EXTRA EXTRA RW ACTION OBIETTIVO PERSONAL BEST. super consigli per puntare al tuo record personale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EXTRA EXTRA RW ACTION OBIETTIVO PERSONAL BEST. super consigli per puntare al tuo record personale"

Transcript

1 EXTRA RW ACTION OBIETTIVO PERSONAL BEST 24 super consigli per puntare al tuo record personale

2 RW AcTiON PB 1 In gara parti più forte «Se vuoi veramente migliorare il tuo record, devi provare a correre più forte durante tutta la gara, non solo nella seconda parte. Molti runners, infatti, partono troppo piano e corrono fortissimo alla fine. L ideale è trovare prima possibile il ritmo giusto e cercare di mantenerlo. Un buon modo per entrare subito in gara è quello di presentarti alla partenza già in pressione. Per esempio correndo delle frazioni di circa 200 metri a buon ritmo, così da far salire adeguatamente le pulsazioni. Se consolidi bene questa tecnica in allenamento e la proponi poi il giorno della gara, ti toglierai delle belle soddisfazioni». Mick Woods, atleta e allenatore inglese 2 Corri le piramidi fuoristrada «Tranquilli, niente deserto d Egitto! Poiché per battere il proprio personale bisogna essere veloci ma anche resistenti, andando fuoristrada coinvolgi più OR NOT Di MATTHEW RAY e RW ITALY PB That is the question. Insomma: record personale o no? Dipende tutto da te. Ma RW ti aiuta chiedendo ai suoi esperti 24 modi per trasformare la tua performance e spingere il tuo Personal Best verso nuovi confini muscoli nell azione di corsa e dunque insegni al tuo corpo a gestire l acido lattico che si accumula nei muscoli quando vai forte. Io faccio delle ripetute a piramide su un percorso ondulato di circa 10 chilometri. Dopo 10 minuti di riscaldamento, fai un minuto a ritmo gara oppure al 70-80% della tua velocità massima, recupera secondi, poi fai una seconda ripetuta di due minuti. Aggiungi un minuto alla volta fino ad arrivare alla ripetuta di 5 minuti, quindi scendi a 4 minuti e decresci fino a fare 9 ripetute totali secondo lo schema (minuti). Concludi con 10 minuti di corsa al 40-50% della tua velocità massima». Andy Simonds, specialista della corsa in montagna 3 Fai tuoi i tuoi obiettivi «Sembra un gioco di parole. Vuol dire semplicemente che devi trovare da solo il tuo obiettivo e non fartelo imporre da un allenatore o un personal trainer. Non porre però troppa enfasi su un obiettivo eccessivo, come per esempio battere il personale in maratona, un ottimo traguardo che però forse non riusciresti a raggiungere senza essere prima passato per delle tappe intermedie. Sviluppa dunque strategie mentali che ti possano aiutare a trovare il tuo ritmo stando concentrato sul presente e imparando a rimanere in contatto col tuo corpo e il tuo respiro. Impara a non giudicare la prestazione mentre corri, ma lascia che il tuo corpo ti guidi con libertà in corsa. Queste abilità sono un ottimo strumento e ti saranno utili per programmare obiettivi a più lungo termine come diventare più resistente, migliorare lo stile di corsa, e poi arrivare in fondo a una mezza maratona oppure perdere 3 chili di peso». Andrea Colombo, psicologo dello sport 4 Triangola l allenamento «Pensa al tuo programma come a un triangolo con i lati uguali. Un lato corrisponde all allenamento, uno all alimentazione, uno al giusto riposo. Infatti tu recuperi e raggiungi un adeguata 000 FEBBRAIO RUNNERSWORLD.IT

3 5 Affina la volata per un finale veloce «Per avere un buono spunto finale devi imparare a correre forte restando rilassato. Più facile a dirsi che a farsi, alla fine di una gara, perché le tue gambe sono stanche e irrigidirsi è normale. Non costringerti quindi a spingere di più, ma cerca, piuttosto, di mantenere il busto rilassato e la coordinazione del movimento di braccia e gambe. Esercitati a simulare degli sprint alla fine dei tuoi allenamenti di corsa, cioè in condizioni di stanchezza simili a quelle di un finale di gara: fai dunque 3 discrete progressioni di metri, curando di forzare bene il movimento delle braccia, recuperando poi la stessa distanza al passo. Quando in gara arriverai in zona traguardo difficilmente qualcuno riuscirà a superarti» Daniele Meucci, bronzo nei metri agli Europei di Barcellona 2010 RUNNER S WORLD - - NOVEMBRE - DICEMBRE FEBBRAIO PB or not PB 3 19/01/

4 EXTRA NE ZIO TA EN IM AL AL LE NA ME NT O forma fisica se dormi bene. Migliore è il tuo riposo, meglio recuperi. Se anche un solo lato viene trascurato, la struttura del triangolo risulta squilibrata e nel tempo rischia di non stare più in piedi. Nei giorni di riposo idratati bene, mangia frutta secca, fresca, semi, verdura e proteine». Nick Anderson, running coach SONNO 7 Utilizza la respirazione yoga per la maratona «La tecnica ujjayi (o victorious ) utilizzata nelle pratiche indù e yoga taoiste, coinvolge il core, cioè la parte baricentrica (schiena e addominali bassi, bacino ecc.) del tuo corpo, e permette una respirazione più profonda. Immagina (e visualizza) un filo attaccato al tuo ombelico: tiralo indietro lentamente e legalo alla colonna vertebrale, infine respira utilizzando la cassa toracica. Utilizza il naso e immagina di far 000 FEBBRAIO RUNNERSWORLD.IT Cura le infiammazioni mangiando «L allenamento necessario per correre più forte può danneggiare le fibre muscolari e causare infiammazioni diffuse. Gli acidi grassi Omega3, 6 e 9 contenuti nelle noci e nella frutta oleosa in generale, nei semi, negli olii e nel pesce, possono contribuire a ridurre questi effetti negativi e a dare il giusto apporto di energia, per recuperare più in fretta. Tutti i grassi contengono 9 calorie per grammo, ma questi grassi essenziali apportano ottimi benefici, quindi non privartene. Al rientro dalla corsa, prova dei crostini - magari d avena con del salmone, o delle noci e delle olive». Luca Gatteschi, medico dello sport e nutrizionista della SINSEB (Società Italiana Nutrizione, Sport e Benessere) entrare e uscire l aria da una cannuccia attraverso profonde inspirazioni ed espirazioni. Immagina di sentire il rumore delle onde del mare che s infrangono dentro e defluiscono fuori. Prova a usare questo metodo ogni tanto durante la corsa per conservare energia, mantenere la mente calma e conservare una postura corretta». Kyrin Hall, istruttrice di yoga e maratoneta 8 Sciogli le tensioni «Durante la corsa evita di disperdere energie tenendo inutilmente contratti certi muscoli, per esempio quelli delle spalle o del collo. Lo yoga può insegnarti a correre in modo più efficace rilassando alcune parti del corpo prima della gara ma, con un po di sensibilità, anche in corsa. Inspira lentamente e profondamente contando fino a 4, poi espira lentamente immaginando d indirizzare l aria nella parte del corpo che vuoi rilassare. Visualizzala nella tua mente mentre si decontrae. Impara la tecnica partendo dalla testa, passando per la 6 fronte e scendendo giù giù fino ai piedi. Migliorerai la capacità di focalizzare le diverse parti del corpo e aiuterai l organismo a recuperare energie». Jo Chandler, istruttore di yoga 9 Previeni gli infortuni dietro le cosce «Cerca d evitare gli infortuni ai muscoli posteriori delle cosce rafforzandoli. In corsa, gli angoli d azione delle articolazioni dell anca e del ginocchio

5 RW AcTiON cambiano simultaneamente a ogni falcata, quindi i muscoli posteriori della coscia non si allungano e si contraggono eccessivamente. Dunque puoi allenarli anche da fermo. Allora sdraiati sulla schiena con le ginocchia piegate, i piedi ben piantati a terra, e solleva le anche assumendo la posizione a ponte della figura. Da questa, facendoti aiutare da un compagno, lancia e ricevi una palla mediamente pesante». Andrea Molina, personal trainer e technical contributor di RW Italia 10 Cerca di correre bene in discesa «Quando si trovano a correre in discesa, istintivamente molti runners allungano la falcata, spingendo troppo lontano il piede davanti e cercando di vincere l inerzia portando indietro il peso del corpo. La conseguenza è il sovraccarico dei quadricipiti e l effetto freno. Se ti capita di gareggiare su un percorso con delle discese d un certo impegno, ovvia accorciando il passo, spingendo i piedi più indietro che avanti e inclinando leggermente il busto per assecondare la forza di gravità. Ho sperimentato personalmente che imponendomi questa postura riesco a correre in discesa più velocemente, con un terzo della fatica». Non male, per riuscire a guadagnare un bel po di secondi. Johnathan Williams, fisiatra e triatleta da Ironman 11 Testa la flessibilità dei piedi e dei tibiali «Mettiti in ginocchio, con i muscoli tibiali anteriori in allungamento, seduto sui talloni, con la parte superiore dei piedi ben appoggiata a terra. Se senti tirare i quadricipiti mentre sei in questa posizione vuol dire che i muscoli dei tuoi piedi e della parte anteriore delle tibie hanno bisogno di essere allungati frequentemente per garantirti un azione di corsa efficace». David Smith, tecnico di atletica leggera 12 Controlla la tua biomeccanica «I miei studi dimostrano che il 70-80% delle persone ha il femore sinistro più lungo di quello destro, per bilanciare la disposizione asimmetrica degli organi interni. Correre sullo sterrato leggermente irregolare non è un problema, ma farlo su strade dalle superfici compatte costringe i muscoli a compensare, causando potenziali problemi biomeccanici a ginocchia, anche, inguine e parte bassa della schiena. Nel mio Centro Studi abbiamo verificato un 94% di successo inserendo uno spessore di 3 millimetri nella scarpa destra. Fai una prova: di fronte a uno specchio prova a controllare se c è asimmetria nelle spalle e nelle ossa del bacino. Un altro modo per fare la verifica, sempre in posizione eretta, è mettere un libro non più spesso di 12 millimetri a turno sotto ciascun piede per circa 30 secondi. Lascia che il corpo compensi, poi prova a sentire se una gamba ti sembra troppo alta». Clifton Bradley, podiatra e biomeccanico 13 Respira profondo «Il modo di respirare può permetterti di correre più forte. Moltissimi runners utilizzano solo una piccola parte della loro capacità polmonare e in corsa respirano poco profondamente. Allenando i muscoli della respirazione, si può migliorare l efficienza respiratoria. Potenzia la tua respirazione durante il riscaldamento e prima della corsa, così ti potrà aiutare a correre più forte. Inspira ed espira profondamente con la bocca e ripeti più volte. Un semplice quanto utile accessorio per potenziare la muscolatura respiratoria è l Allenatore Muscolare Inspiratorio portatile». Fulvio Massini, running coach, coordinatore tecnico di RW Italia 14 Rinforza i glutei La maggior parte dei corridori non usa abbastanza i grandi muscoli del corpo. I glutei, per esempio, controllano i movimenti delle anche. Quello proposto qui sotto è uno dei tanti esercizi per rafforzarli e correre più forte riducendo il rischio d infortunio. Sdraiati sulla schiena, con i piedi piantati a terra e le braccia lungo i fianchi. Solleva le anche a formare un unica linea retta dalla spalla al ginocchio e alza e distendi la gamba sinistra, contando fino a 2. Ripeti l esercizio 10 volte da ogni parte. Fai attenzione che i muscoli dei glutei siano in tensione quando allunghi la gamba. Non dimenticare, oltre al potenziamento, di fare periodicamente anche dello stretching per i glutei». Sergio Migliorini, medico dello sport e contributor di RW Italia 15 Scegli il percorso più breve «I percorsi delle grandi gare generalmente propongono una linea colorata a indicare la via più breve. Seguendola dovresti correre la distanza esatta, ma questo non sempre accade: qualche volta traccia soltanto la giusta direzione di corsa. In questi casi controlla tu di non fare della strada in più, perché un runner da 40 sui 10K va a una velocità di 4,166 metri al secondo: ogni 5 metri allungati vedrà aggiungersi un secondo al suo tempo finale». Migidio Bourifa, campione italiano di maratona 16 Fai l esercizio dell aquila «I tuoi polpacci e i tuoi quadricipiti hanno bisogno di essere forti a sufficienza per sostenere il tuo peso quando carichi sulle gambe, altrimenti le anche oscillerebbero verso il basso a ogni passo e tu dovresti impiegare molta più energia per riportarle su. Quando Usain Bolt corre, il suo bacino si sposta in avanti in linea retta senza minimamente risentire degli appoggi sul terreno. Se vuoi provare a imitarlo, tra una corsa e l altra fai l esercizio dell aquila, qui a destra. In piedi, rulla sui talloni verso dietro a gambe tese, fino a sollevare dal terreno le dita dei piedi, poi rulla in avanti, portando il peso sugli avampiedi e le braccia tese per indietro/alto. Mantieni la posizione tenendo contratti i polpacci, poi torna a scendere sulle caviglie. Ripeti una decina di volte». Clifton Bradley, podiatra e biomeccanico RUNNER S WORLD - FEBBRAIO

6 RW AcTiON 17 Riduci lo zucchero nelle bevande energetiche «Si può prevenire gli infortuni, migliorare il livello di energia e rinforzare il sistema immunitario controllando lo zucchero nel nostro regime alimentare. Gli zuccheri presenti nelle bevande reintegranti, se in quantitativo elevato, rallentano l assorbimento dei sali minerali. Perciò una bevanda isotonica addizionata di sali minerali per prevenire crampi e migliorare l efficienza muscolare fa solamente la metà del suo lavoro. Se ti prepari una bevanda da solo, mixala con delle maltodestrine (carboidrati idrosolubili a basso indice glicemico), insieme a un complesso di minerali con calcio e magnesio per prevenire i crampi». Oliver Gibson, nutrizionista da 2:35 in maratona 18 Aumenta la portata di ossigeno «Se sei un hard o un fast runner, nel momento in cui cominci una gara passi in pochi secondi da un periodo d inattività a uno d intensa attività. La tua energia aerobica non è sufficiente da sola per supportare integralmente lo sforzo, così l organismo comincia ad attingere precocemente dalle riserve di glicogeno, accelerando l insorgenza della fatica e del debito d ossigeno. Per ovviare in parte, cerca di portare il lattato nel sangue ai livelli di soglia durante il riscaldamento pre gara. Corri quindi per minuti con almeno tre ripetute di un minuto al tuo ritmo di gara sui 10K». Simon Word, allenatore di running e triathlon 19 Prepara il cervello alla corsa «Normalmente si cammina col ginocchio piegato di 30 gradi. Ma quando si comincia a correre il range cambia e il cervello fa fatica a riconoscere il movimento, stentando a controllarlo. Meglio, dunque, predisporre le vie nervose al nuovo movimento. Puoi provare stando in equilibrio su una gamba e portando l altra al petto per poi abbassarla e stenderla dietro. Tutti i principianti 000 FEBBRAIO RUNNERSWORLD.IT dovrebbero fare questo esercizio ogni volta prima di cominciare a correre». Clifton Bradley, podiatra e biomeccanico 20 Fai 180 passi al minuto «Se per correre più forte allunghi il passo, come generalmente dicono i profani, finirai solo per aumentare le forze d impatto sulle articolazioni. Punta invece ad aumentare il giro di gambe. Lo standard per la maggior parte dei runners di livello amatoriale è di 160 passi al minuto, con un discreto carico su avampiedi e ginocchia. Tu portalo a 180, accorciando il passo, aumentando la frequenza e scaricando - per via del variato assetto e della nuova inerzia - parte del peso che gravava sugli arti inferiori». Andrea Molina, personal trainer 21 Concentrati sul core «Da un recente studio durato 20 anni è emerso che nei piedi non c è un vero legame meccanico tra pronazione e infortunio. L incidenza dei problemi resta comunque evidente, così come è evidente che avere i muscoli delle anche deboli porta a distribuzioni anomale del peso sulle gambe. Una situazione che è forse più predisponente all infortunio dell eccesso (o difetto) di pronazione. L utilizzo della fit ball è un buon modo per rinforzare il tuo core e l esercizio di destra è particolarmente adatto per dare sta- 22 «Se sei un runner che predilige le lunghe Occhio ai piedi distanze è fondamentale che non trascuri i tuoi piedi. Prendi, anzi, la buona abitudine di idratarli bene con delle creme adeguate, soprattutto tra le dita, almeno quattro volte alla settimana. Cura di aprire per bene le dita e di massaggiare dolcemente sia i metatarsi (le cinque ossa della pianta) che i tessuti molli, per aiutare i piedi a recuperare meglio. A lungo compressi nelle scarpe, rischiano infatti d irrigidirsi e di modificare la distribuzione del peso, aumentando il rischio d infortuni agli arti inferiori». David Smith, running coach Illustrazioni di SUDDEN IMPACT MEDIA

7 EXTRA DRUN.RUNNERSWORLD.IT 23 PROMOTION bilità all intera struttura. Parti con le mani in appoggio a terra, il dorso dei piedi sulla palla e le ginocchia piegate. Cammina in avanti sulle mani finché le gambe si distendono e l appoggio sulla palla va sulla punta dei piedi, poi solleva il bacino e avvicina le ginocchia al petto facendo rotolare la palla. Torna indietro e ripeti l esercizio più volte, almeno una dozzina». Clare Rayner, fisiatra Tieni controllato il carico glicemico «Dovresti abituarti a verificare l Indice Glicemico di ciò che mangi, per sapere se stai assumendo carboidrati a lento rilascio, anche se sarebbe più giusto conoscere la proporzione, e quindi la quantità totale, di carboidrati presenti nei diversi alimenti, cioè il Carico Glicemico. Un Carico Glicemico basso aiuta a stabilizzare il livello di zuccheri nel sangue (glicemia), riducendo le calorie che vengono trasformate in grassi e aumentando quelle necessarie per l allenamento». Oliver Gibson, nutrizionista AUTOPUBBLICITA.indd 17 PIANETA SCARPE SHOES.RUnnERSwORld.it INDICE GLICEMICO 95 CARBOIDRATI (QUANTITÀ) 50% CARICO GLICEMICO 48 Barretta Mars 65 68% 26 Tortilla Mex 52 48% 25 15,4 Baguette 19/12/ :05:25 Riso 64 24% Banana 52 20% 10 Patata 50 19% 9,3 Cocomero 72 5% 3.6 Carota 47 7,5% 3,5 1/2 AUTOPUBBLICITA.indd 20 19/12/ :06:36 Dove la strada finisce Vai anche in bici trail.runnersworld.it «Da uno studio dell Università di Toledo è emerso che dei runners che avevano abbinato uscite di corsa e in bicicletta si erano migliorati sui 5K tanto quanto altri runners che avevano lavorato solo sulla corsa. Nessun vantaggio per questi ultimi, insomma. Buono a sapersi: una sessione in bici ad alta intensità può aiutarti a sviluppare la tolleranza al lattato e a migliorare la resintesi, il che ti consentirà di correre più forte appesantendo meno le gambe che con un lavoro di interval training. Prova con delle ripetute con una bici sui rulli o una da palestra: fai per 10 volte 60 secondi a 90 pedalate al minuto e al 75-85% del massimo impegno, più un altro minuto di recupero a bassa intensità». Clifton Bradley, podiatra e biomeccanico AUTOPUBBLICITA.indd 16 PROMOTION 24 PROMOTION ALIMENTO CORRI DONNA CORRI 19/12/ :55:43 RUNNER S RUNNER SWORLD WORLD--DICEMBRE FEBBRAIO

8 facebook.com/runnersworlditalia? CORRI : CONNETTITI! C O N D I V I D I

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Fai partire il tuo anno migliore EXTRA

Fai partire il tuo anno migliore EXTRA in allenamento! ALLORA, COSA VUOI FARE? PERDERE PESO, ANDARE PIÙ FORTE, EVITARE L INFORTUNIO? QUALUNQUE SIA IL TUO OBIETTIVO, LE DIECI PROPOSTE CHE TI PERMETTERANNO DI USCIRE DALLA ROUTINE Fai partire

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Le GUIDE di. La rivista della corsa più letta al mondo. Comincia a correre. Tabelle Consigli pratici Alimentazione Equipaggiamento

Le GUIDE di. La rivista della corsa più letta al mondo. Comincia a correre. Tabelle Consigli pratici Alimentazione Equipaggiamento La rivista della corsa più letta al mondo Comincia a correre Tabelle Consigli pratici Alimentazione Equipaggiamento supplemento al numero di GIUGNO 2009 Come diventare un runner Cominciare a correre è

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni;

- permette a chi soffre di dolori alle ginocchia e alle articolazioni di allenarsi senza subire lesioni; Dalla Poltrona alla Prima Maratona Quasi incredibile la metamorfosi che un metodo di allenamento dolce, progressivo e senza forzature riesce a produrre anche sul più pigro dei sedentari - Beninteso: basta

Dettagli

Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato

Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato Come preparare la Maratona con Orlando- Pizzolato Edizione 2012 Testo di Orlando Pizzolato,, due volte vincitore della maratona di new york immagini e realizzazione terramia.com INDICE: Pag. 1 - CONSIGLI

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco

Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Le basi scientifiche dell allenamento nel tiro con l arco Autore: Caner Açikada. Hacettepe University School of Sport Science and Technology, Ankara, Turkey Titolo Originale: Scientific Foundations of

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni.

Tutto ciò porta a migliore coordinazione motoria e miglioramento delle prestazioni. Cipryen Fondriest Vialli Il vantaggio per lo sportivo è quello di ottimizzare il funzionamento dell apparato muscoloscheletrico di tutto il corpo col risultato di aumentare il rilassamento muscolare e

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO

-MIGLIORAMENTO DELLE RISPOSTE EMOTIVE E MIGLIORAMENTO DELLA BRACCIATA E DEL RITMO DI NUOTO Il Nuoto Può sembrar facile pensare che nuotare sia una attività motoria come tutte le altre. Può essere suggestivo accostare la vita fetale all adattamento all acqua. Apprendere poco a poco tutti gli

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli