Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE"

Transcript

1 Comune di Ladispoli VARIANTE GENERALE AL PIANO REGOLATORE GENERALE Progettisti Consulenti Collaboratori ing. G. Castelli (capogruppo) arch.f. Rinaldi arch. S. De Santis arch. M. Ambrogio arch. C. Pimpini arch. M. Cuneo arch. A. Marotta arch. S. Moretti arch. F. Scuteri arch. M. Serra elaborato Relazione tecnica e illustrativa Numero Scala data Febbraio 2010 D1

2 Comune di Ladispoli RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA Febbraio 2010

3 Si ringrazia l'ufficio tecnico per la costruttiva collaborazione, efficienza e disponibilità con cui ci ha supportato nelle diversi fasi di elaborazione del piano, e in particolare il geom. A. Lancianese e l arch. Carlo Passerini.

4 INDICE 1 IL QUADRO CONOSCITIVO LADISPOLI E IL SISTEMA D AREA VASTA Il contesto territoriale Una città multietnica L ANALISI PER SISTEMI Il sistema naturalistico, i boschi e le aree protette Il sistema agricolo e i casali della bonifica Il sistema storico archeologico e il patrimonio architettonico Il sistema dei luoghi centrali e gli spazi di aggregazione Il sistema della mobilità Il sistema della residenza LA STRUMENTAZIONE URBANISTICA Il prg del 1978 e la variante denominata La variante per il recupero urbanistico dell abusivismo Le due varianti di salvaguardia GLI INPUT DI PROGETTO INDIVIDUAZIONE DEI PROBLEMI LE RICHIESTE DELL AMMINISTRAZIONE Criteri orientativi ed indirizzi espressi nell atto fondamentale LE RISORSE DEL TERRITORIO LA SFIDA PER LA CITTÀ IL PIANO LE FASI DI COSTRUZIONE DELLA VARIANTE OBIETTIVI E FINALITÀ DEL NUOVO PRG LE AZIONI DI PROGETTO Riqualificare il sistema insediativo e renderlo sostenibile Valorizzare e incentivare la risorsa turismo connessa all artigianato e alla produzione RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 5

5 Migliorare l accessibilità al centro urbano Dare identità e fornire una nuova immagine di città Garantire il reperimento delle aree pubbliche IL DIMENSIONAMENTO DEL PIANO GLI STANDARD E LE AREE PUBBLICHE RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 6

6 PREMESSA La presente relazione costituisce uno degli elaborati fondamentali della Variante generale al PRG e serve per meglio chiarire gli obiettivi e le finalità dello strumento pianificatorio. E articolata in quattro parti: - Il quadro conoscitivo, inerente le analisi e le interpretazioni dello stato di fatto, all interno del quale si descrive e si valuta lo stato del territorio e i processi evolutivi che lo caratterizzano, costituendo il riferimento necessario per la definizione degli obiettivi e dei contenuti dello strumento di pianificazione comunale; - L analisi delle criticità, riguardante la valutazione delle problematiche riscontrate nel corso dell elaborazione dello stato di fatto; le criticità individuate hanno offerto lo spunto per definire, insieme all Amministrazione Comunale, gli obiettivi da raggiungere e le scelte alla base della pianificazione; - Gli input di progetto, che consistono nella messa in campo delle risorse/opportunità che il territorio di Ladispoli offre; si tratta sia di fattori già di per sè positivi che il piano intende valorizzare sia di fattori negativi che, però, rappresentano spunti di progettazione; - Il piano, concernente l elaborazione vera e propria del progetto di variante. Il gruppo di lavoro nell elaborazione della Variante ha cercato di costruire, o in alcuni casi, di ricostruire un immagine unitaria del territorio comunale all interno del quale sono presenti realtà che isolatamente sono di rilevanza comunale, regionale, e, in alcuni casi, anche nazionale (basti pensare alle aree delle Oasi di Torre Flavia e al Bosco protetto di Palo Laziale ) ma che non sono mai riuscite, per diversi motivi, a integrarsi tra loro producendo, da un lato, possibili sinergie e, dall altro, definendo un identità del comune di Ladispoli. Costruire un identità è forse uno degli obiettivi più difficili da raggiungere per un territorio e per un piano urbanistico poiché se da una parte può apparire minimale mettere in valore le risorse esistenti dall altro esistono accertate difficoltà di integrazione tra le diverse attività antropiche e naturali di un territorio, per cui si è obbligati a far prevalere alcune attività a discapito di altre. In quest ottica di lavoro la variante generale non prevede trasformazioni urbane isolate bensì individua un insieme di interventi, articolati per sistemi, che permettono la costruzione di una identità composta di diversi temi in cui il disegno unitario prevale e rende riconoscibile dall esterno il territorio del Comune di Ladispoli. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 7

7 RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 8

8 1 IL QUADRO CONOSCITIVO RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 9

9 RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 10

10 1.1 LADISPOLI E IL SISTEMA D AREA VASTA IL CONTESTO TERRITORIALE Situata sulla Via Aurelia, a 38 km da Roma, Ladispoli è una cittadina prevalentemente balneare voluta e costruita dal Principe Ladislao Odescalchi alla fine del secolo scorso. Anche se le origini del territorio di Ladispoli (l antica spiaggia di Caere) risalgono a circa duemila anni fa, fu proprio il principe Ladislao alla fine dell ottocento a fondare la nuova località balneare che si sviluppò negli anni a seguire crescendo ed espandendosi fino a diventare una città. Il territorio di Ladispoli è oggi caratterizzato da diverse realtà: si tratta di una cittadina giovane, i primi manufatti edilizi nascono, agli inizi del Novecento, a ridosso della spiaggia, tra il fosso di Vaccina e il Sanguinaro; lo sviluppo demografico e topografico della cittadina, molto lento nei primi anni, quando il centro aveva una esclusiva funzione balneare, si velocizza in seguito con le varie lottizzazioni Marescotti, Odescalchi e Ruspoli. Nel corso degli anni si è verificato un notevole incremento demografico: oggi, infatti, gli abitanti residenti sono circa contro i 653 del 1921; questo è dovuto al fatto che l originario centro balneare si è trasformato in un centro turistico-residenziale a soli 35 Km da Roma, ben collegato con essa tramite la via Aurelia e la linea ferroviaria Roma-Pisa. Questo fattore, insieme al minor costo degli affitti e delle vendite rispetto a Roma, ha comportato un continuo aumento della domanda di alloggi a cui è seguita la speculazione delle aree fabbricabili con la costruzione di edifici multipiano che sono andati nel tempo ad occupare il posto di vecchi edifici del primo nucleo urbano; le stesse ragioni hanno portato alla nascita di zone ad alta densità edilizia, come nei pressi dell attuale stazione ferroviaria. Il nucleo urbano, compreso nel quadrante formato a est e ovest dai due fossi e a nord e sud dalla Via Aurelia e dalla linea di costa, si presenta quindi abbastanza denso e compatto. Al contrario dell area urbana il territorio agricolo ha mantenuto un carattere rurale, fortemente legato alla produttività del terreno, ancora lontano, salvo alcuni casi, da logiche di speculazione edilizia tanto che tutto il territorio dell entroterra è punteggiato dei caratteristici casali della bonifica dell Ente Maremma ancora produttivi e le estensioni agricole rappresentano circa l ottanta percento dell intero territorio. Il territorio di Ladispoli è anche piuttosto interessante dal punto di vista storico archeologico in quanto sono presenti diversi reperti sparsi nell area comunale: gli antichi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 11

11 casali medioevali delle tenute dei principi Ruspoli, Odescalchi e Torlonia e le tipiche case coloniche dell Ente Maremma conferiscono a questo territorio un notevole fascino. In generale, quindi, il contesto paesaggistico di Ladispoli si presenta piuttosto vario e complesso, ricco di risorse, di tipo antropico e di tipo naturale, che rappresentano delle enormi potenzialità. UNA CITTÀ MULTIETNICA Ladispoli è un comune con uno dei più alti tassi d immigrazione della Provincia di Roma e ne rappresenta la città multietnica per eccellenza. Il distretto F2, che rappresenta il distretto provinciale di riferimento del Comune di Ladispoli e ne è il capofila, si conferma come meta di immigrazione delle comunità provenienti dall Est dell Europa. La comunità più grande è quella rumena (1.685 residenti a Ladispoli e 547 a Cerveteri, su un totale di residenti nel distretto), cresciuta soprattutto negli ultimi anni, seguita da quella polacca (591 residenti a Ladispoli e 220 a Cerveteri, con un incidenza sul totale pari al 15%), quest ultima di più antico insediamento e numericamente stabile. Ladispoli è uno dei comuni del nord di Roma con un alto tasso di presenze straniere 1. Anche se la comunità più numerosa è quella dei rumeni, le diversità etniche presenti sul territorio fanno di Ladispoli una città cosmopolita; gli immigrati provengono da circa 30 paesi diversi di 5 continenti: Europa, Africa, Asia, Nord America e America Latina. Tuttavia in questo distretto, come pure negli altri, si conferma la frammentazione delle nazionalità tipica dell immigrazione italiana: la comunità rumena raggiunge il 42% delle presenze, il restante 58% dei residenti stranieri è suddiviso fra più di dieci comunità in cui prevalgono quelle dell Est Europa. La popolazione straniera di Ladispoli è rappresentata oggi soprattutto dai giovani e dalle donne che riescono ad inserirsi con più facilità nel mercato del lavoro. Circa il 40% del totale degli stranieri (regolari e non) lavora a Roma in quanto Ladispoli non offre grosse opportunità di lavoro ma preferisce abitare a Ladispoli perché è più facile trovare case in affitto ed a prezzi più bassi. A Ladispoli i lavori svolti dagli immigrati sono nell ambito domestico, in edilizia, nel commercio e in alcuni servizi; non tutti lavorano in regola e, spesso, sono sottopagati. Una piccola percentuale di loro ha un attività propria (phone-center, centro internet e send-money, negozi etnici, alimentari e di abbigliamento,ristoranti, pizzerie ecc.) mentre 1 Relazione Rete Provinciale delle Comunità Straniere a cura di Provincia di Roma (Assessorato politiche sociali) e Archivio dell Immigrazione RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 12

12 la maggior parte possiede come titolo di studio un diploma o una laurea quasi mai riconosciute in Italia. Il percorso burocratico per il riconoscimento dei titoli di studio è talmente difficile e lungo che gran parte della popolazione immigrata rinuncia adattandosi a svolgere mansioni di tutti i tipi e solo una piccola percentuale continua a studiare. Le famiglie (escluse le badanti che convivono con i loro datori di lavoro) sono composte in gran parte di due membri ma ultimamente si è verificato un aumento dei ricongiungimenti con i figli (anche irregolari) e un aumento delle nascite; le difficoltà economiche e il costo alto degli affitti costringono molti di loro a una convivenza plurifamiliare. Ultimamente si è verificata una leggera crescita negli acquisti di appartamenti. La vita sociale degli immigrati di Ladispoli è abbastanza scarsa soprattutto perché mancano i luoghi e i momenti di aggregazione. La carenza di spazi adeguatamente progettati per il tempo libero dove sarebbe possibile la condivisione e l integrazione rappresenta il principale fattore di isolamento sociale per le minoranze. Gli unici poli di aggregazione e di incontro per gli immigrati sono i luoghi di culto e le associazioni. A Ladispoli ci sono 4 chiese cattoliche (romeni, bulgari, nigeriani, polacchi), 1 ortodossa rumena, una moschea e una sala anglicana e le associazioni sono una decina. Tuttavia queste istituzioni, poiché settoriali, non contribuiscono ad un integrazione della popolazione straniera all interno della cittadinanza di Ladispoli, che è senz altro una città dai colori etnici vivaci in cui le diversità s incontrano e si scontrano nella ricerca di una culturalità dai valori comuni. Alla luce di quanto detto sarebbe importante individuare e caratterizzare quegli spazi, all interno della città, che potrebbero rappresentare i luoghi dell integrazione e dello scambio culturale. La storia ci insegna che vi sono risposte spaziali a tutti i mutamenti sociali. Gli aeroporti, le stazioni ferroviarie, le stazioni metropolitane, le scuole, gli stadi, le discoteche, le sale da concerto, i musei, le fiere, i centri commerciali, i parchi rappresentano gli spazi pubblici in cui la gente viene accolta in una città, si incontra e si integra. Da uno spazio urbano all altro, studia e/o lavora, si informa, occupa il tempo libero. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 13

13 1.2 L ANALISI PER SISTEMI Pensare la città per sistemi significa studiare le regole della loro compatibilità e componibilità, immaginare insiemi di spazi, luoghi ed edifici riconoscibili, dotati di uno specifico statuto e tra loro integrati. I diversi sistemi si articolano funzionalmente e morfologicamente dando luogo a parti di città e di territorio ad insiemi tra loro correlati e dotati di una propria identità. Ciascun sistema è costituito da un insieme di materiali puntuali e/o areali (residenze, industrie, edifici commerciali, piazze). Ogni materiale ed ogni insieme di materiali, ogni luogo ed ogni sistema sono dotati, in maggiore o minore misura, di una propria trasformabilità; sono capaci di ospitare persone ed attività diverse da quelle per le quali sono stati originariamente pensati e costruiti. Il territorio può essere ri-progettato partendo dall analisi dei seguenti sistemi, e dall individuazione delle carenze e/o mancanze strutturali, e infine, dalla ricomposizione delle parti: Il sistema naturalistico, i boschi e le aree protette Il sistema agricolo e i casali della bonifica Il sistema archeologico e il patrimonio storico architettonico Il sistema dei luoghi centrali e gli spazi di aggregazione Il sistema della mobilità Il sistema della residenza Il sistema degli spazi turistico ricettivi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 14

14 IL SISTEMA NATURALISTICO, I BOSCHI E LE AREE PROTETTE Il paesaggio naturale risulta nel suo complesso privo di zone collinari con un andamento orografico appena mosso, pressoché pianeggiante, con un acclività praticamente nulla. L area presenta numerosi ambienti naturali, molto diversi tra loro seppur limitrofi che caratterizzano il territorio di Ladispoli, rendendolo un unicum rispetto ai contesti territoriali circostanti. La molteplicità delle componenti ambientali conferisce al territorio l aspetto di un articolato sistema, entro cui coesistono significativi sistemi di tipo naturalistico, paesaggistico, idrografico, di grande valore in cui nonostante le profonde azioni di antropizzazione abbiano modificato il territorio, ognuna di queste zone accoglie un patrimonio faunistico e floreale ricco e vario. Le formazioni vegetali naturali presenti sul territorio di Ladispoli sono caratterizzate da due grandi riserve naturali: il bosco di Palo e la Palude di Torre Flavia collocate lungo la costa e delle aree verdi dell entroterra suddivise tra i giardini pubblici, la vegetazione ripariale, e la vegetazione nelle proprietà private. L inquadramento della situazione sotto il profilo normativo e vincolistico è stato effettuato con l esame del P.T.P. regionale e della legislazione vigente in materia di tutela dei beni ambientali e culturali. Le componenti morfologico funzionali, che si sono analizzate attraverso l analisi dei sistemi concentrandosi su una lettura decodifica dei palinsesti del paesaggio coincidono con i materiali di questo sistema, e sono: i boschi i rimboschimenti le alberature i corsi d acqua la vegetazione naturale dei fossi il litorale La parte del territorio di Ladispoli non occupata da infrastrutture urbane e territoriali è costituita da coltivi, aree prative a pascolo ed incolti. MACCHIA MEDITERRANEA Si tratta di una fitocenosi arbustiva strutturalmente molto densa ed intricata che raggiunge un'altezza media di circa 2 metri. E' costituita da specie screrofille sempreverdi RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 15

15 quali Pistacia lentiscus (lentisco), Phillyrea Ialifolia. (fillirea), Ouercus iley (leccio), Rhamus alaternus (alaterno) e da lianose quali Smilax aspera (stracciabraghe), Clematis flamula (clematide), Lonicera implexa (Ionicera), Rubia-peregrina (attacca veste). Lembi ben conservati di macchia mediterranea si estendono in prossimità della costa, sulla duna sabbiosa consolidata retrostante la spiaggia il Località Il Pigneto e parzialmente in località Tumuleto della Palazzina. Tali lembi di vegetazione risultano ben conservati e meriterebbero una opportuna politica di salvaguardia con interventi mirati a favorire il naturale evolversi e la diffusione su superfici più estese. VEGETAZIONE PSAMMOFILA Una piccolissima parte della duna recente, in gran parte devastata dall'edilizia residenziale stagionale, è rimasta come ultimo baluardo (all'interno del territorio comunale) di un tipo di vegetazione tipica delle dune, ma estremamente sensibile ai disturbi esterni: la vegetazione psammofila, tipica dei litorali sabbiosi e adattata a vivere su substrati salsi (ricchi di sale). Di tale vegetazione rimangono però soltanto piccolissimi nuclei. In corrispondenza dell'antiduna si rinvengono tracce di Agropyreto, presente in forma assai impoverita cori pochi esemplari di Agropírum juniceum, Sporobolus pungens e Eryngium maritimum. Un po' più consistente è la presenza della tipica fitocenosi pionera, delle dune mobili, l'ammofileto, rappresentato, da piccole colonie di Ammofila arenaria accompagnata dall Anthemis maritima e dall'ononis. BOSCO DI SEMPREVERDI E CADUCIFOGLIE Si tratta principalmente di querceti, sempreverdi e caducifoglie; i sempreverdi sono costituiti in prevalenza da Leccio o da Sughera, mentre quelli a caducifoglie sono rappresentati da Roverella o Cerro di Gussone. Non si trovano mai in popolamenti puri, ma associati ad altre specie arboree ed arbustive definendo il cosiddetto "Bosco misto mediterraneo". QUERCETO MISTO Una buona parte del territorio comunale doveva essere un tempo ricoperta da estese foreste planiziali di querce unitamente a piccoli lembi boscati residuali, caratterizzati dalla presenza di querce caducifoglie di discreta dimensione e struttura. Questi boschi risultano costituiti nello strato arboreo da Quercus cerris e in misura minore da Ouercus pubescens, sporadicamente è presente anche Querqus pubescens. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 16

16 Nello strato arbustivo si rilevano Citysus villosus, Phillirea latifolia, Laurus nobilis e Euonymus europaeus Spesso le due tipologie vegetazionali sopra descritte si sovrappongono, dando origine a querceti misti nei quali in alcuni casi prevale la sughera e in altri le querce caducifoglie. Si è ritenuto opportuno distinguerli da un punto di vista fisionomico in: Sughereta mista con querce caducifoglie, nel casi in cui prevale la sughera; Querceto misto con sughera, nel casi in cui prevalgono le querce caducifoglie. VEGETAZIONE RIPARIALE La vegetazione tipica degli ambienti di ripa è presente sul territorio comunale di Ladiospoli in corrispondenza di alcuni tratti dei fossi Sanguinara e Vaccina. E' costituita principalmente da Salix alba in forma arborea. ed arbustiva ed in misura minore da Salix purpurea e Arundo dorax. FORMAZIONI ERBACEE PREVALENTI Sono state così definite alcune aree molto estese con presenza di specie erbacee. Le aree prevalentemente interessate sono località campo Ascolano Ascolano, Capanna Murata, Isolottello e Bonifica campo Jemini. VEGETAZIONE LACUSTRE Raggruppa la tipica vegetazione acquatica presente nella Palude di torre Flavia. Oltre alla Cannuccia di palude Phragmites australis che vegeta sulle sponde fangose, numerose sono le varietà di ranuncoli acquatici e semi-acquatici alcune delle quali endemiche: Ranunculus aquatilis, R. peltatus, R. tricophyllus tricophyllus, R. marginatus, R. ophioglossifolius, R. lateriflorus. Altre specie erbacee sono: Lingua d'acqua Potamogeton natans, Brasca Potamogeton pectinatus, Mestolaccia comune Alisma plantago-aquatica, Pampina del paradiso Colocasia antiquorum. LE OASI NATURALISTICHE Il territorio di Ladispoli conserva due importanti, per certi versi uniche, aree di grande pregio naturalistiche: il Bosco di Palo e l area umida della Torre Flavia. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 17

17 Le due riserve naturali hanno mantenuto praticamente intatte le loro peculiarità naturalistiche e paesaggistiche, contribuendo di molto ad arricchire dal punto di vista ecologico il territorio. IL BOSCO DI PALO L Oasi WWF Bosco di Palo si trova, tra Marina di San Nicola e Ladispoli. Nonostante le alterazioni subite nel corso degli anni, mantiene ancora alcune caratteristiche di natura intatta in ciascuno degli habitat presenti. La data di creazione è il 1980 e l estensione è di 120 ettari. L Oasi Affiliata WWF del Bosco di Palo è uno degli ultimi residui della foresta planiziale tirrenica. I resti del porto etrusco di Alsium e della villa di Pompeo Magno a San Nicola sono testimonianze inconfutabili della presenza prima degli Etruschi e poi dei Romani. Nell alto Medioevo Palo fu quasi abbandonato: rimase una torre di avvistamento contro le incursioni dei barbari, ma la selva e le paludi ripresero il sopravvento. Il borgo di Palo, minuscolo agglomerato di case immerse nel bosco, visse in simbiosi con la torre trasformata in castello. Nel 1300, i monaci del monastero di S. Saba fecero ampliare la rocca e la vendettero alla famiglia Orsini, che nel 1367 costruirono il castello. Tra il 500 e il 600 la tenuta di Palo passò da un proprietario all altro (Orsini, Borgia, Farnese, Orsini). Il castello acquistò lentamente le caratteristiche del palazzo signorile, perdendo quelle di forte costiero. Il bosco fu utilizzato come luogo di caccia e di svago dei signori di Palo. Nel 1780 gli Orsini vendettero la Signoria di Palo alla famiglia Odescalchi. Il vero fulcro dell Oasi è il relitto bosco planiziale che un tempo occupava zone vastissime della nostra penisola. Altri ambienti sono le piscine temporanee, la macchia mediterranea e il prato. Il bosco accoglie molti passeriformi e mammiferi, in particolare quelli dalle abitudini prettamente notturne. Le pozze temporanee sono popolate da diverse specie, alcune rare. Tra le molte specie di piante e fiori presenti, é possibile imbattersi in numerose specie di orchidee selvatiche. Ultimo lembo del bosco planiziale esteso un tempo sul litorale tosco-laziale L area della riserva racchiude in sé i seguenti ambienti: Flora Bosco di sempre verdi e caducifoglie, prato (in prossimità della spiaggia),bosco con cerro, roverella, frassino, alloro, olmo. Macchia mediterranea con lentisco, fillirea, mirto, erica arborea, leccio. Specie arboree presenti: pini marittimi, cipressi, eucalipti, cerri, roverelle, lecci, aceri minori, olmi. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 18

18 Il sottobosco è invece popolato da corbezzolo, edera, pungitopo, alloro, mirto e lentisco. Le presenze floreali più rappresentative sono: gladiolo dei campi, campanula, ranucolo, romici e orchidee. Fauna Rettili: testuggine palustre e testuggine terrestre. Uccelli: passeriformi di bosco e macchia, uccelli marini lungo la costa. Mammiferi: tasso (simbolo dell Oasi), istrice, faina, donnola, volpe e puzzola. L'oasi di Palo è anche il luogo dove molti uccelli possono fare sosta lungo le loro rotte migratorie o fermarsi per nidificare. L AREA UMIDA DI TORRE FLAVIA La torre Flavia è inserita all interno dell area protetta litorale Roma Nord, prevista dal Piano Regionale dei Parchi e delle Riserve (1993), ricadente nei comuni di Ladispoli, Cerveteri e Santa Marinella. Dal punto di vista naturalistico le caratteristiche di principale interesse riguardano la vegetazione Alofila Salicorneto e la vegetazione dei prati parzialmente inondati; in questa regione i prati sono periodicamente ricoperti di acque dolci o debolmente salmastre. Sono ambienti di elevato valore naturalistico e presentano durante il corso dell anno un alternarsi di comunità vegetali e animali diverse in relazione alla quantità d acqua presente. Il Bosco di Palo si estende tra la Marina di S. Nicola e la città; è un bosco misto di caducifoglie con una netta prevalenza di Querqus cerris e secondariamente da Querqus pubescens e Fraxinus ornus. Notevole nello strato arbustivo la presenza di Laurus nobilis, che costituisce la parte strutturalmente preponderante del sottobosco. Per queste peculiarità il Bosco di Palo è stato indicato come habitat prioritario nel censimento CEE dei biotipi di rilevanza naturalistica. Questo bosco è ciò che resta delle foreste planiziari che prima della bonifica si estendevano su tutta la costa dell Italia mediotirrenica e che attualmente sono rappresentate significativamente solo dal Bosco di Palo, da quello di Castel Porziano e da quello di Sabaudia. L'attuale area di Torre Flavia rappresenta l'ultimo tassello temporaneamente umido che faceva parte della più ampia palude di Campo di Mare estesa, fino ai primi anni '60 per alcune decine di ettari. Oggi il territorio si presenta come un susseguirsi di piccole depressioni che stagionalmente si riempiono d'acqua, grazie all'affioramento della falda costiera RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 19

19 sottostante, all'apporto delle acque dolci dell'entroterra e delle piogge invernali. Il variare della salinità dell'acqua ha generato una vegetazione tipica delle zone salmastre, come la salicornia, simbolo dell'oasi, l'orzo marittimo ed il limonio. Le aree verdi nel centro urbano del Comune di Ladispoli e della frazione di Marina di San Nicola si possono ricondurre principalmente in tre generi:a) giardini pubblici b) vegetazione in proprietà private, c) vegetazione ripariale nel letto dei fossi Vaccina, Sanguinara ed in quello del Quartaccio. Il verde pubblico si concentra maggiormente nella vasta zona di giardini pubblici situati tra via Ancona e via Odescalchi, lungo il loro intero percorso. Nel verde si trovano in abbondanza siepi di mortella e di oleandro, nonché numerosi esemplari di pino marittimo e di eucalipto. Sono in oltre presenti essenze quercine. Degno altresì di menzione è il bosco pubblico di Palo, situato a ridosso dell area protetta denominata Bosco di Palo. In questa area si nota una copiosa presenza di lecci e zone di macchia mediterranea. Il suolo dei giardini pubblici è ricoperto di erba e ghiaia, mentre soltanto nel bosco pubblico sopra ricordato il suolo è alla stato naturale. Complessivamente in entrambi gli ambienti, si nota un buono stato di conservazione. La vegetazione nelle proprietà private contribuisce non poco all entità ed alla fisionomia della vegetazione generalmente diffusa sul territorio: questa, all interno di pertinenze di ville e condomini, presenta caratteri di eterogeneità, ove si privilegiano palme e palmizi bassi (palme da datteri, palme di San Pietro), esemplari di cactus e di succulente genere, alloro, gelsomino, mortella, rose, bouganville, e tra gli alberi da frutto, primeggino i limoni. Le specie arboree, costituite da pini marittimi ed eucalipti, sono presenti in discreto numero anche nelle zone agricole o comunque periferiche (come nelle zone di Monterone ed Olmetto). RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 20

20 IL SISTEMA AGRICOLO E I CASALI DELLA BONIFICA Il territorio di Ladispoli ha mantenuto un carattere fortemente agricolo/produttivo tanto che tutto il territorio dell entroterra è punteggiato dei caratteristici casali della bonifica dell Ente Maremma ancora produttivi e le estensioni agricole rappresentano circa l ottanta percento dell intero territorio. I materiali di questo sistema sono: - le coltivazioni - gli impianti agricoli - i casali agricoli della bonifica - le alberature La morfologia del territorio di Ladispoli risulta nel suo intero complesso priva di zone collinari; l andamento orografico è appena mosso con presenza di un insieme pressoché pianeggiante e con un acclività praticamente nulla se riferita agli usi agricoli. In corrispondenza degli insediamenti abitativi le pendenze sono assenti; in ambito della fascia coltivata più esterna il profilo del terreno è dolcemente ondulato, non si notano pendii, scarpate o altri rilievi. Sono presenti sul territorio le seguenti associazioni: Depositi superficiali incoerenti Si tratta di coperture colluviali residuali, formate da detriti che hanno subito un trasporto sia da acque ruscellanti che dalla forza di gravità. I suoli sono mediamente ben dotati, discretamente profondi, piuttosto sciolti e permeabili, mediamente forniti di macroelementi nutritivi. Su tali tipi di copertura trovano sede le più disparate associazioni vegetali o colture agrarie, la vegetazione vi cresce rigogliosa a causa della relativa fertilità del suolo e delle pendenze pressoché assenti. L ambiente è favorevole per una vegetazione più esigente, arbustiva. L utilizzo agricolo può risultare redditizio e si possono realizzare colture estese. Depositi litoranei e sublitoranei Sono depositi costituenti cordoni dunali sabbiosi pressoché paralleli alle rive; con il tempo gli agenti esogeni hanno in parte spianato le primitive dune, per cui il profilo attuale è quello di una pianura costiera blandamente ondulata. Si tratta di suoli in cui i pregi sono comunque superiori agli inconvenienti, limitati alla necessità di apporti irrigui ed alla occorrenza di disponibilità di abbondanti concimazioni. In questo paesaggio litoraneo la vegetazione naturale sarebbe appannaggio della foresta climax costituita di leccio e la lecceta sarebbe preceduta, verso il mare, dalla macchia mediterranea; in effetti RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 21

21 la flora spontanea è stata gradualmente sostituita da colture specializzate a carattere per lo più intensivo. Argille plioceniche Le argille azzurre, o grigio azzurre, danno luogo ad un paesaggio moderatamente ondulato, con ampi dossi quasi pianeggianti, senza brusche interruzioni o ripidi pendii. Su tale formazione si trovano terreni impervi all aria ed all acqua, a causa della loro tessitura; essi hanno reazione alcalina o subalcalina e, per l elevata coesione, presentano qualche difficoltà in più ad essere lavorati; la capacità produttiva può essere aumentata migliorando le caratteristiche chimiche del substrato, ma soprattutto quelle fisiche e biologiche. Devono pertanto essere sistemati, lavorati e concimati: solo a tale condizione possono ospitare convenientemente colture ortive, industriali ed arboree. L utilizzazione migliore di tali terreni sarebbe quella agro-silvo-pastorale. Alluvioni Si tratta di formazioni strettamente confinate a ridosso dell alveo dei fossi e delle loro diramazioni; la loro distribuzione ed entità superficiale complessiva è pertanto non significativa ai fini della loro partecipazione alla quantità che si prende in considerazione perché ad uso agricolo. Questi terreni esprimono comunque caratteristiche assolutamente favorevoli, per il loro elevato spessore, per la ricchezza di elementi nutritivi, per il sufficiente contenuto in humus; inoltre sono nel complesso molto fertili. Composizioni arenarie calcaree Sono rocce di origine organogena, anche se vi si è sovrapposto il fenomeno chimico della incrostazione; si sono formate per l accumulo di spoglie o detriti di organismi animali, principalmente conchiglie marine. Complessivamente, a causa di importanti difetti che sono il limitato spessore, la povertà di principi nutritivi, la ricchezza di scheletro e l eccesso di materiali colloidali, tali suoli possono essere asserviti a colture di un certo reddito, quali la cerealicoltura, in seguito ad interventi migliorativi generali. Terreni palustri Sono suoli a profilo poco differenziato, difficili da classificare a motivo della loro eterogeneità di composizione mineralogica e di tessitura e per essere stati profondamente rimaneggiati dall uomo. Nel complesso si tratta di terreni a potenzialità produttiva da buona ad ottima, specialmente se migliorati con interventi che ne assicurino un buon drenaggio. RELAZIONE TECNICA E ILLUSTRATIVA 22

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano

Itinerando Scuola. per conoscere il Litorale Romano Itinerando Scuola per conoscere il Litorale Romano Visite guidate per bambini e ragazzi alla scoperta delle bellezze naturalistiche, storico-culturali e paesaggistiche del territorio Chi siamo Programma

Dettagli

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale

Copertura vegetale. La carta della Copertura Vegetale Copertura vegetale è una componente ambientale in cui le piante costituiscono l'elemento principale nella configurazione più complessiva degli ecosistemi terrestri; rappresenta la risultante della molteplicità

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di RELAZIONE GENERALE E TECNICA Generalità Breve inquadramento geografico e storico Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di Oristano. Il suo territorio occupa

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI

INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI INU Lazio CONFAGRICOLTURA - COLDIRETTI - CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI Regione Lazio, Università di Roma TRE Roma, Facoltà di Architettura, Università Roma Tre, via Madonna dei Monti, Sala Urbano

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA

COMUNE DI BASTIA UMBRA COMUNE DI BASTIA UMBRA SETTORE URBANISTICA Legge regionale 22 febbraio 2005 n.11, art.33, comma 5 Variante parziale al PRG Edifici sparsi di interesse storico, architettonico e culturale Allegato D PROVINCIA

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie

HABITAT DI SPECIE. Habitat forestali. Habitat di specie Habitat di specie 575 HABITAT DI SPECIE In Liguria gli habitat di specie, cioè quegli habitat indispensabili per la vita delle specie elencate nell allegato 2 della direttiva 92/43 e nell allegato 1 della

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

"Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012

Città Visibili - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 "Città Visibili" - Torino Smart Festival 2012 Convegno internazionale NUTRIRSI DI PAESAGGIO Lingotto Fiere - 4 / 5 giugno 2012 Titolo: Restyling paesaggistico : esperienze di recupero di siti produttivi

Dettagli

Oasi dunale. Torre di Mare

Oasi dunale. Torre di Mare Torre di Mare Oasi dunale Superficie: 16 ettari Regione: Campania Provincia: Salerno Comuni: Capaccio Istituzione: 1993 Gestore: Legambiente Capaccio-Paestum Sede: Via Cortigiano, 79 84063 Capaccio (SA)

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA

LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10. Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata. Art. 2 (Finalità) PARTE PRIMA 8119 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 15 maggio 2006, n. 10 Istituzione del Parco naturale regionale Bosco Incoronata La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO)

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) Prot. n. 5915 Imbersago, 4 ottobre 2012 Cat. 6 Classe 1 Fasc. 1 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL DOCUMENTO DI PIANO (PARERE MOTIVATO) l autorità competente per la VAS d intesa con l autorità procedente

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

Villa Il Poggio. Ubicazione

Villa Il Poggio. Ubicazione Ubicazione Posta in posizione semi-collinare sul versante Jonico del territorio salentino, Villa Il Poggio è ubicata nel Comune di Manduria a pochi kilometri dall areoporto di Brindisi, con collegamenti

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Scheda 2 - Litorali sabbiosi (Tomboli e Dune) Riferimento alle Norme Titolo II art. 13 Tavola n.1 del PTC: Acqua e Suolo scala 1: 50.

Scheda 2 - Litorali sabbiosi (Tomboli e Dune) Riferimento alle Norme Titolo II art. 13 Tavola n.1 del PTC: Acqua e Suolo scala 1: 50. Scheda 2 - Litorali sabbiosi (Tomboli e Dune) Riferimento alle Norme Titolo II art. 13 Tavola n.1 del PTC: Acqua e Suolo scala 1: 50.000 Riferimenti cartografici del SIT provinciale Sistemi dunali scala

Dettagli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Galleria artificiale tra i cavalcavia di via Piave e via Parva Domus Relazione Agronomica Dott. Claudia Loffredo

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L AGRICOLTURA Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg. CE 1698/2005 MISURA

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1

Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1 Tema 1 ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO Vecchio Ordinamento 15 giugno 2011 Busta 1 Su un promontorio roccioso a 80 m. sul mare, piano in sommità orientato NS,

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo

La riscoperta dell isola di Sant Erasmo 53 La riscoperta dell isola di Sant Erasmo Venezia e Murano, il Lido e Chioggia, Burano e Torcello. Da secoli, i luoghi simbolici per eccellenza della laguna custodiscono la storia, la cultura, la tradizione

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume.

Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Workshop EWWUD Lisbona 2010. Progetto di ridestinazione del porto containers di Alcantara e dei cantieri di Santos. Ricollegare Lisbona al lungofiume. Gruppo di lavoro diretto da Ado Franchini. Con Andrea

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it Escursione alla ricerca e al riconoscimento delle piante di interesse etnobotanico, in collaborazione con Accademia delle Erbe Spontanee. Insieme al prof. Fabio Taffetani, esperto Botanico dell'università

Dettagli

Riproduzione di specie dunali minacciate

Riproduzione di specie dunali minacciate SOS dune : Stato, problemi, interventi, gestione Roma, 23 Ottobre 2009 Riproduzione di specie dunali minacciate Paolo Vernieri, Stefano Benvenuti Dip. Biologia delle Piante Agrarie Università di Pisa Lara

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

COMUNE DI...ACIREALE...

COMUNE DI...ACIREALE... COMUNE DI...ACIREALE... AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. (1) 1. RICHIEDENTE: (2)...COMUNE DI ACIREALE...

Dettagli

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo

Borgo di Mezzana. Comune di Cantagallo. Invest in Prato: Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO. Scheda di valutazione. Comune di Cantagallo Invest in Prato: il progetto di Marketing territoriale della Provincia di Prato Opportunità localizzative SETTORE TURISTICO Comune di Cantagallo Scheda di valutazione Sezione 1 Scheda riassuntiva Mappa

Dettagli

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO Il Tuffetto, associazione naturalistica costituita da laureandi e laureati in scienze naturali e biologiche, è nata per far condividere a grandi e piccoli l amore, la conoscenza e il rispetto della natura

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

Il Gasdotto Grecia - Italia

Il Gasdotto Grecia - Italia Il Gasdotto Grecia - Italia Otranto, 21 Settembre 2007 Indice 1. Inquadramento Progetto 2. Attività di Costruzione 3. Impatti Ambientali 4. Conclusioni 2 Indice 1. Inquadramento Progetto 2. Attività di

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA MURA LORENESI A LIVORNO STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA Il 29 novembre 2003 sono stati presentati alla città dal Sindaco di Livorno Gianfranco Lamberti gli interventi del Programma di Riqualificazione

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia

18 Motoincontro Internazionale. 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia 6 7-8 giugno 2014 Isola Polvese Lago Trasimeno (PG) Italia Organizzato dal Moto Club Jarno Saarinen di Petrignano d Assisi Perugia (Italia) In occasione di questo grande appuntamento di Amicizia Internazionale,

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del Premio La Città per

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro

Residenza sanitaria e assistenziale Gruppioni a Pianoro Progetti Roberto Gamba Planimetria. Pianoro (oltre 16.000 residenti) si estende a sud di Bologna su un territorio di 107 km 2 articolato lungo due vallate, sul torrente Zena e sul Savena, collegate tra

Dettagli

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE

LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE LE PINETE DEMANIALI RAVENNATI STORIA E PROSPETTIVE Relatore: Primo Dirigente del CFS Dr. Giovanni NACCARATO Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato per la Provincia di Ravenna I terreni

Dettagli

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino

ESCURSIONI: la costa. Strada dei Sapori Medio Tirreno Cosentino ESCURSIONI: la costa Cetraro Paese (3 km) Belvedere Paese (10 km) Uno dei paesi più popolosi della costa le cui origini sono circa del 13 secolo. Di grande interesse è il castello Aragonese originariamente

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012

Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 2012 Evoluzione dell uso del suolo dal 1999 al 212 Matteo Masini, Silvia Montagnana, Mauro Fiorini Agosto 214 Osservatorio permanente della programmazione territoriale Direzione Generale Territorio, urbanistica

Dettagli

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050)

MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali. TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) MISURA 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone. (ex M. 313, M. 321, M. 322, 323, artt. 19 e 20 Reg. UE 1305/2013) TOTALE DI MISURA 61.359.114,10 (QUOTA FEASR 26.458.050) Per le spese ammissibili

Dettagli

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio Criticità/stress rischio idraulico accessibilità/mobilità carenza di servizi /luoghi aggregazione mancata valorizzazione patrimonio Attuazione PRG 2008 Rischi consumo/impermeabilizzazione suolo aumento

Dettagli

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA 3 SETTORE EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli