Le anfore massaliote. in Etruria meridionale. Malgorzata SLASKA *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le anfore massaliote. in Etruria meridionale. Malgorzata SLASKA *"

Transcript

1 Le anfore massaliote in Etruria meridionale Malgorzata SLASKA * L'inventaire de la demi-douzaine de sites concernés montre la prédominance des amphores de type Bertucchi 1 et autorise l'auteur à s'interroger sur l'identité des amphores ionio-massaliètes et de leur prototype. Mols-clés: amphores massaliètes, Etrurie, commerce méditerranéen, périodes archaïque et classique. The inventory of the halfdozen sites concerned shows the predominance of type BeTtucchi 1 amphorae and allows the author to discuss the identity of the Ionio-massaliote amphorae and their prototype. Keys words : Massaliote amphorae, Etruria, Mediterranean trade, archaic and c1assical periods. Eludes Massalièles, 2 (1990), pp

2 224 M. SLASKA Inquadra:tn.ento generale Il panorama delle presenze anforiche in Etruria meridionale in cui si inseriscono anche i prodotti massalioti, negli ultimi anni è venuto a delinearsi in modo più chiaro - specialmente per l'epoca arcaica e classica con il contributo decisivo di un'iniziativa, promossa e coordinata dalla Soprintendenza Archeologica per l'etruria Meridionale da Paola Pelagatti, e imperniata su un rigoroso censimento seguito da un'approfondito studio delle classi documentate (1). Le necropoli di Veio, di Tarquinia, di Cerveteri e di VuIci ma anche di Tuscania e di altri centri minori dell 'Etruria meridionale interna costituiscono il serbatoio principale delle testimonianze raccolte (da vecchi e nuovi scavi, da collezioni, da recuperi e sequestri), cui si aggiungono i rinvenimenti marini, per 10 più fortuiti. Ad arricchire il quadro vengono i dati relativi alla situazione riscontrata nei santuari di Pyrgi (Colonna 1985, 5-18) e Gravisca (Slaska 1985, 19-21) e nel porto vuicente di Regisvilla (Morselli-Tortorici 1985, 27-40), mentre la documentazione riferibile aile aree urbane è ancora troppo esigua 0 inesistente (2). La prima impressione che si ricava dalle statistiche relative alle necropoli dei quattro maggiori centri etruscomeridionali (Boitani 1985, 23-26), per quanta concerne le anfore massaliote, è di una loro presenza dei tutto marginale, tanto esiguo appare il numero di questi vasi rispetto ai contenitori da trasporto importati da altri centri. Tuttavia, se analizziamo le presenze in rapporto alla cronologia della classe che ha inizio a partire dall 'ultimo quarto dei VI sec. a.c. (3), tale impressione dovrà essere modificata. In questo momento, infatti (ma il fenomeno inizia già nel terza quarto dello stesso secolo), tutte le anfore commerciali documentate in Etruria meridionale sono in netta diminuzione, e quelle massaliote - inserendosi in un panorama molto più scarno di quello precedente - assumono una rilevanza maggiore e - in generale - dei tutto bilanciata rispetto ad altre importazioni anforiche dell'epoca. Successivamente, nel corso dei Vedel IV sec. a.c., la presenza massaliota mantiene la sua tenuta, sebbene con testimonianze numericamente ridotte, nel contesto sempre più povero di anfore da trasporto (4). La distribuzione delle anfore massaliote in Etruria meridionale non è uniforme : il ruolo maggioritario spetta indubbiamente all'area tarquiniese. Specialmente nell'ambito delle necropoli si puo cogliere, curiosamente, una duplice tendenza : da un lato Tarquinia appare come il destinatario privilegiato di questa classe rispetto ad altri centri etrusco-meridionali (con sette esemplari su un totale di otto/nove rinvenuti complessivamente nelle necropoli), dall'altro le anfore marsigliesi sembrano essere "preferite" nelle tombe tarquiniesi a contenitori di altre fabbriche (5). Sebbene dalle notizie pervenuteci dagli scavi della Civita (Scotti 1986, 171) non appaia una situazione simile anche nella città, l'importanza dei versante tarquiniese nella diffusione delle anfore massaliote trova un'eloquente conferma a Gravisca, dove le importazioni si possono seguire fin dagli inizi della produzione di questa classe e con una discreta percentuale, rispetto ad altre presenze anforiche (Slaska 1982, ; 1985, 19-21). Presenti, ma con molto minore incisività, sono le anfore massaliote a Pyrgi e a Regisvilla dove, per altro, è concentrata tutta 0 quasi tutta la documentazione della classe in questione nelle aree, rispettivamente di Cerveteri e di VuIci. Del tutto negative, infine, sono le testimonianze di anfore massaliote (ma anche di altre coeve) a Veio e nel suo territorio (6). Inventario dei siti Vediamo ora in dettaglio l'elenco di anfore marsigliesi rinvenute in Etruria meridionale organizzato secondo i luoghi di provenienza e suddiviso nei principali tipi della classificazione di Bertucchi, cosi come è stata aggiornata in questo incontro. Tarquinia (dalle necropoli) Tipo Bertucchi 1 Necropoli dei Monterozzi, tomba 4513 (loc. Calvario, scavi Lerici) : un esemplare intero (h. 45,5 cm ; diam. 34,5 cm), con labbro riconducibile al tipo Py 1. Nel corredo, oltre all'anfora, c'è solo un piccolo unguentario acromo, decorato con due fascette dipinte ulla spalla, a corpo piriforme (il collo è mancante), di incerta identificazione e cronologia. Provenienza sconosciuta (dalla coll. Bruschi-Falgari di Tarquinia, inv. 1316) : un esemplare intero (h. 51,2 cm ; diam. 41 cm), con labbro de tpo Py 1. Senza contesto di rinvenimento (fig. 1, no 1 ; fig. 4, no 1). Tipo Bertucchi 2 Necropoli dei Monterozzi, tomba 4988 (Ioc. Calvario, scavi Lerici) : un esemplare intero, privo della parte inferiore dei piede e di una piccola porzione di un'ansa (h. ricostr. 42 cm; diam. 31,7 cm) ; labbro avvicinabile ai tipi Py 2/Py 3 (7) (fig. 1, no 2). Tipo Bertucchi 3 ecropoli dei Monterozzi, tomba 6270 (scavi SAEM 1989, presso il Cirnitero Comunale) : un esemplare intero privo dei piede (h. cons. 43 cm ; diam. 34 cm), con labbro di tipo Py 6. 1 materiali associati nel corredo, pertinente a più deposizioni, sono databili per 10 più nel corso della seconda metà dei IV sec. a.c. (8). Necropoli dei Monterozzi, tomba 6260 (scavi SAEM 1989, presso il Cimitero Comunale) : un esemplare frammentario conservante solo la parte superiore dei vaso (collo con labbro, spalla e anse), con il labbro di tipo Py 6. Pochi frammenti di altri materiali superstiti dei contesto depredato sembrano datarsi entro il IV sec. a.c. (9).

3 L'ETRURlE MERIDIONALE Tarquinia. N 1 : coll. Bruschi-Falgari ; 2 : necropoli dei Monterozzi, tomba 4988 ; 3 : dal mare antistante il Porto Clementino. Tipo Bertucchi 4 ecropoli dei Monterozzi, tomba 1422 (Ioc. Calvario, scavi Lerici) : un esemplare ricomposto da più frammenti, mancante di una parte dei piede (h. cons. 60,5 cm ; diam. 36,5 cm), con labbro riconducibile al ripo Py 7 (fig. 2, no 3). el corredo materiali databili alla fine dei IVinizi dei III sec. a.c. Tipo non definibile (probabilmente Bertucchi 3 0 4) ecropoli dei Monterozzi, tomba 6258 (scavi SAEM 1989, presso il Cimitero Comunale) : alcuni frammenti di parete pertinenti alla spalla e al fonda dell'anfora, riconoscibile come marsigliese dall'impasto molto micaceo caratteristico della classe (vedi infra). La tomba, quasi completamente depredata e sconvolta dai crolli, ha restituito altri resti dei corredi (vi erano sicuramente più deposizionj) databili a partire dalla fine dei IV sec. a.c. e con un ampio excursus cronologico, quanto mena fino alla fine dei Il sec. a.c. (10). Tutte le anfore qui menzionate hanno l'impasto caratterizzato da una vistosa presenza di lamelle di mica (argentata, rosata e dorata : altemativamente 0 insieme) di varie dimensionj e con variabile densità, a seconda dell'esemplare, cui si aggiungono altri inclusi, molto 2 W 1 Vulci, provenienza sconosciuta ; 2 : Tarquinia, recupero marina ; 3 : Tarquinia, necropoli dei Monterozzi, tomba <.,\. '- -' '- _ ~,t.~ _." ~

4 226 M. SLASKA N 1 à 8: frammenti di anfore marsigliesi da Gravisca (dis. M. Slaska); 9 : Tarquinia, anfora "di forma corinzia B" (dis. E. Ferrero).

5 L'ETRURIE MERIDIO ALE 227 mena evidenti, tra i quali spiccano noduli rossi e bianchi oltre a qualche grano trasparente. E' una tecnica che senza difficoltà si pub identificare con quel farnoso impasto micaceo «à écaille de poisson» già definito da Benoit (1965, 183) e attestato in larga misura neile anfore massaliote di tutti i tipi. Il colore negli esemplari tarquiniesi è crema giallastro (IOYR 7/3-7/4-8/6) (II), talvolta con un nucleo rosa (5YR 7/6), oppure rosa pallido (7.5YR 8/4-7/4) ; la pasta è mediamente dura ed è spesso soggetta a sfogliarsi in frattura e in superficie. Tarquinia (area urbana) Un solo esemplare, franlmentario e di tipo inlprecisato, riconducibile alla fabbrica marsigliese in base all'impasto, è stato finora riconosciuto dagli scavatori della Civita (Scotti 1986, 171). Gravisca (area sacra) Il numero delle anfore marsigliesi restituite dagli scavi pub essere stimato complessivarnente in circa 23 esemplari. La maggior parte di questi vasi conserva soltanto una piccola porzione dei perimetro della bocca con il labbro ed, eventualmente, un breve tratto dei colla (solo quattro esemplari hanno il colla intero 0 ricostruibile nel profilo). A questi frarnmenti se ne aggiungono altri, non utilizzabili ai fini della determinazione numerica degli esemplari, come i fondi/piedi (13 ex.), le anse (15 ex.) e piccoli pezzi delle pareti (12). DaI punto di visto tipologico la documentazione graviscana si articola nel seguente modo : - 16 esemplari con labbri di tipo Pyl, Py 2 e Py 3 sono riconducibili al tipo Bertucchi 1 (Slaska 1982, fig. l, no 1-6 e fig. 2). - 4 esemplari con labbri di tipo Py 3 e Py 4 sono riconducibili al tipo Bertucchi 2 (Slaska 1982, fig. l, n 9-10, 12). - 3 esemplari con labbri di tipo Py 5 sono riconducibili ai tipi Bertucchi 3 e/o Bertucchi 4 (Slaska 1982, fig. l, no 7-8, Il). Per quanto riguarda la tecnica, la maggior parte dei frarnmenti graviscani presenta il "classico" inlpasto micaceo già descritto che non lascia dubbi sulla produzione marsigliese di questi pezzi (13). Si riscontrano, tuttavia, limitatamente agli esemplari di tipo Bertucchi 1 e con il labbro Py l, anche altri tipi di inlpasti. Il primo ripo, rappresentato da un solo esemplare (fig. 3, no 1) con pasta gialloverdognola (5Y 8/3-7/3), piuttosto leggera e porosa, ruvida al tatto, con granuli biancastri traslucidi e opalescenti piuttosto numerosi di diversi dinlensioni e con minutissimi inclusi neri visibili sotto la lente, senza pur minime tracce di micaj'impasto si pub verosimilmente identificare con quella pasta "feldspatica" in cui Benoit ha individuato il seconda tipo di tecnica adoperata nella produzione delle anfore marsigliesi (Benoit 1965,182) (14). Il seconda tipo d'impasto, rappresentato da quattro labbri e quattro fondi (riferibili probabilmente agli stessi vasi) (fig. 3, no 2-7) è rosa (5YR 6/6-7.5 YR 7/4-7/6-8/4), qualche volta con tracce di una scialbatura rosa ottenuta da un bagno nella stessa argilla. Piuttosto compatto, in superficie si presenta farinoso e ruvido, a causa di piccoli e medi granuli biancastri traslucidi e opalescenti (feldspato?), cui se ne aggiungono altri, grigiastri e rossi, oltre a mica argentata in piccole e minutissinle pagliuzze. L'aspetto più evidente di questo impasto, che potremmo definire "feldspatico con mica", è il maggior rilievo di altri inclusi rispetto alla mica stessa. Alla domanda se la tecnica in questione si pub 3fU1overare tra quelle adoperate a Marsiglia non possiamo dare una risposta sicura : finora gli unici impasti marsigliesi ben definiti (e percib facilmente confrontabili) sono quelli, l'uno micaceo e l'altro feldspatico, descritti da Benoit. Cib non toglie che a Marsiglia potessero esistere altre fabbriche 0 altre varianti di impasti usati per la produzione delle anfore (15). Ya anche sottolineato che il particolare morfologico dei piede, che caratterizza il gruppetto in questione, con profila sagomato e con una lieve ma ben delimitata depressione al centro dei piano d'appoggio, si ritrova, accanto al piede a bottone laggermente bombato, nelle anfore massaliote di tipo Bertucchi 1 (16). Gli stessi dubbi si avanzano su un'ultima variante d'impasto che potrebbe riferirsi al gruppo massaiiota e documentata da due esemplari (fig. 3, no 8) : la pasta rosa 0 rossa (7.5YR 7/6 ; 5YR 6/8) omogenea in frattura, finemente granulosa, con piccolissimi e piuttosto frequenti inclusi bianchi, granuli bianco-grigiastri, neri e rossi (rari) e con mica argentata minutissima. Per quanto riguarda i dati cronologici risultanti dalla scavo, i frammenti massalioti di Gravisca sono stati rinvenuti nei contesti stratigrafici riferibili alla ristrutturazione dei santuario a partire dal 400 a.c., e all'ultimo periodo di frequentazione, fine all'abbandono dell'area tra la fine dei III e gli inizi dei II sec. a.c. Ritrovati spesso negli strati sconvolti e rimaneggiati, moiti frarnmenti possono costituire tuttavia residui delle fasi precedenti della vita dei santuario in epoca tardoarcaica e classica ( 17). Rinvenimenti marini Tra le anfore recuperate dal mare censite dalla Soprintendenza Archeologica per l'etruria Meridionale, quattro sono di produzione marsigliese. Di queste, tre provengono dal territorio tarquiniese : le prime due con una precisa indicazione di rinvenimento dai fondali antistanti il Porto Clementino, la terza senza indizi di provenienza. Si tratta, rispettivamente, di : - Un esemplare ricomposto mancante di piccoli frarnmenti dei corpo e dei piede (h. cons. 50,5 cm ; diarn. 33 cm) ; labbro Py 4, colla breve a profila concavo, riconducibile al tipo Bertucchi 2. - Un colla con labbro spalla e due anse, dello stesso tipo dei precedente (fig. l, no 3). - Un esemplare privo di un 'ansa e con piede sbrecciato (h. cons. 57,5 cm ; diam. 36 cm), riferibile al tipo Bertucchi 4, con labbro Py 6 o Py 8 (non è possibile vedere sotto le incrostazioni marine un 'eventuale modanatura alla base dei labbro) (fig. 2, no 2). A questo gruppetto, che conferma l'affluenza delle anfore massaliote verso 10 scalo di Tarquinia, si aggiunge un quarto esemplare, consegnato al Museo di Civitavecchia, ma proveniente da un luogo di rinvenimenti incerto (non escluso quello delle acque dei litorale tarquiniese; Gianfrotta 1982,24, fig. 33) (18). - Un colla con labbro Py 1 conservante un tratto di spalla e le due anse, pertinente ad un'anfora di tipo Bertucchi l. L'impasto di tutti i quattro esemplari, benché alterato nel colore e nella consistenza da lunga permanenza nel mare e fortemente incrostato, si identifica chiaramente con la fabbrica micacea di Marsiglia. Vulci (necropoli) Probabilmente da una tomba (ma il luogo di rinvenimento rinlane sconosciuto) proviene l'unico esemplare di sicura produzione marsigliese finora segnalato a Yulci : - Un'anfora, conservata solo nella parte superiore, riconducibile al tipo Bertucchi 3, con il labbro Py 5, eseguita con impasto molto micaceo (fig. 2, no 1). on è escluso, inoltre, che un'altra anfora (questa volta di tipo arcaico Bertucchi 1) da Yulci si possa riferire alla fabbrica massai iota : si tratta dei ben nota esemplare intero dalla tomba 129 della necropoli dell 'Osteria (MAY II, 14, no 284) rinvenuto in un corredo databile nell'ultimo quarto dei YI sec. a.c. Essendo l'anfora irreperibile e le informazioni sul suo impasto scarse, non è possibile esprimere un giudizio univoco sulla questione : si potrebbe anche trattare, infatti, di

6 228 M. SLASKA o,..- ~ (\ :.L- ~ 1 ~ 1 3 ~'"::.-_-_-.r

7 L'ETRURIE MERIDIO ALE W 1 : Tarquinia, coll. Bruschi-Falgari (dis. R. Giraldi, Scuola Francese di Roma) ; 2 : relitto di Pointe du Dattier (dis. E. Ferrero) ; 3 : Vuici, anfora "ionico-marsigliese" (dis. E. Ferrero) ; 4 : Tarquinia, anfora "ionico-marsigliese" (dis. Studio Sabatini). - un'altra fabbrica, non massaliota, da includere nel gruppo di anfore "ionico-marsigliesi" (vedi infra). Regisvilla Le anfore marsigliesi identificate nell'ambito degli scavi finora condotti nel porto vulcente sono testimoniate da due soli esemplari frarnmentari (Morselli-Tortorici 1985,34-37, fig. 9, no 5-6) : - Un colla con labbro Py 1 riferibile al tipo Bertucchi J. - Un colla con labbro Py 6 riconducibile probabilmente al tipo Bertucchi 3. Non è molto, rispetto al numero complessivo dei frammenti di anfore di ajtre fabbriche rinvenute nelle stesso saggio e, in particolare, nello stesso strato : una quarantina di pezzi di cui quasi trenta pertinenti aile anfore importate (Morselli-Tortorici 1985, fig. 7-11). Cerveteri Le tombe ceretane, dove - nonostante un notevole calo numerico delle presenze anforiche dopo la metà dei VI sec. a.c. non mancano anfore etrusche e greche databili tra la fine dei VI e la metà dei V sec a.c. (ad esempio quelle samie), non hanno restituito nessun esemplare marsigliese. Lo stesso si pub dire della situazione apparsa, almeno per ora, nell'area urbana di Cerveteri, COSI come risulta dalle recenti indagini (Cristofani 1986, 15) e di quella riscontrata negli scavi condotti nel porto e nell'abitato di Pyrgi (J 9). Pyrgi (area sacra) Contrariarmente a quanto detlo sul porto e sull'abitato, nel santuario di Pyrgi le anfore massaliote sono documentate, e il numero di quelle attribuite sicuramente a Marsiglia è stimato in 5-6 esemplari, c1assificati nell'arnbito dei tipo 2 e 3 di Bertucchi (Colonna 1985, 9-10, fig. 13), con una buona percentuale rispetlo ad altre presenze anforiche dei sito. Considerazioni conclusive Ricapitolando i dati esposti, si pua notare che tra i tipi di anfore marsigliesi rappresentati in Etruria meridionale il meglio documentato è quello Bertucchi 1 seguito, con un numero dimezzato di esemplari, dal tipo Bertucchi 2 e, con 10 stesso ritmo decredescente, dai tipi Bertucchi 3 e 4. Del resto, l'incidenza maggiore dei due tipi più antichi e, tra questi, di quello arcaico, è dei tutto coerente con l'andamento cronologico che le anfore da trasporto, e specialmente quelle importate, seguono in Etruria meridionale. Il contributo che questo territorio pua offrire alla conoscenza delle anfore marsigliesi di epoca classica ed ellenistica è piuttosto modesto, al di là delle sempre preziose indicazione slilla diffusione della classe. Le testimonianze, oltre ad essere poco numerose (specie se confrontate con la ricca documentazione disponibile in Francia), raramente offrono qualche occasione per precisazioni cronologiche. Gli spunti più interessanti per la discussione si presentano, invece, con gli esemplari di tipo arcaico Bertucchi 1 che, oitre ad essere i più numerosi, riportano nel vivo della problematica delle delle anfore "ionicomarsigliesi" - gruppo molto diffuso nei siti dell'etruria meridionale e di grande interesse anche per la questione delle origini delle stesse anfore marsigliesi. Le anfore "ionico-marsigliesi" (20) costituiscono, nell'etruria meridionale, und dei gruppi più numerosi della seconda metà dei VI sec. a.c., e la loro identificazione (come nota il Iuogo di produzione resta ancora sconosciuto) è molto importante per la ricostruzione dei rapporti commerciali in questo ambito e - in generale - in tutta l'area tirrenica, dove esse appaiono assai numerose (21), accanto ad un'altro gruppo ancora enigmatico - quello "di forma corinzia B" (vedi infra). 1 tre gruppi, compreso quello massaliota arcaico, si intrecciano tra di lord (e, a dir vero, spesso vengono confusi a causa delle somiglianze morfologiche), accomunati nello stesso dibattito sulle origini e sulle reciproche influenze, nell'ambito dei quale le anfore marsigliesi, con la loro attribuzione precisa, costituiscono uno degli elementi più solidi e un punto di partenza obbligato. ln questa situazione è comprensibile che tutte le informazioni sulle anfore di tipo Bertucchi 1 sono attese con grande interesse, e specialmente quelle concernenti i criteri di distinzione e la cronologia delle fabbriche diverse dalla ben nota pasta micacea (vedi note 13 e 15), c1assificate abitualmente nel gruppo "ionico-marsigliese". Poterne estrapolare, in base agli elementi di giudizio più sicuri e precisi, tutte le anfore massaliote consentirebbe di snellire il gruppo in questione e di definire meglio le altre produzioni che ne fanno parte (22). Su questo punto, sebbene anche nel presente incontro siano emersi alcuni elementi nuovi (23), non si ha impressione che le indagini abbiano fatto molto progressi : i colleghi francesi continuano a definire con il termine "ionio-massaliète" anche le anfore marsigliesi di forma Bertucchi 1 eseguite con l'impasto feldspatico ; gli stessi esemplari feldspatici non sono stati ancora analizzati nella loro specificità morfologica rispetto a quelli fortemente micacei (24) ; nessuna ulteriore precisazione si aggiunge, infine, sulla qualità di quell'impasto poco micaceo che Michel Py ha descritto, attribuendolo ai più antichi esem-

8 230 M. SLASKA 2 t Anfore di Lipari (da Cavalier 1985, fig. 5, a-b-e ; fig. 8, a-b-c). > u " ~., #"~" V ~.....j ll~."_ ~... I~'...~ _... ~...-i... ~ t;... _... y-._~..... 'l'.,_),.-/ ("_.'., -,.,,-1,.,.., '"' ~'

9 L'ETRURIE MERIDIO ALE 231 plari della fonna 1 (25). Evidentemente, le ricerche sono state condizionate dalla documentazione che, per quanto riguarda il tipo Bertucchi 1, e specialmente le anfore intere, risulta finora piuttosto scarsa. In attesa di nuovi dati in proposito si possono formulare soltanto alcune ipotesi 0 osservazioni. In merito alla tendenza a definire con il termine "ionico-marsigliesi" anche le anfore massaliote arcaiche non micacee, credo che - al di là della necessità di operare le distinzioni per articolare meglio il campo delle ricerche - questo atteggiamento pua avere una sua giustificazione, che scaturisce da1 rapporto tra tutti i gruppi riconducibili morfologicamente al tipo Bertucchi 1. Se è vero, come sembra, che le anfore massaliote di impasto feldspatico (e forse anche quelle poco micacee) risalgono al terza quarto dei VI sec. a.c., non diversamente dalla cronologia avanzata per le anfore "ionico-marsigliesi" non attribuite a Marsiglia (26), esse rientrebbero in una stessa corrente "sti1istica" che ha pervaso la produzione di vari centri attivi a partire dalla metà dei VI sec. a.c. Le anfore fabbricatevi, sostanzialmente simili nella fonna, come se seguissero un solo modello, erano differenziate in a1cuni particolari : ad esempio, nel profilo dei corpo (con le pareti più tese 0 piuttosto arrotondate nella parte inferiore) e nel piede (cilindrico 0 tronconico, inferionnente cayo, piano 0 convesso). Il so1co orizzontale sul collo costituiva, forse, una delle piccole caratteristiche distintive della fabbrica massaiiota (fig. 4). E' in questa prospettiva che le anfore arcaiche di Marsiglia di fabbrica feldspatica e di quelle poco micacee possono essere incluse nella famiglia delle "ionico-marsigliesi". Esse trovano, poi, una loro propria caratterizzazione definitiva con l'adozione della tecnica fortemente micacea : forse in questo momento si potrebbe indicare anche l'inizio di un'evoluzione morfologica più decisa, avvertibile già in a1cuni tratti della fonna 1 (ad esempio nel colla pesante e leggennente svasato in basso), che porterà ad una metamorfosi piuttosto radicale, con i tipi più recenti. [sur cette question, voir ci-dessus l'article d'a. Nickels. N.D.L.R.]. Viene da chiedersi se anche altri nuclei di anfore "ionico-marsigliesi" abbiano avuto la stessa fortuna nelle epoche successive. Un interessante indizio a questo proposito viene dalla Sicilia e dalla Magna Grecia, dove a partire dalla prima metà dei V sec. a.c. fanno la loro comparsa le anfore con il colla piuttosto alto e a profila rigonfio, defmite "di tipo chiota" 0 c. d. "chiote", con un tennine inesatto e fuorviante (Tamburello 1969, 281, fig. 26 ; Cavalier 1985, fig. 8-9 ; Di Sandro 1986, fig. 12) (27). Esse denotano, a mio avviso, nella loro morfologia (anzitutto nellabbro) un certo richiamo al gruppo "ionjco-marsigliese", e specialmente ad a1cuni esemplari diffusi negli stessi siti della Sicilia e della Campania. Molto indicativo pua essere il confronto tra alcune anfore rinvenute nella necropoli di Pa1enno provenjenti da corredi compresi tra l'ultimo trentennio dei VI e il primo quarto dei V sec. a.c. (Tamburello 1969, , fig. 8, 19, 26 ; 313, fig. 16) ; vi si pua osservare, forse, una linea di sviluppo morfologico da una forma più antica di tradizione "ionicomarsigliese", a corpo ampio e arrotondato con il colla cilindrico, verso quella degli esemplari più recenti, a corpo più stretto, con la spalla spiovente e il colla lungo, che diventerà più tardi rigonfio. E' possibile, dunque, che i produttori delle anfore con il collo rigonfio diffuse a Lipari, a Palenno, a Rimera, oltre che in Campania, abbiano perpetuato, sviluppandola, la tradizionale fonna "ionjco-marsigliese" apparsa precedentemente negli stessi siti - analogamente, ma con esiti fonnali diversi, a quanto è avvenuto a Marsiglia (per un'esemplificazione dea Lipari, vedi fig. 5). Rimangono ancora due questioni al centro dei dibattito : dove erano prodotte le anfore non massaliote dei gruppo "ionico-marsigliese", e quai 'era il modello che ha ispirato tutta la produzione, compresa quella massai iota. La prima questione trova una soluzione più convincente (sebbene non ancora confennata) nell 'idea - già intravvista da Paola Pelagatti (1981, 722 e nota 117) e sviluppata da Colonna (1985, 10) - che il centro di produzione di queste anfore vada ricercato nell'ambito siceliota. Le anfore a colla rigonfio di cui abbiamo parlato, prodotte indubbiamente in Sicilia, potrebbero ulteriormente rafforzare questa tesi. Per il momento mancano indizi sulle eventuali altre zone di produzione, ma sembra plausibile che esse siano da ricercare sempre nell'area tirrenica dove il gruppo trova la sua maggiore (e pressoché esclusiva) diffusione. A questo proposito, il termine "tirreniche" con il quale G. Colonna (1985) ha definito le anfore in questione sembra alquanto pertinente ed agevole. Per quanto riguarda un possibile modello comune per la produzione (marsigliese e non) dei gruppo che stiamo trattando, credo che si possa indicarlo nelle anfore "di forma corinzia B", da non confondere con le vere e proprie anfore corinzie di tipo B della classificazione Koehler. Anch 'esse di provenienza ancora da definire, diffusissime nelle stesse aree e luoghi, queste anfore "di fonna corinzia B" sono sufficientemente simili nella forma per poter essere prese a modello, modificato in a1cuni particolari, dalle fabbriche delle anfore "ionicomarsigliesi" : basta confrontare il labbro (qui unifonnemente bombato e senza la fessura interna) e la risega sottostante (posta sul collo, sotto il labbro stesso) ; la fonna dei corpo e dei collo è piuttosto si mile nell 'insieme (le anse sono più corn patte e strette in sezione). La differenza essenziale tra i due gruppi si nota nel piede : quello delle anfore "di fonna corinzia B" ha il fondo piano, evidenziato esternamente da una costa appiattita e leggennente svasata, distinta dalle pareti più 0 mena concave della parte inferiore dei vaso. Si tratta delle connotazioni tipicamente corinzie, presenti - sebbene con diversi risoluzioni nelle anfore corinzie vere e proprie, sia quelle di tipo A che

10 232 M. SLASKA di tipo B. Questo particolare, come abbiamo visto, è stato dei tutto trasformatto nel gruppo "ionico-marsigliese". L'identificazione dei centro (0 dei centri) di produzione delle anfore "di forma corinzia B", la definizione delle loro origini e dei legami con altre classi greco-occidentali e con le stesse anfore corinzie (29), costituisce una problematica complessa e piena di interrogativi che esula dal tema di questo nostro incontro. OTE * Via dei Marsi Roma. Tutte le foto sono eseguite nella Soprintendenza Archeologica per l'etruria meridionale. 1 - Un'esauriente esemplificazione tipologica delle anfore raccolte in Etruria meridionale e una campionatura rappresentativa proveniente da altre aree (in Italia e non) è stata presentata nella mostra "Le anfore da trasporto e il commercio etrusco arcaico" allestita nel Museo Nazionale di Villa Giulia nel dicembre 1983, in concomitanza con un incontro di studio organizzato nello stesso periodo dal Centro di studio per l'archeologia etrusco-italica dei C..R. (cf Il commercio etrusco arcaico, Atti dell 'incontro di studio, 5-7 dicembre C.N.R., Roma, 1985). Il catalogo dei materiali esposti nella mostra e di tutte le anfore schedate sul territorio dell'etruria meridionale, con ampio spazio dedicato all'analisi critica delle singoli produzioni, è in corso di preparazione. 2 - Gli scavi delle aree urbane di Tarquinia e di Cerveteri, intrapresi da pochi anni, hanno un'estensione ancora tropppo limitata per poter offrire una documentazione più completa. Altri centri restano tuttora inesplorati. 3 - Questa valutazione cronologica si riferisce alla fabbrica marsigliese molto micacea. Sull'eventuale datazione più alta degli esemplari eseguiti con altri tipi d'impasto, vedi infra. 4 - La diminuzione numerica delle anfore importate e locali che si pub osservare in Etruria meridionale già nella seconda metà dei VI sec. a.c. risulta chiaramente dalle statistiche compilate per le principali necropoli (cf Boitani 1985, 23) e dalle considerazioni sul caso di Gravisca (Slaska 1985, 19). Questa tendenza, ancora più accentuata, viene registrata anche per i contenitori databili nel V e nel IV sec. a.c. ; bisogna precisare tuttavia, che gli studi sono stati concentrati, per ora, intorno alla documentazione dell'epoca arcaica e c\assica, mentre per il periodo ellenistico e romano la raccolta dei dati è appena avviata. 5 - Su un totale di undici anfore importate riferibili ai tipi databili a partire dalla seconda metà dei VI fmo al IV/III sec. a.c., sette esemplari sono marsigliesi, contro tre corinzi B e und dei gruppo "ionico-marsigliese". Le conclusioni tratte dalla statistica, tuttavia, non possono che essere provvisorie : 10 scarso numero delle attestazioni di anfore da trasporto (quindici esemplari importati più tre etruschi) pervenuteci finora dalle necropoli di Tarquinia, non favorisce interpretazioni definitive. Del resto, che le deposizioni di anfore nei sepolcreti tarquiniesi fossero più frequenti di quanto non fosse apparso finora, 10 dimostrano le più recenti indagini in alcuni lembi della necropoli dei Monterozzi. 6 - Sulle poche anfore importate (in tutto cinque esemplari databili nella seconda metà dei VII sec. a.c.) rinvenute nelle tombe di Veio, cf Boitani 1985,23. La scarsità delle attestazioni, non essendo dovuta (almeno per l'orientalizzante recente, piuttosto ben rappresentato) ad un vuoto della documentazione, sembra rispecchiare realmente una presenza poco incisiva delle anfore da trasporto nei corredi veienti. 7 - Senza conoscere la conformazione interna dei labbro (non visibile in un'anfora intera), è difficile precisarne il tipo. Inoltre, l'esemplare non trova confronti puntuali nel vasto repertorio esemplificativo dei tipi 2 e 3 di Py (1978,7-9). 8 - II ricco corredo di questa piccola tomba a camera (sfuggita alle depredazioni grazie al crollo dell'intera volta) è in corso di restauro e deve essere ancora esaminato per una più precisa e articolata definizione cronologica. Tra i materiali si annovera un'altra anfora da trasporto, di tipo corinzio B nella variante di epoca ellenistica. 9 - Le valutazioni cronologiche, basate su un esame preliminare dei materiali non ancora completamente puliti e schedati, dovranno essere ulteriormente approfondite Vedi la nota precedente Per la determinazione dei colori si usa qui il sistema Munsell (cf Munsell Soil Color Charts, Baltimore 1975) Il numero degli esemplari è stato determinato in base ai soli orli, esc\udendo da conteggio singoli piedi ed anse : per questi frammenti, infatti, è difficile da stabilire (salvo rari casi) quanti si possano abbinare a determinati labbri e quanti invece rappresentino esemplari a parte. La cifra indicata si riferisce, percib, al numero minimo di anfore individuate (comprese quelle sei, la cui produzione marsigliese resta ancora non dei tutto sicura) Si notano le differenze di colore (dal crema al rossa) e di consistenza della pasta tra i pezzi ; si pub osservare, a questo proposito, che i labbri di tipo Py presentano, in generale, l'impasto più friabile di quelli riferibili alle forme più recenti Se si tratti 0 meno dell'impasto "feldspatico" di Benoit, dovrà essere ancora appurato dalle analisi. Per ora l'ipotesi in tal sense è confortata non solo dalle cronologie che risultano dalla descrizione fornita dallo studioso, ma anche da un confronto diretto tra il pezzo graviscano ed a1cuni Frarnmenti da Marsiglia mostratimi cortesemente dai colleghi Bertucchi e Gantès (che ringrazio cordialmente per la loro generosa collaborazione) Si vedano, a questo proposito, le osservazioni di Michel Py suile diverse varianti di impasti impiegate nella produzione delle anfore marsigliesi (Py 1978,23, n. 17) : particolarmente interessante, per una possibile analogia con il gruppetto di Gravisca appena descritto, è un'armotazione su un tipo di argilla poco micacea «<... rose-orangé soutenu, nuancé de jaune-ocre en épaisseur, parsemée d'un mica fin blanc peu abondant et de particules blanches et rouges») che 10 studioso riferisce alla produzione più antica della forma Si veda, ad esempio, l'anfora dal re1itto Pointe du Dattier (fig. 4, n 2). Un piede frammentario molto simile nel profilo ai nostri esemplari è riprodotto da Dominique Fillières (1978, 153, n 155). Si ha l'impressione (ma non ci sono i dati sufficienti per affermarlo) che la forma dei piede inferiormente concavo, 0 con lieve depressione, sia tipologicamente anteriore a quella con il piano inferiore convesso : se la prima si richiama ai piedi delle anfore "ionico-marsigliesi" e - alla lontana - a quelli di a1cune anfore greco-orientali di epoca arcaica (ad esempio samie), la seconda si perpetua, in forma più pesante, nei tipi marsigliesi dei Vedel IV sec. a.c Sulla storia edilizia dei santuario di Gravisca, cf Torelli 1977, 398 sgg Come sottolineato dalle studioso (GianFrotta 1984,35, n. 61), l'esatto luogo di rinvenimento potrebbe essere localizzato molto più a nord della stessa Civitavecchia, forse fino (ed oltre) Tarquinia Come risulta dai dati presentati nella mostra "Le anfore da trasporto e il commercio etrusco arcaico", di cui alla nota Con questo termine, che corrisponde a quello francese "ionio-massaliète" (Py 1978, 3 e n. 16), si definiscono tradizionalmente quelle anfore, fabbricate con diversi impasti nei centri di produzione ancora da definire, che sono caratterizzate dalla stessa (grosso modo) forma che contraddistingue anche le anfore massaliote di tipo Bertucchi 1 : il labbro ripiegato (ne è traccia la caratteristica fessura "a goccia" visibile in frattura) a cuscinetto rigonfio in alto e con una modanatura modellata sul margine inferiore ; il collo cilindrico, le anse a nastro a sezione ovale ; il corpo "a trottola" con spalla molto ampia ; il piede cilindrico 0 troncoconico variamente sagomato. Si notano le piccole variazioni morfologiche legate probabilmente aile diverse fabbriche. Tra le tecniche risconttate la più Frequente (almeno per quanto riguarda gli esemplari che ho potuto esaminare in Etruria meridionale) si riferisce ad un'impasto crema 0 crema rosa- - ~.'",,,~,,, J_ t._ "' _ : _,_ ""o-,; ~~.. ',,~ ". ~ ~. '.~~ ""._,,. --.;.,,",,,_, ~ '., _,. ~.,. ' ~. _. _

11 L'ETRURlE MERIDIONALE 233 to, con numerosi inclusi bianchi grigi e rossi, e con pulviscolo di mica: nell'insieme è una pasta piunosto granulosa e dall'aspetto sabbioso, a grana fine. Ci sono rappresentati nel gruppo "ionicomarsigliese" anche altri tipi d'impasto, mena frequenti,ad esempio quello fonemente depurato, 0 altre qualità delle paste sabbiose. Va detto, che queste considerazioni sulla tecnica restano piuttosto parziali, non essendo fmora possibile un'esame comparato delle argille di tutti i nuclei che fanno parte dei gruppo "ionico-marsigliese" Per l'etruria meridionale si vedano le relazioni su Pyrgi, Gravisca e Regisvilla, cf Colonna 1985, fig ; Slaska 1978, fig ; Morselli-Tortorici 1985, fig. 9, no 1-4,7. Per la Sicilia e Campania vedi alcuni riferimenti in Colonna 1985, note Per alcuni esemplari di Pisa, cf Pancrazi 1982, fig. 2, no Per la documentazione pubblicata dagli oppida in Francia meridionale, non sempre appare chiara la distinzione tra le anfore "ionico-marsigliese" e quelle massaliote di tipo Bertucchi 1 ; und degli esempi probabilmente non marsigliesi (?) è un 'anfora intera rinvenuta in una tomba di Como-Lauzo (Taffanel 1960, 2, fig. 2-3). 1primi esemplari a Marsiglia sono stati individuati da Villard (1960, fig. 51, no 3) Come noto, nell'ambito dei gruppo "ionico-marsigliese" vengono ora c1assificati anche quegli esemplari la cui produzione marsigliese è probabile ma difficilmente verificabile, a causa di un giudizio incerto (proprio per la mancanza dei criteri precisi di distinzione delle fabbriche massaliote non micacee), oppure in questi casi in cui non è possibije una visione autoptica dell'esemplare in questione Alcuni dati di scavo da Marsiglia riportati da Fr. Gantès sembrano confermare ulteriormente l'ipotesi della produzione locale delle anfore di pasta feldspatica e di datarle con un leggero anticipo rispetto a queue fortemente micacee. Resta da stabilire, quante anfore dei gruppo "ionico-marsigliese" siano da identificare con la tecnica feldspatica : solo quelle di pasta verdognola, 0 anche di altre qualilà Sarebbe interessante da stabilire, infatti, se le piccole differenze morfologiche che si notano tra gli esemplari feldspatici e quelli micacei non si possano attribuire aile distinzioni di fabbrica e ad una eventuale evoluzione cronologica. Penso, ad esempio, al collo (che sembra più slanciato nelle anfore feldspatiche) e al piede (che appare inferiormente convesso solo negli esemplari di pasta micacea) Vedi nota Sulla datazione delle anfore "ionico-marsigliesi" nel terzo quarto dei VI sec. a. C., cf Py 1978, 21-23, n. 25. Con questa cronologia si conoscono alcuni esemplari in Sicilia : a Palermo (Tamburello 1969,287, fig. 19b ; 313, fig. 16) e a Camarina (dai corredi databili intomo alla metà dei VI sec. a.c., inediti : devo le informazioni preliminari alla cortesia di P. Pelagatti). Si aggiunge, in Francia, l'anfora di Como-Lauzo di cui alla nota Su questo gruppo, con i relativi problemi di identificazione, si vedano le osservazioni di Norma Di Sandro (1986, 59-61). L'autrice avanza la proposta di attribuzione della classe a Sinope, in base ad alcuni confronti da Istria che non mi sembrano azzeccati La definizione attualmente adotlata rieccheggia, nella sua prima parte, la tradizionale attribuzione dei gruppo all 'area greco-orientale, proposta da Villard (1960, 50) e ormai abbandonata. Il termine "tirreniche" esprime meglio la situazione delle anfore in questione, con la lord diffusione quasi esclusivamente occidentale (e per 10 più tirrenica, appunto) Particolarmente ardua da capire, a questo proposito, è la posizione delle anfore corinzie di tipo B in relazione alla loro cronologia che, a quanto risulta dalle affermazionj di C. Koehler (1981,452), si fissa a partire dall 'ultimo quarto dei VI sec. a.c. Se questa datazione fosse confermata per tutte le anfore corinzie di tipo B, ne risulterebbe che siano proprio loro ad imitare il gruppo "di forma corinzia B" - come sembra pensare la Koehler (1981, 453) -, e non vice versa. A questo punto si ripropone il problema dei piede "corinzio" di quest'ultimo gruppo (vedi supra) che dovrebbe, in tal caso, aver preso a modello le anfore corinzie più antiche, quelle di tipo A. Una simile soluzione sembra, francamente, molto poco plausibile : su questo punto siamo, per il momento, in un vicolo cieco. REFERENZE BmUOGRAFICHE Boitani 1985 : BOITANI (F) - Cenni sulla distribuzione delle anfore da trasporto arcaiche nelle necropoli dell'etruria meridionale. In : Il comercio etrusco arcaico, Atti dell'lncontro di Studio, 5-7 dicembre C.N.R., Roma, 1985, pp (Quademi dei Centro di Studio per l'archeologia etrusco-italica, lx). Cavalier 1985 : CAVALIER (M.) - Les amphores du VIe au IVe s. dans les fouilles de Lipari. aples, éd. du Centre Jean Bérard, 1985, 91 p., XXV pl., 23 fig. (Cah. des amph. arch. et c1ass., 1). Colonna 1985 : COLONNA (G.) - Anfore da trasporto arcaiche : il contributo di Pyrgi. In : Il comercio etrusco arcaico, Atti dell'incontro di Studio, 5-7 dicembre C.N.R., Roma, 1985, pp (Quaderni dei Centro di Studio per l'archeologia etrusco-italica, IX). Cristofani 1986 : CRISTOFANI (M.) - Nuovi dati per la storia urbana di Caere. Boil. Arte, 71, 35-36, 1986, pp Di Sandro 1986 : Dl SANDRO (N.) - Le anfore arcaiche dallo scarico Gosetti, Pithecusa. Naples, éd. du Centre Jean Bérard, 1986, 150 p., 30 tav. (Cah. des amph. arch. et class., 2). Fillières 1978 : FILLIERES (D.) - Contribution à l'étude de l'exportation des amphores dites marseillaises et des céramiques grecques d'occident du Midi de la France au moyen d'analyses par activation neutronique avec traitement taxinomique des résultats. Thèse de Ille cycle, Paris, 1978 (dactyl.). Gianfrotta 1982 : GIA FROTTA (P.) - Archeologia solt 'acqua. Rinvenimenti sottomarini in Etruria meridionale. In : Archeologia subacquea, 1982, pp (Bali. Arte, suppl. 4). Koehler 1981 : KOEHLER (C.G.) - Corinthian Developments in the Study of Trade in the fifth century. Hesperia, 50, 1981, pp , pl M.A.V. Il : Materiali di Antichilà Varia. Il, Scavi di Vulci. Roma, Morselli-Tortorici 1985 : MORSELLI (C.) e TORTORICI (E.) - La situazione di Regisvilla. In : 11 commercio etrusco arcaico. Alli dell'incontro di studio, 5-7 dicembre C..R., Roma, 1985, pp (Quaderni dei Centro di Studio per l'archeologia etruscoitalica, IX). Pancrazi 1982 : PANCRAZI (O.) - Pisa. Testimonianze di una rolla greca arcaica. In : 1 Focei dall'anatolia all'oceano. Par. Pass., , 1982, pp Pelagatti 1981 : PELAGATTI (P.) - L'attività della Soprintendenza aile Antichità della Sicilia Orientale, parte II. Kokalos, XXVI-XXVII, , pp Py 1978 : PY (M.) - Quatre siècles d'amphore massaliète. Essai de classification des bords. Figlina, 3,1978, pp Scotti 1986 : SCOTTI (C.) - Le anfore. In : Gli Etruschi di Tarquinia, Catalogo della mostra. Modena, 1986, pp Slaska 1982 : SLASKA (M.) - Anfore marsigliesi a Gravisca. In : 1 Focei dall'anatolia all'oceano. Par. Pass., , 1982, pp Slaska 1985 : SLASKA (M.) - Le anfore da trasporto a Gravisca. In : Il commercio etrusco arcaico. Alti dell'incontro di studio, 5-7 dicembre C..R., Roma, 1985, pp (Quademi dei Centro di Studio per 1'archeologia etrusco-itajica, IX). Taffanel 1960 : TAFFA EL (O.) e (J.) - Deux tombes de chefs à Mailhac (Aude). Gallia, XVIIl, 1, 1960, pp Tamburello 1969 : TAMBURELLO (1.) - Palerrno. ecropoli: rinvenimenti dei Dicembre N. Sc., XXIII, 1969, pp ; Palerrno. Necropoli : campagna di scavo 1967, pp Torelli 1977 : TORELLI (M.) , pp Il santuario di Gravisca. Par. Pass., Villard 1960 : VILLARD (Fr.) - La céramique grecque de Marseille (Vie-IVe s.). Essai d'histoire économique. Paris, éd. de Boccard, 1960 (B.E.FA.R., 195).

12

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero, dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 612 Spedito il 30/3/2010 All On.le Ministro SEDE OGGETTO: Valutazione della ricerca. Adunanza del 25.03.2010 IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE APPROVA IL SEGUENTE DOCUMENTO: Introduzione Ogni

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Progettazione di Database

Progettazione di Database Progettazione di Database Progettazione Concettuale: strutturazione della realtà che si vuole rappresentare secondo uno schema concettuale Dallo schema concettuale si ricava lo schema del database relazionale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli