Seminario per dirigenti sportivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminario per dirigenti sportivi"

Transcript

1 Seminario per dirigenti sportivi UISP Ancona, mercoledì 16 febbraio 2011 Dott.ssa Francesca Colecchia Arsea srl 1

2 PROGRAMMA I REQUISITI QUALIFICANTI LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE COLLABORAZIONI IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 2

3 L ORDINAMENTO SPORTIVO CONI F.S.N. D.S.A. E.P.S. Associazioni benemerite a.s.d. s.s.d. s.r.l. s.s.d. coop tesserati/soci 3

4 IL CONI E Autorità di disciplina, regolazione e gestione delle attività sportive nazionali; 2. Ente pubblico cui è demandata l'organizzazione e il potenziamento dello sport nazionale, promuove la massima diffusione della pratica sportiva (ndr: Il CONI è posto sotto la vigilanza del Ministero per i beni e le attività culturali); 3. Confederazione delle Federazioni Sportive e delle Discipline Associate. Statuto CONI (DLgs 242/1999) 4

5 LE associazioni senza fini di lucro con personalità giuridica di diritto privato, costituite dalle società e dalle associazioni FEDERAZIONI sportive. SONO... Nell ambito dell ordinamento sportivo, alle Federazioni sportive nazionali è riconosciuta l autonomia tecnica, organizzativa e di gestione, sotto la vigilanza del CONI. LE D.S.A. SONO... associazioni senza fini di lucro con personalità giuridica di diritto privato, costituite dalle società, dalle associazioni sportive. Il CONI riconosce una Disciplina sportiva associata per ciascuno sport che non sia già oggetto di una Federazione sportiva nazionale GLI E.P.S. SONO... associazioni riconosciute dal CONI, a livello nazionale o regionale, che hanno per fine istituzionale la promozione e l organizzazione di attività fisico-sportive con finalità ricreative e formative, e che svolgono le loro funzioni nel rispetto dei principi, delle regole e delle competenze del CONI, delle Federazioni sportive nazionali e delle Discipline sportive associate. 5

6 LE ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LO SONO SE... 1.lo statuto presenta i requisiti di cui all art.90 art.90 della Legge 289/ l associazione/società è affiliata ad una Federazione/Disciplina sportiva Associata/Ente di promozione sportiva riconosciuti dal CONI; 3.il sodalizio è iscritto nel REGISTRO CONI E ACCEDONO ALLE AGEVOLAZIONI SE lo statuto presenta i requisiti di cui all art.148, art.148, comma 8, del TUIR; 2. lo statuto è registrato; 3. l associazione ha trasmesso il MODELLO EAS (salvo che non rientri tra i soggetti esonerati); 4. l associazione rispetta nella gestione i vincoli statutari 6

7 GLI STATUTI DEVONO INDICARE (EX ART.90) a) nella denominazione la finalità sportiva e la ragione o la denominazione sociale dilettantistica b) l'oggetto sociale con riferimento all'organizzazione di attività sportive dilettantistiche, compresa l'attività didattica; c) l'attribuzione della rappresentanza legale dell'associazione; d) l'assenza di fini di lucro e la previsione che i proventi delle attività non possono, in nessun caso, essere divisi fra gli, associati, anche in forme indirette; e) le norme sull'ordinamento interno ispirato a princìpi di democrazia e di uguaglianza dei diritti di tutti gli associati, con la previsione dell'elettività delle cariche sociali, fatte salve le società sportive dilettantistiche che assumono la forma di società di capitali o cooperative per le quali si applicano le disposizioni del codice civile; f) l'obbligo di redazione di rendiconti economico-finanziari, nonché le modalità di approvazione degli stessi da parte degli organi statutari; g) le modalità di scioglimento dell'associazione; h) l'obbligo di devoluzione ai fini sportivi del patrimonio in caso di scioglimento delle società e delle associazioni 7

8 GLI STATUTI DEVONO INDICARE (Delibera CONI 15/07/ 2004) obbligo di conformarsi alle norme e alle direttive del CONI. nonché agli statuti e ai regolamenti delle Federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate o dell ente di promozione sportiva cui la società o associazione intende affiliarsi 8

9 LE A.S.D.: CARICHE ED INCOMPATIBILITA È fatto divieto agli amministratori delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche di ricoprire la medesima carica in altre società o associazioni sportive dilettantistiche nell'ambito della medesima federazione sportiva o disciplina associata se riconosciuto dal Coni, ovvero nell'ambito della medesima disciplina facente capo ad un ente di promozione sportiva. (art.90, comma 18bis della Legge 289/2002) 9

10 VINCOLI PREVISTI PER AFFILIARSI A FSN/DSA/EPS Rapporto di natura privatistico = gli Enti possono prevedere ulteriori requisiti al cui possesso subordinare il rapporto di affiliazione. Esempi: Oggetto sociale con esclusivo riferimento alla disciplina federale; onere di riportare nello statuto l acronimo della FSN cui ci si affilia; previsione in statuto che il diritto di ricoprire cariche sociali sia riconosciuto solo in capo ai cittadini italiani; previsione che il vicepresidente ed il segretario siano organi della A.S.D. e non solo componenti del Consiglio Direttivo; previsione che le cariche siano individuate esclusivamente dall assemblea (è l assemblea che elegge tutte le cariche) e non anche dal Consiglio Direttivo tra i suoi componenti (es: assemblea elegge i componenti il Consiglio Direttivo i quali, al loro interno, nominano il Presidente, Vicepresidente; il Segretario etc..). 10

11 Si trova on line su ISCRIVERSI NEL REGISTRO CONI prevede 3 sezioni Associazioni sportive dilettantistiche senza personalità giuridica Associazioni sportive dilettantistiche con personalità giuridica Società sportive dilettantistiche costituite nella forma di società di capitali e di società cooperative Si articola in 2 livelli Generale: informazioni di base accessibili a tutti Analitica: riservata ad utenti selezionati e contenente informazioni riservate REGISTRAZIONE ED AFFILIAZIONE Le associazioni possono iscriversi al registro solo se aderenti a una FSN o DSA o EPS La validità dell iscrizione è annuale e coincide con quella dell affiliazione. (Es: Registro 2010 coincide con affiliazioni 2010 ovvero 2009/2010) 11

12 Le Federazioni Sportive Nazionali, Discipline Sportive Associate, Enti di promozione sportiva devono ricevere, controllare e conservare gli atti costitutivi/statuti degli affiliati e le relative eventuali modifiche. La UISP, per facilitare le proprie associazioni, ha attivato un percorso di iscrizione diretta al registro Coni delle stesse. In virtù di ciò si è fatta carico di una responsabilità di controllo dovuta al fatto che certifica i requisiti per l accesso alle agevolazioni fiscali. REQUISITI PER L ISCRIZIONE Possono essere iscritte al Registro le associazioni/società sportive dilettantistiche i cui statuti, rispondono ai requisiti richiesti dall articolo 90, commi 17 e 18, della L.289/2002 e successive modificazioni prevedono l obbligo di conformarsi alle norme e direttive del CONI e della FSN/DSA/EPS cui sono affiliate (Norma non accettata da alcuni EPS) 12

13 PERCHÉ ISCRIVERSI? Per acquisire la qualifica di associazione/società sportiva dilettantistica cui consegue: Utilizzo dei compensi sportivi (art. 67 e 69 TUIR) Esonero dei compensi sportivi dalla base imponibile IRAP non applicabilità delle disposizioni inerenti la perdita della qualifica di ente non commerciale 2 eventi esentasse [in alternativa è sempre possibile effettuare occasionalmente raccolte fondi in esenzione ex art. 143, comma 3, lettera a) del TUIR] Incentivi agli sponsor : deducibilità come spesa di pubblicità e deducibilità delle erogazioni liberali (è sempre possibile accedere al sistema delle agevolazioni delle associazioni di promozione sociale iscrivendosi nel relativo albo)

14 GLI STATUTI DEVONO INDICARE (EX ART.148 TUIR) divieto di distribuire anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione obbligo di devolvere il patrimonio dell'ente, in caso di suo scioglimento per qualunque causa, ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentita l Agenzia per le ONLUS; disciplina uniforme del rapporto associativo e delle modalità associative volte a garantire l'effettività' del rapporto medesimo, escludendo espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa e prevedendo per gli associati o partecipanti maggiori d'età il diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione; obbligo di redigere e di approvare annualmente un rendiconto economico e finanziario secondo le disposizioni statutarie; eleggibilità libera degli organi amministrativi, principio del voto singolo di cui all'art. 2532, comma 2, del codice civile, sovranità dell'assemblea dei soci, associati o partecipanti e i criteri di loro ammissione ed esclusione, criteri e idonee forme di pubblicità delle convocazioni assembleari, delle relative deliberazioni, dei bilanci o rendiconti; e' ammesso il voto per corrispondenza per le associazioni il cui atto costitutivo, anteriore al 1 gennaio 1997, preveda tale modalità di voto ai sensi dell'articolo 2532, ultimo comma, del codice civile e sempreché le stesse abbiano rilevanza a livello nazionale e siano prive di organizzazione a livello locale; intrasmissibilita' della quota o contributo associativo ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non rivalutabilità' della stessa. 14

15 MODELLO EAS: DECRETO ANTICRISI (L.2/09, art.30) Chi deve adempiere? Le associazioni e società sportive dilettantistiche fatta eccezione per le asd con solo C.F. (senza P.IVA) se iscritte al registro CONI purché non percepiscano corrispettivi specifici dai soci ma solo quote di adesioni e contributi liberali Perché adempiere? L invio di questa comunicazione costituisce un ulteriore requisito per accedere alle agevolazioni fiscali di cui all'articolo 148 del TUIR Quando adempiere? per le nuove associazioni entro 60 giorni dalla costituzione per le associazioni che hanno già inviato il modello, entro il 31 marzo qualora siano intervenute variazioni rispetto a quanto indicato nella precedente comunicazione per chi non lo avesse inviato: entro il 31/03/2011 (Milleproroghe) NEWS Perché è stato introdotto questo obbligo? Per censire le organizzazioni non profit e procedere agli accertamenti (preventivati dai controlli 150milioni nel nel nel 2011) 15

16 COMPILAZIONE SEMPLIFICATA DEL MODELLO EAS Le associazioni e società sportive dilettantistiche possono inviare il Modello in forma semplificata. Oltre alla parte anagrafica è necessario compilare i seguenti campi: CAMPO DA COMPILARE che l ente ha articolazioni territoriali e/o funzionali 4 che l ente è un articolazione territoriale e/o funzionale di altro ente 5 che l ente è affiliato a federazioni o gruppi 6 che l ente riceve proventi per attività di sponsorizzazione o pubblicità 20 che l ente opera prevalentemente nel seguente settore: 5 (sport) 25 che l ente svolge le seguenti specifiche attività (vedere istruzioni):

17 IL MODELLO EAS: OMESSA COMUNICAZIONE Il sodalizio che non assolva all onere di comunicazione - nei termini e secondo le modalità che saranno definite nell atteso provvedimento - non potrà più applicare le agevolazioni fiscali riconosciute agli enti non commerciali di tipo associativo. Non sarà più possibile pertanto beneficiare della neutralità fiscale delle quote di adesione, dei contributi, dei corrispettivi specifici versati dai soci. 17

18 1) che i fruitori delle attività i cui corrispettivi non sono soggette ad imposte siano effettivamente propri soci e che l associazione sia democratica 2) che l associazione sia senza scopo di lucro e trasparente nella gestione I REQUISITI SOSTANZIALI Il sodalizio in particolare deve... e può farlo attraverso... dimostrare... la corretta tenuta del libro soci la corretta procedura di ammissione dei soci la corretta convocazione (documento da conservare) dei soci alle assemblee l approvazione del rendiconto economico-finanziario da parte dell assemblea dei soci la corretta gestione della contabilità (secondo le esigenze connesse alla natura e volume delle attività poste in essere) la dimostrazione che non c è distribuzione diretta o indiretta di utili 18

19 LE COLLABORAZIONI IN AMBITO SPORTIVO 19

20 LE COLLABORAZIONI IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO Le associazioni/società sportive dilettantistiche possono instaurare qualsiasi tipologia di rapporto di lavoro da individuare in ragione della: a) natura della prestazione resa, b) modalità di realizzazione e c) sostenibilità economica; Lavoro autonomo Lavoro dipendente Collaborazione endoassociativa di natura sportiva dilettantistica (= compenso sportivo) N.B. L erogazione di compensi o indennità non deve essere tale da qualificarsi come distribuzione indiretta di utili. L erogazione di compensi sportivi deve essere attentamente valutata.. 20

21 QUANDO I COMPENSI SONO DISTRIBUZIONE INDIRETTA DI UTILI Quando i compensi sono superiori del 20% rispetto a quelli previsti dai contratti collettivi di lavoro per le medesime qualifiche. Distribuzione indiretta Descrizione (parziale) degli inquadramenti Q 1.805, ,648 quadri , ,988 lavoratori con funzioni ad alto contenuto professionale (es: responsabile amministrativo, pubbliche relazioni, marketing) , ,80 istruttore/allenatore in possesso di requisiti tecnico-professionali che svolge compiti operativamente autonomi anche con funzioni di coordinamento e controllo , ,27 istruttore/allenatore in possesso di attestato rilasciato da Enti/Federazioni che opera in autonomia, impiegato amministrativo , ,09 assistente istruttore/allenatore in grado di impartire nozioni di base nella disciplina sportiva di competenza , ,89 addetto alla manutenzione del campo sportivo , ,88 addetto ai campi 7 994, ,82 addetto alle pulizie 21

22 I COMPENSI SPORTIVI Chi può erogarli... F.S.N D.S.A. E.P.S. + A.S.D. e società sportive dilettantistiche iscritte nel registro CONI... e chi li può ricevere... Istruttori sportivi Tecnici arbitri responsabili di manifestazioni sportive atleti e figure simili (art. 25 della Legge 199/99 modificato dall art. 37 della Legge 342/2000) Per quali attività? la locuzione ''esercizio 'esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche'' deve essere interpretata come inerente attività quali la formazione, la didattica, la preparazione e l'assistenza all'attività sportiva dilettantistica L. 14/09 (Milleproroghe) = l erogazione del compenso non è subordinata alla circostanza che il percipiente collabori con la realizzazione di una manifestazione agonistica. 22

23 COMPENSI SPORTIVI E DISTRIBUZIONE INDIRETTA DI UTILI: QUALE PARAMETRO? lavoro autonomo professionale = libero mercato compenso sportivo assimilabile a cococo = quantificazione del compenso alla luce di quanto previsto dal CCL per i dipendenti in ogni caso i compensi corrisposti ai lavoratori a progetto devono essere proporzionati alla quantità e qualità del lavoro eseguito e devono tener conto dei compensi normalmente corrisposti per prestazioni di analoga professionalità, anche sulla base dei contratti collettivi di riferimento (Legge 296/2006). 23

24 COMPENSI SPORTIVI.. SE SONO REDDITI DIVERSI Regime fiscale: Esonero IRPEF fino a Euro annui a singolo percipiente. Per i compensi da Euro 7.500,01 a Euro ,28 ritenuta a titolo d imposta d Irpef 23% + addiz. Reg. 0,90% (fissa) No addizionali Comunali o Provinciali. Per i compensi oltre Euro ,29 ritenuta a titolo d acconto d Irpef 23% + addiz. Reg. 0,90% (fissa) No addizionali Comunali o Provinciali. Nella definizione dei tetti non concorrono i rimborsi spesa documentati 24

25 COMPENSI SPORTIVI.. LA QUANTIFICAZIONE DELL ADDIZIONALE L articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999, nel prevedere la maggiorazione della ritenuta da parte degli enti eroganti sui compensi di cui all art. 67, comma 1, lett. m), del TUIR, si riferisce (...) alle sole aliquote di compartecipazione all IRPEF determinate e valide su tutto il territorio nazionale = 0,90% Con riferimento all addizionale comunale all IRPEF, l art. 1, comma 2, del D.Lgs. n. 360 del 1998 rinvia, per la determinazione dell aliquota di compartecipazione della suddetta addizionale, all emanazione di uno o più decreti adottati dal Ministero dell economia e finanze, di concerto con il Ministero dell interno, entro il 15 dicembre di ogni anno per l anno successivo. I suddetti decreti ministeriali non sono stati emanati e, pertanto, fino a quando gli stessi non interverranno a determinare l aliquota di compartecipazione comunale all IRPEF, il riferimento contenuto nel citato articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999, alle addizionali di compartecipazione all imposta sul reddito delle persone fisiche deve intendersi riferito alla sola addizionale regionale di compartecipazione. Agenzia delle Entrate nota n. 2006/19456 del 29 dicembre

26 COMPENSI SPORTIVI.. SE SONO REDDITI DIVERSI Regime previdenziale e assicurativo I percettori compensi sportivi non devono versare né contributi previdenziali (INPS/Enpals Enpals) né contributi assicurativi (INAIL) Adempimenti. Versamento delle ritenute effettuate entro il gg. 16 del mese successivo (con riferimento a chi supera il plafond di 7.500) Predisposizione delle certificazioni annuali entro il 28/02 dell anno successivo Predisposizione della dichiarazione Modello 770 Semplificato anche se sotto soglia entro il 31/07 26

27 COMPENSI SPORTIVI ED ENPALS: LA STORIA originariamente (art.3 DLCS 16/07/1947, n.708) assoggettati solo gli addetti ad impianti sportivi Consiglio di Stato 1036/1984: addetti ad impianti sportivi = dipendenti di organizzazioni sportive, proprietarie di impianti, con esclusione dei dipendenti addetti ad attività collaterali (es: baristi) D.M. Lavoro : sono soggetti ad ENPALS impiegati, operai, istruttori ed addetti agli impianti e circoli sportivi di qualsiasi genere, palestre, sale fitness, stadi, sferisteri, campi sportivi, autodromi ( numero 20) ed i direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e dipendenti delle società sportive ( numero 22) ENPALS Circ. n.7 del 30/3/06: l onere è stato esteso ai lavoratori autonomi ENPALS Circ. n.13 del 7/8/06: i percipienti compensi sportivi sono lavoratori autonomi se i compensi sono > perché redditi NON marginali ENPALS 27/11/08: compensi sportivi solo a chi partecipa direttamente alla realizzazione di manifestazioni sportive (Ris.Min. 34/2001) 27

28 COMPENSI SPORTIVI ED ENPALS: RILIEVI CRITICI la norma non estende espressamente l ENPALS agli autonomi (come fatto p.e. con riferimento ai musicisti) solo il legislatore e non l ENPALS può definire se il compenso è reddito diverso il legislatore (art.25 L.133/99) ha definito come redditi diversi i compensi sportivi di importo anche superiore ad ,28; la Risoluzione del Ministero delle Finanze 34/2001 chiarisce in realtà che (allora) i compensi sportivi non si eroga(va)no a chi svolge(va) funzioni contabili/amministrative. I compensi sportivi possono essere invece erogati anche ad istruttori per attività formative. 28

29 L ENPALS ED I CONTROLLI A partire da aprile 2009 L ENPALS invia alle A.S.D. ispezionate dalla SIAE nell autunno 2007 una lettera contenete una DIFFIDA AD ADEMPIERE nella quale, nonostante l interpretazione del Milleproroghe, richiede il versamento dei contributi e le relative sanzioni da Maggio 2005 alla data dell ispezione SIAE; il mondo sportivo risponde con un comunicato CONI del 21/07/2009 e la presa di posizione in materia del tavolo degli Enti Nazionali di Promozione Sportiva; a tutt oggi non risulta che le diffide abbiano dato luogo ad azioni sanzionatorie da parte dell ENPALS. 29

30 COMPENSI SPORTIVI: STRUMENTI Il conferimento di incarichi in relazione ai quali riconoscere compensi sportivi non richiede neppure ai fini probatori la redazione di un contratto. Ciononostante se ne consiglia la stipula al fine di formalizzare un accordo di collaborazione endoassociativa che possa scongiurare l eventuale qualificazione del rapporto come di natura subordinata; 2. definire oneri ed onori del percipiente; 3. acquisire informazioni sul collaboratore necessarie per verificare se il compenso sportivo sia compatibile con la condizione soggettiva del percipiente 30

31 PERCHE ENDOASSOCIATIVA? Perché si conferisce l incarico ad una persona che appartiene all ordinamento sportivo (in quanto tesserato) possibilmente (quindi non è obbligatorio) anche socia dell associazione sportiva dilettantistica erogante (la qualifica di socio scongiura la possibile qualificazione come dipendente) QUALI INFORMAZIONI E NECESSARIO DARE? la natura endoassociativa della collaborazione; ACCORDO DI COLLABORAZIONE ENDOASSOCIATIVA la circostanza che non vengono versati contributi previdenziali (alcuni istruttori hanno affermato di ignorare questa circostanza...= rischio contenzioso); il trattamento fiscale del compenso e l ONERE del percipiente di dichiarare l eventuale sforamento del plafond di euro; la durata della collaborazione; acquisizione consenso trattamento dati ed eventuale conferimento incarico trattamento dati dei soci (PRIVACY) da parte del collaboratore 31

32 QUALI INFORMAZIONI E NECESSARIO ACQUISIRE? Il collaboratore deve dichiarare ACCORDO DI COLLABORAZIONE ENDOASSOCIATIVA 2 di non svolgere professionalmente tale attività; di non avere una posizione Enpals aperta in relazione ad attività per le quali percepirebbe compensi sportivi; di non essere un dipendente pubblico oppure di essere un dipendente pubblico e - PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE di aver comunicato all Amministrazione di appartenenza l inizio di tale attività, consentita (ex art.90 L.289/2002) in quanto non prevede una retribuzione ma esclusivamente l erogazione di indennità e rimborsi e in quanto prestata al di fuori dell orario di lavoro; - PER LE FEDERAZIONI/ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA di aver chiesto l autorizzazione a svolgere l attività. 32

33 QUALIFICAZIONE Co.co.co. di carattere amministrativo gestionale (segreteria + piccola contabilità + cassa) di natura non professionale rese a favore di A.S.D. + S.S.D. + FSN + DSA + EPS Regime fiscale = ai compensi sportivi Regime previdenziale e assicurativo = compensi sportivi Adempimenti: LE COLLABORAZIONI AMMINISTRATIVE GESTIONALI 1) comunicazione preventiva al Centro per l impiego (Ministero del Lavoro nota circolare del 14/02/2007) 2) attivazione/inserimento dati del percipiente nel LIBRO UNICO DEL LAVORO si perché i casi di esonero sono espressamente previsti no perché non si dovrebbe neppure effettuare la comunicazione preventiva non trattandosi di lavoro 33

34 COMPENSI SPORTIVI: RESPONSABILITA Conferimento di compensi sportivi a persone che svolgono professionalmente questa attività o che lavorano full time in esclusiva per l associazione l 1) rischio lavoristico: qualificazione del rapporto come lavoro subordinato a tempo indeterminato 2) rischio gestionale: sospensione dell attività quando viene accertata presenza di lavoratori non iscritti nel Libro unico del lavoro =/>20% del tot. dei lavoratori presenti; 3) rischio fiscale: sanzione per omesso versamento delle ritenute fiscali 4) rischio previdenziale: sanzione per omesso versamento delle ritenute previdenziali all ENPALS. N.B.: anche per gli autonomi è il committente a dover versare Omesso invio della comunicazione preventiva di instaurazione del rapporto ed omessa attivazione del Libro unico del lavoro Le collaborazioni amministrativo-gestionali richiedono l espletamento di questi adempimenti: nel caso in cui non siano stati espletati e non siano stati dichiarati i percettori nel Modello 770 semplificato si rischia maxi sanzione per LAVORO NERO 34

35 DIPENDENTI PUBBLICI ED ONERI CONNESSI compensi sportivi ex art.90? = nessuna comunicazione: non sono considerati compensi... compensi diversi da quelli sportivi? = Entro il 30 aprile di ciascun anno, i soggetti pubblici o privati che erogano compensi a dipendenti pubblici sono tenuti a dare comunicazione all'amministrazione di appartenenza dei dipendenti stessi dei compensi erogati nell'anno precedente. 35

36 LA COLLABORAZIONE OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO 36

37 LAVORO OCCASIONALE ACCESSORIO Rapporti di natura meramente occasionale e accessoria, intendendosi per tali le attività che non danno complessivamente luogo con riferimento al medesimo committente, a compensi superiori a euro nel corso di un anno solare per quali prestazioni in qualsiasi settore per... lavori domestici; pensionato; lavori di giardinaggio, pulizia e studente, nei week end e durante le manutenzione di edifici, strade, parchi e vacanze monumenti, anche nel caso in cui il studente universitario sotto i 25 anni, in committente sia un ente locale; qualsiasi periodo dell anno insegnamento privato supplementare; lavoratore part time (previsto in via manifestazioni sportive, culturali, fieristiche sperimentale per il 2010) o caritatevoli e di lavori di emergenza o di percettore di prestazioni integrative del solidarietà anche in caso di committente salario o di sostegno al reddito (previsto in via pubblico; sperimentale per il 2009, 2010 e 2011) con consegna porta a porta e della vendita un tetto massimo di IN TOTALE ambulante di stampa quotidiana e periodica; attività di lavoro svolte nei maneggi e nelle scuderie 37

38 IL VOUCHER MAX euro (pari a costo lordo del committente) con riferimento ad ogni singolo committente. Fanno eccezioni alcune collaborazioni; il valore nominale del voucher è comprensivo della contribuzione a favore della gestione separata INPS (13%), di quella in favore dell INAIL (7%) e di una quota pari al 5% per la gestione del servizio; il valore di un singolo voucher è di 10 euro ed il corrispettivo netto per il collaboratore è pari a 7,50 euro; il valore del voucher non è legato all ora di lavoro; il voucher non è integrabile con somme di denaro, neanche a titolo di rimborso spese forfetarie. 38

39 Risparmio economico Semplicità di gestione e di accordi Mancata elaborazione LUL Assenza di obblighi contrattuali Possibilità di assunzione successiva con contratto di inserimento Organizzazione in forma occasionale Organizzazione in forma professionale Pro e contro per il committente Pro e contro per il collaboratore Esenzione fiscale anche per importi elevati (+ committenti) Non computabilità Ise - Isee Il percettore (se non ha altri redditi) può essere considerato fiscalmente a carico - ancorché superi il tetto di 2.840,51 Emersione dal nero Cumulabilità con sostegno reddito/pensione Copertura assicurativa / previdenziale Mantenimento status disoccupazione Non può esercitare potere disciplinare Mantieni alcuni obblighi Dlgs 81/08 (sicurezza nel lavoro) Deve procedere alle denunce di infortunio Non può essere utilizzato nei lavori di appalto Mancata copertura in caso di malattia Non utilizzo ai fini del permesso di soggiorno 39

40 VOUCHER: PROCEDURA DAL TABACCAIO 1. acquistare i buoni dal tabaccaio (Via Colombo Cristoforo, Via Montebello 9/1, Via Volta Alessandro 66, Via Ascoli Piceno 14, Via Barilatti 46, Corso Carlo Alberto 86/a, Piazza Cavour 15/16, Via Flaminia 24, Via Flaminia 378, Via Isonzo 190, Via Loggia 38, Via Mario Torresi 51/a, Via Martiri Della Resistenza 56, Corso Matteotti Giacomo 73, Via Montagnola 66, Piazza Plebiscito 61, Via Pontelungo 96/a, Via Rodi 21, Via Sandro Totti 9/b, Corso Stamira 42, Via Palestro 28, Via Casine Paterno 118, Via Ruggeri Luigi 3/h) pagando 1,00 per il servizio (indipendentemente dal numero dei voucher acquistati); 2. effettuare la comunicazione preventiva verso l INAILl (DNA), per telefono ( ) o fax ( ), indicando i propri dati anagrafici con codice fiscale, l anagrafica di ogni prestatore ed il relativo codice fiscale, il luogo dove si svolgerà la prestazione e la date presunte di inizio e di fine dell attività lavorativa (in caso di variazioni è obbligatorio comunicarle con le stesse modalità); 3. compilare il/i voucher(indicando il proprio codice fiscale, il codice fiscale del prestatore destinatario, la data della relativa prestazione e convalidando il buono con la propria firma) e consegnarli al collaboratore; 4. il collaboratore incassa i buoni c/o qualsiasi ufficio postale. 40

41 VOUCHER: PROCEDURA CARTACEA 1. prenotare i buoni via fax (per le Marche / 506) utilizzando la domanda scaricabile dal sito del Ministero del Lavoro e specificando la sede dell INPS dove si intende ritirarli; 2. andare in Posta a pagare i buoni: C/C postale intestato ad INPS DG LAVORO OCCASIONALE ACC; 3. ritirare i buoni nella sede INPS previa esibizione dell avvenuto pagamento; 4. effettuare la comunicazione preventiva verso l INAILl (DNA), per telefono ( ) o fax ( ), indicando i propri dati anagrafici con codice fiscale, l anagrafica di ogni prestatore ed il relativo codice fiscale, il luogo dove si svolgerà la prestazione e la date presunte di inizio e di fine dell attività lavorativa (in caso di variazioni è obbligatorio comunicarle con le stesse modalità); 5. compilare il/i voucher(indicando il proprio codice fiscale, il codice fiscale del prestatore destinatario, la data della relativa prestazione e convalidando il buono con la propria firma) e consegnarli al collaboratore; 6. il collaboratore incassa i buoni c/o qualsiasi ufficio postale. 41

42 LA PROCEDURA TELEMATICA 1. registrazione del committente, serve per poter operare on line; 2. accreditamento del collaboratore. In questo modo il collaboratore riceverà da Poste Italiane la carta (INPS card), sulla quale è possibile accreditare i compensi. La fase si chiude con la sottoscrizione del contratto relativo all utilizzo della carta da parte del prestatore e l attivazione della carta presso un ufficio postale. Se il prestatore non attiva la carta, il pagamento avverrà attraverso bonifico domiciliato riscuotibile presso tutti gli uffici postali. 3. invio richiesta voucher all INPS (attraverso o Contact Center ) specificando l anagrafica del collaboratore ed il relativo codice fiscale, la data di inizio e di fine presunta dell attività lavorativa, il luogo di svolgimento della prestazione, il numero di buoni per ogni prestatore (con la comunicazione dei dati contenuti nella richiesta dei buoni il committente assolve contestualmente agli obblighi di comunicazione preventiva all INAIL ed intestazione provvisoria dei buoni lavoro); 4. pagamento dei voucher acquistati mediante Modello F24; 5. accreditamento del compenso sulla INPS card o, se non attivata, mediante bonifico riscuotibile c/o qualsiasi ufficio postale 42

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli