccanismo non è, invece, previsto nel caso in cui sia il produttore del prodotto originale ad abbassare di propria iniziativa il prezzo della specialità. In questo caso i produttori di generici non hanno alcun obbligo di adattare il proprio prezzo a quello del prodotto originale (OAMal, art. 65). Infine, per i medicamenti per i quali sono stati approvate da Swissmedic delle nuove indicazioni e/o un nuovo utilizzo, è prevista una valutazione dopo sette anni dall inclusione nella lista (OAMal, art. 66). 16

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit

Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche Non profit Proposta di un Documento di Consenso sulla Modalità di Valutazione delle Sperimentazioni Cliniche n profit A cura di SIF Clinica In collaborazione con: Segreteria Scientifica e Membri dei Comitati Etici

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA

TARIFFAZIONE RICETTE SSN CONTENENTI FARMACI SOP ed OTC CIRCOLARE RIEPILOGATIVA CIRCOLARE N. 25/08 ASSIPROFAR FEDERFARMA ROMA via dei Tizii, 10 Roma 00185 Tel. 064463140 Fax 064959325 e-mail: assiprof@tin.it sito internet: www.federfarmaroma.com AI TITOLARI DI FARMACIA DI ROMA E PROVINCIA

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

Riforma "Specialista del commercio al dettaglio" Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al

Riforma Specialista del commercio al dettaglio Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al Specialista del commercio al Riforma "Specialista del commercio al " Direttive concernenti lo svolgimento di esami modulari per candidati specialisti del commercio al (La designazione di persone o gruppi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli