Area Cimini R E A L I Z Z AT O D A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Area Cimini R E A L I Z Z AT O D A"

Transcript

1 Area Cimini R E A L I Z Z AT O D A

2 Tuscia Terra degli Etruschi Gli Etruschi e i Monti Cimini L Etruria, antica regione dell Italia centrale, si estendeva in parte nei territori del Lazio settentrionale, oggi corrispondenti alla provincia di Viterbo; queste zone intorno all VIII secolo a. C. videro fiorire una delle più importanti civiltà storiche: la civiltà etrusca. Intorno al IX secolo a. C., le popolazioni cominciarono ad abbandonare gli altopiani su cui si erano precedentemente stanziate (proto-villanoviano XIII-X secolo a. C.) per spostarsi su pianori e colline dove nacquero i principali centri etruschi. I primi insediamenti furono gruppi di villaggi ravvicinati con abitazioni realizzate in legno e argilla; le capanne di forma ellittica, circolare, rettangolare o quadrata erano distanziate le une dalle altre per lasciar spazio alla coltivazione del terreno. In seguito alla bonifica del territorio iniziarono pratiche diverse di coltivazione; i cereali ebbero un ruolo particolarmente rilevante. Sutri, Mitreo- prezioso esempio di stratificazione culturale: originariamente tomba etrusca, poi tempio pagano dedicato al dio Mitra, fu utilizzato anche come chiesa cristiana dedicata a S. Michele Arcangelo e alla Madonna del Parto. Da segnalare la viticoltura: proprio agli Etruschi si devono i primi studi sulla coltivazione della vite, gli innesti e la disposizione degli impianti; inoltre il clima favorevole della regione permise di praticare l olivocultura. Il popolo etrusco è legato all estrazione e lavorazione di metalli; fu il maggior produttore di manufatti in ferro del Mediterraneo, esportati soprattutto via mare dalle città di Cerveteri, Vulci e Tarquinia. Nella cultura etrusca il culto dei morti assunse un ruolo centrale. Le sepolture delle famiglie aristocratiche riproducevano la struttura delle loro abitazioni e custodivano vasellame, suppellettili, armi, gioielli. In alcune tombe, come quelle di Tarquinia, le pareti affrescate con scene di vita quotidiana, come banchetti, danze e battute di caccia permettono di ricostruire usi e costumi di questa straordinaria civiltà. Insediamenti etruschi sono sparsi un po ovunque nel Viterbese. Gli Etruschi hanno segnato anche storia ed identità dei Comuni Cimini. Nei dintorni di Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Ronciglione, Vallerano, Vitorchiano sono venuti alla luce testimonianze (per lo più tombe) che certificano l origine etrusca delle cittadine. L area archeologica della Selva di Malano, presso Soriano nel Cimino, ne costituisce un ulteriore conferma; così come riveste particolare interesse culturale il Parco Urbano dell Antichissima Città di Sutri: tra i numerosi beni, singolare è il Mitreo, ambiente utilizzato nel corso dei secoli con diverse funzioni. Presso Vetralla, l area di Grotta Porcina ospita un insediamento etrusco risalente al VI secolo a. C., ma il centro più importante è Norchia, una delle principali necropoli rupestri. Non va tralasciata la presenza sul territorio dei Falisci, che si insediarono per lo più nei dintorni di Vignanello (IX -VIII sec. a.c.). 1

3 Monti Cimini 2 Monti Cimini, insieme di rilievi di origine vulcanica appartenenti all Antiappennino Laziale, si estendono sul tratto meridionale della provincia di Viterbo. Quest area, considerata una delle zone paesaggistiche più belle e incontaminate della regione, è delimitata a nord dai Colli Volsini, a sud dal territorio romano, ad ovest dalla Maremma e ad est dalla Valle del Tevere. Sul comprensorio sorgono i Comuni di Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Ronciglione, Soriano nel Cimino, Sutri, Vallerano, Vetralla, Vignanello, Vitorchiano. I Cimini rappresentano quanto rimane della corona perimetrale di due sistemi vulcanici: uno più antico, il Monte Cimino (alto m) e uno più recente, il Vulcano Vicano, con il Monte Fogliano, il Poggio Nibbio e il Monte Venere, la cui caldera ospita oggi il Lago di Vico. Lo specchio d acqua ha una superficie di 12 kmq, un perimetro di 18 km, una profondità di 50 m ed è situato a 510 s. l. m. Il paesaggio è vario: si alternano zone paludose, prati, coltivazioni, boschi. Il panorama muta a seconda delle stagioni, assumendo di volta in volta colori diversi. Per tutelare il ricco patrimonio ambientale, nel 1982 è stata istituita la Riserva Naturale del Lago di Vico (appartiene al sistema dei Parchi e delle Riserve Naturali della Regione Lazio), che si estende per ettari. Le aree paludose della Riserva costituiscono i luoghi ideali per la sosta, lo svernamento e la nidificazione di una grande varietà di uccelli. Tra canneti e prati acquitrinosi vi sono numerose specie di anatre e vi nidificano il germano reale e lo svasso maggiore (simbolo della Riserva); ovunque si vedono folaghe e galline d acqua. La fauna del lago è costituita da numerose specie di pesci, tra cui: luccio, coregone, tinca, persico reale, anguilla. Il territorio è ricoperto per lo più da aree boschive. Sulle pendici del Monte Cimino è presente una folta foresta di faggio con esemplari centenari. La stessa specie, scendendo di quota, assieme a castagni, carpini neri e bianchi, cerri, ricopre gli altri rilievi. A quote meno elevate cresce il querceto. I versanti esposti a meridione, più assolati, consentono una vegetazione termofila, caratterizzata da erica e ginestra; vi crescono inoltre Lago di Vico

4 grandi lecci. Questi ambienti offrono rifugio a numerose specie di volatili e mammiferi: la poiana, lo sparviero, il falco pellegrino, il picchio rosso maggiore e minore ed il picchio verde; la martora, la volpe, il gatto selvatico, il cinghiale, il tasso, l istrice e roditori quali ghiri, topi selvatici, moscardini. L economia locale è basata soprattutto sull agricoltura. La fertilità del suolo e le favorevoli condizioni climatiche permettono la coltivazione di nocciole, particolarmente apprezzate per l industria dolciaria. Tra le primizie locali la castagna, dalla forma tondeggiante o ellittica, di colore marrone uniforme e dal sapore dolciastro. Da segnalare la produzione di olio e di vino. Dai boschi si ricava legname. Riveste notevole importanza anche l attività estrattiva del peperino. I numerosi beni di interesse storico artistico fanno dei Cimini una terra ricca di cultura. La zona fu abitata da epoche remote, ad attestarlo è il ritrovamento di reperti neolitici in una piccola grotta nei pressi del Monte Venere. Sulle alture cimine si è riscontrata inoltre la presenza di insediamenti a partire dal bronzo medio (XV-XIV secolo a. C.) fino al bronzo finale (sec. XII-XI a. C.). Compaiono un po ovunque testimonianze etrusche e romane. Furono proprio i Romani a realizzare la Via Cassia, importante via di comunicazione che, attraverso Sutri e Vetralla, univa Roma all Etruria Settentrionale, rendendo Veduta dal bosco quest area fulcro dei traffici e commerci dell Impero. Nell Alto Medioevo il territorio subì saccheggi e devastazioni da parte dei barbari. Con la donazione di Sutri, nel 728 d. C. il re longobardo Liutprando cedette al pontefice Gregorio II le terre del comprensorio, che andarono a costituire il nucleo del Patrimonio di S. Pietro. Nel corso dei secoli la Via Francigena, fece dei Cimini un importante zona di transito, soprattutto negli anni giubilari, quando veniva ripetutamente percorsa da pellegrini diretti a Roma. Tra Medioevo e Rinascimento l Area fu soggetta a numerose lotte per il controllo territoriale, che videro alternarsi al potere prestigiose famiglie, tra cui: Di Vico, Anguillara, Orsini, Farnese, Borgia. Durante il dominio farnesiano fu potenziata la Via Cimina a scapito della Cassia, spostando il centro dei commerci territoriali da Sutri a Caprarola; i Farnese furono promotori di una rinascita artisticoculturale, affidando a celebri artisti la realizzazione di splendidi palazzi ed opere pubbliche, vanto e prestigio della Tuscia. Il territorio passò più volte sotto il controllo della Santa Sede, a cui seguì il periodo d occupazione francese, fino all annessione al Regno d Italia. Eventi e manifestazioni arricchiscono l offerta turistico culturale dei Comuni Cimini: tradizioni antropologiche e popolari, concerti, festività patronali, sagre e degustazioni di prodotti tipici si susseguono per tutto l arco dell anno. 3

5 La Via Francigena 4 La via Francigena o Romea, antico itinerario religioso, attraversa la Tuscia dai confini toscani fino alla provincia di Roma. Un tratto significativo è quello che interessa i Comuni dell area cimina: Vetralla, Capranica, Sutri, Caprarola, Ronciglione, costituiscono tappe fondamentali del percorso laziale. La storia della Francigena risale all Alto Medioevo, quando intorno al VI sec. i Longobardi si stanziarono in Italia; la necessità di spostarsi dal nord al sud della Penisola contribuì al potenziamento delle antiche vie di comunicazione realizzate dai Romani, quali Via Emilia e Via Cassia. Tuttavia fu sotto i Franchi, i quali si recavano dalla Francia a Roma, che l itinerario acquisì una vera e propria identità, appropriandosi dell appellativo Francigena. Preziosa testimonianza, per ricostruire il percorso della Romea, è la redazione di un diario da parte del vescovo Sigerico (X secolo), il quale, a seguito di un pellegrinaggio da lui compiuto da Canterbury a Roma, descrisse le tappe principali del viaggio. La Francigena tuttavia non era Sentiero da Ronciglione a Nepi

6 un unica strada ma un ampio sistema viario, costituito da diversi sentieri e ramificazioni. Il tratto dal nord Europa a Roma si sviluppa su un itinerario di km, che parte da Canterbury e arriva a Dover, attraversa la Manica e da Calais, passando per Reims, Besançon e Losanna arriva alle Alpi, varcando il Gran S. Bernardo. Dalla Val d Aosta raggiunge Ivrea, Vercelli, Pavia e percorre le province di Piacenza e Parma. Da Pontremoli prosegue per Lucca, Altopascio, S. Gimignano, Colle Val d Elsa, Poggibonsi, Siena, Viterbo e Roma. Nel Medio Evo, le tre principali mete del pellegrinaggio erano Roma, capitale della Cristianità (per recare visita alla tomba di S. Pietro), Santiago di Compostela e la Terra Santa. L Italia dunque era percorsa Sentiero da Ronciglione a Nepi di continuo da pellegrini provenienti da ogni parte d Europa, i quali spesso, raggiunta la capitale, proseguivano il viaggio fino a Brindisi, dove si imbarcavano per raggiungere Gerusalemme ed il Santo Sepolcro. La Francigena era sicuramente più frequentata in occasione degli anni giubilari. Cronache viterbesi narrano di flussi continui di viandanti, lungo le strade della Tuscia. Il tema del pellegrinaggio va esaminato alla luce della religiosità medievale: all epoca la vita era concepita come un cammino, un percorso in cui doversi purificare, per prepararsi all incontro con Dio dopo la morte; proprio con la finalità della purificazione era intrapreso il viaggio verso i luoghi santi dai pellegrini della Francigena. In tale contesto, la provincia di Viterbo, in posizione strategica sulla Via Cassia, a pochissimi chilometri da Roma, acquisì un ruolo fondamentale nella storia della spiritualità. Sul territorio cominciarono a sorgere, un po ovunque, monasteri, chiese ed ostelli volti ad offrire ospitalità ed assistenza ai pellegrini. La Francigena, lungo il tratto cimino, seguiva due itinerari: uno ad est, l altro ad ovest del lago di Vico. Il territorio della Riserva Naturale è attraversato dalla variante Cimina della romea, che da Viterbo saliva verso la caldera del lago, scendeva in direzione del Monte Venere e proseguiva per Ronciglione. La variante di montagna costituiva un alternativa al tragitto compiuto da Sigerico lungo la via di valle, che collegava Viterbo a Vetralla fino alla chiesetta di Santa Maria in Forcassi, attraversava Capranica e proseguiva per Sutri. 5

7 Testoriemp Saluti 6 La ricchezza di beni ambientali, paesaggistici, archeologici e architettonici fa della Tuscia una provincia dalle forti potenzialità culturali e turistiche. Il territorio viterbese è infatti ricco di una storia che, dagli Etruschi fino al potere temporale della Santa Sede, ne ha segnato profondamente la tradizione culturale e sociale. Non è esagerato affermare quindi che ogni piccolo centimetro di questa provincia sia contraddistinto da peculiarità storiche, ambientali e culturali che rendono unica la nostra terra. I Monti Cimini costituiscono una forte attrazione turistica territoriale. Splendidi scorci del Lago di Vico, siti etruschi e romani, Via Francigena, borghi medioevali e rinascimentali, che hanno visto l affermarsi di nobili famiglie come i Farnese, prodotti territoriali quali: castagne, nocciole e vino, tradizioni antropologiche e culinarie fanno dei Cimini un area da tutelare, promuovere e valorizzare, per incrementare il già significativo numero di turisti, che annualmente visita il comprensorio. Natura, arte, prodotti della terra, gastronomia, dunque le peculiarità su cui puntare per rispondere ad una domanda sempre più vasta, con l obiettivo di garantire un turismo di qualità. Questa guida, realizzata dall Apt di Viterbo, rappresenta un valore aggiunto per la promozione del territorio, perché offre un informazione capillare, approfondita e accurata del territorio dei Monti Cimini. Una risorsa in più che renderà ancora più piacevole il soggiorno nella Tuscia di chi sceglierà la nostra terra come meta del proprio viaggio. Marcello Meroi Presidente della Provincia di Viterbo Commissario Straordinario APT Dopo il successo della Guida all Ospitalità delle edizioni 2007 e 2008, la promozione della Tuscia si arricchisce di un opera monografica che va ad integrare ed approfondire, nelle informazioni e nei contenuti, le aree che compongono la provincia di Viterbo. Nella Guida all Ospitalità, il territorio è stato volutamente diviso per aree, omogenee per storia e tradizioni; ognuna è stata identificata per praticità di consultazione e quindi individuata, con un colore ad hoc. In questa sezione monografica, l abbinamento cromatico è rimasto invariato, al fine di creare un continuum grafico che è poi anche un continuum concettuale e territoriale. Puntare il focus e quindi lo zoom del turista su un area in particolare consente una promozione più mirata e informazioni più specifiche e quindi più esaustive ai visitatori. Una sorta di viaggio più da vicino fra le bellezze della Tuscia data da questa serie di monografie che, per i turisti così come per i viterbesi più appassionati, può diventare una raccolta di pregio. Il paesaggio boschivo, che si affaccia sulle rive del Lago di Vico, con la sua pluralità di colori che mutano col susseguirsi delle stagioni, offre ai visitatori uno spettacolo unico in ogni momento dell anno; borghi ricchi di storia e tradizioni enogastronomiche e culturali costituiscono la meta più indicata per un turismo eterogeneo. Queste monografie si propongono di rappresentare ogni area con le sue specificità, con un immagine ben precisa che rientra nell immagine collettiva della Tuscia ma che non soffoca, anzi valorizza ognuna. Siamo certi di fornire ai tanti visitatori un valido strumento di supporto informativo, facile da consultare e piacevole da leggere, un compagno di viaggio silenzioso ma esaustivo da conservare come il ricordo di questa splendida terra. Marco Faregna Direttore APT di Viterbo

8 Indice Per informazioni Azienda di Promozione Turistica Palazzo Doria Pamphilj, Piazza dell Oratorio, San Martino al Cimino- Viterbo Tel Fax iat Via Romiti (stazione ferroviaria di Porta Romana) Tel BeC srl - Strada Teverina Km Viterbo Tel Fax Presentazione Tuscia Terra Degli Etruschi, Gli Etruschi e i Monti Cimini 1 Monti Cimini 2 Via Francigena 4 Saluti 6 Cartina Geografica 8 COMUNi DEI MONTI CIMINI Canepina 10 Capranica 13 Caprarola 16 Carbognano 20 Ronciglione 23 Soriano 27 Sutri 31 Vallerano 35 Vetralla 38 Vignanello 41 Vitorchiano 45 Indice 7 Coordinamento Editoriale: Diana Carbonetti Testi a cura di: Valentina Berneschi Progetto grafico e impaginazione: bec srl - DIVISIONE GRAFICA Stampa: UNIVERSO EDITORIALE Immagini: ARCHIVI FOTOGRAFICI COMUNI AREA cimini - BeC ARCHIVIO FOTOGRAFICO- alberto scala, bruno pastorelli, Claudia ruspoli, fabio ceccarini, francesco galli, maurizio pinna Stefano ioncoli,vincenzo pacelli Si Ringraziano i Comuni dei Monti Cimini per le documentazioni fornite Distribuzione Gratuita Stampato Marzo 2011

9

10

11 Canepina Canepina 10 Sorge sul versante orientale dei Monti Cimini, ad un altitudine di 520 m s.l.m. Il paesaggio è caratterizzato da castagneti e noccioleti, tanto che Canepina deve fama e prestigio proprio alla produzione di castagne: è il Comune con la maggiore estensione di superficie coltivata a castagno dell intera Tuscia. Nel Medioevo il territorio si distinse per la coltivazione della canapa, da cui la cittadina acquisì l appellativo di Canapina (terreno adibito a questo tipo di attività). CENNI STORICI Le origini di Canepina risalgono al secolo XI, ma reperti rinvenuti sul territorio attestano che l area fu popolata fin dai tempi degli Etruschi. Con il consenso del pontefice Leone IX i Di Vico fecero costruire un castello a presidio della piana del Tevere, che nel 1154 venne acquistato da Adriano IV, entrando così a far parte dei possedimenti del Patrimonio di S. Pietro. Nel 1170 il castello passò ai viterbesi e nel 1332 ceduto alla Santa Sede. Segnato dalla duplice dipendenza dallo Stato Pontificio e da Viterbo, il borgo confluì nel Ducato di Castro, seguendone le disastrose vicende fino alla sua disgregazione ed il conseguente ritorno dei territori sotto la giurisdizione pontificia. DA VISITARE CASTELLO ANGUILLARA Fatto costruire intorno alla metà del secolo XI dalla famiglia Di Vico per presidiare la piana del Tevere da attacchi nemici, fu sottoposto a vari domini tra cui quello degli Anguillara, i quali lo frazionarono; una parte fu ceduta alla famiglia Rem Picci come vitalizio e, agli inizi del XX secolo, la torre d oriente fu donata al Comune. Dal pulpito sul piazzale d ingresso del castello, secondo la tradizione, predicò S. Bernardino da Siena. Museo delle tradizioni popolari

12 PALAZZETTO FARNESE Attualmente sede comunale, fu fatto costruire da Alessandro Farnese per il figlio Pierluigi, come sede di amministrazione dei beni. Si contraddistingue per la solida struttura e le scarse decorazioni. CHIESE La Chiesa Collegiata nel 1492 fu restaurata, da Antonio Cordini da Sangallo detto il giovane, sullo stile della Basilica di Santa Maria della Quercia di Viterbo, in memoria di un evento prodigioso accaduto nel 1488, che, secondo la tradizione, vide protagonista un sacerdote canepinese, ridotto in fin di vita e salvato dalla Vergine Maria. Presso la chiesa è custodita la statua di Santa Corona, trasportata in processione nel mese di maggio. In piazza 1 Maggio è possibile ammirare chiesa collegiata l effige dedicata alla Santa. La Chiesa di Santa Corona è situata sul monte vicino al paese. È l edificio di culto più antico di Canepina: la sua esistenza è attestata già alla fine del XIII secolo. La Chiesa della Madonna delle Grazie risale alla fine del XVII secolo. Presenta una struttura a pianta quadrata ed è sormontata da una cupola con sovrapposto un cilindro, caratteristiche architettoniche assai rare. La Chiesa dei Santi Pietro e Paolo si trova di fronte al Palazzo Comunale, probabilmente di committenza farnesiana. La Chiesa di S. Giuseppe fu edificata nel 1525 per volere di Gentile Billacqua di Fermo, commissario di Canepina. Nel 1726 venne realizzata la cappella dedicata alla S.S. Vergine, eseguita in peperino e ornata da colonne e stucchi. La Chiesa di S. Sebastiano si trova fuori le mura di Canepina. La sua esistenza è attestata già dal XVI secolo. CHIESA DI S. MICHELE ARCANGELO MUSEO DELLE TRADIZIONI POPOLARI Si erge là dove sorgeva la chiesetta di Santa Maria del Fossatello (XV secolo). Nel 1573 fu affidata ai frati Carmelitani, i quali promossero la costruzione del convento adiacente e Fra Angelo Menicucci, priore dal 1593, trasformò la chiesa, demolendo il muro laterale sinistro per allungarla e terminare l intero complesso religioso. Recenti restauri del chiostro del convento hanno riportato alla luce antichi affreschi che lo adornavano. Le pitture, nascoste per secoli sotto la scialbatura, furono eseguite tra XVII e XVIII secolo. Del vecchio convento, un ala è riservata ad ospitare le suore del Preziosissimo Sangue, l altra è sede del Museo Delle Tradizioni Popolari. Il museo, a carattere antropologico, mira a sviluppare la conoscenza delle attività e dei processi storico-culturali che hanno contraddistinto la comunità canepinese nel corso dei secoli. Vi sono numerosi riferimenti al territorio Canepina 11

13 Testoriemp Canepina 12 e alle sue peculiarità socio-economiche fondate sullo sviluppo dell agricoltura e dell artigianato. I manufatti e gli strumenti esposti (aratri, zappe, falci, telai) testimoniano il lavoro di uomini, donne, bambini, anziani delle generazioni passate. Il museo, oltre ad ospitare un interessante allestimento, svolge la funzione di centro didattico, all interno del quale si tengono incontri culturali, convegni e concerti. Si ringrazia il Direttore del Museo delle Tradizioni Popolari Prof. Quirino Galli. I FONTANILI Sorgente Fontanella e Fontana di Via Umberto I sono le antiche fonti di Canepina, a pochi chilometri dal centro sorge Fontanile Cavonelli. PRODUZIONI TIPICHE Il castagno ed i suoi frutti rappresentano il fulcro dell economia canepinese. Il Marrone dei Monti Cimini è considerato uno dei migliori d Italia: la polpa dolce e di ottima qualità mostra una buona resistenza ai processi industriali. Già dal Medioevo, dal legno del castagno si ricavavano le botti tipiche della produzione artigianale canepinese. L arte del bottaio, della canestraia e del sediaio sono andati progressivamente estinguendosi. Da segnalare le specialità culinarie canepinesi, quali: il Fieno di Canepina, pasta all uovo servita con un classico ragù condito con pecorino; i Ceciliani: ottenuti dall impasto di farina, acqua e sale. Per Informazioni: Comune di Canepina: Tel Museo delle tradizioni popolari Tel Foto gentilmente concesse da: Alberto Scala - Bruno Pastorelli - Francesco Galli. canepina per date 17 GENNAIO 14 MAGGIO OTTOBRE SANT ANTONIO La notte tra il 16 e il 17 gennaio si tiene il tradizionale fuoco di Sant Antonio in piazza. Per celebrare la ricorrenza, una piccola statua del Santo, ospitata in casa da una famiglia del paese per un intero anno, viene trasportata per le vie di Canepina. Per effettuare il percorso è utilizzato un furgone addobbato, seguito da uomini e donne a cavallo. SANTA CORONA é la festa della patrona di Canepina. Attorno ai festeggiamenti in suo onore ruota un comitato direttivo in cui, a turno, ogni famiglia devota ha un esponente detto Santocoronao. Si celebra la cerimonia religiosa nella Chiesa Collegiata. Tra le attività vengono proposte manifestazioni di beneficenza e convegni sul tema della castagna. GIORNATE DELLA CASTAGNA Alla castagna, prodotto tipico per eccellenza, Canepina dedica i festeggiamenti che si svolgono annualmente le ultime settimane di Ottobre. Sono proposti per l occasione: convegni, musica, rappresentazioni e giochi folkloristici. Alla tradizionale apertura delle cantine, in cui si possono assaporare prodotti locali, segue la distribuzione di caldarroste. festa della castagna canepina, scorcio

14 Capranica Capranica 13 capranica, fonte di san rocco Sorge su una rocca tufacea che domina la Cassia, lungo il tracciato della Via Francigena. Poco distante dalla cittadina si innalza il Monte Fogliano con i suoi boschi di cerro, faggio, castagno. CENNI STORICI I primi insediamenti risalgono alla civiltà etrusca. I Romani vi stanziarono un presidio militare e fondarono più a nord l abitato di Vico Matrino. Con le invasioni barbariche, le abitazioni dell antico centro, diroccate e abbandonate, divennero rifugio per i pastori, che vi si stabilirono con i loro greggi di capre, vicenda da cui prese il nome Capranica. Nel X secolo l imperatore Ottone III concesse la cittadina al monastero dei Santi Alessio e Bonifacio sull Aventino. Costituì un importante presidio della Santa Sede, fu feudo degli Anguillara, poi dei Di Vico e di nuovo degli Anguillara, i quali nel 1337 ospitarono nel loro castello il poeta Francesco Petrarca. Nel XVI secolo, con la cacciata della nobile famiglia, la popolazione fece atto di dedizione al Papa, il cui potere fu rappresentato da governatori cardinali, l ultimo dei quali fu il cardinale Alderano Cybo. Conquistata dalle truppe francesi, si adeguò alla nuova gestione amministrativa. Il 17 settembre 1870 vi entrarono le milizie del Re d Italia. DA VISITARE Sul territorio comunale sono presenti tracce di antichi insediamenti etruschi e romani, come in località Pian del Pozzo. Nelle vicinanze della frazione di Vico Matrino sorgono le Tor-

15 Capranica 14 ri di Orlando, resti di una abbazia medievale e due monumenti funerari di epoca repubblicana. CHIESE Il Santuario della Madonna del Piano venne edificato nel Cinquecento su disegno del Vignola e ricostruito nel secolo successivo. Presenta un soffitto ligneo dipinto. Sull altare maggiore, la Madonna con Bambino del pittore senese Andrea Vanni. Nelle pareti laterali affreschi degli Zuccari riportano episodi della Vita della Vergine. La Chiesa della Madonna di Cerreto edificio tardo barocco, è stata realizzata nel XVIII secolo su progetto dell architetto Antonio Spinedi. La Chiesa di S. Francesco, eretta nel XII secolo, ristrutturata e ampliata tra XIII e XIV secolo, di stile romanico, è stata restaurata da Antonio Munoz nel 1927; conserva il sepolcro marmoreo di Francesco e Nicola Anguillara e affreschi rinascimentali. La Collegiata di S. Giovanni, ricostruita su un preesistente edificio romanico, di cui conserva il campanile, custodisce un prezioso Crocifisso ligneo, una pala d altare di Andrea Pozzi, un tabernacolo del Quattrocento, il dipinto con la Madonna Auxilium Christianorum e un organo ottocentesco. La Chiesa di Santa Maria, costruita in luogo di una più antica, di cui rimane un frammento di affresco quattrocentesco con la Vergine, è stata realizzata in stile neoclassico su progetto dell architetto Virginio Vespignani nel XIX secolo. Contraddistinguono la facciata il portico con colonne in mattoni e il campanile con orologio sormontato da cuspide ottagonale. L interno, diviso in tre navate, custodisce la tavola con il Salvatore Benedicente (XII secolo) e il trittico con S. Terenziano, S. Rocco e S. Sebastiano. Nelle cappelle laterali si trovano la statua della Madonna delle Grazie e il busto argenteo di S. Terenziano. S. Pietro Apostolo (sec. XI-XII), la più antica del paese, è caratterizzata da un abside romanica e da un campanile a vela. La Chiesa rurale della Madonna delle Grazie (sec. XIV-XV) nel mese di maggio accoglie la celebrazione della festività più sentita dalla comunità cittadina. All interno: un tabernacolo posto sulla parete di fondo della cappella con l immagine della Madonna con Bambino dipinta su tegola; affreschi con la Vergine, Sant Antonio Abate e S. Giuliano e con l Ultima Cena; una pala d altare con la Madonna con Bambino e Santi. S. Terenziano al Monte (sec. XIII-XIV), dedicata al patrono del paese, ha subito nei secoli diversi rifacimenti. L interno è arricchito da un ciclo di affreschi sulla Vita del Santo, realizzato dal pittore Vincenzo Manenti nel XVII sec. PONTE DELL OROLOGIO E CASTELLO DEGLI ANGUILLARA Fu il cardinale Antonio Barberini, governatore dal 1633 al 1644, a far ristrutturare e abbellire, con l orologio, i pinnacoli e la corona di ferro, la torre centrale che controllava l ingresso e il ponte levatoio. Il lato destro della costruzione è ornato da merli ghibellini. A sinistra del ponte, dove si ergevano le antiche torri, sono state costruite una serie di case. All estremo lato sinistro si possono ammirare i resti di un torrione circolare fatto abbattere nel 1484 da papa Sisto IV. MONUMENTI E PALAZZI DI INTERESSE STORICO-ARTISTICO Da menzionare la Porta di Sant Antonio risalente al XVII secolo e, lungo il Corso F. TORRE DELL OROLOGIO

16 Petrarca, il portale dell Ospedale di S. Sebastiano (XII secolo). Tra gli edifici storici, si segnalano: Palazzo Montenero Sansoni (XVIII secolo); Palazzo Forlani (XVII secolo); Palazzo Patrizi-Naro, sede della biblioteca comunale, della scuola musicale e dell archivio storico; Palazzo Accoramboni, sede dell Amministrazione Comunale, realizzato su commissione di Paolo Giordano Orsini, Duca di Bracciano, tra il 1571 e il 1579, conserva dipinti del XVII secolo. MUSEO DELLE CONFRATERNITE È allestito all interno della chiesa dedicata a S. Rocco (XV secolo), protettore dei malati di peste, a cui è intitolata anche una fonte nei pressi dell edificio. Il museo ha la finalità di raccogliere e tramandare le memorie e le tradizioni delle Confraternite di Capranica. Percorso a carattere storico antropologico, è supportato da vetrine e pannelli che custodiscono ed illustrano oggetti d arte sacra. PRODOTTI DEL TERRITORIO Prodotto tipico per eccellenza è la nocciola, utilizzata per la produzione dei dolci tradizionali: panpepato, dolce natalizio a base di nocciole intere, miele, pepe, cioccolato a scaglie, canditi; tozzetti, biscotti secchi dolci a base di farina, zucchero e granella di nocciole; mostaccioli, ottenuti dall impasto di nocciole e miele. Per Informazioni: Comune di Capranica: Tel fax Museo delle confraternite Tel Foto gentilmente concesse da: Fabio Ceccarini. CAPRANICA PER DATE 17 GENNAIO PASQUA 2 DOMENICA DI MAGGIO GIUGNO AGOSTO S. ANTONIO ABATE Tradizionale focarone, con distribuzione di bruschette, salsicce e vino. La domenica successiva si tiene la processione religiosa con la macchina votiva e l immagine del Santo, seguita dalla benedizione degli animali. Venerdì Santo tradizionale processione notturna con il Cristo Morto. FESTA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE Processione alla chiesetta rurale, concerti in piazza, mostre della confraternita, tombola. ESTATE A CAPRANICA Festa del VII luglio: Buon Compleanno Capranica; Notte delle notti: musica, piano bar, in vari punti del paese; rassegna cinematografica all aperto; escursioni notturne presso le aree archeologiche con bivacco e stand gastronomici; percorsi culturali nelle chiese e nel centro storico; commedie dialettali nel centro storico; palio dei rioni con cortei, gare di abilità a cavallo, corsa della stella, esibizioni folcloristiche in costume medievale; Notti luminose: manifestazione musicale, teatrale, folcloristica con concerti e rappresentazioni nelle chiesette rurali; Sagra della Nocciola con conferenze e stand gastronomici; Sagra degli strozzapreti (15 e 16 agosto). Capranica 15 Chiesa di S. Francesco 1 DOMENICA DI SETTEMBRE S. TERENZIANO festa patronale; all alba Santa Messa e Solenne processione con le reliquie del Santo, concerti in piazza, tombola, Mostra Artigianato. Sabato precedente: veglia al monte con funzioni religiose, concerti della banda.

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO

OLTREPO PAVESE- DAL PARCO DEL TICINO ALLE VALLI DEL VINO Questo itinerario intende condurvi alla scoperta delle Valli dell Oltrepò celebri per le produzioni viticole, idealmente costruito per permettervi di scoprire oltre alle bellezze del territorio anche l

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G.

martedì 26 maggio ore 14.00 mostra grafico pittorica, Il borgo Loreto e il suo conservatorio presso Scuola primaria Nobile, via G. 1. La scuola adotta un monumento www.lascuolaadottaunmonumento.it a cura della Fondazione Napoli Novantanove www.napolinovantanove.org dal 1 maggio al 2 giugno gli alunni degli istitui scolastici che aderiscono

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE

I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE I Luoghi dell Amore VISITE GUIDATE 13 15 febbraio 2015 www.bolzano-bozen.it Anche quest anno, dal 13 al 15 febbraio, Bolzano festeggia San Valentino con gli appuntamenti de I Luoghi dell Amore, un viaggio

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10..

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10.. Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 Riello /p.zza G.Bruno, Viterbo Partenze Da Viterbo DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Abbadia San Salvatore p.zza della Repubblica 10:00. 16:30.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel.

STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI. Indirizzo Telefono e Fax E-mail Tipologia Accreditamento. ilgignoro@diaconia valdese.org. Tel. Denominazione Anna Lapini - Povere glie dalle Sacre Stimmate Il Gignoro - C.S.D. Diaconia Valdese orentina L. F. Orvieto - Suore Passioniste Paolo VI - glie della carità di San Vincenzo de Paoli Santa

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli