F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno 2007. Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO"

Transcript

1 F.I.F. Corso di Personal Trainer Verona Aprile - Giugno 2007 Tesina finale Caso Studio TOMMASO BELLORIO

2 2 INDICE Complessità del problema Sindrome da conflitto sottoacromiale...12 Anamnesi Mobilità Segni specifici Forza Imaging Radiografia Ultrasonografia Artografia Risonanza magnetica Quadro del cliente Cenni storici Mobilitazioni passive

3 3 INTRODUZIONE Nella mia attività ho la possibilità di lavorare in sinergia con un osteopata. Dopo aver ricevuto indicazioni generali su come far lavorare il paziente, mi trovo spesso a dover approfondire varie tematiche, tra le quali la riabilitazione. Questa tesina può essere un esempio del mio modo di lavorare. Sono partito dalla riabilitazione della spalla, passando da un intonizzazione generale. Poi ho inserito esercizi specifici cercando di ottimizzare il tutto e portando il mio cliente al raggiungimento del suo obiettivo. Appositamente non ho voluto sviluppare la progressione didattica dello sport specifico. Mi sono solamente limitato a inserire l uso della racchetta da tennis solo quando il mio cliente ha raggiunto un discreto stato di forma, sia per quanto riguarda il tono muscolare sia per quanto riguarda la base aerobica.

4 4 SINDROME DA CONFLITTO In questi ultimi anni, grazie all artroscopia e alle nuove tecniche di risonanza magnetica, sono stati compiuti importanti progressi nella diagnostica delle patologie della spalla, ma nulla può sostituire un attenta e dettagliata indagine anamnestica nella valutazione integrale del paziente, dell origine della sintomatologia e dell importanza della lesione, al fine di impostare un corretto iter diagnostico terapeutico. Le manifestazioni del dolore articolare sono limitate a pochi e generici sintomi, che devono essere attentamente valutati dallo specialista mediante un approcio metodico e clinico. Nella maggioranza dei casi il paziente si lamenta di un dolore alla spalla, descritto nei modi più disparati, ma riconducibile a ben definiti schemi. A volte al dolore spontaneo o provocato, localizzato o irradiato si uniscono una perdita di forza e una limitazione del movimento, che vengono ad aggravare la funzione dell arto colpito. La perdita di forza si evidenzia soprattutto nelle attività in elevazione, quando sono richiesti una normale stabilizzazione dell articolazione gleno-omerale. Spesso è il dolore a causare ipovalidità funzionale. La perdita di articolarità viene riferita come impossibilità ad effettuare un movimento. Già da come la persona si muove, saluta o si spoglia è possibile trarre indicazioni sul tipo di problema presentato. I sintomi dolorosi possono essere presenti nelle comuni attività quotidiane o solo in alcuni movimenti della spalla, possono essere costanti o impedire un movimento specifico, possono aggravarsi nel mantenere posture e nell eseguire movimenti ripetitivi, possono essere alleviati dal riposo o dall assunzione di farmaci anti infiammatori. Il cliente parla più comunemente di dolore improvviso durante un azione particolare o un movimento di abduzione, extrarotazione ed una perdita improvvisa di forza con il braccio in alto. Il riferimento a rumori, scatti e crepitii è frequente, ma non sempre deve essere valutato come causa di patologia; la loro presenza, associata a dolore, merita comunque un ulteriore approfondimento. Anamnesi La raccolta della storia clinica è estremamente importante per capire il motivo del dolore alla spalla. Molteplici sono le ragioni di una spalla dolorosa e funzionalmente

5 5 limitata; molte hanno origine dalla spalla stessa, alcune da malattie d ordine generale, altre da alterazioni delle strutture anatomiche vicine, altre ancora da altri disturbi. L anamnesi deve essere guidata dallo specialista che raccoglie tutti quei dati che consentono un inquadramento il più possibile preciso del paziente e del problema in esame; è utile indagare la presenza di altri dolori. Occorre infine valutare a quali terapie recenti il paziente si sia sottoposto. La sindrome da impingement La sindrome da impingement si manifesta tra i 25 e i 40 anni. L anamnesi delle attività lavorative, degli sport e degli hobbies praticati dal paziente riveste particolare interesse nella valutazione delle cause scatenanti un dolore alla spalla. Le attività sportive possono far peggiorare un problema preesistente alla spalla, ma in molti casi ne sono la causa determinante; basti pensare alle percentuali di patologie associate agli sport di lancio, come il tennis, il golf, il baseball, etc. E sempre importante un attenta analisi del gesto atletico perché la sua correzione può determinare in alcuni casi la completa guarigione della sintomatologia accusata dal paziente. Il dolore è il sintomo prevalente e spesso l unico presente nella maggior parte delle patologie della spalla. Le patologie dell articolazione acromion claveare si manifestano con un dolore ben localizzato, facilmente individuato dallo stesso paziente che lo indica con un dito. E questa l unica problematica della spalla a dare un irradiazione verso il trapezio e il collo. Il dolore che compare in abduzione o in elevazione, tra i 70 e i 120, suggerisce un problema alla cuffia dei rotatori; quello che compare al di sopra dei 150 suggerisce un artropatia dell articolazione acromion claveare. Test speciali I test speciali si dividono, sulla base delle strutture che essi esaminano e del loro significato specifico. Test di conflitto

6 6 Vengono effettuati tutti in rotazione interna e sono da considerare positivi alla comparsa del dolore durante la loro esecuzione. Quando sono positivi mettono in evidenza una situazione di conflitto. - Test di Hawkins: viene effettuata una rotazione interna passiva del braccio, con spalla flessa a 90. Fig. 1 Test di Hawkins - Test di Yocum: il soggetto con la mano sulla spalla controlaterale e il braccio in adduzione orizzontale a 90, spinge in alto il gomito contro resistenza.

7 7 Fig. 2 Test di Yocum Test per la cuffia dei rotatori Alcuni di questi test sono effettuati contro resistenza e valutano contemporaneamente la forza e l integrità della cuffia. Altri sono test di tenuta: - Test di Jobe: esamina il sovraspinoso. L operatore esegue una spinta verso il basso sulle braccia abdotte a 90, flesse anteriormente di 30 e mantenute in rotazione interna. Il test è positivo quando si evidenzia il dolore di una spalla rispetto alla controlaterale.

8 8 Fig. 3 Test di Jobe - Abduzione contro resistenza: esplora anch esso il sovraspinoso e come il test di Jobe è positivo alla comparsa di ipostenia. Il soggetto spinge il braccio in abduzione a 90 contro la resistenza dell esaminatore. Fig. 4 Abduzione contro resistenza

9 9 - Test di rotazione esterna contro resistenza in abduzione: studia la forza del sottospinoso. Lo si esegue invitando il soggetto ad effettuare una rotazione esterna a braccia addotte contro resistenza offerta dall operatore. Il test è positivo alla comparsa di ipostenia. Fig. 5 Test di rotazione esterna contro resistenza in abduzione - Test di patte: con il braccio in abduzione a 90 il paziente viene invitato a compiere una rotazione esterna contro resistenza. Vale per esso quanto si è detto per il test precedente. Fig. 6 - Test di patte - Test del lift-off : esamina il sottoscapolare e richiede che il paziente possa portare il braccio in rotazione interna dorsale all altezza della vita. Da questa

10 10 posizione il paziente deve effettuare una spinta attiva all indietro contro resistenza offerta dalla mano dell esaminatore. Può essere eseguito anche come test di tenuta. L operatore posiziona passivamente il braccio lontano dalla schiena ed invita il paziente a mantenere la mano nella posizione raggiunta. Il test è positivo in caso di incapacità della tenuta. Fig. 7 - Test del lift-off - Test di Napoleone: rappresenta una alternativa al test del lift-off nei casi in cui il paziente non riesca a raggiungere la posizione di rotazione interna dorsale. Si valutano l entità e la qualità della spinta.

11 11 Fig. 8 - Test di Napoleone Patologia della cuffia dei rotatori Tale termine comprende diverse sintomatologie. La cuffia dei rotatori della spalla è una struttura muscolo-tendinea composta dai muscoli sottoscapolare, sovraspinoso e piccolo rotondo, le cui componenti tendinee convergono e si fondono a formare un rivestimento che copre che avvolge e copre la capsula articolare e quindi la testa omerale. Queste strutture scorrono, nei vari movimenti della spalla, all interno di uno spazio compreso fra la testa dell omero inferiormente e l acromion. Tale spazio rappresenta un punto critico. Numerose condizioni possono svilupparsi a tale livello e indurre ripetuti microtraumi sulle strutture tendinee. In molti casi possono essere svelate attraverso una semplice radiografia alla spalla. Possiamo sospettare un coinvolgimento dei tendini della cuffia dei rotatori anche dall indiretta osservazione della risalita subacromiale. della testa Dunque la omerale, conseguente valutazione di tali restringimento condizioni con dello la spazio radiografia convenzionale rappresenta soltanto un primo approccio al problema, che può essere indagato anche con l ecografia e la risonanza magnetica.

12 12 LE SINDROMI DA ATTRITO SOTTOACROMIALE Complessità del problema La spalla è l articolazione con maggiore mobilità nel corpo umano, ed è costituita da un insieme di sette articolazioni che si muovono in sincronia. Ventisei muscoli ne controllano il movimento. La complessa correlazione esistente tra ossa, legamenti, muscoli e tendini, non è ancora stata compresa fino in fondo. Non deve quindi stupire che la patologia della cuffia dei rotatori sia tuttora un argomento controverso. Negli ultimi due decenni, l aumento delle informazioni inerenti all anatomia, alla biomeccanica e alla storia naturale delle lesioni a carico della cuffia dei rotatori ci ha permesso di capire che puà dipendere da molti fattori. Sindrome da conflitto sottoacromiale Nonostante la sindrome da conflitto sottoacromiale sia stata da molto tempo riconosciuta come causa del dolore alla spalla, è grazie agli studi di Neer del 1972 che si sono comprese meglio tante cose dell articolazione della spalla. La causa della sindrome da conflitto è il restringimento dello spazio al di sotto dell acromion. Anamnesi Vanno accuratamente registrati l età, l arto dominante e il livello di attività. Va ricordato che una sindrome da attrito subacromiale è raramente riscontrata al di sotto della quarta decade. Attività lavorative o sportive che comportino l uso ripetuto delle braccia al di sopra del livello delle spalle sono un fattore favorente la comparsa di una sindrome d attrito sottoacromiale. E molto importante, inoltre, registrare la durata dei sintomi, la sede del dolore e gli eventuali traumi o microtraumi subiti. Il dolore da inpigement è più comunemente riferito al terzo superiore e anteriore del braccio, e spesso l elevazione del braccio ne determina la comparsa. Mobilità

13 13 La mobilità è di norma conservata, pur potendo evocare dolore agli ultimi gradi, in particolare in flessione. Segni specifici Il classico segno di Neer o segno di impingement è frequentemente positivo. L esaminatore, è posto dietro al paziente, con una mano stabilizza la scapola, mentre con l altra eleva l omero con il braccio in rotazione interna. Di solito si genera dolore verso i 70 di flessione. Altro segno specifico è chiamato di Hawkins o di impigement 2: Il braccio viene elevato a livello della spalla, quindi l esaminatore che si trova di fronte al paziente imprime un movimento di rotazione interna mentre adduce il braccio. La comparsa di dolore rende il segno positivo. Viene inoltre definita segno di impingement 3 l abduzione del braccio che l esaminatore determina mentre con l altra mano, trovandosi posteriormente al paziente, stabilizza la scapola. Fig. 9 Segno di Neer Fig. 10 Impingement Forza E importante sottolineare che il paziente affetto da conflitto sottoacromiale presenterà una forza normale quando vengono testati i muscoli della cuffia dei rotatori della spalla. Imaging

14 14 Il miglioramento delle tecnologie e delle conoscenze ha permesso di arrivare ad una corretta diagnosi di sindrome da conflitto sottoacromiale. Radiografia Le radiografie convenzionali con radiogrammi presi in proiezione frontale in rotazione interna, esterna e neutra. E importante inoltre calcolare l intervallo acromion omerale in proiezione antero-posteriore a paziente seduto. Il valore normale di questo intervallo è di mm. Ultrasonografia La tecnica è in grado di identificare anormalità delle strutture tendinee della cuffia dei rotatori. E una metodica economica, non invasiva. Artografia L artografia con doppio contrasto, 2-2 ml di materiale radio-opaco più 10 ml di aria, è in grado nel 95% dei casi di dimostrare una rottura a tutto spessore della cuffia rotatoria. Risonanza magnetica E il metodo di indagine che fornisce il maggior numero di dettagli e di informazioni nella patologia della cuffia dei rotatori. In particolare per quanto riguarda l attrito sottoacromiale, è molto utile nell identificare le lesioni parziali della cuffia dei rotatori, spesso non riconoscibili con altri esami strumentali. Inoltre, è il sistema di indagine più preciso per identificare l attrito al di sotto dell articolazione acromion-claveare. E fondamentale quindi istituire un protocollo riabilitativo che si prefigga il compito di recuperare un bilanciamento dei diversi muscoli del cingolo scapolare e che rinforzi i muscoli extrarotatori e i muscoli stabilizzatori della scapola.

15 15 SCHEMA DI PROCEDURA Colloquio iniziale Quadro del cliente 1. Medico 2. Donna anni 4. Normalmente stressata 5. Presenta un dolore alla cuffia dei rotatori Obiettivi 1. Tornare in forma (perdere 4-5 Kg) 2. Tornare a giocare a tennis 3. Partecipare, tra un anno, al TORNEO DEL PESCE Il caso di Paola Paola si è messa in contatto con me attraverso amici comuni e mi ha dato appuntamento al Tennis Club, in una giornata di sole, dove intende tornare a giocare al più presto perché per lei è gratificante e rilassante. Dal colloquio iniziale ho capito che è una donna sana, con una gran voglia di vivere, attiva, ma si sente un po giù a causa di dolori alla spalla destra che non le permettono di essere efficiente al 100% come invece è abituata. Mi parla un po di se stessa, della sua attività di medico, dei reparti difficili dove lavora, delle sua situazione familiare di separazione dal coniuge dopo la quale è ingrassata di quattro chili che non riesce a smaltire. Vuole rimettersi in forma velocemente e risolvere quel problema che è quello che le impedisce di esercitare la sua attività sportiva preferita. Già da queste brevi indicazioni mi faccio una prima idea di come agire. Il colloquio si svolge alla fine di marzo e ho circa un anno di tempo per intervenire con un certo programma di lavoro per restituirle la sua completa autonomia. Le consiglio a prescindere una visita dall ortopedico. Dopo la visita il medico le prescrive una risonanza magnetica (RMN) alla spalla. Da questi esami viene diagnosticato un conflitto sotto acromiale, cioè un alterazione cinematica dell omero dove la testa dell osso risale dal basso verso l alto ed entra in contatto con la volta acromiale.

16 16 RIEDUCAZIONE E ALLENAMENTO Cenni storici La conoscenza sulla riabilitazione della spalla ebbe inizio nel 1993, anno in cui nacque la collaborazione con un gruppo di ortopedici specializzati nella chirurgia della spalla. Il continuo scambio di informazioni, di dettagli sul tipo di intervento, delle sensazioni sull evoluzione dei risultati e, non ultimo, il fatto di seguire direttamente gli interventi, hanno permesso di sviluppare progressivamente i protocolli e le tecniche riabilitative. La Spalla, per la sua complessità anatomica, per la sua capacità di mobilità, necessita una buona stabilità muscolare. Il recupero funzionale, a sua volta, deve tener conto di diversi aspetti: della lesione, dei tempi biologici, delle caratteristiche individuali del paziente, del recupero, inteso come diminuzione del dolore, della forza, e ripristino, ove possibile completo, della coordinazione dei movimenti nella vita di relazione e negli sport. Si prenderanno ora in esame tre argomenti generali che prendono in esame le mobilitazioni passive con le tecniche di presa specifiche, il rinforzo muscolare e i relativi esercizi consigliati, gli aspetti generali del lavoro in acqua e i vantaggi che essa offre.

17 17 Fig. 11 Foca di Jobe Mobilitazioni passive Il recupero della mobilità fisiologica rappresenta una priorità. Si deve avere bene in mente che qualsiasi spalla problematica può instaurare una rigidità che è sinonimo di dolore. Per questo motivo bisogna attuare anticipatamente tutti quegli accorgimenti (esercizi passivi per il mantenimento della mobilità) che evitino la riduzione del fisiologico range di movimento. Troppo spesso si osserva e si cura esclusivamente il sintomo; chi non anticipa e non prevede l eventuale insorgere della rigidità sarà costretto successivamente a curare sia il sintomo sia la rigidità. Rinforzo muscolare (principi di base) Un diminuito tono muscolare del deltoide per immobilità prolungata corrisponde a un aumento dello spazio subacromiale che coincide con un abbassamento della testa omerale. Al contrario, una diminuzione della funzionalità della cuffia dei rotatori spesso si associa a una riduzione dello spazio subacromiale con conseguente risalita della testa omerale. La fisiologia dimostra che la scomposizione delle forze del deltoide presenta un vettore che favorisce la risalita della testa omerale. In presenza di un buon tono muscolare della cuffia dei rotatori, questa componente verticale viene contrastata dalla stabilità della testa omerale che in questo modo non è sottoposta a spostamenti verticali. Quanto detto conferma che gli equilibri che influenzano l articolazione glenoomerale sono molto delicati. In questo specifico caso bisogna prestare attenzione al corretto equilibrio tra deltoide-cuffia dei rotatori. In qualsiasi persona il rinforzo di questi gruppi muscolari deve avvenire nel rispetto di un equilibrata progressione, in caso contrario, un maggior tono del deltoide, rispetto ai muscoli rotatori, può favorire una sindrome da conflitto. Per quei pazienti che già presentano un alterato equilibrio dei gruppi muscolari in questione, il rinforzo dei muscoli rotatori deve sempre precedere quello del deltoide. Il primo obiettivo deve mirare a stabilizzare la testa omerale. Abbiamo notato che durante l esecuzione degli esercizi per il rafforzamento dei muscoli rotatori, l abbassamento dell omero crea un aumento dello spazio subacromiale con conseguente minor attrito. Quando un paziente fa precedere gli esercizi di rinforzo degli abbassatori a quelli dei rotatori, avverte una diminuzione o addirittura una scomparsa del dolore articolare. Questa considerazione

18 18 spinge a valorizzare la funzione dei muscoli gran pettorale e gran dorsale, inseriti nel terzo gruppo dello schema di Jobe, nella loro azione di abbassatori dell omero. Fig. 12 La piovra Per questi motivi gli esercizi di rinforzo muscolare devono avere la seguente progressione: 1. Abbassatori o depressori dell omero. Il loro rinforzo è sempre utile. 2. Muscoli protettori gleno-omerali. Tra questi muscoli il gruppo degli extrarotatori è sicuramente il più importante ed è quello che dovrà ricevere maggiori attenzioni. 3. Muscoli pivot scapolo-omerali. Il rinforzo di questo gruppo di muscoli favorisce un buon rapporto tra scapola e torace. Il corretto basculamento della scapola è fondamentale per prevenire il conflitto. In linea di massima, la scapola non si muove per i primi 20 di abduzione. Da questo punto in poi per ogni 3 di abduzione 2 sono a carico dell articolazione gleno-omerale e 1 è relativo all articolazione scapolo-toracica. Se lo spostamento della scapola non si verifica, l impatto tra omero e acromion viene anticipato.

19 19 4. Posizionatori dell omero. Inizialmente è importante rinforzare sia il deltoide posteriore sia il deltoide anteriore.l aumento del tono del deltoide anteriore è utile poiché favorisce un maggior grado di elevazione anteriore. Successivamente, quando la spalla sarà ben equilibrata, si potrà lavorare sui fasci medi. Questa suddivisione rappresenta una progressione logica del rinforzo dei muscoli motori della spalla, che ci permette di ridurre al minimo eventuali rischi provocati da un rinforzo non corretto. Dalla teoria alla pratica Passiamo ora ad esaminare quali siano gli esercizi a secco nel rispetto della gradualità, considerando che quest ultima è rappresentata dall utilizzo di ambienti e resistenze diverse. Il controllo dell incremento della forza verrà effettuato attraverso test isometrici eseguiti a scadenza ben stabilita. In acqua si possono eseguire movimenti attivi assistiti. In acqua la resistenza viene ad essere distribuita per tutta la lunghezza della leva e il paziente può in qualsiasi momento arrestare il movimento senza dover incorrere in una fase eccentrica con ulteriore dolore. Queste ed altre sono le condizioni ideali per il recupero. La resistenza degli elastici invece è proporzionale al loro grado di allungamento, di conseguenza l inizio del movimento non risulta essere così brusco come nell attività isotonica. La semplicità e la duttilità degli elastici permettono inoltre l esecuzione di un maggior numero di esercizi per più muscoli, da poter eseguire anche a casa o in ferie, per una migliore continuità dell allenamento. L esercizio isotonico rappresenta l attività più indicata per un muscolo già preparato, per le persone sportive che vogliano raggiungere il massimo recupero possibile.

20 20 ESECUZIONE ESERCIZI: NORME Il dolore Durante l esecuzione degli esercizi attivi contro resistenza è buona norma agire in assenza di dolore. Per fare ciò, è bene attuare alcuni accorgimenti pratici. Ci è utile, come esempio, l esercizio per il rinforzo degli extra rotatori con braccio addotto. - In primo luogo, è buona norma mantenere una corretta postura, con busto eretto, poiché la posizione di accentuazione della cifosi provoca un intrarotazione ed anteposizione dell omero con possibilità di un maggior attrito dei capi articolari. - Se è possibile, occorre porre l omero molto vicino alla sua posizione fisiologica (leggermente anteposto e abdotto) che coincide con il piano scapolare. - Poiché il dolore può presentarsi in un preciso angolo di movimento, possiamo ridurre la sua ampiezza. Se la resistenza è eccessiva, bisogna provvedere a diminuirla. Se il dolore si attenua, ma non accenna a scomparire, è opportuno trasformare l esercizio isotonico in uno isometrico eseguito in un angolo non doloroso. Se nonostante tutti questi accorgimenti vi è ancora la presenza di dolore, bisogna sospendere l esercizio, poiché il paziente non possiede i requisiti essenziali per poterlo eseguire.

21 21 ESERCIZI DI RINFORZO Come è stato detto in precedenza, il rinforzo muscolare deve seguire una logica progressione. Lo schema di Jobe, con l associazione dei muscoli abbassatori dell omero (gran pettorale e gran dorsale), rappresenta, a mio avviso, la metodica più appropriata. Rispettando la classificazione proposta da Jobe, descriviamo ora alcuni esercizi specifici per i seguenti muscoli: - Protettori gleno-omerali; - Muscoli pivot della scapola; - Muscoli elevatori della scapola. Protettori gleno-omerali Sovraspinato Origine: fossa sopraspinata della scapola; Inserzione: grande tuberosità dell omero; Azione: abduzione dell omero. E consigliabile eseguire questo esercizio soltanto quando si è raggiunto un buon equilibrio generale della spalla, quindi è opportuno mantenersi sotto i rispetto all orizzontale. Il movimento migliore per isolare tale muscolo consiste nell abdurre il braccio a 30, intra ruotarlo e anteporlo di 30. La maggior azione di tale muscolo si esercita a 90 di elevazione, poiché tale posizione di elevazioneintrarotazione, rappresenta una condizione favorevole al conflitto subacromiale. Inizialmente il movimento può essere eseguito a carico naturale per passare poi a resistenze elastiche e manubri. In alcuni pazienti si può notare un eccessiva contrazione associata dei fasci superiori omolaterali del trapezio. Per favorire un maggior rilassamento di tale muscolo si può richiedere una flessione laterale ed una flessione del capo con rotazione di questo dal lato opposto rispetto al braccio che esegue il movimento.

22 22 Fig. 13 Muscolo sovraspinato: muscolo Fig. 14 Muscolo sovraspinato: azione Sottospinato

23 23 Origine: fossa sotto spinata della scapola; Inserzione: grande tuberosità dell omero; Azione: extrarotazione dell omero. Il movimento è quello di extra rotazione del braccio con gomito flesso a 90 e abdotto di 30. E consigliabile porre uno spessore tra braccio e fianco per tre motivi: 1) lo spessore favorisce un miglior posizionamento del braccio che risulta essere leggermente anteposto e abdotto; 2) durante l extra rotazione controresistenza il paziente può tendere ad abdurre attivamente il braccio staccando così il gomito dal fianco (questo movimento favorisce un reclutamento inopportuno del deltoide) se ciò accadesse lo spessore scivolerebbe; per questo motivo il paziente è stimolato a mantenere il braccio addotto; 3) la continua adduzione del braccio resa possibile dalla contrazione del gran dorsale e del gran pettorale, favorisce un inibizione del deltoide che non esercita più la sua azione di risalita della testa omerale. Contemporaneamente gran pettorale e gran dorsale esercitano un azione di depressione dell omero. Il tutto permette l attenuazione di eventuali conflitti subacromiali. L esercizio può essere svolto in stazione eretta o in decubito laterale, sul fianco opposto al braccio in questione. Fig. 15 Muscolo sottospinato: muscolo

24 24 Fig. 16 Muscolo sottospinato: azione Piccolo rotondo Origine: margine laterale della scapola; Inserzione: grande tuberosità dell omero; Azione: extrarotazione dell omero. E un muscolo extra rotatore che esercita la sua azione principalmente da una posizione di abduzione del braccio sul piano frontale. Ci si deve posizionare in decubito supino o prono con il braccio comodamente riposto sulla superficie di appoggio. L esercizio può essere eseguito anche in posizione eretta come nel gesto del caricamento che precede un lancio; Anche in questa posizione il nostro consiglio è quello di fornire al gomito un punto d appoggio sul quale poter premere per consentire un rilassamento del deltoide.

25 25 Fig. 17 Piccolo rotondo: muscolo Fig. 18 Piccolo rotondo: azione Sottoscapolare e grande rotondo Sottoscapolare. Origine: fossa sottoscapolare della scapola; Inserzione: piccola tuberosità dell omero; Azione: intrarotazione dell omero. Grande rotondo. Origine: angolo inferiore della scapola; Inserzione: labbro mediale del solco bicipitale dell omero; Azione: estensione, adduzione, intrarotazione dell omero.

26 26 I principali intrarotatori sono i muscoli sotto scapolare e grande rotondo. Tali muscoli esercitano anche la funzione di adduzione. Con l esercizio di intrarotazione con braccio addotto e gomito flesso a 90, il gruppo dei muscoli intrarotatori viene stimolato; in questa posizione però la maggior azione avviene dal gran pettorale. Se vogliamo isolare maggiormente i muscoli sotto scapolare e grande rotondo, dobbiamo posizionarci in maggiore intra rotazione, in modo che il m. gran pettorale si trovi in pre-accorciamento e non possa esprimere pienamente la sua forza. Il test di napoleone può essere trasformato in esercizio. Possiamo anche porre il braccio dietro la schiena e premere contro una parete. Fig. 19 Muscolo sottoscapolare e grande rotondo Fig. 20 Muscolo sottoscapolare e grande rotondo: azione

27 27 Fig. 21 Muscolo sottosca. e grande rotondo: azione Pivot della scapola I muscoli pivot della scapola sono il trapezio ed il gran dentato. Trapezio. Origine: osso occipitale, legamento nucale, processi spinosi da T1 a T12; Inserzione: clavicola e scapola; Azione: a seconda della porzione che si contrae può: 1-elevare e abbassare o ruotare la scapola; 2-elevare la clavicola; 3-estendere il collo. Gran dentato. Origine: margine antero-superiore delle coste da 1 a 8; Inserzione: superficie anteriore del margine vertebrale della scapola; Azione: porta in avanti la spalla e ruota la scapola. Elevatori della scapola e fasci superiori del trapezio Elevatori della scapola. Origine: vertebre cervicali da C1 a C4; Inserzione: angolo superiore della scapola; Azione: eleva la scapola. Fasci superiori del trapezio. Origine: osso occipitale, legamento nucale, processi spinosi da T1 a T12; Inserzione: clavicola e scapola; Azione: a seconda della porzione che si contrae può: 1-elevare e abbassare o ruotare la scapola; 2-elevare la clavicola; 3-estendere il collo. Con il braccio teso lungo il fianco possiamo impugnare un elastico fissato sotto il piede e compiere dei movimenti di elevazione della spalla. L elastico può anche essere direttamente appoggiato sulla spalla. Su questa possiamo porre anche resistenze diverse (es. un sacchetto di sabbia) compiendo sempre il medesimo movimento. E bene tuttavia non eccedere negli esercizi per questo muscolo, poiché normalmente si presentano tensioni ai muscoli cervicali.

28 28 Fig. 22 Elevatore della scapola e fasci superiori del trapezio: muscolo Fig. 23 Elevatore della scapola e fasci superiori del trapezio: azione Romboidei Piccolo romboide. Origine: processi spinosi da C7 a T1; Inserzione: margine vertebrale della scapola;

29 29 Azione: adduce e ruota verso il basso la scapola. Grande romboide. Origine: processi spinosi da T1 a T6; Inserzione: margine vertebrale della scapola; Azione: adduce e ruota verso il basso la scapola. Si richiede di addurre la scapola, avvicinandola maggiormente alla colonna. Tale esercizio può essere eseguito sia in stazione eretta che in decubito supino o prono. La posizione in decubito supino, attraverso il contatto diretto tra il piano d appoggio e la zona dorsale, può favorire un miglior aspetto propriocettivo che ne facilita il movimento. Questa posizione è più utile a persone che mostrano maggiori difficoltà nell esecuzione dell esercizio- Fig. 24 Muscoli romboidei: immagine Fig. 25 Muscoli romboidei: azione Piccolo pettorale

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli