PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO 2014-2015"

Transcript

1 Allegato A PIANO TERRITORIALE DEI SERVIZI PER L ASSISTENZA E L INTEGRAZIONE SCOLASTICA A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITA. ANNO SCOLASTICO Indice: 1 - Normativa di riferimento pag. 2,3 2 - Premessa pag. 3, 4, Destinatari pag. 5, Servizi erogati pag. 6, Criteri pag Definizione delle risorse complessive pag. 7, Dotazioni finanziarie pag Accordi operativi pag. 8 1

2 1. Normativa di riferimento La Legge , n.104 Legge quadro per l assistenza e l integrazione sociale dei diritti delle persone handicappate ; Il Decreto Legislativo , n. 297 Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione ; Il Decreto Legislativo , n. 112, che, all art comma 1 - lettera c), attribuisce alle Province la competenza in merito ai servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazioni di svantaggio frequentanti gli istituti scolastici superiori, tra questi il servizio di trasporto e il servizio di assistenza educativa, conseguentemente all assegnazione di risorse in misura utile a garantire la congrua copertura degli oneri (combinato disposto con numero 3 art.2); La Legge , n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali che, all art. 7, attribuisce alle Province il concorso alla programmazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali da realizzare mediante la raccolta delle conoscenze e dei dati sui bisogni, l analisi dell offerta assistenziale e l approfondimento dei fenomeni sociali più rilevanti, la promozione di iniziative di formazione e la partecipazione alla definizione e all attuazione dei Piani di Zona; La Legge Regionale , n. 34 Politiche regionali per i minori che, all art.4 - quinto comma - lettera e), conferma in capo alle Province le competenze riguardanti le persone con minorazione sensoriale; Il D.P.C.M. del , n.185 Regolamento recante modalità e criteri per l individuazione dell alunno come soggetto in situazione di handicap ai sensi dell art 35 comma 7 Legge n. 289 ; La Legge Regionale , n. 3 Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e socio-sanitario che, all art lettera e), prevede tra le competenze provinciali la realizzazione di interventi a sostegno delle persone con disabilità sensoriale finalizzati all'integrazione scolastica; La Legge Regionale 6 agosto 2007, n. 19 Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia che conferma le disposizioni contenute nel Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 112; La Legge n. 56 Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni che nel disciplinare il nuovo ordinamento e le funzioni fondamentali delle province stabilisce che restino comunque ferme le 2

3 funzioni delle regioni nelle materie di cui all art. 117, commi terzo e quarto e le funzioni esercitate ai sensi dell art. 118 della Costituzione; art. 1, comma 89 stabilisce che le funzioni di competenza regionale, che nell ambito del processo di riordino sono trasferite dalle province ad altri enti territoriali, continuano ad essere da esse esercitate fino alla data dell effettivo avvio di esercizio da parte dell ente subentrante. La Deliberazione di Giunta Provinciale del 30/01/2012n. 14, Protocollo d intesa per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità tra l ASL Monza e Brianza, la Provincia di Monza e della Brianza, le Aziende Ospedaliere San Gerardo - Desio e Vimercate, AIAS Città di Monza Onlus, Fondazione Don Gnocchi Onlus, La Nostra Famiglia di Carate Brianza, gli Ambiti Territoriali di Desio, Carate Brianza, Monza, Seregno, Vimercate, l Ufficio Scolastico Territoriale XVIII ; La Deliberazione di Giunta Provinciale del 29/05/2013 n protocollo di Intesa interventi di competenza della Provincia per l assistenza e l integrazione scolastica delle persone con disabilità sottoscritto fra la Provincia di Monza e della Brianza e l Azienda Sanitaria Locale, l Ufficio Scolastico Territoriale, il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci e gli ambiti territoriali di Desio, Monza, Seregno, Vimercate e Carate Brianza. 2. Premessa Alle Province è attribuita la competenza in materia di : Assistenza Educativa Scolastica (AES) a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di formazione professionale (Scuola e CFP); Assistenza alla Disabilità Sensoriale (DS) a favore delle persone con disabilità sensoriale, frequentanti l asilo nido, la scuola dell infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di primo grado, la scuola secondaria di secondo grado, corsi di formazione professionale e l università, compreso il perfezionamento post lauream, che non abbiano superato i 26 anni d età; Il Servizio di Trasporto Assistito (STAD) ) a favore degli studenti con disabilità iscritti nella scuola secondaria di secondo grado e nei percorsi di formazione professionale (Scuola e CFP); secondo la normativa sopra citata. La Provincia di Monza e della Brianza nell anno scolastico 2013/2014, dopo aver attivato un percorso di confronto con le realtà territoriali e le istituzioni per condividere le strategie di intervento e le modalità operative riguardanti le tematiche sopra esplicitate, ha attuato i provvedimenti attinenti alla materia, considerando lo stesso anno scolastico 2013/2014 sperimentale per la programmazione e la gestione dei servizi, sottoscrivendo il Protocollo di Intesa Interventi di competenza della Provincia per l assistenza e l integrazione 3

4 scolastica delle persone con disabilità con l Azienda Sanitaria Locale, l Ufficio Scolastico Territoriale di Monza, il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci e gli Ambiti Territoriali di Desio, Seregno, Monza, Vimercate e Carate; Per l anno scolastico 2014/2015, la Provincia di Monza e della Brianza intende declinare gli interventi secondo i criteri e le modalità già adottati (come meglio precisato nei paragrafi a seguire), fatte salve eventuali diverse attribuzioni di competenza a seguito dei recenti provvedimenti normativi (Legge Del Rio n. 56/2014); Il Piano Territoriale dei Servizi ha l obbiettivo di promuovere un sistema integrato per la gestione e il coordinamento delle attività e dei servizi di AES, DS e STAD attraverso collaborazioni e sinergie tra gli Enti e le Istituzioni coinvolti nella tematica; Per raggiungere tali obiettivi previsti dalle norme vigenti, saranno attivati Tavoli Tecnici e Politici come sotto esplicitato: Il Tavolo Politico Territoriale composto da: - Provincia di Monza e della Brianza; - ASL MB - Direzione Sociale; - Ufficio Scolastico Territoriale di Monza Direttore e Coordinatore; - I Presidenti delle Assemblee dei Sindaci degli Ambiti Territoriali della Provincia di Monza e Brianza. con le funzioni di - coordinamento inter istituzionale; - indirizzo; - monitoraggio; - controllo. Il Tavolo Tecnico composto da: - Provincia di Monza e della Brianza Direzione Settore Welfare; - ASL MB Dipartimento ASSI; - Ufficio Scolastico Territoriale di Monza; - Responsabili degli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali di Monza e della Brianza. Con le funzioni di: - coordinare le attività delle strutture tecniche dei diversi soggetti; - organizzare e realizzare le attività previste; - monitorare le attività operative e il rispetto delle tempistiche previste; - organizzare e analizzare indagini di soddisfazione/gradimento indirizzate a scuole, famiglie, stake holder; - relazionare sull andamento delle attività al Tavolo Politico ogni qualvolta richiesto; 4

5 - predisporre un report da sottoporre al Tavolo Politico al termine dell anno scolastico, per le eventuali valutazioni di merito circa eventuale modifiche e integrazioni. I Comuni in forma singola o associata garantiscono l erogazione dei servizi di AES e DS per rispondere in modo efficace ed efficiente alle esigenze territoriali, sia nell ottica del sistema di collaborazione e condivisione delle attività, che nell ottica della continuità dei servizi complessivamente offerti ai soggetti portatori di disabilità e, in quest ottica, collaborano anche con l erogazione del servizio STAD secondo i parametri decretati da Regione Lombardia. Gli Uffici di Piano sono punto di riferimento per l interlocuzione con i Comuni e le altre organizzazioni del proprio Ambito; l ASL garantisce il raccordo tra gli aspetti sociali e sociosanitari; l UST garantisce il raccordo tra gli aspetti sociali e scolastici, anche attraverso la partecipazione di rappresentanti provinciali al G.L.I.P. (Gruppo di lavoro interistituzionale Provinciale per l Handicap); La Provincia di Monza e della Brianza, L ASL, l UST e gli Ambiti Territoriali hanno condiviso strategie e modalità operative per l inclusione scolastica degli studenti con disabilità prevedendo momenti di confronto e raccordo. 3. Destinatari a. AES Assistenza educativa scolastica Alunno con disabilità ai fini dell assegnazione di assistenza educativa scolastica È considerato persona con disabilità l alunno certificato con Diagnosi Funzionale ai sensi dell art. 3 - L.104/92, in cui sia esplicitamente richiesta l assistenza educativa per le relazioni sociali e la comunicazione a scuola. Le aree di intervento si riferiscono a deficit: - cognitivo; - affettivo-relazionale; - linguistico - sensoriale; - motorio-prassico; - neuropsicologico; - nell autonomia. Sono destinatari del servizio di competenza della Provincia di Monza e della Brianza, gli alunni con disabilità certificata residenti nel territorio della Provincia di Monza e della Brianza, frequentanti la scuola secondaria di secondo grado o corsi di formazione professionale in diritto dovere di Istruzione e Formazione. b. DS - Persona con disabilità sensoriale È considerato persona con disabilità sensoriale colui che è affetto da disabilità con le seguenti caratteristiche: - Cieco o ipovedente con visus non superiore a 2/10 in ciascun occhio; 5

6 - Sordo o ipoacusico con una perdita uditiva superiore a 60 decibel da entrambi gli orecchi. Gli interventi sono finalizzati a sopperire alle difficoltà nella comunicazione e nella partecipazione che le persone con disabilità sensoriale possono incontrare nel raggiungimento dei risultati scolastici e formativi di autonomia personale. Sono destinatari del servizio di competenza della Provincia, le persone con disabilità sensoriale residenti nel territorio della Provincia di Monza e Brianza, frequentanti l asilo nido, la scuola dell infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di primo grado, la scuola secondaria di secondo grado, corsi di formazione professionale e l università, compreso il perfezionamento post lauream, che non abbiano superato i 26 anni d età. c. STAD - Servizio di trasporto - destinatari del servizio Sono destinatari del Servizio gli studenti affetti da handicap fisici, psichici e/o sensoriali, residenti nella Provincia di Monza e della Brianza che: - sono in possesso della certificazione dello stato di disabilità (L. 104/92) rilasciata dalla competente commissione ASL; - sono iscritti nell a.s. 2014/2015 ad istituti scolastici secondari di secondo grado, statali o paritari, ovvero un percorso di istruzione e formazione professionale (IeFP) di secondo ciclo; - in ragione della condizione di handicap e della conseguente limitazione di autonomia, presentano esigenze di sostegno e/o assistenza specialistica per raggiungere gli istituti scolastici e formativi di appartenenza; - appartengono a nuclei familiari con un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) non superiore a , Servizi erogati AES Servizio di assistenza educativa scolastica Viene erogato attraverso un assistente educativo scolastico che supporta l alunno con disabilità allo scopo di favorirne il massimo grado di autonomia e la comunicazione personale, migliorarne l apprendimento, la vita di relazione e l integrazione scolastica. L assistenza scolastica è prestata da personale adeguatamente formato che interviene nelle seguenti attività: - supporto al consolidamento e sviluppo delle competenze relazionali, sociali e comunicative; - supporto al consolidamento e sviluppo delle autonomie personali e della cura del sé; - supporto alla integrazione col gruppo dei pari e con gli adulti DS servizio di Assistenza alla Comunicazione Il servizio erogato comprende: a) assistenza alla comunicazione; 6

7 b) intervento tiflodidattico; c) consulenza qualificata per persone con minorazione uditiva (sperimentale); d) servizio di trascrizione dei testi scolastici. 4.3 STAD Tipologia del Servizio - servizi di trasporto svolti in ambito urbano, in area urbana e interurbana, anche privati, finalizzati al raggiungimento della sede scolastica degli studenti con disabilità non autonomi; - servizi di assistenza specialistica, anche attraverso mezzi di trasporto attrezzati con personale specializzato, con riferimento alle peculiari esigenze degli studenti con disabilità, ai sensi dell art. 3. Comma 3, della L. 104/92; 5. Criteri La Provincia di Monza e della Brianza per l anno scolastico 2014/2015, riconoscerà un contributo economico esclusivamente nel rispetto dei criteri esplicitati al punto 4, su esplicita richiesta delle famiglie espressa all atto della compilazione della domanda attraverso l apposito portale; Per il servizio di AES è obbligatoria la presentazione del Piano Educativo Individualizzato (PEI) dello studente. Il riconoscimento del contributo, così come le procedure adottate, si riferiscono all anno scolastico 2014/2015, fatte salve eventuali diverse attribuzioni di competenza che dovessero intervenire a seguito dei recenti provvedimenti normativi (Legge Del Rio n. 56/2014). Lo stesso potrà, inoltre, essere determinato/rideterminato anche sulla base delle eventuali indicazioni/criteri definiti da Regione Lombardia. 6. Definizione delle risorse complessive La Provincia di Monza e della Brianza definisce il budget destinato ai servizi di cui al presente atto con il bilancio di previsione, o comunque in tempo utile per il regolare avvio dell anno scolastico. Il finanziamento sarà riconosciuto ai Comuni attraverso gli Ambiti Territoriali prevedendo un acconto pari al 30% dell importo sostenuto e un saldo finale pari al 70% a consuntivo dei servizi effettivamente resi previa presentazione di apposita rendicontazione da consegnarsi inderogabilmente entro e non oltre il 30 settembre In caso di mancate o parziali attivazioni degli interventi presentati, si precisa che qualora l acconto erogato risultasse superiore al saldo presentato a consuntivo, l eventuale eccedenza dovrà essere restituita alla Provincia di Monza e della Brianza inderogabilmente entro e non oltre il 30 novembre Dotazioni finanziarie 7

8 - per i Servizi di AES e DS è riconosciuto un contributo annuale per ogni studente pari a 5.000,00. In caso di pluridisabilità il contributo massimo riconoscibile è di 7.500,00; - per il servizio STAD la dotazione finanziaria complessiva è di ,00; per l a.s. 2014/2015 verrà redatta una graduatoria sulla base dei seguenti criteri: prioritariamente, in relazione alle condizioni economiche degli studenti accertate sulla base dell indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare degli studenti con riferimento ai redditi anno 2013, che non dovrà essere superiore a ,00, a partire dall indicatore ISEE più basso; a parità di condizioni economiche, in base alla distanza chilometrica dell abitazione degli studenti dalla sede scolastica. Il valore economico del contributo massimo riferito a ciascun soggetto destinatario, che non potrà essere in ogni caso superiore alla spesa effettivamente sostenuta, è determinato in base alla distanza chilometrica riferita alla percorrenza del viaggio nei seguenti importi: FASCIA CHILOMETRICA CONTRIBUTO DA EROGARE (ANDATA E RITORNO) Fino a 10Km 1.500,00 Oltre i 10Km e fino ai 20Km 2.000,00 Oltre i 20Km e fino ai 30Km 3.000,00 Oltre i 30Km 3.500,00 8. Accordi e modelli operativi L attuazione del presente Piano Territoriale avverrà attraverso la sottoscrizione di apposito accordo tra la Provincia di Monza e della Brianza con l Azienda Sanitaria Locale, l Ufficio Scolastico Territoriale di Monza, il Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci e gli Ambiti Territoriali di Desio, Seregno, Monza, Vimercate e Carate e i conseguenti modelli operativi : Assistenza educativa scolastica Disabilità sensoriale Trasporto scolastico alunni disabili 8

Atto di intesa per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità

Atto di intesa per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità Atto di intesa per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Monza e Brianza Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Azienda Ospedaliera San Gerardo

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale

ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE. Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale ACCORDO OPERATIVO ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE Art. 1 Oggetto del servizio di assistenza alla persona con disabilità sensoriale La Provincia interviene in favore dei disabili sensoriali inseriti in

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PAOLO FRISI Via Giardino, 69 20077 Melegnano (MI) Scuole dell Infanzia

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

TRA. I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense PROTOCOLLO DI INTESA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DI ALUNNE E ALUNNI DISABILI TRA I SINDACI DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARIANO COMENSE: Arosio Cabiate Carugo Inverigo Lurago d Erba Mariano Comense

Dettagli

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI (quadro riepilogativo delle norme di riferimento) Riferimenti normativi. C.M. 22.09.1983 N. 258, C.M. 3.9.1985 N. 250, C.M. 4.1.1988 N. 1, C.M. 22.9.1988 N. 262, L. 5.2.1992

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.)

GRUPPO DI LAVORO INTERISTITUZIONALE PROVINCIALE PER L HANDICAP DI MILANO (G.L.I.P.) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI MILANO AREE DI SUPPORTO AGLI ISTITUTI SCOLASTICI Formazione, Politiche Giovanili e Sostegno alla Persona via

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla

Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla Disabili e Scuola Prima dei Bes Prof. Domenico Perla La legge 517/77 è stata l inizio di un effettivo processo di integrazione dei disabili a scuola. Prima di allora avevano diritto all istruzione impartita

Dettagli

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO

ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Allegato 2) ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI DISABILI SCHEDA TECNICA PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO Premessa L Ambito di Garbagnate M.se intende avviare un processo di sperimentazione

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016.

REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016. Prot. n. REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI MONZA Rep CONVENZIONE CON LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE DEL COMUNE DI MONZA. PERIODO: SETTEMBRE 2013 AGOSTO 2016. L anno 2013 duemilaetredici - addì... del mese

Dettagli

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida

MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida Via Brogeda, 21 22100 Como Tel. 031.541180/Fax 031.532927 comprensivocomonord@tiscali.it MIO FIGLIO VA A SCUOLA! Un percorso guida A cura del Gruppo di Lavoro per l integrazione degli alunni diversamente

Dettagli

Metodologie e strumenti per l inclusione CTI Monza Brianza Centro

Metodologie e strumenti per l inclusione CTI Monza Brianza Centro Corso di formazione informazione per docenti curricolari e di sostegno non specializzati Metodologie e strumenti per l inclusione CTI Monza Brianza Centro IL PERCORSO DI CERTIFICAZIONE Roberto Rossi e

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione

I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015. Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità I.I.S. Albert Einstein a.s. 2014-2015 Piano Annuale per l Inclusione Rilevazione dei BES presenti: n disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi

Dettagli

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M.

I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. I Circolo Didattico S. G. Bosco Sestu Via Repubblica, 6 09028 Sestu Tel.070/260146 - Fax. 070/238632 - C.F. 80006380929 - C.M. CAEE033002 e-mail: caee033002@istruzione.it pec: caee033002@pec.istruzione.it

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla ibera n. DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione Componente : buono scuola Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le scuole primarie, secondarie

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Scuola I. I. S P. Artusi FORLIMPOPOLI a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTENASO PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati

Dettagli

Linee di indirizzo per il servizio di assistenza specialistica negli istituti scolastici e formativi del secondo ciclo di istruzione

Linee di indirizzo per il servizio di assistenza specialistica negli istituti scolastici e formativi del secondo ciclo di istruzione Linee di indirizzo per il servizio di assistenza specialistica negli istituti scolastici e formativi del secondo ciclo di istruzione Anno scolastico 2014-2015 Provincia di Roma Dipartimento IX Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DI SOLLIEVO ALLE PERSONE DISABILI E ALLE PERSONE AFFETTE DA DISTURBO MENTALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 52 del

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME DEL

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME DEL CITTA DI SAVONA DISTRETTO SOCIOSANITARIO N. 7 SAVONESE ACCORDO DI PROGRAMMA PER L'INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI NELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME DEL DISTRETTO SOCIOSANITARIO N. 7 SAVONESE Anni

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA

RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2016 Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - Onlus Sezione Provinciale di Monza e Brianza Cari Soci, come di consueto, il Consiglio direttivo sezionale ha predisposto

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione

DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione DOTE SCUOLA - Percorsi di Istruzione ALLEGATO A alla delibera n. del Componente : buono scuola Destinatari Studenti residenti in Lombardia, iscritti e frequentanti corsi a gestione ordinaria presso le

Dettagli

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti,

Gent.le Dipendente. Cordiali saluti, Gent.le Dipendente La cooperativa Tempo Libero aderisce al Progetto 8/18: progetto di assegnazione di un contributo a favore dei lavoratori delle imprese dell alleanza locale degli ambiti distrettuali

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013.

CARTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. approvata con deliberazione della giunta comunale n.43 del 09/05/2013. C O M U N E D I B U S S E R O PROVINCIA DI MILANO PIAZZA DIRITTI DEI BAMBINI, 1 C.A.P. 20060 - TEL. 02/953331 - FAX. 02/9533337 Codice Fiscale e Partita IVA 03063770154 www.comune.bussero.mi.it e-mail:

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione

LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARSIZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione LICEO ARTISTICO STATALE P.CANDIANI -BUSTO ARZIO-a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità (nell anno scolastico 2013/2014) A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA

LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA LA SCUOLA D INFANZIA A BOLOGNA Le prime scuole d'infanzia vengono istituite a Bologna a metà dell 800 dal Comune e da enti religiosi. Per oltre un secolo restano le sole scuole esistenti. La scuola d infanzia

Dettagli

INDICE PREMESSA 3 FINALITÀ 3 LEGENDA NORMATIVA 4 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITÁ 6 INDICAZIONI GENERALI 7 DOCUMENTAZIONE 12

INDICE PREMESSA 3 FINALITÀ 3 LEGENDA NORMATIVA 4 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI CON DISABILITÁ 6 INDICAZIONI GENERALI 7 DOCUMENTAZIONE 12 GRUPPO DI LAVORO IN RETE Istituto Comprensivo di Casarsa della Delizia Istituto Comprensivo di Cordovado Istituto Comprensivo di S. Vito al Tagliamento Istituto Comprensivo di Valvasone ASS n 6 Neuropsichiatria

Dettagli

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Venerdì 20 febbraio 2015

6 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 8 - Venerdì 20 febbraio 2015 6 Bollettino Ufficiale D.g.r. 18 febbraio 2015 - n. X/3143 Programmazione del sistema «Dote Scuola» per i servizi di istruzione e formazione professionale per l anno scolastico e formativo 2015/2016 LA

Dettagli

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie

Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie Primo incontro mensile 2015 Parliamo di aiuti economici alle famiglie LEGGI IN GIOCO DIRITTI E OPPORTUNITA a cura della dott.ssa Laura Gatti (assistente sociale reparto NPIA Esine) DISABILITA E HANDICAP

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014

DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 DELIBERAZIONE N X / 1320 Seduta del 31/01/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza)

COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) COMUNE DI ALBIATE (Provincia di Monza e della Brianza) CONVENZIONE tra Comune di Albiate e Scuola dell Infanzia parrocchiale Paritaria Giovanni XXIII di Albiate per il sostegno alle famiglie albiatesi

Dettagli

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili

ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili ITC PIERO CALAMANDREI - PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Alunni diversamente abili Questo documento, approvato dal Consiglio d Istituto e deliberato dal Collegio dei Docenti, contiene informazioni, principi, criteri

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Alfonso Domenico Galbusera 30/10/1962 Esperienze Professionali Lavoro e posizioni ricoperte Dal 1.1.2014 ad oggi Direttore Generale

Dettagli

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO

REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO Scuola (denominazione) Indirizzo REGISTRO DELLE ATTIVITA DI SOSTEGNO ALUNNO CLASSE-SEZIONE MODULO/CLASSI ANNO SCOLASTICO / INDICE Intestazione Indice Agenda della scuola ai fini dell integrazione Operatori

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERTA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Via R. Paribeni Via R. Paribeni, 10 00013 Mentana (ROMA) e fax 06/9090078 e 06/9092689

Dettagli

MODALITA SPERIMENTALI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE CON FIGLI FREQUENTANTI ASILO NIDO O MICRONIDO (Dgr. n.

MODALITA SPERIMENTALI PER L EROGAZIONE DEL VOUCHER SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE CON FIGLI FREQUENTANTI ASILO NIDO O MICRONIDO (Dgr. n. AMBITO TERRITORIALE DELL ABBIATENSE Comuni di Abbiategrasso, Albairate, Besate, Bubbiano, Calvignasco, Cassinetta di Lugagnano, Cisliano, Gaggiano, Gudo Visconti, Morimondo, Motta Visconti, Ozzero, Rosate,

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +

& ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + +, ) ( ' -- + +'. + )+  ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' + ! " # $% & ' ( () ( ' ) ) * ' ' ' () + +, -..( /0 + ) ) ) ' + + /0+ /0, ) ( ' -- + +'. + )+ " ' '. --' + ' +, 1 + 2 ' +,'' 1 +3 ',- ( + $4 44 ' ). #( +' % - --) + " ) + ' -- 5 ' 1 -- ( ( 1 - &-- 6, + -'

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS

Area Disabilita. Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS Area Disabilita Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza scolastica per l autonomia e la comunicazione dei disabili LIVEAS OBIETTIVI Come recita l articolo 12 della legge 104/92, scopo generale dell

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA PER LE COMPONENTI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI LIBRI DI TESTO E/O DOTAZIONI TECNOLOGICHE E BUONO SCUOLA

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA PER LE COMPONENTI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI LIBRI DI TESTO E/O DOTAZIONI TECNOLOGICHE E BUONO SCUOLA AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA PER LE COMPONENTI CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DI LIBRI DI TESTO E/O DOTAZIONI TECNOLOGICHE E BUONO SCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INDICAZIONI GENERALI PREMESSA

Dettagli

Finalità, ambiti e modalità di gestione dell Accordo territoriale

Finalità, ambiti e modalità di gestione dell Accordo territoriale Accordo per la gestione a livello territoriale dell Accordo di Programma Provinciale per l integrazione scolastica di allievi con disabilità e con altri bisogni educativi nelle scuole di ogni ordine e

Dettagli

OBIETTIVI RELAZIONALI DELL ACCOGLIENZA

OBIETTIVI RELAZIONALI DELL ACCOGLIENZA Allegato 5 E PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO FINALITA Questo documento è il protocollo di accoglienza di Istituto e costituisce la linea guida di informazione,

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE

INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE Piacenza, lì INTESA SULL ASSISTENZA IN ORARIO SCOLASTICO AGLI ALUNNI ED ALUNNE DISABILI FREQUENTANTI LE SCUOLE STATALI CITTADINE PREMESSO CHE - con riferimento al quadro normativo di riferimento (L. 104/92;

Dettagli

Disabilità destinata agli alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta.

Disabilità destinata agli alunni disabili che frequentano precorsi di istruzione in scuole paritarie che applicano una retta. ASSEGNAZIONE DELLA DOTE SCUOLA COMPONENTI BUONO SCUOLA, DISABILITA E CONTRIBUTO PER L ACQUISTO DEI LIBRI DI TESTO E/O DOTAZIONI TECNOLOGICHE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INDICAZIONI GENERALI PREMESSA Il sistema

Dettagli

A ccordo. P rogramma di IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DI ALUNNI CON DISABILITA DELLA PROVINCIA DI PADOVA

A ccordo. P rogramma di IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DI ALUNNI CON DISABILITA DELLA PROVINCIA DI PADOVA A ccordo P rogramma di IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DI ALUNNI CON DISABILITA DELLA PROVINCIA DI PADOVA 2007 2 Progetto grafico IPS Giovanni Valle Padova classe 4B gp. 2006 copertina

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 08-06-2006 REGIONE LIGURIA NORME ED INTERVENTI IN MATERIA DI DIRITTO ALL ISTRUZIONE E ALLA FORMAZIONE

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 08-06-2006 REGIONE LIGURIA NORME ED INTERVENTI IN MATERIA DI DIRITTO ALL ISTRUZIONE E ALLA FORMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 08-06-2006 REGIONE LIGURIA NORME ED INTERVENTI IN MATERIA DI DIRITTO ALL ISTRUZIONE E ALLA FORMAZIONE Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 9 del 15 giugno 2006

Dettagli

DOTE SCUOLA 2011/2012

DOTE SCUOLA 2011/2012 Cos'è la Dote Scuola DOTE SCUOLA 2011/2012 La Dote Scuola è un contributo messo a disposizione dalla Regione Lombardia destinato agli studenti che frequentano le scuole statali, paritarie (primarie, secondarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA AI DISABILI 1 Art. 1 - Finalità La finalità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L INFORMAZIONI PERSONALI

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L INFORMAZIONI PERSONALI F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GROSSI EUGENIA Indirizzo Corso Garibaldi n 5-26100 Cremona - ITALIA Telefono 0372/32458 320/4387599 Fax E-mail

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI RESCALDINA PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA

ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI RESCALDINA PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO D. ALIGHIERI RESCALDINA PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA A. s. 2014-2015 1 LA SCUOLA dell'educazione Inclusiva Una scuola che include è una scuola che pensa e che progetta tenendo a

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO E DEL CENTRO DI CUSTODIA ORARIA (Baby Parking) Indice: SEZIONE I Asilo Nido Premessa Art. 1 - Finalita dell Asilo nido Art. 2 - Ammissioni - criteri e graduatoria

Dettagli

STRUMENTO INTERATTIVO APERTO, AD USO DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO E DELL ADDETTO ALL ASSISTENZA A.S.S.L.

STRUMENTO INTERATTIVO APERTO, AD USO DELL INSEGNANTE DI SOSTEGNO E DELL ADDETTO ALL ASSISTENZA A.S.S.L. AZIENDA U.L.S.S. 13 REGIONE VENETO DIREZIONE DEI SERVIZI SOCIALI - MIRANO S.I.S.S. (Servizio Integrazione Scolastica e Sociale) Sedi di Dolo e Mirano INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA

Dettagli

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA

STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA STRATEGIE E METODOLOGIE PER UN PIANO DELL INCLUSIVITA di alunni DSA/BES/DIVA 1. NORMATIVA PRINCIPALE DI RIFERIMENTO - Legge n. 104/1992 - DPR n. 122 del 22 Giugno 2009: regolamento per la valutazione degli

Dettagli

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)*

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* E' atto successivo alla Diagnosi Funzionale (a cura della NPI) e indica in via prioritaria, dopo un primo periodo di inserimento scolastico, il prevedibile livello

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015

Piano Annuale per l Inclusione. Anno scolastico 2014/2015 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri LUIGI EINAUDI Via Matilde Ceretti, 23 28845 Domodossola (VB) Piano Annuale per l Inclusione Anno scolastico 2014/2015 PREMESSE Finalità Il Piano dell

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA

BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA BANDO GIACOMO EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI A FAVORE DI FAMIGLIE CON MINORI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA ANNUALITA 2014-2015 Associazione La Mongolfiera Onlus, Viale Pambera n.10,

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Statale A. Vespucci Via Stazione snc, 89900 Vibo Valentia Marina Tel. 0963/572073 telefax 0963/577046 Cod. mecc. VVIC82600R

Dettagli

Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015

Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015 Allegato al decreto del Direttore centrale n. 5271/LAVFOR.ISTR dd. 19-08-2014 Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2014/2015 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato

Dettagli

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole.

Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I. per la provincia a supporto alle scuole. Conferenza-SEMINARIO di servizio Normativa Bisogni Educativi Speciali: identificare linee comuni operative. Bisogni e risposte coordinate d intervento provinciale dei servizi promossi dalla rete dei C.T.I.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO-SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI COMMERCIALI, SOCIO-SANITARI, PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA Paola Molteni Dottorato di Ricerca in Pedagogia (Education) Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Largo Gemelli, 1 20123 Milano (ITALY) Tel:

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino C.F. 92017090546 COD. MECC. PGIC847004 Scuola Infanzia e Primaria tel. e fax 075/912249 Scuola Secondaria I grado: tel. 075/912253

Dettagli

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP

PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP PRESENTAZIONE DOMANDE DI INVALIDITÀ CIVILE / HANDICAP Per presentare domanda di invalidità o di handicap occorre seguire i seguenti passaggi: 1. Il cittadino richiede al proprio medico curante (medico

Dettagli

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Piano per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "DON LORENZO MILANI" Via Volpi 22-30174 Venezia loc. Gazzera tel/fax 915909 email veic845009@istruzione.it posta certificata: veic845009@pec.istruzione.it Piano per l inclusione

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE

DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE Avviso per la costituzione di un Catalogo provinciale per l erogazione dei servizi per la DOTE LAVORO AMBITO DISABILITA SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE di disabili deboli Premessa Con Delibera Regionale n. 4596

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI PREMESSA I Centri Territoriali di documentazione, risorse e servizi trovano la loro ispirazione dalla storia del processo di

Dettagli

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELL ARQUATO PROTOCOLLO DI INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI A.S. 2014-2015 PREMESSA Il Protocollo di integrazione scolastica è un documento che nasce dall esigenza di un

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.)

PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) Integrazione Scolastica degli Alunni con Disabilità Istituzione Scolastica: PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (P.E.I.) di ANNO SCOLASTICO: Data compilazione: L insegnante coordinatore di classe: L insegnante/i

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura

Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Ti salverò da ogni malinconia perchè sei un essere speciale ed io avrò cura di te... Franco Battiato 1996 La cura Fianco a Fianco aderisce al Progetto Regionale ADS ed ha l'obiettivo di sostenere la diffusione

Dettagli