MODELLI INFORMATIVI GRAFICI AUTOMATICI PER L ARCHEOLOGIA: ORIENTAMENTI ED ESEMPI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLI INFORMATIVI GRAFICI AUTOMATICI PER L ARCHEOLOGIA: ORIENTAMENTI ED ESEMPI"

Transcript

1 MODELLI INFORMATIVI GRAFICI AUTOMATICI PER L ARCHEOLOGIA: ORIENTAMENTI ED ESEMPI Notevolmente ampia è la letteratura sul tema dell'utilizzo dell'informatica per la progettazione e l'ingegneria; meno estesa (anche se in crescente aumento) quella invece relativa in modo specifico alla architettura antica e all'archeologia (1). Come è noto, la tecnica del disegno eseguito con il computer, conosciuta come CAD (2), è stata messa a punto e commercializzata agli inizi del La diffusione d'uso a livello professionale o generalizzato è invece iniziata negli anni , quando alcuni programmi e sistemi CAD sono divenuti disponibili su Microcomputer (3), affiancandosi all'uso dei Mainframe e dei Minicomputer. Questo fatto ha comportato un aumento dell'utenza, in crescita costante grazie anche alla contemporanea, lenta ma incisiva diminuzione dei prezzi di mercato sia dell'hardware che del Software. Ci si limita in questa sede alle considerazioni legate esclusivamente al disegno assistito dal computer, trascurando volontariamente gli altri sistemi avanzati integrati più o meno collegati al CAD (4), proprio per contenere l'area dell'argomento primario, rimandando ad altre occasioni gli eventuali ampliamenti (5). Gli utilizzi legati al CAD risultano, comunque, di una tale vastità che relazionarne la struttura in un unico contesto significherebbe aver già risposto a tutti i quesiti e reso a norma aspetti che invece sono ancora e tuttora da sperimentare. Si intende, pertanto, accennare qui a tematiche di approccio e di orientamento, utili a definire le classi principali di problemi e di argomenti su cui poter elaborare successive e più approfondite osservazioni secondo diverse esigenze e finalità (ó). L'utilizzo del computer per tradurre in grafica dati e informazioni della realtà comporta una corretta impostazione dell'atteggiamento degli operatori e della stessa strategia produttiva, completamente diversa da quella adottata per procedure tradizionali di disegno manuale. Grafica tradizionale L'operatore produttore di grafica tradizionale in ambiente storico archeologico deve procedere ad una "lettura" della realtà, trasferendola in elaborati grafici tracciati sul posto e legati a misurazioni di riferimento. Il risultato di tale operazione è dunque un insieme, più o meno cospicuo (sulla base della capacità o profondità di indagine), di informazioni, osservazioni e dati scaturiti in primo luogo da una visione soggettiva dell'elemento di analisi e poi trasferiti in prodotti grafici dove i singoli caratteri che configurano l'oggetto vengono correlati tramite quantizzazioni relative (distanze, quote, dimensioni, etc.), non assolute, che possono spesso dar luogo a incongruenze o imprecisioni, talvolta anche notevoli (7). Il prodotto ottenuto seguendo procedure tradizionali viene ad essere così strettamente legato alla qualità dell'elaborazione grafica; in ogni caso il disegno finale risulta privo di valore numerico assoluto, unico, non ripetibile, non controllabile. Grafica computerizzata Nella elaborazione grafica con l'ausilio del computer non è possibile operare secondo le modalità sopra elencate; è necessario infatti applicare negli aspetti procedurali metodologie analitiche e matematiche, rigorose e programmate, che si tenterà di definire e sintetizzare nelle note che seguono. Tali note derivano da una serie di interventi e di esperienze condotti in contesti differenziati (scavi statigrafici, aree archeologiche, complessi monumentali, centri storici. etc.) e realizzati su sistemi Personal più o meno potenti, estesi ed accessoriati, con l'adozione costante di un linguaggio operativo

2 comune e diffuso quale MS-DOS (8). Le osservazioni che si presentano in questa sede si pongono, quindi, non solo come risultato di precise scelte operative rispondenti a ben definite esigenze, ancorché di natura diversa, ma anche come spunto per una discussione ed una verifica in merito alle reali possibilità e potenzialità di applicazione dei sistemi informatici nella documentazione del patrimonio culturale. INQUADRAMENTO DELLE PROBLEMATICHE Come per le operazioni grafiche tradizionali, l'obiettivo fondamentale resta la normalizzazione delle procedure perché i prodotti siano utilizzabili da fruitori diversi (9). Tali procedure, infatti, devono permettere in qualsiasi momento l assemblaggio dei dati di rilevamento e di conoscenza della realtà, garantendo una visione omogenea del soggetto, mediante una particolare metodologia informativa e l'uso di standards univoci, con successiva archiviazione. Inoltre la restituzione computerizzata delle informazioni deve essere leggibile e gestibile anche su sistemi diversi. Se è indubbio, e comunemente accettato, il vantaggio delle applicazioni informatiche in campo antichistico (10), restano tuttavia da affrontare alcuni aspetti relativi alle seguenti problematiche: a) definizione dei sistemi; b) normativa tecnologica e degli standards; c) esigenze disciplinari differenziate; d) sperimentazioni separate e non omogenee; e) circolazione delle informazioni. Per le voci a) e b) si intende la possibilità di classificare i vari ambienti di lavoro sul piano sia del Software che del Hardware, per il quale si individuano tre classi fondamentali di sistemi operativi: 1) Calcolatori remoti (Host Computer) 2) Ministation e Vaxstation 3) Personal Computer XT e AT Le macchine di cui ai punti 1) e 2), per il notevole impegno finanziario ed operativo che comportano, sono per lo più distribuite nella rete delle grandi Aziende (private e non) e degli Enti di interesse pubblico. I sistemi minori di cui al punto 3) hanno, per contro, una diffusione assai ampia e in continua crescita, sia per i costi contenuti, sia per la facilità di accesso procedurale, di istallazione e di uso immediato. L'organizzazione del lavoro risulta differente per le varie classi, mentre molto simile è la procedura di ordinamento dei dati informativi di base. Tuttavia di volta in volta sarà necessario operare scelte riguardanti i sistemi Standards, i sistemi operativi, i linguaggi, i programmi operativi scientifici. Le problematiche indicate alle voci c) e d) possono trovare sicure soluzioni tramite lo sviluppo di interventi finalizzati che prevedano una stretta e corretta collaborazione tra i diversi settori disciplinari impegnati nella ricerca, nella sperimentazione e nell'applicazione di nuove tecniche informatiche in campo archeologico. Occorre in proposito sottolineare che l'integrazione tra specialismi diversificati sia sul piano scientifico che tecnico-operativo, nel rispetto delle specifiche competenze disciplinari (matematica, informatica, topografia, etc.), costituisce un presupposto fondamentale per una corretta impostazione e conduzione di interventi applicativi, là dove tematiche ed esigenze di natura storicoarcheologica devono "convivere" con apparati scientifici legati alla matematica, alla geometria piana e descrittiva e in genere con le cosiddette "strutture discrete" (logica, strutture algebriche, algoritmi, reticoli, etc ). Infine, la promozione costante di occasioni di verifica, di discussione, di divulgazione e circolazione delle sperimentazioni costituirà senza dubbio uno strumento idoneo per soddisfare le diverse esigenze di informazione, come indicato al punto e) tra gli aspetti tuttora problematici in merito alle applicazioni informatiche in campo antichistico. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Gli obiettivi fondamentali nell'adozione del disegno informatico coincidono, in sintesi, con le caratteristiche principali del CAD: facilità d'uso, precisione, velocità, riproducibilità.

3 Facilità d'uso Una volta acquisite le nozioni fondamentali per l'utilizzo di uno o più determinati softwares, l'operatore si trova avvantaggiato in tutte le operazioni di cancellazione, rifacimento e confronto tra diverse scelte grafiche. Una volta padroni dei comandi necessari per utilizzare un programma di CAD, sono possibili le più svariate operazioni per intervenire sul disegno: aggiungere, duplicare, modificare con estrema precisione, senza dover ricorrere (come nel disegno tradizionale) a rifacimenti totali. Precisione Il CAD permette una precisione maggiore rispetto al metodo di disegno tradizionale, poiché il risultato si basa sulla potenza di misurazione propria del processore matematico, capace di definizioni superiori alla qualità grafica visiva (ad esempio nei parametri di quotatura generalmente si contano ben quattro cifre decimali). Velocità Il database matematico che governa il CAD permette la memorizzazione di ogni singola porzione del disegno, ovvero del soggetto. Ogni modifica od operazione produce (in tempo reale) una istantanea rielaborazione complessi.va dei valori inseriti fino a quel momento nel database. Quindi, anche disegni molto complessi possono essere elaborati (o rielaborati) per porzioni (ingrandimenti, etc.) o per interi, con semplici e veloci comandi da tastiera o da mouse, a seconda dei casi, in pochissimi secondi. Riproducibilità Questa caratteristica, di fondamentale importanza, permette di utilizzare un disegno come grafico di base, di riprodurlo in copia, e/o di operare su di esso variazioni, campiture, simbologie, etc., praticamente senza limiti. A seconda dei programmi usati, inoltre, sarà possibile personalizzare sia le procedure che i prodotti, legando il disegno alle necessità del momento. Tutti i disegni così prodotti risultano ugualmente validi quanto l'originale, perché i valori numerici saranno i medesimi, salvo quelli legati alle caratterizzazioni e alle simbologie finalizzate, aggiunti con le procedure determinate dalla apertura e chiusura di sequenze. ORGANIZZAZIONE DEL MODELLO INFORMATIVO La risposta alle esigenze fin qui esposte può essere data con l'adozione e l'organizzazione di un "modello informativo aperto". Per "modello informativo aperto" si intende una organizzazione dinamica e coerente delle informazioni (11). Ogni problema per la propria soluzione richiede sempre la definizione di un "insieme" di informazioni necessarie e sufficienti. Questo insieme di informazioni sarà chiamato: livello. La necessità di rispondere ad esigenze culturali, organizzative ed economiche che variano dinamicamente nel tempo crea svariati problemi, ad ognuno dei quali deve corrispondere, quindi, un opportuno livello di informazioni. Alcune di queste informazioni possono essere già presenti nel modello, per altre può rendersi necessario un nuovo riferimento. Il sistema informativo "aperto" permette che questo nuovo riferimento trovi sicuramente una collocazione e che questa sia coerente con l'intero modello. Da ciò la possibilità di generare sempre e agevolmente nuovi livelli, cioè la possibilità di affrontare coerentemente sempre nuovi problemi (Fig. 1).

4 La gestione di un modello informativo aperto è evidentemente realizzabile solo con il supporto di tecniche computerizzate: in questo modo è possibile manipolare elevate quantità di dati, accedervi con rapidità e sicurezza, utilizzarle per la soluzione di più problemi. L'estensione avrà limiti posti dallo hardware disponibile, la cui espansione permetterà la crescita delle possibilità di archiviazione e di gestione dei dati (12). Per la realizzazione di questo modello occorre, pertanto, individuare una serie di obiettivi propositivi e operativi ben definiti relativi sia alla gestione dei dati che alla gestione di elementi di conoscenza, esistenti o da eseguire appositamente. Per quanto riguarda l'utilizzo di documenti grafici di rilievo e di indagine già esistenti, è necessario predisporne il loro assorbimento nel sistema CAD con procedure di digitalizzazione e/o vettorializzazione a mezzo scanner (13), oppure (nel caso di dati numerici non ancora graficizzati) con il loro inserimento in un sistema cartesiano, con caricamento digitale (Fig. 2). Per quanto riguarda invece l'impostazione di nuovi rilevamenti, deve sempre essere tenuta presente la necessità di disporre costantemente di informazioni già uniformate, facilmente collegabili a successivi interventi e indagini, organizzate nell'ambito di un processo di acquisizione dati e rielaborazione dei medesimi. L'assemblaggio di nuovi dati di rilevamento e conoscitivi del soggetto, mediante l'uso di standards informativi univoci, a cui si è fatto accenno precedentemente, garantisce la gestione e la restituzione computerizzata delle informazioni in qualsiasi momento o fase successiva. DEFINIZIONE DEL MODELLO IDEALE Per la progettazione del modello occorre individuare una serie di obiettivi propositivi fondamentali su cui operare: Organizzazione del "modello informativo aperto" per sub-sistemi elementari. Rilievo e definizione della "Maglia di Base" e successivamente delle maglie a livello gerarchico inferiore. Analisi ed eventuale trasformazione di "informazioni" esistenti in forma coerente e integrabile al modello proposto. Archiviazione (secondo la struttura definita nel modello) e restituzione computerizzata delle "informazioni" esistenti (restituzione grafica e alfanumerica): \ Rilievo per schede dei sub-sistemi a vari livelli gerarchici. Definizione dei modelli geometrici e analisi computerizzata delle condizioni in cui si è potuto trovare il soggetto nel passato. Rilievo e memorizzazione di eventuali deformazioni fisiche e dinamiche verificatesi in punti significativi del soggetto. Indagini dirette volte alla esatta comprensione di fenomeni particolari riscontrati nelle varie fasi precedenti. La struttura metodologica così programmata è da considerarsi totalmente rivoluzionaria perché spinge alla visione volumetrica della realtà. La tendenza a separare la rappresentazione dello spazio in piani bidimensionali (piante, prospetti, etc.) è stata determinata dai mezzi tradizionali di lavoro usati finora (il foglio da disegno e le matite o le penne con cui tracciare i segni di proiezione dei volumi). Infatti la visione assonometrica o prospettica dello spazio è stata sempre usata nel passato come prodotto dimostrativo piuttosto che come mezzo di lavoro e di verifica in corso di esecuzione (14). L'organizzazione dei dati necessari per la realizzazione del "modello informativo aperto" impone all'operatore il pensare in tridimensionale, cercando di integrare tra loro mezzi di rappresentazione tradizionali del disegno in due dimensioni, intesi come momenti temporali di separazione di parti dello spazio, che successivamente (e per gerarchie) vanno a ricomporsi nella rappresentazione totale, producendo una probabile ed accessibile visione sintetica o convenzionale del modello reale che potremo chiamare modello ideale. Il modello ideale sarà tanto più diverso o simile al modello reale (realtà) quanto più o meno saranno

5 state attivate operazioni di "smontaggio" ideale, di "separazione", di "dettaglio" delle parti componenti lo spazio fisico, rimontandole in un sistema di rappresentazione complessiva regolato dai valori dimensionali matematici (modello digitale). Tanto più è complesso il soggetto originale (per dimensione, per articolazione spaziale e per componenti qualitative o temporali), tanto più sarà esteso il sistema vettoriale che lo può rappresentare e descrivere. La procedura "aperta" del caricamento dei dati permette di accedere a livelli gerarchici informativi crescenti, superando di volta in volta la eventuale incompletezza di uno dei tanti sistemi generativi della forma rappresentativa della realtà. A differenza del disegno (o rilievo) tradizionale tutto ciò è possibile nelle procedure informatiche perché, evidentemente, il lavoro avviene nell'ambito del concetto di spazio (anche se in componenti bidimensionali), in quanto ogni input immetterà l'informazione in un rapporto tridimensionale predestinato e preesistente, regolato da una griglia geometrica assoluta (Fig. 31, che chiameremo "maglia di base" (15). INDIVIDUAZIONE DELLE GERARCHIE Occorre impostare uno studio accurato della realtà al fine di stabilire le gerarchie associate poste in rapporto con lo spazio fisico e lo spazio ideale. Questo è necessario in architettura storica ed ancor più in archeologia, poiché spesso i resti di forme strutturali complesse si presentano alterate sia nella forma che nell'ordine gerarchico originario; il loro riconoscimento quindi si rende necessario per predisporre il destino delle informazioni (Fig. 4). Per spazio ideale si intenderà quello descritto dalla forma originaria (possibile o probabile) del soggetto. Lo spazio fisico corrisponderà alla situazione nello stato di fatto in cui la staremo osservando (rudere, complesso alterato, etc.). Le gerarchie invece saranno quelle presumibili originarie, anche se nello stato attuale possono essere state sconvolte o alterate. TRADUZIONE DELLA REALTÀ IN MODELLO GEOMETRICO E MATEMATICO La realtà è un composto informe, casuale o volontario, di sistemi materiali e fisici riconoscibili o intuibili, prodotto della attività umana e industriale, o alterazione di processi naturali. Un manufatto architettonico o i resti delle sue fasi (ruderi e scavi) rappresentano un sublimato di questo concetto. Essi possono essere descritti in funzioni complessive spazio-temporali, ma anche tradotti in modelli geometrici composti di vertici (punti), spigoli (linee), facce (piani), superfici di rotazione di linee con funzioni matematiche diverse. Quanto più la realtà viene dissociata in frammenti parziali di spazio geometrico tanto più il modello geometrico complessivo sarà vicino alla realtà (16). La scomposizione della realtà spinta verso una somma notevole di elementi geometrici componenti permette una maggiore precisione, ma conferma altresì la necessità di disporre di mezzi potenti e di notevole capacità di memoria (17). La gestione della realtà dovrà avvenire quindi con la ridefinizione di modelli geometrici "necessari e sufficienti", evitando l'appesantimento del lavoro con eccessivi dettagli formali. Tali schemi geometrici potranno successivamente essere sempre meglio ridefiniti con particolari prodotti a parte e sommabili in fasi successive con sistemi di strati (Layers) (Fig. 5) o di diapositive (Slides). Una volta definita la struttura geometrica in cui scomporre la realtà, ne avremo contestualmente anche ogni valore matematico in quanto ogni singolo punto (vertice) del soggetto sarà riconoscibile nella sua posizione nello spazio, grazie ai suoi specifici valori vettoriali (X,Y,Z) espressi in quantità numerica (Fig. 6). GESTIONE DEI MODELLI GEOMETRICO-ANALITICI

6 Come accennato precedentemente, la gestione dei modelli può essere facilitata da una appropriata impostazione del rilevamento. Nel caso di modelli ricavati da prodotti preesistenti (cioè eseguiti con tecniche tradizionali) occorrerà comunque "ricostruire" in modo artificioso (od anche ipotetico) la maglia geometrica di riferimento. I modelli più facilmente gestibili risultano naturalmente quelli la cui costituzione della banca dati è stata realizzata con appoggi assoluti (rilievi strumentali con teodoliti e fotogrammetria), muniti di coordinate riferibili a sistemi topografici locali o cartografici. Nei rilievi tradizionali diretti (con rotella metrica, filo a piombo, triplometro, etc.) è invalso l'uso di realizzare in loco le trilaterazioni di vertici, corrispondenti a punti notevoli delle strutture (o di unità stratigrafiche, unità murarie, etc.), disegnando in scala direttamente i rapporti metrici e collaudandone la giustezza grafica, senza alfine trascrivere costantemente e sempre le misure analitiche. Il prodotto finale risulterà un buon disegno in scala, con alcune misure "importanti" trascritte ed altre casualmente non appuntate (volontariamente o per dimenticanza). Questa procedura procura la perdita di ogni possibilità di collaudo e/o compensazione dei dati metrici che solo con la chiusura di tutte le equazioni dei triangoli è trascrivibile in sistemi informatici. I rilievi quindi non forniti di un completo corredo numerico sono da considerarsi incompatibili con le procedure informatiche, poiché l'esattezza grafica sarà sempre da considerarsi non oggettiva e legata alle deformazioni degli strumenti (misuratori, compassi, etc.) o dei supporti (carte, poliestere, cartoni, etc.), ed anche all'errore umano. Per quanto esposto risulterà determinante, ai fini procedurali informatici, nei casi in cui il rilievo di campagna sia stato eseguito con tradizionali misurazioni dirette (trilaterazioni), che queste siano accompagnate da un ricco "libretto" delle misure, relative alle distanze ridotte tra vertici e corrispondenti ai lati dei triangoli di poligonali multiple e intersecate. La trascrizione delle quote degli stessi vertici (ricavate anche con un semplice livello da cantiere) porterebbe la qualità del rilievo diretto a valore totale (non solo planimetrico ma spaziale) e quindi ne faciliterebbe l'incameramento informatico. FORMAZIONE E GESTIONE DEI MODELLI FINALIZZATI Sulla base di quanto detto è necessario organizzare: la struttura numerica delle informazioni la traduzione delle informazioni in modelli geometrici il trattamento dei modelli geometrici con caratterizzazioni e definizioni specifiche (modelli finalizzati). Un modello è definito dai suoi attributi e dalla organizzazione delle informazioni che li configurano. La struttura numerica delle informazioni garantisce la loro conservazione tipologica in qualunque organizzazione o associazione geometrica vengano a trovarsi (Fig. 7). Pertanto, mentre a tutt'oggi risulta molto facile raggiungere i livelli semplificati di descrizione geometrica delle informazioni, in antitesi è possibile affermare che molti sono ancora i limiti che circoscrivono l'applicazione delle procedure informatiche, riducendone la potenzialità, soprattutto in ambiente Personal. Per chiarezza basti pensare che un modello architettonico storico o archeologico può essere trattato con procedure CAD fino alla rappresentazione più dettagliata degli elementi costruttivi componenti (rappresentazione geometrica delle parti) fino al limite delle forme stilistiche proprie (ad esempio cornici, fregi, decorazioni, etc.). Ma è indubbio che oltre una certa soglia di dettaglio (sculture, bassorilievi, profili, etc.), le caratterizzazioni e le definizioni richiedono procedure di verticizzazione (punti discreti dello spazio) ad un livello di input così elevato che risulta difficile credere che sia conveniente ricorrere alle procedure informatiche in ambiente Personal (Fig. 8). Molte delle caratterizzazioni sono destinate alla grafica bidimensionale ricorrendo al montaggio di simboli convenzionali non descrittivi (pittorici) ma tipologici. Così un muro in opera reticolata sarà sufficientemente imitabile sintetizzandone la struttura e la forma con un modello di "retino" elettronico, riproducibile, deformabile ed adattabile (Fig. 9). Ma la sua funzione rappresentativa (prodotta

7 digitando oppure da elaborazione fotogrammetrica) sarà accettabile solo "visualizzando" il prodotto (sia sullo schermo che plottandolo) entro un ristretto campo dimensionale a basso rapporto di scala. In pratica si deve affermare che il valore visuale dei modelli finalizzati va progettato per le diverse scale di rappresentazione, né più né meno come nella grafica tradizionale, solo con margini molto più ampi. Una pianta di uno scavo o di un edificio elaborato con grafica tradizionale (manualmente), se disegnata a scala 1/20, potrà sostenere un rimpicciolimento anche fino alla scala 1/100, ed un ingrandimento al massimo al doppio (1/10); oltre (convenzionalmente) il disegno assume "segni" sproporzionati, che crescono o si riducono con la riproduzione meccanica o fotografica, diventando non accettabile. Con il CAD invece i "segni" possono essere mutabili, ovvero, a comando di tastiera, è possibile variare lo spessore delle linee a seconda delle scale, riuscendo ad estendere notevolmente la qualità grafica del disegno. Pur tuttavia occorre porre dei confini convenzionali. È indubbio che planimetricamente la somma dei dati numerici di un edificio restano gli stessi a qualsiasi scala, poiché sono espressi in valori assoluti. Ma è pur vero che l'insieme dei dati distintivi, come quelli caratteristici, ad esempio, di una pianta di un edificio (vertici, spigoli, linee, etc.), sono leggibili nel rapporto utile a rendere accettabilmente minima la separazione dei punti e delle linee (Fig. 10). In una carta topografica a grande scala, però, la loro somma si presenterebbe sul video come un puntino luminoso, così come un plotter a penne finirebbe per fare un buco sul foglio di carta a forza di trascrivere tutti i vettori grafici in un spazio fisico troppo ristretto per tanti output. Si può affermare quindi che la gestione dei modelli finalizzati deve trovare alcuni compromessi rispondenti ad esigenze visuali, quasi come nel disegno tradizionale, anche se con margini più ampi e procedure più estese e più comode. Quanto affermato porta a sancire il distinguo fondamentale che esiste tra il valore numerico del disegno informatizzato e quello grafico (stampa al plotter). Per ovviare a quanto esposto (e non per cause dovute alla qualità dei sistemi) sarà necessario operare sintesi geometriche e grafiche di soggetti o parti di essi, deducendole dal parco dati più completo. Collegando diversi tipi di dati si arriva così a memorizzare diversi files completi, da gestire per diversi fini specifici ed a diverse scale di lettura. RAPPORTO TRA MODELLI FINALIZZATI E BANCA DATI Non tutte le informazioni alfanumeriche della banca dati possono essere utilmente trascritte e gestite su modelli finalizzati se queste risultano di tipo complesso. Occorre, pertanto, ricorrere ad operazioni di adeguamento per superare la generica limitazione di potenza di utilizzo del Personal, tra cui ad esempio la disposizione dei prodotti su diversi strati o in diversi archivi (Fig. 1 1). Non tutti i programmi di grafica computerizzata sono predisposti per ricevere dati informativi della banca dati, sviluppandone automaticamente disegni reali. Infatti il più delle volte i grafici riproducibili sono di tipo semplificato ed in 2D. Per queste operazioni (così come per altre più sofisticate come le volumetrie, ombreggiature, coloriture, etc.) è necessario ricorrere a programmi ausiliari, compatibili contemporaneamente con i data-base (DBF), con i dati grafici (DWG), che si trovano normalmente in commercio, spesso a costi elevati, dipendentemente dal tipo di software cercato. MODELLI RICOSTRUTTIVI, MODELLI LOGICI, MODELLI IDEALI, DEDOTTI DAI MODELLI GEOMETRICI Tutti i modelli sono realizzabili su un modello geometrico di base che più si avvicina alla realtà. Il problema connesso con la produzione di nuovi modelli, garantita dal modello logico che genera il

8 data-base, si riduce, convenzionalmente, alla realizzazione di un modello geometrico generatore quanto più preciso e completo possibile (Fig. 12). Quanto più è esteso il modello logico, tanto più è ampia la possibilità di creare nuovi modelli. Viceversa, dati derivati dalla gestione dei modelli possono contribuire alla creazione di nuove informazioni numeriche da consegnare al modello logico. PRODUZIONE IN 2 D E PRODUZIONE IN 3 D La gestione dei dati generalmente avviene in 2D, con informazioni separate e distinte per piani, che seguono le leggi della proiettiva e della rappresentazione matematica dello spazio. La scelta del 2D è determinata dalla facilità d'uso dei programmi in commercio e dalla preparazione dell'utente su argomenti relativi alla geometria descrittiva dello spazio. La produzione in 2D può fittiziamente produrre effetti in tre dimensioni, con accorgimenti particolari, insiti nei programmi di utilizzo, o con procedimenti di proiezione eseguibili dall'operatore. La gestione della geometria dei soggetti in 3D, evidentemente, comporta una enorme estensione della potenza di capacità della CPU (Central Processing Unit) e, quindi, è destinata a settori particolari della produzione in CAD. La più semplice e convenzionale gestione dei dati in 3D è quella legata alla cartografia ed alle planimetrie generali (Fig. 13). Spesso prodotta in ambiente fotogrammetrico e topografico, con dati provenienti da sistemi sofisticati (teodoliti, stazioni elettroniche, sistemi GPS, etc.), utilizza una massa di informazioni sufficiente a disegnare l'andamento e la morfologia del territorio, i suoi elementi caratterizzanti, le tracce e le presenze di tipo antropico. Il concetto può essere esteso (fatto salvo il rapporto di scala) a zone di scavo archeologico (Fig. 14). Ad una categoria più complessa appartiene, invece, il settore della architettura storica monumentale, in cui si conservano gli elementi costruttivi e stilistici originali (Fig. 15). In questi casi la produzione in 3D richiede notevoli accorgimenti di sintesi, legati sia alla elaborazione e scelta degli input, che alla stampa con plotter. RAPPORTO TRA VALORE EFFETTIVO DELL INFORMAZIONE E VALORE VISUALE. VANTAGGI E SVANTAGGI NELL UTILIZZO DELLE TECNICHE CAD Sulla base di quanto esposto precedentemente, l'elaborazione grafica computerizzata in campo archeologico è indirizzata alla realizzazione di prodotti di sintesi. La rappresentazione, per quanto spinta nel dettaglio, se elaborata su Personal Computer, risulta a tutt'oggi qualitativamente inferiore a qualsiasi prodotto fisionomico o visuale di tipo tradizionale. Occorre, tuttavia, tener presente la costante evoluzione tecnologica, che in tempi relativamente contenuti permetterà di estendere la potenza e l'utilizzo del Personal. Attualmente la operatività su Personal comporta sempre il ricorso ad una serie di accorgimenti procedurali, da cui ottenere precisi e specifici vantaggi, non escludendo le possibili integrazioni sui prodotti finiti attuati con i sistemi tradizionali. Tra i vantaggi immediati si elencano: massima precisione analitica e notevole precisione sul disegno finito massima ripetibilità conforme; facilità di archiviazione; massima velocità di gestione (tempi, dimensioni, scale, colori, variazioni, etc.). Tra gli svantaggi attuali: scarsa verosimiglianza visuale; difficile disponibilità alla gestione combinata tra sistemi automatici e sistemi tradizionali.; compatibilità relativa tra sistemi e normative. Va ricordato che a tutt'oggi le richieste di settore riguardano ancora e soprattutto prodotti finiti "disegnati" e non solo memorizzati in data-base numerico e/o analitico (Fig. 16). La scelta del computer dovrà essere indirizzata verso la massima potenza della memoria residente (RAM), oltre che la massima capacità possibile della unità centrale (CPU), con la più alta velocità

9 possibile dei processori. Altresì alle periferiche va assegnato un ruolo importante per le diverse funzioni a cui assolvono. L'unità video permette all'operatore di seguire l'effetto grafico del prodotto e per questo sarà migliore se di grande dimensione (non meno di 16 pollici) ed a colori, con un rapporto Pixel quasi quadrato. Per i prodotti stampati invece si dovrà dare grandissima importanza alla scelta del plotter. Se del tipo a penne, dovrà avere un altissimo indice di ripetibilità. Migliori saranno le prestazioni del tipo elettrostatico, per la altissima precisione del prodotto grafico e la grande velocità. Va ricordato infatti che i disegni di soggetti archeologici si caricano di bytes molto più facilmente dei disegni di architettura e ingegneria. Pertanto la gestione e la restituzione dei prodotti può impegnare i sistemi per parecchio tempo, soprattutto se trattasi di Personal. Macchinari veloci ed affidabili si rendono quindi d'obbligo più che per qualsiasi altro settore di ricerca o di produzione (18). OBIETTIVI FUTURI È doveroso fare accenno ai metodi sperimentali (operativi nei settori industriali e militari) di acquisizione dei dati analitici (convertibili in dati grafico-geometrici), tramite riprese video, con particolari schede e programmi esecutivi operanti su Personal e appoggiati a programmi CAD, quali ad esempio Autocad, etc. I vantaggi, non trascurabili, si possono sintetizzare in: grande operatività di campo; facile registrazione di schede di archivio con prodotti grafici e fotografici; ideale sostituzione dei procedimenti fotogrammetrici tradizionali. Con questi sistemi è possibile prelevare immagini da registrazioni video ed editarle come un comune programma di publishing in diverse applicazioni di data-base, schedatura, etc. È possibile procedere alla ripresa di comuni disegni e grafici cartacei a mezzo della videocamera, trasferendoli in scheda grafica in tempo reale (19). La possibilità di migliori applicazioni attende però un futuro tecnologico legato alla qualità dell'immagine video registrata (alta definizione), finora ottenibile solo con alcuni modelli di videocamere dell'ultima generazione. L'alta definizione è oggi possibile a livello di ripresa, ma ancora da raggiungere a livello di proiezione su monitor commerciali. L'utilizzazione e la traduzione in sistemi vettoriali delle immagini raccolte tramite telecamere hanno ancora carattere sperimentale, sia nel campo del rilevamento strumentale (teodoliti elettronici) che della fotogrammetria. Tali procedure, tuttavia, applicate in alcuni casi anche in campo archeologico (20), si sono rivelate sostanzialmente valide almeno per la fase di incameramento dei dati destinati alla restituzione grafica. Conclusioni Nel processo di conoscenza di un determinato contesto, sia esso un singolo manufatto, un insieme di strutture complesse, stratificate o di grande impegno areale, o una porzione di territorio più o meno antropizzato, l'individuazione e la restituzione in forme geometriche delle diverse, molteplici componenti che lo configurano, costituiscono fasi di approccio e di lettura volte alla comprensione e poi alla materializzazione della realtà originaria, o meglio alla sua riprogettazione. Quanto più capillare e qualitativamente spinta e rigorosa sarà l'analisi, condotta secondo le metodologie specifiche dei diversi settori disciplinari, tanto più ampio e ricco sarà il quadro informativo utilizzabile per la definizione e la ricostruzione del modello ideale o dei modelli ideali, sovrappostisi nello spazio e nel tempo, che furono alla base della realizzazione e delle eventuali trasformazioni dell'oggetto in esame. Lo studio spazio-temporale delle forme, con la relativa trascrizione (grafica o analitica) delle informazioni raccolte, si trasforma cosi da semplice operazione di restituzione geometrica in intervento complesso che mira a riconoscere e ricontestualizzare stralci di diversi progetti originali, non sempre

10 percepibili in modo compiuto. E proprio in questa fase di valutazione e ricostruzione critica che viene ad affermarsi il vantaggio dell'adozione di tecniche computerizzate e in particolare del CAD, cioè di un sistema che consente di elaborare in forma progettuale i dati certi e le incognite scaturite dall'analisi. Alla tradizionale attività di rappresentazione grafica di elementi noti, viene così ad aggiungersi la possibilità di operare anche sogli intervalli incogniti che possono sussistere nel complesso delle informazioni. Il lavoro consiste, a questo punto, nel tentare di esprimere in termini analitici le funzioni che rispondono alle condizioni assegnate o assegnabili, dedotte dal sistema discreto degli elementi noti della forma. Nasce così un vero e proprio procedimento di ricostruzione della forma secondo una o più soluzioni probabili del progetto o dei progetti originali. È dunque a questo livello che si sviluppa la vera utilità di ricorso alle tecniche informatiche per la elaborazione di grafici: non semplici procedure geometriche, ma vere e proprie riprogettazioni dell'oggetto, espresse, infine, anche in disegno. EZIO MITCHELL (1) Per una esauriente panoramica sui contributi dell'informatica nel settore antichistico risultano tuttora sufficientemente aggiornati alcuni repertori bibliografici editi: cfr. P. MOSCATI, Archeologia e calcolatori, Firenze 1987; EAD., Bibliografia I ( ) Archeologia e calcolatori,1,1990,pp F. D'ANDRIA, Informatica e archeologia classica, in Atti del Convegno Internazionale. Lecce, maggio 1986, Galatina (2) Molti termini usati nel linguaggio di utenza del calcolatore si rifanno a vocaboli in lingua inglese, spesso contratti in sigle, oramai di uso corrente tra gli "addetti ai lavori". In questa relazione il criterio generale è stato quello di usare quanto più possibile il lessico italiano, salvo i casi in cui il significato e la terminologia non sono sostituibili e che di volta in volta si specificheranno ad evitare eventuali confusioni. CAD sta per Computer Aided Design: Progettazione assistita da calcolatore, ovvero l'insieme dei sistemi e dei programmi necessari a realizzare disegni di progetti a mezzo del Computer. Sostanzialmente la capacità colloquiale dei sistemi CAD aiuta e stimola l'operatore nell'ideazione progettuale, accompagnandolo interattivamente attraverso le fasi di realizzazione grafica, consentendo immediate verifiche sullo schermo. Non solo disegno, quindi, ma vero e proprio processo logico di costruzione e ricostruzione grafica. (3) Ci si riferisce in generale a tutti i sistemi di calcolo basati sui microprocessori. A formare un Microcomputer concorrono l'unità centrale di calcolo la memoria di lavoro, i circuiti di generazione di diverse utilità (clock, memorie di massa, sistemi operativi, etc.). Tra questi si individuano gli home computer (destinati al settore hobbystico e giovanile) e i Personal computer a cui nello specifico intendiamo riferirci. (4) A puro titolo di esempio: il CAP (Computer Aided Planning) utilizzato per la pianificazione del lavoro e della produzione; il CAG (Computer Aided Graphics) per la grafica elaborata da computer e la animazione visiva. (5) Gli argomenti trattati si collegano direttamente non solo ad esperienze professionali di campo condotte dallo scrivente in tempi recenti, ma anche ai contributi in corso di elaborazione, destinati allo studio che attualmente sta avvenendo presso la Commissione Ministeriale denominata Normal. (ó) Le esperienze a cui si farà riferimento sono state maturate dallo scrivente in un arco di tempo molto ampio, partite da timide prove iniziali comparate con la metodologia manuale poi, progressivamente, mettendo a fuoco le reali esigenze ed i concreti obiettivi raggiungibili con il computer. Nel 1983 in collaborazione con lo studio ESA di Reggio Emilia è stato modellato il primo prodotto logico finito sull'anfiteatro Flavio. Successivamente nell'ambito della Società S.T.M. di Roma è stato allestito un Centro Elaborazioni Dati ove tutti gli interventi citati nella presente relazione sono stati sottoposti a diverse elaborazioni informatiche curate dal responsabile del C.E.D. Geom. G. Coricelli.

11 (7) Cfr. V. MARCHIS, G. SCALVA, Alcune esperienze di rilievo architettonico automatizzato e di simulazioni di ricostruzione delle indagini archeologiche, in D'ANDRIA, op. cit, pp (8) MS-DOS (MicroSoft-Disk Operating System). Linguaggio macchina sviluppato dalla Microsoft (USA) basato su serie di codici binari di basso-livello che possono essere riconosciuti direttamente dalla CPU. (9) È già stato detto più volte (e non ci stancheremo di ripetere) che le rappresentazioni grafiche della realtà (disegni) costituiscono a tutti gli effetti un insieme di messaggi rivolti al lettore per far comprendere la realtà in ausilio ad un testo descrittivo della stessa. Tali messaggi possono essere sviluppati con linguaggi differenziati più o meno soggettivi, più o meno interpretativi etc. In archeologia i messaggi grafici devono raggiungere non solo lo scopo di rappresentare un modello della realtà, ma (compatibilmente con le finalità del lavoro descrittivo) consegnare informazioni sulle sue componenti e sulle relazioni tra esse. cfr. A. CARANDINI, Storie della terra. Manuale di scavo archeologico, Bari 1981, p (10) Significativi restano i numerosi apporti in tal senso riscontrati nel recente convegno specifico sul tema; cfr. D ANDRIA, op. cit. (11) Cfr. E. MITCHELL, G. VENERI, Proposta di rilievo modulare per l'anfiteatro Flavio LSA 6, I, 1985, PP (12) Le esperienze presentate in questa occasione sono state gestite su disparati sistemi personal. L'hardware minimo utilizzato comunque non è mai stato inferiore a sistemi basati su CPU da 8088, Coprocessore matematico tipo INTEL 80286, e 20 Mega di disco rigido, e memoria residente (RAM) di almeno 640 Kb. Una migliore configurazione è stata attuata utilizzando CPU da 80286, con coprocessore matematico tipo INTEL Meglio ancora CPU da e coprocessore matematico ed una memoria residente da almeno 1 Mega. Il video (Monitor) costituisce una delle periferiche fondamentali che per utilizzi grafici deve essere assolutamente a colori con scheda grafica VGA o almeno EGA. Velocità e composizione dei bit non hanno mai concorso sulla qualità delle esecuzioni, ma piuttosto solo sul tempo occorrente alle elaborazioni complete. (13) La documentazione tradizionale può essere riconvertita con Scanner e/o Digitalizzazione. Per quanto riguarda la digitalizzazione, è possibile attuarla già su piccolo formato (A4 A3); più precisa e vantaggiosa è l'adozione del grande formato (possibilmente AO). In questo campo le capacità e le possibilità operative in ambiente Personal sono ancora limitate e sperimentali, ma con ampie prospettive future che già lasciano prevedere migliori risultati. In archeologia i disegni si sviluppano nella definizione di linee incostanti, informi e casuali. I Softwares, attualmente in commercio, per il funzionamento degli Scanner di grande formato (AO) risultano molto efficaci nel riconoscimento di segni costanti, generalmente propri dell'ingegneria ed architettura moderna (linee, rette, curve da funzione analitica, etc.), ma in caso di segni non definiti e casuali restituiscono letture vettoriali notevolmente imprecise, pur se molto somiglianti. Naturalmente non ci interessa, per l'argomento presentato, la riproduzione informatica in formato "raster", perché questa è utilizzabile solo come copia non gestibile o elaborabile successivamente. Va ricordato che la vettorializzazione con scanner che risulti non esatta o male interpretata, anche in parte, nei segni grafici, per essere corretta deve venire elaborata con procedure di ricostruzione delle linee e dei segni. Poiché queste operazioni possono essere fatte solo alla tastiera o con il mouse, la procedura risulta lunga e laboriosa a tal punto che fatte le doverose stime iniziali, può risultare molto più vantaggioso e rapido digitalizzare i disegni esistenti, soprattutto se si dispone di un tavolo grafico formato AO. Un operatore esercitato può trasferire in memoria un disegno esistente in un tempo di poco superiore a quello tradizionalmente necessario a "lucidare" a inchiostro con il rapidografo. Con il vantaggio di poter contestualmente inserire dati conoscitivi relativi a quote, spessori, etc. Dati che disegni esistenti generalmente non hanno essendo grafici in 2D. (14) Cfr. C. SANSONI, Sketch: appunti tridimensionali per l'architetto con un personal conpukr, in A. POLISTINA, Computer Grafichs e CAD per l'architettura e il territorio, Milano 1984, p. 53. (15) Per maglia di base si intende il contenitore geometrico ideale in cui è inserito il soggetto o l'area di rilevamento. Questo contenitore è rappresentato da una struttura reticolare, regolare, con vertici analitici memorizzati e legati ad una rete topografica locale, oppure alla cartografia Ufficiale Regionale o Nazionale (U.T.E. O I.G.M.), utilizzando i caposaldi delle reti di livellazione o geodetiche disponibili (generalmente quelle del terzo livello); cfr. E. MITCHELL, Note sul rilievo e sulla documentazione grafica, in C. MORSELLI, E. TORTORICI, Curia. Forum Iullum. Forum Transitorium, LSA 14, I, 1989, PP (16) Si considera il triangolo l'unità piana completa più semplificata e rigida. Tre punti (vertici), tramite tre rette passanti per essi a due alla volta, ammettono la definizione di una porzione piana di spazio (il triangolo). L'associazione del concetto ad un quarto punto (vertice) ammette la soluzione di un volume (piramide) che risulta la porzione in assoluto definita dal minor numero possibile di elementi (4 vertici, 6 rette, 4 piani). (17) Cfr. L. CANEPARO, Un programma didattico, in POLISTINA, op. cit., pp

12 (18) Non necessariamente l'utente è obbligato ad essere "proprietario" delle macchine necessarie: infatti si va sempre più diffondendo ed allargando la rete delle imprese di servizio che offrono la possibilità di utilizzare apparecchiature costosissime per la elaborazione e la stampa di prodotti su dischetti a costo-copia e/o costo-stampa (a metro quadrato o a quantità). Addirittura questi servizi si stanno diffondendo anche tra alcuni centri avanzati di riproduzione disegni e fotocopie (eliografiche, cartotecniche e simili). (19) Su questo argomento sono state applicate prove di esecuzione con la combinazione scheda-programma della ATI (A. Tronics International Inc. USA) denominata PIB (Professional Image Board) che permette di connettere una sorgente video (Videocamera, VCR, Videodisk, etc.) con un Personal Computer. La massima risoluzione ottenuta è stata di 512 x 256 in Video Tape NTSC, su sistema 386 IBM compatibile, in Monitor munito di uscita in multifrequenza o con uscita RGB. Le possibilità di combinazione del Software riguardano soprattutto la compatibilità con ordinari dbase III e softwares di interfaccia editoriale. (20) Cfr. A. GOTTARELLI, Tecniche di documentazione dello scavo archeologico: introduzione alla videometria digitalizzata, in D'ANDRIA, op. cit, pp

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A.

Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. Corso di Disegno Assistito e Laboratorio di Rilievo e Rappresentazione (II anno, annuale, 14 c.f.u.) Docente: Mariangela Liuzzo A.A. 2012/2013 PROGRAMMA DEL CORSO Il corso si propone di fornire agli studenti

Dettagli

SISTEMI di PERSONAL COMPUTER

SISTEMI di PERSONAL COMPUTER CORSO AutoCAD SCHEDA N 2 SISTEMI di PERSONAL COMPUTER schematizzazione di un processo di elaborazione... INPUT (Ingresso) ELABORAZIONE OUTPUT (Uscita) ROL.98 Un personal computer è costituito da un insieme

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE Gabriele Verducci RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO INDICE:.01 cenni di informatica differenza tra files bitmap

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

REALTA' VIRTUALE. Campo di applicazione

REALTA' VIRTUALE. Campo di applicazione Campo di applicazione REALTA' VIRTUALE L'analisi, la comprensione e la progettazione di un sistema di tipo territoriale, si pensi alla progettazione di un complesso edilizio o allo studio di un piano urbanistico,

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware

Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware Tecnologie informatiche - Parte 1. Hardware 1. Introduzione. I segnali binari. La parola informatica deriva dal termine francese informatique: è la fusione di due parole information e automatique che significa

Dettagli

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8

Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Procedura d installazione configurazione del sistema e caratteristiche della V8 Alla fine del capitolo saremo in grado di: Installare il programma. Conoscere le caratteristiche necessarie del sistema hardware.

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE CLASSE 4^ SEZ.

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA E AMBIENTE CLASSE 4^ SEZ. Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 2 del : 08/10/2013 Anno scolastico 2013/2014 INSEGNAMENTO DISCIPLINE PROGETTUALI ARCHITETTURA

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

9. PROGETTIAMO UN GIS

9. PROGETTIAMO UN GIS 9. PROGETTIAMO UN GIS 9.1 Introduzione Abbiamo approfondito nei capitoli precedenti le singole componenti di un SIT, le funzioni necessarie nelle diverse fasi di elaborazione dei dati, la generazione di

Dettagli

I file raster gestione e stampa

I file raster gestione e stampa Alla fine del capitolo saremo in grado di: Conoscere il significato dei file di raster Saper distinguere il file raster da quello vettoriale. Saper gestire i file Raster Saper vettorializzare manualmente

Dettagli

Criteri per l inquadramento nella 5^ categoria sulla base della declaratoria e del profilo contrattuale.

Criteri per l inquadramento nella 5^ categoria sulla base della declaratoria e del profilo contrattuale. OPERATORI C.E.D. Criteri per l inquadramento nella 5^ categoria sulla base della declaratoria e del profilo contrattuale. - Ricevere istruzioni iniziali per l esecuzione di una serie predeterminata di

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER

IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER IL RILIEVO TOPOGRAFICO CON LASER SCANNER fb.m. s.r.l. 1 Il continuo sviluppo della tecnica di rilievo e la ricerca continua del miglior risultato ore-lavoro, ha prodotto la strumentazione per il rilievo

Dettagli

Struttura e componenti di un moderno computer

Struttura e componenti di un moderno computer Struttura e componenti di un moderno computer Facciamo ora un semplice elenco di queli che sono i componenti tipici di cui ogni computer ha bisogno per funzionare e spieghiamone il ruolo. Elementi essenziali:

Dettagli

Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D

Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D Computer-Aided Design, supporto dell'attività di progettazione

Dettagli

Microstation V8 e Triforma. La progettazione collaborativa in 3D e quarta dimensione T vâüt w gxáàxüt VÄtâw É

Microstation V8 e Triforma. La progettazione collaborativa in 3D e quarta dimensione T vâüt w gxáàxüt VÄtâw É Microstation V8 e Triforma La progettazione collaborativa in 3D e quarta dimensione T vâüt w gxáàxüt VÄtâw É A coloro che soffrono Nella speranza che i loro pensieri Siano rivolti sempre verso l azzurro

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

Catastale. Baricentrica

Catastale. Baricentrica L evoluzione delle tecniche di georeferenziazione delle mappe e di riconfinazione CorrMap Il software leader in Italia per le georeferenziazioni e le riconfinazioni 25 anni di esperienza su questa materia,

Dettagli

Il Disegno Tecnico. Bookin

Il Disegno Tecnico. Bookin Bookin progress Il Disegno Tecnico - secondo anno 2 Il Disegno Tecnico A cura del Prof. Resente Loris con il prezioso contributo dei Pro. Dol M., Morotti G., colleghi e collaboratori della rete Book in

Dettagli

Elementi di disegno bidimensionale CAD

Elementi di disegno bidimensionale CAD Page 1 of 8 Elementi di disegno bidimensionale CAD Formazione Continua Individuale 2009 - Normale - In Compilazione Codice identificativo: ID52508 Profilo professionale di riferimento: Operatore CAD -

Dettagli

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni

Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei patrimoni CONVEGNO FACILITY MANAGEMENT: LA GESTIONE INTEGRATA DEI PATRIMONI PUBBLICI GENOVA FACOLTA DI ARCHITETTURA 06.07.2010 Le strumentazioni laser scanning oriented per i processi di censimento anagrafico dei

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Università degli Studi di Messina Ingegneria delle Tecnologie Industriali Docente: Ing. Mirko Guarnera 1 Approccio al corso Approccio IN OUT Visione Globale solo insieme alla programmazione 2 1 Contenuti

Dettagli

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre

Hardware, software e periferiche. Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Hardware, software e periferiche Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Riepilogo - Concetti di base dell informatica L'informatica è quel settore scientifico disciplinare

Dettagli

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org

- Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo. - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL Open Materiale e riferimenti - Libro di Testo ECDL Open il manuale Syllabus 4.0 Ed. Apogeo - Lucidi...riassuntivi! - Io ;) paolo.moschini@lugpiacenza.org ECDL-Modulo-1-Parte-1 Concetti di base della

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini

rilievo classificazione e metodologie arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini rilievo classificazione e metodologie testi a cura di arch. Paola Condoleo, arch. Francesco Guerini arch. Francesco Guerini Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura e Società Laboratorio di Rappresentazione

Dettagli

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA

CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA CORSO DI STATISTICA ED ELEMENTI DI INFORMATICA CFU 5 DURATA DEL CORSO : ORE 35 DOCENTE PROF. DOMENICO DI DONATO

Dettagli

PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO

PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO ANDREA ANTONIAZZA PROGRAMMARE AI TEMPI DEL DIRITTO LA TUTELA GIURIDICA DEI PROGRAMMI PER ELABORATORE IN EUROPA E NEGLI STATI UNITI D AMERICA Andrea Antoniazza, Programmare ai tempi del diritto Copyright

Dettagli

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri

Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A. S. 2014/2015 Materia: Tecnologie e Tecniche di Rappresentazione Grafica Classi PRIME Insegnanti: G. Lombardi, L. Nieri Nuclei fondamentali di LE BASI DELLA RAPPRESENTAZIONE

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Concetti base del computer

Concetti base del computer Concetti base del computer Test VERO o FALSO (se FALSO giustifica la risposta) 1) La memoria centrale è costituita dal disco fisso VERO/FALSO 2) Allo spegnimento del PC la RAM perde il suo contenuto VERO/FALSO

Dettagli

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi

Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Istituto tecnico commerciale e per geometri Enrico Fermi Argomenti: Il modello logico funzionale i componenti dell'elaboratore; i bus; Relazione svolta dall'alunno/a : GARUFI CARLA della 3 B progr 2011/2012.

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2015/16 Materia Tecnologie e Tecniche

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI

TITOLO DEL CORSO DESTINATARI ASPETTI METODOLOGICI ED ORGANIZZATIVI CONTENUTI REVIT: PROGETTARE CON IL BIM. Il corso è stato pensato per tutti coloro che si avvicinano per la prima volta a questo software e che vogliono imparare ad utilizzarlo per produrre tavole tecniche complete

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer

Computer Graphics. La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare. immagini di oggetti o scene mediante un computer Computer Graphics La disciplina fornisce metodi per creare elaborare memorizzare visualizzare immagini di oggetti o scene mediante un computer Image Processing La disciplina fornisce metodi per acquisire

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano

Lezione1. Cos è la computer grafica. Lezione del 10 Marzo 2010. Michele Antolini Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano Lezione1 Informatica Grafica Cos è la computer grafica Lezione del 10 Marzo 2010 Grafica OpenGL vs Direct Dipartimento di Ingegneria Meccanica Politecnico di Milano 1.1 Tubo a Raggi Catodici Cathode Ray

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER

LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER LA COSTITUZIONE DI UN COMPUTER Elementi essenziali: Scheda madre o Motherboard Processore centrale o CPU Alimentatore di corrente Memoria RAM Hard disk o disco rigido Scheda Video Periferiche di interfacciamento

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna

Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Il progetto è stato realizzato da: Dott. Flavio Bonsignore Responsabile del progetto Prof. Ing. Gabriele Bitelli DISTART dell Università di Bologna Ing. Marco Gatti Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA Prof. Lorenzo Mezzalira Appunti del corso 1 Introduzione all informatica: algoritmi, linguaggi e programmi Indice 1. Introduzione 2. Risoluzione automatica di problemi - Algoritmi

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI

A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI a.s.2013/2014 DISCIPLINE GEOMETRICHE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO MARTA RABAGLI L AMBITO DISCIPLINARE DI DISCIPLINE PITTORICHE, PLASTICHE E GEOMETRICHE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono

Dettagli

Sistemi di forze: calcolo grafico

Sistemi di forze: calcolo grafico UNTÀ D3 Sistemi di forze: calcolo grafico TEOA Uso del CAD nei procedimenti grafici 2 appresentazione grafica dei vettori 3 Poligono delle forze 4 Poligono delle successive risultanti 5 Poligono funicolare

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI

Guida alla progettazione con. RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI RITER Informatica GUIDA PRATICA ALLA CREAZIONE, GESTIONE E RAPPRESENTAZIONE DI GRAFICI VETTORIALI Guida alla progettazione con AutoCAD Creazione entità Modifica di un disegno Gestione dei blocchi Copie

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica

Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica. Corso propedeutico di Matematica e Informatica Università degli studi di Brescia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica a.a. 2006/2007 Docente Ing. Andrea Ghedi IL FUNZIONAMENTO BASE DI UN COMPUTER HW e SW Lezione 1 1 Il

Dettagli

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE

SEZIONE A: Traguardi formativi CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: A - Numeri SEZIONE A: Traguardi formativi COMPETENZE IN MATEMATICA CLASSE QUARTA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD )

DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: ARCHITETTURA E AMBIENTE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A: DISCIPLINE PROGETTUALI E LABORATORIO ( MODELLISTICA E CAD ) SECONDO BIENNIO CLASSI : TERZE

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

Linguaggi di programmazione

Linguaggi di programmazione Linguaggi di programmazione Programmazione L attività con cui si predispone l elaboratore ad eseguire un particolare insieme di azioni su particolari dati, allo scopo di risolvere un problema Dati Input

Dettagli

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713 PROGETTO DI RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO IINCARIICO PER IINDAGIINII PRELIIMIINARII RIILIIEVO LASER SCANNER REPORT FINALE Revisione 00 Prot 102 Data 26 Novembre 2013 Autore Ing. Matteo Castelli Certificazione

Dettagli

L informatica comprende:

L informatica comprende: Varie definizioni: INFORMATICA Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione

Dettagli

Modulo: Uso del computer e gestione dei file

Modulo: Uso del computer e gestione dei file Corso: Abilità Informatiche Modulo: Uso del computer e gestione dei file Pagina 1 di 26 Autori del Modulo: Bruno Fadini; Margherita Lanna Presentazione del Modulo: Versione Italiano Il modulo, corrispondente

Dettagli

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico

Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF. 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati 2. Raddrizzamento analitico Raddrizzamento digitale per la costruzione di fotopiani con RDF Informazioni generali: Esercitazione: Introduzione 1. Avvio di RDF ed impostazione dei dati Prerequisiti 2. Raddrizzamento analitico Obiettivi

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2012/13 Modulo 0 Progettare, sistemi, multimedialità: Definizioni, strumenti, ciclo di vita dei progetti, figure professionali

Dettagli

Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi.

Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi. Tratto da Facility Management Italia n. 7. Autori: Enzo Scudellari, Marco Storchi. Le attività per la progettazione, l attuazione ed il controllo delle attività che attengono alla gestione di un patrimonio,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno

Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Il cervello umano ha bisogno di organi come occhi, orecchie, ecc, per interfacciarsi, cioè scambiare informazioni con il mondo esterno Nell esempio dell occhio il cervello riceve informazioni dall esterno:

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN

Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Seconda Università degli studi di Napoli Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli Corso di laurea in DESIGN E COMUNICAZIONE INTERIOR DESIGN Interior Design (ICAR17) Prof.arch. Raffaele CUTILLO Progettazione

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Il software Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Universitàdegli Studi di Parma SOFTWARE I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono

Dettagli