PERMESSI E CONGEDI LEGGE 104/92

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERMESSI E CONGEDI LEGGE 104/92"

Transcript

1 1 PERMESSI E CONGEDI LEGGE 104/92 Compendio

2 Norme La legge 4 novembre 2010, n. 183 (cosiddetta Collegato lavoro) introduce, all art. 24, significative modifiche alla disciplina dei permessi per l'assistenza a portatori di handicap in situazione di gravità previsti dall art. 33 della Legge 5 febbraio 1992, n La nuova norma ha mantenuto la disciplina dei requisiti di riconoscimento dello stato di handicap, che, in base al comma 3 dell art. 3 della Legge 104, si configura come handicap in situazione di gravità e viene riconosciuto quando "la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l autonomia personale, correlata all età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione". È invece intervenuta sull individuazione degli aventi diritto ai permessi retribuiti stabilendo espressamente che il diritto alla fruizione dei permessi non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per l assistenza alla stessa persona con handicap in situazione di gravità. Di conseguenza, il diritto a fruire dei benefici previsti, in caso di necessità di prestare assistenza nei confronti di persone in situazione di handicap grave, viene riconosciuto ad un solo lavoratore dipendente. Con tale norma si rafforza il concetto per cui i permessi possono essere accordati ad un unico lavoratore per l assistenza alla stessa persona. Soltanto i genitori, anche adottivi, hanno la possibilità di fruire alternativamente dei tre giorni di permesso in deroga a tale norma. La stessa poi, dispone, all art. 23, la delega al Governo per l adozione di disposizioni in materia di congedi, aspettative e permessi, fruibili dai lavoratori dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati. Con il Decreto legislativo 18 luglio 2011, n. 119 si ridefiniscono i criteri e le modalità per la fruizione dei congedi, delle aspettative e dei permessi, al fine di garantirne l applicazione certa ed uniforme della disciplina e la razionalizzazione e semplificazione dei documenti da presentare, con particolare riferimento alle persone con handicap in situazione di gravità ai sensi dell articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n

3 Il lavoratore con disabilità Legge 104/92 Art. 33 comma 6 Il lavoratore dipendente disabile in situazione di gravità ha diritto a permessi retribuiti nella misura di 2 ore giornaliere, oppure, di 3 giorni di permesso mensile a prescindere dall orario della giornata. I permessi sono senza limiti: le ore di permesso retribuito vanno, infatti, intese per ogni giornata lavorativa del mese. Le due modalità di fruizione sono alternative. Nell arco del mese, il lavoratore disabile in situazione di gravità potrà chiedere le due ore di permesso giornaliero retribuito oppure, in alternativa, i tre giorni di permesso mensile. In alcuni contratti collettivi le clausole prevedono la possibilità di fruire, frazionandole ad ore, le tre giornate intere di permesso, fissando allo scopo un contingente massimo di 18 ore. Il CCNL 2007 del Comparto scuola, non ha invece recepito tale possibilità. La modalità di fruizione dei permessi mensili deve essere programmata in anticipo al fine di consentire al servizio del personale il calcolo dei giorni o delle ore spettanti e accordabili, fermo restando che improcrastinabili esigenze del lavoratore con disabilità non possono che prevalere sulle esigenze dell organizzazione dell istituzione scolastica. In regime di part-time orizzontale, i permessi non vanno riproporzionati. Per il personale in servizio con contratto part-time verticale, i permessi vengono computati in analogia al personale a tempo pieno. Ovviamente tali permessi saranno connessi al periodo in cui il lavoratore presta la sua attività di servizio. Ricordiamo infatti che il CCNL scuola del all art. 58 Rapporto di lavoro a tempo parziale, al comma 8, ha disposto che: Nell'applicazione degli altri istituti normativi previsti dal presente contratto, tenendo conto della ridotta durata della prestazione e della peculiarità del suo svolgimento, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di legge e contrattuali dettate per il rapporto a tempo pieno. Questo in considerazione del fatto che l art. 33 della Legge 104 prevede esplicitamente, a tutela del soggetto diversamente abile e senza fare distinzione tra categorie di lavoratori, il diritto a tre giorni di permesso mensile. È inoltre esclusa qualunque riduzione del trattamento accessorio sia con riferimento ai permessi orari che a quelli giornalieri. Circolare della Funzione Pubblica n. 8 del 5 settembre 2008, paragrafo La sede di servizio Legge 104/92 Art. 33 comma 6 La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferita in altra sede, senza il suo consenso.

4 Cumulabilità dei permessi del lavoratore con disabilità D.L.vo 119/2011 Art. 6 Ferie del lavoratore con disabilità Referente unico per l assistenza Legge 183/2010 Art. 24 Il lavoratore disabile che fruisce dei permessi per se stesso, può cumulare il godimento dei tre giorni di permesso mensile per assistere un proprio familiare con handicap grave, nei cui confronti sia stato individuato quale referente unico, senza che debba essere acquisito alcun parere medico legale sulla capacità del lavoratore di soddisfare le necessità assistenziali del familiare anch esso in condizione di gravità. La fruizione delle ferie non incide sul godimento dei permessi e pertanto non è previsto un proporzionamento degli stessi permessi in base ai giorni di ferie fruiti nel medesimo mese poiché i due istituti hanno natura e carattere totalmente diversi e non interferiscono tra di loro. Interpello Ministero Lavoro e politiche sociali n. 21/2011 Rispetto alla platea dei potenziali beneficiari, l individuazione del soggetto a cui fa capo l attività di assistenza con carattere di unicità, esclusività e continuità, deve avvenire anche tenendo conto delle norme che regolamentano gli obblighi di assistenza nell ambito dei rapporti di coniugio e parentela (vedi Codice Civile artt. 143 e 433). Fermo restando che il primo legittimato a beneficiare della fruizione dei permessi è il coniuge (laddove sia presente), la novità più rilevante è rappresentata dalla limitazione del riconoscimento ad un solo lavoratore dipendente entro il secondo grado di parentela o affinità per ciascun disabile. In presenza di più persone in situazione di gravità non è preclusa la possibilità per lo stesso lavoratore, di assistere più persone. Beneficiari entro il secondo grado di parentela o affinità: I parenti: - Genitori, - nonni, - fratelli, sorelle, - nipoti (figli dei figli), gli affini: - suocero, - nuora, - genero, - cognati. I genitori, anche adottivi, hanno la possibilità di fruire alternativamente dei tre giorni di permesso. I permessi spettano al genitore lavoratore anche quando l altro genitore non svolge attività lavorativa. 4

5 Referente unico per l assistenza Legge 183/2010 Art. 24 Nel caso in cui i genitori o il coniuge siano - deceduti, - mancanti, - abbiano raggiunto il limite di età anagrafica di 65 anni, - siano stati colpiti da patologie invalidanti, la disposizione prevede di allargare la cerchia dei famigliari legittimati a fruire dei permessi ad un solo lavoratore dipendente appartenente al terzo grado di parentela o affinità. Beneficiari entro il terzo grado di parentela o affinità: I parenti: - bisnonni, - zii, - nipoti,(figli di fratelli o sorelle), - pronipoti in linea retta, gli affini: - zii acquisiti, - nipoti acquisiti. Oltre alle situazioni di assenza naturale e giuridica in senso stretto (decesso, celibato o stato di figlio naturale non riconosciuto), vengono riconosciute anche le situazioni che abbiano carattere certo e stabile, quali il divorzio, la separazione legale e l abbandono, risultanti da documentazione dell autorità giudiziaria o di altra pubblica autorità. Nell ipotesi in cui il portatore di handicap assuma il domicilio per un determinato arco temporale presso la residenza di diversi parenti entro il secondo grado, poiché dal dettato normativo non emerge più l esplicito richiamo all esclusività dell assistenza, è possibile che più soggetti possano fruire dei permessi in questione. In tal caso, sarà necessario che ciascun avente diritto presenti di volta in volta l istanza per ottenere il riconoscimento dei permessi al fine di prestare legittimamente la dovuta assistenza dichiarando la temporaneità dell assistenza. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Interpello Ministero Lavoro e politiche sociali n. 24/2011 Interpello Ministero Lavoro e politiche sociali n. 32/2011 5

6 Alternanza nell assistenza dei disabili da parte dei genitori Presupposti per il riconoscimento dei permessi per l assistenza I genitori, anche adottivi, hanno la possibilità di fruire alternativamente dei tre giorni di permesso per l assistenza. Pertanto, fermo restando il limite complessivo dei tre giorni mensili, i permessi possono essere utilizzati dal lavoratore padre o dalla lavoratrice madre per l assistenza al medesimo figlio in situazione di handicap grave, anche se di età inferiore ai tre anni. Tale facoltà si aggiunge ai riposi, ai permessi e ai congedi previsti dal D.L.vo n. 151/2001 sulla tutela della maternità. La fruizione dei permessi e del congedo biennale nell arco del mese, non può essere cumulata con le due ore di riposo giornaliero per allattamento, con il prolungamento del congedo parentale e con il congedo biennale e viceversa. Questi riposi e permessi potranno essere cumulati, nell arco del mese, esclusivamente con il congedo parentale e ordinario e con il congedo per malattia del figlio. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Per il riconoscimento dei permessi, la persona in situazione di handicap grave non deve essere ricoverata a tempo pieno. Per ricovero a tempo pieno si intende il ricovero per le intere 24 ore, in strutture ospedaliere o comunque in strutture pubbliche o private che assicurano assistenza sanitaria, ad eccezione delle seguenti circostanze: - interruzione del ricovero per necessità del disabile di recarsi fuori dalla struttura per effettuare visite o terapie; - ricovero a tempo pieno di un disabile in coma vigile e/o stato terminale; - ricovero a tempo pieno di minore per il quale risulti documentato dai sanitari della struttura il bisogno di assistenza da parte di un genitore o di un famigliare. Le situazioni sopra descritte dovranno risultare da idonea documentazione medica che l amministrazione è tenuta a valutare.! I permessi possono essere concessi nel caso di interruzione del ricovero per necessità del disabile di effettuare visite specialistiche o terapie da effettuarsi all esterno della casa di riposo ovvero presso strutture adeguate all assistenza sanitaria o riabilitativa. Ministero Lavoro e Politiche Sociali Interpello n. 13/2009 Circolare della Funzione Pubblica n. 8 del 5 settembre

7 Cumulo dei permessi per l assistenza a più persone in situazione di h. grave D.L.vo n. 119/2011 Art. 6 In base al nuovo periodo aggiunto al comma 3 dell'art. 33 della legge n. 104 del 1992, "Il dipendente ha diritto di prestare assistenza nei confronti di più persone in situazione di handicap grave, a condizione che si tratti del coniuge o di un parente o affine entro il primo grado oppure entro il secondo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i 65 anni di età oppure siano anch'essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti.". Tale disposizione contempla la fattispecie in cui lo stesso lavoratore intenda cumulare i permessi per assistere più disabili. La norma va intesa nel senso che il cumulo di più permessi in capo allo stesso lavoratore è ammissibile solo a condizione che il famigliare da assistere sia il coniuge o un parente o un affine entro il primo grado o entro il secondo grado qualora entrambi i genitori o il coniuge della persona in situazione di handicap grave abbiano compiuto i 65 anni o siano affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti e il cumulo delle agevolazioni sarà consentito al massimo per l'assistenza nell'ambito del secondo grado di parentela o affinità. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 7

8 Patologie invalidanti In relazione alle cosiddette patologie invalidanti, in mancanza di una loro definizione legislativa il riferimento per la loro individuazione è il Decreto interministeriale n. 278 del 21 luglio 2000, Regolamento recante disposizioni di attuazione dell art. 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53 del Ministero della salute, che ha disciplinato le ipotesi in cui è possibile accordare il congedo per gravi motivi di cui all art. 4 comma 2, della L. 53 del In particolare, si tratta delle: 1) patologie acute e croniche che determinano temporanea o permanente riduzione o perdita dell autonomia personale, ivi incluse le affezioni croniche di natura congenita, reumatica, neoplastica, infettiva, dismetabolica, post-traumatica, neurologica, neuromuscolare, psichiatrica, derivanti da dipendenze, a carattere evolutivo o soggette a riacutizzazioni periodiche; 2) patologie acute o croniche che richiedono assistenza continuativa o frequenti monitoraggi clinici, amato chimici e strumentali; 3) patologie acute o croniche che richiedono la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario. Pertanto, nel caso in cui il coniuge, o i parenti e affini entro il secondo grado di parentela della persona in situazione di handicap grave, siano affetti dalle patologie rientranti in tale elenco, l assistenza potrà essere prestata anche da parenti e affini entro il terzo grado. Ai fini del riconoscimento del beneficio dei permessi, dette situazioni dovranno essere tutte ampiamente documentate.!! Esclusivamente ai fini del congedo, in assenza di patologie invalidanti, l età avanzata del titolare del diritto, non costituisce un requisito sufficiente per legittimare il godimento del congedo stesso da parte degli altri soggetti titolati. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Ministero Lavoro e Politiche Sociali Interpello n. 43/2012 8

9 Certificazioni Il lavoratore dipendente ha l obbligo di presentare apposita istanza corredata da idonea documentazione. Nel dettaglio: - verbale della commissione medica dal quale risulti l accertamento della situazione di handicap grave. In merito alla documentazione che il soggetto beneficiario dei permessi ai sensi dell'art. 33 comma 3 della Legge 104/92 è tenuto a presentare il Dipartimento della Funzione Pubblica, con il Parere UANAS del 13 luglio 2007, ha chiarito che il contenuto del verbale attestante lo stato di handicap grave, redatto dalla Commissione medica è comprovabile anche mediante dichiarazione sostitutiva prevista dall'art. 47 del D.P.R. 445/2000. Pertanto, i soggetti interessati potranno avvalersi di tale modalità semplificata; - eventuale certificato medico dal quale risulti la patologia invalidante di cui all art. 33, comma 3, della legge 104; - certificato medico di non ricovero a tempo pieno del soggetto in situazione di handicap grave; - dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza dalla quale risulti che il dipendente presta assistenza nei confronti del disabile, ovvero: - dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza dalla quale risulti che il dipendente necessita delle agevolazioni per le necessità dovute alla propria situazione di handicap; - dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza nella quale il lavoratore, che assiste un soggetto in situazione di gravità, conferma il proprio impegno, morale oltre che giuridico, a prestare effettivamente la propria opera di assistenza; - dichiarazione sottoscritta di responsabilità e consapevolezza circa l onere per l amministrazione e l impegno di spesa pubblica che lo Stato e la collettività sopportano solo per l effettiva tutela dei disabili; - dichiarazione di impegno a comunicare tempestivamente eventuali variazioni della situazione di fatto e di diritto causanti il venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei benefici. Alla luce della nuova normativa, non risulta che altri soggetti debbano manifestare con apposite dichiarazioni sostitutive la rinuncia all assistenza al disabile in situazione di handicap grave. È pertanto sufficiente che venga acquisita la dichiarazione del disabile che intende essere assistito dal suddetto lavoratore nonché la dichiarazione che nessun altro familiare beneficia dei permessi per la stessa persona disabile. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Parere UANAS del 13 luglio

10 Programmazione dei permessi Per la fruizione dei permessi, l interessato dovrà comunicare al dirigente scolastico le assenze dal servizio con congruo anticipo e, nei limiti del possibile, con programma mensile, al fine di consentire la migliore organizzazione dell attività amministrativa, fermo restando che improcrastinabili esigenze di assistenza e quindi di tutela del disabile, non possono che prevalere sulle esigenze dell organizzazione dell istituzione scolastica. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Ministero lavoro e Politiche Sociali Interpello n. 31/2010 Il lavoratore ha l obbligo di dichiarare il venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei benefici. 10 Controlli Il datore di lavoro si avvale dei competenti organi di controllo della pubblica amministrazione per l accertamento della sussistenza delle condizioni richieste per la fruizione dei benefici previsti dall art. 33. Sarà possibile avviare il procedimento disciplinare a carico del lavoratore, laddove lo stesso abbia omesso di dichiarare il venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei benefici, con decadenza del diritto agli stessi. Circolare della Funzione Pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 Residenza dell assistito e obbligo di attestazione Il lavoratore che usufruisce dei permessi e che risiede in comune situato a distanza stradale superiore a 150 chilometri rispetto a quello di residenza del lavoratore, ha l obbligo di attestare, con titolo di viaggio, o altra documentazione idonea, il raggiungimento del luogo di residenza dell assistito. Ciò comporta che per distanze fino a 150 km. non sarà dovuta alcuna attestazione. D.L.vo 119/2011 Art. 6

11 La sede di servizio Legge 183/2010 Art. 24 Tutori e amministratori di sostegno Il lavoratore, ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al domicilio della persona da assistere e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede. Pertanto il lavoratore può chiedere solo ed esclusivamente il trasferimento verso il domicilio della persona da assistere. La norma è stata già anticipata, per quanto ci riguarda, dal CCNI sulla mobilità che, in riferimento alla precedenza per assistenza al coniuge, ed al figlio con disabilità, ovvero assistenza del figlio unico al genitore con disabilità prescrive e limita tale beneficio ai trasferimenti nell ambito e per la provincia che comprende il comune ove risulti domiciliato il soggetto disabile. Il Ministero del lavoro esclude la possibilità di fruire dei permessi i tutori o gli amministratori di sostegno di persone con handicap in situazione di gravità anche se dimostrino di assistere con sistematicità ed adeguatezza la persona disabile. Ministero Lavoro e Politiche Sociali Interpello n. 41/

12 Congedo biennale D.L.vo 119/2011 Art. 4 (dal 5 al 5 quinquies) L art. 42 del D.L.vo n. 151/2001 viene modificato in toto dal D.L.vo 119/2011. Nel rispetto delle disposizioni dettate dalla legge 183/2010, sono ridefiniti i criteri che disciplinano il congedo, i soggetti legittimati alla fruizione del congedo, le modalità di fruizione, la durata e il trattamento economico spettante. Il congedo può essere accordato ad un unico lavoratore dipendente (referente unico) per l assistenza alla stessa persona con handicap in situazione di gravità. Può essere fruito in modo continuativo o frazionato e non può superare, nell arco della vita lavorativa, la durata complessiva di due anni indipendentemente dal numero dei familiari assistiti. Il diritto a fruire del congedo straordinario spetta: - ai due genitori, anche adottivi, per i quali non corre obbligo di convivenza. Possono fruirne in maniera alternativa ma non cumulativa. I genitori possono usufruire dei tre giorni di permesso, del riposo giornaliero di due ore, del prolungamento del congedo parentale anche in maniera cumulata con il congedo straordinario nell arco dello stesso mese mentre è precluso il cumulo dei benefici nello stesso giorno; - al coniuge convivente del soggetto con handicap; - a uno dei figli conviventi, in caso di mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre, anche adottivi; - a uno dei fratelli o sorelle conviventi, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei figli conviventi.! L età avanzata del coniuge convivente non costituisce un requisito sufficiente per legittimare il godimento del congedo da parte di altri soggetti titolati. Il dipendente che assiste una persona in situazione di handicap grave diversa dal figlio, nell ambito dello stesso mese può fruire, sia del congedo biennale che dei permessi. Nel caso di fruizione nello stesso mese del congedo, dei permessi, di ferie, di aspettative o di altre tipologie di assenze, non è previsto il riproporzionamento dei permessi e del congedo. Ministero Lavoro e politiche sociali Interpello n. 24/2012 Ministero Lavoro e politiche sociali Interpello n. 43/2012 Circolare Funzione Pubblica n. 1/

13 Congedo biennale D.L.vo 119/2011 Art. 4 (dal 5 al 5 quinquies) La richiesta di fruizione deve essere presentata al datore di lavoro, che concede il congedo entro 60 giorni dalla richiesta a condizione che la persona da assistere non sia ricoverata a tempo pieno. Il congedo può essere fruito anche se la persona da assistere è ricoverata a tempo pieno, qualora lo richiedano i sanitari della struttura. Fermo restando il limite dei due anni, per i lavoratori con parttime verticale la durata del congedo straordinario per l assistenza a figli e familiari con grave disabilità va conteggiata in misura proporzionata al numero delle giornate di lavoro prestate nell anno. Occorre, inoltre, specificare che tale modalità applicativa continua a verificarsi sino a quando il dipendente fruisce del part-time verticale. Nel caso, poi, che il dipendente dovesse decidere di ritornare a tempo pieno, il periodo di congedo già fruito andrà nuovamente riproporzionato sulla base delle giornate lavorative a tempo pieno. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 Dipartimento della Funzione Pubblica nota prot. n del 12 settembre

14 Trattamento economico del congedo biennale D.L.vo 119/2011 Art. 4 (5ter) Durante il periodo di congedo il lavoratore ha diritto a percepire una indennità corrispondente all ultima retribuzione ma con riferimento esclusivamente alle voci fisse e continuative del trattamento. L'indennità di cui trattasi deve corrispondere a quella percepita quale ultima retribuzione ai sensi dell'art. 42, comma 5-ter, del D.L.vo 151/2001 che espressamente prevede: "Durante il periodo di congedo, il richiedente ha diritto a percepire un'indennità corrispondente all'ultima retribuzione". A ribadire il concetto, la recente circolare della Funzione Pubblica, la n. 1 del 2012, alla lettera d) rubricata "Il trattamento spettante durante il congedo", specifica che "l'indennità è corrisposta nella misura dell'ultima retribuzione percepita e cioè quella dell'ultimo mese di lavoro che precede il congedo". La norma rinvia a quanto previsto dall art. 23 del D.L.vo 151/2001 Calcolo dell indennità laddove la locuzione "retribuzione media globale giornaliera del periodo di paga quadrisettimanale o mensile scaduto ed immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha avuto inizio il congedo di maternità" non può che essere interpretata in modo coerente con quanto previsto dal resto delle norme e quindi inserirsi in un ragionamento ormai plausibilmente accreditato. Non ci sono dubbi, pertanto, che per "ultimo mese di lavoro" non possa che intendersi l'ultimo mese lavorato, in quanto ogni differente interpretazione, riferita al mese immediatamente antecedente il congedo, non solo contraddirebbe quanto disposto dal legislatore, ma di fatto, andrebbe anche oltre ciò che le parole esprimono. Il periodo massimo di due anni è coperto da contribuzione figurativa fino ad un importo annuale massimo, che attualmente ammonta a ,78, rivalutato annualmente in base all indice ISTAT. L importo si intende al lordo della contribuzione, con riferimento alla quota a carico dell ente datore di lavoro e a quella a carico del lavoratore. Il congedo è valutabile per intero ai fini del solo trattamento di quiescenza con versamento contributivo da parte dell Ente datore di lavoro. Il periodo non è utile ai fini della maturazione delle ferie, della tredicesima e del TFS/TFR. Per quanto riguarda il calcolo dell anzianità ai fini della ricostruzione di carriera, a nostro avviso, il congedo è valido a tal fine. Riteniamo che non vi sia ragione per sostenere una interpretazione restrittiva come quella proposta nella nota prot. n del 15 gennaio 2023 del Dipartimento Funzione Pubblica da noi contestata. Infatti, considerando che il comma 5 quinquies espressamente elenca i casi di esclusione dal computo del congedo, risulta chiaro che l unico aspetto non disciplinato dall art. 42 è quello relativo alla modalità di fruizione del congedo stesso, e che, solo per tale aspetto, sarà necessario il rinvio all art. 4, comma 2, della L. 53/2000 ai sensi del quale il congedo può essere fruito in modo continuativo o frazionato. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 Circolare INPS 59/2012 Nota DFP n. 2285/

15 Concetto di convivenza Legge 183/2010 Art. 24 Computo dei periodi Il diritto al congedo biennale è subordinato per tutti i soggetti legittimati, tranne che per i genitori, alla sussistenza della convivenza. Il requisito è provato con autodichiarazione ai sensi della Legge 445/2000 dalle quali risulta la concomitanza della residenza anagrafica e della convivenza, ossia della coabitazione ai sensi della DPR 223/1989 art. 4. Il requisito si intende soddisfatto anche nel caso in cui la dimora abituale del referente unico e dell assistito siano nello stesso stabile (appartamenti distinti nell ambito dello stesso numero civico).il requisito si intende altresì soddisfatto nei casi in cui sia attestata con dichiarazione sostitutiva, la dimora temporanea (diversa dalla dimora abituale/residenza del dipendente e del disabile), ossia l iscrizione nello schedario della popolazione temporanea di cui all art. 32 DPR 223/1989. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 Il congedo biennale rientra nell ambito dei due anni di congedo riconosciuto ai sensi dell art. 4 comma 2 della legge 8 marzo 2000 n. 53 a ciascun lavoratore dipendente per gravi e documentati motivi familiari. Pertanto, eventuali periodi già fruiti per congedo per gravi e documentati motivi familiari devono essere decurtati dal periodo relativo al congedo biennale per l assistenza all handicap. Utilizzati i due anni, ad esempio, per il congedo ex art. 42, il dipendente avrà esaurito anche il limite individuale per "gravi e documentati motivi familiari"ex art. 5 legge 53/2000. Al contrario, un lavoratore o una lavoratrice che nel tempo avesse fruito, ad es., di un anno e quattro mesi di permessi non retribuiti "per gravi e documentati motivi familiari", il congedo potrà essere riconosciuto ma solo nel limite di ulteriori otto mesi. Circolare Funzione Pubblica n. 1/

16 Configurabilità del congedo in presenza di attività lavorativa del disabile assistito Fruizione frazionata e ripresa di servizio Riproporzionamento giorni di permesso Il diritto alla fruizione del congedo nel medesimo periodo in cui il disabile assistito svolga attività lavorativa non può essere escluso a priori. Infatti l assistenza può consistere in attività collaterali ed ausiliarie al concreto svolgimento dell attività lavorativa da parte del disabile, quali l accompagnamento da e verso il luogo di lavoro, attività di assistenza che non richieda necessariamente la presenza del disabile ma che risulti di supporto per il medesimo (ad esempio prenotazione e ritiro esami clinici ecc.). Non si esclude, inoltre, che qualora il lavoratore che assiste il disabile abbia necessità di assentarsi per svolgere l attività per conto del disabile, nella quale non è necessaria la sua presenza, il primo possa fruire dei permessi anche nelle giornate in cui la persona disabile assistita si rechi regolarmente al lavoro. Funzione pubblica nota n del 5/11/2012 Ministero lavoro e politiche sociali Interpello n. 30/2010 Il congedo è fruibile anche in modo frazionato a giorni interi, ma non ad ore. Nel caso di articolazione dell'orario su cinque giorni, affinché non vengano computati nel periodo di congedo i giorni festivi, le domeniche e i sabati è necessario che si verifichi l'effettiva ripresa del lavoro al termine del periodo di congedo richiesto. Tuttavia, laddove un periodo di congedo venga seguito, dopo un interruzione festiva, da altra tipologia di assenza (ferie, malattia o altro) la ripresa del servizio da parte del lavoratore non è dovuta. Di conseguenza, in caso di fruizione del congedo dal lunedì al venerdì (ipotesi di settimana corta) il sabato e la domenica antecedenti la ripresa del lavoro non sono conteggiati laddove il lavoratore si assenti per altra causa. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 Nell ipotesi in cui il lavoratore dipendente, nel corso del mese, fruisca di altre tipologie di assenza, quali ad esempio assenza per malattia, maternità, ecc. non è possibile legittimare un riproporzionamento del diritto ai permessi, in quanto tali assenze giustificate sono riconosciute per legge come diritti spettanti al lavoratore. Al contrario, nell ipotesi in cui il dipendente presenti istanza per la prima volta nel corso del mese (ad esempio nel giorno 19), è possibile prevedere un riproporzionamento dei tre giorni mensili di permesso spettanti in base alla prestazione lavorativa effettivamente svolta. Ministero lavoro e politiche sociali Interpello n. 24/

17 Rapporto di lavoro part-time Il CCNL scuola del all art. 58 Rapporto di lavoro a tempo parziale, al comma 8, ha disposto che: nell'applicazione degli altri istituti normativi previsti dal presente contratto, tenendo conto della ridotta durata della prestazione e della peculiarità del suo svolgimento, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di legge e contrattuali dettate per il rapporto a tempo pieno. Questo in considerazione del fatto che l art. 33 della Legge 104 prevede esplicitamente, a tutela del soggetto diversamente abile e senza fare distinzione tra categorie di lavoratori, il diritto a tre giorni di permesso mensile. Quindi anche i tre giorni di permesso ex art. 33 legge 104, di cui beneficia il personale in servizio con contratto part-time verticale, vengono computati in analogia a quanto previsto per il personale a tempo pieno. Ovviamente tali permessi saranno connessi al periodo in cui il lavoratore presta la sua attività di servizio, sottraendo i periodi in cui non è prevista l'attività lavorativa, considerato che in tale ipotesi la prestazione e la retribuzione del dipendente sono entrambe proporzionate alla percentuale di part-time. Anche per la durata del congedo straordinario dei due anni del personale beneficiario della legge 104/92, il calcolo andrà effettuato sulla base delle giornate lavorative del dipendente per tutto il periodo in cui il lavoratore presta la sua attività in regime di part-time verticale. Le festività, le domeniche e le giornate del sabato (nel caso di articolazione dell orario su 5 giorni settimanali) ricadenti nel periodo non lavorativo devono essere escluse dal conteggio, con eccezione di quelle immediatamente antecedenti e seguenti il periodo, se al termine dello stesso non si verifica la ripresa del servizio ovvero se il dipendente ha chiesto la fruizione del congedo in maniera continuativa. Nel caso di ritorno a tempo pieno, il periodo di congedo già fruito andrà detratto dal complessivo periodo biennale, per conoscere il periodo di congedo residuo, ancora fruibile da parte del lavoratore. Circolare Funzione Pubblica n. 1/2012 Ministero lavoro e politiche sociali Interpello n. 24/

18 NORME DI RIFERIMENTO LEGGE 4 novembre 2010, n. 183 Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l'impiego, di incentivi all'occupazione, di apprendistato, di occupazione femminile, nonché misure contro il lavoro sommerso e disposizioni in tema di lavoro pubblico e di controversie di lavoro. (10G0209) Art Delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi Il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o più decreti legislativi finalizzati al riordino della normativa vigente in materia di congedi, aspettative e permessi, comunque denominati, fruibili dai lavoratori dipendenti di datori di lavoro pubblici o privati, in base ai seguenti principi e criteri direttivi: a) coordinamento formale e sostanziale del testo delle disposizioni vigenti in materia, apportando le modifiche necessarie per garantire la coerenza giuridica, logica e sistematica della normativa e per adeguare, aggiornare e semplificare il linguaggio normativo; b) indicazione esplicita delle norme abrogate, fatta salva l'applicazione dell'articolo 15 delle disposizioni sulla legge in generale premesse al codice civile; c) riordino delle tipologie di permessi, tenuto conto del loro contenuto e della loro diretta correlazione a posizioni giuridiche costituzionalmente tutelate; d) ridefinizione dei presupposti oggettivi e precisazione dei requisiti soggettivi, nonché razionalizzazione e semplificazione dei criteri e delle modalità per la fruizione dei congedi, delle aspettative e dei permessi di cui al presente articolo, al fine di garantire l'applicazione certa ed uniforme della relativa disciplina; e) razionalizzazione e semplificazione dei documenti da presentare, con particolare riferimento alle persone con handicap in situazione di gravità ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, o affette da patologie di tipo neuro-degenerativo o oncologico. 2. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono adottati su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione e del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentite le associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale e previo parere della Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, che si esprime entro trenta giorni dalla data di trasmissione dei relativi schemi; decorso tale termine, il Governo può comunque procedere. Successivamente, gli schemi sono trasmessi alle Camere per l'acquisizione del parere delle competenti Commissioni parlamentari, che si esprimono entro quaranta giorni dall'assegnazione; decorso tale termine, i decreti legislativi possono essere comunque emanati. Qualora il termine per l'espressione del parere parlamentare di cui al presente comma scada nei trenta giorni che precedono la scadenza del termine per l'adozione dei decreti legislativi di cui al comma 1, quest'ultimo è prorogato di due mesi. 3. L'adozione dei decreti legislativi attuativi della delega di cui al presente articolo non deve comportare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

19 Art Modifiche alla disciplina in materia di permessi per l'assistenza a portatori di handicap in situazione di gravità 1. All'articolo 33 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 3 è sostituito dal seguente: "3. A condizione che la persona handicappata non sia ricoverata a tempo pieno, il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità, coniuge, parente o affine entro il secondo grado, ovvero entro il terzo grado qualora i genitori o il coniuge della persona con handicap in situazione di gravità abbiano compiuto i sessantacinque anni di età oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti o mancanti, ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa. Il predetto diritto non può essere riconosciuto a più di un lavoratore dipendente per l'assistenza alla stessa persona con handicap in situazione di gravità. Per l'assistenza allo stesso figlio con handicap in situazione di gravità, il diritto è riconosciuto ad entrambi i genitori, anche adottivi, che possono fruirne alternativamente"; b) al comma 5, le parole da: "Il genitore" fino a: "handicappato" sono sostituite dalle seguenti: "Il lavoratore di cui al comma 3" e le parole: "al proprio domicilio" sono sostituite dalle seguenti: "al domicilio della persona da assistere"; c) è aggiunto, in fine, il seguente comma: "7-bis. Ferma restando la verifica dei presupposti per l'accertamento della responsabilità disciplinare, il lavoratore di cui al comma 3 decade dai diritti di cui al presente articolo, qualora il datore di lavoro o l'inps accerti l'insussistenza o il venir meno delle condizioni richieste per la legittima fruizione dei medesimi diritti. Dall'attuazione delle disposizioni di cui al presente comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica" All'articolo 42 del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità,di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, sono apportate le seguenti modificazioni: a) il comma 2 è sostituito dal seguente: "2. Successivamente al compimento del terzo anno di età del bambino con handicap in situazione di gravità, il diritto a fruire dei permessi di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni, è riconosciuto ad entrambi i genitori, anche adottivi, che possono fruirne alternativamente, anche in maniera continuativa nell'ambito del mese"; b) il comma 3 è abrogato. 3. All'articolo 20, comma 1, della legge 8 marzo 2000, n. 53, le parole da: "nonché" fino a: "non convivente" sono soppresse. 4. Le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, comunicano alla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica: a) i nominativi dei propri dipendenti cui sono accordati i permessi di cui all'articolo 33, commi 2 e 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni, ivi compresi i nominativi dei lavoratori padri e delle lavoratrici madri, specificando se i permessi sono fruiti dal lavoratore con handicap in situazione di gravità, dal lavoratore o dalla lavoratrice per assistenza al proprio figlio, per assistenza al coniuge o per assistenza a parenti o affini;

20 b) in relazione ai permessi fruiti dai dipendenti per assistenza a persona con handicap in situazione di gravità, il nominativo di quest'ultima, l'eventuale rapporto di dipendenza da un'amministrazione pubblica e la denominazione della stessa, il comune di residenza dell'assistito; c) il rapporto di coniugio, il rapporto di maternità o paternità o il grado di parentela o affinità intercorrente tra ciascun dipendente che ha fruito dei permessi e la persona assistita; d) per i permessi fruiti dal lavoratore padre o dalla lavoratrice madre, la specificazione dell'età maggiore o minore di tre anni del figlio; e) il contingente complessivo di giorni e ore di permesso fruiti da ciascun lavoratore nel corso dell'anno precedente e per ciascun mese. 5. La Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica istituisce e cura, con gli ordinari stanziamenti di bilancio, una banca di dati informatica costituita secondo quanto previsto dall'articolo 22, commi 6 e 7, del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in cui confluiscono le comunicazioni di cui al comma 4 del presente articolo, che sono fornite da ciascuna amministrazione per via telematica entro il 31 marzo di ciascun anno, nel rispetto delle misure di sicurezza previste dal predetto codice di cui al decreto legislativo n. 196 del La Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento della funzione pubblica è autorizzata al trattamento dei dati personali e sensibili di cui al comma 4, la cui conservazione non può comunque avere durata superiore a ventiquattro mesi. Ai fini della comunicazione dei dati di cui al comma 4, le amministrazioni pubbliche sono autorizzate al trattamento dei relativi dati personali e sensibili e provvedono alla conservazione dei dati per un periodo non superiore a trenta giorni dalla loro comunicazione, decorsi i quali, salve specifiche esigenze amministrativo-contabili, ne curano la cancellazione. Le operazioni rilevanti consistono nella raccolta, conservazione, elaborazione dei dati in forma elettronica e no, nonché nella comunicazione alle amministrazioni interessate. Sono inoltre consentite la pubblicazione e la divulgazione dei dati e delle elaborazioni esclusivamente in forma anonima. Le attività di cui ai commi 4 e 5, finalizzate al monitoraggio e alla verifica sulla legittima fruizione dei permessi, sono di rilevante interesse pubblico. Rimangono fermi gli obblighi previsti dal secondo comma dell'articolo 6 della legge 26 maggio 1970, n. 381, dall'ottavo comma dell'articolo 11 della legge 27 maggio 1970, n. 382, e dal quarto comma dell'articolo 8 della legge 30 marzo 1971, n. 118, concernenti l'invio degli elenchi delle persone sottoposte ad accertamenti sanitari, contenenti soltanto il nome, il cognome e l'indirizzo, rispettivamente all'ente nazionale per la protezione e l'assistenza dei sordi, all'unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti e all'associazione nazionale dei mutilati e invalidi civili. DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 Attuazione dell'articolo 23 della legge 4 novembre 2010, n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi. (11G0162) Art. 4 - Modifiche all'articolo 42, decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, in materia di congedo per assistenza di soggetto portatore di handicap grave 1. All'articolo 42 del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, sono apportate le seguenti modificazioni:

LEGGE 4 novembre 2010, n. 183

LEGGE 4 novembre 2010, n. 183 LEGGE 4 novembre 2010, n. 183 Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l'impiego, di

Dettagli

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità

Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Permessi per l assistenza alle persone con disabilità Con l emanazione della Circolare n. 13 del 6 dicembre 2010, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le disposizioni applicative dell art. 24

Dettagli

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di

Cognome Nome Nato a il Residente a. Recapito telefonico dipendente a tempo indeterminato/determinato in qualità di Richiesta di congedo straordinario per assistenza al genitore con disabilità grave (art. 42 comma 5 del D. Lgs. n. 151/2001, come modificato dalla Legge n. 350/2003 e dal D.lgs. 18.07.2011, n 119) Al Direttore

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119

DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 DECRETO LEGISLATIVO 18 luglio 2011, n. 119 Attuazione dell'articolo 23 della legge 4 novembre 2010, n. 183, recante delega al Governo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative

Dettagli

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA

ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA Circolare Docenti N. 121 Circolare ATA N. 29 Genova, 4 Febbraio 2014 Inviata via e mail Pubblicata sul sito www.itnautico.it Ai Docenti Al Personale ATA GENOVA e CAMOGLI Oggetto: Accertamento fruizione

Dettagli

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151)

1. Congedi per gravi e documentati motivi familiari (art. 42, comma 5,D.Lgs. 26.3.2001, n. 151) Direzione Centrale delle Prestazioni Roma, 26 Aprile 2002 Circolare n. 85 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap

Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Il congedo straordinario per chi assiste portatori di handicap Aggiornato alla Circ. INPS n^ 159 del 15/11/2013 La Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 203 del 3 luglio 2013 ha dichiarato l

Dettagli

OGGETTO CONGEDO STRAORDINARIO PER ASSISTERE UN DISABILE

OGGETTO CONGEDO STRAORDINARIO PER ASSISTERE UN DISABILE 1 OGGETTO CONGEDO STRAORDINARIO PER ASSISTERE UN DISABILE QUESITI (posti in data 17 dicembre 2014) 1) Ho qualche difficoltà nell'ottenere il congedo straordinario previsto dal decreto legislativo 151 per

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI?

ANFFAS Brescia Onlus SERVIZIO ACCOGLIENZA E INFORMAZIONE SAI? PERMESSI e CONGEDI PARENTALI (art. 33 L. 104/92) solo per genitori, parenti o affini di una persona riconosciuta in SITUAZIONE DI HANDICAP GRAVE (certificazione di gravità ex art. 3 c. 3 L104/92); solo

Dettagli

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine;

2) Persone ricoverate a tempo pieno e che si trovano in stato vegetativo o con prognosi infausta a breve termine; L INPS, con circolare n. 155 del 3/12/2010, ha dettato le prime istruzioni in materia di permessi per l assistenza ai portatori di handicap in situazione di gravità. Questi gli aspetti più interessanti:

Dettagli

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11

Ai Rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali Territoriali di Comparto CIRCOLARE N. 11 Area Risorse e Sistemi Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti Ai Presidi di Facoltà Ai Direttori di Dipartimento A tutto il Personale

Dettagli

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP Prot. n. 3_229_PUBBLICO_IMPIEGO Roma, 9 marzo 2010 Info Pubblico Impiego n. 23 COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP È stato approvato dopo un iter durato circa due anni- il collegato

Dettagli

LA TUTELA DELL'HANDICAP GRAVE - LE AGEVOLAZIONI LAVORATIVE -

LA TUTELA DELL'HANDICAP GRAVE - LE AGEVOLAZIONI LAVORATIVE - LA TUTELA DELL'HANDICAP GRAVE - LE AGEVOLAZIONI LAVORATIVE - Sommario PREMESSA. LA LEGGE 104 DEL 1992... 3 TRE GIORNI DI PERMESSO MENSILE... 3 ACCERTAMENTO DELL'HANDICAP GRAVE... 4 GENITORI DI FIGLI CON

Dettagli

PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ

PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ FABINFORMA B.C.C. Notiziario a cura del Coordinamento Nazionale Banche di Credito Cooperativo PERMESSI PER L'ASSISTENZA A PORTATORI DI HANDICAP IN SITUAZIONE DI GRAVITÀ L'INPS, con circolare n. 155 del

Dettagli

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92

Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 Disabili e loro familiari Artt.3,4 e 33 L.104/92 La legge riconosce ai lavoratori disabili e ai loro familiari il diritto di fruire, in presenza di determinate condizioni, di permessi retribuiti o di congedi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio I Affari generali, personale e servizi della direzione generale Prot. n. MIUR AOODRLO R.U.

Dettagli

Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca. e, p.c. Alle OO.SS.

Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca. e, p.c. Alle OO.SS. DIREZIONE GENERALE DIREZIONE AFFARI GIURIDICI SERVIZIO TRATTAMENTO GIURIDICO, ECONOMICO E PREVIDENZIALE Circolare n.14/2015 prot. 67063 del 14/12/15 Ai Direttori delle Strutture di ricerca Alla Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I.

REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. REGOLAMENTO AZIENDALE SULL UTILIZZO DEI PERMESSI RETRIBUITI DI CUI ALLA LEGGE 5.2.1992, N.104 E S.M.I. 1 Art. 1 Riferimenti normativi Legge 5.2.1992, n.104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA E BENEFICI DELLA LEGGE 104 QUESITO (posto in data 26 marzo 2014) Sono un dirigente medico di sessanta anni, con trentacinque anni di anzianità. In seguito a gravi patologie mi è stata

Dettagli

Viterbo, lì 16.09.2011_. OGGETTO: fruizione congedo straordinario ex art.42 d.lgs. 151/2001 e s.m.i. A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE AUSL VITERBO

Viterbo, lì 16.09.2011_. OGGETTO: fruizione congedo straordinario ex art.42 d.lgs. 151/2001 e s.m.i. A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE AUSL VITERBO U.O.C. ACQUISIZIONE E GESTIONE GIURIDICO-ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE Direttore: Dott. Francesca Gubiotti U.O.S. AREA GIURIDICA E RELAZIONI SINDACALI Dirigente: dott. Luciano Ciprini SETTORE AMMINISTRAZIONE

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751/2/3/4 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI CONGEDI, ASPETTATIVE E PERMESSI

RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI CONGEDI, ASPETTATIVE E PERMESSI RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI CONGEDI, ASPETTATIVE E PERMESSI Studio De Fusco Art. 1 Oggetto e finalità Oggetto: modifiche in materia di congedi, aspettative e permessi, ex art. 23, co. 1, lett.

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER IL CONIUGE E I FIGLI CON GRAVE HANDICAP Legge Legge n. n. 388/00, 388/00, art. art. 80, 80, c. c. 2 D.lgs D.lgs n. n. 151/01, 151/01, art. art. 42, 42, c. c. 5 Legge Legge

Dettagli

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u

Dipartimento I Risorse Umane e Qualità dei Servizi. Roma, 9 settembre 2011. Rif. int. n.466/u Rif. int. n.466/u Roma, 9 settembre 2011 e p.c. Al Capo di Gabinetto Al Segretario Generale Al Direttore Generale Ai Direttori di Dipartimento e Uffici equiparati Ai Dirigenti di Servizio Ai dipendenti

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO REVOCA DEI BENEFICI PREVISTI PER L ASSISTENZA DI UN CONGIUNTO DISABILE QUESITO (posto in data 27 giugno 2014) Sono un dirigente medico ospedaliero a tempo indeterminato. La mia Azienda mi ha

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO.

PROVINCIA DI LIVORNO. Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. PROVINCIA DI LIVORNO CIRCOLARE N. 1/2014 Ai Dirigenti Ai dipendenti Oggetto: congedo retribuito di cui all art. 42 c. 5 del D.Lgs 151/2001 - AGGIORNAMENTO. Alla luce delle modifiche intercorse a seguito

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

Permessi assistenza disabili: chiarimenti dal Ministero Danilo Papa Dirigente D.G. Attività Ispettiva del Ministero del lavoro

Permessi assistenza disabili: chiarimenti dal Ministero Danilo Papa Dirigente D.G. Attività Ispettiva del Ministero del lavoro Permessi assistenza disabili: chiarimenti dal Ministero Danilo Papa Dirigente D.G. Attività Ispettiva del Ministero del lavoro Div. II, Attività di interpello, Consulenza, Affari legali Il Ministero del

Dettagli

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV

I ncontri DISABILITÀ LAVORO. cosa prevede la legge. idee&fatti. n S P E C I A L E I N S E RT O. dicembre 2014 anno IV I ncontri idee&fatti 27 dicembre 2014 anno IV DISABILITÀ E LAVORO n S P E C I A L E I N S E RT O n S P E C I A L E I N S E RT O DISABILITÀ E LAVORO 3 5 LEGGE 104/1992 CONGEDI PER CAUSE PARTICOLARI E GRAVI

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI A TUTELA DELLE SITUAZIONI DI HANDICAP FEBBRAIO 2015 1 PREMESSA Questo documento illustra i permessi ed i congedi previsti dalle norme di legge e di contratto a tutela delle situazioni

Dettagli

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE AUSL VITERBO. e, p.c. Al Direttore Amministrativo AUSL Viterbo Sede

A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE AUSL VITERBO. e, p.c. Al Direttore Amministrativo AUSL Viterbo Sede U.O.C. ACQUISIZIONE E GESTIONE GIURIDICO-ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE Direttore: Dott. Francesca Gubiotti U.O.S. AREA GIURIDICA E RELAZIONI SINDACALI Dirigente: dott. Luciano Ciprini SETTORE AMMINISTRAZIONE

Dettagli

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio

PAIS Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio Periodico Amministrativo delle Istituzioni Scolastiche Rivista mensile di cultura professionale e di formazione in servizio Riordino della normativa in materia di congedi e permessi per l'assistenza alle

Dettagli

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

(1). IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 80 (1). Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (1) Pubblicato

Dettagli

Legge 104/92. Marzo PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP FABI. A cura del COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA

Legge 104/92. Marzo PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP FABI. A cura del COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Legge 104/92 Marzo 2015 PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP A cura del COMITATO REGIONALE FABI EMILIA ROMAGNA Documentazione fornita da PATRONATO ACLI Servizio Previdenze Federazione Autonoma Bancari

Dettagli

VITERBO LEGGE 104/92

VITERBO LEGGE 104/92 VITERBO LEGGE 104/92 D.lgs n.151/2001 1 ARAN Comparto del personale delle Regioni e delle Autonomie locali LA DISCIPLINA DEI PERMESSI E DEI CONGEDI PER LA TUTELA DEI DISABILI SOMMARIO SCHEDA N. 1 pag.

Dettagli

GUIDA alla legge 104/1992

GUIDA alla legge 104/1992 infouilca UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI Milano e Lombardia ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ i quaderni di

Dettagli

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro)

Prime note sul D.Lgs. 80/2015. (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Prime note sul D.Lgs. 80/2015 (Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro) Il decreto è stato pubblicato sulla G.U. n.144 del 24-6-2015 (Suppl. Ordinario n. 34) ed è efficace

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013. Proposta n. 42 Estratto DETERMINAZIONE N. 42 del 15/02/2013 Proposta n. 42 Oggetto: DIPENDENTE COMUNALE. CONCESSIONE PERMESSI AI SENSI LEGGE 104/1992. Area Economico Finanziaria Proposta n. 42 Settore Segreteria ed Affari

Dettagli

Permessi lavorativi per parenti e affini che assistono persone con disabilità Descrizione

Permessi lavorativi per parenti e affini che assistono persone con disabilità Descrizione Permessi lavorativi per parenti e affini che assistono persone con disabilità Descrizione L'articolo 33 della Legge n. 104/1992 (così come modificata dall'articolo 24 della Legge n. 183/2010) prevede la

Dettagli

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992

INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 INVALIDITA, HANDICAP, DISABILITA PROVVIDENZE AI SENSI DELLA LEGGE n. 104/1992 1) Premessa - legislazione di riferimento Il legislatore, con la legge n. 104/1992 ha attribuito un complesso di provvidenze

Dettagli

Legge 104/92. Marzo FABI PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP PRINCIPALI MESSAGGI E CIRCOLARI INPS AGEVOLAZIONI FISCALI

Legge 104/92. Marzo FABI PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP PRINCIPALI MESSAGGI E CIRCOLARI INPS AGEVOLAZIONI FISCALI Marzo 2015 Legge 104/92 PERMESSI E CONGEDI A TUTELA DELL HANDICAP PRINCIPALI MESSAGGI E CIRCOLARI INPS AGEVOLAZIONI FISCALI A cura del COMITATO REGIONALE FABI EMILIA ROMAGNA Documentazione fornita da PATRONATO

Dettagli

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo

FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Guida pratica FIBA CISL Gruppo Intesa Sanpaolo Portatori di HANDICAP aggiornamento Marzo 2014 SOMMARIO DEFINIZIONE DI HANDICAP... 3 Quando una persona è definita portatrice di handicap?... 3 ACCERTAMENTO

Dettagli

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione.

Introduce inoltre novità per ciò che riguarda i congedi per cura e per formazione. Introduzione La legge 53/2000 (conosciuta con il titolo di Congedi Parentali) e altre norme ad essa collegata introducono rilevanti modifiche a importanti leggi dello Stato quali: La Legge 1204 del 30/12/1971

Dettagli

GUIDA FISAC. Handicap e LEGGE104 CGIL FISAC

GUIDA FISAC. Handicap e LEGGE104 CGIL FISAC GUIDA FISAC Handicap e LEGGE104 2014 CGIL FISAC A cura di Marina Guglielmetti FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida Handicap e Legge 104-2014 Handicap e Legge 104 2014 1 1

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSI L.104/92 art. 33 comma 3 ASSISTENZA PARENTI

RICHIESTA DI PERMESSI L.104/92 art. 33 comma 3 ASSISTENZA PARENTI Mod. 11 Struttura: Gestione Risorse Umane - Settore Rilevazione Presenze/Assenze RICHIESTA DI PERMESSI L.104/92 art. 33 comma 3 ASSISTENZA PARENTI A) DATI RELATIVI AL RICHIEDENTE DEI BENEFICI - REFERENTE

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

CONGEDO PARENTALE 2015

CONGEDO PARENTALE 2015 CONGEDO PARENTALE 2015 Si riportano di seguito le modifiche, tardive e parziali, apportate a tale istituto dal Jobs act con validità limitata al periodo dal 25 giugno al 31 dicembre 2015 Art. 32 decreto

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Artt 4, 5 e 6, C.C.N.L. 14 settembre 2000 Art. 11, C.C.N.L. 22 gennaio 2004 Che cosa è Si caratterizza per una prestazione oraria stabilita dal contratto di lavoro inferiore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI BENEFICI CONNESSI ALLA LEGGE N. 104/92

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI BENEFICI CONNESSI ALLA LEGGE N. 104/92 CITTA DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli Ufficio Personale REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI BENEFICI CONNESSI ALLA LEGGE N. 104/92 CITTA DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli Ufficio

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7

Congedi per eventi e cause particolari 7 Congedo non retribuito per gravi motivi familiari e/o personali 7 SOMMARIO Sommario Presentazione Congedo di maternità Congedo di paternità Congedi parentali Riposi giornalieri Congedi per malattia del bambino Tutela del lavoratore in caso di lavoro notturno 2 3 4 4

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it

Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Assistenza ai disabili di Laura Marino Content manager di www.dottorlex.it Nel corso dell ultimo anno, le agevolazioni lavorative e gli incentivi per favorire l assistenza alle persone disabili sono stati

Dettagli

AREA TEMATICA FERIE - PERMESSI - ASSENZE

AREA TEMATICA FERIE - PERMESSI - ASSENZE AREA TEMATICA FERIE - PERMESSI - ASSENZE L'area tratta delle problematiche legate alle ferie, ai permessi e più in generale alle assenze: ferie, permessi, festività soppresse, congedo matrimoniale, festività,

Dettagli

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità

Cosa si intende con il termine congedo? congedo di maternità congedo di paternità 1 GUIDA AI CONGEDI PER LA CONCILIAZIONE Questo testo riscritto dal Comitato Unico di garanzia della Provincia di Varese raccoglie le principali informazioni utili per orientarsi nell ambito dei congedi

Dettagli

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI

Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI Il PATRONATO INCA CGIL RINGRAZIA E SALUTA I PARTECIPANTI 1 Legge 104/92 e successive integrazioni Legge quadro per l assistenza l integrazione sociale e i diritti delle persone disabili Permessi e congedi

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

VADEMECUM LEGISLATIVO PER LA TUTELA DELLA MADRE, DEL PADRE E DEL BAMBINO

VADEMECUM LEGISLATIVO PER LA TUTELA DELLA MADRE, DEL PADRE E DEL BAMBINO Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica Via Carlo Conti Rossini 26 - Roma, 00147 TeleFax 06 5123395 Numero Verde : 800 95 95 29 Indirizzi internet: www.nursingup.it

Dettagli

I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ

I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ I DIRITTI A TUTELA DELLA DISABILITÀ A cosa hanno diritto i lavoratori e le lavoratrici disabili o che assistono una persona disabile 1 A chi è rivolta la brochure? Destinatari La presente brochure sui

Dettagli

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183

Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione. dicembre 2014, n. 183 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Oggetto

Dettagli

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE

PRONTUARIO ALCUNE QUESTIONI DI CARATTERE GENERALE CGIL FP CGIL FUNZIONE PUBBLICA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI NUORO Via Oggiano, 15 08100 N U O R O - Tel. 0784/37639 Fax 0784/35853 CONGEDI PARENTALI FAMILIARI FORMATIVI PERMESSI PER LAVORATORI DISABILI GRAVI

Dettagli

ISTITUTO Roma, 08/04/2008 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO Roma, 08/04/2008 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO Roma, 08/04/2008 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Ai Direttori delle Sedi

Dettagli

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001):

A) Previsione generica comune a tutte le assenze per malattia (art. 21 CCNL del 21/2/1995 + art. 6 CCNL del 16/5/2001): Vademecum a cura di Maura Bonito sulle Tutele previste per i lavoratori del comparto Ministeri affetti da patologie gravi che richiedano terapie salvavita (es. : emodialisi chemioterapia trattamento per

Dettagli

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 00186 ROMA tel. 06/64760274

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "ARCANGELO GHISLERI"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ARCANGELO GHISLERI Al Dirigente Scolastico I.I.S. A. GHISLERI CREMONA Il/la sottoscritto/a nato/a il a (Prov. ) residente a (Prov. ) in Via n, in servizio presso questa Istituzione scolastica in qualità di, C H I E D E di

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 OGGETTO: SIG. - OMISSIS -, DIPENDENTE COMUNALE A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Pagina 1 di 15 REGOLAMENTO DEI RAPPORTI DI LAVORO PART-TIME Art. 1 Definizione 1. Per rapporto di lavoro a tempo parziale

Dettagli

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione

Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione Federazione Nazionale Assicuratori Guida alla maternità Per il personale dipendente da imprese di assicurazione A CURA DELLA COMMISSIONE FEMMINILE...hanno collaborato: Carla Prassoli Rita Mazzarella Armando

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP. Definizione introduttiva GUIDA AI CONGEDI PARENTALI PER I GENITORI, ANCHE ADOTTIVI DI MINORI CON HANDICAP Definizione introduttiva L istituto dei congedi parentali (astensione facoltativa dal posto di lavoro del lavoratore o della

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP

CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP CONGEDO RETRIBUITO DI 2 ANNI PER ASSISTERE SOGGETTI CON GRAVE HANDICAP Legge n. 388/00, art. 80, c. 2 D.lgs n. 151/01, art. 42, c. 5 Legge n. 350, art.3, c. 106 Sentenza Corte Costituzionale n. 233 del

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ C I R C O L A R E DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9807.F.6.2 Roma, 6.8.2001 C I R C O L A R E OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n. 53 recante Disposizioni per il sostegno

Dettagli

Permessi, congedi, aspettative, assenze

Permessi, congedi, aspettative, assenze Permessi, congedi, aspettative, assenze Il titolo XIX (artt. 85-92) del Ccnl studi professionali regolamenta alcune ipotesi di sospensione del rapporto lavoro riconducibili a determinate esigenze del lavoratore

Dettagli

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO

CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO CONGEDI PARENTALI: ISTRUZIONI PER L USO di avvocato Erika Lievore 1 CONGEDO di MATERNITA (EX ASTENSIONE OBBLIGATORIA) DURATA ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL LAVORO: 5 MESI (2 MESI PRECEDENTI E 3 MESI SUCCESSIVI

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

A Z I E N D A U S L D I P E S C A R A Azienda Pubblica

A Z I E N D A U S L D I P E S C A R A Azienda Pubblica A Z I E N D A U S L D I P E S C A R A Azienda Pubblica Spett.le Ufficio GRU Azienda USL di Pescara SEDE di DOMANDA DI CONGEDO RETRIBUITO PER EVENTI E CAUSE PARTICOLARI PER ASSISTERE IL GENITORE (ART. 42,

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria Il Capo del Dipartimento f.f. Circolare nr. 0186333-2001 del 26.07.2001 OGGETTO: Legge 8 marzo 2000, n.53 recante Disposizioni

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI

LA CONFSAL A PALAZZO CHIGI Sindacato Nazionale Autonomo UNSA Beni Culturali Segreteria Nazionale Via del Collegio Romano, 27-00186 Roma c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali Tel. 06 6723 2348/2889 Fax. 06 6785 552 - unsasnabca@libero.it

Dettagli

Le circolari. Questa circolare ne è un esempio: diffonde nuove conoscenze, percorrendo e vivificando l intera associazione.

Le circolari. Questa circolare ne è un esempio: diffonde nuove conoscenze, percorrendo e vivificando l intera associazione. Le circolari Carissimi amici e colleghi, È un vero piacere inaugurare quest oggi un nuovo strumento di aggiornamento e condivisione, ad uso esclusivo dei Soci AIDP: le Circolari. In primo luogo perché

Dettagli

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE.

CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. CONGEDO STRAORDINARIO RETRIBUITO DELLA DURATA DI DUE ANNI PER ASSISTERE I FIGLI CON HANDICAP GRAVE. a cura di Libero Tassella, dalla Gilda di Napoli 12/11/2005 1. I Destinatari del congedo. La lavoratrice

Dettagli

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale

Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015. A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Maternità e Paternità alla luce del D.lgs 80/2015 A cura dell Ufficio della Consigliera di Parità regionale Il decreto legislativo 80/2015 «Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e

Dettagli

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico

Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico Benefici di legge in caso di patologie invalidanti. Permessi, congedi e assegni per l assistenza del bambino onco-ematologico di Silvia Maria Cinquemani A) A FAVORE DEI BAMBINI 1.RICONOSCIMENTO DI INVALIDITÀ

Dettagli

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002

Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 LEGGE 104 CONGEDO STRAORDINARIO Curato da Enzo Toma RSU - DENSO Maggio 2002 Legge 104/92 Art. 33 Tra i quesiti che ci pervengono quotidianamente da, lavoratori, delegati sindacali, membri di Associazioni

Dettagli

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione:

Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale. giustificarsi al rientro in servizio con idonea documentazione: TUTTO SUI PERMESSI NEL GRUPPO INTESASANPAOLO- AGGIORNATO 2013 Permessi retribuiti per motivi familiari /di carattere personale 1) Al Personale possono essere concessi permessi retribuiti, da giustificarsi

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria

Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Ufficio Gestione Risorse Umane Stato Giuridico del personale dipendente Via S.Anna II tr. N.18 Reggio Calabria Autocertificazione resa ai sensi della normativa vigente in materia di autocertificazioni

Dettagli