Sarcofago etrusco (520 a.c.) RICERCA DI. Arena Francesco, Capestro Emanuele, Ferraro Luigi, La Para Matteo, Rossi Alessandro, Tedeschi Leonardo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sarcofago etrusco (520 a.c.) RICERCA DI. Arena Francesco, Capestro Emanuele, Ferraro Luigi, La Para Matteo, Rossi Alessandro, Tedeschi Leonardo."

Transcript

1 Sarcofago etrusco (520 a.c.) RICERCA DI Arena Francesco, Capestro Emanuele, Ferraro Luigi, La Para Matteo, Rossi Alessandro, Tedeschi Leonardo. 1

2 INDICE..Dalle Origini pag. 3 - Introduzione pag. 3 - Età Arcaica pag. 4 - Età Classica pag. 4 - Età Ellenistica pag. 5 - Etruria Padana MISA pag. 7 - Etruschi a Marzabotto pag. 8 - Montovolo Montagna Sacra pag. 9 - Necropoli di Misa pag I Sepolcreti pag Città di Misa pag Resti della Città pag Storia degli Scavi pag L Acquedotto SPINA pag Etruschi a Spina pag. 17 Necropoli di Spina pag Architettura Funeraria pag Le Sepolture pag Gli Scavi A spasso per Misa pag. 20 La Città pag Il Sepolcreto Est pag L Acropoli 2

3 Le origini degli etruschi rimangono oscure; già nell'antichità esistevano varie ipotesi in merito: lo storico greco Erodoto asseriva che provenissero dalla Lidia, regione dell'asia Minore occidentale. Questa ipotesi venne accolta in seguito sia da Livio sia da Polibio; Dionigi di Alicarnasso, invece, sosteneva che gli etruschi fossero una popolazione indigena dell'italia. La ricerca archeologica ha gettato nuova luce sulla più antica storia etrusca: è oggi opinione comune che i primi insediamenti etruschi ebbero luogo nelle basse e paludose regioni costiere della Toscana. I primi insediamenti stabili Vetulonia e Tarquinia datano dalla fine del IX secolo a.c. I ritrovamenti relativi a questa fase sono caratterizzati da nuovi tipi di camere funerarie, che si distinguono nettamente dalle precedenti tipologie tombali e che contengono corredi funerari molto ricchi, comprendenti oggetti in ambra, argento, oro e gemme provenienti dall'egitto e dall'asia Minore. La particolare combinazione di originalità e imitazione nell'arte etrusca e i caratteri peculiari della loro religione hanno fatto pensare che questo popolo fosse originario di qualche regione del Mediterraneo orientale, posta tra la Siria e l'ellesponto. INTRODUZIONE La produzione artistica etrusca manca sostanzialmente di unitarietà: non presenta caratteri costanti né nello spazio, né nel tempo, e neppure nella qualità degli esiti raggiunti. Una possibile spiegazione di tale fenomeno appare individuabile nella condizione sociale degli artisti e degli artigiani i quali, asserviti alle classi aristocratiche dominanti, videro ostacolata quella stabilità nella trasmissione di tecniche e stilemi necessaria per istituire scuole locali o botteghe, e quindi per il costituirsi di una solida tradizione artistica. Tuttavia, tale discontinuità si associò a una costante richiesta, da parte della committenza, di prodotti artistici dotati di peculiarità ben determinate, che condusse allo sviluppo di laboratori locali specializzati; la destinazione principale della produzione artistica fu sempre il culto, caratterizzato da una rigida cerimonialità. L ETA ARCAICA (VII-VI SECOLO A.C.) Nel corso del periodo arcaico furono in particolare le ricche città dell'etruria meridionale Tarquinia, Cerveteri, Veio quelle che svilupparono una propria tradizione figurativa, creando scuole locali specializzate in diversi tipi di manufatti. Notevoli esiti in ambito architettonico, nella lavorazione dei metalli (oreficerie, argenterie, bronzi smaltati e fusi) e nella produzione ceramica si 3

4 registrano soprattutto a Cerveteri. Straordinari esempi di pittura monumentale funeraria, realizzata con la tecnica dell'affresco, si trovano nelle tombe di Tarquinia; da Veio si diffusero le ceramiche dei pittori etrusco-corinzi, oltre a pregevoli candelabri, specchi e statuette in bronzo. A Veio si colloca l'attività della scuola di scultura cui è legato il nome dell'unico artista etrusco a noi noto, quel Vulca che lavorò, secondo le fonti antiche, per il tempio Capitolino di Roma e al quale sono attribuite le sculture del tempio di Apollo Veiente (Museo nazionale di Villa Giulia, Roma). Chiusi, infine, registra il fiorire dell'attività di artigiani specializzati nella decorazione dei cosiddetti canopi (urne cinerarie a testa umana) e di un tipo di piccole urne che si diffusero in seguito nell'etruria settentrionale (a Volterra, Perugia, Fiesole). Lo splendore dell arte in questa fase della storia etrusca costituisce il riflesso della ricchezza e del prestigio internazionale raggiunti dalle locali aristocrazie: la loro adesione ai principi della cultura greca si manifestò, oltre che nella produzione artistica, anche nell'adozione di costumi (il banchetto, la caccia, l'esaltazione delle tradizioni gentilizie) e perfino di consuetudini religiose (culto degli avi, celebrazione di giochi funebri) di matrice ellenica. Il linguaggio figurativo dei diversi centri dell'etruria venne profondamente segnato dall'attività di artisti e artigiani che dal mondo greco si stabilirono permanentemente nelle ricche città etrusche: dapprima, nel VII secolo a.c., legati alle colonie greche d'occidente e al mondo orientale siro-fenicio e cipriota, e in seguito, nel corso del VI secolo a.c., portatori di quella cultura ionica che si venne imponendo a livello internazionale come il linguaggio figurativo comune del Mediterraneo arcaico. L ETA CLASSICA (V SECOLO A.C.) Agli inizi del V secolo a.c. la società etrusca visse una profonda crisi politica, sottolineata da difficoltà interne e dalla perdita dell'egemonia sul Tirreno e nell'entroterra laziale: tappe cruciali di questa fase di difficoltà furono la sconfitta navale di Cuma contro i siracusani (474 a.c.), la battaglia di Ariccia (504 a.c.) e la calata dei sabelli (metà del V secolo a.c.). La grande tradizione dell'arte arcaica etrusca entrò definitivamente in crisi: la produzione si ridusse sia nella quantità sia nella qualità, limitandosi a una stanca ripetizione di motivi e di moduli; pressoché assenti furono le ricerche e le novità espresse negli stessi anni in Grecia dallo stile severo e dall'arte classica dell'età di Pericle. Proprio da quest epoca data il progressivo distacco dell arte romana da quella etrusca: la città laziale, liberatasi dai sovrani di stirpe etrusca, vide affermarsi nell arte una progressiva autonomia espressiva, frutto di contatti diretti con il mondo greco. Nacquero a Roma importanti laboratori artistici e artigianali, specializzati nella coroplastica (lavorazione della terracotta) o nella bronzistica. IL IV SECOLO E L ETA ELLENISTICA Agli inizi del IV secolo nelle città-stato dell'etruria un nuovo tipo di aristocrazia, politicamente organizzata con magistrature di tipo repubblicano, avviò una ripresa politica e culturale che, seppure lentamente, ebbe positive ripercussioni anche nell'ambito della produzione figurativa. Ceramisti, pittori e scultori greci tornarono a stabilirsi in Etruria, contribuendo allo sviluppo di nuovi laboratori locali a Cerveteri, Tarquinia, Vulci, e anche nelle città settentrionali: statue cinerarie e urne in ceramica vennero prodotte a Chiusi, urne in alabastro a Volterra, oggetti in travertino a Perugia, mentre in ogni città fiorì una scuola di ceramografi. I modelli a cui si fece riferimento provenivano da Taranto, da Siracusa e dalla Campania, centri di diffusione delle tecniche, dei moduli figurativi e degli 4

5 schemi decorativi della grecità d'occidente. A partire dal III secolo a.c., le gravi sconfitte inferte dal nascente astro di Roma e la progressiva sottomissione ai nuovi padroni del Mediterraneo portarono al declino della potenza etrusca, minacciata inoltre al proprio interno da rivolte di schiavi. Le aristocrazie locali vennero gradatamente integrate all'interno della struttura sociale romana. Quelle che erano state prospere città si ridussero a centri di passiva ricezione di temi e di moduli figurativi ellenistici, in cui marcati fenomeni di conservatorismo si associarono all'isolamento culturale di una committenza ormai marginale, periferica, provocando di fatto la fine di qualsiasi forma autonoma di produzione artistica etrusca. Il Ponte della Badia sul fiume Fiora, nei dintorni di Vulci. Di epoca etrusco-romana (I secolo a.c.), testimonia la perizia ingegneristica dei costruttori: tre arcate a tutto sesto alternate a possenti pilastri alleggeriscono la struttura nello stesso tempo in cui creano un efficace sistema di spinte e constrospinte al quale si deve la longevità della costruzione. ETRURIA PADANA Originariamente gli Etruschi abitarono nei territori della Toscana e del Lazio settentrionale, in quella regione definita Etruria tirrenica sulla base dell'appellativo di Tyrrenoi che gli antichi Greci attribuivano a questa popolazione. Le fonti storiche, greche e latine, ci informano di un' espansione etrusca verso l'italia meridionale, nell' attuale Campania, e verso nord, nella valle del Po, avvenuta fin dai tempi più antichi. Nella pianura padana l' espansione portò alla realizzazione di una confederazione di dodici città, analoga a quella che già esisteva nella madrepatria tirrenica. La fondazione di queste città, numericamente superiori rispetto a quanto è sinora noto sulla base delle testimonianze archeologiche, sarebbe avvenuta secondo alcuni autori ad opera di Ocnus, il fondatore di Perugia, secondo altri ad opera di Tarconte, l'eroe fondatore ed eponimo di Tarquinia. La documentazione archeologica suggerisce di accettare entrambe le tradizioni, attribuendole 5

6 a due diversi momenti di profondo mutamento del quadro politico ed economico dell'etruria padana, dovuto all'arrivo di Etruschi dall'area tirrenica, unito ad un forte contributo apportato dalla popolazione locale. La prima "colonizzazione", riferibile a Tarconte, viene fatta risalire agli inizi dell'età del Ferro (IX sec. a.c.), e ha come finalità il reperimento di nuove terre per lo sfruttamento agricolo; la seconda, riferibile a Ocnus, è databile alla metà del VI secolo, e implica un riassetto di tutta la regione padana allo scopo di incrementare le attività commerciali. A partire dalla fine del IX secolo, il popolamento nella valle del Po, precedentemente organizzato in piccoli nuclei di capanne sparsi per tutto il territorio, si concentra nell'area di Bologna, il principale centro dell'etruria padana, e di Verucchio, fiorente insediamento ubicato nel cuore della Romagna. I due centri, nettamente distinti sul piano topografico, si differenziano anche per i diversi ruoli svolti nell'organizzazione socio economica del territorio. Bologna, grazie a numerose opere di bonifica e canalizzazione, arriva a sfruttare le risorse agricole, destinate agli scambi di tutti i territori circostanti, espandendosi sino al corso del Po verso nord, nelle aree modenesi e reggiane sino alla valle dell'enza a est, sino ai valichi appenninici a sud, e sino alla valle del Mezzano a ovest. Accanto ad attività di sussistenza minori, come la caccia e la pastorizia, fioriscono le produzioni manifatturiere, e in particolar modo il settore metallurgico, con la lavorazione del bronzo e del ferro. La crescente ricchezza economica e lo sviluppo sociale di Bologna, apportano un importante contributo alla sua funzione di mediatrice tra l'etruria tirrenica e l'italia settentrionale. Tale ruolo è documentato dalla diffusione verso il nord Italia di prodotti artigianali tirrenici (bronzi, vino e profumi) che arrivano insieme a impulsi artistici e culturali, tra i quali è fondamentale l'acquisizione dell'alfabeto e della scrittura etrusca, precocemente praticati nel centro padano e rapidamente trasmessi a settentrione. Diverso è il ruolo svolto da Verucchio, posta a controllo della valle del Marecchia e della costa adriatica, meno interessata allo sfruttamento agricolo del territorio rispetto a Bologna e dedita principalmente ad attività commerciali. 6

7 ETRUSCHI a MARZABOTTO Oltre che in area tirrenica (Toscana e Lazio settentrionale) gli Etruschi furono presenti anche nella Valle Padana dove, fin dal {X secolo a.c.. svolsero un'importante ruolo di intermediari tra il Mediterraneo da un lato e l'europa continentale dall'altro e dove realizzarono, per la prima volta nella nostra regione, un sistema di città»: Bologna, l'antica Felsina; Spina, sull'adriatico; aperto ai commerci greci, la città di Spina; a nord del Po, con funzione di testa di ponte verso l'area transalpina, la città di Mantova; sull'appennino, lungo la valle del Reno, che costituiva la via principale di collegamento tra l'etruria tirrenica e l'etruria padana, la città etrusca di Marzabotto. La città etrusca di Marzabotto, fondata ex-novo agli inizi del V secolo su una piana di origine fluviale pressoché privo di strutture preesistenti fu realizzata secondo rigorosi criteri urbanistici, in cui l'estrema regolarità deli'impianto risponde anche a precise esigenze di una razionale organizzazione urbana oltre che di una vera pianificazione. Strade e isolati, tracciati sul terreno in un solo momento, costituivano l'ossatura dell'impianto, all'interno del quale doveva sorgere e svilupparsi la città secondo una previsionalità insediativa molto larga, che non fu mai del tutto saturata. Alcuni isolati infatti, pur essendo regolarmente tracciati nei loro limiti estremi, sono vuoti perché non furono mai utilizzati. All'estremità nord ed est sono collocate le due necropoli; mentre a nord-ovest, in posizione elevata rispetto all'area urbana, è situata l'acropoli con il complesso degli edifici sacri costituiti da templi con i rispettivi altari. AlI'interno dell'area urbana, oltre naturalmente alle case di abitazione, sono documentati impianti artigianali di un certo rilievo come fornaci per la cottura di ceramiche e laterizi destinati al fabbisogno interno; officine per la fusione del bronzo e ateliers per la lavorazione del ferro i cui prodotti erano invece destinati anche all'esportazione. È evidente che la città etrusca di Marzabotto, ancora intatta nelle sue strutture, costituisce un terreno ideale per lo studio dell'urbanistica e dell'architettura etrusca e, più in generale. per lo studio della stona e della vita degli Etruschi. L'area archeologica, dislocata in un bellissimo scenario appenninico, e l'annesso Museo costituiscono infatti uno dei documenti più rilevanti di questa civiltà. Ogni estate si alternano gruppi di studenti e giovani laureati che oltre ad imparare le tecniche dello scavo archeologico sono impegnati nella scoperta di nuovi materiali che vanno ad arricchire il già consistente patrimonio di questa che può legittimamente essere considerata la più importante area archeologica della Regione Emilia Romagna. 7

8 MONTOVOLO Montagna SACRA La Pietra Ovale di Montovolo come simbolo sacro nelle Necropoli Etrusche di Marzabotto. Circa 15 km da Montovolo lungo la strada che conduce a Bologna esistono i resti dell'antica città etrusca di Misa (nel comune di Marzabotto ). La sua scoperta è avvenuta nella seconda metà del 1800 e fino da allora i resti di questa antica città etrusca destarono meraviglia in tutto il mondo (gli scavi e le ricerche continuano tuttora con il contributo anche dell'università di Bologna ). Stupiscono la regolarità della sua pianta ortogonale con strade principali larghe 15 m orientate nord-sud che si incrociano con strade più strette larghe 5 m orientate est-ovest che disponevano anche di marciapiedi. Stupiscono pure la vasta rete di impianti idrici e scarichi fognari e la divisione dei vari quartieri residenziali ed artigianali con particolare riguardo alla lavorazione dei metalli e produzione di ceramiche. Questa città aveva anche i suoi templi nell'acropoli e le sue due Necropoli. La scoperta della città di Misa nella sua totale ampiezza, dava, in parte, concretezza alla leggendaria esistenza di una lega delle dodici città a nord dell'appennino. Se esisteva una dodecapoli doveva esserci anche la sua Montagna Sacra dove i Lucumoni si riunivano per prendere le decisioni più importanti. Le prove sono subito comparse! La prima stranezza che compare davanti ai visitatori delle Necropoli è vedere che sopra diverse tombe vi è una grossa pietra Ovale. Alcune le più belle sono nel Museo Aria! Ovali in marmo ( visibili nel vicino museo e descritte come peculiarità di questa zona dell'etruria anche se alcune sono state trovate nella Necropoli Etrusca di Pisa) con incise motivi molto significativi sono stati ritrovati in tombe monumentali sempre a Marzabotto. Questo fatto ci fa intravedere che probabilmente ogni tomba aveva sopra una pietra Ovale. Oggi nei nostri cimiteri ogni tomba ha sopra il suo simbolo religioso, che per noi è la Croce. Allora il simbolo religioso di quella dodecapoli o solo città era la pietra Ovale. Se è cosi la Montagna Sacra è Montovolo che anche nel nome conserva tuttora il significato di Monte dalla pietra Ovale. Ma questa pietra Ovale, come abbiamo descritto in precedenza, era l'omphalos o simbolo del Centro Oracolare Etrusco che si trovava a Montovolo. 8

9 NECROPOLI di MISA Appena si entra nella Necropoli detta Orientale, sembra di entrare in un nostro cimitero di campagna un poco abbandonato. Infatti c'è un'entrata a cui manca solo il cancello in ferro, che serviva come oggi per isolare la zona dei morti da quella dei vivi. Dall'entrata si notano subito tutte le tombe alcune dette a cassone e molte sepolture in terra (fosse). A queste tombe mancava solo il simbolo della "nostra" Croce ma al posto della Croce c'è una pietra Ovale, il loro simbolo religioso! Le due necropoli della città etrusca di Marzabotto sono situate immediatamente al di fuori delle porte nord e est della città e il loro attuale aspetto appare profondamente mutato rispetto all originario a causa di interventi ottocenteschi. La scelta di adibire queste aree a sepolcreti è dettata da un lato dalla consuetudine di seppellire i morti al di fuori dell abitato, come nella maggior parte delle civiltà antiche, dall altro da una relazione profonda tra le tombe e le strade di accesso alla città. Alla porta nord giungeva infatti la via proveniente da Felsina, mentre dalla porta est aveva inizio il percorso che, attraverso gli Appennini, metteva in collegamento l Etruria padana con quella tirrenica. Questi particolari spazi destinati a necropoli, con le tombe disposte ai due lati delle vie di accesso alla città, rappresentavano certamente un segno di prestigio per la comunità che viveva a Marzabotto nei confronti di chi giungeva in città. I numerosi segnacoli funerari, la cui posizione originaria non è più ricostruibile, costituivano infatti un elemento di monumentalizzazione e stando alle ridotte dimensioni della necropoli dovevano essere comunque ben visibili. Nella necropoli est questo carattere monumentale era ulteriormente enfatizzato dalla presenza di uno spiazzo prospiciente la porta nel quale si trovava un luogo di culto a cui è riferibile il rinvenimento di alcuni bronzetti. Più vaghe sono invece le notizie riguardanti il sepolcreto settentrionale, dove la presenza di una via sepolcrale, certamente esistente, è desumibile esclusivamente dalla disposizione delle tombe in due gruppi ben distinti ai lati di uno spazio centrale libero. La tipologia delle tombe documentata a Marzabotto è abbastanza omogenea. Ad alcune decine di inumazioni, entro fossa rivestita di ciottoli, si contrappone la prevalenza di sepolture ad incinerazione, sia entro pozzetti internamente rivestiti di ciottoli sia, nella maggior parte dei casi, in tombe a cassone costituite da grandi lastre di travertino sormontate da un segnacolo. La tipologia della tomba a cassone richiama l Etruria tirrenica settentrionale, in particolare Populonia, ma è inoltre documentata in un unico caso anche a Bologna. Elemento probabilmente riconducibile all importante ruolo di mediazione svolto da Marzabotto nell ambito dei rapporti tra Felsina 9

10 e l Etruria tirrenica. Ad un più ampio quadro topografico, comunque sempre relativo all Etruria settentrionale e interna (Volterra, Pisa, Orvieto), sono riconducibili i pochi segnacoli particolari della città. Al di sopra delle tombe, tradizionalmente ritenute completamente interrate, erano infatti collocati nella maggior parte dei casi grossi ciottoli di fiume di forma vagamente sferica, accanto ai quali si pongono alcuni esempi di monumenti funerari più ricercati: colonne forse sormontate da una sfera, una stele con defunta eroizzata rappresentata in atto di libare e alcuni cippi a bulbo, di cui uno con scena di giochi funebri, innestati su una base con angoli decorati da protomi di ariete; a questi si aggiungono tre statue frammentarie in marmo di ispirazione o addirittura di produzione greca, fra le quali in particolare una testa di kouros, per cui si è ipotizzata un analoga destinazione funeraria sulla base di un confronto con Bologna, per il quale è certa la provenienza da un contesto sepolcrale. I corredi funerari sono stati smembrati, ma è comunque possibile riconoscere l adesione profonda all ideologia funeraria del banchetto, comune a tutte le città dell Etruria. Vasi importati dalla Grecia (per lo più crateri, kylikes e skyphoi, appunto connessi al consumo del vino) e bronzi pregiati (vasellame e strumenti per la preparazione del vino e il rituale del banchetto) testimoniano una notevole apertura commerciale della città etrusca di Marzabotto e il pieno inserimento nei circuiti più vitali, non solo dal punto di vita economico ma anche sociale e culturale. I SEPOLCRETI A Marzabotto esistono due sepolcreti: uno a Nord e l altro a Est della città. Entrambi comprendevano alcuni principali tipi di tombe: a cassone (lastre di travertino), a fossa (rivestite a ciottoli) e a pozzetto (con cinerario). Per le tombe a cassetto il rito di norma era l incinerazione, come per le tombe a pozzetto; le tombe a fossa raccoglievano gli inumati. Nel sepolcreto Nord esistevano circa 170 tombe, in maggior parte a cassone; ne rimangono solamente 91. Il sepolcreto era tagliato a metà da una strada. Nel sepolcreto Est si trovavano 125 tombe, di cui 62 a cassone, 55 a fossa e 8 a pozzetto. Anche in questo caso erano distribuite ai lati di una strada che tagliava a metà il sepolcreto, e conduceva alla porta Est. Le piante di entrambi i sepolcreti rispecchiano la situazione attuale. Le tombe, interamente infossate nel terreno, erano indicate da segnacoli che sporgevano dal suolo, per la maggior parte dei grossi ciottoli prelevati dal vicino fiume Reno e, talvolta, parzialmente levigati. Alcuni segnacoli erano costituiti però da travertino a forma di colonnetta. Tutti questi segnacoli sono stati datati al pieno V secolo a.c. Le sepolture comprendono solitamente un corredo che riuniva oggetti di tipo diverso: dalle ceramiche 10

11 locali ai grandi vasi greci, dalle suppellettili di bronzo agli oggetti di pasta vitrea, d osso, d ambra, di alabastro e di ricca oreficeria,tutti databili dal VI al IV secolo a.c. Molto importanti sono le ceramiche attiche importate attraverso l emporio di Spina e trasportate via terra fino a Marzabotto che dimostrano i contatti commerciali con la Grecia. CITTA di MISA a MARZABOTTO Fondata secondo un piano urbanistico regolare, proprio di una mentalità che tende a distribuire in modo pianificato le emergenze urbane, secondo gli schemi della limitazione, Misa a Marzabotto è organizzata ortogonalmente, con strade disposte secondo un rigido orientamento astronomico. Quelle principali (una sola in senso nord-sud, tre in senso est-ovest) sono larghe circa 15 metri e presentano una sede centrale per i veicoli e due laterali per i pedoni. Lo spazio era ulteriormente diviso in lotti rettangolari tramite strade minori, larghe circa 5 metri, parallele al grande asse viario nord-sud; le dimensioni dei lotti, non uniformi, variano da m di lunghezza per 30 circa di larghezza. Gli isolati erano occupati sia da abitazioni, sia da impianti manifatturieri. Le case di abitazione affacciate lungo le strade, dovevano essere a un solo piano: gli ambienti si disponevano attorno a un cortile centrale aperto, dove per solito si trova un pozzo, e la copertura del tetto doveva essere displuviata, dati i canali di raccolta delle acque rinvenuti nelle corti. Costruite su fondamenta eseguite in ciottoli fluviali, avevano pareti realizzate con argilla pressata e intelaiatura lignea. Tutta la parte sud-orientale dell'acropoli poggia su una terrazza artificiale: la regolarità della disposizione era stata rigorosamente osservata correggendo, se del caso, la formazione naturale del terreno con massicciate sui declivi e lavori di livellamento. Lungo l'ampio cardo si stendevano un tempo lunghe file di officine e fabbriche. Piccoli ateliers lavoravano pure nel cuore della 11

12 città. L'artigianato artistico su base industriale, in particolare quello della lavorazione dei metalli, ebbe certo, accanto al commercio, una grande importanza. Ogni costruzione era, conformemente, dotata di tutto il necessario. Un lungo corridoio portava nella corte interna, dov'era il luogo di fabbricazione, dotata di pozzi e impianti di lavaggio, e anche di un canale coperto per lo scarico delle acque industriali. Sul davanti, verso la strada principale, correva un marciapiede largo cinque metri, dove si esponevano le merci prodotte e gli articoli preziosi. Per le sua posizione e per le aree manifatturiere individuate essa appare un centro con prevalente vocazione commerciale e manifatturiera piuttosto che agricola, teso allo sfruttamento della zona (boschi, cava e forse giacimenti minerari). E' indubbio che ci troviamo di fronte ad un impianto urbano mediato, probabilmente attraverso il porto di Spina, da modelli tipicamente greci, secondo un sistema urbano tradizionalmente connesso ad Ippodamo di Mileto. Ciò non esclude, comunque, una certa esperienza da parte di pianificatori locali nell'applicazione di queste norme urbanistiche. Le evidenze archeologiche raccolte permettono di considerare Misa o Marzabotto come un caso di "trapianto" coloniale avvenuto per il trasferimento di gruppi proveniente dall'area centrale dell'etruria (la scrittura in uso presenta caratteri simili a quella di Chiusi) e la ricerche, si venne alla grande sorpresa: nel profondo della terra dormivano le rovine di una città etrusca, la prima che sarebbe riemersa in tutta la sua compiutezza. La città rimase fino a poco tempo fa l'unica ricomparsa alla luce. Marzabotto, forse l antica Misa citata sui Cippi di Rubiera, era posta nelle vicinanze della capitale dell Etruria padana: Felsina come scrive Plinio. Per qualcuno questa città fu un posto di frontiera di Felsina, ipotesi non accettabile vista l importanza e la differente cultura materiale. Infatti nonostante i pochi chilometri la cultura di Marzabotto è profondamente diversa da quella Felsinea: meno fastosa nel complesso con presenza di materiale greco ma di qualità evidentemente più modesta dato che ci chiarisce il livello sociale degli abitanti. Non ci sono le grandi Stele figurate poste a segnalare le sepolture, ma abbiamo cippi più semplici che troviamo simili ad Orvieto, Perugia e a Chiusi. Possiamo quindi stabilire che a Marzabotto sorse una città coloniale fondata da coloni provenienti dall Etruria interna, in connessione col vasto fenomeno cha va sotto il nome di 2 12

13 colonizzazione, quella che alla fine del VI secolo a.c. vide un occupazione capillare di tutta la pianura Padana. RESTI della CITTA Marzabotto sorse contemporaneamente a Spina il porto etrusco più importante da questo momento in poi. Infatti, tutti i commerci greci trovando difficoltà nel mar Tirreno, a causa del predominio Siracusano, s indirizzarono verso il Mar Adriatico. Gli Etruschi che erano in difficoltà sul Tirreno trovarono nell Adriatico nuova forza per le attività commerciali. Marzabotto divenne importantissima, infatti era posta sulla strada che dall Etruria conduceva alla pianura Padana, quindi un emporio, un luogo di scambio. Fu costruita in pochissimo tempo secondo le proprie esigenze. La città è organizzata su di una sola via tracciata in senso Sud-Nord (plateia) larga 15 metri e da tre strade ortogonali di eguale larghezza e fra loro equidistanti (stenopoi), suddividendo l area urbana in otto settori o regioni, vie minori larghe 5 metri li suddividono in otto settori. Tutte le strade sono limitate da canalette, destinate insieme allo scolo delle acque a segnare il confine tra aree stradale pubbliche e quelle private. Anche i templi dell Acropoli sono orientati come le strade e questo ci fa affermare che furono costruiti contemporaneamente. All estremità orientale e settentrionale del pianoro sono dislocati due sepolcreti, entrambi separati dall area urbana da una porta che nel caso del sepolcreto orientale conserva parti consistenti dell alzato. Le necropoli si dispongono senza alcun ordine, chiaramente destinate al seppellimento singolo e non familiare, che si riallaccia alla tradizione villanoviana. In entrambi i sepolcreti sono documentati diversi tipi di tombe: a fossa cineraria per i cremati; a cassone di lastre di travertino, sempre per i defunti cremati, nonostante manchi il cinerario nella maggior parte dei casi, perciò i resti della cremazione erano probabilmente raccolti in 13

14 contenitori di materiale deperibile o in un velo di stoffa. Marzabotto è una città di tipo greco ippodamea all incrocio delle due plateiai centrali è stato trovato ancora in posto un cippo infisso nel terreno che reca sulla sommità due tratti incisi ortogonali e perfettamente orientati: la crux dei gromatici, utilizzata per tracciare gli assi principali, secondo la Disciplina. Alle spalle dei templi su di un cuccuzzolo che costituisce ancora oggi la parte più alta di Misanello, fu rinvenuta nel secolo scorso una struttura, oggi perduta, un altare destinato all Augure che da lassù (non c erano gli alberi) scrutava il cielo e dava i responsi. A partire dalla metà del IV secolo a.c. la città etrusca di Marzabotto è occupata dai Celti e trasformata in un avamposto militare, questa fase è documentata da 25 tombe e da resti sparsi. Nel III secolo a.c. è abbandonata. Due secoli più tardi vi è installato un impianto rustico, caratterizzato da materiali molto modesti. STORIA degli SCAVI La prima menzione della città etrusca di Marzabotto risale al 1550 quando frate Leandro Alberti nella descrizione di tutta Italia ipotizzò l'esistenza di una città in Pian di Misano in base alla presenza di strutture murarie antiche ancora in vista, mosaici e monete. Nel 1782 Serafino Calindri nel Dizionario Corografico Georgico Orittologico Storico dell'italia osservava l'esistenza di muri di antichi edifici nel Pian di Misano dove documentava anche lo svolgersi di attività di scavo alla ricerca di preziosi materiali. I terreni del Pian di Misano vennero acquistati nel 1831 da parte di G. Aria e da questo momento in poi ebbero inizio la raccolta e la conservazione dei materiali archeologici scoperti nel corso dei lavori agricoli. Il primo rinvenimento vero e proprio risale al 1839 quando vennero portate alla luce ai piedi dell'acropoli 30 statuette di bronzo, seguite poco dopo da altri bronzetti e da alcune tombe del sepolcreto nord; nel 1856 verranno poi scoperti gli edifici sacri dell'acropoli. Entrambe le campagne di scavo furono prontamente pubblicate dal Gozzadini, il quale aveva maturato l'erronea convinzione di stare scavando un'enorme necropoli. In occasione del V Congresso Internazionale di Antropologia e Archeologia Preistoriche tenutosi a Bologna nel 1871 si accese il dibattito scientifico sulla città: a dare una corretta interpretazione dei risultati di scavo fu G. Chierici, il quale sostenne che in Marzabotto si trovavano i resti di una città con strade, case, templi e sepolcreti. Nel 1886 fu E. Brizio a curare l'ampliamento e il riordino di 5 sale della Villa Aria con funzioni di Museo e a dirigere anche, tra il , la prima campagna di scavo finanziata dallo Stato e destinata al settore meridionale della città. Nel 1933 la zona archeologica di Marzabotto e la sua Collezione vennero acquistate dallo Stato e i materiali furono trasferiti da Villa Aria nel nuovo Museo: quest'ultimo, distrutto da un incendio nel 1944, venne ricostruito e inaugurato nel 1949, mentre negli stessi anni venivano portati restauri ai templi, ai sepolcreti e alla città. 14

15 Nel 1957 iniziò la propria attività di Soprintendente G.A. Mansuelli, a cui si devono l'ampliamento del Museo, l'edizione di una prima guida e l'avvio di una serie di scavi in vari punti della città con la collaborazione dell'università di Bologna. Il 4 novembre 1979 venne inaugurato il nuovo Museo archeologico, su progetto dell'architetto F. Bergonzoni e in base ad un ordinamento curato da G.A. Mansuelli, A.M. Brizzolara, S. De Maria, G. Sassatelli e D. Vitali. Dal 1988, circa cent' anni dall'inizio degli scavi nella città, sono riprese le indagini sistematiche sul terreno, sia da parte della Soprintendenza Archeologica dell'emilia Romagna, che da parte del Dipartimento di Archeologia dell'università di Bologna. L ACQUEDOTTO L'impianto urbano della città, perfettamente pianificato sotto l'aspetto della viabilità e della distinzione tra spazi pubblici e spazi privati, prevedeva anche una complesso ed efficiente sistema idrico consistente in opere di canalizzazione delle acque piovane e pozzi per la captazione delle acque sorgive che coinvolgeva sia le abitazioni private sia le strutture pubbliche e la rete stradale. Fulcro di questo sistema era una struttura che fu indagata tra il 1870 e il 1872 da F. Sansoni, assistente di scavo di G. Gozzadini prima e di E. Brizio poi. La struttura venne individuata all'estremità occidentale della plateia B, ai piedi della collina di Misanello sede dell'acropoli, a cui la stessa strada conduceva. Rinvenuta a 4,50 m di profondità rispetto al piano di calpestio attuale, in un settore caratterizzato dalla presenza di un consistente deposito di terreno di erosione, dopo essere stata scavata venne ricomposta poco lontano dal sito originario, dove è possibile visitarla tutt'ora. Tale ricomposizione non perfettamente in situ si dovette al desiderio degli allora proprietari del terreno di costruire proprio in quel luogo un piccolo acquedotto racchiuso in una costruzione in stile etruschizzante (o meglio egittizzante), ancora oggi esistente in prossimità della struttura antica. Tanto l'impianto etrusco quanto quello ottocentesco captavano le acque di una sorgente naturale attiva in quel luogo. L'impianto idrico antico, interamente realizzato con lastre e blocchi squadrati di travertino, si compone di un corpo centrale di forma rettangolare da cui si dipartono tre canali. Il corpo centrale delle dimensioni di 1,80 x 1,20 m e con un'altezza di 0,50 m, si presenta parzialmente coperto e internamente suddiviso da un diaframma in due vasche di differente livello. A questa struttura, attraverso un'unica imboccatura, si innestano due distinti canali di immissione delle acque provenienti dalla zona subito a monte, dove catturavano l'acqua di una falda quasi affiorante per convogliarla nella prima delle due vasche, che con i suoi circa 3 metri cubi di capacità aveva evidentemente la funzione di vasca di decantazione. L'acqua, ripulita delle impurità che si depositavano sul fondo di questa prima vasca, 15

16 immettendosi per sfioramento nella seconda vasca, attraverso un condotto di emissione veniva incanalata in direzione Est, verso la sottostante area urbana. Si deve evidentemente ad una ristrutturazione successiva l'aggiunta di un secondo canale di emissione, diretto verso Sud, che anziché innestarsi nella seconda vasca si innestava direttamente in quella di decantazione, rimanendo di conseguenza sprovvisto di un sistema di filtraggio ma assolvendo comunque alla sua funzione di canalizzazione delle acque verso l'area urbana. Entrambi i canali di uscita sono realizzati con la medesima tecnica costruttiva, componendosi di un doppio filare di blocchi di travertino piani all'esterno e concavi all'interno in modo tale da formare un foro di 14 cm di diametro, dimensione che garantiva ai canali una notevole portata. L'impianto, in antico lasciato probabilmente parzialmente a vista e dunque non privo forse di una sua monumentalità, doveva essere funzionale all'alimentazione idrica di due officine per la produzione di ceramiche e laterizi poste nei due settori urbani verso cui i canali di uscita dirigevano: l'una nell'area nord-occidentale dell'abitato, nell'insula 1 della Regio II, tuttora visibile; l'altra a Sud, nel settore della città oggi franato nel sottostante fiume Reno, dunque non più esistente ma nota attraverso appunti di scavo di E. Brizio. La fornace ancora oggi conservata e visibile nell'insula 1 della Regio II presenta un lungo condotto realizzato con coppi incastrati l'uno nell'altro, conservato per un tratto di almeno 20 m., che sembrerebbe dirigersi proprio verso l'altura dell'acropoli. L'impianto idrico pubblico individuato ai piedi dell'altura di Misanello era dunque probabilmente funzionale alla fornitura di acqua corrente pulita a due importanti strutture per la produzione di ceramiche e laterizi che, sia per le dimensioni, sia per la complessità del loro impianto, sia per l'assenza di indizi che facciano pensare ad una loro parziale destinazione residenziale, potevano avere anch'essi una destinazione di tipo pubblico. 16

17 ETRUSCHI A SPINA Per due secoli, il V e il IV a. C., Spina è stata uno dei più importanti porti commerciali del Mediterraneo, rappresentando per quell'epoca ciò che altre città, da ultima Venezia, hanno rappresentato in momenti storici diversi: l'anello di congiunzione tra Occidente e Oriente. Poi, duemila anni fa, dopo una progressiva decadenza, la città scomparve, inghiottita dalle acque. Di lei tuttavia si continuò a parlare: della sua fondazione dovuta ai discendenti degli Argonauti, della sua potenza marinara, della sua floridezza commerciale, del suo legame strettissimo con il mondo e la cultura greca, documentato sia dalla presenza del Tesoro di Spina a Delfi, sia dal fatto che la mitologia greca ambientò proprio nelle acque dell' Adriatico antistanti Spina miti celebri quali il volo di Icaro e la caduta del carro di Fetonte. Ma ciò di cui si è disputato soprattutto, e per ben duemila anni, è stato del luogo dove sorgeva la città. Per secoli e secoli infatti l'esatta ubicazione di Spina ha rappresentato un vero e proprio giallo archeologico, la cui soluzione ha appassionato scrittori e studiosi illustri: da Dionigi di Alicarnasso a Plinio il Vecchio, da Giovanni Boccaccio a Filippo Cluverius, fino agli archeologi del primo Novecento. Come spesso succede in archeologia, fu però il caso a risolvere quel mistero. Accadde nel 1922 quando, durante i grandi lavori di bonifica delle Valli di Comacchio, in Valle Trebba venne alla luce un sepolcreto di epoca etrusca. NECROPOLI di SPINA La necropoli di Valle Trebba fu la prima ad essere scavata, negli anni , mentre gli scavi di Valle Pega, iniziati nel 1954, furono terminati nel L'abitato della Città di Spina non è stato ancora completamente scavato, dato che è consuetudine dare la precedenza agli scavi delle necropoli, che sono sempre fonti molto Più ricche di suppellettili rispetto agli abitati. Le oltre tombe scavate hanno restituito ingenti quantità di suppellettili non ancora completamente classificate, in particolare quelle di Valle Pega, per cui non è ancora possibile riorganizzare i dati relativi ai corredi delle necropoli in modo matematicamente certo. 17

18 ARCHITETTURA FUNERARIA Le tombe primitive hanno la forma di un semplice pozzetto circolare scavato nella roccia (VIII secolo a.c.). Le più antiche tombe a inumazione, contemporanee ai pozzetti, sono fosse allungate di forma trapezoidale, anch esse scavate nella roccia. Il loro uso continua anche più tardi allorché il vano sepolcrale si allarga a forma di camera, con copertura di blocchi o lastre di pietra e tumulo di terra (VII secolo a.c.). Nei due secoli seguenti la tomba a tumulo assume forme monumentali, con il grande basamento ad anello, scavato o costruito, e uno o più gruppi di tombe interne, precedute a volte da un ampio vestibolo. I tumuli maggiori superano a volte i trenta metri di diametro. Dal VI al II secolo a.c. appaiono anche le tombe a camera, fornite di un vestibolo e allungate l una accanto all altra ai lati delle vie sepolcrali. L ultimo periodo (secoli IV-I a.c.) è caratterizzato da sepolcri esclusivamente ipogei, senza tumulo, costituiti da un solo ampio ambiente imitante l interno della casa, con panchina e pilastri e decorato anche da dipinti e rilievi. Già nelle camere più antiche si nota l imitazione delle case che si accentua in seguito sia nella planimetria che negli ambienti architettonici, negli elementi decorativi e nel mobilio. La disposizione più comune si compone di un vestibolo di accesso con due piccole camere sepolcrali; in fondo si apre la tomba principale costituita di un ambiente che immette in una, due o tre celle. Nelle tombe più recenti si ha un solo ambiente con vasto soffitto a spioventi o cassettonato e che talvolta può anche avere delle interessanti varianti strutturali o decorative, come nel caso della tomba Torlonia o in quella dell Alcova ove, a somiglianza delle camere più antiche, sono ricavate sul fondo delle autentiche alcove per la deposizione dei coniugi, certo i membri più importanti della famiglia, mentre tutt intorno, in loculi scavati nelle pareti o in comparti ricavati sul piano di larghe banchine, trovano posto i vari componenti della gens, poiché di gens si deve ora parlare. Nel IV secolo, contemporaneamente alla presenza di camere sepolcrali di grandi proporzioni con vaste banchine e con numerosissime deposizioni, compare in Caere un nuovo tipo di sepolcro cosiddetto rupestre. Presso queste sepolture di epoca tarda erano posti cippi in peperino o in marmo, di forma cilindrica per l uomo e di casetta per la donna, recanti incisi o dipinti il nome della gens o del defunto e la sua età. Le SEPOLTURE Per la maggioranza si tratta di inumazioni di un unico defunto, quindi tutte tombe monosome tranne un caso di inumazione bisoma, ma sono presenti anche molte incinerazioni. Varie le disposizioni del corredo funerario, che viene trovato in parte o completamente sia all'interno che all'esterno del cinerario, a volte contenuto insieme al cinerario all'interno di una cassa di legno, in rari casi contenuto unitamente al cinerario in un'urna marmorea all'interno di una cassa di legno. La disposizione delle tombe nelle necropoli segue il cordone di paleodune prospiciente l'antica linea di costa, con orientamento Nord Ovest - Sud Est, con il capo dell'inumato rivolto a Nord Ovest. I corredi funerari sono per la maggiori parte composti da oggetti di uso comune, come vasellame da cucina e da mensa, utensili da cucina, elementi d'arredo, come candelabri e sgabelli, oggetti legati alla cura della persona, come balsamari ed altri contenitori per unguenti, pigmenti, essenze, ed alcuni gioielli. Per quanto riguarda il vasellame, in particolare gli elementi destinati alla miscelazione e mescita del vino sono talvolta di dimensioni tali da escluderne tassativamente un possibile uso effettivo; si tratta quindi di produzioni destinate esclusivamente ad uso funerario. Frequente è la presenza di elementi con connotazione scaramantica, o comunque destinati ad aiutare il defunto nella vita oltre la morte, come i dadi, l'aes rude cioè il frammento di bronzo che aveva 18

19 funzione di moneta (l'obolo per Caronte), astragali utilizzati anche come dadi, protomi femminili, probabili rappresentazioni di divinità che avevano funzione essenzialmente benaugurale. La presenza di anfore, quasi tutte da vino, per la maggior parte di produzione attica ed alcune di produzione locale, indicano lo status sociale piuttosto elevato del defunto, dato che il consumo di vino era indice di ricchezza. Una parte delle suppellettili è attualmente esposta, nel Museo Archeologico Nazionale. GLI SCAVI Gli scavi, in Valle Trebba, iniziarono subito e proseguirono fino al 1935; poi ripresero nel 1954, interessando soprattutto la Valle Pega e in minor misura le valli adiacenti. Ciò che si era venuti dicendo nel corso di due millenni, a proposito di Spina, ha potuto così trovare finalmente riscontro o smentita nella realtà dei fatti e tra questi, in primo luogo, nello straordinario patrimonio di materiali greci ed etruschi di straordinaria bellezza ritrovati nelle oltre quattromila tombe e nella parte dell'abitato scavati a tutt' oggi: ori, argenti, ambre, paste vitree, ceramiche attiche a figure nere e a figure rosse, e ancora bronzi, ceramiche iscrizioni etrusche. Un nucleo ricchissimo di materiali rari e preziosi di cui questa mostra presenta una scelta quanto mai ampia ed esauriente, in parte addirittura inedita. 19

20 La CITTA I resti della città: tra l erba alta si possono intravedere le fondamenta degli edifici della città stessa. All incrocio tra le strade principali era sotterrato un grosso ciottolo sul quale erano incisi gli assi, orientati secondo i punti cardinali,nel rigoroso rispetto dei quali si sviluppava la città. 20

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna - Biblioteca dell'archiginnasio

Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna - Biblioteca dell'archiginnasio Istituzione Biblioteche del Comune di Bologna - Biblioteca dell'archiginnasio La S.V. è invitata a partecipare alla Conferenza Stampa mercoledì 21 settembre, alle ore 11 presso il Teatro Anatomico del

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Testo originale Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Concluso il 20 ottobre 2006 Entrato in vigore mediante

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI

Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI Itinerari TURISTICI a Neviano degli Arduini Proposte per l ESTATE 1 - SCULTURA ROMANICA A NEVIANO E DINTORNI -numero luoghi: 10 -tempo necessario: 1 giorno (2 giorni x itinerari 1 e 2) -sequenza consigliata:

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli