ENPALS ISPEZIONI CONTROVERSIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENPALS ISPEZIONI CONTROVERSIE"

Transcript

1 ENPALS ISPEZIONI CONTROVERSIE RACCOLTA DI QUESITI RISPOSTE CIRCOLARI INTERPRETAZIONI di ESPERTI Fonte : Fiscosport Dopo il messaggio del che congelava la scadenza del 17/07/2006 per il versamento dei contributi relativi ai trimestri 2 /3 e e 1 e in attesa di ulteriori chiarimenti, l ENPALS ha finalmente emanato la tanto attesa circolare esplicativa in relazione all obbligo ed alle modalità di assoggettamento a contribuzione previdenziale delle somme percepite nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche. Le conclusioni cui giunge l Ente di Previdenza sono, in sostanza, le seguenti: I compensi, premi, indennità di trasferta e rimborsi forfettari di spese, di cui all art. 67, comma 1, lett. m) del TUIR, erogati da qualunque organismo sportivo, comunque denominato, che persegua finalità sportive dilettantistiche e che sia riconosciuto (dal CONI), in quanto redditi diversi non devono essere assoggettati a contribuzione previdenziale. La circolare si occupa esplicitamente delle figure professionali tipiche del settore, quali gli istruttori presso gli impianti ed i circoli sportivi, nonché i direttori tecnici, i massaggiatori e gli istruttori presso associazioni o società sportive, e non cita gli atleti e gli allenatori; tuttavia appare ovvio, considerate le motivazioni addotte nel testo, che tali figure, a maggior ragione, debbano considerarsi scevre dall obbligo contributivo. Anzi, la mancata citazione nel corpo della circolare deve probabilmente intendersi, come peraltro già evidenziato in fiscosport n. 22 del 16/06/2006, che, per tali figure, l obbligo di assoggettamento non è stato previsto sin dall origine. La Circolare in oggetto, che può essere scaricata dal sito, recepisce pressoché integralmente le motivazioni espresse dal CONI nel messaggio inviato dal Presidente Petrucci al Presidente dell ENPALS in data , motivazioni che Fiscosport ha da sempre evidenziato (vedi articolo del collega Stefano Andreani nel n. 16 del 04/05/2006 e articolo del sottoscritto nel n. 22 del 16/06/2006): Gli emolumenti ed i rimborsi spese fiscalmente qualificati come Redditi Diversi, fra i quali rientrano i compensi agli sportivi dilettanti non possono essere assoggettati ad obblighi contributivi di alcun genere, in quanto tale obbligo grava esclusivamente sui redditi derivanti da attività di lavoro, e ciò indipendentemente dalla forma, autonoma, subordinata o parasubordinata nella quale il rapporto di lavoro si estrinseca Il decreto del Ministero del Lavoro del 15 marzo 2005, entrato in vigore il 22 aprile 2005, oggetto delle incriminate circolari ENPALS n. 7 e 8 del 30/03/2006 ha esclusivamente adeguato e precisato le categorie di lavoratori, intesi quali prestatori di lavoro autonomo o subordinato, da assoggettare a contribuzione ENPALS anziché INPS, ma non ha, né avrebbe potuto, allargato la platea dei soggetti obbligati ad iscrizione presso l ente di previdenza ai percettori di redditi fiscalmente non qualificati redditi di lavoro. Tutto risolto, dunque? Le società ed associazioni sportive dilettantistiche possono considerarsi totalmente esentate, per sempre, da ogni e qualsiasi obbligo previdenziale? Tale conclusione potrebbe rivelarsi inesatta e fondata su una eccessiva superficialità nella lettura della fonte interpretativa: Infatti, affinchè possa verificarsi l esonero dall assoggettamento contributivo delle somme erogate da società/associazioni sportive dilettantistiche occorre che siano verificate le seguenti condizioni:

2 1) Requisito soggettivo: iscrizione al Registro del CONI è necessario che le somme siano erogate dal CONI, dalle Federazioni sportive nazionali, dall UNIRE, dagli Enti di Promozione Sportiva e da qualunque organismo, comunque denominato, che persegua finalità sportive dilettantistiche e che risulti iscritto nel Registro delle Associazioni e delle Società sportive dilettantistiche tenuto dal CONI. Attenzione: il requisito dell iscrizione al Registro del CONI non è richiesto dall art. 67 TUIR, ma deriva dalle previsioni dell art. 7 del D.L. n. 136/2004, convertito in L. n. 186/2004, ai sensi del quale.il CONI è l unico organismo certificatore della effettiva attività sportiva svolta dalle società e dalle associazioni sportive dilettantistiche. ; Si ricorda che l iscrizione a tale Registro è indispensabile, ai sensi dell art. 18 della L. 289/2002, e successive modificazioni, per beneficiare di tutte le agevolazioni fiscali previste dalla normativa in favore delle società ed associazioni sportive dilettantistiche e che tale registro viene annualmente comunicato dal CONI all Agenzia delle Entrate. Conseguentemente, la mancata iscrizione della società/associazione sportiva all apposito Registro c/o il CONI, oltre a far perdere il diritto alle agevolazioni fiscali previste dalla legge, comporterà anche l assoggettamento a contribuzione ENPALS dei compensi, premi etc, erogati ai c.d. sportivi dilettanti 2) Requisito oggettivo: qualificazione dell attività svolta Affinchè possa applicarsi l esclusione dall obbligo contributivo è necessario che, ai sensi dell art. 67, 1 comma, lett. m) TUIR, l attività oggetto di retribuzione sia eseguita nell esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche, ovvero che si riferisca a.rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo gestionale di natura non professionale resi in favore di società ed associazioni sportive dilettantistiche Si tratta di un problema non nuovo, che attiene, prima ancora dell obbligo contributivo, la qualificazione fiscale dell attività svolta in favore delle ASD e, quindi, la possibilità di qualificare o meno il beneficiario delle somme quale sportivo dilettante : molto spesso la figura agevolata dello sportivo dilettante è stata, ed è, utilizzata, soprattutto nell ambito della gestione di impiantistica sportiva (palestre/centri fitness/piscine etc) in maniera eccessivamente disinvolta; è di tutta evidenza che laddove siano state inquadrate come sportive dilettantistiche collaborazioni di natura prettamente professionale, se non addirittura di lavoro dipendente, sarà estremamente difficoltoso controbattere alle eventuali eccezioni sollevate dai verificatori ENPALS o SIAE. Figure come la segretaria in reception piuttosto che l addetto alle pulizie si configurano nella maggior parte dei casi come lavoratori dipendenti (eventualmente part time) piuttosto che come collaboratori di tipo amministrativogestionale ex art. 67 TUIR. Ma le situazioni più delicate riguardano principalmente tutta una serie di professionalità di natura sportiva in senso lato, piuttosto che sportiva dilettantistica come intesa dalla L. 133/99 e successive modificazioni: si sta parlando di tutti quegli istruttori sportivi, massaggiatori, addetti agli impianti, la cui funzione prevalente, se non esclusiva, non è quella di preparare atleti, attuali o potenziali, quanto quella di garantire il funzionamento dei corsi organizzati nell impianto sportivo in favore dei frequentatori dello stesso, siano essi soci o clienti. Si evidenzia che la problematica in oggetto non è affatto nuova o provocata dalla circolare ENPALS del 30/03/06: l assoggettamento a contribuzione ENPALS anziché a contribuzione INPS degli addetti (dipendenti e/o professionisti) agli impianti sportivi è in vigore praticamente da sempre, e le problematiche relative all assoggettamento a contribuzione si sarebbero comunque poste, anche ante 30/03/06, in ogni caso di verifica da parte di ispettori ENPALS e/o del lavoro: semplicemente, in seguito all emanazione della suddetta circolare è cambiata la sensibilità dell ente nei riguardi di tali situazioni e si è incrementato il numero dei controlli. Tale circostanza è non solo ricordata, ma è ribadita chiaramente dalla circolare n. 13, oggetto del presente articolo, laddove l ENPALS precisa che. Si ritiene opportuno puntualizzare che detta norma (l art. 67 TUIR) preclude l inquadramento tra i redditi diversi nell ipotesi in cui gli stessi siano conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali.. In particolare, per quanto riguarda le prestazioni di natura Professionale, l ENPALS, richiamando la Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 21/E del 1 marzo 2004, ritiene che si configurano i presupposti per la classificazione alla categoria di reddito professionale laddove lo svolgimento dell attività implichi il possesso di specifiche conoscenze tecnico-giuridiche connesse all attività svolta Sul piano concreto, si può parlare di attività professionale, secondo l ENPALS, laddove dall esame dell attività posta in essere emerga che: 1) l attività, anche se non esercitata in via esclusiva o preminente, si sviluppi con caratteristiche di abitualità, laddove tale termine sta a significare che l attività è caratterizzata da ripetitività, regolarità, stabilità e sistematicità di comportamenti; 2) la misura delle somme complessivamente percepite non abbia caratteristiche di marginalità, ed il confine della marginalità è individuato nel percepimento, nel corso dell anno solare, di somme non superiori a 4.500,00

3 (quattromilacinquecento/00), limite di reddito non soggetto a tassazione ai sensi del TUIR per i professionisti e lavoratori autonomi; 3) la presenza di più committenti, effettivi o potenziali(??????) costituisce viceversa un indice di attività professionale, anche se la potenzialità è un concetto di difficile dimostrazione. Uscendo dalla terminologia tecnica per entrare nell operatività quotidiana, quanto espresso nella circolare comporta che in relazione a posizioni di soggetti quali istruttori di Body Building/tennis/basket/nuoto etc. che prestano la propria opera in favore di più committenti (diverse società sportive e/o palestre etc), gli ispettori ENPALS potrebbero disconoscere al prestatore d opera la qualifica di sportivo dilettante, per inquadrare lo stesso quale esercente la libera professione di istruttore sportivo, in quanto tale da assoggettare a contribuzione, e ciò soprattutto se i proventi derivanti dall'attività svolta quale (presunto) "sportivo dilettante" costituiscono l'unico reddito a disposizione del prestatore d opera stesso. In conclusione: i compensi erogati ai c.d. sportivi dilettanti da società/associazioni sportive dilettantistiche non devono essere assoggettati a contribuzione ENPALS; Tale condivisibile e, per certi aspetti, dovuta conclusione, oltre ad essere coerente con il complesso impianto normativo di favore nei confronti dello sport dilettantistico, potrà far tirare un grosso sospiro di sollievo a tutto il mondo dello sport dilettantistico stesso, che si era sentito pesantemente minacciato sotto l aspetto dell equilibrio economico e finanziario dal nuovo, pesante fardello; tuttavia, affinché la suddetta esenzione contributiva sia riconosciuta è necessario che a) la società/associazione sportiva dilettantistica sia iscritta nell apposito Registro tenuto dal CONI; b) l attività oggetto di retribuzione rientri fra le fattispecie previste dall art. 67, comma 1, lett. m) del TUIR e non costituisca un rapporto di lavoro, subordinato e/o autonomo dissimulato Infine, in considerazione della oggettiva difficoltà interpretativa della materia in questione, l Ente di Providenza riconosce che sussistono le condizioni per beneficiare della riduzione delle sanzioni ai soli interessi civili calcolati nella misura degli interessi legali in caso di ritardato assolvimento degli obblighi contributivi, obblighi che, si ricorda, decorrono dal 2 trimestre dell anno 2005 e che, in ogni caso, verificandosi i presupposti, dovranno essere effettuati entro e non oltre la data del 16/10/2006 per quanto riguarda la regolarizzazione del versamento, ed entro il 25/10/2006 per quanto riguarda l adempimento dichiarativo. Per ciò che concerne le modalità operative (aliquote, problema del c.d. minimale giornaliero, individuazione della percentuale di contribuzione a carico del lavoratore etc.) in caso di assoggettamento a contribuzione, si rimanda all art. del sottoscritto su Fiscosport del 16/06 u.s. nonché alle istruzioni operative presenti sul sito. FISCOSPORT FLASH: Comunicato odierno del Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano in merito alle questioni ENPALS Facendo seguito alle precedenti comunicazioni relative alla problematica della contribuzione ENPALS da parte delle società e associazioni sportive dilettantistiche si informa che, a seguito della riunione svoltasi il 20 luglio u.s. presso il Ministero del Lavoro - cui hanno partecipato rappresentanti del Ministero per le politiche giovanili e le attività sportive, dell'enpals, del CONI e degli Enti di promozione sportiva - è stata raggiunta una intesa sui seguenti punti: - emanazione di una nuova circolare da parte dell'enpals che, accogliendo quanto richiesto dal CONI con lettera del 6 giugno u.s., chiarisca che non vi è obbligo di contribuzione previdenziale per i compensi sportivi percepiti nell'esercizio di attività sportiva dilettantistica e definiti quali "redditi diversi" ai fini fiscali dalla vigente normativa, anche per quelle attività non direttamente connesse alle manifestazioni sportive; - differimento del termine del 17 luglio 2006 al 15 ottobre 2006 per il pagamento dei contributi relativi ai rapporti di lavoro subordinato e autonomo; - impegno a collaborare per una modifica del quadro normativo in materia. Nel fare riserva di fornire ulteriori informazioni sugli sviluppi della questione è gradita l'occasione per inviare cordiali saluti. segue la firma di Giovanni Petrucci, Presidente del C.O.N.I.

4 Ancora in attesa dei chiarimenti ENPALS sugli sportivi dilettanti - a cura del rag. Pietro Canta, Consulente Nazionale Fiscosport Nonostante il susseguirsi di riunioni tra i vertici del CONI, dell'enpals e del Ministero del Lavoro, il testo del MESSAGGIO DI CHIARIMENTI annunciato come imminente nella scorsa settimana (il centralino Enpals, vistosi subissato di telefonate con richieste di chiarimenti, ha emesso il messaggio da noi pubblicato nel pomeriggio del 13 luglio e trasmesso a tutti gli utenti a mezzo newsletter Fiscosport Flash) non è ancora stato ad oggi ufficializzato. La materia del contendere - come è ormai noto - è la circolare esplicativa ENPALS del 30 marzo scorso. Il CONI, con una memoria a firma del Presidente Petrucci in data 6 giugno 2006 indirizzata all'enpals, ha ribadito che le prestazioni connesse all'esercizio diretto di attività sportiva dilettantistica non possono essere assoggettati ad Enpals per lo stesso motivo per cui erano stati esclusi da Inps e da Inail, vale a dire in quanto trattasi di "redditi diversi" (ex art. 67 Tuir) e non "redditi derivanti da lavoro subordinato o autonomo che la predetta circolare Enplas annovererebbe tra gli importi soggetti a contribuzione previdenziale. Nel ricordare che la fatidica scadenza del 17 luglio 2006 (per gli importi pregressi dal 22 aprile 2005 al 30 giugno 2006) è stata in qualche modo ovviata (il comunicato Enpals prevede infatti che, in attesa dei richiesti chiarimenti ministeriali, per gli eventuali ritardi nell'assolvimento degli adempimenti contributivi entro la data sopra ricordata si terrà conto delle oggettive difficoltà interpretative riscontrate dagli organismi sportivi dilettantistici. Come già avvenuto il 13 luglio scorso, Fiscosport comunicherà le novità in tempo reale a mezzo apposita newsletter denominata "Fiscosport Flash" (inviata agli utenti abilitati direttamente o per tramite di un C.R. o C.P. CONI o di una Fsn/Dsa/Eps aderente al progetto globale Fiscosport). 13 luglio 2006: l'enpals fornisce precisazioni... riportiamo integralmente il testo del MESSAGGIO ENPALS del 13 luglio 2006: "Con riferimento alla prossimità della scadenza del 17 p.v. prevista per la regolarizzazione degli adempimenti di cui alle circolari nn. 7 e 8 del 30 marzo 2006 e, soprattutto, in relazione alle numerose richieste di chiarimenti pervenuti relativi alla disciplina contributiva da applicarsi nei confronti degli organismi sportivi dilettantistici (ex art. 67, comma 1, lettera m del DPR 917/1986), l ENPALS comunica che ha predisposto un apposito messaggio di chiarimenti che al momento è all esame del Ministero del lavoro. Pertanto, in attesa dei richiesti chiarimenti ministeriali, per gli eventuali ritardi nell assolvimento degli adempimenti contributivi entro la data sopra ricordata si terrà conto delle oggettive difficoltà interpretative riscontrate dagli organismi sportivi dilettantistici. Seguirà, non appena possibile, il messaggio interpretativo nell apposita sezione del sito dedicata ai messaggi ufficiali dell ente (www.enpals.it /documentazione/messaggi)". ENPALS ESTENSIONE OBBLIGO DI ISCRIZIONE A NUOVE CATEGORIE DI LAVORATORI SPORTIVI - IL PUNTO DELLA SITUAZIONE ALLA DATA ODIERNA a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi, Dottore Commercialista in Pesaro, Consulente Regionale Fiscosport Marche, Consulente C.P. CONI Pesaro e Ancona. Come ormai noto, l ENPALS (Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Lavoratori dello Spettacolo), con l emanazione di una recente circolare ( la n. 7 del 30/03/2006) ha operato un interpretazione estensiva in relazione all adeguamento delle categorie dei lavoratori in relazione ai quali corre l obbligo di iscrizione presso l ente stesso, con conseguente assoggettamento al versamento dei relativi contributi. La suddetta circolare svolgerebbe, ad avviso dell ente, funzione interpretativa autentica in relazione al Decreto Min. Lavoro del , con conseguente valenza retroattiva dell obbligo contributo al

5 secondo trimestre In concreto, secondo l ENPALS, occorre procedere all iscrizione ed al versamento contributivo per tutti i soggetti che prestano la propria opera in qualità di: 20) impiegati, operai, istruttori e addetti agli impianti e circoli sportivi di qualsiasi genere, palestre, sale fitness, stadi, sferisteri, campi sportivi, autodromi; 22) direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e dipendenti delle società sportive. (i numeri fanno riferimento all elenco di cui al D.M. sopra indicato, ripreso dalla circolare n. 7) Va precisato che, sempre secondo l interpretazione ENPALS, l obbligo assicurativo di cui sopra deve essere ottemperato indipendentemente dalla natura, subordinata o autonoma, del rapporto di lavoro, e che anche i rapporti instaurati dalle società/associazioni sportive con i c.d. sportivi dilettanti assumono natura di lavoro autonomo. Sostanzialmente, operando una interpretazione letterale e restrittiva (ancorché prudenziale) delle circolari ENPALS l unica categoria di sportivi esclusa dall obbligo contributivo sarebbe quella degli atleti dilettanti, laddove figure come allenatori, istruttori e collaboratori amministrativo/gestionali dovrebbero essere assoggettate a contribuzione. Si evidenzia che l aliquota contributiva ENPALS è del 32,7%, da applicarsi sull ammontare dei compensi erogati, tenendo conto dell ammontare imponibile minimale giornaliero di 40,62. Entro il 17/07/2006 le associazioni e le società sportive interessate al nuovo obbligo dovrebbero procedere all iscrizione dei lavoratori interessati nonché al versamento dei contributi relativi non solo al 2 trimestre 2006 (per il quale il 17/07 rappresenta il termine ordinario ), ma anche ai trimestri 2 /3 e e , in relazione ai quali L ENPALS ha precisato che, trattandosi di innovazione normativa caratterizzata da profili di incertezza interpretativa non si procederà all applicazione di sanzioni ma del semplice interesse legale del 2,5% sui contributi tardivamente versati. Fino a qui, il dettato normativo ed interpretativo derivante da D.M. e circolare ENPALS Occorre inoltre sottolineare che, in forza delle citate definizioni, sono state effettuate, e sono tuttora in corso, numerose verifiche in capo a società ed associazioni sportive dilettantistiche, sia da parte di ispettori ENPALS che da Uffici territoriali della SIAE, verifiche che, salvo rare eccezioni, si concludono con un verbale di accertamento che evidenzia la presenza di figure di lavoratori non iscritti all istituto ed in relazione ai quali non è stato effettuato alcun versamento contributivo. Considerata la particolarità della materia non mancano, ovviamente, le opinioni discordanti con l interpretazione dell Ente; in particolare, viene dato risalto alla circostanza che i compensi corrisposti agli sportivi dilettanti non rappresentano il corrispettivo di un attività lavorativa ma sono considerati, dalla normativa fiscale, premi, compensi e rimborsi forfettari di spese classificati non fra i redditi di lavoro autonomo o subordinato bensì fra i redditi diversi, e che sulla base di tale classificazione sia l INPS che l INAIL hanno, in passato, espressamente escluso dalla contribuzione i compensi in oggetto. L eventuale nuovo obbligo previdenziale, inoltre, si porrebbe in chiara controtendenza nei confronti di un impianto normativo generale che, negli ultimi anni, in considerazione delle precipue caratteristiche del mondo sportivo dilettantistico, delle difficoltà finanziarie in cui versa, e della valenza sociale dell attività sportiva, ha in tutta evidenza cercato di creare una sorta di no tax area in favore dei rapporti di natura sportiva dilettantistica. Infine, non sono chiare le eventuali modalità tecniche di applicazione dell obbligo contributivo, con particolare riferimento alla definizione dell imponibile minimo giornaliero e della fascia di esenzione fiscale di 7.500,00 annui ( a tal proposito sembra che l ENPALS tenda a non riconoscere l esistenza di tale fascia di esenzione e richieda il versamento contributivo sull intero ammontare dei compensi erogati, tenendo inoltre in considerazione il minimale giornaliero) Molto probabilmente alla base dell istituzione del nuovo obbligo deve intravedersi la volontà di colpire l utilizzo eccessivamente disinvolto che, spesso, è stato fatto delle agevolazioni previste per lo sport dilettantistico, ed utilizzate per regolare rapporti lavorativi che con lo stesso hanno poco a che fare; tuttavia, come spesso accade, la norma è stata scritta in maniera eccessivamente generalista ed omnicomprensiva, con il rischio di trasformarsi in un nuovo pesante fardello per i bilanci delle società ed associazioni sportive. La questione è stata oggetto di una serie di incontri tra i vertici CONI ed ENPALS, nel corso dei quali il CONI, quale garante dell unicità dell ordinamento sportivo nazionale, come stabilito dall art. 5, comma 1,

6 del d.lgs. 23 luglio 1999, n. 242, e successive modificazioni, tenuto anche conto dell obbligo di trasmettere annualmente all Agenzia delle Entrate l elenco delle società e delle associazioni sportive dilettantistiche in possesso dei requisiti richiesti dal citato art. 90 della legge n. 289/2002, ha perorato il riconoscimento dell esclusione dall obbligo contributivo delle indennità di trasferta, i premi, i rimborsi forfetari di spesa e i compensi erogati ai sensi dell art. 67, comma 1, lett. m) del TUIR, che, come pure i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa di carattere amministrativo-gestionale, sono classificati redditi diversi e come tali non soggetti a contribuzioni previdenziali. Secondo l interpretazione CONI, che ci sentiamo di condividere nella sostanza, i contributi previdenziali sarebbero invece dovuti, ai sensi della legge n. 335/1995, in relazione ai redditi da collaborazioni coordinate e continuative, come attualmente ridefinite dall art. 50, comma 1, lett. c-bis), del TUIR. In attesa di auspicabili aggiornamenti e chiarimenti, e considerata la portata della novella, nonché il potenziale assoggettamento a pesanti sanzioni in capo alle società ed associazioni sportive (ed in particolare ai Presidenti e membri di Consigli Direttivi) Si suggerisce a tutti i sodalizi potenzialmente interessati, con particolare riferimento a quelli che conducono in gestione impianti sportivi comunque denominati a vagliare attentamente, anche con l ausilio dei rispettivi consulenti di fiducia, la propria posizione, con particolare riferimento all eventuale presenza di figure professionali più legate alla gestione dell impianto sportivo piuttosto che allo svolgimento di attività direttamente connesse allo sport dilettantistico. In particolare, andrà attentamente valutata l obbligatorietà/opportunità di procedere all iscrizione all ENPALS dei propri collaboratori, la quantificazione dell onere relativo anche in considerazione del minimale imponibile giornaliero e la pianificazione finanziaria ed economica del nuovo onere, sia in riferimento al periodo pregresso e corrente (aprile 2005/giugno 2006) che prospettico. ******************************************** Premesso quanto sopra, e rimandando all art. del collega Stefano Andreani del 05/05 u.s. per quanto attiene agli aspetti più strettamente tecnici e normativi della novella, si vogliono in questa sede offrire agli operatori del settore alcuni spunti di riflessione che, fermo restando il dovuto atteggiamento prudenziale in ordine all obbligo di assoggettamento contributivo di cui sopra, possono essere d ausilio sia in sede di corretta qualificazione delle figure sportive e/o professionali che prestano la propria opera in favore delle società ed associazioni sportive dilettantistiche che in sede di eventuale accertamento/contenzioso: 1) CORRETTA QUALIFICAZIONE DEL RAPPORTO LAVORATIVO: molto spesso la figura agevolata dello sportivo dilettante è stata, ed è, utilizzata, soprattutto nell ambito della gestione di impiantistica sportiva (palestre/centri fitness/piscine etc) in maniera eccessivamente disinvolta; è di tutta evidenza che laddove siano state inquadrate come sportive dilettantistiche collaborazioni di natura prettamente professionale, se non addirittura di lavoro dipendente, sarà estremamente difficoltoso controbattere alle eventuali eccezioni sollevate dai verificatori ENPALS o SIAE. Figure come la segretaria in reception piuttosto che l addetto alle pulizie si configurano nella maggior parte dei casi come lavoratori dipendenti (eventualmente part time) piuttosto che come collaboratori di tipo amministrativo-gestionale ex art. 61 TUIR. Ma le situazioni più delicate riguardano principalmente tutta una serie di professionalità di natura sportiva in senso lato, piuttosto che sportiva dilettantistica come intesa dalla L. 133/99 e successive modificazioni: si sta parlando di tutti quegli istruttori sportivi, massaggiatori, addetti agli impianti, la cui funzione prevalente, se non esclusiva, non è quella di preparare atleti, attuali o potenziali, quanto quella di garantire il funzionamento dei corsi organizzati nell impianto sportivo in favore dei frequentatori dello stesso, siano essi soci o clienti. Si evidenzia in questa sede che la problematica in oggetto non è affatto nuova o provocata dalla circolare ENPALS del 30/03: l assoggettamento a contribuzione ENPALS anziché a contribuzione INPS degli addetti (dipendenti e/o professionisti) agli impianti sportivi è in vigore praticamente da sempre, e le problematiche evidenziate nel presente paragrafo si sarebbero comunque poste in ogni caso di verifica da parte di ispettori ENPALS e/o del lavoro: semplicemente, in seguito all emanazione della suddetta circolare è cambiata la sensibilità dell ente nei riguardi di tali situazioni e si è incrementato il numero dei controlli. 2) ASSOGGETTAMENTO A CONTRIBUZIONE ENPALS DEI COMPENSI EROGATI IN FAVORE DI ATLETI/ALLENATORI: ESCLUSIONE

7 Tale soluzione deriva dal tenore letterale sia del D.M. 15/03/2005 che della circolare n. 7 del 30/03/2006: entrambi, infatti indicano, al n. 23 dell'elenco delle figure da assoggettare a contribuzione "atleti, allenatori, direttori tecnico-sportivi e preparatori atletici... delle società sportive professionistiche", laddove, al n. 22 della medesima lista sono indicati i "direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e i dipendenti delle società sportive" secondo il noto principio ubi lex voluit dixit, ubi noluit tacuit l'analisi comparata delle due categorie lascia fuori dal campo applicativo della norma gli atleti, allenatori etc. delle società e associazioni sportive dilettantistiche tale soluzione appare anche coerente con il contesto legislativo che si è andato formando negli ultimi anni in relazione alla creazione di un corpo di norme agevolative nei confronti dello sport dilettantistico 3) ASSOGGETTAMENTO A CONTRIBUZIONE ENPALS DEI COMPENSI EROGATI A DIR. TECNICI, ISTRUTTORI E DIPENDENTI DELLE A.S.D.: ESCLUSIONE Tale interpretazione poggia sullo stesso ragionamento della precedente, anche se, obiettivamente, appare sicuramente più "ardita": il n. 22 di D.M e Circolare individua i "direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e i dipendenti delle società sportive" il termine società, soprattutto dopo la novella della L. 289/2002 non può che riferirsi ai sodalizi costituiti in forma di SRL, SPA o COOPERATIVE dilettantistiche, cioè delle forme giuridiche disciplinate dal titolo V del Libro V del c.c., laddove le Associazioni sportive dilettantistiche sono disciplinate, dal punto di vista del diritto civile, dal titolo II del libro I del medesimo c.c. è possibile che il termine "società" usato dal D.M. e dalla circolare voglia significare, come nell'accezione comune, sia l'una che l'altra entità giuridica, ma le norme di diritto vanno scritte in termini giuridici non in termini "comuni" come corollario di tale affermazione, occorre tuttavia ribadire che, qualora le medesime figure fossero remunerate da una società sportiva (SRL, SPA o Cooperativa) l'assoggettamento ad ENPALS sarebbe dovuto. E'ovvio, ma è bene ribadirlo, che gli eventuali dipendenti di A.S.D., qualora non assoggettati ad ENPALS, dovranno essere assoggettati ad INPS 4) ASSOGGETTAMENTO A CONTRIBUZIONE ENPALS DEI RIMBORSI SPESE EROGATI AI "VOLONTARI" CHE SI OCCUPANO DELLA GESTIONE ORGANIZZATIVA, AMMINISTRATIVA e GESTIONALE DELLE ATTIVTA' DIRETTAMENTE INERENTI LA DISCIPLINA SPORTIVA DILETTANTISTICA: ESCLUSIONE Si tratta di quelle figure, tipiche ed insostituibili nella realtà dilettantistica, di dirigenti accompagnatori, volontari, soggetti che si occupano del reperimento di sponsor, dei contatti con gli enti e le federazioni nonchè, infine, delle co.co.co gestionali/amministrative anche tale interpretazione deriva dal tenore letterale della norma in quanto la dizione generica (n. 20) di "operai. impiegati...addetti..." si riferisce a tali soggetti in quanto "...addetti agli impianti ed ai circoli sportivi di qualsiasi genere..." e non, come nel caso di specie, ad "addetti" di società/associazioni sportive che non gestiscono impianti e che svolgono pura attività sportiva dilettantistica. Tali figure non rientrano nemmeno nel n. 22 che, come sopra precisato, individua "direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e dipendenti delle società sportive" AL DI FUORI DELLE SUDDETTE IPOTESI DI ESCLUSIONI, ALLO STATO ATTUALE DELLA NORMATIVA, ED IN ASSENZA DI AUSPICABILI INTERVENTI LEGISLATIVI, E'DIFFICILE INTRAVEDERE ALTRE POSSIBILITA'DI NON ASSOGGETTAMENTO A CONTRIBUZIONE. La dicitura "istruttori e addetti agli impianti e circoli sportivi di qualsiasi genere..." (N. 20), in particolare, mette in grosse difficoltà quelle associazioni sportive, e sono tante, che, soprattutto dopo l'emanazione della L. 289/2002, hanno preso in gestione impianti sportivi con l'obiettivo di a) poter gestire al meglio l'attività istituzionale, e b) autofinanziarsi attraverso lo sfruttamento commerciale degli impianti stessi. Ovviamente, nessun dubbio esiste circa l'assoggettamento ad ENPALS, e non ad INPS, dei dipendenti e dei lavoratori a progetto delle società/associazioni che non svolgono pura attività sportiva dilettantistica ma che, come attività unica e/o prevalente, svolgono attività di gestione di impianti (leggi piscine/campi/palestre etc.) sportivi: costoro, da sempre, devono essere assoggettati ad ENPALS qualora tali soggetti percepiscano anche compensi da attività di lavoro autonomo e/o assimilate al lavoro dipendente (compensi amministratori), per tali attività permarrà la contribuzione INPS-GESTIONE SEPARATA con l'aliquota ridotta del 10%

8 A QUESTO PUNTO OCCORRE AFFRONTARE ALCUNI PROBLEMI DI NATURA "TECNICA" A) PROBLEMA DEL MINIMALE GIORNALIERO La Normativa ENPALS prevede l'assoggettamento a contribuzione con un imponibile minimale giornaliero di 40,62 applicando l'aliquota contributiva del 32,70% al minimale giornaliero si ottiene una contribuzione minimale giornaliera di 13,28, laddove il termine giornaliero deve essere inteso nel senso di giornate effettivamente lavorate e non di giorni a calendario. tale metodologia di calcolo mal si adatta a situazioni, invero assai frequenti nelle associazioni/società sportive di compensi pattuiti "a forfait"; in tali casi occorrerà contrattualmente trasformare il forfait in un "tot" giornaliero (non inferiore al minimale) moltiplicato per un numero "x" di prestazioni (giornate lavorative) disseminate nel corso del mese/anno. Si tratta di una soluzione, da un lato di non semplice applicazione e, dall'altro, che lascia scoperta l'associazione/società sportiva in caso di ispezione laddove venga rilevata la presenza effettiva di tali figure al di fuori delle giornate previste nel contratto. Tale problema si può risolvere prevedendo contrattualmente un compenso giornaliero e quantificando il numero di giornate da retribuire solo ex post, sulla base delle prestazioni effettivamente erogate. B) PROBLEMA DEI LAVORATORI AUTONOMI SPORTIVI IN POSSESSO DI P.IVA si sta esaminando il caso dell'istruttore di tennis/nuoto/fitness etc. che possiede P. IVA, lavora (e fattura) per conto di più società/associazioni sportive e che, generalmente è iscritto alla gestione separata INPS alla quale corrisponde il 18,6 % del proprio reddito professionale. 1) in primo luogo tali soggetti dovrebbero cessare la propria posizione INPS per aprire una posizione ENPALS: non è escluso che l'inps non accetti una cessazione in assenza della chiusura della P.IVA; 2) si porrà anche per questi soggetti il problema del minimale giornaliero, tuttavia più facilmente superabile, a livello di determinazione del compenso data l'elasticità offerta dal possesso di P.IVA; 3) per questi soggetti quale sarà l'importo da assoggettare ad ENPALS: il reddito o il fatturato? se, come dovrebbe essere logico che fosse, la risposta fosse il reddito, non sarà semplice conciliare un valore economico al netto delle spese di struttura (ammortamento autovettura etc) con il minimale giornaliero richiesto. Si rendono assolutamente necessari maggiori chiarimenti in merito; 4) qualora tali soggetti svolgessero la loro attività anche in ambito "non ENPALS" (es. istruttore sportivo che fa anche il personal trainer ovvero il consulente per committenti "non sportivi") occorrerà suddividere il reddito per assoggettarlo ad una distinta contribuzione INPS/ENPALS; il calcolo appare sicuramente poco agevole ************************************************* In conclusione del presente lavoro, impostato con uno stile espositivo volutamente operativo e non dottrinale con l obiettivo di offrire agli utenti gestori di società ed associazioni sportive una guida in ordine ai comportamenti da adottare, in concreto, nell affrontare la problematica, si evidenzia ancora una volta la necessità di porre in essere comportamenti improntati alla doverosa prudenza e alla necessaria correttezza nell impostazione dei rapporti di lavoro, prudenza e correttezza che non debbono tuttavia comportare un atteggiamento eccessivamente restrittivo laddove la natura dei rapporti e dell attiva svolta possono dar luogo a quelle fattispecie sportive dilettantistiche giustamente ritenute meritevoli di tutela e di agevolazioni dal legislatore. Il tutto, ovviamente, in attesa di nuovi, auspicabili chiarimenti che Fiscosport non mancherà di portare a conoscenza dei propri lettori non appena emanati. QUESITO In merito all'approfondimento in tema di "Contribuzione ENPALS e prestazioni sportive dilettantistiche" abbiamo riscontrato un parere opposto nell'articolo del quotidiano "Il sole 24 ore Sport" maggio Per risolvere il dubbio abbiamo contattato direttamente l'enpals di Milano e ci hanno ribadito che l'iscrizione è dovuta anche dai direttori tecnici ed amministrativi delle associazioni sportive dilettantistiche e che nulla valgono le agevolazioni previste in ambito fiscale per questi compensi o rimborsi spese classificabili come redditi diversi. RISPOSTA a cura del Dott. Stefano Andreani, Consulente Regionale Fiscosport Toscana In primo luogo va ben delineata la portata dell'art. 67 TUIR.

9 L'ho già sottolineato sia nel mio articolo che in altre risposte, ma non mi stancherò mai di ripeterlo, perchè sono convinto che buona parte del "problema ENPALS" nasca dall'aver spesso abusato delle agevolazioni stabilite da tale articolo e da quelli ad esso collegati (art. 69 TUIR e art., 25 Legge 133). Le "indennità di trasferta, i rimborsi forfetari di spesa, i premi e i compensi", compresi quelli per "collaborazioni coordinate e continuative di carattere amministrativo-gestionale" rientrano nella previsione dell'art. 67 e sono redditi diversi solo se "non sono conseguiti nell'esercizio di arti e professioni... nè in relazione alla qualità di lavoratore dipendente". E l'art. 5 del D.P.R. 633/72 stabilisce che "per esercizio di arti e professioni si intende l'esercizio per professione abituale, ancorchè non esclusiva, di qualsiasi attività di lavoro autonomo" E'quindi pacifico che se siamo in presenza (ovviamente nella sostanza e non nella forma) di un rapporto di lavoro subordinato, oppure di una collaborazione o di una attività di lavoro autonomo che abbiano le caratteristiche della professionalità e dell'abitualità, siamo al di fuori della previsione dell'art. 67, siamo soggetti agli ordinari obblighi fiscali, e previdenzialmente sono dovuti sia i contributi INAIL che i contributi ENPALS. Se invece siamo legittimamente all'interno dell'art. 67 le "linee di pensiero" appaiono in questo momento ben chiare: - ENPALS sostiene che i contributi sono dovuti da tutti con la sole esclusione degli atleti (anche se è doveroso rilevare che le circolari ENPALS non menzionano l'art. 67 e ai verbali SIAE non è ancora seguita, a quanto ci risulta, alcuna specifica contestazione) - le associazioni e società sportive, e con loro le Federazioni, gli Enti di Promozione Sportiva e lo stesso CONI, evidenziano che si tratta di una pretesa che metterebbe in gravissima crisi moltissimi dei soggetti che operano nello sport, in netta controtendenza fra l'altro con il sostegno che è invece stato dato dalla normativa fiscale - noi consulenti segnaliamo le incongruenze del comportamento dell'enpals, il fatto che non si tratta di rapporti di lavoro e quindi non si giustifica il diritto/dovere contributivo, il fatto che lo stesso meccanismo di calcolo con minimale giornaliero penalizzerebbe in modo assurdo proprio chi presta la propria opera in modo saltuario e marginale, il fatto che probabilmente nessuno di tali soggetti maturerà mai l'anzianità contributiva necessaria per aver diritto alla pensione. Tutto ciò premesso non possiamo prendere atto del comportamento dell'enpals e rilevare, pur se con toni diversi, che l'unico comportamento che mette al sicuro da rischi anche di carattere patrimoniale diretto degli amministratori dell'associazione o società è quello prudente: aderire alle richieste dell'enpals ed eventualmente avviare immediatamente un'azione per chiedere il rimborso dei contributi versati. QUESITO: Un'associazione sportiva non riconosciuta gestisce una palestra, e ha ricevuto la visita degli ispettori Siae che hanno consegnato le circolari n. 7 e 8 del dell'enpals, senza elevare rilievi di sorta. Alla luce delle predette circolari, e di quanto esposto nell'articolo del Dott. Andreani, si espone la seguente fattispecie: Il Presidente dell'a.s. è stato iscritto alla gestione separata Inps in qualità di socio amministratore (e non di addetto alla segreteria o quant'altro) con cedolino e Cud, dichiarando il reddito come assimilato a quello da lavoro dipendente pur potendo usufruire dell'agevolazione prevista dall'art. 67, lettera 1 comma m) del Tuir. Si chiede pertanto se continuare a versare all'inps oppure attuare la procedura del passaggio all'enpals considerando le mansioni svolte? Grazie e cordiali saluti. RISPOSTA a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi, Consulente Regionale Fiscosport Marche. Dal quesito emergono alcuni passaggi contraddittori: se il compenso pagato al socio amministratore è stato fiscalmente trattato come reddito assimilato al lavoro dipendente appaiono erroneamente applicabili le agevolazioni ex art. 67 TUIR, viceversa, se il compenso è stato erogato a titolo di "rapporto di collaborazione coordinata e continuativa amministrativo - gestionale" non si vede come possa essere stata effettuata l'iscrizione alla gestione separata INPS, posto che lo stesso istitutio ha, con circolare del 07/02/2001 n. 32, escluso l'iscrivibilità dei c.d. "sportivi dilettanti" alla gestione separata. Premesso quanto sopra, il lettore chiede se per i suddetti compensi è possibile/obbligatorio procedere ad iscrizione ENPALS anzichè INPS: la soluzione va individuata nella corretta individuazione dell'attività lavorativa svolta:

10 ai fini ENPALS vanno infatti iscritte le seguenti figure (i numeri di riferimento sono relativi alle categorie indicate nella circolare n. 7 del 30/03/2006): 20) impiegati, operai, istruttori e addetti agli impianti sportivi... 22) direttori tecnici, massaggiatori, istruttori e i dipendenti delle società sportive. Come si vede, nell'elenco non compaiono gli "amministratori puri", in quanto l'elenco delle figure assoggettabili a contribuzione ENPALS appare circoscritto a quei soggetti in qualche modo collegati, per le mansioni che svolgono, all'impianto sportivo, laddove l'attività "amministrativa pura" sembra non assoggettabile a contribuzione ENPALS. Quanto sopra sempre che nella figura del socio amministratore non possa intravedersi quella di "direttore tecnico" dell'impianto di cui al precedente n. 22), nel qual caso la contribuzione ENPALS appare dovuta. QUESITO: In riferimento al decreto del 15 marzo 2005, riguardante l'assicurazione obbligatoria degli istruttori all'enpals, mi chiedevo se ciò vale anche per gli istruttori che operano per associazioni sportive dilettantistiche ai quali vengono corrisposti compensi fino a 7500 euro in base alla legge ex 133/99 (ai quali viene fatto il tesseramento con la federazione di appartenenza). RISPOSTA a cura del Dott. Giuliano Sinibaldi, Consulente Regionale Fiscosport Marche Dal tenore letterale delle circolari ENPALS deve intendersi che, ai fini del versamento dei contributi previdenziali, non opera la franchigia di 7.500,00 prevista dall'art. 67 del TUIR e introdotta con la L. 133/99, in seguito modificata dalla L. 342/2000. Non solo, occorre tenere in considerazione che, ai fini ENPALS, opera il c.d. "minimale" contributivo giornaliero: in pratica occorre effettuare il calcolo dei contributi dovuti applicando l'aliquota del 32,7% non al compenso/rimborso spese forfettario mensile, ma suddividendo il compenso mensile per i giorni c.d. "lavorativi": qualora il compenso giornaliero risultasse inferiore alla somma di 40,62, il contributo previdenziale risulta comunque dovuto su tale valore minimale. In concreto, il contributo ENPALS è del 32,7% sul compenso giornaliero con un minimo di 13,28 per giornata lavorativa. Quanto sopra stando al tenore letterale della norma; Ovviamente, considerata la particolarità della materia non mancano le opinioni discordanti con l interpretazione dell Ente (vedi anche art. del collega Andreani su questa rivista del 05/05/2006 nonchè articolo del sottoscritto nella newsletter n. 22/2006 del 16/6/2006); in particolare, viene dato risalto alla circostanza che i compensi corrisposti agli sportivi dilettanti non rappresentano il corrispettivo di un attività lavorativa ma sono considerati, dalla normativa fiscale, "premi, compensi e rimborsi forfettari di spese " classificati non fra i redditi "di lavoro" autonomo o subordinato bensì fra i redditi "diversi", e che sulla base di tale classificazione sia l INPS che l INAIL hanno, in passato, espressamente escluso dalla contribuzione i compensi in oggetto. L eventuale nuovo obbligo previdenziale, inoltre, si porrebbe in chiara controtendenza nei confronti di un impianto normativo generale che, negli ultimi anni, in considerazione delle precipue caratteristiche del mondo sportivo dilettantistico, delle difficoltà finanziarie in cui versa, e della valenza sociale dell attività sportiva, ha in tutta evidenza cercato di creare una sorta di "no tax area" in favore dei rapporti di natura sportiva dilettantistica. Infine, non sono chiare le eventuali modalità tecniche di applicazione dell obbligo contributivo, con particolare riferimento alla definizione dell imponibile minimo giornaliero e della fascia di esenzione fiscale di 7.500,00 annui. allo stato attuale delle cose, pur auspicando un intervento normativo e/o amministrativo "riparatore" sulla base di tutte le perplessità sopra descritte, perplessità che personalmente condivido pienamente, non è tuttavia possibile, purtroppo, dare indicazioni diverse da quelle letterali sopra evidenziate, anche sulla scorta delle notizie sempre più numerose che giungono da ogni parte della penisola in ordine a verifiche effettuate sia da ispettori ENPALS che dagli uffici territoriali SIAE. Ogni comportamento difforme a quanto sopra indicato corre il rischio di essere censurato e sottoposto ad accertamento per omesso versamento contributivo, accertamento avverso il quale, in sede contenziosa, dovranno essere fatte valere le ragioni del mancato assoggettamento. FINE DOCUMENTO

ENPALS E RAPPORTI DI LAVORO SPORTIVI DILETTANTISTICI. Dott. Paolo Bramante

ENPALS E RAPPORTI DI LAVORO SPORTIVI DILETTANTISTICI. Dott. Paolo Bramante ENPALS E RAPPORTI DI LAVORO SPORTIVI DILETTANTISTICI Dott. Paolo Bramante Fonti normative: L. 29 novembre 1952 n. 2388 Istituzione dell Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO. Il trattamento fiscale e previdenziale dei compensi corrisposti nell esercizio di attività sportiva dilettantistica

I RAPPORTI DI LAVORO. Il trattamento fiscale e previdenziale dei compensi corrisposti nell esercizio di attività sportiva dilettantistica I RAPPORTI DI LAVORO Il trattamento fiscale e previdenziale dei compensi corrisposti nell esercizio di attività sportiva dilettantistica I rapporti di lavoro in un ente sportivo dilettantistico si possono

Dettagli

Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche

Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche Più chiara la disciplina Il punto su...le prestazioni e le collaborazioni sportive dilettantistiche Le prestazioni e le collaborazioni sportivo-dilettantistiche in quanto produttive di redditi diversi

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE PRESTAZIONI LAVORATIVE CON ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Malgrado che nel linguaggio comune accade sovente che l associazione viene identificata con la società e viceversa, con un uso

Dettagli

SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD

SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD Premessa Adempimenti ridotti per le associazioni e società sportive dilettantistiche che si avvalgono delle prestazioni di natura non professionale

Dettagli

IL LAVORO NELLO SPORT DILETTANTISTICO e LA PROBLEMATICA ENPALS

IL LAVORO NELLO SPORT DILETTANTISTICO e LA PROBLEMATICA ENPALS IL LAVORO NELLO SPORT DILETTANTISTICO e LA PROBLEMATICA ENPALS Patrizia Sideri - Dottore Commercialista in Siena Consulente C.P. CONI Siena Consulente Prov.le Fiscosport Siena Studio Sideri & Associati

Dettagli

... f o g l i o n. 2...

... f o g l i o n. 2... RELAZIONE di Antonio Ascanio Petrelli Corso Allenatori 2014 - La costituzione delle associazioni sportive dilettantistiche ed i rapporti di collaborazione. La forma più utilizzata dagli enti che svolgono

Dettagli

DOMANDA 5 DOMANDA 6 DOMANDA 7

DOMANDA 5 DOMANDA 6 DOMANDA 7 DOMANDA 1 Contribuzione alla gestione separata Il soggetto A cita in giudizio il soggetto B chiedendo al giudice di riconoscere l'esistenza di un rapporto di lavoro ed il diritto alla corresponsione di

Dettagli

Il corretto inquadramento dei collaboratori

Il corretto inquadramento dei collaboratori LA FISCALITÀ E LA GESTIONE DELLE ASD E DELLE COOPERATIVE SPORTIVE Modena, 9 ottobre 2014 Il corretto inquadramento dei collaboratori La Legislazione italiana evidenzia e (sotto molti aspetti) privilegia

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA Premessa FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO DISCIPLINA INDENNITA E RIMBORSI FORFETTARI CORRISPOSTI NELL AMBITO DELL ESERCIZIO DIRETTO DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA La disciplina dei compensi

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE COMPENSI AI COLLABORATORI DI SOCIETÀ E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE ASPETTI PREVIDENZIALI E INAIL Art. 81, c. 1, lett. m) D.P.R.

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in

A numero già chiuso è uscito il Comunicato stampa dell'agenzia delle Entrate - il cui testo è in NEWS DAL MONDO SPORTIVO :: ULTIMA ORA GIOVEDÌ 12 FEBBRAIO 2015 CERTIFICAZIONE UNICA - NOVITA' DELL'ULTIMA ORA Con un Comunicato Stampa del 12 febbraio, l'agenzia delle Entrate sembra esentare dall'adempimento

Dettagli

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Entrate Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 18/05/2010 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Capitolo IV Rapporti di lavoro

Capitolo IV Rapporti di lavoro Capitolo IV Rapporti di lavoro Rapporti di lavoro Le associazioni sportive possono instaurare con i propri collaboratori qualsiasi tipologia di rapporto di lavoro, autonomo o subordinato. In ambito sportivo

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Comitato Olimpico Nazionale Italiano Il CONI, emanazione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), è autorità di disciplina regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Il Comitato Olimpico

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese

Incarichi professionali, collaborazioni, lavoro subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi spese Incarichi professionali, collaborazioni, subordinato e volontariato: regime dei compensi e dei rimborsi Tipologia del Lavoro autonomo abituale Esercizio di arti e professioni 1 (art. 5, DPR 633/72) Reddito

Dettagli

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals**

Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** Sabina Felici* Lavoratori subordinati e lavoratori autonomi nel mondo Enpals** SOMMARIO 1. Premessa 2. Concetto di retribuzione imponibile giornaliera 3. Lavoratori subordinati e autonomi nello spettacolo

Dettagli

SOCIETA E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

SOCIETA E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE SOCIETA E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Alcuni esempi di verifiche tributarie e previdenziali Giuliano Sinibaldi - Dottore Commercialista in Pesaro consulente Comitati Provinciali CONI AN MC e

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Le retribuzioni convenzionali di cui all art. 4, c. 1, del decreto-legge 31 luglio 1987, n. 317, costituiscono base imponibile

Dettagli

Circolare n. 40/2011 Società affiliate Organi Federali Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara

Circolare n. 40/2011 Società affiliate Organi Federali Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara Segreteria Federale Roma, 2 maggio 2011 Circolare n. 40/2011 A Società affiliate Organi Federali Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: nuova Disciplina indennità e rimborsi

Dettagli

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti.

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 18 Novembre 2014 Collaboratori coordinati e continuativi e amministratori di Società residenti all estero: trattamento fiscale degli

Dettagli

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat

Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Gli adempimenti dichiarativi ed il modello Intrastat Relatore: dott. Fabio Corti Hotel Casa tra noi Roma 6 dicembre 2011 Disciplina fiscale Il D.Lgs 460/97 e la Legge 289/2002 hanno di fatto identificato

Dettagli

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA

Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Legnano, 10 Febbraio 2015 Alle imprese assistite Oggetto: LA CERTIFICAZIONE UNICA Il Decreto Semplificazioni a seguito dell introduzione del mod. 730 precompilato è stato previsto l obbligo in capo ai

Dettagli

1. Modello EAS, quando presentarlo?

1. Modello EAS, quando presentarlo? COMITATO REGIONALE PUGLIA SETTORE JUDO Prot. 07/2016 Taranto, 04 Gennaio 2015 -Alle AASSDD JUDO PUGLIA e, p. c.: -Alla FIJLKAM Area Amministrazione -Loro Indirizzi OGGETTO: risposte ai quesiti amministrativi

Dettagli

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO

I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO I RICAVI, I COMPENSI E I REDDITI A BASE DELLA DETERMINAZIONE DEL CONCORDATO PREVENTIVO Il valore dei ricavi, dei compensi e del reddito dichiarato nel 2001 (più precisamente nel periodo d imposta in corso

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI LA (Comunicazione CU) Il Decreto Legislativo Semplificazioni fiscali (art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 175/2014), introduce una novità assoluta in ambito fiscale: il Modello 730 pre-compilato a valere già

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale I rapporti con collaboratori e tecnici Le possibili soluzioni rispetto alla normativa attuale A cura di Maurizio Annitto La Spezia 10 maggio 2014 Circolare del

Dettagli

Le verifiche ispettive in ambito sportivo dilettantistico di Anastasio Guglielmo *

Le verifiche ispettive in ambito sportivo dilettantistico di Anastasio Guglielmo * Le verifiche ispettive in ambito sportivo dilettantistico di Anastasio Guglielmo * Le verifiche in materia di lavoro e legislazione sociale risultano particolarmente complesse nell ambito sportivo dilettantistico,

Dettagli

LA LEGITTIMITA DEL DISTACCO DI LAVORATORI NELLE COOPERATIVE SOCIALI. La legge n. 381 dell 11 novembre 1991 istituisce le c.d. Cooperative sociali;

LA LEGITTIMITA DEL DISTACCO DI LAVORATORI NELLE COOPERATIVE SOCIALI. La legge n. 381 dell 11 novembre 1991 istituisce le c.d. Cooperative sociali; LA LEGITTIMITA DEL DISTACCO DI LAVORATORI NELLE COOPERATIVE SOCIALI La legge n. 381 dell 11 novembre 1991 istituisce le c.d. Cooperative sociali; tale particolare tipologia di società può essere collocata

Dettagli

FAQ PARTITE IVA. Cos è la Partita Iva?

FAQ PARTITE IVA. Cos è la Partita Iva? FAQ PARTITE IVA Cos è la Partita Iva? La Partita Iva è un particolare strumento fiscale riservato, oltre che alle imprese, ai lavoratori autonomi, ovvero a quei lavoratori che, ai sensi dell art. 2222

Dettagli

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative

Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative n. 44/2000 Pag. 5463 Prime note sui redditi derivanti da collaborazioni coordinate e continuative di Antonio Iorio e Alberto Santi SOMMARIO Premessa 5463 Il regime Iva 5464 Le attività manuali 5464 Trattamento

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003

Circolare n. 41/E. Roma, 21 luglio 2003 Circolare n. 41/E Roma, 21 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Convenzioni internazionali in materia di doppia imposizione- Tassazione delle pensioni pagate ai sensi della legislazione

Dettagli

Studio Associato Bassi-Avanzini

Studio Associato Bassi-Avanzini BA Studio Associato Bassi-Avanzini Dottori Commercialisti - Revisori contabili Circolare n. 5 del 30/09/2014 Ai gentili clienti Loro sedi Fattura alla pubblica amministrazione Gentili clienti, con la presente

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI

SOMMARIO. Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SOMMARIO Capitolo I L ORDINAMENTO SPORTIVO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI 1. Il c.d. modello Italia e il CONI... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. Il Decreto Melandri... 5 1.3. Ruolo delle Regioni... 5 1.4. Attuale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015

RISOLUZIONE N. 45/E. Roma, 6 maggio 2015 RISOLUZIONE N. 45/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Obbligo di tracciabilità dei pagamenti e versamenti delle Associazioni sportive dilettantistiche - Vigenza

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA

Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Circolare Informativa n 18/2014 RATEAZIONE DEI DEBITI CONTRIBUTIVI IN FASE AMMINISTRATIVA Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) Quadro normativo di riferimento pag.3 2) Pagamento in forma rateale dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero

Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero Compensi per incarichi amministrativi ricoperti da lavoratori dipendenti all estero di Massimo Gabelli e Davide Rossetti (*) Nell ambito dei gruppi societari accade sempre più spesso che la società controllante

Dettagli

LE ASD E LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE

LE ASD E LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE VOLUME N 1 CENTRO STUDI NAZIONALE OPUSCOLI DI APPROFONDIMENTO DI MATERIE TECNICHE LE ASD E LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE a cura del Centro Studi ANCL di Bari Il Centro Studi di Bari alla luce delle difficoltà

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti. a cura di. Docente di Organizzazione sportiva e mercato del lavoro

Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti. a cura di. Docente di Organizzazione sportiva e mercato del lavoro ASD DI HOCKEY E FISCO SPORT NO PROBLEM Normativa fiscale di vantaggio per ASD e gli accertamenti degli Uffici preposti Indicazioni e consigli per i dirigenti delle ASD di Hockey Dichiarazione etica La

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

Il lavoro negli Enti sportivi dilettantistici

Il lavoro negli Enti sportivi dilettantistici Il lavoro negli Enti sportivi dilettantistici di Tiziano Argazzi [*] Come già evidenziato in un precedente articolo pubblicato su questa rivista [1] il mondo dello sport dilettantistico possiede caratteristiche

Dettagli

GIULIANO SINIBALDI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE CONSULENTE ENTI NON PROFIT

GIULIANO SINIBALDI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE CONSULENTE ENTI NON PROFIT GIULIANO SINIBALDI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE CONSULENTE ENTI NON PROFIT Alle associazioni e società sportive Alle associazioni Pro-Loco Agli Enti non Profit clienti dello studio Loro sedi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE

IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PERCEPITI DA ENTI NON COMMERCIALI E TRUST DI NATURA NON COMMERCIALE di Pasquale Saggese 1. Le novità introdotte con la legge di stabilità 2015 Nell ambito delle

Dettagli

La costituzione delle A.S.D. e rapporti di collaborazione

La costituzione delle A.S.D. e rapporti di collaborazione 20/11/2014 La costituzione delle A.S.D. e rapporti di collaborazione Un'associazione sportiva dilettantistica è un ente associativo che ha come scopo la promozione dell'attività sportiva tra amatori, quindi

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.2 del 13.03.2013 Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Nel corso dell ultimo periodo la materia del collocamento obbligatorio ha

Dettagli

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

ALBINA CANDIAN & PARTNERS Studio Legale

ALBINA CANDIAN & PARTNERS Studio Legale Studio Legale Spett.le GALENO Società Mutua Cooperativa a r.l./fondo Sanitario Integrativo Via G.B. De Rossi n. 12 00161 - Roma Alla c.a. del Presidente Dott. Aristide Missiroli e del Direttore Generale

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

Il Mondo dello Sport ed il Fisco: una panoramica introduttiva EVENTO AICS Nonantola, 18 24 Febbraio 2013

Il Mondo dello Sport ed il Fisco: una panoramica introduttiva EVENTO AICS Nonantola, 18 24 Febbraio 2013 Enrico Vernetti Prot Dottore Commercialista e Revisore Contabile Il Mondo dello Sport ed il Fisco: una panoramica introduttiva EVENTO AICS Nonantola, 18 24 Febbraio 2013 PREMESSA Il Mondo dello Sport ed

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti

Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti Software in excel per elaborazione e memorizzazione delle fatture emesse da parte dei professionisti IL PREZZO DEL SOFTWARE E DI 36 EURO iva compresa per acquistarlo clicca QUI, poi su software e quindi

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione Notizie Lavoro Flash SOMMARIO 1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione L INPS, con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013, torna su un tema delicato quale le agevolazioni

Dettagli

DETRAIBILITA DELL IVA DALL

DETRAIBILITA DELL IVA DALL CASO: spese di vitto e alloggio sostenute per le trasferte effettuate fuori dal Comune sede di lavoro dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di co.co.co. (ad esempio anche Amministratori)

Dettagli

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda 14 del 31/12/2004 Ai Gentili Clienti Loro sedi L INDENNITÀ CHILOMETRICA AGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012.

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI Documento: Circolare n. 13 del 19 febbraio 2013 Oggetto: Collaborazione coordinata e continuativa a progetto a lla

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI

VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI SPAZIO PAGHE Newsletter 02/2016 VADEMECUM RIMBORSI CHILOMETRICI, RIMBORSI SPESA E TRASFERTE DI PERSONALE DIPENDENTE, SOCI E AMMINISTRATORI I RIMBORSI CHILOMETRICI Per rimborsi chilometrici si intendono

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti Diritti Riservati HALLEY INFORMATICA L editore declina ogni responsabilità

Dettagli

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale

Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale Informativa TFS (IPS Enti Locali) TFS Regionale A seguito dell informativa data dall Amministrazione in sede di delegazione trattante del 23 luglio u.s., sulla modifica del Regolamento Regionale (DGR 361/2015),

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

PER LA SICUREZZA E L EDUCAZIONE SPORTIVA DEI PIU GIOVANI

PER LA SICUREZZA E L EDUCAZIONE SPORTIVA DEI PIU GIOVANI SICUREZZA SUL LAVORO NELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Indicazioni operative: ulteriori novità alla luce del recente decreto Legge n. 69/13 (cosiddetto Decreto Fare ) La Fondazione Andrea Rossato, il cui principale

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

Il TSRM dal punto di vista tributario

Il TSRM dal punto di vista tributario Il TSRM dal punto di vista tributario La presente dispensa si pone come obiettivo quello di fornire al lettore un quadro generale sui possibili inquadramenti lavorativi che nella realtà un tecnico sanitario

Dettagli

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi

Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi MAP Novità della Legge di Stabilità 2015: i nuovi minimi A cura di Piercarlo Bausola Dottore Commercialista in Torino La Legge di Stabilità per il 2015 (L. 23/12/2014, n. 190), pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 24/2010 Roma, 9 giugno 2010 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Alla CONFAPI Via della Colonna Antonina n. 52 00186 Roma Prot. 25/I/0010267

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Il principio di cassa allargato A CURA DI CELESTE VIVENZI IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI : ASPETTI LAVORATIVI E FISCALI

Il principio di cassa allargato A CURA DI CELESTE VIVENZI IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI : ASPETTI LAVORATIVI E FISCALI A CURA DI CELESTE VIVENZI IL TRATTAMENTO DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI : ASPETTI LAVORATIVI E FISCALI Premessa generale Gli Amministratori che prestano la loro opera per la società solitamente percepiscono

Dettagli