I SISTEMI SANITARI.! I sistemi di cura! I modelli alterna7vi di finanziamento e di erogazione delle prestazioni sanitaria!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SISTEMI SANITARI.! I sistemi di cura! I modelli alterna7vi di finanziamento e di erogazione delle prestazioni sanitaria!"

Transcript

1 I SISTEMI SANITARI! I sistemi di cura! I modelli alterna7vi di finanziamento e di erogazione delle prestazioni sanitaria! Il finanziamento

2 Missioni Miglioramento dello stato di salute della popolazione Capacità e sensibilità di rispondere alle esigenze dei pazien7/clien7 Equità nel finanziamento del sistema

3 CaraBeris7che dei sistemi sanitari Modalità di finanziamento Copertura assicura7va Forme di amministrazione

4 Principali sistemi sanitari in Europa Assicurazioni sociali Pubblico - universalis7co Il modello influenza le risposte al bisogno condizioni di salute e la maggior/minor equità di cura L organizzazione condiziona anche l aività dei medici e degli operatori sanitari

5 Le ragioni della crisi I cambiamen7 epidemiologici - demografici (aumento della popolazione anziana, aumento delle malaie cronico degenera7ve) I progressi della tecnologia medica (nuovi farmaci, nuove tecnologie) I cambiamen7 socio - antropologici (diversi bisogni e aspeba7ve, restringimento delle dimensione della famiglia) La poli7ca (pubblico/privato - ai poli7ci per fini poli7ci

6 Modello assicurazioni sociali L assistenza sanitaria viene finanziata abraverso i contribu7 obbligatori versa7 dai lavoratori e dal datore di lavoro Le assicurazioni sociali raccolgono i fondi dalle imprese e dai dipenden7 e li u7lizzano per remunerare le prestazioni (ambulatoriali, diagnos7che, ospedaliere, ecc.) erogate ai loro assicura7 I fondi sono ges77 da agenzie no profit non governa7ve is7tuite per legge a questo scopo La maggior parte dei medici è pagata a prestazione La copertura non è universale cambia a seconda dei paesi La maggior parte degli ospedali è privata e no profit

7 CaraBeris7che Lo Stato non svolge un ruolo nella produzione dell assistenza sanitaria ma è molto aivo nel regolamentare il sistema sanitario Lo stato assicura la copertura assicura7va per coloro che non hanno 7tolo ad essere iscrii nei fondi assicura7vi occupazionali Lo stato può stabilire livelli di reddito oltre i quali non è obbligatoria (o esclusa) l iscrizione ad un fondo (ricorso a forme di assicurazione private)

8 Modello assicura7vo sociale Germania Francia Olanda Austria Lussemburgo Svizzera

9 Pubblico - universalis7co Il finanziamento avviene abraverso la tassazione generale, lo stato stabilisce il livello di risorse da assegnare al sebore sanitario I servizi vengono ges77 ed eroga7 principalmente da dipenden7 pubblici/convenzioni nazionali, quindi governate dal sebore pubblico. Il sebore privato ha un ruolo integra7vo I medici sono o dipenden7 o quota capitaria e il medico di famiglia rappresenta il filtro obbligatorio per l accesso alle prestazioni specialis7che e ospedaliere

10 CaraBeris7che pubblico/universalis7co La copertura assicura7va è universale, tui hanno pari diribo e 7tolo all accesso dei servizi indipendentemente dal reddito e dall appartenenza ad una determinata categoria Gli ospedali sono di proprietà dello Stato Lo Stato determina e controlla le poli7che opera7ve Livelli uniformi di assistenza in tubo il territorio

11 Modello pubblico - universalis7co Inghilterra Svezia Finlandia Norvegia Danimarca Irlanda Islanda Italia

12 Il bilancio delle aziende sanitarie pubbliche Il sistema di finanziamento I nuovi modelli di rilevazione dei con7 del servizio sanitario nazionale Il nuovo modello CE Il nuovo modello SP

13 Il sistema di finanziamento delle aziende sanitarie Le Aziende Sanitarie pubbliche non hanno come finalità la produzione di reddito ma la produzione di servizi pubblici essenziali La riforma del SSN (d.lgs 502/92, 517/93) ha assegnato nuovi compi7 alle aziende sanitarie e ospedaliere: 1. Rispondere ai bisogni della colleività 2. Competere/integrarsi con le strubure private 3. Migliorare la qualità della risposta a quei bisogni 4. Abbandonare la contabilità finanziaria 5. Introdurre il bilancio e la contabilità economico patrimoniale

14 ABo Aziendale E abo di diribo privato e di auto- organizzazione che disciplina il funzionamento dell Azienda nei suoi aspei: struburali (modello organizza7vo) dinamici (funzionamento)

15 ORGANIZZAZIONE AZIENDE SANITARIE DA A MEZZO ATTRAVERSO IL QUALE LA REGIONE ASSICURAVA LO SVOLGIMENTO DEI COMPITI ISTITUZIONALI DELLE STRUTTURE SANITARIE STRUMENTO DI ORIENTAMENTO DELL AZIENDA ALLE SCELTE STRATEGICHE ADOTTATE IN MASSIMA PARTE PREDETERMINATA E SOGGETTA A CONTROLLO FORMALE DA PARTE DELLA REGIONE STRUMENTO FLESSIBILE SULLA BASE DI LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI E SOGGETTA A VALUTAZIONE DI OPPORTUNITA / MERITO

16 Le funzioni dell ABo Aziendale D. Lgs. 229/99 Modello Organizza7vo: individuazione delle strubure opera7ve dotate di autonomia ges7onale o tecnico- professionale disciplina dell organizzazione dipar7mentale di tube le strubure individuazione e disciplina delle funzioni del DistreBo

17 Le funzioni dell ABo Aziendale D. Lgs. 229/99 Funzionamento dell Azienda disciplina le abribuzioni ed i compi7 della Direzione Strategica e della Dirigenza individua criteri e modalità di affidamento della direzione delle strubure e degli uffici ai dirigen7 regola la disciplina per la ges7one dei contrai di fornitura di beni e servizi

18 L aziendalizzazione Creazione di Aziende Sanitarie (ASL e ASO) dotate di autonomia organizza7va, ges7onale e patrimoniale Tale autonomia implica l assunzione da parte delle AS di una serie di obblighi e responsabilità: a) Ruolo e responsabilità del DireBore Generale b) Obbligo di redigere un bilancio economico- patrimoniale preven7vo e consun7vo c) Obbligo di tenuta di un sistema di contabilità anali7ca per centri di costo (centri di responsabilità) d) Obbligo di pareggio di bilancio

19 AZIENDA SANITARIA LOCALE È l Azienda preposta a garan7re l erogazione delle prestazioni sanitarie alla popolazione residente nel suo territorio di competenza (la provincia); Può assumere al tempo stesso il ruolo di acquirente (unico) e di erogatore delle prestazioni; Deve operare in condizioni di equilibrio economico; È dotata di autonomia economico- finanziaria e ges7onale; L iscrizione del cibadino all ASL segue il criterio della residenza;

20 IL RICONOSCIMENTO DELLA STRUTTURA SANITARIA QUALE AZIENDA IMPLICA CHE L ATTIVITA DI GESTIONE DEBBA ESSERE ORIENTATA A UN PRINCIPIO IRRINUNCIABILE DELLA TEORIA ECONOMICO AZIENDALE: IL PRINCIPIO DI ECONOMICITA DELLA GESTIONE

21 Il rispebo del principio di economicità Implica che l Azienda sia in grado di durare nel tempo in un ambiente mutevole senza il ricorso sistema7co a interven7 di sostegno e di copertura da parte di altre economie: Autosufficienza realizzata abraverso il simultaneo perseguimento di: Equilibrio economico Equilibrio monetario

22 Equilibrio economico Esprime l aitudine dell Azienda a generare nel medio lungo termine un flusso di ricavi c h e c o p r a sistema7camente i cosg (equilibrio tra componen7 posi7vi e nega7vi di reddito)

23 Equilibrio monetario Esprime l aitudine dell Azienda a generare entrate monetarie sufficien7 a far fronte alle uscite monetarie, evitando la cessazione dei pagamen7 e consentendo l impiego economico dei mezzi liquidi disponibili

24 Il bilancio prima della riforma: la CONTABILITA FINANZIARIA L aività dell Azienda è osservata facendo riferimento agli scambi monetari con l ambiente esterno che danno origine a entrate e uscite monetarie. Logica autorizza7va: l approvazione (per legge) del bilancio preven7vo assumeva il significato di autorizzazione a spendere EffeBo: scarsa responsabilizzazione degli abori, scarsa percezione del rischio finanziario

25 Il bilancio di esercizio: la CONTABILITA ECONOMICO- FINANZIARIA Cos7tuisce un sistema di rilevazione volto a determinare il REDDITO DI ESERCIZIO e il CAPITALE DI FUNZIONAMENTO I documen7 di sintesi sono: Il CE: misura il reddito d esercizio che emerge dalla contrapposizione tra il valore della produzione venduta e il valore delle risorse consumate per obenerla; Lo SP: rileva il capitale di funzionamento al nebo (aività passività)

26 Meccanismi di finanziamento delle aziende sanitarie L art. 51 della 833/78 (is7tuzione del SSN) indicava che il fondo sanitario nazionale doveva essere ripar7to tra le regioni sulla base di indici e standard che tendano a garan7re i livelli di prestazioni sanitarie in modo uniforme su tubo il territorio nazionale eliminando progressivamente le differenze struburali e di prestazioni tra le regioni La legge 662/96 ha abribuito al CIPE la responsabilità di determinare i pesi dei macro livelli per poi effebuare il riparto

27 Meccanismi di finanziamento 1 La legge prevede di tener conto: 1. della popolazione residente 2. Della frequenza dei consumi sanitari per età e per sesso 3. Dei tassi di mortalità della popolazione 4. Di indicatori rela7vi a par7colari situazioni territoriali ritenu7 u7li al fine di definire i bisogni sanitari delle regioni 5. Di indicatori epidemiologici territoriali

28 Meccanismi di finanziamento 2 La procedura adojata si argcola in tre fasi: 1. Definizione di una base paritaria pro capite di risorse che vale per tube le regioni 2. Prima correzione tenendo conto di alcuni aspei quali la strubura demografica, i vari tassi di mortalità, la densità abita7va della popolazione delle diverse regioni 3. Ulteriore correzione del risultato tenendo conto della mobilità interregionale dei pazien7

29 Meccanismi di finanziamento cri7che al sistema Gli anziani u7lizzano di più le risorse del SSN per alcuni livelli di assistenza, ma un anziano povero lo fa con una percentuale decisamente maggiore di un anziano ricco La povertà rappresenta il più importante fabore di rischio per la salute e le differenze di salute legate al reddito evidenziano alcuni dei più importan7 fabori di condizionamento della salute A bassi livelli di qualità della vita si associano esi7 nega7vi sullo stato di salute più frequen7 e gravi

30 Riparto del fabbisogno 2009 Regione popolazione quota Piemonte ,69 Lombardia ,48 Veneto ,30 Toscana ,31 Lazio ,74 Liguria ,37 Campania ,43 Puglia ,92 Sicilia ,86

31 Criteri di riparto dei fondi regionali alle singole aziende Per le Aziende Sanitarie Locali: quota capitaria (popolazione pesata, anziani, minori,indici socio/economici difficoltà orografiche, la dispersione sul territorio, la conges7one urbana, da7 epidemiologici) suddivisa per i tre macro- livelli (assistenza colleiva, assistenza distrebuale, assistenza ospedaliera) Per le aziende ospedaliere: valorizzazione dei ricoveri in base alle tariffe vigen7

32 Finanziamento Regione Piemonte ASL Riparto base (finanziamento lordo dei tre macro- livelli, calcolato con logiche parametriche popolazione pesata, valori standard per i finanziamen7 per funzioni Finanziamen7 connessi a interven7 e progei non riconducibili ai macro- livelli e non distribui7 in modo omogeneo tra le ASL Quota di riequilibrio ar7colata in base a due componen7 popolazione e situazione anno. Definizione del fabbisogno nebo detraendo le entrate direbe (ricavi per prestazioni, 7cket)

33 Finanziamento Regione Piemonte ASO Finanziamento per le funzioni svolte analogo al 2008 Il finanziamento per la produzione pari al valore consun7vo 2008 Valore s7mato rela7vo alla distribuzione direba dei farmaci sulla base dei da7 del 1 semestre 2009 Finanziamen7 connessi a interven7 e progei non riconducibili ai macro- livelli e non distribui7 in modo omogeneo tra le ASO Quota di riequilibrio ar7colata in base a due componen7 popolazione e situazione 2008

34 Preven7vo assestato Le ASR in base alla quota assegnata rivedono il CE preven7vo tenendo conto dei seguen7 fabori: 1. Costo rela7vo all assistenza specialis7ca ambulatoriale e all assistenza ospedaliera da soggei erogatori priva7 (budget defini7 con i priva7) 2. Costo rela7vo assistenza farmaceu7ca erogata dalle farmacie convenzionate detraendo in s7ma il minor costo rela7vo ai farmaci generici e allo sconto straordinario 3. Della mobilità aiva e passiva in base alle s7me disposte dall assessorato sanità

35 Equilibrio di bilancio Le ASR che in base alla quota assegnata ed ai fabori sopra indica7 per la revisione del CE preven7vo raggiungono l equilibrio del bilancio adobano la rela7va cer7ficazione e non hanno il blocco delle assunzioni Le ASR che prevedono di pervenire all equilibrio economico in un arco temporale superiore al biennio devono presentare una richiesta di autorizzazione alle maggiori spese da sostenere nel 2009 necessarie per garan7re la con7nuità dei servizi, il superamento del blocco è vincolato all autorizzazione della Giunta regionale

36 Equilibrio di bilancio non raggiunto Le ASR che non raggiungono l equilibrio di bilancio devono: 1. Predisporre una relazione che mo7vi gli scostamen7 rispebo alle previsioni economiche per l anno 2009 contenute nel PRR tenendo conto delle modifiche intervenute negli assei is7tuzionali - organizza7vi del SSR 2. Integrare il PRR con un piano di rientro in cui si definiscano gli interven7 necessari per pervenire all equilibrio economico nel corso del biennio La condizione di non raggiungimento dell equilibrio di bilancio comporta il blocco delle assunzioni di personale in qualsiasi forma contrabuale e l affiancamento della Direzione regionale per individuare le misure necessarie per il superamento della condizione di disequilibrio

37 Quota capitaria E circa il 99% del finanziamento e viene ripar7ta con il criterio della quota capitaria secca / pesata / mista / Prevenzione 5% secca sulla popolazione DistreBuale 51%: 1. Medicina di base 6,9% secca in base alla popolazione 2. Farmaceu7ca 13% tebo imposto sul fabbisogno complessivo 3. Specialis7ca 13% pesata sulla base dell età della popolazione 4. Altra territoriale 18,1% secca sulla base della popolazione Ospedaliera 44% pesata in base all età della popolazione per metà importo

38 Tabella pesi Oltre 75 Osp. 2,539 0,3 76 Amb. 0,242 0,2 04 0,25 4 0,16 9 0,392 0,567 0,945 2,105 3,025 0,228 0,363 0,573 1,000 0,897

39 Il sistema del finanziamento I meccanismi di trasferimento delle risorse sono vincoli all azione delle ASR e sono anche il limite Pochi sono gli spazi all azione delle aziende per poter influenzare l equilibrio economico L equilibrio tra l esigenza aziendale di contenere la spesa e il dovere cos7tuzionale di assicurare il diribo alla salute è la posizione non facile in cui si trova il DireBore Generale

40 Comunicare Le prestazioni sanitarie hanno un valore che va oltre all aspebo economico sono un valore aggiunto per le comunità che deve essere interpretato al di la del valore economico Il bilancio sociale è uno strumento di rendicontazione sui risulta7 raggiun7 legandoli agli obieivi di salute fissa7 dalla programmazione regionale e aziendale

41 Il bilancio sociale Chiarezza nella rendicontazione delle risorse economiche in quanto illustra in modo esauriente gli esi7 dell aività is7tuzionale e gli effei delle poli7che aziendali sul territorio Individuazione dei pun7 di forza, delle cri7cità, delle opportunità legate alle poli7che aziendali confrontando gli obieivi prefissa7 e i risulta7 raggiun7 E uno strumento volontario di rendicontazione sociale che da conto delle responsabilità dell Azienda nei confron7 della comunità di riferimento

42 Il nuovo sistema informa7vo sanitario E uno strumento di governo e supporto dei flussi informa7vi del SSN E la fonte di riferimento dei da7 u7lizza7 per le misure di qualità, efficienza, appropriatezza e costo nonché per le misure rela7ve all erogazione dei LEA Rappresenta la base da7 condivisa per sviluppare le misure necessarie al bilanciamento dei cos7 - qualità

43 Il progebo maboni Si traba di un vero e proprio programma nato dalla riconosciuta esigenza di individuare una uniformità di espressione in termini di da7 rileva7 e metodi di lebura/ misura adoba7 I maboni del SSN individua7 sono 15 ed ogni progebo è affidato a due regioni mabone 14 - misura dei cos7 del SSN

44 mabone 14- misura dei cos7 del SSN Ha l obieivo di omogeneizzare a livello nazionale i flussi informa7vi economici per natura e des7nazione, permebendo il confronto tra le diverse strubure sanitarie AIva i seguen7 flussi: 1. Modello CE (Conto Economico) 2. Modello SP (Stato Patrimoniale) 3. Modello CP (CosG per Presidi a gesgone diretta delle ASL 4. Modello LA (CosG per Livelli di Assistenza)

45 PaBo per la salute Anno 2010 risorse pari a milioni Anno 2011 risorse pari a milioni Risorse aggiun7ve pari a milioni per il 2010 e per l anno 2011 L impegno dello Stato a garan7re un incremento del finanziamento per l anno 2012 pari al 2,8% sul 2011 Il finanziamento di 400 milioni per l anno 2010 per il fondo per la non autosufficienza e per le poli7che sociali

46 PaBo per la salute In caso di disavanzo sono conferma7 gli automa7smi di Irap e Irpef, blocco del turn over e stop alle spese non obbligatorie Se supera il 5% (prima era il 7%) o gli automa7smi non sono sufficien7 scaba il piano di rientro in affiancamento con il controllo al Ministero dell economia In caso di inadempienza il commissariamento ad acta

47 Addendum, piani di rientro, ecc DGR 30 dicembre 2013, n Approvazione Programmi Operativi di approvazione dei Programmi Operativi , corredati dei modelli CE Pagine 329 (tutto e più di tutto) Medici, infermieri, oss al 50%

48 Cambio di roba in sanità? Rimborsi a prestazione a obieivi a procedure fissate in linee guida Crescen7 cos7 del contenzioso legale tenuta bilancio, più cos7 assicura7vi Is7tuzione centro unico di spesa in sede regionale Superamento separazione tra ASL e ASO

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA ( O. M. S. ) WORLD HEALTH ORGANIZATION ( W. H. O. ) AGENZIA SPECIALIZZATA DELL O.N.U.

Dettagli

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano

SISTEMI SANITARI EUROPEI. Il sistema sanitario italiano SISTEMI SANITARI EUROPEI MODELLI A CONFRONTO Il sistema sanitario italiano Domenico Iscaro Presidente Nazionale Anaao-Assomed Firenze, 13 febbraio 2015 IN ITALIA PRIMA DEL 1978 Sistema mutualistico (modello

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI

ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI E SANITARI II PARTE I SERVIZI SANITARI OBIETTIVI 1. DARE STRUMENTI PER COMPRENDERE MEGLIO LA REALTA E LE SPECIFICITA DELLA GESTIONE DELLE AZIENDE SANITARIE 2. APPREZZARE

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs.

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche A.A. 2012-2013 Art. 32 Cost. Le aziende sanitarie La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività,

Dettagli

Programmazione e tempi di riparto

Programmazione e tempi di riparto Laboratorio FIASO sul riparto dei fondi sanitari regionali Programmazione e tempi di riparto La ripartizione dei fondi tra le Aziende sanitarie avviene in quadro di programmazione definito dai Piani sanitari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN?

DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? DOVE STA ANDANDO IL TITOLO SSN? Evidenze dal Eventuale Rapporto OASI sottotitolo 2013 Prof. Francesco Nome Cognome Longo Università Carica istituzionale Bocconi Milano, 20.01.2014 I principali trend evolutivi

Dettagli

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività

2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività 2013: Quali strumenti per governare le trasformazioni in atto e recuperare redditività E.C.M. Educazione Continua in Medicina 17 giugno 2013 ore 20:00 Provider e Segreteria Organizzativa Con il contributo

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA STORIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L. 1888 legge Pagliai (Legge Riforma sanitaria) istituzione Medici Comunali istituzione Medici Provinciali istituzione Direzione Generale Sanità L. 1890 legge

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA Rosario Cunsolo Dir. Medico Direzione Medica di Presidio

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 4 del 18 01 2010 OGGETTO: Azienda USL RM/C parere positivo ai sensi dell art. 3 del Decreto Commissariale n. U0016 del 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini

Riparto del. Fondo Sanitario Regionale 2005-2006. (parte corrente) Linee guida ed obiettivi di assistenza e salute 2005-2006. Regione senza confini Giunta regionale Dip.to Salute, Sicurezza e Solidarietà Sociale Servizi alla Persona e alla Comunità Regione senza confini Riparto del Fondo Sanitario Regionale 2005-2006 (parte corrente) Linee guida ed

Dettagli

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE I CRITERI DI FINANZIAMENTO DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Attuale modalità di riparto dell assegnazione complessiva sul Fondo Sanitario Regionale: Riparto fra le 11 Istituzioni

Dettagli

I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO. Cattedra di Igiene Università di Catanzaro

I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO. Cattedra di Igiene Università di Catanzaro I MODELLI DI SISTEMA SANITARIO MODELLO BEVERIDGE SSN BASATI SULL UNIVERSALITÀ DI ACCESSO E IL FINANZIAMENTO ATTRAVERSO LA FISCALITÀ GENERALE LIVELLO DI GOVERNO (ACCENTRAMENTI/DECENTRAMENTI) ASSETTO DEL

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri. Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Politiche Sanitarie Comparate Lezione 6 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca L evoluzione storica del sistema sanitario italiano 1) Dagli anni

Dettagli

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007.

Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. ALLEGATO 1 Schema di CONTRATTO DI SERVIZIO tra REGIONE ed A.T.E.R. in attuazione dell art. 50 della Lr n. 27/2006 come modificato dalla Lr n. 11/2007. L anno il giorno del mese di in Roma, con la presente

Dettagli

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Fatti Premi costi motivazioni curafutura illustra i principali fatti e meccanismi relativi al tema dei premi dell assicurazione malattie, spiega come si arriva alla definizione del premio della cassa malati,

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

La tariffazione nel ramo RCA: opera4vita della compagnia e modalita di verifica dell AIRCA, in base alla norma4va vigente

La tariffazione nel ramo RCA: opera4vita della compagnia e modalita di verifica dell AIRCA, in base alla norma4va vigente La tariffazione nel ramo RCA: opera4vita della compagnia e modalita di verifica dell AIRCA, in base alla norma4va vigente Roma, giovedi 13 novembre 2014 dof. Giovanni Sammar4ni, dof.ssa Franca Forster,

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente

Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente Anche le aziende di dimensioni medio-piccole possono rappresentare una realtà efficiente di P. Tofanini (1), G. Cassissa (2), F. Cane (3), M.C. Frigeri (4), C. Peirano (5), D. Saglietti (6), L. Sola (7)

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Premessa L'Amministrazione Regionale è impegnata a garantire ai cittadini la qualità dei

Dettagli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli

L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE. A cura di Chiara Morelli L ABC DELL ECONOMIA AZIENDALE A cura di Chiara Morelli LE AZIENDE DI PRODUZIONE L attività economica di produzione di beni e servizi è svolta da unità economiche denominate Aziende di produzione o Imprese.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1

Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI. Art.1 Azienda Speciale Servizi Comuni REGOLAMENTO DI CONTABILITA DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Il presente regolamento intende disciplinare gli aspetti amministrativi, contabili e gestionali dell Azienda Speciale

Dettagli

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009)

DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 2009) DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA DECRETO n. 13 15 02 2010 OGGETTO: ASL RM/A - parere positivo ai sensi l art. 3 Decreto Commissariale n. U0016 27 febbraio 2009. IL COMMISSARIO AD ACTA VISTA la Legge costituzionale

Dettagli

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 La voce amministrativa in periodo di Spending Review Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 Welfare state Il Welfare State (o Stato Sociale) è un sistema di norme con il quale lo stato cerca di eliminare

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministro della Salute e il Ministro dell Economia e delle Finanze la legge 31 dicembre 2009, n. 196 Legge di contabilità e finanza pubblica ; il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, con particolare riguardo all articolo 3-septies

Dettagli

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio Giuseppe Garofalo a o Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia Università della Tuscia I tempi della politica sono molto brevi e schizofrenici

Dettagli

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT

SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ Alceste SANTUARI P&D.IT SANITÀ, WELFARE E MUTUALITÀ" Alceste SANTUARI P&D.IT Qualche tempo fa su questo sito ci siamo chiesti che ne fosse stato del federalismo. Le recenti indagini pubblicate su il Sole 24 Sanità testimoniano

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

L armonizzazione contabile degli en2 territoriali: il nuovo bilancio

L armonizzazione contabile degli en2 territoriali: il nuovo bilancio L armonizzazione contabile degli en2 territoriali: il nuovo bilancio Prof. Luca Mazzara Dire%ore Master in City Management Scuola di Economia, Management e Sta2s2ca, Forlì Campus Ministero dell Interno,

Dettagli

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni

Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Verso un sistema di welfare per la terza età nel Terzo Millennio Il gap di spesa per l assistenza di lungo termine e il possibile ruolo delle assicurazioni Luigi Di Falco Responsabile Vita e Welfare Trieste,

Dettagli

La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone

La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone La cooperativa di servizi alla medicina generale per la gestione delle AFT/UCCP: obiettivi, struttura, processi, ruoli e persone Milano 8 Giugno 2013 Gianfranco Piseri Obiettivi delle UCCP Coordinamento

Dettagli

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE

LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE LE POLITICHE SOCIOSANITARIE Relative alle IPAB - ASP CON RIFERIMENTO ALLA MAPPA-RETE POLITICHE SOCIOSANITARIE I.P.A.B. - Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza SCHEDA ISTITUZIONALE ENTI AUTONOMI

Dettagli

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie

Turismo sanitario come opportunità per la promozione della rete delle strutture sanitarie PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP Le sinergie nell Unione Europea tra servizi sanitari nazionali e politiche del turismo Venezia, 14 aprile 2014 Turismo sanitario come opportunità per la promozione

Dettagli

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio

Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73. Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Il Sistema Sanitario Tedesco: Resoconto del viaggio di studio in Baviera,, 3-73 Maggio 2004 Villa Pallavicini 2 luglio Caratteristiche generali dei sistemi assicurativi e dei Sistemi Sanitari Nazionali

Dettagli

La dimensione economica

La dimensione economica Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale La dimensione economica dei servizi territoriali Patrizio Armeni CERGAS e SDA Bocconi Agenda Premessa: la dimensione economica Il finanziamento

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura

Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Ospedale e territorio, esperienze ed evoluzione futura Enrico Bollero Direttore Generale, Fondazione Policlinico Tor Vergata Coordinatore Forum Direttori Generali FEDERSANITÀ - Anci 1 Il problema La continuità

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie

Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Il sistema di budget nelle aziende sanitarie Dott. Patrizio Monfardini monfardini@unica.it 1 Agenda Il budget Le caratteristiche Le funzioni I vantaggi I limiti Il processo di redazione Il budget nelle

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 4 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca Le relazioni tra finanziamento e produzione in un sistema sanitario

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO

APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale APPROFONDIMENTO TEMATICO II: CRITERI DI RIPARTO DEL FSR LOMBARDO 0 Le voci di finanziamento corrente al SSR lombardo nel 2007

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano Il sistema Il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) viene istituito nel 1978 (legge 833/1978). Tre livelli di governo: 1) Stato, Ministero della Sanità. 2) Regioni (istituite a inizio anni 70), Assessorati

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014

LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Avv. Maria Paola Costantini 16 giugno 2014 1 Le prestazioni di procreazione medicalmente assistita non sono mai state inserite nei Livelli essenziali di assistenza,

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale OSSERVATORIO SULLA SANITÀ PRIVATA IN ITALIA E IN LOMBARDIA Ricerca del CERGAS Bocconi per il Gruppo Sanità di Assolombarda Francesco

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

Politiche di sostegno alla non autosufficienza

Politiche di sostegno alla non autosufficienza Politiche di sostegno alla non autosufficienza Sergio Pasquinelli Istituto per la Ricerca Sociale Milano 26 Settembre 2013 I problemi di partenza La proposta in sintesi Domande e risposte Più in dettaglio

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Torino: servizi agli anziani

Torino: servizi agli anziani Torino: servizi agli anziani Cruscotto di indicatori A cura di: Giovanni Azzone, Politecnico di Milano Tommaso Palermo, Politecnico di Milano Indice Cruscotto di sintesi pag. 3 Trend demografici e servizi

Dettagli

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni

Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni Modifiche e Integrazioni al D. Lgs. 118/2011 inerenti l introduzione della Contabilità Economico-Patrimoniale nelle Regioni ROBERTA SCOLA Staff e Affari Giuridici della Direzione Centrale Risorse Strumentali,

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009)

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Contenuti La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Bari 24/06/2013 2 Perché è importante perequare? Le

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT. Expo Milano 09/06/2015

Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT. Expo Milano 09/06/2015 Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT Expo Milano 09/06/2015 Il Consorzio Proge&o ammesso al finanziamento da parte del MIUR nel contesto di Smart Ci:es Nazionali D.D.

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Il bilancio degli enti locali

Il bilancio degli enti locali Il bilancio degli enti locali - Introduzione - I principi - La struttura del bilancio - Armonizzazione dei bilanci degli enti locali attenzione :fase di traduzione nel bilancio delle scelte politiche Tipologie

Dettagli

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO

LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO LE CURE A CASA IN UNO SCENARIO DI QUALITÀ E SICUREZZA: DAL CENSIMENTO AL LIBRO BIANCO Il medico di medicina generale nelle cure a casa: quale ruolo? Antonio Calicchia, Responsabile Nazionale FIMMG per

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e risparmio energetico. Barbara Pancino

Responsabilità sociale d impresa e risparmio energetico. Barbara Pancino Responsabilità sociale d impresa e risparmio energetico Barbara Pancino Facoltà di Scienze Poli9che Viterbo, 15 dicembre 2010 COSA È LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA (RSI) La RSI è la decisione volontaria

Dettagli

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa a cura di I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa I finanziamen* agevola* per le piccole e medie imprese operan* nella Regione Veneto sono finanziamen* eroga* a condizioni agevolate in favore

Dettagli

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta

La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia. Giovanna Beretta La Riabilitazione: analisi della situazione in Italia Giovanna Beretta SOTTOGRUPPO 1 Rilevanza della Medicina Riabilitativa Rappresentanti Conferenza Stato-Regioni Abruzzo Campania Emilia Romagna Lombardia

Dettagli

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea

Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Forum sulla Non Autosufficienza Bari, 5 giugno 2013 Le conseguenze finanziarie della spesa diretta per long-term care da parte degli anziani: un analisi europea Jacopo Bonan, PhD Dipartimento di Economia

Dettagli

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE

PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE PROGETTO MATTONE INTERNAZIONALE WORKSHOP Le tematiche di Sanità Pubblica del semestre di Presidenza Italiana dell UE: Sviluppi ed opportunità a livello nazionale e regionale Roma, 31 Marzo 2015 Lezioni

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte

PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2. Simona Iaropoli IRES Piemonte PROGRAMMI OPERATIVI 2013-2015 INTERVENTO 9.2 Simona Iaropoli IRES Piemonte Torino, marzo 2015 Rapporto OASI 2014 Secondo il capitolo 10 del rapporto Oasi 2014 nel 2012 la spesa totale per beni e servizi

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano Il sistema sanitario italiano 3 livelli di assistenza: assistenza ospedaliera assistenza medico-generica e specialistica assistenza farmaceutica Finanziamento: IRAP, addizionale IRPEF, IVA, accisa sulla

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98)

Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) D.P.C.M. 15 dicembre 1999 (non pubblicato nella G.U.) Criteri per il riparto, anno 2000, delle risorse relative agli incentivi alle imprese (art. 19, c.8, d.lgs. n. 112/98) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

La comparazione tra sistemi sanitari

La comparazione tra sistemi sanitari La comparazione tra sistemi sanitari Le diverse risposte possibili 3 diversi modelli Pubblico Privato Misto ELEMENTI DI DISTINZIONE: Strutture di offerta finanziamento Caratteristiche comuni: Aumento vita

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli