Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE"

Transcript

1 Comune di Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE Progettisti Consulenti Collaboratori ing. G. Castelli (capogruppo) arch.f. Rinaldi arch. S. De Santis arch. M. Ambrogio arch. C. Pimpini arch. M. Cuneo arch. A. Marotta arch. S. Moretti arch. F. Scuteri arch. M. Serra elaborato Relazione tecnica e illustrativa Numero Scala data Febbraio 2010 D1

2 Comune di Ladispoli RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA Febbraio 2010

3 Si ringrazia l'ufficio tecnico per la costruttiva collaborazione, efficienza e disponibilità con cui ci ha supportato nelle diversi fasi di elaborazione del piano, e in particolare il geom. A. Lancianese e l arch. Carlo Passerini.

4 INDICE 1 IL QUADRO CONOSCITIVO LADISPOLI E IL SISTEMA D AREA VASTA Il contesto territoriale Una città multietnica L ANALISI PER SISTEMI Il sistema naturalistico, i boschi e le aree protette Il sistema agricolo e i casali della bonifica Il sistema storico archeologico e il patrimonio architettonico Il sistema dei luoghi centrali e gli spazi di aggregazione Il sistema della mobilità Il sistema della residenza LA STRUMENTAZIONE URBANISTICA Il prg del 1978 e la variante denominata La variante per il recupero urbanistico dell abusivismo Le due varianti di salvaguardia GLI INPUT DI PROGETTO INDIVIDUAZIONE DEI PROBLEMI LE RICHIESTE DELL AMMINISTRAZIONE Criteri orientativi ed indirizzi espressi nell atto fondamentale LE RISORSE DEL TERRITORIO LA SFIDA PER LA CITTÀ IL PIANO LE FASI DI COSTRUZIONE DELLA VARIANTE OBIETTIVI E FINALITÀ DEL NUOVO PRG LE AZIONI DI PROGETTO Riqualificare il sistema insediativo e renderlo sostenibile Valorizzare e incentivare la risorsa turismo connessa all artigianato e alla produzione RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 5

5 Migliorare l accessibilità al centro urbano Dare identità e fornire una nuova immagine di città Garantire il reperimento delle aree pubbliche IL DIMENSIONAMENTO DEL PIANO GLI STANDARD E LE AREE PUBBLICHE RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 6

6 PREMESSA La presente relazione costituisce uno degli elaborati fondamentali della Variante generale al PRG e serve per meglio chiarire gli obiettivi e le finalità dello strumento pianificatorio. E articolata in quattro parti: - Il quadro conoscitivo, inerente le analisi e le interpretazioni dello stato di fatto, all interno del quale si descrive e si valuta lo stato del territorio e i processi evolutivi che lo caratterizzano, costituendo il riferimento necessario per la definizione degli obiettivi e dei contenuti dello strumento di pianificazione comunale; - L analisi delle criticità, riguardante la valutazione delle problematiche riscontrate nel corso dell elaborazione dello stato di fatto; le criticità individuate hanno offerto lo spunto per definire, insieme all Amministrazione Comunale, gli obiettivi da raggiungere e le scelte alla base della pianificazione; - Gli input di progetto, che consistono nella messa in campo delle risorse/opportunità che il territorio di Ladispoli offre; si tratta sia di fattori già di per sè positivi che il piano intende valorizzare sia di fattori negativi che, però, rappresentano spunti di progettazione; - Il piano, concernente l elaborazione vera e propria del progetto di variante. Il gruppo di lavoro nell elaborazione della Variante ha cercato di costruire, o in alcuni casi, di ricostruire un immagine unitaria del territorio comunale all interno del quale sono presenti realtà che isolatamente sono di rilevanza comunale, regionale, e, in alcuni casi, anche nazionale (basti pensare alle aree delle Oasi di Torre Flavia e al Bosco protetto di Palo Laziale ) ma che non sono mai riuscite, per diversi motivi, a integrarsi tra loro producendo, da un lato, possibili sinergie e, dall altro, definendo un identità del comune di Ladispoli. Costruire un identità è forse uno degli obiettivi più difficili da raggiungere per un territorio e per un piano urbanistico poiché se da una parte può apparire minimale mettere in valore le risorse esistenti dall altro esistono accertate difficoltà di integrazione tra le diverse attività antropiche e naturali di un territorio, per cui si è obbligati a far prevalere alcune attività a discapito di altre. In quest ottica di lavoro la variante generale non prevede trasformazioni urbane isolate bensì individua un insieme di interventi, articolati per sistemi, che permettono la costruzione di una identità composta di diversi temi in cui il disegno unitario prevale e rende riconoscibile dall esterno il territorio del Comune di Ladispoli. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 7

7 RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 8

8 1 IL QUADRO CONOSCITIVO RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 9

9 RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 10

10 1.1 LADISPOLI E IL SISTEMA D AREA VASTA IL CONTESTO TERRITORIALE Situata sulla Via Aurelia, a 38 km da Roma, Ladispoli è una cittadina prevalentemente balneare voluta e costruita dal Principe Ladislao Odescalchi alla fine del secolo scorso. Anche se le origini del territorio di Ladispoli (l antica spiaggia di Caere) risalgono a circa duemila anni fa, fu proprio il principe Ladislao alla fine dell ottocento a fondare la nuova località balneare che si sviluppò negli anni a seguire crescendo ed espandendosi fino a diventare una città. Il territorio di Ladispoli è oggi caratterizzato da diverse realtà: si tratta di una cittadina giovane, i primi manufatti edilizi nascono, agli inizi del Novecento, a ridosso della spiaggia, tra il fosso di Vaccina e il Sanguinaro; lo sviluppo demografico e topografico della cittadina, molto lento nei primi anni, quando il centro aveva una esclusiva funzione balneare, si velocizza in seguito con le varie lottizzazioni Marescotti, Odescalchi e Ruspoli. Nel corso degli anni si è verificato un notevole incremento demografico: oggi, infatti, gli abitanti residenti sono circa contro i 653 del 1921; questo è dovuto al fatto che l originario centro balneare si è trasformato in un centro turistico-residenziale a soli 35 Km da Roma, ben collegato con essa tramite la via Aurelia e la linea ferroviaria Roma-Pisa. Questo fattore, insieme al minor costo degli affitti e delle vendite rispetto a Roma, ha comportato un continuo aumento della domanda di alloggi a cui è seguita la speculazione delle aree fabbricabili con la costruzione di edifici multipiano che sono andati nel tempo ad occupare il posto di vecchi edifici del primo nucleo urbano; le stesse ragioni hanno portato alla nascita di zone ad alta densità edilizia, come nei pressi dell attuale stazione ferroviaria. Il nucleo urbano, compreso nel quadrante formato a est e ovest dai due fossi e a nord e sud dalla Via Aurelia e dalla linea di costa, si presenta quindi abbastanza denso e compatto. Al contrario dell area urbana il territorio agricolo ha mantenuto un carattere rurale, fortemente legato alla produttività del terreno, ancora lontano, salvo alcuni casi, da logiche di speculazione edilizia tanto che tutto il territorio dell entroterra è punteggiato dei caratteristici casali della bonifica dell Ente Maremma ancora produttivi e le estensioni agricole rappresentano circa l ottanta percento dell intero territorio. Il territorio di Ladispoli è anche piuttosto interessante dal punto di vista storico archeologico in quanto sono presenti diversi reperti sparsi nell area comunale: gli antichi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 11

11 casali medioevali delle tenute dei principi Ruspoli, Odescalchi e Torlonia e le tipiche case coloniche dell Ente Maremma conferiscono a questo territorio un notevole fascino. In generale, quindi, il contesto paesaggistico di Ladispoli si presenta piuttosto vario e complesso, ricco di risorse, di tipo antropico e di tipo naturale, che rappresentano delle enormi potenzialità. UNA CITTÀ MULTIETNICA Ladispoli è un comune con uno dei più alti tassi d immigrazione della Provincia di Roma e ne rappresenta la città multietnica per eccellenza. Il distretto F2, che rappresenta il distretto provinciale di riferimento del Comune di Ladispoli e ne è il capofila, si conferma come meta di immigrazione delle comunità provenienti dall Est dell Europa. La comunità più grande è quella rumena (1.685 residenti a Ladispoli e 547 a Cerveteri, su un totale di residenti nel distretto), cresciuta soprattutto negli ultimi anni, seguita da quella polacca (591 residenti a Ladispoli e 220 a Cerveteri, con un incidenza sul totale pari al 15%), quest ultima di più antico insediamento e numericamente stabile. Ladispoli è uno dei comuni del nord di Roma con un alto tasso di presenze straniere 1. Anche se la comunità più numerosa è quella dei rumeni, le diversità etniche presenti sul territorio fanno di Ladispoli una città cosmopolita; gli immigrati provengono da circa 30 paesi diversi di 5 continenti: Europa, Africa, Asia, Nord America e America Latina. Tuttavia in questo distretto, come pure negli altri, si conferma la frammentazione delle nazionalità tipica dell immigrazione italiana: la comunità rumena raggiunge il 42% delle presenze, il restante 58% dei residenti stranieri è suddiviso fra più di dieci comunità in cui prevalgono quelle dell Est Europa. La popolazione straniera di Ladispoli è rappresentata oggi soprattutto dai giovani e dalle donne che riescono ad inserirsi con più facilità nel mercato del lavoro. Circa il 40% del totale degli stranieri (regolari e non) lavora a Roma in quanto Ladispoli non offre grosse opportunità di lavoro ma preferisce abitare a Ladispoli perché è più facile trovare case in affitto ed a prezzi più bassi. A Ladispoli i lavori svolti dagli immigrati sono nell ambito domestico, in edilizia, nel commercio e in alcuni servizi; non tutti lavorano in regola e, spesso, sono sottopagati. Una piccola percentuale di loro ha un attività propria (phone-center, centro internet e send-money, negozi etnici, alimentari e di abbigliamento,ristoranti, pizzerie ecc.) mentre 1 Relazione Rete Provinciale delle Comunità Straniere a cura di Provincia di Roma (Assessorato politiche sociali) e Archivio dell Immigrazione RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 12

12 la maggior parte possiede come titolo di studio un diploma o una laurea quasi mai riconosciute in Italia. Il percorso burocratico per il riconoscimento dei titoli di studio è talmente difficile e lungo che gran parte della popolazione immigrata rinuncia adattandosi a svolgere mansioni di tutti i tipi e solo una piccola percentuale continua a studiare. Le famiglie (escluse le badanti che convivono con i loro datori di lavoro) sono composte in gran parte di due membri ma ultimamente si è verificato un aumento dei ricongiungimenti con i figli (anche irregolari) e un aumento delle nascite; le difficoltà economiche e il costo alto degli affitti costringono molti di loro a una convivenza plurifamiliare. Ultimamente si è verificata una leggera crescita negli acquisti di appartamenti. La vita sociale degli immigrati di Ladispoli è abbastanza scarsa soprattutto perché mancano i luoghi e i momenti di aggregazione. La carenza di spazi adeguatamente progettati per il tempo libero dove sarebbe possibile la condivisione e l integrazione rappresenta il principale fattore di isolamento sociale per le minoranze. Gli unici poli di aggregazione e di incontro per gli immigrati sono i luoghi di culto e le associazioni. A Ladispoli ci sono 4 chiese cattoliche (romeni, bulgari, nigeriani, polacchi), 1 ortodossa rumena, una moschea e una sala anglicana e le associazioni sono una decina. Tuttavia queste istituzioni, poiché settoriali, non contribuiscono ad un integrazione della popolazione straniera all interno della cittadinanza di Ladispoli, che è senz altro una città dai colori etnici vivaci in cui le diversità s incontrano e si scontrano nella ricerca di una culturalità dai valori comuni. Alla luce di quanto detto sarebbe importante individuare e caratterizzare quegli spazi, all interno della città, che potrebbero rappresentare i luoghi dell integrazione e dello scambio culturale. La storia ci insegna che vi sono risposte spaziali a tutti i mutamenti sociali. Gli aeroporti, le stazioni ferroviarie, le stazioni metropolitane, le scuole, gli stadi, le discoteche, le sale da concerto, i musei, le fiere, i centri commerciali, i parchi rappresentano gli spazi pubblici in cui la gente viene accolta in una città, si incontra e si integra. Da uno spazio urbano all altro, studia e/o lavora, si informa, occupa il tempo libero. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 13

13 1.2 L ANALISI PER SISTEMI Pensare la città per sistemi significa studiare le regole della loro compatibilità e componibilità, immaginare insiemi di spazi, luoghi ed edifici riconoscibili, dotati di uno specifico statuto e tra loro integrati. I diversi sistemi si articolano funzionalmente e morfologicamente dando luogo a parti di città e di territorio ad insiemi tra loro correlati e dotati di una propria identità. Ciascun sistema è costituito da un insieme di materiali puntuali e/o areali (residenze, industrie, edifici commerciali, piazze). Ogni materiale ed ogni insieme di materiali, ogni luogo ed ogni sistema sono dotati, in maggiore o minore misura, di una propria trasformabilità; sono capaci di ospitare persone ed attività diverse da quelle per le quali sono stati originariamente pensati e costruiti. Il territorio può essere ri-progettato partendo dall analisi dei seguenti sistemi, e dall individuazione delle carenze e/o mancanze strutturali, e infine, dalla ricomposizione delle parti: Il sistema naturalistico, i boschi e le aree protette Il sistema agricolo e i casali della bonifica Il sistema archeologico e il patrimonio storico architettonico Il sistema dei luoghi centrali e gli spazi di aggregazione Il sistema della mobilità Il sistema della residenza Il sistema degli spazi turistico ricettivi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 14

14 IL SISTEMA NATURALISTICO, I BOSCHI E LE AREE PROTETTE Il paesaggio naturale risulta nel suo complesso privo di zone collinari con un andamento orografico appena mosso, pressoché pianeggiante, con un acclività praticamente nulla. L area presenta numerosi ambienti naturali, molto diversi tra loro seppur limitrofi che caratterizzano il territorio di Ladispoli, rendendolo un unicum rispetto ai contesti territoriali circostanti. La molteplicità delle componenti ambientali conferisce al territorio l aspetto di un articolato sistema, entro cui coesistono significativi sistemi di tipo naturalistico, paesaggistico, idrografico, di grande valore in cui nonostante le profonde azioni di antropizzazione abbiano modificato il territorio, ognuna di queste zone accoglie un patrimonio faunistico e floreale ricco e vario. Le formazioni vegetali naturali presenti sul territorio di Ladispoli sono caratterizzate da due grandi riserve naturali: il bosco di Palo e la Palude di Torre Flavia collocate lungo la costa e delle aree verdi dell entroterra suddivise tra i giardini pubblici, la vegetazione ripariale, e la vegetazione nelle proprietà private. L inquadramento della situazione sotto il profilo normativo e vincolistico è stato effettuato con l esame del P.T.P. regionale e della legislazione vigente in materia di tutela dei beni ambientali e culturali. Le componenti morfologico funzionali, che si sono analizzate attraverso l analisi dei sistemi concentrandosi su una lettura decodifica dei palinsesti del paesaggio coincidono con i materiali di questo sistema, e sono: i boschi i rimboschimenti le alberature i corsi d acqua la vegetazione naturale dei fossi il litorale La parte del territorio di Ladispoli non occupata da infrastrutture urbane e territoriali è costituita da coltivi, aree prative a pascolo ed incolti. MACCHIA MEDITERRANEA Si tratta di una fitocenosi arbustiva strutturalmente molto densa ed intricata che raggiunge un'altezza media di circa 2 metri. E' costituita da specie screrofille sempreverdi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 15

15 quali Pistacia lentiscus (lentisco), Phillyrea Ialifolia. (fillirea), Ouercus iley (leccio), Rhamus alaternus (alaterno) e da lianose quali Smilax aspera (stracciabraghe), Clematis flamula (clematide), Lonicera implexa (Ionicera), Rubia-peregrina (attacca veste). Lembi ben conservati di macchia mediterranea si estendono in prossimità della costa, sulla duna sabbiosa consolidata retrostante la spiaggia il Località Il Pigneto e parzialmente in località Tumuleto della Palazzina. Tali lembi di vegetazione risultano ben conservati e meriterebbero una opportuna politica di salvaguardia con interventi mirati a favorire il naturale evolversi e la diffusione su superfici più estese. VEGETAZIONE PSAMMOFILA Una piccolissima parte della duna recente, in gran parte devastata dall'edilizia residenziale stagionale, è rimasta come ultimo baluardo (all'interno del territorio comunale) di un tipo di vegetazione tipica delle dune, ma estremamente sensibile ai disturbi esterni: la vegetazione psammofila, tipica dei litorali sabbiosi e adattata a vivere su substrati salsi (ricchi di sale). Di tale vegetazione rimangono però soltanto piccolissimi nuclei. In corrispondenza dell'antiduna si rinvengono tracce di Agropyreto, presente in forma assai impoverita cori pochi esemplari di Agropírum juniceum, Sporobolus pungens e Eryngium maritimum. Un po' più consistente è la presenza della tipica fitocenosi pionera, delle dune mobili, l'ammofileto, rappresentato, da piccole colonie di Ammofila arenaria accompagnata dall Anthemis maritima e dall'ononis. BOSCO DI SEMPREVERDI E CADUCIFOGLIE Si tratta principalmente di querceti, sempreverdi e caducifoglie; i sempreverdi sono costituiti in prevalenza da Leccio o da Sughera, mentre quelli a caducifoglie sono rappresentati da Roverella o Cerro di Gussone. Non si trovano mai in popolamenti puri, ma associati ad altre specie arboree ed arbustive definendo il cosiddetto "Bosco misto mediterraneo". QUERCETO MISTO Una buona parte del territorio comunale doveva essere un tempo ricoperta da estese foreste planiziali di querce unitamente a piccoli lembi boscati residuali, caratterizzati dalla presenza di querce caducifoglie di discreta dimensione e struttura. Questi boschi risultano costituiti nello strato arboreo da Quercus cerris e in misura minore da Ouercus pubescens, sporadicamente è presente anche Querqus pubescens. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 16

16 Nello strato arbustivo si rilevano Citysus villosus, Phillirea latifolia, Laurus nobilis e Euonymus europaeus Spesso le due tipologie vegetazionali sopra descritte si sovrappongono, dando origine a querceti misti nei quali in alcuni casi prevale la sughera e in altri le querce caducifoglie. Si è ritenuto opportuno distinguerli da un punto di vista fisionomico in: Sughereta mista con querce caducifoglie, nel casi in cui prevale la sughera; Querceto misto con sughera, nel casi in cui prevalgono le querce caducifoglie. VEGETAZIONE RIPARIALE La vegetazione tipica degli ambienti di ripa è presente sul territorio comunale di Ladiospoli in corrispondenza di alcuni tratti dei fossi Sanguinara e Vaccina. E' costituita principalmente da Salix alba in forma arborea. ed arbustiva ed in misura minore da Salix purpurea e Arundo dorax. FORMAZIONI ERBACEE PREVALENTI Sono state così definite alcune aree molto estese con presenza di specie erbacee. Le aree prevalentemente interessate sono località campo Ascolano Ascolano, Capanna Murata, Isolottello e Bonifica campo Jemini. VEGETAZIONE LACUSTRE Raggruppa la tipica vegetazione acquatica presente nella Palude di torre Flavia. Oltre alla Cannuccia di palude Phragmites australis che vegeta sulle sponde fangose, numerose sono le varietà di ranuncoli acquatici e semi-acquatici alcune delle quali endemiche: Ranunculus aquatilis, R. peltatus, R. tricophyllus tricophyllus, R. marginatus, R. ophioglossifolius, R. lateriflorus. Altre specie erbacee sono: Lingua d'acqua Potamogeton natans, Brasca Potamogeton pectinatus, Mestolaccia comune Alisma plantago-aquatica, Pampina del paradiso Colocasia antiquorum. LE OASI NATURALISTICHE Il territorio di Ladispoli conserva due importanti, per certi versi uniche, aree di grande pregio naturalistiche: il Bosco di Palo e l area umida della Torre Flavia. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 17

17 Le due riserve naturali hanno mantenuto praticamente intatte le loro peculiarità naturalistiche e paesaggistiche, contribuendo di molto ad arricchire dal punto di vista ecologico il territorio. IL BOSCO DI PALO L Oasi WWF Bosco di Palo si trova, tra Marina di San Nicola e Ladispoli. Nonostante le alterazioni subite nel corso degli anni, mantiene ancora alcune caratteristiche di natura intatta in ciascuno degli habitat presenti. La data di creazione è il 1980 e l estensione è di 120 ettari. L Oasi Affiliata WWF del Bosco di Palo è uno degli ultimi residui della foresta planiziale tirrenica. I resti del porto etrusco di Alsium e della villa di Pompeo Magno a San Nicola sono testimonianze inconfutabili della presenza prima degli Etruschi e poi dei Romani. Nell alto Medioevo Palo fu quasi abbandonato: rimase una torre di avvistamento contro le incursioni dei barbari, ma la selva e le paludi ripresero il sopravvento. Il borgo di Palo, minuscolo agglomerato di case immerse nel bosco, visse in simbiosi con la torre trasformata in castello. Nel 1300, i monaci del monastero di S. Saba fecero ampliare la rocca e la vendettero alla famiglia Orsini, che nel 1367 costruirono il castello. Tra il 500 e il 600 la tenuta di Palo passò da un proprietario all altro (Orsini, Borgia, Farnese, Orsini). Il castello acquistò lentamente le caratteristiche del palazzo signorile, perdendo quelle di forte costiero. Il bosco fu utilizzato come luogo di caccia e di svago dei signori di Palo. Nel 1780 gli Orsini vendettero la Signoria di Palo alla famiglia Odescalchi. Il vero fulcro dell Oasi è il relitto bosco planiziale che un tempo occupava zone vastissime della nostra penisola. Altri ambienti sono le piscine temporanee, la macchia mediterranea e il prato. Il bosco accoglie molti passeriformi e mammiferi, in particolare quelli dalle abitudini prettamente notturne. Le pozze temporanee sono popolate da diverse specie, alcune rare. Tra le molte specie di piante e fiori presenti, é possibile imbattersi in numerose specie di orchidee selvatiche. Ultimo lembo del bosco planiziale esteso un tempo sul litorale tosco-laziale L area della riserva racchiude in sé i seguenti ambienti: Flora Bosco di sempre verdi e caducifoglie, prato (in prossimità della spiaggia),bosco con cerro, roverella, frassino, alloro, olmo. Macchia mediterranea con lentisco, fillirea, mirto, erica arborea, leccio. Specie arboree presenti: pini marittimi, cipressi, eucalipti, cerri, roverelle, lecci, aceri minori, olmi. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 18

18 Il sottobosco è invece popolato da corbezzolo, edera, pungitopo, alloro, mirto e lentisco. Le presenze floreali più rappresentative sono: gladiolo dei campi, campanula, ranucolo, romici e orchidee. Fauna Rettili: testuggine palustre e testuggine terrestre. Uccelli: passeriformi di bosco e macchia, uccelli marini lungo la costa. Mammiferi: tasso (simbolo dell Oasi), istrice, faina, donnola, volpe e puzzola. L'oasi di Palo è anche il luogo dove molti uccelli possono fare sosta lungo le loro rotte migratorie o fermarsi per nidificare. L AREA UMIDA DI TORRE FLAVIA La torre Flavia è inserita all interno dell area protetta litorale Roma Nord, prevista dal Piano Regionale dei Parchi e delle Riserve (1993), ricadente nei comuni di Ladispoli, Cerveteri e Santa Marinella. Dal punto di vista naturalistico le caratteristiche di principale interesse riguardano la vegetazione Alofila Salicorneto e la vegetazione dei prati parzialmente inondati; in questa regione i prati sono periodicamente ricoperti di acque dolci o debolmente salmastre. Sono ambienti di elevato valore naturalistico e presentano durante il corso dell anno un alternarsi di comunità vegetali e animali diverse in relazione alla quantità d acqua presente. Il Bosco di Palo si estende tra la Marina di S. Nicola e la città; è un bosco misto di caducifoglie con una netta prevalenza di Querqus cerris e secondariamente da Querqus pubescens e Fraxinus ornus. Notevole nello strato arbustivo la presenza di Laurus nobilis, che costituisce la parte strutturalmente preponderante del sottobosco. Per queste peculiarità il Bosco di Palo è stato indicato come habitat prioritario nel censimento CEE dei biotipi di rilevanza naturalistica. Questo bosco è ciò che resta delle foreste planiziari che prima della bonifica si estendevano su tutta la costa dell Italia mediotirrenica e che attualmente sono rappresentate significativamente solo dal Bosco di Palo, da quello di Castel Porziano e da quello di Sabaudia. L'attuale area di Torre Flavia rappresenta l'ultimo tassello temporaneamente umido che faceva parte della più ampia palude di Campo di Mare estesa, fino ai primi anni '60 per alcune decine di ettari. Oggi il territorio si presenta come un susseguirsi di piccole depressioni che stagionalmente si riempiono d'acqua, grazie all'affioramento della falda costiera RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 19

19 sottostante, all'apporto delle acque dolci dell'entroterra e delle piogge invernali. Il variare della salinità dell'acqua ha generato una vegetazione tipica delle zone salmastre, come la salicornia, simbolo dell'oasi, l'orzo marittimo ed il limonio. Le aree verdi nel centro urbano del Comune di Ladispoli e della frazione di Marina di San Nicola si possono ricondurre principalmente in tre generi:a) giardini pubblici b) vegetazione in proprietà private, c) vegetazione ripariale nel letto dei fossi Vaccina, Sanguinara ed in quello del Quartaccio. Il verde pubblico si concentra maggiormente nella vasta zona di giardini pubblici situati tra via Ancona e via Odescalchi, lungo il loro intero percorso. Nel verde si trovano in abbondanza siepi di mortella e di oleandro, nonché numerosi esemplari di pino marittimo e di eucalipto. Sono in oltre presenti essenze quercine. Degno altresì di menzione è il bosco pubblico di Palo, situato a ridosso dell area protetta denominata Bosco di Palo. In questa area si nota una copiosa presenza di lecci e zone di macchia mediterranea. Il suolo dei giardini pubblici è ricoperto di erba e ghiaia, mentre soltanto nel bosco pubblico sopra ricordato il suolo è alla stato naturale. Complessivamente in entrambi gli ambienti, si nota un buono stato di conservazione. La vegetazione nelle proprietà private contribuisce non poco all entità ed alla fisionomia della vegetazione generalmente diffusa sul territorio: questa, all interno di pertinenze di ville e condomini, presenta caratteri di eterogeneità, ove si privilegiano palme e palmizi bassi (palme da datteri, palme di San Pietro), esemplari di cactus e di succulente genere, alloro, gelsomino, mortella, rose, bouganville, e tra gli alberi da frutto, primeggino i limoni. Le specie arboree, costituite da pini marittimi ed eucalipti, sono presenti in discreto numero anche nelle zone agricole o comunque periferiche (come nelle zone di Monterone ed Olmetto). RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 20

20 IL SISTEMA AGRICOLO E I CASALI DELLA BONIFICA Il territorio di Ladispoli ha mantenuto un carattere fortemente agricolo/produttivo tanto che tutto il territorio dell entroterra è punteggiato dei caratteristici casali della bonifica dell Ente Maremma ancora produttivi e le estensioni agricole rappresentano circa l ottanta percento dell intero territorio. I materiali di questo sistema sono: - le coltivazioni - gli impianti agricoli - i casali agricoli della bonifica - le alberature La morfologia del territorio di Ladispoli risulta nel suo intero complesso priva di zone collinari; l andamento orografico è appena mosso con presenza di un insieme pressoché pianeggiante e con un acclività praticamente nulla se riferita agli usi agricoli. In corrispondenza degli insediamenti abitativi le pendenze sono assenti; in ambito della fascia coltivata più esterna il profilo del terreno è dolcemente ondulato, non si notano pendii, scarpate o altri rilievi. Sono presenti sul territorio le seguenti associazioni: Depositi superficiali incoerenti Si tratta di coperture colluviali residuali, formate da detriti che hanno subito un trasporto sia da acque ruscellanti che dalla forza di gravità. I suoli sono mediamente ben dotati, discretamente profondi, piuttosto sciolti e permeabili, mediamente forniti di macroelementi nutritivi. Su tali tipi di copertura trovano sede le più disparate associazioni vegetali o colture agrarie, la vegetazione vi cresce rigogliosa a causa della relativa fertilità del suolo e delle pendenze pressoché assenti. L ambiente è favorevole per una vegetazione più esigente, arbustiva. L utilizzo agricolo può risultare redditizio e si possono realizzare colture estese. Depositi litoranei e sublitoranei Sono depositi costituenti cordoni dunali sabbiosi pressoché paralleli alle rive; con il tempo gli agenti esogeni hanno in parte spianato le primitive dune, per cui il profilo attuale è quello di una pianura costiera blandamente ondulata. Si tratta di suoli in cui i pregi sono comunque superiori agli inconvenienti, limitati alla necessità di apporti irrigui ed alla occorrenza di disponibilità di abbondanti concimazioni. In questo paesaggio litoraneo la vegetazione naturale sarebbe appannaggio della foresta climax costituita di leccio e la lecceta sarebbe preceduta, verso il mare, dalla macchia mediterranea; in effetti RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 21

21 la flora spontanea è stata gradualmente sostituita da colture specializzate a carattere per lo più intensivo. Argille plioceniche Le argille azzurre, o grigio azzurre, danno luogo ad un paesaggio moderatamente ondulato, con ampi dossi quasi pianeggianti, senza brusche interruzioni o ripidi pendii. Su tale formazione si trovano terreni impervi all aria ed all acqua, a causa della loro tessitura; essi hanno reazione alcalina o subalcalina e, per l elevata coesione, presentano qualche difficoltà in più ad essere lavorati; la capacità produttiva può essere aumentata migliorando le caratteristiche chimiche del substrato, ma soprattutto quelle fisiche e biologiche. Devono pertanto essere sistemati, lavorati e concimati: solo a tale condizione possono ospitare convenientemente colture ortive, industriali ed arboree. L utilizzazione migliore di tali terreni sarebbe quella agro-silvo-pastorale. Alluvioni Si tratta di formazioni strettamente confinate a ridosso dell alveo dei fossi e delle loro diramazioni; la loro distribuzione ed entità superficiale complessiva è pertanto non significativa ai fini della loro partecipazione alla quantità che si prende in considerazione perché ad uso agricolo. Questi terreni esprimono comunque caratteristiche assolutamente favorevoli, per il loro elevato spessore, per la ricchezza di elementi nutritivi, per il sufficiente contenuto in humus; inoltre sono nel complesso molto fertili. Composizioni arenarie calcaree Sono rocce di origine organogena, anche se vi si è sovrapposto il fenomeno chimico della incrostazione; si sono formate per l accumulo di spoglie o detriti di organismi animali, principalmente conchiglie marine. Complessivamente, a causa di importanti difetti che sono il limitato spessore, la povertà di principi nutritivi, la ricchezza di scheletro e l eccesso di materiali colloidali, tali suoli possono essere asserviti a colture di un certo reddito, quali la cerealicoltura, in seguito ad interventi migliorativi generali. Terreni palustri Sono suoli a profilo poco differenziato, difficili da classificare a motivo della loro eterogeneità di composizione mineralogica e di tessitura e per essere stati profondamente rimaneggiati dall uomo. Nel complesso si tratta di terreni a potenzialità produttiva da buona ad ottima, specialmente se migliorati con interventi che ne assicurino un buon drenaggio. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 22

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015 Comunicato Stampa Salone del Consiglio Nazionale, via del Collegio Romano 27 (presso la sede del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) - ROMA 28 aprile 2015 Ore 9.30 PRESENTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA

COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA COMUNE DI BARANO D ISCHIA SOPRINTENDENZA BAP PSAD DI NAPOLI REGIONE CAMPANIA PIANO PER LA VALUTAZIONE DELLA COMPATIBILITA PAESISTICA DEGLI INTERVENTI EDILIZI ABUSIVI ESEGUITI NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino

LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino LUNGO IL PO, IN VIAGGIO DALL ARCHITETTURA ALLA NATURA Progetti fra Terre e Acque per riscoprire il Paesaggio zero Ippolito Ostellino L esperienza di lavoro intorno ai fiumi, ed in particolare nel caso

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Piano Regolatore Generale comunale

Piano Regolatore Generale comunale P.r.g Comune di Baselga di Pinè, adeguamento cartografico a sensi art. 34 comma 3 L.P. 1/2008 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Comune di Baselga di Pinè Piano Regolatore Generale comunale RELAZIONE Adeguamento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Roma, ottobre 2004 SOMMARIO 1. Premessa 3 2. Quadro di riferimento 4 2.1 Il sistema ambientale del Comune di Roma 4 2.2 Il verde previsto dal nuovo piano regolatore

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli