Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN"

Transcript

1 REPORT DI SINTESI sul PEER-COACHING Il peer-coaching all interno del progetto SUSTAIN Nel progetto SUSTAIN il peer coaching (coaching reciproco tra pari) è stato ideato come parte integrante della fase di testing per facilitare l adattamento dei piani didattici consigliati e relativi a vari ambiti educativi e culturali. Si prevede che, grazie al peercoaching, sarà possibile scegliere delle Buone Pratiche in base ai feedback degli insegnanti sulla reale applicabilità dei piani didattici (vedi applicazione del progetto SUSTAIN, descrizione del prodotto finale 18). Il peer-coaching è stato anche considerato un valido strumento che promuove il networking via internet e che stimola la creazione di una cultura di collaborazione e di collegialità tra gli insegnanti. All inizio dell applicazione del progetto, il peer-coaching è stato soprattutto considerato come una comunicazione tra colleghi di Paesi diversi. Già allora si prevedeva che esso sarebbe stato un processo che avrebbe contribuito sia ad una più ampia applicabilità dei piani didattici di SUSTAIN a livello europeo, sia che avrebbe contribuito a risolvere le questioni pratiche di natura interculturale che, facilmente, possono occorrere se si tiene conto delle differenze dei curricula o delle pratiche educative dei Paesi partner. Durante la realizzazione del progetto è apparso chiaro come il peer-coaching fosse uno strumento utile anche per la collaborazione tra gli insegnanti dello stesso Paese, ma che lavorano in contesti diversi. Infatti, grazie allo scambio di esperienze, questi migliorano le loro performance professionali, rafforzando così la qualità dell istruzione. Il peer-coaching è stato inoltre importante per la collaborazione tra gli esperti locali e gli insegnanti attuatori. In conclusione, il fine di questo report di sintesi è quello di tracciare un profilo del coaching internazionale, condotto sulla base dei parametri del progetto SUSTAIN. Il processo del peer-coaching Il peer-coaching è stato realizzato con metodi sincronici (videoconferenze, incontri dal vivo), e asincronici (database di SUSTAIN o per i commenti degli utenti). Alcune sessioni di peer-coaching sono state condotte prima dell attuazione delle attività con gli studenti allo scopo di: chiarire certi aspetti dei piani didattici proposti; parlare con l autore dei piani didattici e di quelle attività che attirano l attenzione degli insegnanti; decidere su possibili aggiustamenti delle attività. Altre sessioni di peer-coaching sono invece state condotte dopo l attuazione allo scopo di: comunicare le fasi di processo di attuazione; informare dell impatto che le attività hanno avuto sugli studenti; valutare gli aggiustamenti apportati ai piani didattici per soddisfare i profili e i bisogni degli studenti; porre enfasi sugli aspetti importanti delle attività; suggerire i materiali aggiuntivi che sono stati usati durante l attuazione e, in certi casi, allo scopo di dare suggerimenti per migliorare i piani didattici. I metodi del peer-coaching LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 1

2 Videoconferenza Le videoconferenze sono state realizzate via Skype o per mezzo di altri programmi che permettono una comunicazione online. In alcuni casi, le videoconferenze sono state registrate. Si può accedere alle registrazioni da: Le videoconferenze hanno permesso la comunicazione bilaterale e diretta tra autori e attuatori, favorendo la loro comprensione dei contesti educativi e culturali. Molto spesso, i partecipanti alle videoconferenze non sono stati soltanto gli autori dei piani didattici e gli insegnanti attuatori, ma anche uno o più esperti del progetto o uno o più insegnanti di lingue straniere che, traducendo, hanno agevolato la comunicazione. - La necessità di possedere competenze in lingua straniera o la necessaria partecipazione di uno o più traduttori; - La coordinazione del tempo, che richiede una comunicazione preliminare per trovare il miglior tempo utile per entrambe le parti (autore del piano didattico e insegnante attuatore); - Necessità di una pianificazione preliminare di uno scenario di base per la videoconferenza, perché delle domande importanti potrebbero sfuggire durante la conversazione; - Imprevisti tecnici, dovuti ad una connessione lenta, alle impostazioni del computer, ecc. Incontri dal vivo Gli incontri internazionali dal vivo, che hanno permesso l attuazione del peer-coaching, hanno avuto luogo durante il quarto meeting di progetto, tenutosi a Targoviste (Romania), nel Marzo del 2013, all ITTC e alla Biennale di SUSTAIN, ad Istanbul, rispettivamente a Giugno e a Novembre del Durante il quarto meeting di progetto, a Targoviste, i padroni di casa rumeni della Valahia University, hanno invitato gli insegnanti locali e attivi nel progetto SUSTAIN a seguire una sessione del meeting e a condividere le loro esperienze di testing con gli esperti del progetto. Gli insegnanti hanno dato agli esperti internazionali i loro feedback riguardo alle particolari lezioni svolte, hanno fornito suggerimenti per nuove attività, per potenziali modifiche dei piani didattici ed eventuali approfondimenti delle attività. Durante l ITTC di Istanbul è stata organizzata una speciale sessione dedicata ai feedback e al dibattito. Prima di discutere delle attività dei corsi, a tutti i partecipanti è stato richiesto di esaminare 3 piani didattici del database online di SUSTAIN e di condividerne i commenti. Alcuni dei partecipanti all ITTC, che erano autori dei piani didattici e/o insegnanti attuatori, hanno avuto l opportunità di condividere le proprie opinioni riguardanti le carenze e/o i pregi dei singoli piani didattici, approfondendo le ragioni delle loro modifiche e/o adattamenti. Alla sessione hanno partecipato anche gli esperti del progetto per offrire consigli e supporto agli insegnanti dei vari Paesi. Nel Novembre del 2013, alla Biennale di SUSTAIN, tenutasi a Istanbul, ha anche avuto luogo un peer coaching dal vivo per commentare alcune osservazioni sui piani didattici e sulla loro realizzazone. In questa occasione, degli insegnanti hanno presentato i lavori artistici dei propri allievi sul tema dello Sviluppo Sostenibile LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 2

3 - Un numero limitato di occasini per fare i meeting per via del considerevole finanziamento necessario; - Le competenze dei partecipanti nelle lingue stranienre. Lo Strumento per i Commementi degli Utenti del Database di SUSTAIN Avere a disposizione i Commenti degli Utenti insieme ai piani didattici del database di SUSTAIN è risultato molto utile per raggruppare i feedback degli attuatori degli stessi piani didattici. In molti casi, i post sono brevi e servono maggiormente ad incoraggaire gli autori, pittosto che a fornire dettagliati feedback o consigli collegiali. Si noti che, nonostante questi commenti accrescano l autostima degli insegnati più creativi, noi non abbiamo assolutamente considerato tutti i post come peer-coaching. Abbiamo considerato commenti peer-coaching quelli attraverso cui gli insegnati hanno condiviso la loro esperienza di testing, in cui hanno spiegato come hanno modificato o adattato i piani didattici in base sia all età dei loro studenti, sia al contesto della loro scuola che sia di quello dei loro Paesi. E ancora, abbiamo considerato commenti peer-coaching quelli dove gli insegnanti hanno condiviso l impatto che i piani didattici hanno avuto sugli studenti (reazioni/feedback degli studenti), così come quei commenti, postati dagli esperti o da insegnanti, esprimenti opinioni che arricchiscono il concetto originario dei piani didattici. Lo Strumento del Database per i Commenti degli Utenti ha permesso indirettamente una comunicazione tra autori dei piani didattici e tra insegnanti attuatori, promovuendo l uso del database di SUSTAIN e dei piani didattici in esso contenuti, che potrebbero essere usati anche dopo la fine del progetto. Sebbene gli autori e gli attuatori dei piani didattici possano comunicare via mail, l uso dello Strumento per i Commenti degli Utenti è utile ad un più ampio range di utenti LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 3

4 insegnanti/attuatori. Dallo Strumento, quest ultimi possono trovare informazioni circa la difficoltà o la facilità della messa in atto degli specifici piani didattici, in che occasioni poterli adottare, consigli per arricchire o semplificare l attuazione dei piani didattici a seconda dei tipi di discenti, ecc. In fine, un beneficio dall uso di questo strumento è dato dall opportunità che hanno gli utenti di postare commenti nella loro lingua. Nonostante ciò rendesse difficile una comprensione immeditata, grazie alle applicazioni di traduzione disponibili online, anche quegli insegnanti che non hanno una gran conoscenza di lingue straniere hanno potuto dare i propri feedback in modo esteso e formale. - La sua efficienza dipende molto dalla regolarità con cui è visitato il database di SUSTAIN, contenente i piani didattici; - Non tutti gli insegnanti attuatori condividono la loro opinione, così alcuni didattici sono privi di commenti. Ciò può dare l impressione che i piani didattici non commentati non siano stati scelti perchè ritenuti non buoni o carenti; - I commenti nelle varie lingue nazionali richiedono l utilizzo di traduttori online. La Comunicazione via Gli indirizzi degli utenti registrati alla piattaforma SUSTAIN sono a disposizione degli altri utenti registrati, così da permettere loro una corrispondenza diretta, ogni qual volta nutrano particolari interessi o quando se ne presenti l occasione. Gli insegnanti convolti nella realizzazione del progetto possono anche richiedere assistenza agli esperti del progetto in caso volessero contattare un collega di un altro Paese. La comunicazione via è più veloce, più efficiente e riservata. - Competenze scritte e orali in lingue straniere richieste agli utenti/comunicatori; - Impossibilità di leggere i contenuti delle , in quanto riservati esclusivamente a emittente e destinatario. L impatto del peer-coaching Statisticamente, il canale peer-coaching più spesso usato dai partecipanti al progetto è stato lo Strumento per i Commenti degli Utenti del Database di SUSTAIN, per i vantaggi di cui abbiamo parlato sopra. Alcune sessioni di peer-coaching sono state condotte attraverso due cananli differenti (per esempio, attraverso lo Strumento per i Commenti degli Utenti del Database di SUSTAIN, attraverso incontri dal vivo, ecc.) LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 4

5 Grafico della frequenza d uso dei differenti canali di peer-coaching Tra i canali dall impatto più sostenibile compare quello della comunicazione dal vivo. Questo canale funge da base per un più esteso scambio di informazioni, che va oltre il limite di un singolo piano didattico, e che fornisce anche una piattaforma per una cooperazione a lungo termine tra colleghi di differenti Paesi. La comunicazione tramite le videoconferenze, che ha delle buone prospettive di guadagnare in popolarità, è un alternativa low-cost della comunicazione dal vivo. Mentre il meeting faccia a faccia può avvennire senza preparazione e riuscire bene, le videoconferenze richiedono una lunga preparazione e dei contatti prestabiliti. Nonostante le difficoltà e gli ostacoli dovuti alle mancate competenze nelle lingue straniere e all impiego di tempo per la preparazione, le videoconferenze posseggono grandi potenzialità perché, oggigiorno, le tecnologie sono ampiamente alla portata di tutti. Le videoconferenze inoltre prevedono l ausilio di un traduttore. Vale la pena menzionare che l esperienza acquisita dalla realizzazione di sessioni di videoconferenze ben riuscite rafforza l autostima dei partecipanti e li stimola ad usare questo metodo di comunicazione tra pari anche in futuro. I benefici del peer-coaching Il processo di peer-coaching, pricipalmente inteso come un insieme di attività atte a supportare e a facilitare il processo di testing, ha invece avuto un impatto più complesso sui realizzatori del progetto SUSTAIN. Gli insegnanti hanno riferito che la maggior parte dei piani didattici sono stati spiegati così dettagliatamente bene da non avere bisogno di ulteriori spiegazioni dell autore. Da un lato, ciò ha limitato il bisogno di risalire al peer-coaching prima del testing, ma d altro canto ciò ha fatto si che molti insegnanti fossero lieti di comunicare i risultati del loro lavoro alla fine della sua messa in atto; di condividere l impatto delle attività sui loro studenti; di condividere gli adattamenti dei piani didattici apportati per soddisfare i bisogni e le richieste dei vari studenti, ecc. Le sessioni di peer-coaching sono quindi state ritenute utilissime sia dagli autori dei piani didattici, che dagli insegnanti attuatori LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 5

6 I benefici che gli insegnati attuatori hanno tratto dal peer-coaching: - Dei chiarimenti su degli aspetti relativi alle attività proposte; -La possibilità di coordinare o condividere alcuni cambiamenti o modifiche; - La possibilità di visualizzare i vari adattamenti e le diverse attuazioni dei piani didattici in svariati contesti, tramite lo strumento per I Commenti degli Utenti del Database di SUSTAIN. L impatto dei piani didattici sugli autori: - Ha mostrato che il loro lavoro è stato apprezzato da vari insegnanti di diversi Paesi è ha dato prova della trasferibiltà del lavoro stesso in altri contesti e verso altri gruppi target; - Li ha aiutati a migliorare i piani didattici, ad arricchire le fonti di cui potersi servire, e a volte, ad adottare una nuova prospettiva riguardante il loro lavoro Tutti i gruppi di insegnanti hanno tratto beneficio dal peer-coaching perché questo ha permesso loro di comprendere a fondo i vari contesti educativi e culturali. Il peer-coaching è servito da stimolo alla creazione di nuovi rapporti di lavoro sia internazionali, che nazionali, che locali (quando è stata necessaria la traduzione o altri tipi di supporto). La conidvisione delle attività e lo scambio di esperienze hanno portato alla creazione e alla pianificazione di nuove attività didattiche. Insomma, le basi per ulteriori collaborazioni tra scuole e insegnanti sono state, senza ombra di dubbio, poste LLP-2011-TR-COMENIUS-CMP 6

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260

Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Ref: 2013-1-ES1-LEO05-66260 Buone pratiche nell uso di ambienti di apprendimento collaborativo quali strumenti per favorire la creatività ed identificazione di modelli di successo nel settore metalmeccanico

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro

Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Standard di competenza ENETOSH per formatori ed istruttori relativo alla sicurezza e alla salute sul luogo di lavoro Ambito di competenza: formazione iniziale e continua Livello: 6 Credito: Capacità Conoscenze

Dettagli

Social network e progetti europei di mobilità. Livorno, 11/11/2013 Lorenzo Mentuccia Agenzia nazionale LLP/INDIRE

Social network e progetti europei di mobilità. Livorno, 11/11/2013 Lorenzo Mentuccia Agenzia nazionale LLP/INDIRE Social network e progetti europei di mobilità Livorno, 11/11/2013 Lorenzo Mentuccia Agenzia nazionale LLP/INDIRE Facebook e Twitter in Italia Nel 2009 boom di Facebook in Italia 35 mln italiani su Internet,

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea

Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Prof.ssa Luias Marci Corona AEDE internazionale Traduzione lavori Cordoba 3 febbraio 2012 Quadro di Riferimento delle Competenze per l'alfabetizzazione alla Cittadinanza Europea Questo Quadro di Riferimento

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA

REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA REPORT SULLA RICERCA E ANALISI DEI BISOGNI DEL SETTORE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN ITALIA COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO CREATIVO 2010-3558/001-001 2 Indice: Introduzione... 3 1. Panoramica... 3 2. Note

Dettagli

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri

a. A.S. 2012-2013 I.T.I.S. DE PRETTO Schio (VI) - Protocollo d accoglienza alunni stranieri PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI L iscrizione di alunni immigrati non è più un dato eccezionale ed occasionale, ma costituisce una realtà consolidata, per quanto variabile nelle sue dimensioni

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA ZONA FIORENTINA SUD EST

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA ZONA FIORENTINA SUD EST LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI STRANIERI NELLA ZONA FIORENTINA SUD EST 1. Commissione Accoglienza Ciascun Istituto Scolastico è dotato di una Commissione Accoglienza, nominata dal Collegio

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo.

Il metodo ASEI SCHOOL mette al centro l allievo. ASEI SCHOOL è la prima Smart School di lingue certificata dal sistema ISO 900-2008 e accreditata dall Università di Cambridge per il test online BULATS. THE HIVE è l innovativo metodo didattico ideato

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

Presidiare una consultazione online

Presidiare una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Presidiare una consultazione online Autore: Maria Antonietta Sanna Artizzu, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA Dr. Andrea Bertucci Psicologo e Dottore di Ricerca in Scienze Cognitive E mail: andrea.bertucci@yahoo.com

Dettagli

Di seguito alcune note:

Di seguito alcune note: Prot.n. 35/2015 Ai Dirigenti Scolastici Al Personale Docente e Non Docente della Scuola L ENGIM NAZIONALE - ENTE NAZIONALE GIUSEPPINI DEL MURIALDO, con decreto n. AOODPIT.852 del 30/7/2015 è stato riconosciuto

Dettagli

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta OBIETTIVI L International Coach Federation (ICF - www.icf-italia.org)

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Ospitare alunni stranieri: consigli per le scuole

Ospitare alunni stranieri: consigli per le scuole Ospitare alunni stranieri: consigli per le scuole Durante gli incontri di formazione organizzati nell ambito della Mobilità individuale degli alunni Comenius per gli anni scolastici 2010/2011 e 2011/2012,

Dettagli

Capitolo 11 Un esempio concreto

Capitolo 11 Un esempio concreto Capitolo 11 Un esempio concreto Questa è una storia vera e narra di come da un corso in presenza con un supporto su Web si è arrivati ad un corso completamente online, i problemi affrontati nel passaggio

Dettagli

Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero

Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero Imparare dai migliori Il Premio scolastico svizzero 1. Programmbeschreibung Schweizer Schulpreis 1.1. Motivazioni del Premio scolastico svizzero Il Forum Bildung sviluppa e lancia il Premio scolastico

Dettagli

CARTA ICOMOS DI ENAME

CARTA ICOMOS DI ENAME TERZA VERSIONE RIVEDUTA 5 Luglio 2005 CARTA ICOMOS DI ENAME PER L INTERPRETAZIONE DEI SITI DEL PATRIMONIO CULTURALE Preambolo Obiettivi Principi PREAMBOLO Cosi come la Carta di Venezia ha stabilito il

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo

1. Rendere visibili agli occhi degli allievi i loro avanzamenti rispetto all obiettivo prestabilito attraverso un feedback progressivo Esempio 1 Docente che ha bisogno di acquisire nuove competenze Area delle competenze relative all INSEGNAMENTO (DIDATTICA): Organizzazione delle situazioni di apprendimento: 1. (PRIMARIA, SECONDARIA, compreso

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione

Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione Formulari e altri materiali di supporto alla sperimentazione La presenza e il ruolo di ciascun utente nella sperimentazione è rilevato mediante il questionario di ingresso e il questionario di uscita (form):

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil

Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil Insegnamento ed apprendimento del portoghese come lingua straniera in Italia: Progetto Teletandem Brasil Nonostante il crescente interesse verso la lingua portoghese, una recente ricerca 1 realizzata all

Dettagli

carta del servizio a chi si rivolge finalità

carta del servizio a chi si rivolge finalità carta del servizio CAD il punto Strumento di base che regola i rapporti fra Servizio e utenti nonché dichiarazione d intenti con la quale la cooperativa Il Punto si fa garante delle prestazioni rese, la

Dettagli

Successo A Foreignerslife

Successo A Foreignerslife Guida per il Successo A Foreignerslife Informazioni chiave per un esposizione di successo La lista delle cose da fare Prima, Durante, e Dopo Foreignerslife SOMMARIO I. Prima Dell esposizione: Fa I Compiti

Dettagli

Human Highway per Tomato / Contactlab E-MAIL MARKETING 2008 CONSUMER REPORT

Human Highway per Tomato / Contactlab E-MAIL MARKETING 2008 CONSUMER REPORT Human Highway per Tomato / Contactlab 1 ContactLab L evoluzione dell e-mail marketing ContactLab è la Business Unit di Tomato Interactive specializzata in servizi e soluzioni di e-mail e digital marketing.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA

I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA I LINGUAGGI DELLA FIABA CLASSE 1 C A.S.2013/2014 SCUOLA MEDIA CAMPIONI MASCHERPA PROF.SSA GAMMINO GIOVANNA PATRIZIA 1 Dati identificativi della UA Anno scolastico: 2013/2014 Scuola: Scuola media Campioni-Mascherpa

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti

L osservazione peer to peer: modalità e strumenti L osservazione peer to peer: modalità e strumenti Ufficio Scolastico Provinciale di Modena 12 Gennaio 2016 Roberta Cardarello Docente di Didattica e Pedagogia speciale Università di Modena e Reggio Emilia

Dettagli

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard

DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark. Linee Guida per gli standard DFQM Dyslexia Friendly Quality Mark Linee Guida per gli standard Standard 1 Efficacia della struttura organizzativa 1.1 La dislessia è un problema reale a tutti i livelli dell Organizzazione ed è un elemento

Dettagli

Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7

Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7 Provincia Autonoma di Bolzano Commissione provinciale per la formazione continua Art. 49 della L.P. 5 marzo 2001 n. 7 Accreditamento ECM: griglia di valutazione per gli eventi formativi residenziali (nella

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

Traccia per Focus Group

Traccia per Focus Group Traccia per Focus Group Introduzione per i docenti Gentili docenti, un ringraziamento anticipato, e non di circostanza, per la vostra collaborazione all'attività di approfondimento della sperimentazione.

Dettagli

MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale

MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale Il Programma formativo MISTER - AV/29/S12II, è stato realizzato dall ente attuatore Consorzio TecFor. Il consorzio TecFor è stato fondato nel 1990 con l obiettivo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni:

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Scuola secondaria di primo grado T. Tasso Scuola primaria C. Govoni Scuola Primaria M. Poledrelli Scuola Primaria G. Leopardi Scuola Primaria A. Volta-Doro 1 PREMESSA

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Metodologie del lavoro di gruppo

Metodologie del lavoro di gruppo Metodologie del lavoro di gruppo Dal lavoro in gruppo al lavoro di gruppo Federica Zanetti Facoltà di Scienze della Formazione Università di Bologna f.zanetti@unibo.it Per iniziare Metodologie del lavoro

Dettagli

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione BANDO PER L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio 2002 Parte I e II) Misura di sistema: Ricerche e analisi finalizzate

Dettagli

Il tutoring peer to peer

Il tutoring peer to peer Il tutoring peer to peer Peer to peer 9 ore in presenza, alle quali deve essere aggiunta 1 ora dedicata alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line interamente a carico delle scuole

Dettagli

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi

Report. Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi notizie di POLITEIA, XXVI, 97, 2010. ISSN 1128-2401 pp. 145-149 145 Report Progetto CREaTION. Formazione sulla Responsabilità Sociale delle Imprese: approcci innovativi ALESSANDRO ZOLLO* Il progetto CREaTION

Dettagli

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni

SEMINARIO. Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni SEMINARIO Come cambia la formazione in materia di Sicurezza sul lavoro dopo i recenti accordi Stato-Regioni La formazione in materia di sicurezza obbligatoria e normata, i requisiti dei documenti e degli

Dettagli

Bisogni educativi speciali

Bisogni educativi speciali 9 maggio 2013 Bisogni educativi speciali Ovvero Personalizzazione degli apprendimenti Strumenti di intervento per alunni con bisogni educativi speciali Piano educativo individualizzato P.E.I. Per alunni

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

SCUOLA DI ORGANIZZAZIONE Modello metodologico e metodologie per la formazione Approccio metodologico Il modello formativo messo a punto e utilizzato dalla Scuola di Studi Socio-economici e Organizzativi

Dettagli

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale SINTESI Rilevanza ed effetti dell azione nel campo della fede e della giustizia Un tentativo di identificare, valutare e documentare i risultati e gli impatti dell attività dei partner di Sacrificio Quaresimale

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori

CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori CORSO ON LINE DI FORMAZIONE PROFESSIONALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO S.S.I.T. - Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori dal 1979 a Pescara membro F.E.D.E. - Federazione delle Scuole d Europa

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B

MENTORING MENTORING MENTORING FOR SALES & MARKETING B2B I programmi di Mentoring sono un approccio multidisciplinare allo sviluppo del Leader al fine di aumentare la performance manageriale, acquisire e ampliare competenze di ruolo. MENTORING MENTORING FOR

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE

PROGETTO L. INGLESE (Lab. alunni) Move on Trinity 2 RELAZIONE FINALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.MARCONI Via Gen.A.Di Giorgio, 4-90143 Palermo Tel e Fax: 091.6255080 e-mail : paic89300r@istruzione.it sito web: www.scuolamediamarconipa.gov.it COD.MEC.: paic89300r PROGETTO

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

PROVE DI COMPETENZA DI FINE BIENNIO

PROVE DI COMPETENZA DI FINE BIENNIO FSE 2007 2013, P.O. Ob. 2, Asse IV, ob.spec. H Modellizzazione e sperimentazione dei nuovi piani di studio fortemente ancorati all obiettivo del rafforzamento della qualità dei percorsi di formazione /apprendimento

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

International School of Milan Language Policy

International School of Milan Language Policy International School of Milan Language Policy FILOSOFIA GENERALE SULLE LINGUE STRANIERE La comunità dell ISM è composta di persone provenienti da paesi e culture diverse che si riuniscono insieme per studiare,

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Apprendimento, insegnamento, valutazione

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. Apprendimento, insegnamento, valutazione Quadro comune europeo di riferimento per le lingue Apprendimento, insegnamento, valutazione I concetti chiave Storia del Quadro di riferimento europeo Le competenze di chi usa e apprende la lingua I livelli

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Ministero della Pubblica Istruzione S.M.S. LUINI-FALCONE Viale Liguria 20089 Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 02 8255740 email uffici: segreteria@medialuinifalcone.it PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI. PROGETTO Lingua Inglese Denominazione del progetto/laboratorio English time Responsabile di progetto D Aniello Michelina PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2014/15 ATTIVITA EXTRACURRICULARI PROGETTO Lingua Inglese SCUOLA Primaria

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Legnago ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO Amministrazione Finanza e Marketing - Relazioni Internazionali per il Marketing - Sistemi Informativi Aziendali - Turismo LICEO ARTISTICO PER LA GRAFICA

Dettagli

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO COME INTERVENIRE ALLA LUCE DELLA LEGGE 170/2010 A CURA DEL PROF. Benedetto di Biasio A.S. 2011/2012 LA DISLESSIA è un disturbo strumentale di lettura. Ad esso

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli