PERCORSO DI COMPRENSIONE CENTRATO SULLL INFERENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERCORSO DI COMPRENSIONE CENTRATO SULLL INFERENZA"

Transcript

1 PERCORSO DI COMPRENSIONE CENTRATO SULLL INFERENZA Classe V Argomento di studio : gli Etruschi Lavoro a piccolo gruppo. Situazione stimolo: agli alunni viene consegnato il titolo di un articolo di un quotidiano, sul quale devono ipotizzare alcune domande, le cui risposte pensano si possano trovare nel testo. TITOLO : Trovata una piccola sfinge nella tomba etrusca a Vulci. Il Giornale, Stefano Vladovich 29/12/2011 Verifica delle loro ipotesi, trascrizione in tabella delle informazioni individuate e dei relativi indicatori di civiltà. Individuazione nel testo delle parole chiave degli indicatori riportati nella legenda. Gli alunni vengono invitati ad ipotizzare ulteriori notizie dalla foto relativa alla tomba. Lavoro individuale Quesiti di grammatica, relativi al lessico, alle frasi e ai periodi presenti nell articolo, centrati sul ragionamento di tipo inferenziale. Comprensione del testo con quesiti centrati sul ragionamento inferenziale. Sintetizzare in un titolo il contenuto dei paragrafi di un testo informativo Le donne nella civiltà etrusca e produrre il riassunto dell intero brano. Completare un testo narrativo con le parole mancanti: A spasso nella necropoli.

2 Tutta il gruppo classe Gioco finale inferenze e parole chiave DOMANDE FORMULATE DAGLI ALUNNI 1) In quale sito archeologico è stata trovata la tomba? 2) In quale provincia si trova Vulci? 3) Quando è stata ritrovata la tomba? 4) Sulla tomba c era scritto il nome dell artista? 5) Ci sono informazioni su chi l ha fatta? 6) Quale archeologo ha ritrovato la tomba? 7) Che dimensioni ha la tomba? 8) Come hanno fatto a capire che era una tomba etrusca? 9) A che anno risale la tomba? 10) Cosa c è scritto o dipinto sulla tomba? 11) Ci sono affreschi? Cosa rappresentano? 12) La tomba ha mantenuto alcuni colori? 13) Di quale materiale è fatta la sfinge? 14) C era scritto il nome del defunto? 15) La persona defunta indossava gioielli? 16) Quale procedimento funebre era stato eseguito?

3 17) Quali arredi sono stati ritrovati nella tomba? 18) Nella tomba c erano una o due persone? Il defunto era un bambino? Era maschio o femmina? Le ossa erano integre? 19) A quale classe sociale appartiene il defunto? Da cosa si capisce? 20) Gli storici sono riusciti a decifrare le scritte sulla tomba? 21) Quali rappresentazioni ci sono sulla tomba? 22) Nella toma c è scritta o disegnata la vita della persona sepolta? 23) Che dimensioni ha la sfinge? E intatta? 24) Vicino alla tomba ritrovata ce n erano altre? 25) Nel tempo la struttura si è rovinata molto? 26) Com era arredata la stanza in cui era stata messa la tomba? Quali oggetti conteneva? 27) In quale museo è conservata la sfinge? 28) Perché la sfinge è nella tomba? 29) Chi rappresenta la sfinge? 30) Quale giornale ha pubblicato questa notizia? Chi è l autore dell articolo? 31) E stata una scoperta importante? Trovata una piccola sfinge nella tomba etrusca a Vulci. Il Giornale, Stefano Vladovich 29/12/2011 Scoperta una ricca tomba nel territorio di Vulci, nel cuore dell Etruria. Dopo la tomba François, venuta alla luce nel lontano 1857 per merito dell archeologo da cui prese il nome, Alessandro François, i resti dissepolti casualmente nel comune di Montalto di Castro, Viterbo, sarebbero la più importante scoperta per la storia degli Etruschi dell età moderna. Innanzitutto per la datazione, vale a dire intorno la metà del VI secolo avanti Cristo, rispetto alla prima, da tutti gli storici collocata verso gli ultimi decenni del IV secolo avanti

4 Cristo, poi per la decorazione e i materiali rinvenuti dai primi saggi di scavo che farebbero pensare all ultima dimora di una famiglia principesca. La tomba, a camera, è perfettamente inserita nel contesto della stessa necropoli dell Osteria nell antica città di Vulci. I primi ad accorgersi della struttura interamente sepolta, alcuni operai e tecnici della ditta incaricata della manutenzione del parco archeologico, la Mastarna, intenti alla ripulitura del terreno da arbusti ed erbacce. Da un primo scavo raccontano - sono emersi vasi etruschi, dipinti di pregevole fattura quasi intatti, nonché una sfinge risalente probabilmente allo stesso periodo. Per gli archeologici il cosìdetto terminus ante quem non per collocare l intero monumento in una epoca precisa, ovvero non può risalire oltre questa data. Gli scavi d emergenza, appena avviati e che dureranno mesi, hanno messo in evidenza un lungo dromos, un corridoio di accesso alla camera sepolcrale, di 27 metri (quello della tomba François è di trenta metri) e sono condotti dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Etruria Meridionale, assieme al personale tecnico della Mastarna coordinato da Carlo Casi. Anna Maria Moretti, sovrintendente archeologico di Roma, dal canto suo ha subito effettuato un primo sopralluogo sul posto. Il corridoio, in particolare, è scavato nel terreno a cielo aperto e le pareti tendono ad aumentare d altezza man mano che si scende verso l ingresso della tomba. Una sepoltura, sembra, già violata nell antichità, probabilmente al tempo di Romani, ma solo in parte. Condizione, questa, che fa ben sperare nel recupero di tesori storico-artistici inestimabili nonché intatti. La tomba François, viceversa, è tra le più importanti nella storia delle scoperte etrusche non solo per la sua imponenza (sette celle in un ipogeo scavato nella roccia) ma per la sua ricchissima decorazione ad affresco che, almeno fino ad oggi, ne fa una delle più straordinarie manifestazioni delle pittura etrusca. Su di essa il ciclo con le imprese del leggendario sesto re di Roma, il condottiero etrusco Servio Tullio Mastarna.. Trascrivi le domande con le relative risposte che sei riuscito a trovare nel testo e per ciascuna colora l indicatore di civiltà corrispondente, in base alla legenda data. DOMANDA INFORMAZIONE NEL TESTO INDICATORE

5 .... Legenda: Tempo Arte Religione Società Ambiente Colora nel testo le seguenti parole chiave secondo gli indicatori di civiltà riportati nella legenda. Tomba- Etruria- decorare- famiglia principesca- tomba a camera- necropoli- sesto re di Roma- sfinge- dromos QUESITI DI GRAMMATICA 1) Nella prima riga la parola ricca ci dice: A- Di chi è la tomba

6 B- Cosa fa la tomba C- Com è la tomba D- Dov è la tomba 2) Nella frase..i resti dissepolti casualmente nel comune di Montalto di Castro, con quale altra espressione potresti sostituire la parola sottolineata? A- In fretta B- Per caso C- A causa D- Con attenzione 3) Quale delle seguenti forme incontrate nel testo non fornisce indicazioni sulla persona del verbo? A- Sarebbero B- Sono condotti C- Pensare D- Sembra 4) Pregevole non significa: A- Notevole B- Apprezzabile C- Eccellente D- Di poco valore

7 5) Nella frase Su di essa il ciclo con le imprese del leggendario sesto re di Roma,, a che cosa si riferisce il pronome essa? A- Alla decorazione B- Alla pittura etrusca C- Alla roccia D- Alla tomba François? 6) Nella frase, I materiali rinvenuti dai primi saggi di scavo farebbero pensare all ultima dimora di una famiglia principesca, la parola sottolineata è A- Un aggettivo B- Un nome C- Un verbo D- Un avverbio 7) Leggi la seguente frase: Gli scavi d emergenza, appena avviati, e che dureranno mesi, hanno messo in evidenza un lungo dromos, un corridoio di accesso alla camera sepolcrale,.. se cerchi nel dizionario la parola avviati non la trovi. Quale forma della parola devi cercare? Risposta 8) Suddividi le parole della seguente frase in VARIABILI E INVARIABILI: La tomba, a camera, è perfettamente inserita nel contesto della stessa necropoli dell Osteria nell antica città di Vulci.

8 VARIABILI :. INVARIABILI:. 9) La tomba François, viceversa, è tra le più importanti nella storia delle scoperte etrusche non solo per la sua imponenza (sette celle in un ipogeo scavato nella roccia) ma per la sua ricchissima decorazione ad affresco che, almeno fino ad oggi, ne fa una delle più straordinarie manifestazioni delle pittura etrusca. Quanti sono gli aggettivi in questo periodo? A- 4 B- 6 C- 9 D- 5 10) Nella seguente frase: Il corridoio, in particolare, è scavato nel terreno a cielo aperto e le pareti tendono ad aumentare d altezza man mano che si scende verso l ingresso della tomba., la parola che ha la funzione di: A- Una congiunzione B- Un pronome relativo C- Un aggettivo

9 D- Un pronome personale 11) Nelle parole scoperta UNA ricca tomba la parola UNA può indicare che : A- Nel territorio di Vulci si scavava per il ritrovamento di una tomba ricca B- Nel territorio di Vulci gli archeologi da tempo cercavano quella tomba C- Nel territorio di Vulci nessuno sapeva dell esistenza di quella tomba D- Nel territorio di Vulci gli operai e i tecnici sono diventati ricchi Comprensione del testo- domande a scelta multipla (lessico-inferenze) 1) Dopo la lettura dell articolo spiega il significato delle seguenti parole chiave della storia etrusca Necropoli:... Dromos:... Ipogeo:...

10 2) Immagina di dover fare una ricerca sugli Etruschi. Indica quali delle seguenti informazioni ti dà il testo e quali dovresti cercare da latri fonti Gli Etruschi vissero in Etruria Gli Etruschi credevano in una vita oltre la morte Gli Etruschi conoscevano la tecnica pittorica dell affresco Servio Tullio fu un re etrusco L antica città di Vulci era difesa da una cinta muraria Testo Altre fonti 3) Perché si pensa che la tomba della Sfinge rinvenuta nel territorio di Vulci appartenga ad una famiglia principesca? A- Si è trovato lo stemma nobiliare della famiglia B- Sono rinvenuti vasi, dipinti e altri oggetti finemente decorati e realizzati con materiali pregiati C- Per la struttura delle camere sepolcrali D- Per la presenza della sfinge 4) Che cosa significa il termine sottolineato nell espressione una sepoltura, sembra, già violata nell antichità,probabilmente al tempo dei Romani, ma solo in parte A- La tomba era sconosciuta ai tempi dei Romani B- I Romani conoscevano quella tomba ed hanno portato via alcuni tesori sono C- La tomba è stata saccheggiata dei suoi tesori D- La tomba è stata scoperta nell antichità ma subito coperta da terreno e arbusti

11 5) Trova le informazioni nel testo e completa la tabella Scoperta da... Datazione Luogo Corridoio Importante per... Tomba della Sfinge Tomba François 6) La Tomba François è considerata una della più importanti nella storia delle scoperte etrusche, per.. A- Il lungo corridoio di ben 30 metri B- Per la datazione vale a dire intorno alla meta del VI secolo a.c. C- Le ricchissime decorazioni ad affresco del leggendario sesto re di Roma D- I vasi dissepolti 7) Si crede che si possano recuperare tesori storico- artistici intatti dagli scavi nella tomba di Vulci, perché... A- La tomba è stata violata solo in parte B- La tomba è poco conosciuta C- La tomba è ricca di reperti D- Si trova nella stessa necropoli dell Osteria nell antica Vulci 8) Qual è il significato della Sfinge di Vulci? A- È una decorazione della tomba B- la famiglia etrusca voleva difendere i propri defunti C- la presenza della Sfinge vuole incutere terrore

12 D- la famiglia etrusca proprietaria della tomba voleva mostrare la propria ricchezza 9) Qual è lo scopo di questo articolo? A- Riferire di un importante scoperta nella storia etrusca B- Descrivere la Sfinge di Vulci C- Mettere a confronto la Sfinge di Vulci e la tomba Tomba François D- Raccontare un episodio accaduto durante gli scavi a Vulci Cloze: Completa il testo con le parole mancanti. A SPASSO NELLA NECROPOLI Il racconto che stai per leggere è ambientato in una delle più famose necropoli: quella di Tarquinia. Nel sole del chiaro mattino, Luca e il suo cane Pip scendevano allegri lungo il sentiero che conduceva alla.. Era proprio bello quel.segreto e un po misterioso, lassù sulla collina, con tantissimo spazio per rincorrersi e.a pallone. Anche Vulca, l etrusco, amava quel luogo tranquillo. Lui era sempre vissuto lì. Era la sua casa. E quel giorno stava in disparte a..il flauto. Non si stupì quando vide volare un pallone colorato. Con un da campione, Luca l aveva spedito così lontano che non riusciva più a vederlo. -Dov è andata la..,pip? Dai, cercala!-gridò Luca. Guardarono di qua e di là, di su e di giù. Ma la palla non si trovava. Qualcuno l aveva presa. Luca s infilò per una scala stretta e buia. -Forse è là, andiamo!- Ma in fondo c..soltanto uno strano oggetto di legno: era un flauto antichissimo. Un flauto etrusco. Si trovavano in una stanza quadrata. C era buio, ma piano piano gli. di Luca si abituarono e scoprirono che c erano tante cose da guardare in quel posto misterioso. Sulle.colorate vi erano enormi vasi dipinti, così belli che sembravano veri. In alto due leopardi si guardavano con gli occhi feroci. Pip ringhiò. -Buono, Pip. Non sono veri, sono.già ma che cosa ci fanno dei leopardi dipinti sul muro? E tutta quella gente lì sotto? Guarda che buffi: mangiano distesi sul E una festa, sì! Ma a Pip le persone dipinte non interessavano. Aveva sentito qualcosa nella stanza accanto. E voleva scoprire cos era. C era un uomo dipinto sul muro. Teneva il pallone fra le. -Bravo, Pip, lo hai trovato- disse Luca. Poi pensò tra sé e sé Ma come aveva fatto il pallone a finire dentro il.?

13 All improvviso, l uomo con la palla si mosse. Un piede uscì dal muro. Poi la gamba, tutta intera. Poi tutto il resto, pallone compreso. L uomo s inchinò davanti a Luca e a Pip e disse:-benvenuti! Io sono.., l etrusco, vivo qui da duemilacinquecento. E avevo proprio voglia di parlare con qualcuno. Una musica allegra risuonava lontano. Seguitemi!- disse Vulca. Un altra festa?- chiese Luca dopo aver ritrovata la.. In un certo senso- rispose Vulca. Fuori c era un lungo corteo di uomini antichi che portavano vasi e corone di fiori, danzando e suonando. Accompagnano un...al suo riposo-spiegò Vulca. Da noi usa così. Vieni ti porto a visitare una tomba etrusca bellissima. -Una.! Ma io ho paura!-gridò preoccupato Luca. E di che cosa?-disse Vulca.- Anche quella dei leopardi era una tomba! Insieme entrarono in una stanzetta: sulle pareti pesci e delfini di tutti i colori si tuffavano dentro le onde del..dipinto. Che bello!- disse Luca-sembra proprio di essere al mare. E com è azzurra l! Luca travolto dall allegria, lanciò il pallone con tutte le sue forze. E quello volò sul muro, anzi dentro il muro. I pescatori e i delfini se lo contendevano lanciandolo tra le onde. -Il pallone è vostro, ve lo regalo- disse Luca. Così da quel. Quando i visitano la necropoli, sgranano gli occhi davanti a quel pallone colorato prigioniero in un affresco antichissimo. Un altro mistero etrusco? AA.VV. A spasso con Vulca, l etrusco, De Agostini RIASSUNTO: dopo aver letto il seguente testo, scrivi un titoletto prima di ciascun paragrafo informativo, quindi sintetizza il brano, riassumendo il contenuto di ciascuna sequenza. LE DONNE NELLA CIVILTA ETRUSCA 1 Il ruolo della donna nella società etrusca non era secondario a quello dell uomo, e comunque era decisamente più importante di quello che veniva attribuito loro nelle società greca e romana. 2 Gli affreschi e i monumenti funebri delle tombe etrusche hanno spesso come soggetto le donne, sia sposate ritratte accanto ai loro compagni, sia disinvolte danzatrici truccate e ingioiellate. Nelle necropoli del periodo del maggiore sviluppo della civiltà etrusca, come quelle di Cerveteri, per esempio alle donne il più delle volte veniva riservata la camera centrale, quella più ampia, nella quale abbondavano suppellettili di ogni tipo legate alla vita quotidiana e preziosi gioielli, sempre contraddistinti da incisioni di un marchio ben definito. Inoltre, le sepolture femminili e maschili non presentano differenze significative e ciò sembra confermare che esistesse una sostanziale parità tra uomo e donna. Nelle iscrizioni del periodo successivo, lo stato civile della donna viene in genere indicato con il prenome, il corrispondente del nostro nome personale, e anche con un nome

14 gentilizio, simile al nostro cognome, che mantenevano anche dopo il matrimonio. Gli uomini aggiungevano al nome del padre anche quello della madre. 3 Le donne etrusche godevano di una notevole libertà: partecipavano ai banchetti insieme agli uomini e a tutte le manifestazioni della vita pubblica, come i concerti, le corse dei carri o gli incontri di pugilato. Tutto ciò sta a testimoniare l importante posizione che occupava la donna in Etruria, non solo in famiglia, ma anche nella società in generale. Ed è proprio questo status, così diverso da quello delle donne greche e latine, che scandalizzava gli antichi. 4 I reperti archeologici delle epoche più antiche ce le mostrano abbigliate con particolare cura, con lunghi abiti e mantelli, scarpe appuntite, copricapo a punta. Nei secoli successivi, gli abiti femminili, sempre sobriamente eleganti e molto colorati, sono realizzati con la lana oppure il lino. I tessuti più pesanti si arricchiscono di bordi colorati e di applicazioni di lamine dorate, quelli più leggeri vengono modellati speso con sottili pieghe. I copricapo, invece, si impreziosiscono soprattutto con gioielli di notevole valore. 5 Sin dall inizio delle raffigurazioni a noi note, i volti femminili mostrano segni di un maquillage (trucco del volto per mezzo di cosmetici) perfetto. Creme, profumi, unguenti conservati in contenitori di alabastro, di ceramica oppure di ambra venivano utilizzati dalle donne più abbienti che si agghindavano con l ausilio di specchi decorati con particolare raffinatezza. Marcella Visconti, Leggenda degli Etruschi, Demetra

15 Gioco finale C entra o non c entra? Gli alunni, divisi in due squadre, devono individuare se alcuni termini proposti, appartengono o meno alla Civiltà Etrusca. Se rispondono esattamente vincono una tessera, che servirà a ricomporre l immagine della Sfinge di Vulci (divisa in 24 tessere). Vince la squadra che per prima riesce a ricomporre esattamente l immagine. Termini proposti (44): Città-stato,saline, arco, impero,limo, lucumone, bucchero, papiro, àuguri, necropoli, Esercito di terracotta, clan, labirinto, dromos, puls, agorà, acquedotti, hoplon, chiave di volta, affresco, Olimpiadi, Tirreni, ginecèo, banchetto, lancio del giavellotto, filigrana, chitone, dodecapoli, druidi, nuraghi,flauto, Sarcofago degli Sposi, patrizi, decumano, miniera, tumulo, aruspici, zigurat, Volterra, Creta, porpora, granulazione, Chimera, repubblica.

16

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le..

COME SI VIVEVA IN UN INSULA? COMPLETA. Si dormiva su Ci si riscaldava con Si prendeva luce da.. Si prendeva acqua da. Al piano terra si trovavano le.. ROMA REPUBBLICANA: LE CASE DEI PLEBEI Mentre la popolazione di Roma cresceva, si costruivano case sempre più alte: le INSULAE. Erano grandi case, di diversi piani e ci abitavano quelli che potevano pagare

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori)

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori) L origine del riso 1 C erano al tempo degli dei, due giovani sposi che si volevano molto bene. La loro 2 vita era felice e facile perché la terra era così fertile che bastava allungare una 3 mano per raccogliere

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

Presentazione degli itinerari diocesani

Presentazione degli itinerari diocesani Presentazione degli itinerari diocesani I tre spaccapietre Mi sto ammazzando di fatica Devo mantenere mia moglie e i miei figli Sto costruendo una cattedrale Che cosa stai facendo? Un edizione rinnovata

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici. Scuola:...

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A

Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA. Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Cronache da SPECIALE IL MUSEO VA A SCUOLA Scuola DANTE - Asti - Classe 4 A Presto, presto! Oggi Il Museo va a scuola e non possiamo farci aspettare dalla classe 4 A della scuola primaria Dante! Nella valigia

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

I sogni dipinti del duca

I sogni dipinti del duca I sogni dipinti del duca sii depinta tutta a zigli nel campo celestro, mettendo de le stelle tra l uno ziglio e l altro Lo stesso Duca Galeazzo Maria indicava i motivi delle decorazioni delle sale della

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO

PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 CLASSE TERZA PROVE DI VERIFICA FINE ANNO SCOLASTICO Le prove saranno somministrate negli ultimi quindici giorni di Maggio. 1 Nome... data Pippi festeggia il suo compleanno Un

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Presentazione. Obiettivi dell area «Inferenze lessicali e semantiche»

Presentazione. Obiettivi dell area «Inferenze lessicali e semantiche» Presentazione Per comprendere bene un testo e poterlo apprezzare meglio, è importante imparare a produrre inferenze. Ma che cosa significa? Vuol dire: a) comprendere i legami tra le parole e le immagini

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008

Essere con - Essere per Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Essere "con" - Essere "per" Omelia nella festa degli anniversari di matrimonio e solennità della SS. Trinità, maggio 2008 Bellissima la coincidenza odierna, qui al Suffragio, che celebra insieme la festa

Dettagli

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia

IL GIOCO DELL OCA. Un po di storia IL GIOCO DELL OCA Un po di storia 1 Il Gioco dell oca è un gioco di percorso molto antico: alcuni documenti degli antichi Egizi o alcuni reperti dell antico popolo cinese dimostrano che questo tipo di

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA

LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA LE ORIGINI DEL GIOCO DELLA DAMA Le ricerche archeologiche hanno confermato che il gioco della dama ha origini antichissime. Il più antico completo da gioco, composto da una damiera (tavola) e le pedine

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi

Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi Scuola Gianni Rodari Classe II Porto Sant Elpidio Docente Sabrina Gobbi 1 MAPPA CONCETTUALE TRIBÙ insieme di CLAN insieme di FAMIGLIE GRUPPO organizzato variabile nel TEMPO SPAZIO generato da BISOGNO di

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici. Scuola:...

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Quarta. Codici. Scuola:... Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici.

Progetto Pilota Valutazione della scuola italiana. Anno Scolastico 2003 2004 PROVA DI ITALIANO. Scuola Elementare. Classe Seconda. Codici. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Gruppo di lavoro per la predisposizione degli indirizzi per l attuazione delle disposizioni concernenti la valutazione del servizio scolastico

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA

UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA UNO SCORCIO AFRICANO A VERONA Giovedì 5 marzo noi alunni di I B siamo andati, insieme alla classe 1E, in visita al Museo Africano di Verona. Siamo partiti con l autobus di linea e siamo arrivati nel cortile

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 7 IL TEMPO LIBERO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 IL TEMPO LIBERO DIALOGO PRINCIPALE DIALOGO PRINCIPALE A- Tatiana, ti ricordi che

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli