INDUSTRIA VICENTINA 3/02. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza DENTRO LA VAL D ASTICO PELUCHE E GIOCATTOLI: ECCO L INDUSTRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDUSTRIA VICENTINA 3/02. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza DENTRO LA VAL D ASTICO PELUCHE E GIOCATTOLI: ECCO L INDUSTRIA"

Transcript

1 INDUSTRIA VICENTINA INDUSTRIA VICENTINA Associazione Industriali della Provincia di Vicenza 3/02 SETTEMBRE 2002 sped. in abb. post. - trimestrale - 70% - P.T. Vicenza Ferrovia - tassa riscossa - taxe perçue - Italia - contiene I.P. IL L Isola PAESE che DEI c é BALOCCHI GIOCHI, Viaggio a GIOSTRE, Isola Vicentina, TRENINI, un paese che attira famiglie e fabbriche, PELUCHE E GIOCATTOLI: un territorio ampio, ricco di colline, ECCO L INDUSTRIA di aree residenziali e di campagna DEL DIVERTIMENTO Punte di diamante QUANTE BELLE ITALIE Il diamante non serve solo per i ILVO DIAMANTI COMMENTA gioielli: in provincia c'è un gruppo LA di aziende MAPPA DI specializzate UN ITALIA nella CHE produzione GIRA A di PIÙ utensili VELOCITÀ diamantati LA Da che VALLE parte INCANTATA è Vicenza? C È I vicentini UN POLO vivono DELLE una fase FORGE di attesa. Il Rapporto di Ilvo Diamanti DENTRO LA VAL D ASTICO conferma: dopo anni di crescita, E UN INDUSTRIA CHE VIVE c è da discutere sul domani PROTETTA DAI MONTI Una casa in Basilica NOVECENTO VICENTINO L annuale mostra internazionale UN SECOLO DI ARTE di architettura a Vicenza ha una IN novità: MOSTRA una casa GRAZIE tecnologica ALLE dentro COLLEZIONI la casa del PRIVATE Palladio

2 Tra eccesso e scarsità di politica Oggi la politica, a qualsiasi livello, soffre di due gravi malattie: da un lato la litigiosità, dall'altro la miopia. Il tasso di conflittualità è molto elevato sia all interno del centro-destra e del centro-sinistra, sia fra maggioranza e opposizione. La miopia, la scarsa capacità di elaborare strategie di lungo periodo e di realizzarle fa sì che si viva alla giornata, reagendo di volta in volta ai risultati dei sondaggi di opinione o a quanto succede nelle piazze. Paradossalmente viviamo in un Paese dove c è un eccesso di politica, nel senso partitico del termine, e una scarsità di politica, nel senso anglosassone di policy, di visione e di governo della cosa pubblica. Queste due patologie fanno sentire i loro effetti sia a livello locale sia a livello nazionale. Effetti particolarmente deleteri proprio quando le sfide di fronte alle quali ci troviamo richiederebbero un approccio complesso, articolato, ed il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati. In occasione dell assemblea della nostra Associazione, in maggio, avevo sottolineato l esigenza di ripensare il modello di sviluppo economico e sociale del territorio nel quale viviamo. L idea è che si sia giunti ad un punto di svolta, che si sia di fronte ad alcuni limiti strutturali. E non mi riferivo solo alle strade o alla scarsità di manodopera. Dobbiamo passare da una fase di crescita quantitativa ad una fase di crescita anche qualitativa. Viviamo in un paese dove c è un eccesso di politica, nel senso partitico del termine, e una scarsità di politica, nel senso anglosassone di policy, di visione e di governo della cosa pubblica. Ciò proprio quando le sfide che abbiamo di fronte chiedono un approccio complesso e il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati. Avevo posto anche il tema del ruolo della nostra regione in una società che, al di là delle crisi degli ultimi mesi (dai fatti dell 11 settembre al rallentamento dell economia), resta una società globale ed integrata. Ci sono delle partite - penso a quelle sull energia, sulle telecomunicazioni, sulla finanza, sulla ricerca - di importanza fondamentale per tutti, non solo per le imprese, dalle quali la nostra regione rischia di essere esclusa. Dobbiamo decidere se partecipare e come partecipare, quali carte giocare. Se subire passivamente le scelte di altri, o se cercare di conquistare una nostra posizione sul campo. Ora, sia per accrescere il contenuto di qualità del modello di sviluppo economico, sia per rispondere alle sfide dello scenario esterno, è necessario fissare un nuovo schema di relazioni fra politica e società, uno schema aperto al contributo di tutti. Ma soprattutto occorre una classe politica in grado di definire l agenda delle priorità, di individuare degli obiettivi strategici di lungo periodo e di costruire il consenso intorno ad essi. Proprio quello che manca. La questione quindi non è se gli imprenditori debbano occuparsi di più di politica. Ma se quest ultima è più o meno adeguata alla complessità dei problemi sul tappeto. La mia sensazione è che non lo sia. Valentino Ziche Presidente Associazione Industriali di Vicenza CORSIVO 1

3 SOMMARIO INDUSTRIA VICENTINA Pubblicazione promossa dal Comitato provinciale per la piccola industria dell Associazione industriali della provincia di Vicenza. Direttore responsabile Stefano Pernigotti Coordinatore editoriale Stefano Tomasoni Hanno collaborato Ilvo Diamanti, Maurizio Mascarin, Gianmaria Pitton, Gianbattista Vinco da Sesso Progetto grafico Patrizia Peruffo Stampa Tipografia Rumor S.p.A., Vicenza Pubblicità Oepi, Verona Editore Istituto promozionale per l industria srl Piazza Castello, 3 - Vicenza Anno ventunesimo Numero 3. Settembre 2002 Una copia E 4,00 Registrazione Tribunale di Vicenza n. 431 del Questo numero è stato stampato in copie. È vietata la riproduzione anche parziale di articoli e illustrazioni senza autorizzazione e senza citare la fonte. FOTOGRAFIE Archivio Associazione Industriali pag. 19, 60, 61; Archivio Associazione Abaco 48, 49, 50; Archivio Comem 38, 39; Archivio Diesel 43 al centro; Archivio Fiam Utensili 14; Archivio Filati di Ziche 42 a sin.; Archivio Gas Jeans 43 in basso; Archivio Gilberto Padovan Editore 56, 57; Archivio Gruppo Adige bitumi 42 in basso; Archivio Il Giornale di Vicenza 45; Archivio Italdiamant 20, 22, 23, 24, 25, 26, 27; Archivio Pfm 18; Archivio Telwin 46, 47; Archivio Valle 40; Antonio Vitella 28, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37; Fabiano Avancini 5, 6/7, 9, 12; Mostra Percorsi del sacro. Icone dai musei albanesi 52, 53, 54; Rodolfo Paolo Rossi 15, 16, 44; Volume Luci di un altopiano 58. Copertina: Antonio Vitella. CORSIVO 1 Tra eccesso e scarsità di politica di Valentino Ziche FOCUS 5 Scusi, da che parte è Vicenza? La società vicentina sembra vivere una fase di attesa. Come se, dopo tanti anni di crescita economica, guardasse con un certo timore la sua locomotiva. È questa la chiave di lettura del Rapporto 2002 sugli orientamenti e i valori dei vicentini, realizzato da Ilvo Diamanti e Poster per l Assindustria. di Ilvo Diamanti ARGOMENTI 14 Il Fondo del Veneto Mentre si torna a parlare di riforma previdenziale, è sempre più attuale il tema dei fondi pensione integrativi. In ambito regionale, il fondo più importante è da anni Solidarietà Veneto. Ecco con quali risultati. 16 Più testa e meno braccia Nelle fabbriche vicentine aumenta il fabbisogno di impiegati, operai specializzati e dirigenti e diminuisce quello di manodopera produttiva pura. Lo dice un indagine dell Associazione sui fabbisogni occupazionali. di Stefano Tomasoni 18 Dieci anni di norme I numeri del Punto Uni-Cei di Vicenza: 400 visite l anno, 4000 telefonate per consulenza, norme vendute. VICENZA PRODUCE 20 Punte di diamante Nel Vicentino è in attività una decina di aziende industriali specializzate nella realizzazione di utensili diamantati, macchine che servono a tagliare o levigare i materiali più vari: dal marmo al granito, dai metalli al vetro. Siamo andati a vedere chi sono e cosa fanno. di Gianmaria Pitton ITINERARI INDUSTRIALI 30 L isola che c è A metà strada tra l Alto Vicentino e il capoluogo, con un territorio ampio, ricco di industrie, di zone residenziali, di stupende colline e di campi coltivati: ecco Isola Vicentina, paese baricentrico che stanno scoprendo in tanti. Compreso quelli del Vicenza Calcio. di Stefano Tomasoni IMPRESE 38 Le chiavi dell energia Partita 40 anni fa da un capannone di 350 metri quadrati, oggi la Comem di Montebello produce e vende nel mondo componenti e accessori per trasformatori e sezionatori. di Stefano Tomasoni 40 Estrema pulizia La Valle di Vicenza è un azienda specializzata nella pulizia in parete : il lavaggio delle superfici esterne di palazzi e grattacieli. Grazie a dei veri alpinisti del pulito. 42 Impresaflash LAVORO 44 Puntiamo alla buona occupazione Il mondo del lavoro visto dai protagonisti che operano sul territorio. Intervista ad Alessandro Testolin, assessore provinciale al lavoro e alle attività produttive. di Maurizio Mascarin SOCIETÀ E CULTURA 48 La casa dentro la Basilica La Basilica Palladiana ospita l annuale mostra internazionale di architettura promossa da Abaco. Con una novità: l architetto Steven Holl ha costruito dentro la Basilica una vera e propria casa. Tutta tecnologica. di Gianmaria Pitton 52 Icone d Albania La mostra Percorsi del sacro, a palazzo Leoni Montanari, ripercorre le principali tappe dell arte cristiana nella regione dell attuale Albania. 56 Omaggio a Bassano L iconografia di Bassano si arricchisce dell ultima opera di Guido Albanello e dell editore Padovan: diciannove vedute a china della città del Grappa. di Giambattista Vinco da Sesso 58 Luci di un altopiano La montagna di Tonezza e dei Fiorentini, bellissima ma poco nota, in un libro fotografico di Tommaso Cevese. RUBRICHE 60 Assoflash 63 Osservatorio

4 Scusi, da che parte è Vicenza? FOCUS 5 La società vicentina sembra vivere una fase di attesa. Come se, dopo tanti anni di crescita economica, guardasse con un certo timore la sua locomotiva. Questa la chiave del 7 Rapporto sugli orientamenti dei cittadini condotto da Ilvo Diamanti per conto dell Assindustria. La società vicentina sembra vivere una fase di attesa. Come se, dopo tanti anni di crescita economica, di miglioramento del benessere, guardasse con un certo timore la sua locomotiva; osservasse con una certa inquietudine i soggetti e i fattori che hanno trainato lo sviluppo locale: l economia, l impresa, l apertura internazionale, la globalizzazione; nei confronti dei quali essa comincia a provare qualche diffidenza, a prendere le distanze. Questa la chiave del 7 Rapporto sugli orientamenti dei cittadini condotto da Ilvo Diamanti per conto dell Assindustria di Vicenza. La società vicentina, dunque, esprime disagio verso le conseguenze visibili della crescita industriale sul mondo circostante: per la viabilità e le infrastrutture, ormai sature; per il territorio sempre più consumato; per la sicurezza, minacciata dall evolvere della piccola criminalità. E, soprattutto, comincia a rivolgere uno sguardo scettico alle implicazioni della crescita economica. Fino a ieri un valore in sé, mentre oggi ne coglie il conflitto con la qualità della vita; ma anche con la condizione di vita; e le prospettive del lavoro. Ne vede e ne mette in luce i limiti, quando fino a ieri gli spazi dell economia gli sembravano illimitati. Fatica, per questo, ad accettare i processi di allargamento che hanno accompagnato, per tanto tempo, il dinamismo e il successo economico del contesto locale. La cosiddetta delocalizzazione, in particolare. Il trasferimento delle attività produttive di molte aziende oltre confine: non è vista, dalla maggioranza dei

5 FOCUS 6 cittadini, come un fattore di allargamento dell economia locale, dettato dalla oggettiva saturazione degli spazi e della risorsa lavoro ; un meccanismo di rafforzamento e di qualificazione dell economia locale, ma, piuttosto, come una fuga ; e un rischio. Così, dopo anni di mobilitazione collettiva attorno agli obiettivi e ai valori del mercato, la società vicentina trasmette l idea di avere raggiunto il limite. Un limite oltre al quale è difficile andare, senza costi individuali, sociali e ambientali. Un limite, che segna una certa distanza fra società e mercato, fra società e impresa; che segna l allentarsi del consenso attorno alla dinamica dello sviluppo. Non è un problema di crisi del modello, perché il sistema economico locale continua a garantire buone prestazioni dal punto di vista del mercato e del lavoro; è che il modello cozza contro i limiti della politica, del territorio. E questi limiti, a loro volta, scavano un solco nel rapporto con la società. Ciò non significa, quindi, che ci troviamo di fronte a una frattura, a una contrapposizione insanabile. Ma che l idea di sviluppo, in quest area, va ridefinita, ricostruita; che gli imprenditori, in primo luogo, debbono porsi il problema dei limiti dello sviluppo; non solo di quelli imposti dai vincoli relativi al mercato del lavoro, alle infrastrutture, all ambiente (ne hanno parlato in molte occasioni). Ma di quelli posti dal punto di vista culturale, del consenso. Devono porsi, cioè, il problema di comunicare le ragioni dello sviluppo, senza pensare che queste siano date per scontate. Il patto fra economia e società, in altri termini, a Vicenza come nel resto del Veneto, va riscritto. O meglio: va scritto, argomentato, chiarito, spiegato a tutti. Mentre fino a ieri era uno spirito istintivo e condiviso. Adattati all'incertezza È stazionario il clima d opinione a Vicenza; orientato positivamente, verso l economia e il lavoro; negativamente, per quanto riguarda la sicurezza personale. Anche l atteggiamento di incertezza nel futuro rallenta la tendenza pessimistica degli anni precedenti. Anzi, sembra ridimensionarsi e in una certa misura migliora. Probabilmente non sono le basi

6 7 di riferimento per i giudizi dei cittadini, a cambiare. È, piuttosto, che si è consolidata una certa assuefazione, una certa abitudine: ci si è adattati all incertezza. Sul piano familiare e individuale; sul piano economico. Si tende a pensare che l economia, le imprese, comunque, ce la faranno. Nonostante le difficoltà. Che la famiglia, che noi stessi, individualmente considerati, ce la faremo. Per questo il livello di soddisfazione della vita appare elevato e costante, rispetto all anno scorso. Anche se si coglie un certo raffreddamento rispetto all ambito delle relazioni amicali e del tempo libero. Un segnale dei problemi che turbano il rapporto delle persone con lo sviluppo. Delle difficoltà crescenti ad accettare il costo sociale e individuale del dinamismo economico. Economia e società: un rapporto non più fluido Il rapporto fra economia, società e territorio: non si svolge più facile e fluido come un tempo. Quando le ricadute dell industrializzazione sull ambiente, il consumo del territorio, le conseguenze, anche aspre, dello sviluppo sulla qualità della vita, sulla sicurezza delle persone non determinavano reazioni, scollamento. Erano considerate costi necessari. Ampiamente remunerati dai benefici sul piano del reddito, della mobilità sociale, dei consumi. Da poareti i vicentini (e i veneti) diventano ricchi, in pochi decenni. Coltivando la fatica, il sacrificio, l adattamento il cambiamento

7 FOCUS 8 del mondo circostante non solo come costi necessari ; ma talora come valori. Virtù condivise ed esibite. Per questo le trasformazioni dell ambiente che li circonda, l incessante saturarsi dei loro ritmi di lavoro, dei loro tempi di vita non solo non li scoraggiano, ma vengono esibiti con orgoglio, come segni, emblemi della loro specialità territoriale. Condizioni e prezzo di un successo meritato. Oggi questo circolo virtuoso sembra essersi interrotto. I vicentini sono ricchi e sanno di esserlo. Hanno, per questo, adeguato il loro stile di vita. E i loro atteggiamenti. La carenza di tempo libero, i limiti imposti alle relazioni sociali, suscitano insofferenza crescente. Per contro, sono divenuti una società ipertecnologizzata. Una realtà considerata pre-moderna, fino a poco tempo fa, oggi appare postmoderna. In pochi anni. Oggi nel 77% delle famiglie si usa il telefono cellulare e il videoregistratore, nel 67% l impianto stereo; metà delle famiglia ricorrono alla carta di credito; nel 45% delle case c è almeno un Personal Computer, nel 37% si naviga in internet e nel 18% delle abitazioni c è un antenna satellitare. Negli ultimi due anni si è assistito a una crescita particolarmente elevata della diffusione di telefonini, collegamenti internet e di PC. Nel prossimo futuro le famiglie vicentine prevedono Fra un anno come andranno le cose in provincia? In Politica 2.01 In Economia Peggio 2 Uguale 3 Meglio 1 Peggio 2 Uguale 3 Meglio Nel Lavoro 2.29 Sicurezza/ Criminalità Peggio 2 Uguale 3 Meglio 1 Peggio 2 Uguale 3 Meglio Fonte: Poster/Assindustria Vicenza, maggio 2002

8 un ulteriore investimento per quanto riguarda le antenne satellitari e ancora internet e i PComputer. Tecnologie che segnalano l intensificarsi delle relazioni a distanza. Tra persone. Con il mondo. Negli ultimi due anni, di conseguenza, nella popolazione, la quota dei tradizionalisti, coloro, cioè, che esprimono un basso grado di confidenza con le tecnologie della vita quotidiana, è più che dimezzata. Mentre gli innovativi, coloro che maneggiano con disinvoltura tutte le risorse della tecnologia, salgono sensibilmente e passano dal 19 al 25% della popolazione. Qui diventa evidente la frattura che attraversa la società. L innovazione coinvolge i più giovani, i più istruiti, i più socializzati; e si associa a un orientamento prevalentemente ottimista nel futuro. Così, mentre le fasce più anziane e periferiche della popolazione, quelle che hanno contribuito a creare questo modello di sviluppo, restano all esterno rispetto ai processi di innovazione, le componenti più giovani, istruite, innovative diventano quelle che, rispetto alle logiche dello sviluppo, si pongono in modo critico; perché ne temono i costi e non ne hanno sperimentato le trasformazioni; non hanno vissuto il lungo e faticoso viaggio verso il centro del sistema italiano ed europeo. Strade e viabilità: è l'emergenza più sentita Alla soddisfazione personale e familiare, alla propensione per i consumi tecnologici e l innovazione fa contrappunto il crescente malessere verso i problemi che hanno accompagnato lo sviluppo economico in questi anni; e che si sono aggravati, nonostante la costante sottolineatura espressa al proposito non solo dagli analisti, ma dalle stesse organizzazioni economiche. La viabilità e le infrastrutture, anzitutto: per un terzo dei cittadini sono l emergenza. Il 3% in più rispetto all anno passato. Per il 29%, invece, l emergenza prioritaria è costituita dalla criminalità comune (+3%). Mentre perdono gravità sociale, nella percezione dei cittadini, il degrado ambientale (-3%) come l immigrazione (2,5% in meno). Quanto all immigrazione, si tratta di un dato che conferma una tendenza già osservata negli anni precedenti, che segnala un fenomeno in una certa misura normalizzato, nella percezione delle persone, dopo una fase di reazione dettata anche dalla novità, per una terra che in passato aveva conosciuto solo l emigrazione. Per quel che riguarda il degrado ambientale, probabilmente, il relativo ridimensionamento del problema nella 9

9 FOCUS 10 percezione sociale corre simmetrico alla drammatizzazione registrata dalla viabilità. Che assorbe e moltiplica le tensioni dei vicentini nel complicato rapporto che oggi intrattengono con il territorio. Un territorio, un ambiente nel quale cominciano a non sentirsi più a casa propria. Hanno conquistato il successo economico e, nonostante la recessione internazionale, il sistema locale continua a reggere la sfida del mercato; hanno acquisito un elevato grado di benessere, dal punto di vista del reddito e dei consumi, ma il mondo intorno a loro è cambiato profondamente; si è deteriorato. Passano il tempo in auto, per fare distanze brevi; l aria non è più quella di un tempo; non si sentono più sicuri nelle loro case. I problemi, gli effetti collaterali della trasformazione economica cominciano ad apparire loro difficili da tollerare; anche perché non riescono a controllarli, a ridurne l impatto; perché il sistema politico non riesce a dare risposte soddisfacenti. Ieri come oggi. Si percepiscono i limiti dello sviluppo Da ciò una certa stanchezza, un certo fastidio. Una crescente percezione dei limiti dello sviluppo. Dello sviluppo come un limite. Dei limiti allo sviluppo. Detto in altri termini: i vicentini cominciano a vedere nella crescita Consumi tecnologico (% su 800 casi)

10 Il sondaggio sugli orientamenti della società vicentina, presentato in queste pagine attraverso l analisi Qual è il problema più importante da affrontare oggi in provincia di Vicenza (% su 800 casi) Vicenza 2002 Vicenza2001 Strade e viabilità 32,0 29,7 Criminalità 29,2 26,8 Degrado ambientale 11,1 14,2 Immigrazione 9,0 11,6 Disoccupazione 8,1 7,2 Burocrazia 8,1 8,7 Carenza do manodopera 1,8 1,0 Competitività sui mercati Fonte: Poster/Assindustria Vicenza, maggio 2002 Le elencherò una serie di fenomeni e di teorie. Mi può dire se si tratta di cose in cui lei crede, non crede o non è sicuro (% su 800 casi) Crede Non è sicuro Non crede Alcune persone sulla terra sono possedute dal demonio. 20,3 19,4 60,3 Gli spiriti delle persone morte possono tornare in certi posti e in certe situazioni. 15,2 19,4 65,4 Gli extraterrestri in passato hanno visitato la terra. 12,2 23,5 64,3 L astrologia: la posizione delle stelle e dei paineti possono influenzare la vita delle persone. 25,3 19,9 54,8 La chiaroveggenza: la capacità della mente di conoscere il passato e predire il futuro. 7,7 12,5 79,8 N.r. Media 1,2% Fonte: Poster/Assindustria Vicenza, maggio 2002 del sociologo Ilvo Diamanti, è stato commissionato dall Associazione Industriali all Istituto Poster di Vicenza, e realizzato nel maggio scorso su un campione rappresentativo della popolazione vicentina d età superiore a 14 anni distribuito in 9 aree omogenee della provincia. Il campione (800 casi) è economica non più un vantaggio e un valore, ma un costo. Dello sviluppo economico, della crescita industriale, dell allargamento dei mercati e della stessa struttura produttiva oltre i confini, essi percepiscono i costi più che i benefici; i rischi più che le opportunità. Così, il 40% dei cittadini pensa sia necessario investire sulla qualità dello sviluppo, a costo di ridurre il ritmo della crescita. Mentre il 32% ritiene che il livello di benessere ottenuto è sufficiente; che occorra, in questa fase, difenderlo senza andare oltre. E solo il 27% dei cittadini credono nella necessità di continuare il percorso avviato; senza rallentare. La velocità dello sviluppo preoccupa, inquieta. Si comincia a temerne l impatto. Dopo che in passato la relazione fra crescita, lavoro, benessere è sempre stata considerata diretta, lineare, automatica. La stessa tendenza si manifesta, altrettanto evidente, quando si passa a esaminare l atteggiamento dei cittadini verso la delocalizzazione. Il trasferimento delle attività produttive oltre confine; soprattutto nei paesi dell Est; Croazia, Slovenia, Ungheria, Romania. Si tratta di un processo di ri-lo- proporzionale alla distribuzione della popolazione vicentina secondo criteri di genere, classi di età, istruzione, condizione professionale, area geografica e ampiezza dei centri.

11 FOCUS 12 calizzazione, più che di delocalizzazione. Dettato da ragioni evidenti, ineludibili. La saturazione del territorio e del mercato del lavoro, in primo luogo; oltre, ovviamente, ai vantaggi in termini di costi e di alleggerimento burocratico. Ma fino ad ora non ha prodotto alcun danno all occupazione Semmai, ha concorso a qualificare il sistema produttivo locale, spostando all esterno le produzioni a minore contenuto tecnico. Tuttavia, solo il 7% della popolazione lo percepisce come vantaggioso per l intera economia territoriale. Il 50% lo considera vantaggioso per le sole imprese. Il 42% semplicemente negativo. L economia e il consenso sociale Da ciò l evidenza di un contrasto: fra le strategie delle imprese e la percezione sociale; fra le tendenze dello sviluppo e gli interessi dei cittadini. È come una soglia, un limite, oltre cui si affievolisce la percezione dell interesse comune e condiviso, fra economia e società, fra imprenditori e cittadini. Fino a ieri apparivano coincidenti, coerenti, integrati. Oggi non è più così. E, visto che questa economia è sorta e si è sviluppata in rapporto complice con la società, è difficile pensare che possa continuare il suo cammino senza spiegarsi, senza negoziare le sue scelte con la società; senza consenso sociale. Perché, negli ultimi trent anni, tante volte l economia locale ha affrontato e superato le recessioni esterne, poste dai mercati; ma ha sempre potuto contare sul sostegno interno, della società. Una risorsa essenziale dello sviluppo. Senza la quale lo sviluppo difficilmente può proseguire la sua marcia. Ilvo Diamanti L economia di questa provincia è cresciuta tantissimo negli ultimi vent anni, assieme al benessere delle persone. Lei pensa che nel prossimo futuro (% su 800 casi) Vicenza 2002 Occorre continuare a produrre e lavorare, perché se rallentiamo potremo perdere la richezza che abbiamo costruito. 27,3 Occorre fare più attenzione alla qualità dello sviluppo, a costo di ridurre il ritmo della crescita economica, perché rischiamo un futuro infelice. 40,6 Il benessere che abbiamo costruito può bastare, l importante è mantenerlo e difenderlo. 32,2 N. r. Media 7,1% Fonte: Poster/Assindustria Vicenza, maggio 2002

12 Il Fondo del Veneto ARGOMENTI 14 Mentre torna in primo piano la riforma della previdenza, è sempre più attuale il tema dei fondi pensione integrativi. In ambito regionale il fondo più importante è da anni Solidarietà Veneto. Ecco con quali risultati. Si torna a discutere di pensioni e di una possibile nuova riforma del sistema previdenziale, e si fa sempre più attuale, di conseguenza, il tema dei fondi pensioni integrativi, destinati a diventare parte importante delle pensioni degli anziani di domani. In ambito regionale, il fondo integrativo più importante è ormai da anni il Fondo Solidarietà Veneto, gestito unitariamente dagli Industriali del Veneto e dalla Cisl regionale. Un iniziativa che mette insieme gli sforzi dell imprenditoria e di una parte del sindacato e che diventa ogni anno più consistente. Pur tuttavia, come tutti i fondi pensione, anche Solidarietà Veneto deve fare i conti con la scarsa sensibilizzazione che in Italia si coglie tra i lavoratori dipendenti verso le forme di previdenza integrativa. Uno dei dati ormai consolidati è che i giovani sono poco sensibili ad iscriversi al Fondo pensione. Il problema di convincere i giovani ad aderire al Fondo pensione esiste e va risolto, altrimenti ci si avvia ad avere una generazione di anziani privi dei mezzi di sussistenza minimi spiega Giorgio Xoccato, delegato alle relazioni industriali dell Associazione industriali. Aderire al Fondo pensione integrativo conviene a tutti, anche a coloro che sono vicini alla pensione perché poi verranno liquidati in un unica soluzione, ma soprattutto conviene a coloro che hanno ancora molti anni di lavoro prima del pensionamento e quindi potranno ottenere consistenti rivalutazioni dei contributi versati e, di conseguenza, una seconda pensione sostanziosa. Quello del futuro pensionistico è un tema che interessa soprattutto coloro che al 31 dicembre del 1995 avevano meno di diciotto anni di contributi versati e che dunque avranno la pensione (in parte o tutta) calcolata con il sistema contributivo anziché retributivo. Si tratta di persone che oggi possono avere anche 40 anni e oltre, ma che previdenzialmente si devono considerare giovani osserva Sergio Brunetti, l imprenditore bassanese che fa parte del consiglio di amministrazione di Solidarietà Veneto. Costoro sono destinati ad avere una pensione più bassa rispetto ai loro genitori e perciò, se vogliono avere un reddito sufficiente, devono costruirsi fin da oggi una seconda pensione. La cosa è conveniente per i lavoratori dipendenti perché viene in aiuto il contratto di lavoro, che prevede un con-

13 tributo mensile dell azienda, il versamento di una parte del Tfr ed anche un contributo dalla retribuzione sul quale si ottiene subito uno sconto fiscale con l aliquota marginale Irpef. Ritardare l adesione ai fondi per la previdenza integrativa, sostengono gli Industriali, vuol dire perdere anni preziosi di contribuzione e di capitalizzazione. Un metalmeccanico che non ha ancora aderito al Fondo pensione, ha perso negli ultimi tre anni da 600 a 750 euro solo di contributo aziendale e da 200 a 600 euro di sconti fiscali spiega Xoccato. E ha perso soprattutto tre anni di capitalizzazione, con i relativi benefici: e non tre anni qualsiasi, ma i tre anni migliori, perché gli ultimi. Il Fondo Solidarietà Veneto, comunque, si è già tolto una piccola soddisfazione: ha monitorato le età dei propri iscritti confrontandole con quelle della media di tutti i fondi pensione italiani su dati forniti dalla Commissione di Vigilanza sui fondi pensione e ha visto che la maggioranza dei suoi attuali aderenti ha un età inferiore alla media nazionale: gli iscritti fino a 39 anni sono il 55,6% contro il 43,5 della media di tutti i fondi nazionali. Di conseguenza quelli di età superiore ai 39 anni sono il 46,4 % per il fondo regionale ed il 56,5 % per tutti i fondi nazionali. È comunque poca cosa rispetto alle decine di migliaia di giovani che non hanno ancora aderito ad un fondo pensione con il contributo dell azienda conclude Brunetti. In assenza di una valida comunicazione istituzionale in materia, occorre darsi da fare per indirizzare i giovani verso questo tipo di risparmio destinato al futuro pensionistico. Anche se Iscritti ai fondi per età anno 2001 Classi Media naz. tutti Sol. Veneto di età i F. Pensione F. Pensione Inferiore a 20 0,30 0,42 tra 20 e 24 1,80 3,60 tra 25 e 29 8,00 11,65 tra 30 e 34 14,70 18,07 tra 35 e 39 18,50 19,86 tra 40 e 44 17,40 17,83 tra 45 e 49 18,20 14,91 tra 50 e 54 16,20 10,66 tra 55 e 59 4,10 2,40 tra 60 e 64 0,70 0,49 65 e oltre 0,10 0,11 Totale 100,00 100,00 per gli imprenditori è un costo ulteriore, del quale si è peraltro tenuto conto nei rinnovi contrattuali, l associazione e tutto il sistema Confindustria stanno facendo il massimo sforzo per sviluppare l utilizzo di questi fondi. Solidarietà Veneto si caratterizza, oltre che per essere un fondo regionale, anche per essere intersettoriale (possono aderire tutti i lavoratori dei settori industriali) e per la nuova gestione finanziaria multicomparto con tre diverse linee di investimento: prudente, reddito, dinamico. 15

14 Più testa e meno braccia ARGOMENTI 16 Nelle fabbriche vicentine aumenta il fabbisogno di impiegati, operai specializzati e anche dirigenti, mentre diminuisce la richiesta di manodopera produttiva pura. È ciò che emerge dall indagine sui fabbisogni occupazionali realizzata dall Associazione. Diminuisce la richiesta di manodopera produttiva pura, aumenta il fabbisogno di impiegati, operai e dirigenti. La classica figura dell operaio metalmeccanico maschio, tradizionalmente la più richiesta dall industria vicentina, perde ulteriori punti percentuali rispetto ad altre figure professionali, in una logica che privilegia sempre più la testa rispetto alle braccia. Ciò dipende sia dalla fase congiunturale non favorevole, sia dal fatto che si comincia a pensare a modelli organizzativi aziendali diversi. Queste alcune delle tendenze che emergono dall indagine sui fabbisogni occupazionali dell industria vicentina, realizzata anche quest anno dall Associazione e giunta alla sua settima edizione. Il rapporto, aggiornato all inizio di luglio, consente di avere a disposizione un quadro complessivo fresco sul numero di posti di lavoro richiesto dalle aziende della provincia e dei profili professionali più richiesti. All indagine ha risposto un numero di aziende molto superiore a quello dell anno precedente (il doppio: 725 aziende per un totale di 2406 posti di lavoro disponibili contro 346 aziende per 1285 posti di lavoro dell indagine del 2001), in virtù di una maggiore personalizzazione dell invio del questionario. L indagine conferma, come detto, il calo della domanda di personale genericamente operaio da parte del settore metalmeccanico: la figura classica dell operaio rappresenta oggi il 30% di tutto il personale di cui si prevede il fabbisogno, contro il 39% del 2001 e il 41,1% dell indagine del 2000.

15 È confermato inoltre, con un leggero aumento, il dato della precedente indagine relativo al fabbisogno complessivo di impiegati, quadri, dirigenti (circa il 24%, contro il 23% del 2001 e il 18% del 2000). Cala la prevalenza della manodopera di sesso maschile, che passa dall 82% del 2001 e del 2000 al 76%, a ribadire una crescita dell incidenza occupazionale delle donne. Negli altri settori, viene segnalato un particolare fabbisogno di manodopera nel settore dei cosiddetti servizi vari (ad esempio le cooperative), con il 16,5%. Questo dato, insieme con quello relativo alle previsioni di assunzione per ciascuna azienda (che passa da 3,7% a 3,3% addetti), è segno di una leggera flessione occupazionale oltre che di un cambiamento di modello organizzativo. Secondo Giorgio Xoccato, delegato per le relazioni industriali dell Associazione, il calo della richiesta di operai è indice di una nuova linea di tendenza: Le aziende si stanno evolvendo in favore di nuove forme di organizzazione osserva. Diminuisce la presenza di industrie che comprendono al proprio interno ogni fase della produzione, l intera filiera o quasi. Ora alcune parti della lavorazione vengono terzializzate, cioè affidate ad altre aziende. In questo modo, ciascuna si specializza in un procedimento specifico, con il risultato che il valore aggiunto cresce. Xoccato parla di destrutturazione controllata, prospettiva vista con favore crescente soprattutto dalla generazioni gio- 17 Previsione di assunzione per sezione merceologica Sezione merceologica N.ro imprese che N.ro lavoratori hanno risposto (previsione di assunzione) Alimentari e bevande Carta, grafica, cartotecnica ed affini Cemento, calce, laterizi, ceramica, vetro e abrasivi Chimiche Conciarie Costruttori di impianti tecnologici Costruttori edili Elettronici Industrie e servizi vari Lanieri 9 16 Legno Manufatti cemento, gesso e prefabbricazione 4 17 Marmo ed estrattive Materie plastiche e gomma Meccanici e metallurgici Moda industria Orafi ed argentieri Terziario avanzato Tessili non laniere Trasporto merci e persone e spedizionieri Aziende aggregate Totale Dipendenti extracomunitari Pari all 8,31% Dipendenti in forza

16 ARGOMENTI 18 Collaborazione per reperimento primo alloggio ad immigrati Alloggio reperito (la sommatoria supera le 725 imprese in quanto qualche impresa ha fornito più di una risposta) Dall azienda % Dal lavoratore con aiuto azienda 76 Dal lavoratore % Non hanno dipendenti extracomunitari 310 vani. Anche nei settori più tradizionali si nota comunque un attenzione crescente per gli aspetti non produttivi in senso stretto, quali la progettazione, l amministrazione, il coordinamento, il commerciale, il servizio al cliente. Unito ad una congiuntura economica non certo brillante, il dato spiega le minori previsioni di assunzione di operai. I quali sono sempre meno generici: le figure più ricercate sono i tecnici delle manutenzioni, i tecnici degli impianti, gli attrezzisti, gli installatori. Altro elemento richiesto dal questionario è il numero di dipendenti extracomunitari, che risultano l 8,3 per cento del totale, livello praticamente uguale a quello degli anni scorsi. Per la stragrande maggioranza sono operai, ma qualcuno comincia ad affacciarsi anche nel ceto impiegatizio. Sempre in tema di lavoratori stranieri, risulta significativo l aumento (dal 25% dell anno scorso al 30% di quest anno) della percentuale di imprese che segnalano come il problema dell alloggio per i propri dipendenti immigrati sia stato risolto direttamente dall azienda o dal lavoratore con l aiuto dell azienda. S. T.

17 Dieci anni di norme Ha superato i dieci anni di vita, viene visitato ogni anno da circa quattrocento tra aziende e persone, con un trend in continua crescita soprattutto per le richieste degli studenti. Riceve quattromila telefonate all anno per informazioni e consulenza, e altrettante arrivano da altri canali (internet, fax, posta tradizionale). È il Punto Uni-Cei di Vicenza, realizzato all inizio degli anni Novanta per volere dell Associazione industriali, e da allora in costante crescita nell offerta di servizi e assistenza al mondo produttivo in tema di normative tecniche. Questa struttura, che ha sede presso uffici dell Assindustria, è un riferimento non solo per le aziende vicentine, ma anche per quelle venete e trivenete, in fatto di normativa tecnica nazionale e internazionale. In dodici anni di attività, ha venduto quasi cinquantamila norme, tra Uni, Cei, europee e internazionali. A oggi sono più di cento le aziende che aderiscono, come soci effettivi, all Uni tramite il Punto di Vicenza. Il Punto Uni-Cei osserva Franco Maitan, direttore operativo di Tecnoimpresa all interno della propria struttura una biblioteca sempre aggiornata e composta da tutte le norme tecniche nazionali Uni e Cei, a disposizione delle aziende e del pubblico attraverso la loro consultazione ed acquisto. In particolare il Punto, offre assistenza per l individuazione e interpretazione delle normative tecniche. Le norme Uni e Cei costituiscono i fondamenti normativi per il rispetto dei requisiti legislativi e contrattuali dice Maitan. I prodotti che non rispettano le norme finiscono bloccati alla frontiera, o respinti dal cliente. Inoltre, le norme che riguardano aspetti legati alla sicurezza comportano, in caso di inadempienza, sanzioni penali o amministrative. Fin dall inizio spiega Maitan, l obiettivo delle norme tecniche è stato quello di consentire un agevole interscambiabilità e riconoscimento delle merci nei rapporti commerciali e nell utilizzo dei prodotti da parte delle imprese e dei privati. Per fare un esempio, se non ci fosse stata una norma tecnica che avesse disciplinato la forma delle lampadine, sarebbe impossibile oggi acquistare in qualsiasi parte del mondo una lampadina che possa essere utilizzata da tutti. Le norme tecniche, peraltro, regolamentano non soltanto i prodotti, ma anche i sistemi organizzativi. In quest ultimo ambito, le norme più conosciute sono quelle rivolte ai sistemi di qualità, ai sistemi di gestione ambientale e ai sistemi di gestione della sicurezza. Il Punto Uni-Cei di Vicenza, realizzato negli anni Novanta su iniziativa dell Associazione, ha numeri di successo: 400 visite l anno tra aziende e privati, 4000 telefonate per consulenza e informazioni, norme vendute. 19

18 VICENZA PRODUCE 20 Nel Vicentino è in attività una decina di aziende industriali specializzate nella realizzazione di utensili diamantati. Siamo andati a vedere chi sono e cosa fanno. Punte di diamante Che sia o meno il miglior amico delle ragazze, come diceva Marilyn Monroe, il diamante è sicuramente la pietra preziosa per eccellenza, adatta a confezionare gioielli di straordinaria bellezza e lucentezza. Ma la fama del diamante è dovuta anche ad un altra sua caratteristica, quella di essere il minerale più resistente in assoluto. Anzi, è di fatto il materiale più duro che esista in natura. Questa sua particolarità è conosciuta fin dall antichità, e nel tempo si è intensificato il suo utilizzo in campo industriale come ottimo abrasivo. Attualmente solo il 23 per cento dei diamanti estratti dalle miniere è de-

19 Il diamante non è solo la più bella e ambita tra le pietre preziose. È anche usato nell industria, per i cosiddetti utensili diamantati, macchine che servono a tagliare o levigare i materiali più vari: dal marmo al granito, dai metalli al vetro. Una nicchia che in provincia è ben presente. 21 stinato alla gioielleria; il rimanente trova impiego appunto nelle industrie, nei settori più diversi: carotieri, strumenti da taglio ed abrasivi, perni di supporto per strumenti di precisione, trafile per fili metallici pregiati. L espressione Yahalom, già nell Antico Testamento, indica la pietra più dura di tutte le altre. Amadas, citato nei testi greci, adamantius nel mondo latino, acquistano un significato del tutto simile a yahalom: invincibile. La più antica miniera conosciuta si trovava in India: i mercati indiani convinsero i romani ad acquistare la pietra dell'invincibilità; da allora il diamante ha un valore di gran lunga superiore a quello che avrebbe avuto, se valutato con criteri puramente estetici applicati ad altre gemme. Il diamante si forma in natura in condizioni di pressione e temperatura elevatissime, all interno del mantello terrestre e viene portato in superficie attraverso la roccia vulcanica detta kimberlite (termine derivato da Kimberley, città africana dove fu scoperto il primo giacimento di diamanti). Nel corso dei millenni, grazie all erosione, la kimberlite, o terra blu, libera il diamante che si deposita sul fondo dei torrenti e fiumi. Questo spiega perché i giacimenti si trovino, oltre che nei camini kimberlitici (giacimenti primari), anche nei depositi alluvionali e nelle zone costiere (giacimenti secondari). L estrazione di diamanti richiede investimenti pesanti rispetto alla quantità: è stato calcolato che per estrarre un carato di diamante vengono scavate circa 4 tonnellate di roccia e sabbia. I giacimenti principali si trovano in Australia, Botswana, Congo, Russia, Repubblica Sudafricana, Namibia in minor parte si rivengono in Lesotho, Sierra Leone, Tanzania, Angola, Brasile, India. Inoltre vi sono giacimenti dalle potenzialità non ancora definite in Canada e Cina.

20 VICENZA PRODUCE 22 Nel 1930 emerse la possibilità di ottenere diamanti in laboratorio e intorno alla metà del secolo, dopo molti tentativi infruttuosi, venne messo a punto il primo apparato in grado di produrre diamanti sintetici, che vanno distinti dai diamanti artificiali, i quali non conservano le stesse caratteristiche del diamante naturale. Con la produzione dei diamanti sintetici, si presentò il problema di doverli identificare poiché, a differenza delle imitazioni, hanno le stesse proprietà chimico-fisiche dei diamanti naturali. Uno degli impieghi industriali del diamante è rappresentato dagli utensili diamantati, cioè macchine utensili che servono a tagliare o levigare i materiali più disparati, dal vetro ai marmi, dai graniti alla ceramica, ai metalli. I destinatari degli utensili diamantati sono l industria ottica, meccanica, del vetro, dei marmi, del granito, della ceramica, della pietra, degli asfalti e molte altre ancora. Nella provincia vicentina è in attività una decina di aziende industriali specializzate nella realizzazione di utensili diamantati. Una nicchia, sicuramente, ma che fa parte di quel nutrito numero di imprese vicentine che fanno dell innovazione e dell alto contenuto tecnologico le proprie risorse principali. In questo senso, le industrie di utensili diamantati danno un apporto significativo a quel valore aggiunto, che diventa il fattore decisivo da mettere in campo per vincere la sfida della concorrenza con altre zone d Italia e altre regioni del mondo. Prova ne è che buona parte della produzione di queste imprese è destinata ai mercati esteri. Tradizione e innovazione Uno dei percorsi tipici della nascita di imprese nel Vicentino, con testimonianze in vari comparti produttivi, è la cosiddetta gemmazione : persone che lavorano per anni in un azienda di grandi proporzioni, acquisendo esperienza e capacità professionali, decidono di mettersi per conto proprio, spesso continuando ad avere rapporti di lavoro con la ditta da cui provengono. Qualcosa di simile è avvenuto anche nel settore degli utensili diamantati. L azienda-madre, in questo caso, è la Said, sigla che significa Speciali Applicazioni Industriali del Diamante. Dopo la sua costituzione, avvenuta a Milano nel 1964, ben presto la Said si trasferisce a Isola Vicentina, esattamente nel 1966; viene rilevata dall attuale proprietà nel Produce utensili diamantati per i settori della meccanica, della pietra naturale, della ceramica, del vetro piano, del vetro artistico e dell edi-

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO

LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO LA SOCIETA VICENTINA Rapporto sugli orientamenti e i valori dei cittadini SCENARIO 2002 ALTOVICENTINO VII Rapporto POSTER Associazione Industriali di Vicenza SCHEDA DELLA RICERCA * CAMPIONE RAPPRESENTATIVO

Dettagli

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi

XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani. Noi, gli altri e la crisi XXV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani Noi, gli altri e la crisi Rapporto Giugno 2010 NOTA METODOLOGICA L Osservatorio sul capitale sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009

I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT. A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 I SETTORI A RISCHIO DI DEFAULT A cura dell Ufficio Studi Lince Giugno 2009 1 La crisi internazionale dei mercati ha avuto effetti negativi sui conti delle imprese italiane a partire dall ultimo trimestre

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il futuro incerto

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il futuro incerto OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il futuro incerto Il Gazzettino, 27.12.2011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei

Dettagli

21 RAPPORTO CONGIUNTURALE E PREVISIONALE CRESME

21 RAPPORTO CONGIUNTURALE E PREVISIONALE CRESME CRESME 21 RAPPORTO CONGIUNTURALE E PREVISIONALE CRESME LO SCENARIO DI MEDIO PERIODO 2013-2017 Novembre, 2013 INDICE INTRODUZIONE: 1. L ECONOMIA: SCENARIO MONDIALE 2013-2015 1.1. CRESCITA ECONOMICA GLOBALE:

Dettagli

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE

CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE CONSORZI DI IMPRESE: UNA PROSPETTIVA IN EVOLUZIONE Il consorzio è un opportunità di crescita per la micro e piccola impresa. Le imprese che si trovano a misurarsi in un mercato dove i competitor sono rappresentati

Dettagli

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi.

------ Tuttavia, la previdenza complementare si sta sviluppando lentamente e, a dieci anni dall avvio, necessita di ulteriori impulsi. COMUNICATO STAMPA COVIP: la crisi dei mercati finanziari ha sottoposto i fondi pensione a una prova severa, ma il sistema della previdenza complementare ha tenuto. A marzo 2009 sono 4,9 milioni gli iscritti

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4

Introduzione: uno strumento completo 3. Il comparto delle costruzioni 4 INDICE Introduzione: uno strumento completo 3 Il comparto delle costruzioni 4 Le aziende del comparto dell involucro edilizio 6 SERRAMENTISTI 7 COSTRUTTORI DI FACCIATE 9 L andamento del mercato 2011 SERRAMENTISTI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani

Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani 1 Lavoro, flessibilità e precarietà:valutazioni ed esperienze dei giovani La situazione dei giovani lavoratori italiani risulta a noi particolarmente svantaggiata. La società di oggi richiede ai giovani

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

- Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda

- Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda 1 Testimonianza dal mondo aziendale Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda Relatore: Marco CAMURATI - Cenni sulla funzione Risorse Umane in Azienda La funzione Risorse Umane si occupa di uomini

Dettagli

Osservatorio sulle Differenze

Osservatorio sulle Differenze Comune di Bologna Assessorato scuola, formazione e Politiche delle differenze Osservatorio sulle Differenze Sintesi della ricerca: L integrazione scolastica delle seconde generazioni di stranieri nelle

Dettagli

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio.

Relazione. Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di. essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. Relazione Autorità, signore, signori, amici artigiani, Vi ringrazio di essere qui stasera, malgrado il caldo di questa serata di luglio. L assemblea odierna non è solo un momento di verifica e di approvazione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani

Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei. a cura di Alessandra Graziani Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO 13 Resoconto dell Osservatorio Materiali Le prime 75 aziende italiane operanti nel settore dei lapidei a cura di Alessandra Graziani Lucca, 26 marzo

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro

AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro AlmaLaurea: i laureati in Ingegneria alla prova del lavoro Ingegneria è tradizionalmente considerata una laurea forte, un percorso di studi severo che apre al mondo del lavoro, forma professionisti in

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5

PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5 International Association of Lions and Leo Clubs Distretto 108-Ia1 IL LAVORO E L IMPRESA PREVIDENZA INTEGRATIVA O COMPLEMENTARE Cap. IV-5 illustrazione di Gianni Chiostri Comitato Assise Italo Francesi

Dettagli

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015

Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Indagine congiunturale rapida su quarto trimestre 2014 e primo trimestre 2015 Clima sempre cauto: SI al bonus lettura per rilanciare la cultura del Paese. NO all esplosione dei costi energetici. Il deprezzamento

Dettagli

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE PERCHE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL RUOLO SOCIO ECONOMICO Simona Orfella MAGGIO 2013 IL CONTESTO GENERALE Difficoltà finanziarie ed economiche paesi europei Instabilità politica Misure fiscali severe

Dettagli

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete

La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete La dinamica occupazionale nelle piccole imprese venete Dinamiche occupazionali Il modello veneto è conosciuto come esempio di connubio vincente tra territorio e piccola impresa. Crescita e benessere economico

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 529 568 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La criminalità oltre l emotività Negli ultimi tre anni la criminalità in

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia

Il mercato dell involucro edilizio in Italia Osservatorio Economico Uncsaal Il mercato dell involucro edilizio in Italia Serramenti Metallici Facciate Continue Anno 2008 Scenari 2009 Gennaio 2009 Commissione Studi Economici Uncsaal Coordinatore Carmine

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO SINTESI L Indagine sull associazionismo del volontariato culturale è una

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 24 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 La consueta indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK Italia, su incarico

Dettagli

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY Camera Italiana di Commercio e Industria di Santa Catarina (Organo riconosciuto dal Governo Italiano Decreto Mise29/7/2009) Tel.: +55 48 3027 2710 www.brasileitalia.com.br ECONOMIA DEL MARE - BLUE ECONOMY

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno

Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di. due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno Premetto che pescherò a piene mani nel pensiero e nell opera di due maestri ed amici. Mi scuso con loro perché non potranno reagire a ciò che dirò e non potranno dire se le mie riflessioni sono aderenti

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine

Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine Indagine sui fabbisogni professionali e formativi di un campione di imprese piacentine a cura di Elena Bensi, Davide Fanzini e Claudia Rossi Osservatorio Mercato del Lavoro, Provincia di Piacenza 1. Premessa

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine giugno 2010 Dati rilevati nel mese di maggio 2010 Milano, 3 giugno 2010 Comunicato stampa La crescita della fiducia è bloccata dalla crisi

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Le forze lavoro in Lombardia al 2020

Le forze lavoro in Lombardia al 2020 Le forze lavoro in Lombardia al 2020 Presidente REF Ricerche www.refricerche.it Il mercato del lavoro lombardo nel 2011 Il mercato del lavoro in Lombardia. Alcuni indicatori valori % 2007 2011 Tasso di

Dettagli

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO

LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO I.N.A.I.L Direzione Regionale del Piemonte. LAVORATORI STRANIERI E INFORTUNI SUL LAVORO A cura di Mirko Maltana 1 e Maria Luigia Tomaciello 2 Nel corso del 2010 sono stati denunciati all Istituto Nazionale

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015. 27 luglio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione LUGLIO 2015 27 luglio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 20 e il 25 luglio 2015 con metodologia CATI/CAWI

Dettagli

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009

Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 Migranti in Veneto, una stabilità a rischio? secondo il Dossier Immigrazione 2009 a cura di DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE CARITAS/MIGRANTES Via Aurelia 796 00165 ROMA tel. ++39/06/66514345 fax. ++39/06/66540087

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Dal volontariato al progetto

Dal volontariato al progetto Dal volontariato al progetto 10 anni di storia dell Auser in sintesi 9 Dagli inizi al consolidamento dell organizzazione (1989/1995) 1.a Le motivazioni di una nuova organizzazione L Auser nasce nell 89,

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Come risparmia e investe il Nord Est

OSSERVATORIO NORD EST. Come risparmia e investe il Nord Est OSSERVATORIO NORD EST Come risparmia e investe il Nord Est Il Gazzettino, 08.07.2008 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) La valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali nella Grande Distribuzione Imprese agroalimentari sul totale delle imprese censite Addetti

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli

Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Osservatorio del mercato del lavoro di Milano. Un rilevatore dei segnali deboli Centro Studi e Ricerche L&S Lavoro & Società Università degli Studi di Milano-Bicocca 24 marzo 2011 Il rilevatore dei segnali

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli