Contestualizzare la prima colonizzazione : Contextualising early Colonisation :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contestualizzare la prima colonizzazione : Contextualising early Colonisation :"

Transcript

1 Contestualizzare la prima colonizzazione : Archeologia, fonti, cronologia e modelli interpretativi fra l'italia e il Mediterraneo Contextualising early Colonisation : Archaeology, Sources, Chronology and interpretative models between Italy and the Mediterranean I primi contatti col mondo greco e levantino a Capua tra la prima età del ferro e gli inizi dell Orientalizzante Gianluca Melandri - Università degli Studi di Milano Francesco Sirano Soprintendenza per i Beni Archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta 1. Ricostruire lo scenario dei primi contatti tra Capua e il Mediterraneo orientale significa non soltanto dar conto dei rapporti di scambio individuabili nell analisi della cultura materiale ma cercare di riconoscere l impatto culturale e tecnologico che tale apporto ha avuto, in una mutua correlazione, sulla comunità indigena. A tale scopo si tenta di presentare gli elementi significativi per far luce su questa problematica in una scansione diacronica che non offra soltanto una panoramica delle diverse categorie di oggetti, orientalia lato sensu e prime importazioni greche, ma anche del loro innesto in un più ampio quadro culturale, che risulta fin dalle origini dinamico e variegato per apporti e stratificazioni. I recenti studi sull età del Ferro a Capua e le recenti scoperte di nuovi lotti di sepolture nelle necropoli del Nuovo Mattatoio (comune Santa Maria Capua Vetere, loc. Parisi, scavi ) e di Cappuccini (comune S. Tammaro, loc. Scondito/Masseria Melelle, scavi 2011) hanno poi ampliato ulteriormente tale quadro. 2. Nel caso degli orientalia, il materiale è costituito quasi esclusivamente da scarabei (necropoli Cappuccini, Fornaci, San Tammaro) ed è collocabile tra l VIII secolo a.c. e gli inizi del VII secolo a.c. con significative, seppur sporadiche, presenze di oggetti ciprioti e levantini riferibili già al IX secolo a.c. Agli scarabei si aggiungono statuine-pendenti di divinità egizie e pendagli in argento, più propriamente fenici ma assimilabili concettualmente agli altri prodotti egizi ed egittizzanti. Dai contesti più antichi provengono oggetti di fattura vicino-orientale, mentre le tombe successive alla seconda metà dell VIII secolo a.c. si segnalano per la presenza di produzioni più massificate, soprattutto rodie. Per il IX secolo a.c., la t. a tumulo Nuovo Mattatoio 1/2005 risulta la sepoltura più eminente del lotto. Si tratta di un incinerazione in vaso biconico decorato a pettine, con motivi tipici del distretto tarquiniese e la vestizione a borchiette di bronzo dell urna, accanto a una spada tipo Cuma ritualmente defunzionalizzata, e a un rasoio a paletta rettangolare. Agli elementi brevemente descritti, che datano il contesto al più alla fine della fase IA1 (ca. primo quarto del IX secolo a.c.), si aggiunge un calderone tripode con manici ad anello verticali di tradizione tardo-cipriota. CeC 2012: Contextualising early Colonisation Pagina 1

2 Il reperto è significativo perché trova confronti nei tripodi di tradizione egea del XIV-XII sec. a.c., in un piccolo calderone proveniente dalla t. 49 di Palaepaphos-Skales a Cipro (CG, seconda metà dell XI sec. a.c.) e in uno da Dorgali-Cala Gonone e può essere considerato diretto antecedente di quelli geometrici di Adrano (VIII-VII sec. a.c.). In particolare la piastra rettangolare con tre ribattini fissata alla rinforzatura dell imboccatura ricorda quelli di Piediluco (deposito di Contigliano), datati alla II metà dell XI secolo a.c. ma in un contesto relativo alla II metà del X- prima metà del IX; la datazione di tali frammenti era basata sugli scarsi confronti succitati nel Mediterraneo e la loro presenza in un deposito riferibile ad almeno il secolo successivo veniva giustificata a suo tempo attraverso un fenomeno di tesaurizzazione, abbastanza verosimile per la natura stessa del contesto di rinvenimento. La scoperta del calderone capuano, in un contesto ben datato e chiuso quale il corredo della t. NM1/2005, colma la penuria di testimonianze, offrendosi come prezioso trait d union della classe, poco rappresentata a orizzonti così recenti e che illustra un evoluzione rallentata del tipo tra tarda età del Bronzo e inizi dell età del Ferro. I labili apporti levantini durante la I fase si disvelano anche attraverso un altro reperto ben più recente, quello della t. Cappuccini 95 (fase IB2, fine del IX-inizi dell VIII secolo a.c.). Al suo interno si rileva la presenza di un pendaglio in faïence a forma di scrofa, riconducibile a un tipo presente dalla XXI dinastia in Egitto. In Italia ne sono noti due esemplari, uno conservato al Museo di Asti e uno da Pitigliano. A proposito del secondo si è fatto riferimento a un confronto stringente che proviene dalla t. 1/11 della necropoli di Ain Shems in Palestina. Il numero di orientalia a Capua cresce esponenzialmente a partire dal secondo quarto dell VIII secolo a.c. La loro presenza sembra sollevare numerose questioni spinose e collaterali relative principalmente ai canali di trasmissione, alla loro recezione in ambito indigeno, alla consapevolezza mediata del loro significato originario in chiave escatologica e magico-religiosa, alla possibile autenticità egizia o, più in generale, all individuazione della loro produzione, ai possibili vettori degli oggetti e al ruolo mediatore svolto in ambito coloniale che può avere coinvolto Greci e/o Fenici. Il campione è formato principalmente da scarabei, sebbene non manchino anche scaraboidi, statuine, pendagli, vaghi in faïence più o meno direttamente collegati ai medesimi flussi e provengono tutti da contesti funerari di individui inumati in fossa di sesso femminile, spesso sotto forma di collane composite. La t. Quattordici Ponti 17 ci permette di segnalare un tipo di oggetto esotico molto apprezzato a Capua: il pendaglio d argento con falce lunare e disco solare. Lo stesso tipo si riscontra in tombe capuane coeve o di poco posteriori, caratterizzate da corredi particolarmente ricchi (tt. Fornaci 200 e 1203). Il tipo è presente in Italia a partire dal IX secolo (Tarquinia IA), sebbene il motivo del crescente lunare associato al disco solare abbia origini mesopotamiche ben più antiche. In Fenicia e a Cipro, agli inizi del I millennio, la diffusione di questo motivo con la falce sormontante il disco, e non viceversa, raggiunge una tale diffusione da renderlo elemento distintivo della produzione levantina per cui si è arrivati alla conclusione che non si possa prescindere per questi prodotti da un coinvolgimento di vettori fenici se non addirittura a maestranze straniere in loco, anche per rinvenimenti avvenuti in area greca (Rodi). M. Botto sottolinea tuttavia la penuria di rinvenimenti nel Levante durante l età del Ferro, fase in cui sono maggiormente attestati almeno in Campania: bisogna dunque ipotizzare per l Italia un influsso diretto da Oriente nella fase iniziale dei contatti con i Fenici, che incide particolarmente in area campana, dove la significativa concentrazione di rinvenimenti di alta cronologia coincide con la fase di (pre-)colonizzazione a Pithecusa. La t. 365 presenta uno scarabeo incastonato in un pendente d argento, l unico finora noto a Capua che sembra essere in steatite. La legenda sul retro dello scarabeo presenta segni beneauguranti comuni, due anx che inquadrano un segno p nfr, resi però in modo tale da essere quasi illeggibili. Il supporto in argento poi è da mettere in relazione concettualmente ai pendagli del tipo a falce presenti a Pithecusa, sebbene sia tipologicamente differente, non presentando l usuale rastrematura del modello d ispirazione siro-palestinese per la sospensione ma piuttosto dei perni di filo riavvolto a spirale, soluzione apparentemente locale. CeC 2012: Contextualising early Colonisation Pagina 2

3 Gli scavi del 2011 a S. Tammaro, in un area prospiciente il limite sud della necropoli Cappuccini, hanno restituito altri cinque corredi in cui sono attestati scarabei, ma senza dubbio le due sepolture che spiccano per la presenza di particolari classi di orientalia sono la t. 17 e la t. 64: quest ultima, riferibile alla fase IIA locale (ca a.c.) e ad un individuo di sesso femminile, è quasi paragonabile, per la varietà e ricchezza dei suoi bronzi, alla già citata t. F365 e presenta al suo interno un vago piriforme piumato in faïence, sicura produzione siro-fenicia La t. 17 è invece relativa alla fase IIC avanzata (ca a.c.): a tre fusaiole, due anelli di sospensione, almeno tre tazze capeduncole, un anforetta globulare a solcature verticali, un anfora a corpo espanso si aggiungono un vago globulare in argento e soprattutto due pendagli, uno del tipo a falce, l altro del tipo ellittico semplice: quest ultimo ha castone a fascia, tubicino modanato di sospensione e uscite lanceolate in cui è alloggiato uno scaraboide in ambra. Il prodotto è di probabile produzione campana/etrusca ma trova un diretto modello nei pendagli ellittici di produzione fenicia. Vi è la possibilità anzi che si tratti di un prodotto composito, per cui partite di scarabei in ambra giungono a Ischia o Cuma e qui vengono confezionati poi i pendagli in argento o elettro e, dalle attestazioni, sembra che abbia particolare fortuna in Campania settentrionale, viste le testimonianze di Calatia, Suessula e ora Capua. Accanto, troviamo un altro piccolo pendaglio a falce di tipo canonico fenicio, con terminazioni rastremate, in cui è incastonato uno scarabeo in faience gialla; quest ultimo rientra nell usuale categoria di prodotti tipo Perachora-Lindo con un esergo in cui si possono riconoscere i segni n nb, p nfr, z MAat. La t. Cappuccini 1617 invece propone un altro oggetto apprezzato soprattutto a partire dall Orientalizzante a Capua, una statuina pendaglio di Ptah-Pateco, divinità curotrofica legata al culto menfita 1, sebbene gli amuleti egittizzanti in Italia rappresentino una figura divina pantea che in chiave sincretistica presenta spesso attributi riconducibili anche a Bes e ad altre divinità ricollegabili. Il pendaglio ha numerose varianti, pur trattandosi di una produzione massificata; ha testa abnorme con la presenza sopra il capo dello scarabeo, attributo spesso connesso alla figura del dio-nano anche su un esemplare da Pithecusa e che rappresenta il suo potere creatore, e i suoi tratti sono geometrici e molto stilizzati. Il modello potrebbe essere quello di un esemplare egiziano da Abydo che viene considerato da Hölbl come prototipo di un gruppo di statuine presenti in Italia, di probabile fabbricazione rodia. Altrettanto interessante lo scaraboide in vetro turchese della t. Cappuccini 1623, associato a una kotyle Aetos 666. Il tipo morfologicamente è accostabile a reperti rinvenuti a Cuma, Suessula, Civita Castellana e Veio ed è certamente attribuibile a fabbriche nord-siriane. La legenda presenta un grifo alato con alta egretta con, in alto a destra, il disco solare e sulla sinistra un cartiglio con doppio disco solare. Il tema iconografico diventa comune sugli scarabei in un periodo successivo, almeno da Psammetico I in poi, nella produzione naucratide, ma ci sono anche esempi più antichi. 3. In parallelo alle attestazioni degli orientalia appena visti, a partire dagli inizi dell VIII secolo a.c., si riscontra a Capua una presenza massiccia di ceramica d importazione e imitazione greca. Così come a Pontecagnano, infatti, la ceramica fine di Capua è solo raramente importata dalla Grecia e i due centri forniscono un ventaglio molto simile di forme. Il repertorio della ceramica che adopera forme locali e un sistema decorativo greco è già pienamente formato nel periodo IIA. Un esempio di tali imitazioni può essere rappresentato dal recente rinvenimento a S. Tammaro (t. 9) di una brocchetta con decorazione di tipo euboico TG in un corredo femminile di fase IIB, che trova pieno riscontro in prodotti coevi del centro picentino. Nel caso delle importazioni, i modelli euboici, come è ovvio dato l avvio dell emporio ischitano, la fanno da padrone; pur tuttavia sono attestati prodotti di altra provenienza: si pensi agli skyphoi della t. Fornaci 800, attribuiti da alcuni a fabbriche attiche, a quello rodio-cicladico con decorazione a losanga della t. Fornaci 281, a quello forse attico, sporadico, conservato al Museo Campano di 1 I culti menfiti e del Delta del Nilo sono quelli più noti alle genti fenicie e sono dunque quelli maggiormente diffusi in area mediterranea. Un altro esempio capuano è rappresentato dalla t. Fornaci 695 (ex-697), celebre per la coppa su piede con il Signore dei Cavalli, con uno scarabeo e tre statuine di produzione egizia rappresentanti gli dei menfiti Nefertum e Sekhmet. CeC 2012: Contextualising early Colonisation Pagina 3

4 Capua. Tra i prodotti euboico-cicladici si annoverano invece altri skyphoi a chevrons di tipo classico (Fornaci 1200, IIA iniziale; Fornaci 204, IIC?), lo one-bird skyphos delle tt. Fornaci 248 e Fornaci 1214, il kantharos forse cicladico della t. Fornaci 925 e il più recente rinvenimento della t. 104 di S. Tammaro (inizi fase IIB, a.c.) con uccelli affrontati e campiti a tratteggio, di probabile produzione pithecusana, associato a una tazza capeduncola del tipo più antico (IB-IIA locale). Gli uccelli affrontati sono un tipico motivo del TG euboico e trova confronti generici in Calcide e nelle Cicladi, ma senza dubbio i principali raffronti si possono fare con coppe rinvenute in Campania. Questa varietà trova infatti un parallelo nella coppa della t di Pontecagnano, collocabile agli inizi della fase IIB locale e nel TGIa pithecusano (ca a.c.). Il contesto associativo capuano, cronologicamente alto, sembrerebbe porre l oggetto tra le prime attestazioni del tipo, attorno alla metà dell VIII secolo a.c. Dallo stesso emporio dovrebbero venire le black cups delle tt. Cappuccini Ex-Polveriera 104 e Cappuccini 1649, di nuovo di probabile produzione coloniale. Stupisce la mancanza di coppe a semicerchi penduli, così ben rappresentate sia in Etruria (Veio, Cerveteri) che a Pontecagnano, sebbene in una raccolta privata di Bojano sia documentato un esemplare d incerta provenienza accanto a materiali tipici dell ager Capuanus che potrebbero suggerire una correlazione tra i materiali dell intera collezione e il centro campano. L assenza non può essere imputabile a una penuria di dati nel record archeologico, dato che il campione sembra rappresentativo soprattutto se paragonato a quello numericamente analogo dell altro centro etruscocampano, ricco al contrario di attestazioni del tipo (ben undici esemplari); né può avere significato in termini cronologici, dal momento che a Pontecagnano convivono nello stesso periodo delle coppe a chevrons di tipo classico, presenti a Capua e Cuma nello stesso periodo precoloniale ; la circostanza potrebbe rappresentare un indizio per il riconoscimento di diversi circuiti e di rotte preferenziali per dati vettori, che tagliano fuori la Campania settentrionale (Capua, Cuma) a favore prima della Sardegna e poi della Sicilia, dell area picentina e di quella etrusca (Veio, Cerveteri). A partire dal terzo quarto dell VIII secolo tuttavia il quadro muta leggermente e tra le importazioni si annoverano prodotti di tradizione più marcatamente corinzia: è il caso del kantharos della t. Cappuccini 1688 e la kotyle Aetos 666 della t. Cappuccini 1623 e della t. Fornaci 722, che tuttavia è di probabile produzione pithecusana e la coppa tipo Thapsos della t. Fornaci 492. Già da questa breve panoramica si possono notare due dati significativi connessi fra loro: da una parte la collocazione cronologica e geografica degli esemplari rispecchia due momenti ben distinti nei flussi di prodotti greci; dall altra, il fatto che tali flussi possano avere avuto protagonisti differenti, pur nella generale e univoca selezione dei prodotti recepiti dai ceti emergenti che elegge a status symbol la coppa per bere su tutti gli altri oggetti legati al simposio. Nella maggior parte dei casi, infatti, questi reperti si collocano cronologicamente nella fase IIA, agli esordi della colonizzazione greca in Occidente e del contatto tra Euboici e indigeni (Pithecusa), e nella fase IIC avanzata quando Cuma è già fondata e il ponte Pithecusa-Cuma assume un ruolo dominante nei traffici. Già W. Johannowsky rilevò per Capua uno hiatus tra il periodo precoloniale e protocoloniale, interessato da importazioni prevalentemente euboico-cicladiche e il terzo momento, corrispondente alla fase IIC, dove, secondo lo studioso, erano di nuovo attestate importazioni greche ma di vasi corinzi e pithecusani. Questo intervallo era invece negato da B. d Agostino. In realtà, sembra di poter riconoscere una situazione di compromesso fra le due posizioni: è indubbia infatti la presenza di due flussi distinti fra i due periodi a livello di importazioni, dovuta essenzialmente alla fondazione delle colonie greche, anche se difficilmente si può parlare di hiatus, vista la presenza di prodotti euboico-cicladici (di imitazione?) anche nella fase IIC, dove tuttavia ha un ruolo consistente anche la componente corinzio-pithecusana, al contrario di quanto avviene a Pontecagnano. 4. Dopo questa disamina, è utile cercare di porre l attenzione su ciò che questo campione suggerisce riguardo ai canali di trasmissione-mediazione culturale e conseguente recezione in ambito indigeno CeC 2012: Contextualising early Colonisation Pagina 4

5 e all individuazione dei vettori e della mediazione commerciale da un punto di vista diacronico e sincronico. Schematizzando in maniera un po meccanicistica, è possibile riconoscere quattro momenti nei rapporti Capua/mondo greco e levantino: un primo, in cui isolate attestazioni giungono indirettamente nel centro campano, forse per via meridionale, e si caratterizzano come agalmata il cui valore intrinseco è ancillare a quello estrinseco: nelle rade attestazioni di IX secolo sembra avere un certo peso la mediazione cipriota 2, un evidenza già riscontrata riguardo ai primi prodotti d importazione nella Penisola e in particolare in Calabria. Un secondo momento, agli esordi dell VIII secolo, che, per dirla secondo le parole di D. Ridgway, è di mobilità ed espansione generale in cui i contatti non sono sistematici e articolati e potrebbero essere dovuti non solo a mercanti o esploratori greci ma anche a vettori estranei al mondo greco, per lo più Fenici, veicoli di modelli acculturativi e materiali sia greci che levantini. Una terza fase protocoloniale che rappresenta il momento delle prime fondazioni greche in Occidente (Pithecusa, Cuma) che vede la supremazia euboica negli scambi con la penisola, insieme alla già consolidata presenza fenicia, che porta a Pithecusa alla nascita di una comunità mista. Infine un quarto momento pienamente coloniale in cui la componente corinzia si fonde e in parte si sostituisce a quella euboica, nel decennio successivo all acquisizione dello scalo, cruciale in termini commerciali, di Corcyra ( a.c.) 3 : inizia la colonizzazione in Sicilia e in Calabria e avviene la conquista assira di Hama che interrompe bruscamente il ponte ideale tra Oriente e Occidente che univa Pithecusa ad Al-Mina. Naturalmente si tratta di una schematizzazione che non dà giustizia di un panorama ben più articolato, di cui i Greci non sono esclusivi protagonisti e dove non esistono priorità etniche, che tuttavia permette una scansione diacronica di momenti che non sono in ogni caso così ben definibili. Se per gli ultimi due momenti individuati, proprio perché chiusi in un sistema controllato in termini politici, è più facile riconoscere le componenti in gioco, più eterogenea è la situazione dialettica tra Greci e Indigeni durante i primi due, dove altre componenti (cicladiche, attiche, cipriote, fenicie, nord-siriane), oltre a quella euboica, hanno avuto senza dubbio un ruolo non secondario, proprio perché si tratta di una fase non sistematizzata in termini commerciali. Queste considerazioni sono naturalmente basate sulle tracce lasciate dalla cultura materiale e in particolare sulla ceramica d importazione, che seleziona quasi esclusivamente forme legate al consumo alla greca del vino e che si trova spesso associata ad altre importazioni, in primis gli orientalia visti in precedenza, il cui messaggio magico-religioso doveva essere ben chiaro alle comunità locali. 2 Nell isola di Cipro, a partire dall 850 a.c., il ruolo commerciale euboico e fenicio non è scindibile in maniera così deterministica. Certamente deve essere stata una base commerciale rilevante nella trasmissione di alcuni prodotti greci e levantini in Italia fino almeno alla fine del IX secolo a.c.: un indizio può essere riconosciuto nel calderone della t. NM1/2005 e negli aegyptiaca siriano-palestinesi delle tt. Cp95 e Cp126, collocabili ancora tra la fase IB2 avanzata-iia iniziale di Capua, per cui tuttavia è difficile, e forse privo di significato, riconoscere vettori specifici. 3 Il quadro stilato di attestazioni concernenti la prima produzione corinzia in ambito capuano suggerisce un diverso legame tra Capua e Pithecusa/Cuma rispetto al distretto picentino, in cui permane pressoché esclusiva la tradizione euboica TG. C. Dehl aveva sottolineato a suo tempo che la diffusione dei prodotti TG corinzi tradiva un diverso carattere dei rapporti euboici e corinzi con l Occidente, più strettamente connessa alla fondazione delle prime colonie greche, a fronte di un periodo precedente in cui i contatti erano favoriti dalle città euboiche di Calcide ed Eretria e da Atene, ma non da Corinto. CeC 2012: Contextualising early Colonisation Pagina 5

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro

Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro nell antichità di PAVLOS FLUORENTZOS, Direttore del Dipartimento delle Antichità di Cipro Cipro è divenuta indipendente dal 1960, eppure la sua storia e la sua cultura risalgono a circa 12000 anni

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Testo originale Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Concluso il 20 ottobre 2006 Entrato in vigore mediante

Dettagli

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè:

La f(x) dovrà rimanere all interno di questo intorno quando la x è all interno di un intorno di x 0, cioè I(x 0 ), cioè: 1 Limiti Roberto Petroni, 2011 Possiamo introdurre intuitivamente il concetto di limite dicendo che quanto più la x si avvicina ad un dato valore x 0 tanto più la f(x) si avvicina ad un valore l detto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE.

Tegola portoghese in cotto AA OMEGA 10. Tegole e coppi in cotto. IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola portoghese in cotto AA IMERYS Toiture PER VOI, LA SCELTA MIGLIORE. Tegola di punta nella gamma Imerys-copertura, la sua onda molto pronunciata offre un compromesso ideale per i clienti alla ricerca

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli