Parco Regionale di Marturanum Comune di Barbarano Romano (VT)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parco Regionale di Marturanum Comune di Barbarano Romano (VT)"

Transcript

1 INTEGRATED LANDSCAPE PARK. A PLAN FOR AN INNOVATIVE AND RESPONSIBLE LANDSCAPE GOVERNANCE OF "MARGINAL" AREAS PROGETTO LANDSIBLE meeting del 21 ottobre 2006, Chiusa Pesio Parco Regionale di Marturanum Comune di Barbarano Romano (VT) Il Sindaco Dr. Luca Montaccini Il Direttore del parco Dr. Stefano Celletti Consulenti Arch. Antonio Correnti, Dott. Agr. Maria Lorenza Mordacchini Alfani, Arch. Elio Trusiani

2 L ambito territoriale di riferimento Sistema territoriale che si estende dalla costa settentrionale del Lazio fino all autostrada A1 Roma - Milano Si tratta di un ambito territoriale, sub-regionale e interprovinciale che, storicamente, ha visto il fiorire della civiltà etrusca, il sovrapporsi dell autorità centralistica romana, l arroccamento medioevale, ed infine una forte coesione e integrazione interna quale giurisdizione amministrativa autonoma del Patrimonium beati Petri nello Stato Pontificio

3 Il sistema delle risorse ambientali e culturali Il paesaggio naturale di riferimento è estremamente vario: costa laziale, Maremma, paesaggi collinari e lacustri di origine vulcanica, Monti della Tolfa, Monti Sabatini e Monti Cimini insediamenti antropici delle varie epoche accomunati dall uso del nenfro e del tufo quali materiali e colori dominanti che comprendono: area archeologica di Vulci Tuscania e i centri storici minori (Castro, Farnese, Canino, Montalto) necropoli etrusche di Tarquinia con le chiese e le torri medioevali di Corneto isole del lago di Bolsena riserva naturale del lago di Vico centro storico medioevale di Viterbo e i centri storici minori di Castel d Asso, San Martino, Soriano, Bagnoregio Castello di Santa Severa con l area archeologica del porto etrusco di Pyrgi necropoli di Cerveteri, gli scavi di Ostia Antica e di Porto, i castelli di Bracciano, Trevignano e Anguillara con i laghi di Bracciano, Martignano e Monterosi, dal Palazzo Farnese di Caprarola alla Rocca di Vejano

4 Il Parco di Marturanum e i comuni limitrofi

5 Riserve e Parchi Naturali istituiti dalla Regione Lazio

6 Aree protette

7 Parchi Regionali Parco urbano Antichissima Città di Sutri in provincia di Viterbo Parco Regionale di Bracciano - Martignano in provincia di Roma e Viterbo Parco suburbano Marturanum in provincia di Viterbo Parco Regionale di Veio in provincia di Roma Riserve Naturali Statali Riserva naturale Salina di Tarquinia in provincia di Virterbo Riserve Naturali Regionali Parco Naturale Regionale di Bracciano - Martignano in provincia di Roma Riserva Naturale Monterano in provincia di Roma Riserva naturale Lago di Vico in provincia di Viterbo Riserva naturale provinciale Monte Casoli di Bomarzo in provincia di Viterbo Riserva Naturale Monte Rufeno in provincia di Viterbo Riserva Naturale Selva del Lamone in provincia di Viterbo Riserva naturale Tuscania in provincia di Viterbo Aree Protette Monumento Naturale Caldara di Manziana in provincia di Roma Oasi di Vulci in provincia di Viterbo Monumento naturale Pian Sant'Angelo in provincia di Viterbo Parco suburbano Valle del Treja in provincia di Viterbo e Roma Monumento Naturale Caldara di Manziana in provincia di Roma

8 Il sistema infrastrutturale e la marginalità dell area Ambito territoriale compreso tra due direttrici nord - sud mancanza di collegamenti orizzontali est - ovest sistema viario di epoca etrusca di natura policentrica, la Dodecapoli sistema romano con viabilità radiocentrica, le strade consolari nel corso dei secoli il territorio ha rinsaldato i legami interni perdendo al contempo la permeabilità rispetto a flussi socio-economici esterni nel futuro è ipotizzabile un sistema policentrico destinato a riequilibrare le oggi sbilanciate tendenze gravitazionali della regione romana

9 Gli strumenti di pianificazione vigenti Piano Territoriale Paesistico n.1 Viterbo Norme di approvazione: LR 24/98 Piano Territoriale Paesistico n.2 Litorale Nord Norme di approvazione: LR 24/98 Piano Territoriale Paesistico n.3 Laghi di Bracciano e Vico Norme di approvazione: LR 24/98 Piano Territoriale Generale Provinciale Viterbo Norma di adozione: Delibera del Consiglio Provinciale 45/2006 Piani di settore

10 Il Prusst della Tuscia e gli altri del Lazio

11 PRUSST "Patrimonio di San Pietro in Tuscia ovvero il Territorio degli Etruschi" Obiettivi valorizzazione del patrimonio storico-ambientale; valorizzazione dei centri storici, recupero e riqualificazione urbana; completamento e valorizzazione del sistema della viabilità e degli accessi attraverso la realizzazione della Trasversale Nord e della Civitavecchia Livorno; l'area di Civitavecchia come incrocio dei sistemi nazionali di trasporto (Polo Aeroportuale di Fiumicino, sistema portuale di Civitavecchia, la Sardegna, sistema trasversale Tirreno - Adriatico, accesso dal sistema litoraneo Nord all'area romana; individuazione degli elementi infrastrutturali, del servizio e del sistema metropolitano dell'alto Lazio; sistema di trasporto e scambio merci in collegamento con i P.R.U.S.S.T. di Olbia e Terni.

12 MON TELEONE FABRO FICULLE A LLERONA MONTEGABBIONE PARRANO Sistema Ambientale CASTELL'AZZARA PROCENO ACQUAPENDENTE CASTEL VISCARDO Legenda ORVIETO CASTEL GIORGIO ONANO SORANO GRADOLI NUOVO GROTTE DI CASTRO SAN LORENZO BOLSENA PORANO LUBRIANO B ASCHI C ASTIGLIONE IN TEVERINA CIVITELLA D'AGLIANO MONTECCHIO esistenti interventi previsti PITIG LIANO L ATERA BAGNOREGIO G UARDEA AREE DI INTERESSE PAESISTICO ALVIANO V ALEN TANO CELLENO GRAFFIGNANO PARCHI FARNESE CAPODIMONTE ISCHIA DI CASTRO CELLERE PIANSANO MARTA MONTEFIASCONE LAGHI TESSENNANO VITORCHIANO BOMARZO CENTRI STORICI C ANINO ARLENA DI CA STRO BASSAN O IN TEVERINA ORTE PORTI STORICI TUSC ANIA SORIANO NEL CIMINO VASANELLO VITERBO V IGNANELLO RECUPERO E VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STORICO CANEPINA G ALLESE VALLERANO MONTALTO DI CASTRO CORCHIANO RIQUALIFICAZIONE URBANA E RECUPERO EDILIZIO VETRALLA CAPRAROLA C ARBOGNANO FABRICA DI ROMA RECUPERO DI MONUMENTI D'INTERESSE STORICO-ARTISTICO RONCIGL IONE V ILLA S. GIOV ANNI CIVITA CASTELLANA TARQUINIA MON TEROMANO BLERA BARBARANO ROMANO C APRANICA CASTEL SAN T'ELIA PERCORSI TURISTICI,STORICI,STRADE PARCHI, PISTE CICLABILI VEIANO B ASSA NO ROMANO SUTRI N EPI FALERIA PARCHI URBANI TEMATICI ATTREZZATI (strutture tempo libero) MONTEROSI CALCATA VALORIZZAZIONE E RECUPERO DI AREE D'INTERESSE PAESISTICO ALLUMIERE TOLFA VEIANO ORIOLO CANALE MONTERANO TREV IGN ANO ROMANO BONIFICA DI AREE ALTERATE DA CAVE,RIMBOSCHIMENTO C IVITAVECCHIA MANZIANA BRACCIANO ANGUILLARA SACROFANO AREE D'INTERESSE ARCHEOLOGICO F ORMELLO SANTA MARINELLA IMPIANTI TERMALI INFRASTRUTTURE E STRUTTURE RICETTIVE CIRCUMLACUALI C ERVETERI LADISPOLI VIABILITA' PRIMARIA LINEE FERROVIARIE

13 Sistema Infrastrutturale Legenda esistente di progetto AU TO STRADA VIABILITA' PRIMARIA RETE FERROVIARIA NODO INFRASTRUTTURALE CENTRO MERCI AEROPORTO FIERA PORTO COMMERCIALE/PASSEGGERI PORTO TURISTICO Descrizione degli interventi 1. Completamento dell'autostrada tirrenica sul tracciato dell'attuale S.S. Aurelia 2. Completamento della Trasversale nord Civitavecchia-Viterbo-Orte 3. Raddoppio della S.S. Cassia (Centeno - Monterosi) 4. Completamento e adeguamento della S.S. Nepesina 5. Potenziamento della direttrice stradale "Acquesiana" 6. Infrastrutture turistico-ricettive lacuali 7. Raddoppio ed elettrificazione del tratto ferroviario Cesano - Viterbo 8. Ripristino della ferrovia Civitavecchia - Capranica

14 IL PARCO SUBURBANO DI MARTURANUM

15 PARCO MARTURANUM Il Parco Regionale di Marturanum si estende su una superficie di ettari ed è stato istituito con la legge regionale n 41 del Il territorio protetto è costituito dal un ambiente tipico delle forre fluviali, da un paesaggio collinare sedimentario, in parte ricoperto da boschi di querce (il quarto). All'interno dello splendido scenario naturalistico delle profonde forre fluviali, dalla ricca vegetazione, si trovano le testimonianze archeologiche più rilevanti: la Necropoli etrusca di San Giuliano e la rocca medievale omonima.

16 La Forra PARCO MARTURANUM Il parco degli Etruschi Il quarto

17 LE FORRE: l origine Si sono formate con l'accumulo ed il successivo compattamento dei detriti vulcanici del vicino complesso vicano, l'odierno lago di Vico. Questi strati di roccia tufacea sono stati profondamente incisi dall'azione erosiva dei corsi d'acqua, di portata decisamente maggiore nel periodo post-glaciale, che hanno creato queste profonde e suggestive forre, dalle pareti scoscese alte sino a settanta metri. Lo scavo millenario dei torrenti ha inoltre portato nuovamente alla luce lo strato di roccia calcarea presente prima delle eruzioni vicane, assai meno erodibile del tufo

18 LA FORRA: la vegetazione Sul fondo: carpino nero e quello bianco (Ostrya carpinifolia e Carpinus betulus), il nocciolo (Corylus avellana), l'ontano (Alnus glutinosa), e persino il faggio (Fagus sylvatica), sebbene ci si trovi ben al di sotto del limite altimetrico della specie. Felci di diverse specie, tra cui la rara lonchite (Blechnum spicans), verdi muschi, azzurre pervinche, gialle primule, Le pareti tufacee: ospitano invece una vegetazione più legata al clima mediterraneo: sulle rossastre falesie prosperano, esemplari secolari di leccio (Quercus ilex), bianche fioriture di erica (Erica arborea), vaste formazioni di licheni dal colore arancione acceso La sommità delle alture tufacee: è caratterizzata dalla coltivazione dell olivo boschetti di roverella (Quercus pubescens) frammisti ad altre piante tipiche della vegetazione mediterranea, tra cui la ginestra (Spartium junceum), il corbezzolo (Arbutus unedo), la fillirea (Phillyrea latypholia), il nespolo nostrano (Mespilus germanica), il biancospino (Crataegus monogyna) e la rosa canina

19 LE FORRE: la fauna Le pareti delle forre ospitano nidi e posatoi di diversi rapaci tra cui la poiana (Buteo buteo) ed il gheppio (Falco tinnumculus); Tra gli altri rappresentanti dell'avifauna ricordiamo il picchio verde (Picus viridis), il gufo (Asio otus), la civetta (Athene noctua), il barbagianni (Tyto alba), la ghiandaia marina (Coracias garrulus) e la gazza (Pica pica). mammiferi tra cui il cinghiale (Sus scrofa), il gatto selvatico (Felis silvestris), il tasso (Meles meles), la volpe (Vulpes vulpes) e l'istrice (Istrix cristata). Tra gli anfibi importante la presenza della salamandrina dagli occhiali (Salamandra terdigitata), del tritone (Triturus cristatus, T. italicus, T. vulgaris) e della raganella verde (Hyla italica). Tra i rettili troviamo la biscia dal collare (Natrix natrix), il cervone (Elaphe longissima quatuorlineata) e la luscengola (Anguis fragilis). Presenti esemplari di tartaruga terrestre (Testudo hermanni)

20 AMBIENTE COLLINARE: il Quarto La seconda situazione ambientale è quella del rilievo collinare in gran parte costituito da terreni calcareo-marnosoarenacei e conosciuta come "Quarto". Qui predominano i querceti con cerro e roverella, i vasti pascoli inframmezzati da formazioni arbustive con piante spinose come il biancospino, il pero mandorlino, la marruca, il prugnolo e la rosa canina, frequentati da equini e bovini al pascolo brado.

21 IL QUARTO: la fauna Nell'area del Quarto prosperano solo le piante che non sono appetite dagli erbivori questi grandi animali, con l'alimentazione quotidiana, hanno inconsciamente operato una forte selezione che ha favorito le piante spinose o velenose. Tra le prime segnaliamo prugnolo (Prunus spinosa), il pero mandorlino (Pyrus pyraster), il rovo (Rubus sp.), il biancospino (Crataegus sp.), il melo selvatico (Malus sylvestris) e l'asparago (Asparagus acutifolia). Tra le piante velenose o sgradevoli ricordiamo l'asfodelo (Asphodelus ramosus) e la parte aerea del gigaro (Arum maculatum). Diverse orchidee impreziosiscono il brullo pascolo.

22 IL PARCO DEGLI ETRUSCHI" La necropoli etrusca di San Giuliano è sita a circa 2 Km dall'abitato di Barbarano Romano, all'interno del Parco Suburbano Marturanum. Sembra si identifichi con la città di Marturanum, che dopo la caduta dell impero Romano di occidente, per cause sconosciute si trasferì in una vicina località mutando il proprio nome in quello attuale di Barbarano. L importanza di Marturanum è documentata dal fatto che essa fu sede vescovile fino al X sec.d.c.

23 IL COLLE DI SAN GIULIANO Il colle di S. Guiliano presenta tuttora i resti delle mura di cinta etrusco-romane. Il punto più elevato del pianoro (350m s.l.m.) ancor oggi chiamato la Rocca doveva probabilmente ospitare la cittadella fortificata Unici documenti rimasti dell area urbana sono, le opere di idraulica in cui gli Etruschi eccellevano, gli sbocchi di tre cunicoli sono ancora oggi visibili La zona interessata è relativamente estesa ed è resa alquanto suggestiva dalla fitta macchia mediterranea e dai costoni di tufo rosso all'interno del Parco Naturale Suburbano Marturanum. Nei pressi si trovano anche i ruderi di un antico insediamento medievale e la Chiesetta di San Giuliano.

24 per un approccio metodologico al piano di gestione...

25 DEFINIZIONE DI PIANO DI GESTIONE Dall UNESCO non viene proposto un modello unico né viene fornita una definizione di piano di gestione. Ogni realtà nazionale e locale deve individuare la configurazione più idonea per tale strumento, alla luce della normativa vigente e delle specifiche situazioni Il piano di gestione è un elaborato tecnico che costituisce lo strumento necessario per definire e rendere operativo un processo di tutela e di sviluppo, condiviso da più soggetti e formalizzato attraverso un accordo di programma o altro strumento di concertazione Un piano che, basandosi sull individuazione dei valori culturali, ne garantisce la salvaguardia applicando metodi e strumenti di tipo legale, amministrativo, finanziario e tecnico e prevedendo adeguate strategie e specifiche azioni

26 FASI PROPEDEUTICHE AI PIANI DI GESTIONE 1. Riconoscimento del valore 2. Attivazione di un soggetto promotore 3. Esigenza di un piano di gestione 4. Analisi sintetica del sistema di gestione 5. Accordo tra i soggetti istituzionalmente competenti o portatori di interessi

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10..

Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO 3. SA 18:20 3.. 19:30 10.. Orario in vigore dal 13 Mar 2015 al 01 Apr 2015 pag. 1/95 Riello /p.zza G.Bruno, Viterbo Partenze Da Viterbo DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Abbadia San Salvatore p.zza della Repubblica 10:00. 16:30.

Dettagli

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati

9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO. Premessa e fonte dati 9 - RUMORE E INQUINAMENTO ACUSTICO Premessa e fonte dati La Legge 447 del 26/10/1995 definisce l inquinamento acustico come "l introduzione di rumore nell ambiente abitativo o nell ambiente esterno tale

Dettagli

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva "TUSCIA" Arti Denominazione

Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva TUSCIA Arti Denominazione DI?AHTÏMJÎÎ410 BiüiLbA QyALiTA DlI-PSODOTiI AGSOALIMSMTASï E Dll SEMVļZĪ Æ LA TUTELA DEL CONSUMATORE Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta Olio Extravergine di Oliva "TUSCIA"

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it

Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it. Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Provincia di Perugia provincia.perugia@postacert.umbria.it Provincia di Terni provincia.terni@postacert.umbria.it Documento elettronico sottoscritto mediante firma digitale e conservato nel sistema di

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Partenze Da Castiglione in Teverina

Partenze Da Castiglione in Teverina Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/5 Partenze Da Castiglione in Teverina p.zza della Repubblica, Castiglione in Teverina DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Bagnoregio via del Divino Amore

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it

Novembre 2012. Dott. Arch. Pulvirenti Giuseppe Vincenzo. Via Galermo 77 95123 Catania. pulvirenti@toposambiente.it COMUNE DI MALFA Regione Sicilia - Provincia di Messina VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del Piano Regolatore Generale di Malfa FASE DI SCOOPING VALUTAZIONE DI INCIDENZA (art.5 DPR n 357/1997 Circolare

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

TUTTO QUEL CHE C É DA SAPERE SUL PARCO DI VEIO. (a cura del Dott. Arch. Rodolfo Bosi)

TUTTO QUEL CHE C É DA SAPERE SUL PARCO DI VEIO. (a cura del Dott. Arch. Rodolfo Bosi) TUTTO QUEL CHE C É DA SAPERE SUL PARCO DI VEIO (a cura del Dott. Arch. Rodolfo Bosi) Benché di tale parco si parli in generale ormai dal 1986 (cioè da più di 27 anni) e su di esso in particolare si siano

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale

VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO. Piano Strutturale Comunale PSCComune di C a s a l g r a n d e Piano Strutturale Comunale VALUTAZIONE DEL SISTEMA PAESISTICO AMBIENTALE E PERCETTIVO estratto dall analisi sull Ecologia del Paesaggio redatta nell ambito del PSC C

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA ITALIANA AL PREMIO DEL PAESAGGIO DEL CONSIGLIO D EUROPA EDIZIONE 2014/2015 Comunicato Stampa Salone del Consiglio Nazionale, via del Collegio Romano 27 (presso la sede del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo) - ROMA 28 aprile 2015 Ore 9.30 PRESENTAZIONE

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEGLI UTENTI DI PUBBLICI SERVIZI L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. A cura di Vincenzo ROTA.

ASSOCIAZIONE DEGLI UTENTI DI PUBBLICI SERVIZI L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO. A cura di Vincenzo ROTA. L ARSENICO NELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO A cura di Vincenzo ROTA Roma 2013 1 Cos è l arsenico L'Arsenico è un semimetallo che può essere ritrovato nell atmosfera, nel suolo, nelle rocce, nell

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE

OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO MODALITA DI OTTENIMENTO DELLA LICENZA D USO DEL MARCHIO COLLETTIVO TUSCIA VITERBESE CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI VITERBO OLIO EXTRA VERGINE DOP CANINO Disposizioni generali Il presente Regolamento riporta le norme e le procedure necessarie per l ottenimento

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA

CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA CENTRI PER L IMPIEGO DI ROMA E PROVINCIA Centro per l Impiego Roma Cinecittà bacino di competenza: Ex Municipi Roma I, Roma II, Roma VI, Roma IX, Roma X, Roma XI, Roma XVII Viale Rolando Vignali, 14 00173

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni

Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni Progetto preliminare e SIA della IIIa corsia dell autostrada A 4 nel tratto tra Quarto d Altino e Duino/Sistiana Osservazioni WWF Friuli Venezia Giulia e Veneto Giugno 2003 0. Premessa Si rileva ancora

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO

DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE LAZIO DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Direzione Regionale Protezione Civile Area Centro Funzionale Regionale DIRETTIVE SUL SISTEMA DI ALLERTAMENTO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO AI FINI DI

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

I.I.S.S. Carlo Alberto Dalla Chiesa

I.I.S.S. Carlo Alberto Dalla Chiesa GRADUATORIA INTERNA A013 CHIMICA GRADUATORIA A: ZERO DIPENDENTI PUNT.TOT GRADUATORIA B: ZERO DIPENDENTI OPERATORE: /mgc GRADUATORIA INTERNA A016 COSTRUZIONI,TECNOLOGIA DELLE COSTRUZIONI E DISEGNO TECNICO

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

LIFE (LIFE 08 NAT/IT/00324)

LIFE (LIFE 08 NAT/IT/00324) Geodatabase DINAMO Il progetto Geodatabase DINAMO è parte del programma LIFE (LIFE 08 NAT/IT/00324) della Comunità europea (http://www.lifedinamo.it/) ed è realizzato dalla Università degli studi del Molise

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO

CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO Regione Piemonte Assessorato ai Beni Ambientali Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Gestione Beni Ambientali CRITERI e INDIRIZZI per la TUTELA del PAESAGGIO 1 REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO

Dettagli

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma

Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Studio sul verde pubblico nel Comune di Roma Roma, ottobre 2004 SOMMARIO 1. Premessa 3 2. Quadro di riferimento 4 2.1 Il sistema ambientale del Comune di Roma 4 2.2 Il verde previsto dal nuovo piano regolatore

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Partenze Da Laurentina [Metro B]

Partenze Da Laurentina [Metro B] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/28 Laurentina Metro B, Roma Partenze Da Laurentina [Metro B] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Albano Laziale p.zza Mazzini 14:40 NS 14:50 a 16:40

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 A INIZIATIVA DELLA CONCERNENTE: NORME SUL GOVERNO DEL TERRITORIO Art. 1 Finalità Art. 2 Obiettivi della pianificazione territoriale e urbanistica Capo I Soggetti del governo del territorio Art. 3 Collaborazione

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli