ARCOBALENO EDITORIALE. Il prossimo numero? Arriverà presto!!! NOTIZIARIO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO S. PERTINI di FONTE NUOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARCOBALENO EDITORIALE. Il prossimo numero? Arriverà presto!!! NOTIZIARIO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO S. PERTINI di FONTE NUOVA"

Transcript

1 NOTIZIARIO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO S. PERTINI di FONTE NUOVA ARCOBALENO EDITORIALE. Gli studenti del percorso obbligatorio di studio a partire dalle fasce di età dell infanzia- costituiscono i pilastri del grattacielo sul quale dovrà sventolare la bandiera della futura Società globale i cui confini fisici si confondono ormai dentro l arcobaleno delle pluri-etnie, delle variegate culture, del pluralismo linguistico e ideologico. Essi aprono le ali della Speranza sul divenire della Umanità. Essi detengono lo scettro delle prospettive future di una Umanità tanto marcatamente diversificata a causa delle condizioni derivanti dalle esperienze dell evoluzione storica, dal radicamento eco-ambientale, dall incidenza -o piuttosto interferenza- di altre forme di costume di vita. E tuttavia, essi soltanto avranno la possibilità di storicizzare insieme la vittoria del progresso della Civiltà e la sconfitta della miseria morale che ferisce il cuore della Società contemporanea. Sapranno farlo da adulti, i bambini e i ragazzi che oggi siedono nei banchi della scuola, con le armi della volontà di apprendere, con il serio impegno nello studio. E non ho dubbi che voi, carissimi Genitori, contribuirete ai buoni risultati delle coraggiose iniziative che questa Scuola intende promuovere attraverso le forme diverse di vigile attenzione ai bisogni emergenti nell utenza minorile del nostro territorio. Voi, con la vostra raffinata sensibilità e con l acuta intelligenza che vi contraddistingue, avete già dimostrato attraverso il filtro degli Organi Collegiali, di sapere interpretare le richieste di aiuto non dichiaratamente espresse. Vi siete resi disponibili ad accogliere il dialogo invocato dal dirigente scolastico vi siete impegnati in azioni concrete per accompagnare la crescita culturale e sociale dei vostri figli. La quasi totalità dei genitori è riuscita a edificare una barriera solida ai pettegolezzi inutili e dannosi, preferendo incrementare il numero delle porte verso il dialogo costruttivo e formativo in direzione del futuro di ogni singolo alunno che si apre alla convivenza umanitaria mondiale. Gli alunni sono dotati di potenzialità i docenti le interpretano e le sviluppano nel rispetto delle caratteristiche propriamente individuali. Questi i presupposti che incoraggiano l iniziativa di produrre, per l informativa alle famiglie in particolare, il Giornale di Istituto. Gli alunni potranno così rendersi meritevolmente visibili alle famiglie e sul territorio nelle loro attività attitudinali, creative, di osservazione riflessiva e critica sulle cose e sugli accadimenti della vita quotidiana. La Scuola apre ai vostri figli le porte della Educazione e del Sapere. Voi aprirete alla Scuola il cuore della solidale e consapevole collaborazione. Grazie a voi, genitori e nonni, per l onore di cui avete profuso il mio cuore quando mi avete ascoltata e seguita per il conseguimento del comune obiettivo: La formazione alla Vita dei propri figli. Grazie indistintamente a tutti gli Insegnanti, i quali segnano quotidianamente dei ricordi più belli il cuore degli allievi attraverso il loro impagabile impegno professionale e umano. Grazie a tutto il personale ATA per il servizio diligentemente svolto e per la disponibilità ad intervenire senza esitare in caso di necessità per il funzionamento dell'istituto. Grazie a tutti gli Operatori che dimostrano in servizio le qualità non frequenti di onestà, competenza, sensibilità, comprensione, umiltà. Grazie, Alunni amatissimi, per le gioie che mi fate godere ogni volta che aprite il sorriso candido delle vostre irripetibili primavere con l affetto autentico di cui solo voi siete indiscutibilmente capaci. Saprete certamente stampare sulle pagine del Giornalino scolastico i frutti originali del vostro studio. Saprete incidervi i sentimenti e dipingere le speranze. Sarete proprio Voi i protagonisti autentici della evoluzione umanitaria. Dirigente Scolastico Prof.ssa Maria Fabrizio Anno 1 Numero 1 Gennaio 2007 Notizie di rilievo Cerveteri e S. Severa pg. 4 Il cielo in una stanza... pg. 5 Io mangio equo e solidale pg. 14 Il prossimo numero? Arriverà presto!!!

2 Il primo giorno di scuola non si dimentica mai... Questo fatto è successo veramente e fa parte delle emozioni che si vivono il primo giorno di scuola Quel giorno, oltre a conoscere i miei nuovi compagni di classe, stavo anche per incontrare quelli che sarebbero stati i miei insegnanti per i tre anni delle scuole medie Avevo portato tutto, ma veramente tutto, anche se era il primo giorno di scuola: la cartella era piena di quaderni e di tutto ciò che non mi sarebbe servito. Tornata in classe l avevo attaccata alla sedia. Che c entra tutto questo con il primo giorno di scuola? Adesso ve lo spiego: quando entrò il professor Curcio, ci guardò con una faccia truce come volesse dire: Guarda sti disgraziati se dovevano capitare proprio a me! Noi, con un sorriso angelico, ci siamo alzati in piedi per salutarlo ed augurargli il buon giorno ma quando mi andai a sedere la sedia non c era più e caddi a terra in modo scomposto e con grande spargimento di quaderni, penne e libri. Tutta la classe scoppiò a ridere, copr so il professore che mi rimproverò per aver portato il primo Giorno una cartella così pesante ed è vero quello che si dice: il primo giorno di scuola non si dimentica mai! C. P. & R. D. S., 2D Intervista al Dirigente Scolastico Simone Sangiorgi, Emanuele Baldoni e Fabrizio Mattei, 2G Incontriamo il nuovo dirigente scolastico, la professoressa Maria Fabrizio, e le abbiamo rivolto alcune domande dopo averle dato il nostro BENVENUTO: Come mai ha scelto la professione di Dirigente scolastico? Ho insegnato tanti anni materie letterarie, ma il contatto con gli alunni era limitato alle mie classi; facendo il lavoro di Dirigente scolastico ho allargato il mio raggio d azione e questo rappresenta un arricchimento ed è fonte di grande soddisfazione. Essere stata insegnante prima che Dirigente mi è servito molto perché riesco ad immedesimarmi meglio nella realtà di docenti e alunni. Se tornasse indietro, sceglierebbe ancora questo lavoro? Sinceramente sì, anche se è molto impegnativo. Qual è l aspetto più difficile del suo lavoro e quello più gratificante? Metto sempre a frutto tutti i mezzi che ho a disposizione e tutta la mia passione, ma non sempre i risultati rispondono al mio impegno. Per fortu- na non capita spesso. E molto gratificante comunque poter andare incontro alle necessità di tutti. Com è il rapporto con gli insegnanti e con gli alunni? Sempre bello, anche quando si devono affrontare dei problemi, perché con il dialogo si arriva sempre ad un risultato, concepito in funzione del bene dell alunno o di una soluzione positiva nel caso degli insegnanti. Ha mai pensato di dedicarsi ad altre attività? Mentre insegnavo avevo più tempo per dedicarmi al giornalismo: ho scritto più di articoli, attività alla quale oggi, con due plessi da dirigere, non riesco più a dedicarmi come prima. Ecco, questo aspetto mi manca. Come interviene lo Stato nella gestione delle scuole italiane? Dal 2000 è entrata in vigore l autonomia scolastica in considerazione del fatto che ogni istituto ha le sue caratteristiche e le sue potenzialità, in termini di struttura e di risorse umane. Da quel momento ogni scuola ha potuto gestire il proprio lavoro in modo autonomo ed offrire attività opzionali, arricchendo l offerta formativa. Ci può raccontare qualche episodio significativo capitato durante la sua carriera? Un episodio che non potrò mai dimenticare riguarda la morte di un alunno che ha attraversato i binari ignorando il passaggio a livello chiuso.il treno lo ha ucciso sul colpo. L episodio positivo riguarda una ragazzina caduta in depressione dopo la perdita dei genitori: aveva perso la voglia di vivere e di studiare, così l ho tenuta tutti i giorni vicino a me finchè lentamente ha ritrovato l entusiasmo. Si è iscritta alle scuole superiori ed ha vinto una borsa di studio per essersi distinta nel latino che io le avevo insegnato e come questo ho tanti altri bei ricordi, per fortuna. Cosa pensa dei provvedimenti disciplinari? Se potessi trasformerei tutti i provvedimenti disciplinari in note di merito, è così triste dover intervenire per dare una punizione! Ringraziamo il Dirigente scolastico, la professoressa Maria Fabrizio per la sua disponibilità. Pagina 2 ARCOBALENO

3 Il nostro POF... Azione formativa volta a: Formazione dell uomo e del cittadino solidale nel territorio, europeo e cosmopolita. Diritto di ciascuno a crescere nell espressione più completa e ricca nella propria i- dentità e nella pluralità delle altre identità. Valorizzazione dei soggetti e delle loro differenze nel riconoscimento delle pari opportunità educative, prevenzione dell insuccesso e della dispersione scolastica. Allestimento di una scuola come ambiente di apprendimento in cui, attraverso una unitaria organizzazione curricolare e articolata per aree di conoscenze si specificano progressivamente abilità, capacità, conoscenze e competenze, identità, autonomia e Autorientamento. Acquisizione delle capacità di svolgere un ruolo proattivo nei rapporti interpersonali e nell ambiente circostante Maturazione dell identità Conquista dell autonomia SCUOLA DELL INFANZIA... Sviluppo delle Competenze SCUOLA PRIMARIA... Educazione ambientale Educazione stradale Educazione alla cittadinanza Educazione all affettività Educazione alla salute - Educazione alimentare SCUOLA SECONDARIA DI I... RICONOSCERE ED ESPRIMERE LE PROPRIE EMOZIONI INTERAGIRE CON L AMBIENTE NATURALE E SOCIALE CHE LO CIRCONDA TROVARE SOLUZIONE AI PROBLEMI DEL MOMENTO LEGGERE ED INTERPRETARE IL SIMBOLO E DARGLI VALORE ESSERE CAPACE DI FARE DELLE SCELTE MOTIVANDOLE Informatica Laboratori Offerta formativa Discipline Orientamento formativo Nel prossimo numero approfondiremo i diversi ambiti del nostro POF. Area:tecnico scientifica Area: linguistica Area: artistico - espressiva Informatica Laboratori Anno 1 Numero 1 Pagina 3

4 Scuola è anche... NECROPOLI DI CERVETERI E CASTELLO DI S.SEVERA Il 30 novembre le classi quinte della scuola elementare Sandro Pertini hanno effettuato un uscita didattica per visitare la necropoli di quella che fu una delle più antiche città dell Etruria centrale, la famosissima Caere, oggi situata dove sorge il paese di Cerveteri. E qui che quegli Etruschi così misteriosi e affascinanti stabilirono per diversi secoli la loro dimora rendendola famosa con la loro civiltà. Siamo partiti eccitati ed incuriositi perché potevamo vedere da vicino quello che stavamo studiando sui libri di storia e che ci sembrava soltanto una leggenda. Appena arrivati abbiamo fatto merenda e poi con una guida abbiamo cominciato a visitare le tombe, ognuna con un simbolo di distinzione: una casetta se ospitava le spoglie di una donna, una colonna per quelle degli uomini. Quando siamo entrati nella prima tomba eravamo tutti agitati e un po impauriti al pensiero che forse i defunti non avrebbero gradito la nostra visita, quasi avessimo potuto disturbare il loro sonno eterno e rovinare la loro divinità. Comunque abbiamo proseguito la visita delle altre tombe, come la prima a pozzetto, dove gli Etruschi conservavano le ceneri dei defunti. All - entrata della tomba dei velieri è ancora ben conservata una statua con la testa di un leone, quasi a difendere il luogo sacro. In questa tomba non si può entrare perché anche con il solo respiro si può rovinare. Alla fine della visita della necropoli della Banditaccia siamo risaliti sul pullman verso il secondo itinerario: il castello di S. Severa. Qui, dopo aver pranzato al sacco, con l aiuto di alcune persone competenti e del nostro estro artistico abbiamo dipinto dei quadretti con degli affreschi rappresentanti ballerine, uomini religiosi, divinità e donne, fra le quali la famosa Velia. Alla fine ognuno ha portato con sé il risultato del suo lavoro come ricordo di quella giornata. E stato bellissimo osservare con i nostri occhi l abilità architettonica degli Etruschi che non si capiscono fino in fondo se si studiano sui libri: quanto fossero speciali si capisce soltanto osservando con i propri occhi ciò che hanno fatto e ci hanno lasciato. E stata un esperienza molto bella che al ritorno a casa abbiamo raccontato e condiviso con le nostre famiglie. Le classi V Opinioni a confronto ( 3C scuola primaria ) In questi giorni si è sentito parlare spesso di maltrattamenti subiti da un ragazzo da parte di alcuni compagni, a scuola ne abbiamo discusso in classe. Dal confronto di opinioni è emerso che siamo tutti d accordo nel ritenere scorretto il comportamento di chi ha maltrattato il ragazzo perché si deve avere rispetto per gli altri. Anche chi ha assistito senza far niente ha sbagliato perché non si deve rimanere indifferenti di fronte alle ingiustizie, ma si deve intervenire per aiutare chi è in difficoltà. Noi siamo piccoli e non possiamo farlo direttamente, ma possiamo e dobbiamo rivolgerci agli adulti: genitori, insegnanti. Per quanto riguarda la punizione ricevuta dai responsabili, la maggior parte di noi la ritiene giusta perché insegna a fare del bene, altri invece ritengono che doveva essere più severa per far riflettere meglio sul male fatto. Molte volte infatti alcuni ragazzi offendono gli altri per sembrare grandi, per attirare l attenzione e non si rendono conto che fanno soffrire le persone. Durante la discussione ci è tornata in mente una frase che la maestra ci ripete sempre quando ci facciamo qualche dispetto: Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te! Seguire questo insegnamento forse ci aiuterà. Pensiamoci!!! Pagina 4 ARCOBALENO

5 Per attirare l'attenzione d el lettore, inserire qui una cit azione o una frase tratt a d al test o. IL CIELO IN UNA STANZA Valerio Alessi e Daniele Oblungo, II B Non è il titolo di una canzone, ma un iniziativa presa dalla professoressa di matematica Maria Merlino per farci osservare da vicino la volta celeste con la guida di persone specializzate come il professor Paolo Conte, un astrologo. Con una quota di 7,50 euro, gli alunni delle classi seconde sono potuti entrare in un planetario itinerante montato nell aula polifunzionale della scuola media. Sulla superficie di una cupola gonfiabile del diametro di 5 metri è stata riprodotta la forma apparente del cielo e proiettate circa stelle, il sole, la luna in tutte le sue fasi, i 5 pianeti ed il tutto in diretta, cioè il giorno stesso in cui si svolge la visita. L esperienza, davvero esaltante, si rivolge agli alunni delle scuole elementari e medie e prevede una prima fase introduttiva con una lezione di a- stronomia di carattere generale ed una seconda fase di approfondimento. Per il prossimo anno sono previste altre esperienze di questo genere, questa volta aperte a tutte le classi dell istituto.d ora in poi non guarderemo più il cielo con gli stessi occhi! Le STELLE stanno a guardare!! Il Teatro a scuola... La scuola ha una tradizione per il teatro molto radicata nel territorio, anche per le iniziative precedenti e diverse rispetto a quella attuale. Nel 2001 i docenti Paolo Capozzi e Mauro Camponeschi hanno attivato i laboratori teatrali per offrire ai ragazzi un ulteriore strumento di espressione con inevitabili ricadute positive su tutti gli ambiti disciplinari. Quanti sono gli iscritti ai laboratori di teatro e scenografia? Quest anno sono complessivamente 137 alunni. Dopo un primo periodo di conoscenza, gli attuali iscritti sono 120, divisi in 5 gruppi di lavoro. Chi può aderire? Tutti gli a- lunni della scuola media ed anche quelli che hanno completato il ciclo di studi e sono usciti dall Istituto. Come sono organizzati? Gli incontri avvengono una volta a settimana e durano 2 ore; sono intensificate le attività in prossimità delle rappresentazioni finali, sia per il montaggio delle scene che per le prove generali. Qual è il calendario delle rappresentazioni? La prima è stata effettuata di sera poco prima delle vacanze natalizie: è stato messo in scena un testo del maestro Paolo; la successiva è prevista per la fine dell anno, secondo un calendario comunicato agli alunni e alle loro famiglie. Quali tecniche vengono utilizzate per la scenografia? Le scenografie saranno opera dei ragazzi del laboratorio di scenografia, coinvolti per il montaggio, la preparazione delle quinte teatrali, la realizzazione dei cartoni e delle scene Mentre per la drammatizzazione si usano le tecniche tradizionali di memorizzazione e di interpretazione, per la scenografia quelle legate alle discipline pittoriche. Quali sono gli obiettivi dei laboratori? Pur valutando necessaria e positiva la rappresentazione finale, il lavoro significativo e formativo è l intero percorso dei laboratori che dura tutto l anno. 2B Anno 1 Numero 1 Pagina 5

6 OPERAZIONE CINEFORUM Salvatore - Questa è la vita Il primo film in programmazione che siamo andati a vedere quest anno è stato Salvatore - questa è la vita. Lo voglio analizzare con una scheda. INTERPRETI: Enrico Loverso, Giancarlo Giannini REGISTA: Gian Paolo Cugno GENERE: drammatico PERIODO: epoca contemporanea TRAMA: Salvatore Incatasciato è un ragazzo di quinta elementare che rimane orfano di entrambi i genitori ed abbandona la scuola per mantenere la nonna inferma e la sorellina. Il suo maestro cerca di dargli una manoandando a casa sua a fare lezione ed aiutandolo nel lavoro dei campi e nella pesca. Un assistente sociale viene a conoscenza del caso e cerca di affidare ad un istituto Salvatore e sua sorella, mentre la nonna viene mandata in una casa per anziani. Salvatore combatte con tutte le forze la disgregazione della sua famiglia e promette di frequentare la scuola, ma ormai la pratica è avviata ed il ragazzo non può più continuare a vivere da solo mantenendo chi resta del suo nucleo familiare. Il maestro, che ha preso a cuore il caso di Salvatore, ne chiede l affidamento e rimane a vivere in Sicilia per continuare ad aiutarlo. TERRENO TEMATICO: amicizia, affetto, determinazione, coraggio, attaccamento agli affetti familiari, vittoria del cuore sulla burocrazia. LUOGHI: Il film è ambientato in Sicilia, in un paese di mare. Il luogo più importante e dove si svolge prevalentemente l azione è la casa di Salvatore con i terreni di sua proprie- E in corso nelle Scuderie del Quirinale la mostra riguardante L arte cinese. Nel 221 a.c. Qin Shi Huangdi, il primo Augusto Imperatore dei Qin, completò la conquista militare di un vastissimo territorio. Realizzò così il sogno di un unico impero sotto il quale riunisce tutti gli insediamenti e le città che fin dal Neolitico erano stati legati da una fitta rete di scambi e conflitti e che, già durante l Età del Bronzo, avevano visto l espandersi del dominio dei clan Shang e Zhou. tà. L abitazione riflette la condizione di vita della famiglia: è piccolissima (Salvatore, la nonna e la sorellina dormono tutti in un letto), sporca e poco sicura. Anche la serra è un luogo importante anche perché è lì che il bambino passa molto tempo: deve curare le piante di pomodori che rappresentano la principale fonte di sostentamento per la famiglia. OGGETTI: il legame e la continuità tra padre e figlio sono rappresentati simbolicamente dall unico mezzo di trasporto della famiglia di Salvatore: la vettura, che un tempo era del papà, poi diviene indispensabile al bambino per trasportare i pomodori al mercato e svolgere tutti i compiti necessari che una volta erano a carico di suo padre. Ovviamente non potrebbe usarla e per farlo infrange il codice stradale, ma riesce a cavarsela quando viene fermato dai Carabinieri. Sempre legata alla sopravvivenza è la barca che Salvatore usa per andare a pesca. PERSONAGGI: Il protagonista è Salvatore, un ragazzo che si ritrova solo e non pensa più alla propria istruzione per mantenere la famiglia. E determinato e coraggioso. Reagisce con violenza ai soprusi ed è diffidente con il prossimo, anche se alla fine accetta l aiuto e l affetto del suo maestro. Questo è un giovane uomo che si trasferisce da Roma provvisoriamente in un paesino della Sicilia per lavoro. Prende a cuore il caso di Salvatore ed investe tutto se stesso nella salvezza del bambino, anche se per fare questo a volte va contro le regole oppure attacca direttamente il potere locale nei panni di un intermediario che acquista i pomodori dal coltiva- MOSTRA I TESORI DELLA CINA Scuderie del Quirinale Roma La mostra comprende 320 reperti di grande raffinatezza e mai usciti finora dalla Cina, provenienti da 14 musei cinesi; tra questi si possono ammirare splendide giade e imponenti bronzi cerimoniali rinvenuti sia nell area centrale che in quella settentrionale della Cina. Ci saranno per prima volta in Italia bronzi provenienti dalle tombe del Marchese Yi Zeng, un feretro di legno laccato dipinto ove giaceva una delle sue concubine e un famoso poggiatamburo, a forma di uccello con tore per poi rivenderli al mercato all ingrosso. Approfitta della situazione di disagio del bambino e del debito che ha accumulato con lui obbligandolo a vendergli sotto costo la merce. Il maestro si ribella e viene picchiato da alcuni sicari del commerciante; proverà a saldare il debito del bambino offrendosi di lavorare per l intermediario che alla fine capisce ed accetta la situazione. COMMENTO: trovo che il film rispecchi la condizione di alcune parti della Sicilia, dove la cultura non è tra i primi valori e l insegnante è considerato più un fallito, un poveraccio che un veicolo di cultura. E stato bello (ma sarà poi reale?!) vedere uscire il maestro dal suo ruolo per occuparsi della vita e della formazione di un alunno al di fuori della scuola. Francesca De Nardis, 2B Cinema è...sognare corna di cervo in bronzo, unico nel suo genere. Non mancano vasi in bronzo intarsiato e in ceramica invetriata, celadon, lacche e gioielli. Eccezionale per la qualità della giada di colore bianco, una veste bianca, di epoca Han costituita da oltre tessere di varie dimensioni e diversi spessori, cucite insieme con centinaia di metri di filo d oro. Nella Cina antica si riteneva che la giada potesse preservare la salma dalla decomposizione, consentendo la sopravvivenza dell - anima. Da queste credenze derivò l usanza di cucire intorno al corpo del defunto un vero e proprio abito di giada alla cui preparazione si dedicavano per anni numerosi artigiani. L esemplare in mostra è uno dei più belli tra i circa quaranta finora rinvenuti. Ma una delle attrazioni principali sarà certamente costituita dai famosi soldati di terracotta dal Primo Imperatore. La mostra è molto bella visitatela! Sara De Dominicis,2D Pagina 6 ARCOBALENO

7 Scopriamo FONTE NUOVA... Scorci di storia... Fonte Nuova Il nostro comune ha abitanti e si è costituito il 15 ottobre 2001 dopo il distacco della frazione di Tor Lupara di Mentana e Santa Lucia di Mentana dal comune di Mentana, ma le prime tracce di storia sono molto antiche: in località Quarto Conca sono state trovate 2 tombe rupestri, ora in stato di abbandono e usate come di- scarica abusiva. La prima e più antica, è fatta risalire addirittura a tren- t'anni prima la fondazione di Roma, la seconda è di qualche mese posteriore alla fondazione di Roma. Recentemente, presso il capolinea ATAC del 337, hanno riportato alla luce una villa romana, mentre in località Salvatoretto una cisterna dello stesso periodo e un antico sarcofago di una donna sul monte Palombino. Ma la storia di Tor Lupara si lega anche alle vicende delle svariate torri che si trovano sul suo territorio. La prima a cui facciamo cenno è Tor Lupara (situata in Via della Torre, una traversa di Via 1 Maggio), intorno alla quale nasce il primo centro abitato formato dalle popolazioni che incominciano ad abbandonare le valli troppo pericolose perché piene di briganti. IERI Sindaco Venne eretta nel 1360 con scopo difensivo e di controllo delle villette vicine e del territorio che arrivava a Mentana e per renderla visibile a grandi distanze sono stati utilizzati diversi materiali da costruzione (calcare, mattoni, selce) che creano tre diverse fasce di colore. Sembra che il nome derivi dalle lupare utilizzate per scacciare i briganti, gli ottomani ed i saraceni che si trovavano in zona, oppure da una leggenda che ne fece il rifugio di una lupa con i suoi cuccioli. La Torricella si trova al Km della Via Nomentana ed ospita il nucleo di un sepolcro romano in calcestruzzo a pianta circolare Nel Medioevo era una delle torri di guardia e di segnalazione della famiglia Capocci. Sono ancora visibili gli impianti per il rivestimento di marmo che anticamente rivestiva il manufatto Dott. Giovanni Vittori Sempre nei pressi di Via Settembrini, in Via di San Biagio, in cima al Monte Gentile, si trova la Torre di San Biagio, detta la "Sedia del Diavolo" per la forma che adesso ha, probabilmente una vedetta del castello di Monte Gentile. Alcune di queste torri, con il Casale Sant Antonio, chiamato così perché nel Rinascimento fu affidato ai monaci dell ordine del Santo, servivano a difendere il castello degli Orsini di Mentana. Di recente costituzione è il Museo d'arte Contemporanea (2003) in Via Macchiavelli 20, dapprima suddiviso in due sedi: Galleria d'arte (1998) per le mostre temporanee e il Museo propriamente detto per la permanente. Dal 2006 è stato riunito in unica sede, in cui operano le associazioni del Consorzio Cultura, un'associazione di associazioni. Il presidente è Davide Tedeschini. Al suo interno sale per le temporanee, permanenti, biblioteca, laboratori d'incisione calcografica e serigrafica, sala convegni per c.a 60 posti. Il museo svolge una funzione di comunicazione continua con i cittadini e gli organi di stampa in virtù di una situazione di sottoproduzione culturale, determinata dallo spostamento di grossi patrimoni locali e da un'insufficienza di infrastrutture. Una polemica alimentata di recente è quella del "Lascito Zeri". Nel prossimo numero racconteremo la storia dei tanti fontanili che si trovano sul nostro territorio a presto! Marica Castaldi e Federico Pingue, 2B Vice Sindaco Assessori Mauro Cesarini Stefano Paladini - Urbanistica Carla Pannozzo Risorse finanziarie Maurizio Laurenzi - Attività Sociali Presutti Piero - Infrastrutture, Grandi Opere, Patrimonio, Edilizia Scolastica, Ambiente, Viabilità, Mobilità e relativi rapporti istituzionali S Tamburo Matteo Antonio. Mauro Cesarini D - Personale, Ced, Amministrazione Generale, Turismo, Sport, Tempo Libero, Scuole Le nostre ISTITUZIONI OGGI Anno 1 Numero 1 Pagina 7

8 Per vivere il nostro territorio... Il nostro Sindaco e Assessore alla cultura Giovanni Vettori ha un programma di valorizzazione di Fonte Nuova per invitare tutti i cittadini a vivere di più il loro territorio. Con la partecipazione delle associazioni culturali si stanno realizzando i seguenti progetti: Biblioteca pubblica con postazioni di computer per il collegamento in rete. Progetto archeologia: riqualificazione dei siti archeologici del Comune. Ristrutturazione dei fontanili e creazione di percorsi naturalistici di collegamento. In collegamento con l iniziativa di recupero è stato lanciato dal Comune un concorso rivolto alle scuole e al territorio sul tema dell acqua. Mostra di sculture di bronzo. L Assessorato all Ambiente e allo Sport promuove da tempo la Corsa dei fontanili, momento di incontro e di Il Comune di fonte Nuova, con il patrocinio della Regione Lazio, ha promosso l esposizione d arte contemporanea: Bronzi a Fonte Nuova Il lavoro di una fonderia d arte. La fondazione Vittorio Caporrella, che gestisce la fonderia d arte situata nelle vicinanze del nostro Comune, ha reso possibile la realizzazione dell evento mettendo a disposizione parte del patrimonio artistico in suo possesso. Si tratta di opere molto diverse tra loro, ma che trovano un punto di incontro nell utilizzo del bronzo. L impiego di questo materiale e la sua lavorazione costituiscono dunque il filo conduttore di un percorso espositivo che, negli oltre tre mesi della sua permanenza, abiterà nelle piazze della città e sana competizione sportiva... A Fonte Nuova e a S.Lucia continua l attività di laboratori di ceramica, oltre a corsi di archeologia e incisione sostenuti da fondi del Comune ed in collaborazione con l associazione Archeo Club. Si attiveranno nel periodo estivo laboratori di archeologia sperimentale. Per promuovere il dialogo interculturale è stato organizzato un concerto per organo, a dicembre, nella chiesa di Gesù Maestro al quale sono intervenuti i rappresentanti di diverse comunità religiose. Effettuati interventi di ampliamento e restauro nelle scuole (aule, palestre ) oltre al ripristino dell arredo scolastico. Attivati centri ricreativi Domani BRONZI A FONTE NUOVA... nell edificio del Comune e sarà quindi costantemente fruibile dalla cittadinanza e dai visitatori. La mostra prevede la dislocazione in piazza Padre Pio di Fonte Nuova e in località Delle Rose a Santa Lucia, di più di venti grandi bronzi e di una esposizione di numerose piccole e medie opere allestita nei locali del Comune in via Machiavelli. La manifestazione conclusiva si terrà il 31 gennaio 2007 ed avrà come scopo anche quello di dare un indirizzo culturale ad una comunità di recente formazione, avvicinando la popolazione all arte e, in particolare, alla cultura del bronzo. Sonia Spregiaro e Francesca De Nardis, 2B estivi sia a Fonte Nuova che a S.Lucia. Attivo a S. Lucia il Centro di orientamento al lavoro. EVENTI E MANIFESTAZIONI Maggio: la sagra delle rose Gennaio: la festa di Sant Antonio abate, patrono di Fonte Nuova Settembre: la sagra del Folklore 15 ottobre: festa della nascita del Comune di Fonte Nuova 4 novembre: festa celebrativa nella P.zza Padre Pio Dicembre: presepe vivente. Carnevale Pasqua : La passione di Cristo vivente Tor Lupara in Fiore 25 aprile 2 giugno 23 giugno: festa di San Giovanni - Lumacata Ecco i prossimi immediati obiettivi del nostro Comune Centro multiculturale. Realizzazione di una Galleria d Arte Permanente. Attivazione di una scuola comunale di attività motorie, musica, teatro e canto. Manifestazioni di teatro, musica, danza e svago in genere da realizzarsi durante i mesi estivi all aperto e nei punti nevralgici del nostro territorio.allestimento di un Cineforum estivo e di uno permanente per conoscere film soprattutto italiani Mostra fotografica dal titolo Perduti e dimenticati per diffondere la conoscenza del patrimonio del nostro territorio. Attività di laboratori per giocare e imparare all interno del Parco Nomentum. Aprile: Concorso Mostra sul tema dell acqua aperto anche alle scuole. Pagina 8 ARCOBALENO

9 TESTIMONIANZE: Gli anziani raccontano... tratte dal testo M.Dell Orso D.De Luca Il tesoro nascosto di Tor Lupara Il signor Dante Laurenzi ricorda che Mentana il 3 novembre del 1867 è stata teatro di una cruenta battaglia tra le forze di Garibaldi (sì, proprio lui!!) e quelle francesi alleate con il Papa: Quando Garibaldi è venuto a Mentana si fermò all osteria delle Molette e chiese qual era la strada per Mentana, ma nessuno volle rispondergli: glielo fecero per dispetto perché tutti parteggiavano per il Papa! Sempre il signor Dante racconta una storia più recente, vissuta in prima persona: Durante la guerra, per difenderci dai bombardamenti, cominciammo a scavare delle grotte sui boschi tra Fonte Lacrimosa e Santa Margherita. Gli aerei roteavano continuamente sopra di noi Quando ci fu il rastrellamento a Tor Lupara i tedeschi passarono dal bar di Tecla e portarono via Quintilio Troiani. Avevano saputo che qui c erano i prigionieri inglesi nascosti dai partigiani All epoca del Fascismo i giovani e i giovanissimi facevano le marce: si riunivano tutti gli alunni del posto che dovevano marciare fino alla scuola della Cesarina. Noi ragazze vestivamo da giovani italiane e i maschietti da balilla. La domenica mattina partivamo tutti insieme e andavamo a sentir messa alla chiesa di Sant Alessandro. Quelle uscite erano una festa. Nelle ricorrenze festive di Pasqua e Natale era l unica volta che ci cambiavamo i vestiti, ma soprattutto ci mettevamo tutti le scarpe nuove. (La signora Atonia Paletti) Ego sum Via et Veritas et Vita : La Parrocchia Gesù Maestro Elisabetta, Agnese ed io, Federica, siamo andate alla scoperta del nostro territorio per capire cosa offre. Il nostro piccolo viaggio è iniziato da uno dei pochi luoghi di incontro a nostra disposizione, la Chiesa di Gesù Maestro sulla Via Nomentana, ed il nostro parroco, DON PAOLO, ci ha aiutato in questo compito raccontandoci la storia della nostra parrocchia a partire dalla sua fondazione: LA STORIA La storia della Parrocchia inizia nel 1952 quando il Vescovo di Sabina manda stabilmente un sacerdote a Tor Lupara. Nel 1947 viene costruita la chiesa della Regalità di Maria ( attuale chiesa di Gesù Redentore) dove officiavano alcuni sacerdoti di Roma, finché nel 1952 arriva don Alessandro Pascasi. Tor Lupara all epoca contava 1000 abitanti, ma la Parrocchia dipendeva ancora da quella di Mentana. Anche se nel 1960 viene istituita ufficialmente la Parrocchia di Gesù Maestro con decreto vescovile e con il riconoscimento dello Stato, non è ancora stato costruito l edificio che verrà completato più tardi. Con il passare del tempo la popolazione aumenta e si sente il bisogno di un altra chiesa. LA CHIESA BRUCIATA Negli anni 80 i Canonici regolari di S. Agostino iniziano la costruzione di una nuova Chiesa destinata a diventare la seconda parrocchia di Tor Lupara. Quando i lavori erano già a buon punto è divampato l incendio che l ha ridotta alla situazione attuale. C è ancora un processo in corso in quanto l incendio è stato doloso. GLI ORGANISMI PARROCCHIALI La nostra parrocchia ha degli organismi di sostegno ai sacerdoti: Consiglio Pastorale: in carica x 3 anni, consiglia il parroco nelle scelte;consiglio per le spese: composto da un piccolo gruppo di persone che gestiscono le spese;chiarire l utilizzo delle offerte. ASSOCIAZIONI, MOVIMENTI E GRUPPI AGESCI (scout), Arciconfraternita di S. Calogero, Associazione Nostra Signora di Fatima, Azione Cattolica Italiana, Caritas, Gruppo Catechisti, Centro di Aiuto alla Vita, Cori, Cursillos, Ger, Gruppo famiglie, Gruppo volontari, MASCI (scout adulti), Gruppo ministranti, Oratorio, Rinnovamento nello Spirito, Unitalsi.LA CARITAS ha sede nella casa in via Lorenzo il Magnifico 12, offre servizi di: ambulatorio, centro di ascolto e distribuzione indumenti. ORATORIO Se ne occupano adulti o giovani che si dedicano all animazione e al gioco che si svolge il sabato. Sono anche previsti incontri organizzativi per gli animatori. SCOUT Gli scout (associazione guide e scout Cattolici Italiani) nascono dal movimento fondato più di 100 anni fa da Baden Powell in Inghilterra. L associazione accoglie e riunisce capi e ragazzi e il suo scopo è contribuire, secondo il principio dell auto educazione, alla crescita dei ragazzi, cercando di renderli liberi da quei modelli culturali, economici e politici che condizionano lo sviluppo della personalità. Federica, Elisabetta e Agnese, 2B Anno 1 Numero 1 Pagina 9

10 CULTURA. Il libro del mese Cari lettori, abbiamo un libro da consigliare alle ragazze della nostra età. Si intitola Ecco la lista dei miei fidanzati. E stato scritto da E. Lockhart e viene narrato in terza persona da una psicologa che racconta le disavventure con i ragazzi di una sua paziente. Il libro è molto scorrevole ed è stato scritto a Genova nel La storia si svolge in un college di Los Angeles ed ha per protagonista la studentessa-paziente Reby Oliver. Reby è attratta da qualsiasi ragazzo e recita con ognuno un ruolo diverso, ma, sfortunatamente, riesce sempre a fare brutte figure, come quando, mentre saliva le scale per raggiungere Mark, salta un gradino per la fretta e cade ai piedi del ragazzo che se ne va divertito. Oppure vogliamo parlare di quando, seduta sul bordo di una fontana, per evidenziare le sue forme, inarca troppo la schiena e cade dentro l acqua? Be, Reby non è proprio ciò che si definisce un esempio da seguire La poverina,disperata,decide di andare a consultare una psicologa(la stessa che narra), che le da un consiglio,lo stesso che diamo a tutte voi:siate sempre voi stesse, e non recitate ruoli che non vi appartengono. E se questo non vi basta leggete il libro:vi sarà d aiuto!! T.P. & S.C., 2D Biblioteca Vallicelliana Noi ragazzi della II D siamo andati in Piazza della Chiesa Nuova, presso Corso Vittorio Emanuele 2 a Roma, per visitare un edificio dove San Filippo Neri fondò intorno al 1400 la Biblioteca Vallicelliana. Il patrimonio della biblioteca appartiene al Ministero dei beni e attività culturali e conserva 500 libri e 31 manoscritti. prevalgono opere della cultura ecclesiastica del XVI sec., ma anche di filosofia, letteratura e medicina. All entrata si apre una lunghissima galleria monumentale dove vi sono collocati i libri storici e da qui si raggiunge la sala di lettura aperta al pubblico e il salone Borromini dove ci sono libri del 1500 ed un armadio in legno di ottima fattura dove vengono custoditi i libri più rari. Il salone viene anche utilizzato per allestire mostre e svolgere conferenze. Negli ultimi anni è stata costruita una nuova sala dove si conservano manoscritti e incunaboli. Consigliamo a tutti i nostri lettori una visita guidata all interno della biblioteca Vallicelliana per scoprire i suoi segreti e tutte le meraviglie. GIULIA & SIMONE 2D Curiosità e segreti della biblioteca Vallicelliana Intervista alla bibliotecaria Al termine di una visita didattica, abbiamo intervistato la bibliotecaria della biblioteca Vallicelliana che ci ha raccontato che ha ottenuto il suo lavoro tramite concorso pubblico e di averlo scelto perché ha sempre amato i libri. Poi ci spiega che la biblioteca è organizzata nei seguenti uffici: acquisti, prestiti, collocazione, schedatura moderna e schedatura. Il suo compito all inizio prevedeva la schedatura e la catalogazione dei libri, tutto scritto a macchina. Oggi per fortuna c è il computer che facilita molto il lavoro. Giulia e Simone, 2D Pagina 10 ARCOBALENO

11 Pensieri e Pensare Pensare a te, è il profumo di una rosa rossa, e tu assomigli ad un piccolo fiore. Pensare a te E ad il tuo rumore Dedicato che si poserà felice Sulla schiena del passato. Pensare a te È volerti bene E sentire il tuo amore. Pensare a te È una gioia Come quando il tuo piede Varca la soglia della mia porta. Walter Volpe IB Parole... La mia classe La mia classe è carina, forse troppo sbarazzina, siamo tutti un po impazienti per i giudizi dei docenti. Siamo tutti un po svitati e a ricreazione scatenati. Ma quando usciamo siam felici Perché trascorriamo un pomeriggio da amici. A.P., 2D AMICIZIA Non camminare davanti a me: potrei non seguirti, Non camminare dietro a me: non saprei dove condurti, ma camminami a fianco e saremo amici per sempre. R.DS. & S.M., 2D Due cuori, Due ali, Per volare La luce Non vedo nulla ci sono tenebre intorno a me. Laggiù c'è una luce piccola, intensa. Questa crescerà devastando il buio. Solo allora gli uomini vivranno in PACE. Da te. Due cuori, Due ali, E la nostra vita Nelle mani Ed il sentiero della vita Con me percorrerai Due cuori, Due ali, Per seguirti Ovunque vai A.G., 2D dc.p. & C.T.2D Anno 1 Numero 1 Pagina 11

12 Le materie... cosa sono?? Scopriamolo insieme Coriandoli di scuola. CHE COS E LA GEOMETRIA? È una linea su una scia, È un punto su una via, È una retta tutta mia! Pina IE Alla prossima puntata ci sarà altro da scoprire CIAOOOOOOO... CHE COS E L ANTOLOGIA? E leggere storie di oggi e di ieri È dove c è magia E tanta fantasia! Lucrezia IE CHE COS E LA TECNICA? Non è come l artistica È disegnare linee rette Dove si può passeggiare con le biciclette! Stefano IE CHE COS E LA MUSICA? La musica è stare in armonia Sono le note belle e brutte me piacciono tutte! Ludovica IE CHE COS E LA MATEMATI- CA? È molto antipatica. Ci sono addizioni e sottrazioni ma non capisco le divisioni! Elisa IE CHE COS E L ITALIANO? È leggere un brano piano piano Scrivere un racconto di prima mano E studiare per arrivare lontano! Vincenzo, IE CHE COS E L INGLESE? È la lingua di un paese e di un popolo preciso e cortese. Ed io che non so l inglese Quando lo parlo son di poche pretese! Marco Poggetti IE E. Ciuf Ciuf. Partiamo con la fantasia!!! Aiutateci anche voi, perché vivere in un ambiente pulito è come vivere in un mondo migliore!!!!!!!!! Gli alunni non rispettano le aule: scrivono sui banchi, sporcano i muri,attaccano gomme dappertutto e gettano cartacce per terra. Perciò Cercate di rispettare l ambiente! 2 A Pagina 12 ARCOBALENO

13 FACCIAMO UN GIRO INTORNO AL MONDO... Veronica, Nicole, Sara, Giulia 2C Abbiamo scelto una breve storia che ci spiega, attraverso un simbolico scambio di abiti, quanto possa arricchire una persona conoscerne altre diverse e lontane e condividere con esse cose ed emozioni Raddoppiare il proprio capitale d inizio si può e ciò che leggerete ne è una piccola dimostrazione. Buona lettura! Due popoli sulla stessa terra in fondo sono come due fratelli in una stessa cameretta. Ci staranno un po più stretti di un figlio uni- co, si sa. Certo i letti saranno due, e va bene così, ognuno farà i suoi sogni sotto la sua coperta. Ognuno avrà i suoi libri per leggere e per studiare, ognuno i suoi quaderni, le sue matite, i suoi album per disegnare. Ma forse in quella cameretta ci sarà posto per un solo armadio. Forse allora i due fratelli cercheranno di mettere i loro vestiti ben distinti: uno metterà le sue camicie e i suoi jeans sulla sinistra, l altro li sistemerà sulla destra, cercando di non fare confusione. Basterà stare un pochino attenti. Ma una mattina forse succederà, ma non è detto che succeda, che, nella fretta di andare a scuola, uno dei due indosserà per sbaglio sui suoi pantaloni una camicia dell altro, e se ne accorgerà soltanto in strada. Penserà: che stupido, ho sbagliato camicia!, avrei fatto meglio ad alzarmi prima, stamattina e altre cose così. Poi magari qualcuno lo saluterà dicendogli: Sai, hai proprio una bella camicia, perché non l avevi messa mai? E allora il ragazzo comincerà pian piano a pensare che forse quei due colori stanno pure bene insieme, quello della camicia e quello dei pantaloni, voglio dire. Allora la mattina dopo quel ragazzo forse (ma non è detto) chiederà a suo fratello di lasciargli ancora indossare quella camicia che gli stava così bene e magari gliene offrirà in cambio una delle sue. Forse lo lascerà addirittura scegliere nella sua porzione di armadio. Forse. Alla fine ognuno dei due fratelli avrà il doppio delle camicie che aveva prima, e anche il doppio dei pantaloni, dei maglioni, dei calzini e delle mutande. 2 C Tratto da COME I PINI DI RAMALLAH di A. Ferrara Anno 1 Numero 1 Pagina 13

14 Commercio equo e solidale. Molti di noi neanche sanno cosa vuol dire perché ci sediamo alle nostre tavole imbandite senza chiederci da dove provengano i cibi che mangiamo; non ci interessa se le cose che ingurgitiamo sono geneticamente modificate, trattate con pesticidi cancerogeni o prodotte da lavoratori sottomessi a grandi multinazionali sfruttatrici. Ma qualcosa sta cambiando qualcosa DEVE cambiare e per questo l organizzazione del commercio equo e solidale ha allestito una mostra al museo Pigorini (zona Eur) a cui le classi seconde e terze della nostra scuola hanno partecipato. Lo scopo del percorso, che prevedeva una mostra interattiva, era quello di insegnarci ad apprezzare ciò che mangiamo e chi lo produce, oltre a far luce sui fenomeni di sfruttamento del lavoro agricolo mondiale. Come prima cosa ci hanno divisi, indipendentemente dalla classe, in tre gruppi e siamo diventati produttori di cacao del Ghana, coltivatori di banane equadoreñi e piccoli lavoratori pakistani impiegati nella confezione di palloni. Ognuno di questi tre gruppi si sarebbe dovuto immergere nel mondo del proprio alter-ego, sopportando privazioni, prevaricazioni e sfruttamenti da parte di coloro che tengono in mano le redini del commercio locale e mondiale. Ci hanno spiegato che spesso uomini senza scrupoli speculano sul prezzo del cacao, allungano in modo spaventoso l orario di lavoro dei piccoli e sottopagati operai pakistani o fanno vivere i lavoratori in condizioni malsane, per e- Dopo aver subito diverse angherie dai capi, noi lavoratori dovevamo decidere se fondare delle cooperative che a- vrebbero collaborato con l associazione del commercio equo e solidale, decidendo in modo autonomo il prezzo dei prodotti e stabilendo orari e salario. Poi, dopo aver finalmente fatto valere i nostri diritti, ci hanno fatto trasformare nella mercanzia stessa che avevamo prodotto, affrontando la sfida con i prodotti di marca, pubblicizzati e ritenuti di migliore qualità. Nei supermercati c è stata la battaglia più sanguinosa: lì il richiamo dei jingle martellanti delle pubblicità onnipresenti è più forte che mai, e sta solo e soltanto al consumatore scegliere se spendere i suoi soldi in una marca conosciuta che magari non rispetta i diritti dei lavoratori o preferire le confezioni meno note di prodotti che fanno parte dell organizzazione del commercio equo e solidale. Per iniziare si può visitare una bottega del mondo dove si vendono solo prodotti equi e solidali; l unico inconveniente è che queste botteghe spesso si trovano lontano dalle nostre case, anche se diversi supermercati vicini a noi stanno iniziando a riservare degli spazi ai prodotti equi e solidali che, con un pizzico di buona volontà, possiamo agevolmente acquistare. Camilla Trotta, 3B Pagina 14 ARCOBALENO

15 4 risate. L COLMO DI... Sapete qual e il colmo per una mucca che gli piace la musica? Chiamarsi:MOOZART! Rossana e Lucrezia 2E MESSAGGIO ABCDEFGHILMNO- PQRSTUVZ Invialo a persone analfabete e contribuisci alla diffusione della cultura nel mondo. Matteo 2E BARZELLETTA Mamma cucinava talmente male che quando portava buoni voti a casa il padre per premio la mandava a letto senza cena. Valerio 2E Lo sport... TORNEO DI CALCIO A 5 (UNDER 12 E 14) A Gennaio le classi seconde e terze svolgeranno un torneo di calcio a cinque organizzato dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio(F.I.G.C.). Coloro che si qualificheranno tra le sette squadre avversarie andranno a sfidarsi con le squadre provinciali e in seguito con le regionali. Francesca e Giacomo, 2F NOTIZIA FLASH: CORSO DI NUOTO Quest anno la nostra scuola ha organizzato un corso di nuoto in orario scolastico che i ragazzi delle prime medie potranno frequentare un ora a settimana per tre mesi e mezzo presso la piscina Mez- zaluna di Mentana. Le lezioni in vasca verranno seguite da istruttori della F.I.N. (FEDERAZIONE ITA- LIANA DI NUOTO) Il costo, che comprende trasporto, lezione e assicurazione è di 110,00. Una cosa nuova per noi sicuramente sarà divertente!!! Francesca,2 F BARZELLETTA A due orribili alieni sbavanti che lo hanno rapito: Vi prego non mi mangiate! Ho moglie e figli mangiate loro. Daniele 2E LA PALESTRA è STATA RISTRUTTURATA Dopo parecchio tempo che la palestra della scuola media non si utilizzava più, il servizio d igiene l ha resa finalmente agibile. Da oggi in poi, quando gli studenti dovranno praticare educazione fisica e il tempo sarà brutto, finalmente avranno uno spazio idoneo dove svolgere le attività sportive. Giacomo,2F Anno 1 Numero 1 Pagina 15

16 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SANDRO PERTINI Via Cuoco 63 FONTE NUOVA Siamo su Internet : Cari ragazzi, nel prossimo numero pubblicheremo le riflessioni più creative, intelligenti, originali, spiritose sul tema: OGGI SALGO IN CATTEDRA IO! INSEGNANTE PER UN GIORNO Potrete consegnare i vostri lavori alle prof.sse Silvetti o Sala. Cari genitori, il prossimo numero accoglierà alcune delle vostre lettere. Aspettiamo, suggerimenti, proposte, pensieri che sicuramente contribuiranno alla crescita della nostra scuola. PUBBLICITA PROGRESSO!!! Suggerimenti e Consigli utili per i vostri acquisti Dal panettiere Scegli preferibilmente pane integrale o comunque altri prodotti integrali. Le fibre hanno un effetto disintossicante e contengono dal 50 al 90% in più di minerali e vitamine. Dal fruttivendolo Acquista frutta e verdura di stagione, hanno meno pesticidi, perché i produttori per accelerare la maturazione le concimano con pesticidi e fitofarmaci. Scegli la merce proveniente dalla zona dove abiti perché sicuramente è più fresca. Non eccedere nel consumo di frutta esotica perché potrebbe contenere pesticidi molto nocivi. Dal lattaio Consuma latte fresco invece di quello a lunga conservazione che a causa dei trattamenti subiti,ha un ridotto potere nutritivo. Dal salumiere Scegli salumi che non contengono nitriti e nitrati, ma solo quelli ottenuti con metodi di lavorazione naturale. Dal macellaio Non eccedere nel consumo di carne bovina o soprattutto nell uso di fegato e reni, dove si possono accumulare i farmaci e le sostanze inquinanti. 2 A

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Anno Scolastico 2007-2008

Anno Scolastico 2007-2008 Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, armonia e generosità Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui far germogliare la luce che c è in ognuno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Il percorso dell educatore

Il percorso dell educatore Il percorso dell educatore 1. IL RUOLO DELL EDUCATORE Il servizio educativo è innanzitutto una vocazione, una chiamata da parte del Signore alla quale ognuno di noi ha scelto di rispondere sì; un si libero,

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi.

spettacolo delle luci, dove ciascuno a mostrato la sua abilità roteando fiamme e lanciando in alto palloncini luminosi. Cari amici dei Salesiani, all inizio di questo nuovo anno formativo desideriamo presentarvi un breve riassunto delle nostre attività dalla fine del giugno scorso fino a settembre. 1 giugno - Animazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Nido Integrato Pesciolino Rosso

Nido Integrato Pesciolino Rosso Trivignano - Venezia Via Chiesa 18/C 30174 Tel. Fax 041-909271 - Scuola Paritaria - sito internet: WWW.REGINAPACE.IT Scuola dell Infanzia REGINA DELLA PACE Nido Integrato PESCIOLINO ROSSO PROGETTO EDUCATIVO

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Programmazione didattica annuale

Programmazione didattica annuale A.S. 2014-2015 Programmazione didattica annuale *Scuola dell Infanzia Carlo Pizzala 22030 ORSENIGO Via Baragiola, 1 C.F./P.I. 00648820132 Revisione 06.10.2014 EXPLORANDO L il PIANETA a.s. 2014/2015 Progetto

Dettagli

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030

Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto- Galliate ( NO) CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Noi come Voi è un associazione che accoglie tutti i giorni mol ti giovani con disabilità

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Mauro. Simone. Mamy Jara

Mauro. Simone. Mamy Jara Trebisonda è un programma per ragazzi su RAI 3, dove si fanno dei giochi educativi a cui partecipano ragazzi di una scuola. Stavolta è toccato alla mia classe, la 2^A, e a una di Coldirodi. Noleggiato

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE

IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 IO: LA MIA STORIA, LA MIA SCUOLA, IL MIO PAESE ISTITUTO COMPRENSIVO «N.TOMMASEO» SCUOLA DELL INFANZIA «F.GARBIN» Arre UNITA DI APPRENDIMENTO : 1. IO : LA MIA STORIA 2. IO : LA

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 Vieni volentieri a Scuola? Sì 76 In parte 8 No 5 Sì, perché? Imparo cose Faccio nuove Soddisfo la nuove

Dettagli

Questa non è una lezione

Questa non è una lezione Questa non è una lezione Sono appunti, idee su Internet tra rischi e opportunità. Che vuol dire non dobbiamo stare a guardare? È il Web 2.0... i cui attori siete voi Chi vi ha insegnato ad attraversare

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli