ENRICO FERRERI PITTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENRICO FERRERI PITTORE"

Transcript

1 ENRICO FERRERI PITTORE CRONISTORIA ARTISTICA 1

2 ENRICO FERRERI (Roma ) Ama asserire che il suo futuro artistico si generò fin dagli anni del liceo, a Parma, alle lezioni di Storia dell Arte, dell allora giovane Attilio Bertolucci, insegnante, comunicatore di eccezionale carisma, che sarebbe diventato quel grande poeta che conosciamo. Cronistoria artistica Ad aprirgli l orizzonte dell Arte fu dunque quel fondamentale incontro al liceo, ma il liceo finì e iniziò la seconda Grande Guerra Mondiale: disastri, morti, umane infamie. Passò anche la guerra e nella generale euforia della libertà del pensare e del fare, fu chiara la strada della Pittura. Interruppe gli studi universitari e fu ragazzo di bottega negli studi di Modotto e Silvio Olivo, pittore e scultore celebri negli anni a cavallo della seconda guerra mondiale. I primi lavori post-impressionisti e poi astratti, furono esposti in varie mostre collettive principalmente a Roma. PAESAGGIO UMBRO 1947 Olio su tela cm 80x60 2

3 Ma una nuova stagione era alle porte: con la convinzione che l Arte doveva riflettere la complessità del vivere. CCASE MORTE Olio su tela cm 120X70 PERIFERIA ROMANA olio su tela cm 120X70 3

4 Ferreri dipinse temi legati al lavoro: macchine e operai. Una visione edificante: serietà, severità, efficienza. E il suo lavoro corrispose a tale razionalità costruttiva, prossima all astrazione, macchine e operai visti nella essenzialità delle forme. MACCHINA TIPORAFICA Olio su tela cm 80x60 In quegli anni la comunità artistica romana vive un periodo straordinario: pittori, scultori, gente di Cinema e Teatro, si incontrano nei caffè, nelle Gallerie d Arte, in appassionate, vivaci discussioni. Con Mario Mafai, che lì conobbe, Ferreri fu uno dei primi avventori di un locale sulla via Flaminia, la trattoria dei Fratelli Menghi che di quel clima fu vitale palestra, luogo di incontro artistico, e la cui fama, protrattasi per anni, fu raccontata da Ugo Pirro nel suo Osteria dei pittori (Sellerio 1994). Nell ottobre del 1948 l'allora forte disputa tra astrattismo e figurativo fu segnata da un evento particolare. Dalla rivista Rinascita, con lo pseudomino di Rodrigo di Castiglia, Palmiro Togliatti lanciò l anatema contro l astrattismo in favore di un Arte figurativa che sostenesse la lotta della Classe Operaia. In sodalizio con Guttuso e alcuni coetanei tra cui Attardi e Vespignani, seppure con varianti personali, l interesse artistico si rivolse verso un figurativo che presto virò nel Realismo. 4

5 Tendenza che spesso celebrava enfaticamente il mondo operaio. Ferreri evitò l agiografia uscendo dallo studio, per cogliere suggerimento dalla cittdina realtà quotidiana. Non gli bastò, volle un teatro più ampio: più caratterizzato, fece un temporaneo cambio di studio: una sua cara amica venne a Roma e lui andò a Sestri Levante per poter viverci un anno Trovò il modo che gli fosse permesso di disegnare nella grande Fabbrica Metalmeccanica Tubi e poi nel Cantiere Navale di Riva Trigoso. FORGIATORI AL MAGLIO olio su tela cm 70x100 5

6 CANTIERE NAVALE RIVA TRIGOSO Olio su tela 100x60 6

7 Cronistoria artistica Visse un periodo di profonda emotività e il buon lavoro fatto lo decise a presentarsi, finalmente, con una Mostra Personale a Roma alla Galleria Pincio nel ll critico Mario De Micheli sulla mostra, tra l atro, scrisse: Ferreri un giovane artista formatosi... negli anni dell immediato poguerra anche lui è stato immerso nelle illusioni delle tendenze astrattiste Tuttavia non è qui la sua storia... Ferreri ha pensato la pittura più che un ritmo compositivo...i suoi torni, le sue rotative, le sue macchine...non erano soltanto l invenzione di strutture geometriche... e Ferreri...ci offre una visione piuttosto dissueta, di una Roma proletaria da scoprire, coi suoi tram dell alba o della sera... Ed egli tale mondo va osservando penetrando e comprendendo con la garanzia di uno sviluppo sicuro 1954 nuova Personale alla Pincio con altre opere. Il critico Antonio del Guercio ne scrisse: Nella...mostra dell anno scorso, Ferreri aveva il quadro dal titolo: "Operai in tram : opera elevata a una visione del contenuto di civile e consapevole adesione al mondo morale dei propri ersonaggi... Quel quadro...dava un suo contributo per lo sviluppo del movimento...che...evitasse lo scoglio del naturalismo e si elevasse...oggi il livello di ricerca di quell opera singola è il livello di tutto il lavoro dell artista..capacità narrativa anche nei singoli ritratti (il Ragazzo operaio, il Geologo ) e nei paesaggi, spiacca per felicità di invenzione Paesaggio con ferrovia così profondamente antinaturalistica... 7

8 MEZZOGIORNO Olio su tela cm 120x90 8

9 TRAM DELLA SERA Olio su tela cm 130x110 Nel 1954 le sue doti di colorista lo porteranno ad una breve esperienza cinematografica assai interessante per una diversa conoscenza tecnico-artistica. La Gattinoni Films lo chiamò quale consulente per il colore per dei documentari culturali nel Lazio. Furono così girati Cosa e lo Spacco della Regina ad Ansedonia, Sutri, La Necropoli di Cerveteri, La Fabbrica di S.Pietro. Nel 1955 espose alla VII Quadriennale d Arte al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Nello stesso anno conobbe la Sardegna e l amò: in Barbagia soggiornò ripetutamente. Ne dipinse l asprezza del paesaggio, il riserbo orgoglioso, la dignità delle persone. 9

10 RAGAZZO OPERAIO olio su tela cm 80x60 COSOMO olio su tela cm 80x60 Il geologo LIPPARINI olio su tela cm 70x Con quel lavoro nello stesso anno tenne una Personale a Milano alla Galleria Bergamini. LOGHORRA Paesaggio di Barbagia Olio su tela cm 100x70 10

11 Dalla critica di Corrado Maltese Gli ismi non hanno certo aiutato Ferreri a raccontare Egli ha dovuto mettersi davanti allo spettacolo del mondo, rifiutando le scuole consacrate Le immagini più recenti, quelle di un suo riarso e stupefatto itinerario sardo, dove l intento drammatico raggiunge un accento epico: aperti paesaggi di stoppie bruciate e macigni apocalittici, a strapiombo sulla valle, donde sale all alba la nebbia e i bagliori rossastri del tramonto. Ma in Ferreri vivo l interesse per l uomo. ricordo: un forgiatore, entro un officina dove si mescolano le luci della vetrata a quelle dei pezzi roventi Ed egli dimostra nel grande quadro degli incendiari, in cui i furtivi abbruciatori di stoppie, si muovono sullo sfondo di una terra ingrata, che essi vogliono privare di ogni possibilità di pascolo, onde costringere i proprietari ad affidargline la coltivazione. Questi i motivi pittorici e poetici di Ferreri risolti, con tocchi e pennellate focose, rapide, intese a dire ciò che devono e che vogliono... INCENDIARI Olio su tela cm 150X100 11

12 INTAGLIATORE Olio su tela cm 110x95 I sommovimenti politici nell Est comunista: nel 1956 Krusciov denuncia i crimini di Stalin e dopo pochi mesi l Armata Rossa soffoca il sogno di libertà dell Ungheria. Tutto ciò provoca smarrite ripercussioni ideologiche tra gli artisti di sinistra con l inizio di una lunga crisi. Crisi anche per il perdurare di certezze ideologiche nell Arte che per definizione è pensiero libero. Se accetta limiti di pensiero, alla lunga li rigetta. E questo accadde anche per il Realismo. 12

13 Cronistoria artistica Ferreri ritornò a motivi cari: la città. Chiusa al desiderio di liberi spazi; la città che avanza verso spazi ormai vinti nell abbandono desolato. La sua, una figurazione che si sfalda nell ansia espressionista. CITTA Tecnica mista su tela cm 100x70 13

14 NOTTURNO Tecnica mista su tela cm 110x60 Nel 1962 Ferreri nel corso di una dura circostanza di vita trovò nell informale l espressione pittorica più idonea a comunicare un grido di protesta; di rivivere nella e con la pittura, l urlo di un estremo anelito di vita: disegni e tele che titolò Autobiografia 62. AUTOBIOGRAFIA Tecnica mista su tela 110x130-14

15 Nel 63 tornò al Palazzo Esposizioni di Roma, invitato con 5 opere, alla Rassegna degli Artisti di Roma e Lazio. Il grande e risoluto impegno di Ferreri ebbe un momento di revisione del suo percorso artistico Un mondo in rapido mutamento, per l impetuoso progresso tecnologico che spinge alla ribalta del vivere e consumare, uomini e donne attratti dall imperiosa offerta del mai più come ora. Una forte nuova realtà sociale! Ferreri fermò la sua attenzione allo sviluppo della Comunicazione, sempre più impegnata a creare nuovi bisogni : il possesso delle novità prodotte dall Industria. Contemporaneamente al far pittura, collaborò realizzando importanti campagne nazionali pubblicitarie. E con l Industria incontrò la Fabbrica. Ne conobbe spazi, ritmi, suoni, gesti, movimento dei corpi. Ammirò il costruire, ne scoprì l emozione coinvolgente. I laminati uscendo dalle presse, privi dei pezzi destinati a comporre il prodotto, scadono a sfridi, scarti della produzione. Ferreri ne percepì una mutazione. Vide nei vuoti dei laminati l intelligenza dell uomo progettista: l acciaio perdere l opaca aridità e, sotto i colpi della pressa, oscillare schizzando brillii: ne fantasticò un fulgente ricamo. Ne derivarono, in disegni, gouaches, tele: composizioni di forme e colori che, nell eleganza formale, portarono ad un obiettivo più ambizioso: riflettere sulla serialità. E il pittore maturò il cambiamento e mise fine all esperienza Realismo, peraltro, in crisi anche per il sovvertimento culturale e politico che squassò le Società Nazionali di quegli anni. 15

16 Cronistoria artistica Nel 1965 in una Personale alla Galleria Trevi di Roma, presentò le prime opere del nuovo tema. Citiamo alcune frasi del critico Cesare Vivaldi: Ferreri ripropone un semplice assaggio del suo nuovo lavoro; quanto basta mi sembra per farci capire che le sue doti hanno trovato la via giusta per esprimersi. La sua pittura trae partito con molta accortezza dalle possibilità di immagine che offrono taluni scarti di lavorazione industriale e tende a una meditazione commossa e ferma sulla civiltà mderna. Una meditazione nella quale si insinuano attraverso i profilati metallici, che strutturano la composizione di quadri, note di idillica, rasserenata freschezza MATRICI nitro su tela cm 80x45 16

17 MATRICI nitro su tela cm 45x70 MATRICI nitro su tela cm 45x80 Iniziò così un lavoro, dal 1968 al 1980, che fu essenzialmente riflessione sulla serialità. Lo sfrido, scarto delle tranciature metalliche, Ferreri lo assunse come segno-simbolo di quella invenzione tecnologica la produzione in serie frutto e causa di progresso ma anche di ambigue conseguenze economiche e sociali. Lo sfrido, non fu dunque un segno inventato, ma un reperto scelto, non per pretesto formale, ma per il suo essere un elemento del processo seriale; come un segno alfabetico nella comunicazione artistica. 4 proposizioni seriali rilievi acrilici su tela cm 100x Contraddizione seriale rilievi acrilici su tela cm 100x

18 PROVOCAZIONE Nitro e acrilico su inox cm 100x100 Serialità, concetto che Ferreri non volle limitare solo al tecnicismo produttivo suggerito dallo sfrido, ma ampliarlo all ipotesi che veda una serialità concettuale mirata a influenzare comportamenti umani. Schemi che oggettivizzino realtà di comodo, ne perpetuino la conoscenza, ne teorizzino regole al fine di imporne il consenso sociale. 18

19 SCHEMA SERIALE ADDENSATO Rilievi acrilici su tela cm 100x100 Derivarono da queste riflessioni i lavori presentati alle seguenti personali: a Venezia Galleria il Cavallino 1965 a Bologna La Loggia 1969 a Milano Galleria Cortina 1973 a Verona Galleria Cortina 1973 a Torino La Bussola 1979 a Boston U/Mass Rassegna 5 Italian Artists 1979 a Como Il Salotto 1980 a Bologna La Loggia

20 Prendiamo, tra tanti, per brevità, alcuni giudizi di Nello Ponente e Cesare Vivaldi. Nello Ponente : Ferreri scava un paesaggio dell anima ne analizza gli aspetti. Li ripropone nella nostra coscienza strutture scarnite, la materia non idealizzata, gli spazi bloccati e non suggestivi dati di riferimento localizzati che Ferreri elabora perché egli stesso e noi con lui vi si possa vivere prima di tutto, pensando. Ferreri è giunto a proporre un nuovo invito per una collaborazione cosciente Cesare Vivaldi a conclusione di un ampio scritto sulla Mostra alla Cortina di Milano: La personalità di Ferreri già fisionomizzata fin dal 1965 è in continua evoluzione e la sua ricerca spalanca nuove e più ricche aperture espressive. andare oltre se stesso rimanendo se stessi Ferreri lo sa perfettamente e la sua opera lo dimostra 20

21 Cronistoria artistica Nel 1983 presentò alla Galleria Santoro di Roma, soprattutto serigrafie di originale, complessa esecuzione. In rilievo. Il critico Luigi Lambertini così, tra l altro, ne scrisse: Ci troviamo una visione introspettiva ad una sua astrazione presenti i lancinanti controsensi della nostra quotidianità, non si avvertono più gli echi ferrigni delle presse e dei magli e neppure le vampate delle fucine; ad essi è subentrata la dolce architettura di colli e campi.da queste aristocratiche tavole affiora per sempre, proprio nel loro categorico equilibrio, una sorta di nostalgia. STRAPPI Serigrafie in rilievo cm 50x70 21

22 1994, Ferreri lascia Roma e lo studio in via Margutta dove ha vissuto e lavorato per 30 anni. Si trasferisce al Sasso, frazione di Cerveteri, in una casa in campagna. Il cambiamento non poteva non influenzarne il lavoro. STRAPPO tecnica mista su tela 100x90 Guardò la campagna, vide la Terra: solida, viva. Materia Terra. Suolo di passi incessanti, orme di storia. Terra che l uomo scavò in lunghi solchi, fecondandola affinchè lo nutrisse. Fu colpito dalla somiglianza di quel gesto produttivo con quello industriale: ritrovò la Serialità. Dipinse, ma solo quella terra. Lavori che titolò STRAPPI: una esclusività dello sguardo; una cognizione naturalistica che acceda a una trasfigurazione astratto-simbolica. 22

23 Cronistoria artistica Nel 1997 il Comune di Sutri (Roma) gli offre, per esporre, un luogo molto bello e funzionale: la grande Chiesa di San Francesco, di recente restaurata. L esposizione curata da Luigi Lambertini e dall Architetto Maurizio di Puolo offrì un ampia selezione di opere, a partire dal

24 Inizia un periodo di lavoro che si protrae fino ai nostri giorni, Il tema di fondo, anche se variamente modulato, è la TERRA: luogo e pensiero, riflessione costante. ELEGIA Nelle tele Elegia l mmagine-soggetto sale verticale come una ispirata emozione trasfigurante. ELEGIA tecnica mista su tela cm 110x135 24

25 CORROSIONE Un evento che colpisce la fantasia di Ferreri con: l essere-corrompersi-risorgere e che lo portò alla sintesi: la purezza dell orrore (nella corrosione c è il germe del risorgere). Il dramma si scioglie nella speranza: forme, colore, segni si contrastano in immagini confliggenti; manca la presenza del ferro, metallo corruttibile per eccellenza, e Ferreri lo sostituì con la sua limatura. Il risultato è interessante, il metallo diviene anche materia cromatica. LA PUREZZA DELL ORRORE tecnica mista e limatura di ferro su tela cm 110x100 25

26 CORROSIONE Tecnica mista e limatura di ferro su tela cm70x100 26

27 CORROSIONE tecnica mista e limatura di ferro su tela cm 70x100 27

28 TERRA ETRUSCA Vivere e lavorare in territorio Etrusco lo coinvolge e dipingerà tele, carte e soprattutto serigrafie a rilievo di particolare esecuzione, che nel 2005 presentò alla Galleria Alicelibri di Roma con questa nota: Terra Etrusca, un territorio sottolineato dal nero. Il nero come protagonista della visione di antiche vicissitudini. Il nero - umido e odoroso - degli ipogei, dei tumuli, delle tombe, testimonianza di una lontana civiltà della quale poche rimangono le vestigia dei vivi, mentre le loro storie affiorano dalla ludica, pacificata ritualità sepolcrale. Nel nero i precedessori. Qui presenze ineludibili. TERRA ETRUSCA Tecnica mista su tela cm 70x100 28

29 LE TOMBE Serigrafia su carta cm 70x50 29

30 TEMPO SOSPESO Forme-simbolo dell idea Terra di Ferreri, compatte, verticali, orrizontali nella metà dei quadri.la materia è terrosa e si colora, dai neri e grigi di varia tonalità. Un graffio ne percorre le superfici: un segno-gesto vitale.tempo sospeso; dunque, ci dice Ferreri,come sospensione di un evento: attesa; riflessione su un pensiero che si interroga. TEMPO SOSPESO - tecnica mista su tavola - cm 150x95 30

31 TEMPO SOSPESO Tecnica mista su tela cm 100x100 31

32 VORREI SCAVARE MEMORIE SENZA TITOLO Tecnica - mista su tavola 90x100 Già nell incipit Ferreri ribadisce l interesse ad approfondire la sua riflessione sul tema terra. E sviluppandone l espressione pittorica ne precisa il disegno. 32

33 FUGA tecnica mista su tavola 90x100 Intanto non più sospensione ma scandaglio delle forme-simbolo; che abbandonato lo scarno taglio rettangolare, disegnano un tracciato, libero nel volume e perimetro. E le superfici frontali graffite in piani, fughe, cavità come in una mappa. Il colore partecipa alternando accensioni e ombrosità. 33

34 SFINGE mista su tavola 100x90 Nel suo lavoro Ferreri vede la Terra come una immensa,vertiginosa giostra di pene e speranze, grandiosità e miserrime azioni. E tutto la Terra conserva e integra nella sua materia 34

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International

gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International gaetano grazia orizzonti SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International SPAZIO ARTE DEI MORI Venice International Cannaregio 3384/b Campo dei Mori 30121 Venezia www.spazioartedeimori.com info@spazioartedeimori.com

Dettagli

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea

L arte come gioco di forme e colori. a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea L arte come gioco di forme e colori a.s. 2007-08 Laboratori scuola dell infanzia via Amantea Le forme di Kandiskij Scrive Kandinskij: Oggi il punto può significare qualche volta nella pittura più di una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Proposta laboratorio creativo

Proposta laboratorio creativo Tino Vaglieri Vaglieri, fantasie di mutamento Opere 1958-1963 Studio d Arte del Lauro Via Mosè Bianchi 60, Milano dal 18 Ottobre al 21 Dicembre Proposta laboratorio creativo La mostra Lo Studio d Arte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio

Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio Laboratorio 1 Giammarco Arestia Giulia Epiro Giovanna Di Rosa Giulia Laneri Omar Jebari Claudia Iacobacci Gaetano Consiglio CENNI SULLA SUA BIOGRAFIA Nasce in Ungheria nel 1895; Intraprende gli studi giuridici;

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO

Picasso Guernica INIZIA IL PERCORSO Picasso Guernica Analizzare come, attraverso l espressività e il valore simbolico dell opera, Picasso riesca a creare un manifesto contro la guerra di forte impatto emotivo Confrontare messaggi di opere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita

Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita Arte Contemporanea Comunicazione Emozione Vita 1 2 Una esperienza coinvolgente e vissuta sul terre della creatività Una giornata r provocazioni, non esperti, in una decina di La realizzazion propria opera

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15 L OCCHIO APERTO E L ORECCHIO VIGILE TRASFORMERANNO LE PIÙ PICCOLE SCOSSE IN GRANDI ESPERIENZE

Dettagli

La farina del mio sacco

La farina del mio sacco Marisa Strozzi La farina del mio sacco Mostra a cura di Michela Scolaro Gocce di polvere blu, colla, terre, carta, su legno, 80x80, 2010 3-8 Maggio 2011 Spazio espositivo Villa Litta Viale Affori, 21 Milano

Dettagli

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà

GINO TAROZZI. Tra sogno e realtà GINO TAROZZI Tra sogno e realtà Copertina: particolare dell opera Verso il tramonto sul Po Realizzazione grafica: Basile Vito for Virtualstudios Coordinamento editoriale: Deborah Petroni Rubens Fogacci

Dettagli

Boris Princici La vita svelata

Boris Princici La vita svelata Boris Princici La vita svelata Boris Princic La vita svelata La vita svelata di Caterina Pellitta Tutto ha inizio con una Zenith russa, la macchina fotografica del padre. E così che Boris Prinčič bambino

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Obiettivi di apprendimento

Obiettivi di apprendimento classe Prima Primaria 1.PERCEZIONE VISIVA 1.1 Usare la linea grafica consapevolmente 1.2 Riconoscere i colori primari secondari 1.3 Riconoscere le diverse tonalità di colore 1.4 Usare materiale plastico.

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia. o se si preferisce : The trip of Alicia

Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia. o se si preferisce : The trip of Alicia Note sull allestimento per esporre : Il viaggio di Alicia o se si preferisce : The trip of Alicia (Versione 4 del 25/nov/2008) La domanda fondamentale è : Is cyberspace really a place? Le relazioni, le

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CONTURSI TERME SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CONTURSI TERME SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CONTURSI TERME SCUOLA DELL INFANZIA Anno scolastico 2010/2011 ITINERARIO PROGRAMMATICO Crescere in allegria tra diritti e doveri, esplorando la mappa dei valori fondanti di libertà,

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Ottobre 2012 - Mese Missionario

Ottobre 2012 - Mese Missionario Un opportunità d incontro e confronto per il tuo Istituto Scolastico Scopri il tuo cuore Missionario Ottobre 2012 - Mese Missionario Proposta per scuole Canossiane Quali sono le origini del mese Missionario?

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE

ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE ARTE IMMAGINE (E MUSICA): LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo dei linguaggi espressivi, artistici e visivi SCUOLA INFANZIA TRAGUARDI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di

L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di L U I G I L A P E T I N A pittore e incisore, è nato ad Armento (Pz) nel 1945. Ha frequentato i corsi di pittura e decorazione presso l Accademia di Belle Arti di Roma e i corsi di tecniche incisorie presso

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

STELO OROLOGIO. Progetto di Paolo Casti e Atelier Mendini

STELO OROLOGIO. Progetto di Paolo Casti e Atelier Mendini STELO OROLOGIO Progetto di Paolo Casti e Atelier Mendini Questo documento riproduce progetti originali. La Clear Channel Jolly Pubblicità Spa e l autore diffidano la riproduzione anche parziale dei contenuti

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Tango di periferia il ballo degli immorali. Ottima rappresentazione ieri sera al Teatro Nuovo di Varese Varese, 17 aprile 2010.

Tango di periferia il ballo degli immorali. Ottima rappresentazione ieri sera al Teatro Nuovo di Varese Varese, 17 aprile 2010. VARESE 7 PRESS Home Tango di periferia il ballo degli immorali. Ottima rappresentazione ieri sera al Teatro Nuovo di Varese Tango di periferia il ballo degli immorali. Ottima rappresentazione ieri sera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL

NIZZA. MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL NIZZA MUSEO NAZIONALE del MESSAGGIO BIBLICO di CHAGALL MARC CHAGALL Figlio di una modesta famiglia ebraica russa, Marc Chagall nasce a Vitebsk il 7 luglio 1887. Inizia subito a frequentare corsi di pittura

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

"#$"%&' (%&#((%! &#)'!*'"!+'$%(),!

#$%&' (%&#((%! &#)'!*'!+'$%(),! L Archivio liquido dell Identità arriva in Brasile, incontrando la comunità pugliese di San Paolo. Il cuore della città è l Edificio Italia, un altissimo palazzo che domina su l enorme estensione di questa

Dettagli

Mostra Personale Enrico Crucco

Mostra Personale Enrico Crucco Mostra Personale Enrico Crucco Dal 03 al 09 Maggio 2013 Ragazza con libro e funghi - olio su tela 70x90-2013 2 Uomo, donna, bambino - acquerello su carta 50x70 Cosa ti spinge a fare arte? R. Ci sono svariati

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

IL NUOVO, E'INIZIATO! 13 MARZO /2011

IL NUOVO, E'INIZIATO! 13 MARZO /2011 IL NUOVO, E'INIZIATO! 3 MARZO /20 EDITORIALE pucci si rinnova UNA SVOLTA IMPORTANTE! IN FIERA NOVITÀ A PADOVA Le nuove placche e tutte le altre novità Pucci saranno presentate all importante appuntamento

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.

AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita. AUTISMO Cos e? E un disturbo che si presenta entro i primi 30 mesi di vita.. E una compromissione qualitativa dell interazione sociale (= rende problematica la relazione con il bambino) un disturbo della

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA

PERCORSI PER LA SCUOLA PRIMARIA I percorsi proposti dalla Sezione Didattica dell Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi all interno della Pinacoteca di Brera sono condotti grazie all ausilio di materiale didattico, appositamente

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^

OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ OBIETTIVI DISCIPLINARI CLASSE 1^ MOTORIE E SPORTIVE Narrare esperienze personali ed i contenuti di brevi racconti rispettando l'ordine logico e cronologico. Acquisire le prime regole di lettura e scrittura.

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile

di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione di una sequenze di idee nella forma più breve possibile storia di un pensiero che da lineare ritornò ad essere radiale le mappe mentali:rappresentazione grafica del pensiero. seconda puntata di roberta buzzacchino è alquanto attraente presentare l evoluzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DISCIPLINA AREA ANTROPOLOGICA CLASSI QUINTE LINEE DI COLLEGAMENTO CON IL POF (1)..... PROGETTI.... PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE CLASSE V A-B-C-D DISCIPLINA

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

art book 2010-2011 Samuele Prosser

art book 2010-2011 Samuele Prosser art book 2010-2011 Samuele Prosser BREVE BIOGRAFIA Nato a Rovereto in provincia di Trento, Samuele Prosser consegue il diploma di perito elettronico all Istituto Tecnico Industriale G.Marconi di Rovereto.

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi,

I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi, LA FAMIGLIA CERVI I Cervi erano una numerosa famiglia di contadini-mezzadri originari della bassa reggiana. Oltre al padre Alcide e alla mamma Genoveffa Cocconi, c'erano i sette figli maschi (Gelindo,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Le attività che l associazione svolge sono:

Le attività che l associazione svolge sono: chi siamo La casa dei bambini è un associazione di promozione sociale senza scopo di lucro fondata a Montalcino da genitori, educatori e altre persone sensibili al tema, spinte dalla convinzione che la

Dettagli

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA

AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DON AGOSTINO ROSCELLI P:zza Paolo da Novi,11 16129 Genova ANNO SCOLASTICO 2014 2015 La scuola dell infanzia non è scuola dell obbligo,

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Laura Zeni L Esperienza del Risveglio. a cura di Fortunato D Amico

Laura Zeni L Esperienza del Risveglio. a cura di Fortunato D Amico Laura Zeni L Esperienza del Risveglio a cura di Fortunato D Amico Laura Zeni L Esperienza del Risveglio a cura di Fortunato D Amico Chiesa San Giuseppe - Alba 07 27 aprile 2013 Laura Zeni www.laurazeni.blogspot.it

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015

DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 . DOCUMENTAZIONE PROGRAMMAZZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA PONTE DELLA VENTURINA A.S. 2014/2015 MOTIVAZIONI La consapevolezza che nei bambini della scuola dell infanzia sia necessario diffondere la

Dettagli