Curriculum. Dott. Ciofi Giacomo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum. Dott. Ciofi Giacomo"

Transcript

1

2 Curriculum Dott. Ciofi Giacomo Laureato in Scienze Motorie Spec.to Scienza e Tecnica dello Sport Master Athletic Trainer Specialist Elav Responsabile Motus Lab Preparatore Fisico basket città di Prato vittoria campionato PFP, serie B vittoria campionato Prato Pallacanetsro 2000, serie B Preparatore fisico campione del mondo 2011 Wakeboard cat.master

3 Partiamo da questo : Legalmente non esistiamo Chiunque può fare questa professione quindi è solo la qualità di ciò che facciamo a renderci dei veri professionisti

4 Doveri : Deve sapere Deve ascoltare Deve motivare Deve sopportare Deve sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere, sapere

5 Piaceri : A contatto con persone diverse e quindi diverse esigenze Variabilità del lavoro Crea ed inventa il proprio lavoro ma soprattutto Artefice del benessere psico-fisico della persona

6 Le menti sono come dei paracadute : funzionano solo se sono aperte. J. Dewar

7 Come iniziare Alta formazione personale Inserirsi all interno di una struttura, circolo o club che già offre servzio p.t. o proporsi come nuovo progetto Minima strumentazione sia per indoor che outdoor Disponibilità di orari Libertà di movimento Immagine

8 Alta formazione personale Welleness Sport Medical Wellenss Postura Psicologia Comunicazione Rieducazione Funzionale

9 Comunicazione Le tue conoscenze non valgono nulla se non sei capace di trasmetterle ai tuoi clienti atleti Un bravo pt per appassionare deve essere soprattutto un grande comunicatore

10 Comunicazione Avere un ampio bagaglio di conoscenze è importante ma lo è ancora di più la capacità di comunicarle e chi poi dovrà metterle in pratica Un messaggio distorto crea incertezza

11 Ostacoli alla Comunicazione Ordinare : cliente si sente non compreso e non ascoltato Giudicare, Criticare : danneggiano l immagine personale di chi sta di fronte Umiliare, Ridicolizzare Scherzare in maniera inopportuna, Deviare il discorso : si fa capire al cliente che il suo problema o le informazioni che dà non sono importanti

12 L individuo può smettere di parlare ma non può smettere di comuincare con l idioma del corpo ( Goffman )

13 Comunicazione Posturale Il corpo parla e bisogna ascoltarlo Importanza del corpo, delle movenze, del comportamento Occhi - Voce Mano Osservare chi si ha di fronte!!!!

14 Comunicazione Aptica Forme di contatto corporeo nei confronti dell altro Molto delicato : un tocco in più o meno può farci passare per persone fredde o invadenti Ogni persona ha il suo metodo comunicativo ed il suo ingresso motivazionale!!!

15 10 Consigli pratici Non criticate, non condannate, non recriminate Siate prodighi di apprezzamenti onesti e sinceri Suscitate negli altri la vostra stessa volontà Interessatevi sinceramente delle altre persone Sorridete Siate buoni ascoltatori Parlate di quello che interessa agli altri Fate in modo che gli altri si sentano importanti Siate comprensivi verso idee e desideri altrui Lodate ogni più piccolo progresso

16 Strumentazione base Agenda, carta e penna Cronometro Calcolatrice Corda / Elastico Filo a piombo Plicometro Centimetro Cardiofrequenzimetro Non devono mai mancare nella borsa del personal trainer

17 Altra Strumentazione Tutto ciò che pensate vi possa essere utile!!!! Arm Band Contapassi Pedana Bosco Cuscino Propricettivo Ecc ecc. Ecc

18 Scheda Anagrafica Libera struttura Ci dice inizialmente chi è il nostro cliente Fornisce punti di partenza Utile alla programmazione del lavoro Obiettivi dichiarati dal cliente fissati sulla scheda Se non percepiti dal cliente utile per evidenziare risultati ottenuti Facilita comunicazione con staff interno o medici esterni

19 Cognome Nome Data n. Data Cellulare Abb.to Scadenza abb.to AREA OBIETTIVO AREA STORICA attività fisica Problematiche muscolo/scheletriche attività lavorativa fumo Operazioni Farmaci - Altro AREA ANTROPOMETRIA peso altezza p. max p. min fc g. pre g. post e. glicata trigliceridi colesterolo HDL LDL Col/hdl p. ideale BMI Risultato centimetria plicometria braccio coscia addome % petto coscia addome % AREA ARM BAND t indoss. cal tot passi sopra 3 met cal met med ore sonno ore sdraiato met medi AREA MEDICA visita medica dietologa AREA FUNZIONALE Test Flessibilità e Mobilità Squat test Analisi Posturale AREA SPORTIVI Fc riposo Test di Fitness Test di Forza Fc 65% ripts kg 1 Rm Risultato Fc 75% Spinta Vo2max a Trazione Vo2max r Arti Inf Risultato Test massimale Bike Run Watt Vel max Vel soglia Vo2max Fcmax Fc soglia Lattato Test Salto Ergospeed SJ gamba sx gamba dx CMJ dx 180 sx 180

20 Plicometria Metodica densitometrica in quanto arriva alla determinazione di una densità corporea partendo dalla misurazione dello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo

21 Plicometri

22 Corretta Misurazione Misurazioni sempre effettuate sul lato destro del corpo Pizzicare la plica tra indice e pollice, 1 cm prossimalmente rispetto alla plica da valutare Plicometro perpendicolarmente alla plica Attendere circa 4 secondi dal rilascio della pinza prima di leggere il dato La misurazione viene effettuata 3 volte sullo stesso punto e poi si fa la media delle rilevazioni Il paziente si deve trovare in posizione eretta, rilassato e tener le braccia distese lungo i lati del corpo Non effettuare misurazione dopo l allenamento

23 3 Punti repere uomo Jacson-Pollock Petto La plica è misurata diagonalmente; a metà distanza tra la linea ascellare anteriore e il capezzolo. Addominale La plica è misurata verticalmente; 2 cm a destra dall'ombelico. Coscia La plica è misurata verticalmente; sulla linea mediana anteriore della coscia, a metà strada tra inferiormente il bordo superiore della rotula e superiormente l'inguine. Jackson and Pollock somma di 3 pliche cutanee equazione per Uomini: Densità corporeacorporea = ( X SUM3) + ( X SUM32 ) - ( X età) SUM3 = torace + addome + coscia

24 3 Punti repere donna Jacson-Pollock Tricipite La plica è misurata verticalmente, nel punto intermedio tra l'articolazione della spalla e del gomito (tra l'acromion e l'olecranon), con le braccia rilassate lungo i fianchi. Soprailiaca La plica è misurata diagonalmente; in linea con l'angolo formatosi tra la cresta iliaca e la linea ascellare anteriore immediatamente sopra alla cresta iliaca (formando un angolo di 30 ). Coscia La plica è misurata verticalmente; sulla linea mediana anteriore della coscia, a metà strada tra inferiormente il bordo superiore della rotula e superiormente l'inguine Jackson and Pollock somma di 3 pliche cutanee equazione per Donne: Densità corporea= ( X SUM3) + ( X SUM3)^2 - ( X età) SUM3 = tricipite + soprailiaca + coscia

25 Per risultato finale Una volta ottenuta la densità corporea, questo valore ottenuto verrà inserito in un'altra equazione per calcolare la % di massa grassa: %massa grassa = (5,01/Densità corporea - 4,57) *100 ( Brozeck )

26 Qualche riferimento % MASSA GRASSA Categorie Uomini Donne Grasso essenziale Atleta Fitness Rischio potenziale Obeso 25.0 e sup 32.0 e sup

27 Centimetria Le circonferenze corporee esprimono le dimensioni trasversali dei vari segmenti del corpo umano. Si tratta di dati antropometrici molto utilizzati nella pratica clinica, tanto che il loro valore, correttamente interpretato secondo gli standard di riferimento, permette di valutare in modo pratico, economico e con una discreta attendibilità, numerosi fattori.

28 Ricordiamo la crescita di un individuo (circonferenza cranica o del braccio) la distribuzione del tessuto adiposo sottocutaneo (congiuntamente alle pliche) ed il rischio cardiovascolare (circonferenza addominale, rapporto vita/fianchi o vita/coscia, circonferenza del collo) lo stato di nutrizione (circonferenza del braccio o della coscia) costituzione longilinea, normolinea o brevilinea (circonferenza del polso o del torace)

29 Corretta Misurazione Utilizzare una cordella metrica flessibile ma anelastica Se si misurano gli arti, valutare sempre lo stesso lato del corpo Rilevare le circonferenze tre volte per punto e considerare la media aritmetica come valore reale Il piano del metro deve essere parallelo al pavimento o, più precisamente, perpendicolare all'asse longitudinale della regione corporea misurata La pressione applicata al metro influenza la validità e l'affidabilità della misurazione, bisogna quindi evitare di stringerlo troppo o di mantenerlo eccessivamente allentato Affinché il valore misurato sia attendibile è molto importante che l'operatore rilevi le varie circonferenze nel pieno rispetto degli standard antropometrici

30 4 Punti Repere Coscia : a 7 cm dalla testa della rotula ( per vasto mediale ) alla radice appena al di sotto dell apiega glutea Vita : ombelico come punto di riferimento ( per strato adiposo viscerale ) Torace : nell uomo a livello dei capezzoli nella donna 1/3 prossim. della distanza tra il capezzolo e la piega ascellare Braccio : a livello intermedio tra l acromion e il gomito con muscolatura rilassta

31 Qualche riferimento rapporto circ. addominale e rischio cardiovascolare Rischio normale Rischio aumentato Rischio elevato Uomini < 94 > 94 > 102 Donne < 80 > 80 > 88

32 Cardiofrequenzimetro Permette di monitorizzare la f.c del nostro cliente Permette di valutare corrispondenza carico esterno/interno quindi aggiustare in itinere il nostro programma di lavoro

33 Rilevazione Frequenza Cardiaca Haskell-Fox : 220-età semplice e immediata per Fcmax teorica sovrastima i giovanissimi, sottostima sopra i anni Karvonen : % ( Fcmaxt Fcr ) + Fcr rispondente alle correlazioni del Vo2max considera la Fcr utilizzo non immediato Tanaka : età x 0,7 208 scientificamente testata corregge gli errori Haskell-Fox utilizzo non immediato

34 Valutiamo per conoscere

35 Postura Cosa ci troviamo di fronte?????? Scoliosi Discopatie Lombalgie / Cervicalgie N.B. se esami diagnostici consultare solo referto

36 Postura Su cosa possiamo lavorare????? Consigli posturali quotidiani Miglior funzionalità motoria Allungamento catene muscolari Aumento mobilità Miglior percezione del nostro corpo Insegnamo a muoverci e stare meglio nello spazio che viviamo

37 Test Posturali

38 Test Posturali

39

40 Riassumendo Stazione eretta Bascule Appoggio statico e/o dinamico Valutazione globale ( sit&reach / squat test )

41 Flessibilità Un corretto utilizzo delle strutture muscoloscheletriche vittima della sedentarietà ne aiuta la conservazione nel tempo; Un buon equilibrio muscolare aiuta a mantenere una buona postura ed è fondamentale per assicurare la giusta coordinazione nei movimenti

42 Qualche riferimento

43 Test Flessibilità Analitico tallone tocca o e a meno di 5 cm dal gluteo tallone 5-10 cm dal gluteo angolo del ginocchio a 45

44 Ancora un esempio Flexion 80 Extension 30

45 Test Flessibilità Globale 80

46 Test Flessibilità Globale

47 Nota Breve Che differenza c è tra Flessibilità e Elasticità??? La capacità della massima escursione delle articolazioni in condizioni statiche fisiologicamente tollerabile (Flessibilità) Capacità del compartimento muscolotendineo di stoccare energia elastica a seguito di un suo allungamento con conseguente possiblità di restituzione durante la fase concentrica del movimento stesso ( Elasticità)

48 E la Mobilità? Rappresenta il presupposto per raggiungere ampiezze sufficientemente elevate nell escursioni delle articolazioni delle articolazioni durante l esecuzione dei movimenti o nell assunzioni attiva di determinate posizioni E QUINDI A CHI E COSA FACCIAMO ALLENARE???

49 Attività Cardiovascolare FUNZIONI CARDIACHE VENTILAZIONE POLMONARE VO 2 max CAPACITÀ LAVORO AEROBICO DENSITÀ CAPILLARE PRESSIONE ARTERIOSA COLESTEROLO TOTALE FC DI RIPOSO MORTALITÀ PER MALATTIE CARDIACHE GRASSO CORPOREO

50 Vo2 max Quantità massima di ossigeno utilizzabile dall organismo e rappresenta massima capacità risintesi ATP per via ossidativa Quando un soggetto non aumenta più il consumo di O2 in risposta ad una aumentata richiesta di intensità siamo al Vo2max Viene raggiunto quando almeno 1/6 1/7 della muscolatur atotale lavora per almeno 6 minuti Influenzato prevelentemente da due fattori : capacità funzionale cuore sfruttamento O2 a livello periferico

51 Test Cardiovascolari DIRECT INDIRECT TEST SOTTOMASSIMALI DIRECT INDIRECT

52 Misura diretta e indiretta Diretta : si effettua tramite apposito metabolimetro, generalmente effettuando test di tipo triangolare ad esaurimento Indiretta : si effettua generalmente tramite appositi test di tipo rettangolare o triangolare ad esaurimento o che si interrompono al raggiungimento dell 85% della FCmax stimata

53 Test Triangolare ad esaurimento (indiretto) Test di Bruce : x soggetti allenati incrementi di velocità e pendenza riscaldamento 3 a 2,7 Km/h al 10% pendenza ogni 3 aumenta la pendenza del 2%, velocità 1,3-4 km/h Uomini : Vo2max= 14.8-( x T ) + ( x T 2 ) ( 0.012x T 3 ) Donne : : Vo2max= 4.38 x T 3.9

54 Test Triangolare ad esaurimento (indiretto) Test di Astrand : x soggetti molto allenati velocità costante a 8km/h con incrementi di pendenza riscaldamento 5 camminare o corsa lenta Inizio pendenza 0% per 3 e aumenta del 2,5% ogni 2 Vo2 max : ( Tempo x )

55 Test Triangolare ad esaurimento (indiretto) Test di MUTT : x soggetti molto allenati velocità iniziale 8,5 km/h con incrementi di 1 km/h ogni 2 indossare cardio frequenzimetro Vo2 max : Vmax x 3,5

56 Test Rettangolari submassimali (indiretto) Test 2 km Walking Test : x soggetti sovrappeso, sedentari, anziani percorrere 2 km nel minor tempo possibile indossare cardio frequenzimetro Uomini : x T 0.22 x Fc 0.26 x Età 1.05 x Bmi Donne : x T 0.11 x Fc 0.14 x Età 0.39 x Bmi

57 Test Rettangolari submassimali (indiretto) Test Queens College Step Test : durata 3 con gradino di 40 cm salita dx/sx e discesa dx/sx ritmo 22 cicli/min (metronomo 88 bpm ) x donne ritmo a 24 cicli/min ( metronomo 96 bpm ) x uomini indossare cardiofrequenzimetro Uomini : ( 0.42 x Fc ) Donne : ( x Fc )

58 Test di Fitness Technogym FC % FCmax 65% FCmax 0:00 1:00 2:00 3:00 4:00 5:00 6:00 7:00 8:00 9:00 10:00 TIME Soggetto età 20 anni

59 I Dati del Technogym Test battito cardiaco allenante battito cardiaco max teorico consumo massimo di ossigeno ( Vo2 max assoluto ) consumo massimo di ossigeno/peso ( Vo2 max relativo ) mets

60 Qualche riferimento VALORI NORMATIVI ( VO2 max ml/kg/min ) BIKE RUN Età Età Uomini Uomini Eccellente > 55 >52 >50 >48 >45 Eccellente >61 >57 >55 >53 >50 Ottimo Ottimo Buono Buono Discreto Discreto Sufficiente Sufficiente Insufficiente Insufficiente Scarso <30 <27 <25 <23 <20 Scarso <33 <30 <28 <25 <22 Donna Donna Eccellente >49 >45 >43 >40 >38 Eccellente >54 >51 >48 >46 >44 Ottimo Ottimo Buono Buono Discreto Discreto Sufficiente Sufficiente Insufficiente Insufficiente Scarso <33 <30 <28 <25 <22 Scarso <27 <23 <21 <19 <17

61 Forza

62 Test di Forza L utilizzo di un qualsiasi esercizio di forza effettuato con carichi liberi o tramite l utilizzo di attrezzature dedicate può essere utilizzato per valutare l efficienza muscolare intesa in questo caso come capacità di carico massimo o relativo al peso corporeo. Si consiglia la rilevazione tramite l utilizzo di carichi sub-massimali che consentono un numero di ripetizioni massimali (RM) non superiori a 10. La stima del carico massimo (1 RM) è poi attuabile tramite formule di regressione o tabelle

63 Metodo Diretto PROTOCOLLO: 1 a serie da 10 ripetizioni al 40% del massimale previsto 2 a serie da 5-6 ripetizioni al 50-60% del massimale previsto 3 a serie da 2-3 ripetizioni all'80% del massimale previsto 4 a serie da 1 ripetizioni al 90% del massimale previsto 5 a serie 1 ripetizione al 100% del massimale previsto N.B: il recupero tra le serie deve essere completo (tra 1 minuto e mezzo e 3minuti). Il valore dell'1-rm è riportato come il peso dell'ultima alzata completata con successo.

64 Metodo Indiretto PROTOCOLLO: Esempio di test indiretto basato sulle 6 ripetizioni. - riscaldamento leggero di 5-10 ripetizioni al 50% del previsto 6-RM - 1'riposo e allungamento, poi 6 ripetizioni al 70% del previsto 6RM - si ripete 6 ripetizioni al 90% del previsto 6-RM - dopo 2'di riposo 6 ripetizioni al % del previsto 6- RM se si riesce: aumentare la resistenza tra 2,5 e 5% per riprovare se non riuscito: sottrarre alla resistenza il 2,5 e 5% e riprovare

65 Esempio di formula per 1 RM

66 Esempio tabella per 1 RM Massimali Percentuale corrispondente in Kg kg 40% 45% 50% 55% 60% 65% 70% 75% 80% 85% 90% 95% 100% 105% 110% 115% 120% 5 2 2,3 2,5 2,75 3 3,25 3,5 3,8 4 4,3 4,5 4,8 5 5,25 5,5 5, ,5 5 5,5 6 6,5 7 7,5 8 8,5 9 9, , , ,8 7,5 8,25 9 9,75 10, ,8 16,5 17, ,5 13, ,25 17, ,3 27,5 28, , , , , ,5 19, ,75 24, ,8 38,5 40, ,5 24, ,25 31, ,3 49,5 51, , , , , , , , , , , , , , , , ,5 72, , ,5 42, ,5 77, , ,5 52, ,5 82, ,5 52, ,5 87,5 92, ,5 47, ,5 97,5 102, ,5 62, ,5 107, ,5 52,5 57,5 62,5 67, ripetizioni oltre 20 20/18 17/16 15/14 13/12 11/10 9/8 7/6 5/4 3/2 1 1

67 Scala Borg per la Forza

68 Consigli pratici

69 Esercizi standard consigliati Efficineza muscolare arti inferiori Leg press o Squat Efficineza muscolare di spinta degli arti superiori Chest press Efficineza muscolare di trazione degli arti superiori Lat machine

70 Esercizi standard consigliati

71 Se a domicilio ( esempio 1) Test dei piegamenti delle braccia obiettivo : valutare efficienza arti superiori materiali : cronometro protocollo : posizione prona, mani a livello delle spalle. Occorre effettuare il max num possibile di piegamenti in 30 sec. UOMO DONNA Molto buono > 43 Molto Buono > 33 Buono Buono Suff Suff Normale 16-4 Normale 11-2 Molto scarso < 2 Molto scarso < 4

72 Se a domicilio ( 2 ) Test di sospensione con le braccia flesse obiettivo : valutare efficienza arti superiori materiali : sbarra orizzontale posta a 1,90 m dal suolo protocollo : sollevare soggetto fino a quando il mento non supera la sbarra. La prova consiste ne rimanere in quella posizione il più lungo possibile. Il test termina quando gli occhi scendono sotto la sbarra. Annotare tempo di sospensione.

73 Buon lavoro!!

74

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

Centro Studi F.I.H.P.

Centro Studi F.I.H.P. Protocolli Test Regione Toscana Centro Studi F.I.H.P. Antropometrici Circonferenze Protocolli Test Hockey Pista Anni 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 Altezza Peso Addome Torace Fianchi Collo Forza Vel. A.I.

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Guida alla analisi plicometrica. Copy

Guida alla analisi plicometrica. Copy Guida alla analisi plicometrica Copy Tutto il materiale contenuto in questa guida elettronica è fornito senza alcuna garanzia e a solo scopo divulgativo. Essa è stata redatta unicamente allo scopo di agevolare

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE

I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE I TEST PRE-CAMPIONATO DEL CALCIATORE di Matteo Bisoffi La valutazione fisico/funzionale degli atleti è un passaggio obbligatorio al fine di impostare correttamente gli allenamenti; una preparazione fisica

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO

ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DEL GINOCCHIO Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER "ATTIVITÀ FISICA"?

CHE COSA SI INTENDE PER ATTIVITÀ FISICA? LA SALUTE La salute viene definita dall'o.m.s. come "uno stato di equilibrio bio-chimico, psico-fisico ed affettivo-relazionale". Quando tutte queste componenti sono in equilibrio, allora si può affermare

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI

Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Micro-Ciclo MODULARE di ALLENAMENTO di CAMPIONATO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2014-2015 Programma di

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio

GINNASTICA AEROBICA. Prof. Samuele Marchese. Dispensa di studio GINNASTICA AEROBICA Prof. Samuele Marchese Dispensa di studio Corso di laurea Attività Preventive ed Adattate della facoltà di Scienze Motorie dell Università di Perugia 1 Adattamenti a livello CARDIOVASCOLARE

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

I test di valutazione funzionale. www.fisiokinesiterapia.biz

I test di valutazione funzionale. www.fisiokinesiterapia.biz I test di valutazione funzionale www.fisiokinesiterapia.biz LA PRESTAZIONE Fattori che la determinano: Anagrafici (età) Antropometrici (statura, peso, biotipo) Psicologici (attitudine, motivazione) Ambientali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELL ESERCIZIO FISICO A cura di: dr Luciano Bissolotti Prima di prescrivere un programma d allenamento è necessaria una accurata valutazione clinica. In particolare, la

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22

corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22 corsi e spinning digital training dalle 6 alle 22 corsi lunedì YogaFit GAG TotalBody CountryFitness SuperAbdominal Basic GAG YogaFit TotalBody Basic GAG CountryFitness TotalBody Basic 1 1 GAG 1 CountryFitness

Dettagli

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 CATEGORIE Junior Alta Specializzazione, femminile e maschile TABELLA DI CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni

Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering. Matteo Vandoni Lezione 5 Ripasso Progetto Villa Esperia Exergames Orienteering Matteo Vandoni Sit and Reach Il sit and reach test ha lo scopo di misurare la flessibilità della catena cinetica posteriore attraverso l

Dettagli

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it

Programma di lavoro. Dott. Rodolfo Malberti. illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it. 2013 - rudydoc@tin.it Programma di lavoro Dott. Rodolfo Malberti illustrazioni by pierluigi_comi@fastwebnet.it 2013 - rudydoc@tin.it La necessità di essere in forma è ormai una consuetudine nel gergo comune. Ci si incontra

Dettagli

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici

Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Risposte fisiologiche in diversi sport ciclici Fisiologia della prestazione sportiva Università degli Studi di Verona Scienze Motorie aa 2012-1013 1 Le caratteristiche fisiologiche non sono le uniche

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE ERGO TESTER ERGOJUMP BOSCO SYSTEM Ergo Tester Ergo Tester offre molteplici e fondamentali possibilità di valutazione e controllo dell allenamento al fine di migliorare

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art

Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art 6 workshop nazionale CISAI Genova, 8 febbraio 2013 Il cammino, come attività aerobica di moderata intensità, aumenta la densità minerale ossea nei pazienti in trattamento con c-art Bonato M, Bossolasco

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

DESCRIZIONE E ANALISI DI UN PROTOCOLLO DI VALUTAZIONE DELLA EFFICIENZA FISICA UTILIZZATO IN UN GRUPPO DI VIGILI DEL FUOCO ITALIANI VOLONTARI

DESCRIZIONE E ANALISI DI UN PROTOCOLLO DI VALUTAZIONE DELLA EFFICIENZA FISICA UTILIZZATO IN UN GRUPPO DI VIGILI DEL FUOCO ITALIANI VOLONTARI FireFighters: Safety in rescue operations Rome, 18-20 April 2002 DESCRIZIONE E ANALISI DI UN PROTOCOLLO DI VALUTAZIONE DELLA EFFICIENZA FISICA UTILIZZATO IN UN GRUPPO DI VIGILI DEL FUOCO ITALIANI VOLONTARI

Dettagli

Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei.

Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei. Otto esercizi per tonificare e rassodare gambe e glutei. Erano gli anni 40 quando, con buona pace di occhi neri e blu, il Trio Lescano celebrava con un ritornello ad hoc l'importanza delle gambe femminili.

Dettagli

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo

PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE. Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo PRINCIPI DI ALLENAMENTO SPORTIVO GIOVANILE Imperia 20 maggio 2007 Carlo Izzo 1^FASE PUBERALE FEMMINE 11/12 13/14 1^FASE PUBERALE MASCHI 12/13 14/15 2^FASE PUBERALE FEMMINE 13/14 17/18 2^FASE PUBERALE MASCHI

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS

PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS PROGRAMMA DIDATTICO LIVELLI AVANZATI PER OPERATORI BENESSERE E DEL FITNESS Livello Avanzato n.1 Il primo livello avanzato permette agli operatori del benessere di arricchire le capacità di approccio al

Dettagli

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI Premessa L elaborazione di un programma di allenamento deve tener conto dei concetti basilari della metologia. Lo scopo di quanto andremo ad esporre è principalmente

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45 Posizione Eretta Naturalmente ; La distanza tra i piedi Corrisponde alla Larghezza delle anche Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia

FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa. MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO FONDO NATURALE DA ACQUISTARE A 300 DPI > regìa MEdIcIna DeLLO SPORT & CHinesiTerapia FOTO MF_regìa 300 DPI NB.LE FOTO DELLO STUDIO CFSPORT SONO REALIZZATE DA MONICA F. VALUTATE SE MANTENERLE... centro

Dettagli

Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014

Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Settore-Tecnico AIA Stagione Agonistica 2013-2014 Programma Modulare Allenamento Arbitri Caro Arbitro, in allegato trovi alcune proposte di massima per

Dettagli

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Si può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, il più comune, oppure usando la bilancia impedenziometrica, che tuttavia

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini

EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 2007 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini 101 SERVIZIO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE Ospedale Ceccarini Riccione Direttore U.O. Dott. Riccardo

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

STRIDE FITNESS. Program

STRIDE FITNESS. Program STRIDE FITNESS Program Gabel 2015 STRIDE FITNESS Program 1 INTRODUZIONE Il mercato del fitness è in costante evoluzione e alla continua ricerca di migliorare le attività rivolte ad un vasto pubblico, sviluppando

Dettagli

massamagra.com Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic

massamagra.com Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic Scheda Rapida Galileo Basic Base per tonificazione, rassodamento, rafforzamento, reattività, mantenimento della forma, potenziamento. N.Esercizi

Dettagli

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano

ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI. Prof. A.Di Musciano ALLENARE LA POTENZA AEROBICA IN SPAZI STRETTI Prof. A.Di Musciano PREMESSA IL CALCIO E UN ATTIVITA INTERMITTENTE CASUALE, NEL CORSO DEL QUALE SI ALTERNANO FASI AD ALTA INTENSITA ED ALTRE DI IMPEGNO MINORE

Dettagli

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI

ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI ESERCIZIO FISICO - DECLINAZIONI Si definisce capacità aerobica la capacità dell individuo di svolgere un lavoro di intensità moderata utilizzando il meccanismo aerobico, che sfrutta i grassi e i carboidrati

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m

distanza maggiore (3000 m) distanza minore (2000m) tempo sui 3000 m tempo sui 2000 m 12 LEZIONE I TEST PER VALUTARE LE QUALITA AEROBICHE (SECONDA PARTE) IL B.A.S. TEST (Bisciotti, Arcelli Sagnol) Test misto: soglia/vam 2 prove massimali su 2 diverse distanze: 2000 3000 metri Si può avere

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE. Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino

ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE. Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino ANTROPOMETRIA PLICOMETRIA IMPEDENZOMETRIA METODICHE TRANSDERMICHE Prof Maurizio Fraticelli Docente Università degli Studi di Camerino Le caratteristiche fisiche dell'individuo possono venire descritte

Dettagli

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri

Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri Appendice A Come calcolare la massa magra e il numero dei blocchi giornalieri SI può calcolare la massa magra in vari modi. Con la plicometria, come spesso avviene, con la pesata idrostatica o la bioimpedenza,

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

Qual è il tuo tipo? Ectomorfo (metabolismo veloce):

Qual è il tuo tipo? Ectomorfo (metabolismo veloce): Qual è il tuo tipo? Le teorie sui biotipi costituzionali affondano le loro radici nella storia dell uomo. Le prime congetture a riguardo, risalgono infatti ai libri sacri indiani dell Ayurveda, qualche

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

PROGETTO LAIO L A I O. fascia 8 12 anni I S A C S I - I S T I T U T O DI S T U D I D E L L A C S I. Maggio 2014

PROGETTO LAIO L A I O. fascia 8 12 anni I S A C S I - I S T I T U T O DI S T U D I D E L L A C S I. Maggio 2014 PROGETTO LAIO L A I O Maggio 2014 fascia 8 12 anni Questo progetto è rivolto in primo luogo agli istruttori giovanili delle associazioni ACSI che incontrano, nel loro lavoro, bambini sovrappeso o obesi.

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

II I Fitness un approccio scientifico

II I Fitness un approccio scientifico Indice Prefazione all edizione italiana L Autore Prefazione all edizione americana Ringraziamenti dell Autore Il curatore dell edizione italiana Introduzione all edizione italiana XIII XV XVII XXI XXIII

Dettagli

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA

ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA 1 www.ortopediaweb.net ARTROPROTESI TOTALE DELL ANCA Le informazioni contenute in questo opuscolo rappresentano un aiuto per il corretto avvicinamento all intervento ed una guida alla riabilitazione post

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

A cura di Patrizia Raimondo Pietro Saba. Associazione Italiana Diabetici 1

A cura di Patrizia Raimondo Pietro Saba. Associazione Italiana Diabetici 1 A cura di Patrizia Raimondo Pietro Saba Associazione Italiana Diabetici 1 La ginnastica, la nuova medicina Svolgere una moderata attività fisica in modo regolare serve a mantenersi in buona salute, e in

Dettagli

UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING

UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING UMBERTO MILETTO NATURAL BODY BUILDING Trucchi, segreti e programmi per un fisico da urlo 2 Titolo NATURAL BODY BUILDING Autore Umberto Miletto Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it ATTENZIONE:

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli