Il Lazio dai Colli Albani ai Monti Lepini tra preistoria ed età moderna a cura di Luciana Drago Troccoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Lazio dai Colli Albani ai Monti Lepini tra preistoria ed età moderna a cura di Luciana Drago Troccoli"

Transcript

1 Il Lazio dai Colli Albani ai Monti Lepini tra preistoria ed età moderna a cura di Luciana Drago Troccoli estratto Edizioni Quasar

2 ISBN Roma 2009, Edizioni Quasar di Severino Tognon s.r.l. via Ajaccio 41-43, Roma tel , fax

3 Daniele Federico Maras Caratteri dell epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale La documentazione epigrafica del Lazio meridionale al di fuori di Roma precedente la fine del V sec. a.c. è piuttosto ridotta e si può affermare che, salvo un paio di eccezioni, comprende esclusivamente iscrizioni in grafia latina, anche quando si tratta di documenti di lingue diverse dal latino, come l ernico o l aurunco. Il materiale a tutt oggi edito compone un breve corpus epigrafico, che in appendice si riassume per comodità in ordine cronologico: le eccezioni al modello alfabetico latino sono costituite dall accettina di Satricum (D.1), unico documento della scrittura nazionale volsca derivante da modelli paleo-umbri, e da un iscrizione pre-sannitica forse proveniente da Cassino (C.2), che evidentemente si rifà alla scrittura etrusca della Campania settentrionale. In un recente lavoro chi scrive ha avuto modo di confrontare l intero materiale epigrafico a disposizione per il latino in epoca arcaica, analizzando la distribuzione cronologica e geografica dei segni e delle varianti utilizzati nelle diverse iscrizioni, in modo da ricostruire un evoluzione interna al modello alfabetico tra VII e V sec. a.c., che di volta in volta presenta caratteri influenzati dalla scrittura etrusca, da quelle in uso nell Italia centro-orientale e infine da quella greca. Varianti grafiche in uso nella scrittura latina nel corso del VI sec. a.c. (modello alfabetico teorico latino arcaico) (varianti grafiche attestate solo a Roma) (varianti grafiche attestate solo al di fuori di Roma) trascrizione A B C D E F/V H I K L M N O P Q R S T U X valore fonetico a b k/g d e f/ụ h i k l m n o p q r s t u ks Sul modello alfabetico etrusco originario si innestano tra la fine del VII e l inizio del VI secolo elementi grafici in uso a Caere e soprattutto a Veio, tra i quali l uso del digamma per la semivocale /ụ/, l adozione del segno a croce in funzione di sibilante (sia pure composita: /ks/), la forma di alcune lettere come S a quattro tratti e P ad occhiello 1. Per quanto riguarda il primo degli elementi qui elencati, è senz altro significativo che l unica attestazione a Roma del digamma in epoca arcaica, quella del vaso di Duenos, sia già in funzione di F, nonostante l antichità del documento; 1 Cfr. Attenni, Maras 2004, pp

4 432 D.F. Maras il dato concorda con l uso contemporaneo della U in funzione ambivalente 2 come vocale e semivocale esclusivo a Roma tra VI e V secolo 3 e diffuso ampiamente nel resto del Lazio 4. Il dato sembra quindi evidenziare la tendenza della scrittura di Roma ad assumere caratteristiche proprie, selezionando più strettamente quali segni utilizzare e quali valori attribuire loro 5 ; è probabile che anche altri centri dotati di autonomia e vivacità culturale 6 abbiano effettuato proprie scelte indipendenti e caratterizzanti dal punto di vista pratico, ma la documentazione a disposizione, di gran lunga più ampia a Roma che nel resto del Lazio, non consente di riconoscere distinzioni, soprattutto per l epoca più antica 7. L ipotesi di lavoro merita però di essere vagliata in considerazione degli ulteriori sviluppi dell epigrafia arcaica del Lazio meridionale e tenendo d occhio la situazione a un tempo privilegiata e differente di Roma. In merito alla funzione del digamma, al di fuori di Roma il valore di /f/ è confermato nella seconda metà del VI sec. a.c. dalla base di Tivoli (A.9: fileod) e nella prima metà del V dall ara di Corcolle (A.17: fra[---]), mentre la scelta tradizionale del valore semivocalico si ha in un graffito dall Acqua Acetosa Laurentina della seconda metà del VI secolo (A.10: karkavaios) e nell iscrizione della foce del Garigliano di fine VI-inizio V secolo (A.14: trivoial) 8. Per converso il digramma HV è documentato nella scrittura ernica dall iscrizione di Anagni (B.2: hvidas) 9 e forse in area aurunca dalla prima epigrafe della coppa del Garigliano (C.1: ahuidies) 10. L oscillazione in atto per tutto il VI secolo dimostra che la completa diffusione del sistema scrittorio con F = /f/ nelle scritture del Lazio è un fatto compiuto al più presto a partire dal V secolo, lasciando aperta la possibilità di attardamenti in zone più conservatrici. Passando agli aspetti grafici della scrittura latina, nel corso del VI sec. a.c. quattro diverse attestazioni dimostrano come siano state recepite alcune tendenze grafiche delle scritture italiche centro-orientali, facenti capo ad un modello paleo-umbro/sabino e rappresentate nel Lazio dall iscrizione dell accettina di Satricum (D.1). L aspetto più vistoso di tali tendenze è la caratteristica di capovolgere alcune lettere, con particolare riguardo a quelle dotate di un apice in alto (L, M, N, U) 11. Il fenomeno è noto nel caso della base di Tivoli (A.9), dove si accompagna alla peculiare forma di O ridotta a un punto di evidente matrice paleo-umbra, ma anche nel vasetto di Ardea (A.11), nei due testi della coppa del Garigliano (A.14 e C.1) e nell alfabetario di Lanuvio (A.13), cui si aggiunge l iscrizione ernica di Anagni (B.2), che utilizza il medesimo modello alfabetico 12. L unica attestazione finora nota che scenda nella prima metà del V secolo è quella dell ara di Corcolle (A.17), le cui difficoltà oggettive di lettura non sembrano consentire certezze. Anche in questo caso è senz altro significativa l assenza di esempi romani di simili influenze italiche orientali, soprattutto in considerazione delle occorrenze sull altra sponda del Tevere in ambito epigrafico etrusco 13. Viceversa, la cronologia e la distribuzione delle attestazioni nel Lazio meridionale (Tivoli e Ardea alla seconda metà del VI secolo; Lanuvio-Anagni e il Garigliano a cavallo tra VI e V secolo) può assumere un valore indicativo in considerazione della presenza volsca nella regione, che ha condotto con sé caratteri culturali provenienti dall area umbro-sabina della media valle del Tevere Attenni, Maras 2004., p. 76, nota Cfr. Maras 2009, nn. 21 (uis), 24 (ọuouios), 26 ([---] ua[---]), 34 ([---]uar[---]), 47 ([---] uep[---]) e 43 (si ua[---]), le prime cinque corrispondenti rispettivamente a Colonna 1980a, nn. 10, 13, 14, 4 e 3. 4 Si veda il caso di un frustulo da Satricum (A.3: [---]adeua[---]), già nella prima metà del VII sec. a.c., ma anche le olle di Osteria dell Osa (A.4: saluetod) e di Cerveteri (A.5: uendias), nonché il vasetto di Ardea (A.11: kauiaios) e il Lapis Satricanus (A.15: ualesiosio). 5 La ricostruzione qui proposta segue il modello dell ipotesi (cro no)logica n. 1 di Prosdocimi 1979b, p In realtà, fino a prova contraria non è detto che a Roma sia mai stato utilizzato il digamma semplice in funzione di /ụ/ ovvero il digramma vh in funzione di /f/; ma non si può dubitare che nel sistema scrittorio etrusco meridionale da cui deriva quello latino alto-arcaico sussistesse una tale assegnazione di valori fonetici ai segni grafici. 6 Ad esempio Praeneste, i cui rapporti con Caere sono strettissimi fin dall età orientalizzante, ma la cui documentazione epigrafica arcaica si limita alla fibula prenestina e al graffito vetusia (A.1-2). 7 Cfr. già Cristofani 1982, p. 32; Cristofani 1993, p. 26 sgg.; Cristofani 1996, p Nonostante la lettura alternativa trifosad (proposta da De Simone 1996, p , e da Vine 1998, p. 261, e ora ribadita in De Simone 2006), smentita dall autopsia per quanto riguarda la supposta S e la D finale; cfr. Mancini 2003, pp , e Maras 2005, p. 38, nota 18. Per un diverso inquadramento ed interpretazione di tale iscrizione, vedi Morandi 2009b e il contributo di A. Morandi in questo volume. 9 Cfr. Colonna 1997, pp Cfr. Maras 2005, pp (con bibliografia). 11 Il capovolgimento è cosa diversa dall uso di lettere retrograde, al quale più propriamente appartiene la N, che connota già l antichissima iscrizione di Osteria dell Osa, secondo la suggestiva lettura proposta da G. Colonna (vedi nota 40). 12 Cfr. Attenni, Maras 2004, p. 75 sgg. 13 Vedi alcuni esempi in Attenni, Maras 2004, p. 72, nota L assenza di lettere capovolte nelle iscrizioni satricane arcaiche è facilmente spiegabile in due casi con la cronologia alta (A.3 e A.7, rispettivamente della prima metà del VII e del secondo quarto del VI sec. a.c.), nel terzo caso con l ufficialità di un epigrafe lapidaria (A.15, il Lapis Satricanus).

5 Caratteri dell epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale 433 L influenza della scrittura greca su quella latina è per molti versi meno evidente, ma più significativa e duratura, dal momento che ha comportato l adozione del ductus destrorso in voluta contrapposizione con la scelta contraria della scrittura etrusca 15. La sporadica apparizione di iscrizioni retrograde dura a Roma come nel Lazio fino a tutto il VI secolo, ma non sembra indicare una vera e propria resistenza in chiave conservatrice; è semmai significativo che nelle epigrafi su instrumentum si osservi fin dall inizio una certa indifferenza alla direzione della scrittura. Un altro prestito greco di una certa importanza è quello della M a quattro tratti, che decreta il definitivo abbandono del modello alfabetico etrusco, con la conseguente libertà di usare la forma del tsade prima come variante e poi per sostituire il my a cinque tratti 16. Il nuovo segno viene rapidamente accolto in tutta la regione e subisce il fenomeno del capovolgimento a Lanuvio e nell ernica Anagni, similmente a quanto si osservava nelle arcaiche iscrizioni paleo-sabelliche 17 e già nel VII secolo nell iscrizione capenate del Ferrone della Tolfa, dove però il segno è ruotato di soli Alla fine del VI secolo è verosimilmente da attribuire a Roma l adozione della R con accenno della seconda gamba, proveniente da un modello greco coloniale mediato da Cuma 19, che prelude all evoluzione nella R a doppio codolo compiuta al più tardi al principio del IV sec. a.c. 20. Le più antiche attestazioni del tipo vengono infatti dalla città e si datano alla fine del VI sec. a.c. 21, ma restano in concorrenza con il normale tipo ad occhiello chiuso fino alla prima metà del V secolo (A.13, A.14, A.15, A ) e occorre aspettare la fine del secolo se non l inizio del successivo per averne un esempio dal Lazio meridionale (A.18, dai dintorni di Signia). Il motivo contingente dell innovazione era la necessità di distinguere la forma della R, fino ad allora ad occhiello chiuso, da quella della P ad occhiello aperto, che nella seconda metà del VI secolo aveva perso la sua forma angolosa arcaica 23 per assumerne una arrotondata. Nella più antica attestazione, nella base di Tivoli, si è ovviato alla difficoltà eliminando il codolo della P 24 ; le altre tre occorrenze extra-urbane fino allo scorcio del secolo hanno l occhiello ancora relativamente aperto 25 ; l unico caso arcaico di P a occhiello dall area urbana la nuova iscrizione dall area dell Equus Domitiani 26 databile tra la fine del VI e l inizio del V sec. a.c. convive con il nuovo tipo di R. Al medesimo scopo di distinzione grafica tra i due segni si presta un altra innovazione della scrittura di Roma, destinata ad un effimero successo locale: infatti, a parte l unico caso di P a occhiello cui si è accennato, le iscrizioni romane tra la seconda metà del VI e tutto il V sec. a.c. conoscono unicamente le varianti della P ad uncino curvo 27 o rettilineo 28. Più che ad una scelta grafica etruschizzante 29, si può pensare in questo caso ad un recupero di una variante (semi)abbandonata 30 per meglio differenziare la lettera dalla R a occhiello chiuso, obbedendo ad un esigenza che viene meno una volta introdotta la R a doppio codolo, non prima della fine del V secolo. Un ulteriore novità grafica della scrittura di Roma, destinata però ad una fortuna assai maggiore nella scrittura di IV e III sec. a.c., è la A a bandiera, con la traversa disarticolata in basso che in un primo tempo assume un andamento discendente, coerentemente con la maggior parte delle varianti alto-arcaiche 31, per poi attestarsi sul tipo ascendente diffuso anche in epoca recente Cfr. Colonna 1980a, p La prima attestazione accertata è quella di un graffito frammentario dal Palatino, datato al terzo quarto del VI sec. a.c. (Maras 2009, n. 29; cfr. P. Brocato, in REI LX, 1994, p. 301 sgg.); il segno è forse ravvisabile anche nella base di Tivoli, come variante del my a cinque tratti retrogrado in due casi su tre (fig. 1). 17 Per esempio nel cippo di Cures, su cui cfr. Marinetti 1999, pp , RI L osservazione permette di riconoscere in via ipotetica che nella trasmissione della M a quattro tratti potrebbero non essere estranei i caratteri italici orientali notati nell epigrafia latina arcaica, o che perlomeno l influenza italica abbia potuto facilitare l accoglimento della riforma ellenizzante. 19 Cfr. l iscrizione greca della tomba 32 di Nocera, di metà VI sec. a.c. (G. Colonna, in REI XLII, 1974, p. 379 sgg.), e le due provenienti da una tomba infantile di Massa Lubrense, della fine del secolo (Zancani Montuoro 1983, pp ). Da ultimi sulle tre iscrizioni, cfr. D Agostino, Cerchiai 2004, pp Se non alla fine del secolo precedente, secondo la cronologia alta di alcuni specchi prenestini proposta da Pfister-Roesgen 1975, pp , , tav. 64 sgg.; vedi però contra Emmanuel-Rebuffat 1997, p. 36, n. 7, p. 39, n Maras 2009, nn. 31 (= Fortini 2005) e 37 (= Colonna 1980a, n. 11). 22 Cui si aggiungono a Roma i due frustuli in Maras 2009, nn. 34 (= Colonna 1980a, n. 4) e 36 (= Pensabene et alii 2000, p. 226 sg., n. 132), databili alla fine del VI sec. a.c. 23 Attestata ancora nel dolio di Satricum (A.7) del secondo quarto del VI sec. a.c. 24 L apografo a fig. 1, derivante da un esame autoptico da parte di chi scrive, evidenzia come la superficie della base tufacea sia costellata di imperfezioni e fori, spesso di forma circolare, che ostacolano il riconoscimento dei segni e del loro tracciato; nella fattispecie un forellino circolare sembra chiudere l occhiello della P conferendole una forma pressoché circolare: se lo si espunge si ottiene una forma ad occhiello aperto priva del codolo. 25 Si tratta della dedica di Lavinium (A.12), dell alfabetario di Lanuvio (A.13) e del Lapis Satricanus (A.15). 26 Maras 2009, n. 31 (= Fortini 2005). 27 Maras 2009, nn. 41 (= Pensabene et alii 2000, p. 226, n. 131) e 47, 52, 53 (= rispettivamente Colonna 1980a, nn. 3, 24 a-b). 28 Maras 2009, nn. 44, 50 (= Colonna 1980a, nn. 30, 17 b). 29 Cfr. Colonna 1980a, p Ma utilizzata al principio del VI sec. a.c. nella grafia ufficiale del cippo del Foro (Maras 2009, n. 9). 31 Maras 2009, nn. 8 (= G. Colonna, in REI LXI, 1995, p. 347 sgg.) e 28 (= Pensabene et alii 2000, p. 213, n. 91). 32 Maras 2009, nn. 51 a, 52, 56, 58 (= rispettivamente Colonna 1980a, nn. 37, 24 e 17 a, f), (= Pensabene et alii 2000, p. 217, n. 103, e p. 220, n. 114).

6 434 D.F. Maras La diffusione del segno all esterno di Roma risale al più presto alla fine del V secolo, assieme a quella della R con accenno della seconda gamba, come documenta il graffito dell ager Signinus, vero esempio di epigrafia romana nel Lazio meridionale a dimostrazione del prestigio ormai acquisito del modello grafico urbano, destinato a diffondersi universalmente nella scrittura latina. Da un argumentum e silentio si può forse ricavare un ultima innovazione della scrittura di Roma, che ha avuto un seguito solo parziale nell epigrafia recenziore: dall analisi delle occorrenze delle velari salta agli occhi l assenza di attestazioni del K a Roma dopo quelle assai antiche del vaso di Duenos e del cippo del Foro, che almeno in parte obbediscono ancora alla norma etrusco-meridionale delle velari 33 salvo l uso del gamma anche in funzione di velare sonora. A tale osservazione, che prelude all abbandono quasi totale della lettera nella scrittura latina recente, si aggiunge l assenza di occorrenze di Q, anche nei pochi casi in cui lo si sarebbe atteso, come di fronte a U (e a O) 34. Si direbbe che la Roma della seconda metà del VI secolo abbia seguito l esempio dei centri dell Etruria meridionale, selezionando il solo gamma per la notazione della velare sorda; la documentazione a disposizione è troppo ridotta per poter confermare tale ipotesi, ma una tendenza a modificare o semplificare il complesso sistema arcaico delle velari sembra sottesa anche alle attestazioni del Lazio meridionale. La corretta applicazione della norma ortografica etrusca arcaica si ha solo nell iscrizione di Ardea (A.11) e in uno dei graffiti dell Acqua Acetosa Laurentina (A.10), ma in entrambi i casi non è dato sapere se fosse in uso anche la C e in che funzione 35. Una prima deviazione si riscontra già nella base di Tivoli (A.9) della seconda metà del VI secolo, con la voce onomastica sqetios, che è stata efficacemente confrontata con la coeva attestazione etrusca di Roma di silqetenas nella tessera hospitalis di Sant Omobono 36, dimostrando come la variazione sia inquadrabile ancora nel modello etrusco. Uso esclusivo della C per la velare sorda (ed evidentemente anche per quella sonora) si ha nell iscrizione del dolio di Satricum (A.7), che anche per l aspetto grafico concorda pienamente con gli usi epigrafici di Roma 37. Una vera anticipazione dell uso recente è documentata invece dalla dedica di Lavinium, in cui la C vale come velare sorda di fronte ad A, mentre l uso di Q è limitato alla sola posizione di fronte a U, tanto da forzare l aggiunta di una /u/ non etimologica nella sequenza finale di podlouquei (dativo < Πολυδεύκης, etrusco pultuce) 38. Infine, un uso esclusivo di K è documentato invece nel lungo testo dalla foce del Garigliano (A.14), dove la lettera compare tanto di fronte ad O (kom) quanto di fronte a I (sokiois), dimostrando una tendenza di semplificazione opposta a quella romana ed etrusca e accostabile semmai al modello greco 39. A conclusione di questa breve disamina, si può affermare che alcune grandi linee della diffusione della scrittura nel Lazio arcaico si sono andate tracciando, anche se ancora molto resta da chiarire in attesa che nuove scoperte forniscano materiale adeguato. Di scritture latine tra loro relativamente indipendenti, pur nella sostanziale uniformità del modello alfabetico e del sistema scrittorio, si può parlare ancora per tutto il VI sec. a.c.; non si osservano ambienti particolarmente conservatori di fronte alle innovazioni, ma le caratteristiche della scrittura variano in quasi ogni sito. Le principali novità grafiche e scrittorie o meglio quelle che avranno un maggiore seguito si riscontrano nel corso del tempo a Roma; il prestigio del modello romano, alle cui spalle stanno la tradizione scrittoria etrusca meridionale e la lezione greca coloniale, resta forte anche quando le esigenze della lingua richiederebbero un modello più coerente: è il caso ad esempio del sistema delle velari, che mantiene l ambiguità di C in funzione di /k/ e /g/, anche quando esisteva una tradizione alternativa che destinava il solo K alla velare sorda. Per finire, se l influenza della scrittura greca e di quella etrusca fa presa prima e più saldamente a Roma che altrove, al contrario le tendenze grafiche di matrice italica orientale restano confinate ai centri del Lazio meridionale e sono destinate ad una breve durata, non oltrepassando a quanto pare la metà del V sec. a.c. 33 Cfr. Prosdocimi 1979a, pp , e Poccetti, Lazzarini 2001, p Maras 2009, nn (= Colonna 1980a, n. 24 a-b: pacua), cui si aggiunge la n. 22 (= Pensabene et alii 2000, p. 198, n. 1: eco), che però potrebbe dipendere dall uso in funzione di /g/, come in A.8 da Ficana (eco). 35 Conforme alla norma è anche l uso del K per l unica velare dell iscrizione di Anagni (B.2: kait[---]); ma in effetti il segno potrebbe anche essere l unico utilizzato nella scrittura ernica (cfr. il frustulo B.1 della seconda metà del VII sec. a.c.), né aiuta il confronto con l alfabetario latino affine di Lanuvio (A.13), che conosce K e Q, ma non permette di verificarne l uso. 36 Cfr. Prosdocimi 1979b, p La O aperta in basso, che finora non è stata mai ritrovata a Roma, è una variante occasionale di poca rilevanza; cfr. Maras 2009, p. 110, nota L aggiunta di U a sancire il valore labiovelare di Q può forse aiutare a comprendere il perché di una grafia come sqetios nella base di Tivoli (A.9). 39 Si consideri che presumibilmente tale scelta lasciava libera la C per la velare sonora.

7 Caratteri dell epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale 435 Appendice. Corpus epigrafico del Lazio meridionale arcaico A) Iscrizioni latine 40 A.1. Palestrina, prima metà del VII sec. a.c., fibula d oro. Iscrizione incisa lungo la staffa con ductus sinistrorso 41 : manios med vhe:vhaked numasioi (n. 1) 42 A.2. Palestrina, prima metà del VII sec. a.c., coppa d argento. Iscrizione incisa sulla parete esterna con ductus sinistrorso: vetusia (n. 2) 43 A.3. Satricum, prima metà del VII sec. a.c., frammento di anforetta di impasto rosso-bruno. Iscrizione graffita a rovescio sulla parete esterna in prossimità della base: [---]adeua[---] (n. 3) 44 A.4. Osteria dell Osa, seconda metà del VII sec. a.c., olla di impasto rosso. Iscrizione graffita sulla parete esterna: saluetod tita (n. 4) 45 A.5. Cerveteri, ultimo quarto del VII sec. a.c., olla di impasto. Iscrizione graffita sulla parete esterna: eco urna tita uendias mamar[---]ẹd vhẹ[---] (n. 6) 46 A.6. Acqua Acetosa Laurentina, prima metà del VI sec. a.c., tegola frammentaria di impasto rosso. Iscrizione incisa a crudo sul piano superiore con ductus sinistrorso: [---] tartis po[---] (n. 11) 47 A.7. Satricum, secondo quarto del VI sec. a.c., dolio frammentario di impasto. Due iscrizioni graffite dopo la cottura sulla parete con ductus sinistrorso e nel primo caso con andamento serpentino: aeia mamarcom placiom b ḷoucịoṣ [---] (n. 14) 48 A.8. Ficana, VI sec. a.c., vaso frammentario di bucchero. Iscrizione graffita sulla parete esterna: eco f. [---] (n. 12) 49 A.9. Tivoli, seconda metà del VI sec. a.c., base di donario in tufo. Iscrizione scolpita sulla fronte con ductus bustrofedico ed andamento a spirale (fig. 1): hoi m/ed mitat kauio/[---]ṇ/onio sqetios d/oṇo/m pro fileo/d (n. 27) 50 A.10. Acqua Acetosa Laurentina, seconda metà del VI sec. a.c., coppa di bucchero. Iscrizione graffita sulla parete esterna: karkavaios (n. 18) 51 A.11. Ardea, seconda metà del VI sec. a.c., vaso frammentario di bucchero. Iscrizione graffita sotto il piede: eqo kauiaios (n. 33) 52 A.12. Lavinium, seconda metà del VI sec. a.c., laminetta bronzea. Iscrizione incisa su due righe con ductus sinistrorso: 1castorei : podlouqueiq/ue 2 qurois (n. 40) 53 A.13. Lanuvio, ultimo quarto del VI sec. a.c., coppa di bucchero frammentaria. Iscrizione graffita sotto il fondo dopo la cottura con ductus sinistrorso (fig. 2): [a b c d e f z h i] ḳ l m n o p q r s t u x (n. 42) Cfr. Colonna 1980a, pp ; Maras 2009 (i numeri corrispondenti a ciascuna iscrizione sono qui riportati tra parentesi in fondo alle brevi schede di catalogo), con ulteriore bibliografia, tra cui si segnalano Urbanovà 1999 e Mancini Nel novero delle iscrizioni latine non è stata inclusa l antichissima epigrafe di Osteria dell Osa, recentemente rivendicata al latino da G. Colonna (in Oriente e Occidente 2005, pp ), poiché distinta dal resto del corpus per l alta cronologia e per le particolarità grafiche, ancora legate ai primordi della scrittura epigrafica in Italia. Per nuove testimonianze epigrafiche arcaiche dal santuario delle Stimmate a Velletri, si veda il contributo di A. Morandi in questo volume. 41 Quando non indicato diversamente il ductus è sempre destrorso. 42 CIL I, n. 3; Hartmann 2005, p. 67 sgg. 43 Pandolfini, Prosdocimi 1990, p. 234 sgg.; Hartmann 2005, p. 37 sgg. 44 A.J. Beijer, G. Colonna, in REI LVIII, 1992, p. 316 sgg.; Hartmann 2005, pp Colonna 1980b, p. 51 sgg.; Hartmann 2005, pp Hartmann 2005, pp Si inserisce nel corpus per ragioni di completezza anche questa testimonianza dell epigrafia latina extraurbana, sebbene non proveniente dal Lazio meridionale. 47 CIL I, n. 2902, d; Colonna 1980a, p. 64, n. 31; Hartmann 2005, pp Colonna, Gnade 2003, p. 1 sgg. 49 CIL I, n. 2917, c; Colonna 1980a, p. 65, n. 35; Hartmann 2005, pp CIL I, n. 2658; Hartmann 2005, pp CIL I, n. 2917, a; Colonna 1980a, p. 64 sg., n. 32; Hartmann 2005, pp CIL I, n. 474; Colonna 1980a, p. 66, n. 36; Hartmann 2005, pp CIL I, n. 2833; Hartmann 2005, pp Attenni, Maras 2004, p. 68 sgg.

8 436 D.F. Maras Fig. 1 Tivoli, base di donario di tufo. Apografo dell iscrizione (A.9). Fig. 2 Lanuvio, coppa di bucchero. Apografo dell alfabetario (A.13). A.14. Foce del Garigliano, fine del VI-inizio del V sec. a.c., coppa di impasto (cfr. C.1). Iscrizione graffita dopo la cottura all interno della vasca (fig. 3): b, 1esom kom meois sokiois trivoial deom duo. 2 [-(-)] nei 3 pari med (n. 32) 55 A.15. Satricum, fine del VI-inizio del V sec. a.c., base di donario in pietra. Iscrizione scolpita sulla fronte su due righe: 2[---] ei steterai popliosio ualesiosio 2 suodales mamartei (n. 35) 56 A.16. Acqua Acetosa Laurentina, prima metà del V sec. a.c., olpetta di ceramica depurata acroma. Iscrizione graffita sotto l orlo: manias (n. 46) 57 A.17. Corcolle, prima metà del V sec. a.c., altare modanato frammentario di tufo. Iscrizione scolpita su almeno quattro righe sull echino 58 (n. 49) 59 A.18. Ager Signinus, loc. Crepadosso, fine del V-inizio del IV sec. a.c., coppetta frammentaria di ceramica depurata acroma. Iscrizione graffita dopo la cottura sul fondo interno: ṃorai eso[m] (n. 61) 60 B) Iscrizioni erniche 61 B.1. Anagni, seconda metà del VII sec. a.c., vaso di forma chiusa di impasto bruno. Iscrizione graffita sulla parete esterna: [---]ḍekṃ[---] B.2. Anagni, fine del VI-inizio del V sec. a.c., olletta globulare di impasto grigio. Iscrizione incisa prima della cottura sulla spalla del vaso con ductus sinistrorso: [---]ṃatas udmom ni hvidas ni kait[---] C) Iscrizioni pre-sannitiche 62 C.1. Foce del Garigliano, fine del VI-inizio del V sec. a.c., coppa di impasto (cfr. A.14). Iscrizione graffita a crudo sulla parete esterna (fig. 3): ahuidies 55 Cristofani 1996, p. 9 sgg.; Maras 2005, p. 33 sgg.; Hartmann 2005, pp ; Morandi 2009b; A. Morandi in questo volume. 56 CIL I, n. 2832, a; Colonna 1980a, p. 41 sgg.; Hartmann 2005, pp CIL I, n. 2917, b; Colonna 1980a, p. 65, n. 33; Hartmann 2005, pp Per la difficile trascrizione del lungo testo, su cui gravano ancora dubbi di lettura e di interpretazione, cfr. Prosdocimi 1979a, pp ; Vine CIL I, n. 2833, a; Hartmann 2005, pp G. Colonna, in REI LX, 1994, p. 298 sgg.; Hartmann 2005, pp Cfr. Colonna, Gatti 1992; Colonna 1997, pp Cfr. Cristofani 1996, pp , 33-35; Maras 2005, pp , 41, nota 30.

9 Caratteri dell epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale 437 Fig. 4 Satricum, accetta miniaturistica di piombo. Fotografia e apografo dell iscrizione (D.1). Fig. 3 Foce del Garigliano, coppa d impasto. Apografo delle iscrizioni (A.14 e C.1). C.2. Cassino (?), prima metà del V sec. a.c., coppa a vernice nera. Iscrizione graffita a rovescio dopo la cottura sulla parete esterna con ductus sinistrorso: minaqeis D) Iscrizioni volsche 63 D.1. Satricum, prima metà del V sec. a.c., accetta miniaturistica di piombo. Iscrizione incisa a freddo su un lato dell accetta (fig. 4 a-b) 64 : iúkúí : ko : efi ei 63 Cfr. Colonna 1997, pp , Rocca 1997, pp (con bibliografia). Si veda anche Morandi 2009a e lo specifico contributo di A. Morandi in questo volume. 64 Il nuovo apografo autoptico presentato alla fig. 4, che riconosce una soluzione di continuità tra l asta della E e l «uncino arcuato» che la sovrasta, potrebbe indicare che si tratti della correzione di una svista, piuttosto che di una legatura (cfr. Colonna 1997, p. 11). Il segno aggiunto può essere effettivamente una L capovolta, come propone G. Colonna confortato dalla verosimiglianza della lettura efilei, ma non possono escludersi altre letture.

10 438 D.F. Maras Bibliografia Attenni, Maras 2004: L. Attenni, D.F. Maras, Materiali arcaici dalla collezione Dionigi di Lanuvio ed il più antico alfabetario latino, in StEtr LXX, 2004, pp Colonna 1976: G. Colonna, Il sistema alfabetico, in L etrusco arcaico, Atti del colloquio, Firenze 1974, Firenze 1976, pp Colonna 1980a: G. Colonna, L aspetto epigrafico, in Lapis Satricanus, s-gravenhage 1980, pp Colonna 1980b: G. Colonna, Graeco more bibere: l iscrizione della tomba 115 dell Osteria dell Osa, in Archeologia Laziale III, QuadAEI 4, 1980, pp Colonna 1997: G. Colonna, Appunti su Ernici e Volsci, in Nomen Latinum 1997, 2, pp Colonna, Gatti 1992: G. Colonna, S. Gatti, Anagni. Iscrizioni in dialetto ernico, in StEtr LVIII, 1992, pp Colonna, Gnade 2003: G. Colonna, M. Gnade, Dolio con iscrizioni latine arcaiche da Satricum, in ArchCl LIV, 2003, pp Cristofani 1982: M. Cristofani, Contatti fra Lazio ed Etruria in età arcaica: documentazione archeologica e testimonianze epigrafiche, in Alle origini del latino, Atti del Convegno della SIG, Pisa 7-8 dicembre 1980, Pisa 1982, pp Cristofani 1990: M. Cristofani, Frammento iscritto dal Campidoglio, in La grande Roma dei Tarquini, catalogo della mostra, Roma 1990, p. 22. Cristofani 1993: M. Cristofani, Le prime iscrizioni latine dell Etruria, in E. Campanile (a cura di), Caratteri e diffusione del latino in età arcaica, Pisa 1993, pp Cristofani 1996: M. Cristofani, Per Regna Maricae, in Due testi dell Italia preromana, QuadAEI 25, Roma 1996, pp D Agostino, Cerchiai 2004: B. D Agostino, L. Cerchiai, I greci nell Etruria campana, in AnnFaina XI, 2004, pp De Simone 1996: C. De Simone, La nuova iscrizione aurunca arcaica e il nome della dea Marīca, in StClOr XLVI, 1, 1996 (1998), pp De Simone 2006: C. De Simone, L iscrizione aurunca del Garigliano: nuove considerazioni critiche, in R. Bombi, G. Cifoletti, F. Fusco, L. Innocente, V. Orioles (a cura di), Studi linguistici in onore di Roberto Gusmani, Alessandria 2006, pp Emmanuel-Rebuffat 1997: D. Emmanuel-Rebuffat, CSE. France, 1, Paris, Musée du Louvre, III, Roma Fortini 2005: P. Fortini, Una nuova iscrizione latina arcaica dal Foro Romano (area del cd. Equus Domitiani), in D. Caiazza (a cura di), Italica ars. Studi in onore di G. Colonna per il premio I Sanniti, Piedimonte Matese 2005, pp Hartmann 2005: M. Hartmann, Die frühlateinischen Inschriften und ihre Datierung, Bremen Mancini 1979: A. Mancini, L iscrizione sulla base di Tivoli CIL I 2, Nuova lettura, in StEtr XLVII, 1979, pp Mancini 2003: M. Mancini, L etimologia del lat. trivia e l iscrizione del Garigliano, in AIONArchStAnt XXV, 2003, pp Mancini 2004: M. Mancini, Latina Antiquissima I: esercizi sulla Fibula Praenestina, in Daidalos 6, 2004, pp Maras 2005: D.F. Maras, L iscrizione di Trivia ed il culto del santuario alla foce del Garigliano, in ArchCl LVI, n.s. 6, 2005, pp Maras 2009: D.F. Maras, Novità sulla diffusione dell alfabeto latino nel Lazio arcaico, in F. Mannino, M. Mannino, D.F. Maras (a cura di), Theodor Mommsen e il Lazio antico. Giornata di Studi in memoria dell illustre storico, epigrafista e giurista (Terracina, Sala Valadier, 3 aprile 2004), Roma 2009, pp Marinetti 1999: A. Marinetti, Le iscrizioni sudpicene, in Piceni. Popolo d Europa, catalogo della mostra, Roma 1999, pp Morandi 2009a: A. Morandi, Su due iscrizioni protoitaliche dal tempo delle Stimmate a Velletri, in Lazio e Sabina. Scoperte, Scavi e Ricerche 5, Atti del Convegno Quinto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina, Roma, 3-5 dicembre 2007, a cura di G. Ghini, Roma 2009, pp

11 Caratteri dell epigrafia latina arcaica del Lazio meridionale 439 Morandi 2009b: A. Morandi, Minturno. Santuario di Marica, iscrizione cosiddetta di Trivia, in Lazio e Sabina. Scoperte, Scavi e Ricerche 5, Atti del Convegno Quinto Incontro di Studi sul Lazio e la Sabina, Roma, 3-5 dicembre 2007, a cura di G. Ghini, Roma 2009, pp Nomen Latinum 1997: Nomen Latinum, Atti del Convegno Internazionale, Roma 1995, Eutopia IV, 1-2, Roma Oriente e Occidente 2005: G. Bartoloni, F. Delpino (a cura di), Oriente e Occidente: metodi e discipline a confronto. Riflessioni sulla cronologia dell età del ferro in Italia, Atti dell Incontro di studi, Roma, ottobre 2003, Mediterranea 1, 2004, Pisa Pandolfini, Prosdocimi 1990: M. Pandolfini, A.L. Prosdocimi, Alfabetari e insegnamento della scrittura in Etruria e nell Italia antica, Firenze Pensabene et alii 2000: P. Pensabene, S. Falzone, F.M. Rossi, S. Valerio, O. Colazingari, Ceramica graffita di età arcaica e repubblicana dall area Sud Ovest del Palatino, in ScAnt X, 2000, pp Pfister-Roesgen 1975: G. Pfister-Roesgen, Die etruskischen Spiegel des 5. Jhs. v. Chr., Frankfurt/M Poccetti, Lazzarini 2001: P. Poccetti, M.L. Lazzarini, L iscrizione paleoitalica da Tortora, in Il mondo enotrio tra VI e V secolo a.c., Atti dei seminari napoletani ( ), Quaderni di Ostraka 1, 2, Napoli Prosdocimi 1979a: A.L. Prosdocimi, Studi sul latino arcaico, in StEtr XLVII, 1979, pp Prosdocimi 1979b: A.L. Prosdocimi, Note e commenti, in REI XLVII, 1979, pp , nn Rocca 1997: G. Rocca, I rapporti del latino con le varietà italiche. Il caso di Satricum, in Nomen Latinum 1997, pp Urbanovà 1999: D. Urbanovà, La paleografia delle iscrizioni latine arcaiche, in Atti XI Congresso Internazionale di Epigrafia Greca e Latina, Roma, settembre 1997, Roma 1999, I, pp Vine 1991: B. Vine, Notes on the Corcolle Altar Fragments (CIL I 2 (4) 2833 a), in Glotta LXIX, 1991, pp Vine 1998: B. Vine, Remarks on the Archaic Latin Garigliano Bowl Inscription, in ZPE 121, 1998, pp Zancani Montuoro 1983: P. Zancani Montuoro, Resti di tombe del VI secolo a.c. presso Sorrento, in RendLinc, s. 8, XXXVIII, 1983, pp

12

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente

Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente Nascita ed evoluzione degli alfabeti e della scrittura in occidente I periodi fondamentali della scrittura corrispondono a tre fasi della sua evoluzione: scrittura delle idee o sintetica, scrittura delle

Dettagli

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c.

Scrittura fenicia. Aramaico VI sec. a. C. Ebraico VI sec. a. C. Fenicio VI sec a.c. Scrittura fenicia Per convenzione, la definizione di scrittura fenicia è riservata alla scrittura alfabetica (consonantica) lineare attestata dal XII sec. a.c. presso i popoli fenici. I caratteri fenici

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE

CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE CONVIVENZE ETNICHE E CONTATTI DI CULTURE Atti del Seminario di Studi Università degli Studi di Milano (23 24 novembre 2009) ARISTONOTHOS Scritti per il Mediterraneo antico Vol. 4 (2012) Convivenze etniche

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E ESPERIENZA PROFESSIONALE 2013 AD OGGI Studio della ceramica comune proveniente dal sito di Campo della Fiera (Orvieto) Direzione Scientifica:

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org

INDIRIZZO: Vicolo S. Agostino, 12 53024, Montalcino (SI) info@etrurianova.org etrurianova@gmail.com www.etrurianova.org CURRICULUM DELL ASSOCIAZIONE ETRURIA NOVA ONLUS DENOMINAZIONE NOME: TIPO DI ATTIVITÀ: CODICE FISCALE: 94173540488 PRESIDENTE: VICEPRESIDENTE: TESORIERE: VICE- SEGRETARIO: Etruria Nova Onlus Tutela, valorizzazione

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli

GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO. Acura di Marco Mengoli GRUPPOARCHEOLOGICO ROMAilO TIPOLOGIE DEIMONUMENTI FUNERARI DI ROMA ANTICA Acura di Marco Mengoli presente si tenterà didescrivere in breve alcune tipologie classiche dei monumentifunerari romani per quanto

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli LA PAROLA SCRITTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Francesco Nota Capita con una certa frequenza di incontrare bambini che sanno leggere e scrivere già alla scuola dell infanzia, scuola che finora si è per

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

Per iniziare, guarda questo breve video:

Per iniziare, guarda questo breve video: Per iniziare, guarda questo breve video: http:///la-carestia-in-somalia.htm Per svolgere le attività proposte, ricava notizie dal tuo libro di geografia e dai seguenti siti: https://it.wikipedia.org/wiki/carestia

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA Roma, 15 gennaio 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL II SEMESTRE 2008 INDICE REPLAT: TRA GIUGNO E DICEMBRE LA DOMANDA RECUPERA IL +5,27% MA IL SETTORE CONTINUA A

Dettagli

SBORNÌK PRACÌ FILOZOFICKÉ FAKULTY BRNÉNSKÉ UNIVERZITY STUDIA MINORA FACULTATIS PHILOSOPHICAE UNIVERSITATIS BRUNENSIS N 2, 1997 DANIELA URBANOVÀ

SBORNÌK PRACÌ FILOZOFICKÉ FAKULTY BRNÉNSKÉ UNIVERZITY STUDIA MINORA FACULTATIS PHILOSOPHICAE UNIVERSITATIS BRUNENSIS N 2, 1997 DANIELA URBANOVÀ SBORNÌK PRACÌ FILOZOFICKÉ FAKULTY BRNÉNSKÉ UNIVERZITY STUDIA MINORA FACULTATIS PHILOSOPHICAE UNIVERSITATIS BRUNENSIS N 2, 1997 DANIELA URBANOVÀ PALEOGRAFIA LATINA In questo contributo vogliamo presentare

Dettagli

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani

La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani La scuola a 40 anni da Lettera a una professoressa dei ragazzi di Barbiana di Don Milani Spunto per uno studio comparativo tra la scuola degli anni 60 e quella di oggi A cura dell OSP di Pisa 1 Premessa

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L.

1999 Attività di catalogazione della ceramica presso il Dipartimento di Archeologia dell Università di Bologna, coordinatrice Prof.ssa M.L. AGOSTINA AUDINO Formazione 2001 Conseguimento della Laurea in Lettere Classiche presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell Università degli Studi di Bologna, relatore Prof. M. Tosi, cattedra di Paletnologia.

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci

INDICE. ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci INDICE PRESENTAZIONE (Sergio Rinaldi Tufi) pag. V INTRODUZIONE (Francesca Ceri)» 1 ETRURIA MERIDIONALE di Francesca Ceci I. AMBIENTE E PAESAGGIO» 11 La natura del suolo» 12 Idrografia» 18 La costa» 23

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

La problematica della gestione e casi applicativi

La problematica della gestione e casi applicativi La problematica della gestione e casi applicativi R. Gori e R. Francalanci (ARPA Toscana) 1 Introduzione La gestione delle terre e rocce da scavo rappresenta un problema significativo in Toscana ed in

Dettagli

GIULIO M. FACCHETTI NOTE PRELIMINARI SUL MASSO DI CASTEGNERO (VICENZA)

GIULIO M. FACCHETTI NOTE PRELIMINARI SUL MASSO DI CASTEGNERO (VICENZA) GIULIO M. FACCHETTI NOTE PRELIMINARI SUL MASSO DI CASTEGNERO (VICENZA) Caratteristiche del masso e circostanze del ritrovamento Il masso iscritto di Castagnero mi è stato segnalato, tramite la casa editrice

Dettagli

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566

La pianta incisa da S. Duperac e data alle stampe dal Lafrery nel 1566 napoli la tavola strozzi illustra il trionfo navale di Ferrante d Aragona del 1464 restituendo una immagine frontale della città da Castel dell Ovo sino al baluardo del Carmine La pianta incisa da S. Duperac

Dettagli

Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale

Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale Giancarlo Locarno - Le Muse a Orologeria: The Clockwork Muse di Colin Martindale Ho scoperto questo libro da una segnalazione apparsa qualche anno fa sul blog di Davide Castiglione, l argomento è inconsueto

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia.

GIUSEPPE PROIETTI. 1974/1977: Direttore del Museo Nazionale e degli Scavi di Tarquinia. GIUSEPPE PROIETTI Nato a Tivoli (RM) il 28/IX/1945. Laureato in lettere classiche, Indirizzo Archeologico, con il voto di 110/110, presso l Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Scuola di Specializzazione

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

LE ISCRIZIONI IN ALFABETO LEPONZIO DALLA NECROPOLI DI CASALANDRI (ISOLA RIZZA -VR-)

LE ISCRIZIONI IN ALFABETO LEPONZIO DALLA NECROPOLI DI CASALANDRI (ISOLA RIZZA -VR-) Patrizia Solinas 143 LE ISCRIZIONI IN ALFABETO LEPONZIO DALLA NECROPOLI DI CASALANDRI (ISOLA RIZZA -VR-) Patrizia Solinas Su alcuni oggetti provenienti dalla necropoli di Casalandri di Isola Rizza (VR)

Dettagli

ISCRIZIONI CON SILLABE RIPETUTE: UN INEDITO DA TARQUINIA

ISCRIZIONI CON SILLABE RIPETUTE: UN INEDITO DA TARQUINIA ISCRIZIONI CON SILLABE RIPETUTE: UN INEDITO DA TARQUINIA 77 ISCRIZIONI CON SILLABE RIPETUTE: UN INEDITO DA TARQUINIA L inedito tarquiniese, che presento grazie alla cortesia di Antonio Sartori, è un iscrizione

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

Sparta sive Lacedemone

Sparta sive Lacedemone Sparta sive Lacedemone 1 Situata nel Peloponneso, in una valle alluvionale creata dal fiume Eurota, è circondata da monti, tra cui il massiccio del Taigeto a ovest e il Parnone a est Fiume Eurota Monte

Dettagli

COPERTURA DELLA RILEVAZIONE

COPERTURA DELLA RILEVAZIONE L universo di riferimento del conto annuale è quello definito dall art. 1, comma 2, del d.lgs. 165/2001, che individua le tipologie di amministrazioni pubbliche destinatarie delle norme generali sull'ordinamento

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno

Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno 203 IBL Focus Turismo in Italia: meno tasse, non tasse di soggiorno Di Andrea Giuricin L Italia è sempre stata una potenza nel campo del turismo. Lo si dice spesso, ma purtroppo ciò trova sempre meno riscontro

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate

Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Università degli Studi di Bari Dipartimento di Lettere, Lingue Arti. Italianistica e Letterature Comparate Corso di Laurea in Lettere curricula: Letteratura dell età moderna e contemporanea, cultura teatrale

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione)

COMUNE DI COMO. I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004. (1 Edizione) COMUNE DI COMO I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004 (1 Edizione) Settore Statistica - Agosto 2007 I MATRIMONI NEL COMUNE DI COMO Presentazione dei dati dal 2000 al 2004

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

LISTA OPERE. I Santuari e gli Dei. Testa colossale di Ercole h.60 cm Roma, Musei Capitolini

LISTA OPERE. I Santuari e gli Dei. Testa colossale di Ercole h.60 cm Roma, Musei Capitolini LISTA OPERE I Santuari e gli Dei Testa colossale di Ercole h.60 cm Testa colossale femminile h. 97 cm (con la base), Palazzo Nuovo, Corridoio Testa colossale maschile (Apollo) h. 80 cm, Palazzo Nuovo,

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Catalogo 2013. Collezione opere in DVD. url: www.edizionitsm.it

Catalogo 2013. Collezione opere in DVD. url: www.edizionitsm.it Catalogo 2013 Collezione opere in DVD nasce nel marzo 2007 con l obiettivo di realizzare un ambizioso progetto multimediale in sinergia con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale

Dettagli

Anguillara Sabazia (Roma) - località Campo la Noce. Una fattoria nell ager Veientanus

Anguillara Sabazia (Roma) - località Campo la Noce. Una fattoria nell ager Veientanus The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE

LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE LE SUCCESSIONI 1. COS E UNA SUCCESSIONE La sequenza costituisce un esempio di SUCCESSIONE. Ecco un altro esempio di successione: Una successione è dunque una sequenza infinita di numeri reali (ma potrebbe

Dettagli

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti

Analisi Fabbisogni Formativi Aziende ed Utenti MASTER FORMAZIONE S.r.l. Sede legale : Via Panaro, 16 0015 MONTEROTONDO (RM) Sede Direzione : Via Petrarca, 5 57023 CECINA (LI) Tel. 0586 632282 - Fax 0586 681865 Cecina, 6 Maggio 2010 Analisi Fabbisogni

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA

GRUPPO DI LAVORO DI PARMA ATTIVITÀ DI ANALISI QUESITI INVALSI GRUPPO DI LAVORO DI PARMA Coordinamento prof. P. VIGHI ANALISI QUESITI RELATIVI A: FASCICOLO somministrato nella 2^ classe PRIMARIA a.s. 2013-2014 FASCICOLO somministrato

Dettagli

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI

7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI 7 MAGGIO 2009 ALA ASSOARCHITETTI PERNOTTAMENTO IN HOTEL 3 STELLE SUPERIOR L'Hotel si trova in centro, nella zona di Piazza Fiume e Via Salaria, a dieci minuti a piedi da Via Veneto e Villa Borghese. I

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

I contenitori da cantina e da trasporto

I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore Caratteristiche generali Area di produzione Cronologia Note Amphora: unità di misura di capacità pari a ca. 26 litri Contenitori/solidi di rotazione

Dettagli

Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO

Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO Federazione fra le Società Filateliche Italiane Valter Astolfi COME IMPOSTARE UNA COLLEZIONE SULLA STORIA POSTALE DI UN TERRITORIO Seminario di filatelia tradizionale e storia postale Federazione fra le

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli