GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO"

Transcript

1 GUARDIA DI FINANZA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO LIDO DI OSTIA, MAGGIO 2004

2 Impaginazione M.A. MARCO BOCCOLINI M.O. VINCENZO CILIBERTI FIN. GIANCARLO NAPOLI Stampa BRIG. RAFFAELLO FANTONI BRIG. GIUSEPPE FINOCCHIARO FIN. SC. MARIO CRUCIANI FIN. SC. NATALINO PALERMO FIN. ALFREDO LABATE

3 PREFAZIONE La tutela del patrimonio storico-artistico costituisce da sempre, per ogni Civiltà evoluta, un Valore fondamentale da difendere dalle offese del tempo e dall incuria degli uomini. In tale ottica, l argomento è da tempo oggetto di numerose Convenzioni ed accordi internazionali, finalizzati alla tutela - da traffici illeciti, da distruzione o da dispersione - dei beni culturali. È proprio l importanza che riveste la materia ad avere sollecitato anche il Legislatore nazionale ad elaborare una riforma recentissima e molto avanzata, entrata in vigore il 1 maggio In tutto il contesto sopra indicato, la Guardia di Finanza ha da sempre avuto, e riveste tuttora, un ruolo centrale, come evidenziato anche dagli eccezionali risultati, quantitativi e qualitativi, ottenuti dai Reparti territoriali e aero-navali e dall apposito Gruppo Tutela Patrimonio Archeologico, con competenza nazionale, incardinato nelle Unità Speciali del Corpo. Il testo, a motivo delle sue caratteristiche di organicità e completezza, è finalizzato proprio a supportare ulteriormente l attività istituzionale del Corpo nello specifico settore operativo. È quindi doveroso un particolare ringraziamento al Col. t. ST Gennaro Vecchione ed al Cap. Massimo Rossi, per aver messo a disposizione dell Istituto l opera, che si inserisce nella linea editoriale denominata Testi.

4

5 INDICE CAPITOLO I Concetti generali Archeologia. Definizione Segue. Le civiltà mediterranee antiche I tombaroli. Una storia antica I falsari I reperti archeologici. La ceramica Segue. I marmi Segue. I bronzi CAPITOLO II Il quadro normativo Evoluzione del concetto di tutela La tutela internazionale La disciplina nell Unione Europea Evoluzione del quadro normativo nazionale La disciplina del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (Codice Urbani). Concetto di patrimonio culturale, sua tutela e valorizzazione. Concetto di bene culturale CAPITOLO III Altri aspetti qualificanti del codice Urbani Dichiarazione dell interesse culturale e catalogazione dei beni culturali (artt. 14, 15, 16 e 17, Codice) Vigilanza e ispezione - Protezione (artt. 18, 19, 20 e 21, Codice) Conservazione - Restauro (artt , Codice) Altre forme di protezione (artt , Codice) Circolazione in ambito nazionale (artt , Codice) Circolazione in ambito internazionale (artt , Codice) Ritrovamenti e scoperte (artt , Codice) CAPITOLO IV Le ipotesi di reato Opere illecite (art. 169, Codice) Uso illecito (art. 170, Codice) Collocazione e rimozione illecita (art. 171, Codice) Inosservanza delle prescrizioni di tutela indiretta (art. 172, Codice)... 66

6 II 5. Violazioni in materia di alienazione (art. 173, Codice) Uscita o esportazioni illecite (art. 174, Codice) Violazioni in materia di ricerche archeologiche e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato (artt. 175 e 176, Codice) Contraffazione di opere d arte (art. 178, Codice) e casi di non punibilità (art. 179, Codice) CAPITOLO V Le agevolazioni fiscali per i beni e le attività culturali Immobili di interesse storico-artistico Sponsorizzazioni culturali Erogazioni liberali (c.d. mecenatismo ) CAPITOLO VI Archeologia subacquea e navale Definizioni Metodi e tecniche Quadro di situazione internazionale ed italiano CAPITOLO VII Gli organi preposti alla tutela Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ruolo della Guardia di Finanza nella tutela del patrimonio archeologico ANNESSO Il sistema archeologico nazionale Prefazione ABRUZZO Regione Abruzzo Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale BASILICATA Regione Basilicata Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela...149

7 III 2.3 Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale CALABRIA Regione Calabria Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale CAMPANIA Regione Campania Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale EMILIA ROMAGNA Regione Emilia Romagna Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale FRIULI VENEZIA GIULIA Regione Friuli Venezia Giulia Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento (Soprintendenza mista) Carta archeologica regionale LAZIO Regione Lazio Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale...206

8 IV LIGURIA Regione Liguria Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale LOMBARDIA Regione Lombardia Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale MARCHE Regione Marche Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale MOLISE Regione Molise Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento (Soprintendenza mista) Carta archeologica regionale PIEMONTE Regione Piemonte Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale PUGLIA Regione Puglia Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela...253

9 V 13.3 Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale SARDEGNA Regione Sardegna Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale SICILIA Regione Sicilia Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento (Regione autonoma) Carta archeologica regionale TOSCANA Regione Toscana Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale TRENTINO ALTO ADIGE Regione Trentino Alto Adige Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale UMBRIA Regione Umbria Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento Carta archeologica regionale...306

10 VI VALLE D AOSTA Regione Valle d Aosta Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Strutture periferiche di riferimento VENETO Regione Veneto Sistema archeologico e profilo storico Principali aree ed Istituti oggetto di tutela Carta archeologica regionale BIBLIOGRAFIA

11 CAPITOLO PRIMO CONCETTI GENERALI

12

13 1. Archeologia. Definizione Il termine archeologia, nel suo moderno significato, è stato adottato nel 1821, anno di fondazione della Pontificia Accademia Romana di Archeologia. In precedenza, nel suo primitivo significato greco (Tucidite, Platone, Diodoro Siculo e Dionigi di Alicarnasso), per archeologia si intendeva la storia politica di un periodo ormai chiuso, termine questo sostituito dai latini con la parola antiquitates, riferita alle antichità in senso storico-letterario. Attualmente, l archeologia è intesa come lo studio diretto dei monumenti e delle testimonianze dell antichità. Alcuni autori preferiscono la definizione offerta da G. Ghirardini, che intende l archeologia quale disciplina che ricerca, raccoglie e conserva i manufatti dell antichità e li elabora metodicamente per farne soggetto di storia. Da questa definizione si possono evincere i tratti salienti dell archeologia, che si sostanzia nel recupero (attraverso le esplorazioni, la ricerca e lo scavo condotti nelle aree dove si svilupparono le antiche civiltà), nella raccolta, nella conservazione (nei musei e nei siti archeologici) e nella elaborazione scientifica di manufatti antichi (qualunque traccia di lavoro umano, anche il più umile, importante di per sé in rapporto allo strato archeologico ove è stato rinvenuto), anche al fine

14 4 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO di formarne oggetto di giudizio critico, limitatamente alle opere d arte. L archeologia è orientata a conoscere tutti i popoli del passato, ma evidentemente privilegia la c.d. antichità classica, costituita dalle civiltà dei Greci e dei Romani e dei popoli che li hanno preceduti (Cretesi e Micenei, da una parte ed Etruschi, dall altra), comprendendo il periodo dal 3000 a.c. (inizio della civiltà cretese) al 330 d.c. (fine dell arte imperiale romana). 2. Segue. Le civiltà mediterranee antiche Dopo la diffusione dell uso del rame (5/3000 a.c.), si sviluppa l impiego del bronzo (rame e stagno) e, contestualmente, si affermano nel Mediterraneo due civiltà, quella minoica e quella micenea. La prima, dal nome di Minosse, re di Creta e la seconda dal nome del più importante centro, Micene, seguito poi da Tirinto ed Atene. Qui, nel continente ellenico, si insediano gli Achei, primo popolo di lingua indoeuropea, la cui cultura si espande nelle grandi isole di Creta, Rodi e Cipro, raggiungendo, anche per effetto degli intensi scambi commerciali, l Egeo, le coste della Siria, Taranto e la Sicilia. Dopo la calata della stirpe dorica nel Peloponneso, nell arco temporale dal 1100 all 800 a.c., registriamo un periodo chiamato medioevo ellenico che, pur caratterizzato da una crisi della civiltà greca, pose le basi

15 CONCETTI GENERALI 5 per lo sviluppo di un epoca particolarmente ricca di cultura e di arte. Nella penisola italica, le genti del Veneto, della Lombardia, delle Marche, dell Emilia-Romagna, della Toscana e del Lazio conobbero la cultura del ferro, importata da popolazioni provenienti dall angolo nordorientale dell Adriatico e, specialmente in Toscana, ricca di minerali, questa situazione stimolò il sorgere di una grande civiltà, quella degli Etruschi, cui seguirono quella dei Piceni nelle Marche, dei Veneti nelle Venezie e degli Iapigi nelle Puglie. Accanto a queste popolazioni, troviamo i Fenici - originari della costa mediterranea dell Asia a nord della Palestina, detta appunto Fenicia e già sfruttati dagli Egiziani per fornire gli equipaggi e per il legno (i famosi cedri del Libano), necessario per la costruzione delle navi i quali si erano ormai emancipati, divenendo, grazie alle arti marinare, i dominatori incontrastati del mare. La cultura orientale e l alfabeto si diffusero dalla loro unica colonia, Cartagine verso tutte le sponde del mar Mediterraneo, collegando l antico mondo orientale con la nuova realtà ellenica, che risorgeva dal periodo di oscurantismo. Gli Etruschi, sviluppatisi tra i fiumi Tevere ed Arno, entrarono subito in concorrenza con i Fenici, con i quali strinsero, successivamente, alleanze per contrastare nel bacino occidentale del Mediterraneo i Greci, che presto

16 6 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO si sostituirono ai Fenici, inaugurando, come già anticipato, un fecondo periodo per l arte, idealmente suddiviso in tre fasi: arcaica (VII-VI secolo fino al : guerre persiane), classica (V-IV secolo fino al 323, con la morte di Alessandro) ed ellenistica (III-I secolo fino al 31 a.c., con la battaglia di Azio). A seguito della distruzione di Cartagine, sottomessa la Grecia ed eliminato dallo scenario del Mediterraneo l Egitto, con la battaglia di Azio, si può affermare che inizia anche il dominio dell arte romana, che prosegue fino all inaugurazione di Costantinopoli (con la magnifica arte bizantina) e all arte paleocristiana, ormai uscita dall oscurità delle catacombe per risplendere con le magnifiche basiliche. 3. I tombaroli. Una storia antica La figura del tombarolo risale alla notte dei tempi, da quando gli esseri umani seppellivano i propri cari in tombe ricche di corredi ed oggetti preziosi. I primi esempi sono costituiti dagli antichi Egizi (IV Dinastia), che usavano difendere, per tale motivo, le spoglie mortali del faraone dai predoni del deserto con trappole ed ostacoli, giungendo, in alcuni casi, a prevedere forme di vigilanza fissa affidate a religiosi. Il saccheggio poi divenne un arte, per la quale si arrivò persino a scrivere suggerimenti su quali oggetti scegliere tra quelli più raffinati e di valore (il c.d. libro delle perle nascoste ).

17 CONCETTI GENERALI 7 Nel 426 a.c., Tucidite osservava nelle isolee Egee profanazioni dei sepolcri dell isola di Delos e Diodoro ricorda gli scavi di antiche necropoli effettuati dai mercenari di Pirro in Macedonia. I Romani non furono da meno. Vi sono esempi di saccheggi di tombe etrusche dalle quali venivano asportati oggetti preziosi in metalli, unguentari e vasi corinzi, abbandonando - e, a volte, distruggendo - la ceramica comune ed il bucchero. Nel 44 a.c., le tombe di Corinto furono oggetto di un saccheggio senza precedenti da parte dei coloni romani insediati da Giulio Cesare, i quali aprirono anche delle botteghe per vendere le centinaia di vasi corinzi e bronzi rinvenuti (c.d. necrocorinzi ). In ogni caso, lo scempio ha riguardato, da sempre, le tombe etrusche, che sono state saccheggiate metodicamente da predatori che, spesso di modeste condizioni reddituali, ben poco guadagnavano, a tutto vantaggio di intermediari e trafficanti senza scrupoli, che hanno disperso in ambito europeo e nord-americano i preziosi reperti. A tal proposito, giova precisare che uno dei principali danni dell attività dei tombaroli è costituito, non solo dalla parcellizzazione e dispersione di un patrimonio inestimabile, ma soprattutto dalla c.d. decontestualizzazione dei reperti che, asportati appunto dai loro contesti, perdono la gran parte del loro valore scientifico e delle informazioni di cui sono

18 8 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO portatori. Per tale motivo, in sede di recupero, gli archeologi li chiamano pezzi muti. Esaminando le fasi del saccheggio, il lavoro del tombarolo si articola solitamente in più fasi così suddivise: l individuazione della necropoli La prima esigenza è quella di individuare una necropoli, i cui indizi possono essere: cumuli di terra (tumuli funerari), circondati da pietre, con una circonferenza notevole, di varie dimensioni, con colori diversi della terra e dell erba e, talvolta, caratterizzati dalla crescita isolata di piante particolari, quali l erba medica, dovuta all elevata umidità del sottosuolo; pareti rocciose, per le tombe rupestri scavate nel tufo. La strumentazione è molto semplice e consiste, prevalentemente, nel c.d. spillone, un attrezzo saggiatore di ferro appuntito per sondare il terreno, che fornisce al tombarolo importanti informazioni. Infatti, dopo la foratura del coperchio della tomba, inizia il sondaggio: se la punta dello spillone si colora di rosso vuol dire che ci si trova in presenza di vasi comuni color ocra, mentre se è nera, i vasi sono certamente più pregiati.

19 CONCETTI GENERALI 9 Avuta conferma dell individuazione, il tombarolo delimita l area dello scavo, che avverrà le notti seguenti. lo scavo Il saccheggio si consuma, in genere, in due notti, la prima delle quali è necessaria per creare l apertura, anche allo scopo di far fuoriuscire l aria malsana accumulatasi in oltre duemila anni e di equilibrare gli ambienti interni con l esterno; l elevata umidità rende, infatti, i vasi estremamente fragili. Nell arco della seconda notte, con l aiuto di altri tre o quattro complici, si procede al recupero delle ceramiche e dei monili conservati all interno della tomba. Spesso i vasi più grandi vengono rotti, anche accidentalmente per la fretta di perpetrare il furto, ovvero, volontariamente, per facilitarne il trasporto e l esportazione clandestina e per poterli poi ricomporre in modo egregio, aumentando l interesse degli acquirenti. Altro attrezzo è il metal-detector, estremamente utile per gli oggetti di metalli, come orecchini, anelli e fibule. Esaminato il singolo saccheggio, si potrebbe erroneamente ritenere che l attività predatoria sia di poco conto. Ciò non corrisponde a verità, solo considerando che non esistono stime attendibili sulle

20 10 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO sue dimensioni e quelle che ci sono destano notevoli preoccupazioni. In tal senso, ci ha provato il Politecnico di Milano, il quale, a seguito di una ricerca condotta alla fine degli anni cinquanta - d intesa con la Soprintendenza per l Etruria Meridionale e mediante l applicazione di strumenti geofisici alle ricerche archeologiche in una necropoli nella zona di Cerveteri (Monte Abbatone) - ha delineato gli effetti dell attività di scavo clandestino. Nel corso della campagna, sono state individuate centinaia di tombe a camera violate dai predatori di tombe. E stato, pertanto, approntato un eccezionale documento, consistente in una planimetria topografica, che identificava, per la prima volta, scientificamente, le formazioni tombali, definendo con estrema precisione la portata effettiva dell attività abusiva di scavo. Ulteriore constatazione fatta dai tecnici del Politecnico di Milano è stata quella che i tombaroli, pur di depredare senza alcun criterio, non avevano rispettato nemmeno gli affreschi delle tombe: la scoperta di un altra camera sepolcrale accanto a quella saccheggiata aveva, infatti, comportato la distruzione del muro divisorio, con l irrimediabile perdita degli intonaci dipinti. Nelle successive fasi della campagna di esplorazione, sono state individuate 550 tombe a camera e recuperati ben pezzi di assoluto interesse, sottratti al

21 CONCETTI GENERALI 11 saccheggio, che sembrano dimostrare l affermazione del noto autore di Civiltà sepolte, C.W. Ceram, secondo il quale l Italia possiede ancora sottoterra il suo più grande Museo del Louvre. 4. I falsari Il predatore di tombe non si accontenta solo di piazzare reperti autentici, il cui recupero comporta ricerche e rischi. Per tale motivo, si sono andate sviluppando vere e proprie forme artigianali di riproduzione dei reperti, tra cui vasi, monete, marmi e bronzi rinvenuti dai tombaroli o esposti nei principali musei archeologici, di cui si acquisisce ampia documentazione fotografica. Tuttavia, il principale problema che si presenta al falsario è rendere antiche le produzioni artigianali, invecchiandole non solo sotto il profilo estetico, ma consentendo, in particolare alle ceramiche, di superare sofisticati esami di laboratorio, quali la termoluminescenza, a cui vengono sottoposti i reperti proposti ai più importanti trafficanti e collezionisti internazionali. Con riferimento al primo profilo, è talvolta sufficiente sporcare la copia di fango, aggiungendo un sottile strato giallastro, ottenuto a seguito del contatto con il letame e l acido urico.

22 12 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO Più difficile l altra falsificazione, che dovrebbe consentire di superare gli esami effettuati per stabilire la datazione dei reperti. Le evidenze investigative più recenti dei Reparti specializzati della Guardia di Finanza sembrano dimostrare che ciò, oggi, sia possibile e questo risultato sembra aver messo in dubbio alcune certezze scientifiche. Si tratta, in particolare, della termoluminescenza, basata sul fatto che all interno dell argilla sono presenti inclusi di quarzo che con il tempo hanno accumulato, a causa della radiottività naturale, elettroni intrappolati nei livelli energetici superiori, da cui possono decadere per riscaldamento, emettendo fotoni di radiazione visibile. La termoluminescenza è appunto l emissione di luce prodotta dal riscaldamento e poiché tale emissione è proporzionale al tempo trascorso dalla cottura della ceramica, tale tempo diventa calcolabile. Anche le statue di marmo, le terrecotte, i monili e le monete possono essere falsificati. Per la produzione del bucchero possono essere utilizzate due tecniche. La prima, semplice ma facilmente individuabile, è quella della verniciatura. L altra si basa sull impasto tra carbone ed argilla, che permette di avere, immediatamente, un vaso nero,

23 CONCETTI GENERALI 13 simile al bucchero, le cui caratteristiche tecniche saranno illustrate in altro capitolo. Tuttavia, anche in questo caso, un attento esame all interno del vaso, seguendo le linee disegnate dal tornio, può rivelare la falsificazione. Il vetro antico, i marmi e le monete presentano, invece, rilevanti problemi, tenuto conto che, nel primo caso, solo esperti maestri vetrai, utilizzando antiche tecniche di produzione, possono riprodurre quella pasta vitrea, necessaria per falsificare, ad es., gli unguentari. Per le monete, appare estremamente complesso trarre in inganno gli esperti che si accorgono, con facilità, di patine false, ottenute con l impiego di prodotti chimici. Più facile è, infine, falsificare oggetti in oro o argento, in quanto questi metalli nobili non producono patine con il decorso del tempo. 5. I reperti archeologici. La ceramica La stabilità degli insediamenti - a seguito del cambiamento della situazione climatica che aveva caratterizzato il paleolitico ed il passaggio ad un economia basata sull agricoltura e sull allevamento - coincise con le prime produzioni artigianali in ceramica. Nel V millennio a.c., si scoprirono, infatti, le proprietà dell argilla umida che, sottoposta a calore, perdeva la sua

24 14 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO elasticità e si solidificava nella forma voluta dall artigiano. Molto più tardi, la produzione della ceramica risente dei gusti e delle tendenze dell arte greca, che influenza grandemente tutte le colonie nel Mediterraneo. Dagli empori di quelle colonie (dalla Trinacria all Etruria, dall Apulia al Nord della Penisola), i vasi greci si diffondono con funzioni ornamentali e sono utilizzati nel corredo delle giovani spose. Massiccia è l opera di imitazione nei laboratori artigianali, pur con l adozione di tecniche e cromie conformi alla tradizione locale, che prevede ricchi decori con figure geometriche, fitomorfe e zoomorfe. Nel corso dell VIII secolo a.c., in Etruria (Tarquinia, Vulci, Veio e Cerveteri), appare il bucchero, una ceramica dal singolare colore bruno assunto dall argilla nel corso di una cottura in assenza di ossigeno che trasforma l ossido ferrico in ossido ferroso (già oggetto del paragrafo precedente), di cui vi è ampia traccia nelle cerimonie e nei riti funerari del periodo. Nel V secolo a.c., Vulci costituisce il più importante centro di produzione, dove un artigiano, rimasto ignoto, ma conosciuto come il Pittore di Micali (dal nome dello storico), utilizzando come modello i vasi greci a figure rosse, avvia una produzione vascolare di uso comune. Rilevante è stato l impiego delle ceramiche nelle funzioni sacre e religiose. Nella Magna Grecia, oinochoai,

25 CONCETTI GENERALI 15 alabastra, crateri e skyphoi vengono depositati quali ex voto in contesti sepolcrali, per accompagnare il defunto nel viaggio verso l ignoto, ricordandogli le gioie terrene, i successi e le vittorie sui campi di battaglia e nelle competizioni sportive. Queste ultime hanno rappresentato da sempre un idea ispiratrice nella produzione delle ceramiche di kiliches e di anfore, dette panatenaiche. Con appropriate decorazioni, si raffiguravano miti, eroi ed atleti, cortei festanti e si raggiungeva una perfezione stilistica, che ha visto in Euphronios, Onesimos, Epiktetos, Olthos, famosi artisti ceramografi e pittori, le cui opere hanno un valore inestimabile. Con passare del tempo, la qualità decade e ci si avvia ad una produzione che, oggi, potremmo definire industriale, con ceramiche prevalentemente a vernice nera. 6. Segue. I marmi Secondo la comune accezione, tra i marmi sono comprese anche rocce di diversa struttura e durezza, quali i graniti, i porfidi, i travertini ed i tufi. In senso archeologico, intendiamo solo il materiale destinato alla scultura ed al rivestimento e all ornamento di edifici, quale la calcite (roccia calcarea) a struttura cristallina uniforme, idonea per l arte scultorea a motivo delle sue qualità di compattezza e media durezza, che ne

26 16 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO consentono un agevole lavorazione, levigazione e lucidatura. Il materiale più utilizzato nella scultura classica è il marmo bianco a cristalli granulari che dopo la lavorazione assume una caratteristica patina giallodorata anche se quarzo, grafite, granati, sostanze carboniose ed altre ancora possono concorrere alla composizione del marmo, specie quando si voglia dare al risultato finale tinte particolari (marmi monocromi e policromi). Fino all apertura delle cave dell immenso giacimento di marmo bianco di Luni (l attuale Carrara), i Romani procedono al sistematico saccheggio di statue greche dai templi per ornare le dimore gentilizie romane ed utilizzano il marmo greco degli anfiteatri per la costruzione di edifici pubblici a Roma. Con il pregiato marmo lunense, gli edifici romani si ingentiliscono. A poco a poco, viene eliminato l uso dei mattoni in cotto ed in argilla e dal giacimento della Lunigiana partono carichi per tutto l Impero, destinati alla costruzione di archi di trionfo, anfiteatri e mausolei. L impiego del marmo è, tuttavia, così diffuso che il Senato è costretto ad emanare una legge, che oggi defineremo urbanistica, per garantire l equilibrio estetico complessivo, fortemente minato dai marmi con diverse pigmentazioni e provenienze.

27 CONCETTI GENERALI 17 Si stabilisce così che, per gli archi di trionfo, si doveva usare il marmo del Pentelico, per gli edifici pubblici, marmi del Proconneso e di Luni e per i rivestimenti interni delle domus e dei complessi termali, marmi colorati dell Asia Minore e cipollino, alabastro, porfido e pavonazzetto. 7. Segue. I bronzi Il bronzo è una categoria di leghe metalliche composte principalmente di rame e stagno, nella quale possono far parte anche piombo, zinco ed argento. La prima forma di impiego e di lavorazione per l arte che si conosce è quella a lamine lavorate a martello, per la copertura di oggetti con supporti in legno per l arredamento o sculture lignee. Il bronzo viene considerato la forma migliore del rame, in quanto più resistente e più facilmente utilizzabile mediante fusione. La percentuale di rame sapientemente mescolato con gli altri componenti dagli antichi, che non avevano di certo cognizioni di chimica avanzate - conferisce malleabilità alla lega, quella di stagno durezza; lo zinco dà scorrevolezza e agisce come disossidante, attenuando la fragilità. Gli assortimenti dipendevano, evidentemente, dal prodotto finale che si voleva ottenere: ben diversa era una statua votiva, piuttosto che un arnese in bronzo.

28 18 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO La lega rame-stagno ebbe un importanza determinante nelle economie degli antichi, dalla Mesopotamia, all Egitto, via via verso i Paesi e le Civiltà orientali. Già nel a.c., i Sumeri conoscevano i vari sistemi per utilizzare le leghe del bronzo ottenute mediante mescolanza di vari minerali in forni a cupola dove il metallo colava per riduzione, ottenendo lingotti che, successivamente, venivano rifusi in stampi mediante crogioli. I lingotti ottenuti avevano una vita ed un valore autonomo, divenendo presto beni-merce, moneta di scambio, ovvero forma antica di tesaurizzazione. L evoluzione dell arte porta ad utilizzare il bronzo e consente di ottenere piccole statue votive massicce ed ornamenti. Ma solo con la tecnica a cera perduta si può dire che inizia la vera attività fusoria per la produzione delle statue. In sostanza, si esegue l opera con la cera d api, resa morbida con la resina e l olio e la si ricopre con terre e sabbie mescolate e preparate ad arte. Per effetto della cottura ad alta temperatura in forno, la cera si liquefa e brucia, lasciando il vuoto, che verrà colmato da bronzo fuso.

29 CONCETTI GENERALI 19 La maggior parte dei bronzi greci sono andati perduti, ma quelli rimasti ci lasciano facilmente immaginare come quest arte espressiva abbia avuto momenti di elevatissimo rilievo nell età classica. Prassitele e Lisippo espressero le loro capacità artistiche proprio attraverso i bronzi, lasciando ai posteri inestimabili opere. E che i bronzi fossero ampiamente diffusi lo ricaviamo dalle fonti antiche, quando, ad es., ci descrivono le razzie ben 785 statue in bronzo a seguito del trionfo di M. Fulvio Nobiliare in Ambracia e di oltre 2000 sculture etrusche dalla città di Volsinii. Dei grandi capolavori, rimane ben poco: l Apollo di Piombino (Museo del Louvre), trovato in mare, l Auriga di Delfi ed il Positone, ripescato in mare al largo di Capo Artemision (Atene, Museo Nazionale), proveniente da Cipro.

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante

I BENI CULTURALI. Prof. Francesco Morante I BENI CULTURALI Prof. Francesco Morante Cosa sono i beni culturali? I beni culturali sono tutte le testimonianze, materiali e immateriali, aventi valore di civiltà. Da questa definizione si comprende

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni Le stampe antiche e la grafica moderna:tra valori di prodotti culturali e il valore di mercato Milano 4 ottobre 2012 Biblioteca Trivulziana - Raccolta Stampe A. Bertarelli La tutela delle stampe e della

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

I BENI CULTURALI E AMBIENTALI

I BENI CULTURALI E AMBIENTALI WANDA CORTESE Ricercatore confermato di Diritto Amministrativo presso la Facoltà di Giurisprudenza e Professore incaricato di Legislazione dei Beni Culturali, presso la Facoltà di Scienze Politiche della

Dettagli

Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori

Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori Disposizioni tecniche sulla installazione di camini, canne fumarie, comignoli e sistemi di evacuazione fumi e vapori Definizioni: Ai fini delle presenti disposizioni tecniche ed in conformità a quanto

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 4 febbraio 2005, n. 78 - Esecuzione dell'intesa tra il Ministro per i beni e le attività culturali ed il Presidente della Conferenza episcopale italiana, firmata

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO 1. Immagine di pura inventiva creata per l occasione. Un immagine nuova può essere utilizzata dall autore salvo che l opera

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969)

Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969) Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico (LONDRA,1969) (L Italia ha aderito alle direttive della convenzione di Londra con la Legge 12 aprile 1973, n. 202 entrata in vigore il

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Un patrimonio invisibile e inaccessibile

Un patrimonio invisibile e inaccessibile Un patrimonio invisibile e inaccessibile Idee per dare valore ai depositi dei musei statali Maurizio Carmignani, Filippo Cavazzoni e Nina Però Università IULM 18 aprile 2012 Quali beni culturali invisibili?

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali 139 Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali Stefano Cesarini Contesto legislativo e normativo Il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs.

Dettagli

#($)*($$%$&+#($)*(###$&'",-./0 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) #

#($)*($$%$&+#($)*(###$&',-./0 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) # !"" "#$%$$&'!" #($)*($$%$&+#($)*(###$&'",-./0. 1. #23$$#3 01 4 5 4"4 6 3*3$$#3 32## 10.41 0 0 1 0! " 7..1..41 7. 0 7..1 # $%& '( ' ( ) * ) +,, - $. / ) # ) $ 0% 12%% 3% *445%5% %00$454 64 4%0-77% -0 *14551

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova Ministero per i Beni e le Attività Culturali CARTA DEI SERVIZI Museo di Palazzo Reale, Genova 2013 PRESENTAZIONE CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei servizi risponde all esigenza di fissare principi

Dettagli

Parigi, 14 novembre 1970

Parigi, 14 novembre 1970 Convenzione UNESCO concernente le misure da adottare per interdire e impedire l illecita importazione, esportazione e trasferimento di proprietà dei beni culturali Parigi, 14 novembre 1970 La Conferenza

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli)

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) Se il proprietario di un edificio soggetto al vincolo storico-artistico lo modifica senza aver ottenuto preventivamente

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva in oggetto scaturisce dalla necessità di adeguamento dell ordinamento nazionale al contesto europeo in materia di

Dettagli

"L educazione al patrimonio culturale e l approccio alle tecniche artistiche nella formazione del bambino". AMICI DI BRERA

L educazione al patrimonio culturale e l approccio alle tecniche artistiche nella formazione del bambino. AMICI DI BRERA Incontro con i genitori 27 gennaio 2011 Cooperativa sociale ONLUS A SPASSO PER MUSEI. IL MUSEO QUALE AMBIENTE DA ESPLORARE, SCOPRIRE, FREQUENTARE PER INCONTRARE ALCUNI ARTISTI E CONOSCERE LA LORO STORIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

Lo stato dell arte del catalogo

Lo stato dell arte del catalogo Lo stato dell arte del catalogo Argomenti Il Catalogo nel mondo Il Catalogo in Italia Perché il Catalogo del patrimonio Quale patrimonio? Il patrimonio culturale si può suddividere in due categorie: beni

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104)

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 28129/14 Anno 2015 Ordine del giorno n. 4 14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione del nuovo Contratto

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI La tutela sul patrimonio archivistico italiano viene esercitata dallo Stato. Essa assume diverse forme e intensità in relazione alla natura giuridica

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano.

Rapporto Cave 2014. I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. Rapporto Cave 2014 I numeri, il quadro normativo, il punto sull impatto economico e ambientale dell attività estrattiva nel territorio italiano. La fotografia della situazione Sono 5.592 le cave attive

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014 LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 10 MARZO 2014 VALORIZZAZIONE DEI LOCALI, DEI NEGOZI, DELLE BOTTEGHE D ARTE E DEGLI ANTICHI MESTIERI A RILEVANZA STORICA E DELLE IMPRESE STORICHE ULTRACENTENARIE IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Beni culturali: conservazione, valorizzazione e fruizione. Adriana Chirco

Beni culturali: conservazione, valorizzazione e fruizione. Adriana Chirco Progetto nazionale 2014-15 Scuola, cittadinanza, sostenibilità Le pietre e i cittadini Corso di aggiornamento per docenti sezione di Palermo Territorio e Museo - il caso Favorita Beni culturali: conservazione,

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA

REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA 34 REGOLAMENTO DEL CIVICO ORTO BOTANICO DI BERGAMO LORENZO ROTA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 15/I93197/2003 P.G. NELLA SEDUTA DEL 02/02/2004 Art. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola

Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Quesito: modifica destinazione uso in zona agricola Un vecchio fabbricato edificato nella prima metà del secolo scorso nel territorio rurale, ad uso abitativo, non legato ad alcuna azienda agricola o coltivatore

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF DIPARTIMENTO STRUTTURE SERVIZIO MUSEI LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI MUSEI STORICI DELL INAF Ai sensi del D.L. 138/2003 Riordino dell'istituto Nazionale di Astrofisica (art. 3, comma 1, lettera i) e del

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria

La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione. Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria La sicurezza su lavoro: prevenzione e protezione Le misure generali di tutela, la formazione e la sorveglianza sanitaria 0 Presentazione La valutazione dei rischi è il presupposto necessario per l adozione

Dettagli

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI

CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI CONSULTA NAZIONALE AVIS GIOVANI PREMESSA La presente premessa costituisce parte integrante del regolamento. Alcuni anni fa, in un momento in cui la realtà giovanile ha cominciato a prendere maggiormente

Dettagli

Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Città di Melegnano (Provincia di Milano) Città di Melegnano (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 81 del 27 novembre 2006 Città di Melegnano (Provincia di Milano)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART»

PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» PATTO PER IL RISPETTO DEL DECORO URBANO E LA TUTELA DELLA «URBAN STREET ART» TRA ROMA CAPITALE, con sede in Roma, Via del Campidoglio 1, Codice fiscale 024387505886, nella persona del Sindaco, On.le Giovanni

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI Qui di seguito si riportano le linee guida approvate dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Unione di Banche Italiane per Varese Onlus nella seduta

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. 23 del 06/05/2015 1 INDICE Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Criteri di

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Autorizzazioni temporanee

Autorizzazioni temporanee Autorizzazioni temporanee PIEMONTE Legge Regionale n. 38/2006, art. 10 1. In occasione di fiere, feste o altre riunioni straordinarie di persone, il comune può rilasciare autorizzazioni temporanee alla

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1 Principi fondamentali Articolo 1 Generalità L Amministrazione comunale di Albinea

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

regionali: Il ruolo delle ARPA

regionali: Il ruolo delle ARPA Inquinamento luminoso e leggi regionali: Il ruolo delle ARPA Dr. Tommaso Aureli Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio Servizio Agenti Fisici unità campi elettromagnetici, inquinamento

Dettagli

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia.

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia. GIUSEPPE PROIETTI Nato a Tivoli (RM) il 28/IX/1945. Laureato in lettere classiche, Indirizzo Archeologico, con il voto di 110/110, presso l Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Scuola di Specializzazione

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

importo (in milioni di euro) area 2007 2008 2009 2007 2008 2009 Agricoltura 1.548 1.133 1.621 155 102 125 3.832 4.007 4.931 828 585 1.

importo (in milioni di euro) area 2007 2008 2009 2007 2008 2009 Agricoltura 1.548 1.133 1.621 155 102 125 3.832 4.007 4.931 828 585 1. Il quadro di situazione delle frodi finanziarie all Unione Europea Il corretto, tempestivo e completo utilizzo delle risorse finanziarie dell Unione Europea costituisce un impegno preciso per tutti, allo

Dettagli

Protocollo d intesa. Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, IL COMUNE DI PALERMO

Protocollo d intesa. Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, IL COMUNE DI PALERMO Protocollo d intesa Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, e IL COMUNE DI PALERMO PER LA DEFINIZIONE DI AZIONI CONDIVISE IN FAVORE DEI BENI CULTURALI DELLA CITTA

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS

Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani. Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Art Bonus Mecenati di oggi per l Italia di domani Carolina Botti Direttore Centrale ARCUS Cos è l Art Bonus Ai sensi dell'art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83 e s.m.i., è stato introdotto un credito d'imposta

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli