PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro. Servizio Lavoro"

Transcript

1 Registro generale n. 283 del 5/8/214 Determina con Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Istruzione, Formazione e Lavoro Servizio Lavoro Oggetto Avviso per la concessione di finanziamenti ex art. 17 lett. a) e c) della L.R. 32/22 a progetti formativi inerenti il settore Turistico a valere sul P.O.R. Toscana Ob. Competitivita' regionale e occupazione ASSE IV - CAPITALE UMA. Impegno di spesa a favore dei soggetti attuatori Direttore dell Area Soldani Sonia Documento informatico firmato digitalmente ai sensi del D.Lgs n. 82/25 e s.m.i. e norme collegate, il quale sostituisce il documento cartaceo e la firma autografa; il documento informatico è prodotto, memorizzato e conservato digitalmente ed è rintracciabile nel sistema informativo della Provincia di Prato

2 Determina N. 283 del 5/8/214 Oggetto: Avviso per la concessione di finanziamenti ex art. 17 lett. a) e c) della L.R. 32/22 a progetti formativi inerenti il settore Turistico a valere sul P.O.R. Toscana Ob. Competitivita' regionale e occupazione ASSE IV - CAPITALE UMA. Impegno di spesa a favore dei soggetti attuatori IL DIRIGENTE Vista la Legge 7 aprile 214, n. 56 ed in particolare l'art. 1, comma 14 il quale prevede che In deroga alle disposizioni di cui all articolo 1,comma 325, della legge 27 dicembre 213, n. 147, il presidente della provincia e la giunta provinciale, in carica alla data di entrata in vigore della presente legge, restano in carica, a titolo gratuito, fino al 31 dicembre 214 per l ordinaria amministrazione, comunque nei limiti di quanto disposto per la gestione provvisoria degli enti locali dall articolo 163, comma 2, del testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2, n. 267, e successive modificazioni ; Visto il D.Lgs. 267 /2 art. 163, comma 2, che, in relazione alla gestione provvisoria, precisa che "La gestione provvisoria è limitata all'assolvimento delle obbligazioni già assunte, delle obbligazioni derivanti da provvedimenti giurisdizionali esecutivi e di obblighi speciali tassativamente regolati dalla legge, al pagamento delle spese di personale, di residui passivi, di rate di mutuo, di canoni, imposte e tasse, ed, in generale, limitata alle sole operazioni necessarie per evitare che siano arrecati danni patrimoniali certi e gravi all'ente"; Visto il decreto del Presidente della Provincia di Prato N. 4 del 16 /7 /214, con il quale è stato affidato l incarico di direzione dell Area Istruzione, Formazione e Lavoro, limitatamente ai giorni tra il 21 e il 24 luglio 214 compresi alla Dott.ssa Sonia Soldani in sostituzione della Dott.ssa Franca Ferrara; Richiamati i seguenti atti in materia di Fondo Sociale Europeo, servizi per l impiego e politica attiva del lavoro: il Regolamento (CE) n. 181 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 26, relativo al Fondo sociale europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n / 1999 e successive modifiche e integrazioni; il Regolamento (CE) n. 183 del Consiglio dell 11 luglio 26, recante le disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, e che abroga il Regolamento (CE) n. 126 /1999 e successive modifiche e integrazioni; il Regolamento (CE) n della Commissione dell 8 dicembre 26 che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 183 /6 del Consiglio

3 recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e successive modifiche e integrazioni; la deliberazione del C.I.P.E. n. 36 del 15 giugno 27 (pubblicata sulla GU n. 241 del 16 /1 /27) concernente Definizione dei criteri di cofinanziamento nazionale degli interventi socio strutturali comunitari per il periodo di programmazione 27 /213 ; la Decisione comunitaria di approvazione del Quadro Strategico Nazionale n. C(27)3329 del 13 luglio 27; il Programma Operativo Obiettivo Competitività regionale e occupazione della Regione Toscana approvato con Decisione della Commissione C(27)5475 del 7 novembre 27, modificata con Decisione C(211)913 del 7 dicembre 211; la Legge Regionale n. 32 /22 "Testo unico in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro ; il Provvedimento Attuativo di Dettaglio del Programma Operativo Obiettivo Competitività regionale e occupazione FSE Regione Toscana, approvato con DD 5931 del 27 dicembre 211 e successive modifiche e integrazioni; il Regolamento di esecuzione della LR 32 /22 emanato con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 47 /R del 8 /8 /23; il Programma regionale di Sviluppo , adottato con Risoluzione del Consiglio Regionale n. 49 del 29 /6 /211; il Piano d indirizzo generale integrato 212 /215 (PIGI) approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione 17 /4 /212 n. 32; la DGR 113 /21, che istituisce un regime di aiuti alla formazione ai sensi del Regolamento 8 /28; la DGR 24 /211, che approva gli indirizzi e le metodologie per l applicazione alle attività formative selezionate tramite avviso pubblico delle opzioni di semplificazione della spesa di cui al Regolamento (CE) n. 396 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 maggio 29; la DGR 968 /7 (come integrata dalla DGR 91 /9), che approva la direttiva regionale in materia di accreditamento; la DGR 1179 /211 e successive modifiche e integrazioni, che approva le procedure di gestione degli interventi formativi oggetto di sovvenzioni a valere sul POR FSE ; la DGR 532 /9, e successive modifiche e integrazioni, che approva il disciplinare per l attuazione del sistema regionale delle competenze previsto dal Regolamento di esecuzione della LR 32 / 22; Vista la Deliberazione della Giunta Provinciale N. 67 del 4 /3 /214 che ha approvato i seguenti indirizzi per l attuazione di un progetto provinciale volto alla realizzazione di quattro interventi formativi nell ambito del settore turistico: Progetto n. 1: n. 1 Corso di qualifica per Tecnico delle attività di gestione del cliente, promozione della struttura ricettiva e gestione del personale preposto al ricevimento Durata complessiva 72 ore.

4 Il corso è rivolto a n. 1 allievi in possesso dei seguenti requisiti: cittadini in età attiva diplomati di età compresa tra i anni e in cerca di occupazione. L intervento è finalizzato al conseguimento della Figura Professionale di tecnico qualificato (Qualifiche professionali di livello 4 EQF), denominata: Tecnico delle attività di gestione del cliente, promozione della struttura ricettiva e gestione del personale preposto al ricevimento. Per questo tipo di qualifica, in attuazione di quanto previsto dalla DGR 532 /9 e s.m. e i., si prevede una durata di 72 ore, di cui 4 ore di aula, 2 ore di stage e 12 ore per servizi di accompagnamento. I servizi di accompagnamento dovranno articolarsi in: 22 ore collettive 8 ore individuali ad allievo Le ore relative ai servizi di accompagnamento non devono essere conteggiate nel calcolo della sovvenzione a costi standard. Per l indicazione dei servizi di accompagnamento nel formulario dovrà essere compilata la scheda attività non formativa. La figura oggetto del corso svolge attività di pubbliche relazioni, cura l'attuazione delle politiche di comunicazione e di promozione dell'azienda, elabora le politiche del booking. Ha contatti con fornitori ed intermediari (agenti di viaggi e Tour Operator); partecipa a fiere di settore o a workshop. Si occupa di ripartire compiti e responsabilità agli addetti al ricevimento. Per la realizzazione del progetto è previsto un finanziamento pubblico pari ad 62.12,. Progetto n. 2: n. 1 Corso di qualifica per Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio Durata complessiva 72 ore. Il corso è rivolto a n. 1 allievi in possesso dei seguenti requisiti: cittadini in età attiva diplomati di età compresa tra i anni e in cerca di occupazione. L intervento è finalizzato al conseguimento della Figura Professionale di tecnico qualificato (Qualifiche professionali di livello 4 EQF), denominata: Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio. Per questo tipo di qualifica, in attuazione di quanto previsto dalla DGR 532 /9 e s.m. e i., si prevede una durata di 72 ore, di cui 4 ore di aula, 2 ore di stage e 12 ore per servizi di accompagnamento. I servizi di accompagnamento dovranno articolarsi in: 22 ore collettive; 8 ore individuali ad allievo Le ore relative ai servizi di accompagnamento non devono essere conteggiate nel calcolo della sovvenzione a costi standard. Per l indicazione dei servizi di accompagnamento nel formulario dovrà essere compilata la scheda attività non formativa. La figura oggetto del corso opera nel settore delle attività di servizi alle imprese connesse al marketing turistico e alla promozione del territorio. Gestisce le fasi operative dell'attività, analizza il mercato, raccoglie dati, interroga banche dati, elabora statistiche per il mercato, ricerca e valuta preventivi relativi ai servizi turistici, progetta piani di sviluppo e promozione locale - fasi, queste, indispensabili per lavorare allo sviluppo e alla promozione turistica del territorio. Per la realizzazione del progetto è previsto un finanziamento pubblico pari ad 62.12,. Progetto n. 3: n. 1 Corso di qualifica per Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono Durata complessiva 12 ore.

5 Il corso è rivolto a n. 1 allievi in possesso dei seguenti requisiti: cittadini in età attiva in cerca di occupazione e di età compresa tra i 18 e i 32 anni, che abbiano adempiuto al diritto dovere o che ne siano stati prosciolti. L intervento è finalizzato al conseguimento della Figura Professionale di addetto qualificato (Qualifiche professionali di livello 3 EQF), denominata: Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono. Per questo tipo di qualifica, in attuazione di quanto previsto dalla DGR 532 /9 e s.m. e i., si prevede una durata di 12 ore di cui 6 ore di aula, 3 ore di stage e 12 ore per servizi di accompagnamento. I servizi di accompagnamento dovranno articolarsi in: 22 ore collettive; 8 ore individuali ad allievo Le ore relative ai servizi di accompagnamento non devono essere conteggiate nel calcolo della sovvenzione a costi standard. Per l indicazione dei servizi di accompagnamento nel formulario dovrà essere compilata la scheda attività non formativa. La figura oggetto del corso svolge la sua attività nell'area front - office curando i rapporti con la clientela dell'agenzia proponendo, consigliando ed assistendo nell'acquisto e nell'organizzazione di viaggi e di soggiorni. Fornisce informazioni e consigli, al banco e/o al telefono. Aiuta i clienti nella scelta tra le numerose destinazioni possibili, operando in un ottica innovativa di personalizzazione dell offerta turistica (personal travel agent). Ha il compito di emettere e vendere biglietti aerei, marittimi e ferroviari, operando al terminale collegato con banche dati che indicano la disponibilità dei posti in tempo reale. Svolge spesso anche mansioni di carattere amministrativo, come la gestione della corrispondenza, la compilazione degli schedari dei clienti e dei fornitori, l'emissione di ricevute relativamente ai pagamenti dei servizi erogati. Per la realizzazione del progetto è previsto un finanziamento pubblico pari ad 79.44, Progetto n. 4: L intervento è composto da tre corsi formativi inerenti le lingue straniere e da un corso formativo inerente l accoglienza del turista orientale e l informatica per il settore turistico. Destinatari delle attività formative sono cittadini in età attiva con comprovata esperienza lavorativa o formativa nel settore turistico. Nello specifico il progetto dovrà prevedere la realizzazione di: n. 2 Corsi di lingue straniere, uno inerente la lingua inglese (di potenziamento) e uno inerente la lingua russa (di base), con una durata di 1 ore ciascuno. Ognuno dei due corsi dovrà rivolgersi a 2 allievi in possesso dei seguenti requisiti: cittadini in età attiva con comprovata esperienza lavorativa o formativa nel settore turistico; n. 1 Corso di introduzione alla lingua cinese con una durata di 1 ore, rivolto a 2 allievi in possesso dei seguenti requisiti: cittadini in età attiva con comprovata esperienza lavorativa o formativa nel settore turistico. n. 1 Corso di 1 ore rivolto a 2 operatori del settore turistico inerente: n gli applicativi informatici specifici del settore, l utilizzo dei nuovi canali promozionali per la vendita dell offerta turistica attraverso intermediari (ad es. Online Travel Agency quali Booking.- com, aggregatori quali Trivago, Google Hotel Finder ecc.), l'utilizzo degli strumenti di disintermediazione (web reputation, social media marketing, sistemi mobili, ecc.) durata 6 ore d l accoglienza del turista straniero (in particolare indiano, cinese, giapponese) durata 4 ore.

6 Il progetto a livello finanziario dovrà essere gestito in maniera disaggregata, pertanto il soggetto proponente dovrà allegare alla proposta progettuale una scheda preventivo per ogni corso di formazione previsto a cui applicare i costi standard indicati nell avviso. L importo da inserire in domanda di finanziamento sarà dato dalla sommatoria delle schede preventivo calcolate per ogni corso. Per la realizzazione del progetto è previsto un finanziamento pubblico pari ad un totale di 57.76,. Rilevato che: la spesa complessiva presunta ammonta ad Euro ,; CAP / U 2338 le risorse necessarie a fronteggiare il predetto onere risultano già allocate a valere sulla gestione residui del B.P. 214, come di seguito indicato: Denominazione PRESTAZ. SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27 /213 ASSE CAPITALE UMA (V. CAP. 226 /1 /2 /3 /E) Riserva somme 12 /1244 /1 Importo assegnato 7.45, 2338 PRESTAZ. SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27 /213 ASSE CAPITALE UMA (V. CAP. 226 /1 /2 /3 /E) 13 /1159 / , Vista la Determinazione Dirigenziale N. 795 del 6 /3 /214, con la quale si è provveduto a pubblicare l Avviso per la concessione di finanziamenti ex art. 17 lett. a) e c) della L.R. 32 /22 a progetti formativi inerenti il settore Turistico a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 CRO ASSE IV - CAPITALE UMA; Dato atto che il termine stabilito per la presentazione dei progetti era stato fissato al 1 aprile 214; Considerato che, come previsto dagli articoli 11 e 12 dell Avviso, L istruttoria di ammissibilità viene eseguita a cura del Settore provinciale competente. Le domande ammissibili sono sottoposte a successiva valutazione tecnica ; ( ) Le operazioni di valutazione sono effettuate da un nucleo di valutazione nominato dal dirigente responsabile ; Viste le Determinazioni Dirigenziali n del 18 /4 /214 e n. 219 del 24 /6 /214 con le quali sono stati nominati i Nuclei per l'ammissibilità e la valutazione dei progetti pervenuti in risposta all'avviso; Vista la Determinazione Dirigenziale N. 278 del 16 /6 /214 con la quale: 1.è stato approvato il verbale redatto dal Nucleo interno di verifica dell ammissibilità delle istanze di finanziamento pervenute in risposta all Avviso; 2.sono stati ammessi a valutazione i progetti di seguito indicati: Soggetti Terzi Coinvolti INTERVENTO prot. Titolo Capofila Soggetti Partners N 1 Tecnico delle attività di 176 PROF. TOUR ISOGEST ISFOR SOC. COOP gestione del cliente, promozione della struttura ricettiva e 179 PRATO FRONT DESK PRAGMA SER- Toscana Formazio- 6

7 gestione del personale preposto al ricevimento 6 VICE ne, C.A..I.C.T PROMOTION TOURISM & HOSPITALITY MANAGEMENT Centro Studi l'arca Istituto Dagomari, Istituto Gramsci Keynes PIN no INTERVENTO prot. Titolo Capofila Soggetti Partners N 2 Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio Valter IN TOURISM Toscana Formazione CESCOT PRA- TO Laboratorio Archimede, C.A.I.C.T. Centro Studi Turistici, Astirforma INTERVENTO prot. Titolo Capofila Soggetti Partners N 3 - Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e /o al telefono TOURIST Addetto alle attività alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono Smart Tourist Consulent Professione: Personal Travel Agent PETRA Astirforma Istituto Datini Centro Studi l'arca Laboratorio Archimede Ente Bilaterale Turismo Toscano, Formaimpresa, Matrix scs Cescot Prato, Associazione Free time CTS, Formall Istituto Dagomari, Istituto Gramsci Keynes Toscana Formazione INTERVENTO prot. Titolo Capofila Soggetti Partners n. 4 Corsi di aggiornamento /potenziamento professionale per il settore turismo Comunic.A. TOURING PRATO MULTILINGUAL Formatica Ente Bilaterale Turismo Toscano Toscana Formazione Cescot Prato, British School Formaimpresa, Astirforma Laboratorio Archimede Soggetti Terzi Coinvolti Soggetti Terzi Coinvolti Soggetti Terzi Coinvolti Univ Popolare Prato delegato Coming delegato Vista la Determinazione Dirigenziale N del 15 /7 /214, con cui 1) è stato approvato il verbale redatto dal Nucleo di Valutazione Ex ante, afferente i progetti pervenuti in risposta all Avviso per la concessione di finanziamenti ex art. 17 lett. a) e c) della L.R. 32 /22 a progetti formativi inerenti il settore Turistico a valere sul P.O.R. Toscana Ob. Competitività regionale e occupazione ASSE IV - CAPITALE UMA; 2) sono stati approvati e finanziati i seguenti progetti: INTERVENTO prot. Titolo Capofila N 1 Tecnico delle attività di gestione del cliente, promozione della struttura ricettiva e gestione del personale preposto al ricevimento 184 TOURISM & HOSPITALITY MANAGEMENT INTERVENTO prot. Titolo Capofila N 2 Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio 18 1 IN TOURISM Soggetti Partners Punti PIN no 88 CESCOT PRATO INTERVENTO prot. Titolo Capofila Soggetti Partners Centro Studi Turistici, Astirforma Soggetti Partners Punti 85 Punti Soggetti Terzi Coinvolti Finanziamento 62.12, Soggetti Terzi Coinvolti FInanziamento 62.12, Soggetti Terzi Coinvolti FInanziamento

8 N 3 - Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e /o al telefono Addetto alle attività alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono Istituto Datini INTERVENTO prot. Titolo Capofila n. 4 Corsi di aggiornamento /potenziamento professionale per il settore turismo 182 TOURING PRA- TO Ente Bilaterale Turismo Toscano Cescot Prato, Associazione Free time CTS, Formall Soggetti Partners Formaimpresa, Astirforma 83 Univ Popolare Prato delegato Punti , Soggetti Terzi Coinvolti FInanziamento 57.76, Viste la Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 1 del 2 /4 /214, recante ad oggetto: "Area Risorse Umane e Finanziarie - Bilancio Annuale di Previsione 214 corredato del Bilancio Pluriennale 214 /216 e Relazione Previsionale e Programmatica - Approvazione"; la Deliberazione della Giunta Provinciale n. 12 del 2 /4 /214, recante ad oggetto: "Area Risorse Umane e Finanziarie - Piano Esecutivo di Gestione 214 e Piano Esecutivo di Gestione pluriennale 214 /216 per la Provincia di Prato parte contabile. Approvazione"; la Deliberazione della Giunta Provinciale n. 19 del 15 /4 /214, recante ad oggetto: Direzione Generale - Piano Esecutivo di Gestione 214 parte obiettivi. Approvazione ; Considerato che, nel caso di Associazione temporanea o consorzio, il soggetto a favore del quale è assunto impegno finanziario è il capofila, in qualità di referente unico nei confronti dell Amministrazione Provinciale per quanto concerne tutti gli obblighi derivanti dal progetto, ferma restando la ripartizione di ruoli prevista nell atto costitutivo di ATI o ATS o Consorzio (o altro atto di natura contrattuale) e nel pieno rispetto delle regole previste dalla vigente normativa fiscale in materia di Associazioni temporanee e consorzi; Ritenuto opportuno, pertanto, con il presente atto formalizzare impegno di spesa a favore dei soggetti attuatori (capofila) dei progetti approvati, ad eccezione del Progetto N. 3 Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono, per il quale uno dei componenti della costituenda ATS risultata vincitrice, non ha ancora completato il percorso di accreditamento con la Regione Toscana per lo svolgimento di attività formative. La mancata presentazione della domanda di accreditamento, o l esito negativo dell istruttoria della stessa, comporteranno la revoca del finanziamento; Ritenuto opportuno stabilire che al presente atto facciano seguito i seguenti passaggi: p la pubblicazione del presente atto in ottemperanza del D.Lgs. N. 33 del 14 marzo 213, recante il Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, ed in particolare, dell art. 26 che prevede l obbligo per le

9 Pubbliche Amministrazioni, ivi incluse le Province, di pubblicare gli atti di concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese, e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati, quale condizione legale di efficacia del titolo legittimante le medesime; l la sottoscrizione delle convenzioni tra Amministrazione Provinciale (rappresentata dal Dirigente dell Area) e soggetto attuatore (capofila) del progetto approvato e ammesso a sovvenzione; Dato Atto che: 1.come indicato all'art. 14 dell'avviso, ai sensi della Legge 136 /21, per consentire la tracciabilità dei flussi finanziari e prevenire infiltrazioni di tipo criminale, i pagamenti relativi al presente progetto verranno effettuati unicamente tramite bonifico, bancario o postale, utilizzando conti correnti bancari o postali dedicati alle pubbliche commesse. I soggetti finanziati dovranno pertanto comunicare alla Provincia di Prato gli estremi identificativi del conto corrente dedicato entro sette giorni dalla loro accensione, nonché, nello stesso termine, le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di esso; e comunque entro 15 giorni dalla approvazione del finanziamento. In caso di utilizzo di conto corrente già aperto dovrà essere comunicato entro 7 giorni dall'utilizzazione per l'attività in oggetto; 2.per la procedura in oggetto non viene richiesto il CIG in quanto in forza di quanto disposto dalla determinazione n.4 del 7 luglio 211 dell AVCP, recante linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari, i beneficiari di finanziamenti debbano essere sottoposti alle norme di cui alla L.136 /21 solo se stipulano appalti pubblici per la realizzazione dell oggetto del finanziamento e non qualora siano destinatari di una sovvenzione come nella fattispecie in oggetto; 3.come previsto dalla procedura adottata dalla Regione Toscana in qualità di Autorità di Gestione delle risorse a valere sul POR Ob. 2 FSE, il CUP del CIPE viene attribuito ai progetti a valere su tali risorse mediante il loro inserimento sul Sistema Informativo FSE appositamente predisposto, e tale inserimento può avvenire solo successivamente alla formalizzazione dell impegno di spesa da parte dell amministrazione che concede il finanziamento; Dato atto che la fatturazione delle prestazioni avverrà conformemente alle modalità previste dalla normativa di gestione degli interventi oggetto di sovvenzione a valere sul Fondo Sociale Europeo (DGR n.1179 /11 e s.m.i., par. B.12). Si procederà in ogni caso alla liquidazione delle fatture rispettando la tempistica di cui al D.lgs 192 /212; Considerato che sono state esplicitate le direttive gestionali da impartire al Responsabile del Settore ed indicate le attività da iniziare con gli impegni assunti dalla Regione Toscana sopra citati e che sono state affidate le dotazioni finanziarie relative;

10 Atteso che il responsabile del Settore ha proceduto ad attivare gli autonomi poteri di spesa nell'ambito delle direttive ricevute ai sensi e per gli effetti dell'art. 4 del D.Lgs. 165 /21 e dell'art. 183, comma 9, del D.Lgs 267 /2; Visto il vigente Regolamento di Contabilità, approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 57 del ; Dato Atto che il presente provvedimento sarà sottoposto al Dirigente del Servizio Finanziario per l espressione del visto di regolarità contabile attestante la copertura finanziaria ai sensi dell' art. 151, comma 4, del D.Lgs , n.267; Ritenuta la propria competenza ai sensi del combinato disposto dell art. 17 del D. Lgs. 19 /8 /2 n. 267, e dell art. 4, co. 2, del D. Lgs. 3 /3 /21 n. 165; Dato Atto che con scrittura contabile individuata da natura Co-Ge, come da seguente schema, si dà inizio al procedimento di rilevazione concomitante dell operazione in contabilità economico patrimoniale: Capitolo di uscita Natura Co.Ge. Denominazione 2338 BA Prestazione di servizi per formazione professionale DETERMINA 1.di formalizzare impegno di spesa sulla gestione residui del B.P. 214 a favore dei soggetti attuatori (capofila) dei progetti approvati e ammessi a sovvenzione a valere sul FSE, come di seguito analiticamente indicato, andando ad attingere dalle riserve somme effettuate con la DGP n. 67 del 4 /3 /214: Progetto Capofila Importo Capitolo Impegno N 1 Tecnico delle attività di gestione del cliente, promozione della struttura ricettiva e gestione del personale preposto al ricevimento N 2 Tecnico della progettazione, definizione e promozione di piani di sviluppo turistico e promozione del territorio N 4 Corsi di aggiornamento / potenziamento professionale per il settore turismo PIN S.c.r.l. Servizi didattici e scientifici per l Università di Firenze - Piazza Ciardi, Prato - P.IVA CE.S.CO.T. Centro Sviluppo Commercio Turismo e Terziario - Via Pomeria 71 /B 591 Prato - P.IVA EBTT Ente Bilaterale Turismo Toscano - Piazza M. D'Azeglio, Firenze C.F , 62.12, 57.76, /1244 / /1159 / /1159 /1 4 2.di stabilire che per il Progetto N. 3 Addetto alle attività di assistenza e consulenza turistica al banco e/o al telefono, si provvederà a formalizzare

11 impegno di spesa solo quando, secondo quanto stabilito dalla DGR 968 /7 (come integrata dalla DGR 91 /9), uno dei soggetti della costituenda ATS attualmente non accreditato, avrà provveduto a completare il proprio accreditamento per lo svolgimento di attività formative presso la Regione Toscana. La mancata presentazione della domanda di accreditamento, o l esito negativo dell istruttoria della stessa, comporteranno la revoca del finanziamento; 3.di stabilire che al presente atto facciano seguito i seguenti passaggi: la pubblicazione del presente atto in ottemperanza del D.Lgs. N. 33 del 14 marzo 213, recante il Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, ed in particolare, dell art. 26 che prevede l obbligo per le Pubbliche Amministrazioni, ivi incluse le Province, di pubblicare gli atti di concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese, e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati, quale condizione legale di efficacia del titolo legittimante le medesime; la sottoscrizione delle convenzioni tra Amministrazione Provinciale (rappresentata dal Dirigente dell Area) e soggetti attuatori (capofila) del progetto approvato e ammesso a sovvenzione; 1.di dare atto che la fatturazione delle prestazioni avverrà conformemente alle modalità previste dalla normativa di gestione degli interventi oggetto di sovvenzione a valere sul Fondo Sociale Europeo (DGR n.1179 /11 e s.m.i., par. B.12). Si procederà in ogni caso alla liquidazione delle fatture rispettando la tempistica di cui al D.lgs 192 /212; 2.di attestare che ai sensi dell'art. 9 co. 2 d.lgs 78 /29 convertito con legge 12 /29 per gli impegni di cui al presente provvedimento si è accertato preventivamente che il programma dei conseguenti pagamenti è compatibile con i relativi stanziamenti di bilancio e con le regole di finanza pubblica; 3.di trasmettere al Responsabile del Servizio Finanziario il presente provvedimento corredato della idonea documentazione al fine di un controllo e riscontro sull idoneità della medesima e della rilevazione delle scritture contabili di impegno di spesa. Il Direttore dell Area

12 ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE n 283 DEL 5/8/214 Oggetto: Avviso per la concessione di finanziamenti ex art. 17 lett. a) e c) della L.R. 32/22 a progetti formativi inerenti il settore Turistico a valere sul P.O.R. Toscana Ob. Competitivita' regionale e occupazione ASSE IV - CAPITALE UMA. Impegno di spesa a favore dei soggetti attuatori Totale Accertamenti:, Impegno - Capitolo 2338/ Cod. Min Descrizione Capitolo Oggetto PRESTAZIONE DI SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27/213 ASSE CAPITALE UMA (V.CAP. 226//1/2/3/E) *** RISERVA SOMME *** INDIRIZZI PER LA PREDISPOSIZIONE DELL'AVVISO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI EX ART.17 LETT.A)E C) DELLA L.R. 32/22 A PROG.FORMATIVI Numero 12/1244/1 Importo , Impegno PIN SOCIETA' CONSORTILE A R.L. Capitolo 2338/ Cod. Min Descrizione Capitolo Oggetto PRESTAZIONE DI SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27/213 ASSE CAPITALE UMA (V.CAP. 226//1/2/3/E) AVVISO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI EX ART. 17 LETT. A) E C) DELLA L.R. 32/22 A PROGETTI FORMATIVI INERENTI ILSETTORE TURISTICO A VALERE SUL P.O.R. TO Numero 12/1244/11 Importo 62.12, Impegno - Capitolo 2338/ Cod. Min Descrizione Capitolo Oggetto PRESTAZIONE DI SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27/213 ASSE CAPITALE UMA (V.CAP. 226//1/2/3/E) *** RISERVA SOMME *** INDIRIZZI PER LA PREDISPOSIZIONE DELL'AVVISO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI EX ART.17 LETT.A)E C) DELLA L.R.32/22 A PROG. FORMATIVI Numero 13/1159/4 Importo , Impegno CESCOT PRATO AGENZIA FORMATIVA Capitolo 2338/ Cod. Min. 1233

13 Descrizione Capitolo Oggetto PRESTAZIONE DI SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27/213 ASSE CAPITALE UMA (V.CAP. 226//1/2/3/E) AVVISO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI EX ART. 17 LETT. A) E C) DELLA L.R. 32/22 A PROGETTI FORMATIVI INERENTI ILSETTORE TURISTICO A VALERE SUL P.O.R. TO Numero 13/1159/14 Importo 62.12, Impegno EBTT ENTE BILATERALE TURISMO TOSCA Capitolo 2338/ Cod. Min Descrizione Capitolo Oggetto PRESTAZIONE DI SERVIZI PER POR OB.2 FSE 27/213 ASSE CAPITALE UMA (V.CAP. 226//1/2/3/E) AVVISO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI EX ART. 17 LETT. A) E C) DELLA L.R. 32/22 A PROGETTI FORMATIVI INERENTI ILSETTORE TURISTICO A VALERE SUL P.O.R. TO Numero 13/1159/15 Importo 57.76, Totale Impegni:, VISTO POSITIVO DI REGOLARITA' CONTABILE ATTESTANTE LA COPERTURA FINANZIARIA (art. 151 comma 4, art. 153 comma 5 e art. 147 bis comma 1 del D.Lgs. 267/2)

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015

Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 Appalti ed Economato 2015 01501/005 Servizio Economato CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 0 approvata il 8 aprile 2015 DETERMINAZIONE: 005/301. SERVIZIO DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di

l attuazione della YEI, devono impegnare le risorse per i giovani nel primo biennio di programmazione (2014-2015), in coerenza con le disposizioni di AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI ATTUATORI DI TIROCINI EXTRACURRICULARI, ANCHE IN MOBILITÀ INTERREGIONALE ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE SICILIANA

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 01215/069 Servizio Promozione della città e Turismo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 22 approvata il 23 marzo 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR

LINEE GUIDA. per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR LINEE GUIDA per l'attuazione delle iniziative cofinanziate dai Fondi Strutturali Europei 2007-2013 da parte degli Enti in house del MIUR Versione 1 Marzo 2011 Prot. n. AOODGAI 4564 del 01.04.2011 v Sito

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

IL D I R I G E N T E

IL D I R I G E N T E IL D I R I G E N T E PREMESSO CHE: Con la Deliberazione n. 38-11131 del 30/03/2009 la Giunta regionale ha approvato le Misure e le linee di intervento per la valorizzazione del commercio urbano e per il

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-391 esecutiva dal 06/03/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-22551 del 05/03/2015

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 159 Speciale (Attività Formative) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli